ver: 2.0 brief Date: 25/2/2014 target: stakeholders auth: Kilowatt

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ver: 2.0 brief Date: 25/2/2014 target: stakeholders auth: Kilowatt"

Transcript

1 ver: 2.0 brief Date: 25/2/2014 target: stakeholders auth: Kilowatt 1

2 Progetto vincitore: Bando per l innovazione creativa del Comune di Bologna 1 Bando della Fondazione Unipol per la promozione di startup culturali in forma cooperativa 2 Attività produttive della Regione Emilia-Romagna: Sostegno allo sviluppo delle infrastrutture per la competitività e per il territorio 3 In collaborazione con: Comune di Bologna Società consortile tra: Regione Emilia-Romagna, Università, CNR, ENEA, Associazioni di categoria e Unioncamere Redazione del Sole 24 Ore dedicata ai temi della ricerca e dell innovazione Fondazione per la promozione della cultura scientifica

3 EXECUTIVE SUMMARY Il progetto Social Innovation Factory si configura come un nuovo modo di concepire il lavoro, basato sulla condivisione della conoscenza, dei network, degli spazi, degli strumenti e dei servizi, sull empowerment delle persone e su un modello di welfare dal basso capace di conciliare la figura del genitore con quella del professionista. Si tratta di un modello innovativo di acceleratore d innovazione ad alto valore sociale ed ambientale, animato da una rete di imprese, liberi professionisti e progettisti. Un progetto modulare con l obiettivo di stimolare la nascita di nuove opportunità di lavoro, nuove collaborazioni professionali e relazioni sociali tra i membri della Factory, generando facilitazioni concrete per chi vuole fare impresa, per mamme e padri freelance, offrendo un luogo di confronto culturale e di contaminazione per gli innovatori tra cittadinanza, mondo dell impresa, terzo settore e pubblica amministrazione. Attraverso un processo di riqualificazione di un immobile nel centro di Bologna trasformato in luogo di lavoro e per eventi, un offerta di servizi di welfare innovativi e flessibili e un attività strutturata di community management, l organizzazione intende diventare un punto di riferimento per la città sui temi dell innovazione sociale. La Factory offrirà spazi e strumenti di lavoro; momenti di formazione ed informazione; occasioni costanti di networking e stimoli per la co-progettazione di servizi, prodotti e processi; servizi salvatempo ; uno spazio di accoglienza per bambini con attività educative innovative; eventi culturali ed artistici aperti alla cittadinanza. La flessibilità e la co-produzione di valore sono i due driver chiave dell iniziativa, che contribuiranno a dare un identità forte a tutto il progetto. La Social Innovation Factory intende rappresentare una risposta alle difficoltà occupazionali, all evoluzione del mercato del lavoro e all arretramento del welfare pubblico. 3

4 La Social Innovation Factory comprende quattro aree strategiche: HUB spazi condivisi CLOUD servizi condivisi ART spazi espositivi e progetti artistici FOOD servizi di ristorazione sostenibile 4

5 A cui fanno capo le seguenti attività: FOCUS: IL CO-BABY Innovare il mondo del lavoro ed i luoghi di lavoro significa promuovere i valori della condivisione e della collaborazione a nuovi driver dell economia, assecondare i tempi dell innovazione e della creatività, comprendere e valorizzare la flessibilità e la conseguente coincidenza tra vita lavorativa e vita personale. Partendo da questa visione e da questi obiettivi, il servizio di co-baby diventa uno degli assi portanti della Factory, uno dei servizi a maggiore valore aggiunto e di innovazione offerti ai nuovi lavoratori che desiderano conciliare la vita professionale col desiderio di diventare genitori e di stare insieme ai propri figli. Il co-baby è caratterizzato da un modello di business basato sull offerta di servizi educativi estremamente flessibili e modulari, innovativi nell offerta formativa e incentrati sul concetto di community proprio della Factory. Uno spazio dedicato accoglierà i bambini, favorendo le esigenze di quei genitori che intendono 5

6 trovare un punto di convergenza tra la propria vita professionale e quella familiare. Per neo-genitori freelance o liberi professionisti, per mamme che hanno concluso il periodo di maternità ma intendono prolungare quello di allattamento, per chi non gradisce la proposta formativa o la rigidità di orari degli asili nido. Il co-baby risponde di fatto ad un esigenza diffusa, che fotografa l evoluzione del mercato del lavoro e la integra con le necessità di chi non intende rinunciare a star vicino ai propri figli. Il modello è stato sviluppato attraverso un processo di co-progettazione che ha coinvolto un gruppo di 10 giovani mamme e papà freelance e 4 realtà che operano nel campo della formazione. Tramite gli strumenti del design thinking sono state elaborate le seguenti modalità operative e proposte educative: :: Flessibilità e modultarità: le mamme e i papà potranno comporre il servizio di co-baby a seconda delle loro esigenze lavorative, scegliendo l orario di entrata e uscita e i giorni in cui portare il bimbo. Potranno inoltre beneficiare del co-baby come servizio educativo, inteso come un nuovo modello di asilo, ma anche come servizio di babysitting per il tempo di una riunione, di un incontro, per poter partecipare ad un workshop oppure ad un momento di networking. :: Innovazione nell offerta formativa: lingue straniere, tecnologia, digitale, valorizzazione della creatività saranno gli elementi costitutivi dell offerta formativa proposta. Inoltre, il fatto di essere inserito all interno del luogo lavorativo del/dei genitori verrà valorizzato e considerato come opportunità formativa per i piccoli. :: Community: partecipazione alla creazione, alla scelta e anche all offerta di servizi. Le mamme e papà infatti potranno scegliere che tipo di offerta formativa dare ai propri figli, introducendo contenuti, modalità e strumenti nuovi, e in alcuni casi partecipando direttamente all offerta di attività specifiche, per le quali hanno competenze adatte. Tale modello implica che il gruppo dei bambini sia misto, e perciò lo spazio verrà organizzato e gestito in base alle diverse età dei bambini. Lo spazio sarà suddiviso in: :: zona del gioco libero: uno spazio che sia abbastanza grande in cui i bambini possono prendere in modo autonomo giochi, libri ecc. :: zona delle attività e del gioco simbolico: ogni settimana si svolgeranno delle attività organizzate dagli educatori. :: zona cambio dove ci sarà il fasciatoio, vasini o piccoli bagni, il tutto a misura di bambino. 6

7 :: angolo relax: riservato alle letture animate o semplicemente al riposo. :: piccolo nascondiglio: una tenda dove i bambini possono passare dei momenti da soli se ne hanno voglia. :: zona allattamento, perchè il co-baby dovrà servire alle mamme che desiderano prolungare l'allattamento oltre i tempi previsti dalla maternità o che hanno bisogno di lavorare subito dopo il parto. La zona allattamento è molto importante e sarà uno spazio possibilmente separato in modo che la mamma e il bambino siano tranquilli, comodi e intimi. :: cucina o zona pappa, uno spazio condiviso adatto alla pappa dei bimbi e al pranzo dei genitori pensato in modo che la pausa pranzo possa essere vissuta come un momento di comunità fra genitori e bambini. per il bambino non vi è alcuna differenza fra gioco e lavoro, il gioco è per loro lavoro e con la stessa importanza deve essere trattato. Inoltre il bimbo non va escluso dai luoghi dei grandi ma devono essere questi spazi ad adattarsi alle esigenze dei piccoli per crescere responsabili, autonomi e coscienti. (Montessori) 7

8 VALUE PROPOSITION La struttura delle attività della Factory è pensata per rispondere a due obiettivi: 1. la facilitazione all ingresso nel mondo del lavoro ed il rafforzamento di startup e freelance attivi nel mondo della social innovation attraverso la fornitura di spazi, facilities e servizi a prezzi agevolati, la creazione di un ambiente stimolante e prolifico capace di generare collaborazioni, l offerta di servizi di welfare familiare. 2. Il contatto ed il coinvolgimento della cittadinanza, perchè l innovazione e le pratiche della partecipazione - caratterisiche della sharing economy - possano contaminare e diffondersi a servizio della comunità. L attività e la sostenibilità della Factory si presta ad un roll out modulare. Il nucleo di base è costituito da: - attività di coworking (scrivanie, sala riunione, laboratori tecnologici, cucina condivisa, innovation room) - servizio di co-baby per i coworkers e per chi vorrà usufruire degli spazi di lavoro, delle attività di formazione o degli eventi di networking - attività al servizio del network (community management, project management, co-progettazione, comunicazione e promozione, servizi professionali condivisi) - bistrò con ristorantino sostenibile funzionale alla struttura e ai suoi ospiti LOCATION Il progetto si realizzerà all interno del futuro HUB Bolognese dell innovazione: Daisy-BO, che occuperà una superficie di metri quadrati ad altissimo potenziale di sviluppo situata nel polmone verde della città: i Giardini Margherita. Tale compesso, di proprietà del Comune di Bologna, sarà concesso in comodato gratuito per 10 anni ad una rete di soggetti per lo svolgimento delle attività di supporto alle nuove imprese creative ed innovative, rendendo l hub un punto di riferimento a livello territoriale ed internazionale per i portatori di idee imprenditoriali, startup, ma anche per i service providers e le imprese consolidate. 8

9 I principali partner coinvolti sono: Comune di Bologna, CNA, Fondazione Unipolis, Fondazione Marino Golinelli, il Sole 24 Ore, Aster e Kilowatt, selezionata dal bando Incredibol come ente con provata capacità gestionale di spazi e di comunità attive sui temi della social innovation. ASSONOMETRIA E FOTO DEL COMPLESSO 9

10 10

11 FOCUS: PROGETTI IN CORSO DI ATTIVAZIONE GESTIONE AUTOMATIZZATA DELLO SPAZIO Una piattaforma software permetterà a tutti i coworkers (mamme e papò compresi) di gestire in completa autonomia gli spazi ed i servizi offerti (postazioni cowo, sale riunioni, innovation room, babysitter ecc.). kw-coin e work for equity E in corso di studio anche l introduzione di un sistema elettronico di pagamento per i membri del network, che favorisca e velocizzi gli scambi, che non dovranno essere per forza in forma monetaria. INTERNAZIONALIZZAZIONE Kilowatt ha in corso un attività di supporto e condivisione del Know How verso altre organizzazioni che stanno lavorando per replicare il modello Kilowatt in Europa. A tal proposito, entro febbraio 2014, sarà attivo il primo spazio spazio gemello a Berlino. BISOGNI E VANTAGGI PER CLIENTI E STAKEHOLDER La Factory si posiziona in modo coerente rispetto alle esigenze emergenti nel mercato del lavoro, che vede la crescente urgenza di spazi e servizi rivolti alle nuove figure di lavoratori: professionisti che hanno individuato nell innovazione sociale e nella sharing economy il loro ambito d azione. I servizi che si intendono offrire riguardano da una parte una facilitazione all ingresso nel mondo del lavoro per startup e freelance attraverso la fornitura di spazi e 11

12 facilities a prezzi agevolati, dall altro consistono nella creazione di un ambiente stimolante e prolifico, capace di generare collaborazioni. Il progetto di co-baby inoltre intende fornire un valido sostegno ai neo-genitori/lavoratori che desiderano conciliare vita professionale col desiderio di stare insieme ai propri figli. Il tutto all interno di uno spazio che risponde al pressante bisogno di comprendere l attività lavorativa all interno di un più ampio stile di vita, dove la condivisione e la sostenibilità costituiscono due fattori centrali per la realizzazione sia professionale che esistenziale. In questa direzione pensiamo sia fondamentale la contiguità tra lo spazio di co-working, area ristorazione, area relax e le iniziative artistiche. I vantaggi reali sia per gli utenti che per gli stakeholders possono essere riassunti in un modello di spazio che facilita l avvio di imprese attive nell innovazione sociale e nella contestuale capacità di creare convergenza tra vita lavorativa e interessi personali. Area Target Bisogno a cui risponde Utilità/vantaggio HUB - coworkers - genitori freelance - PA e imprese - organizzatori di eventi - nuove modalità di lavoro flessibile - riduzione dei costi - network collaborativo - possibilità di conciliare famiglia/lavoro - spazio aperto 24 ore - gestione flessibile e modulabile sulle esigenze di ciascuno - ambiente friendly, stimolante - generazione opportunità di lavoro - servizi di conciliazione dei tempi - servizi di nursery - proposta educativa alternativa CLOUD - co-workers - PA e imprese - accesso a servizi professionali qualificati e a basso costo grazie alle economie di scala - accesso a community tematiche motivate e - comunicazione centralizzata - partecipazione alla creazione di un portafoglio integrato di servizi professionali veicolato dall organizzazione - centro di alta formazione 12

13 competenti interno - facilità di creazione di collaborazioni professionali ART - co-workers - PA e imprese - curatori - cittadinanza - accesso a spazi attrezzati per organizzare eventi h.24 - accesso a spazi espositivi senza pagare biglietti e con servizio bar/ristorazione - pubblico fidelizzato - accesso ai canali comunicativi interni - spazi artistici - piste ciclabile - parcheggi FOOD - co-workers - PA e imprese - cittadinanza - riferimento sulla ristorazione sostenibile - possibilità di fare colazione, pranzare e cenare con continuità dalle 8 alle 24 - possibilità di organizzare pranzi o cene di lavoro nei pressi della propria postazione - menù del giorno bio, stagionale e a km 0 - gruppo d acquisto - tavoli all aperto nei mesi estivi - spazi verdi dove poter organizzare picnic - piste ciclabile - parcheggi INNOVATIVITA DEL PROGETTO Di seguito i principali elementi: 1. Non esistono sul territorio bolognese luoghi dedicati esclusivamente all innovazione sociale. 2. A differenza di un semplice co-working, la factory non si propone come un mero distributore di servizi, ma individua nei network e nella gestione della community il suo punto di forza, con un attenzione particolare alla sperimentazione di un welfare dal basso rivolto anche a 13

14 neo-mamme e neo-papà liberi professionisti. 3. In Italia si sta diffondendo un modello che vede da un lato gli incubatori d impresa rivolgere la propria attenzione verso le esigenze delle singole startup senza creare contatti con la comunità di riferimento, e dall altro la diffusione di co-working focalizzati prettamente sulla risoluzione del problema di spazi per nuovi lavoratori autonomi. Il posizionamento della Social Innovation Factory è quello di cercare un ideale bilanciamento tra questi due estremi, attraverso il coinvolgimento di differenti attività e imprese che vedono ridurre il rischio complessivo, e la creazione di economie di scala sulla gestione di uno spazio che si propone come luogo di aggregazione e creazione di valore diffuso 4. Ulteriore differenza rispetto ai classici co-working ed incubatori è rappresentata dall ambiente culturale in cui è immerso lo spazio grazie all organizzazione di eventi artistici e con un servizio bar/ristorante sostenibile attivo con continuità lungo tutta la giornata. L ATTENZIONE ALL AMBIENTE La riduzione dell impatto ambientale sarà un elemento centrale durante tutto il ciclo di vita dell impresa, in quanto la sostenibilità, nella sua accezione più ampia, è il driver chiave del progetto: dalla riqualificazione dell immobile (seguendo i principi dell edilizia sostenibile), all allestimento, fino alla gestione, facendo particolare attenzione ad attuare scelte che favoriscano la diffusione di comportamenti sostenibili anche negli utenti. OBIETTIVI AMBIENTALI: - riduzione consumi energetici - risparmio risorse - riduzione spreco - gestione sostenibile dei rifiuti - promozione sostenibilità Il ristorantino utilizzerà materie prime stagionali, a "km 0" e bio (anche grazie alla creazione di un gruppo di acquisto interno alla struttura). Saranno adottate delle policy di risparmio energetico, idrico e di promozione di un alimentazione più sana. Gli elettrodomestici saranno in 4 classe energetica A e A+ (in grado di ridurre fino al 25% i consumi del ristorante ). Si sceglieranno prodotti per le pulizie certificati (Ecolabel, EPD, BlueAngel) e si presterà 4 Studio: Commercial Buildings Energy Consumption Survey (CBECS), Autorità Americana per l energia 14

15 attenzione a ridurre lo spreco. L allestimento e l utilizzo degli spazi sarà pensato per massimizzare l utilizzo della luce naturale, la condivisione di stampanti e strumenti informatici. La mobilità sostenibile sarà incentivata dalle piste ciclabili presenti e della ciclofficina. Per il co-baby sarà promosso l uso di pannolini lavabili e prodotti per l igiene e la pulizia ecologici e alla spina. La proposta culinaria, l eliminazione dell acqua in bottiglia, la promozione della raccolta differenziata: tutti questi elementi saranno parte fondamentale della comunicazione d impresa volta a diffondere una cultura di sostenibilità. SETTORE DI RIFERIMENTO L Innovation Union Europe 2020 flagship, riconosce l innovazione sociale come un nuovo settore molto importante che deve essere sostenuto". Il Programma UE per l Innovazione ed il Cambiamento sociale (PSCI) è uno strumento gestito direttamente dalla Commissione, a sostegno delle politiche sociali ed occupazionali attraverso la UE. Esso è parte della proposta della Commissione per la politica regionale europea per l occupazione e le politiche sociali. Dagli Stati Uniti all Asia, dal Sud America all Europa, con particolare riferimento a Gran Bretagna e Francia, l innovazione sociale sta diventando mainstream, catalizzando l attenzione del settore pubblico, del mercato, del terzo settore e dei media. Nel settore della finanza abbondano i fondi di impact investment che sostengono la crescita del settore della social innovation (Social Impact Bond, programmi pubblici d investimento tramite Big Lottery Fund e Big Society Capital, etc) I principali driver dell innovazione sociale europea possono essere condotti ai seguenti fattori: - Economici: istanze legate allo sviluppo sostenibile, alla domanda crescente di servizi pubblici efficenti in un contesto di riduzione della spesa pubblica; - Sociali: nuovi e vecchi bisogni (cura, re-inserimento, occupazione, salute, etc); - Politici: decentramento e forme di partecipazione, apertura a nuove soluzioni di governance; 15

16 - Culturali: comunità, cooperazione, collaborazione, co-produzione, co-lavoro, etc.; - Tecnologici: nuovi strumenti per creare relazioni, interazioni, partecipazione. A livello italiano le politiche governative sono coerenti al contesto europeo, basti pensare alle ultime azioni intraprese in merito: - Bando Smart cities e Social innovation: 240 milioni per il sud, 700 milioni per il centro-nord (294 domande di cui 188 per la sezione Social Innovation, 40 milioni di ) - Task force per l innovazione del Ministero dello Sviluppo 12 esperti (1 di innovazione sociale) - Task force per l innovazione del Ministero dell Università e Ricerca 6 esperti (1 di innovazione sociale) Agenda digitale nazionale - Call per progetti di sviluppo della Agenda Digitale di Bologna, , 113 progetti presentati In Gran Bretagna l impresa sociale sta crescendo notevolmente, soprattutto nel settore culturale, che rappresenta il 6% del PIL e impiega oltre 2 milioni di persone. 5 Il nuovo rapporto di Social Enterprise UK rivela come il sociale stia conquistando l imprenditoria del Regno Unito. Il numero delle startup sociali è tre volte tanto quello delle nuove imprese create negli altri settori, registrando un aumento del volume d affari del +38% dal 2011 rispetto al 19% delle pmi. Tale successo è da ricondurre non solo alla crescente sensibilità sociale della nuova generazione di imprenditori, ma è anche il frutto di un cambiamento nel quadro economico del Paese, in cui i confini tradizionali tra pubblico, privato e non profit tendono a farsi sempre più sottili. La crisi inoltre, sembra essere tra i principali fautori della tendenza alla creazione di nuove imprese. E proprio nei tempi di maggior difficoltà economica che nascono nuove imprese, come tentativo di cercare modelli in grado di rispondere a nuove necessità. Il 91% delle imprese sociali hanno almeno una donna nel consiglio di amministrazione. Negli stati Uniti, il primo censimento sull imprenditoria sociale negli Stati Uniti Great Social 5 16

17 6 Enterprise Census, rileva come la social enterprise stia traghettando il terzo settore attraverso la crisi. L imprenditoria sociale americana impiega su scala nazionale oltre 10 milioni di persone, con un giro d affari di circa 500 miliardi di dollari, arrivando a rappresentare il 3,5% del PIL nazionale. Dai primi dati raccolti dal censimento, emerge chiaramente che, in media, le imprese sociali americane sono di piccole dimensioni : circa il 40% ha meno di 5 dipendenti e solo l 8% ne ha più di 100. Il 90% di esse è focalizzato su tematiche relative alla risoluzione di problemi che hanno un impatto su scala nazionale. 7 A livello italiano, il 7 Rapporto dell Osservatorio Isnet evidenzia come le imprese legate al mondo social, pur risentendo della crisi economica in atto, continuino a mantenere buoni livelli occupazionali e ad investire in innovazione preservando e creando posti di lavoro. La quota di imprese sociali con un trend positivo è del 24%, con un trend costante è del 39,7%: in totale oltre il 64%. Il successo è da ricondurre alla crescente sensibilità sociale dei nuovi imprenditori, al cambiamento del quadro economico e alla necessità di sviluppare nuove opportunità di business sostenibili orientati al cliente, in contrapposizione al modello fordista focalizzato esclusivamente sul prodotto. CHI SIAMO? Ragione sociale: Associazione Culturale Kilowatt Data costituzione: 23/2/2012 Numero associati: 378, con distribuzione nazionale concentrata su Emilia-Romagna Percentuali di genere: 53% donne, 47% uomini Legale rappresentante: Stefano Follador, via del Porto 52 Bologna Sede: via del Borgo di San Pietro 22 Bologna Sito:

18 Social network: - - https://twitter.com/kilowattbo L Associazione Kilowatt unisce microimprese, terzo settore e liberi professionisti attivi nei campi della progettazione, comunicazione, digitale, sviluppo sostenibile e industria creativa. Kilowatt nasce con l obiettivo di facilitare ed accelerare idee, progetti e flussi di lavoro tramite: - l utilizzo di meccanismi partecipativi - la condivisione di spazi operativi, network conoscenze - l uso di strumenti comuni 8 Nel 2013 vince il bando Incredibol per l innovazione creativa del Comune di Bologna e il 9 bando Culturability della Fondazione Unipol. La storia di Kilowatt è anche in un documentario, arrivato nella shortlist del concorso internazionale di documentari brevi sul lavoro SHORT-on-WORK (http://www.youtube.com/watch?v=15kp80f7cde). Attività: principali video produzioni : format TV Made in Green, campagna Edison Green Movie - il protocollo europeo per la produzione di film sostenibili, campagna di lancio del progetto PETRICORstudio: S-Cambia cibo 3- community engagement: ideazione e promozione della campagna per lo sviluppo di filiere 11 volt1- co-working : - Età media coworker: 32 anni Info su: 11 Info su: 18

19 - Aziende coinvolte: 8 - Progetti partecipati sviluppati: 14 - Co-worker resident & nomad: 19 - Eventi: 6 al mese - Partecipanti agli eventi: 4700 in 13 mesi - Workshop: 5 al mese e alla creazione di un distretto del riuso a Ferrara workshop: Digital Update, Business Design, Business Model Canvas, Social Workshop, Unibike: Alta Formazione sul ciclismo urbano, Coaching, etc 5- eventi: #KW4, un ciclo di eventi formativi che stanno portando a Bologna realtà, casi concreti, esperti e progetti emblematici sui temi dell innovazione tecnologica e sociale; Raduno Spaghetti Opendata; Agenda Digitale Infrastrutture Smart City & Communities; OpenRicostruzione-Camp ; Vernissage artistici; incontri Google Developer Group; Business Pitch; eventi culinari; eventi musicali 6- GAS: gestione di un Gruppo d Acquisto biologico e a Km zero con eventi di presentazione dei prodotti del territorio e dei produttori. 12 info su: 19

20 20

21 21

22 22

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict 01NET NETWORK www.01net.it Pag 2 Dati di traffico 01net Network Totale

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Dove: Principioattivo Via Melzo 34, 20129 Milano Giorni/Orari apertura: 14/19

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Con il contributo dello strumento finanziario LIFE dell Unione europea LOWASTE. local waste market for second life products LAYMAN S REPORT

Con il contributo dello strumento finanziario LIFE dell Unione europea LOWASTE. local waste market for second life products LAYMAN S REPORT Con il contributo dello strumento finanziario LIFE dell Unione europea LOWASTE local waste market for second life products LAYMAN S REPORT INDICE LOWaste... Il progetto in 4 step... I numeri di LOWaste...

Dettagli

uno sguardo d insieme Daniela Luise Project manager ECO Courts

uno sguardo d insieme Daniela Luise Project manager ECO Courts Il progetto ECO Courts: uno sguardo d insieme Daniela Luise Project manager ECO Courts IL PROGETTO IN BREVE ECO Courts è l acronimo di ECOlogical COurtyards United for Resources saving through smart Technologies

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Executive Master in. Social Entrepreneurship

Executive Master in. Social Entrepreneurship novembre Executive Master in 2015 Social Entrepreneurship Master di Primo Livello dell Università Cattolica del Sacro Cuore a.a.2015/2016 II edizione Executive Master in Social Entrepreneurship Master

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI - Manuale Operativo - www.finanziamenti-a-fondo-perduto.it COS E COME FUNZIONA Portale di aggiornamenti su agevolazioni ed incentivi che prevede: Servizio di ricerca online

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Come Usare PrinterApp 3D. PrinterApp 3D

Come Usare PrinterApp 3D. PrinterApp 3D PrinterApp 3D PrinterApp3D (3DPa) ha lo scopo di creare un legame tra chi ha la passione di costruire, smontare, capire, partecipare (makers) e chi il mondo dei makers lo conosce e lo vive ogni giorno,

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

Quali traiettorie concrete di intervento per far ripartire l Italia? Brevi note sulle politiche industriali locali di rilancio dell imprenditorialità

Quali traiettorie concrete di intervento per far ripartire l Italia? Brevi note sulle politiche industriali locali di rilancio dell imprenditorialità Quali traiettorie concrete di intervento per far ripartire l Italia? Brevi note sulle politiche industriali locali di rilancio dell imprenditorialità Maria Letizia Giorgetti, Luciano Pilotti DEMM, Università

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION digitale La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso

Dettagli

che gli spunti visivi possano modificare ogni prospettiva andando a toccare profonde connessioni emotive.

che gli spunti visivi possano modificare ogni prospettiva andando a toccare profonde connessioni emotive. Crediamo... che gli spunti visivi possano modificare ogni prospettiva andando a toccare profonde connessioni emotive. Collaborazione di ampi gruppi, problem-solving e progettazione di soluzioni Conferenze,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA Progetto SPIN OVER Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 gennaio 2005 progetto Spin Over, a cura del Gruppo iella Nasini e Sandra

Dettagli