DIODATI.ORG Accessibilità e traduzioni dal W3C dal 2001

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIODATI.ORG Accessibilità e traduzioni dal W3C dal 2001"

Transcript

1 DIODATI.ORG Accessibilità e traduzioni dal W3C dal 2001 Presentazione nell ambito del seminario Tecniche di accessibilità avanzata per gli oggetti di programmazione e i contenuti web Autore: Michele Diodati < Torino, 12 e 13 maggio 2008

2 Un fuoriclasse del burocratese Da LA CASTA di Luigi Rizzo e Gian Antonio Stella (Rizzoli, 2007, pag. 181): Vanno matti, in Sicilia, per le consulenze. Un giorno, davanti al diluvio di oltre 200 esperti esterni pagati da una Regione che ha già dipendenti, il difensore civico Lino Buscemi ha preso carta e penna e chiesto quanto venissero pagati. La risposta di Salvatore Taormina, capo di gabinetto della presidenza della Regione, resta immortale. E merita di essere riportata integralmente, punteggiatura compresa: 37 In merito a quanto richiesto con la nota in riferimento, di cui all oggetto, indirizzata anche ai destinatari della presente, si richiede alla S.V. di far conoscere allo scrivente ufficio il contenuto delle indicazioni operative sulla scorta delle quali l ufficio richiedente ha ritenuto di avviare il processo ricognitivo di cui in oggetto. Ciò nella considerazione che le attivazioni inerenti la fattispecie in parola in ragione della loro delicatezza e complessità correlabile, anche, alla disomogeneità funzionale degli atti che avviano i rapporti privatistici di interesse per la norma in oggetto di certo, necessitano di opportuni approfondimenti tesi a focalizzare sia il reale ambito di riferimento operativo, sia il soggetto, per opportunità sistematica, competente alla trattazione, sia le modalità procedurali da attivare conseguentemente. In tal senso, le indicazioni operative di cui in premessa, laddove rese, risulteranno stimolo di riflessione prezioso per le determinazioni presidenziali che si riterranno opportune. 2 di 57

3 Un esempio di burocratese tratto dal Web Uno tra i numerosissimi esempi possibili ci viene dal sito della Federazione Regionale degli Ordini degli Architetti del Veneto. È una risposta a un quesito di un cittadino, fornita da una responsabile della Direzione Regionale del Veneto dell Agenzia del Territorio (da 41 A seguito della nota sopra evidenziata relativa all oggetto, si informa la S.V. che la scrivente ha trasmesso una direttiva a tutti gli Uffici di propria competenza precisando che, poiché nelle relative norme non è specificato quale debba essere il tipo di supporto che deve contenere la copia dell estratto autenticato della mappa catastale, non si intravede alcun motivo ostativo all accettazione, da parte degli stessi uffici, di tale copia su supporto opaco. 3 di 57

4 Si accettano fotocopie! Può sembrare incredibile, ma il brano precedente vuol dire semplicemente che l amministrazione accetta le fotocopie delle mappe catastali. 4 di 57

5 L equazione dell (in)accessibilità Il burocratese che Calvino definiva giustamente un antilingua (vedremo fra poco il perché) ripudia le formule semplici e chiare. Piuttosto che scrivere un banale si accettano, il burocrate che ha assorbito questo stile espressivo preferisce avvitarsi nella pesante oscurità di non si intravede alcun motivo ostativo all accettazione. Ne deriva una semplice equazione: più burocratese = meno accessibilità. 5 di 57

6 Un comunicato in puro stile burocratese Qualche anno fa accadde a Napoli un episodio tragico: un quattordicenne morì dopo dieci giorni di agonia, per complicazioni sconosciute, sopraggiunte dopo una banale frattura ad un braccio. Ecco la nota diramata dalla direzione sanitaria dell ospedale e riportata come testo virgolettato da Repubblica e da altri giornali: 37 «Per far luce sul decesso del ragazzino la direzione sanitaria dell'ospedale pediatrico napoletano ha fatto sapere, con una nota, di aver "trasmesso alla Procura della Repubblica la necessaria e pertinente informativa, in adesione alla originaria refertazione ed alla attuale impossibilità a poter stabilire le cause del decesso, così da consentire le procedure più opportune".» 6 di 57

7 Semplificare! Cosa vuol dire quella complessa e ostica formula amministrativa? Semplicemente che l ospedale non sa le cause della morte del ragazzino e spedisce la cartella clinica in Procura. Volendo essere accessibili invece che solenni e asettici, quel comunicato si sarebbe potuto riscrivere così: 59 «Abbiamo inviato alla Procura della Repubblica la cartella clinica del ragazzo, così come richiede la legge in un caso simile. Non è stato possibile, per ora, stabilire le cause della morte.» 7 di 57

8 Italo Calvino e l antilingua / 1 Il brano che segue è tratto da un articolo di Calvino che apparve su Il Giorno del 3 febbraio L articolo si inseriva all interno di un dibattito aperto da Pier Paolo Pasolini sullo stato della lingua italiana. 65 Il brigadiere è davanti alla macchina da scrivere. L'interrogato, seduto davanti a lui, risponde alle domande un po' balbettando, ma attento a dire tutto quel che ha da dire nel modo più preciso e senza una parola di troppo: «Stamattina presto andavo in cantina ad accendere la stufa e ho trovato tutti questi fiaschi di vino dietro la cesta del carbone. Ne ho preso uno per bermelo a cena. Non ne sapevo niente che la bottiglieria di sopra era stata scassinata». 8 di 57

9 Italo Calvino e l antilingua / 2 Impassibile, il brigadiere batte veloce sui tasti la sua fedele trascrizione: «Il sottoscritto essendosi recato nelle prime ore antimeridiane nei locali dello scantinato per eseguire l avviamento dell'impianto termico, dichiara d essere casualmente incorso nel rinvenimento di un quantitativo di prodotti vinicoli, situati in posizione retrostante al recipiente adibito al contenimento del combustibile, e di aver effettuato l asportazione di uno dei detti articoli nell'intento di consumarlo durante il pranzo pomeridiano, non essendo a conoscenza dell'avvenuta effrazione dell'esercizio soprastante» di 57

10 Italo Calvino e l antilingua / 3 Ogni giorno, soprattutto da cent'anni a questa parte, per un processo ormai automatico, centinaia di migliaia di nostri concittadini traducono mentalmente con la velocità di macchine elettroniche la lingua italiana in un antilingua inesistente. Avvocati e funzionari, gabinetti ministeriali e consigli d amministrazione, redazioni di giornali e di telegiornali scrivono parlano pensano nell'antilingua. Caratteristica principale dell antilingua è quello che definirei il «terrore semantico», cioè la fuga di fronte a ogni vocabolo che abbia di per se stesso un significato, come se «fiasco» «stufa» «carbone» fossero parole oscene, come se «andare» «trovare» «sapere» indicassero azioni turpi. [...] 10 di 57

11 Italo Calvino e l antilingua / 4 Chi parla l'antilingua ha sempre paura di mostrare familiarità e interesse per le cose di cui parla [...]. La motivazione psicologica dell'antilingua è la mancanza d'un vero rapporto con la vita, ossia in fondo l'odio per se stessi. La lingua invece vive solo d un rapporto con la vita che diventa comunicazione, d una pienezza esistenziale che diventa espressione. Perciò dove trionfa l antilingua - l'italiano di chi non sa dire «ho fatto» ma deve dire «ho effettuato» - la lingua viene uccisa. 11 di 57

12 I linguaggi settoriali della scienza e della tecnologia L oscurità, naturalmente, non si cela solo nel linguaggio della burocrazia, ma anche in altri stili comunicativi, per esempio nei linguaggi settoriali della scienza e della tecnologia. Dove non esistono glossari, note e chiarimenti, si rischia il buio totale della comprensione, se non si è più che addentro alla materia. Un esempio, tratto da un noto sito specializzato nella valutazione di componenti di computer, aiuterà a capire il senso della precedente affermazione. Lo troverete alla schermata successiva. à 12 di 57

13 Un linguaggio incomprensibile, da iniziati 45 Mentre la velocità di default di tutti i processori Socket 939 è di 200 MHz e il moltiplicatore di 5x è applicato per raggiungere i 1000 MT/s (equivalente a 1000 MHz) per direzione (2000 MT/s o 2000 MHz bidirezionali), molte motherboard Socket 939 recenti basate sugli attuali chipset permettono un considerevole overclock. Abbiamo bloccato il moltiplicatore del processore a x6 per evitare di overcloccare mentre constatavamo la velocità di clock più elevata impostabile. Lasciando il Link HTT in automatico, abbiamo effettuato lievi regolazioni al bus HyperTransport. 13 di 57

14 Glossari e articoli per principianti Come è facile constatare, si tratta di una terminologia del tutto inaccessibile ai non esperti: per chi non ha idea di cosa siano processori, moltiplicatori, motherboard, chipset, clock e overclock (da cui il neologismo overcloccare ), si ha quasi l impressione di trovarsi di fronte a un codice cifrato. Se un sito web che tratta simili argomenti aspira all accessibilità, è indispensabile che i suoi autori corredino gli articoli di dettagliati glossari e di rimandi contestuali ad appositi articoli per principianti. 14 di 57

15 La linea guida 14 delle WCAG 1.0 Garantire che i documenti siano chiari e semplici Garantire che i documenti siano chiari e semplici in modo che possano essere compresi più facilmente. Punto di controllo 14.1, priorità 1 Usare la massima chiarezza e la massima semplicità di linguaggio, appropriate al contenuto di un sito. Usare un linguaggio chiaro e semplice favorisce una comunicazione efficace. L accesso alle informazioni scritte può essere difficile per chi soffre di disabilità cognitive o dell apprendimento. Usare un linguaggio chiaro e semplice va a beneficio anche di chi parla una lingua madre diversa dalla vostra, comprese le persone che comunicano principalmente per mezzo della lingua dei segni. 15 di 57

16 I sette suggerimenti delle tecniche per le WCAG 1.0 / 1 Dal paragrafo 5.1 WRITING STYLE delle TECNICHE DI BASE PER LE WCAG 1.0 (http://www.w3.org/tr/ WCAG10-CORE-TECHS/#writing-style): 1. Sforzatevi di rendere chiari e accurati i titoli e le descrizioni dei collegamenti. Ciò vuol dire usare testi dei collegamenti che siano concisi e che abbiano senso quando letti fuori contesto o come parte di una serie di link (alcuni utenti navigano saltando da link a link e ascoltando solo il loro testo). Usate titoli informativi, in modo che gli utenti che cercano informazioni possano scorrere rapidamente la pagina piuttosto che leggerla in dettaglio. 2. Specificate l argomento della frase o del paragrafo al loro inizio. à 16 di 57

17 I sette suggerimenti delle tecniche per le WCAG 1.0 / 2 3. Limitate ciascun paragrafo a una sola idea principale. 4. Evitate gerghi, linguaggi settoriali e accezioni specialistiche di parole familiari, a meno che non siano definite all interno del documento. 5. Utilizzate di preferenza parole di uso comune. Per esempio, usate cominciare invece di principiare e provare invece di esperire. 6. Usate la forma attiva piuttosto che la forma passiva dei verbi. 7. Evitate strutture del periodo complesse. 17 di 57

18 La Direttiva sulla semplificazione del linguaggio delle pubbliche amministrazioni Le sette regole proposte dalle Tecniche WCAG hanno più di un affinità con le regole di scrittura contenute nella Direttiva sulla semplificazione del linguaggio delle Pubbliche amministrazioni, emanata il 24 ottobre 2005 dall allora Ministro della Funzione Pubblica Baccini (indirizzo web: La Direttiva è suddivisa in quattro parti, di cui ci interessa la prima, intitolata Scrivere un testo. In questa parte vengono enunciate quattro regole per scrivere un buon testo amministrativo: 1. rendere evidenti le finalità e i contenuti; 2. identificare i destinatari; 3. curare la leggibilità; 4. curare la comprensibilità. 18 di 57

19 I primi due punti della Direttiva 1. Rendere evidenti le finalità e i contenuti Chi scrive deve avere chiari finalità e contenuti del testo. Solo così atti amministrativi e documenti informativi diventano leggibili e comprensibili per tutti. Ad esempio, vanno sciolte le eventuali ambiguità di norme e procedure. Ma pure resi chiari i modi con cui il cittadino accede a un servizio. 2. Identificare i destinatari Un testo non viene elaborato in astratto. Va pensato in relazione ai suoi destinatari. Addetti ai lavori, singoli cittadini, un gruppo di essi, il loro universo. Quando ci rivolgiamo a tutti, dobbiamo pensare al destinatario meno istruito. Leggibile e comprensibile è appunto un testo assimilato presto e senza difficoltà. 19 di 57

20 Curare la leggibilità: semplificare il lessico / 1 preferire le parole brevi; scegliere le parole del linguaggio comune; rinunciare ad arcaismi, neologismi, latinismi (invece di dianzi, poco prima ; invece di all uopo, allo scopo ; invece di esternalizzare, affidare all esterno, invece di conviventi more uxorio, coppie conviventi ); limitare il ricorso alle sigle e spiegare quelle che non sono di uso comune; rinunciare a perifrasi non necessarie (invece di provvedimento esecutivo di rilascio, sfratto ; invece di condizione ostativa, impedimento ); à 20 di 57

21 Curare la leggibilità: semplificare il lessico / 2 scegliere le parole del linguaggio comune invece che quelle tipiche di un settore, quando sono più difficili del necessario e possono essere sostituite (per esempio, pagamento invece di oblazione, richiesta invece di istanza ; ordine invece di ingiunzione, annullare o timbrare invece di obliterare ); evitare le parole straniere (invece di planning, piano ; invece di meeting, riunione ; sono però accettabili i termini stranieri entrati nell uso corrente: meglio mouse di selezionatore di video ); ricorrere quando è necessario a note esplicative. 21 di 57

22 Curare la leggibilità: semplificare la sintassi Per la semplificazione della sintassi, i suggerimenti principali della Direttiva ministeriale sono i seguenti: q preferire frasi brevi formate da meno di 15 parole; q evitare periodi con più di 40 parole (il che significa non usare più di tre frasi in uno stesso periodo, possibilmente evitando gli incisi); q usare se possibile la forma attiva; q limitare l uso della costruzione impersonale. 22 di 57

23 Esempi di semplificazione della sintassi Dalla forma passiva alla forma attiva: Il programma scientifico e gli aspetti logistici sono curati dal Gruppo di Storia della Fisica. Il Gruppo di Storia della Fisica ha curato il programma scientifico e gli aspetti logistici. Dalla forma impersonale alla forma personale: Si allega il programma e la scheda di iscrizione. Alleghiamo il programma e la scheda di iscrizione. 23 di 57

24 Migliorare la comprensibilità La comprensibilità di un testo si fonda tra l altro: su un impianto logico e lineare; sull assenza di riferimenti impliciti. Ad esempio è necessario: q ricorrere a una chiara sequenza degli argomenti; q evidenziare le informazioni più importanti rispetto a quelle secondarie; q privilegiare il caso generale rispetto all eccezione; q limitare i riferimenti a norme, questioni, fatti non esplicitati nel testo; q non citare termini, concetti o situazioni ignoti o poco noti; q ricorrere nei casi di necessità a note di chiarimento. 24 di 57

25 L indice Gunning-Fog / 1 Questo indice, creato dall americano Robert Gunning nel 1952, si riferisce al numero di anni di formazione scolastica necessari per comprendere il testo a cui è riferito. Ciò vuol dire che un indice 6, come quello ottenuto dalla Bibbia e dalle opere di Shakesperare, corrisponde a un testo che richiede, per essere compreso, almeno sei anni di studi scolastici (all incirca il livello di una prima media, in Italia). Un indice 11, come quello che le Tecniche WCAG attribuiscono agli articoli di Time e di Newsweek, corrisponde invece a una capacità di lettura paragonabile a quella di uno studente del terzo anno delle superiori. 25 di 57

26 L indice Gunning-Fog / 2 q L indice Gunning-Fog si ottiene per mezzo di un calcolo che tiene conto della lunghezza media delle parole e del numero medio di parole in ogni frase. L assunto è che più le parole e le frasi sono brevi, più il testo sarà comprensibile con facilità. q Benché l assunto sia sostanzialmente corretto, non sempre è vero che le parole lunghe sono difficili (le italiane televisione e materasso, per esempio, sono lunghe ma non difficili). q Inoltre, quest indice è tarato specificamente per la lingua inglese. Poiché la nostra lingua ha parole e frasi mediamente più lunghe dell inglese, i testi in italiano ottengono in genere indici Gunning-Fog più alti, se paragonati a testi in inglese di analoga difficoltà. 26 di 57

27 I limiti di una valutazione non semantica della leggibilità / 1 Se un indice automatico di leggibilità non considera anche i significati delle parole, si rischia di incorrere in risultati paradossali. Consideriamo, per esempio, il seguente brano di testo: Cosa rappresentano queste sigle? H. He. Li. Be. B. C. N. O. F. Ne. Na. Mg. Al. Si. P. S. Cl. Ar. K. Ca. Sc. Ti. V. Cr. Mn. Fe. Co. Ni. Cu. Zn. Ga. Ge. As. Se. Br. Kr. Rb. Sr. Y. Zr. Nb. Mo. Tc. Ru. Rh. Pd. Ag. Cd. In. Sn. Sb. Te. I. Xe. Cs. Ba. Lu. Hf. Ta. W. Re. Os. Ir. Pt. Au. Hg. Tl. Le sigle sono prese dalla tabella periodica degli elementi. Rappresentano idrogeno, elio, litio ecc. 27 di 57

28 I limiti di una valutazione non semantica della leggibilità / 2 Se calcoliamo l indice Gunning-Fog di questa lista, otteniamo un valore di 0,981. Vuol dire che è un testo considerato comprensibile anche da bambini di prima elementare, cosa che evidentemente non è. Perché l indice è così basso? Perché il calcolo automatico considera come frasi tutte le stringhe di testo tra due punti fermi: usando il punto come separatore, abbiamo ottenuto un numero altissimo di frasi di una sola parola. Per giunta si tratta di parole brevissime, costituite da una o al massimo due lettere: la situazione tipica di un testo di massima comprensibilità se non fosse che si tratta di sigle di elementi chimici e non di un testo discorsivo. Ma l indice Gunning-Fog, basato su un algoritmo che prescinde dai significati, non è in grado di accorgersene. 28 di 57

29 I limiti di una valutazione non semantica della leggibilità / 3 Ma, se cambiamo i punti di separazione in virgole, il risultato cambia clamorosamente: otteniamo un nuovo valore dell indice Gunning-Fog pari a 14,76, che sta a indicare uno scritto che richiede quasi quindici anni di formazione scolastica (statunitense) per essere compreso. Abbiamo dunque un medesimo testo che, da elementarissimo, diventa improvvisamente quasi incomprensibile, solo per aver cambiato i punti in virgole: in seguito alla trasformazione, infatti, tutta la lista di elementi chimici viene considerata dall algoritmo che calcola l indice come una sola, lunghissima frase, segno di pessima leggibilità. 29 di 57

30 L indice italiano GULPease / 1 Verso la fine degli anni Ottanta del secolo scorso, il Gruppo Universitario Linguistico Pedagogico (GULP), istituito presso l Istituto di Filosofia dell Università La Sapienza di Roma, condusse un approfondito studio su un ampia mole di testi in lingua italiana, con lo scopo di produrre un indice di leggibilità adatto alla nostra lingua, in grado di competere per attendibilità delle misurazioni con gli ormai collaudati indici americani. Il risultato di questo lavoro fu l indice Gulpease, che veniva così a colmare la mancanza di strumenti nativamente italiani per la misurazione della leggibilità dei testi (un precedente indice italiano, l indice di Flesch- Vacca, è un adattamento di uno strumento nato per la lingua inglese). 30 di 57

31 L indice italiano GULPease / 2 La formula per calcolare l indice Gulpease è la seguente: 89 LP/ FR, dove LP è il totale delle lettere moltiplicato 100, diviso per il totale delle parole, mentre FR è il totale delle frasi moltiplicato 100, diviso anch esso per il totale delle parole. Per rendere automatica la misurazione dell indice, occorre trovare un algoritmo che calcoli: 1. il numero di lettere che compongono ciascuna parola in un testo; 2. il numero di parole che compongono il testo; 3. il numero di frasi che compongono il testo. 31 di 57

32 L indice italiano GULPease / 3 Le difficoltà riguardano soprattutto la necessità di determinare con la maggior approssimazione possibile dove comincia e dove finisce ciascuna frase, cosa che è tanto più difficile quanto più la punteggiatura nel testo da valutare è carente o usata impropriamente. Esistono dei software (p.es. AutoGulp ed Eulogos SLI) che sono in grado di calcolare attendibilmente l indice Gulpease. Autogulp può essere scaricato da 32 di 57

33 Le cinque soglie di leggibilità dell indice Gulpease L indice Gulpease non rappresenta una misura unica di leggibilità, ma una misura variabile a seconda del livello di scolarità dei destinatari del testo. Sono definite innanzitutto cinque soglie di leggibilità: q molto facile, q facile, q difficile, q molto difficile, q quasi incomprensibile. 33 di 57

34 L indice GULPease tiene conto del livello di scolarità Dato un indice Gulpease compreso tra 0 (leggibilità nulla) e 100 (leggibilità massima), le cinque soglie sono riferite a tre diversi tipi di destinatari: q persone con licenza elementare; q persone con licenza media; q persone con diploma superiore. Per esempio, un testo con indice 45 è: q quasi incomprensibile per chi ha solo la licenza elementare; q molto difficile per chi ha la licenza media; q facile, infine, per chi è in possesso di un diploma superiore. 34 di 57

35 Schematizzando: I valori di indice Gulpease a cui tendere q i lettori che hanno un istruzione elementare leggono facilmente i testi che hanno un indice compreso tra 80 e 100; q i lettori che hanno un istruzione media leggono facilmente i testi che hanno un indice compreso tra 60 e 100; q i lettori che hanno un istruzione superiore leggono facilmente i testi che hanno un indice compreso tra 40 e di 57 «Quasi la metà della popolazione italiana è ferma alla licenzia media. Lo attesta l'istat, nella prima edizione del rapporto "Cento statistiche per il Paese". Nel 2007 infatti il 48,2% della popolazione di età compresa tra i 25 e i 64 anni aveva conseguito come titolo di studio più elevato solo la licenza di scuola media inferiore» (la Repubblica, 7 maggio 2008).

36 Le scale di leggibilità L immagine riproduce le tre scale di leggibilità dell indice Gulpease, così come appaiono sul sito della società Èulogos. Inviando all indirizzo una con un file di testo in allegato contenente al massimo 1000 caratteri, si riceverà in risposta un file contenente l indice Gulpease del testo inviato. 36 di 57

37 Il Vocabolario di base della lingua italiana (VdB) / 1 37 di 57 La valutazione automatica della comprensibilità di un testo, se vuole essere veramente attendibile, deve tenere conto sia delle caratteristiche morfosintattiche della lingua in cui è scritto il testo (lunghezza media delle parole e delle frasi, prefissi, suffissi, divisione in sillabe ecc.) sia della semantica, cioè dei significati delle parole utilizzate. Dal punto di vista di noi italiani, l indice Gulpease risolve il primo problema, perché è stato tarato specificamente sulle caratteristiche della nostra lingua. Il secondo problema, quello semantico, può essere affrontato, invece, confrontando i testi da analizzare con il Vocabolario di Base della lingua italiana (o VdB).

38 Il Vocabolario di base della lingua italiana (VdB) / 2 La compilazione del Vocabolario di base della lingua italiana, o VdB, si deve al linguista Tullio De Mauro (1989). Il vocabolario comprende all incirca 7000 parole, suddivise in tre gruppi, chiamati rispettivamente: 1. vocabolario fondamentale, 2. vocabolario di alto uso 3. vocabolario di alta disponibilità. 38 di 57

39 Il Vocabolario di base della lingua italiana (VdB) / 3 39 di Fondamentale Alto uso Alto disponibilità V.d.B. 1. Linguaggi speciali (lepidottero, citoplasma, tantalio...) 2. Vocabolario comune (penicillina, preposizione, eclisse...) 3. Vocabolario di base (circa vocaboli generalmente compresi e usati dalle persone che hanno frequentato la scuola fino alla terza media) 3.1 Vocabolario di alta disponibilità (circa termini appartenenti alla vita quotidiana, che ci sono ben noti ma che raramente ci capita di dire o di scrivere) 3.2 Vocabolario di alto uso (circa termini che usiamo con altissima frequenza) 3.3 Vocabolario fondamentale (circa termini che comprendono i vocaboli che chi parla una lingua ed è uscito dall infanzia conosce, capisce e usa. Sono le parole note alla generalità degli italiani che abbiano fatto studi elementari).

40 La scelta delle parole q Scegliere le parole giuste è questione d importanza capitale per l accessibilità. q Se vogliamo scrivere un testo in italiano che sia il più chiaro e semplice possibile, destinato a un pubblico generico che potrebbe contenere incolti e stranieri con basso grado di conoscenza della nostra lingua, dobbiamo usare soprattutto termini contenuti nel vocabolario fondamentale: per intenderci, parole come automobile, azzurro, buongiorno, biancheria, chilometro, consumare, diverso, difensore, fantasia, fumo, fuoco, ospedale, occupazione, permesso, telefono, villa, zio. 40 di 57

41 L elenco completo delle parole del Vocabolario di Base Chi desidera consultare l elenco completo delle parole contenute nelle tre ripartizioni del vocabolario di base della lingua italiana, può servirsi del lemmario presente sul sito web della casa editrice Paravia: dib_lemmario.php (è necessaria una registrazione preliminare) 41 di 57

42 I manuali di stile, una risposta al problema «Pensiamo d altro canto che in Italia il 26% della popolazione non è in grado di leggere e capire un testo breve: è quindi fondamentale che l autore abbia un idea dei termini conosciuti dal destinatario, in modo da selezionare le parole più adeguate per agevolarlo nella decodifica del messaggio. La comunicazione avrà successo solo se gli interlocutori conoscono le parole che compongono il testo, orale o scritto che sia». MANUALE DI SCRITTURA AMMINISTRATIVA, AGENZIA DELLE ENTRATE. 42 di 57

43 Riferimenti bibliografici Manuale di stile, a cura di Alfredo Fioritto (Il Mulino, 1997); La scrittura burocratica. La lingua e l organizzazione del testo, di Tommaso Raso (Carocci, 2005); Guida alla scrittura istituzionale, di Michele Cortelazzo e Federica Pellegrino (Laterza, 2003); Manuale di scrittura, di Domenico Fiormonte e Fernanda Cremascoli (Bollati Boringhieri, 1998); Progettare e scrivere per Internet, di Giovanni Acerboni (McGraw- Hill, 2005); Il manuale di scrittura amministrativa, Agenzia delle Entrate 2003 (disponibile sul sito dell Agenzia) Corso di scrittura professionale per gli uffici e la Pubblica Amministrazione, di Tommaso Raso, Alessandra Visentin e Cristina Gavagnin (corso a pagamento da 235 euro: index.asp?codpage=entracorso08) 43 di 57

44 Un esempio di analisi automatica della leggibilità Il testo scelto per questo esempio è, almeno nelle intenzioni di chi l ha scritto, divulgativo: è una breve guida alla comprensione dell Unione Europea, disponibile sul sito del Ministero degli Affari Esteri (http://www.esteri.it/mae/it/ Politica_Europea/ Unione_Europea/default). Il testo è stato poi sottoposto all analisi automatica di Èulogos Censor, che lo ha analizzato da entrambi i punti di vista esaminati nelle schermate precedenti: dal punto di vista morfosintattico (cioè la lunghezza delle parole e delle frasi) e da quello semantico (la scelta delle parole). 44 di 57

45 I dati di sintesi forniti da Èulogos Censor Indicatore morfosintattico Indicatore semantico 45 di 57

46 In realtà, non vengono analizzate frasi ma periodi (tutto il testo racchiuso tra due punti fermi). Analisi delle frasi Le frasi brevi composte da parole brevi ottengono l indice Gulpease più alto. Frasi composte da parole molto lunghe ottengono indici molto bassi. Nomi e date non fanno parte di nessuna delle tre ripartizioni in cui è suddiviso il Vocabolario di base della lingua italiana. 46 di 57 La valutazione dell indice è tanto più attendibile quanto migliore è l uso della punteggiatura. Nel caso indicato, i due titoletti preposti al capoverso non sono chiusi da segni di interpunzione e influiscono perciò sull indice del capoverso.

47 Confronto tra indice Gulpease e scelte lessicali q Cosa si può dedurre dal confronto tra indice Gulpease e scelte lessicali, nel brano sul sito del Ministero degli Esteri illustrato nelle schermate precedenti? q Mentre l indice Gulpease di 44,80 indica che siamo in presenza di un testo molto difficile per i lettori con un livello d istruzione inferiore, d altra parte troviamo che solo il 14,3% delle parole non fa parte del Vocabolario di Base. q Di queste, una buona parte sono date e nomi propri, cioè parole per le quali non esistono sostituti, facili o difficili. q Delle parole che fanno parte del Vocabolario di base, l 86% appartiene al vocabolario fondamentale. Le scelte lessicali sono dunque sostanzialmente appropriate a una larga comprensibilità. 47 di 57

48 In questo caso si tratta di un problema sintattico q Cos è, allora, che rende poco leggibile quel testo? La principale responsabile dell oscurità è la sintassi. q Le statistiche ci dicono, infatti, che, su un totale di 2360 parole, le frasi sono appena 78, con una lunghezza media di oltre 30 parole per ciascuna. q Le frasi che ottengono l indice Gulpease più alto sono le più brevi: Poco dopo arrivò anche la prima battuta d arresto e A Maastricht la Comunità diventa Unione, che ottengono valori superiori, rispettivamente, a 76 e 82, indici di un altissima leggibilità. q Si tratta però di eccezioni: il testo è infarcito di periodi lunghi e complessi, pieni di incisi, che richiedono concentrazione e abitudine alla lettura per essere capiti. 48 di 57

49 Un solo, interminabile periodo di 92 parole! Ecco un esempio per tutti, tratto dalla citata guida all UE: un interminabile periodo di 92 parole, in cui il soggetto della proposizione reggente ( la strada ) compare alla trentesima parola e il verbo principale ( fu imboccata ) alla quarantaduesima. 41 Sotto la spinta dei grandi mutamenti intervenuti sulla scena internazionale alla fine degli anni Ottanta con la perestroika lanciata da Mikhail Gorbaciov e la caduta del muro di Berlino, la strada che condusse alla moneta unica e all attuale assetto istituzionale fu imboccata dai Paesi membri della Cee nel 1990 con l entrata in vigore della prima fase dell Unione economica e monetaria e con l avvio, al Consiglio europeo di Roma, delle Conferenze intergovernative sull Unione economica e monetaria e sull Unione politica che si sarebbero poi concluse a Maastricht nel 1992 con la firma dell omonimo Trattato. 49 di 57

Italiano tecnico 2006-2007. Scrivere chiaro (Plain Language)

Italiano tecnico 2006-2007. Scrivere chiaro (Plain Language) Italiano tecnico 2006-2007 Scrivere chiaro (Plain Language) Scrivere chiaro: cosa significa? Il brigadiere è davanti alla macchina da scrivere. L'interrogato, seduto davanti a lui, risponde alle domande

Dettagli

Indici di Leggibilità

Indici di Leggibilità Leggibilità: il problema Indici di Leggibilità Giuseppe Di Modica Corso di Elaborazione del Linguaggio Naturale Negli ultimi decenni il problema della leggibilità dei testi ha acquistato una crescente

Dettagli

E se l'errore fosse «Parola non compresa»? Leggibilità e qualità del lessico nei siti web

E se l'errore fosse «Parola non compresa»? Leggibilità e qualità del lessico nei siti web E se l'errore fosse «Parola non compresa»? Leggibilità e qualità del lessico nei siti web Mai più Not Found! L usabilità a basso costo per i siti web delle PA Forum PA - 29 maggio 2014 Nicola Mastidoro

Dettagli

L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web

L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web I principi base dell usabilità 5 8 linee guida per scrivere per il web 7 10 linee guida per l e-commerce 10 Pagina 2 I PRINCIPI BASE DELL USABILITÀ

Dettagli

Chiaro! amministrazioni. Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi. A tutte le Pubbliche Amministrazioni

Chiaro! amministrazioni. Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi. A tutte le Pubbliche Amministrazioni e DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE a PUBBLICA per l efficienza delle amministrazioni Direttiva sulla semplificazione del linguaggio dei testi amministrativi A tutte le Pubbliche Amministrazioni Roma, 8 maggio

Dettagli

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale)

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale) NOTE SUL METODO DI STUDIO a cura di Valeria Calcagno prima fase Quando ci si accinge a studiare un nuovo argomento è necessario avere prima di tutto un'idea generale di esso. come? attraverso l'ascolto

Dettagli

I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE

I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE INGLESE Scuola primaria di Gignese Classi I, II, II, IV, V COMPETENZE CHIAVE EUROPEE PL. 1 / 2 Comunicazione nelle lingue straniere Imparare ad

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA RIFLESSIONE SULLA LINGUA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado ü L alunno interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostiene

Dettagli

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Carlo Scataglini LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Il mio quaderno degli esercizi SERIE BLU Prime letture: fino a 1000 parole Erickson Indice 7 Introduzione 11 PRIMA SEZIONE Ecco i personaggi della storia 15

Dettagli

Guida rapida all acquisto di traduzioni Con centinaia di agenzie di traduzione e migliaia di traduttori freelance presenti sul territorio nazionale, non è facile orientarsi nel mercato delle traduzioni,

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

I libri di testo. Carlo Tarsitani

I libri di testo. Carlo Tarsitani I libri di testo Carlo Tarsitani Premessa Per accedere ai contenuti del sapere scientifico, ai vari livelli di istruzione, si usa comunemente anche un libro di testo. A partire dalla scuola primaria, tutti

Dettagli

Per aiutarli a scoprire le loro possibilità

Per aiutarli a scoprire le loro possibilità Listening. Learning. Leading. Per aiutarli a scoprire le loro possibilità Comprendere i punteggi del test TOEFL Junior Per scoprire il proprio potenziale. Per estendere le proprie opportunità. Per preparare

Dettagli

Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità

Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità Listening. Learning. Leading. Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità Comprendere i punteggi del test TOEFL Junior Per scoprire il proprio potenziale. Per estendere le proprie opportunità.

Dettagli

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile.

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. di Pier Francesco Piccolomini 1 Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. Oggi attraverso questa gigantesca

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD TITOLO DELL ATTIVITA 1 Do you click clever? ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTI SILVIA BENONI (arte) MICHELE BERTOLDO (matematica) ELISABETTA DANZI/ ILARIA SIMONCELLI

Dettagli

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto:

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto: UN ESEMPIO Il testo che troverete qui sotto è un esempio di testo regolativo. Esso è stato scritto per facilitare la realizzazione di un testo tecnico di tipo particolare, la relazione di stage. Osservate

Dettagli

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale La posta elettronica ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Posta elettronica E mail Elettronica Posta In questo argomento del nostro corso impareremo

Dettagli

Esame lingua d interpretariato

Esame lingua d interpretariato Certificato INTERPRET d interprete interculturale: Test modello Gennaio 2014 Esame lingua d interpretariato Contenuto Introduzione pagina 2 Composizione dell esame pagina 3 Parte 1 dell esame: colloquio

Dettagli

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO Competenze linguistico-comunicative Competenze di cittadinanza NUCLEI FONDANTI: ASCOLTARE PARLARE LEGGERE SCRIVERE RIFLETTERE

Dettagli

FARE GRAMMATICA CON IL MODELLO VALENZIALE

FARE GRAMMATICA CON IL MODELLO VALENZIALE INTERVENTO CONVEGNO CIDI 10 MAGGIO 2015 PATRIZIA GUIGGI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO FARE GRAMMATICA CON IL MODELLO VALENZIALE UNO STRUMENTO DI LAVORO PER INSEGNARE E APPRENDERE LA LINGUA IPOTESI Riflessione

Dettagli

Scrivere per il web in modo corretto ed efficace

Scrivere per il web in modo corretto ed efficace Scrivere per il web in modo corretto ed efficace Presentazione linee guida editoriali per il web Giovedì 29 gennaio 2015 Servizio Comunicazione Scrivere per il web Linee guida editoriali per il web Cosa

Dettagli

Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica

Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica a cura di Chiara Di Benedetto, Elena Lombardo, Marianna Schiavon, Matteo Viale, con il coordinamento di Michele A. Cortelazzo Sii chiaro

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Manuale. Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons

Manuale. Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons Manuale Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons Premessa Gestione Biblioteca scolastica è un software che permette di gestire in maniera sufficientemente

Dettagli

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE Obiettivi Ascoltare Parlare Leggere 1. individuare gli elementi essenziali della situazione; 2. individuare le intenzioni comunicative; 3. capire il significato globale

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA SEZIONE DI PISA Massimo Bianchi Presidente pisa@dislessia.it

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA SEZIONE DI PISA Massimo Bianchi Presidente pisa@dislessia.it ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA SEZIONE DI PISA Massimo Bianchi Presidente pisa@dislessia.it Il gruppo scuola della sezione AID di Pisa ha elaborato il presente documento in cui sono interpretate e sintetizzate

Dettagli

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 Risoluzione Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 1 Risoluzione Introdurremo ora un metodo per capire se un insieme di formule è soddisfacibile o meno. Lo vedremo prima per insiemi

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sa usare la comunicazione orale e scritta per collaborare e interagire positivamente con gli altri

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Variazione diamesica: in rapporto al mezzo fisicoambientale, al canale attraverso cui la lingua viene usata:

Variazione diamesica: in rapporto al mezzo fisicoambientale, al canale attraverso cui la lingua viene usata: Variazione diamesica: in rapporto al mezzo fisicoambientale, al canale attraverso cui la lingua viene usata: Estremi: scritto vs. parlato Nel parlato, ma non nello scritto: - prosodia e fenomeni intonativi

Dettagli

Valutare e citare i documenti

Valutare e citare i documenti Valutare e citare i documenti di Stefania Fraschetta Corso di laurea Triennale in Comunicazione e Psicologia Prova finale - III modulo, 27 gennaio 2014 Sommario Cercare e valutare documenti in rete: La

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

TESTO ADATTAMENTO DEL TESTO

TESTO ADATTAMENTO DEL TESTO TESTO ADATTAMENTO DEL TESTO 1.idea principale. 2.concetti-chiave. 3.elementi già esistenti nella mappa concettuale del discente. 4.difficoltà del testo. ANALISI OPERATIVA Evidenziare Schematizzare Facilitare

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 COMPETENZA al termine del primo ciclo di istruzione Dimostra una padronanza della lingua italiana tale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Software Applicativo. Hardware. Sistema Operativo Software di Base Traduttori e Linguaggi

Software Applicativo. Hardware. Sistema Operativo Software di Base Traduttori e Linguaggi : di base e applicativo L HardWare (monitor, tastiera, circuiti, stampante, ) è il nucleo fondamentale del calcolatore ma da solo non serve a nulla. Bisogna utilizzare il software per poterlo fare funzionare.

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Esame lingua d interpretariato

Esame lingua d interpretariato Certificato INTERPRET d interprete interculturale: Test modello 1 Febbraio 2015 Esame lingua d interpretariato Contenuto Introduzione pagina 2 Composizione dell esame pagina 3 Parte 1 dell esame: colloquio

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

Guida al sito del CSV

Guida al sito del CSV www.csv.vda.it Guida al sito del CSV Come è strutturato, come si aggiorna Il CSV, da sempre attento alle opportunità offerte dalle nuove tecnologie, ha ritenuto necessario dotarsi di un nuovo sito internet.

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO Traguardi per lo sviluppo delle competenze 1.Partecipa a scambi comunicativi con compagni ed insegnanti, formulando messaggi chiari e pertinenti Obiettivi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE TITOLO: I bisogni BREVE DESCRIZIONE DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO: in questa unità di apprendimento si vuole introdurre la classificazione dei bisogni dell uomo DIDATTIZZAZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

Impiegato/a di commercio profilo E / M. Candidatura a un tirocinio. Foto. Dati personali del/della candidato/a. Rappresentanti legali

Impiegato/a di commercio profilo E / M. Candidatura a un tirocinio. Foto. Dati personali del/della candidato/a. Rappresentanti legali Dipartimento federale degli affari esteri DFAE Direzione delle risorse DR Personale DFAE Impiegato/a di commercio profilo E / M Tutti i dati contenuti nel presente questionario sottostanno alla legislazione

Dettagli

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti Il procedimento di mediazione, oggi disciplinato dal DLgs n 28/2010, introduce nel nostro sistema una nuova figura professionale, quella appunto del mediatore che deve necessariamente possedere competenze

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI INGLESE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI INGLESE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

Le prove di lettura di tipo cloze

Le prove di lettura di tipo cloze Prove INVALSI di italiano Le prove di lettura di tipo cloze Napoli dicembre 2014 1 Sommario 1. Che cos è una prova cloze? 2. Breve esempio 3. Vantaggi e svantaggi delle prove cloze 4. Principali versioni

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire:

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire: di Pier Francesco Piccolomini 1 Dopo aver spiegato come si accende il computer e come si usano mouse e tastiera, con questa terza puntata della nostra guida entriamo trionfalmente all interno del PC, dove

Dettagli

Sommario della lezione 4. Proprietà periodiche. Massa atomica e massa molecolare. Concetto di mole. Prime esercitazioni

Sommario della lezione 4. Proprietà periodiche. Massa atomica e massa molecolare. Concetto di mole. Prime esercitazioni Sommario della lezione 4 Proprietà periodiche Massa atomica e massa molecolare Concetto di mole Prime esercitazioni Proprietà periodiche Il raggio atomico è definito come la metà della distanza minima

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A2

Università per Stranieri di Siena Livello A2 Unità 17 Il Centro Territoriale Permanente In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sui Centri Territoriali Permanenti per l istruzione e la formazione in età adulta parole

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1

UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1 UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1 Per ogni caratteristica di qualità del modello, vengono qui elencate le principali linee guida e best practice menzionate

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

1s 2s 2p 3s 3p 3d 4s 4p 4d 4f 5s 5p 5d 5f... 6s...

1s 2s 2p 3s 3p 3d 4s 4p 4d 4f 5s 5p 5d 5f... 6s... 1 - Quanti sono gli orbitali contenenti elettroni in un atomo il cui numero atomico è Z = 16? A 9 B 8 C 7 D 6 energia 5s 4s 4p 3p 3d 3s 2s 2p 2s 2p 3s 3p 3d 4s 4p 4d 4f 5s 5p 5d 5f... 6s... successione

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

REGISTRO FACILE (Software per il produttore dei rifiuti)

REGISTRO FACILE (Software per il produttore dei rifiuti) REGISTRO FACILE (Software per il produttore dei rifiuti) Gestire i rifiuti non è mai stato così semplice INDICE: Pag. 1. Caratteristiche 2 2. Installazione 3 3. Richiesta per l attivazione 5 4. Attivazione

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea Brevi istruzioni su come fare una tesi I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea L inizio e la fine Una delle prime cose da fare per cominciare

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti rispettando il turno e formulando

Dettagli

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE Classe 1^ Scuola Secondaria di I Grado COMPETENZA DI OBIETTIVI DI RIFERIMENTO APPRENDIMENTO Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente 1.1 Ascoltare per intervenire in modo pertinente nelle conversazioni.

Dettagli

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello (5-6) Livello (-5) Livello 5 (2-) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del Difficoltà nel Uso

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Art. 15, comma 3, lett. a) e b) Legge 6 agosto 2008, n. 133 Caratteristiche tecniche e tecnologiche libri di testo PREMESSA Il libro di testo, nella sua versione a stampa, on line e mista, costituisce

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Comune di Padova. Manuale pagine NoProfit. Guida alla redazione di pagine web per la sezione NoProfit di Padovanet

Comune di Padova. Manuale pagine NoProfit. Guida alla redazione di pagine web per la sezione NoProfit di Padovanet Comune di Padova Manuale pagine NoProfit Guida alla redazione di pagine web per la sezione NoProfit di Padovanet 1 2 1. INTRODUZIONE 1.1 Il Cms del NoProfit - Plone Che cos'è Plone? 1.2 Ruolo utenti Qual

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA PRIMARIA MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne orale) INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine,

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

SESSIONE ANTICIPATA PER GLI STUDENTI DELLE SCUOLE SUPERIORI. 17-31 marzo 2015. Informazioni e istruzioni. per gli Studenti

SESSIONE ANTICIPATA PER GLI STUDENTI DELLE SCUOLE SUPERIORI. 17-31 marzo 2015. Informazioni e istruzioni. per gli Studenti Conferenza Nazionale dei Presidenti e dei Direttori delle Strutture Universitarie di Scienze e Tecnologie Piano Nazionale Lauree Scientifiche VERIFICA DELLE CONOSCENZE PER L INGRESSO SESSIONE ANTICIPATA

Dettagli

ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI

ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI Il Centro Territoriale Permanente (CTP) per la formazione e l istruzione in età adulta, operativo presso il nostro istituto si pone i seguenti obiettivi: affronta il tema della

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALE ISTITUTO COMPRENSIVO B. da Montemagno DI QUARRATA a.s. 2012-2013 GRUPPO DI RICERCA-AZIONE DI MATEMATICA STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori Classi

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO PER 2009 SCUOLA - 2010 PRIMARIA Il di Centro Gruppo Matematica di ricerca F. Enriques sulla didattica dell'università della matematica degli Studi nella scuola di Milano,

Dettagli

Le parole e le cose - Correttore

Le parole e le cose - Correttore Le parole e le cose - Correttore 5 10 15 20 25 Le cose di per sé 1 non hanno nessun nome. Sono gli uomini che hanno dato e continuano a dare i nomi ad esse. Di solito non ci accorgiamo di questa verità

Dettagli

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine, filastrocche narrazioni ed espressioni

Dettagli

Sommari, indici e riferimenti incrociati in Word 2010 Strutturare i documenti in modo ordinato

Sommari, indici e riferimenti incrociati in Word 2010 Strutturare i documenti in modo ordinato Sommari, indici e riferimenti incrociati in Word 2010 Strutturare i documenti in modo ordinato Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2010 Quando lavorate con documenti piuttosto

Dettagli