Corso di traduzione specialistica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di traduzione specialistica"

Transcript

1 Emmanuela E. Meiwes Corso di traduzione specialistica Elementi teorici, metodologici e applicativi della traduzione in tedesco di testi in ambito turistico II Edizione

2 Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: maggio 2008 I edizione: novembre 2009

3 INDICE 7 Aspetti teorici della traduzione specialistica in ambito turistico. 17 Introduzione 19 Capitolo I Opuscolo di un agriturismo Il lavoro terminologico Poggio del Sole Agriturismo (testo con annotazioni), 19 Poggio del Sole Agritourismus (traduzione), 20 Approfondimento: Il lavoro terminologico, Capitolo II Sito web di un agriturismo I principali procedimenti traduttivi Agriturismo SanGiorgio Orvieto (testo con annotazioni), 27 Agritourismus San Giorgio Orvieto (traduzione con vocabolario), 28 Approfondimento: I principali procedimenti traduttivi, Capitolo III Sito web di un hotel Il testo parallelo Hotel Da Angelo (testo con annotazioni), 37 Willkommen im Hotel Da Angelo (traduzione con vocabolario), 42 Approfondimento: Il testo parallelo, Capitolo IV Guida turistica Tipologia di testo e strategia traduttiva 5

4 6 Argentario Viaggio tra Porto S. Stefano e Porto Ercole (testo con annotazioni), 59 Argentario Eine Reise von Porto S. Stefano nach Porto Ercole (traduzione con vocabolario), 65 Approfondimento: Tipologia di testo e strategia traduttiva, Capitolo V Programma di uno spettacolo Tradurre la metafora UMBRIA JAZZ WINTER A ORVIETO (testo con annotazioni), 79 Umbria Jazz Winter in Orvieto (traduzione con vocabolario), 81 Approfondimento: Tradurre la metafora, Capitolo VI Guida turistica letteraria Il lessico in ambito turistico S. Andrea (testo con annotazioni), 91 Die Kirche S. Andrea (traduzione con vocabolario), 92 Approfondimento: Il lessico in ambito turistico, Fonti 99 Bibliografia

5 Aspetti teorici della traduzione specialistica in ambito turistico La traduzione è una forma di comunicazione verbale che a sua volta può essere considerata un azione verbale. Questa visione della traduzione come azione ha portato due dei più importanti studiosi di traduttologia a definire la traduzione un offerta d informazione specifica in rapporto ad un offerta d informazione già esistente. La localizzazione della teoria dello skopos (Skopostheorie) di Reiß/Vermeer (1984) all interno di una teoria dell azione garantisce l ampio respiro della proposta e lo rende una teoria generale della traduzione (Allgemeine Translationstheorie). Le teorie non possono mai dare un immediato contributo a un miglioramento di qualsiasi prassi, tantomeno per quanto riguarda la prassi della traduzione che implica, come vedremo in seguito, molti momenti difficilmente controllabili dalla ragione come le associazioni o l intuizione. Ma siamo altrettanto convinti che la riflessione teorica di una prassi possa rendere questa più trasparente e offrire, a chi è coinvolto in un processo di apprendimento, un linguaggio chiaro, coerente e didatticamente utile. In questa introduzione, cercheremo quindi di dare una risposta alla domanda che cosa è la traduzione e come funziona, ricorrendo alla teoria dello skopos di Reiß/Vermeer (1984) e alla proposta di uno schema mentale del processo traduttivo di Hönig ( ). In un secondo momento ci concentreremo sull ambito comunicativo trattato in questo volume, cioè la traduzione di testi appartenenti al discorso turistico. Vedremo gli aspetti particolari che caratterizzano il linguaggio specialistico e in particolare quello turistico e discuteremo l approccio traduttivo adatto alla traduzione dei testi in oggetto. 1. Teorie della traduzione come azione comunicativa e costruzione mentale Reiß/Vermeer (1984) elaborano una teoria della traduzione (Translation) (che comprende sia la mediazione scritta che orale) che si basa su riflessioni generali indipendentemente dalle lingue e dalle culture coinvolte nel processo di traduzione. La particolarità del loro approc- 7

6 8 Aspetti teorici della traduzione specialistica in ambito turistico cio teorico alla traduzione sta nell inserimento del loro pensiero in una teoria generale dell azione. Il linguaggio è considerato una forma di comportamento, un comportamento comunicativo, una forma specifica di comportamento basata sull interazione (Reiß/Vermeer 1984:34). Alla stessa stregua la traduzione è una forma complessa di comportamento comunicativo. All inizio c è la produzione di un testo da parte di una persona, che, vivendo in mondi reali e immaginari (reale und fiktive Welten), produce questo testo in un determinato luogo e in un determinato momento. Con la produzione di questo testo il suo autore entra in comunicazione con altri, i destinatari o recipienti del testo. Il tutto avviene in un determinato ambiente culturale e linguistico ed è influenzato dalle condizioni personali e sociali di chi è coinvolto in quest atto di comunicazione. Il traduttore, nell atto della trasposizione, riprende il testo originale, lo interpreta, lo traspone in un altra lingua e cultura e lo propone nella forma di testo tradotto ad altri destinatari. Anche questo secondo atto di comunicazione è inserito in una determinata situazione culturale e linguistica ed è determinato dalle condizioni e dagli interessi di chi è coinvolto in questo processo. Perciò Reiß/Vermeer (1984) affermano che qualsiasi teoria della traduzione sia in doppio senso indissolubilmente allacciata sia ad una teoria ermeneutica di comprensione testuale sia ad una teoria costruttiva di produzione testuale 1. Il significato del testo di partenza non è quindi soltanto un significato linguistico ma un significato determinato dall uso che se ne è fatto o se ne fa. La traduzione interlinguale è quindi qualcosa di più della ricerca di una mera corrispondenza a livello di strutture linguistiche: essa è una forma particolare di trasposizione culturale (Kulturtransfer). Gli studiosi definiscono la traduzione un offerta d informazione specifica in rapporto a un offerta d informazione già esistente ( Ein Translat ist somit als Informationsangebot bestimmter Sorte über ein 1 In Ch. Nord (1988) si trova una dettagliata e esaustiva descrizione degli aspetti da considerare nella fase dell analisi testuale. Anche nell approccio della Nord (1988), quest analisi dei fattori esterni e interni, sussegue, nel processo di traduzione, comunque la fase iniziale dell analisi della finalità (dello skopos) del testo d arrivo: Der erste Schritt im Translationsprozess ist die Analyse der Zieltextvorgaben, d.h. der Faktoren, die für die Realisierung eines gegebenen Skopos in gegebener (intendierter) Kommunikationssituation (...), in welcher der ZT als Botschaftsträger fungieren soll, relevant sind (Nord 1988:37).

