Quale italiano per tradurre José Ángel Mañas?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quale italiano per tradurre José Ángel Mañas?"

Transcript

1 Gloria Bazzocchi Università di Bologna La juventud no es un tiempo, ni una generación, ni una categoría homogénea a la que uno pueda examinar, desde fuera, con objetividad, sin emociones ni prejuicios. La juventud es un cometa de riesgos y de oportunidades, de amenazas y de promesas, una intromisión en el sistema cósmico de los adultos. Y como a los cometas, hay que entenderla, más que un conjunto sólido, como un torbellino, abigarrado y turbulento, reflejo de las diferentes coyunturas de oportunidad que nuestra sociedad ofrece a los recién llegados (José Ignacio Ruiz Olabuenaga). La presente riflessione prende le mosse da un precedente lavoro in cui ho analizzato la suffissazione valutativa nei romanzi di José Ángel Mañas (Bazzocchi, in corso di stampa), proponendo la traduzione in italiano di un campione di formazioni neologiche tratte dalla Tetralogia Kronen 1. Occorre premettere che il mio interesse per Mañas è nato quasi per osmosi dal fatto di condividere un esperienza professionale alla SSLIMIT di Forlì con Pilar Capanaga 2, una delle prime ad essersi occupata, soprattutto sul piano linguistico, del cosiddetto caso Mañas su cui torneremo più avanti. Ho, infatti, seguito come correlatrice due tesi di laurea da lei dirette occupandomi, in particolare, della traduzione in italiano dei primi due 1 Termine con cui Mañas, in una nota finale di Sonko95, definisce la serie di romanzi che comprende Historias del Kronen (1994), Mensaka (1995), Ciudad Rayada (1998) e Sonko95 (1999), tutti ambientati nel mondo giovanile madrileno. 2 Ricordiamo gli articoli: 1997, «La creación léxica en Historias del Kronen», in Aa.Vv., Lo spagnolo d oggi: forme della comunicazione, Roma, Bulzoni, 47-57; 2005, «Autenticidad, aloglosia y ruidos en las historias de Mañas» in M.V. Calvi, L. Chierichetti, J. Santos López, ed., Percorsi di lingua e cultura spagnola. In ricordo di Donatella Cessi Montalto, Milano, Selene,

2 romanzi dell autore, Historias del Kronen e Mensaka. Da alcuni anni, quindi, convivo, se così si può dire, con il problema di dar voce in italiano a uno scrittore che ha prepotentemente inserito nei suoi romanzi la lingua parlata con i suoi anacoluti e le sue incongruenze, i gerghi, i neologismi, i forestierismi. Tutto questo, Mañas, lo chiama ruido 3 : (...) por «ruido» entiendo desde interferencias ortográficas hasta incorrecciones coloquiales y cualquier tipo de jerga o lenguaje obviado normalmente por la literatura- al que el auténtico novelista tiene que recurrir si quiere revitalizar e inyectarle sangre nueva a un género capacitado como ningún otro para darle forma artística al lenguaje vivo. Esa es la tarea que me he propuesto con la «Tetralogía Kronen». In uno stile tutto sommato fluido e spoglio di ogni adorno linguistico, in cui predomina la coordinazione sulla subordinazione, con periodi brevi e dialoghi incalzanti, ma essenziali, in una prospettiva di traduzione, quindi, apparentemente semplice, s innesta una magistrale riproduzione della lingua orale a livello lessicale, morfologico, sintattico, ed è qui che scaturisce la difficoltà di riproduzione nella nostra lingua. Vedremo, nel corso dell intervento, come uno studio sulle potenzialità della lingua giovanile italiana, con incursioni nel mondo letterario di autori che condividono ambienti e temi descritti dallo stesso Mañas, possano rivelarsi un valido aiuto e costituire una base da cui partire per affrontare i problemi legati alla traduzione. Prima di affrontare nello specifico l aspetto delle problematiche relative alla traduzione, vorrei indagare, brevemente, sulle questioni che hanno scatenato in Spagna quello che poc anzi ho definito caso Mañas. Questo scrittore, infatti, divenuto inaspettatamente famoso come finalista al Premio Nadal a soli 23 anni con Historias del Kronen, ha diviso la critica in feroci detrattori che ne hanno preso le distanze considerandolo un sottoprodotto letterario e grandi estimatori che l hanno proclamato capostipite di una generazione definita in più modi 4, da Generación Kronen 3 Mañas, José Ángel, 1999, Sonko95, Barcelona, Destino. Nota dell autore alla fine del romanzo. 4 In realtà Mañas ha sempre rifiutato queste etichette e non si è mai sentito capostipite di una generazione: Lo que puedo decir es que yo trabajé el texto del Kronen en el año 92, es decir mucho antes de que hubieran salido Trainspotting, los jóvenes caníbales en Italia o los McOndo en Sudamérica, mucho antes de 16

3 Gloria Bazzocchi 17 e de los realistas duros (Gullón, 1996: 31) a Generación X, Y, Z o Peter Pan (Vázquez Montalbán, 1995). Oltre al valore testimoniale che molti hanno attribuito alle sue opere dobbiamo aggiungere che queste hanno suscitato grande interesse anche a livello linguistico. A questo proposito, ci sembra importante fare riferimento al Gran diccionario del Argot. El Sohez de autoridades (2000) curato da Delfín Carbonell, che riporta diverse citazioni tratte dai testi di Mañas; inutile rilevare che questo dizionario diventa uno strumento indispensabile anche ai fini della traduzione. Dallo strepitoso successo del primo romanzo del 1994 (di cui segnaliamo una significativa seconda edizione nel 98, commentata de Germán Gullón, nella collana Clásicos contemporáneos comentados) all ultimo del marzo 2005, Caso Karen, sono intercorsi undici anni segnati da un susseguirsi di alti e bassi che hanno fatto crescere Mañas sia a livello personale che professionale. Nel passaggio dalla vertigine del successo con Historias del Kronen alla successiva caduta nel vuoto, lo scrittore dice di essersi sentito come messo dentro una centrifuga, una sorta di ingranaggio che non è stato capace di controllare. Dopo anni di esilio ed isolamento in Francia è tornato a vivere nella sua città d origine, Madrid 5, e considera proprio Caso Karen il romanzo che migliora tutti i precedenti. Gonzalo García Pino, in un articolo apparso su La Razón 6 riassume così il periodo dal Kronen a Karen: producirse la moda de escritores jóvenes que ahora parece que han creado un movimiento. Por otro lado, yo no sabía si esa novela se iba a publicar, y mucho menos podía esperar que iba a tener esa repercusión. Esto me gusta dejarlo claro: yo no podía esperar que la novela se iba a convertir en un retrato generacional. Pero por encima de todo, por encima del valor testimonial que pueda tener Kronen, yo siempre lo reivindico como una ficción. (Da un intervista di Chema de Francisco Guinea: Mañas creación radikal. El Duende de Madrid. Especial de Verano de 1998) 5 Me he vuelto a España. Llevo ya aquí un par de años y pienso que lo mejor para un escritor es vivir rodeado por el idioma en el que escribe. Obviamente, uno puede escribir en castellano y vivir en el extranjero; pero el idioma tiende a enrarecerse. (Dalla risposta a un lettore di El Mundo digital, 9 marzo 2005). 6 Ambición literaria y voluntad de estilo, 10 marzo

4 Once años separan el Kronen de Karen y, a pesar de la reiterada k (marca de la casa) y de la deliberada eufonía de ambos vocablos que interpreto como una suerte de homenaje o, tal vez, de orgullosa fidelidad a sus orígenes como escritor-, Caso Karen parece más bien una novela inaugural, pues alberga dos características que estaban ausentes en las obras anteriores de Mañas: ambición literaria y decidida voluntad de estilo. In un intervista di qualche anno fa, Aldo Busi dava la seguente risposta ad una domanda sulle cause della scarsa popolarità della letteratura italiana: La ragione della scarsa popolarità della letteratura italiana va rintracciata prevalentemente nella lingua impiegata, lontanissima da quella usata dai parlanti. Perché l inglese è la lingua per eccellenza della produzione letteraria più venduta in tutto il globo? Non certo perché è la lingua della cosiddetta narrativa di consumo (i thriller, gli horror), prodotti confezionati in base a pochi ingredienti costanti, che pure come si dice vanno, hanno un mercato. Piuttosto perché gli scrittori anglofoni, a differenza degli italiani, si servono delle diverse varietà della lingua orale: due scrittori di New York possono servirsi di due lingue inglesi diversissime tra loro. Succede allora che anche in traduzione italiana questi libri funzionino, conservino una loro freschezza e ciò perché il traduttore, al di là delle sue competenze, si trova costretto, in qualche maniera a rendere vivo anche l italiano, rinunciando alle più fruste forme libresche 7. Al di là della provocazione, tipica del personaggio, colpisce la questione del traduttore che si vede costretto a rendere vivo l italiano perché è esattamente quello che succede con la traduzione dei romanzi di Mañas. L aggettivo vivo, come abbiamo già visto, viene usato dallo stesso Mañas a proposito delle finalità della Tetralogia: darle forma artística al lenguaje vivo. El lenguaje vivo è quello dei protagonisti dei suoi romanzi, giovani nati e cresciuti in una Madrid che, dopo la morte di Franco, è andata uniformandosi, a ritmo forsennato, ai canoni di modernizzazione e globalizzazione mondiali, stravolgendo una tradizione che ha visto la 7 «Creare mondi con le parole». Conversazione con Aldo Busi di Margherita Di Carlo e Giuseppe Gallo. 18

5 Gloria Bazzocchi 19 Spagna, per secoli, isolata e arretrata rispetto all Europa. Il loro modo di parlare, inevitabilmente, riflette queste trasformazioni: La novela de José Ángel Mañas es representativa de una filosofía y de una manera de hablar típicas de una categoría de edad, de un grupo social, de una determinada década y de una zona geográfica bien delimitada (jóvenes madrileños de clase acomodada de los años noventa). Se trata de un tipo de lenguaje utilizado por una élite que se caracteriza por el abandono de las normas académicas, cuyo objetivo mayor parece ser una reproducción cada vez con mayor exactitud de la lengua hablada que, por su parte, ha sufrido últimamente también grandes transformaciones, relajándose, transgrediendo los tabúes, introduciendo neologismos, asimilando el inglés y haciendo incursiones en el terreno de la droga y de la delincuencia (Soler-Espiauba, 1997: 30). La stessa Soler-Espiauba lo definisce un argot de casta urbana, un elemento che accomuna e crea forti vincoli tra i suoi componenti: la lingua si trasforma in uno strumento d identità, un modo di essere, un comune denominatore, un vero e proprio gergo metropolitano, fortemente innovativo ed espressivo che emerge soprattutto su temi condivisi come il divertimento, la musica, il calcio, il cinema, l alcol, il sesso, la droga, la moda, ecc. I fattori che intervengono nella formazione del linguaggio di un giovane sono diversi e complessi, a cominciare dal delicato passaggio dall infanzia alla costruzione della propria personalità, lo spostamento dei modelli di riferimento dalla famiglia al gruppo di amici, senza dimenticare l ambiente in cui si cresce e il tipo di società in cui ci si forma. Per questa complessità e per l impossibilità di una definizione cronologica, converrà considerare il linguaggio giovanile come una varietà linguistica, un registro: La varietà giovanile in senso stretto si colloca in un punto di intersezione fra più fattori di variazione e può essere definita come la varietà di lingua, per lo più orale, usata dagli appartenenti ai gruppi giovanili in determinate situazioni comunicative (conversazioni spontanee all interno del gruppo principalmente su temi centrali della condizione giovanile, quali la scuola, l amore, il sesso, le amicizie, l attività sportiva, eventualmente la droga, ecc) (Cortelazzo, 1994: 294). Tornando, quindi, alla traduzione di Mañas in italiano, quantomeno dei suoi primi romanzi, sarà necessario scavare nelle potenzialità del linguaggio giovanile del nostro paese che, rispetto alla Spagna, si presenta 19

6 molto meno omogeneo. Infatti, come sostiene Banfi (1994), il linguaggio giovanile italiano si compone di due macro-piani la cui estensione varia a seconda della regione: un piano generale costituito da un lessico che possiamo definire nazionale 8, le cosiddette parole a lunga durata nella definizione di Sombrero (1992), e un piano locale, legato alla cultura della regione e diversificato a volte anche a seconda della città all interno della stessa regione, come possibile retaggio di dialetti che, pur essendo in via di estinzione, lasciano tracce di sé nelle espressioni colloquiali 9. In Spagna, invece, come accennavamo sopra, l estensione del linguaggio giovanile supera i limiti regionali e questo fa sì che venga parlato, o quantomeno capito, dai giovani di tutto il paese. Le motivazioni di questa differenza si possono ricercare, probabilmente, nel maggiore protagonismo dei giovani all interno della società spagnola e in una minore censura a livello di mezzi di comunicazione 10. Per esemplificare i concetti teorici fin qui esposti, prendiamo ora in esame due campi semantici inerenti la sfera del divertimento sia dei giovani spagnoli che degli italiani, ovvero la droga e l alcol. Lo facciamo accostando alcuni brani tratti da Historias del Kronen e Seratina di Niccolò Ammaniti e Luisa Brancaccio, racconto che inaugura la famosa antologia Gioventù Cannibale. -Nos hacemos un nevadito, no? Para empezar bien la noche. (HK, 15) -Vamos a enfarloparnos, no? Venga, coño, que hay que meter marcha a esta ciudad. A ver. En que coche vamos? Roberto, coño, anima esa cara, que vamos a meterte un poco de polvo por esas napias. - TÚ NO QUIERES, NO? le pregunto a Ramón, que dice que no con la cabeza. - Stavo per andare a dormire. - Come mai? - Ho passato il pomeriggio con Lalla e domani all alba devo andare a Siena. - Seratina ridotta, allora. Un cannino al volo. [ ] Seratina! Nel loro gergo significava sfondarsi di canne, rigorosamente senza fidanzate, e tornare a casa a orari improbabili 8 Farsi una canna, figo, secchione, ecc. 9 Ad esempio, per esprimere il concetto di non andare a scuola: marinare, bigiare, fare fuga, fare buco, ecc. 10 Basti pensare al linguaggio quasi totalmente standard e neutro impiegato dai giovani protagonisti di serie televisive di grande successo come Un medico in famiglia o Un posto al sole. 20

7 Gloria Bazzocchi 21 Dentro de su Golf, Roberto me pasa un mapa de carreteras. - Pásame también un bardolo. Roberto ha puesto una cinta de bakalao a todo volumen. - MÁS ALTO, ROBERTO! MÁS ALTO COÑO! OYE; CARLOS, YO VOY A IR RULANDO UN PORRITO A LA VEZ, VALE? No oigo lo que dice Manolo porque estoy ocupado poniendo rayas. Aplasto las piedritas con la hoja de la navaja y corto la coca y otra vez para que el polvo quede fino. [ ] Pruebo la coca con el dedo meñique y noto su sabor amargo en la lengua. - QUIÉN ME PASA UN BILLETE? Manolo me pasa un talego con el que me hago un canutillo bien tensado y me meto la primera raya. Enseguida noto cómo la coca empieza a bajar por mi garganta y cómo se me duerme el paladar. Ha sido un buen tiro y el polvo es bueno. Roberto arranca el coche y le mete un acelerón, riendo. Pedro nos sigue, como puede. - VENGA, ROBERTO! ATROPELLA A LA VIEJA! ATROPÉLLALA! Estamos ya en la Castellana y Roberto zigzaguea entre los coches. (HK, ). En el coche, Manolo corta unas rayas. Roberto pone Parálisis Permanente y Ramón le dice que quite esa mariconada, que ponga algo de Trashmetal. Roberto le responde que en su coche pone lo que le da la puta gana y, para joderle bien, cambia la cinta addobbati come alberi di Natale! (GC, 7) Sorpresa! La coca! Inizia la seratina in versione deluxe! disse Aldo con un sorriso contento. - Nooo, te pregoooo. La coca no. Io voglio andare a dormire. Domani devo andare al matrimonio di mio cugino - MA SEI PAZZO?!? Questa è la coca migliore del mondo. Non mi credi? Provala! [ ] Aldo intanto si era già fatto due piste e tirava su col naso e si strofinava le gengive col dito. - Fatti un tiro, dài! insisté. E avrebbe insistito così tutta la sera. -Che palle! Un tiro solo e poi mi porti a casa! Emanuele si fece controvoglia la sua striscia e Aldo ripartì con una sgommata. Si lanciarono sul lungotevere. Pino Daniele cantava o scarafone!. - Cazzo però, è buona sta coca! disse Emanuele sorpreso. Dove l hai presa? (GC, 10). - Oddio quanto mi piace Pino Daniele. Ragazzi, ho il fumo. Ce la facciamo una cannetta al volo? disse Melania con un sorriso ingessato. - Hai visto? C ha il fumo. Sei un ragazzo fortunato, - fece Aldo.[ ] Occhei, facciamoci il cannino della buonanotte - Vecchio porco schifoso e cannarolo che non sei altro? Ti piace imbustarti a letto 21

8 y pone bakalao a tope. - A DÓNDE VAMOS AHORA? -pregunto. -A MÍ ME ES IGUAL. A CUALQUIER SITIO CON MARCHA - dice Manolo. -A MÍ TAMBIÉN -digo. Ramón no dice nada. - VAMOS A MALASAÑA? -VALE. -PODRÍAMOS IR A CHUECA, PARA VARIAR. -O A UNA DISCOTECA, A BAILAR. -NO, TRONCO. VAMOS AL SAN MATEO. - Y POR QUÉ NO VAMOS A LA VÍA? LA DUEÑA, LA DEL PASTOR ALEMÁN, ESTÁ BUENÍSIMA. -A ÉSA NO TE LA PAPEAS NI DE COÑA, CARLOS. -VENGA, DÉJENSE DE COÑAS Y BAJEN AQUÍ LAS NARICES, JÓVENES, QUE ESTAMOS YA EN FASE DE DESPEGUE. ROBERTO, NO TAN FUERTE, TRONCO, QUE TE LLEVAS LAS RAYAS DE LOS DEMÁS. Roberto arranca. Un Ibiza en la Plaza Castilla nos pita, al abrirse el semáforo. Roberto saca el brazo por la ventanilla y enseña la barra del coche. Manolo y yo reímos. (HK, 108) stravolto, eh?!? [ ] Melania rollò rapidamente, tecnica. Fece accendere a Emanuele. Si passavano la canna in silenzio, trattenendo il fumo nei polmoni. Poi Aldo tirò fuori dal cruscotto una bottiglia di whisky e presero a passarsi silenziosamente anche quella. Un sorso, un tiro, un tiro, un sorso. (GC, 14). Correvano sull Olimpica. [ ] Fammi una pista, Emanue, sto a mille. [ ] Emanuele aveva messo un mucchietto di cocaina su un CD e gli preparava una striscia. (GC, 32) [ ] Aldo sembrava una pallina impazzita che rimbalza da una parte all altra del flipper lampeggiando, prendendo bonus e facendo una marea di punti. [ ] Rallentarono per colpa delle puttane. Una fila di macchine che non finiva più. - Cazzo! E sbrigatevi! Porci schifosi che non siete altro! Aldo si accaniva sul clacson come fosse il joystick di Mortal Kombat. Andate a scoparvi vostra madre! latrò fuori dal finestrino sganasciandosi dalle risate. [ ] E mo mi avete rotto il cazzo! Aldo sterzò bruscamente e si infilò nella corsia di sinistra, contromano. Evitò una Volvo station-wagon per miracolo. [ ] GUARDA QUELLO!!! Aldo urlò e inchiodò facendo sbandare il culo della BMW. (GC, 33-34) 22

9 Gloria Bazzocchi 23 A Roma, come a Madrid, para empezar bien la noche non c è seratina senza canne o coca: una BMW che corre per l Olimpica, una Golf che sfreccia lungo la Castellana, musica a tutto volume, bakalao in un caso, Pino Daniele in un altro. La stessa eccitazione, la stessa euforia, ma anche lo stesso linguaggio : un nevadito, un porrito, unas rayas, un cannino, una cannetta, un tiro, due piste, una striscia. Già dagli esempi riportati, si può notare come il lessico della droga nelle opere di Mañas sia particolarmente vario: infatti, ogni sostanza, dalla marijuana alla cocaina, dall eroina agli acidi, presenta anche uno o più corrispondenti gergali. Per l hashish, oltre ad espressioni comuni come rular un porro, troviamo hacerse una trompeta, un mai, morder o calentar la piedra, pegar o rular una ele, sacar una china, un kinito, o tener costo. La cocaina non è solo coca, ma escama, farla, farlopa o polvo e, oltre a esnifar, ci si può liar o hacer un nevadito, pegar las narices o las napias, hacerse o pillar un turulo. L eroina è caballo e jaco e tra le droghe sintetiche, oltre alle pastillas, troviamo pirulas, ajos, frambuesas, Gorbachofs, supermanes, tripis. Gli effetti delle varie droghe provocano un subidón o lasciano emporrados, colgados, enfarlopados, empastillados. Infine, i venditori di droga sono camellos o pasteleros, a seconda del tipo di prodotto che vendono. Vediamo altri esempi: -Venga, Roberto, que vamos a hacernos una trompeta. (HK, 57) -Roberto, no seas catalán, tronco. Toma, para que te hagas tú también un mai. Manolo corta un cacho de costo con la boca y se lo da a Roberto. (HK, 109) - No tendrás unas pirulillas? (CR, 136) - Me siento en la moto, saco un cartón y hago un turulo (MS, 71) -... me fui a los San Fermines se me fue un poco la olla con los putos ajos (MS, 6) 23

10 -Bueno, tú. Diez gramazos bien medidos de escama de primera, te vale? (MS, 70) - Más vale ser inglés que ser moro o negro, porque si no ahora estarías pasando caballo en la Gran Vía o ahogándote en el estrecho de Gibraltar (HK, 204) - Hay algo? le pregunto a Santi. -Espera Santi saca una china y se pone a rular.( HK, 140) Por la noche, durante la cena, hago lo quer puedo para que no se note mucho lo emporrado que estoy. (HK, 97) El pastelero del barrio me ha dicho que para el viernes debería de haber farla. (HK, 174) Un altro fattore agglutinante del mondo giovanile è l alcol: trovarsi in un bar, in un pub o per strada 11 a bere insieme è un modo per divertirsi e raggiungere un primo stadio di sballo, spesso completato dall assunzione di droghe. Questa volta accostiamo brani tratti da Historias del Kronen con altri da Jack Frusciante è uscito dal gruppo di Enrico Brizzi. Fatta salva la profonda diversità tra i due, vi sono però alcune curiose coincidenze che li accomunano: lo stesso anno di pubblicazione, il 1994 e lo stesso clamoroso esordio, l essere stati entrambi etichettati come romanzo generazionale e la partecipazione in concorso a due prestigiosi premi letterari, il Nadal e il Campiello. Brizzi, appena ventenne, fu definito l enfant terrible della letteratura italiana e il suo romanzo, il cult-book della Generazione X nostrana. Augusto Magistrà su Il Venerdì di Repubblica del 7 ottobre del 94 lo definì un libro forte e pieno di vita, rara avis in un paese dove i romanzi sono fiori secchi: magari belli, di sicuro morti. Ma è sul piano della freschezza e creatività del linguaggio, fatto di parlato ed espressioni gergali - in questo caso il bolognese - che l accostamento Mañas-Brizzi trova una sua ragion d essere. Se per Mañas i genitori o gli adulti in generale sono los viejos, los fósiles. los jefes, los corbatos, per Brizzi ci 11 Questo soprattutto si verifica in Spagna: basti pensare al dilagante fenomeno del Botellón. 24

11 Gloria Bazzocchi 25 sono i parens, i profii, i rot-taryani di merda; se le ragazze dell uno sono identificate con gli allocutivi zorra, cerda, gorda, piba, pava, tía, per l altro se sono belle sono entità molto ravanabili, se sono brutte dei roiti, se fighette insulse carlotte; se il denaro viene espresso a Madrid con duro, libra, talego e kilo, a Bologna si paga con il caravaggione. I seguenti brani ci riportano al nostro discorso sui giovani e l alcol: [ ] Los demás reímos y yo pregunto si alguien quiere beber algo. -Yo no puedo beber, ya lo sabes. -Joder, Fierro, eres de lo más antisocial. Tómate al menos una cerveza. -Que no puedo, de verdad. -Venga, sólo una cerveza. Seguro que una cerveza no te hace nada. -Pero déjale al chaval, que no puede beber, que se lo prohíbe el médico. -Bah, los médicos no saben nada. Tú, Roberto? -Yo, un Jotabé con cocacola. - Y tú, Raúl? -Un zumo de tomate. - Sólo un zumo de tomate? -Sí, nada más. - Tú también eres diabético? -No, pero no me gusta beber. -Si bebieras más y pensaras menos, no dirías tantas bobadas. (HK, 13.14) - Qué pasa, Manolo. - Qué pasa, Roberto. Qué pasa, Carlos. - Hola, loco, ponme un Jotabé con cocacola. - Sí, siempre güiscola, eh, Roberto? Sí, pero estoy un poco hasta la bola de emborracharme todos los días. Comienza a ser un martirio. Beber, beber, beber. Así Si vedeva lontano chilometri che Martino faceva di tutto per non fargli pesare la sua abitudine a sabati sera molto più strong in macchina fino a Riccione, tanto per cominciare, circondato da decurie di fighette sedicenni sboccanti. [ ] Per via che non voleva fargliela pesare, la differenza, quel sabato che si doveva seguire la formula Serata Etilica E Stai A Dormire Da me, Martino aveva accettato di accompagnare il vecchio Alex in una delle solite osterie di via del Pratello a spanarsi di ceres col caravaggione che l ineccepibile avrebbe estratto dal portafogli al momento del conto. [ ] Parlavano e ridevano e parlavano, il tasso alcolico che cresceva con calma inesorabile; e poi erano usciti fuori a sfoderare altre cazzate nella notte bolognese [ ]. Quando avevano fatto sosta in Piazza Minghetti il vecchio Alex era proprio bello cotto, ormai. Così, su il cappuccio della felpa, seduti a braccia conserte e buonanotte, tanto quella sera non c erano orari né interrogatori tipo adesso mi dici cos hai bevuto, quanto hai speso, tu puzzi di fumo, figliolo Non aveva nessun idea dell orario, e Martino l aveva risvegliato a testate: il 25

12 los torturaban en la Edad Media. Con un embudo, imagínate. No han mejorado mucho las técnicas desde entonces. -Esos ojos tan rojos no son de beber, eh, Roberto? - Ya te digo. Hoy ha sido un buen día. - Hey. Que yo también existo. - Perdona, Carlos. Otro güiscola? -Sí. Jotabé (HK, 62). vecchio Alex si sentiva gli occhi cisposi e l ineccepibile voleva trascinarlo in Strada Maggiore per vedere se era ancora aperto un posticino che sapeva lui dove servivano della birra verde da urlo praticamente a qualsiasi ora. (JF, 43-44) Di nuovo, nel caso di Mañas, registriamo una certa ricchezza e varietà di vocaboli riguardanti l alcol e i suoi effetti. Al bar, in discoteca o alle feste si beve birra, bevande che mescolano alcol e bibite o liquori: caña, clara, mini, botellín, litrona, tercio, cubata, güiscola, Jotabé, Huaitlabel, Cutishark, Ballantains, Beilis, Gekdeniels. Gli effetti del bere (e/o del fumare) vengono espressi con: clavo, borracho, estar clavado, estar pedo, tener pedo, tener resaca. In questo caso il processo di creazione linguistica si rivela sul piano morfosintattico attraverso formazioni come güiscola (güisqui + coca cola) e neologismi grafici dovuti all adattamento di anglicismi: Jotabé sta per J&B, Ballantains per Ballantines, Huaitlabel per White Label, Beilis per Bailey s. Se ci fermiamo a riflettere sulla traduzione in italiano degli esempi sopra riportati, volendo mantenere la freschezza e la vivezza dell originale, ci rendiamo presto conto che l unica maniera è ricorrere agli slang giovanili che, nel nostro Paese, si formano, prevalentemente, a livello regionale. Un utile strumento, a tal fine, ci è offerto da due dizionari-on line, attualmente disponibili sulla rete. Si tratta di Slangopedia, un fiume di parole e Linguagiovani. Il primo nasce come conseguenza di un inchiesta di copertina del settimanale l Espresso del 19 novembre 1998 ( Parliamoci in Under-18, a cura di Maria Simonetti): chiunque può contribuire ad arricchire questa enciclopedia dello slang, inviando una e.mail all indirizzo indicato sul sito 12, dove, ogni due settimane, il dizionario viene aggiornato. Attualmente appaiono circa 700 espressioni accompagnate da una breve 12 gory=48>>> 26

13 Gloria Bazzocchi 27 definizione, il contesto in cui s impiegano, la zona di provenienza, il nome e l indirizzo di chi fa la proposta. Anche Linguagiovani 13 è un dizionario interattivo in cui chiunque è invitato a segnalare parole che ritiene tipiche del linguaggio giovanile. Il sito è espressione del Centro di documentazione LinguaGiovani che ha sede presso il Dipartimento di Romanistica dell'università di Padova ed è coordinato da Michele Cortelazzo: Grazie a questo sito da anni gli studiosi del linguaggio giovanile italiano si tengono in contatto tra loro, pubblicano gli strumenti necessari alla ricerca (bibliografia, questionari, link a siti italiani ed esteri, raccolta di articoli giornalistici sull argomento), documentano le loro ricerche, ragionano sugli sviluppi dei loro studi 14. L archivio del dizionario, con le voci inserite on-line tra il 1997 e il 2001, comprende un consistente corpus di parole (circa 1950), tutte catalogate in ordine alfabetico, con definizione e relativa contestualizzazione, città o regione di provenienza e anno. Vi è poi il dizionario dell anno in corso che, per il 2005, vede un centinaio di entrate, di cui 68 arrivate durante l estate 15. Tornando ai campi semantici presi in considerazione, dall esame dei due dizionari, emerge una sorprendente prolificità. Vediamo così che i sinonimi di canna o spinello sono una quarantina, provenienti da varie zone d Italia e diversamente datati. Come si può evincere dagli esempi che seguono, alcuni di essi sono riportati da entrambi i dizionari giovanili: Dall articolo «Linguaggi e mode: dimmi come parli, ti dirò quanti anni hai: le nuove frontiere del lessico giovanile» ne Il Gazzettino di venerdì 16 settembre 2005, pag Dallo stesso articolo della nota precedente, sempre Cortelazzo: La gran parte del lessico giovanile è costituito da termini creati dai giovani e usati solo da essi. Si tratta di parole effimere, che magari vivono una sola stagione (da gabibbare, comportarsi da cretino, a putrido, tenero, affettuoso). Seguono le parole del gergo tradizionale (come sgamare, cogliere sul fatto o lumare, fissare con interesse a scopo di corteggiamento), i colloquialismi, i forestierismi, i regionalismi. Invece, contro ogni attesa, sono praticamente inesistenti gli apporti tratti dai mass-media. 27

14 barbuti (LG, Vicenza, 2000) bomba (LG, Bolzano, 2000) (ES, Abruzzo) brazieiro (ES, Piacenza) brazza (LG, Genova, 2000) buro (LG, Padova, 2000) (ES, Padova) cannuccia (LG, Milano, 1998) cecio (ES, Varazze, SV) ceppo (LG, Venezia, 2000) chioppo (LG, Varese, 2001) cippone (LG, Milano, 2001) ciurmacca (ES, Costa Adriatica) diera (ES, Udine) drella (LG, San Cesareo, 2000) fiamma (LG, Firenze, 1998) fraccozzo (LG, Catania, 2001) fransimoglio (LG, Napoli, 2000) gibbo (LG, Brescia, 1998) ginghello (LG, Milano, 2000) giunto (LG, Varese e Reggio Emilia, 2000) missile (LG, Como, 2000) pannocchia (LG, Carbonia, 2000) pelledro (LG, Napoli, 2000) petarda (LG, Como, 2000) petardo (LG, Tolmezzo, 2000) pit (LG, Bolzano, 2000) porra (LG, Venezia e Bologna, 2000) (ES, Modena) ranzano (LG, Firenze, 1998) scandroglio (LG, Varese, 2001) shonsz (LG, Salerno, 2000) stoppino (LG, Padova, 2000) stroppa (ES, Padova) sturo (LG, Padova, 1998) tizzone (ES, Genova) treglia (LG, Salerno, 2000) tromba (LG, Padova, 2000) tronca (LG, Bologna, 1998) 28

15 Gloria Bazzocchi 29 tronello (LG, Varese, 1998) tubo (LG, Viareggio, 1999) tarello (LG, Modena, 2000) veccia (ES, Perugina-Gubbio) viola (LG, Parma, 1999) (ES, Desio, Milano) vurpo (LG, Taranto, 2000) Per riferirsi alla cocaina si usano: bamba (LG, Milano, 2000) (ES, Desio, Milano) barella (LG, Milano, 2005) (ES, Milano) calcina (LG, Ancona, 2001) fecola (LG, Bologna, 2000) paparina (ES, Sicilia) spolvera (LG, Brescia, 2000) svelta (LG, Roma, 1998) zarsa (LG, Torino, 2001) e all eroina: bolgia (LG, Brescia, 2000) bonza (ES, hinterland milanese) lenta (LG, Roma, 1998) Se passiamo alle espressioni che designano chi fa consumo di droghe, il modo di assumerle e gli effetti delle stesse, ritroviamo invenzioni spesso ludiche e fantasiose: bogino (LG, tossico, Brescia, 2000) bruciato (LG, fumato o in fattanza, Bologna, 2001) buino (LG, drogato. Es. Stai attento, c è pieno di buini lì, Livorno, 2000) cannaiolo (LG, Varese, 2000) cannato (LG, colui che si canna, Bolzano, 2000) doppino (LG, tossicodipendente. Es. I giardini sono pieni di doppini, Sassari 2000) droghino (LG, drogato. Es. Quello sulla panchina è un droghino, Bolzano, 2000) 29

16 essere gonfi (LG, avere fumato troppo, Genova, 2001) fattone (LG, drogato perso, Firenze, 2000) fattanza (ES, stato fisico di completo stordimento anche per essersi iniettato eroina, Bologna) fattone (LG, drogato perennemente, Milano, 1998) fumato (LG, fatto, Varese, 2000) impasticcato (LG, colui che prende pasticche, Bolzano, 2000) incapato (LG, impasticcato, poco lucido, Caserta e Napoli, 2000) mizzo (LG, uno che ha fumato spinelli e sta fuori. Es. Quello sta mizzissimo, sto veramente mizzo, Mario ha addosso una mizzuria, Abruzzo e Marche, 2000) paglionaro (LG, uno che si fa le canne, Mantova, 2000) pettone (LG, uno che si buca, Bergamo, 2001) sprizzone (LG, Trento, 1999) strambato (LG, Torino, 2000) toffa (LG, tossicodipendente, Milano, 1998) basare (LG, tirare di cocaina, Milano, 2000) brasare (LG, fumare uno o più spinelli, Es. Mi sono brasato il cervello, Lugano, 1999) (ES, Pavia) calarsi (LG, assumere droghe chimiche, Milano, 1998) (ES, tutta Italia) camogliare (preparare e consumare droghe leggere. Es. Dai! Andiamo a camogliare al Parco Sempione, Mariano Comense, 2000) ciffare (LG fumare marijuana e affini. Es. Ieri sera abbiamo ciffato a manetta, Padova, 2000) cremare (LG, fumare canne. Es. Sono troppo fuso, ho cremato tutto il pomeriggio, Torino, 2000) far su (LG, preparare o rollare una canna, Como e Padova, 2000) gremare (LG riscaldare il fumo. Es. Grema, che poi rollo la kanna, Milano, 2000) intacchinarsi (LG, tipica espressione facciale che si accusa dopo aver fumato molti spinelli, Venezia, 2000) intrupparsi (ES, fare uso di stupefacenti, Torino) pippare (LG, tirare cocaina, Padova, 2005, Voce di tradizione almeno decennale, registrata in Ambrogio Casalegno, con diversi esempi a partire dalla canzone Si va via di Jovanotti del 1994). rollare (LG, fumarsi una canna, Como, 1998) 30

17 Gloria Bazzocchi 31 schiumare (LG, fumarsi una canna. Es. Oh bella, questa sera si schiuma, Milano, 2000) schizzarsi (LG, drogarsi d eroina, Montepulciano, 2000) spruzzarsi (LG, drogarsi con eroina, Milano, 2000) Anche per quanto riguarda l assunzione di alcol, abbondano i sinonimi di sbronza, ubriacatura, ubriacarsi e di nuovo appare uno slang scherzoso e colorito: alcolizzarsi (LG, ubriacarsi, Como, 2000) andare in botta (LG, ubriacarsi, farsi di tutto un po, Pontedera, 2000) avere la gazza (LG, essere ubriaco, Portomaggiore, 2001) basa (LG, ubriacatura. Es. Ho bevuto 10 gin e avevo una basa spaziale, Parma, 2000) berscia (LG, sbronza bella tosta, Ticino, 1999) bresco (LG, ubriaco, Bologna, 1998) cabrio (ES, persona completamente sbronza, quindi aperta come una macchina cabrio, Nordest) cignata (LG, ubriacatura, Montevarchi, 2000) ciocco (LG, ubriaco, Brescia, 2000) ciucco (LG, essere in stato di ebrezza. Padova, 2005) essere in cassa (LG, Quando sei ubriaco che non ci stai dentro, sei in cassa, Bologna, 2001) (ES, Mi sono preso una cassa pesissima, Bologna) essere pieno come una mina (LG, ubriaco, Domodossola, 1998) essere sverso (LG, ubriaco, Monza, 2000, Genova, 2001) filtrare (LG ubriacarsi, Brescia, 2000) imbastito (ES, ubriaco, Cremona) imbrescarsi (LG ubriacarsi, Bologna, 1998) impitonarsi (LG, ubriacarsi, Monza, 1999) mina (LG, forte ubriachezza, Venezia, 2001) mina (LG, ubriacatura, Mantova, Tolmezzo e Tarvisio, 2000) non starci dentro (LG. Es. Ho fumato/bevuto troppo, non ci sto più dentro, Brescia, 1998) piegarsi come una graziella (LG, ubriacarsi e drogarsi in modo esagerato, Milano, 2000) piomba (LG, bevuta veramente letale, Bellinzona, 2000) prendersi una balla (LG, ubriacarsi, Brescia, 2000) 31

18 prendersi una cassa (LG, sbronza, Bologna, 1998) scimmia (LG, sbornia, Fermo, Vicenza, 2000) tega (in) (LG, stato di ubriachezza avanzata. Es. Sono bastate due dita di vino per farmi andare in tega ieri!!!., Padova, 2005) tazzare (LG, bere alcolici. Es. Stasera si può andare a tazzare!, Milano, 2001) tirarsi neri (LG, ubriacarsi, Ticino, 1998) valigia (LG, ciucca, sbornia, Torino, 2000) La riflessione fin qui condotta ci porta a una conclusione cui eravamo arrivati già con il precedente lavoro su Mañas. Infatti, anche in quel caso, rilevammo l apporto fondamentale derivante dall italiano del cosiddetto piano locale poiché, se ci fossimo limitati a lavorare esclusivamente con le parole a lunga durata, non avremmo potuto far rivivere, nella nostra lingua, la creatività e la vivacità linguistica dello scrittore spagnolo. In fin dei conti, si tratta di un apertura alla lingua parlata (a dire il vero, imposta in partenza dall originale) la cui validità abbiamo cercato di supportare anche con esempi tratti da opere di giovani romanzieri italiani. Si è parlato di apertura perché nel panorama letterario italiano il concetto di lingua italiana parlata fatica ancora a farsi strada. Lo conferma la scrittrice Carmen Covito 16 : Da una parte ci sono gli scrittori-letterati che non si sono accorti di niente. La lingua italiana PARLATA? E che cos è? Che vuole? Non si intrometta, non ci infastidisca, ci lasci lavorare. Essi continuano a scrivere in una lingua canonicamente letteraria, tutta impostata sui registri alti se non addirittura aulici, possibilmente vaghi e se proprio non è possibile essere vaghi, allora che la lingua sia perlomeno neutra, liscia, depilata e deodorata da ogni sentore di vita. Quando nei dialoghi di un romanzo non riuscite a distinguere un personaggio dall altro perché tutti parlano allo stesso modo, che è poi il modo del narratore, be, non abbiate dubbi: vi trovate in presenza di uno scrittore-letterato C.N.S.E.A.D.N. (che-non-si-èaccorto-di-niente). 16 «Alla ricerca della lingua italiana: l italiano integrato». Sul sito 32

19 Gloria Bazzocchi 33 Come se la vita fosse una cosa e la letteratura un altra. Pier Vittorio Tondelli 17 ricordava che la lettura delle lettere di presentazione - dal tono colloquiale e personale - che giovani aspiranti scrittori gli recapitavano per allegare i loro manoscritti, spesso era più interessante delle trecento pagine di racconto vero e proprio. Questo lo portava ad affermare: La scrittura ha a che fare con un percorso che insegue tutta la gamma dei linguaggi possibili. Non può e non deve esserci un parametro di letterarietà. Mi piace incoraggiare quelle che sento, nel testo, come trasgressioni rispetto al linguaggio stereotipato di certa letteratura. Il problema fondamentale sta nella consapevolezza di come poter usare il linguaggio. Preferisco senz altro quelle scritture che tentano una mimesi del parlato, che fanno ricorso all uso dello slang giovanile, sempre in continuo aumento. 17 «Tondelli su Tondelli» a cura di Umberto D angelo, Francesco Feola, disponibile alla pagina web: 33

20 Bibliografia AMMANITI, NICCOLÒ (1996), Gioventù cannibale, Torino, Einaudi. BANFI, EMANUELE (1994), «Linguaggio dei giovani, linguaggio giovanile e italiano dei giovani», in DE MAURO, TULLIO, Come parlano gli italiani, BANFI, EMANUELE, SOBRERO ALBERTO, (1992), Il linguaggio giovanile degli anni novanta. Regole, invenzioni, gioco, Bari, Laterza. BAZZOCCHI, GLORIA, in corso di stampa, «La suffissazione valutativa nei romanzi di José Ángel Mañas» in CAPANAGA, P., FERNÁNDEZ, I., La Neologia, Zaragoza, Pórtico. BRIZZI, ENRICO (1995), Jack Frusciante è uscito dal gruppo, Milano, Baldini&Castoldi. CAPANAGA, PILAR (1997), «La creación léxica en Historias del Kronen», in AA.VV., Lo spagnolo d'oggi: forme della comunicazione, Roma, Bulzoni, CAPANAGA, PILAR (2005), «Autenticidad, aloglosia y ruidos en las historias de Mañas», in CALVI, M.V., CHIERICHETTI, L., SANTOS LÓPEZ, J., Percorsi di lingua e cultura spagnola, CARBONELL BASSET, DELFÍN (2000), El Sohez. Gran Diccionario del argot, Barcelona, La Rousse. CORTELAZZO, MANLIO (1994), «Il parlato giovanile», in SERIANNI, L. TRIFON, Storia della lingua italiana, II, Scritto e parlato, GULLÓN, GERMÁN (1996), «Cómo se lee una novela de la última generación (Apartado X)», Ínsula, , MAÑAS, JOSÉ ÁNGEL (1994), Historias del Kronen. Barcelona, Destino. MAÑAS, JOSÉ ÁNGEL (1995), Mensaka, Barcelona, Destino. MAÑAS, JOSÉ ÁNGEL (1996), Soy un escritos frustrado, Madrid, Espasa- Calpe. MAÑAS, JOSÉ ÁNGEL (1998), Ciudad Rayada, Madrid, Espasa-Calpe. MAÑAS, JOSÉ ÁNGEL (1998), Historias del Kronen comentado por Germán Gullón, Barcelona, Destino, Clásicos Contemporáneos Comentados. MAÑAS, JOSÉ ÁNGEL (1999), Sonko95, Barcelona, Destino. MAÑAS, JOSÉ ÁNGEL (2001), Mundo Burbuja, Madrid, Espasa Calpe. MAÑAS, JOSÉ ÁNGEL (2005), Caso Karen, Madrid, Espasa Calpe. 34

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Ser / Estar. In spagnolo esistono due forme per tradurre essere, sono ser ed estar che vanno usate a seconda del contesto. PRETÉRITO PERFECTO

Ser / Estar. In spagnolo esistono due forme per tradurre essere, sono ser ed estar che vanno usate a seconda del contesto. PRETÉRITO PERFECTO Ser / Estar In spagnolo esistono due forme per tradurre ese, sono ed che vanno usate a seconda del contesto. Ser infinitivo: participio: sido gerundio: siendo PRESENTE IMPERFECTO PERFECTO INDEFINIDO FUTURO

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va di Alberto Pagliarino e Nadia Lambiase Una produzione di Pop Economy Da dove allegramente vien la crisi e dove va Produzione Banca Popolare

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

La donna che si baciava con i lupi

La donna che si baciava con i lupi guido catalano La donna che si baciava con i lupi 2010 LeBolleBlu Edizioni 2014 Miraggi Edizioni www.miraggiedizioni.it Progetto grafico Miraggi Il disegno sulla copertina è di Gipi Finito di stampare

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc)

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc) Bemelegítő beszélgetés 1. Vita HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga A vizsgázó példánya (20 perc) E migliore vivere in una casa con giardino in una zona verde che in un appartamento in

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli