Guida al trattamento integrato del Trauma Complesso per Adolescenti ITCT-A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida al trattamento integrato del Trauma Complesso per Adolescenti ITCT-A"

Transcript

1 Guida al trattamento integrato del Trauma Complesso per Adolescenti ITCT-A John Briere, Ph.D. and Cheryl Lanktree, Ph.D MCAVIC-USC Child and Adolescent Trauma Program National Child Traumatic Stress Network Agosto 2008 : Questo manuale è parte integrante del "Learning Community"- National Child Traumatic Stress Network (NCTSN), sviluppato nell incontro dedicato al trattamento integrato del Complex Trauma, presentato dalla MCAVIC-USC il ottobre 2008, in Long Beach, California. Il manuale, rivolto ai professionisti, è disponibile sul sito web JohnBriere.com. Per ulteriori informazioni su ITCT e / o MCAVIC, contattare: Cheryl Lanktree, Ph.D., Direttore del Miller Children's Abuse and Violence Intervention Center (MCAVIC) e Direttore del Child and Adolescent Trauma Program, MCAVIC-USC, 2865 Atlantic Avenue., # 110, Long Beach, CA materiale protetto da copyright Traduzione autorizzata dagli Autori ad uso esclusivo de Il Faro 1

2 Indice Capitolo 1 Introduction- Introduzione pag 3 Capitolo 2 Problems and symptoms Problemi e Sintomi pag 8 Capitolo 3 Assessment- Valutazione Psicologica pag 11 Capitolo 4 Treatment overview- Principi generali per il trattamento pag 19 Capitolo 5 Relationship building and support- Costruzione e sostegno del rapporto pag 27 terapeutico Capitolo 6 Safety interventions- Interventi volti a rafforzare la sicurezza pag 31 Capitolo 7 Psychoeducation- Psicoeducazione pag 35 Capitolo 8 Distress reduction and affect regulation training- Controllo dell angoscia e regolazione degli stati emotivi interni pag 38 Capitolo 9 Cognitive processing- Elaborazione Cognitiva pag 47 Capitolo 10 Titrated exposure- Esposizione guidata al materiale traumatico pag 53 Capitolo 11 Trigger identification and intervention- Riconoscimento degli stimoli attivatori del trauma e intervento pag 63 Capitolo 12 Interventions for identity issues- Interventi orientati ai problemi dell identità pag 66 Capitolo 13 Relational processing- Interventi orientati ai problemi relazionali pag 69 Capitolo 14 Interventions with caretakers and family members- Interventi con i datori di cure pag 73 e i familiari Capitolo 15 Group sessions Sedute di gruppo Capitolo 16 Sequence and session-level structure of trauma-focused psychotherapy Processo dell intervento terapeutico centrato sul trauma pag 75 pag 78 References - Bibliografia pag 81 Appendices- Appendice pag 89 2

3 Capitolo 1 Introduzione Questa guida è rivolta ai professionisti della salute mentale impegnati nella diagnosi e nella cura di adolescenti vittime di molteplici esperienze traumatiche, generalmente causate da condizioni di vita sfavorevoli quali povertà, deprivazioni e discriminazioni sociali. Le cause della vittimizzaizone sono spesso da ricercarsi in due macro-fenomeni tra loro fortemente interconnessi: 1. un'esposizione prolungata ad un ambiente sociale sfavorevole per lo sviluppo e 2. gli effetti cumulativi di maltrattamenti reiterati - in molti casi una precoce trascuratezza psicologica associata a esperienze di abuso. Povertà ed emarginazione sociale, razzismo, sessuofobia ed omofobia, la mancanza di una fissa dimora, non solo producono conseguenze negative sulle condizioni di vita di bambini e adulti (Bassuk, et al., 2003; Carter, 2007), ma aumentano notevolmente i rischi di esposizione ad eventi di natura traumatica, ampliando ed intensificando gli effetti della vittimizzazione (Breslau, et al., 2004; Chen, et al., 2007). La condizione di emarginazione impedisce, in genere, a questi giovani un adeguato accesso ai servizi di salute mentale (Perez & Fortuna, 2005; McKay, Lynn, e Bannon, 2005; Rayburn, et al., 2005). Si tratta di una constatazione di ordine generale riportata in letteratura clinica: le persone con uno status sociale inferiore hanno maggiori probabilità di vittimizzazione. Le esperienze traumatiche più frequentemente riscontrate in questa popolazione sono gli abusi sessuali, la violenza fisica da parte di coetanei o di bande, la violenza sociale, il coinvolgimento in sparatorie, rapine, lo sfruttamento sessuale, la violenza derivante dallo status di rifugiato, la violenza domestica, e la perdita violenta di legami affettivi significativi (Berthold, 2000; Breslau, 1991; Farley, 2004; Giaconia, & Cohen, 1995; Schwab-Stone, et al., 1995; Singer, Anglin, Song, & Lunghofer, 1995). L esposizione a molteplici e gravi forme di esperienze di natura traumatica esita, generalmente, in una sintomatologia grave e complessa, che si prefigura come un articolato disturbo post-traumatico. Il Trauma Complesso può essere definito come l esito (più o meno precoce e talvolta molto invasivo) di una combinazione di eventi traumatici di natura interpersonale. Nella maggior parte dei casi, comporta l'esposizione durante l infanzia a precoci e reiterati abusi di tipo sessuale, fisico, e/o psicologico, spesso (non sempre) associati a trascuratezza e al crescere in un ambiente sociale nocivo (Briere & Scott, 2006; Cook, et al., 2005). Come descritto nel capitolo 1, i traumi complessi esitano in: 3

4 - disturbi di ansia e depressivi - problemi dissociativi e dell'identità, causando un deficit rilevante nella capacità di autoregolazione del soggetto - distorsioni cognitive - somatizzazione - tendenza ad agire comportamenti "esternalizzati" come la violenza auto ed etero diretta - disturbi della sfera sessuale - abuso di sostanze - disturbi del comportamento alimentare - esposizione ad altre forme di vittimizzazione - perdite traumatiche di familiari e di altre figure di attaccamento significative. Nonostante il trauma complesso e i suoi effetti siano piuttosto diffusi tra i pazenti in carico ai servizi di salute mentale, in particolare nelle classi socialmente svantaggiate e/o emarginate, pochi sono i trattamenti evidence based disponibili per la cura dei soggetti in età evolutiva. Una spiegazione può dipendere dal fatto che si tratta, in genere, di interventi piuttosto impegnativi, che richiedono strategie multimodali e flessibili per il trattamento di più aspetti compromessi. Gli approcci terapeutici limitati ad un unico setting di intervento (ad esempio la terapia cognitiva o farmacologica) possono, infatti, risultare poco efficaci o non adatti per questo specifico target di utenza. Il contesto in cui questa guida è stata realizzata: MCAVIC-USC Child and Adolescent Trauma Program Questa guida è stata sviluppata nel Centro multidisciplinare Miller contro l abuso e la violenza ai danni dell infanzia (MCAVIC) del Miller Children's Hospital di Long Beach, California e del Trauma Program presso l University of Southern California (USC) di Los Angeles. Il centro ha aderito ad un progetto comune, il MCAVIC-USC Trauma Program for Child and Adolescent, sostenuto dal National Child Traumatic Stress Network (NCTSN) dal Sia il MCAVIC che l USC hanno una ormai consolidata esperienza nel trattamento dei traumi complessi, in particolare con le popolazioni economicamente svantaggiate che vivono in contesti culturalmente diversificati. 4

5 Una panoramica sul trattamento integrato del Trauma Complesso (ITCT) per adolescenti. La versione ITCT per i bambini è stato sviluppata dal MCAVIC nel 2001 ed è stata adattata per il trattamento dei soggetti di differente provenienza etnica e appartenenza culturale, accomunati da esperienze traumatiche derivanti da fenomeni migratori (Messico, America Centrale, isole del Pacifico e Sudest Asiatico) e da precoci separazioni dalle figure adulte di riferimento (che in genere rimangono nel loro paese d'origine). La prospettiva del metodo ITCT è multidimensionale, ovvero associa le reazioni determinate dall esposizione a traumi complessi a fattori sociali stressanti come la povertà e la discriminazione razziale. Esso è stato adattato per essere utilizzato nelle scuole urbane in aree economicamente povere e può essere utilizzato in vari contesti come i servizi territoriali e ospedalieri per la cura del trauma infantile. Riconosciuto nel 2004 dal gruppo di esperti sul Complex Trauma del NCTSN come una delle otto "pratiche più promettenti", l ITCT è stato indicato da vari studi clinici come un metodo particolarmente adatto in età evolutiva per il trattamento della sintomatologia di natura traumatica, applicabile anche ai contesti scolastici. La versione per adolescenti è stata adattata e ampliata nel 2005, integrando in modo particolare il modello del Self-Trauma di Briere (2002). Gli aspetti principali della versione ITCT per adolescenti sono i seguenti: Valutazione guidata per il trattamento, con metodi e strumenti standardizzati specifici per l assessment e la cura del trauma, somministrati a intervalli regolari di 2 e 4 mesi per individuare i sintomi di particolare rilevanza clinica. Attenzione agli aspetti del trauma complesso, tra cui lo stress post-traumatico, il disturbo dell attaccamento e del comportamento, gli effetti sulla capacità di regolazione degli stati emotivi interni, le difficoltà di natura interpersonale e i problemi di identità correlati. Uso di molteplici modalità di intervento, compresa la terapia cognitiva, la terapia guidata all esposizione del materiale di natura traumatica (exposure therapy), la meditazione, il trattamento individuale e relazionale in terapia di gruppo, a partire dalla specifica sintomatologia del giovane. Il modello prevede il coinvolgimento, se necessario, dei care giver (terapia familiare, gruppi di sostegno rivolti ai genitori), per rafforzare le competenze genitoriali e trattare specifiche problematiche presentate dall adulto di riferimento dell adolescente. Particolare attenzione alla costruzione di una relazione terapeutica collaborativa, considerata componente essenziale per il successo del trattamento. 5

6 Attenzione costante alle peculiarità del soggetto, in particolare alla matrice culturale e significante della sintomatologia in relazione alla specifica appartenenza etnica e religiosa. Attenzione precoce agli aspetti del trauma, come il disturbo acuto da stress, di ansia, depressione e stress post-traumatico, al fine di potenziare la capacità del soggetto di rielaborare le esperienze traumatiche croniche e complesse. In alcuni casi è previsto anche l intervento farmacologico. Lo sviluppo delle competenze personali e sociali, sia in termini di costruzione della capacità di regolazione degli stati emotivi interni che di problem-solving. L esposizione terapeutica alla rivisitazione del materiale traumatico, all'interno di un ambiente adeguato e sicuro, congruo alle capacità del soggetto. Interventi di protezione nell ambiente di vita del giovane (ad esempio, la famiglia, gli aspetti legali, la tutela, la scuola) per ripristinare una modalità adattiva di funzionamento e rispondere alle esigenze di sicurezza personale. Interventi assistenziali ed economici per un arco di tempo flessibile durante il trattamento, poiché la natura complessa del trauma può richiedere una terapia a medio-lungo termine. Poiché si tratta di un modello di trattamento multi-modale che integra molteplici problemi di natura psicologica, sociale e culturale richiede, per la sua efficacia, una buona preparazione di base del terapeuta, in aggiunta ad altri requisiti specifici come una certa sensibilità, creatività e apertura verso il paziente. Questa guida offre un approccio semi-strutturato, flessibile e quindi non rigidamente predeterminato, che può essere adattato caso per caso dal terapeuta per soddisfare le specifiche esigenze del giovane rispetto al suo livello di sviluppo, al suo funzionamento psicologico, alla sua cultura di appartenenza e alla sua etnia. Le risorse per la guida al trattamento I contenuti illustrati in questa guida derivano dal costante sviluppo di un programma di trattamento iniziato nel 2001 e continuamente aggiornato grazie a finanziamenti del SAMHSA e della Fondazione UniHealth. I contributi presentati provengono dal personale MCAVIC (Barbara Adams, Psy.D., Lorraine Al-Jamie, MFT, Laura Benson, Karianne Chen, MFT, Nicole Farrell, RSU, Susy Flores, MS, Sara Hernandez, Psy. D., Jeff McFarland, MS, Andrea Sward, MA, Laurie Trimm, BS, e Kathleen Watkins, Ph.D.), dal consulente del programma (Carl Maida, Ph.D.) e dall USC Program rivolto alla studio dei traumi psicologici (USC -PTP), dal personale in base del MCAVIC (Monica Hodges, Ph.D., 6

7 e Wendy Freed, MD). Parte del materiale è stato ispirato dal modello del Trauma Therapy (2006, Catherine Scott, MD). 7

8 Capitolo 2 Problemi e Sintomi Questo capitolo fornisce una breve panoramica sul contesto sociale e sulle conseguenze psicologiche comunemente associate ai traumi complessi negli adolescenti, anche se, ovviamente, si deve porre attenzione al pericolo di effettuare generalizzazioni indebite. Aspetti di emergenza Anche se l'esposizione al trauma il più delle volte ha caratteristiche di cronicità e in quanto tale non necessita di un intervento rapido, altre appaiono più gravi in quanto pericolose per il benessere e la sicurezza immediata dell adolescente. Alcuni di questi problemi hanno a che fare con l'ambiente di vita del soggetto, la sua vittimizzazione attuale, l oppressività e la pericolosità del suo contesto sociale. Altri problemi riguardano l'impatto del trauma sulla personalità in crescita, il mondo interiore e quello interpersonale: suicidio, abuso di sostanze, comportamenti a rischio. I rischi ambientali Quando l esperienza traumatica origina da un contesto deprivante ed emarginante dal punto di vista socio-economico, raramente accade che tali fattori di rischio mutino con l avvio della terapia. L'adolescente abusato che vive in un ambiente trascurante, non protettivo, o che è stato vittima di aggressione a causa della violenza nella sua comunità, che vive condizioni di povertà, di malnutrizione, di insufficiente istruzione e discriminazione sociale, che fatica ad accedere alle risorse dei servizi, non deve solo affrontare la propria esperienza traumatica e i pericoli derivanti dalla propria condizione di emarginazione sociale, ma anche il rischio di ricevere ulteriori vittimizzazioni. Il fatto che condizioni economiche e sociali sfavorevoli aumentino il rischio di vittimizzazione, ha conseguenze dirette sulla cura: come si vedrà più avanti, l'assistenza ottimale molte volte necessita non solo di una terapia efficace, ma anche di adeguati interventi di protezione nel sistema di vita dell adolescente. L attenzione all'ambiente di vita è importante non solo in quanto causa di emarginazione sociale e di deprivazione, ma per la presenza di coloro che sono coinvolti nel mantenimento della condizione di vittimizzazione (Briere, 1996). In altre parole, la sicurezza immediata del giovane paziente deve costituire la preoccupazione principale per il terapeuta. Oltre ai pericoli presenti nell ambiente sociale, l'adolescente può impegnarsi in comportamenti a rischio che minacciano la sua sicurezza personale, derivanti, nella maggior parte dei casi, dalle esperienze traumatiche e dalla condizione di grave trascuratezza. "Acting out", comportamenti "autodistruttivi" e/o "borderline", condotte disordinate" possono essere visti come adattamenti alla 8

9 condizione di vittimizzazione (Runtz & Briere, 1986, Singer, et al., 1998). I rischi più ricorrenti riscontrabili nel comportamento di adolescenti che soffrono di traumi complessi riguardano il suicidio, le tendenze auto lesive (spesso non intenzionali), l abuso di sostanze, i disturbi del comportamento alimentare e della sfera sessuale, l aggressività (Briere & Spinazzola, 2005; Cook et al., 2005). Per quanto riguarda quest'ultimo aspetto, va ricordato che l'adolescente traumatizzato può non solo ricorrere a modalità violente di esternalizzazione del proprio disagio, ma corre anche il rischio di ricevere ulteriori vittimizzazioni derivanti dal vivere in un ambiente violento e/o dal suo coinvolgimento nel sistema della giustizia minorile. L'adolescente può inoltre presentare una ridotta capacità di protezione e tutela personale nelle scelte sessuali come ad esempio sviluppare un atteggiamento passivo o dissociato. Alcune di queste difficoltà possono spiegare il fenomeno che in letteratura è definito tendenza alla ri-vittimizzazione : coloro che sono stati gravemente maltrattati nell infanzia presentano un rischio statistico più elevato di ricevere aggressioni nel corso della vita (Classen, Palesh, e Aggarwal, 2005). Un fenomeno ben noto ai clinici che lavorano nell ambito dei traumi complessi: il soggetto in età evolutiva abusato/trascurato è intrappolato in un sistema autodifensivo (ad esempio abuso di sostanze, comportamenti sessuali disfunzionali o aggressivi) per ridurre e controllare l angoscia di natura traumatica. Il nodo cruciale deriva dal fatto che tali strategie di coping espongono, di fatto, al rischio di ricevere ulteriori vittimizzazioni che a loro volta incrementano comportamenti ancor più autolesivi. Questa è una delle ragioni principali per cui il clinico deve porre la stessa attenzione sia all ambiente in cui vive il ragazzo e alla sua sicurezza personale, sia alla guarigione dei sintomi. Esiti dei traumi a lungo termine Molti adolescenti reduci da complesse esperienze traumatiche presentano quadri problematici di natura cronica, oltre che acuta, derivanti da traumi precoci che possono essere iniziati nella prima infanzia (ad esempio abbandono del care giver e/o abuso) e che sono continuati in adolescenza (ad esempio, vittimizzazione da parte di coetanei o adulti). Tali quadri sintomatici possono emergere come acting out e/o disordini di tipo psichiatrico in risposta al trauma. Tra questi comportamenti volti al tentativo del soggetto di ridurre gli stati emotivi interni, val la pena ricordare l'autolesionismo, la compulsione sessuale, la bulimia, l esposizione al rischio, la tendenza a rubare, l aggressività (Briere, 1996, 2002). Queste attività hanno in genere lo scopo di distrarre, lenire, evitare o comunque ridurre gli aspetti disforici innescati dal trauma, come rilevato più avanti in questo capitolo. La presenza di sintomi multipli e le ridotte capacità di individuare efficaci strategie di coping comportano una serie di problemi a lungo termine quali : 9

10 Ansia, depressione, e / o di rabbia Distorsioni cognitive PTSD Disturbi dell identità Disregolazione affettiva Problemi interpersonali Abuso di sostanze Mutilazioni Bulimia-Anoressia Disfunzioni sessuali, comportamenti sessuali a rischio Somatizzazione Aggressività Rischio di suicidio Disturbi di personalità L'ampiezza e la portata degli esiti derivanti dall esposizione ad esperienze pluri-abusanti/maltrattanti richiede un approccio terapeutico flessibile e multi-modale. Il metodo illustrato in questa guida, efficacemente integrato con il modello del Complex Trauma (ITCT), consente al clinico di fronteggiare i differenti aspetti e le problematiche in modo strutturato e allo stesso tempo personalizzabile alle specifiche esigenze del singolo adolescente. 10

11 Capitolo 3 Valutazione psicologica Come accennato nel capitolo precedente, gli adolescenti vittime di esperienze traumatizzanti possono presentare molteplici e differenti sintomatologie che variano in funzione di: caratteristiche specifiche del trauma, entità ed età del soggetto, frequenza e durata, variabili biologiche, psicologiche e sociali che possono ampliare, intensificare o ridurre l impatto del trauma sullo sviluppo. Questa è una delle ragioni principali per cui raramente si osservano negli adolescenti quadri sintomatologici omogenei. Una variabilità che rende necessaria una adeguata diagnosi per il trattamento del disturbo posttraumatico complesso. Nel metodo ITCT, la valutazione è effettuata tramite la raccolta di informazioni provenienti da fonti multiple tra cui l'adolescente stesso, i care giver, i servizi, gli insegnanti, i test psicometrici ecc. L'obiettivo principale della valutazione è la ricostruzione, con il soggetto, della sua storia traumatica e dei suoi effetti sullo sviluppo (aspetti sintomatologici). Le informazioni anamnestiche provengono anche dal genitore/tutore per quanto riguarda lo stile di funzionamento genitoriale/familiare, la storia evolutiva del giovane, le relazioni di attaccamento primarie, il coinvolgimento dei servizi di protezione dell infanzia, l andamento scolastico, le esperienze di lutto/perdite importanti, lo stato di salute, le competenze di coping, la presenza di eventuali stressor ambientali come la violenza sociale. Una volta ottenuto il consenso informato, il clinico può raccogliere informazioni esaustive anche dai servizi che hanno eventualmente in carico il giovane e la sua famiglia, come i servizi di protezione dell infanzia, i servizi di salute mentale, la scuola. Valutazione della sicurezza nell ambiente di vita La prima cosa da valutare è, comprensibilmente, se l adolescente vive in una situazione di imminente pericolo per sé o per gli altri. Nelle situazioni in cui il giovane ha ricevuto violenza interpersonale, risulta estremamente importante valutare se il ragazzo/a corra rischi immediati di ri-vittimizzazione. In generale, il clinico dovrebbe valutare la presenza o meno dei seguenti fattori di rischio: - eventuale pericolo immediato di morte; 11

12 - capacità del giovane di intendere e di volere (correlata all abuso di sostanze stupefacenti, a lesioni cerebrali, deliri, gravi psicosi) e la presenza di risorse materiali (disporre di cibo sufficiente e di un rifugio); - rischio di suicidio o di pericolo per l incolumità altrui (ad esempio tendenze omicide, minacce credibili di voler arrecare danno a qualcuno). - ambiente a rischio psico-sociale (ad esempio maltrattamenti o la presenza di una qualche forma di sfruttamento da parte di altri). Il primo passo dell intervento, quando uno di questi aspetti è presente, è quello di garantire l'incolumità fisica del giovane e degli altri, attraverso un invio ai servizi di emergenza medica o psichiatrica, ai servizi sociali e legali. E' inoltre importante, quando è possibile, coinvolgere e sostenere i familiari vittimizzati, gli amici, o altri soggetti che possono assistere il giovane nel processo di cura. Successivamente, le domande che il clinico deve porsi sono le seguenti: - il giovane ha un posto dove rifugiarsi stasera? - ha cibo garantito? - a quando risale l ultimo controllo medico effettuato? - ha rapporti sessuali non protetti, abusa di droga o presenta altri comportamenti a rischio? - esprime un comportamento dannoso verso di sé (ad esempio, tendenze autolesive)? -vi sono evidenze di un grave disturbo alimentare? - vi sono rischi di sfruttamento sessuale? - è coinvolto/a in un gruppo deviante? Se sì, quanto è pericolosa tale appartenenza per il giovane stesso e per la comunità? La storia dell esperienza traumatica Dopo la valutazione dei rischi riguardanti la sicurezza immediata, si passa alla ricostruzione della storia traumatica. I traumi più comuni sono gli abusi sui minori (fisici, sessuali e psicologici), la trascuratezza emotiva, le aggressioni da parte dei compagni (sia fisiche che sessuali), la violenza sociale, l assistere a episodi violenti, perdite/lutti importanti, lesioni gravi (ad esempio incidente automobilistico), catastrofi naturali, gravi malattie. La valutazione in genere consiste non solo nel determinare la natura di questi eventi traumatici, ma anche la loro frequenza, le caratteristiche e l'età di esordio. 12

13 Difficilmente l adolescente è in grado di raccontare dettagliatamente l esperienza traumatica in prima seduta di valutazione o all'inizio del trattamento. E solo quando il giovane acquista fiducia nella relazione terapeutica e la percepisce come sicura che potrà comunicare episodi traumatici importanti. L atteggiamento del clinico è cruciale nella raccolta degli elementi anamnestici, poiché le modalità agite nel percorso di valutazione incideranno sulla esaustività e la completezza del racconto. Il contesto in cui avviene ed è condotta la valutazione può, infatti, influenzare sia la portata delle informazioni sul trauma sia la probabilità che esso sia disvelato. Ad esempio, l'adolescente può non sentirsi libero di rivelare l abuso all interno dell ambiente scolastico per timore che la sua storia e/o i suoi sintomi siano conosciuti dagli insegnanti o da altri studenti. In ambito ospedaliero, può accadere che problemi più urgenti come gravi malattie o particolari condizioni mediche (ad esempio infezione da HIV, cancro) o lesioni traumatiche (ad esempio ictus) possano limitare la rivelazione di eventuali abusi o violenze. Poiché le persone assegnano significati diversi alle proprie esperienze traumatiche, è preferibile che il clinico faccia riferimento agli aspetti comportamentali connessi all evento, piuttosto che utilizzare categorie diagnostiche come "stupro" o "abuso sessuale". Il terapeuta può affidarsi a strumenti standardizzati come l intervista strutturata che valuta l'esposizione ai principali eventi traumatici. Nell appendice di questa guida è riportato un esempio (Briere, 2004) adattato per adolescenti. Valutazione del sintomi trauma-correlati La diagnosi completa dovrebbe includere una accurata valutazione dei seguenti aspetti: - sintomatologia dell adolescente - attuale funzionamento psicologico - potenziali obiettivi per il trattamento. I risultati complessivi scaturiti da tale intervento dovranno, a loro volta, stabilire la necessità di un intervento clinico immediato e l appropriatezza del setting di trattamento (ad esempio interventi cognitivi, esposizione terapeutica al materiale traumatico, terapia familiare, ecc). Inoltre, la somministrazione di test a intervalli regolari di tempo (ad esempio ogni tre o quattro mesi), prevista nel modello presentato in questo manuale, permette di valutare e monitorare nel tempo gli effetti dell intervento clinico in corso, di orientarlo e modificarlo in base all andamento della sintomatologia del giovane paziente (Briere, 2001). L esposizione a multiple e reiterate esperienze traumatiche esitano, come già accennato, in quadri clinici altamente complessi. Altri fattori legati alla differenza di genere, alla fase dello sviluppo, agli aspetti culturali di appartenenza possono influenzare l'andamento e il manifestarsi della sintomatologia. 13

14 Per tali motivi, di solito è preferibile somministrare prove multiple adatte alla rilevazione di sindromi diverse, che prendano in considerazione anche gli aspetti demografici, sociali, e culturali, piuttosto che fare affidamento su un unico strumento diagnostico. Gli strumenti diagnostici standardizzati sul trauma sono sempre preferibili a quelli non convalidati sul piano scientifico o poco conosciuti. E inoltre raccomandabile, quando è possibile, coinvolgere nel processo diagnostico anche i genitori/tutori per la valutazione dei rapporti familiari, dei sintomi dell'adolescente e dei suoi comportamenti, anche con strumenti self-report da incrociare sul disagio e/o disturbi comportamentali. A tal fine sono disponibili strumenti diagnostici generici o specifici sul trauma. I metodi self report comportano sia vantaggi che svantaggi. Se da un lato consentono al clinico di ricevere direttamente (e non indirettamente) dall'adolescente informazioni sulla sua esperienza interna e i suoi problemi, dall altro vi è il rischio che il giovane non riveli la propria condizione e che il timore che possa trapelare qualcosa lo/la conduca a negare lo stress emotivo (Elliott e Briere, 1994). Similmente, il coinvolgimento del care giver nella valutazione degli aspetti sintomatologici del giovane ha il potenziale beneficio di fornire una descrizione più oggettiva, che tuttavia può essere compromessa da un atteggiamento rifiutante, dal senso di colpa o da altre preoccupazioni e/o vissuti nei confronti del disagio espresso dall adolescente (Friedrich, 2002). Inoltre, molti care giver possono avere difficoltà a raccontare perché l adolescente, per qualsiasi motivo, nasconde loro il proprio disagio (Lanktree, et al., (2008). In sintesi, è ampiamente raccomandabile coinvolgere il care giver nella valutazione dell adolescente traumatizzato, ove possibile, in modo che vantaggi e svantaggi connessi ai diversi strumenti possano equilibrarsi alla luce della pluralità delle fonti informative (Lanktree, et al., 2008; Nader, 2007). Test psicologici Lo strumento testistico forse più comunemente utilizzato nella valutazione globale dei giovani traumatizzati è il Child Behavior Checklist (CBCL; Achenbach, 1991) nelle versioni Parent Report, Teacher Report e Young Adult Self-report. Sono inoltre reperibili altri validi strumenti come il Behavioral Assessment System for Children (BASC-2; Reynolds & Kamphaus, 2006), versione per adolescenti del Psychological Assessment Inventory (PAI-A; Morey, 2008) e il Minnesota Multiphasic Personality Inventory (MMPI-A, Butcher, et al., 1992). I Test standardizzati per sintomi o disturbi specifici sono il Child Depression Inventory (CDI, Kovacs, 1992), il Suicidal Ideation Questionnaire (SIQ, Reynolds, 1988), e il Tennessee Self-Concept Scale (TSCS; Roid & Fitts, 1994). Gli strumenti standardizzati specifici sul trauma per gli adolescenti, suddivisi per fasce di età dai 12 ai 17 anni sono il Trauma Symptom Checklist for Children (TSCC; Briere, 1996); il Trauma Symptom 14

15 Inventory (TSI, Briere, 1995) per giovani tra i 18 e i 21 ; l Inventory of Altered Self-Capacities (IASC; 2000). Test adatti a tutte le età (età 12-21) sono il Trauma Symptom Review for Adolescents (TSRA, Briere, in corso di stampa) e la UCLA PTSD Index for DSM-IV (UPID; Pynoos, Rodriguez, Steinberg, Stuber, e Frederick, 1998). Il Trauma Symptom Checklist for Children è uno strumento attendibile e standardizzato su un ampio campione di oltre bambini e adolescenti di differenti appartenenze socio-demografiche. E un questionario self report che valuta i sintomi traumatici nei bambini dagli 8 ai 16 anni, con lievi adeguamenti normativi per i soggetti di 17 anni. Comprende due scale di validità e sei scale cliniche: ansia, depressione, rabbia, stress post-traumatico, problemi sessuali e dissociativi (contenuti in due sottoscale). E disponibile in commercio anche una versione alternativa (la TSCC-A), che non rileva aspetti della sessualità. L UCLA PTSD Index for DSM-IV è una versione aggiornata della UPID; si tratta di una intervista comprendente 48 item che può essere somministrata a bambini e adolescenti di età compresa tra i 7 e i 18 anni che valuta l'esposizione a molteplici eventi traumatici e fornisce al contempo una diagnosi di PTSD ed elementi aggiuntivi per valutare alcuni aspetti caratteristici associati al trauma come il senso di colpa, l'aggressività e la dissociazione. Il Trauma Symptom Inventory misura il livello globale della sintomatologia post-traumatica nei successivi sei mesi, e può essere utilizzato con gli adolescenti tra i 18 e i 21 anni. Ha tre scale di validità e 10 scale cliniche (arousal, depressione, rabbia/irritabilità, esperienze intrusive, evitamento difensivo, dissociazione, problemi sessuali, comportamento sessuale disfunzionale, tendenze autolesive e strategie per ridurre la tensione interna. Il Detailed Assessment of Posttraumatic Stress (DAP), adatto per adolescenti di 18 anni di età, ha due scale di validità e 10 scale che valutano l'esposizione ad eventi traumatici, le reazioni cognitive, emotive e dissociative ad eventi traumatici specifici, i sintomi quali il PTSD e il disturbo acuto da stress (ASD), e tre sintomi specifici associati allo stress post-traumatico: la dissociazione, il comportamento suicidario e l abuso di sostanze. L Inventory of Altered Self-Capacities. IASC è un test standardizzato volto a rilevare difficoltà nell ambito dei legami familiari, dell identità e della regolazione degli stati emotivi interni. Come tale, è uno strumento particolarmente adatto a giovani di età superiore (dai 18 ai 21 anni) che presentano esiti post-traumatici complessi. Le Scale IASC misurano i conflitti interpersonali, l idealizzazionedelusione, angosce abbandoniche, disturbi dell identità, dipendenza e influenzamento, disregolazione affettiva, tendenza all acting out. 15

16 Il Trauma Symptom Review for Adolescents (TSRA) è stato sviluppato specificatamente per adolescenti di età compresa tra i 12 e i 21 anni. Tra gli altri costrutti, include scale specifiche volte a valutare la natura dell esposizione alle esperienze traumatiche, lo stress post-traumatico, l attaccamento, le tendenze dissociative, i problemi sessuali, l isolamento sociale, la tendenza all acting-out, la vulnerabilità e i rischi di vittimizzazione. Questo strumento è attualmente in fase di sperimentazione e standardizzazione, e si prevede che sarà rilasciata l autorizzazione del Psychological Assessment Resources nel Prima di allora non potrà essere utilizzato per studi normativi sui disturbi clinici. Valutazione guidata per il trattamento Per valutare l'entità del trauma subito dall adolescente e la sintomatologia correlata, così come ogni altra difficoltà psicologica (ad esempio sintomi depressivi) è appropriato fare ricorso a una combinazione di test psicologici accuratamente selezionati, integrata da altre fonti informative. Una approfondita comprensione dell'esperienza emotiva dell'adolescente e delle sue reazioni comportamentali costituiscono, a loro volta, elementi rilevanti dal punto di vista clinico per poter programmare un trattamento efficace e al contempo pertinente alle esigenze specifiche del giovane, al quadro clinico presentato e alle sue necessità. Una valutazione ripetuta ad intervalli regolari funge da indispensabile indicatore per modificare o ampliare il focus del trattamento quando è necessario. Ad esempio, aiuta il clinico a modulare l intervento quando i sintomi di stress post-traumatico rispondono positivamente al trattamento ma altri sintomi appaiono immodificati. Diagramma di flusso della valutazione Il diagramma di flusso (ATF, forma adolescente) presentato in appendice è un utile strumento per registrare i cambiamenti ottenuti ai test, le informazioni collaterali, il materiale ricavato dai colloqui al fine di definire il piano del trattamento. Questa matrice non solo aiuta il clinico ad individuare il piano iniziale di intervento, ma fornisce anche la possibilità di rivalutare a intervalli regolari la sintomatologia e ad assumere le decisioni più appropriate per i successivi interventi. Purtroppo, a causa dello scarso sviluppo delle misure standardizzate volte a misurare gli esiti post-traumatici negli adolescenti, non tutti i problemi elencati nella griglia ATF trovano corrispondenza nei test psicologici. In tali casi, il clinico dovrà basarsi sui self report, sull osservazione del comportamento dell adolescente, sulle sue risposte e aspettative in terapia, sulle informazioni dei care giver, su dati provenienti da altre fonti (ad esempio, scuola, servizi, magistratura) e sulle più generali impressioni 16

17 cliniche. La seguente tabella (riportata anche in Appendice) elenca gli elementi specifici ATF e i possibili approcci per valutare ogni voce. ATF item 1. Area della Sicurezza personale- ambientale 2. Area dei rapporti rapporti familiari 3. Ansia 4. Depressione 5. Rabbia / aggressività 6. Bassa autostima 7. PTSD 8. Attaccamento insicuro 9. Problemi dell identità 10. Problemi di relazione 11. Tendenze autolesive 12. Comportamenti a rischio- sicurezza personale Assessment (tests applicable only for relevant age ranges) Test applicabili solo per fasce di età interessate Adolescent self-report in seduta (A-S), parent/caretaker-report in seduta (C-R) A-S, C-R, e impressioni cliniche ricavate dall intervista A-S, C-R, CBCL, BASC-2, PAI-A, MMPI-A, TSCC, TSRA, TSI A-S, C-R, CBCL, CDI, BDI-II, BASC-2, TSCC, TSRA, TSI A-S, C-R, BASC-2 (parent report), CBCL, PAI-A, TSCC, TSRA, TSI A-S, C-R, BASC-2, TSCS A-S, C-R, PAI-A, MMPI-A, TSCC, TSRA, TSI, DAPS, UPID A-S, C-R, BASC-2, TSRA A-S, C-R, IASC A-S, C-R, BASC-2, CBCL, TSRA A-S, C-R, PAI-A, TSRA, DAPS, SIQ A-S, C-R, BASC-2, TSI 13. Abuso di sostanze A-S, C-R, BASC-2, PAI-A, DAPS 14. Dolore/angoscia A-S, C-R 17

18 Il completamento della griglia ATF procede nel modo seguente: All ingresso: (1) Revisione di tutti i dati di valutazione, intervista dell'adolescente, self-report dei sintomi e dei problemi, intervista ai genitori/tutori sui sintomi dell'adolescente e i problemi, le informazioni collaterali quali i rapporti con la scuola, con i caregiver (ma anche con eventuali altri operatori sanitari o terapeuti ecc), con la giustizia minorile, ecc (2) Si procedere con ciascuna voce ATF e la corrispondente colonna di ingresso per definire le priorità di trattamento (che vanno da 1 [ "Non è attualmente un problema, non trattare"] a 4 ["La maggior parte dei problemi richiede attenzione immediata"]), in base ai dati raccolti al punto 1. Valutare a intervalli regolari (in genere ogni tre mesi, se non più frequentemente quando necessario al fine di esaminare la priorità dei sintomi e dei problemi e, sulla base della valutazione, ricalibrare il trattamento in relazione alla attuale condizione clinica e sociale del paziente. In alcuni casi, la rivalutazione e la riconfigurazione del trattamento avverrà prima del periodo trimestrale di valutazione, quando un nuovo evento (ad esempio, una crisi o un evento di vita) significativo accade nel corso del trattamento (ad esempio una svolta teraapeutica o nuove informazioni) e/o alterano la traiettoria dell intervento in atto. La griglia ATF è programmata in base a tre periodi di valutazione, ma si possono aggiungere altre colonne in base a specifiche esigenze. 18

19 Capitolo 4 Introduzione al trattamento Questo capitolo illustra brevemente gli obiettivi principali del modello ITCT per adolescenti, le cui caratteristiche specifiche saranno illustrate dettagliatamente nei capitoli La valutazione incentrata sul trattamento Come descritto nel capitolo precedente, è la valutazione di base iniziale e ripetuta a intervalli regolari a determinare le caratteristiche dell intervento fonalizzato al trattamento. Di seguito è illustrato un esempio. Sulla base di alcuni test come il TSCC, l UPID, e altri come pure i self report e altre fonti di informazioni collaterali, comprese le impressioni cliniche del terapeuta, sono stati individuati tre cluster di sintomi: ansia, depressione e stress post-traumatico, valutati come prioritari 4S ( "Molto problematici, richiedono attenzione immediata"). Due ulteriori problemi (rabbia/aggressività, dissociazione) sono individuati come 3s ( "problematici, richiedono un trattamento immediato") e i restanti elementi ATF sono classificati come 2s ( "problematici ma non prioritari per un trattamento immediato") o 1s ( "al momento non problematici, da rivalutare)"). Graduatoria di priorità (in grassetto e sottolineati): 1. Non problematico (ri-valutare ad intervalli regolari): non trattare 2. Problematico ma non prioritario per un trattamento immediato: presa in carico a bassa intensità 3. Attualmente problematico, con obiettivo prioritario del trattamento: presa in carico a maggiore intensità 4. Molto problematico, richiede attenzione immediata (S) = sospetto, richiede ulteriori indagini 19

20 Immissione Data: Area problematica Tx priorità Tx priorità Tx priorità Tx priorità 1. Sicurezza del contesto di vita (S) (S) (S) (S) 2. Sostegno del care giver (S) (S) (S) (S) 3. Ansia (S) (S) (S) (S) 4. Depressione (S) (S) (S) (S) 5. Rabbia/aggressività (S) (S) (S) (S) 6. Bassa autostima (S) (S) (S) (S) 7. Stress postraumatico (S) (S) (S) (S) 8. Attaccamento insicuro (S) (S) (S) (S) 9. Identità (S) (S) (S) (S) 10. Problemi di relazione (S) (S) (S) (S) 11. Comportamenti autolesivi (S) (S) (S) (S) 12.Sicurezza- comportamenti a rischio (S) (S) (S) (S 13.Dissociazione (S) (S) (S) (S) 14.Abuso di sostanze (S) (S) (S) (S) 15.Angoscia/dolore (S) (S) (S) (S) 16. Altro (S) (S) (S) (S) 17.Atro: (S) (S) (S) (S) Poiché nell esempio illustrato il trattamento progredisce in quanto il paziente mostra un miglioramento clinico nelle aree dei problemi di ansia, depressione e dissociazione al termine del primo intervallo di valutazione 1 (vale a dire a distanza di tre mesi), il terapeuta decide di rivalutare la priorità di questi sintomi, assegnando rispettivamente il valore di "3", "2" e "2" nel secondo intervallo di valutazione. Anche l area "problemi di identità" è rivalutata: da un "2" a 1". Tuttavia, ulteriori fattori di stress nella vita del giovane associati ad altri fattori non conosciuti, hanno evidenziato un incremento dei comportamenti a rischio (in particolare, le attività sessuali non protette) orientando ad una rivalutazione questa area assegnando il punteggio "3." 20

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva Problemi internalizzanti Tratti salienti: 1. Sintomi di ipercontrollo 2. Sviluppo e manifestazione

Dettagli

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Caserta, 10 Gennaio 2014 Psicologa/Psicoterapeuta Consultorio Istituto Toniolo Napoli

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI INFANTILI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

DEFINIZIONE DI MALTRATTAMENTO, TRASCURATEZZA, ABUSO SESSUALE, IPERCURA

DEFINIZIONE DI MALTRATTAMENTO, TRASCURATEZZA, ABUSO SESSUALE, IPERCURA ASPETTI TEORICI DEL TRAUMA NEI CASI DI ABUSO E MALTRATTAMENTO SUI BAMBINI, INDICATORI E LINEE GUIDA NELLA SEGNALAZIONE.. DEFINIZIONE DI MALTRATTAMENTO, TRASCURATEZZA, ABUSO SESSUALE, IPERCURA COSA SI INTENDE

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

LA VALUTAZIONE. L indagine psicosociale e l approfondimento diagnostico. Dott.ssa Elena Marino

LA VALUTAZIONE. L indagine psicosociale e l approfondimento diagnostico. Dott.ssa Elena Marino LA VALUTAZIONE L indagine psicosociale e l approfondimento diagnostico Dott.ssa Elena Marino L indagine psicosociale Definizione: Raccolta di informazioni sulle condizioni di vita e sul contesto sociale

Dettagli

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi.

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. 1. C'è in primo luogo una sofferenza INDISPENSABILE: per crescere bisogna che i bambini imparino ad affrontare e a superare le sofferenze legate

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi 1 Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi INTRODUZIONE L Associazione Family Time nasce con l obiettivo di offrire un contributo alla tutela dei minori e delle loro famiglie.

Dettagli

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 L implementazione della chat in Telefono Azzurro è partita il 7 dicembre 2010, allineando l Italia ai diversi servizi di consulenza

Dettagli

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività VIII CONGRESSO NAZIONALE AIDAI AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Pescara 16/17 settembre 2011 Difficoltà comportamentali e relazioni sociali in adolescenza

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

Minnesota Multiphasic Personality Inventory. MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità.

Minnesota Multiphasic Personality Inventory. MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità. Minnesota Multiphasic Personality Inventory MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità. APPLICABILITA CONDIZIONI MMPI MMPI-2 Età >16 anni >18 QI >80 >70 Scolarizzazione

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: VIOLENZA CONTRO LE DONNE Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico La prevenzione del suicidio in Ospedale Dr. Maurizio Belligoni Direttore Generale Agenzia Regionale Sanitaria Definizione di evento

Dettagli

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste La violenza sui minori Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste DEFINIZIONE OMS 1999 L abuso o il maltrattamento sull infanzia è rappresentato da

Dettagli

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Studi epidemiologici recenti hanno evidenziato che tra i ragazzi della fascia d'età compresa tra i 9 ed i 17 anni, una percentuale

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

Sviluppi traumatici e malattia: il contributo dell EMDR

Sviluppi traumatici e malattia: il contributo dell EMDR Convegno: Non doveva succedere Busto Arsizio, 4 ottobre 2014 Sviluppi traumatici e malattia: il contributo dell EMDR Dr.ssa Elisa Faretta Psicologa, Psicoterapeuta, Supervisore e Facilitator EMDR Direttore

Dettagli

APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON

APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON IPERATTIVITÀ E DI UN PERCORSO DI PARENT TRAINING RIVOLTO AI GENITORI Laura Vanzin,

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta Valeria Aquaro E essenzialmente un attività di AIUTO, con proprie e specifiche caratteristiche. Si è sviluppata a partire dagli anni 60 come fenomeno sociale

Dettagli

ABUSO SESSUALE SU MINORI. A cura del MAL.AB di TRIESTE

ABUSO SESSUALE SU MINORI. A cura del MAL.AB di TRIESTE AUMENTO DELLA CAPACITÀ DI INDIVIDUAZIONE RELATIVO ALLA SITUAZIAZIONE DI ABUSO SESSUALE SU MINORI A cura del MAL.AB di TRIESTE Presentazione Chi siamo Cos è il Mal.Ab. Perché è stato pensato questo evento

Dettagli

La salute emotiva della donna: i percorsi di sostegno psicologico dopo le diagnosi ospedaliere traumatiche. Dr.ssa Laura Cinzia Castro

La salute emotiva della donna: i percorsi di sostegno psicologico dopo le diagnosi ospedaliere traumatiche. Dr.ssa Laura Cinzia Castro La salute emotiva della donna: i percorsi di sostegno psicologico dopo le diagnosi ospedaliere traumatiche Dr.ssa Laura Cinzia Castro L'IMMAGINE CORPOREA L immagine corporea è un elemento chiave dell identità

Dettagli

SSEP Il Servizio di Supporto nell Emergenza Psicosociale In Croce Rossa

SSEP Il Servizio di Supporto nell Emergenza Psicosociale In Croce Rossa SSEP Il Servizio di Supporto nell Emergenza Psicosociale In Croce Rossa Il Servizio di Psicologia SSEP: Squadre di Soccorso per l Emergenza Psicologica Servizio di Supporto per l Emergenza Psicosociale

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

Parent training per l ADHD

Parent training per l ADHD Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Parent training per l ADHD Programma CERG: sostegno cognitivo, emotivo e relazionale dei

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011 L accompagnamento della famiglia affidataria Difficoltà delle FA Con il minore accolto Con i Servizi All interno della propria famiglia - difficoltà individuali - difficoltà di coppia - difficoltà con

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

Giovani e strategie di prevenzione delle dipendenze. Fidenza, 21 maggio 2013 Ravasini Alessia Melegari Federico

Giovani e strategie di prevenzione delle dipendenze. Fidenza, 21 maggio 2013 Ravasini Alessia Melegari Federico Giovani e strategie di prevenzione delle dipendenze Fidenza, 21 maggio 2013 Ravasini Alessia Melegari Federico In collaborazione con ADOLESCENZE E DIPENDENZE: PERSONALITÀ, EMOZIONI E RELAZIONI Si è voluto

Dettagli

Il maltrattamento/abuso del minore. Luca Tafi UO Pediatria Ospedale San Donato Azienda USL8 - Arezzo

Il maltrattamento/abuso del minore. Luca Tafi UO Pediatria Ospedale San Donato Azienda USL8 - Arezzo Il maltrattamento/abuso del minore Luca Tafi UO Pediatria Ospedale San Donato Azienda USL8 - Arezzo Un po' di storia La violenza sui bambini esiste da secoli, più p meno accettata dalla società Nell'antichità,

Dettagli

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE Le famiglie di fronte alla disabilità La situazione di disabilità viene vissuta come inaccettabile o, per meglio dire, come un lutto familiare. (Dell

Dettagli

AGGIORNAMENTO INSEGNANTI

AGGIORNAMENTO INSEGNANTI AGGIORNAMENTO INSEGNANTI Vengono proposti moduli di aggiornamento destinati a insegnanti, dalla scuola per l infanzia alla scuola secondaria. Questi corsi possono essere realizzati all interno di una singola

Dettagli

Perché non dovrei essere un bambino con ADHD?

Perché non dovrei essere un bambino con ADHD? Perché non dovrei essere un bambino con ADHD? Disturbo da Deficit Attentivo e Iperattività alias ADHD Bambino Terapia cognitivo comportamentale e/o Psico-educativa Genitori Parent-training Scuola Consulenza

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI

Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI Le difficoltà emotivo-relazionali in ambito evolutivo Tutti quei segnali di disagio e di sofferenza, che coinvolgono la dimensione emotiva e

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONSENSO IN TEMA DI ABUSO SESSUALE. Roma, 2015

DICHIARAZIONE DI CONSENSO IN TEMA DI ABUSO SESSUALE. Roma, 2015 DICHIARAZIONE DI CONSENSO IN TEMA DI ABUSO SESSUALE Roma, 2015 1.1 DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE a) abuso sessuale è il coinvolgimento, intenzionale e interpersonale, di un minore in esperienze sessuali

Dettagli

Il Consultorio Giovani OPEN G G

Il Consultorio Giovani OPEN G G La richiesta d aiuto d del genitore per il figlio adolescente Il Consultorio Giovani OPEN G G Dr. Fiorello Ghiretti,, psicologo OPEN G G IL CONSULTORIO GIOVANI istituito nel 1990 è un servizio di prevenzione

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

Story Task) nella valutazione dei

Story Task) nella valutazione dei L utilizzo del MCAST (Manchester Child Attachment Story Task) nella valutazione dei bambini con ADHD Dott.ssa Antonella Marianecci - antonellamarianecci@yahoo.it Dott.ssa Francesca Manaresi - francesca.manaresi@fastwebnet.it

Dettagli

Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing.

Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing. Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing. Episodio Depressivo Maggiore. Cinque o più dei seguenti sintomi sono presenti da almeno due settimane comportando un cambiamento rispetto al precedente

Dettagli

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI IL RUOLO DELLA SCUOLA Dr.sa Laura Pedrinelli Carrara Dalla percezione del disagio a scuola al modello di intervento Dott.sa Laura Pedrinelli Carrara

Dettagli

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA La nostra Associazione Mariposa si pone come obiettivo quello di approfondire la percezione ed il grado di conoscenza del tema della violenza assistita dai minori

Dettagli

Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale.

Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale. Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale. Di Fiorino Mirabella, psicologo e psicoterapeuta, Istituto Superiore di Sanità, comitato scientifico

Dettagli

Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica

Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica e medico/legale Si riferisce ad una serie di comportamenti

Dettagli

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza NASCITA PSICOLOGICA E ASPETTI RELAZIONALI NEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza Le stime della prevalenza dei Disturbi Specifici dell Apprendimento variano dal 2 al 10%

Dettagli

Convegno nazionale su Attaccamento e psicoterapia. Napoli, 23 marzo 2015. Rassegna stampa e comunicati

Convegno nazionale su Attaccamento e psicoterapia. Napoli, 23 marzo 2015. Rassegna stampa e comunicati Convegno nazionale su Attaccamento e psicoterapia Napoli, 23 marzo 2015 Rassegna stampa e comunicati INDICE AGENZIE 1. ASKANEWS 2. OMNINAPOLI QUOTIDIANI 3. ROMA ARTICOLI WEB 4. OMNINAPOLI ASKANEWS (Agenzie

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra Le Dipendenze Patologiche Dott. Vincenzo Balestra C è dipendenza e dipendenza L essere umano, per sua natura, è dipendente Esiste, pertanto, una dipendenza che è naturale, fisiologica Quando la dipendenza

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN)

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) L importanza del riconoscimento e del trattamento tempestivo della DPN: le priorità del Servizio di Psicologia Clinica Territoriale di Ferrara PARLEREMO DI: Il lavoro

Dettagli

Madre adolescente: due minori a rischio. Scheda di sintesi del progetto

Madre adolescente: due minori a rischio. Scheda di sintesi del progetto Madre adolescente: due minori a rischio Scheda di sintesi del progetto 1 Il progetto Madre adolescente: due minori a rischio. Sostegno alla genitorialità in adolescenza per la tutela dei minori è promosso

Dettagli

Un indagine sui processi emotivi e sulla capacità empatica dei bambini con ADHD

Un indagine sui processi emotivi e sulla capacità empatica dei bambini con ADHD Un indagine sui processi emotivi e sulla capacità empatica dei bambini con ADHD Elena Tironi (Centro per l Età Evolutiva Bergamo) Gian Marco Marzocchi (Università di Milano-Bicocca) ADHD coinvolge e compromette

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

Approccio al paziente e misura del dolore

Approccio al paziente e misura del dolore IL MANAGEMENT DEL DOLORE NEL PAZIENTE CON LESIONI OSTEOARTICOLARI TRAUMATICHE in tutte le età della vita 1 EDIZIONE Approccio al paziente e misura del dolore Simona Caprilli- Psicologa Psicoterapeuta AOU

Dettagli

L indagine sociale nella fase di rilevazione e segnalazione

L indagine sociale nella fase di rilevazione e segnalazione L indagine sociale nella fase di rilevazione e segnalazione seminario: l intervento dell assistente sociale nella presa in carico delle famiglie maltrattanti Il Faro - centro specialistico ASL Bologna

Dettagli

Orientamento scolastico e professionale

Orientamento scolastico e professionale Orientamento scolastico e professionale Scopo dell orientamento è guidare gli adolescenti e le loro famiglie alla scelta di percorsi formativi. La consulenza psicologica aiuta a focalizzare l attenzione

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

Incarichi di CT o perizia

Incarichi di CT o perizia Incarichi di CT o perizia La/o psicologa/o può essere nominata/o in sede civile da un Giudice come Consulente Tecnico d Ufficio (CTU) o dalle parti come consulente di parte (CTP) Le situazioni più tipiche

Dettagli

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com Lucca, 7 settembre 2013 Definizione Problemi correlati Modelli di trattamento Principi

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

Live the Life: intervento di coterapia integrato per

Live the Life: intervento di coterapia integrato per XVI CONGRESSO AIAMC- PESCARA - 25/28 OTTOBRE 2012 Benessere e consapevolezza in psicoterapia: Nuove tendenze nell approccio cognitivo comportamentale. Live the Life: intervento di coterapia integrato per

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

Le relazioni tra pari

Le relazioni tra pari Le relazioni tra pari Al di fuori della famiglia Oltre ai genitori, altre persone influenzano lo sviluppo del bambino (in modo diretto o indiretto). I bambini passano Sviluppo cognitivo molto tempo con

Dettagli

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna Milano, 10 giugno, 2011 Genitorialità adottiva Bambini e bambine

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

L importanza delle emozioni in psicoterapia

L importanza delle emozioni in psicoterapia L importanza delle emozioni in psicoterapia L importanza delle emozioni in terapia è condivisa da molti approcci Alexander parlava della terapia come di un esperienza emotiva correttiva,, che non ripetesse

Dettagli

CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD

CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD Azienda Ospedaliera G. Salvini Garbagnate Milanese Unità Operativa di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza. CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD Direttore: prof. Giuseppe

Dettagli

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca PANORAMICA Scopi e obiettivi del trattamento Ridurre i sintomi dell ADHD Ridurre i sintomi in comorbidità Ridurre il

Dettagli

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci Viale della Grande Muraglia, 37 00144 Roma Progetto SPORTELLO DI ASCOLTO A.S. 2014/2015 Per la Promozione del Benessere, per l Integrazione degli Alunni, per la Prevenzione

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

La violenza assistita: il minore come spettatore. Dott.ssa Francesca Scandroglio Psicologa

La violenza assistita: il minore come spettatore. Dott.ssa Francesca Scandroglio Psicologa La violenza assistita: il minore come spettatore Dott.ssa Francesca Scandroglio Psicologa Violenza sui minori Trascuratezza Maltrattamenti fisici Abusi sessuali Maltrattamenti psicologici Violenza domestica

Dettagli

La violenza alle donne. Pesaro, 27 novembre 2010

La violenza alle donne. Pesaro, 27 novembre 2010 La violenza alle donne Pesaro, 27 novembre 2010 Dati* e miti La violenza alle donne è limitata a pochi casi La violenza è perpetrata da sconosciuti Sono più a rischio le donne che non hanno legami stabili

Dettagli

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia Problematiche psicopatologiche dell'infanzia La fasce di età di infanzia, preadolescenza e adolescenza rappresentano un processo evolutivo molto complesso : per questo motivo è importante rivolgere un

Dettagli

DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI

DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI GIORNATE DI SUPPORTO ALLA FORMAZIONE DEI REFERENTI PER LA DISLESSIA DELLA LOMBARDIA 22 Aprile 2008 DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI Rosy Tavazzani Montani PERCHE L INSEGNANTE DOVREBBE

Dettagli

Valutare l efficacia della Psicoterapia

Valutare l efficacia della Psicoterapia Valutare l efficacia della Psicoterapia Premessa: Le sempre più limitate risorse economiche (da parte di enti pubblici e privati) e l esigenza di un giudizio di impatto economico per ogni specifico intervento

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

Buone pratiche per la valutazione della genitorialità

Buone pratiche per la valutazione della genitorialità Ordine degli Psicologi dell Emilia-Romagna Buone pratiche per la valutazione della genitorialità Manuela Colombari perché buone pratiche? Violazioni deontologiche in particolare per: 1- scarsa considerazione

Dettagli