PROSPETTO A PREVENTIVO DI RIPARTIZIONE DELLE SPESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROSPETTO A PREVENTIVO DI RIPARTIZIONE DELLE SPESE"

Transcript

1 PROSPETTO A PREVENTIVO DI RIPARTIZIONE DELLE SPESE Area geografica Ubicazione intervento Comune di PONTECAGNANO FAIANO Provincia di SA via Irno, snc Committente Rossi Mario Tecnico Nervi Luca Responsabile impianto Bellini Marco Data elaborazione: 25/02/2016

2 Condominio Prospetto a preventivo di ripartizione delle spese Denominazione UNI ALLEGATO F.2 Codice fiscale - via Irno, snc PONTECAGNANO FAIANO(SA) Amministratori Luigi Trotta Via Posidonia, 1 (SA) Responsabile degli impianti Marco Bellini Via Pio XI Periodo considerato Dal Al Climatizzazione invernale 15/10 15/04 ACS 01/01 01/01 Opzioni di calcolo Criteri di ripartizione spesa totale per potenza termica installata (S p ) Climatizzazione invernale ACS Millesimi Fabbisogno Millesimi Fabbisogno

3 Spese gestionali Spesa totale per conduzione e manutenzione ordinaria dell impianto termico centralizzato (S cm ) Spesa totale per la gestione del servizio di contabilizzazione dell energia termica utile (S cr ) 500,00 200,00 Spese gestionale totale (S g ) 700,00 Vettori energetici Descrizione Unità di misura Qve,cli Qve,acs cve Gas naturale (Metano) m³ 4357, ,000 0,82 Elettricità kwhel 294, ,000 0,25 Legenda: Q ve,cli Q ve,acs c ve consumo per climatizzazione invernale consumo per ACS costo unitario del singolo vettore energetico Spese totali Servizio Spesa energetica Se Spesa gestionale Sg Spesa totale St Climatizz. invernale 3.001,51 490, ,51 ACS 1.286,17 210, ,17 Totale 4.287,68 700, ,68 Generatori Descrizione Generatore fossile (Riscaldamento + ACS) Tipologia di contabilizzazione Qgn,cli Qgn,acs Contatore Calore 42000, ,000 Legenda: Q gn,cli Q gn,acs Energia termica utile prodotta per la climatizzazione invernale Energia termica utile prodotta per ACS Unità immobiliari Edificio - Unità immobiliare Contabilizz. Clim. invernale Contabilizz. ACS Qui,cli Qui,acs Edificio 1 - Unità immobiliare 1 Contatore Contatore Volumetrico 9240, ,00 Edificio 1 - Unità immobiliare 2 Contatore Contatore Volumetrico 9240, ,00 Edificio 1 - Unità immobiliare 3 Contatore Contatore Volumetrico 11760, ,00 Edificio 1 - Unità immobiliare 4 Contatore Contatore Volumetrico 11760, ,00 Legenda: Q ui,cli Q ui,acs Consumo di energia termica utile per la climatizzazione invernale Consumo di energia termica utile per ACS

4 Consumi totali di energia termica utile Servizio Consumo volontario (Qv) Consumo involontario Consumo totale (Qt) (Qinv) Climatizz. invernale 42000,00 0, ,00 ACS 18000,00 0, ,00 Legenda: Q v Q inv Q t Consumo volontario di energia termica utile delle unità immobiliari e locali ad uso collettivo Consumo involontario di energia termica utile Consumo totale di energia termica dell edificio Costi unitari dell energia termica utile Costo unitario dell energia termica utile per climatizzazione invernale (c cli ) [ /kwh] 0,07 Costo unitario dell energia termica utile per ACS (c acs ) [ /kwh] 0,07 Costo unitario dell energia termica utile per climatizzazione estiva (c cle ) [ /kwh] 0,00 Costo unitario dell energia termica utile per ventilazione (c v ) [ /kwh] 0,00 Costo unitario dell energia termica utile per altri usi (c au ) [ /kwh] 0,00 Spese delle singole unità immobiliari Edificio Edificio 1 Edificio 1 Edificio 1 Edificio 1 Unità immobiliare Unità immobiliare 1 Unità immobiliare 2 Unità immobiliare 3 Unità immobiliare 4 sui,cli Climatizzazione Invernale suc,cli sp,cli scli sui,acs suc,acs ACS sp,acs 660,33 0,00 107,80 768,13 321,54 0,00 52,50 374, ,17 660,33 0,00 107,80 768,13 321,54 0,00 52,50 374, ,17 840,42 0,00 137,20 977,62 321,54 0,00 52,50 374, ,67 840,42 0,00 137,20 977,62 321,54 0,00 52,50 374, ,67 sacs st Legenda: s ui,cli (s ui,acs ; s ui,cle ) s uc,cli (s uc,acs ; s uc,cle ) S p,cli (s p,acs ; s p,cle ) S cli (s acs ; s cle ; s v ; s ui ) s t Spesa per il consumo di energia termica utile della singola unità immobiliare per la climatizzazione invernale (ACS, climatizzazione estiva); Spesa per il consumo di energia termica utile dei locali ad uso collettivo da attribuire alla singola unità immobiliare per la climatizzazione invernale (ACS, climatizzazione estiva); Spesa per potenza termica installata da attribuire alla singola unità immobiliare per la climatizzazione invernale (ACS, climatizzazione estiva); Spesa totale della singola unità immobiliare per la climatizzazione invernale (ACS, climatizzazione estiva, ventilazione, altri usi); Spesa totale della singola unità immobiliare. Data di emissione del documento Firma di chi ha eseguito il calcolo

5 PROSPETTO A CONSUNTIVO DI RIPARTIZIONE DELLE SPESE Area geografica Ubicazione intervento Comune di PONTECAGNANO FAIANO Provincia di SA via Irno, snc Committente Rossi Mario Tecnico Nervi Luca Responsabile impianto Bellini Marco Data elaborazione: 25/02/2016

6 Condominio Prospetto a consuntivo di ripartizione delle spese Denominazione UNI ALLEGATO F.2 Codice fiscale - via Irno, snc PONTECAGNANO FAIANO(SA) Amministratori Luigi Trotta Via Posidonia, 1 (SA) Responsabile degli impianti Marco Bellini Via Pio XI Periodo considerato Dal Al Climatizzazione invernale 15/10/ /04/2016 ACS 01/01/ /01/2016 Opzioni di calcolo Criteri di ripartizione spesa totale per potenza termica installata (S p ) Climatizzazione invernale ACS Millesimi Fabbisogno Millesimi Fabbisogno

7 Stagione 2015/2016 Spese gestionali Spesa totale per conduzione e manutenzione ordinaria dell impianto termico centralizzato (S cm ) Spesa totale per la gestione del servizio di contabilizzazione dell energia termica utile (S cr ) 500,00 200,00 Spese gestionale totale (S g ) 700,00 Vettori energetici Descrizione Unità di misura Qve,cli Qve,acs cve Gas naturale (Metano) m³ 4200, ,807 0,670 Elettricità kwhel 280, ,000 0,280 Legenda: Q ve,cli Q ve,acs c ve consumo per climatizzazione invernale consumo per ACS costo unitario del singolo vettore energetico Spese totali Servizio Spesa energetica Se Spesa gestionale Sg Spesa totale St Climatizz. invernale 2.892,40 490, ,40 ACS 1.239,60 210, ,60 Totale 4.132,00 700, ,00 Generatori Descrizione Tipologia di contabilizzazione Qgn,cli Qgn,acs Generatore fossile (Riscaldamento + ACS) Contatore Calore 40600, ,000 Legenda: Q gn,cli Q gn,acs Energia termica utile prodotta per la climatizzazione invernale Energia termica utile prodotta per ACS Unità immobiliari Edificio - Unità immobiliare Edificio 1 - Unità immobiliare 1 Edificio 1 - Unità immobiliare 2 Edificio 1 - Unità immobiliare 3 Edificio 1 - Unità immobiliare 4 Contabilizz. clim. invernale Contatore Contatore Contatore Contatore Contabilizz. ACS Contatore Volumetrico Contatore Volumetrico Contatore Volumetrico Contatore Volumetrico Qui,cli Qui,acs ur [ur] 8700, ,60 0, , ,52 0, , ,41 0, , ,33 0,00 Legenda: Q ui,cli Q ui,acs ur Consumo di energia termica utile per la climatizzazione invernale Consumo di energia termica utile per ACS Unità di ripartizione

8 Consumi totali di energia termica utile Servizio Consumo volontario (Qv) Consumo involontario Consumo totale (Qt) (Qinv) Climatizz. invernale 34300, , ,00 ACS 15721, , ,00 Legenda: Q v Q inv Q t Consumo volontario di energia termica utile delle unità immobiliari e locali ad uso collettivo Consumo involontario di energia termica utile Consumo totale di energia termica dell edificio Costi unitari dell energia termica utile Costo unitario dell energia termica utile per climatizzazione invernale (c cli ) [ /kwh] 0,07 Costo unitario dell energia termica utile per ACS (c acs ) [ /kwh] 0,07 Costo unitario dell energia termica utile per climatizzazione estiva (c cle ) [ /kwh] 0,00 Costo unitario dell energia termica utile per ventilazione (c v ) [ /kwh] 0,00 Costo unitario dell energia termica utile per altri usi (c au ) [ /kwh] 0,00 Spese delle singole unità immobiliari Edificio Edificio 1 Edificio 1 Edificio 1 Edificio 1 Unità immobiliare Unità immobiliare 1 Unità immobiliare 2 Unità immobiliare 3 Unità immobiliare 4 sui,cli Climatizzazione Invernale suc,cli sp,cli scli sui,acs suc,acs ACS sp,acs sacs st 619,80 0,00 206,54 826,34 273,18 0,00 82,39 355, ,91 691,04 0,00 206,54 897,58 327,82 0,00 82,39 410, ,79 584,18 0,00 262,87 847,05 232,20 0,00 82,39 314, ,64 548,56 0,00 262,87 811,43 286,84 0,00 82,39 369, ,66 Legenda: s ui,cli (s ui,acs ; s ui,cle ) s uc,cli (s uc,acs ; s uc,cle ) S p,cli (s p,acs ; s p,cle ) S cli (s acs ; s cle ; s v ; s ui ) s t Spesa per il consumo di energia termica utile della singola unità immobiliare per la climatizzazione invernale (ACS, climatizzazione estiva); Spesa per il consumo di energia termica utile dei locali ad uso collettivo da attribuire alla singola unità immobiliare per la climatizzazione invernale (ACS, climatizzazione estiva); Spesa per potenza termica installata da attribuire alla singola unità immobiliare per la climatizzazione invernale (ACS, climatizzazione estiva); Spesa totale della singola unità immobiliare per la climatizzazione invernale (ACS, climatizzazione estiva, ventilazione, altri usi); Spesa totale della singola unità immobiliare. Data di emissione del documento Firma di chi ha eseguito il calcolo

9 PROSPETTO MILLESIMALE RIASSUNTIVO Area geografica Ubicazione intervento Comune di PONTECAGNANO FAIANO Provincia di SA via Irno, snc Committente Rossi Mario Tecnico Nervi Luca Responsabile impianto Bellini Marco Data elaborazione: 25/02/2016

10 Prospetto millesimale riassuntivo Condominio Denominazione UNI ALLEGATO F.2 Codice fiscale - via Irno, snc PONTECAGNANO FAIANO(SA) Amministratori Luigi Trotta Via Posidonia, 1 (SA) Responsabile degli impianti Marco Bellini Via Pio XI Opzioni di calcolo Criteri di ripartizione spesa totale per potenza termica installata (S p ) Climatizzazione invernale ACS Millesimi Fabbisogno Millesimi Fabbisogno

11 Fabbisogni / potenze Edificio Unità immobiliare Data rilievo potenze N cert. potenza installata Qh,cli Fabbisogni Qh,acs Potenze Edificio 1 Unità immobiliare 1 01/01/ , , ,000 Edificio 1 Unità immobiliare 2 01/01/ , , ,000 Edificio 1 Unità immobiliare 3 01/01/ , , ,000 Edificio 1 Unità immobiliare 4 01/01/ , , ,000 Φcli [W t ] Legenda Qh,cli Qh,acs Φcli Fabbisogno annuo di energia termica utile per climatizzazione invernale Fabbisogno annuo di energia termica utile per ASC Potenza termica totale installata per climatizzazione invernale [W] Millesimi Edificio Unità immobiliare mcli macs mp Edificio 1 Unità immobiliare 1 220,00 250,00 0,00 Edificio 1 Unità immobiliare 2 220,00 250,00 0,00 Edificio 1 Unità immobiliare 3 280,00 250,00 0,00 Edificio 1 Unità immobiliare 4 280,00 250,00 0,00 Legenda mcli macs mp Millesimi per climatizzazione invernale Millesimi per ASC Millesimi di proprietà

12 CERTIFICATO DELLA POTENZA INSTALLATA Area geografica Ubicazione intervento Comune di PONTECAGNANO FAIANO Provincia di SA via Irno, snc Committente Rossi Mario Tecnico Nervi Luca Responsabile impianto Bellini Marco Data elaborazione: 25/02/2016

13 Certificato potenza installate Condominio Denominazione UNI ALLEGATO F.2 Codice fiscale - via Irno, snc PONTECAGNANO FAIANO(SA) Amministratori Luigi Trotta Via Posidonia, 1 (SA) Responsabile degli impianti Marco Bellini Via Pio XI UNITÀ IMMOBILIARE 1 Edificio Edificio 1 Scala A Piano 1 Interno 1 Proprietario Rossi Mario Occupante Rossi Mario del proprietario via Irno, snc Pontecagnano Faiano (SA) Sezione 2 Foglio 15 Particella 123 Subalterno 201 Numero del certificato 123 Data di esecuzione del rilievo 01/01/2015 Potenza termica totale installata (Φ ui ) [W] 13740,00 Bagno Corpo scaldante Metodo di calcolo Metodo Dimensionale Tipologia Piastre ghisa - Colonne alettate Larghezza del singolo elemento (l el ) [mm] 850 Altezza del singolo elemento (h el ) [mm] 680 Profondità del singolo elemento (p el ) [mm] 94 Coefficiente caratteristico (C) [W/m 3 ] Tubazione di ingresso Lunghezza (L tb,in ) [mm] 1,5000 Emissione specifica (ε tb,in ) [W/m] 28,0000 Potenza termica emessa (Φ tb,in ) [W] 42,0000 Tubazione di uscita Lunghezza l tb,out [mm] 1,5000

14 Emissione specifica (ε tb,out ) [W/m] 28,0000 Potenza termica emessa (Φ tb,out ) [W] 42,0000 Corpo scaldante + tubazioni Potenza termica totale emessa (Φ cs,t ) [W] 1700 Cucina Corpo scaldante Marca FARAL Serie ALLIANCE Modello N 600 Metodo di calcolo Metodo UNI EN Larghezza del singolo elemento (l el ) [mm] 80 Altezza del singolo elemento (h el ) [mm] 680 Profondità del singolo elemento (p el ) [mm] 80 Potenza termica nominale del singolo elemento per Δt=50 C (Φ el,δt50,uni EN 442 ) [W] Potenza termica emessa dal singolo elemento per Δt=60 C (Φ el,δt60 ) [W] 130, ,0000 Numero di elementi (n el ) 8 Esponente caratteristico (n) [-] 1,3380 Superficie esterna (S) [m 2 ] 1,0816 Volume (V) [m 3 ] 0,0348 Coefficiente caratteristico (C) [W/m 3 ] 28584, Potenza termica emessa per Δt = 60 C (Φ ΔT60 ) [W] 1335,0000 Tubazione di ingresso Lunghezza (L tb,in ) [mm] 1,5000 Emissione specifica (ε tb,in ) [W/m] 28,0000 Potenza termica emessa (Φ tb,in ) [W] 42,0000 Tubazione di uscita Lunghezza l tb,out [mm] 1,5000 Emissione specifica (ε tb,out ) [W/m] 28,0000 Potenza termica emessa (Φ tb,out ) [W] 42,0000 Corpo scaldante + tubazioni Potenza termica totale emessa (Φ cs,t ) [W] 1419 Corridoio Corpo scaldante Metodo di calcolo Metodo Dimensionale Tipologia Piastre ghisa - Colonne alettate Larghezza del singolo elemento (l el ) [mm] 450 Altezza del singolo elemento (h el ) [mm] 680 Profondità del singolo elemento (p el ) [mm] 94 Coefficiente caratteristico (C) [W/m 3 ] Tubazione di ingresso Lunghezza (L tb,in ) [mm] 1,5000 Emissione specifica (ε tb,in ) [W/m] 28,0000 Potenza termica emessa (Φ tb,in ) [W] 42,0000 Tubazione di uscita

15 Lunghezza l tb,out [mm] 1,5000 Emissione specifica (ε tb,out ) [W/m] 28,0000 Potenza termica emessa (Φ tb,out ) [W] 42,0000 Corpo scaldante + tubazioni Potenza termica totale emessa (Φ cs,t ) [W] 958 Camera Corpo scaldante Marca FARAL Serie ALLIANCE Modello N 600 Metodo di calcolo Metodo UNI EN Larghezza del singolo elemento (l el ) [mm] 80 Altezza del singolo elemento (h el ) [mm] 680 Profondità del singolo elemento (p el ) [mm] 80 Potenza termica nominale del singolo elemento per Δt=50 C (Φ el,δt50,uni EN 442 ) [W] 130,0000 Potenza termica emessa dal singolo elemento per Δt=60 C (Φ el,δt60 ) [W] 166,0000 Numero di elementi (n el ) 8 Esponente caratteristico (n) [-] 1,3380 Superficie esterna (S) [m 2 ] 1,0816 Volume (V) [m 3 ] 0,0348 Coefficiente caratteristico (C) [W/m 3 ] 28584, Potenza termica emessa per Δt = 60 C (Φ ΔT60 ) [W] 1335,0000 Tubazione di ingresso Lunghezza (L tb,in ) [mm] 1,5000 Emissione specifica (ε tb,in ) [W/m] 28,0000 Potenza termica emessa (Φ tb,in ) [W] 42,0000 Tubazione di uscita Lunghezza l tb,out [mm] 1,5000 Emissione specifica (ε tb,out ) [W/m] 28,0000 Potenza termica emessa (Φ tb,out ) [W] 42,0000 Corpo scaldante + tubazioni Potenza termica totale emessa (Φ cs,t ) [W] 1419

16 UNITÀ IMMOBILIARE 2 Edificio Edificio 1 Scala A Piano 1 Interno 2 Proprietario Fusco Luca Occupante Fusco Luca del proprietario via Irno, snc Pontecagnano Faiano (SA) Sezione 2 Foglio 15 Particella 123 Subalterno 201 Numero del certificato Data di esecuzione del rilievo 01/01/0001 Potenza termica totale installata (Φ ui ) [W] 13740,00 Bagno Corpo scaldante Metodo di calcolo Metodo Dimensionale Tipologia Piastre ghisa - Colonne alettate Larghezza del singolo elemento (l el ) [mm] 850 Altezza del singolo elemento (h el ) [mm] 680 Profondità del singolo elemento (p el ) [mm] 94 Coefficiente caratteristico (C) [W/m 3 ] Tubazione di ingresso Lunghezza (L tb,in ) [mm] 1,5000 Emissione specifica (ε tb,in ) [W/m] 28,0000 Potenza termica emessa (Φ tb,in ) [W] 42,0000 Tubazione di uscita Lunghezza l tb,out [mm] 1,5000 Emissione specifica (ε tb,out ) [W/m] 28,0000 Potenza termica emessa (Φ tb,out ) [W] 42,0000 Corpo scaldante + tubazioni Potenza termica totale emessa (Φ cs,t ) [W] 1700 Camera Corpo scaldante Marca FARAL Serie ALLIANCE Modello N 600 Metodo di calcolo Metodo UNI EN Larghezza del singolo elemento (l el ) [mm] 80 Altezza del singolo elemento (h el ) [mm] 680 Profondità del singolo elemento (p el ) [mm] 80 Potenza termica nominale del singolo elemento per Δt=50 C (Φ el,δt50,uni EN 442 ) [W] 130,0000 Potenza termica emessa dal singolo elemento per Δt=60 C (Φ el,δt60 ) [W] 166,0000

17 Numero di elementi (n el ) 8 Esponente caratteristico (n) [-] 1,3380 Superficie esterna (S) [m 2 ] 1,0816 Volume (V) [m 3 ] 0,0348 Coefficiente caratteristico (C) [W/m 3 ] 28584, Potenza termica emessa per Δt = 60 C (Φ ΔT60 ) [W] 1335,0000 Tubazione di ingresso Lunghezza (L tb,in ) [mm] 1,5000 Emissione specifica (ε tb,in ) [W/m] 28,0000 Potenza termica emessa (Φ tb,in ) [W] 42,0000 Tubazione di uscita Lunghezza l tb,out [mm] 1,5000 Emissione specifica (ε tb,out ) [W/m] 28,0000 Potenza termica emessa (Φ tb,out ) [W] 42,0000 Corpo scaldante + tubazioni Potenza termica totale emessa (Φ cs,t ) [W] 1419 Corridoio Corpo scaldante Marca FARAL Serie ALLIANCE Modello N 600 Metodo di calcolo Metodo UNI EN Larghezza del singolo elemento (l el ) [mm] 80 Altezza del singolo elemento (h el ) [mm] 680 Profondità del singolo elemento (p el ) [mm] 80 Potenza termica nominale del singolo elemento per Δt=50 C (Φ el,δt50,uni EN 442 ) [W] 130,0000 Potenza termica emessa dal singolo elemento per Δt=60 C (Φ el,δt60 ) [W] 166,0000 Numero di elementi (n el ) 5 Esponente caratteristico (n) [-] 1,3380 Superficie esterna (S) [m 2 ] 0,7168 Volume (V) [m 3 ] 0,0218 Coefficiente caratteristico (C) [W/m 3 ] 28584, Potenza termica emessa per Δt = 60 C (Φ ΔT60 ) [W] 847,0000 Tubazione di ingresso Lunghezza (L tb,in ) [mm] 1,5000 Emissione specifica (ε tb,in ) [W/m] 28,0000 Potenza termica emessa (Φ tb,in ) [W] 42,0000 Tubazione di uscita Lunghezza l tb,out [mm] 1,5000 Emissione specifica (ε tb,out ) [W/m] 28,0000 Potenza termica emessa (Φ tb,out ) [W] 42,0000 Corpo scaldante + tubazioni Potenza termica totale emessa (Φ cs,t ) [W] 931

18 Cucina Corpo scaldante Marca FARAL Serie ALLIANCE Modello N 600 Metodo di calcolo Metodo UNI EN Larghezza del singolo elemento (l el ) [mm] 80 Altezza del singolo elemento (h el ) [mm] 680 Profondità del singolo elemento (p el ) [mm] 80 Potenza termica nominale del singolo elemento per Δt=50 C (Φ el,δt50,uni EN 442 ) [W] Potenza termica emessa dal singolo elemento per Δt=60 C (Φ el,δt60 ) [W] 130, ,0000 Numero di elementi (n el ) 8 Esponente caratteristico (n) [-] 1,3380 Superficie esterna (S) [m 2 ] 1,0816 Volume (V) [m 3 ] 0,0348 Coefficiente caratteristico (C) [W/m 3 ] 28584, Potenza termica emessa per Δt = 60 C (Φ ΔT60 ) [W] 1335,0000 Tubazione di ingresso Lunghezza (L tb,in ) [mm] 1,5000 Emissione specifica (ε tb,in ) [W/m] 28,0000 Potenza termica emessa (Φ tb,in ) [W] 42,0000 Tubazione di uscita Lunghezza l tb,out [mm] 1,5000 Emissione specifica (ε tb,out ) [W/m] 28,0000 Potenza termica emessa (Φ tb,out ) [W] 42,0000 Corpo scaldante + tubazioni Potenza termica totale emessa (Φ cs,t ) [W] 1419 omissis Le potenze riportate nel presente documento, calcolate secondo il metodo dimensionale o il metodo UNI EN 442-2, si riferiscono alla data di esecuzione del rilievo. Qualsiasi modifica di tali potenze dovrebbe essere autorizzata e comunicata a chi ha eseguito il rilievo ai fini dell aggiornamento del prospetto millesimale. Data di emissione del documento: 25/02/2016 Firma di chi ha eseguito il calcolo

19 PROSPETTO RIASSUNTIVO DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DELL'EDIFICIO Area geografica Ubicazione intervento Comune di PONTECAGNANO FAIANO Provincia di SA via Irno, snc Committente Rossi Mario Tecnico Nervi Luca Responsabile impianto Bellini Marco Data elaborazione: 25/02/2016

20 Condominio Prospetto riassuntivo delle prestazioni energetiche dell edificio Denominazione UNI ALLEGATO F.2 Codice fiscale - via Irno, snc PONTECAGNANO FAIANO(SA) Amministratori Luigi Trotta Via Posidonia, 1 (SA) Responsabile degli impianti Marco Bellini Via Pio XI Fabbisogni annui di energia termica utile dell edificio Climatizzazione invernale (Qh,cli) 42000,00 ACS (Qh,acs) 18000,00 Climatizzazione estiva (Qh,cle) 0,00 Ventilazione (Qh,v) 0,00 Altri usi (Qh,au) 0,00 Fabbisogno dei vettori energetici Vettore u.m. Clim. Invernale (Qve,cli) ACS (Qve,acs) Gas naturale (Metano) m³ 4357, ,000 Elettricità kwhel 294, ,000 Fabbisogno dei generatori Generatore a combustione Climatizzazione invernale (Qgn,cli) 42000,00 ACS (Qgn,acs) 18000,00 Climatizzazione estiva (Qgn,cle) 0,00 Ventilazione (Qgn,v) 0,00 Altri usi (Qgn,au) 0,00 Rendimento del generatore (η) 0,00 Altri dati Perdite dell impianto di climatizzazione (Pcli) 0,00 Fabbisogno ideale di energia termica dell edificio per climatizzazione (Qh,id,cli) 42000,00

21 PROGETTO IMPIANTO DI TERMOREGOLAZIONE Area geografica Ubicazione intervento Comune di PONTECAGNANO FAIANO Provincia di SA via Irno, snc Committente Rossi Mario Tecnico Nervi Luca Responsabile impianto Bellini Marco Data elaborazione: 25/02/2016

22 Condominio Progetto dell'impianto di termoregolazione Denominazione UNI ALLEGATO F.2 Codice fiscale - via Irno, snc PONTECAGNANO FAIANO (SA) Amministratori Luigi Trotta Via Posidonia, 1 (SA) Responsabile degli impianti Marco Bellini Via Pio XI Dati di progetto Salto termico di progetto aria / acqua dei radiatori 60,0 C Salto termico di progetto (tra mandata e ritorno) dei radiatori nella nuova installazione 20,0 C Prevalenza minima garantita ai radiatori 1,00 [m c.a.] Dati impianto originale Salto termico di progetto (tra mandata e ritorno) dei radiatori nell impianto originale 10,0 C Perdita di carico delle tubazioni nell impianto originale 2,50 [m c.a.] Valori di diagnostica Prevalenza massima sulla valvola 3,00 [m c.a.] Prevalenza di attenzione alla portata di progetto 4,00 [m c.a.] Prevalenza limite alla portata di progetto 5,00 [m c.a.] Edifici serviti dalla pompa di circolazione Numero di edifici 1 Edificio 1 Risultati generali Potenza complessiva dei radiatori installati [W] Perdite di carico delle tubazioni nella nuova installazione 0,97 [m c.a.] Portata di progetto 1,10 [m 3 /h] Prevalenza richiesta alla portata di progetto 1,97 [m c.a.] Risultati della pompa di circolazione Marca Coster Modello 123 Portata di progetto 1102,60 [kg/h] Prevalenza richiesta alla portata di progetto 1,97 [m c.a.] Portata massima della pompa con la curva scelta 2,00 [m 3 /h] Prevalenza a portata nulla 1,27 [m c.a.]

23 Dettaglio dei radiatori Edificio Unità immobiliare Radiatore Potenza [W] Distanza pompa Portata di progetto [kg/h] Valvola Diam. Kv,calcolato [kg/h)/bar1/2] Kv,scelto [kg/h)/bar1/2] Magg. Pos. / B.P.T Tipo Edificio 1 Unità immobiliare 1 Bagno 1616 Media 74,04 Valvola termostatica DR, BP=1 3/8 197,09 210,00 0 4,0 PR Edificio 1 Unità immobiliare 1 Cucina 1335 Lantana 66,41 Valvola termostatica DR, BP=1 3/8 181,53 210,00 0 4,0 PR Edificio 1 Unità immobiliare 1 Corridoio 874 Vicina 53,97 Valvola termostatica DR, BP=1 3/8 97,49 140,00 0 3,0 PR Edificio 1 Unità immobiliare 1 Camera 1335 Vicina 80,96 Valvola termostatica DR, BP=1 3/8 148,91 210,00 0 4,0 PR Edificio 1 Unità immobiliare 2 Bagno 1616 Media 74,04 Valvola termostatica DR, BP=1 3/8 197,09 210,00 0 4,0 PR Edificio 1 Unità immobiliare 2 Camera 1335 Lantana 66,41 Valvola termostatica DR, BP=1 3/8 181,53 210,00 0 4,0 PR Edificio 1 Unità immobiliare 2 Corridoio 847 Vicina 53,97 Valvola termostatica DR, BP=1 3/8 94,48 140,00 0 3,0 PR Edificio 1 Unità immobiliare 2 Cucina 1335 Vicina 80,96 Valvola termostatica DR, BP=1 3/8 148,91 210,00 0 4,0 PR Edificio 1 Unità immobiliare 3 Bagno 1616 Media 74,04 Valvola termostatica DR, BP=1 3/8 197,09 210,00 0 4,0 PR Edificio 1 Unità immobiliare 3 Cucina 1335 Lantana 66,41 Valvola termostatica DR, BP=1 3/8 181,53 210,00 0 4,0 PR Edificio 1 Unità immobiliare 3 Ingresso 847 Vicina 53,97 Valvola termostatica DR, BP=1 3/8 94,48 140,00 0 3,0 PR Edificio 1 Unità immobiliare 3 Camera 1335 Vicina 80,96 Valvola termostatica DR, BP=1 3/8 148,91 210,00 0 4,0 PR Edificio 1 Unità immobiliare 4 Bagno 1616 Media 74,04 Valvola termostatica DR, BP=1 3/8 197,09 210,00 0 4,0 PR Edificio 1 Unità immobiliare 4 Cucina 1335 Lantana 66,41 Valvola termostatica DR, BP=1 3/8 181,53 210,00 0 4,0 PR Edificio 1 Unità immobiliare 4 Ingresso 847 Vicina 53,97 Valvola termostatica DR, BP=1 3/8 94,48 140,00 0 3,0 PR Edificio 1 Unità immobiliare 4 Camera 1335 Vicina 80,96 Valvola termostatica DR, BP=1 3/8 148,91 210,00 0 4,0 PR Legenda: PR BPT Preregolazione da applicare alla valvola termostatica del radiatore Banda proporzionale teorica a cui opera la valvola applicata al radiatore

Millesimus IV. Contabilizzazione del calore Ripartizione delle spese Norma UNI 10200:2015

Millesimus IV. Contabilizzazione del calore Ripartizione delle spese Norma UNI 10200:2015 Millesimus IV Contabilizzazione del calore Ripartizione delle spese Norma UNI 10200:2015 In questo documento verrà illustrata la corretta procedura per la contabilizzazione del calore e per la ripartizione

Dettagli

DECRETI LEGISLATIVI LEGGI EUROPEE, NAZIONALI E REGIONALI

DECRETI LEGISLATIVI LEGGI EUROPEE, NAZIONALI E REGIONALI LEGGI e NORME DECRETI LEGISLATIVI LEGGI EUROPEE, NAZIONALI E REGIONALI Delibera del Parlamento Europeo:2012 Obbligo della contabilizzazione su tutto il territorio europeo entro 31 Dicembre 2016. DPR 59:2009

Dettagli

PROGETTO DELL IMPIANTO DI TERMOREGOLAZIONE

PROGETTO DELL IMPIANTO DI TERMOREGOLAZIONE PROGETTO DELL IMPIANTO DI TERMOREGOLAZIONE Condominio Descrizione Indirizzo Condominio Mazzini Via Mazzini, 1 - Borgomanero (NO) Studio tecnico Nome Edilclima Indirizzo pag. 1 Condominio Mazzini Amministratore

Dettagli

Contabilizzazione del calore

Contabilizzazione del calore 14 Contabilizzazione del calore La nuova UNI 10200 Lo scorso febbraio è stata pubblicata la UNI 10200, norma tecnica dal titolo Impianti termici centralizzati di climatizzazione invernale e produzione

Dettagli

DIRETTIVA 2012/27/UE Articolo 9 Nei condomini e negli edifici polifunzionali riforniti da una fonte di riscaldamento/raffreddamento centrale o da una rete di teleriscaldamento [...], sono inoltre installati

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DI CALORE

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DI CALORE LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DI CALORE Torino, 22 Aprile 2013 Normativa regionale proroga obbligo Dgr.46-11968 del 4 agosto 2009 (punto 1.4.17) Gli edifici

Dettagli

La norma UNI 10200: PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO NEI CASI DI IMPIANTI STANDARD

La norma UNI 10200: PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO NEI CASI DI IMPIANTI STANDARD La norma UNI 10200: PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO NEI CASI DI IMPIANTI STANDARD 1 Per renderla più facile da applicare negli impianti centralizzati più comuni Ing. Antonio Magri antonio.magri31@gmail.com IMPIANTI

Dettagli

OBBLIGHI INTRODOTTI DAL. DECRETO LEGISLATIVO 4 luglio 2014, n. 102

OBBLIGHI INTRODOTTI DAL. DECRETO LEGISLATIVO 4 luglio 2014, n. 102 !"#$%&'()*"+,"-./-$%"0+1, OBBLIGHI INTRODOTTI DAL DECRETO LEGISLATIVO 4 luglio 2014, n. 102 SITUAZIONE iniziale: nessuna gestione delle temperature INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI REGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE

Dettagli

ATTENDIBILITÀ E AFFIDABILITÀ DELLA MISURA IN CAMPO DELL'ENERGIA TERMICA PER LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE E LA CONCESSIONE DI INCENTIVI

ATTENDIBILITÀ E AFFIDABILITÀ DELLA MISURA IN CAMPO DELL'ENERGIA TERMICA PER LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE E LA CONCESSIONE DI INCENTIVI METROLOGIA, DOMOTICA ED EFFICIENZA ENERGETICA ATTENDIBILITÀ E AFFIDABILITÀ DELLA MISURA IN CAMPO DELL'ENERGIA TERMICA PER LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE E LA CONCESSIONE DI INCENTIVI Torino, 14 Luglio 2014

Dettagli

COMMISSIONE IMPIANTI TECNOLOGICI CORSO DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE NEGLI IMPIANTI TERMICI ESISTENTI

COMMISSIONE IMPIANTI TECNOLOGICI CORSO DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE NEGLI IMPIANTI TERMICI ESISTENTI COMMISSIONE IMPIANTI TECNOLOGICI CORSO DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE NEGLI IMPIANTI TERMICI ESISTENTI Relatore Per. Ind. Angelo Parma 1 LA NORMA UNI 10200/2005 TITOLO 2 LA NORMA UNI

Dettagli

Relatore: Ing. Claudio Antonio LUCCHESI

Relatore: Ing. Claudio Antonio LUCCHESI LA NORMA UNI CTI 10200:2013 (2015!?): CRITERI GENERALI DI RIPARTIZIONE DELLE SPESE DI RISCALDAMENTO E PRODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA. della provincia di Cuneo SALA INCONTRI HOTEL HOLIDAY INN EXPRESS

Dettagli

Corso di Formazione CTI Modulo (B)

Corso di Formazione CTI Modulo (B) Corso di Formazione CTI Modulo (B) LA PROGETTAZIONE E LA CONDUZIONE DEI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE Coordinatore del corso: dott. Mattia Merlini Relatore: ing. Laurent Socal

Dettagli

Ripartizione+delle+spese+di+ACS+e/o+climatizzazione+invernale (Fonte)normativa)di)riferimento:)UNI)10200:2013)

Ripartizione+delle+spese+di+ACS+e/o+climatizzazione+invernale (Fonte)normativa)di)riferimento:)UNI)10200:2013) Ripartizione+delle+spese+di+ACS+e/o+climatizzazione+invernale (Fontenormativadiriferimento:UNI10200:2013 ISTRUZIONI IlmodelloinformatoExcel,iden>ficatoconilcodiceRIPA+V.2.3,èstatoprogeDatoprendendocomefontediriferimentolanormaUNI+10200:2013.

Dettagli

METROLOGIA, DOMOTICA ED EFFICIENZA ENERGETICA. 14 luglio 2014 - INRIM - Torino

METROLOGIA, DOMOTICA ED EFFICIENZA ENERGETICA. 14 luglio 2014 - INRIM - Torino METROLOGIA, DOMOTICA ED EFFICIENZA ENERGETICA 14 luglio 2014 - INRIM - Torino Contabilizzazione dell energia termica: quadro normativo, Contesto applicativo e tecnologie allo stato dell'arte Marco Masoero

Dettagli

Convegno Robbiate 24 Gen 2014

Convegno Robbiate 24 Gen 2014 Convegno Robbiate 24 Gen 2014 Termoregolazione e Contabilizzazione del calore (aspetti tecnici) Relatore Bianca Grazioli TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE PERCHÉ? Europa: Direttiva 2002/91/CE

Dettagli

Corso di Formazione CTI Modulo (B)

Corso di Formazione CTI Modulo (B) Corso di Formazione CTI Modulo (B) LA PROGETTAZIONE E LA CONDUZIONE DEI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE Coordinatore del corso: dott. Mattia Merlini Relatore: ing. Laurent Socal

Dettagli

Principali tipologie di impianti

Principali tipologie di impianti www.save-energy.it Ripartitori Ing. Gaetano Moschetto Convegno ANTA 13/03/2012 Principali tipologie di impianti La contabilizzazione è effettuata con contatori diretti di calore e la termoregolazione con

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) 1 di 22 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

Allegato F. Libretto di centrale. 1. Impianto termico di edificio (I) adibito a (1)... Destinato a

Allegato F. Libretto di centrale. 1. Impianto termico di edificio (I) adibito a (1)... Destinato a ALLEGATO 11 Allegato F Libretto di centrale 1. Impianto termico di edificio (I) adibito a (1)...... Destinato a riscaldamento ambienti produzione di acqua calda per usi igienici e sanitari altro (descrivere)...

Dettagli

PROCEDURE del Gruppo Operatori Esperti Anta

PROCEDURE del Gruppo Operatori Esperti Anta PROCEDURE del Gruppo Operatori Esperti Anta Doc n 01003 Rev. 2 20/02/2012 Documento finale Bozza Per informazione Per commenti a socal@iol.it INDICE 1 Scopo... 1 2 Diagnosi energetica... 1 3 Interventi

Dettagli

Edificio di classe: E

Edificio di classe: E ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici Residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice certificato 001 Validità 03/11/2019 Riferimenti catastali Foglio: 6 Particella: 1430 Subalterno: 1 edificio

Dettagli

CONVEGNO EDIFICI CONDOMINIALI: REGOLE PER L USO ALLA LUCE DELLE DISPOSIZIONI NORMATIVE VIGENTI

CONVEGNO EDIFICI CONDOMINIALI: REGOLE PER L USO ALLA LUCE DELLE DISPOSIZIONI NORMATIVE VIGENTI CONVEGNO EDIFICI CONDOMINIALI: REGOLE PER L USO ALLA LUCE DELLE DISPOSIZIONI NORMATIVE VIGENTI Impianti termici centralizzati: i nuovi obblighi di contabilizzazione, le tecnologie possibili e i modelli

Dettagli

Corso di Formazione CTI Modulo (A)

Corso di Formazione CTI Modulo (A) Corso di Formazione CTI Modulo (A) LA UNI 10200: I CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE SPESE DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE E DI ACQUA CALDA SANITARIA IN EDIFICI CONDOMINIALI Coordinatore del corso: dott. Mattia

Dettagli

La contabilizzazione e

La contabilizzazione e La contabilizzazione e termoregolazione del calore Quorum - Ripartizione Spese - Distacco 18 Dicembre 2015 Hotel Due Torri - Verona L assemblea: i quorum Legge n. 10/1991 art. 26, Comma V: Per le innovazioni

Dettagli

livello progettazione: Relazione Impianto di Riscaldamento ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA

livello progettazione: Relazione Impianto di Riscaldamento ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA COMUNE DI TROIA (Provincia di Foggia) denominazione progetto: Fondo Per lo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Accordo di programma quadro "Settore Aree Urbane - Città" Realizzazione di n. 18 alloggi di edilizia

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

3 INCONTRO FORMATIVO. Gli impianti di produzione e distribuzione del calore. 09 dicembre 2010. Relatore arch. Giorgio Gallo

3 INCONTRO FORMATIVO. Gli impianti di produzione e distribuzione del calore. 09 dicembre 2010. Relatore arch. Giorgio Gallo 3 INCONTRO FORMATIVO Gli impianti di produzione e distribuzione del calore 09 dicembre 2010 Relatore arch. Giorgio Gallo Impianti termici centralizzati Impianti tradizionali Distribuzione a colonne montanti:

Dettagli

ALLEGATO F. - combustibile utilizzato: gas metano gasolio GPL teleriscaldamento olio combustibile energia elettrica biomassa altro

ALLEGATO F. - combustibile utilizzato: gas metano gasolio GPL teleriscaldamento olio combustibile energia elettrica biomassa altro ALLEGATO F Scheda informativa per interventi di cui all articolo 1, comma 345, limitatamente agli interventi di sostituzione di finestre comprensive di infissi in singole unità immobiliari e 346 della

Dettagli

Marco Masoero Dipartimento di Energetica Politecnico di Torino

Marco Masoero Dipartimento di Energetica Politecnico di Torino La contabilizzazione dell energia termica negli impianti di riscaldamento: aspetti tecnici e gestionali Marco Masoero Dipartimento di Energetica Politecnico di Torino 1 Premessa (1) I tradizionali impianti

Dettagli

LA CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA DEL CALORE

LA CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA DEL CALORE Convegno Formativo Monza, 16 marzo 2012 LA CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA DEL CALORE Ing. Alberto Colombo 1 SOMMARIO DEFINIZIONI METODI DI CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA NORME DI PRODOTTO ( UNI EN 834, UNI/TR

Dettagli

Juan Pedro Grammaldo Francesco Mazziotti. Contabilizzazione del calore

Juan Pedro Grammaldo Francesco Mazziotti. Contabilizzazione del calore Juan Pedro Grammaldo Francesco Mazziotti Contabilizzazione del calore INDICE Premessa... 7 Riferimenti normativi... 13 Termini e definizioni... 23 1. Tipologie impianti termici centralizzati 1.1. Classificazione

Dettagli

Normativa LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI. DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea

Normativa LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI. DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea NORMATIVA Release 01/03/2015 LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI Il D.P.R. 59, la Direttiva 2012/27/UE e i regolamenti regionali attualmente in vigore, dove esistenti, prevedono che l installazione

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RELAZIONE TECNICA IMPIANTO TERMICO RIFERIMENTI NORMATIVI Tutti gli impianti dovranno essere forniti completi in ogni loro singola parte e perfettamente funzionanti, con tutte le apparecchiature ed accessori

Dettagli

Copyright 2014 Caleffi MAPPATURA. www.caleffi.com. Serie 7200 78205.01

Copyright 2014 Caleffi MAPPATURA. www.caleffi.com. Serie 7200 78205.01 Ripartitori di consumi termici MONITOR 2.0-2.0 E con sonda estesa Acquisitori di consumi acqua sanitaria MONITOR 2.0 PULSE Copyright 2014 Caleffi MAPPATURA 78205.01 www.caleffi.com 0470 Serie 7200 MONITOR

Dettagli

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Concetti e spunti applicativi Relatore: Ing. Luca Spotti CERTIFICAZIONE ENERGETICA Impianto e centrale termica CERTIFICAZIONE ENERGETICA Impianto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N

RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N ALLEGATO 3 RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELL AUTODIAGNOSI

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELL AUTODIAGNOSI GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELL AUTODIAGNOSI Il foglio Excel AUTODIAGNOSI CONDOMINI E VILLETTE è uno strumento che consente, attraverso le risposte date ad alcune domande relative all impianto di riscaldamento,

Dettagli

ANACIDAY 2014 28 GENNAIO

ANACIDAY 2014 28 GENNAIO ANACIDAY 2014 28 GENNAIO La progettazione dei sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore: suggerimenti per gli amministratori Perito Termotecnico Gino De Simoni Il progetto perché? È obbligatorio

Dettagli

Libretto di impianto per la climatizzazione

Libretto di impianto per la climatizzazione Libretto di impianto per la climatizzazione conforme al Decreto n. 5027 del 11.6.2014 EDIFICIO LOCALITÀ Condominio La Torre Milano INDIRIZZO via Mazzini, 12 DATA martedì 3 marzo 2015 Rif. Esempio.E7201

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : EDIFICIO : Appartamento VICENZA INDIRIZZO : COMUNE : VICENZA INTERVENTO

Dettagli

IL PROGETTO, QUESTO SCONOSCIUTO

IL PROGETTO, QUESTO SCONOSCIUTO IL PROGETTO, QUESTO SCONOSCIUTO Ing. Laurent Socal PER FARE UN INTERVENTO OCCORRE 1. Individuare le opportunità di risparmio energetico o conoscere gli obblighi 2. Decidere l intervento 3. Progettare l

Dettagli

APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE dott. ing. Luca Micheletti

APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE dott. ing. Luca Micheletti APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE dott. ing. Luca Micheletti PERCHE LE POMPE DI CALORE A SERVIZIO DEGLI IMPIANTI SONO RITENUTE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI? In una centrale termoelettrica bruciando circa 2,5

Dettagli

L uso delle valvole termostatiche

L uso delle valvole termostatiche L uso delle valvole termostatiche Ing. LAURENT SOCAL Roma, 10 12 novembre 2011 1 12/11/2011 Incominciamo dall inizio Che cos è una valvola termostatica? E un regolatore di temperatura ambiente che agisce

Dettagli

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale ALLEGATO A - REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale A.1.1 Per gli edifici residenziali della classe E.1, esclusi collegi, conventi, case

Dettagli

PER RISPARMIARE ENERGIA TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE Facciamo i conti!

PER RISPARMIARE ENERGIA TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE Facciamo i conti! POLITECNICO DI TORINO Tesi di Master Universitario di II livello EDILIZIA SOSTENIBILE ED EFFICIENZA ENERGETICA Anno Accademico 2012/2013 PER RISPARMIARE ENERGIA TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL

Dettagli

RIPARTITORI DI CALORE

RIPARTITORI DI CALORE Cedac Software by B Meters www.condominio102.it 1 www.condominio102.it RIPARTITORI DI CALORE Cedac Software by B Meters www.condominio102.it 2 Premessa Il ripartitore di calore è un dispositivo elettronico

Dettagli

APP. Rilievo radiatori Manuale d uso per dispositivi ios

APP. Rilievo radiatori Manuale d uso per dispositivi ios APP Rilievo radiatori Manuale d uso per dispositivi ios MANUALE D'USO APP Rilievo radiatori - Versione 1 Revisione 05/2015 Ogni riferimento a società, nomi, dati ed indirizzi utilizzati nelle riproduzioni

Dettagli

Edificio di classe: G

Edificio di classe: G ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici Residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice certificato 001 Validità 01/11/2019 Riferimenti catastali Foglio: 000 Particella: 000 Subalterno: 000 edificio

Dettagli

IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO SECONDO SECONDO LE NORME UNI TS/ 11300 Modulo III

IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO SECONDO SECONDO LE NORME UNI TS/ 11300 Modulo III IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO SECONDO SECONDO LE NORME UNI TS/ 11300 Modulo III FABBISOGNO DI ENERGIA PRIMARIA FABBISOGNO DI ENERGIA PRIMARIA Ai fini del calcolo dei rendimenti o delle perdite,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico

RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008 n. 8/8745 Allegato B - Relazione tecnica di cui all'articolo

Dettagli

TECNOLOGIE ED APPLICAZIONI

TECNOLOGIE ED APPLICAZIONI IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA TECNOLOGIE ED APPLICAZIONI AGIRE Agenzia Veneziana per l Energia ing. Michele Chieregato L AGENZIA VENEZIANA PER L ENERGIA FONTI RINNOVABILI EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO nr. 102 del 4 luglio 2014

DECRETO LEGISLATIVO nr. 102 del 4 luglio 2014 Convegno ANACI Verona 16/5/2015 DECRETO LEGISLATIVO nr. 102 del 4 luglio 2014 Cosa cambia nella termoregolazione e contabilizzazione individuale dei consumi 1 Date salienti delle normative di riferimento

Dettagli

Legenda per la compilazione del libretto di centrale - Scheda 1

Legenda per la compilazione del libretto di centrale - Scheda 1 Legenda per la compilazione del libretto di centrale - Scheda 1 La scheda deve essere compilata dall installatore all atto della realizzazione di un nuovo impianto, alla ristrutturazione di un impianto

Dettagli

Termoregolazione e contabilizzazione degli impianti termici di ultima generazione

Termoregolazione e contabilizzazione degli impianti termici di ultima generazione 1 Termoregolazione e contabilizzazione degli impianti termici di ultima generazione ing. Mirko Moretti Ricerca e Sviluppo Comparato 2 INDICE 1. Termoregolazione e contabilizzazione: il modulo satellite

Dettagli

Corso di Formazione CTI Modulo (B)

Corso di Formazione CTI Modulo (B) Corso di Formazione CTI Modulo (B) LA PROGETTAZIONE E LA CONDUZIONE DEI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE Coordinatore del corso: dott. Mattia Merlini Relatore: ing. Laurent Socal

Dettagli

Aiuto al dimensionamento Pompe di circolazione

Aiuto al dimensionamento Pompe di circolazione Pompe di circolazione 1 Generalità Le pompe di circolazione ad alto rendimento, equipaggiate di motori a magnete permanete o di motori «EC» (Electronic Commutation), sono tre volte più efficienti delle

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA

RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI 1. INFORMAZIONI GENERALI

Dettagli

Relazione Tecnica attestante la rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico degli edifici

Relazione Tecnica attestante la rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico degli edifici Relazione Tecnica attestante la rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico degli edifici 1. Informazioni Generali art. 28 Legge n. 10 del 09/01/91 D.Lgs. 29 dicembre

Dettagli

Contabilizzazione del calore: esperienza nell edilizia residenziale pubblica.

Contabilizzazione del calore: esperienza nell edilizia residenziale pubblica. Salvatore Pillitteri Responsabile settore impianti e certificazione energetica A.C.E.R. Ravenna Contabilizzazione del calore: esperienza nell edilizia residenziale pubblica. La contabilizzazione: Cos è?!

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B COMMITTENTE : Amministrazione comunale di Rogeno EDIFICIO : Scuola Secondaria INDIRIZZO : Rogeno,Via vecchia Casletto

Dettagli

CALEFFI. SISTEMI CALORE. RIPARTITORI CONSUMI TERMICI

CALEFFI. SISTEMI CALORE. RIPARTITORI CONSUMI TERMICI RIPARTITORI CONSUMI TERMICI PREMESSA Contabilizzazione diretta dell energia termica: determinazione dei consumi volontari di energia termica dei singoli utenti basata sull utilizzo dei contatori di calore

Dettagli

Sistemi di contabilizzazione

Sistemi di contabilizzazione Sistemi di contabilizzazione Ing. Laurent SOCAL 31/01/2011 Ing. SOCAL - Contabilizzazione individuale 1 Perché tornare al centralizzato? Riduzione dei costi di installazione Riduzione delle potenze per

Dettagli

STEA SpA. STEA SpA. EVOLVE S.r.l.

STEA SpA. STEA SpA. EVOLVE S.r.l. IL PUNTO DI VISTA DELL IMPRESA ESECUTRICE EVOLVE S.r.l. Evolve si occupa di progettare, realizzare e gestire impianti a gas naturale, cogenerazione, biomasse, reti di teleriscaldamento e servizio energia.

Dettagli

I nuovi requisiti di prestazione energetica

I nuovi requisiti di prestazione energetica Milano, 30 giugno 2015 LA DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI: EDIFICIO DI NUOVA COSTRUZIONE: è un edificio il cui titolo abilitativo sia stato richiesto dopo l entrata in vigore del presente provvedimento. Sono

Dettagli

Valvole termostatiche per termosifoni

Valvole termostatiche per termosifoni Valvole termostatiche per termosifoni La valvola termostatica è un dispositivo, che installato sui radiatori (termosifoni), permette di regolare il flusso di acqua calda. In base alla temperatura che si

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 PROGETTO ESECUTIVO PER LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEI FABBRICATI SITI

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. INFORMAZIONI GENERALI

RELAZIONE TECNICA 1. INFORMAZIONI GENERALI RELAZIONE TECNICA OPERE RELATIVE A RISTRUTTURAZIONE TOTALE/PARZIALE O MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELL'INVOLUCRO EDILIZIO DI EDIFICIO ESISTENTE CON SUPERFICIE UTILE FINO A 1000 m 2 (art.3 comma 2, lett.c,

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE E TERMOREGOLAZIONE

CONTABILIZZAZIONE E TERMOREGOLAZIONE ONTABILIZZAZIONE E TEROREGOLAZIONE 11 12.pdf 1 30/07/2013 10:55:38 ONTABILIZZAZIONE ALORE Il entro Servizi effettua il rilievo della potenza termica installata in un condominio, la lettura dei consumi

Dettagli

Contabilizzazione del calore

Contabilizzazione del calore Contabilizzazione del calore RINNOVABILI QUADRO NORMATIVO 2 RIPARTITORI CONSUMI TERMICI D.P.R. 59 Regolamento di attuazione dell articolo 4, comma 1, lettere a) e b), del decreto legislativo 19 agosto

Dettagli

Soluzione Energetica Domotecnica

Soluzione Energetica Domotecnica Soluzione Energetica Domotecnica QUALE SOLUZIONE PER I CONDOMINI CON IMPIANTO CENTRALIZZATO? Il risparmio energetico e il contenimento dei consumi negli impianti centralizzati sono determinati dal miglioramento

Dettagli

DIVISIONE Efficientamento per gli impianti termici condominiali: da obbligo ad opportunità con Autogas Nord.

DIVISIONE Efficientamento per gli impianti termici condominiali: da obbligo ad opportunità con Autogas Nord. DIVISIONE Efficientamento per gli impianti termici condominiali: da obbligo ad opportunità con Autogas Nord. Andrea Orsi Milano, 26 Novembre 2015 1 Sommario Obblighi normativi: cenni sul D.Lgs. 102/2014

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : CONI SPA EDIFICIO : PISCINA MILANO CONI INDIRIZZO : VIA MONTEVIDEO N.20

Dettagli

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Direttiva 2012/27/UE Stabilisce un quadro comune di misure per la promozione dell efficienza

Dettagli

Casi studio: Tipologie di intervento e valutazioni tecniche. Paolo Rosa

Casi studio: Tipologie di intervento e valutazioni tecniche. Paolo Rosa Casi studio: Tipologie di intervento e valutazioni tecniche Paolo Rosa Adeguamenti normativi Termoregolazione e contabilizzazione (D. Lgs. 102/2014) Obbligo di installazione di dispositivi di termoregolazione

Dettagli

Ripartizione delle spese di Riscaldamento Secondo la norma UNI 10200: in pratica si fa così

Ripartizione delle spese di Riscaldamento Secondo la norma UNI 10200: in pratica si fa così 1 Ripartizione delle spese di Riscaldamento Secondo la norma UNI 10200: in pratica si fa così Commenti e proposte per il miglioramento della norma UNI 10200 Ing. Antonio Magri ANTA operatore esperto antonio.magri31@gmail.com

Dettagli

Progetto per la realizzazione di: VILLETTA UNIFAMIGLIARE CON TIPOLOGIA A SCHIERA

Progetto per la realizzazione di: VILLETTA UNIFAMIGLIARE CON TIPOLOGIA A SCHIERA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI 1. INFORMAZIONI GENERALI

Dettagli

LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA

LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA San Giovanni in Persiceto, 11 giugno 2014 Studio Tecnico Co.Pro.Ri LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA RIFERIMENTI NORMATIVI DETRAZIONI FISCALI 65% Legge 296/2006 e ss.mm.

Dettagli

principi generali, prescrizioni normative ed analisi di un caso di studio.

principi generali, prescrizioni normative ed analisi di un caso di studio. principi generali, prescrizioni normative ed analisi di un caso di studio. Versione GENNAIO 2016 1 Copyright EDIZIONI EDILCLIMA S.r.l. Via Vivaldi, 7-28021 Borgomanero (NO tel. 0322.83.58.16 - fax 0322.84.18.60

Dettagli

La normativa italiana

La normativa italiana La normativa italiana Il D.Lgs. 102/2014 obbliga tutti gli edifici ad adottare i sistemi di termoregolazione e contabilizzazione entro il 31 dicembre 2016 La sanzione prevista èda 500 fino a 2500 per unitàimmobiliare

Dettagli

DIVISIONE CONTABILIZZAZIONE CALORE LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE SISTEMI PER LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE ED IL RISPARMIO ENERGETICO

DIVISIONE CONTABILIZZAZIONE CALORE LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE SISTEMI PER LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE ED IL RISPARMIO ENERGETICO DIVISIONE CONTABILIZZAZIONE CALORE LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE SISTEMI PER LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE ED IL RISPARMIO ENERGETICO RIFERIMENTI NORMATIVI DIVISIONE CONTABILIZZAZIONE CALORE In riferimento

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Area geografica Ubicazione intervento Regione Campania Provincia di Salerno Comune di SALERNO Via Roma, 12 Proprietà Rossi Mario Progettista Ing. Nervi Costruttore EDILCOM

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE E TERMOREGOLAZIONE DEL CALORE Condominio a Brescia PROGETTO CONTABILIZZAZIONE E TERMOREGOLAZIONE MAPPATURA POTENZE CORPI SCALDANTI

CONTABILIZZAZIONE E TERMOREGOLAZIONE DEL CALORE Condominio a Brescia PROGETTO CONTABILIZZAZIONE E TERMOREGOLAZIONE MAPPATURA POTENZE CORPI SCALDANTI CONTABILIZZAZIONE E TERMOREGOLAZIONE DEL CALORE Condominio a Brescia PROGETTO CONTABILIZZAZIONE E TERMOREGOLAZIONE MAPPATURA POTENZE CORPI SCALDANTI PROSPETTO DEI COMPONENTI Condominio Denominazione Indirizzo

Dettagli

Contabilizzazione del calore: la proposta di SIEMENS

Contabilizzazione del calore: la proposta di SIEMENS Contabilizzazione del calore: la proposta di SIEMENS Diapositiva sommario Perché contabilizzare Cenni sulle normative Tipologie d applicazione Le caratteristiche da richiedere Le linee di prodotto SIEMENS

Dettagli

Direttiva certificazione energetica. Carival 22.06.2005 1

Direttiva certificazione energetica. Carival 22.06.2005 1 Carival 22.06.2005 1 Dal 4 gennaio 2003 è in vigore la Direttiva UE del 16 dicembre 2002 che rende obbligatoria la certificazione energetica degli edifici (articolo 7). La Direttiva deve essere trasformata

Dettagli

CRITERIO DI RIPARTIZIONE UNI 10200 CONDOMINIO VIA DEL FIUME 6-8 SAN LAZZARO

CRITERIO DI RIPARTIZIONE UNI 10200 CONDOMINIO VIA DEL FIUME 6-8 SAN LAZZARO CRITERIO DI RIPARTIZIONE UNI 10200 CONDOMINIO VIA DEL FIUME 6-8 SAN LAZZARO Denominazione Codice fiscale Indirizzo civile abitazione via del Fiume n 6-8 Amministratori Edificio Nome Cognome Indirizzo Geom.

Dettagli

Soluzioni impiantistiche per ristrutturazioni edilizie e riqualificazioni energetiche. Ing Giovanni Di Giacomo

Soluzioni impiantistiche per ristrutturazioni edilizie e riqualificazioni energetiche. Ing Giovanni Di Giacomo Soluzioni impiantistiche per ristrutturazioni edilizie e riqualificazioni energetiche Ing Giovanni Di Giacomo Giovanni.digiacomo7@tin.it g.digiacomo@pec.ording.roma.it 1 Ristrutturazioni edilizie Tipologia

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA La strategia italiana per l'efficienza energetica arch. Mario NOCERA GREEN JOBS E NUOVE OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO NELL AMBITODELL EFFICIENZA ENERGETICA: STRUMENTI, INNOVAZIONI E BUONE

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA IN LOMBARDIA

DISPOSIZIONI PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA IN LOMBARDIA DISPOSIZIONI PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA IN LOMBARDIA Deliberazione di Giunta Regionale 22 dicembre 2008 N. VIII/8745 Valentina Sachero REGIONE LOMBARDIA DG Reti, Servizi di Pubblica Utilità

Dettagli

Qual è e da dove nasce l obbligo

Qual è e da dove nasce l obbligo Contabilizzazione dei consumi di riscaldamento su impianti nuovi ed esistenti: la normativa (UNI 10200) Ing. Laurent Socal 1 Qual è e da dove nasce l obbligo L obbligo riguarda la fatturazione individuale

Dettagli

Ripartizione del calore

Ripartizione del calore Ripartizione del calore Soluzioni, Risparmio, Comfort Quanto c'è da sapere per l'installazione dell'impianto nelle comuni strutture condominiali a colonne montanti Un pò di teoria... La contabilizzazione

Dettagli

DGR. 2601 del 30/11/2011

DGR. 2601 del 30/11/2011 DGR. 2601 30/11/2011 TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE UNIFAMILIARE Milano, 16/02/2012 Perito termotecnico Gino De Simoni DALLA REGIONE DGR. 2601 del 30/11/2011 L obbligo sussiste per: Potenza e vetustà

Dettagli

DIRETTIVA 2002/91/CE Dlgs 311/06 e NUOVI IMPIANTI

DIRETTIVA 2002/91/CE Dlgs 311/06 e NUOVI IMPIANTI DIRETTIVA 2002/91/CE Dlgs 311/06 e NUOVI IMPIANTI Ing. Laurent SOCAL 19/06/2007 Ing. SOCAL - Certificazione energetica 1 Allegato I Nuovi edifici Nuovo edificio applicazione integrale Ristrutturazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Comune di MILANO. Provincia di MILANO. Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico

RELAZIONE TECNICA. Comune di MILANO. Provincia di MILANO. Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Comune di MILANO Provincia di MILANO RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Decreto Legislativo 19 agosto 2005 n.192 Decreto Legislativo 29 dicembre

Dettagli

Ing. SOCAL - Legge 10/91 1

Ing. SOCAL - Legge 10/91 1 Manutenzione degli impianto di riscaldamento 19/06/2007 Ing. SOCAL - Legge 10/91 1 Legge 10/91 Oggetto: uso razionale dell energia Finalità: ridurre i consumi energetici e migliorare la compatibilità ambientale

Dettagli

Termoregolazione e Contabilizzazione del Calore

Termoregolazione e Contabilizzazione del Calore Termoregolazione e Contabilizzazione del Calore Seminario Formativo ANACI LECCO 17 Novembre 2015 Riferimenti e Obblighi Normativi LA NORMA TECNICA - UNI 10200:2015 OBBLIGO della TERMOREGOLAZIONE e del

Dettagli

CHIARIMENTI - n.2 RISPOSTE A DOMANDE PERVENUTE

CHIARIMENTI - n.2 RISPOSTE A DOMANDE PERVENUTE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ENERGIA E TECNOLOGICO PER GLI IMPIANTI DI PERTINENZA DEL COMUNE DI PISTOIA CHIARIMENTI - n.2 1. Nonostante siano state ricevute alcune richieste di proroga

Dettagli