7 Aspetti teorici della traduzione specialistica in ambito turistico 9 Informationsangebot darstellbar (Reiß/Vermeer 1984:19) oppure come imitatio di un offerta d informazione (ibidem:19). Con il termine informazione, essi intendono funzione linguistica in generale e spiegano che essa corrisponde alla funzione descrittiva del linguaggio che già Bühler (1936) aveva considerato primaria (v. Reiß/Vermeer 1984:66). Gli autori inseriscono il loro concetto di traduzione in una teoria generale d azione e definiscono il termine azione attraverso due funzioni: la funzione della situazione data e la funzione dell intenzione ovvero dello skopos dell azione (v. Reiß/Vermeer 1984:98). Un azione, e quindi anche una traduzione, è sempre intenzionata e si ritiene riuscita quando essa può essere descritta come adeguata alla sua finalità. In una teoria della traduzione come teoria particolare dell azione si parte sempre da una situazione data, in cui esiste già un testo di partenza come risultato di un azione antecedente. Con la traduzione si pone la domanda se, con che cosa e come si vuole continuare l azione antecedente (v. Reiß/Vermeeer 1984:95). Riportiamo quindi lo schema riassuntivo di una teoria generale di traduzione come teoria di un azione complessa (komplexe Handlungstheorie): (1) La traduzione dipende dal suo scopo. Per determinare la finalità di una traduzione, cioè il suo scopo, bisogna conoscere (o avere un idea) il suo destinatario. Lo scopo di un azione è dominante rispetto al modo di agire. La traduzione è una forma di azione interazionale per cui anche per la traduzione vale la regola che il raggiungimento dello scopo di una traduzione è più importante del modo in cui si traduce. Per differenti parti di un testo possono esistere diversi scopi. Può essere necessario stabilire una gerarchia di scopi (v. Reiß/Vermeer 1984:100); (2) la traduzione è un offerta d informazione in una cultura e lingua d arrivo in rapporto ad un offerta d informazione già esistente in una cultura e lingua di partenza; (3) la traduzione riproduce un offerta d informazione in modo univoco, ma non reversibile; (4) la traduzione dev essere coerente in se stessa. La coerenza intratestuale è primaria rispetto alla coerenza con il testo di partenza; (5) La traduzione dev essere coerente con il testo di partenza; (6) Le regole qui indicate sono presentate in ordine gerarchico ( concatenate ) (v. Reiß/Vermeer 1984:119).

8 10 Aspetti teorici della traduzione specialistica in ambito turistico Una potenziale relazione specifica tra il testo di partenza e il testo d arrivo è l equivalenza. E da escludere un rapporto d identità tra due testi poiché esso non è possibile da un punto di vista logico; la congruenza, come riproduzione univoca (eindeutige Abbildung), è un concetto troppo forte di relazione tra due testi; l equivalenza invece è considerata una relazione più debole ma imprescindibile (v. Vermeer/Reiß 1984:125). Il traduttore mira all equivalenza tra testo di partenza e testo d arrivo che oltre all equivalenza verbale comprende anche tutti gli altri fenomeni culturali. La traduzione diventa in questo senso trasferimento culturale. Il traduttore deve quindi conoscere la cultura di partenza e quella d arrivo ed essere bi-culturale (v. Reiß/Vermeer 1984:26). Essa può riferirsi a parti di testo o al testo intero e può riguardare vari aspetti testuali tra cui i più importanti sono il contenuto, la forma o lo stile e la funzione testuale. Stabilire l equivalenza nella differenza rimane un compito difficile per il linguista e per il traduttore e fu definito da Jakobson (1959/1966:58) il problema centrale del linguaggio stesso. Koller (1979: ) propone una dettagliata descrizione delle diverse articolazioni del concetto di equivalenza traduttiva: (a) l equivalenza denotativa (denotative Äquivalenz) si riferisce al contenuto espresso in un determinato testo; (b) l equivalenza connotativa (konnotative Äquivalenz) riguarda lo stile e la varietà linguistica, (c) l equivalenza normativa testuale (textnormative Äquivalenz) è riferita alla correttezza linguistica e testuale; (d) l equivalenza pragmatica (pragmatische Äquivalenz) ha come riferimento il destinatario del testo d arrivo e implica aspetti culturali e situativi; (e) l equivalenza formale estetica (formal-ästhetische Äquivalenz) riguada gli aspetti formali ed estetici di testi letterari ma anche di testi non letterari. A questi tipi di equivalenza si aggiungono (Königs 1981:85 citato da Reiß/Vermeer 1984:130) (f) l equivalenza funzionale (funktionale Äquivalenz) orientata al mantenimento della funzione del testo di partenza e (g) l equivalenza finalistica (finalistische Äquivalenz) che mira al raggiungimento della finalità del testo d arrivo. Per Reiß/Vermeer (1984) quest ultima è prioritaria. Non avendo più la funzione testuale il primato nella traduzione, prima di parlare di una traduzione equivalente, la traduzione dev essere secondo gli autori adeguata rispetto allo skopos della traduzione ovvero alla finalità, che si vuole raggiungere. ( Adäquatheit

9 Aspetti teorici della traduzione specialistica in ambito turistico 11 bei der Übersetzung eines Ausgangstextes (bzw. -elements) bezeichnet die Relation zwischen Ziel- und Ausgangstext bei konsequenter Beachtung eines Zweckes (Skopos), den man mit dem Translationsprozeß verfolgt (Reiß/Vermeer 1984:140)). L equivalenza funzionale è quindi una forma specifica di adeguatezza, che si manifesta quando si presuppone la stessa funzione testuale per il testo di partenza e il testo d arrivo (v. Reiß/Vermeer 1984:140). Se la strategia di traduzione dipende dalla finalità della stessa, non sono più i testi che richiedono una determinata strategia di traduzione 2 e non esiste più una strategia di traduzione preferenziale a prescindere dallo skopos della traduzione 3. In relazione ai differenti skopoi possono esistere infatti diverse strategie di traduzione (Reiß/Vermeer 1984:35 e 134): (a) la traduzione parola per parola (wortgetreue Übersetzung) oppure versione interlineare (ad es. la traduzione di testi la cui lingua non è ancora decifrata); (b) la traduzione letterale (wörtliche Übersetzung) rispetta le regole grammaticali e stilistici della lingua d arrivo (usata per lo più nell insegnamento di una lingua straniera per controllare le conoscenze acquisite dello studente; (c) la traduzione filologica (gelehrte Übersetzung), che implica l imitazione della sintassi, del lessico e della pragmatica del testo di partenza (applicata ad es. nella traduzione di testi filosofici o di testi appartenenti alla letteratura classica antica); (d) la traduzione comunicativa che mantenendo e imitando la funzione comunicativa del testo di partenza cerca di essere equivalente al testo di partenza nella sintassi, nel lessico e nella dimensione pragmatica (strategia di traduzione che oggi viene seguita per la maggior parte delle traduzioni); (e) la traduzione o trasposizione creativa che ha luogo dove nella cultura d arrivo mancano concetti, modi di pensare, idee e anche certi oggetti. 2 ad es. le strategie della overt translation o covert translation di House (1997) seconda la tipologia del testo da tradurre. La House (1981:194) attribuisce ad es. the Tourist Information Booklet ai tipi di testi di partenza che necessitano di una traduzione coperta (covert translation) e dice: In a covert translation, the translator has to place a cultural filter between ST and TT; he has to, as it were, view ST through the glasses of a target culture member. (House 1981:196s.). 3 Si confrontano ad esempio le opposte strategie di traduzione da adattare per la traduzione della Bibbia di Eugene Nida (1959) e Henri Meschonnic (1999) come le differenti idee sul metodo di traduzione espressi da Lutero (1998/1530) e Friedrich Schleiermacher.

10 12 Aspetti teorici della traduzione specialistica in ambito turistico Dopo questa descrizione finalistica della traduzione come azione verbale, cerchiamo con Hönig di dare una sguardo su quello che succede nella mente di un traduttore. Hönig ( ) considera la traduzione un complesso processo mentale di costruzione di un testo d arrivo. Nella formazione dei traduttori, l autore ritiene di prima importanza sviluppare la coscienza propria (Selbstbewusstsein) dello studente/traduttore sulla base di una conoscenza (Bewusstsein) dei fattori e dei procedimenti che guidano questo processo costruttivo di traduzione. Consideriamo quindi con Hönig (1997) 2 la traduzione un processo di costruzione mentale che parte da un incarico di traduzione di un testo reale, situato in una determinata situazione comunicativa, e si conclude con la consegna del testo d arrivo al richiedente. Il processo mentale di traduzione inizia con la proiezione del testo di partenza nella mente del traduttore, dove diventa oggetto di successivi processi di elaborazione mentale. Hönig distingue tra due spazi di elaborazione: uno spazio controllato ed uno spazio non-controllato. Nei processi non controllati di elaborazione si fa riferimento a scenes e frames (v. Fillmore 1974) 4. Contestualmente si creano aspettative rispetto al contenuto ed alla struttura globale del testo. Nella traduzione, queste aspettative sono proiettate verso il testo di arrivo ed influenzano tutti i successivi processi. A questo punto, il traduttore elabora una strategia globale (Makrostrategie) di traduzione fissando le coordinate di riferimento alle quali il testo d arrivo deve rispondere: devono essere chiarite la finalità della traduzione, i destinatari e il medium di presentazione della traduzione; devono essere rese esplicite ed oggettive le associazioni personali riguardo al tema del testo e deve essere individuata la struttura del testo e la funzione delle singole parti. Solo adesso inizia la vera fase di traduzione. Hönig suppone per questa fase la presenza di processi situati sia nello spazio controllato 4 Nell essay Scenes-and-frames semantics Charles J. Fillmore (1974) commenta i due concetti: I intend to use le word scene ( ) in a maximally general sense, to include not only [gestalt-like] visual scenes but familiar kinds of interpersonal transactions, standard scenarios, familiar layouts, institutional structures, enactive experiences, body image; and, in general, any kind of coherent segment, large or small, of human beliefs, actions, experiences, or imaginings. I intend to use the word frame for referring to any system of linguistic choices (the easiest cases being collections of words, but also including choices of grammatical rules or grammatical categories - that can get associated with prototypical instances of scenes (1974: 63).

11 Aspetti teorici della traduzione specialistica in ambito turistico 13 della mente sia nello spazio non-controllato. Nello spazio controllato (Kontrollierter Arbeitsraum) hanno luogo le microstrategie di traduzione (regole e strategie ricorrenti) accompagnate da un continuo monitoraggio (monitoring). Lo spazio non-controllato (nicht kontrollierter Arbeitsraum) invece sarà arricchito dalla competenza di associazione, che sembra corrispondere alla competenza innata di un traduttore. I due spazi collaborano tra di loro: così troviamo da un lato le richieste di conferma e di decisione dallo spazio non-controllato verso quello controllato e dall altro lato le richieste di ricerca e d intuizione mirata da parte dello spazio controllato verso lo spazio non controllato. Nel testo d arrivo confluiscono quindi dati provenienti da quattro punti diversi: (1) il riflesso linguistico del primo contatto tra il testo di partenza con lo spazio non-controllato; (2) l associazione automatizzata, che parte dallo spazio non-controllato dopo l elaborazione della strategia globale di traduzione; (3) il prodotto finale di una microstrategia accettata dal processo di monitoraggio nello spazio controllato; (4) il prodotto finale dell interazione tra spazio non-controllato e spazio controllato. In quest ultimo caso il momento decisivo per la formulazione del testo d arrivo può esser frutto sia di un atto di controllo da parte del monitoraggio sia di un atto non controllato (intuitivo oppure automatizzato). 2. Linguaggi speciali e il linguaggio specialistico del turismo Caratteristica importante dei linguaggi specialistici è il loro riferimento ad un limitato ambito comunicativo e un determinato dominio extralinguistico: Fachsprache das ist die Gesamtheit aller sprachlichen Mittel, die in einem fachlich begrenzbaren Kommunikationsbereich verwendet werden, um die Verständigung zwischen den in diesem Bereich tätigen Menschen zu gewährleisten (Hoffmann 1985:53). Oltre a questa definizione che si riferisce ai vari ambiti comunicativi e che porta a una differenziazione orizzontale dei linguaggi speciali, diversi studiosi hanno cercato di collocare i linguaggi specialistici su di una scaletta secondo il loro grado di astrazione (differenziazione verticale). Si va quindi da linguaggi speciali con un altissimo grado di astrazione, caratterizzati dall uso di simboli nell ambito della ricerca di base tra scienziati ad un linguaggio specialistico con un livello di astrazione molto basso, che utilizza un linguaggio comune con alcuni termini specifici, ad es. il linguaggio par-

12 14 Aspetti teorici della traduzione specialistica in ambito turistico lato nell ambito del consumo di beni tra venditore e consumatore (v. Hoffmann 1985:66). Nella letteratura sul linguaggio specialistico (Fachsprachen) ricorrono inoltre liste di caratteristiche lessicali, sintattiche e stilistiche dei linguaggi speciali. Secondo queste descrizioni lo stile dei linguaggi speciali sarebbe semplice (schmucklos), lineare (linear) e denso (dicht). Il lessico è un lessico specifico con una specifica terminologia, abbreviazioni, composti nominali e aggettivali. Il confine tra questo lessico speciale e il lessico comune rimane tuttavia abbastanza sfumato. Per quanto riguarda la sintassi dei linguaggi speciali, la particolarità si trova nella frequenza d uso di determinate strutture morfologiche e sintattiche (v. Fluck 1996:12). La sintassi si contraddistingue per uno stile nominale, cioè la presenza massiccia di nomi e verbi nominalizzati, per la presenza di aggettivi descrittivi, per un uso diffuso della voce passiva nei verbi, per la preferenza, per quanto riguarda la lingua tedesca, di espressioni verbali complesse (Funktionsverbgefüge), e per la mancanza del dialogo e del linguaggio metaforico (v. Stolze 1999:93). Inoltre avviene una semplificazione della struttura del periodo e si possono notare modifiche nell uso dei verbi modali (v. Scarpa 2001:39ss.). Per il linguaggio turistico non si può stabilire un unico dominio e- xtralinguistico, ma dobbiamo fare riferimento a una serie di domini extralinguistici: Tale multidisciplinarietà contraddistingue il discorso turistico che vede proprio nell inafferrabilità e ibridismo settoriale una delle sue caratteristiche principali (Nigro 2006:51). Inoltre il linguaggio specialistico del turismo rappresenta diversi gradi di astrazione. Troviamo quindi testi scientifici di ricerca nel campo dell economia, della sociologia o della psicologia turistica con un alto grado di astrazione, testi con un medio grado di astrazione nella comunicazione tra tour operator ed agenzie di viaggio e testi con un basso grado di astrazione nelle pubblicazioni rivolte al consumatore finale del prodotto turistico. Per quanto riguarda la comunicazione con il turista, nei vari testi si possono identificare riferimenti relativi a vari settori disciplinari come la geografia, la storia, la storia dell arte, l architettura e la gastronomia, come vedremo nei testi proposti in questo volume. Per quanto riguarda invece la comunicazione interna e quella scientifica si possono identificare riferimenti relativi a settori disciplinari come l economia, la sociologia e la psicologia. A livello testuale troviamo

13 Aspetti teorici della traduzione specialistica in ambito turistico 15 per ogni linguaggio specialistico degli schemi compositivi specifici. La comunicazione scientifica in ambito turistico utilizza la monografia, il saggio e l articolo scientifico. La comunicazione interna prevede comunicazioni, rapporti, statistiche. La comunicazione con il consumatore del prodotto turistico avviene attraverso l uso di pieghevoli, brochure, manifesti turistici, guide turistiche e siti web. Nella comunicazione con il viaggiatore troviamo inoltre le cosiddette parole chiavi della promozione turistica come via, avventura, sogno, piacere, relax, indimenticabile (v. Nigro 2006:55), che pur provenendo dal linguaggio comune acquisiscono nel discorso turistico una funzione tecnica di promozione. Altra caratteristica è l uso di parole straniere, che trasmettono un aria folcloristica ed invitano a familiarizzare con il diverso (das Fremde). Tipico del linguaggio promozionale è anche l uso di un linguaggio metaforico, generalmente soppresso in altri linguaggi specialistici. Come altri linguaggi specialistici, anche il discorso turistico fa uso della rideterminazione semantica, della formazione di sigle, abbreviazioni ed acronimi e della creazione di nuove parole composte che per il tedesco sono frequentemente composti i- bridi inglese-tedesco. Per quanto riguarda la morfosintassi, un fenomeno molto frequente nei testi pubblicitari in ambito turistico è la nominalizzazione e l estensione/modifica del sintagma nominale con attributi come aggettivi, participi o frasi relative, che rendono il linguaggio turistico piuttosto esteso e talvolta di non facile lettura. Nei testi di promozione turistica si dovrà inoltre prestare attenzione all uso particolare del genus verbi e alla funzione pubblicitaria di un linguaggio enfatico e metaforico. Da notare sono anche varie forme di coinvolgimento del lettore ad es. attraverso l uso della 1 persona plurale oppure attraverso il discorso diretto. Particolare, per quanto riguarda il linguaggio turistico, è anche la scelta di determinate prospettive per la descrizione di servizi o prodotti preferendo verbi che a livello semantico esprimono un azione. 3. La traduzione di testi in ambito turistico I fenomeni del viaggio e della scoperta implicano per definizione il concetto del trasferimento. I testi prodotti nell ambito del turismo per la comunicazione con il viaggiatore rispecchiano questo trasferimento come transfer (trasposizione) intralinguistico, intersemiotico e interlinguistico. Si può parlare di trasposizione intralinguistica poiché il

14 16 Aspetti teorici della traduzione specialistica in ambito turistico linguaggio del turismo risulta un linguaggio specialistico con il suo specifico lessico, le sue particolari strutture morfosintattiche e i suoi tipici testi. La descrizione verbale delle opere d arte, delle città e delle bellezze naturali di un luogo da parte di un autore di guide si basa sul trasferimento intersemiotico da un codice visivo a un codice verbale. Ed essendo la bellezza e la cultura valori universali, essi sono messi a disposizione a tutta l umanità nelle diverse lingue. Le traduzioni di testi destinati alla comunicazione con il potenziale o reale turista (straniero) hanno in generale come i loro originali una funzione di informazione e di promozione di un determinato territorio, di beni culturali o di strutture di servizio. Presupponendo quindi la stessa finalità comunicativa tra testo di partenza e testo d arrivo, proponiamo una strategia di traduzione comunicativa che cerca di osservare l equivalenza pragmatica. Tuttavia le singole parti di un testo possono avere funzioni testuali differenti che necessitano di rispettive strategie traduttive. Un analisi dettagliata della funzionale pragmatica del testo di partenza è quindi fondamentale per una traduzione adeguata (v. cap. IV di questo volume). Il lavoro con testi paralleli, che si basa sulla identità funzionale tra testo di partenza e testo d arrivo, aiuta a fare le corrette scelte linguistiche (frames) per la realizzazione di determinati concetti (scenes) (v. cap. III). L equivalenza normativa testuale si riferisce alla correttezza lessicale e sintattica della traduzione. La traduzione corretta di singole unità di traduzione si basa sulla conoscenza di procedimenti traduttivi e figure traduttologiche (v. cap. II). Il rispetto di una specifica terminologia porta alla stesura di glossari terminologici (v. cap. I) e alla riflessione su adeguate strategie per la traduzione di metafore e nomi propri (cap. V e VI).

15 Introduzione L insegnamento della traduzione dalla lingua madre alla lingua straniera nei corsi universitari di Mediazione linguistica ha, da un punto di vista didattico, almeno tre obiettivi. Il corso di traduzione serve innanzitutto a garantire la continuità dell apprendimento della lingua straniera dopo i corsi di lingua dei primi anni. Per sua natura esso intende poi sviluppare una competenza traduttiva generale che stimoli lo studente anche ad una riflessione sul processo di traduzione e alla conoscenza degli strumenti fondamentali del mestiere del traduttore. Il terzo obiettivo consiste nell acquisizione di un lessico specifico ed una competenza testuale precisa lavorando, come in questo caso, su testi che provengono dall ambiente turistico. La scelta di questo settore è dovuta ad una richiesta piuttosto alta di traduzioni in lingua straniera, eseguite anche da traduttori non madre lingua. Questo Corso di traduzione si basa quindi sulla scelta di testi significativi che permettono: (1) di analizzare la sintassi della lingua tedesca focalizzando le principali difficoltà, come l uso degli articoli, dei pronomi avverbiali oppure le costruzioni participiali e di affrontare la traduzione del linguaggio metaforico, spesso non immediatamente riconoscibile all occhio dello studente traduttore. (2) di conoscere la terminologia tecnica della traduzione e di riflettere sul processo di traduzione, prestando particolare attenzione alla comprensione del testo di partenza. Si vuole stimolare lo studente a individuare la finalità comunicativa di ogni singola traduzione, scegliendo consapevolmente le rispettive strategie traduttive, fargli conoscere l utilità di testi paralleli e portarlo alla creazione di un glossario. (3) di acquisire la terminologia specifica dei testi turistici, come il linguaggio della descrizione delle strutture di pernottamento e di ristorazione, i termini dell artigianato, le espressioni per alimenti e bevande, la terminologia storica, artistica ed architettonica, i nomi di monumenti e di strutture di utilità pubblica, ma anche la terminologia propria di questi testi, come ad esempio la descrizione di itinerari, dell ambiente oppure la traduzione adeguata di nomi propri. 17

16 18 Introduzione Ogni capitolo è suddiviso in un testo in lingua italiana, proveniente dalla comunicazione turistica, provvisto di commento e consigli per la traduzione; segue poi una proposta di traduzione del testo in lingua tedesca 1, completata da un elenco dei vocaboli più importanti. Conclude la sezione un approfondimento teorico-metodologico, in cui verranno trattate alcune tecniche legate al lavoro traduttivo. 1 Le traduzioni dei vari testi proposte in questo volume hanno finalità prevalentemente didattiche. Si è cercato, da una parte di motivare le singole scelte traduttive e, dall altra, di non discostarsi troppo, se non quando necessario, dal testo di partenza.

17 Capitolo I Opuscolo di un agriturismo Il lavoro terminologico Testo A: Agriturismo Poggio del Sole Poggio del Sole AGRITURISMO (1) Azienda Agricola Bassetti L agriturismo Poggio del Sole (2) deve il suo nome alla piacevole 5 ed assolata posizione tra le incontaminate colline umbre (3). L antico casale completamente ristrutturato offre comfort e semplicità (4) ed è soprattutto pronto ad accogliere chiunque (5) sia in cerca di relax e voglia ritemprare il proprio spirito. I buongustai a- vranno la certezza di assaporare le specialità gastronomiche della 10 migliore tradizione umbra, preparate con olio extravergine di produzione propria e accompagnate dall ottimo vino della casa (6). Le camere accoglienti e luminose sono finemente arredate e dotate servizi privati, a disposizione degli ospiti una caratteristica dépendance con giardino e in assoluta privacy (7). Piscina 15 panoramica (8), trekking, tennis tavolo, beach volley ed escursioni in mountain bike sono disponibili per un sano divertimento (9). Nelle valli adiacenti a Poggio del Sole è possibile visitare il borgo medievale di San Gemini ed il suo rinomato centro di cure termali, le rovine dell antica provincia romana di Carsulae con il suo 20 possente parco archeologico, la foresta fossile di Dunarobba e bellissima Cascata delle Marmore. Dall ottima posizione in cui sorge l agriturismo Poggio del Sole sono facilmente raggiungibili le più importanti città d arte (10) del centro Italia: Todi, Orvieto, Spoleto, Assisi, Amelia, Narni, Perugia 25 e Roma (a soli 100 chilometri). (1) Con il termine agriturismo si intende qui una struttura di pernottamento. Per la traduzione del termine in tedesco si è affermato oggi il prestito Agritourismus a- dattato all ortografia tedesca. Si trova anche la versione Agrotourismus. Una traduzione alternativa è Ferienbauernhof. 19

18 20 Capitolo I (2) Per una migliore comprensione del significato della frase si consiglia di aggiungere al nome proprio la traduzione letterale. (3) Invece di tradurre le colline al plurale abbiamo preferito scegliere un nome collettivo [iperonimia]. (4) Possiamo tradurre i due sostantivi con un sostantivo specificato da un aggettivo [ristrutturazione]. (5) In it. chi è un pronome doppio, in quanto unisce in sé la funzione di pronome determinativo o indeterminativo e la funzione di pronome relativo; il ted. non conosce questo comportamento sintattico del pronome relativo. (6) ottimo vino della casa: exzellenter Wein [sintagma semi-rigido] oppure Hauswein [neologismo usuale]. (7) anglicismo non usuale in tedesco. (8) In ted. non esiste la forma aggettivale del lemma Panorama. (9) collocazione, cioè sequenza di parole che tendono a presentarsi in combinazioni stabili tra loro, non usuale in ted.. (10) Kunststädte: creazione usuale, calco dall italiano. Traduzione Poggio del Sole AGRITOURISMUS Landwirtschaftlicher Betrieb Bassetti Der Agritourismus Poggio del Sole (wörtl: Sonnen-Hügel) verdankt seinen Namen der schönen und sonnigen Lage in der unberührten Hügellandschaft Umbriens. Das alte Landhaus wurde vollständig umgebaut und bietet seinen Gästen heute einen schlichten Komfort. Wir freuen uns auf alle, die bei uns Entspannung suchen und hier ihren Geist stärken wollen. Feinschmecker unter Ihnen werden gewiss von unseren gastronomischen Spezialitäten kosten, die wir in bester umbrischer Tradition mit nativem Olivenöl aus eigener Herstellung zubereiten. Dazu bieten wir Ihnen gerne unsere exzellenten Weine an. Die hellen und freundlichen Zimmer sind geschmackvoll eingerichtet und mit Bad und Toilette ausgestattet. Einen vollkommen ungestörten Urlaub können unsere Gäste in einem Nebengebäude mit eigenem Garten verbringen. Für eine aktive Freizeitgestaltung bietet Poggio del Sole Ihnen einen wunderschön gelegenen Swimmingpool. Außerdem können Sie wan-

Corso di traduzione specialistica

Corso di traduzione specialistica Emmanuela E. Meiwes Corso di traduzione specialistica La traduzione in tedesco di testi in ambito turistico ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Liceo Chiabrera Martini Classico-Linguistico-Artistico 17100 Savona Via Caboto, 2 - Tel. 019/821277-8 Fax 019/821277 Cod. fis. 92090320091 Cod. Mecc. SVIS00800D E-mail: classico@liceochiabrera.it www.chiabreramartini.it

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

La traduzione, per quanto attività linguistica, riguarda più propriamente la semiotica.

La traduzione, per quanto attività linguistica, riguarda più propriamente la semiotica. La traduzione, per quanto attività linguistica, riguarda più propriamente la semiotica. La semiotica è quella scienza che studia il sistema di segni o strutture e le sue funzioni. Il processo traduttivo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA RIFLESSIONE SULLA LINGUA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado ü L alunno interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostiene

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Il processo traduttivo

Il processo traduttivo Il processo traduttivo Fase propedeutica o preparatoria: 1. scelta di una macrostrategia traduttiva (ossia l obiettivo che il traduttore si prefigge a livello teorico generale in base alle istruzioni del

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

Programmazione di italiano per competenze

Programmazione di italiano per competenze Programmazione di italiano per 0050_GU042400775T@0013_0018.indd 13 10/03/15 09.34 Primo anno Lingua Primo anno Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione

Dettagli

LA LINGUA TEDESCA IN LETTERATURA, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE TEORIE E METODOLOGIE A CONFRONTO

LA LINGUA TEDESCA IN LETTERATURA, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE TEORIE E METODOLOGIE A CONFRONTO LA LINGUA TEDESCA IN LETTERATURA, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE TEORIE E METODOLOGIE A CONFRONTO 3 Direttori Roberto BERTOZZI Università degli Studi Gabriele d Annunzio di Chieti Pescara Demeter Michael

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO Livello di base non raggiunto Non ha raggiunto tutte le competenze minime previste nel livello di base Riconosce ed utilizza le strutture linguistiche di base Comprende

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa)

LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa) LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa) Competenze europee: 1. LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA: che

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Secondaria di Primo Grado Scuola Secondaria di 1 Grado Classe II Sez. C Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Il testo

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI INGLESE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI INGLESE classe prima LE ESSENZIALI DI INGLESE comprendere e decodificare semplici testi e/o messaggi orali e scritti comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti di vita quotidiana (famiglia, acquisti,

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE OBIETTIVI FORMATIVI (LINGUISTICO) LINGUA INGLESE Obiettivi formativi del Biennio Funzioni linguistico-comunicative - Funzioni linguistico-comunicative necessarie

Dettagli

Programmi. Algoritmi scritti in un linguaggio di programmazione

Programmi. Algoritmi scritti in un linguaggio di programmazione Programmi Algoritmi scritti in un linguaggio di programmazione Sistema operativo:programma supervisore che coordina tutte le operazioni del calcolatore Programmi applicativi esistenti Sistemi di videoscrittura

Dettagli

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Agnese Vardanega L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Fare ricerca sociale con i dati testuali ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi PROGRAMMAZIONE ELABORATA DAL DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO VIAN La programmazione di Dipartimento ha carattere indicativo dei contenuti ritenuti imprescindibili per ciascun anno, i quali potranno essere

Dettagli

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE Classe 1^ Scuola Secondaria di I Grado COMPETENZA DI OBIETTIVI DI RIFERIMENTO APPRENDIMENTO Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente 1.1 Ascoltare per intervenire in modo pertinente nelle conversazioni.

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME OBIETTIVI 1. Acquisizione di competenza linguistica in vari campi del sapere 2. Oggettivazione e formalizzazione delle strutture linguistiche,

Dettagli

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe a comprendere testi di vario tipo. Colori Oggetti di uso comune Animali domestici Numeri (-0) Identificare la corrispondenza parole/immagini e viceversa di : colorioggetti-animali-numeri

Dettagli

La comunicazione e il linguaggio

La comunicazione e il linguaggio Linguaggio = sistema di simboli, suoni, significati e regole per la loro combinazione che costituisce la modalita primaria di comunicazione tra gli esseri umani Caratteristiche fondamentali del linguaggio:

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALESSANDRO ANTONELLI TORINO PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 Tenendo conto dei programmi ministeriali, delle indicazioni metodologiche, degli obiettivi

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sa usare la comunicazione orale e scritta per collaborare e interagire positivamente con gli altri

Dettagli

LINGUA E CULTURA STRANIERA

LINGUA E CULTURA STRANIERA LINGUA E CULTURA STRANIERA LICEO CLASSICO LINEE GENERALI E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera deve procedere lungo due assi fondamentali tra loro interrelati: lo sviluppo di competenze

Dettagli

LA NOSTRA FILOSOFIA : La SCUOLA

LA NOSTRA FILOSOFIA : La SCUOLA LA NOSTRA FILOSOFIA : La SCUOLA Il Centro Linguistico Mappamondo in collaborazione con la Top One Tour Operator opera con il proposito di offrire ai suoi ospiti (studenti, turisti in viaggio in Italia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI POTENZIAMENTO LINGUISTICO a.s. 2013/2014

PROGETTAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI POTENZIAMENTO LINGUISTICO a.s. 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA di 1 GRADO «U. NOBILE» Ciampino PROGETTAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI POTENZIAMENTO LINGUISTICO a.s. 2013/2014 PREMESSA Le motivazioni che spingono ad elaborare un progetto di avviamento

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione SETTORE TECNOLOGICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE ARTICOLAZIONI BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI, BIOTECNOLOGIE SANITARIE SETTORE ECONOMICO DIRIGENTI DI COMUNITÀ SEDE CENTRALE: Via Cantù 39-41-43-34134 Trieste

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

CURRICOLO di ITALIANO classe terza

CURRICOLO di ITALIANO classe terza CURRICOLO di ITALIANO classe terza 1 TERZA NUCLEO DISCIPLINARE: A COLTO E PARLATO OBIETTIVO GENERALE: A - ascoltare, comprendere e comunicare oralmente CONTENUTI ATTIVITA Ascolto e comprensione di testi

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO

PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO ITALIANO INDICATORE DISCIPLINARE Sviluppare le abilità di base come l ascoltare, il parlare, il leggere e lo scrivere per maturare padronanza

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi

Competenze Abilità Conoscenze Tempi DIPARTIMENTO DI INGLESE PRIMO BIENNIO Primo anno COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI Utilizza gli strumenti espressivi per gestire l interazione comunicativa per i principali scopi di uso quotidiano. - comprende

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ T MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine, filastrocche narrazioni ed espressioni

Dettagli

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA Che cos è L indirizzo si caratterizza per lo studio delle lingue straniere in stretto collegamento con il latino e l italiano. L obiettivo primario è far acquisire

Dettagli

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d'esame

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d'esame ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SERMIDE Via Zambelli, 2 46028 Sermide (Mn) Tel. 0386/61101 Fax. 0386/960476 e-mail istitutocompsermide@virgilio.it Reg. cert. Il Dirigente scolastico e il Presidente della

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S DOCENTE: PROF.SSA CARLA COCCO OBIETTIVI EDUCATIVI E FORMATIVI

Dettagli

balboni 1_XIV_101 10-09-2008 15:56 Pagina V Indice Introduzione

balboni 1_XIV_101 10-09-2008 15:56 Pagina V Indice Introduzione balboni 1_XIV_101 10-09-2008 15:56 Pagina V XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Scopo e natura di questo volume 4 1.1 Conoscenze dichiarative e procedurali: approccio, metodo, tecnica 7 1.2 Modelli e schemi per

Dettagli

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI - MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Comunicazione in italiano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA ITALIANA - SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI CERNUSCO S/N -

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA ITALIANA - SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI CERNUSCO S/N - PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA ITALIANA - SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI CERNUSCO S/N - LINGUA ITALIANA: PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA 1 ASCOLTARE, COMPRENDERE, 1.1 Prendere la parola negli scambi

Dettagli

Scuola Primaria - LINGUA INGLESE

Scuola Primaria - LINGUA INGLESE Scuola Primaria - LINGUA INGLESE INDICATORE Ascoltare Parlare TRAGUARDI COMPETENZE L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti attraverso frasi e/o messaggi, chiari e pertinenti, formulati

Dettagli

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello Pagina 1 di 6 Materia Lingua e cultura greca Anno Scolastico 2015-2016 secondo biennio Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof.ssa Lucia Piga (Coordinatore di Materia) Prof.ssa Enrica Piano Prof.ssa

Dettagli

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende A13 Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B

Dettagli

Programmazione preventiva Italiano

Programmazione preventiva Italiano Programmazione preventiva Italiano Prof. ssa Gabriela Fantato Classe: 1 B- ITE Anno scol. 2014-15 PROGRAMMA PREVENTIVO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L insegnamento della disciplina, tenendo conto della centralità

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia.

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia. FRANCESE FINE CLASSE TERZA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne orale) INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine,

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

Progettare un unità di apprendimento di lingua straniera (francese)

Progettare un unità di apprendimento di lingua straniera (francese) Progettare un unità di apprendimento di lingua straniera (francese) Progettare un unità di apprendimento - insegnamento di lingua straniera, significa, individuato un bisogno di apprendimento, per una

Dettagli

Materiali: testi in adozione multimedia fotocopie fornite dall insegnante. Comprendere per agire in semplici situazioni note

Materiali: testi in adozione multimedia fotocopie fornite dall insegnante. Comprendere per agire in semplici situazioni note (1) ASCOLTO 01 e 03 Italiano Lingua Seconda classe II Scuola secondaria di primo grado Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado L alunno, l alunna sa (1)

Dettagli

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO MATERIA: LATINO IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO A.S. 2013-14 Competenze chiave trasversali di cittadinanza

Dettagli

IPOTESI DI CURRICOLO

IPOTESI DI CURRICOLO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Enrico Fermi via Capitano Di Castri - 72021 Francavilla Fontana (BR) Tel. e fax 0831/ 852132 (centr.) 0831/852133 (pres.) Specializzazioni: ELETTRONICA E TELECOM. -

Dettagli

Programmazione di Francese Classe I B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

Programmazione di Francese Classe I B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 Programmazione di Francese Classe I B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 Presentazione della classe: La classe formata da 21 alunni presenta una preparazione non omogenea e un livello di preparazione

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

Competenza chiave europea di riferimento Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18/12/2006 Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012

Competenza chiave europea di riferimento Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18/12/2006 Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 Ordine di scuola Campo di esperienza-disciplina Scuola Primaria Lingua inglese Competenza chiave europea di riferimento Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18/12/2006 Indicazioni Nazionali

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco il Sabatini Coletti versione professionale 190.000 lemmi e accezioni 39.300 locuzioni 1580 polirematiche 45.400 sinonimi 83.000 etimologie e date della prima attestazione Divisione in sillabe e pronuncia

Dettagli

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Un modello per l analisi delle interazioni in rete Prefazione di Guglielmo Trentin Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA

I T A L I A N O MATERIA OBIETTIVI INFANZIA MER BE SCRE E CMPREDERE FZ PRMR SECDR D GRD scolta e comprendere brevi messaggi e consegne. scolta e comprendere brevi racconti fiabe e favole lette dagli insegnanti. Mantiene l attenzione ponendosi in

Dettagli

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base 1.1. COMPETENZE GENERALI in ITALIANO ( BIENNIO) COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA (provenienti dalle indicazioni europee) COMPETENZE GENERALI APPLICATE ALLE CONOSCENZE DISCIPLINARI ASSI CULTURALI: (testo

Dettagli

MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE

MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: Claudia Palone CLASSE: 1A SETTORE: socio-sanitario INDIRIZZO: odontotecnico FINALITA DELLA DISCIPLINA (finalità formative

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO Traguardi per lo sviluppo delle competenze 1.Partecipa a scambi comunicativi con compagni ed insegnanti, formulando messaggi chiari e pertinenti Obiettivi

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Al questionario hanno risposto sette formatori di insegnanti di lingue. 2. Sei formatori parlano l inglese, sei il francese,

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie?

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? A cura dell I.I.S.S. di LERCARA FRIDDI A.S.2013-2014 Progetto P.O.F. UNA BUSSOLA PER ORIENTARSI! DOCENTE: Terrasi Francesca Nuovo impianto organizzativo

Dettagli

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI L apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all alunno di sviluppare una

Dettagli