eurocons INforma IL BUSINESS PLAN collana ebook informazione agile per il business Lo strumento di gestione e pianificazione aziendale per eccellenza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "eurocons INforma IL BUSINESS PLAN collana ebook informazione agile per il business Lo strumento di gestione e pianificazione aziendale per eccellenza"

Transcript

1 eurocons INforma informazione agile per il business collana ebook IL BUSINESS PLAN Lo strumento di gestione e pianificazione aziendale per eccellenza 2

2

3 indice Pag 4: Chi siamo Pag 5: Prefazione Pag 6: Utilità del business plan Pag 7: Il business plan in breve Pag 8: CAPITOLO 1 Uno strumento fondamentale per le pmi Perché è importante avere un business plan? A chi serve il business plan I vantaggi per l imprenditore Pag 13: CAPITOLO 2 Utilità Gli elementi fondamentali del business plan Pag 19: CAPITOLO 3 Principi Generali Pag 21: Curiosità Pag 22: Conclusioni Pag 23: Il business plan di Eurocons 3

4 chi siamo Da oltre vent'anni Eurocons rappresenta una qualificata realtà di consulenza aziendale specializzata in attività rivolte per le piccole e medie imprese. Attraverso i servizi offerti dalle Aree Finanza agevolata, Consulenza gestionale, Sistemi per la Qualità, Consulenza direzionale e strategica e Consulenza Energia fornisce risposte concrete ed efficaci per ogni esigenza delle imprese. Operativa dal 1994, Eurocons nasce con l obiettivo di fornire alle piccole e medie imprese una consulenza professionale e completa sul complesso mondo delle agevolazioni finanziarie. Negli anni successivi, accogliendo le sempre maggiori richieste per attività di consulenza anche in altri ambiti, la struttura amplia il numero di servizi proposti, trasformandosi in una vera e propria consulting a misura di Pmi. LA CONSULENZA GESTIONALE Accompagna la tua azienda in un percorso di crescita, che consenta alle imprese di contrastare la crisi e realizzare strategie di sviluppo! La Consulenza Gestionale offre un supporto concreto per rendere più efficiente l esposizione dei dati economici delle aziende, definire dinamicamente i dati attesi, redigere il business plan, agevolare i processi decisionali e valorizzare l attività aziendale. 4

5 prefazione La pianificazione strategica aziendale, indispensabile per gestire qualsiasi tipo di iniziativa economica, trova la sua più efficace rappresentazione nel business plan: uno strumento necessario per valutare la fattibilità tecnica ed economico-finanziaria di un progetto di investimento. Il business plan è uno strumento utile per pianificare l attività di impresa, per presentare le strategie di sviluppo e le prospettive di crescita future. Consente di rappresentare in modo organico ed efficace un idea imprenditoriale e di definire i fattori di successo sul mercato. Nel business plan vengono presentate le informazioni principali relative all attività di un azienda, gli obiettivi, le politiche e i programmi aziendali. La pianificazione strategica aziendale, indispensabile per gestire qualsiasi tipo di iniziativa economica, trova la sua più efficace rappresentazione proprio nel business plan, che è uno strumento necessario per valutare la fattibilità tecnica ed economico-finanziaria di un progetto di investimento. La predisposizione del Business Plan, o piano aziendale, è un momento fondamentale, sia per aziende in fase di start-up o in rapida crescita che per aziende giunte ad un livello di sviluppo più avanzato. Il Business Plan consente all imprenditore di raggiungere diversi obiettivi, come ad esempio, fornire una guida strategica, capitalizzare sui punti di forza e gestire al meglio i punti di debolezza dell azienda, individuare i fattori chiave per il raggiungimento degli obiettivi prefissati, aiutare a reperire mezzi finanziari necessari per la crescita (Private Equity, IPO, Business Angels ed altri finanziamenti) ma anche stabilire importanti accordi commerciali con partners (clienti, fornitori, distributori). Buona lettura! Monica Dalla Bona Responsabile settore Consulenza Gestionale Eurocons 5

6 Utilità del Business Plan Molte istituzioni nell ambito della concessione di un finanziamento o contributo richiedono necessariamente la stesura di un piano industriale contribuendo così alla sua diffusione ed al suo utilizzo. Anche l approccio del mondo finanziario sta favorendo la diffusione della cultura del business plan: mentre in passato la valutazione dell affidabilità del cliente per gli Istituti di Credito era molto concentrata sui dati consuntivi, oggi i finanziamenti delle iniziative imprenditoriali partono da una valutazione analitica del progetto che tenga conto della sua economicità e sostenibilità finanziaria. Sono gli stessi Istituti di Credito a richiedere la presentazione di un piano finanziario per consentire di stabilire a priori la possibilità di restituire il finanziamento da parte del cliente e di ottenere una redditività congrua con il costo dell indebitamento contratto. Sempre di più le banche promuovono il business plan come strumento di relazione evoluta con i propri partner finanziari non limitato ai soli momenti di discontinuità aziendale, ma visto come efficace guida per gli imprenditori per gestire l azienda e comunicare contestualmente agli Istituti di credito l efficacia del percorso intrapreso (obiettivi e strategie). Il business plan, quindi, rappresenta un passaporto informativo per migliorare le relazioni con le banche, prevalente fonte di supporto finanziario della realtà imprenditoriale italiana. 6

7 Il Business plan in breve 7

8 Capitolo 1 Uno strumento fondamentale per le pmi Il business plan è utile sia per le nuove iniziative sia per le attività imprenditoriali già esistenti. Soprattutto l avvio di una nuova impresa non è una fase semplice e solo tramite una guida che possa definire un percorso logico e congruente è possibile limitare i casi di insuccesso. Quasi sempre la soluzione sta nell accurata preparazione di un business plan. Nel corso della stesura del piano, l imprenditore è costretto a esaminare a fondo ogni singolo aspetto della futura impresa: è probabile che, così facendo, l imprenditore individui numerose pecche e carenze e cerchi di porvi rimedio. Qualora certi problemi non si possano risolvere o presentino delle implicazioni rilevanti, il fatto di averli individuati permette comunque all imprenditore di rinunciare all impresa prima di prendere impegni finanziari Per l imprenditore redigere da solo un business plan è un attività complessa e spesso gli mancano le competenze tecniche. In questo caso deve rivolgersi a consulenti affidabili e qualificati, perché il business plan è un documento indispensabile per qualsiasi tipologia di impresa. Parallelamente l ampliamento, la diversificazione, la ristrutturazione rappresentano momenti di discontinuità aziendale che richiedono un approccio particolare che può trovare un adeguata risposta solo attraverso un processo di pianificazione industriale. In sintesi tutti quei momenti della vita aziendale che comportano il compimento di atti non ordinari possono rappresentare le situazioni ottimali per la stesura di un business plan. 8

9 Per le iniziative imprenditoriali, specialmente se in rapido sviluppo, il Business Plan è uno strumento di gestione fondamentale, che si può utilizzare per diverse finalità. Fornire una guida strategica. Valutare i punti di forza e debolezza e quindi individuare le strategie alternative praticabili. Stabilire un benchmark sulla base del quale poter valutare le decisioni ed i risultati aziendali futuri. Fornire le informazioni di base per costruire la struttura finanziaria di operazioni d acquisizione. Reperire finanziamenti sotto forma di credito o di capitale di rischio (Private Equity, IPO, altri Il Business Plan rappresenta quindi un processo ed un documento di gestione fondamentale per tutte le imprese. Dati i diversi obiettivi che possono caratterizzare un Business Plan e le innumerevoli circostanze esterne che possono presentarsi, non è possibile proporre un modello standard. E comunque possibile illustrare quali aspetti debbano essere considerati nel prepararlo. Nel corso della sua esistenza, un azienda attraversa normalmente varie fasi. Anche se il numero ed il nome con cui gli studiosi di economia aziendale definiscono tali fasi variano, la letteratura concorda nel fissare almeno tre passaggi rilevanti: l avvio, lo sviluppo e la maturità. Il passaggio ad una nuova fase rappresenta sempre un momento cruciale nella vita di un azienda. In genere, ad ogni fase della vita di un azienda corrisponde un incremento dei ricavi e del numero dei dipendenti (e forse anche delle linee di prodotto, dei beni aziendali, ecc.) ed è richiesta una maggiore delega dei compiti di gestione. Questo passaggio, insieme ai cambiamenti collegati alle mutevoli condizioni del mercato, alle strategie aziendali in costante evoluzione ed ai risultati finanziari raggiunti, impone la necessità di aggiornare il Business Plan, facendone un documento dinamico. 9

10 Perché è importante avere un bp? Il business plan aiuta a delineare il quadro di un azienda in un determinato arco temporale, in genere in un periodo di 3-5 anni. Dal punto di vista dell imprenditore preparare con cura il proprio business plan consente di: Analizzare gli aspetti gestionali del lancio di una nuova impresa o di un nuovo prodotto sul mercato; Definire gli obiettivi e la strategia più efficace per perseguirli; Pianificare le tempistiche di realizzazione del progetto; Verificare la fattibilità del progetto sotto tutti i punti di vista: gestionale, economica, finanziaria, patrimoniale; Trovare le risorse necessarie per realizzare concretamente un idea imprenditoriale; Presentarsi in modo qualificato e affidabile con un piano organico e un concreto progetto imprenditoriale di fronte ai potenziali finanziatori e investitori. 10

11 A chi serve il Business Plan I destinatari del business plan possono essere diversi: l imprenditore per cui è utile avere un documento che riveli in modo oggettivo quali sono le prospettive di crescita della sua azienda o gli elementi critici da migliorare; i potenziali futuri soci: chi si appresta a investire capitale in un impresa acquistando quote societarie ha l esigenza di conoscere prima di tutto le stime di redditività e i rischi a cui va incontro nel prossimo futuro; i fondi di venture capital o private equity; gli istituti di credito che prima di concedere un finanziamento vogliono determinare con sicurezza quale è la reale situazione patrimoniale, economica e finanziaria di un azienda; gli enti locali e le istituzioni a cui un azienda presenta una domanda per ottenere un contributo o un agevolazione finanziaria. 11

12 I vantaggi per l imprenditore Il business plan è utile in diverse situazioni: per valutare startup e imprese in fase di costituzione, nel caso di organizzazioni aziendali già esistenti, per realizzare operazioni straordinarie (come fusioni, acquisizioni, ristrutturazioni), nelle fasi di espansione che prevedono il lancio di nuovi prodotti sul mercato, la riconversione produttiva o la diversificazione dei servizi offerti ai clienti, nelle situazioni di crisi, congiunturali o momentanee che siano. Serve non solo nella fase di avvio di un azienda, ma anche come strumento di gestione, perché consente di tenere sotto controllo in ogni momento quali sono gli obiettivi aziendali e di verificare continuamente se vengono perseguiti correttamente. Il business plan consente di presentare in modo esaustivo: le caratteristiche tecniche di un prodotto da promuovere e lanciare sul mercato; gli impianti, le attrezzature e i componenti necessari per la produzione; il target e il mercato di riferimento; le politiche di prezzo e l analisi dei concorrenti; il capitale necessario per avviare e gestire l impresa; i soci coinvolti nella gestione aziendale e il management; la forma giuridica più adeguata nel caso si costituisca una nuova impresa. Un aspetto importante da tenere presente è che il business plan non deve essere inteso come uno strumento statico di previsione, ma al contrario è un elaborato dinamico che deve evolversi e mutare insieme ai cambiamenti che attraversa un azienda nel proprio ciclo di vita. Si tratta di uno strumento che deve essere il più possibile attendibile e veritiero e deve consentire di fare conoscere a tutti i potenziali destinatari quali sono le reali direttive strategiche, economiche, finanziarie e patrimoniali di un azienda. 12

13 Capitolo 2 Utilità Il business plan è lo strumento di base di un processo di pianificazione e controllo sistematico ed efficace; è un metodo di analisi e di lavoro, estremamente utile sia nella determinazione della fattibilità di un investimento, sia nella gestione dell'impresa, che nella ricerca di finanziamenti. Il business plan deve esplicitare e chiarire tutti i principali aspetti dell'idea. Deve essere sviluppato e articolato in ogni sezione, con relativi approfondimenti su singoli punti chiave, e può essere corredato da elementi utili per completare il quadro informativo, quali interrogativi sul futuri, obiettivi, valutazioni sulla validità dell iniziativa. Il business plan è fondamentale per tutti i tipi di attività: un imprenditore deve essere sempre in grado di sapere e di dimostrare cosa vuol fare e come e deve avere uno strumento che possa aiutarlo nella valutazione dell'idea. Il testo del business plan deve essere chiaro e conciso, ma contenere il maggior numero di informazioni possibili; deve porre subito in evidenza il settore di attività e i promotori; specificare le fonti dei dati ed essere corredato di efficaci tabelle e grafici. Può essere considerato come un trampolino di lancio per l'impresa nascente perché serve per pianificare tutta l'attività. Infine, deve seguire le vicende dell'impresa stessa ed essere costantemente aggiornato. Il business plan può avere una funzione interna e una esterna. Funzione interna: verifica possibili modifiche in un impresa già esistente; Funzione esterna: analisi e valutazione di una nuova iniziativa imprenditoriale. È ovvio che il primo destinatario del business plan è l'aspirante imprenditore, che ha la necessità di dotarsi di uno strumento di pianificazione e valutazione per realizzare il suo progetto d'impresa. 13

14 Ma il business plan riveste anche la funzione di documento di presentazione, in quanto un'impresa per nascere ha bisogno di diversi interlocutori, quali: possibili soci; possibili partner; finanziatori e istituti di credito; amministrazioni nazionali e locali; organismi pubblici. Il business plan ha quindi tre funzioni principali: formalizza le idee di gestione dell'impresa; è uno strumento di verifica a consuntivo per valutare le performance dell'impresa in un determinato arco temporale; serve per la ricerca e l'ottenimento di finanziamenti. 14

15 Pianificazione e gestione di impresa Uno degli aspetti più importanti da tenere in considerazione è che un business plan è un documento che deve sempre essere aggiornato. Deve costantemente essere sottoposto a revisione perché lo scenario interno all azienda, così come le condizioni esterne, può mutare da un momento all altro. Nella sua funzione di pianificazione e gestione di impresa il business plan serve soprattutto per stabilire una linea di orientamento unitaria e coerente con tutti i livelli dell impresa. Naturalmente, nella stesura del business plan sono avvantaggiate le imprese già avviate, in quanto possono basare le loro analisi su serie storiche ed esperienze ben consolidate; i dati utilizzati provengono da tutte le aree funzionali dell impresa, il che fa comprendere come esso sia un utilissimo strumento per far emergere i problemi e le idee già in sede di pianificazione strategica. Strumento di verifica La costante opera di verifica e aggiornamento del business plan è il presupposto indispensabile per la verifica dello scostamento tra i risultati attesi e quelli effettivamente raggiunti dall azienda. In questo senso, sicuramente è fondamentale la sezione del business plan dedicata al piano finanziario: analizzando e misurando gli scostamenti per ciascuna business unit, il management può trarre fondamentali informazioni non solo sul semplice aggiornamento del business plan stesso, ma anche sulle linee operative dell impresa. Proprio per questi motivi risulta fondamentale fare delle proiezioni il più possibile realistiche, in modo da non deludere le aspettative. I possibili finanziatori, infatti, sono sicuramente più convincibili da risultati in linea con le previsioni o addirittura superiori alle previsioni rispetto a risultati distanti dalle performance previste. Strumento finanziario La necessità del reperimento delle risorse finanziarie è forse quella più importante che spinge le imprese alla redazione di un business plan. Come già accennato, infatti, esso fornisce una fotografia dell impresa nel suo complesso, sia dal punto di vista organizzativo e gestionale, sia dal punto di vista strategico, consentendo ai potenziali finanziatori di avere un quadro esaustivo delle possibilità di business. Proprio per questo motivo spesso le aziende si rivolgono a professionisti esterni per la stesura del business plan; infatti, può essere buona norma chiedere consiglio a persone esperte, main grado di esprimere un giudizio oggettivo, al di fuori dagli interessi dell azienda. Inoltre, un professionista può essere di aiuto per mettere in evidenza gli aspetti più particolari, i problemi che magari all imprenditore possono sembrare insignificanti, per ridimensionare affermazioni esagerate, per mettere maggiormente in evidenza particolari aspetti a discapito di altri. Dal punto di vista del contenuto, il business plan deve rispettare dei requisiti minimi in termini di informazioni, mentre la sua forma è strettamente legata alla finalità per cui è redatto e, al tempo stesso, alla tipologia di idea alla quale ci si riferisce. Per questo esistono sul mercato molti format di business plan, ma tutti rispettano la sua imprescindibile logica di costruzione e di lavoro, e pertanto si articolano in genere secondo la seguente struttura. 15

16 Gli elementi fondamentali per il bp Ci sono alcuni elementi importanti che dovrebbero essere sempre presenti all interno del business plan per fornire un quadro completo e dettagliato dell attività di un impresa: Descrizione dell azienda e dei suoi prodotti Prima di tutto è importante presentare i dati dell azienda, la forma giuridica, la sede dell attività, la compagine sociale, gli eventuali legami con altri aziende nel caso si faccia parte di un gruppo, il profilo dei soci e del top management evidenziando le qualifiche professionali e le loro esperienze precedenti. Inoltre bisogna descrivere l idea imprenditoriale, presentando i prodotti che si intendono offrire sul mercato, gli aspetti innovativi, il prezzo, i punti di forza e di debolezza rispetto ai competitor. Può essere utile indicare le tecnologie, il know how, i brevetti industriali di cui si è in possesso. Analisi del mercato e della concorrenza Prima di avviare una nuova attività imprenditoriale o prima di lanciare un nuovo prodotto sarebbe utile realizzare una dettagliata ricerca di mercato. L obiettivo è di definire il target dei clienti, il posizionamento dell azienda o di uno specifico prodotto e di analizzare i principali mercati di riferimento. Bisogna analizzare i concorrenti leader del mercato e quelli diretti e precisare quali sono le quote di mercato detenute. Piano di marketing Sulla base dei risultati ottenuti da un accurata analisi del mercato e della concorrenza si può procedere a redigere il piano di marketing. Il piano di marketing rappresenta il documento utile in primo luogo a comprendere la validità dell idea imprenditoriale su cui si basa il progetto d impresa che si intende porre in essere, dal punto di vista della sua capacità di soddisfare i bisogni rinvenibili sul mercato, anche tenendo conto dell offerta concorrente e in secondo luogo a pianificare e controllare l attività commerciale dell azienda. Quindi il piano di marketing non si risolve semplicemente nella previsione delle iniziative operative di pubblicità, promozione e vendita, ma è orientato preliminarmente all individuazione dei bisogni e dei desideri insoddisfatti dei potenziali clienti ed a sviluppare, promuovere e distribuire prodotti in grado di appagarli. Nel piano, infatti, deve essere presentata la strategia di marketing con la pianificazione delle attività commerciali che l azienda intende attuare per incrementare i propri mercati di riferimento. 16

17 Piano operativo Nel business plan è fondamentale descrivere tutte le strategie di sviluppo pianificate da un azienda. Devono essere dettagliati gli investimenti previsti in tecnologie, impianti, nuovi stabilimenti per la produzione insieme agli obiettivi e ai volumi di fatturato che si intende raggiungere. Occorre specificare anche se l impresa ha in programma di usufruire di incentivi e agevolazioni pubbliche per finanziare gli investimenti e quali sono le tempistiche di realizzazione. Management e organizzazione È importante anche presentare il neo imprenditore o il titolare di un azienda bene avviata evidenziandone il titolo di studio e soprattutto le qualifiche professionali e le sue precedenti esperienze lavorative. Inoltre occorre definire i ruoli e le mansioni di ciascun elemento del management, in particolare delle figure dirigenziali dei soci o titolari; stabilire il piano di gestione delle risorse umane, il numero dei dipendenti e le assunzioni previste; definire percorsi di carriera, piani di formazione e programmi di assunzione di nuove risorse. Conto economico Insieme al business plan dovrebbe essere predisposto con attenzione anche il bilancio di previsione che preveda la previsione del conto economico, del piano finanziario e della situazione patrimoniale dell azienda. La formulazione del conto economico di previsione risulta essenziale, in quanto consente di pervenire alla determinazione e misurazione del risultato economico netto. Quest ultimo è un riferimento fondamentale per i finanziatori a titolo sia di capitale di rischio sia di capitale di prestito, in quanto esprime, per i primi, la possibilità di distribuzione di dividendi e per i secondi la capacità di assorbimento del servizio del debito dal punto di vista economico. Inoltre l individuazione periodica dei risultati economici attesi consente di stimare la capacità di autofinanziamento dell impresa, contribuendo alla successiva pianificazione finanziaria. Il conto economico mette in evidenza i principali dati economico-finanziari dell impresa. Nel caso si tratti di un azienda di nuova costituzione bisogna indicare il piano di start-up, con le fonti di finanziamento, i metodi e tempi di rimborso. 17

18 Piano finanziario Nel piano finanziario è utile indicare: l evoluzione puntuale dei ricavi, con gli obiettivi e le strategie esposte, con un analisi dei fattori che ne determinano le dinamiche attese; una previsione dei costi di gestione del business, a fronte della struttura aziendale allestita e dei volumi stimati; un esame analitico delle condizioni di incasso e pagamento dei crediti e dei debiti operativi, una valutazione dell andamento stagionale dei costi e dei ricavi, che consenta una mensilizzazione del budget economico e soprattutto finanziario, in presenza degli altri dati evidenziati; gli investimenti da attivare (iniziali e successivi), con definizione delle tempistiche degli stessi e valutazione del processo di ammortamento, in considerazione delle dinamiche operative attese; le fonti di finanziamento interne ed esterne a copertura delle necessità strutturali e operative derivanti dal progetto imprenditoriale esposto; le variabili esogene all azienda che possono influenzarne gli andamenti. Questi elementi vanno sintetizzati in un bilancio previsionale triennale, preferibilmente con un dettaglio mensile per il primo esercizio (in particolare con riferimento ai flussi di cassa attesi): le analisi e valutazioni svolte devono quindi concretizzarsi operativamente in un conto economico, in uno stato patrimoniale e un prospetto dei flussi di cassa (rendiconto finanziario per liquidità) triennale o quinquennale. Infine il business plan, oltre a contenere i principali dati economici, patrimoniali e finanziari dell impresa, deve mostrare anche il grado di effettiva e concreta possibilità di realizzazione delle strategie che sono state pianificate e dei risultati attesi dall imprenditore e dai soci finanziatori. Rendimento e rischio sono due elementi utili per valutare il progetto d impresa. 18

19 Capitolo 3 I principi generali Esistono alcuni principi generali che dovrebbero essere seguiti nella stesura del documento. Un Business Plan completo dovrebbe comprendere i seguenti argomenti: Executive Summary La società I prodotti L analisi del settore L analisi di mercato La strategia di marketing La struttura del management Il piano di realizzazione I capitali necessari Le informazioni finanziarie L Executive Summary è fondamentale in quanto è il primo elemento esaminato dagli investitori che spesso, anche in base al suo contenuto, decidono se completare o no la lettura del documento. L Executive Summary deve contenere gli elementi più rilevanti del piano e deve spiegare in poche pagine quali sono i motivi principali che lo rendono unico. Chiarire le caratteristiche fondamentali del piano. Il piano deve indicare con chiarezza i prodotti da sviluppare ed i mercati cui l azienda si rivolge. La chiarezza strategica è rilevante così come il processo di formazione del valore. Inoltre, nel preparare il Business Plan non si dovrà dimenticare che gli obiettivi devono essere congruenti con le risorse a disposizione: ambizione e ragionevolezza devono trovare un compromesso. 19

20 Spiegare le variazioni dei trends di crescita. Le aziende provenienti da periodi poco dinamici devono fornire un accurata analisi del trend. Si deve soprattutto descrivere con chiarezza cosa è cambiato nell azienda e la ragione di tali cambiamenti. Eventi che presumibilmente cambieranno o che hanno già cambiato il quadro di riferimento esterno o interno, quali: rinnovato interesse per i prodotti del settore, innovazione tecnologica, riacquistata leadership sul mercato, cambiamenti di management, etc. Evitare gli slogan. La scuola di pensiero del "fidatevi di noi" non funziona in un Business Plan. Se si ritiene che il prodotto presentato sarà il migliore sul mercato, si dovrà spiegarne il motivo. La quantità non è sinonimo di qualità. Un piano ben scritto deve essere sintetico e pertinente ed avere una lunghezza compresa fra le 30 e le 50 pagine. La prima impressione è quella che conta. Sono molti gli elementi che possono compromettere un Business Plan: affermazioni non supportate, l uso di uno stile non professionale, numeri che non quadrano, una non efficace organizzazione del testo, errori ortografici, grammaticali o di punteggiatura. I piani "appariscenti" sono controproducenti. I piani troppo "appariscenti" spesso vengono percepiti come "tutta forma e niente sostanza", un qualcosa di futile, uno spreco di risorse finanziarie. È consigliabile servirsi di fonti esterne ed indipendenti per sostenere quanto si afferma. Le dichiarazioni relative al mercato target e alla concorrenza devono essere supportate, nei limiti del possibile, da informazioni di terzi indipendenti: ciò conferisce maggiore credibilità alle previsioni. Evitare l uso di un linguaggio ambiguo. Termini vaghi come "può darsi", "probabilmente", "forse" possono avere un effetto negativo su chi legge. È preferibile un tono deciso. 20

21 Curiosità I nostri obiettivi possono essere raggiunti solamente attraverso una buona pianificazione nella quale dobbiamo assolutamente credere e in base alla quale dobbiamo agire. Si trattava di Pablo Picasso. Questo significa che la razionalizzazione delle idee e la loro pianificazione su carta è un passo fondamentale anche per chi vive di pura creatività. Quando lo spirito imprenditoriale pulsa, il desiderio d indipendenza arde, la voglia di mettersi in gioco impelle e la fede cieca verso la bontà della propria idea imprenditoriale prevale, ci si sente invincibili. Ma è proprio in queste situazioni che si può cadere vittima dell improvvisazione e della scarsa competenza imprenditoriale. Il primo vero passo operativo verso la creazione d impresa è la sua simulazione su carta, per verificarne la coerenza e la bontà nel suo insieme, per valutare nel dettaglio i valori economici ed umani in gioco e per analizzare le reali potenzialità di sviluppo nel breve, medio e lungo periodo. In due parole: business plan. Il business plan, o piano d impresa, è un condensato dell idea imprenditoriale, il luogo dove si opera la sintesi tra la creatività e la razionalizzazione del progetto. La realizzazione del business plan permette di simulare la creazione della propria azienda, valutandone preventivamente non solo le potenzialità e i punti di forza, ma anche i pericoli e le eventuali debolezze. L analisi dettagliata del progetto imprenditoriale potrebbe essere determinante per far scoprire delle falle e quindi dare in tempo la possibilità di modificare parte della propria idea, che altrimenti risulterebbe destinata all insuccesso. L idea imprenditoriale va inserita in un contesto di relazioni ambientali, di tempo e spazio precisi, che permetta di stabilire obiettivi strategici e tattiche operative, di cui dobbiamo verificarne la fattibilità e controllarne il realismo. 21

22 Conclusioni Il Business Plan non è un documento statico il quale una volta redatto verrà accantonato e mai più guardato. Ogni impresa tendenzialmente attraversa 3 fasi nella sua vita: l avvio detto anche start-up, lo sviluppo e la maturità. In genere il passaggio ad ogni nuova fase della vita di un azienda corrisponde ad un incremento dei ricavi e del numero dei dipendenti (magari delle linee di prodotto, dei beni aziendali, dei settori di investimento ecc.) ed è richiesta una maggiore delega dei compiti di gestione. Questi passaggi imporranno necessariamente un aggiornamento del Business Plan, facendone un documento dinamico e un punto di riferimento essenziale per la gestione aziendale. 22

23 Il business plan di Eurocons capitolo 2 Perché affidarsi a Eurocons? Perché abbiamo elevata competenza nel settore finanziario ed elevata riconoscibilità sul sistema bancario. La consulenza di Eurocons permette di valutare la convenienza economica e la fattibilità finanziaria del progetto d'impresa e migliora il dialogo con le banche: Informazioni dettagliate e puntuali per la banca e approccio strutturato con gli Stakeholder; Pianificazione coerente con le caratteristiche del contesto dell azienda e degli obiettivi attesi; Consapevolezza della sostenibilità dei progetti e strategie per la competition; Valutazione dei rischi finanziari e delle opportunità. IL SERVIZIO OFFERTO Analisi del progetto e delle strategie per attuarlo, Analisi dati storici e previsionali, Analisi di mercato, Valutazione operazioni straordinarie Analisi di scenari alternativi o di specifici business dell'azienda, quantificazione delle linee bancarie prospettiche e analisi di quelle storiche tramite i dati della Centrale Rischi. Su e puoi trovare approfondimenti sul business plan, video formativi e schede di approfondimento per conoscere a fondo i vantaggi di affidarti ad una società di consulenza con esperienza pluriennale con oltre 40 mila imprese clienti e 150 istituti di credito. 23

24 come trovarci Assistenza clienti Dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18, il venerdì dalla 9 alle 13 Oppure scrivi a A Torino siamo in Corso Giulio Cesare, 268 per conoscere le altre filiali o gli altri nostri prodotti per le piccole e medie imprese visita e Fonti : Vecteezy, Freepik., Aifi, 24

25 Molti imprenditori sottovalutano l importanza del business plan e non si rendono conto di quanto possa essere utile per un impresa disporre di un business plan efficace come mezzo per reperire finanziamenti e come strumento di pianificazione di verifica costante del suo sviluppo I nostri servizi Consulenza Gestionale Consulenza Strategica Sistemi per la Qualità Energie rinnovabili 25

26 INforma informazione agile per il business EUROCONS SRL Corso Giulio Cesare, Torino

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 1 2009-1-FR1-LEO05-07303 Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo Progetto Formativo: Business Plan 2 1 2 3 Definizione di Business Plan

Dettagli

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a:

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a: GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan Matteo Mangano Il Business Plan: aspetti generali Il Business Plan è un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

Dalla Business Idea al Business Plan - 1 -

Dalla Business Idea al Business Plan - 1 - Dalla Business Idea al Business Plan - 1 - Elementi base per il Business Plan - 2 - Imprenditore = Persona Da che cosa partire? dalle persone Un buon gruppo di neoimprenditori migliorerà l idea a fronte

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

BUSINESS PLAN: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. CLaSEP - Simulazioni e Business Plan

BUSINESS PLAN: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. CLaSEP - Simulazioni e Business Plan BUSINESS PLAN: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO A cosa serve un Business Plan Il Business plan ha tre funzioni: 1. Per lo sviluppo della gestione aziendale: uno strumento di pianificazione e applicativo

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda. Fabio Tamburini

Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda. Fabio Tamburini Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda Fabio Tamburini Premessa Il business plan uno strumento a disposizione dell impresa per la pianificazione finanziaria a supporto

Dettagli

Appendice 2 Piano di business preliminare

Appendice 2 Piano di business preliminare Appendice 2 Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica

Dettagli

I vantaggi dell internazionalizzazione delle imprese

I vantaggi dell internazionalizzazione delle imprese delle imprese presentazione Le imprese che avviano un attività di esportazione hanno la possibilità di cogliere una serie importante di opportunità di sviluppo e prosperità quali ad esempio: aumento del

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

business plan fotovoltaici

business plan fotovoltaici Le best practice AIAF nella redazione di business plan fotovoltaici Associazione Italiana degli Analisti Finanziari AIAF Milano, 26 novembre 2009 Cos é l AIAF L AIAF, Associazione Italiana degli Analisti

Dettagli

Viene utilizzato in pratica anche per accompagnare e supportare adeguatamente le richieste di finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto.

Viene utilizzato in pratica anche per accompagnare e supportare adeguatamente le richieste di finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto. BUSINESS PLAN Un business plan o (piano di business, o progetto d'impresa) è una rappresentazione degli obiettivi e del modello di business di un'attività d'impresa. Viene utilizzato sia per la pianificazione

Dettagli

Lo sviluppo e la redazione di un Business Plan. Dr.ssa Michela Floris

Lo sviluppo e la redazione di un Business Plan. Dr.ssa Michela Floris Lo sviluppo e la redazione di un Business Plan Dr.ssa Michela Floris All impresa dall idea Dr.ssa Michela Floris 2 Il Business Plan Che cos è? Quale è la sua funzione? Chi sono i soggetti interessati?

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

Chi siamo. Curriculum

Chi siamo. Curriculum S t u d i o B o c c a s s i n i - C i o c c a Chi siamo EURO-FINANCE Studio Boccassini-Ciocca è una struttura operativa da oltre un decennio ed è composta da Dottori Commercialisti, Avvocati e Consulenti

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO

CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO Definizioni e concetti generali 1.1 Che cos'è il business plan? Il business plan è un documento che riassume ed espone la rappresentazione dinamica e prevista dello sviluppo di un piano d impresa. Il business

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN

MODELLO DI BUSINESS PLAN MODELLO DI BUSINESS PLAN Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile, possibilmente non

Dettagli

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti LE 5 C DEL CREDITO Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario a cura dell Area Finanza di Assolombarda Sintesi dei contenuti 1 Consapevolezza L'impresa deve avere consapevolezza

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

Valutazione del merito creditizio criteri generali

Valutazione del merito creditizio criteri generali Valutazione del merito creditizio criteri generali Corso: Analisi di bilancio per indici e il rendiconto finanziario 1 1) L impresa L e il suo business La banca vuole comprendere la capacità competitiva

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO IMPRESCINDIBILE PER FARE IMPRESA MATTEO PELLEGRINI AREA ECONOMICO FINANZIARIA LEGACOOP REGGIO EMILIA Giovedì 11 dicembre 2014 Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato

Dettagli

Concorso idee imprenditoriali

Concorso idee imprenditoriali Concorso idee imprenditoriali Ancona, 28 febbraio 2008 Il contenuto del business plan Descrizione dell idea di business descrizione dell idea imprenditoriale; analisi del mercato e della concorrenza; definizione

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di carattere informatico, per poter rilevare i fatti aziendali e quindi

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci [3] L approccio dei flussi di cassa l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di

Dettagli

Business Plan Legacoop Modena. Dati forniti da Marcello Cappi Ufficio studi LEGACOOP MODENA

Business Plan Legacoop Modena. Dati forniti da Marcello Cappi Ufficio studi LEGACOOP MODENA Business Plan Legacoop Modena Dati forniti da Marcello Cappi Ufficio studi LEGACOOP MODENA Il Business Plan è un mezzo di presentazione, analisi e apprendimento che consente all impresa nascente di pianificare

Dettagli

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi di bilancio si compone di due strumenti complementari per la valutazione delle condizioni di economicità delle aziende: gli indici ed il rendiconto

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

IL BUSINESS PLAN CCIAA Reggio Emilia Dott. Alessandro Garlassi IL BUSINESS PLAN. 07 Ottobre 2015 CCIAA Reggio Emilia. Dott. Alessandro Garlassi

IL BUSINESS PLAN CCIAA Reggio Emilia Dott. Alessandro Garlassi IL BUSINESS PLAN. 07 Ottobre 2015 CCIAA Reggio Emilia. Dott. Alessandro Garlassi IL BUSINESS PLAN 07 Ottobre 2015 PROGRAMMA DI FORMAZIONE 1 2 3 4 5 Il percorso d impresa Disegnare il business Dall idea all azione: il business plan I contenuti del Business Plan La valutazione del progetto

Dettagli

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara MODULO DI MARKETING Università di Ferrara 1 Lezione 2 DALLA STRATEGIA AL BUSINESS PLAN Università di Ferrara 2 Sommario Comprendere il ruolo e la funzione del BP Analizzare la struttura-tipo di un BP Analizzare

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Dalla pianificazione dell investimento all avvio dell attività imprenditoriale INVENTALAVORO JOB 2011 Catania, Le Ciminiere 14, 15, 16 dicembre 2011 LA PIANIFICAZIONE DELL INVESTIMENTO La creazione di

Dettagli

IL PROCESSO DI BUDGETING. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna

IL PROCESSO DI BUDGETING. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna IL PROCESSO DI BUDGETING Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna Il processo di budgeting Il sistema di budget rappresenta l espressione formalizzata di un complesso processo

Dettagli

Costituzione dell azienda

Costituzione dell azienda START UP E PMI INNOVATIVE - DALL IDEA ALL IMPRESA: SVILUPPO E STRUMENTI NORMATIVI I vantaggi, le agevolazioni fiscali, i finanziamenti regionali Costituzione dell azienda Giovedì 26 novembre 2015 Gli Step

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

La finanza e l intraprendere

La finanza e l intraprendere Istituto G. Sommeiller La finanza e l intraprendere Torino, 17 aprile 2015 Intervento: Dr. Giancarlo Somà L origine del fabbisogno finanziario Sfasamento del ciclo economico e del ciclo monetario 17 aprile

Dettagli

INDICE COSA CHI PERCHE' QUANDO COME. Che cos'è uno Spin Off. Gli attori dello Spin Off. Perché creare uno Spin Off. L'idea imprenditoriale

INDICE COSA CHI PERCHE' QUANDO COME. Che cos'è uno Spin Off. Gli attori dello Spin Off. Perché creare uno Spin Off. L'idea imprenditoriale INDICE COSA Che cos'è uno Spin Off CHI Gli attori dello Spin Off PERCHE' Perché creare uno Spin Off QUANDO L'idea imprenditoriale COME La procedura per la creazione e l'avvio di uno spin Off Come realizzare

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni

GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni 1 Executive summary...2 2 Business idea...2 3 Analisi di mercato...2 4 Analisi dell ambiente competitivo...2 5 Strategia di marketing...3 5.1 SWOT Analysis...3

Dettagli

PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Indice PIANO STRATEGICO PROGRAMMAZIONE LA PIANIFICAZIONE AZIENDALE ACTION PLAN PIANO AZIENDALE IL BUSINESS PLAN FUNZIONI DEL BUSINESS PLAN DESTINATARI DEL BUSINESS

Dettagli

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN Idee e metodologie per la direzione d impresa Ottobre 2003 Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. REALIZZARE UN

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica ALLEGATO D.1 BANDO PUBBLICO APERTO RIVOLTO AD IMPRESE OPERANTI NEI SETTORI DELLE TECNOLOGIE

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG Avete un progetto d installazione, acquisto,

Dettagli

Duplice finalità Interna Esterna

Duplice finalità Interna Esterna Business Plan Cos è? Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato a definire un idea imprenditoriale in termini di tempistica, fattibilità concreta, opportunità economica e compatibilità finanziaria

Dettagli

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING IL NETWORK DI CONSULENZE PER SOCIETA SPORTIVE E CENTRI FITNESS IMPRESA MODERNA OPPURE PALESTRA TRADIZIONALE? CHI

Dettagli

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE Come operare il controllo di gestione Per essere competitivi è necessario controllare sia i costi dell azienda, sia la gestione finanziaria, di un reparto come di una divisione. Un efficiente sistema di

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario

Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) Nel presente contributo si riportano i principali risultati di un indagine, condotta

Dettagli

LA GESTIONE AZIENDALE

LA GESTIONE AZIENDALE LA GESTIONE AZIENDALE GESTIONE = insieme delle operazioni che l impresa effettua, durante la sua esistenza, per realizzare gli obiettivi perseguiti dal soggetto economico. ESERCIZIO = parte di gestione

Dettagli

IL BUSINESS PLANNING COS E E PERCHE SI FA. Ing. Ferdinando Dandini de Sylva

IL BUSINESS PLANNING COS E E PERCHE SI FA. Ing. Ferdinando Dandini de Sylva COS E E PERCHE SI FA La traduzione letterale dall inglese è: PIANO D AFFARI Cui, però si può preferire: PIANO D IMPRESA o PIANO AZIENDALE Ma cos è? E uno strumento strategico-operativo che analizza tutti

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

Dall'idea all'impresa. Dott.ssa Zifaro Maria 1

Dall'idea all'impresa. Dott.ssa Zifaro Maria 1 Dall'idea all'impresa BUSINESS PLAN Dott.ssa Zifaro Maria 1 Glossario dei principali termini economici e finanziari Ammortamento Saldo Attività Passività Bilancio d'esercizio Break-even point Profitto

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

!"#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi. & Partners

!#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi. & Partners !"#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi & Partners Progettualità e cultura d impresa Nato nel 2002 da un idea del Dr. Luca Troisi, a seguito di una significativa esperienza personale maturata nel mondo della

Dettagli

Training sulla Finanza per l Azienda

Training sulla Finanza per l Azienda Training sulla Finanza per l Azienda Identificare le fonti di finanziamento alternative A tendere si osserverà nei mercati una riduzione del credito concesso dalle banche, a causa degli shock endogeni

Dettagli

BUSINESS PLAN CESSIONI FUSIONI ACQUISIZIONI RISTRUTTURAZIONI FINANZIARIE REPERIMENTO RISORSE FINANZIARIE PERCHÈ MARCAP

BUSINESS PLAN CESSIONI FUSIONI ACQUISIZIONI RISTRUTTURAZIONI FINANZIARIE REPERIMENTO RISORSE FINANZIARIE PERCHÈ MARCAP BUSINESS PLAN CESSIONI FUSIONI ACQUISIZIONI RISTRUTTURAZIONI FINANZIARIE PERCHÈ MARCAP Concentrato nella complessa gestione della normale attività aziendale, l Imprenditore non sempre riesce a valutare

Dettagli

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott.

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott. La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale Relatore: dott.ssa Anna Censi Innanzitutto chi sono.. Mi chiamo Anna Censi ed ho collaborato

Dettagli

ReFIMED. Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo

ReFIMED. Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo ReFIMED Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo Finanza agevolata Finanza ordinaria e servizi finanziari alle PMI Comunicazione e Sviluppo Commerciale Formazione Sistemi per la Qualità ReFIMED è vicina

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE: COME ACCEDERE AL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE

CORSO DI FORMAZIONE: COME ACCEDERE AL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE CORSO DI FORMAZIONE: COME ACCEDERE AL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE CORSO COME ACCEDERE AL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE I DESTINATARI Il percorso formativo è stato specificamente modulato

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

Specializzati in micro, piccole e medie imprese

Specializzati in micro, piccole e medie imprese Specializzati in micro, piccole e medie imprese PRESENTAZIONE Chi siamo Siamo una società di consulenza con una consolidata esperienza in ambito finanziario e gestionale. Siamo professionisti qualificati

Dettagli

RICERCA PARTNER COMMERCIALI

RICERCA PARTNER COMMERCIALI RICERCA PARTNER COMMERCIALI In collaborazione con: Divisione di Alma Italia s.r.l. www.sanpaoloimprese.com PREMESSA Lo sviluppo commerciale è da sempre uno dei punti fondamentali dell attività aziendale.

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari 1. Pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziam. Processi di finanziamento 4. Rimborso dei finanziamenti I processi di finanziamento Processi economici di produzione 2. Acquisizione dei

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

Puntata precedente..16.12.2013!!!

Puntata precedente..16.12.2013!!! usiness Plan Puntata precedente..16.12.2013!!! Principi cardine della Cooperazione Una testa, un voto La partecipazione La natura mutualistica La natura non speculativa La porta aperta La solidarietà intergenerazionale

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

PROGETTO D IMPRESA. Guida alla Compilazione del Business Plan 1

PROGETTO D IMPRESA. Guida alla Compilazione del Business Plan 1 PROGETTO D IMPRESA Guida alla Compilazione del Business Plan 1 1 Il seguente format si ispira al modello di Business Plan proposto dal progetto Mambo del Comune di Bologna. INDICE DEL BUSINESS PLAN 1.

Dettagli

Il piano di marketing capitolo 13

Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing Il piano di marketing è un documento che formalizza la strategia da seguire, ne spiega i presupposti, la traduce in programmi operativi*. Risponde

Dettagli

Business Plan, uno strumento imprescindibile per fare impresa Daniela Cervi Matteo Pellegrini Area Economico Finanziaria Legacoop Emilia Ovest

Business Plan, uno strumento imprescindibile per fare impresa Daniela Cervi Matteo Pellegrini Area Economico Finanziaria Legacoop Emilia Ovest Business Plan, uno strumento imprescindibile per fare impresa Daniela Cervi Matteo Pellegrini Area Economico Finanziaria Legacoop Emilia Ovest Pianificazione E decisivo sviluppare all interno delle imprese

Dettagli

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 BREVE INTRODUZIONE AL SERVIZIO (a cura di Roberto D Auria

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

Business Plan. Sommario. Introduzione

Business Plan. Sommario. Introduzione Business Plan Sommario 1. Introduzione 2. Definizione di Business Plan (BP) cos è? 3. Le esigenze che spingono alla redazione del BP perchè? 4. 5. Dall idea all idea di business 6. Requisiti del BP 7.

Dettagli

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA

CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA FINANCE CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA Come le scelte operative, commerciali, produttive impattano sugli equilibri finanziari dell azienda CORSO EXECUTIVE CUOA FINANCE 1 fondazione cuoa Da oltre 50 anni

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli