ver: 2.0 brief Date: 25/2/2014 target: stakeholders auth: Kilowatt

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ver: 2.0 brief Date: 25/2/2014 target: stakeholders auth: Kilowatt"

Transcript

1 ver: 2.0 brief Date: 25/2/2014 target: stakeholders auth: Kilowatt 1

2 Progetto vincitore: Bando per l innovazione creativa del Comune di Bologna 1 Bando della Fondazione Unipol per la promozione di startup culturali in forma cooperativa 2 Attività produttive della Regione Emilia-Romagna: Sostegno allo sviluppo delle infrastrutture per la competitività e per il territorio 3 In collaborazione con: Comune di Bologna Società consortile tra: Regione Emilia-Romagna, Università, CNR, ENEA, Associazioni di categoria e Unioncamere Redazione del Sole 24 Ore dedicata ai temi della ricerca e dell innovazione Fondazione per la promozione della cultura scientifica

3 EXECUTIVE SUMMARY Il progetto Social Innovation Factory si configura come un nuovo modo di concepire il lavoro, basato sulla condivisione della conoscenza, dei network, degli spazi, degli strumenti e dei servizi, sull empowerment delle persone e su un modello di welfare dal basso capace di conciliare la figura del genitore con quella del professionista. Si tratta di un modello innovativo di acceleratore d innovazione ad alto valore sociale ed ambientale, animato da una rete di imprese, liberi professionisti e progettisti. Un progetto modulare con l obiettivo di stimolare la nascita di nuove opportunità di lavoro, nuove collaborazioni professionali e relazioni sociali tra i membri della Factory, generando facilitazioni concrete per chi vuole fare impresa, per mamme e padri freelance, offrendo un luogo di confronto culturale e di contaminazione per gli innovatori tra cittadinanza, mondo dell impresa, terzo settore e pubblica amministrazione. Attraverso un processo di riqualificazione di un immobile nel centro di Bologna trasformato in luogo di lavoro e per eventi, un offerta di servizi di welfare innovativi e flessibili e un attività strutturata di community management, l organizzazione intende diventare un punto di riferimento per la città sui temi dell innovazione sociale. La Factory offrirà spazi e strumenti di lavoro; momenti di formazione ed informazione; occasioni costanti di networking e stimoli per la co-progettazione di servizi, prodotti e processi; servizi salvatempo ; uno spazio di accoglienza per bambini con attività educative innovative; eventi culturali ed artistici aperti alla cittadinanza. La flessibilità e la co-produzione di valore sono i due driver chiave dell iniziativa, che contribuiranno a dare un identità forte a tutto il progetto. La Social Innovation Factory intende rappresentare una risposta alle difficoltà occupazionali, all evoluzione del mercato del lavoro e all arretramento del welfare pubblico. 3

4 La Social Innovation Factory comprende quattro aree strategiche: HUB spazi condivisi CLOUD servizi condivisi ART spazi espositivi e progetti artistici FOOD servizi di ristorazione sostenibile 4

5 A cui fanno capo le seguenti attività: FOCUS: IL CO-BABY Innovare il mondo del lavoro ed i luoghi di lavoro significa promuovere i valori della condivisione e della collaborazione a nuovi driver dell economia, assecondare i tempi dell innovazione e della creatività, comprendere e valorizzare la flessibilità e la conseguente coincidenza tra vita lavorativa e vita personale. Partendo da questa visione e da questi obiettivi, il servizio di co-baby diventa uno degli assi portanti della Factory, uno dei servizi a maggiore valore aggiunto e di innovazione offerti ai nuovi lavoratori che desiderano conciliare la vita professionale col desiderio di diventare genitori e di stare insieme ai propri figli. Il co-baby è caratterizzato da un modello di business basato sull offerta di servizi educativi estremamente flessibili e modulari, innovativi nell offerta formativa e incentrati sul concetto di community proprio della Factory. Uno spazio dedicato accoglierà i bambini, favorendo le esigenze di quei genitori che intendono 5

6 trovare un punto di convergenza tra la propria vita professionale e quella familiare. Per neo-genitori freelance o liberi professionisti, per mamme che hanno concluso il periodo di maternità ma intendono prolungare quello di allattamento, per chi non gradisce la proposta formativa o la rigidità di orari degli asili nido. Il co-baby risponde di fatto ad un esigenza diffusa, che fotografa l evoluzione del mercato del lavoro e la integra con le necessità di chi non intende rinunciare a star vicino ai propri figli. Il modello è stato sviluppato attraverso un processo di co-progettazione che ha coinvolto un gruppo di 10 giovani mamme e papà freelance e 4 realtà che operano nel campo della formazione. Tramite gli strumenti del design thinking sono state elaborate le seguenti modalità operative e proposte educative: :: Flessibilità e modultarità: le mamme e i papà potranno comporre il servizio di co-baby a seconda delle loro esigenze lavorative, scegliendo l orario di entrata e uscita e i giorni in cui portare il bimbo. Potranno inoltre beneficiare del co-baby come servizio educativo, inteso come un nuovo modello di asilo, ma anche come servizio di babysitting per il tempo di una riunione, di un incontro, per poter partecipare ad un workshop oppure ad un momento di networking. :: Innovazione nell offerta formativa: lingue straniere, tecnologia, digitale, valorizzazione della creatività saranno gli elementi costitutivi dell offerta formativa proposta. Inoltre, il fatto di essere inserito all interno del luogo lavorativo del/dei genitori verrà valorizzato e considerato come opportunità formativa per i piccoli. :: Community: partecipazione alla creazione, alla scelta e anche all offerta di servizi. Le mamme e papà infatti potranno scegliere che tipo di offerta formativa dare ai propri figli, introducendo contenuti, modalità e strumenti nuovi, e in alcuni casi partecipando direttamente all offerta di attività specifiche, per le quali hanno competenze adatte. Tale modello implica che il gruppo dei bambini sia misto, e perciò lo spazio verrà organizzato e gestito in base alle diverse età dei bambini. Lo spazio sarà suddiviso in: :: zona del gioco libero: uno spazio che sia abbastanza grande in cui i bambini possono prendere in modo autonomo giochi, libri ecc. :: zona delle attività e del gioco simbolico: ogni settimana si svolgeranno delle attività organizzate dagli educatori. :: zona cambio dove ci sarà il fasciatoio, vasini o piccoli bagni, il tutto a misura di bambino. 6

7 :: angolo relax: riservato alle letture animate o semplicemente al riposo. :: piccolo nascondiglio: una tenda dove i bambini possono passare dei momenti da soli se ne hanno voglia. :: zona allattamento, perchè il co-baby dovrà servire alle mamme che desiderano prolungare l'allattamento oltre i tempi previsti dalla maternità o che hanno bisogno di lavorare subito dopo il parto. La zona allattamento è molto importante e sarà uno spazio possibilmente separato in modo che la mamma e il bambino siano tranquilli, comodi e intimi. :: cucina o zona pappa, uno spazio condiviso adatto alla pappa dei bimbi e al pranzo dei genitori pensato in modo che la pausa pranzo possa essere vissuta come un momento di comunità fra genitori e bambini. per il bambino non vi è alcuna differenza fra gioco e lavoro, il gioco è per loro lavoro e con la stessa importanza deve essere trattato. Inoltre il bimbo non va escluso dai luoghi dei grandi ma devono essere questi spazi ad adattarsi alle esigenze dei piccoli per crescere responsabili, autonomi e coscienti. (Montessori) 7

8 VALUE PROPOSITION La struttura delle attività della Factory è pensata per rispondere a due obiettivi: 1. la facilitazione all ingresso nel mondo del lavoro ed il rafforzamento di startup e freelance attivi nel mondo della social innovation attraverso la fornitura di spazi, facilities e servizi a prezzi agevolati, la creazione di un ambiente stimolante e prolifico capace di generare collaborazioni, l offerta di servizi di welfare familiare. 2. Il contatto ed il coinvolgimento della cittadinanza, perchè l innovazione e le pratiche della partecipazione - caratterisiche della sharing economy - possano contaminare e diffondersi a servizio della comunità. L attività e la sostenibilità della Factory si presta ad un roll out modulare. Il nucleo di base è costituito da: - attività di coworking (scrivanie, sala riunione, laboratori tecnologici, cucina condivisa, innovation room) - servizio di co-baby per i coworkers e per chi vorrà usufruire degli spazi di lavoro, delle attività di formazione o degli eventi di networking - attività al servizio del network (community management, project management, co-progettazione, comunicazione e promozione, servizi professionali condivisi) - bistrò con ristorantino sostenibile funzionale alla struttura e ai suoi ospiti LOCATION Il progetto si realizzerà all interno del futuro HUB Bolognese dell innovazione: Daisy-BO, che occuperà una superficie di metri quadrati ad altissimo potenziale di sviluppo situata nel polmone verde della città: i Giardini Margherita. Tale compesso, di proprietà del Comune di Bologna, sarà concesso in comodato gratuito per 10 anni ad una rete di soggetti per lo svolgimento delle attività di supporto alle nuove imprese creative ed innovative, rendendo l hub un punto di riferimento a livello territoriale ed internazionale per i portatori di idee imprenditoriali, startup, ma anche per i service providers e le imprese consolidate. 8

9 I principali partner coinvolti sono: Comune di Bologna, CNA, Fondazione Unipolis, Fondazione Marino Golinelli, il Sole 24 Ore, Aster e Kilowatt, selezionata dal bando Incredibol come ente con provata capacità gestionale di spazi e di comunità attive sui temi della social innovation. ASSONOMETRIA E FOTO DEL COMPLESSO 9

10 10

11 FOCUS: PROGETTI IN CORSO DI ATTIVAZIONE GESTIONE AUTOMATIZZATA DELLO SPAZIO Una piattaforma software permetterà a tutti i coworkers (mamme e papò compresi) di gestire in completa autonomia gli spazi ed i servizi offerti (postazioni cowo, sale riunioni, innovation room, babysitter ecc.). kw-coin e work for equity E in corso di studio anche l introduzione di un sistema elettronico di pagamento per i membri del network, che favorisca e velocizzi gli scambi, che non dovranno essere per forza in forma monetaria. INTERNAZIONALIZZAZIONE Kilowatt ha in corso un attività di supporto e condivisione del Know How verso altre organizzazioni che stanno lavorando per replicare il modello Kilowatt in Europa. A tal proposito, entro febbraio 2014, sarà attivo il primo spazio spazio gemello a Berlino. BISOGNI E VANTAGGI PER CLIENTI E STAKEHOLDER La Factory si posiziona in modo coerente rispetto alle esigenze emergenti nel mercato del lavoro, che vede la crescente urgenza di spazi e servizi rivolti alle nuove figure di lavoratori: professionisti che hanno individuato nell innovazione sociale e nella sharing economy il loro ambito d azione. I servizi che si intendono offrire riguardano da una parte una facilitazione all ingresso nel mondo del lavoro per startup e freelance attraverso la fornitura di spazi e 11

12 facilities a prezzi agevolati, dall altro consistono nella creazione di un ambiente stimolante e prolifico, capace di generare collaborazioni. Il progetto di co-baby inoltre intende fornire un valido sostegno ai neo-genitori/lavoratori che desiderano conciliare vita professionale col desiderio di stare insieme ai propri figli. Il tutto all interno di uno spazio che risponde al pressante bisogno di comprendere l attività lavorativa all interno di un più ampio stile di vita, dove la condivisione e la sostenibilità costituiscono due fattori centrali per la realizzazione sia professionale che esistenziale. In questa direzione pensiamo sia fondamentale la contiguità tra lo spazio di co-working, area ristorazione, area relax e le iniziative artistiche. I vantaggi reali sia per gli utenti che per gli stakeholders possono essere riassunti in un modello di spazio che facilita l avvio di imprese attive nell innovazione sociale e nella contestuale capacità di creare convergenza tra vita lavorativa e interessi personali. Area Target Bisogno a cui risponde Utilità/vantaggio HUB - coworkers - genitori freelance - PA e imprese - organizzatori di eventi - nuove modalità di lavoro flessibile - riduzione dei costi - network collaborativo - possibilità di conciliare famiglia/lavoro - spazio aperto 24 ore - gestione flessibile e modulabile sulle esigenze di ciascuno - ambiente friendly, stimolante - generazione opportunità di lavoro - servizi di conciliazione dei tempi - servizi di nursery - proposta educativa alternativa CLOUD - co-workers - PA e imprese - accesso a servizi professionali qualificati e a basso costo grazie alle economie di scala - accesso a community tematiche motivate e - comunicazione centralizzata - partecipazione alla creazione di un portafoglio integrato di servizi professionali veicolato dall organizzazione - centro di alta formazione 12

13 competenti interno - facilità di creazione di collaborazioni professionali ART - co-workers - PA e imprese - curatori - cittadinanza - accesso a spazi attrezzati per organizzare eventi h.24 - accesso a spazi espositivi senza pagare biglietti e con servizio bar/ristorazione - pubblico fidelizzato - accesso ai canali comunicativi interni - spazi artistici - piste ciclabile - parcheggi FOOD - co-workers - PA e imprese - cittadinanza - riferimento sulla ristorazione sostenibile - possibilità di fare colazione, pranzare e cenare con continuità dalle 8 alle 24 - possibilità di organizzare pranzi o cene di lavoro nei pressi della propria postazione - menù del giorno bio, stagionale e a km 0 - gruppo d acquisto - tavoli all aperto nei mesi estivi - spazi verdi dove poter organizzare picnic - piste ciclabile - parcheggi INNOVATIVITA DEL PROGETTO Di seguito i principali elementi: 1. Non esistono sul territorio bolognese luoghi dedicati esclusivamente all innovazione sociale. 2. A differenza di un semplice co-working, la factory non si propone come un mero distributore di servizi, ma individua nei network e nella gestione della community il suo punto di forza, con un attenzione particolare alla sperimentazione di un welfare dal basso rivolto anche a 13

14 neo-mamme e neo-papà liberi professionisti. 3. In Italia si sta diffondendo un modello che vede da un lato gli incubatori d impresa rivolgere la propria attenzione verso le esigenze delle singole startup senza creare contatti con la comunità di riferimento, e dall altro la diffusione di co-working focalizzati prettamente sulla risoluzione del problema di spazi per nuovi lavoratori autonomi. Il posizionamento della Social Innovation Factory è quello di cercare un ideale bilanciamento tra questi due estremi, attraverso il coinvolgimento di differenti attività e imprese che vedono ridurre il rischio complessivo, e la creazione di economie di scala sulla gestione di uno spazio che si propone come luogo di aggregazione e creazione di valore diffuso 4. Ulteriore differenza rispetto ai classici co-working ed incubatori è rappresentata dall ambiente culturale in cui è immerso lo spazio grazie all organizzazione di eventi artistici e con un servizio bar/ristorante sostenibile attivo con continuità lungo tutta la giornata. L ATTENZIONE ALL AMBIENTE La riduzione dell impatto ambientale sarà un elemento centrale durante tutto il ciclo di vita dell impresa, in quanto la sostenibilità, nella sua accezione più ampia, è il driver chiave del progetto: dalla riqualificazione dell immobile (seguendo i principi dell edilizia sostenibile), all allestimento, fino alla gestione, facendo particolare attenzione ad attuare scelte che favoriscano la diffusione di comportamenti sostenibili anche negli utenti. OBIETTIVI AMBIENTALI: - riduzione consumi energetici - risparmio risorse - riduzione spreco - gestione sostenibile dei rifiuti - promozione sostenibilità Il ristorantino utilizzerà materie prime stagionali, a "km 0" e bio (anche grazie alla creazione di un gruppo di acquisto interno alla struttura). Saranno adottate delle policy di risparmio energetico, idrico e di promozione di un alimentazione più sana. Gli elettrodomestici saranno in 4 classe energetica A e A+ (in grado di ridurre fino al 25% i consumi del ristorante ). Si sceglieranno prodotti per le pulizie certificati (Ecolabel, EPD, BlueAngel) e si presterà 4 Studio: Commercial Buildings Energy Consumption Survey (CBECS), Autorità Americana per l energia 14

15 attenzione a ridurre lo spreco. L allestimento e l utilizzo degli spazi sarà pensato per massimizzare l utilizzo della luce naturale, la condivisione di stampanti e strumenti informatici. La mobilità sostenibile sarà incentivata dalle piste ciclabili presenti e della ciclofficina. Per il co-baby sarà promosso l uso di pannolini lavabili e prodotti per l igiene e la pulizia ecologici e alla spina. La proposta culinaria, l eliminazione dell acqua in bottiglia, la promozione della raccolta differenziata: tutti questi elementi saranno parte fondamentale della comunicazione d impresa volta a diffondere una cultura di sostenibilità. SETTORE DI RIFERIMENTO L Innovation Union Europe 2020 flagship, riconosce l innovazione sociale come un nuovo settore molto importante che deve essere sostenuto". Il Programma UE per l Innovazione ed il Cambiamento sociale (PSCI) è uno strumento gestito direttamente dalla Commissione, a sostegno delle politiche sociali ed occupazionali attraverso la UE. Esso è parte della proposta della Commissione per la politica regionale europea per l occupazione e le politiche sociali. Dagli Stati Uniti all Asia, dal Sud America all Europa, con particolare riferimento a Gran Bretagna e Francia, l innovazione sociale sta diventando mainstream, catalizzando l attenzione del settore pubblico, del mercato, del terzo settore e dei media. Nel settore della finanza abbondano i fondi di impact investment che sostengono la crescita del settore della social innovation (Social Impact Bond, programmi pubblici d investimento tramite Big Lottery Fund e Big Society Capital, etc) I principali driver dell innovazione sociale europea possono essere condotti ai seguenti fattori: - Economici: istanze legate allo sviluppo sostenibile, alla domanda crescente di servizi pubblici efficenti in un contesto di riduzione della spesa pubblica; - Sociali: nuovi e vecchi bisogni (cura, re-inserimento, occupazione, salute, etc); - Politici: decentramento e forme di partecipazione, apertura a nuove soluzioni di governance; 15

16 - Culturali: comunità, cooperazione, collaborazione, co-produzione, co-lavoro, etc.; - Tecnologici: nuovi strumenti per creare relazioni, interazioni, partecipazione. A livello italiano le politiche governative sono coerenti al contesto europeo, basti pensare alle ultime azioni intraprese in merito: - Bando Smart cities e Social innovation: 240 milioni per il sud, 700 milioni per il centro-nord (294 domande di cui 188 per la sezione Social Innovation, 40 milioni di ) - Task force per l innovazione del Ministero dello Sviluppo 12 esperti (1 di innovazione sociale) - Task force per l innovazione del Ministero dell Università e Ricerca 6 esperti (1 di innovazione sociale) Agenda digitale nazionale - Call per progetti di sviluppo della Agenda Digitale di Bologna, , 113 progetti presentati In Gran Bretagna l impresa sociale sta crescendo notevolmente, soprattutto nel settore culturale, che rappresenta il 6% del PIL e impiega oltre 2 milioni di persone. 5 Il nuovo rapporto di Social Enterprise UK rivela come il sociale stia conquistando l imprenditoria del Regno Unito. Il numero delle startup sociali è tre volte tanto quello delle nuove imprese create negli altri settori, registrando un aumento del volume d affari del +38% dal 2011 rispetto al 19% delle pmi. Tale successo è da ricondurre non solo alla crescente sensibilità sociale della nuova generazione di imprenditori, ma è anche il frutto di un cambiamento nel quadro economico del Paese, in cui i confini tradizionali tra pubblico, privato e non profit tendono a farsi sempre più sottili. La crisi inoltre, sembra essere tra i principali fautori della tendenza alla creazione di nuove imprese. E proprio nei tempi di maggior difficoltà economica che nascono nuove imprese, come tentativo di cercare modelli in grado di rispondere a nuove necessità. Il 91% delle imprese sociali hanno almeno una donna nel consiglio di amministrazione. Negli stati Uniti, il primo censimento sull imprenditoria sociale negli Stati Uniti Great Social 5 16

17 6 Enterprise Census, rileva come la social enterprise stia traghettando il terzo settore attraverso la crisi. L imprenditoria sociale americana impiega su scala nazionale oltre 10 milioni di persone, con un giro d affari di circa 500 miliardi di dollari, arrivando a rappresentare il 3,5% del PIL nazionale. Dai primi dati raccolti dal censimento, emerge chiaramente che, in media, le imprese sociali americane sono di piccole dimensioni : circa il 40% ha meno di 5 dipendenti e solo l 8% ne ha più di 100. Il 90% di esse è focalizzato su tematiche relative alla risoluzione di problemi che hanno un impatto su scala nazionale. 7 A livello italiano, il 7 Rapporto dell Osservatorio Isnet evidenzia come le imprese legate al mondo social, pur risentendo della crisi economica in atto, continuino a mantenere buoni livelli occupazionali e ad investire in innovazione preservando e creando posti di lavoro. La quota di imprese sociali con un trend positivo è del 24%, con un trend costante è del 39,7%: in totale oltre il 64%. Il successo è da ricondurre alla crescente sensibilità sociale dei nuovi imprenditori, al cambiamento del quadro economico e alla necessità di sviluppare nuove opportunità di business sostenibili orientati al cliente, in contrapposizione al modello fordista focalizzato esclusivamente sul prodotto. CHI SIAMO? Ragione sociale: Associazione Culturale Kilowatt Data costituzione: 23/2/2012 Numero associati: 378, con distribuzione nazionale concentrata su Emilia-Romagna Percentuali di genere: 53% donne, 47% uomini Legale rappresentante: Stefano Follador, via del Porto 52 Bologna Sede: via del Borgo di San Pietro 22 Bologna Sito:

18 Social network: - - https://twitter.com/kilowattbo L Associazione Kilowatt unisce microimprese, terzo settore e liberi professionisti attivi nei campi della progettazione, comunicazione, digitale, sviluppo sostenibile e industria creativa. Kilowatt nasce con l obiettivo di facilitare ed accelerare idee, progetti e flussi di lavoro tramite: - l utilizzo di meccanismi partecipativi - la condivisione di spazi operativi, network conoscenze - l uso di strumenti comuni 8 Nel 2013 vince il bando Incredibol per l innovazione creativa del Comune di Bologna e il 9 bando Culturability della Fondazione Unipol. La storia di Kilowatt è anche in un documentario, arrivato nella shortlist del concorso internazionale di documentari brevi sul lavoro SHORT-on-WORK (http://www.youtube.com/watch?v=15kp80f7cde). Attività: principali video produzioni : format TV Made in Green, campagna Edison Green Movie - il protocollo europeo per la produzione di film sostenibili, campagna di lancio del progetto PETRICORstudio: S-Cambia cibo 3- community engagement: ideazione e promozione della campagna per lo sviluppo di filiere 11 volt1- co-working : - Età media coworker: 32 anni Info su: 11 Info su: 18

19 - Aziende coinvolte: 8 - Progetti partecipati sviluppati: 14 - Co-worker resident & nomad: 19 - Eventi: 6 al mese - Partecipanti agli eventi: 4700 in 13 mesi - Workshop: 5 al mese e alla creazione di un distretto del riuso a Ferrara workshop: Digital Update, Business Design, Business Model Canvas, Social Workshop, Unibike: Alta Formazione sul ciclismo urbano, Coaching, etc 5- eventi: #KW4, un ciclo di eventi formativi che stanno portando a Bologna realtà, casi concreti, esperti e progetti emblematici sui temi dell innovazione tecnologica e sociale; Raduno Spaghetti Opendata; Agenda Digitale Infrastrutture Smart City & Communities; OpenRicostruzione-Camp ; Vernissage artistici; incontri Google Developer Group; Business Pitch; eventi culinari; eventi musicali 6- GAS: gestione di un Gruppo d Acquisto biologico e a Km zero con eventi di presentazione dei prodotti del territorio e dei produttori. 12 info su: 19

20 20

21 21

22 22

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE i OINT Percorsi e servizi per nuove imprese innovative www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE Trentino Sviluppo è l agenzia creata

Dettagli

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Il Comune di Bologna promuove l impegno di tutti per la cura e la gestione dei beni

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Profilazione visitatori Smau

Profilazione visitatori Smau Progetto Smau 2015 2015 BERLINO, 12-13 marzo PADOVA, 1-2 aprile TORINO, 29-30 aprile BOLOGNA, 4-5 giugno FIRENZE, 14-15 luglio MILANO, 21-22-23 ottobre NAPOLI, 10-11 dicembre www.smau.it - tel. +39 02

Dettagli

LE SERRE dei Giardini

LE SERRE dei Giardini LE SERRE dei Giardini Obiettivi, risultato, impatto Realizzare LE SERRE dei Giardini una nuova struttura dedicata alla neoimprenditorialità creativa e innovativa, di circa 650mq, completamente attrezzata

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE POLITICHE DEL LAVORO E DELL OCCUPAZIONE PROGRAMMA: Innovazione e capitale umano Responsabile Ing. Marco Lobina (Direttore

Dettagli

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Primi dati di scenario: Il valore aggiunto del Sistema Produttivo Culturale Il perimetro del

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

Smart City. Bari Smart City. Avv. Marco Lacarra Assessore ai LL.PP. Delegato a Smart City

Smart City. Bari Smart City. Avv. Marco Lacarra Assessore ai LL.PP. Delegato a Smart City Smart Bari: a Mediterranean,sustainable, dynamic inclusive and creative city for our sons PROGRAM MANAGEMENT OFFICE S.E.A.P. Bari Smart City Avv. Marco Lacarra Assessore ai LL.PP. Delegato a Smart City

Dettagli

Un Progetto del Consorzio

Un Progetto del Consorzio Un Progetto del Consorzio Bando di partecipazione Social Hub Genova Regolamento Il Concorso Nell ambito del progetto Social Hub Genova, marchio di proprietà del Consorzio Progetto Liguria Lavoro, viene

Dettagli

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari Bari, an European SMART CITY Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari I cambiamenti climatici sono un fenomeno di portata globale, tuttavia le città possono contribuire in maniera

Dettagli

LECCE SOCIAL INNOVATION CITY. Bando per il coinvolgimento di 100 giovani innovatori sociali

LECCE SOCIAL INNOVATION CITY. Bando per il coinvolgimento di 100 giovani innovatori sociali LECCE SOCIAL INNOVATION CITY. Bando per il coinvolgimento di 100 giovani innovatori sociali COS È LECCE SOCIAL INNOVATION CITY Lecce innovation city: processi di innovazione fuori dal Comune (da qui in

Dettagli

Torino Social Innovation.

Torino Social Innovation. Torino Social Innovation. Un programma di lavoro per la città e la giovane imprenditorialità. Le città e le comunità urbane sono al centro di un acceso dibattito politico-istituzionale europeo, che le

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12 SCHEDE DI VALUTAZIONE AREA STRUTTURALE INDICATORE DELLA PLURALIZZAZIONE DELLE OFFERTE TARIFFARIE Descrizione delle microazioni Agevolazione

Dettagli

Verso la strategia di specializzazione intelligente in Toscana 2014-2020 - Metodologia di confronto all interno dei poli di innovazione e DT sui 5

Verso la strategia di specializzazione intelligente in Toscana 2014-2020 - Metodologia di confronto all interno dei poli di innovazione e DT sui 5 Verso la strategia di specializzazione intelligente in Toscana 2014-2020 - Metodologia di confronto all interno dei poli di innovazione e DT sui 5 ambiti tematici della RIS3 Premessa La Smart Specialisation,

Dettagli

Dalla collaborazione tra DIGITAL. food DAYS. Progress

Dalla collaborazione tra DIGITAL. food DAYS. Progress Dalla collaborazione tra DIGITAL food DAYS Progress IL FENOMENO SOCIAL EATING Un momento di interazione con al centro l elemento più social di sempre: il cibo Blog Target Cuochi professionisti Appassionati

Dettagli

Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016

Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016 Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016 Esperienze di successo e prospettive future Olivia Postorino AdG POR FESR 2007-2013 Un contesto in evoluzione : il ruolo delle Smart Cities Un

Dettagli

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY www.bergamosmartcity.com Presentazione Nasce Bergamo Smart City & Community, associazione finalizzata a creare una rete territoriale con uno scopo in comune: migliorare la qualità della vita dei cittadini

Dettagli

Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica

Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica Ruben Sacerdoti Responsabile Servizio Sportello regionale

Dettagli

APULIA ATTRACTION. Seconda Edizione

APULIA ATTRACTION. Seconda Edizione APULIA ATTRACTION Seconda Edizione AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI N.15 MANAGER/IMPRENDITORI DI ORIGINE PUGLIESE E RESIDENTI ALL ESTERO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO DI INFORMAZIONE, PROMOZIONE

Dettagli

IL LUOGO IDEALE PER LE AZIENDE ITALIANE E INTERNAZIONALI

IL LUOGO IDEALE PER LE AZIENDE ITALIANE E INTERNAZIONALI IL LUOGO IDEALE PER LE AZIENDE ITALIANE E INTERNAZIONALI Il Technology Park è un sistema di strutture e servizi avanzati che favoriscono l innovazione, lo sviluppo e l industrializzazione della ricerca.

Dettagli

Conferenza Stampa di lancio

Conferenza Stampa di lancio Incubatore di Innovazione Sociale del Comune di Milano Conferenza Stampa di lancio Milano - Villa Scheibler 22 Gennaio 2014 La Fondazione Giacomo Brodolini Chi siamo Un centro di ricerca e promozione culturale

Dettagli

NIDO D INFANZIA BOSCO MAGICO INDIRIZZO: VIA VALDONI, 1 TELEFONO: 040 9148024

NIDO D INFANZIA BOSCO MAGICO INDIRIZZO: VIA VALDONI, 1 TELEFONO: 040 9148024 NIDO D INFANZIA BOSCO MAGICO INDIRIZZO: VIA VALDONI, 1 TELEFONO: 040 9148024 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia 2. QUANDO E COME E NATO

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

REGOLAMENTO 1. PROMOTORI

REGOLAMENTO 1. PROMOTORI REGOLAMENTO Il concorso di idee A new social wave III: rigenerare, innovare, crescere ( Concorso ) si pone l obiettivo di selezionare e premiare idee progettuali volte a incrementare l efficacia e l impatto

Dettagli

REGOLAMENTO. 1) PROMOTORI Share in Action è un Concorso promosso da:

REGOLAMENTO. 1) PROMOTORI Share in Action è un Concorso promosso da: REGOLAMENTO Il Concorso per idee progettuali Share in Action ( Concorso ) si pone l obiettivo di raccogliere progetti volti alla realizzazione di servizi collaborativi, tecnologici e innovativi negli ambiti

Dettagli

Progetto PercoRSI. Rete responsabile. Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare

Progetto PercoRSI. Rete responsabile. Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare Progetto PercoRSI Rete responsabile Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare Con il contributo di: Partner operativo Finalità generali di PercoRSI Dal 2004

Dettagli

Materiali didattici «Smart City» BOLOGNA SMART CITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Materiali didattici «Smart City» BOLOGNA SMART CITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Materiali didattici «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento INTRODUZIONE La città di Bologna occupa il secondo posto nella classifica italiana delle città smart. Gli indicatori elaborati confermano

Dettagli

Incredibol! - l'innovazione Creativa di Bologna è un progetto promosso dal Comune di Bologna e della Regione Emilia-Romagna

Incredibol! - l'innovazione Creativa di Bologna è un progetto promosso dal Comune di Bologna e della Regione Emilia-Romagna QUADRO GENERALE INCREDIBOL! L'INNOVAZIONE CREATIVA DI BOLOGNA Incredibol! - l'innovazione Creativa di Bologna è un progetto promosso dal Comune di Bologna e della Regione Emilia-Romagna OBIETTIVO L'obiettivo

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

Dall'idea all'impresa: il supporto alle startup in Dall'idea all'impresa: il supporto alle startup in Emilia Romagna Ledi Halilaj Area Creazione Impresa ASTER Responsabile Infodesk EmiliaRomagnaStartup

Dettagli

Executive summary della normativa sulle startup innovative

Executive summary della normativa sulle startup innovative Executive summary della normativa sulle startup innovative Gennaio 2014 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Come rendere intelligente la tua città? La trasformazione in una smart

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1053 Seduta del 05/12/2013

DELIBERAZIONE N X / 1053 Seduta del 05/12/2013 DELIBERAZIONE N X / 1053 Seduta del 05/12/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Il Progetto Green Industries e le opportunità per le PMI in materia di risparmio energetico e di riqualificazione

Il Progetto Green Industries e le opportunità per le PMI in materia di risparmio energetico e di riqualificazione Il Progetto Green Industries e le opportunità per le PMI in materia di risparmio energetico e di riqualificazione 18 novembre 2014, Modena Teresa Bagnoli, ASTER Green Industries: soluzioni innovative per

Dettagli

Bandi e iniziative per lo sviluppo delle per Start-Up aggiornamento al 05/02/2016

Bandi e iniziative per lo sviluppo delle per Start-Up aggiornamento al 05/02/2016 Bandi e iniziative per lo sviluppo delle per Start-Up aggiornamento al 05/02/2016 Prende il via il bando SMart it up destinato a favorire il lavoro di creativi e artisti con obiettivi professionali che

Dettagli

e trasformare, in cui trovano ospitalità ingegneri, designers, grafici, informatici, esperti di web e nuove tecnologie) oltre a spazi comuni per

e trasformare, in cui trovano ospitalità ingegneri, designers, grafici, informatici, esperti di web e nuove tecnologie) oltre a spazi comuni per SPAZIO GRISÙ è un luogo aperto, vivo e inclusivo, in cui accade sempre qualcosa. Un motore di sviluppo locale su base culturale e creativa. Una sfida da vincere, che parte anche in assenza di finanziamenti

Dettagli

Startup: dall equity al crowdfunding

Startup: dall equity al crowdfunding Startup: dall equity al crowdfunding FINANZIAMENTI CON GARANZIE STATALI O GOVERNATIVE, PROGRAMMI DI FORMAZIONE E ACCELERAZIONE DEL BUSINESS, MA ANCHE PARTECIPAZIONI IN ATTIVITÀ DI PRIVATE EQUITY E PIATTAFORME

Dettagli

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015 Start Up Innovative -Le imprese fanno sistema Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 START UP E INCUBATORI Il Decreto Sviluppo (179/2012), introducendo

Dettagli

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa 1. DESCRIZIONE E OBIETTIVO Coopstartup Puglia è un progetto di Legacoop Puglia per la nascita di nuove idee di impresa improntate

Dettagli

L esperienza di Fondazione Housing Sociale MIlano, 29 novembre 2013

L esperienza di Fondazione Housing Sociale MIlano, 29 novembre 2013 RISERVATO E CONFIDENZIALE L esperienza di Fondazione Housing Sociale MIlano, 29 novembre 2013 Fondazione Housing Sociale nasce per rispondere a un bisogno La Fondazione Housing Sociale ( FHS o la Fondazione

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

I 50 PROGETTI PER RILANCIARE LE IMPRESE E IL TERRITORIO

I 50 PROGETTI PER RILANCIARE LE IMPRESE E IL TERRITORIO I 50 PROGETTI PER RILANCIARE LE IMPRESE E IL TERRITORIO 1. IMPRESE AL CENTRO PROGETTO SVILUPPO DEL MANIFATTURIERO - Alessandro Spada, Consigliere Incaricato Sviluppo manifatturiero e Internazionalizzazione

Dettagli

Talent Garden Sarzana. Digital CoWorking Network

Talent Garden Sarzana. Digital CoWorking Network Talent Garden Sarzana. Digital CoWorking Network 1 Cos è TAG Talent garden è il suolo, dove i migliori innovatori crescono, si connettono e contaminano il mondo. 3 4 Talent Garden... gli spazi Already

Dettagli

green innovation factory formule di insediamento

green innovation factory formule di insediamento green innovation factory formule di insediamento 2013 it green innovation factory green innovation factory La filosofia Progetto Manifattura è un centro di innovazione industriale che opera prioritariamente

Dettagli

PROGRAMMA* ANTEPRIMA SESSIONI PLENARIE WORKSHOPS TEMATICI INIZIATIVE COLLATERALI

PROGRAMMA* ANTEPRIMA SESSIONI PLENARIE WORKSHOPS TEMATICI INIZIATIVE COLLATERALI PROGRAMMA* L impresa sociale sta vivendo una delle fasi più difficili e insieme più interessanti della sua esistenza. Da una parte la resilienza di molte cooperative sociali e altre imprese sociali è messa

Dettagli

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI SIE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E CAPACITA ISTITUZIONALE FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 Il PON Governance e capacità istituzionale

Dettagli

ESPERTO IN WEB MARKETING PER LA SHARING ECONOMY

ESPERTO IN WEB MARKETING PER LA SHARING ECONOMY Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO IN WEB MARKETING PER GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA La storia ci insegna come le città siano cresciute, prosperate, cambiate

Dettagli

CONTRIBUTI TEMATICI PRESENTATI AL MINISTERO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

CONTRIBUTI TEMATICI PRESENTATI AL MINISTERO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONTRIBUTI TEMATICI PRESENTATI AL MINISTERO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONTRIBUTO INVIATO AL GRUPPO 3 La cooperazione italiana può distinguersi nel panorama internazionale se valorizza le proprie

Dettagli

IMPACT HUB. SiRACUSA Via Mirabella, 29 Ortigia. CATANIA Piazzale Asia, 6 c/o ZO Centro Culture Contemporanee. MediterraNew

IMPACT HUB. SiRACUSA Via Mirabella, 29 Ortigia. CATANIA Piazzale Asia, 6 c/o ZO Centro Culture Contemporanee. MediterraNew IMPACT HUB SiRACUSA Via Mirabella, 29 Ortigia siracusa.impacthub.net info@thehubsicilia.net ImpactHubSicily Impact Hub Siracusa +39 338 7831038 CATANIA Piazzale Asia, 6 c/o ZO Centro Culture Contemporanee

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

Reti per la Conciliazione. Obiettivi del progetto

Reti per la Conciliazione. Obiettivi del progetto Promuovere azioni e interventi di conciliazione vita-lavoro significa facilitare la vita di lavoratori/trici con famiglia individuando soluzioni famigliari, territoriali e aziendali che consentano alle

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER Progetto di riqualificazione e riconversione dell edificio Ex-Westinghouse in centro di competenza nel campo dell innovazione energetico-ambientale

Dettagli

Bergamo Smart City. Sustainable Community

Bergamo Smart City. Sustainable Community Bergamo Smart City & Sustainable Community 1 Evoluzione delle Smart Cities nei secoli SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è un processo di cambiamento tale per cui lo sfruttamento delle risorse,

Dettagli

Un bando internazionale per promuovere progetti di business innovativi. Un programma di accelerazione Per far decollare il business entro 12 mesi

Un bando internazionale per promuovere progetti di business innovativi. Un programma di accelerazione Per far decollare il business entro 12 mesi 01 #inalimenta Una business platform innovativa per l Economia Circolare, per sviluppare nuovi progetti ad elevato valore aggiunto nei settori Agroalimentare e Scienze della Vita. Un bando internazionale

Dettagli

Stati Generali della Green Economy

Stati Generali della Green Economy Stati Generali della Green Economy Le misure e le riforme economiche e fiscali necessarie per attivare un green new deal Romano Stasi Segretario Generale, ABI Lab r.stasi@abilab.it www.abilab.it ABI Energia

Dettagli

NIDO D INFANZIA PICCOLI PASSI INDIRIZZO: VIA FRESCOBALDI, 35 TELEFONO: 040 814335

NIDO D INFANZIA PICCOLI PASSI INDIRIZZO: VIA FRESCOBALDI, 35 TELEFONO: 040 814335 NIDO D INFANZIA PICCOLI PASSI INDIRIZZO: VIA FRESCOBALDI, 35 TELEFONO: 040 814335 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia integrato alla scuola

Dettagli

AGENDA LIFEGATE I FEEL FOOD

AGENDA LIFEGATE I FEEL FOOD AGENDA LIFEGATE 1 2 I FEEL FOOD 2 1 1.1 Chi siamo 1.2 Punti di forza 1.3 Cosa facciamo LIFEGATE Il punto di riferimento per lo sviluppo sostenibile. LIFEGATE CHI SIAMO PUNTI DI FORZA COSA FACCIAMO LifeGate,

Dettagli

Progetto Lumiere. Dalla gestione efficiente della pubblica Illuminazione alla Smart City

Progetto Lumiere. Dalla gestione efficiente della pubblica Illuminazione alla Smart City Progetto Lumiere Dalla gestione efficiente della pubblica Illuminazione alla Smart City Belluno 11 aprile 2014 Nicoletta Gozo ENEA Coordinatrice Progetto Lumiere Ruolo Pubblica Illuminazione Immagine del

Dettagli

Progetto Lumière. Smart Facility & Energy Management Il Progetto Lumière per il retrofit energetico dell illuminazione urbana

Progetto Lumière. Smart Facility & Energy Management Il Progetto Lumière per il retrofit energetico dell illuminazione urbana Progetto Lumière Smart Facility & Energy Management Il Progetto Lumière per il retrofit energetico dell illuminazione urbana Bologna 24 Ottobre 2014 Nicoletta Gozo ENEA Coordinatrice Progetto Lumière efficacia

Dettagli

Bologna. Incredibol! si sviluppa all'interno della collaborazione tra Regione Emilia-Romagna

Bologna. Incredibol! si sviluppa all'interno della collaborazione tra Regione Emilia-Romagna AVVISO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO 'INCREDIBOL! L'INNOVAZIONE CREATIVA DI BOLOGNA' QUARTA EDIZIONE Il Comune di Bologna promuove il progetto Incredibol! - l Innovazione Creativa di Bologna.

Dettagli

CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE

CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE OBIETTIVI Obiettivo della Città di Torino è attivare una misura di accompagnamento e sostegno alla realizzazione di progetti imprenditoriali

Dettagli

Centro Servizi del Distretto

Centro Servizi del Distretto Centro Servizi del Distretto Idea progettuale Progetto integrato per il rilancio e lo sviluppo del Distretto dell Abbigliamento Valle del Liri Il Centro Servizi del Distretto Idea progettuale 1 Premessa

Dettagli

Smart Ci)es: una roadmap per ci3à sostenibili

Smart Ci)es: una roadmap per ci3à sostenibili Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile Smart Ci)es: una roadmap per ci3à sostenibili Claudia Meloni Divisione Smart Energy claudia.meloni@enea.it Dalla

Dettagli

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless ICT e Smart Cities ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016 Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless Di cosa vi parlo Le smart city, definizioni, opportunità, Nuovi

Dettagli

Lo sviluppo sostenibile e la responsabilità delle Imprese

Lo sviluppo sostenibile e la responsabilità delle Imprese IISS Eugenio Bona Biella 11 novembre 2015 Roberto Ramasco, Fondazione Sodalitas Lo sviluppo sostenibile e la responsabilità delle Imprese www.sodalitas.it Definizione di Responsabilità Sociale d Impresa

Dettagli

come guardare al futuro del Food e Life Sciences?

come guardare al futuro del Food e Life Sciences? 01 #inalimenta 02 Dopo EXPO Milano 2015 come guardare al futuro del Food e Life Sciences? Sostenuto da Sviluppato da 03 Alimenta2Talent Una business platform innovativa per l Economia Circolare, per sviluppare

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

URBANOcreativo SMART CITY

URBANOcreativo SMART CITY URBANOcreativo SMART CITY Urbano CREATIVO STRATEGIA Un azienda giovane e dinamica che studia la città e propone strumenti, progetti e idee perché lo spazio urbano sia più bello ma soprattutto più vivibile.

Dettagli

Regolamento IMPRENDOCOOP - IDEE COOPERATIVE DI NUOVA GENERAZIONE

Regolamento IMPRENDOCOOP - IDEE COOPERATIVE DI NUOVA GENERAZIONE Regolamento IMPRENDOCOOP - IDEE COOPERATIVE DI NUOVA GENERAZIONE ARTICOLO 1 - Il progetto Imprendocoop IMPRENDOCOOP Idee cooperative di nuova generazione è un progetto che nasce dalla collaborazione tra

Dettagli

Politiche e strumenti per Milano Smart City & FabriQ: incubatore di innovazione sociale del Comune di Milano

Politiche e strumenti per Milano Smart City & FabriQ: incubatore di innovazione sociale del Comune di Milano Politiche e strumenti per Milano Smart City & FabriQ: incubatore di innovazione sociale del Comune di Milano Lucia Scopelliti Comune di Milano Fabio Sgaragli Fondazione Giacomo Brodolini Smart city e Innovazione

Dettagli

TORINO METROPOLI 2025 VERSO IL TERZO PIANO STRATEGICO Sintesi del documento intermedio, luglio 2014

TORINO METROPOLI 2025 VERSO IL TERZO PIANO STRATEGICO Sintesi del documento intermedio, luglio 2014 TORINO METROPOLI 2025 VERSO IL TERZO PIANO STRATEGICO Sintesi del documento intermedio, luglio 2014 1. IL PIANO STRATEGICO TORINO METROPOLI 2025 Il Piano Strategico è al tempo stesso un processo e un prodotto.

Dettagli

Milano Sharing City: il network della sharing economy

Milano Sharing City: il network della sharing economy Milano Sharing City: il network della sharing economy Agenda 1. Il percorso di Milano Sharing City 2. La consultazione pubblica 3. L approvazione delle Linee Guida sulla Sharing Economy 4. La Mappatura

Dettagli

Progetto Venezia per l altraeconomia

Progetto Venezia per l altraeconomia Progetto Venezia per l altraeconomia Obiettivo del progetto è la costruzione e promozione di una Rete di Economia Solidale (RES) veneziana, che raduni intorno ad un Tavolo permanente per l altraeconomia,

Dettagli

WORKERS BUY OUT: Mestieri, Competenze, Lavoro Storie di nuova cooperazione

WORKERS BUY OUT: Mestieri, Competenze, Lavoro Storie di nuova cooperazione WORKERS BUY OUT: Mestieri, Competenze, Lavoro Storie di nuova cooperazione Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR e POR FSE 2014-2020 Direttore Generale Economia della Conoscenza, del Lavoro e dell

Dettagli

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO A CURA DEL COORDINATORE DR. MICHELE VIANELLO DIRETTORE GENERALE VEGA- PST DI VENEZIA CONSIGLIERE APSTI

Dettagli

CARIPLO FACTORY: NASCE A MILANO IL PRIMO POLO SULL INNOVAZIONE DIGITALE E PER IL LAVORO DEI GIOVANI

CARIPLO FACTORY: NASCE A MILANO IL PRIMO POLO SULL INNOVAZIONE DIGITALE E PER IL LAVORO DEI GIOVANI COMUNICATO STAMPA CARIPLO FACTORY: NASCE A MILANO IL PRIMO POLO SULL INNOVAZIONE DIGITALE E PER IL LAVORO DEI GIOVANI #CARIPLOFACTORY Milano, 29 aprile 2016. A Milano, in Via Bergognone 34, aprirà a giugno

Dettagli

OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO 2014-2020

OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO 2014-2020 POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO 2014-2020 Castellammare del Golfo, 05 giugno 2015 COSME COSME è il Programma per la competitività

Dettagli

Milano Sharing City. Tra società e mercato: la sharing economy e le altre pratiche collaborative nell'esperienza della città di Milano

Milano Sharing City. Tra società e mercato: la sharing economy e le altre pratiche collaborative nell'esperienza della città di Milano Milano Sharing City Tra società e mercato: la sharing economy e le altre pratiche collaborative nell'esperienza della città di Milano Renato Galliano, Settore Innovazione Economica, Smart City e Università

Dettagli

AgriArt Castelli Romani

AgriArt Castelli Romani #1 Copertina AgriArt Castelli Romani PER UN ECOSISTEMA SOSTENIBILE Un territorio come sistema di relazioni INBAR Istituto Nazionale di BioARchitettura - Castelli Romani 13 luglio 2015 - Frascati #2 Problema

Dettagli

In occasione di. Villa Reale, 8 giugno 2011 Creatività e Impresa La Cultura crea valore

In occasione di. Villa Reale, 8 giugno 2011 Creatività e Impresa La Cultura crea valore Il Distretto Culturale Evoluto MB 2007 Il Bando La Provincia si aggiudica il bando promosso da Fondazione Cariplo I distretti culturali volano economico per il territorio, finalizzato alla realizzazione

Dettagli

Soggetto attuatore. Programma Carbon Tax del Progetto finanziato da Promosso dal

Soggetto attuatore. Programma Carbon Tax del Progetto finanziato da Promosso dal Soggetto attuatore Programma Carbon Tax del Progetto finanziato da Promosso dal dal C.R.E.D.E.A Il Consorzio EDEN promuove l efficienza energetica e l impiego di FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE, anche come

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

Il modello Ele.C.Tra. dei protocolli d intenti. The 2nd Italian NSG Florence, 18 th December

Il modello Ele.C.Tra. dei protocolli d intenti. The 2nd Italian NSG Florence, 18 th December Il modello Ele.C.Tra. dei protocolli d intenti The 2nd Italian NSG Florence, 18 th December 1 Punti chiave Auto-sostenibilità finanziaria: nessun fondo per forzare il mercato ad acquistare veicoli elettrici

Dettagli

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali A cosa servono queste linee guida? Queste linee guida identificano gli elementi la cui presenza è ritenuta necessaria per i progetti della Coalizione Nazionale

Dettagli

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull innovazione. Sostenibile per promuovere un economia più efficiente

Dettagli

SMART CITIES: Aspetti sistemici e panorama generale ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA. Ufficio Territoriale Regione Marche.

SMART CITIES: Aspetti sistemici e panorama generale ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA. Ufficio Territoriale Regione Marche. SMART CITIES: Aspetti sistemici e panorama generale ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Giuseppe Angelone OSIMO 12 Dicembre 2012 PANORAMA EUROPEO La crescita costante

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR

Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Per valorizzare e dare visibilità alle iniziative di responsabilità sociale, stimolando l innovazione e contribuendo allo sviluppo della CSR Il Sodalitas Social Award acquista respiro europeo Promuovere

Dettagli

Il progetto Youth Up vuole inserirsi nel complesso quadro delle politiche giovanili con particolare riferimento al tema del lavoro, andando ad

Il progetto Youth Up vuole inserirsi nel complesso quadro delle politiche giovanili con particolare riferimento al tema del lavoro, andando ad Il progetto Youth Up vuole inserirsi nel complesso quadro delle politiche giovanili con particolare riferimento al tema del lavoro, andando ad incidere sul doppio versante delle possibilità occupazionali

Dettagli

Competitività e Sostenibilità

Competitività e Sostenibilità Stakeholder Engagement Co-Design Competitività e Sostenibilità CSR Management Smart City Social Innovation Green Economy Management Comunicazione per la Sostenibilità Formazione per la Sostenibilità Ricerca

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Sostenere la competitività delle imprese Il programma COSME. Bologna 25 febbraio 2015

Sostenere la competitività delle imprese Il programma COSME. Bologna 25 febbraio 2015 Sostenere la competitività delle imprese Il programma COSME Bologna 25 febbraio 2015 MISSION ENTERPRISE EUROPE NETWORK Assistere le imprese nell identificare potenziali partner commerciali, tecnologici,

Dettagli

The role of the Green Economy. and Green Business

The role of the Green Economy. and Green Business INTERNATIONAL WORKSHOP Sviluppo Sostenibile: prodotti, consumo, promozione e marketing territoriale The role of the Green Economy in promoting a new model of Development and Green Business Edoardo Croci

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli