PIANO DI COMUNICAZIONE 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI COMUNICAZIONE 2015"

Transcript

1 Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova PIANO DI COMUNICAZIONE 2015 Ufficio Relazioni con il Pubblico - Comunicazione Aziendale-

2 Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova INDICE Sezione n.1 Informazioni generali Specificità di comunicazione in rapporto al territorio e/o all utenza 1 Censimento strumenti di comunicazione attivi 3 Organizzazione uffici comunicazione, stampa e relazioni con il pubblico 5 Sito internet aziendale 6 Sezione n.2a Schede Progetto Descrizione delle iniziative in ambito sanitario anno Sportello virtuale 7 2. Forum degli URP Servizio Multilingue di triage telefonico Rilevazione Regionale della Qualità Percepita MAP SAN della provincia di Mantova La Carta dell Utente Carta dei servizi Percorso Nascita Nuovo sito internet aziendale Rinnovo pagina web URP Ricognizione documenti per l utenza da tradurre Piano straordinario di prevenzione dell ASL in vista di EXPO Presentazione PIAPV 2015 (area A C) e Commissione Bonifica Presentazione PIAPV 2015 agli operatori del settore alimentare Presentazione PIAPV 2015 alle Associazioni dei Consumatori Presentazione delle attività programmate per il 2015 nel settore degli animali d affezione La qualità del latte: come ottenerla Illustrazione e discussione delle Non Conformità riscontrate durante i controlli in azienda in relazione a benessere animale, farmacosorveglianza e igiene delle produzioni Incontro con gli allevatori di bovini da latte per sensibilizzarli nei confronti delle problematiche connesse alla Paratubercolosi Malattia di AUJESZKY: incontri rivolti agli allevatori e ai veterinari degli allevamenti di suini Interventi sulle amministrazioni comunali della provincia di Mantova per sensibilizzarle verso i controlli della corretta identificazione dei cani e la gestione colonie feline Informazione alla cittadinanza per incentivare una corretta gestione degli animali d affezione di proprietà 67

3 Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova 22. Le colonie feline: corretta gestione delle sterilizzazioni Colonie feline informazioni ai Comuni Cani felici l adozione del cane dai canili rifugio I Comuni e la prevenzione del randagismo Campagna di coinvolgimento dei Comuni nell individuazione di cani non identificati Controlli congiunti con i Comuni perla corretta identificazione dei cani per ridurre il fenomeno del randagismo ed incrementare il numero di cani correttamente identificati Esenzione E30 ed E40 per la spesa farmaceutica L esperienza comunicativa e relazione con il bambino terminale e la sua famiglia Medicina di Genere: valorizzazione delle differenze nella promozione e cura della salute di uomini e donne Medicina di Genere: le progettualità nelle ASL di Mantova e Cremona Nuovo regolamento per la richiesta di patrocinio dell ASL di Mantova Le malattie a trasmissione sessuale: cosa è importante sapere La vaccinazione delle categorie a rischio Il rifiuto vaccinale: parliamone Perché vaccinare? Appropriatezza prescrittiva degli esami di laboratorio Lascia che sia solo l auto a scaldarsi Evento formativo e informativo sui Biosimilari Dieci anni di screening oncologici Donare gli organi: una scelta in Comune Conferenza Territoriale Organismo di Coordinamento per la Salute Mentale Libera-Mente-Donna: prevenzione e cura dei disturbi mentali in epoca perinatale Il giudizio di idoneità lavorativa nei lavori a rischio di caduta dall alto e ad elevato rischio infortunistico Linee Guida Regionali sulle FAV e applicativo GEMA Promozione della salute e sicurezza nel comparto agricoltura Infortuni lavorativi stradali: quale direzione? Premiazioni aziende che promuovono salute anno Il cibo, la nutrizione, l attività fisica e la prevenzione del cancro: una prospettiva globale Insieme e Autonomia Donne: promuovere buoni stili di vita nelle donne straniere e orientarle ai servizi dell ASL Prevenzione dei rischi della sindrome metabolica attraverso corretti stili di vita 157

4 Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Sezione n.2b Schede Progetto - Descrizione delle iniziative in ambito sociosanitario anno Interventi a sostegno della famiglia e dei suoi componenti fragili: anziani Interventi a sostegno della famiglia e dei suoi componenti fragili: persone con disabilità Bando per l erogazione di contributi alle famiglie di persone con disabilità o al singolo soggetto disabile per l acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati Sito web conciliazione Fondo NASKO e CRESCO Fondo genitori separati (Legge 18/14) Vademecum dell anziano residente nella provincia di Mantova. Servizi ed agevolazioni offerti da Enti Pubblici e Privato Sociale Centro per la famiglia Contrasto alla violenza sulle donne ed i loro figli Contributo parrucche per pazienti oncologici Diamo voce ai ragazzi: chi ascolta la voce dei ragazzi? Prevenzione spaccio e bullismo: numero verde A che gioco giochiamo? Storie e personaggi del GAP 196 Sezione n.3 Rendicontazione delle attività di comunicazione anno 2014 Rendicontazione finale anno

5 Sezione n.1 Informazioni generali AZIENDA [ ASL MANTOVA] SPECIFICITÀ DI COMUNICAZIONE IN RAPPORTO AL TERRITORIO E/O ALL UTENZA In relazione alle caratteristiche del territorio di riferimento e alla presenza di specifici cluster di popolazione (target) indicare i bisogni di comunicazione rilevati a cui si tende dare risposta (max 1000 caratteri spazi inclusi). NB: E auspicabile che le schede inserite nel piano rispondano anche ai bisogni dei target dichiarati. La popolazione mantovana al 1/1/2014 è pari a persone, femmine e maschi (ISTAT). Il trend demografico manifesta una costante flessione delle nascite, nati contro morti. L indice di vecchiaia è in costante aumento; ciò comporta che i consumi mediatici e dei nuovi media siano influenzati dalla minore presenza di giovani. I residenti stranieri costituiscono circa il 13,5% della popolazione e contribuiscono al 30% delle nascite. Le patologie croniche aumentano stante la crescita della popolazione anziana e conseguentemente i bisogni socio-assistenziali. Il gruppo di patologie a maggior rilevanza sono: malattie del sistema cardiocircolatorio, diabete e neoplasie. Si registra anche un aumento di persone con patologia oncologica. La provincia è costituita da 69 comuni per lo più piccoli (sotto i 5000 abitanti); solo 10 hanno più di residenti. Nel mantovano si registra una scarsa presenza di mass media: due quotidiani, Gazzetta di Mantova e Voce di Mantova, e una tv locale, TeleMantova. In relazione alle peculiarità aziendali descrivere gli obiettivi strategici di comunicazione per l anno 2015 (max 1000 caratteri spazi inclusi) NB: E auspicabile che le schede inserite nel piano rispondano agli obiettivi strategici di comunicazione dichiarati. Parole chiave del Piano di Comunicazione Aziendale anno 2015 sono: centralità dell utente per la semplificazione dell accesso; rafforzamento del sistema di rete intra ed inter aziendale; umanizzazione delle campagne informative. Comunicazione esterna: Promozione delle cultura sulla sicurezza del lavoro rivolta anche al settore agricolo vista la peculiarità del territorio mantovano. Attività di sensibilizzazione ai temi legati alle colonie feline e anagrafe canina. Grande attenzione al tema delle vaccinazioni, sia per le categorie a rischio sia in termini di formazione professionale. Promozione della sicurezza alimentare, sia nell ottica delle buone pratiche aziendali WHP sia nel contesto di corretti e sani stili di vita per pazienti oncologici. Nella sicurezza alimentare rientrano anche le azioni programmate dal dipartimento veterinario sia di controllo che di formazione. Azioni comunicative indirizzate sia a categorie fragili sia sul piano sanitario che sociosanitario (interventi in campo della salute mentale, DGR 2942, 2655, eccetera), sia verso le dipendenze (quelle tradizionalmente conosciute e quelle nuove GAP), verso i giovani (donazione organi, consultori, peer education); infine grande attenzione alla sfera femminile con progetti contro la violenza sulle donne, depressione post-partum, Percorso nascita e campagna estiva per non dimenticarsi i piccoli in auto. 1

6 Sezione n.1 Informazioni generali Due novità: Medicina di genere ed EXPO Comunicazione interna e organizzativa: Carta dell Utente, Forum URP, incentivazione di hanno certamente un risvolto finale verso l utenza ma presuppongo il rafforzamento di dinamiche interne per migliorare l efficienza, l efficacia aziendale nel rapporto verso l esterno. Ambiti di comunicazione con possibili risvolti critici per l anno 2015, i temi caldi, etc... (max 1000 caratteri spazi inclusi). NB: E auspicabile, qualora la sezione venga compilata, che nel piano sia presente almeno una schede progetto per far fronte all eventuale emergenza. Individuazione di corretti strumenti comunicativi (cartaceo, cartellonistica, comunicazioni online, depliant, eccetera) elaborati sulla base della Carta dell Utente (cfr scheda progetto n. 6_2A). Tale progetto è stato studiato come azione di miglioramento rispetto a ripetute segnalazioni/suggerimenti pervenuti dagli utenti per far fronte ai tempi di attesa agli sportelli fisici. La Carta dell Utente intende infatti migliorare la comunicazione dei servizi verso i cittadini, rappresentare linee guida che chiariscano le dinamiche di front office, incentivando l utilizzo da parte dei cittadini degli sportelli virtuali per l acquisizione delle informazioni necessarie, al fine di presentarsi adeguatamente preparati allo sportello fisico per l assolvimento della prestazione o della pratica richiesta. 2

7 Sezione n.1 Informazioni generali CENSIMENTO STRUMENTI DI COMUNICAZIONE ATTIVI TIPOLOGIA STRUMENTO ˇ BREVE DESCRIZIONE (max 300 caratteri spazi inclusi) DATI Sito internet aziendale: ˇ Il portale è il canale informativo più rilevante dell azienda per realizzare la comunicazione istituzionale. È visitato mediamente da più di un migliaio di navigatori giornalieri. Rispetta le Linee Guida Ministeriali per i siti della P.A., ed è dotato della sezione Amministrazione trasparente. Nel 2015 ci sarà un restyling grafico-funzionale per una migliore fruizione da parte dell utenza. Anno 2014 Visitatori unici Pagine viste Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Totale Portale intranet: MAIA https://www.aslmn.net/ ˇ La piattaforma intranet MAIA ha sviluppato una serie di funzionalità dedicate sia ai dipendenti che ai professionisti sanitari quali MMG/farmacie, strutture socio-sanitarie, ecc.. E predisposta per l accesso agli operatori via rete SISS. È una rete che raccoglie molti strumenti operativi che coinvolgono attivamente operatori mantovani della sanità. MAIA - Anno Numero utenti con account a MAIA: Numero totale accessi a MAIA: Altri siti tematici: Il sito del consultoriogiovani nasce nel 2005 come strumento specifico per agevolare l approccio di giovani fruitori al servizio pubblico, con particolare riferimento alla promozione dei consultori, dando informazioni sia sul versante delle prestazioni riservate al target giovanile, sia come luogo in cui affrontare il disagio ordinario. Consultorio Giovani - Anno Totale visitatori anno: Totale pagine viste anno:

8 Sezione n.1 Informazioni generali Pubblicazioni online (Periodico di informazione per gli amministratori di sostegno) 9 Periodicità Trimestrale Numero edizioni 4 (da gennaio a dicembre 2014) Desk informativi e punti di ascolto dedicati (oltre all URP) ˇ Ufficio Relazioni con il Pubblico Mantova - Via dei Toscani, 1 - Edificio 4 Tel Numero. Verde Fax PEC: Sportelli Informativi CeAD presenti in ogni sede distrettuale Sportello informativo - Distretto di Mantova Mantova - Via Trento, 8 - Numero verde: Sportello informativo - Distretto di Asola Asola - Via Schiantarelli 3 - Numero verde: Sportello informativo - Distretto di Guidizzolo Goito - via Statale Goitese, Numero verde: Sportello informativo - Distretto di Ostiglia Ostiglia - Via Belfanti, 1 - Numero verde: Sportello informativo - Distretto di Suzzara Suzzara - Via Cadorna, 2 - Numero verde: Sportello informativo - Distretto di Viadana Viadana - Largo De Gasperi, 7 - Numero verde: URP: Apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì ore 9-12,30; nei restanti orari è possibile lasciare un messaggio in segreteria telefonica. CeAD e Sportelli:attivi con operatore dal lunedì al venerdì ore 9-12; nei restanti orari è possibile lasciare un messaggio in segreteria telefonica. Sportello telematico: ˇ ASL è uno sportello online attraverso il quale l ASL assicura risposte rapide (obiettivo aziendale anno 2015, entro 3 gg. lavorativi). Gli utenti possono inoltrare richieste informative di varia natura sull accesso ai servizi, per chiarimenti sulle prestazioni o sulle procedure da seguire. Centro stampa aziendale ˇ NO Competenze grafiche ˇ Esterne all azienda Fornitori scelti su base di preventivi Numeri Verdi Screening Oncologici Vaccinazioni e Malattie Infettive Malattie Rare Turni Farmacie

9 Sezione n.1 Informazioni generali ORGANIZZAZIONE UFFICI COMUNICAZIONE, STAMPA E RELAZIONI CON IL PUBBLICO CONTATTI DEGLI UFFICI Nome e cognome Ruolo Indirizzo Telefono Ufficio URP-CA Chiara Capelletti RESPONSABILE via dei Toscani, Mantova Edificio 4 Tel. 0376/ Cell 349/ Ufficio Relazione con il Pubblico Elisabetta Melchiori REFERENTE via dei Toscani, Mantova Edificio 4 Tel. 0376/ MEDIAZIONE DEI CONFLITTI Mediatore dei Paolo Pisi conflitti aziendale Doriana Pavesi Medico Collaboratore Amm. Via Trento, 6 (MN) Via dei Toscani, 1 Tel. 0376/ Tel. 0376/ RECAPITI MAGAZZINO PER EVENTUALI CONSEGNE MATERIALI Vomiero Fabio Degli Esposti Mattia Cell Cell

10 SITO INTERNET AZIENDALE ASL MANTOVA INFORMAZIONI Le pagine del sito aziendale sono create con linguaggio HTML o attraverso l ausilio di un Content Management System? CMS Nome del fornitore del servizio web per l azienda (se disponibile) SistemaIntranet.com In caso di ricorso a prestazioni in outsourcing indicare: il soggetto incaricato il termine di validità della collaborazione/contratto Elenco dei servizi gestiti all interno della piattaforma internet Come è organizzata la redazione web? Collaborazioni con la società SistemaIntranet.com. - contratti annuali. - Dati aziendali - Servizi on-line al cittadino - Portale dipendente Redazione decentrata (sono attive unità organizzative responsabili della redazione delle aree di competenza). Supervisione/autorizzazione finale centralizzata (U.O. Comunicazione) Il sito web aziendale risponde alle regole dell accessibilità/usabilità? In prevalenza sì. Sono in corso gli ultimi adeguamenti In una logica di riprogettazione complessiva della comunicazione web del SSR, la revisione delle pagine e dei contenuti del sito aziendale (albero di navigazione, etichette, tag ) sarebbe sostenibile per l azienda? Sì In un eventuale ipotesi di ri-organizzazione dei contenuti e delle pagine del sito aziendale c è autonomia operativa o è necessario l intervento di risorse esterne? C è autonomia operativa E regolarmente implementata la sezione dedicata all Amministrazione Trasparente? Sì. La sezione è monitorata dal Nucleo di Valutazione aziendale 6

11 Identificazione PROGETTO Azienda ASL MANTOVA SCHEDA PROGETTO N. 1 Tematica: ACCESSO AI SERVIZI Titolo Iniziativa Referenti per il contenuto (Struttura committente) Referenti per gli aspetti di comunicazione SPORTELLO VIRTUALE DIREZIONE STRATEGICA AZIENDALE Elisabetta Melchiori, Referente Aziendale URP, tel. 0376/ Tipologia dell iniziativa (evidenziare con una X anche più di una voce) Acquisto spazi (rispetto percentuali AGCOM) Campagna Evento (convegno, workshop, seminario, fiere..) Produzione radiofonica Produzione tv Pubblicazioni online Pubblicazioni offline Descrizione sintetica dell iniziativa (max 500 caratteri spazi inclusi) L ASL di Mantova intende rafforzare lo sportello virtuale quale accesso facilitato ai servizi. Il cittadino che intenda orientarsi, informarsi, ricevere risposte tempestive per utilizzare al meglio i servizi disponibili sul territorio, arrivare agli sportelli fisici adeguatamente preparato, può rivolgersi allo sportello L utente riceverà risposta entro una giornata lavorativa, nel caso in cui il personale URP sia in grado di evadere la sua richiesta, oppure essere messo in contatto con il settore aziendale preposto che risponderà entro due giorni lavorativi. Obiettivo di comunicazione prioritario 1. PROMUOVERE SERVIZI OFFERTI DALL AZIENDA 2. PROMUOVERE L IMMAGINE AZIENDALE E/O DEL SSR 3. PROMUOVERE NUOVI COMPORTAMENTI PER LA TUTELA DELLA SALUTE 4. ALTRO () 1 Aiutare il cittadino nell accesso e orientamento ai servizi ASL 7

12 Destinatari (evidenziare con una X anche più di una voce) Cittadini, pazienti Specifica categoria di pazienti Scuole Enti Pubblici Operatori economici Operatori no profit Dipendenti dell Azienda Opinion leader Pubblici internazionali Altro X X X X X Tipologie di strumenti/materiali di comunicazione (evidenziare con una X anche più di 1 strumento) Pubblicazioni (libri, atti dei convegni, periodici ) Quantità Brochure, opuscoli, pieghevoli, volantini Manifesti, locandine Pubblicità (specificare se stampa, radio, tv, affissione) Pagine web (nuovi siti, canali social, aggiornamenti, programmazione) X Posta elettronica, sito aziendale Audiovisivi Programma TV Partecipazione / organizzazione diretta ad eventi Sponsorizzazione (di eventi o altre iniziative) Convegno, workshop, seminario Sportelli informativi X Promozione dello sportello virtuale Altro (specificare) Il materiale prodotto è disponibile in multilingua? (in caso affermativo specificare in quali lingue è disponibile) SI NO X 8

13 Data o periodo dell iniziativa (è sufficiente indicare anche solo il mese) Attività annuale 2015 Costi (non obbligatorio) Costi esterni a carico dell azienda Risorse Esterne (partner, sponsor etc..) Nessun costo (prodotto con risorse interne) Logistica Eventuale modalità di distribuzione dei materiali (specificare) Dove si realizza l'iniziativa? (specificare) ASL di Mantova Soggetti coinvolti Uffici dell Azienda coinvolti nella realizzazione del progetto URP Comunicazione Aziendale Dipartimenti, Distretti, Servizi ognuno per le proprie competenze Coordinamento con le Aziende del territorio o del SSR SI X NO Rete degli URP delle Aziende Pubbliche e Private accreditate della provincia di Mantova Sono coinvolti altri soggetti esterni? SI NO X Se si, quali? Valutazione L'iniziativa è già stata realizzata in precedenza? Sì, lo sportello virtuale esiste da 2 anni, ma nel 2015 si intende potenziarlo e meglio integrarlo per supportare l attività di front office aziendale Indicatori di risultato Aumento del 20% del volume di attività rispetto anno 2014 (mail gestite anno 2014 pari a 301) Commenti 9

14 Identificazione PROGETTO Azienda ASL MANTOVA SCHEDA PROGETTO N. 2 Tematica: PROMOZIONE AZIENDALE Titolo Iniziativa Referenti per il contenuto (Struttura committente) Referenti per gli aspetti di comunicazione FORUM DEGLI URP UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO COMUNICAZIONE AZIENDALE Chiara Capelletti Responsabile URP-CA, tel. 0376/ Tipologia dell iniziativa (evidenziare con una X anche più di una voce) Acquisto spazi (rispetto percentuali AGCOM) Campagna Evento (convegno, workshop, seminario, fiere..) X Workshop Produzione radiofonica Produzione tv Pubblicazioni online Pubblicazioni offline Descrizione sintetica dell iniziativa (max 500 caratteri spazi inclusi) L URP-CA dell ASL di Mantova intende rivitalizzare uno strumento già presente ed apprezzato nell ambito del sistema sanitario mantovano denominato Forum degli URP. L obiettivo è rafforzare il coordinamento tra gli URP sanitari e individuare elementi di gestione o di reclami o segnalazioni che possano uniformarsi al fine di meglio rapportarsi con l utenza, infine stabilire insieme azioni di miglioramento da applicare in maniera comune e di cui dare restituzione all utenza e alle associazioni di tutela del cittadino. Obiettivo di comunicazione prioritario 1. PROMUOVERE SERVIZI OFFERTI DALL AZIENDA 2. PROMUOVERE L IMMAGINE AZIENDALE E/O DEL SSR 3. PROMUOVERE NUOVI COMPORTAMENTI PER LA TUTELA DELLA SALUTE 4. ALTRO () 2 Contribuire a migliorare sempre più l immagine, la trasparenza e l operatività delle strutture del sistema sanitario locale, in linea con il SSR. 10

15 Destinatari (evidenziare con una X anche più di una voce) Cittadini, pazienti Specifica categoria di pazienti Scuole Enti Pubblici Operatori economici Operatori no profit X Dipendenti dell Azienda X Responsabili e/o Referenti URP delle aziende pubbliche e private accreditate della provincia di Mantova. Opinion leader Pubblici internazionali Altro X Associazioni di tutela del cittadino Tipologie di strumenti/materiali di comunicazione (evidenziare con una X anche più di 1 strumento) Pubblicazioni (libri, atti dei convegni, periodici ) Quantità Brochure, opuscoli, pieghevoli, volantini Manifesti, locandine Pubblicità (specificare se stampa, radio, tv, affissione) X Comunicato stampa 1 Pagine web (nuovi siti, canali social, aggiornamenti, programmazione) X Aggiornamento pagina MAIA Intranet Audiovisivi Programma TV Partecipazione / organizzazione diretta ad eventi Sponsorizzazione (di eventi o altre iniziative) Convegno, workshop, seminario Sportelli informativi Altro (specificare) Il materiale prodotto è disponibile in multilingua? (in caso affermativo specificare in quali lingue è disponibile) SI NO X 11

16 Data o periodo dell iniziativa (è sufficiente indicare anche solo il mese) Settembre 2015 Costi (non obbligatorio) Costi esterni a carico dell azienda Risorse Esterne (partner, sponsor etc..) Nessun costo (prodotto con risorse interne) Logistica Eventuale modalità di distribuzione dei materiali (specificare) Dove si realizza l'iniziativa? (specificare) ASL di Mantova Soggetti coinvolti Uffici dell Azienda coinvolti nella realizzazione del progetto URP-CA - Direzione Sanitaria Dipartimento PAC Coordinamento con le Aziende del territorio o del SSR SI X NO URP delle aziende pubbliche e private accreditate della provincia di Mantova Sono coinvolti altri soggetti esterni? SI NO X Se si, quali? Valutazione L'iniziativa è già stata realizzata in precedenza? Indicatori di risultato SI Produrre almeno 1 azione di miglioramento comune Commenti 12

17 Identificazione PROGETTO Azienda ASL MANTOVA SCHEDA PROGETTO N. 3 Tematica: ACCESSO AI SERVIZI Titolo Iniziativa Referenti per il contenuto (Struttura committente) Referenti per gli aspetti di comunicazione SERVIZIO MULTILINGUE DI TRIAGE TELEFONICO DIREZIONE STRATEGICA AZIENDALE e URP-CA Elisabetta Melchiori, Referente Aziendale URP, tel. 0376/ Tipologia dell iniziativa (evidenziare con una X anche più di una voce) Acquisto spazi (rispetto percentuali AGCOM) Campagna Evento (convegno, workshop, seminario, fiere..) Produzione radiofonica Produzione tv Pubblicazioni online Pubblicazioni offline Descrizione sintetica dell iniziativa (max 500 caratteri spazi inclusi) Questo servizio, ormai da anni, fornisce un supporto di interpretariato telefonico agli operatori dei servizi sanitari e sociosanitari a contatto con utenti stranieri per agevolare la fruizione corretta delle prestazioni. Le caratteristiche del servizio sono: disponibilità in modo continuo 24h, 7 giorni su 7, 365 giorni l anno. E accessibile da qualsiasi apparecchio telefonico, fisso e mobile; possibilità di traduzione sino a 80 lingue, con tempi di risposta inferiori ai 3 minuti. E esteso anche ai medici convenzionati e agli URP delle aziende accreditate. Obiettivo di comunicazione prioritario 1. PROMUOVERE SERVIZI OFFERTI DALL AZIENDA 2. PROMUOVERE L IMMAGINE AZIENDALE E/O DEL SSR 3. PROMUOVERE NUOVI COMPORTAMENTI PER LA TUTELA DELLA SALUTE 4. ALTRO () 2 e 4 Offrire un valido aiuto agli operatori sanitari e sociosanitari nell approccio con il paziente straniero 13

18 Destinatari (evidenziare con una X anche più di una voce) Cittadini, pazienti X Specifica categoria di pazienti X Pazienti stranieri Scuole Enti Pubblici X STER di Mantova Operatori economici Operatori no profit Dipendenti dell Azienda X Operatori sanitari, sociali, tecnici e amministrativi Opinion leader Pubblici internazionali Altro X Professionisti sanitari convenzionati con l ASL Tipologie di strumenti/materiali di comunicazione (evidenziare con una X anche più di 1 strumento) Pubblicazioni (libri, atti dei convegni, periodici ) Quantità Brochure, opuscoli, pieghevoli, volantini Manifesti, locandine X Ogni servizio che utilizza l interpretariato telefonico espone cartello creato ad hoc Pubblicità (specificare se stampa, radio, tv, affissione) Pagine web (nuovi siti, canali social, aggiornamenti, programmazione) Audiovisivi Programma TV Partecipazione / organizzazione diretta ad eventi Sponsorizzazione (di eventi o altre iniziative) Convegno, workshop, seminario Sportelli informativi X Tutti gli URP delle azienda sanitarie pubbliche e private accreditate della provincia di Mantova e STER di Mantova sono stati attivati con questo servizio. Altro (specificare) 14

19 Il materiale prodotto è disponibile in multilingua? (in caso affermativo specificare in quali lingue è disponibile) SI X NO Cartello esposto (inglese, francese, spagnolo, arabo, punjabi e cinese) Data o periodo dell iniziativa (è sufficiente indicare anche solo il mese) Attività annuale anno 2015 Costi (non obbligatorio) Costi esterni a carico dell azienda X 3.180,00 + IVA 22% (totale 3.879,60) Risorse Esterne (partner, sponsor etc..) Nessun costo (prodotto con risorse interne) Logistica Eventuale modalità di distribuzione dei materiali (specificare) Dove si realizza l'iniziativa? (specificare) ASL di Mantova e aziende sanitarie aderenti Soggetti coinvolti Uffici dell Azienda coinvolti nella realizzazione del progetto URP Comunicazione Aziendale Coordinamento con le Aziende del territorio o del SSR SI X NO Aziende pubbliche private accreditate Sono coinvolti altri soggetti esterni? SI X NO STER di Mantova Valutazione L'iniziativa è già stata realizzata in precedenza? Indicatori di risultato Sì, è un servizio consolidato >90% successo: rispetto tempi di risposta previsti dal contratto (monitoraggio effettuato da URP-CA una volta/anno in giorno feriale con il sistema mistery shopping per almeno n. 10 lingue tra quelle più utilizzate) Commenti 15

20 Identificazione PROGETTO Azienda ASL MANTOVA SCHEDA PROGETTO N. 4 Tematica: ACCESSO AI SERVIZI Titolo Iniziativa Referenti per il contenuto (Struttura committente) Referenti per gli aspetti di comunicazione RILEVAZIONE REGIONALE DELLA QUALITA PERCEPITA DIREZIONE SANITARIA, DIPARTIMENTO PAC e URP-CA Chiara Capelletti, Responsabile Aziendale URP-CA, tel. 0376/ Tipologia dell iniziativa (evidenziare con una X anche più di una voce) Acquisto spazi (rispetto percentuali AGCOM) Campagna Evento (convegno, workshop, seminario, fiere..) Produzione radiofonica Produzione tv Pubblicazioni online Pubblicazioni offline X Condivisione con Direzione Strategica Aziendale e condivisione dei risultati complessivi all interno del costituito Forum degli URP delle aziende pubbliche private accreditate della provincia di Mantova. Descrizione sintetica dell iniziativa (max 500 caratteri spazi inclusi) L ASL di Mantova intende nel 2015 consolidare il percorso già avviato negli anni precedenti rafforzando un sistema di relazioni con gli Erogatori Sanitari Pubblici e Privati accreditati della provincia, per favorire il coinvolgimento locale nell interpretazione e divulgazione dei risultati della Customer Satisfaction. Qualora intervenissero novità da parte di Regione Lombardia per un nuovo approccio alla Customer Satisfaction il Forum degli URP sarà il luogo privilegiato per condividere un lavoro coordinato sul territorio. Obiettivo di comunicazione prioritario 1. PROMUOVERE SERVIZI OFFERTI DALL AZIENDA 2. PROMUOVERE L IMMAGINE AZIENDALE E/O DEL SSR 3. PROMUOVERE NUOVI COMPORTAMENTI PER LA TUTELA DELLA SALUTE 4. ALTRO () 2. Promuovere la trasparenza dell operato delle aziende appartenenti al SSR della provincia di Mantova. 16

21 Destinatari (evidenziare con una X anche più di una voce) Cittadini, pazienti Specifica categoria di pazienti Scuole Enti Pubblici Operatori economici Operatori no profit Dipendenti dell Azienda Opinion leader Pubblici internazionali X X Altro X Associazioni di tutela dei cittadini Enti Erogatori Sanitari pubblici e privati Tipologie di strumenti/materiali di comunicazione (evidenziare con una X anche più di 1 strumento) Pubblicazioni (libri, atti dei convegni, periodici ) Quantità Brochure, opuscoli, pieghevoli, volantini Manifesti, locandine Pubblicità (specificare se stampa, radio, tv, affissione) Pagine web (nuovi siti, canali social, aggiornamenti, programmazione) Audiovisivi Programma TV Partecipazione / organizzazione diretta ad eventi Sponsorizzazione (di eventi o altre iniziative) Convegno, workshop, seminario Sportelli informativi Altro (specificare) X Incontro di condivisione con i rappresentanti del Forum degli URP e Associazioni di tutela dei cittadini Il materiale prodotto è disponibile in multilingua? (in caso affermativo specificare in quali lingue è disponibile) SI NO X 17

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

PIANO COMUNICAZIONE 2014

PIANO COMUNICAZIONE 2014 PIANO COMUNICAZIONE 2014 SEZIONE 1 INFORMAZIONI GENERALI A cura di Davide Archi, Pasquale Esposito, Silvia Madonini, Giuseppe Rivolta. AZIENDA [ Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi ] SPECIFICITÀ

Dettagli

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia Comune di Imperia Comune di Sanremo Comune di Ventimiglia In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia *** E-state IN SALUTE! *** 1 di 5 Obiettivo generale Realizzazione

Dettagli

Sezione n.1 Informazioni generali. AZIENDA [ Ospedale Sacco] SPECIFICITÀ DI COMUNICAZIONE IN RAPPORTO AL TERRITORIO E/O ALL UTENZA

Sezione n.1 Informazioni generali. AZIENDA [ Ospedale Sacco] SPECIFICITÀ DI COMUNICAZIONE IN RAPPORTO AL TERRITORIO E/O ALL UTENZA Sezione n.1 Informazioni generali AZIENDA [ Ospedale Sacco] SPECIFICITÀ DI COMUNICAZIONE IN RAPPORTO AL TERRITORIO E/O ALL UTENZA In relazione alle caratteristiche del territorio di riferimento e alla

Dettagli

Associazione proponente: Unione Nazionale Consumatori-Comitato Regionale Lombardo

Associazione proponente: Unione Nazionale Consumatori-Comitato Regionale Lombardo Associazione proponente: Unione Nazionale Consumatori-Comitato Regionale Lombardo Altre associazione partecipanti: Adiconsum Lombardia, Cittadinanzattiva Lombardia, Confconsumatori Lombardia, Movimento

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Direzione Sanitaria, Dipartimento Attività Socio Sanitarie Integrate (A.S.S.I.) Dipartimento Servizi Sanitari di Base, Staff Educazione

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

... un area tematica non inserita nel suddetto elenco, è opportuno indicare una giustificazione della opportunità della introduzione )

... un area tematica non inserita nel suddetto elenco, è opportuno indicare una giustificazione della opportunità della introduzione ) Facsimile di scheda per la rilevazione dei progetti di promozione della salute (predisposta dalla Regione Lombardia nell anno 2004) PROGETTO n Anno di inizio 200_ 1) TITOLO DEL PROGETTO: 2) AREE TEMATICHE:

Dettagli

PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE ESTATE 2007

PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA ASSESSORATO ALLA SANITA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI ASSESSORATO ALL AMBIENTE PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE FORUMPA SANITA' 2001 Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: VERSO UN DISTRETTO FORTE Amministrazione proponente:

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000 REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA Ai sensi della legge 150/2000 Art 1. Principi generali La Provincia di Forlì - Cesena, attraverso

Dettagli

Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA. segretariato sociale

Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA. segretariato sociale Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA sportelli orientati al segretariato sociale Presentazione a cura di Carlo Albanese 1 Obiettivi del progetto Rafforzare un servizio di segretariato sociale che mira

Dettagli

Allegato C SCHEDA PROGETTO Avviso pubblico per il finanziamento di progetti a sostegno dello sviluppo di attività e servizi offerti nei PAAS

Allegato C SCHEDA PROGETTO Avviso pubblico per il finanziamento di progetti a sostegno dello sviluppo di attività e servizi offerti nei PAAS Allegato C SCHEDA PROGETTO Avviso pubblico per il finanziamento di progetti a sostegno dello sviluppo di attività e servizi offerti nei PAAS Titolo del Progetto Acronimo del progetto: Area di intervento:

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI Comune di Modena Settore Sistemi Informativi Comunicazione e Servizi Demografici Servizio Comunicazione e Relazione con i Cittadini Allegato

Dettagli

Piano della Comunicazione Aziendale - 2015

Piano della Comunicazione Aziendale - 2015 Piano della Comunicazione Aziendale - 2015 INDICE o SEZIONE N. 1 Informazioni Generali o SEZIONE N. 2 - Descrizione delle iniziative 2 A - AMBITO SANITARIO 1. Scheda progetto: APPROPRIATEZZA D USO DEI

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Nati per Leggere Piemonte. Linee guida per la compilazione del questionario

Nati per Leggere Piemonte. Linee guida per la compilazione del questionario Linee guida per la compilazione del questionario Maggio 2014 Introduzione Gli indicatori e le relative linee guida riportati in questo breve documento sono stati elaborati da Fondazione Fitzcarraldo attraverso

Dettagli

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 Premessa Nell ambito della sperimentazione della Società della Salute della sono state individuate tre parole chiave cui riferirsi costantemente

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007

LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 (15 MAGGIO- 30 SETTEMBRE) Premessa L Azienda USL di Bologna

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

UOS. Relazioni Pubbliche

UOS. Relazioni Pubbliche Allegato 1 Le strategie e le azioni di comunicazione dell Azienda USL 12 di Viareggio per l anno 2013 Premessa La programmazione della comunicazione aziendale per il 2013 prende le mosse dalle più recenti

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MANTOVA UFFICIO FORMAZIONE

REGIONE LOMBARDIA AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MANTOVA UFFICIO FORMAZIONE REGIONE LOMBARDIA AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MANTOVA UFFICIO FORMAZIONE ATTIVITA' AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO - FORMAZIONE CONTINUA DEL PERSONALE DIPENDENTE E CONVENZIONATO DEL SERVIZIO SANITARIO

Dettagli

Progetto regionale CONOSCERE PER PREVENIRE Prevenzione dell interruzione volontaria di gravidanza (IVG) e delle mutilazione genitali femminili (MGF) fra le donne immigrate. ATTIVITA 2009 ASSOCIAZIONE NOSOTRAS

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità:

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità: Sanità digitale Il completamento dell informatizzazione dell area clinico-sanitaria, la dematerializzazione della documentazione clinica e l accessibilità alle informazioni ed ai servizi da qualsiasi punto

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

CONTENUTI. Il Progetto Be Green mira a diffondere la cultura delle buone prassi nell ambito della Mobilità Sostenibile.

CONTENUTI. Il Progetto Be Green mira a diffondere la cultura delle buone prassi nell ambito della Mobilità Sostenibile. PROGETTO CONTENUTI Il Progetto Be Green mira a diffondere la cultura delle buone prassi nell ambito della Mobilità Sostenibile. L iniziativa, che si compone dell organizzazione di eventi e di una campagna

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute Dott.ssa M. Teresa Scotti Bologna, 15 ottobre 2009 La promozione della salute è il processo che

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

Sezione n.3 Rendicontazione delle attività di comunicazione anno 2013. AZIENDA [ ASL della Provincia di Varese]

Sezione n.3 Rendicontazione delle attività di comunicazione anno 2013. AZIENDA [ ASL della Provincia di Varese] AZIENDA [ ASL della Provincia di Varese] Le iniziative sono state raggruppate per aree tematiche Titolo dell iniziativa Breve descrizione (obiettivo, strumento, target) Risultati raggiunti SANI STILI DI

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P.

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P. Provincia Regionale di Catania denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 Carta dei servizi Ufficio U.R.P. Palazzo Minoriti Via Etnea, 67 95124 Catania Come si accede ai servizi

Dettagli

IL FUTURO COME VIAGGIO

IL FUTURO COME VIAGGIO IL FUTURO COME VIAGGIO Anno di realizzazione 2011 Finanziamento Cariverona Rete di progetto Coop. Kantara; Coop. Progetto Integrazione; Fondazione ISMU, Settore Formazione; Studio Res Corso di formazione

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Comunicazione, Ricerca e Sistema Informativo Sanitario Regionale - Settore

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Comunicazione, Ricerca e Sistema Informativo Sanitario Regionale - Settore DEL PROT. ANNO PIANO REGIONALE DI COMUNICAZIONE, EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE PRIORITA COMUNICAZIONE ANNO Lo sviluppo adeguate strategie comunicazione verso il cittano e verso gli operatori che

Dettagli

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO ALLEGATO B Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Bandi 2006/2007 ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO (Legge regionale n. 22/93) SCHEMA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI N progetto (spazio riservato

Dettagli

SCHEDA PROGETTO SALUTE PROVINCIA DI CAGLIARI (21/04/2015)

SCHEDA PROGETTO SALUTE PROVINCIA DI CAGLIARI (21/04/2015) SCHEDA PROGETTO SALUTE PROVINCIA DI CAGLIARI (21/04/2015) Settore di intervento Area territoriale 1. Sistema dei servizi 2. Occupazione e formazione 3. Scuola e Istruzione 4. Casa/Alloggio 5. X Salute

Dettagli

Il sito istituzionale tra tecnologia e innovazione

Il sito istituzionale tra tecnologia e innovazione Il sito istituzionale tra tecnologia e innovazione Forum PA 2010 Roma, 17 maggio 2010 Roma, 17 maggio 2010 Stato dell arte Roma, 17 maggio 2010 2 Il processo di rinnovamento del sito web Inps procede per

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi Regolamento per il funzionamento dell Ufficio relazioni con il Pubblico Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale N.128 del 15.09.2005 SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

Sala Operativa Sociale

Sala Operativa Sociale Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute 800440022 Sala Operativa Sociale Dott.ssa Angelina Di Prinzio Roma, 09 Novembre 2010 EVOLUZIONE DELLA DOMANDA SOCIALE Dai dati quantitativi e

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI 2014 AGENZIA SPAZIALE ITALIANA 23 GENNAIO 2014 STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI 2014 PN-PIF-2014-002, Revisione A Pagina 1 INDICE Premessa 2 1. Standard di Qualità 3 2. Rapporti

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il contesto normativo regionale DGR 7328 del 11 dicembre 2001 Individuazione della rete regionale

Dettagli

1. Il Ministro delegato per le pari opportunità,. elabora, con il contributo delle amministrazioni interessate, delle associazioni di donne impegnate

1. Il Ministro delegato per le pari opportunità,. elabora, con il contributo delle amministrazioni interessate, delle associazioni di donne impegnate WORKSHOP SORVEGLIANZA DELLA VIOLENZA E DEGLI INCIDENTI (TRAUMI, USTIONI, AVVELENAMENTI, SOFFOCAMENTO): RICONOSCIMENTO E INTERVENTO NEI CASI OSSERVATI IN AMBITO OSPEDALIERO E SANITARIO Roma, 20 febbraio

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

Incontro di presentazione dei servizi attivati. 30/01/2015 Ore 16.00 18.00 Università per Stranieri Dante Alighieri Reggio Calabria

Incontro di presentazione dei servizi attivati. 30/01/2015 Ore 16.00 18.00 Università per Stranieri Dante Alighieri Reggio Calabria Incontro di presentazione dei servizi attivati 30/01/2015 Ore 16.00 18.00 Università per Stranieri Dante Alighieri Reggio Calabria L ambito del progetto Fondo FEI Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Prefettura di Firenze Area V Diritti Civili, Cittadinanza, Immigrazione, Diritto d Asilo Consiglio Territoriale per l Immigrazione

Prefettura di Firenze Area V Diritti Civili, Cittadinanza, Immigrazione, Diritto d Asilo Consiglio Territoriale per l Immigrazione Relazione sull attività svolta nell anno 2003 L attività in sintesi Dal mese di aprile 2002 ad oggi, aprile 2004 si sono svolte sette sedute plenarie del durante le quali sono state esaminate numerose

Dettagli

Capitolo 5 - Sistema di relazioni e strumenti di comunicazione

Capitolo 5 - Sistema di relazioni e strumenti di comunicazione Capitolo 5 - Sistema di relazioni e strumenti di comunicazione 194 Sistema di relazioni e strumenti di comunicazione L attività prevalente su cui si è incentrata l attività dello staff Comunicazione nel

Dettagli

AUSL Modena Dipartimento di Sanità Pubblica prevenzionet

AUSL Modena Dipartimento di Sanità Pubblica prevenzionet FORUMPA SANITA' 2001 AUSL Modena Dipartimento di Sanità Pubblica prevenzionet Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: prevenzionet Amministrazione proponente: AUSL Modena Unità organizzativa (dipartimento,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 SOMMARIO Pag. 3 PRESENTAZIONE Pag. 4 Parte I: PRESENTAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE Pag. 5 Parte II: LE NOSTRE ATTIVITÀ Pag. 7 Parte

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del Ente proponente Referente del IDENTITA E ADOLESCENZA genere, ruolo, orientamento tra eterosessualità

Dettagli

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della COMUNICATO STAMPA I risultati presentati oggi a Roma al Ministero della Salute; Sabina Nuti: Nessuna pagella o graduatoria, ma il contributo per indicare soluzioni che possono fare la differenza nei servizi

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto AXIA FAMIGLIA - RETE INFORMATIVA Ambito/settore di intervento Settore E: Educazione e promozione culturale Area d intervento:

Dettagli

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia:

Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: Nota Informativa sull attuazione delle politiche regionali N. 10/2008 Lotta al randagismo e tutela degli animali da affezione in Lombardia: una prima analisi dell attuazione della legge regionale 20 luglio

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Corso di Alta Formazione - Pubblica Amministrazione, Sanità e No Profit Premessa E comprovato che in ogni organizzazione la formazione riveste

Dettagli

Linee guida per la definizione dei progetti di Servizio Civile per l anno 2007/2008 di ANCI Lombardia

Linee guida per la definizione dei progetti di Servizio Civile per l anno 2007/2008 di ANCI Lombardia Sala Manzoni Palazzo delle Stelline Milano aprile ore 14.30.30 ATTI DEL SEMINARIO Linee guida per la definizione dei progetti di Servizio Civile per l anno 2007/2008 di ANCI Lombardia L Ufficio Servizio

Dettagli

PERSONALE AMMINISTRATIVO, area A ed area C, delle varie sedi.

PERSONALE AMMINISTRATIVO, area A ed area C, delle varie sedi. La D.G.R. n. 4-9730 del 06.1032008 Riorganizzazione nell ambito delle Aziende Sanitarie Locali degli interventi di sanità pubblica veterinaria per gli animali di affezione prevede l istituzione degli sportelli

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

GESTIONE CARTA DEI SERVIZI

GESTIONE CARTA DEI SERVIZI PAGINA 1 DI 7 GESTIONE CARTA DEI SERVIZI 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3 RIFERIMENTI... 2 4 RESPONSABILITA... 3 5 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI... 3 6 MODALITÀ DI GESTIONE... 3 6.1 NUCLEO PERMANENTE

Dettagli

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie 1 Descrizione dell Intervento Sulla base delle evidenze della letteratura è rilevante, ai fini dell

Dettagli

Le comunicazioni telematiche in Toscana

Le comunicazioni telematiche in Toscana Le comunicazioni telematiche in Toscana Stampa Centro stampa Giunta Regione Toscana I N D I C E Le comunicazioni telematiche I canali di comunicazioni InterPRO e le Amministrazioni Pubbliche Come attivare

Dettagli

REGIONANDO 2000. REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA

REGIONANDO 2000. REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA PROGETTO SALEM PER L ASSISTENZA SANITARIA AI CITTADINI STRANIERI IMMIGRATI E AGLI INDIGENTI SENZA FISSA DIMORA

Dettagli

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati)

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) PROVINCIA DI LATINA SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) Ai sensi della Deliberazione di Giunta Regionale n. 792 del 31

Dettagli

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI:

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI PRESENTATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELL INFANZIA ED ADOLESCENZA E

Dettagli

IL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA E SELVICOLTURA. CONSUNTIVO ED INDICAZIONI PROGRAMMATICHE.

IL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA E SELVICOLTURA. CONSUNTIVO ED INDICAZIONI PROGRAMMATICHE. COORDINAMENTO TECNICO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO IL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA E SELVICOLTURA. CONSUNTIVO ED INDICAZIONI PROGRAMMATICHE. IL RUOLO DELLE REGIONI

Dettagli

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari Roma, 13 Maggio 2011 Prime esperienze DGR 11/15 del 22.02.1999 istituisce l ADI nelle ASL della Sardegna Il 01/07/1999

Dettagli

Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI 1 PARTE I CARATTERISTICHE E OBIETTIVI DI METTIAMOCI LA FACCIA 2 OBIETTIVI DELL INIZIATIVA

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito 2009 per immigrati di Milano e provincia Servizi di - Informazione e orientamento sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese - Formazione - Credito ASIIM - Associazione per lo Sviluppo dell

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO PRESENTAZIONE OPERATORE CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO La Cooperativa Sociale Conedia è stata costituita a maggio 2011, come emanazione dell Associazione F.L.E.G. Formazione Lavoro e Gioventù. Ha come oggetto

Dettagli

17. SISTEMA COMUNICAZIONE E MARKETING

17. SISTEMA COMUNICAZIONE E MARKETING 17. SISTEMA COMUNICAZIONE E MARKETING Nel 2000 è stato istituito il Sistema Comunicazione e Marketing, in applicazione di una specifica normativa ed in attuazione del Piano Sanitario Regionale 1999-2001.

Dettagli

IL CAF DELLA CISL. Il posto giusto

IL CAF DELLA CISL. Il posto giusto Carta dei Servizi IL CAF DELLA CISL Il Caf Cisl opera per fornire ad iscritti, lavoratori e pensionati assistenza e consulenza completa e qualificata nel campo fiscale e delle agevolazioni sociali. Nato

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli