ver: 2.0 brief Date: 25/2/2014 target: stakeholders auth: Kilowatt

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ver: 2.0 brief Date: 25/2/2014 target: stakeholders auth: Kilowatt"

Transcript

1 ver: 2.0 brief Date: 25/2/2014 target: stakeholders auth: Kilowatt 1

2 Progetto vincitore: Bando per l innovazione creativa del Comune di Bologna 1 Bando della Fondazione Unipol per la promozione di startup culturali in forma cooperativa 2 Attività produttive della Regione Emilia-Romagna: Sostegno allo sviluppo delle infrastrutture per la competitività e per il territorio 3 In collaborazione con: Comune di Bologna Società consortile tra: Regione Emilia-Romagna, Università, CNR, ENEA, Associazioni di categoria e Unioncamere Redazione del Sole 24 Ore dedicata ai temi della ricerca e dell innovazione Fondazione per la promozione della cultura scientifica

3 EXECUTIVE SUMMARY Il progetto Social Innovation Factory si configura come un nuovo modo di concepire il lavoro, basato sulla condivisione della conoscenza, dei network, degli spazi, degli strumenti e dei servizi, sull empowerment delle persone e su un modello di welfare dal basso capace di conciliare la figura del genitore con quella del professionista. Si tratta di un modello innovativo di acceleratore d innovazione ad alto valore sociale ed ambientale, animato da una rete di imprese, liberi professionisti e progettisti. Un progetto modulare con l obiettivo di stimolare la nascita di nuove opportunità di lavoro, nuove collaborazioni professionali e relazioni sociali tra i membri della Factory, generando facilitazioni concrete per chi vuole fare impresa, per mamme e padri freelance, offrendo un luogo di confronto culturale e di contaminazione per gli innovatori tra cittadinanza, mondo dell impresa, terzo settore e pubblica amministrazione. Attraverso un processo di riqualificazione di un immobile nel centro di Bologna trasformato in luogo di lavoro e per eventi, un offerta di servizi di welfare innovativi e flessibili e un attività strutturata di community management, l organizzazione intende diventare un punto di riferimento per la città sui temi dell innovazione sociale. La Factory offrirà spazi e strumenti di lavoro; momenti di formazione ed informazione; occasioni costanti di networking e stimoli per la co-progettazione di servizi, prodotti e processi; servizi salvatempo ; uno spazio di accoglienza per bambini con attività educative innovative; eventi culturali ed artistici aperti alla cittadinanza. La flessibilità e la co-produzione di valore sono i due driver chiave dell iniziativa, che contribuiranno a dare un identità forte a tutto il progetto. La Social Innovation Factory intende rappresentare una risposta alle difficoltà occupazionali, all evoluzione del mercato del lavoro e all arretramento del welfare pubblico. 3

4 La Social Innovation Factory comprende quattro aree strategiche: HUB spazi condivisi CLOUD servizi condivisi ART spazi espositivi e progetti artistici FOOD servizi di ristorazione sostenibile 4

5 A cui fanno capo le seguenti attività: FOCUS: IL CO-BABY Innovare il mondo del lavoro ed i luoghi di lavoro significa promuovere i valori della condivisione e della collaborazione a nuovi driver dell economia, assecondare i tempi dell innovazione e della creatività, comprendere e valorizzare la flessibilità e la conseguente coincidenza tra vita lavorativa e vita personale. Partendo da questa visione e da questi obiettivi, il servizio di co-baby diventa uno degli assi portanti della Factory, uno dei servizi a maggiore valore aggiunto e di innovazione offerti ai nuovi lavoratori che desiderano conciliare la vita professionale col desiderio di diventare genitori e di stare insieme ai propri figli. Il co-baby è caratterizzato da un modello di business basato sull offerta di servizi educativi estremamente flessibili e modulari, innovativi nell offerta formativa e incentrati sul concetto di community proprio della Factory. Uno spazio dedicato accoglierà i bambini, favorendo le esigenze di quei genitori che intendono 5

6 trovare un punto di convergenza tra la propria vita professionale e quella familiare. Per neo-genitori freelance o liberi professionisti, per mamme che hanno concluso il periodo di maternità ma intendono prolungare quello di allattamento, per chi non gradisce la proposta formativa o la rigidità di orari degli asili nido. Il co-baby risponde di fatto ad un esigenza diffusa, che fotografa l evoluzione del mercato del lavoro e la integra con le necessità di chi non intende rinunciare a star vicino ai propri figli. Il modello è stato sviluppato attraverso un processo di co-progettazione che ha coinvolto un gruppo di 10 giovani mamme e papà freelance e 4 realtà che operano nel campo della formazione. Tramite gli strumenti del design thinking sono state elaborate le seguenti modalità operative e proposte educative: :: Flessibilità e modultarità: le mamme e i papà potranno comporre il servizio di co-baby a seconda delle loro esigenze lavorative, scegliendo l orario di entrata e uscita e i giorni in cui portare il bimbo. Potranno inoltre beneficiare del co-baby come servizio educativo, inteso come un nuovo modello di asilo, ma anche come servizio di babysitting per il tempo di una riunione, di un incontro, per poter partecipare ad un workshop oppure ad un momento di networking. :: Innovazione nell offerta formativa: lingue straniere, tecnologia, digitale, valorizzazione della creatività saranno gli elementi costitutivi dell offerta formativa proposta. Inoltre, il fatto di essere inserito all interno del luogo lavorativo del/dei genitori verrà valorizzato e considerato come opportunità formativa per i piccoli. :: Community: partecipazione alla creazione, alla scelta e anche all offerta di servizi. Le mamme e papà infatti potranno scegliere che tipo di offerta formativa dare ai propri figli, introducendo contenuti, modalità e strumenti nuovi, e in alcuni casi partecipando direttamente all offerta di attività specifiche, per le quali hanno competenze adatte. Tale modello implica che il gruppo dei bambini sia misto, e perciò lo spazio verrà organizzato e gestito in base alle diverse età dei bambini. Lo spazio sarà suddiviso in: :: zona del gioco libero: uno spazio che sia abbastanza grande in cui i bambini possono prendere in modo autonomo giochi, libri ecc. :: zona delle attività e del gioco simbolico: ogni settimana si svolgeranno delle attività organizzate dagli educatori. :: zona cambio dove ci sarà il fasciatoio, vasini o piccoli bagni, il tutto a misura di bambino. 6

7 :: angolo relax: riservato alle letture animate o semplicemente al riposo. :: piccolo nascondiglio: una tenda dove i bambini possono passare dei momenti da soli se ne hanno voglia. :: zona allattamento, perchè il co-baby dovrà servire alle mamme che desiderano prolungare l'allattamento oltre i tempi previsti dalla maternità o che hanno bisogno di lavorare subito dopo il parto. La zona allattamento è molto importante e sarà uno spazio possibilmente separato in modo che la mamma e il bambino siano tranquilli, comodi e intimi. :: cucina o zona pappa, uno spazio condiviso adatto alla pappa dei bimbi e al pranzo dei genitori pensato in modo che la pausa pranzo possa essere vissuta come un momento di comunità fra genitori e bambini. per il bambino non vi è alcuna differenza fra gioco e lavoro, il gioco è per loro lavoro e con la stessa importanza deve essere trattato. Inoltre il bimbo non va escluso dai luoghi dei grandi ma devono essere questi spazi ad adattarsi alle esigenze dei piccoli per crescere responsabili, autonomi e coscienti. (Montessori) 7

8 VALUE PROPOSITION La struttura delle attività della Factory è pensata per rispondere a due obiettivi: 1. la facilitazione all ingresso nel mondo del lavoro ed il rafforzamento di startup e freelance attivi nel mondo della social innovation attraverso la fornitura di spazi, facilities e servizi a prezzi agevolati, la creazione di un ambiente stimolante e prolifico capace di generare collaborazioni, l offerta di servizi di welfare familiare. 2. Il contatto ed il coinvolgimento della cittadinanza, perchè l innovazione e le pratiche della partecipazione - caratterisiche della sharing economy - possano contaminare e diffondersi a servizio della comunità. L attività e la sostenibilità della Factory si presta ad un roll out modulare. Il nucleo di base è costituito da: - attività di coworking (scrivanie, sala riunione, laboratori tecnologici, cucina condivisa, innovation room) - servizio di co-baby per i coworkers e per chi vorrà usufruire degli spazi di lavoro, delle attività di formazione o degli eventi di networking - attività al servizio del network (community management, project management, co-progettazione, comunicazione e promozione, servizi professionali condivisi) - bistrò con ristorantino sostenibile funzionale alla struttura e ai suoi ospiti LOCATION Il progetto si realizzerà all interno del futuro HUB Bolognese dell innovazione: Daisy-BO, che occuperà una superficie di metri quadrati ad altissimo potenziale di sviluppo situata nel polmone verde della città: i Giardini Margherita. Tale compesso, di proprietà del Comune di Bologna, sarà concesso in comodato gratuito per 10 anni ad una rete di soggetti per lo svolgimento delle attività di supporto alle nuove imprese creative ed innovative, rendendo l hub un punto di riferimento a livello territoriale ed internazionale per i portatori di idee imprenditoriali, startup, ma anche per i service providers e le imprese consolidate. 8

9 I principali partner coinvolti sono: Comune di Bologna, CNA, Fondazione Unipolis, Fondazione Marino Golinelli, il Sole 24 Ore, Aster e Kilowatt, selezionata dal bando Incredibol come ente con provata capacità gestionale di spazi e di comunità attive sui temi della social innovation. ASSONOMETRIA E FOTO DEL COMPLESSO 9

10 10

11 FOCUS: PROGETTI IN CORSO DI ATTIVAZIONE GESTIONE AUTOMATIZZATA DELLO SPAZIO Una piattaforma software permetterà a tutti i coworkers (mamme e papò compresi) di gestire in completa autonomia gli spazi ed i servizi offerti (postazioni cowo, sale riunioni, innovation room, babysitter ecc.). kw-coin e work for equity E in corso di studio anche l introduzione di un sistema elettronico di pagamento per i membri del network, che favorisca e velocizzi gli scambi, che non dovranno essere per forza in forma monetaria. INTERNAZIONALIZZAZIONE Kilowatt ha in corso un attività di supporto e condivisione del Know How verso altre organizzazioni che stanno lavorando per replicare il modello Kilowatt in Europa. A tal proposito, entro febbraio 2014, sarà attivo il primo spazio spazio gemello a Berlino. BISOGNI E VANTAGGI PER CLIENTI E STAKEHOLDER La Factory si posiziona in modo coerente rispetto alle esigenze emergenti nel mercato del lavoro, che vede la crescente urgenza di spazi e servizi rivolti alle nuove figure di lavoratori: professionisti che hanno individuato nell innovazione sociale e nella sharing economy il loro ambito d azione. I servizi che si intendono offrire riguardano da una parte una facilitazione all ingresso nel mondo del lavoro per startup e freelance attraverso la fornitura di spazi e 11

12 facilities a prezzi agevolati, dall altro consistono nella creazione di un ambiente stimolante e prolifico, capace di generare collaborazioni. Il progetto di co-baby inoltre intende fornire un valido sostegno ai neo-genitori/lavoratori che desiderano conciliare vita professionale col desiderio di stare insieme ai propri figli. Il tutto all interno di uno spazio che risponde al pressante bisogno di comprendere l attività lavorativa all interno di un più ampio stile di vita, dove la condivisione e la sostenibilità costituiscono due fattori centrali per la realizzazione sia professionale che esistenziale. In questa direzione pensiamo sia fondamentale la contiguità tra lo spazio di co-working, area ristorazione, area relax e le iniziative artistiche. I vantaggi reali sia per gli utenti che per gli stakeholders possono essere riassunti in un modello di spazio che facilita l avvio di imprese attive nell innovazione sociale e nella contestuale capacità di creare convergenza tra vita lavorativa e interessi personali. Area Target Bisogno a cui risponde Utilità/vantaggio HUB - coworkers - genitori freelance - PA e imprese - organizzatori di eventi - nuove modalità di lavoro flessibile - riduzione dei costi - network collaborativo - possibilità di conciliare famiglia/lavoro - spazio aperto 24 ore - gestione flessibile e modulabile sulle esigenze di ciascuno - ambiente friendly, stimolante - generazione opportunità di lavoro - servizi di conciliazione dei tempi - servizi di nursery - proposta educativa alternativa CLOUD - co-workers - PA e imprese - accesso a servizi professionali qualificati e a basso costo grazie alle economie di scala - accesso a community tematiche motivate e - comunicazione centralizzata - partecipazione alla creazione di un portafoglio integrato di servizi professionali veicolato dall organizzazione - centro di alta formazione 12

13 competenti interno - facilità di creazione di collaborazioni professionali ART - co-workers - PA e imprese - curatori - cittadinanza - accesso a spazi attrezzati per organizzare eventi h.24 - accesso a spazi espositivi senza pagare biglietti e con servizio bar/ristorazione - pubblico fidelizzato - accesso ai canali comunicativi interni - spazi artistici - piste ciclabile - parcheggi FOOD - co-workers - PA e imprese - cittadinanza - riferimento sulla ristorazione sostenibile - possibilità di fare colazione, pranzare e cenare con continuità dalle 8 alle 24 - possibilità di organizzare pranzi o cene di lavoro nei pressi della propria postazione - menù del giorno bio, stagionale e a km 0 - gruppo d acquisto - tavoli all aperto nei mesi estivi - spazi verdi dove poter organizzare picnic - piste ciclabile - parcheggi INNOVATIVITA DEL PROGETTO Di seguito i principali elementi: 1. Non esistono sul territorio bolognese luoghi dedicati esclusivamente all innovazione sociale. 2. A differenza di un semplice co-working, la factory non si propone come un mero distributore di servizi, ma individua nei network e nella gestione della community il suo punto di forza, con un attenzione particolare alla sperimentazione di un welfare dal basso rivolto anche a 13

14 neo-mamme e neo-papà liberi professionisti. 3. In Italia si sta diffondendo un modello che vede da un lato gli incubatori d impresa rivolgere la propria attenzione verso le esigenze delle singole startup senza creare contatti con la comunità di riferimento, e dall altro la diffusione di co-working focalizzati prettamente sulla risoluzione del problema di spazi per nuovi lavoratori autonomi. Il posizionamento della Social Innovation Factory è quello di cercare un ideale bilanciamento tra questi due estremi, attraverso il coinvolgimento di differenti attività e imprese che vedono ridurre il rischio complessivo, e la creazione di economie di scala sulla gestione di uno spazio che si propone come luogo di aggregazione e creazione di valore diffuso 4. Ulteriore differenza rispetto ai classici co-working ed incubatori è rappresentata dall ambiente culturale in cui è immerso lo spazio grazie all organizzazione di eventi artistici e con un servizio bar/ristorante sostenibile attivo con continuità lungo tutta la giornata. L ATTENZIONE ALL AMBIENTE La riduzione dell impatto ambientale sarà un elemento centrale durante tutto il ciclo di vita dell impresa, in quanto la sostenibilità, nella sua accezione più ampia, è il driver chiave del progetto: dalla riqualificazione dell immobile (seguendo i principi dell edilizia sostenibile), all allestimento, fino alla gestione, facendo particolare attenzione ad attuare scelte che favoriscano la diffusione di comportamenti sostenibili anche negli utenti. OBIETTIVI AMBIENTALI: - riduzione consumi energetici - risparmio risorse - riduzione spreco - gestione sostenibile dei rifiuti - promozione sostenibilità Il ristorantino utilizzerà materie prime stagionali, a "km 0" e bio (anche grazie alla creazione di un gruppo di acquisto interno alla struttura). Saranno adottate delle policy di risparmio energetico, idrico e di promozione di un alimentazione più sana. Gli elettrodomestici saranno in 4 classe energetica A e A+ (in grado di ridurre fino al 25% i consumi del ristorante ). Si sceglieranno prodotti per le pulizie certificati (Ecolabel, EPD, BlueAngel) e si presterà 4 Studio: Commercial Buildings Energy Consumption Survey (CBECS), Autorità Americana per l energia 14

15 attenzione a ridurre lo spreco. L allestimento e l utilizzo degli spazi sarà pensato per massimizzare l utilizzo della luce naturale, la condivisione di stampanti e strumenti informatici. La mobilità sostenibile sarà incentivata dalle piste ciclabili presenti e della ciclofficina. Per il co-baby sarà promosso l uso di pannolini lavabili e prodotti per l igiene e la pulizia ecologici e alla spina. La proposta culinaria, l eliminazione dell acqua in bottiglia, la promozione della raccolta differenziata: tutti questi elementi saranno parte fondamentale della comunicazione d impresa volta a diffondere una cultura di sostenibilità. SETTORE DI RIFERIMENTO L Innovation Union Europe 2020 flagship, riconosce l innovazione sociale come un nuovo settore molto importante che deve essere sostenuto". Il Programma UE per l Innovazione ed il Cambiamento sociale (PSCI) è uno strumento gestito direttamente dalla Commissione, a sostegno delle politiche sociali ed occupazionali attraverso la UE. Esso è parte della proposta della Commissione per la politica regionale europea per l occupazione e le politiche sociali. Dagli Stati Uniti all Asia, dal Sud America all Europa, con particolare riferimento a Gran Bretagna e Francia, l innovazione sociale sta diventando mainstream, catalizzando l attenzione del settore pubblico, del mercato, del terzo settore e dei media. Nel settore della finanza abbondano i fondi di impact investment che sostengono la crescita del settore della social innovation (Social Impact Bond, programmi pubblici d investimento tramite Big Lottery Fund e Big Society Capital, etc) I principali driver dell innovazione sociale europea possono essere condotti ai seguenti fattori: - Economici: istanze legate allo sviluppo sostenibile, alla domanda crescente di servizi pubblici efficenti in un contesto di riduzione della spesa pubblica; - Sociali: nuovi e vecchi bisogni (cura, re-inserimento, occupazione, salute, etc); - Politici: decentramento e forme di partecipazione, apertura a nuove soluzioni di governance; 15

16 - Culturali: comunità, cooperazione, collaborazione, co-produzione, co-lavoro, etc.; - Tecnologici: nuovi strumenti per creare relazioni, interazioni, partecipazione. A livello italiano le politiche governative sono coerenti al contesto europeo, basti pensare alle ultime azioni intraprese in merito: - Bando Smart cities e Social innovation: 240 milioni per il sud, 700 milioni per il centro-nord (294 domande di cui 188 per la sezione Social Innovation, 40 milioni di ) - Task force per l innovazione del Ministero dello Sviluppo 12 esperti (1 di innovazione sociale) - Task force per l innovazione del Ministero dell Università e Ricerca 6 esperti (1 di innovazione sociale) Agenda digitale nazionale - Call per progetti di sviluppo della Agenda Digitale di Bologna, , 113 progetti presentati In Gran Bretagna l impresa sociale sta crescendo notevolmente, soprattutto nel settore culturale, che rappresenta il 6% del PIL e impiega oltre 2 milioni di persone. 5 Il nuovo rapporto di Social Enterprise UK rivela come il sociale stia conquistando l imprenditoria del Regno Unito. Il numero delle startup sociali è tre volte tanto quello delle nuove imprese create negli altri settori, registrando un aumento del volume d affari del +38% dal 2011 rispetto al 19% delle pmi. Tale successo è da ricondurre non solo alla crescente sensibilità sociale della nuova generazione di imprenditori, ma è anche il frutto di un cambiamento nel quadro economico del Paese, in cui i confini tradizionali tra pubblico, privato e non profit tendono a farsi sempre più sottili. La crisi inoltre, sembra essere tra i principali fautori della tendenza alla creazione di nuove imprese. E proprio nei tempi di maggior difficoltà economica che nascono nuove imprese, come tentativo di cercare modelli in grado di rispondere a nuove necessità. Il 91% delle imprese sociali hanno almeno una donna nel consiglio di amministrazione. Negli stati Uniti, il primo censimento sull imprenditoria sociale negli Stati Uniti Great Social 5 16

17 6 Enterprise Census, rileva come la social enterprise stia traghettando il terzo settore attraverso la crisi. L imprenditoria sociale americana impiega su scala nazionale oltre 10 milioni di persone, con un giro d affari di circa 500 miliardi di dollari, arrivando a rappresentare il 3,5% del PIL nazionale. Dai primi dati raccolti dal censimento, emerge chiaramente che, in media, le imprese sociali americane sono di piccole dimensioni : circa il 40% ha meno di 5 dipendenti e solo l 8% ne ha più di 100. Il 90% di esse è focalizzato su tematiche relative alla risoluzione di problemi che hanno un impatto su scala nazionale. 7 A livello italiano, il 7 Rapporto dell Osservatorio Isnet evidenzia come le imprese legate al mondo social, pur risentendo della crisi economica in atto, continuino a mantenere buoni livelli occupazionali e ad investire in innovazione preservando e creando posti di lavoro. La quota di imprese sociali con un trend positivo è del 24%, con un trend costante è del 39,7%: in totale oltre il 64%. Il successo è da ricondurre alla crescente sensibilità sociale dei nuovi imprenditori, al cambiamento del quadro economico e alla necessità di sviluppare nuove opportunità di business sostenibili orientati al cliente, in contrapposizione al modello fordista focalizzato esclusivamente sul prodotto. CHI SIAMO? Ragione sociale: Associazione Culturale Kilowatt Data costituzione: 23/2/2012 Numero associati: 378, con distribuzione nazionale concentrata su Emilia-Romagna Percentuali di genere: 53% donne, 47% uomini Legale rappresentante: Stefano Follador, via del Porto 52 Bologna Sede: via del Borgo di San Pietro 22 Bologna Sito:

18 Social network: - - https://twitter.com/kilowattbo L Associazione Kilowatt unisce microimprese, terzo settore e liberi professionisti attivi nei campi della progettazione, comunicazione, digitale, sviluppo sostenibile e industria creativa. Kilowatt nasce con l obiettivo di facilitare ed accelerare idee, progetti e flussi di lavoro tramite: - l utilizzo di meccanismi partecipativi - la condivisione di spazi operativi, network conoscenze - l uso di strumenti comuni 8 Nel 2013 vince il bando Incredibol per l innovazione creativa del Comune di Bologna e il 9 bando Culturability della Fondazione Unipol. La storia di Kilowatt è anche in un documentario, arrivato nella shortlist del concorso internazionale di documentari brevi sul lavoro SHORT-on-WORK (http://www.youtube.com/watch?v=15kp80f7cde). Attività: principali video produzioni : format TV Made in Green, campagna Edison Green Movie - il protocollo europeo per la produzione di film sostenibili, campagna di lancio del progetto PETRICORstudio: S-Cambia cibo 3- community engagement: ideazione e promozione della campagna per lo sviluppo di filiere 11 volt1- co-working : - Età media coworker: 32 anni Info su: 11 Info su: 18

19 - Aziende coinvolte: 8 - Progetti partecipati sviluppati: 14 - Co-worker resident & nomad: 19 - Eventi: 6 al mese - Partecipanti agli eventi: 4700 in 13 mesi - Workshop: 5 al mese e alla creazione di un distretto del riuso a Ferrara workshop: Digital Update, Business Design, Business Model Canvas, Social Workshop, Unibike: Alta Formazione sul ciclismo urbano, Coaching, etc 5- eventi: #KW4, un ciclo di eventi formativi che stanno portando a Bologna realtà, casi concreti, esperti e progetti emblematici sui temi dell innovazione tecnologica e sociale; Raduno Spaghetti Opendata; Agenda Digitale Infrastrutture Smart City & Communities; OpenRicostruzione-Camp ; Vernissage artistici; incontri Google Developer Group; Business Pitch; eventi culinari; eventi musicali 6- GAS: gestione di un Gruppo d Acquisto biologico e a Km zero con eventi di presentazione dei prodotti del territorio e dei produttori. 12 info su: 19

20 20

21 21

22 22

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015 Start Up Innovative -Le imprese fanno sistema Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 START UP E INCUBATORI Il Decreto Sviluppo (179/2012), introducendo

Dettagli

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY

BERGAMO SMART CITY &COMMUNITY www.bergamosmartcity.com Presentazione Nasce Bergamo Smart City & Community, associazione finalizzata a creare una rete territoriale con uno scopo in comune: migliorare la qualità della vita dei cittadini

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Centro Servizi del Distretto

Centro Servizi del Distretto Centro Servizi del Distretto Idea progettuale Progetto integrato per il rilancio e lo sviluppo del Distretto dell Abbigliamento Valle del Liri Il Centro Servizi del Distretto Idea progettuale 1 Premessa

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Reti per la Conciliazione. Obiettivi del progetto

Reti per la Conciliazione. Obiettivi del progetto Promuovere azioni e interventi di conciliazione vita-lavoro significa facilitare la vita di lavoratori/trici con famiglia individuando soluzioni famigliari, territoriali e aziendali che consentano alle

Dettagli

Bergamo Smart City. Sustainable Community

Bergamo Smart City. Sustainable Community Bergamo Smart City & Sustainable Community 1 Evoluzione delle Smart Cities nei secoli SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è un processo di cambiamento tale per cui lo sfruttamento delle risorse,

Dettagli

Conferenza Stampa di lancio

Conferenza Stampa di lancio Incubatore di Innovazione Sociale del Comune di Milano Conferenza Stampa di lancio Milano - Villa Scheibler 22 Gennaio 2014 La Fondazione Giacomo Brodolini Chi siamo Un centro di ricerca e promozione culturale

Dettagli

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE i OINT Percorsi e servizi per nuove imprese innovative www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE Trentino Sviluppo è l agenzia creata

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

COWORKING SPACE SULMONA

COWORKING SPACE SULMONA COWORKING SPACE SULMONA PREMESSA La crisi economica e finanziaria che viviamo ormai da alcuni anni, ha avuto un forte impatto sul mercato del lavoro con un aumento della disoccupazione e della sfiducia.

Dettagli

The role of the Green Economy. and Green Business

The role of the Green Economy. and Green Business INTERNATIONAL WORKSHOP Sviluppo Sostenibile: prodotti, consumo, promozione e marketing territoriale The role of the Green Economy in promoting a new model of Development and Green Business Edoardo Croci

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Dalla collaborazione tra DIGITAL. food DAYS. Progress

Dalla collaborazione tra DIGITAL. food DAYS. Progress Dalla collaborazione tra DIGITAL food DAYS Progress IL FENOMENO SOCIAL EATING Un momento di interazione con al centro l elemento più social di sempre: il cibo Blog Target Cuochi professionisti Appassionati

Dettagli

Soggetto attuatore. Programma Carbon Tax del Progetto finanziato da Promosso dal

Soggetto attuatore. Programma Carbon Tax del Progetto finanziato da Promosso dal Soggetto attuatore Programma Carbon Tax del Progetto finanziato da Promosso dal dal C.R.E.D.E.A Il Consorzio EDEN promuove l efficienza energetica e l impiego di FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE, anche come

Dettagli

e trasformare, in cui trovano ospitalità ingegneri, designers, grafici, informatici, esperti di web e nuove tecnologie) oltre a spazi comuni per

e trasformare, in cui trovano ospitalità ingegneri, designers, grafici, informatici, esperti di web e nuove tecnologie) oltre a spazi comuni per SPAZIO GRISÙ è un luogo aperto, vivo e inclusivo, in cui accade sempre qualcosa. Un motore di sviluppo locale su base culturale e creativa. Una sfida da vincere, che parte anche in assenza di finanziamenti

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica

Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica Ruben Sacerdoti Responsabile Servizio Sportello regionale

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Valentina Montesarchio Vice Segretario Generale Unioncamere del Veneto Unioncamere del Veneto e Regione del Veneto stanno definendo le attività per la prosecuzione

Dettagli

Progetto Lumiere. Dalla gestione efficiente della pubblica Illuminazione alla Smart City

Progetto Lumiere. Dalla gestione efficiente della pubblica Illuminazione alla Smart City Progetto Lumiere Dalla gestione efficiente della pubblica Illuminazione alla Smart City Belluno 11 aprile 2014 Nicoletta Gozo ENEA Coordinatrice Progetto Lumiere Ruolo Pubblica Illuminazione Immagine del

Dettagli

In occasione di. Villa Reale, 8 giugno 2011 Creatività e Impresa La Cultura crea valore

In occasione di. Villa Reale, 8 giugno 2011 Creatività e Impresa La Cultura crea valore Il Distretto Culturale Evoluto MB 2007 Il Bando La Provincia si aggiudica il bando promosso da Fondazione Cariplo I distretti culturali volano economico per il territorio, finalizzato alla realizzazione

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

WORKERS BUY OUT: Mestieri, Competenze, Lavoro Storie di nuova cooperazione

WORKERS BUY OUT: Mestieri, Competenze, Lavoro Storie di nuova cooperazione WORKERS BUY OUT: Mestieri, Competenze, Lavoro Storie di nuova cooperazione Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR e POR FSE 2014-2020 Direttore Generale Economia della Conoscenza, del Lavoro e dell

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLE RETI D IMPRESA In data tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio premesso che Con l'art. 3, comma 4-ter, del

Dettagli

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014 Artigiancassa: : Progetto Key Woman Roma, 08 aprile 2014 La costante crescita di donne che scelgono di intraprendere l attività imprenditoriale è un fenomeno in continuo aumento e può costituire per il

Dettagli

Lavorare nella Green Economy Lo scenario internazionale. CITTA DI IVREA luglio-dicembre 2015

Lavorare nella Green Economy Lo scenario internazionale. CITTA DI IVREA luglio-dicembre 2015 SPORTELLO GREEN JOBS - IVREA REALIZZATO IN COLLABORAZIONE CON I COMUNI ADERENTI ALL'INIZIATIVA "AZIONI DI CONTRASTO ALLA CRISI DEL MERCATO DEL LAVORO LOCALE" CITTA DI IVREA luglio-dicembre 2015 Lavorare

Dettagli

PEOPLE, PLANET, PROFIT LA SFIDA GLOBALE DELLA CHIMICA VERDE PLANET GREEN CHEM FOR EXPO 2015 Workshop sulla chimica innovativa, verde e sostenibile

PEOPLE, PLANET, PROFIT LA SFIDA GLOBALE DELLA CHIMICA VERDE PLANET GREEN CHEM FOR EXPO 2015 Workshop sulla chimica innovativa, verde e sostenibile PEOPLE, PLANET, PROFIT LA SFIDA GLOBALE DELLA CHIMICA VERDE PLANET GREEN CHEM FOR EXPO 2015 Workshop sulla chimica innovativa, verde e sostenibile Padiglione Italia, Spazio ME and WE Women for Expo 23

Dettagli

ADRIAFOOTOURING Adriatic food and tourism: innovating smes. Interreg IV A IPA Adriatico II bando

ADRIAFOOTOURING Adriatic food and tourism: innovating smes. Interreg IV A IPA Adriatico II bando ADRIAFOOTOURING Adriatic food and tourism: innovating smes Interreg IV A IPA Adriatico II bando In breve OBIETTIVO generale della proposta è di favorire lo sviluppo, nelle regioni coinvolte, di strumenti

Dettagli

CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE

CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE CERCARE NUOVI PARADIGMI PER RILANCIARE LO SVILUPPO ECONOMICO & SOCIALE OBIETTIVI Obiettivo della Città di Torino è attivare una misura di accompagnamento e sostegno alla realizzazione di progetti imprenditoriali

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO Avviso 26 del 4 marzo 2015 Piani formativi aziendali concordati Standard - Fondo di Rotazione SCHEDA DI PRE ADESIONE entro il 13 maggio 2015 STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO PREMESSA Venerdì 30 Gennaio

Dettagli

Reti per la Conciliazione. Obiettivi del progetto

Reti per la Conciliazione. Obiettivi del progetto Promuovere azioni e interventi di conciliazione vita-lavoro significa facilitare la vita di lavoratori/trici con famiglia individuando soluzioni famigliari, territoriali e aziendali che consentano alle

Dettagli

Social Innovation AROUND Award

Social Innovation AROUND Award Social Innovation AROUND Award Social Innovation Around Award APPuntamento e Premio dell Innovazione Sociale, quest anno alla sua prima edizione, è una iniziativa di SIS Social Innovation Society che con

Dettagli

Lo sviluppo sostenibile e la responsabilità delle Imprese

Lo sviluppo sostenibile e la responsabilità delle Imprese IISS Eugenio Bona Biella 11 novembre 2015 Roberto Ramasco, Fondazione Sodalitas Lo sviluppo sostenibile e la responsabilità delle Imprese www.sodalitas.it Definizione di Responsabilità Sociale d Impresa

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Coopstartup FarmAbility

Coopstartup FarmAbility Coopstartup FarmAbility Bando per la selezione di idee di impresa cooperativa innovativa nell agroalimentare Art. 1 Contesto e obiettivi Coopstartup FarmAbility è un progetto sperimentale per favorire

Dettagli

UNA COOPERATIVA CHE INVESTE NEL PROPRIO FUTURO

UNA COOPERATIVA CHE INVESTE NEL PROPRIO FUTURO IL PIANO STRATEGICO/INDUSTRIALE 2012-2014 UNA COOPERATIVA CHE INVESTE NEL PROPRIO FUTURO L elaborazione del primo Piano Strategico/Industriale di Tecnicoop si inserisce in un progetto complessivo di rinnovamento

Dettagli

LE SERRE dei Giardini

LE SERRE dei Giardini LE SERRE dei Giardini Obiettivi, risultato, impatto Realizzare LE SERRE dei Giardini una nuova struttura dedicata alla neoimprenditorialità creativa e innovativa, di circa 650mq, completamente attrezzata

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI 10 IMPRESE DA INSEDIARE NELL INCUBATORE NON TECNOLOGICO DI IMPRESE GIOVANILI DENOMINATO Asti Città GREEN

AVVISO PER LA SELEZIONE DI 10 IMPRESE DA INSEDIARE NELL INCUBATORE NON TECNOLOGICO DI IMPRESE GIOVANILI DENOMINATO Asti Città GREEN Comune di Asti AVVISO PER LA SELEZIONE DI 10 IMPRESE DA INSEDIARE NELL INCUBATORE NON TECNOLOGICO DI IMPRESE GIOVANILI DENOMINATO Asti Città GREEN Progetto finanziato dai fondi del PIANO GIOVANI 2011/2013

Dettagli

I protagonisti PROTAGONISTI della settimana saranno le stesse aziende aderenti.

I protagonisti PROTAGONISTI della settimana saranno le stesse aziende aderenti. 11 15 Giugno 2012 T&CW La mission La settimana della formazione e della consulenza è un evento collettivo, con cadenza annuale, diffuso su tutto il territorio di Roma e del Lazio. L idea nasce dall esigenza

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

IL CONTESTO: LE EVIDENZE LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE

IL CONTESTO: LE EVIDENZE LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE PREMESSA IL PROGETTO DI SEGUITO ESPOSTO E IL RISULTATO DEL LAVORO DI UN COMITATO di PROGETTO COMPOSTO DAI SEGUENTI PARTNER: Fondazione La Fornace dell Innovazione Cooperativa Sociale IL SESTANTE Consulmarc

Dettagli

La Piattaforma EFISIO

La Piattaforma EFISIO Strumenti finanziari e sviluppo urbano sostenibile: dalla finanza di progetto alla finanza di programma La Piattaforma EFISIO INFO DAY ITALIA 14/11/2014 Dimensione urbana e strumen. finanziari nella programmazione

Dettagli

azioni di rigenerazione sociale

azioni di rigenerazione sociale azioni di rigenerazione sociale I contenuti di questo libro possono essere condivisi rispettando la licenza Chi siamo Indice 3 Chi siamo 5 Cos è concretamente Change Community Model? 6 Quali sono gli ingredienti

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile Perché comunicare il Turismo Sostenibile La Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca attiverà nel biennio 2013-2014 la seconda edizione del master di primo livello Comunicare

Dettagli

Economia sociale e impresa sociale

Economia sociale e impresa sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali DG Terzo settore e formazioni sociali Economia sociale e impresa sociale Intervento di Anna Chiara Giorio 9 gennaio 2014 Indice dell intervento Terzo settore,

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

mondo scarabocchio città futura

mondo scarabocchio città futura mondo scarabocchio città futura mondo scarabocchio Dall autunno 2014 la Cooperativa città futura ha attivato nuovi servizi complementari presso il nido Scarabocchio di Trento, con l obiettivo di implementare

Dettagli

Create new Connections, Improve, Grow

Create new Connections, Improve, Grow Consulting Strategy Business Requirement Investment MILANO VENTURE COMPANY Group Create new Connections, Improve, Grow We are Milano Venture Company Agenda Chi siamo I nostri servizi Servizio di Funding

Dettagli

Da 40 anni al servizio delle aziende

Da 40 anni al servizio delle aziende Da 40 anni al servizio delle aziende GESCA GROUP Gesca azienda nata nel 1972 come centro servizi specializzato nell elaborazione della contabilità aziendale fa della lunga esperienza nel campo dell Information

Dettagli

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER Progetto di riqualificazione e riconversione dell edificio Ex-Westinghouse in centro di competenza nel campo dell innovazione energetico-ambientale

Dettagli

AGENDA LIFEGATE I FEEL FOOD

AGENDA LIFEGATE I FEEL FOOD AGENDA LIFEGATE 1 2 I FEEL FOOD 2 1 1.1 Chi siamo 1.2 Punti di forza 1.3 Cosa facciamo LIFEGATE Il punto di riferimento per lo sviluppo sostenibile. LIFEGATE CHI SIAMO PUNTI DI FORZA COSA FACCIAMO LifeGate,

Dettagli

Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico. Presentazione Franchising. www.sargreen.com info@sargreen.

Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico. Presentazione Franchising. www.sargreen.com info@sargreen. Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico Presentazione Franchising www.sargreen.com info@sargreen.com 1 Sommario Il Franchising... 2 Mission Franchising... 2 Il settore

Dettagli

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org In collaborazione con ti, ia! n o r P za, v en t r a p www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org MONZA APRIPISTA DEL PROGETTO: UN CONCORSO E 100 IDEE PER LA FASE PILOTA Sono state le scuole dell

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Questa guida è stata messa a punto come parte della campagna di sensibilizzazione paneuropea in materia di CSR,

Dettagli

Le proposte del Banco Popolare

Le proposte del Banco Popolare Efficienza energetica, finanza agevolata e una nuova forma di alleanza. Per innovare le imprese del settore siderurgico e favorirne la crescita. Le proposte del Banco Popolare Banco Popolare e innovazione

Dettagli

AVVISO START - UP. (D.D n. 436 del 13 marzo 2013) Presentazione di progetti per il sostegno delle Start Up

AVVISO START - UP. (D.D n. 436 del 13 marzo 2013) Presentazione di progetti per il sostegno delle Start Up AVVISO START - UP (D.D n. 436 del 13 marzo 2013) Presentazione di progetti per il sostegno delle Start Up Priorità di intervento Il contesto Le risorse PAC e l Avviso Start - up Il Piano di Azione e Coesione

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

GLI OBIETTIVI R 2.864"

GLI OBIETTIVI R 2.864 CHI SIAMO 6 5 La nam nasce dalla nostra scelta di lavorare nel mondo del riciclo e del riuso unendo la passione e professionalità per sviluppare un diverso concetto di eco sostenibilità. L attività si

Dettagli

Il modello Ele.C.Tra. dei protocolli d intenti. The 2nd Italian NSG Florence, 18 th December

Il modello Ele.C.Tra. dei protocolli d intenti. The 2nd Italian NSG Florence, 18 th December Il modello Ele.C.Tra. dei protocolli d intenti The 2nd Italian NSG Florence, 18 th December 1 Punti chiave Auto-sostenibilità finanziaria: nessun fondo per forzare il mercato ad acquistare veicoli elettrici

Dettagli

COMUNICAZIONE ITALIANA

COMUNICAZIONE ITALIANA COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su carta, interagisce su internet, decide di persona. Edizioni Servizi Eventi COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

RAPPORTO 2015 SULL ECONOMIA REGIONALE Lo sviluppo digitale in Emilia-Romagna: lo stato dell arte e il ruolo delle politiche pubbliche

RAPPORTO 2015 SULL ECONOMIA REGIONALE Lo sviluppo digitale in Emilia-Romagna: lo stato dell arte e il ruolo delle politiche pubbliche RAPPORTO 2015 SULL ECONOMIA REGIONALE Lo sviluppo digitale in Emilia-Romagna: lo stato dell arte e il ruolo delle politiche pubbliche introduzione Morena Diazzi, Direttore Generale Attività produttive,

Dettagli

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione.

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. Treviso, 24 febbraio 2015 Smart Specialisation Strategy Rappresenta il rafforzamento delle specializzazioni del territorio e la promozione

Dettagli

LE IDEE SI METTONO IN RETE: LA REALTA CHE PRECEDE IL FUTURO. Patrizia Malferrari Presidente SEASIDE

LE IDEE SI METTONO IN RETE: LA REALTA CHE PRECEDE IL FUTURO. Patrizia Malferrari Presidente SEASIDE LE IDEE SI METTONO IN RETE: LA REALTA CHE PRECEDE IL FUTURO Patrizia Malferrari Presidente SEASIDE Seaside: Chi siamo Seaside è una E.S.Co. certificata secondo la Norma UNI CEI 11352:2014, specializzata

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra soci effettivi e soci aggregati) 62 Sezioni Territoriali (presso le Unioni Provinciali di Confindustria) Oltre 1 milione

Dettagli

Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna

Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna INTRODUZIONE Il percorso partecipativo ha avuto l obiettivo di sviluppare un confronto fra i diversi stakeholder sulle proposte

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

Salvatore Esposito De Falco Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese e di Corporate Governance Sapienza Università degli Studi di Roma

Salvatore Esposito De Falco Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese e di Corporate Governance Sapienza Università degli Studi di Roma Universitas Mercatorum Università telematica delle Camere di Commercio Italiane Salvatore Esposito De Falco Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese e di Corporate Governance Sapienza Università

Dettagli

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Asilo Asilo nido nido Centro Centro ricreativo ricreativo Centro Centro educativo educativo Indroduzione Il desiderio di aprire l Asilo Nido nasce da un istintivo

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Profondamente convinti che le basi del benessere di una comunità si impostino sul riuscire a creare un fervore culturale produttivo di nuove idee,

Profondamente convinti che le basi del benessere di una comunità si impostino sul riuscire a creare un fervore culturale produttivo di nuove idee, 1 INTRODUZIONE Spazio Geco nasce a Pavia nell ottobre 2013, nel quartiere Borgo Ticino, come uno spazio innovativo di lavoro condiviso, nato dalla filosofia dei coworking, dotato di servizi improntati

Dettagli

Progetto Lumiere. L efficienza dell Illuminazione Pubblica quale parte integrante dello sviluppo del Paes e della programmazione delle smart cities.

Progetto Lumiere. L efficienza dell Illuminazione Pubblica quale parte integrante dello sviluppo del Paes e della programmazione delle smart cities. Progetto Lumiere L efficienza dell Illuminazione Pubblica quale parte integrante dello sviluppo del Paes e della programmazione delle smart cities. Bassano del Grappa 29 aprile 2014 Nicoletta Gozo ENEA

Dettagli

Bando StartUp. Tempi A partire dal 13 marzo 2013, le imprese possono inviare le loro proposte per 60 giorni.

Bando StartUp. Tempi A partire dal 13 marzo 2013, le imprese possono inviare le loro proposte per 60 giorni. Bando StartUp Risorse investite 30 milioni - Linea 1 Big data: 8 milioni - Linea 2 Cultura ad impatto aumentato: 14 milioni - Linea 3 Social Innovation Cluster: 7 milioni - Linea 4 Contamination Labs:

Dettagli

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY Pisa, 26 maggio 2011 LE CITTA PROTAGONISTE NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Le città sono responsabili di oltre il 50% delle emissioni di gas

Dettagli

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa 1. DESCRIZIONE E OBIETTIVO Coopstartup Puglia è un progetto di Legacoop Puglia per la nascita di nuove idee di impresa improntate

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

Il Progetto Green Industries e le opportunità per le PMI in materia di risparmio energetico e di riqualificazione

Il Progetto Green Industries e le opportunità per le PMI in materia di risparmio energetico e di riqualificazione Il Progetto Green Industries e le opportunità per le PMI in materia di risparmio energetico e di riqualificazione 18 novembre 2014, Modena Teresa Bagnoli, ASTER Green Industries: soluzioni innovative per

Dettagli

Al servizio di gente unica. Direzione Centrale Cultura, sport e solidarietà

Al servizio di gente unica. Direzione Centrale Cultura, sport e solidarietà Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: 2020: i fondi a gestione diretta per la cultura EUROPA CREATIVA La cultura come elemento di competitività del

Dettagli

Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati

Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati LE AMMINISTRAZIONI LOCALI E LA VALORIZZAZIONE E GESTIONE DEI BENI CULTURALI Le sponsorizzazione dal punto di vista dei finanziatori privati Gianluca Comin 25 febbraio 2015 Quando parliamo di settore cultura,

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

NIDO D INFANZIA PICCOLI PASSI INDIRIZZO: VIA FRESCOBALDI, 35 TELEFONO: 040 814335

NIDO D INFANZIA PICCOLI PASSI INDIRIZZO: VIA FRESCOBALDI, 35 TELEFONO: 040 814335 NIDO D INFANZIA PICCOLI PASSI INDIRIZZO: VIA FRESCOBALDI, 35 TELEFONO: 040 814335 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia integrato alla scuola

Dettagli

NIDO D INFANZIA BOSCO MAGICO INDIRIZZO: VIA VALDONI, 1 TELEFONO: 040 9148024

NIDO D INFANZIA BOSCO MAGICO INDIRIZZO: VIA VALDONI, 1 TELEFONO: 040 9148024 NIDO D INFANZIA BOSCO MAGICO INDIRIZZO: VIA VALDONI, 1 TELEFONO: 040 9148024 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia 2. QUANDO E COME E NATO

Dettagli

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia

Dettagli

Piano C. Giugno 2013 PROGETTO MOLTIPLICAZIONE

Piano C. Giugno 2013 PROGETTO MOLTIPLICAZIONE Piano C Giugno 2013 PROGETTO MOLTIPLICAZIONE PROGETTO MOLTIPLICAZIONE PIANO C Valori e missione L innovazione nasce dalla condivisione: piano C crede nel mettere insieme le forze con onestà e trasparenza

Dettagli

Progetto Lumiere. Progetto Lumiere Modello per la gestione efficiente ed efficace degli impianti e del servizio di pubblica illuminazione

Progetto Lumiere. Progetto Lumiere Modello per la gestione efficiente ed efficace degli impianti e del servizio di pubblica illuminazione Progetto Lumiere Progetto Lumiere Modello per la gestione efficiente ed efficace degli impianti e del servizio di pubblica illuminazione Milano 20 maggio2014 Nicoletta Gozo ENEA Coordinatrice Progetto

Dettagli