INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA"

Transcript

1 INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LA SCELTA DELL ARGOMENTO: QUATTRO REGOLE OVVIE Nel suo libro Come si fa una tesi di laurea, Umberto Eco ricorda le quattro regole ovvie per la scelta dell argomento: 1) Che l argomento risponda agli interessi del candidato (sia collegato al tipo di esami, alle sue letture, al suo mondo politico, culturale o religioso); 2) Che le fonti a cui ricorre siano reperibili, vale a dire a portata materiale del candidato; 3) Che le fonti a cui ricorrere siano maneggiabili, vale a dire a portata culturale del candidato; 4) Che il quadro metodologico della ricerca sia alla portata dell esperienza del candidato. Tenendo conto di queste regole, è opportuno che l argomento della tesi sia di carattere circoscritto. È preferibile concentrarsi su un problema specifico, di modo che nella tesi sia possibile dire tutto su quell argomento. È inoltre importante chiarire secondo quali angolature verrà affrontato il tema prescelto: - avanzamento delle teorie precedenti; - rassegna retrospettiva dei contributi proposti; - approccio comparatistico; - La scelta dell argomento deve tener conto dell indirizzo di studi e del curriculum scelto. La tesi triennale in lingua inglese, letteratura anglo-americana, culture e letterature comparate può configurarsi come segue: 1. un commento critico-letterario a uno o più testi; 2. un lavoro di carattere lessicografico, anch esso opportunamente commentato; 3. una relazione concernente aspetti letterari, linguistici e/o storico-culturali particolarmente rilevanti di un esperienza di stage o di tirocinio svolti dal candidato, con adeguato commento; 4. una relazione concernente un particolare periodo o movimento storico-culturale osservato attraverso testi letterari, linguistici o culturali particolarmente esemplificativi; 5. una ricerca a carattere monografico su un autore contemporaneo di lingua inglese; 6. un lavoro di documentazione su supporto audiovisivo o informatico di materiali di carattere linguistico e/o storico-culturale di diversa natura; 7. la traduzione dall inglese all italiano di un testo specialistico, accompagnata dall illustrazione dei criteri metodologici seguiti e dei problemi riscontrati nel corso del lavoro; 8. l elaborazione di un glossario ragionato relativo a un linguaggio specialistico e la traduzione di un testo esemplificativo. 9. la traduzione dall inglese all italiano di un testo letterario. La traduzione dovrà essere accompagnata dall illustrazione dei seguenti elementi: - le peculiarità linguistiche e stilistiche del testo tradotto; - i criteri seguiti nella traduzione; - i riferimenti al contesto storico-letterario del testo tradotto. Per le tesi in Lingua inglese dovrà comunque essere redatta una sintesi in inglese da includere in appendice alla tesi. 1

2 La tesi specialistica in lingua inglese per la comunicazione (livello base e avanzato) può configurarsi come segue: 1. critical discourse analysis (CDA) di testi specialistici realizzata preferibilmente con l'ausilio di strumenti di linguistica dei corpora. Per testi specialistici si intendono testi relativi al mondo dei media e della comunicazione: testi giornalistici, pubblicitari, audiovisivi (film, fiction, documentari, programmi radiofonici e televisivi), discorsi pubblici, contenuti web, intesi nella loro componente linguistica; 2. traduzione dall inglese all italiano di un testo specialistico, accompagnata dall illustrazione dei criteri metodologici seguiti e dei problemi riscontrati nel corso del lavoro; 3. elaborazione di un glossario ragionato relativo a un linguaggio specialistico e la traduzione di un testo esemplificativo. Per la tesi dovrà comunque essere redatta una sintesi in inglese da includere in appendice alla tesi. IL PIANO DI LAVORO È consigliabile fare un piano di lavoro, che verrà modificato, magari più volte, in corso d opera, ma che costituisce un punto di partenza che chiarisce obiettivi e struttura del lavoro. Questo metterà ordine alle vostre idee e faciliterà la ricerca del materiale. LA RICERCA DEL MATERIALE Il problema della reperibilità delle fonti deve essere affrontato al momento della scelta dell argomento per avere le basi della ricerca bibliografica. Uno dei modi di affrontare la ricerca bibliografica tiene conto dei seguenti passaggi: 1. dopo aver individuato l argomento d indagine, fissare sulla carta abbozzi d idee (suscettibili di trasformazioni anche radicali in corso d opera) su obiettivo, metodi e strumenti d indagine; 2. individuare le informazioni disponibili sull argomento (lo stato dell arte), cioè le opere che costituiscono il fondamento teorico e conoscitivo dell argomento costruendosi una bibliografia di partenza; 3. individuare il luogo della ricerca bibliografica. Il problema della ricerca bibliografica è di risoluzione più facile se l argomento d indagine viene scomposto analiticamente. Per esempio, se l argomento d indagine sono i personaggi femminili nelle commedie shakespeariane, individuerò la disciplina (teatro), il settore (teatro inglese del Cinquecento) e i termini utili alla ricerca con i rispettivi sinonimi (Shakespeare, commedia, Cinquecento, teatro elisabettiano, politiche di genere ). Una volta reperiti i documenti, si deve evitare che l informazione bibliografica vada persa o che ne risulti poco agevole il recupero. Di seguito vengono forniti alcuni suggerimenti per gestire le notizie bibliografiche raccolte: 1. creare per ogni indicazione bibliografica utile la relativa notizia bibliografica, registrandola in un archivio personale; 2. indicare nella scheda bibliografica i dati necessari per rintracciarla (collocazione e localizzazione); 3. indicare gli elementi bibliografici essenziali per poter identificare il materiale (autore, titolo, luogo di edizione, casa editrice, anno di edizione, altre informazioni eventuali). L archivio personale può essere ordinato secondo un criterio adatto al tipo e all argomento di ricerca (alfabetico, tematico, cronologico ). 2

3 in alto a destra la collocazione Kellner, Douglas Media Culture. Cultural Studies, Identity and Politics Between the Modern and the Postmodern London and New York, Routledge, 1995 Esempio di scheda bibliografica La ricerca bibliografica viene facilitata dal servizio di prestito interbibliotecario, presente anche nella nostra università, che rende accessibili fonti presenti in biblioteche anche molto distanti. Dove cercare il materiale Luoghi fisici Biblioteche. Per individuare la biblioteca d interesse ci si può orientare individuando le funzioni esclusive o prevalenti della biblioteca (lettura, studio, ricerca, ) e il livello di specializzazione delle raccolte. Online sono disponibili molti elenchi di biblioteche, che nella maggior parte dei casi rimandano anche a cataloghi elettronici. Tra questi: Virtual Library, la sezione relativa alle biblioteche del Cilea, consultabile all indirizzo AIB (Associazione Italiana Biblioteche), che fornisce un elenco di biblioteche online e offline consultabile all indirizzo Biblioteche italiane, l elenco delle biblioteche italiane realizzato dal Politecnico di Torino Spazi virtuali OPAC (Online Public Access Catalog). Gli OPAC sono cataloghi che raccolgono e archiviano i titoli e i dati identificativi relativi ai materiali presenti presso tantissime biblioteche in tutto il mondo, secondo un criterio di schedatura standard che permette di effettuare ricerche in diverse modalità (per autore, argomento, titolo, localizzazione, ecc.). Gli OPAC contengono l equivalente dei cartoncini compilati a mano o a macchina presso le biblioteche tradizionali. I principali sono: il Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN), la rete delle biblioteche italiane gestita dall ICCU (Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle Biblioteche Italiane e per le Informazioni Bibliografiche). Attraverso il Servizio Bibliotecario Nazionale è possibile identificare i testi di particolare interesse per la propria ricerca, individuare le biblioteche che possiedono tali testi ed eventualmente accedere alla scheda anagrafica della singola biblioteca, accedere ai cataloghi locali per informazioni aggiuntive sulla disponibilità del testo, sapere se di quel documento esiste una copia digitale, accedere al servizio in linea di prestito o riproduzione se la biblioteca partecipa al servizio ILL SBN. L indirizzo è Aderiscono a SBN biblioteche statali (tra cui le due Biblioteche nazionali centrali di Firenze e Roma), comunali, universitarie, di accademie e istituzioni pubbliche e private operanti in diversi settori disciplinari. 3

4 il MetaOpac Azalai Italiano (MAI), nato dall esperienza congiunta del repertorio degli OPAC italiani curato dall AIB e del Catalogo bibliografico virtuale delle università lombarde curato dal Cilea. Si affianca ai due più ampi cataloghi collettivi italiani (SBN e ACNP) e offre all utente la possibilità di iniziare il proprio percorso di ricerca nel patrimonio bibliotecario del nostro Paese anche da un terzo vasto aggregato di collezioni, scelte preferibilmente fra quelle non incluse in SBN e ACNP e dotate di OPAC autonomi interrogabili via Internet. L indirizzo è il portale multilingue Internet culturale, gestito dall ICCU, che offre un sistema di accesso integrato alle risorse tradizionali e digitali di biblioteche, archivi e altre istituzioni culturali italiane. Permette sia la ricerca nel catalogo SBN, sia l accesso a ulteriori servizi. In ogni scheda analitica è, infatti, possibile individuare, oltre alle localizzazioni dei documenti ricercati, anche i relativi servizi a cui è possibile accedere, tra cui prestito interbibliotecario, formato digitale, catalogo locale, anagrafe delle biblioteche italiane. Inoltre è possibile consultare simultaneamente gli altri cataloghi italiani e stranieri che utilizzano lo standard ISO (Z39.50). La ricerca può essere effettuata sull elenco predefinito dal sistema oppure su altri cataloghi, sempre conformi allo standard, individuati e scelti dall utente. L indirizzo è Per le ricerche di anglistica è molto utile anche la consultazione del catalogo Copac, che fornisce accesso gratuito ai cataloghi online delle più importanti biblioteche nazionali e universitarie britanniche e irlandesi (compresi quelli della British Library, di Londra, e della Trinity College Dublin Library, in Irlanda) ed è disponibile all indirizzo COME INTERROGARE UN OPAC COSA FARE Inserire una parola o una stringa di parole negli appositi spazi scegliendo il campo di interesse: AUTORE o TITOLO (se conosciuti) SOGGETTO (se si conosce l argomento) Attenzione: il soggetto si basa su vocabolari controllati che potrebbero non contenere il termine scelto da chi effettua la ricerca (su molti OPAC non ci si attiene al soggettario ma si usano termini più semplici) CLASSIFICAZIONE (se la si conosce) CONSIGLIO: Se si conoscono autore e titolo in genere è sufficiente digitare il cognome dell autore e la prima parola del titolo (senza l articolo) COSA NON FARE Non riempire troppi campi contemporaneamente. In questo modo si restringe troppo la ricerca. Se uno dei termini è inesatto la ricerca non dà risultati. Per evitare risultati ridondanti e quindi inutili non digitare i seguenti campi da soli: o Editore o Luogo di pubblicazione o Lingua Quando si ricerca una parola in qualsiasi campo, evitare termini di tipo comune. Se si ottengono troppi risultati, la maggior parte dei quali non sembrano interessanti, piuttosto che scorrerli tutti conviene effettuare una nuova ricerca utilizzando dei termini più specifici: scegliere parole meno comuni per i titoli e i soggetti, specificare l autore (eventualmente anche il suo nome se il cognome è piuttosto comune), utilizzare più campi contemporaneamente. 4

5 INSERIMENTO DEI TERMINI DI RICERCA Nelle ricerche per parole omettere preposizioni, articoli e congiunzioni. Non è importante indicare maiuscole o minuscole, segni diacritici, apostrofi, trattini, punteggiatura (che non vengono comunque considerati). Web. Si raccomanda un approccio prudente e ponderato con l informazione offerta in rete e di valutarne sempre la paternità intellettuale. Tra le informazioni reperibili online che possono tornare utili per la ricerca bibliografica ci sono le raccolte digitali di testi e le banche dati che raccolgono articoli pubblicati in riviste (anche se di queste ultime alcune sono consultabili solo a pagamento). Tra le raccolte digitali di testi segnaliamo: Liber Liber I testi sono scaricabili immediatamente e gratuitamente all indirizzo Project Gutenberg Più di testi scaricabili integralmente e in modo gratuito all indirizzo The Oxford Text Archive Archivio prodotto e gestito dall Università di Oxford, che fornisce l accesso a più di risorse scaricabili integralmente e in modo gratuito all indirizzo Inoltre, sono disponibili online (in modo gratuito o a pagamento) gli archivi dei maggiori quotidiani e periodici inglesi e americani, oltre che delle principali emittenti radiotelevisive. Numerosi siti istituzionali, sia inglesi che americani, forniscono documenti ufficiali. In appendice ne vengono riportati degli elenchi. Tra le banche dati di periodici segnaliamo: l Archivio Collettivo Nazionale delle Pubblicazioni Periodiche (ACNP) è il catalogo collettivo integrato dei periodici italiani e stranieri posseduti da biblioteche italiane e contiene le descrizioni bibliografiche di oltre 128 mila diverse testate di pubblicazioni periodiche (italiane e straniere, sia cartacee che in formato digitale) possedute da biblioteche situate su tutto il territorio nazionale. È accessibile gratuitamente all indirizzo Jstor (Journal storage), promosso da un consorzio di biblioteche e università, riproduce integralmente in formato immagine già numerose annate retrospettive di oltre 600 importanti periodici accademici, a partire in alcuni casi dal XVII secolo e fino a pochi anni indietro (in genere dai 3 ai 5) rispetto a quella corrente. I testi degli articoli sono in genere disponibili in formato PDF e HTML. Il servizio è a pagamento ed è consultabile all indirizzo Il Periodical Contents Index (PCI), dell editore Chadwyck-Healey, è disponibile sia nella versione con i soli riferimenti bibliografici sia full text e comprende più di testate. È consultabile all indirizzo In ambito italiano, la Biblioteca Nazionale Braidense ha allestito un emeroteca digitale che contiene già un milione e mezzo di pagine provenienti da 261 testate italiane di interesse storico e culturale dell Ottocento e del Novecento. È consultabile all indirizzo 5

6 Per ulteriori informazioni sulla ricerca bibliografica in rete si rimanda ai seguenti testi: Fabio Metitieri e Riccardo Ridi, Biblioteche in rete. Istruzioni per l'uso (Roma-Bari, Laterza, terza edizione riveduta e aggiornata, maggio 2005), disponibile integralmente anche in rete all indirizzo Marco Calvo, Fabio Ciotti, Gino Roncaglia e Marco A. Zela, Biblioteche in rete, in Internet Manuale per l'uso della rete (Roma-Bari, Laterza, ottobre 2003), pp ; disponibile anche all indirizzo Particolarmente utili i siti delle seguenti LIBRERIE ON-LINE per l'acquisto di libri (nuovi, usati o scontati) via Internet (l acquisto è in genere effettuabile con pagamento in contrassegno o con carta di credito) e per una ricerca bibliografica il più aggiornata possibile (da non sostituire alla ricerca bibliotecaria, ma da intendersi come utile integrazione). Internet Bookshop (IBS) Una delle più grandi librerie online nate in Italia. Oltre libri in catalogo (anche stranieri) e migliaia di DVD, con sconti periodici e spesso con consegna gratuita. BOL Una delle più grandi librerie online insieme a IBS. Parte del gruppo editoriale Mondadori. Propone in vendita anche libri inglesi e americani. Webster Una delle più grandi librerie online. In vendita anche DVD e libri in inglese. Unilibro Offre un ampia scelta, compresi testi universitari e libri in lingua straniera. Si possono acquistare anche CD, DVD, videogiochi. Libreria Universitaria Libreria online dedicata a studenti ma non solo, ha disponibili in catalogo anche romanzi, fumetti, musica, DVD e videogame. DeaStore Un ampio catalogo, che è possibile sfogliare grazie a una articolata classificazione per categorie. Hoepli Il negozio online fa capo alla libreria milanese, che vanta oltre titoli (in italiano e in altre lingue) di varie case editrici presenti in magazzino. ARPA Book Una libreria nella quale è possibile acquistare e scaricare e-book nei formati PDF e LIT, oltre naturalmente alle edizioni cartacee. Il catalogo non è ancora non molto ampio. Amazon Disponibile nella versione americana (Amazon.com) e inglese (Amazon.co.uk). Il più grande bookstore su internet, con oltre cinque milioni di titoli (per lo più stranieri) in catalogo. Offre una funzione preziosa denominata look inside o search inside che consente di aprire il libro cercato e guardare al suo interno (indice, capitoli, estratto...), molto utile per valutare quanto sia effettivamente interessante un testo ai fini della propria ricerca. Barnes & Noble Oltre all acquisto di numerosi libri cartacei tramite carta di credito, questa libreria online permette il download (a pagamento) di centinaia di e-book. Era Cartacea Tratta libri antichi e moderni, in particolare i testi fuori catalogo, esauriti, o rari. 6

7 MediaMinimaBooks Catalogo interessante. Il Narratore Vende audiolibri appartenenti a diverse tradizioni letterarie, filosofiche e religiose. Tra le iniziative: l'audio Antologia della Letteratura Italiana in file audio digitali. Rivisteria Catalogo con decine di migliaia di libri e possibilità di ricerca per editore, parola chiave, titolo, argomento, ecc. SopraTUTTOLIBRI Novità, classifiche e libri in offerta, ma anche rarità bibliografiche. CDBox Non solo musica e video, ma anche libri, in italiano ed in inglese, nuovi o usati. Edit Collega 70 librerie italiane e ha un catalogo di oltre titoli. Scontalibro Libri nuovi in vendita col 50% di sconto. Si tratta di remainders, ossia di titoli non più nei listini ufficiali delle case editrici ma ancora pubblicati, oppure di libri in giacenza. Grande libreria di remainders (libri scontati fino al 50%) Altre interessanti librerie online facenti capo ai singoli editori: Meltemi Molti testi di grande interesse per gli studenti universitari. Consente di guardare al loro interno con la funzione di ricerca di Google Books oppure di scaricare indice e un capitolo di esempio in formato PDF. Liguori Offre la possibilità di acquistare on demand (in formato elettronico) testi a prezzi molto accessibili. Bollati Boringhieri Novità e ristampe dell anno esclusivamente della Bollati Boringhieri. Libreria Guida Centinaia di migliaia di titoli di ogni genere, fra i quali libri antichi. Baldini & Castoldi In vendita tutti il libri dei cataloghi Baldini & Castoldi, Zelig e La Tartaruga. LA STESURA La struttura di una tesi è generalmente formata da frontespizio, indice, introduzione, capitoli, conclusioni, sintesi in inglese (nel caso di tesi triennale in Lingua inglese o di tesi specialistica), bibliografia. Eventualmente possono essere inseriti anche allegati e un appendice. L elaborato deve presentarsi graficamente uniforme e tutte le cartelle (pagine) devono essere numerate. Una cartella può presentare testo, infratesto e note a piè di pagina. 7

8 FRONTESPIZIO Il frontespizio dovrà indicare: - Università degli Studi di Teramo; - Facoltà di Scienze della comunicazione; - Corso di Laurea in..; - Titolo della tesi; - Nome del relatore; - Nome del laureando; - Anno accademico cui afferisce la sessione di laurea. N.B. Al termine del presente documento (pag. 13) viene allegato un esempio di frontespizio. INDICE L indice riflette la struttura del testo e deve indicarne la suddivisione riportando introduzione, parti, capitoli, paragrafi, sottoparagrafi, appendici e allegati (se presenti), bibliografia con il riferimento alla pagina corrispondente. STRUTTURA DELL ELABORATO Obbligatoria è l articolazione in capitoli, l introduzione e le conclusioni, mentre le altre componenti (parti, allegati, appendici, ) vengono usate a scelta discrezionale dello studente, tenendo conto del contenuto della tesi. L introduzione deve presentare le motivazioni per la scelta dell argomento, la dichiarazione d intenti, gli obiettivi, il metodo della ricerca, la presentazione della struttura e dei contenuti dell elaborato, lo stato dell arte e gli studi precedenti inerenti la ricerca affrontata. Le conclusioni riportano un breve riassunto di quanto sviluppato nel testo, concentrandosi in particolare sui risultati raggiunti dalla ricerca. Se pertinente all organizzazione del lavoro, la tesi può essere suddivisa in parti (Parte prima, Parte seconda ). Questa suddivisione può essere utile qualora si tratti un argomento specifico che sia preceduto da una presentazione più generale del contesto di riferimento che ne inquadra il problema. La numerazione dei capitoli è continua, anche se il lavoro è strutturato in parti. È utile organizzare il testo in paragrafi e in sottoparagrafi nel caso in cui vengano fatti frequenti rimandi intratestuali. Per identificare un paragrafo si utilizza il richiamo a tutte le componenti superiori fino al capitolo (es è il sottoparagrafo 2 del paragrafo 3 del capitolo 6). Le appendici e gli allegati generalmente contengono documenti riferiti alla ricerca che si ritiene opportuno riportare e che appesantirebbero il corpo della tesi o le note (interviste, questionari, tabelle, immagini, grafici, ecc.). Essi sono indicati con una numerazione cardinale (es.: Appendice 1). La bibliografia deve essere presente alla fine dell elaborato e ha lo scopo di rendere agevole al lettore l identificazione ed eventualmente il reperimento delle fonti di suo interesse. Tutte le voci inserite in bibliografia devono avere un riferimento nel testo e devono essere state consultate (non citare di norma sulla sola base di riferimenti trovati in letteratura). 8

9 CITAZIONI E NOTE A PIÈ DI PAGINA Le citazioni bibliografiche vengono inserite per indicare l origine di un affermazione, di un dato o di una figura, per avvalorare la tesi esposta o per segnalare una critica alla stessa, per rimandare a fonti che trattano gli aspetti menzionati. La citazione deve essere il più possibile analitica per permetterne la verificabilità. Le citazioni brevi o che non richiedono particolare risalto vanno incorporate nel testo con virgolette di inizio e di fine (.. ). Le citazioni ampie (superiori a 4 righe) o d importanza rilevante possono essere messe in infratesto in corpo minore (dimensione 10), precedute e seguite da una riga di spazio che le separi dal corpo del testo, senza virgolette. Il testo citato può anche avere dei margini superiori al corpo del testo (rientro di 0,5 cm a destra e a sinistra). Le omissioni all interno di citazioni vanno indicate con tre puntini all interno di parentesi quadre [...], separate dal testo con uno spazio. Dopo la citazione viene posto il richiamo di nota in apice utilizzando il comando inserisci - note a piè di pagina. Il richiamo viene messo dopo le virgolette o le parentesi, ma prima dell eventuale segno d interpunzione. Per le citazioni all interno della citazione si utilizzano gli apici semplici (.. ). Le note a piè di pagina riportano generalmente: - la fonte della citazione; - informazioni aggiuntive rispetto a quanto detto nel corpo del testo; - la traduzione di una citazione. La numerazione delle note deve essere progressiva, e non ricominciare da 1 al capitolo successivo. 1 Le citazioni in nota saranno realizzate secondo il modello proposto di seguito (l uso del maiuscoletto per il nome e cognome dell autore è facoltativo). Modello di citazione in nota 1. Il Nome, puntato (completo solo in caso di omonimia), e il Cognome dell Autore; 2. il Titolo dell opera, in corsivo; 3. il Numero del volume (nel caso di opere divise in tomi); 4. il Nome e il Cognome dell eventuale prefatore o curatore; 5. la Città seguita dalla virgola; 6. la Casa editrice separata con una virgola dall Anno di edizione; 7. l eventuale riferimento al numero di pagina. Esempio. 2 Le opere straniere tradotte in lingua italiana saranno citate preferibilmente col titolo originale. La città sarà indicata sempre in lingua originale e secondo le trascrizioni correnti. La traduzione italiana sarà fornita tra parentesi quadre. Esempio di testo con versione tradotta. 3 1 Per l impostazione delle note si può seguire questo esempio. Non lasciare spazi o righe vuote tra le singole note. Nel testo principale, il numero di riferimento della nota segue la parola cui si riferisce oppure il segno d interpunzione, senza alcuno spazio. Le note, con funzione strettamente esplicativa, vanno impiegate solo se effettivamente necessarie e stese con la massima brevità. 2 O. CALABRESE, L'età neo-barocca, Roma-Bari, Laterza, 1987, pp H. K. BHABHA, The Location of Culture, London and New York, Routledge, 1994 [trad. it. I luoghi della cultura, Roma, Meltemi, 2001] 9

10 TABELLE E FIGURE Figure (immagini, grafici, ecc.) e tabelle devono essere richiamate almeno una volta nel testo e vanno inserite non appena vengono citate per la prima volta per consentirne una lettura immediata. Le figure e le tabelle provenienti da altre pubblicazioni sono corredate dall indicazione della fonte. Le figure devono essere numerate in ordine progressivo. Ogni figura deve essere corredata da una didascalia illustrativa del significato. Le tabelle vanno numerate indipendentemente dalle figure, ma con lo stesso criterio. Ogni tabella deve avere un titolo. ABBREVIAZIONI Le abbreviazioni più usate sono: es. esempio cap., capp. capitolo, capitoli cfr. confronta (confer) cit. citato ed. edizione fig., figg. figura, figure etc. eccetera p., pp. pagina, pagine vol., voll. volume, volumi seg., segg. seguente, seguenti trad. traduzione op. cit. nell opera citata (opere citato) Id. Idem il medesimo, quando si rimanda a un autore già citato nella nota immediatamente precedente Ead. Eadem la medesima, quando si rimanda a un autrice già citata nella nota immediatamente precedente Ibid. ibidem nello stesso punto è parola latina, accentata sulla seconda sillaba, e si usa quando si ripete in nota il rimando non solo alla stessa opera (perché allora si dispone di op. cit.), ma anche alla stessa pagina dell opera citata nella nota precedente AA.VV. autori vari et al. et alii e altri (autori), quando di un lavoro di più autori se ne cita solo il primo BIBLIOGRAFIA Esistono diversi criteri di registrazione di una bibliografia. Essi rispondono alle specificità dell ambito disciplinare e dell argomento scelto e alle preferenze personali di chi scrive. Tuttavia, ci sono alcune norme comuni a tutte le bibliografie: - a differenza delle citazioni delle fonti in nota, nella bibliografia viene indicato prima il cognome e poi (talvolta separato da una virgola) il nome per esteso o l iniziale puntata del nome; - l elenco dei testi segue l ordine alfabetico per cognome dell autore; - in presenza di più opere dello stesso autore si segue l ordine cronologico di pubblicazione; - se si tratta di un curatore, viene indicato di seguito al nome, tra parentesi, a cura di, per es. Giglioli Pier Paolo (a cura di), Linguaggio e società, Bologna, Il Mulino,

11 - fermo restando l ordine alfabetico, le opere singole precedono le opere di più autori e le opere di più autori precedono gli a cura di ; - la bibliografia selettiva può essere divisa in sezioni (es. opere dell autore, saggi critici, sitografia; oppure: studi storici, studi linguistici, dizionari, siti internet consultati; bibliografia generale, bibliografia dell autore; ecc.); - gli elementi di un opera che devono essere indicati sono: cognome, nome, titolo, luogo di edizione oppure, se sprovvisto, s.l. (senza luogo), casa editrice oppure s.e. (senza editore), anno di pubblicazione oppure s.a. (senza anno); in alcuni casi sono necessari anche il nome del traduttore, gli estremi del volume miscellaneo, della rivista o del quotidiano da cui è tratto il saggio/articolo; - i siti internet consultati, in ordine alfabetico, riportano tra parentesi la data di consultazione del sito, per es. (12/05/2006). Per quanto riguarda la bibliografia di tipo tradizionale, che è quella suggerita per le tesi, si incontrano numerose varianti. Premesso che la bibliografia deve essere l indicazione chiara e coerente delle fonti, riportiamo qui di seguito alcune possibilità. Opere monografiche Ci si atterrà in linea di massima al seguente criterio: cognome e nome dell'autore, titolo dell opera in corsivo, luogo e data di pubblicazione in tondo, indicazione del numero del volume in cifra romana (quando si tratti di opera in più volumi). Esempio: CALABRESE OMAR, L'età neo-barocca, Roma-Bari, Laterza, Nel caso di eventuali edizioni di un opera successive alla prima si riporta generalmente l anno dell edizione originale tra parentesi quadra. Esempio: PALMER FRANK R., Modality and the English Modals, London, Longman, 1990 [1979]. Riviste Il titolo del saggio viene indicato in tondo tra doppie virgolette e seguito da virgola. Il titolo della rivista andrà in corsivo seguito dal numero dell annata in cifre arabe e, tra parentesi, dall anno di pubblicazione nonché, dopo la virgola, dall indicazione delle pagine. Esempio: ULRYCH MARGHERITA e ROSA MARIA BOLLETTIERI BOSINELLI, The State of the Art in Translation, Textus 12 (1999), pp Miscellanee Per i volumi miscellanei, per gli Atti di convegni e per le enciclopedie ci si atterrà a quanto già detto per le opere in generale. Per i saggi contenuti in volumi miscellanei, il titolo del saggio viene indicato in tondo tra doppie virgolette e seguito da virgola. Il titolo del volume andrà in corsivo preceduto da in e dal nome del curatore, se diverso dall autore del saggio, e seguito dai dati di pubblicazione (luogo, casa editrice e anno) nonché, dopo la virgola, dall indicazione delle pagine. Esempi: DERRIDA JACQUES, Des tours de Babel, in J. F. GRAHAM (ed.), Difference in Translation, Ithaca and London, Cornell U.P., 1985, pp [trad. it. A. Zinna, in S. NERGAARD (a cura di.), Teorie contemporanee della traduzione, Milano, Bompiani, 1995, pp ]. HILL LESLIE, The Trilogy Translated, in Beckett s Fiction: in Different Words, C.U.P., Cambridge, 1990, pp ; 11

12 FORMATTAZIONE E DIGITAZIONE DEL DOCUMENTO Dopo l apertura di un documento di testo, si procede alla formattazione dello stesso (impaginazione, carattere, paragrafi, ecc.) con gli appositi comandi. Per comodità faremo riferimento al programma Word. Impostazione dei margini della pagina dal menu File, comando Imposta pagina. È importante ricordare che è necessario un rientro maggiore (generalmente di 0,5 cm) per il margine della costa. Definizione del carattere dal menu Formato, comando Carattere. Si consiglia una dimensione 12 e il carattere Times New Roman. Definizione del paragrafo dal menu Formato, comando Paragrafo; alla voce allineamento selezionare giustificato; scegliere l interlinea, che consigliamo di 1,5 per esigenze di leggibilità e di comodità per eventuali correzioni a penna. Per inserire il numero di pagina, scegliere Inserisci Numeri di pagina e selezionare le opzioni preferite. Esiste la funzione di correzione automatica, che può essere attivata/disattivata utilizzando i comandi Strumenti Opzioni correzione automatica. Si raccomanda la massima attenzione nella digitazione di citazioni in lingua diversa da quella italiana e di nomi propri, che potrebbero essere distorti dal correttore automatico. Letture di riferimento: Centanni M., Daniotti C. e A. Pedersoli, Istruzioni per scrivere una tesi, un paper, un saggio (Milano, Bruno Mondadori, 2004) Lesina R., Il nuovo manuale di stile. Guida alla redazione di documenti, relazioni, articoli, manuali, tesi di laurea (Bologna, Zanichelli, 1994) 12

13 LOGO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE CORSO DI LAUREA/LAUREA MAGISTRALE IN XXXXXXXXXXXXXXX TESI DI LAUREA XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX XXXXXXXXXXXXXXX Relatore/Relatrice Xxxxxxxx Xxxxxxxx Laureando/a Xxxxxxxx Xxxxxxx Anno Accademico 2006/07 13

14 VERIFICHE FINALI DA EFFETTUARE PRIMA DELLA STAMPA DELLA TESI Battitura del testo i segni di punteggiatura sono seguiti, ma non preceduti da uno spazio bianco; le note sono numerate progressivamente e disposte a piè di pagina; l esponente di nota è un numero piccolo in alto che si scrive, senza spazio, a destra della parola a cui si riferisce e prima di eventuali segni d interpunzione; i segni d interpunzione si scrivono dopo le virgolette (tranne i punti esclamativi e interrogativi, se appartengono al testo riportato tra virgolette); linea bianca prima (doppia) e dopo (semplice) il titolo del paragrafo. Presentazione della tesi la pagina ha allineamento giustificato; capitolo e titolo del capitolo sono centrati; i titoli dei paragrafi sono allineati a sinistra; i titoli di capitoli e paragrafi non sono seguiti dal punto fermo; per i titoli di capitoli e paragrafo può essere usato il grassetto; l interlinea è di 1,5; i caratteri sono in corpo 12 e le note e le citazioni ampie in corpo 10; l esposizione è articolata in capoversi. Impaginazione della tesi dare uno sguardo d insieme alla numerazione in capitoli (eventualmente in numeri romani) e in paragrafi (in cifre arabe; eventuali sottoparagrafi in cifre arabe); le pagine sono numerate progressivamente. Per le tesi stampate in fronte-retro, il numero di pagina è a sinistra sulla pagina pari, a destra sulla pagina dispari; la formattazione è omogenea (margini laterali, superiore e inferiore; interlinea; corpi e caratteri); i titoli di capitoli e paragrafi nell indice corrispondono a quelli usati nel testo; l indice delle tavole e delle illustrazioni è compilato; revisione del frontespizio. Bibliografia identificazione bibliografica completa e coerente; ordine alfabetico (e cronologico quando siano presenti più volumi dello stesso autore); eventuale distinzione tra letteratura primaria e secondaria o sezioni; Organizzazione complessiva della tesi e impostazione dell indice frontespizio; indice dei capitoli e dei paragrafi; eventuale indice dei grafici e delle illustrazioni; introduzione o premessa; testo. 14

15 INDIRIZZI WEB DI ALCUNI QUOTIDIANI, PERIODICI ED EMITTENTI RADIOTELEVISIVE INGLESI E STATUNITENSI BBC News CNN ABC News the Times (online/newspaper ed.) the Observer the Guardian the Independent Daily Telegraph Financial Times Daily Mirror Sunday Mirror the Sun New York Times Washington Post New York Post New York Daily News Newsday USA Today Boston Globe Chicago Tribune Los Angeles Times San Francisco Chronicle Marketing Magazine Xtreme New Commercials Time Newsweek the Economist 15

16 INDIRIZZI WEB DI ALCUNI SITI ISTITUZIONALI INGLESI E AMERICANI Regno Unito: (Monarchy) (Prime Minister) (Conservative Party) (Labour Party) (Houses of Parliament) (House of Lords) (House of Commons) (Hansard - House of Commons Daily Debates) (Early Day Motions) (analysis of Early Day Motions) Stati Uniti: (White House) (New York City Mayor) 16

17 CITAZIONI Le citazioni bibliografiche servono per avvalorare la tesi esposta o per segnalare una critica alla stessa, per rimandare a fonti che trattano gli aspetti menzionati. La citazione deve essere il più possibile analitica per permetterne la verificabilità. N.B.: - sono vietate citazioni da Wikipedia o da altri siti Internet di nessun valore scientifico o culturale - è vietato copiare interi pezzi da internet o da testi cartacei. Si può invece parafrasare e inserire una citazione più o meno lunga dal testo consultato (ma mai da Internet) Le citazioni brevi: - vanno incorporate nel testo con virgolette di inizio e di fine (.. ). Le citazioni ampie (superiori a 4 righe) - vanno messe all'interno del testo in corpo minore (dimensione 10), precedute e seguite da una riga di spazio che le separi dal corpo del testo, senza virgolette e senza rientro prima riga. Il testo citato va rientrato a sinistra e a destra di 0,5 cm (margini nella sezione 'Paragrafo' del menu 'Formato'). Le omissioni all interno di citazioni brevi o ampie vanno indicate con tre puntini all interno di parentesi quadre [...] separate dal testo con uno spazio. IMPORTANTE: Dopo la citazione viene posto il richiamo di nota in apice utilizzando il comando inserisci - note a piè di pagina. Il richiamo viene messo dopo le virgolette o le parentesi, ma prima dell eventuale segno d interpunzione (vedi esempio di tesi alla fine). NOTE A PIÈ DI PAGINA Riportano generalmente: - la fonte della citazione; - informazioni aggiuntive rispetto a quanto detto nel corpo del testo, anche sottoforma di nuova citazione tra virgolette; Il numero di riferimento della nota può anche non seguire una citazione, ma una parola o un nome - rispetto ai quali si vogliono fornire fonti, spiegazioni o approfondimenti - o concludere un ragionamento del quale si è debitori a tale o tal altro testo e del quale magari si vogliono fornire elementi aggiuntivi. Impostazione: grandezza font 10; interlinea singola. La numerazione delle note deve essere progressiva, e non ricominciare da 1 al capitolo successivo.

18 Modello di citazione in nota 1) OPERA MONOGRAFICA: Il Nome, puntato, e il Cognome dell Autore (magari in maiuscoletto) il Titolo dell opera in corsivo, seguito dalla virgola la Città, seguita dalla virgola la Casa editrice, seguita dalla virgola l'anno di edizione, seguito dalla virgola il riferimento al/ai numero/i di pagina (p. se si tratta di una pagina singola, pp. se si tratta di più pagine, seguito da punto Esempio: O. CALABRESE, L'età neo-barocca, Roma-Bari, Laterza, 1987, pp ) SAGGIO O ARTICOLO IN VOLUME A CURA DI : Il Nome, puntato, e il Cognome dell Autore (magari in maiuscoletto), seguito da virgola il Titolo del saggio o dell'articolo tra virgolette ("."), seguito da virgola e poi da in il Nome, puntato, e il Cognome del Curatore della raccolta da cui è stato tratto il saggio o articolo che si è citato, inserendo (a cura di) tra parentesi tonde dopo il cognome del curatore. Virgola il Titolo della raccolta in corsivo, seguito da virgola la Città seguita da virgola la Casa editrice seguita da virgola l'anno di edizione, seguito da virgola il riferimento al/ai numero/i di pagina (p. se si tratta di una pagina singola, pp. se si tratta di più pagine Esempio: J. DERRIDA, Des tours de Babel, in S. NERGAARD (a cura di.), Teorie contemporanee della traduzione, Milano, Bompiani, 1995, p ) SAGGIO O ARTICOLO IN RIVISTA Il Nome, puntato, e il Cognome dell Autore (magari in maiuscoletto), seguito da virgola il Titolo del saggio o dell'articolo tra virgolette ("."), seguito da virgola e poi da in il Titolo della rivista in corsivo, seguito da virgola il numero della rivista la data della rivista (anno e, se c è, stagione o mese) tra parentesi, seguita da virgola il riferimento al/ai numero/i di pagina (p. se si tratta di una pagina singola, pp. se si tratta di più pagine) Esempio: M. ULRYCH, R. M. BOLLETTIERI BOSINELLI, The State of the Art in Translation, Textus, 12 (1999), pp

19 ABBREVIAZIONI comunemente usate nelle NOTE: cfr. confronta (si usa per indicare al lettore di consultare tale o tal altro testo per trovarvi approfondimenti o maggiori indicazioni). Ex: Cfr. O. Calabrese, L età neobarocca cit. citato: a volte si trovano citati altri autori/testi all'interno dei testi consultati. Nel caso li si voglia citare di seconda mano, va riconosciuta la fonte, per cui si scriverà: Ex: Cit. in O. Calabrese, L'età neo-barocca, Roma-Bari, Laterza, 1987, p. 3 op. cit. nell opera citata (opere citato): si usa quando il testo che riportiamo in nota è stato già precedentemente citato, per cui possiamo omettere di ripetere il titolo dell'opera Ex: O. Calabrese, op. cit., p. 4 Ivi (no corsivo) Sostituisce nome dell autore e titolo dell opera quando si rimanda al testo di un autore citato nella nota immediatamente precedente. Ex: Ivi, p. 4 Ibidem (corsivo): si usa quando si ripete in nota il rimando non solo alla stessa opera, ma anche alla stessa pagina dell opera citata nella nota immediatamente precedente p., pp. vol., voll. seg., segg. trad. es. cap., capp. pagina, pagine volume, volumi seguente, seguenti traduzione esempio capitolo, capitoli FORMATTAZIONE E DIGITAZIONE DEL DOCUMENTO - margini: dal menu File, comando Imposta pagina. È importante ricordare che è necessario un rientro maggiore (generalmente di 0,5 cm) per il margine della costa. - carattere: dimensione 12, Times New Roman. - allineamento giustificato; interlinea 1,5 - rientro prima riga di ogni paragrafo, tranne titoli di paragrafi e citazioni lunghe: 0,5 - numero di pagina: scegliere Inserisci Numeri di pagina e selezionare le opzioni preferite. Segue ESEMPIO di TESI

20 Capitolo 2 LE RIVISTE DI MODA 2.1. Il mondo delle riviste femminili Nel decidere cosa indossare, come truccarsi, quale acconciatura dare ai propri capelli e come curare il proprio corpo, le donne partecipano a un sistema di creazione dei significati che le invita a rispondere ai messaggi inviati loro dai media. La moda, infatti, non è soltanto quella mostrata dalle vetrine dei negozi ma anche, e soprattutto, quella comunicata dai media che creano continuamente modelli e immagini da imitare, costruendo e diffondendo ogni volta nuove identità, attraverso un 'bombardamento' di informazioni. Dalla televisione alle affissioni pubblicitarie, dalla radio a Internet, un ruolo primario nella comunicazione della moda è sicuramente svolto dal giornalismo periodico. Le riviste rappresentano delle fonti d aggiornamento essenziali per le donne: dopo essere entrate nelle loro case, vi restano a lungo e vengono lette in più occasioni. Esse, infatti, vengono cestinate raramente dopo una prima consultazione: a volte si aspetta di comprare il numero successivo per farlo o vengono conservate proprio per essere confrontate con quelle nuove. Molto spesso, invece, accade che, per semplice mancanza di tempo, le si tenga in serbo per approfondire particolari articoli con più calma. In questo senso, si può affermare che, tra i vari media, la rivista costituisce quello più fedele. Sfogliandola velocemente si coglie il senso generale e ci si lascia la possibilità di riaprirla e di tornare sugli argomenti di maggiore interesse quando si avrà più tempo. Non si può dire altrettanto, invece, per la televisione, in quanto cambia scaletta ogni giorno, non permettendo così di assimilare, di rivedere - se non nella prevedibile ripetizione di uno stacchetto pubblicitario di grido - o di mantenere fisso nel ricordo un fatto di moda, sia esso una nuova collezione di abiti, un nuovo cosmetico o altro. Citando le parole di Jane Reed (1982), Oliver Whitehorne sostiene che tra ogni lettrice e la propria rivista si instaura una sorta di amicizia, poiché c è contatto e scambio comunicativo: A magazine is like a club, which must flatter its readers, making them think they belong and are welcome in the club 1. La donna trova nel giornale le risposte alle proprie domande e curiosità, quesiti che il giornale stesso spesso crea, risultando per lei un confidente che non si smentisce mai oltre che il produttore di quei valori di consumo in cui ella crede: 1 O. Whitehorne, Cosmo Woman. The Word of Women s Magazines, Kidderminster, Crescent Moon, 1997, p. 1.

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare:

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare: ADEMPIMENTI PER LAUREANDI Scadenze da rispettare per potersi laureare: 1) Prima della consegna della domanda di laurea il laureando dovrà accedere al sito di AlmaLaurea (http://www.unica.it/almalaurea),

Dettagli

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA -

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA - N o r m e r e d a z i o n a l i p e r l a s t e s u r a d e l l a t e s i d i l a u r e a l i n e e d i m a s s i m a A m b i t o d i P s i c o l o g i a NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI

Dettagli

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Standard editoriali per l impostazione della tesi di laurea (a cura di Carla Rossi) STRUTTURA DEL LAVORO FRONTESPIZIO

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA IL CONTENUTO Attraverso la tesi di laurea lo studente deve elaborare in modo approfondito ed originale l argomento di ricerca assegnato. Il lavoro di tesi

Dettagli

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Corso di Laurea in Scienze della Formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione SPORTELLO TESI Istruzioni per lo svolgimento della TESI DI LAUREA o della PROVA FINALE in SCIENZE DELLA FORMAZIONE

Dettagli

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5 «Filosofia» Norme redazionali Regole generali Autore: Times New Roman, corpo 14, corsivo, interlinea 1,5 Titolo saggio: Times New Roman, corpo 14, grassetto, interlinea 1,5 Titolo paragrafo: Times New

Dettagli

Norme redazionali Liguori

Norme redazionali Liguori Norme redazionali Liguori 1. Indicazioni generali A) Si prega di utilizzare, per la stesura dei documenti destinati alla pubblicazione, il word processor Microsoft Word (sistema operativo Windows oppure

Dettagli

mimesis edizioni norme editoriali

mimesis edizioni norme editoriali mimesis edizioni norme editoriali Norme editoriali Pagina 1 di 6 UTILIZZO DI WORD Usare l inserimento automatico delle note a piè di pagina e NON ricominciare la numerazione da 1 per un nuovo capitolo,

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA Via A. Volta, 31 27100 Pavia Tel. 0382 399206 Fax 0382 399205 e-mail: vittadini @ comune.pv.it BIENNIO INTERPRETATIVO INDICAZIONI GENERALI E

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA Luglio, 2012 1 0. PREMESSA Le tesi di laurea essere di due tipi: Tesi di Ricerca Sperimentale: lavori che si caratterizzano per la raccolta e/o l'analisi

Dettagli

Norme per la redazione del testo

Norme per la redazione del testo Norme per la redazione del testo Norme ortografiche e per la redazione dei segni di interpunzione Puntini di sospensione Sono sempre solo tre e si inseriscono con l apposito carattere unico. Come ogni

Dettagli

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Scrivere la tesi di laurea Una premessa Il lavoro di tesi, oltre ad essere un documento amministrativo ufficiale, è un opera dell

Dettagli

Norme redazionali HB

Norme redazionali HB Norme redazionali HB 1. Impostazioni di pagina Per il LAYOUT PAGINA, impostare: Formato pagina: A5 Margini: superiore cm 2,5 inferiore cm 2 sinistro cm 2 destro cm 2 piè di pagina: cm 2 rilegatura: 0 Per

Dettagli

OPAC e non solo: cercare libri per argomento

OPAC e non solo: cercare libri per argomento OPAC e non solo: cercare libri per argomento a cura di Ilaria Moroni Seminario interdisciplinare Università degli Studi di Milano-Bicocca Milano, a.a. 2012/13 Sommario Servizi e strumenti della BdA di

Dettagli

Prova finale / Regole tipografiche

Prova finale / Regole tipografiche Prova finale / Regole tipografiche Copertina: scaricare dal sito http://www.unibg.it/provafinale il file della Facoltà di riferimento ed inserire i dati personali. Di seguito si forniscono indicazioni

Dettagli

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan ISTRUZIONI GENERALI PER L'IMPAGINAZIONE E LA REDAZIONE DELLE NOTE Ogni testo redazionale richiede un editing adeguato che valorizzerà

Dettagli

Guida alla stesura di una tesi di laurea breve

Guida alla stesura di una tesi di laurea breve Guida alla stesura di una tesi di laurea breve Dipartimento di Lingua e Cultura Italiana Università di Amsterdam Linda Pennings & Ronald de Rooy Fare una tesi significa divertirsi. [ ] L importante è fare

Dettagli

una Tesi di Laurea: la Ricerca Bibliografica

una Tesi di Laurea: la Ricerca Bibliografica 1 Come si costruisce una Tesi di Laurea: la Ricerca Bibliografica SEMINARI LM CAPIS - SCIS (Seminari di pratica della ricerca e Seminari di criminologia e mediazione culturale) Anno Accademico 2011/2012

Dettagli

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali Italiano Tecnico 2007-2008 Note e bibliografia Criteri redazionali Le note Funzione e collocazione I testi professionali e scientifici possono essere corredati da note, testi generalmente brevi che accompagnano

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II VADEMECUM DEL TESISTA PREMESSA Questo scritto costituisce un supporto alla stesura dell elaborato finale. Per questo motivo, ciascun candidato è tenuto a prenderne visione prima di procedere alla redazione

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA RICERCA BIBLIOGRAFICA. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche

INTRODUZIONE ALLA RICERCA BIBLIOGRAFICA. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche INTRODUZIONE ALLA RICERCA BIBLIOGRAFICA A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche La ricerca bibliografica: cos è? La ricerca bibliografica è quel complesso di attività volte ad accertare l'esistenza,

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La tesi di Laurea è parte integrante e conclusiva del percorso formativo dello studente.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

FORMATO PROVA FINALE

FORMATO PROVA FINALE FORMATO PROVA FINALE Il Consiglio di Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione ha deliberato di adottare un nuovo format per le tesi cui occorre dunque attenersi. Quelle qui riportate sono le regole

Dettagli

Il Catalogo del Polo bolognese del Servizio Bibliotecario Nazionale

Il Catalogo del Polo bolognese del Servizio Bibliotecario Nazionale Il Catalogo del Polo bolognese del Servizio Bibliotecario Nazionale Corso di formazione sulle ricerche bibliografiche Laboratorio Informatico, Facoltà di Medicina Veterinaria BIBLIOTECA ERCOLANI, UNIVERSITA

Dettagli

NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI INDICE

NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI INDICE NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI CAROCCI EDITORE S.P.A. Via Sardegna N 50-00187 Roma Indirizzo Internet: http://www.carocci.it - E-mail: red@carocci.it Sede Redazione: via Santa Teresa, 23-00198 Roma

Dettagli

NORME REDAZIONALI. per gli autori della Rassegna Italiana di Linguistica Applicata

NORME REDAZIONALI. per gli autori della Rassegna Italiana di Linguistica Applicata NORME REDAZIONALI per gli autori della Rassegna Italiana di Linguistica Applicata Questa pagina viene aggiornata regolarmente. La presente versione è datata 12 dicembre 2013 Accesso La RILA è uno strumento

Dettagli

Regolamento del bando

Regolamento del bando PREMIO RASSEGNA ECONOMICA Edizione 2012 Regolamento del bando CARATTERISTICHE DEI PARTECIPANTI Potranno partecipare al Bando 2012 del Premio Rassegna Economica, giovani ricercatori di età inferiore ai

Dettagli

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione I. Linee guida generali L elaborato finale va presentato, entro il termine perentorio di 30 giorni

Dettagli

SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE

SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE 1 CENTRO STUDI E RICERCHE DI MEDICINA NATURALE E TECNICHE NATUROPATICHE SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE INDICAZIONI E CRITERI FORMALI PER LA COMPOSIZIONE DELL ELABORATO TESI IN NATUROPATIA PREMESSA

Dettagli

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea Brevi istruzioni su come fare una tesi I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea L inizio e la fine Una delle prime cose da fare per cominciare

Dettagli

Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale

Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale Nell'intento di uniformare il metodo di stesura delle tesi di laurea vengono qui di seguito fornite a tutti gli studenti

Dettagli

NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO

NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO Chiediamo a ciascun Autore di fornire i propri testi in file Word. Formato: mandare i testi in Word (o.doc o.docx), e.rtf.

Dettagli

Come lavorare alla tesi di laurea

Come lavorare alla tesi di laurea Come lavorare alla tesi di laurea Corso di Laurea magistrale in Comunicazione, Informazione e Editoria Università degli studi di Bergamo Seminario Anna Carola Freschi 11 Marzo 2013, Via Salvecchio - Aula

Dettagli

Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010

Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010 Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010 Indice 1. Come inviare i testi 2. Immagini 3. Divisione capitoli e paragrafi, titoli 4. Citazioni

Dettagli

Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale

Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale L elaborato deve contenere nell ordine le seguenti parti: 1. copertina 2. frontespizio 3. indice 4.

Dettagli

Norme redazionali AItLA foglio di stile per gli autori

Norme redazionali AItLA foglio di stile per gli autori foglio di stile per gli autori 1. Generalia Si prega di seguire scrupolosamente le norme redazionali della collana e di non utilizzare fogli di stile o altri tipi di formattazione automatica diversi da

Dettagli

PER GLI AUTORI. Norme Redazionali

PER GLI AUTORI. Norme Redazionali PER GLI AUTORI Norme Redazionali Lunghezza Gli articoli, comprensivi di note e di riferimenti bibliografici, non devono superare le 7.000 parole. Le recensioni dei libri non devono superare le 1.500 parole.

Dettagli

Indicazioni generali per la grafica delle tesi1

Indicazioni generali per la grafica delle tesi1 Elio Padoano Indicazioni generali per la grafica delle tesi1 (Consiglio generale: redigere le prime bozze seguendo già le impostazioni definitive.) 1. Impostazione pagina Margini: Superiore 2,5+3,0 cm

Dettagli

lo schema di partenza

lo schema di partenza COSTRUZIONE DELLA TESI DI LAUREA lo schema di partenza Inquadrare l argomento Individuare l oggetto della ricerca Argomentare ogni affermazione Documentare correttamente i supporti tecnologici e bibliografici

Dettagli

Cosa stai cercando? Strumenti e risorse per la ricerca bibliografica

Cosa stai cercando? Strumenti e risorse per la ricerca bibliografica Cosa stai cercando? Strumenti e risorse per la ricerca bibliografica Gruppo di Progetto per la Formazione e la Promozione Sistema Bibliotecario d Ateneo sba-forcom@unito.it STAI CERCANDO un volume? (slides

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA TESI

LINEE GUIDA PER UNA TESI CONSORZIO EDITORIALE FRIDERICIANA LINEE GUIDA PER UNA TESI Indice degli argomenti 1. La scelta dell'argomento 2. La ricerca bibliografica 3. La schedatura dei testi 4. L'organizzazione delle idee 5. La

Dettagli

Indicazioni riferimenti bibliografici

Indicazioni riferimenti bibliografici Indicazioni riferimenti bibliografici Libri e pubblicazioni a stampa Indicazioni generali Volumi Volumi tradotti Saggi in volume collettaneo Curatele Saggi tradotti Articoli su rivista scientifica Interventi

Dettagli

Norme per gli autori e i collaboratori

Norme per gli autori e i collaboratori Norme per gli autori e i collaboratori Gli articoli vanno consegnati su file, e non devono superare le 20 cartelle (circa 3000 battute ciascuna, spazi inclusi). Le recensioni non devono superare le due

Dettagli

Guida alla redazione della tesi di laurea

Guida alla redazione della tesi di laurea Guida alla redazione della tesi di laurea Premessa Con questa Guida si forniscono alcuni consigli e poche regole queste ultime vincolanti sia per gli studenti sia per i docenti, tanto per le materie di

Dettagli

Guida alla composizione della tesi di laurea

Guida alla composizione della tesi di laurea Guida alla composizione della tesi di laurea Corso di laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Facoltà di Giurisprudenza Como 1 Indice 1. Introduzione p. 3 2. Tempistica p.

Dettagli

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente)

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente) OBIETTIVI Migliorare le capacitàdi svolgimento di un progetto autonomo di scrittura documentata. Consolidare le abilità di ricerca delle fonti. Rafforzare le abilitàdi organizzazione dei contenuti. Che

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI Carlo Bo. Corso di Diploma triennale in Scienze della Mediazione Linguistica

SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI Carlo Bo. Corso di Diploma triennale in Scienze della Mediazione Linguistica SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI Carlo Bo Corso di Diploma triennale in Scienze della Mediazione Linguistica Guida alla Dissertazione scritta di Prova finale 1. Premessa Con la dissertazione

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea. 1. Le abbreviazioni delle fonti normative: di seguito, esempi

Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea. 1. Le abbreviazioni delle fonti normative: di seguito, esempi Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea (Sabato 20 ottobre 2012) ESERCITAZIONI PER LE CITAZIONI Preliminarmente, merita sottolineare che esistono diversi metodi di citazione

Dettagli

Unifepress - Norme redazionali

Unifepress - Norme redazionali Ai collaboratori si richiede di osservare le seguenti norme: Invio dei contributi. I contributi devono essere inviati esclusivamente in formato elettronico al Comitato di Redazione di Unifepress (unifepress@unife.it),

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

Guida di stile per le tesi di laurea

Guida di stile per le tesi di laurea UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA INTERFACOLTÀ IN COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE Guida di stile per le tesi di laurea a cura di Matteo Verda 1. Carattere ed impaginazione...

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELLA TESI Guida alla preparazione del saggio breve, ovvero la parte scritta della Tesi di Diploma di primo livello La presente guida è finalizzata

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE FILOSOFICHE E LINGUISTICO-LETTERARIE FILOSOFIA POLITICA

DIPARTIMENTO DI SCIENZE FILOSOFICHE E LINGUISTICO-LETTERARIE FILOSOFIA POLITICA DIPARTIMENTO DI SCIENZE FILOSOFICHE E LINGUISTICO-LETTERARIE FILOSOFIA POLITICA BREVE PRONTUARIO PER LE TESI DI LAUREA 1. INDICAZIONI PRELIMINARI a) I laureandi sono tenuti a richiedere la tesi almeno

Dettagli

Guida all uso della Banca Dati

Guida all uso della Banca Dati Guida all uso della Banca Dati Introduzione Questa guida dell utente intende presentare il contenuto del database sulle traduzioni economiche incluse nel portale del progetto EE-T, nonché a fornire alcuni

Dettagli

Linee guida per la redazione dell elaborato finale

Linee guida per la redazione dell elaborato finale Linee guida per la redazione dell elaborato finale Cos è una tesina? È «La prova finale [che] consiste nella preparazione e discussione di un elaborato scritto, redatto in lingua italiana o straniera della

Dettagli

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte.

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Tutte le altre informazioni, non contenute in questo documento, potete trovarle nel sito http://www.ababo.it/aba/tesi/ Caratteristiche

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI-CLINICHE-PEDIATRICHE (Prof. Loreto Lancia) LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA CORSI DI LAUREA IN INFERMIERISTICA E

Dettagli

Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a via Telefono cellulare e-mail Corso di Studi in. Materia: Relatore:Prof.

Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a via Telefono cellulare e-mail Corso di Studi in. Materia: Relatore:Prof. BOLLO 16.00 RICHIESTA ASSEGNAZIONE TESI Al Preside della Facoltà di Economia Via Don Carlo Gnocchi 3 00166 Roma Matricola: Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a via Telefono cellulare e-mail

Dettagli

INDICAZIONI PER I TESISTI. 1. Che cos è una tesi di laurea

INDICAZIONI PER I TESISTI. 1. Che cos è una tesi di laurea INDICAZIONI PER I TESISTI 1. Che cos è una tesi di laurea La tesi di laurea è una dissertazione scritta con lo scopo di dimostrare la compiuta conoscenza di un argomento (nello specifico di Diritto del

Dettagli

Italiano Tecnico 2006-2007. Note e bibliografia Criteri redazionali

Italiano Tecnico 2006-2007. Note e bibliografia Criteri redazionali Italiano Tecnico 2006-2007 Note e bibliografia Criteri redazionali Le note Funzione e collocazione I testi professionali e scientifici possono essere corredati da note, testi generalmente brevi che accompagnano

Dettagli

Note per la redazione delle tesi di laurea

Note per la redazione delle tesi di laurea Note per la redazione delle tesi di laurea (proff. Pietro Perconti e Alessio Plebe) Introduzione Queste note intendono guidare lo studente alla stesura della propria tesi di laurea, affinché il documento

Dettagli

SCHEMA ORGANIZZATIVO DELLA TESI

SCHEMA ORGANIZZATIVO DELLA TESI SCHEMA ORGANIZZATIVO DELLA TESI 1) Copertina (dovranno comparire tutti i dati del frontespizio); 2) Prima pagina all'interno della tesi deve essere bianca; 3) Seconda pagina: Indice 4) Terza pagina: frontespizio;

Dettagli

NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO

NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO 1- ART. 9 ESAME FINALE (D.M. 30/09/11) 1. Il corso si conclude con un esame finale al quale è assegnato uno specifico punteggio. 2. La commissione d'esame

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

Breve guida alla ricerca bibliografica on-line. A cura di Tilde Tocci

Breve guida alla ricerca bibliografica on-line. A cura di Tilde Tocci Breve guida alla ricerca bibliografica on-line 1 Breve guida alla ricerca bibliografica on-line Questa breve guida è indirizzata principalmente agli studenti dei corsi di laurea in Informatica e Tecnologie

Dettagli

Information Literacy

Information Literacy Information Literacy Oggi ci sono molte risorse a disposizione per lo studio dell ingegneria, per questo è importante saperle utilizzare con discrezionalità per essere certi di aver fatto un lavoro di

Dettagli

Strumenti di ricerca in biblioteca 1: Il Web e gli Opac. A cura di Giancarla Marzoli 24/03/2009

Strumenti di ricerca in biblioteca 1: Il Web e gli Opac. A cura di Giancarla Marzoli 24/03/2009 Strumenti di ricerca in biblioteca 1: Il Web e gli Opac A cura di Giancarla Marzoli 24/03/2009 Strumenti di ricerca in biblioteca 1: Il Web e gli Opac Introduzione : biblioteca con i sui servizi funzione

Dettagli

Guida ai SERVIZI DIGITALI. della Rete Bibliotecaria di Romagna e San Marino

Guida ai SERVIZI DIGITALI. della Rete Bibliotecaria di Romagna e San Marino Guida ai SERVIZI DIGITALI della Rete Bibliotecaria di Romagna e San Marino ScopriRete ScopriRete è il portale d accesso 2.0 ai documenti e ai servizi gratuiti on-line di tutte le biblioteche della Rete

Dettagli

CINERGIE ONLINE Norme redazionali

CINERGIE ONLINE Norme redazionali CINERGIE ONLINE Norme redazionali CINERGIE MEDIA I testi devono essere compresi tra 5000 e 7000 battute e NON devono contenere note. Per tutto il resto si rimanda alle norme di CINERGIE SEMESTRALE CINERGIE

Dettagli

Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara

Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara Corso di Metodologia Teologica per gli studenti del primo anno Prof. Bruno Marien Lezione 4 16 novembre 2009 La descrizione dell'informazione

Dettagli

STRUTTURA DELLA TESI

STRUTTURA DELLA TESI FACOLTA DI MEDICINA E ODONTOIATRIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA N Presidente: Prof. Adriano Redler Direttore Didattico: Dr.ssa Serenella Savini STRUTTURA DELLA TESI La tesi di ricerca, visti gli

Dettagli

I servizi della Biblioteca per la ricerca bibliografica

I servizi della Biblioteca per la ricerca bibliografica I servizi della Biblioteca per la ricerca bibliografica per master Infermiere di ricerca di Laura Colombo Università degli studi di Milano-Bicocca Monza, 16 novembre 2012 Sommario La ricerca bibliografica:

Dettagli

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali TESI Laurea Triennale - Norme redazionali Formattazione 1. I testi devono essere redatti utilizzando il font Times New Roman 2. Il corpo del carattere deve essere di 12 o 13 punti (le note vanno in corpo

Dettagli

Norme redazionali. Gli articoli proposti per la pubblicazione devono conformarsi alle seguenti norme redazionali:

Norme redazionali. Gli articoli proposti per la pubblicazione devono conformarsi alle seguenti norme redazionali: Norme redazionali Gli articoli proposti per la pubblicazione devono conformarsi alle seguenti norme redazionali: 1) Gli articoli inediti e non sottoposti alla valutazione di altre riviste, devono essere

Dettagli

Corso Intensivo di Formazione per Redattore di Casa Editrice

Corso Intensivo di Formazione per Redattore di Casa Editrice Corso Intensivo di Formazione per Redattore di Casa Editrice Bando del corso 2016 I. IL CORSO IN BREVE L obiettivo del corso è quello di formare delle figure che siano in grado di operare nel difficile

Dettagli

Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi. Per favore leggere prima di chiedermi la tesi.

Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi. Per favore leggere prima di chiedermi la tesi. Versione 2.0 Gennaio 2015 Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi M. Cristina Molinari Dipartimento di Economia Università Ca Foscari di Venezia. Per favore leggere prima di chiedermi la tesi.

Dettagli

Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi

Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi Per facilitare il lavoro della redazione e ridurre i tempi di lavorazione, si raccomanda agli autori di attenersi alle seguenti raccomandazioni.

Dettagli

NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI

NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI PONTIFICA FACOLTÀ TEOLOGICA DELL ITALIA MERIDIONALE SEZIONE SAN LUIGI - NAPOLI NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI Nella stesura di un lavoro scritto bisogna attenersi

Dettagli

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto:

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto: UN ESEMPIO Il testo che troverete qui sotto è un esempio di testo regolativo. Esso è stato scritto per facilitare la realizzazione di un testo tecnico di tipo particolare, la relazione di stage. Osservate

Dettagli

UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA GUIDA PRATICA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE. Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma

UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA GUIDA PRATICA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE. Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE DIPARTIMENTO DI TEORIA ECONOMICA E METODI QUANTITATIVI PER LE SCELTE POLITICHE Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma GUIDA

Dettagli

Guida alla stesura della tesi di laurea triennale

Guida alla stesura della tesi di laurea triennale Guida alla stesura della tesi di laurea triennale Cos è la tesi di laurea triennale La tesi di laurea triennale è l elaborato scritto che lo studente è tenuto a redigere a conclusione del proprio percorso

Dettagli

Corso Universitario Intensivo per Redattore di Casa Editrice

Corso Universitario Intensivo per Redattore di Casa Editrice Corso Universitario Intensivo per Redattore di Casa Editrice I. Il corso in breve L obiettivo del corso è quello di formare delle figure che siano in grado di operare nel difficile e sempre più articolato

Dettagli

Linee Guida Editoriali AIRInforma

Linee Guida Editoriali AIRInforma Linee Guida Editoriali AIRInforma Ogni articolo deve seguire le norme qui riportate. E molto importante che ogni autore controlli che il proprio articolo si adegui alle seguenti norme, prima di sottometterlo

Dettagli

Indicazioni Tipografiche per la composizione dei lavori scritti

Indicazioni Tipografiche per la composizione dei lavori scritti Istituto Superiore di Scienze Religiose San Pietro Martire - Verona Indicazioni Tipografiche per la composizione dei lavori scritti (per chi utilizza Word o OpenOffice, le impostazioni sotto riportate

Dettagli

GUIDA ALLO SVOLGIMENTO DELLA TESI

GUIDA ALLO SVOLGIMENTO DELLA TESI Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Largo Francesco Vito, 1 00168 ROMA PIA FONDAZIONE DI CULTO E RELIGIONE CARD. G. PANICO AZIENDA OSPEDALIERA TRICASE (LECCE)

Dettagli

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione Linee guida per l elaborato di laurea del corso di laurea in Scienze della formazione primaria Art. 1 Introduzione La tesi è parte integrante del

Dettagli

Il Nuovo Manuale di Stile

Il Nuovo Manuale di Stile I LIBRI SEMPRE APERTI Il Nuovo Manuale di Stile di Roberto Lesina EDIZIONE 2.0 GUIDA ALLA REDAZIONE DI DOCUMENTI, RELAZIONI, ARTICOLI, MANUALI, TESI DI LAUREA I LIBRI SEMPRE APERTI Il Nuovo Manuale di

Dettagli

COSA STAI CERCANDO? STRUMENTI E RISORSE PER LA RICERCA BIBLIOGRAFICA

COSA STAI CERCANDO? STRUMENTI E RISORSE PER LA RICERCA BIBLIOGRAFICA COSA STAI CERCANDO? STRUMENTI E RISORSE PER LA RICERCA BIBLIOGRAFICA Centro di Servizi di Biblioteca di Area umanistica [CSB] Biblioteca Giorgio Aprea Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale

Dettagli

Norme redazionali Rubbettino editore. «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre

Norme redazionali Rubbettino editore. «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre Norme redazionali Rubbettino editore «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre Corsivi va usato esclusivamente per i titoli dei libri

Dettagli

IL CATALOGO DI ATENEO (OPAC): Il catalogo in linea delle biblioteche e i suoi servizi

IL CATALOGO DI ATENEO (OPAC): Il catalogo in linea delle biblioteche e i suoi servizi IL CATALOGO DI ATENEO (OPAC): Il catalogo in linea delle biblioteche e i suoi servizi A cura del gruppo corsi del Sistema bibliotecario di Ateneo (26 febbraio 2013) INDICE 1. CHE COSA E UN OPAC E A COSA

Dettagli