TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE"

Transcript

1 TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE Le trasformazioni termodinamiche sono le modificazioni della materia di natura chimica o fisica, reversibili o irreversibili, prodotte da una variazione di temperatura. Le trasformazioni termodinamiche occupano un ruolo centrale nella scienza dei materiali. La quasi totalità dei metalli e delle leghe è prodotta per fusione e solidificazione. Le proprietà dei metalli vengono modificate attraverso dei trattamenti termici. La produzione di leghe magnetiche si riduce sostanzialmente ad una successione di trattamenti termici spesso alternati a trattamenti meccanici, e così via. 94

2 Le trasformazioni termodinamiche vengono presentate sotto forma di diagrammi termodinamici come: - diagrammi di fase all equilibrio - diagrammi delle trasformazioni di fase I diagrammi di fase all equilibrio, o diagrammi di stato, danno la possibilità di individuare i campi di concentrazione e temperatura (supponendo la pressione costante) nei quali è stabile una certa fase. Nel caso di sistemi metallici binari, nella grande maggioranza dei casi, allo stato liquido si verifica una completa miscibilità dei componenti della lega e, pertanto, si ha solidificazione partendo da una miscela fusa omogenea. Tali diagrammi, costruiti sulla base di risultati sperimentali, indicano per ogni composizione della lega, corrispondente a determinate concentrazioni dei suoi costituenti: - la temperatura di completa fusione della lega (o temperatura di inizio solidificazione) - l ampiezza dell intervallo di solidificazione, cioè la temperatura di fine solidificazione (o temperatura di inizio fusione) 95

3 - i vari campi nei quali si può suddividere il diagramma, ad ognuno dei quali corrisponde una particolare struttura della lega, conseguente ad un particolare modo di raggrupparsi dei suoi costituenti. 96

4 Definizioni: Viene chiamato sistema il complesso costituito dal materiale in esame e dall ambiente con il quale esso interagisce. Fase di un sistema è una parte di esso nella quale la composizione (natura e concentrazione delle specie atomiche presenti) e la struttura (distribuzione spaziale delle specie atomiche) sono costanti o variano con continuità. Una fase risulta separata dal sistema da superfici definite, lungo le quali la composizione e la struttura presentano variazioni discontinue. I tre stati della materia - gas, liquido e solido - costituiscono gli esempi più semplici di fasi nel caso di sostanze pure. Tuttavia, una singola fase non necessariamente corrisponde ad uno stato, come mostrato in tabella dal polimorfismo del ferro. Tabella 1 - Fasi del ferro allo stato solido Temperatura ( C) Struttura Cristallina Fase CCC α CFC γ * CCC δ * Temperatura di fusione 97

5 Sebbene l acqua e l alcol siano miscibili in tutte le proporzioni, come lo sono il rame ed il nichel (soluzione solida), una miscela di acqua ed olio forma un emulsione, cioè una dispersione di piccolissime goccioline di olio in acqua corrispondente all esistenza di due fasi nello stesso liquido. Un fenomeno analogo avviene nello stato solido, quando ad esempio, viene superata nel ferro la solubilità del carbonio, o di altre impurezze in esso contenute, ad una determinata temperatura. Si dice allora che una fase precipita in un altra. Anche i polimeri rinforzati con fibra di vetro o polvere di silice od altri componenti ad essi aggiunti forniscono un esempio di materiali con diverse fasi. 98

6 Il concetto di equilibrio: Un sistema è in equilibrio chimico-fisico quando i suoi costituenti, dall istante in cui il sistema viene preso in esame, non cambiano né di stato fisico né di stato chimico, e le proporzioni che collegano questi costituenti al sistema stesso rimangono invariate. Si intende un equilibrio stabile quando è valido il principio di Le Chatelier: Se in un sistema in equilibrio viene variato il valore di uno dei parametri che regolano l equilibrio, il sistema reagisce variando gli altri parametri in modo tale da mantenere inalterato il preesistente stato di equilibrio. L equilibrio dei sistemi omogenei, nei quali tutti i componenti si trovano in uno stesso stato fisico, viene regolato principalmente dalla legge di azione di massa. 99

7 Lo studio dell equilibrio di sistemi eterogenei, invece, si basa fondamentalmente sulla regola delle fasi di Gibbs: n f x (1) Dove: ν = varianza f = numero fasi simultaneamente presenti n = numero dei componenti del sistema x = numero delle variabili fisiche (pressione e temperatura) Se, come spesso accade, la pressione viene mantenuta costante la regola delle fasi può essere scritta: n f 1 (2) La varianza ν di un sistema è il numero delle variabili (pressione, temperatura, o concentrazione) che possono variare in un certo campo indipendentemente dalle altre senza che cambi il numero delle fasi presenti nel sistema. Il numero di gradi di libertà del sistema è un altro modo di esprimere la varianza. Il numero di componenti del sistema n è il numero minimo di costituenti chimici distinti la cui concentrazione deve essere nota per definire la composizione di ciascuna fase. 100

8 DIAGRAMMI DI FASE ALL EQUILIBRIO Un diagramma di fase all equilibrio, o più semplicemente un diagramma di equilibrio, è un diagramma che descrive lo stato al quale il sistema tende in funzione dei valori delle variabili considerate. Il diagramma di equilibrio non dà alcuna informazione sul tempo necessario per raggiungere l equilibrio. Quando il sistema ha un solo componente e le variabili sono, ad esempio, pressione e temperatura, il diagramma di equilibrio viene rappresentato in due dimensioni. Con due componenti il diagramma sarà rappresentato in tre dimensioni. Allo scopo di mantenere una rappresentazione bidimensionale, che è molto più pratica, la pressione può essere assunta come parametro costante nel diagramma rappresentato. La temperatura viene allora riportata sull asse delle ordinate ed il rapporto fra le quantità dei due componenti sull asse delle ascisse. Questo diagramma, chiamato diagramma binario (a due componenti), ha una particolare importanza. 101

9 102

10 I sistemi a più componenti vengono spesso descritti con una serie di diagrammi binari nei quali le variabili non rappresentate vengono assunte come parametri costanti nel diagramma. Il diagramma binario fornisce le seguenti informazioni: il numero delle fasi presenti la composizione di ciascuna fase la frazione di ciascun componente presente in ciascuna fase 103

11 Curve di raffreddamento La curva di raffreddamento di un sistema descrive l andamento della temperatura in funzione del tempo durante un processo di raffreddamento, dallo stato liquido allo stato solido, sufficientemente lento da poter considerare ad ogni istante la temperatura costante in ogni punto del sistema. Queste curve sono usate per costruire i diagrammi di equilibrio. Su di esse si rilevano le temperature di trasformazione, che sono rappresentate da punti singolari (generalmente cuspidi) in corrispondenza di improvvise variazioni di temperatura. 104

12 Nei sistemi ad un solo componente (monometallici) la curva di raffreddamento può assumere tre aspetti diversi secondo che si abbia (fig.1): (a) solo un cambiamento di stato fisico (b) anche una trasformazione allotropica (c) sottoraffreddamento. Nel caso classico che si manifesti solo un cambiamento di stato fisico alla temperatura di equilibrio T 0 S, la temperatura dapprima decresce esponenzialmente nel tratto 1-2 (fig. 1(a)) con pendenza definita dal calore specifico del metallo fuso e dalla sua massa. Successivamente, nel tratto 2-3 la temperatura rimane 0 costante e pari alla temperatura di equilibrio T S del cambiamento di stato liquido-solido per tutto il tempo necessario al completamento della trasformazione stessa. Infine, nel tratto 3-4 la temperatura diminuisce di nuovo esponenzialmente con pendenza definita dal calore specifico del metallo solido. 105

13 Con la regola delle fasi (2) (p = costante), si ha: tratto 1-2: n = 1, f = 1, ν = 1, sist. monovariante (T varia) tratto 2-3: n = 1, f = 2, ν = 0, sist. invariante (T = cost.) tratto 3-4: n = 1, f = 1, ν = 1, sist. monovariante (T varia) Una varianza nulla (ν = 0) significa che la trasformazione avviene a temperatura costante, perché il calore che si sottrae dall esterno uguaglia quello emesso dalla massa che diventa solida (calore latente di solidificazione). Nel caso in cui, dopo il cambiamento di stato fisico, si manifesti una trasformazione allotropica (fig.1(b)) alla 0 temperatura T ta, per quest ultima tutto procede in perfetta analogia al cambiamento di stato fisico. La trasformazione allotropica non è altro che una modificazione del reticolo cristallino: durante tale trasformazione si hanno due fasi che si differenziano per il reticolo cristallino, quindi il sistema risulta invariante. Lo studio dell analisi termica dei sistemi a due componenti lasciati raffreddare lentamente dallo stato fuso, permette di stabilire l andamento dei diagrammi di stato o di equilibrio di tali sistemi binari. 106

14 In questo caso, tuttavia, non si può più fare riferimento ad un unico schema di curva di raffreddamento, ma è necessario distinguere vari casi secondo che i due componenti cristallizzino separatamente oppure siano parzialmente o totalmente miscibili allo stato solido oltre che allo stato liquido. 107

15 Diagramma di fase binario elementare Il diagramma di fase binario elementare è il diagramma di equilibrio corrispondente al caso in cui i due componenti A e B siano miscibili in tutte le proporzioni sia allo stato solido che allo stato liquido. La forma di questo diagramma può essere dedotta dalle curve di raffreddamento di A, di B e delle miscele A+B, mostrate in fig.2, dove T rappresenta la temperatura e t il tempo. Ciascuno dei diagrammi della fig.2 può essere considerato come una sezione trasversale del diagramma tridimensionale mostrato in fig.3. La regola delle fasi consente la seguente interpretazione della fig.2. Nel caso della fig.2(a), esiste un solo componente (n = 1) ed è del tutto analogo al caso di fig.1a. Nell istante che precede il tempo t ' 1, una sola fase, quella liquida, è presente (f = 1), e perciò esiste un solo grado di libertà (ν = 1). Di conseguenza, la temperatura può variare entro certi limiti senza modificare il numero delle fasi presenti. 108

16 ' " Nell intervallo t1 t t1 risulta f = 2 da cui si deduce ν= 0, ciò significa che, per tutto il tempo che le fasi liquida e solida coesistono, la temperatura si mantiene costante. Durante questo intervallo di tempo, il sistema cede il calore latente di fusione di A. " Non appena t t 1, il sistema risulta completamente solido (f = 1) e la temperatura può continuare a diminuire. Il caso della fig.2(e) è del tutto simile. 109

17 Il caso delle Figure 2(b), (c) e (d) si differenzia da quello ' " delle Figure 2(a) ed (e) principalmente quando t t. 1 t1 In questi intervalli di tempo risulta f = 2, ma, dal momento che anche n = 2, dalla regola delle fasi (2) si ottiene ν = 1. Perciò, la temperatura del sistema continua a diminuire durante l intervallo di solidificazione. 110

18 Immaginando di realizzare una curva di raffreddamento per ogni valore di concentrazione A-B, si può pensare di realizzare il diagramma tridimensionale di fig. 3 nel quale, il terzo asse rappresenta la frazione molare (o in peso) del componente B. 111

19 Il diagramma di fase binario vero e proprio viene ottenuto " diagrammando i punti T i e T i per tutte le curve di raffreddamento in funzione della composizione del sistema espressa in termini di frazione in peso X di B (fig.4). 112

20 I luoghi geometrici dei punti T i e T " i sono rispettivamente chiamati curva di liquidus e curva di solidus. La fig.4 corrisponde alla rappresentazione che si otterrebbe per il diagramma tridimensionale di fig.3 osservandolo da un punto situato all infinito sull asse t. Per un sistema di composizione X 0, il diagramma binario fornisce le seguenti informazioni: alla temperatura T a, il sistema è completamente liquido alla temperatura T b, nella fase liquida di composizione X 0 appare una fase solida di composizione X si, più ricca in B rispetto alla fase liquida alla temperatura T c, una fase liquida di composizione X l ed una fase solida di composizione X s coesistono alla temperatura T d, le ultime tracce della fase liquida di composizione X lf solidificano nella fase solida di composizione X 0 alla temperatura T e, il sistema è completamente solido 113

21 Pertanto, la curva di liquidus fornisce la correlazione fra composizione e temperatura della fase liquida in equilibrio con la fase solida. Analogamente, la curva di solidus fornisce la correlazione fra composizione e temperatura della fase solida in equilibrio con la fase liquida. 114

22 La regola della leva Il diagramma di fase binario consente di calcolare la quantità di materia presente in ciascuna fase. Siano M la massa totale del sistema, M L la massa della fase liquida e M S la massa della fase solida. Per un sistema di composizione X 0, ad una qualsiasi temperatura T i compresa nell intervallo di solidificazione, si può scrivere il seguente bilancio di massa rispetto a B: X 0M XLML XSMS (5) Essendo M ML MS MS M ML (6) X 0M M X M M X si ottiene: L L L S da cui: M L X X S S X X 0 L M (9) La massa di fase liquida è proporzionale al segmento X S -X

23 Con un procedimento analogo si ottiene: M S X X 0 S X X L L M La massa di fase solida è proporzionale al segmento X 0 -X L 116

24 Diagramma binario con eutettico Accade frequentemente che due componenti miscibili allo stato liquido abbiano una solubilità limitata allo stato solido. Il caso più comune è quello di una trasformazione eutettica (fig.5). Una trasformazione eutettica è una trasformazione isoterma durante la quale una fase liquida viene simultaneamente trasformata in due differenti fasi solide: L α β Sia α la fase solida del componente A contenente una quantità di B inferiore alla solubilità limite di B in A (soluzione solida di B in A). Analogamente, sia β la fase solida del componente B contenente una certa quantità A in soluzione solida. 117

25 Nel diagramma si possono individuare: due archi di curva del liquido che si intersecano nel punto eutettico, che definisce la temperatura eutettica T e e la composizione eutettica X e due archi di curva del solido situati rispettivamente fra le temperature di fusione di A puro e B puro, e la temperatura eutettica T e due archi di curva di solubilità (solvus). Solvus è il nome dato alla correlazione fra composizione e temperatura di una fase solida in equilibrio con un altra fase solida. Quando una miscela di composizione X 0 viene raffreddata a partire da una temperatura T a, si ottiene la seguente successione di stadi di equilibrio: alla temperatura T b, appare la fase α di composizione X α1 alla temperatura T c, la fase α di composizione X α coesiste con la fase liquida di composizione X l : il sistema ha un grado di libertà alla temperatura T e, appare la fase β: la presenza simultanea di tre fasi (liquido, α e β) rende il sistema invariante in base alla regola delle fasi (2). La solidificazione della fase 118

26 liquida residua avviene a temperatura costante e, durante questa trasformazione, si depositano contemporaneamente cristalli di α e di β, che solidificano in un intima miscela eterogenea, chiamata miscela eutettica, di piccole particelle di ciascuna delle due fasi, di composizione X αe e X βe rispettivamente alla temperatura T f, esistono solo le fasi α e β, di composizione X α2 e X β2 rispettivamente per ulteriori diminuzioni di temperatura, X α diminuisce, mentre X β cresce, poiché le solubilità di B in α e di A in β diminuiscono. 119

27 120

28 Nel diagramma in fig.5 si possono osservare, alla temperatura T f, le frazioni in massa di B in β in equilibrio con α e di B in α in equilibrio con β, individuate dalle rispettive curve di solubilità (solvus). La struttura del materiale nello stato solido dipende dalla composizione X 0. Se X 0 < X e, la prima fase solida ad apparire durante il raffreddamento è la fase α. Quando la temperatura eutettica T e viene raggiunta, l accrescimento dei grani cristallini di α risulta interrotto e, per T < T e, tali grani vengono incapsulati nella miscela eutettica (fig.6(a)). Se X 0 > X e, avviene lo stesso fenomeno per la fase β (fig.6(c)). Infine, se X 0 = X e, la fase solida è costituita solamente dalla miscela eutettica (fig.6(b)), che solidifica a temperatura costante come una sostanza pura (costituita da un solo componente). 121

29 122

30 Nella pratica, i diagrammi di stato a due componenti possono avere altre trasformazione caratterizzate dalla presenza contemporanea di tre fasi. Le più comuni sono: Trasformazione Peritettica: L Trasformazione Eutettoidica: Anche queste trasformazioni sono zerovarianti. 123

31 Esempio del sistema ferro-carbonio (o Fe-Fe 3 C) Nel sistema Fe-C, il carbonio è presente all equilibrio sotto forma di grafite. Tuttavia, in condizioni normali di raffreddamento (p.es. raffreddamento naturale all aria), non si forma grafite ma carburo di ferro, Fe 3 C un composto metastabile la cui cinetica di decomposizione è molto lenta (impiega parecchi milioni di anni per trasformarsi in ferro e grafite). Per questo motivo ci si può riferire al diagramma di equilibrio Fe-Fe 3 C (fig.8). Oltre alla fase liquida L, il diagramma Fe-Fe 3 C coinvolge le tre fasi del ferro: α, γ e δ, ed il carburo di ferro (cementite). A 1495 C e per un ristretto campo di concentrazioni X c, avviene una trasformazione peritettica corrispondente ad una delle seguenti reazioni: L + Feδ Feγ + Feδ per X c < 0.2 % L + Feδ L + Feδ per X c > 0.2 % L + Feδ Feγ per X c = 0.2 % 124

32 A 1148 C e per X c > 0.2 %, avviene una trasformazione eutettica, con composizione della miscela eutettica X c = A 727 C, avviene una trasformazione eutettoide che coinvolge una delle tre seguenti trasformazioni: Feα + Feγ Feα + Fe 3 C per X c < 0.76 % Feγ + Fe 3 C Feα + Fe 3 C per X c > 0.76 % Feγ Feα + Fe 3 C per X c = 0.76 % Queste trasformazioni sono fondamentali nel trattamento termico degli acciai. La composizione X c = 0.76 % corrisponde alla miscela eutettoide. 125

33 La microstruttura degli acciai eutettoidi (0.76 % di C), è costituita da un alternanza di lamelle delle due fasi (α e Fe 3 C) che si formano simultaneamente nel corso della trasformazione. Questa microstruttura è chiamata perlite. 126

34 perlite (composizione eutettoidica) Acciaio ipoeutettoidico 127

35 Acciaio ipereutettoidico 128

36 Trasformazioni di fase Le trasformazioni di fase iniziano con la formazione di un grande numero di particelle finissime della nuova fase (nucleazione), che crescono in seguito fino a trasformazione completa. Con la formazione della nuova fase, l energia libera diminuisce (favorendo il fenomeno) ma la presenza di un interfaccia di separazione tra le fasi, il non perfetto ordinamento degli atomi alla superficie di separazione, i legami non ancora formati e le deformazioni elastiche e plastiche la fanno aumentare. L accrescimento delle nuove particelle dipende quindi dal rapporto tra area superficiale e volume; ovvero esiste una dimensione critica al di sotto della quale esse si ridisciolgono (embrioni) ed al di sopra della quale crescono (nuclei). Alla dimensione critica l energia libera di una particella è massima: tale energia è la barriera da superare nella cinetica della nucleazione. 129

37 Una trasformazione di fase inizia, quindi, su scala submicroscopica: dapprima si formano i nuclei della nuova fase, con dimensioni dell ordine di poche centinaia di atomi, ed in seguito i nuclei crescono fino a che la trasformazione è completa. I due principali stadi sono così la nucleazione e l accrescimento, che in molti casi possono essere a loro volta suddivisi in ulteriori stadi. Ogni stadio ha una propria energia di attivazione: di solito uno di essi procede più lentamente degli altri e limita la velocità globale del processo. La nucleazione può essere omogenea o eterogenea. 130

38 Nucleazione omogenea Si consideri, la solidificazione di un metallo puro. Si supponga, inoltre, che i nuclei abbiano forma sferica, anche se le conclusioni del procedimento saranno valide per nuclei di forma qualsiasi. Se si abbassa bruscamente la temperatura del sistema al di sotto del punto di fusione, la fase liquida diverrà instabile ed apparirà una zona di materiale solidificato, la nuova fase stabile. La termodinamica prevede che alla stabilità della zona solida contribuisce una diminuzione di energia libera legata al volume del nucleo in formazione: ΔG v 4 3 πr 3 Δg v Tuttavia la zona solida è limitata da una superficie, e tale superficie possiede un energia libera positiva G s = 4πr 2 γ dove γ è l energia libera per unità di superficie dell interfaccia tra il nucleo e la fase liquida. 131

39 La variazione totale di energia libera per una particella sferica di raggio r risulterà: ΔG ΔG s ΔG v 4πr 2 γ 4 πr 3 3 Δg v Le particelle di raggio minore di r * tenderanno a ridisciogliersi, diminuendo così la loro energia libera, mentre le particelle di raggio maggiore di r * diminuiranno la loro energia libera aumentando le proprie dimensioni. 132

40 Le particelle subcritiche (r < r * ) sono chiamate embrioni e quelle con raggio maggiore di r * sono chiamate nuclei. r * 2γ Δg v ΔG * 3 16πγ Δg 2 V 3 La velocità di nucleazione sarà ovviamente determinata dal valore G * che a sua volta dipende dalla temperatura ovvero dal grado di sottoraffreddamento (differenza fra la temperatura di equilibrio e quella a cui inizia effettivamente la solidificazione del liquido). Con semplici passaggi si dimostra che il raggio critico è: r * 2γTm ΔH ΔT f T m = temperatura di fusione H f = calore latente (entalpia) di fusione T = il sottoraffreddamento. 133

41 134

42 135

43 Diffusione La diffusione è il meccanismo mediante il quale è possibile realizzare il trasporto di materia attraverso i solidi. Tende ad annullare i gradienti di concentrazione. È attivata dall energia termica. Nella maggior parte dei solidi gli atomi sono legati alle loro posizioni di equilibrio. L innalzamento della temperatura provoca l aumento delle vibrazioni degli atomi nelle loro posizioni di equilibrio e l aumento della concentrazione delle vacanze e dei difetti cristallini. Questo fa in modo che una certa percentuale di atomi possa mettersi in moto attraverso il reticolo cristallino, con due meccanismi a seconda che prevalga la migrazione attraverso le vacanze o quella attraverso gli interstizi. 136

44 137

45 Leggi di Fick La diffusione è governata dalle due leggi di Fick È un processo termodinamicamente spontaneo e come tale avviene con una diminuzione dell energia libera e un aumento di entropia (processo irreversibile). Una specie A diffonde per un tratto ΔX da una concentrazione C s ad una (minore ) C x. Il flusso di materia in queste condizioni è dato da: dc J x D I a legge di Fick dx dove D è il coefficiente di diffusione o diffusività. 138

46 Nel caso in cui la concentrazione della specie diffondente vari nel tempo siamo in presenza di uno stato transitorio ed il gradiente dc dxed il flusso J x variano nel tempo. In questo caso vale la II a legge di Fick: dcx d dcx D (1) dt dx dx 139

47 Nel caso più generale la concentrazione della specie diffondente C x varia al variare della distanza x, del tempo t e della diffusività D. Se D non dipende dalla concentrazione della specie diffondente (C x bassa) l equazione può essere semplificata: dc dt x 2 d C D dx x 2 (2) Si dimostra inoltre che in coefficiente di diffusione dipende dalla temperatura secondo una funzione del tipo Arrhenius: D Ea D0 exp (3) kt dove D 0 è il coefficiente a temperatura infinita e E a l energia di attivazione che dipende dal meccanismo interstiziale ( ev) o di vacanze (3 5 ev). 140

48 141

49 Diagrammi di trasformazione isoterma Le trasformazioni allo stato solido non avvengono istantaneamente, in quanto in molti casi è necessaria una ridistribuzione degli atomi per formare un nuovo reticolo cristallino. Esistono parecchi modi di introdurre il parametro tempo. Il più semplice corrisponde al diagramma di trasformazione isoterma. Questo, per una data trasformazione a temperatura costante, viene ottenuto diagrammando in funzione del tempo la frazione della nuova fase formata. In pratica, questo diagramma viene costruito analizzando un numero sufficiente di campioni portati contemporaneamente alla temperatura costante prefissata per la trasformazione. Durante la trasformazione, vengono estratti in successione, dopo determinati intervalli di tempo, campioni nei quali la trasformazione viene bloccata, generalmente mediante raffreddamento istantaneo. Si osserva poi l entità della trasformazione avvenuta dopo ciascun tempo, corrispondente a ciascuno dei campioni estratti. 142

50 143

51 Diagrammi TTT Conoscendo le isoterme di trasformazione, si possono calcolare le curve di trasformazione delle fasi in funzione del tempo e della temperatura (TTT). Queste curve forniscono il tempo necessario per raggiungere, ad una data temperatura, un determinato tasso di trasformazione. I diagrammi riportano le curve di inizio (zero o 1%) e fine (99 o 100%) trasformazione. 144

52 Le curve del tempo di trasformazione passano per un minimo (t min ) ad una temperatura posta tra quella di trasformazione termodinamica (T e prevista dal diagramma di stato) e 0 K. Con riferimento alla figura, si scelga una temperatura T 1 < T e. Dopo un raffreddamento rapido del materiale da T > T e a T 1 si mantiene il materiale a temperatura costante (T 1 ) e la trasformazione inizia al tempo t = t d per arrestarsi al tempo t f. Esempi tipici di trasformazioni solido-solido che possono essere rappresentate mediante l uso dei diagrammi TTT sono le trasformazioni degli acciai. Si consideri per esempio la reazione eutettoide del diagramma Fe-C: γ Raffreddamento Riscaldamento α Fe 3 C La perlite è il prodotto microstrutturale di questa trasformazione, di cui in figura è mostrata la relativa curva TTT. 145

53 Successivamente al raffreddamento rappresentato dal tratto AB, la trasformazione avviene nel tratto BCD. La trasformazione da austenite a perlite inizia al punto C e si completa in 15 s, in corrispondenza del punto D. La figura riporta anche le microstrutture che si vengono a formare con il progredire della reazione. Lo spessore delle lamine dipende dalla temperatura a cui avviene. 146

54 A temperature di poco inferiori alla temperatura eutettoide, si produce una perlite grossolana. Al diminuire della temperatura la microstruttura diventa più sottile. Quando le leghe Fe-C, una volta portate in fase austenitica, vengono raffreddate rapidamente (temprate) fino ad una temperatura prossima a quella ambiente, si forma un altro microcostituente, o fase, detto martensite. La martensite è una struttura monofasica di non equilibrio che risulta dalla trasformazione senza diffusione dell austenite. Il raffreddamento è talmente veloce da non dare il tempo al carbonio di uscire dal reticolo cristallino nel quale rimane intrappolato, formando una soluzione solida interstiziale sovrassatura di carbonio in ferro-α. La sua struttura cristallina è una tetragonale corpo centrato, in pratica una ccc nella quale una dimensione è stata allungata, nella quale gli atomi di carbonio sono intrappolati come impurezze interstiziali. La trasformazione martensitica avviene senza diffusione di atomi di carbonio all interno della matrice austenitica e quindi avviene in modo praticamente istantaneo (alla velocità del suono). 147

55 Per questo motivo la trasformazione martensitica è in pratica indipendente dal tempo (retta orizzontale sul diagramma TTT). Infine se un acciaio eutettoidico viene raffreddato velocemente fino a ºC si ottiene una microstruttura eutettoidica non-lamellare intermedia tra la perlite e la martensite detta bainite. 148

56 149

57 150

NOTA TECNICA : Metallurgia di base degli acciai speciali da costruzione

NOTA TECNICA : Metallurgia di base degli acciai speciali da costruzione NOTA TECNICA : Metallurgia di base degli acciai speciali da costruzione Indice : 1. INTRODUZIONE p. 1 2. FASI e COSTITUENTI STRUTTURALI p. 3 3. PUNTI CRITICI p. 4 4. TRATTAMENTI TERMICI MASSIVI p. 5 0

Dettagli

Trattamenti termici dei metalli

Trattamenti termici dei metalli Trattamenti termici dei metalli TRATTAMENTI TERMICI Trasformazioni di fase: termodinamica vs cinetica Trattamenti che portano le leghe verso le condizioni di equilibrio (es: ricottura) Trattamenti che

Dettagli

LEGHE FERRO - CARBONIO

LEGHE FERRO - CARBONIO LEGHE FERRO - CARBONIO Le leghe binarie ferro-carbonio comprendono gli acciai ordinari e le ghise. Come già studiato gli acciai hanno percentuale di carbonio tra 0,008 e 2,06, le ghise tra 2,06 e 6,67.

Dettagli

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino. Diagrammi di stato

Tecnologia Meccanica prof. Luigi Carrino. Diagrammi di stato Diagrammi di stato Introduzione Fase: regione in un materiale che è diversa per struttura e funzione da altre regioni. Diagramma di stato: rappresenta le fasi presenti nel metallo in diverse condizioni

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI 1. TEMPRA La tempra diretta: TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI - Aumenta la durezza degli acciai - Conferisce agli acciai la struttura denominata MARTENSITE (soluzione solida interstiziale sovrassatura

Dettagli

3.6 DIAGRAMMI DI TRASFORMAZIONE CON RAFFREDDAMENTO CONTINUO

3.6 DIAGRAMMI DI TRASFORMAZIONE CON RAFFREDDAMENTO CONTINUO 3.6 DIAGRAMMI DI TRASFORMAZIONE CON RAFFREDDAMENTO CONTINUO I trattamenti termici isotermi non sono i più pratici da effettuare, infatti essi prevedono che una lega debba essere raffreddata rapidamente

Dettagli

AUTODIFFUSIONE Autodiffusione

AUTODIFFUSIONE Autodiffusione DIFFUSIONE ATOMICA La diffusione è un processo importante che influenza il comportamento di un materiale alle alte temperature (creep, trattamenti termici superficiali, tempra chimica del vetro, ricristallizzazione,

Dettagli

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X ESERCITAZIONI DI CHIMICA FISICA A.A 2010/2011 I MODULO 6 crediti (Anna Corrias) Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X Analisi Termica Cenni teorici Descrizione esperienze di laboratorio

Dettagli

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA ITST J.F. KENNEDY - PN Disciplina: TECNOLOGIA MECCANICA Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA A cura di Prof. Antonio Screti LA COSTITUZIONE DELLA MATERIA CARATTERISTICHE DEI MATERIALI METALLICI Le caratteristiche

Dettagli

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione Abbiamo visto che i composti organici e le loro reazioni possono essere suddivisi in categorie omogenee. Per ottenere la massima razionalizzazione

Dettagli

5. FLUIDI TERMODINAMICI

5. FLUIDI TERMODINAMICI 5. FLUIDI TERMODINAMICI 5.1 Introduzione Un sistema termodinamico è in genere rappresentato da una quantità di una determinata materia della quale siano definibili le proprietà termodinamiche. Se tali

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura.

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. Il sistema di riferimento è quello di un componente soggetto a carichi esterni

Dettagli

Il Ferro puro. Densità ρ (20 C): 7870 kg/m 3 R m = 180-290 MPa R e = 100-170 MPa A% = 40-50% Z = 80-95% HB = 45-55 E = 210 GPa

Il Ferro puro. Densità ρ (20 C): 7870 kg/m 3 R m = 180-290 MPa R e = 100-170 MPa A% = 40-50% Z = 80-95% HB = 45-55 E = 210 GPa Il Ferro puro Densità ρ (20 C): 7870 kg/m 3 R m = 180-290 MPa R e = 100-170 MPa A% = 40-50% Z = 80-95% HB = 45-55 E = 210 GPa Oltre alla fusione, il ferro presenta due trasformazioni di fase allo stato

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

CAPITOLO 9 Materiali metallici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 9 Materiali metallici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 9 Materiali metallici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 9.1 (a) La ghisa grezza è tipicamente estratta da minerali di ossido di ferro in un altoforno in cui il

Dettagli

DIAGRAMMI DI STATO. (1) la terminologia associata ai diagrammi di stato e alle trasformazioni di fase;

DIAGRAMMI DI STATO. (1) la terminologia associata ai diagrammi di stato e alle trasformazioni di fase; DIAGRAMMI DI STATO Figura 1.1 Una microfotografia in cui viene mostrata la microstruttura di una lega eutettica rame-alluminio. Ingrandimento non precisato. 1.0 INTRODUZIONE La comprensione dei diagrammi

Dettagli

TERMOMETRIA E PROCESSI TERMICI

TERMOMETRIA E PROCESSI TERMICI TERMOMETRIA E PROCESSI TERMICI SISTEMA parte di materia e/o spazio, idealmente isolata, su cui si concentra ntra l attenzione dell osservatore AMBIENTE ESTERNO tutto ciò che sta al di fuori, ma pur sempre

Dettagli

Effetto di elementi alliganti in Fe-C

Effetto di elementi alliganti in Fe-C Effetto di elementi alliganti in Fe-C A: austenitizzanti (gammogeni), Ni, Co, Mn, C, N B: ferritizzanti (alfogeni), Cr, Mo, V, W, Ta, Si, P, La solubilità può essere limitata (B, P, S, Cu, Pb,,..) Effetto

Dettagli

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI Si suddividono in : proprietà chimico-strutturali strutturali; proprietà fisiche; proprietà meccaniche; proprietà tecnologiche. Le proprietà chimico-strutturali riguardano

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI DELLE GHISE

TRATTAMENTI TERMICI DELLE GHISE TRATTAMENTI TERMICI DELLE GHISE Tenendo conto che le ghise hanno le stesse strutture degli acciai (perlite, cementite, ferrite), anche su di esse é possibile effettuare trattamenti termici. In particolare

Dettagli

Trattamenti termici degli acciai al carbonio

Trattamenti termici degli acciai al carbonio Trattamenti termici Il trattamento termico è una lavorazione attuata mediante un ciclo termico, su un metallo o una sua lega, allo stato solido, al fine di variarne le proprietà e renderle adatte alla

Dettagli

Materiali per alte temperature

Materiali per alte temperature Materiali per alte temperature Prof. Barbara Rivolta Dipartimento di Meccanica Politecnico di Milano 14 Novembre 2013, Lecco Fenomeni metallurgici ad alta temperatura 2 Fenomeni meccanici: sovrasollecitazioni

Dettagli

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali Perché nelle stesse condizioni di temperatura e pressione sostanze differenti possono trovarsi in stati di aggregazione differenti? perché le forze tra le molecole sono differenti Da che cosa hanno origine

Dettagli

4 TRATTAMENTI TERMICI DEI MATERIALI FERROSI

4 TRATTAMENTI TERMICI DEI MATERIALI FERROSI 4 TRATTAMENTI TERMICI DEI MATERIALI FERROSI 4.2 Curve di raffreddamento 4.2.1 Curve TTT (temperatura, tempo, trasformazione) I cicli termici Il diagramma TTT relativo a un generico acciaio ipoeutettoide

Dettagli

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è EQUILIBRI - GENERALIA Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è G < 0 Quando vale questo criterio, i reagenti si trasformano in prodotti.

Dettagli

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE 75 CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE La prova edometrica è una prova di compressione assiale senza deformazione laterale, serve a determinare le caratteristiche di comprimibilità dei

Dettagli

Mtll Metallurgia Trattamenti termici

Mtll Metallurgia Trattamenti termici Trattamenti termici Mtll Metallurgia Trattamenti termici Prof. Studio: piano terra Facoltà di Ingegneria, stanza 25 Orario di ricevimento: i Mercoledì 14.00-16.00 Tel. fax 07762993681 E-mail: iacoviello@unicas.itit

Dettagli

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia Solubilizzazione Cementazione Nitrurazione Tempra di soluzione ed invecchiamento Coltre bianca cementato Nitrurazione 550 C x

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

1. Leghe a memoria di forma (SMA)

1. Leghe a memoria di forma (SMA) 1. Leghe a memoria di forma (S) Vanno sotto il nome di leghe a memoria di forma (shape memory alloys o S) un gruppo di particolari composti metallici di varia composizione chimica (NiTi, CuZnl, CulNi)

Dettagli

Indice. 1.1 Introduzione 3 1.2 Sistema Internazionale delle unità di misura 4

Indice. 1.1 Introduzione 3 1.2 Sistema Internazionale delle unità di misura 4 Indice Prefazione alla terza edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Indice dei simboli Indice delle abbreviazioni Tavola periodica degli elementi XI XIII XV XVII XXI XXII

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Termodinamica. Sistema termodinamico. Piano di Clapeyron. Sistema termodinamico. Esempio. Cosa è la termodinamica? TERMODINAMICA

Termodinamica. Sistema termodinamico. Piano di Clapeyron. Sistema termodinamico. Esempio. Cosa è la termodinamica? TERMODINAMICA Termodinamica TERMODINAMICA Cosa è la termodinamica? La termodinamica studia la conversione del calore in lavoro meccanico Prof Crosetto Silvio 2 Prof Crosetto Silvio Il motore dell automobile trasforma

Dettagli

J.Alva Servizio tecnico Tesi SpA

J.Alva Servizio tecnico Tesi SpA J.Alva Servizio tecnico Tesi SpA L analisi termica Consiste nella registrazione ora mediante software dell andamento della temperatura nel tempo di un campione di metallo colato solitamente in un crogiuolo

Dettagli

Complementi di Termologia. I parte

Complementi di Termologia. I parte Prof. Michele Giugliano (Dicembre 2) Complementi di Termologia. I parte N.. - Calorimetria. Il calore è una forma di energia, quindi la sua unità di misura, nel sistema SI, è il joule (J), tuttavia si

Dettagli

CURVE DI BAIN. Curve di Bain TTT per un acciaio eutettoide

CURVE DI BAIN. Curve di Bain TTT per un acciaio eutettoide CURVE DI BAIN Le strutture che appaiono nel diagramma Fe-C sono ottenute in seguito a raffreddamenti molto lenti. Quando i raffreddamenti sono di tipo diverso, si ottengono via via strutture non previste

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI)

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI) LEGHE METALLICHE LA GHISA E L ACCIAIO Prof.ssa Silvia Recchia Le leghe sono delle DISPERSIONI DI UN SOLIDO IN UN ALTRO SOLIDO SOLVENTE: metallo base (metallo presente in maggiore quantità) SOLUTO: alligante

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA

PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA 1. PROPRIETÀ TERMODINAMICHE DEI GAS PERFETTI Un modello di comportamento interessante per la termodinamica è quello cosiddetto d i gas perfetto. Il gas perfetto è naturalmente

Dettagli

1.3.8.3 Termogravimetro (TG)

1.3.8.3 Termogravimetro (TG) 1.3.8.3 Termogravimetro (TG) Il termogravimetro è un particolare strumento che tramite un'analisi termogravimetrica misura la variazione percentuale di peso di un materiale, quando esso viene riscaldato,

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica Università telematica Guglielmo Marconi Chimica 1 Termodinamica 1 Argomenti Nell unità didattica dedicata alla termodinamica verranno affrontati i seguenti argomenti: L energia interna di un sistema Le

Dettagli

Temi per la prova orale di Fisica Tecnica 2014-2015

Temi per la prova orale di Fisica Tecnica 2014-2015 I temi elencati nel seguito vogliono essere una guida alla preparazione della prova orale dell esame di Fisica Tecnica cosicché gli allievi possano raggiungere una preparazione completa sugli argomenti

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Manuele Dabalà Dip. Ingegneria Industriale Università di Padova Introduzione Cos è l acciaio? Norma UNI EN 10020/01 Materiale il cui tenore

Dettagli

Lezione del 5/10/2010 ora 8:30-10:30. Giuseppe Miglino matr. 209769 Domenico Florio matr.

Lezione del 5/10/2010 ora 8:30-10:30. Giuseppe Miglino matr. 209769 Domenico Florio matr. Giuseppe Miglino matr. 209769 Domenico Florio matr. Lezione del 5/10/2010 ora 8:30-10:30 INDICE della lezione del 5/10/2010 argomento: Essiccamento Introduzione 1 Il legame tra il grado igrometrico e il

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Le molecole H 2 O dell acqua liquida pura possono andare incontro a dissociazione. Il processo può essere descritto come una reazione

Dettagli

Il trasporto di materia. Principi di Ingegneria Chimica Ambientale

Il trasporto di materia. Principi di Ingegneria Chimica Ambientale Il trasporto di materia Principi di Ingegneria Chimica Ambientale 1 Considerazioni preliminari Il nostro studio sarà limitato a: miscele binarie miscele diluite (ossia in cui la frazione molare di uno

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA.

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. CORSO DI CHIMICA E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA. IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. Un enzima è una proteina capace di catalizzare una specifica reazione

Dettagli

Capacità di assorbire una deformazione plastica senza rompersi: alta=duttile (es. oro) bassa=fragile (es. vetro)

Capacità di assorbire una deformazione plastica senza rompersi: alta=duttile (es. oro) bassa=fragile (es. vetro) Capacità di assorbire una deformazione plastica senza rompersi: alta=duttile (es. oro) bassa=fragile (es. vetro) E dipendente dalla temperatura:capacità di riposizionamento di difetti ed atomi (diffusione

Dettagli

Struttura e geometria cristallina

Struttura e geometria cristallina Struttura e geometria cristallina Descrizione macroscopica e microscopica Nello studio delle proprietà fisiche della materia è utile distinguere tra descrizione microscopica e descrizione macroscopica

Dettagli

FONDAMENTI CHIMICO FISICI DEI PROCESSI IL SECONDO E IL TERZO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

FONDAMENTI CHIMICO FISICI DEI PROCESSI IL SECONDO E IL TERZO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA FONDAMENTI CHIMICO FISICI DEI PROCESSI IL SECONDO E IL TERZO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA LE MACCHINE TERMICHE Sono sistemi termodinamici che trasformano il calore in lavoro. Operano ciclicamente, cioè

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

Processi di fusione e colata, parte I

Processi di fusione e colata, parte I Processi di fusione e colata, parte I Solidificazione dei metalli Strutture da solidificazione Calore e flussi Pratica della fusione e forni Leghe da getto Processi di colata (metalli) Il processo di colata

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio Termodinamica I FENOMENI TERMICI Temperatura

Dettagli

Analisi dell'acciaio. Contenuto di carbonio. Contenuto di elementi di lega. Quantità di carburi. Finezza e omogeneità dei carburi

Analisi dell'acciaio. Contenuto di carbonio. Contenuto di elementi di lega. Quantità di carburi. Finezza e omogeneità dei carburi GENERALITÀ Per ottenere le caratteristiche meccaniche su un acciaio dato, con un buon compromesso tra la resistenza e la tenacità, è indispensabile ottimizzare la sua struttura metallurgica così come la

Dettagli

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella Università di Pisa Facoltà di Ingegneria Leghe non ferrose Chimica Applicata Prof. Cristiano Nicolella Leghe non ferrose Minerali di alluminio L alluminio è uno degli elementi più abbondanti sulla crosta

Dettagli

Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui.

Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui. Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui. Nota per gli studenti. Sono stati usati simboli diversi da quelli

Dettagli

Esercizi di Fisica Generale

Esercizi di Fisica Generale Esercizi di Fisica Generale 2. Temodinamica prof. Domenico Galli, dott. Daniele Gregori, prof. Umberto Marconi dott. Alessandro Tronconi 27 marzo 2012 I compiti scritti di esame del prof. D. Galli propongono

Dettagli

GAS. I gas si assomigliano tutti

GAS. I gas si assomigliano tutti I gas si assomigliano tutti Aeriforme liquido solido GAS Descrizione macroscopica e microscopica degli stati di aggregazione della materia Fornendo energia al sistema, le forze di attrazione tra le particelle

Dettagli

TEMPRA IPER DRASTICA IN ACQUA DI ACCIAI LEGATI SENZA ROTTURE E DEFORMAZIONI. Gianotti Elio. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti Rivoli (Torino).

TEMPRA IPER DRASTICA IN ACQUA DI ACCIAI LEGATI SENZA ROTTURE E DEFORMAZIONI. Gianotti Elio. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti Rivoli (Torino). TEMPRA IPER DRASTICA IN ACQUA DI ACCIAI LEGATI SENZA ROTTURE E DEFORMAZIONI Gianotti Elio. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti Rivoli (Torino). Introduzione Nell ormai lontano 1930, Bain mise a punto

Dettagli

Fisica per scienze ed ingegneria

Fisica per scienze ed ingegneria Serway, Jewett Fisica per scienze ed ingegneria Capitolo 22 Il primo principio della termodinamica non è altro che una affermazione del principio di conservazione dell energia. Ci dice che se un sistema

Dettagli

8. Cosa sono il polimorfismo e l allotropia? Pagina 1 di 8

8. Cosa sono il polimorfismo e l allotropia? Pagina 1 di 8 Solidi cristallini 1. I solidi cristallini presentano strutture compatte e dotate di elevata simmetria. Tali strutture risultano costituite dall insieme di più celle elementari, le quali sono caratterizzate

Dettagli

SINTESI C1. Materia ed energia

SINTESI C1. Materia ed energia Le proprietà fisiche della materia Il mondo che ci circonda è formato da un gran numero di oggetti diversi. Siano essi di origine naturale o creati dagli esseri umani questi oggetti in chimica e fisica

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

Mtll Metallurgia Acciai e ghise

Mtll Metallurgia Acciai e ghise Acciai e ghise Mtll Metallurgia Acciai e ghise Prof. Studio: piano terra Facoltà di Ingegneria, stanza 25 Orario di ricevimento: i Mercoledì 14.00-16.00 Tel. 07762993681 E-mail: iacoviello@unicas.itit

Dettagli

DIAGRAMMI STATO E MATERIALI (PAG 61 DEL LIBRO DI TESTO)

DIAGRAMMI STATO E MATERIALI (PAG 61 DEL LIBRO DI TESTO) ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. MARCONI TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI CLASSE 3ACH DIAGRAMMI STATO E MATERIALI (PAG 61 DEL LIBRO DI TESTO) Prof. Roberto Riguzzi 1 DEFINIZIONI: Sistema: porzione di materia

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito I fenomeni energetici connessi al passaggio della corrente in un circuito, possono essere distinti

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Qual è la differenza fra la scala Celsius e la scala assoluta delle temperature?

Qual è la differenza fra la scala Celsius e la scala assoluta delle temperature? ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA DANIELE CRESPI Liceo Internazionale Classico e Linguistico VAPC02701R Liceo delle Scienze Umane VAPM027011 Via G. Carducci 4 21052 BUSTO ARSIZIO (VA) www.liceocrespi.it-tel.

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

LA NITRURAZIONE. (versione gennaio 2006)

LA NITRURAZIONE. (versione gennaio 2006) LA NITRURAZIONE (versione gennaio 2006) Raccolta di appunti ad esclusivo uso interno ITIS VARESE - specializzazione meccanici. La nitrurazione è un processo che consente la formazione di nitruri durissimi

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 2. Exergia Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2002-03 Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 2 REVERSIBILITÀ

Dettagli

Diagrammi di stato e proprietà dei materiali. Questa unità ha due obiettivi principali:

Diagrammi di stato e proprietà dei materiali. Questa unità ha due obiettivi principali: Materiali Obiettivi (1/2) Questa unità ha due obiettivi principali: Il primo è quello di rappresentare attraverso diagrammi di stato le condizioni di equilibrio fra fasi di sistemi a due componenti a differenti

Dettagli

3. Le Trasformazioni Termodinamiche

3. Le Trasformazioni Termodinamiche 3. Le Trasformazioni Termodinamiche Lo stato termodinamico di un gas (perfetto) è determinato dalle sue variabili di stato: ressione, olume, Temperatura, n moli ffinché esse siano determinate è necessario

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia La temperatura Fenomeni non interpretabili con le leggi della meccanica Dilatazione

Dettagli

La fisica di Feynmann Termodinamica

La fisica di Feynmann Termodinamica La fisica di Feynmann Termodinamica 3.1 TEORIA CINETICA Teoria cinetica dei gas Pressione Lavoro per comprimere un gas Compressione adiabatica Compressione della radiazione Temperatura Energia cinetica

Dettagli

SVILUPPI DEI TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DI DIFFUSIONE DA FASE GAS MEDIANTE CARATTERIZZAZIONE SUPERFICIALE GDOES

SVILUPPI DEI TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DI DIFFUSIONE DA FASE GAS MEDIANTE CARATTERIZZAZIONE SUPERFICIALE GDOES SVILUPPI DEI TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DI DIFFUSIONE DA FASE GAS MEDIANTE CARATTERIZZAZIONE SUPERFICIALE GDOES Salsomaggiore Terme 6 Maggio 2009 20 Convegno Nazionale dei Trattamenti Termici Gianluca Mancuso

Dettagli

TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA

TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA PROVA DI TRAZIONE (UNI EN ISO 6892-1) 1 INDICE TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE RISULTATI DELLA PROVA DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA

Dettagli

SISTEMA BINARIO DI DUE LIQUIDI VOLATILI TOTALMENTE MISCIBILI che seguono Raoult

SISTEMA BINARIO DI DUE LIQUIDI VOLATILI TOTALMENTE MISCIBILI che seguono Raoult SISTEM INRIO DI DUE IQUIDI OTII MENTE MISCIII che seguono Raoult Consideriamo due liquidi e totalmente miscibili di composizione χ e χ presenti in un contenitore ad una certa temperatura T=T 1. o strato

Dettagli

1. Distribuzioni campionarie

1. Distribuzioni campionarie Università degli Studi di Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale - a.a. 2012/2013 lezioni di statistica del 3 e 6 giugno 2013 - di Massimo Cristallo - 1. Distribuzioni campionarie

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

LEZIONE 6. PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Progetto di giunzioni saldate. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 6. PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Progetto di giunzioni saldate. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà di Architettura Università degli Studi di Genova LEZIONE 6 PROGETTO DI COSTRUZIONI IN ACCIAIO Progetto di giunzioni saldate ASPETTI

Dettagli

Temperatura termodinamica assoluta

Temperatura termodinamica assoluta Temperatura termodinamica assoluta Nuova definizione di temperatura Si sceglie come punto fisso fondamentale il punto triplo dell acqua, al quale si attribuisce la temperatura T 3 = 273.16 K. Per misurare

Dettagli