SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA"

Transcript

1 SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA Questa esercitazione si compone di quattro parti, ciascuna riguardante gli argomenti svolti in aula a lezione. Per ciascun argomento, trovate un esercizio che sarà svolto in aula durante l esercitazione e degli esercizi aggiuntivi, utili per comprendere meglio l argomento in questione. PARTE PRIMA - CONTABILITA NAZIONALE ESERCIZIO DA SVOLGERE AD ESERCITAZIONE TRATTO DALLA PROVA GENERALE DEL FEBBRAIO 2007

2 SOLUZIONE a) b) RICORDA: PNL: PRODOTTO NAZIONALE LORDO è il valore di mercato dei beni e servizi finali prodotti dalla forza lavoro e dagli altri fattori produttivi forniti dai residenti di un certo paese. PIL: PRODOTTO INTERNO LORDO è il valore di mercato dei beni e servizi finali prodotti dalla forza lavoro e dagli altri fattori produttivi situati in un certo paese. 2

3 ) ESERCIZI AGGIUNTIVI Considerate l economia chiusa del paese di Narnia, dove sono prodotti solo tre beni: mele, legno e lampioni. I prezzi e le quantità vendute per ognuno dei beni nel 988 e nel 998 sono riassunti nella tabella che segue QUANTITA Mele (kg) 0 7 Legno (kg) 0 3 Lampioni 8 PREZZI Mele (al kg) $2,8 $3,0 Legno (kg) $0,70 $0,85 Lampioni $4,00 $4,50 a) Calcolate il PIL nominale nel 988 e nel 998. b) Calcolate il PIL reale nel 988 e nel 998 ai prezzi dell anno 988 (usando cioè il 988 come anno-base). c) Calcolate il deflatore del PIL nel 988 e nel 998. d) Calcolate la variazione percentuale del PIL reale e del deflatore del PIL tra il 988 ed il 998. SOLUZIONE a) PIL NOMINALE 988 0*2,8+0*0,7+8*4=67$ PIL NOMINALE 998 7*3,+3*0,85+*4,5=82,25$ b) PIL REALE 988 = PIL NOMINALE 988 dato che usiamo come anno base il 988 PIL REALE 998 (ricorda usiamo come anno base il 988, quindi moltiplicheremo le quantità prodotte nel 998 per i prezzi in vigore nel 988). 7*2,8+3*0,7+*4=72,7$ c) DEFLATORE del PIL: PIL no min ale Yt Pt = = PIL reale Yt Deflatore del PIL 988. Y988/Y988=$67/$67= 3

4 Deflatore del PIL 998. Y998/Y998=$82,25/$72,7=,3 Ricorda che il deflatore del PIL è un numero indice che dà il prezzo medio dei beni inclusi nel PIL, cioè dei beni finali PRODOTTI nell economia. Invece, il CPI ovvero l indice dei prezzi al consumo riguarda i prezzi dei beni che si CONSUMANO. Tutti e due gli indici sono utili agli economisti al fine di calcolare il livello dei prezzi e di conseguenza l INFLAZIONE. d) Variazione del PIL reale $72,7 $67 $67 = 8,5% Variazione del deflatore,3 = 3% 2) Considerate l economia della Polonia, costituita da tre imprese: IMPRESA SIDERURGICA RICAVI $400 COSTI (SALARI) $340 PROFITTI $60 IMPRESA ITTICA RICAVI $200 COSTI (SALARI) $60 PROFITTI $40 IMPRESA AUTOMOBILISTICA RICAVI $000 SALARI $500 ACQUISTI ACCIAIO $400 PROFITTI $00 4

5 a) Calcolate il PIL di questa economia usando l approccio dei beni finali. b) Calcolate il valore aggiunto di ognuna delle tre imprese ed ottenete il PIL usando questo approccio. c) Calcolate i salari ed i profitti totali di questa economia. Dati i vostri calcoli, usate l approccio dei redditi per calcolare il PIL. d) Quale percentuale del PIL prende la forma di retribuzioni ai lavoratori e quale di profitti alle imprese? SOLUZIONE a) Il PIL è il valore dei beni e dei servizi FINALI prodotti nell economia in un dato periodo di tempo. Impresa siderurgica Produzione Finale = 0 dato che l acciaio non è un bene finale. Impresa ittica Produzione Finale = $200. Impresa automobilistica Produzione Finale = $000. PIL dell economia = 0+$200+$000=$200. b) Il PIL è la somma del VALORE AGGIUNTO nell economia in un dato periodo di tempo. $400. Impresa siderurgica Valore aggiunto = Ricavi = Impresa ittica Valore aggiunto = Ricavi = $200. Impresa automobilistica Valore aggiunto = Ricavi Acquisti Acciaio = $600. PIL dell economia = $400+$200+$600=$200. c) Il PIL è la somma dei REDDITI dell economia in un dato periodo di tempo. Impresa siderurgica Redditi = Salari + Profitti = $340+$60=$400. 5

6 Impresa ittica Redditi = Salari + Profitti = $60+$40=$200. Impresa automobilistica Redditi = Salari + Profitti = $500+$00=$600. PIL dell economia = $400+$200+$600=$200. d) SALARI = $340+$60+$500=$000. PROFITTI = $60+$40+$00=$200. % salari sul PIL = $000/$200=83% % profitti sul PIL = $200/$200=7% 3) TRATTO DALLA PROVA GENERALE GENNAIO 2006 Durante l anno t si verificano le seguenti attività. Un azienda estrae oro pagando un monte salari pari a 50 euro ai suoi dipendenti. Tale materia viene poi venduta complessivamente per 200 euro a un orefice nazionale che la usa per produrre bracciali da vendere al dettaglio. Il ricavo complessivo dell orefice è di 800 euro (di cui 300 li ricava vendendo bracciali all estero, mentre i restanti 500 dalla vendita dei bracciali sul territorio nazionale). L orefice paga un monte salari pari a 00 euro ai suoi artigiani. Le imposte indirette pagate dall orefice ammontano a 50 euro, mentre l azienda di estrazione paga imposte indirette per 20 euro. a) Calcolate il PIL secondo le tre modalità note, fornendo anche una definizione per ciascuno dei modi di calcolo proposti. Definizione A: Il PIL è il valore dei beni e dei servizi finali prodotti nell economia in un dato periodo di tempo: 800 euro (la vendita al dettaglio dei bracciali). Definizione B: Il PIL è la somma del valore aggiunto nell economia in un dato periodo di tempo. somma dei valori aggiunti = (200) + ( ) =

7 Definizione C: Il PIL è la somma dei redditi di tutta l economia in un dato periodo di tempo. Redditi totali = salari totali + profitti totali + imposte = [50+00] + [( ) + ( )] + [20+50]= = 800 b) L anno successivo (t+) il governo decide di abolire le imposte indirette. Calcolate il tasso di crescita del PIL tra t e t+. Nell ipotesi in cui non vi sia traslazione delle imposte sul consumatore in t+ il PIL sarà ancora 800, per cui il tasso di crescita del PIL risulterà pari a 0. Nell ipotesi in cui vi sia traslazione delle imposte sul consumatore il PIL in t+ diminuirà di 70. In questo caso il tasso di crescita risulterà pari a -8,75%. 7

8 PARTE SECONDA MERCATO DEI BENI ESERCIZIO DA SVOLGERE AD ESERCITAZIONE Considerate il seguente modello per l economia del Paese di Antares: Y=C+I+G C=20+0,6Yd T=00; I=200; G=200 a)calcolate il reddito di equilibrio, il consumo ed il risparmio. b) Ipotizzate ora che le tasse siano endogene, T=0,2Y (mantenendo gli altri dati invariati al punto a)). Confrontate il moltiplicatore ed il reddito di equilibrio ottenuti in questo caso con quelli calcolati al punto a). c) Ipotizzate ora che gli investimenti siano endogeni I = I + dy con I = 00 e d=0,3 (mantenendo gli altri dati invariati al punto a)). Confrontate il moltiplicatore ed il reddito di equilibrio ottenuti in questo caso con quelli calcolati al punto a). d) Ipotizzate ora che la spesa pubblica sia endogena e pro ciclica, G=0,Y (mantenendo gli altri dati invariati al punto a)). Confrontate il moltiplicatore ed il reddito di equilibrio ottenuti in questo caso con quelli calcolati al punto a). e) Ipotizzate ora che I, G e T siano endogeni in contemporanea (usando i dati dei punti b,c,d). Confrontate il moltiplicatore ed il reddito di equilibrio ottenuti in questo caso con quelli calcolati al punto a). 8

9 SOLUZIONE a) La produzione d equilibrio di breve periodo è data dal Z = C + I + G seguente sistema:. Y = ( c0 + I + G ct ). Y = Z c Y = ,6( Y 00) Y = [ ( 0,6 00) ] = 2,5 360 = 900 0,6 C = , = ; S = Y T C = = 300 b) Se T=0,2Y ( ) 500 ( c + I G) Y = c + c t + 0 Y = ,6( Y 0,2Y ) Y = 0,6 + 0,2 [ ] =, = 808 Il moltiplicatore è diminuito: c 2,5 >,923 > c + c t Il reddito è diminuito, da 900 a 808 per effetto della riduzione del moltiplicatore, anche se la spesa autonoma è aumentata da 360 a 420. c) Se I=00+0,3Y ( ) ( c I G c T ) c + d Y = Y = ,6( Y 00) ,3Y Y = 0,6 0,3 [ ] = = 2600 Il moltiplicatore è aumentato: c 2,5 < 0 < ( c + d ) 9

10 Il reddito è aumentato da 900 a 2600, grazie all aumentare del moltiplicatore. d) Se G=0,Y = c g c I c T Y ( ) ( ) Y Y = ,6( Y 00) ,Y = 0,6 0, [ ] = 3,33x60 = 533 Il moltiplicatore è aumentato: c 2,5 < < 3,33 ( c + g) Il reddito è diminuito da 900 a 533, per effetto della riduzione della componente autonoma, infatti, ora la spesa pubblica dipende solo dal reddito, in quanto il moltiplicatore è aumentato rispetto al caso esogeno. e) Se tutte le componenti sono endogene: Y Y Y = ( ) ( c ) 0 + I c ( t) + g + d = ,6( Y 0,2Y ) ,3Y + 0,Y = 20 = 8,33x20 = 000 (0,6( 0,2) + 0, + 0,3) Notate che il moltiplicatore è aumentato da 2,5 a 8,33, grazie alla propensione marginale degli investimenti al reddito ed alla propensione marginale della spesa pubblica al reddito. L impatto della propensione marginale delle imposte al reddito non riesce a ridurre il moltiplicatore. Il reddito aumenta da 900 a 000. Anche in questo caso, come visto precedentemente il reddito aumenta grazie all effetto del moltiplicatore ma attenzione c è anche un effetto di riduzione della componente autonoma che fa sì che il reddito non aumenti in maniera notevole come ci aspetteremmo. 0

11 ) ESERCIZI AGGIUNTIVI Supponete che le componenti della domanda aggregata del Giappone siano: c0=00 c=0,5 T=00 I=300 G=200 a) Ricavate la funzione di consumo e della domanda aggregata. b) Ricavate il moltiplicatore ed il reddito di equilibrio Y = Z. c) Ipotizzate una riduzione degli investimenti autonomi pari a 00. d) Ipotizzate che gli investimenti non siano esogeni: I=200+dY Dove d=0,2 Calcolate il valore della produzione di equilibrio ed il moltiplicatore. e) Supponiamo che d=0,. Calcolate il suo nuovo equilibrio ed il nuovo moltiplicatore. SOLUZIONE a) La funzione di consumo è data da: C=c0+c(Y-T)=00+0,5(Y-00) La funzione di domanda aggregata è data da: Z=C+I+G=c0+c(Y-T)+I+G=00+0,5(Y-00) b) In equilibrio: Y = Z Y = 00+0,5(Y-00) Y = 600+0,5Y-50 Y = 550+0,5Y Y=550/(-0,5)=00 Ricorda:

12 Y = [/(-c)](c0+i+g-ct) (c0+i+g-ct) = la componente di domanda di beni che non dipende dal livello di produzione, SPESA AUTONOMA A [/(-c)] = MOLTIPLICATORE = = 2 c 0,5 MOLTIPLICATORE Graficamente il punto b) c) Consideriamo una variazione degli investimenti, calcolando la variazione di reddito nel seguente modo: ΔY = ΔI = 00 = 200 c c ΔY = 200 Y = = 900 nuovo reddito di equilibrio. In alternativa: Partendo da tutta la formula di Y Y=450+0,5Y Y=900 Y = 00+0,5(Y-00) Graficamente il punto b) ed il punto c) d) Ora gli investimenti sono : 2

13 I=200+dY dove d=0,2 Y=c0+c(Y-T)+I+G=00+0,5(Y-00)+200+0,2Y+200 Y=500+0,5Y-50+0,20Y Y=450+0,5Y+0,2Y Y=450/(-0,5-0,2)=500 Y = [/(-c-d)](c0+i+g-ct) MOLTIPLICATORE = [/(-c-d)] = [/(-0,5-0,2)]= 3,33 (>2 moltiplicatore del punto precedente). Notiamo ora che l effetto del moltiplicatore è maggiore. e) Con d=0, Y=c0+c(Y-T)+I+G=00+0,5(Y-00)+200+0,Y+200 Y=450+0,5Y+0,Y Y=[/(-c-d)]450=25 2,5 MOLTIPLICATORE = [/(-c-d)] = [/(-0,5-0,)]= La diminuzione del coefficiente d modifica l inclinazione della curva della domanda aggregata che diviene meno ripida. Qualsiasi variazione della spesa autonoma avrà un impatto maggiore sul reddito di equilibrio, quanto è maggiore il moltiplicatore. 3

14 Graficamente il punto d) ed il punto e) 2) Supponete un economia chiusa rappresentata dalle seguenti equazioni: C=300+0,5Yd T=200 I=00 G=500 a) Calcolate il livello di equilibrio della produzione ed il moltiplicatore. b) Supponete che a seguito di un aumento del grado di fiducia dei consumatori il consumo autonomo da 300 a 500. Calcolate il nuovo equilibrio, qual è la variazione di produzione? Cambia il moltiplicatore? c) Supponiamo che T=0,30Y (gli altri dati rimangono uguali al punto a)) (ora le imposte sono proporzionali al reddito). Calcolare la nuova produzione di equilibrio ed il nuovo moltiplicatore. d) Ipotizzate il caso in cui t diminuisce T=0,Y. Calcolate il nuovo equilibrio ed il nuovo moltiplicatore. 4

15 SOLUZIONE a) Y = Z Y=300+0,5(Y-200) Y=800+0,5Y Y=800/(-0,5)=600 MOLTIPLICATORE = = 2 c 0,5 Graficamente il punto a) b) Y=500+0,5(Y-200) Y=000+0,5Y Y=(/-0,5)000=2000 ΔY = Δc0 = 200 = 400 c 0,5 + ΔY =

16 Graficamente il punto a) ed il punto b) Il moltiplicatore è uguale al punto precedente. La domanda aumentata di 200, le imprese rispondono incrementando la produzione dello stesso ammontare, quindi Y di 200 ed il consumo aumenta di (0,5*200) = 00 e ciò implica che le imprese aumentano il reddito di nuovo. c) T=0,3Y t=0,3 (ricorda 0<t<) Y=300+0,5(Y-0,3Y) Y=900+0,35Y Y = (/(-0,5+0,5*0,3))*900= Attenzione il coefficiente che lega le imposte al reddito (t) va moltiplicato con il coefficiente della propensione marginale al consumo(c), dato le imposte vanno sottratte al reddito al fine di determinare il reddito disponibile. Y=[/(-c+c*t)]*A 6

17 NUOVO MOLTIPLICATORE = =,538 c + tc 0,5 + 0,5 Ora il moltiplicatore è diminuito rispetto al caso precedente 2>,538. d) T=0,Y t=0,3 (ricorda 0<t<) Y=300+0,5(Y-0,Y) Y=900+0,45Y Y=(/(-0,5+0,5*0,))*900= Se t C Y NUOVO MOLTIPLICATORE = =,82 c + tc 0,5 + 0,05 Il moltiplicatore è aumentato. Graficamente il punto c) ed il punto d): 7

18 3) Assumete le seguenti equazioni di comportamento dell economia: C = c 0 + c (Y-T) T = t 0 + t Y Considerando che la spesa pubblica e gli investimenti sono dati. a) Calcolate il reddito di equilibrio, confrontando il moltiplicatore trovato con quello del caso generale. b) Perché la politica fiscale è chiamata uno stabilizzatore automatico in questo caso? SOLUZIONE a) Assumete le seguenti equazioni di comportamento dell economia: C = c0 + c (Y-T) () T = t + t d 0 Y (2) Y = Y T (3) si ricordi che per un economia chiusa in equilibrio vale che: Y= Z=C+I+G (4).Sostituendo la () e la (2) in (4) si ottiene: Y= + (Y- ( + t Y)) + I + G c0 c t0 e risolvendo per Y si ottiene: Y = ( c0 + I + G ct 0 ) c + c t (5) Il moltiplicatore è t c + c t che è minore di c (situazione in cui =0). Quindi l economia risponde di più a cambiamenti della spesa autonoma quando t è basso. Se aumenta la spesa autonoma, il reddito aumenterà, ma tale 8

19 aumento sarà mitigato dall innalzamento automatico delle tasse ( che, infatti, sono legate al reddito). Se diminuisce la spesa autonoma, accade il contrario, la caduta delle tasse (a causa della diminuzione del reddito) tende ad attenuare la caduta del reddito. b) Perché le tasse hanno un effetto automatico di stabilizzazione sull economia. Se le tasse sono legate al reddito, la produzione risente meno di variazioni della spesa autonoma rispetto al caso in cui ci siano tasse fissate esogenamente. La produzione ed il consumo sono quindi meno volatili con tasse endogene. 9

20 PARTE TERZA MERCATO DELLA MONETA ESERCIZIO DA SVOLGERE AD ESERCITAZIONE TRATTO DAL PRIMO PARZIALE PER STUDENTI A DEBITO

21 ESERCIZI AGGIUNTIVI ) Nel paese di Transilvania la quantità di moneta (M) nel 2008 è stata pari a 600 miliardi di Euro. Nello stesso anno la proporzione di moneta detenuta in circolante (c) ed il rapporto riserve/depositi (θ) hanno assunto i seguenti valori: c=0,4 e θ =0,2. a) Calcolate quale è stata l offerta di base monetaria nel 2008; b) Supponete che la Banca centrale di Transilvania possa controllare perfettamente la proporzione di moneta detenuta in circolante(c). Se nel 2009 si vuole aumentare la quantità di moneta fino a 800 miliardi, quale sarà la variazione necessaria di c supponendo che H e θ rimangano invariati ai livelli del 2008? SOLUZIONE a) La relazione tra base monetaria e offerta complessiva di moneta è: H = M [ c + θ* ( c) ] Sostituendo i valori del nostro esercizio abbiamo: H = 600 *[ 0,4 + 0,2 * ( 0,4) ] H = 600 0,52 H = 32 b) Per determinare la proporzione di moneta detenuta in circolante(c) coerente con gli obiettivi della banca centrale si deve ricavare il nuovo valore di c dall equazione che esprime la relazione tra base monetaria e offerta di moneta: 800 = 32 0,2 *( 800 = [ c + c) ] [ c + 0,2 0,2c] c c = c = = 0, Δc = 0,2375 0,4 = 0, 625 2

22 Ricorda il moltiplicatore monetario è: [ c + θ ( c)] In caso in cui c=0 diventa θ. 2) Il paese di Marzapane ha un reddito annuo nominale ($Y) di Euro. Supponete che la domanda di moneta dipenda dal tasso di interesse e dal reddito secondo la seguente funzione M d =$Y*(0,5-i). a) Calcolate la domanda di moneta in corrispondenza di i=3% e di i'=2%, e spiegate economicamente le variazioni osservate. b) Supponete che la quantità di moneta offerta sia data e pari a Euro. Rappresentate graficamente la condizione di equilibrio del mercato della moneta. Supponete ora che il reddito nominale si riduca a Euro. Calcolate e rappresentate graficamente gli effetti di tale variazione sull equilibrio del mercato monetario. Giustificate economicamente il risultato ottenuto. SOLUZIONE a) i = 0,03 M d = *(0,5-0,03) = i = 0,02 M d = *(0,5-0,02) = Al diminuire del tasso di interesse la domanda di moneta ( M d = $ Y * L( i) ) aumenta in quanto diminuisce il suo costo opportunità rispetto all alternativa di detenere titoli ( i M ). b) M s = M d = *(0,5-i) i*=0, 22

23 Se $Y diminuisce fino a Euro, allora l'equilibrio diventa: = *(0,5-i) i*=0,045 Y i ATTENZIONE PER L INTERCETTA: M d = *(0,5-i) M d / =0,5-i i=0,5- M d / Intercetta asse ordinate (verticale) 0,5 ovvero 50% Con il nuovo reddito: M d = *(0,5-i) M d / =0,5-i i=0,5- M d / Intercetta asse ordinate è sempre 0,5 ovvero 50% Invece l intercetta sull asse orizzontale cambia. M d = *(0,5-i) M d = i intercetta asse ascisse. Con il nuovo reddito M d = *(0,5-i) M d = i intercetta asse ascisse. 23

24 3) TRATTO DALLA PROVA GENERALE DEL LUGLIO 2006 a) SOLUZIONE b) 24

25 PARTE QUARTA MODELLO IS LM ESERCIZIO DA SVOLGERE AD ESERCITAZIONE Considerate un modello macroeconomico in cui sia il consumo che l investimento dipendono dal reddito, nel seguente modo: C=200+0,8Y d con T=00 G=00 I=30+d Y-d 2 i con d =0, e d 2 =0,3 L=f Y-f 2 i M s /P=00 con f =0,2 e f 2 =000 a) Ricavate l espressione analitica della curva IS. b) Nel caso in cui l investimento non dipenda dal reddito (d =0), come si modifica la curva IS? Fornite una spiegazione economica del risultato. c) Ora d =0,, invece d 2 =0. Come sarà graficamente la curva IS? Fornite una spiegazione economica. d) Ricavate l espressione per la curva LM. e) Nel caso in cui f 2 =0, come si modifica la curva LM? f) Supponete che la sensibilità della domanda di moneta al tasso di interesse sia infinitamente elevata. Come disegnereste la curva LM? g) Calcolate il reddito di equilibrio ed il tasso di interesse di equilibrio nei seguenti casi: ) IS e LM date dal testo; 2) IS con d =0 e LM data dal testo; 3) IS con d 2 =0 e LM data dal testo; 4) IS data dal testo e LM con f 2 =0; 5) IS data dal testo e LM con f 2 =infinito. h) Per i casi sopra indicati, quali politiche hanno effetto sul livello di produzione e sul tasso di interesse? 25

26 SOLUZIONE a) Y=200+0,8(Y-00) ,Y-0,3i Y=250+(0,8+0,)Y-0,3i Y=2500-3i i = (2500/3)-(Y/3) 833,33 intercetta asse ordinate 2500 intercetta asse ascisse -/3 pendenza b) Se d=0 gli investimenti diventano I=30-0,3i Y=200+0,8(Y-00) ,3i Y=250+0,8Y-0,3i Y=250-(3/2)i i= (2/3)y intercetta 250 intercetta asse ascisse -2/3 pendenza Se gli investimenti sono in funzione del reddito, una riduzione del tasso di interesse stimola un loro aumento sia direttamente (attraverso d2) sia indirettamente a causa dell aumento del reddito determinato dall aumento iniziale degli investimenti (attraverso d). Vale la relazione: 26

27 d2 ΔY = Δi c d Se I non è in funzione del reddito abbiamo soltanto l effetto DIRETTO: d2 ΔY = Δi c A parità di riduzione di i, la variazione di reddito è maggiore nel primo caso in cui la curva IS è meno ripida. c) d=0, d2=0 I=I*+dY Gli investimenti non dipendono dal tasso di interesse Y=200+0,8(Y-00)+30+0,Y+00 Y=250+0,9Y Y*=2500 Dato che IS non dipende dal tasso di interesse, sarà una retta verticale e già senza la curva LM possiamo ricavare il reddito di equilibrio. 27

28 d) Curva LM: M + = L( Y, i) P 00=0,2Y-000i i=0,0002y-0, 0,0002 pendenza (positiva) -0, intercetta asse ordinate(negativa) 500 intercetta asse ascisse e) f2=0 L=fY La curva LM non dipende dal tasso di interesse: 00=0,2Y Da tale curva siamo in grado di ricavare il reddito di equilibrio Y*=500. La curva LM sarà in questo caso verticale: 28

29 Ipotizziamo che la domanda di moneta sia insensibile al livello di reddito, quindi f=0: 00=-000i In questo caso avremo un tasso di interesse negativo i=-0. e la curva LM sarà piatta, perciò non dipende dal reddito e qualsiasi variazione di della domanda aggregata sono inefficienti al fine di rendere il tasso di interesse positivo. f) Se f2 infinito L inclinazione della curva LM diventa: f = f 0 f 2 Perciò la curva LM diventa orizzontale: Questa ipotesi è chiamata TRAPPOLA DELLA LIQUIDITA perché la domanda di moneta è insensibile alle variazioni del tasso di interesse, il mercato finanziario sopporterà una qualunque iniezione di moneta senza che il tasso di interesse si modifichi. 29

30 Questa situazione ha caratterizzato il GIAPPONE, dove a causa dei bassissimi tassi di interesse la Banca Centrale ha avuto difficoltà nel realizzare politiche di espansione monetaria. Tale situazione, fu definita la prima volta da J.M. Keynes, che si verifica quando, in corrispondenza di un tasso d'interesse molto basso, la domanda di moneta per fini speculativi diventa illimitata poiché i risparmiatori si aspettano un aumento del saggio d'interesse e quindi preferiscono detenere moneta in forma liquida piuttosto che investirla. Un basso livello del tasso d'interesse costituisce uno dei maggiori incentivi agli investimenti privati. Come si ravvisa in figura le autorità di governo potrebbero porsi come obiettivo quello di ridurre il tasso d'interesse aumentando l'offerta di moneta (da Ms a Ms2). In questo caso il tasso d'interesse scenderebbe fino al livello i2. Tuttavia, oltre quel punto ogni ulteriore immissione di liquidità nel circuito economico non avrebbe effetti sul saggio d'interesse (come è dimostrato dallo spostamento della retta dell'offerta in Ms3). g) ) IS+LM i=833,33-/3y i=0,0002y-0, IS LM Uguagliamo le due curve: 833,33-/3Y=0,0002Y-0, 30

31 Y*= Reddito di equilibrio Sostituiamo il reddito di equilibrio nella curva LM per trovare il tasso di interesse di equilibrio: i*=0,0002*(2498.8)-0,= Tasso di interesse di equilibrio 2) IS con d=0 + LM i= /3y i=0,0002y-0, IS LM Come prima ricaviamo Y* ed i*: Y*=249.7 i*=0.49 (i risultati possono essere leggermente diversi a seconda dell approssimazione) Notate che sia il reddito che il tasso di interesse di equilibrio si è ridotto, questo è dovuto dal fatto che gli aumenti di reddito nella curva IS dipendano esclusivamente da un effetto diretto su Y e non anche da un effetto indiretto sugli investimenti (quindi tramite d). 3) IS con d2=0 + LM Y*=2500 dalla IS Sostituiamo questo valore nella LM: i*=0,0002y-0,= 0,0002*2500-0,=0.4 4) IS+LM con f2=0 Y=2500-3i Y*=500 IS LM Uguagliando IS=LM i=500 i=666,66 interesse) (altissimo tasso di 5) IS+LM con f2=infinito Approssimiamo f2= infinito= Y=2500-3i IS 00=0,2Y i LM Da cui ricaviamo: Y*= i*=0, Tasso di interesse bassissimo vicino alo zero, come vuole la Trappola della Liquidità. 3

32 h) Efficacia delle Politiche economiche: IS+LM caso tradizionale: Politica Monetaria effetti su Y ed i Politica Fiscale effetti su Y ed i GRAFICAMENTE POTETE NOTARE: i B LM i' B LM' (P.M. espansiva) i B =i B B B B IS' (P.F. espansiva) IS Y B Y B Y B Y Ipotizziamo un aumento della spesa pubblica: la curva IS si sposta verso l alto a destra, se G aumenta, aumenta il reddito di equilibrio ed aumenterà anche il 32

33 tasso di interesse di equilibrio. Ma ciò provoca un effetto ambiguo, in quanto se aumenta il tasso di interesse, gli investimenti si riducono e di conseguenza anche il reddito si riduce. Per conoscere l effetto finale dobbiamo considerare l impatto positivo dell aumento di G confrontato con l impatto negativo della riduzione degli investimenti. Quindi tale politica fiscale ha effetti sia su i che su Y. (Provate a vedere cosa accade se si riduce G oppure aumentano T) Ipotizziamo un aumento dell offerta di moneta: la curva LM si sposta verso il basso, aumenta l offerta di moneta, la riduzione di domanda di moneta provoca una riduzione dei titoli che induce un aumento del loro prezzo, (data la nota relazione inversa tra prezzo dei titoli e tasso d interesse) i diminuisce, gli investimenti aumentano e così anche Y aumenta (se i diminuisce, gli investimenti aumentano, canale diretto), dato che gli investimenti dipendono da Y, gli investimenti aumenteranno maggiormente (canale indiretto). (Provate a vedere cosa accade se diminuisce l offerta di moneta). IS con d=0 +LM: Politica Monetaria effetti su Y ed i Politica Fiscale effetti su Y ed i GRAFICAMENTE POTETE NOTARE: i B LM i' B LM' (P.M. espansiva) i B =i B B B B IS' (P.F. espansiva) IS Y B Y B Y B Y 33

34 Ipotizziamo un aumento della spesa pubblica: la curva IS si sposta verso l alto a destra, se G aumenta, aumenta il reddito di equilibrio ed aumenterà anche il tasso di interesse di equilibrio. Ma ciò provoca un effetto ambiguo, in quanto se aumenta il tasso di interesse, gli investimenti si riducono e di conseguenza anche il reddito si riduce. Per conoscere l effetto finale dobbiamo considerare l impatto positivo dell aumento di G confrontato con l impatto negativo della riduzione degli investimenti. Quindi tale politica fiscale ha effetti sia su i che su Y. (Provate a vedere cosa accade se si riduce G oppure aumentano T) Ma gli effetti in questo caso saranno minori rispetto al caso precedente, perché gli investimenti non dipendono dal reddito. Ipotizziamo un aumento dell offerta di moneta: la curva LM si sposta verso il basso, aumenta l offerta di moneta, la riduzione di domanda di moneta provoca una riduzione dei titoli che induce un aumento del loro prezzo, (data la nota relazione inversa tra prezzo dei titoli e tasso d interesse) i diminuisce, gli investimenti aumentano e così anche Y aumenta, ma l aumento del reddito è minore in questo caso rispetto al caso precedente in cui gli investimenti dipendono dal reddito. (Provate a vedere cosa accade se diminuisce l offerta di moneta). Ma gli effetti in questo caso saranno minori rispetto al caso precedente, perché gli investimenti non dipendono dal reddito. 34

35 IS verticale + LM: Politica Monetaria non ha effetti su Y, ma ha effetti su i Politica Fiscale effetti su Y ed i GRAFICAMENTE POTETE NOTARE: i' B i B LM LM' (P.M. espansiva) B i B B B i B IS IS (P.F. espansiva) Y B Y B Y B Y Ipotizziamo un aumento della spesa pubblica: la curva IS si sposta verso destra, se G aumenta, aumenta il reddito di equilibrio ed aumenterà anche il tasso di interesse di equilibrio. In questo caso gli investimenti 35

36 non dipendono dal tasso di interesse, quindi non abbiamo nessun effetto ambiguo. Quindi tale politica fiscale ha effetti sia su i che su Y. (Provate a vedere cosa accade se si riduce G oppure aumentano T). Ipotizziamo un aumento dell offerta di moneta: la curva LM si sposta verso il basso, aumenta l offerta di moneta, la riduzione di domanda di moneta provoca una riduzione dei titoli che induce un aumento del loro prezzo, (data la nota relazione inversa tra prezzo dei titoli e tasso d interesse) i diminuisce. Ma gli investimenti non dipendono dal tasso di interesse, quindi non ci sarà nessun effetto sul reddito, determinato esclusivamente dalla curva IS. IS + LM verticale: Politica Monetaria effetti su Y ed i Politica Fiscale non ha effetti su Y, ma ha effetti su i i LM LM' (P.M. espansiva) i' B B i BB B B i B IS' (P.F. espansiva) IS Y B Y B Y B Y Ipotizziamo un aumento della spesa pubblica: la curva IS si sposta verso l alto, se G aumenta, ma il reddito di equilibrio non aumenta dato che è fissato dalla curva LM (il reddito aumenta, ma si riduce nella stessa 36

37 misura considerando la variazione negativa degli investimenti all aumentare del tasso di interesse e quindi il reddito rimane invariato) invece aumenta il tasso di interesse di equilibrio. La curva LM non è sensibile alle variazioni del tasso di interesse. (Provate a vedere cosa accade se si riduce G oppure aumentano T) Ipotizziamo un aumento dell offerta di moneta: la curva LM si sposta verso il basso a destra, aumenta l offerta di moneta, la riduzione di domanda di moneta provoca una riduzione dei titoli che induce un aumento del loro prezzo, (data la nota relazione inversa tra prezzo dei titoli e tasso d interesse) i diminuisce, gli investimenti aumentano e così anche Y aumenta (se i diminuisce, gli investimenti aumentano, canale diretto), dato che gli investimenti dipendono da Y, gli investimenti aumenteranno maggiormente (canale indiretto). (Provate a vedere cosa accade se diminuisce l offerta di moneta). IS + LM orizzontale: Politica Monetaria effetti su Y ed i Politica Fiscale effetti su Y, ma non ha effetti su i i i BB B LM i B i BB B LM' (P.M. espansiva) B IS' (P.F. espansiva) IS Y B Y B Y B Y 37

38 Ipotizziamo un aumento della spesa pubblica: La curva IS si sposta verso l alto, se G aumenta, aumenta il reddito di equilibrio, ma il tasso di interesse è fisso, data la pendenza della curva LM. Quindi tale politica fiscale ha effetti solo su Y e non su i. (Provate a vedere cosa accade se si riduce G oppure aumentano T). Ipotizziamo un aumento dell offerta di moneta: La curva LM si sposta verso il basso, aumenta l offerta di moneta, la riduzione di domanda di moneta provoca una riduzione dei titoli che induce un aumento del loro prezzo, (data la nota relazione inversa tra prezzo dei titoli e tasso d interesse) i diminuisce, gli investimenti aumentano e così anche Y aumenta (se i diminuisce, gli investimenti aumentano, canale diretto), dato che gli investimenti dipendono da Y, gli investimenti aumenteranno maggiormente (canale indiretto). (Provate a vedere cosa accade se diminuisce l offerta di moneta). ) ESERCIZI AGGIUNTIVI Considerate un economia chiusa agli scambi con l estero descritta dalle seguenti equazioni di comportamento: C=c 0 +c Y d con c 0 =00, c =0,3 I=d Y-d 2 i per d =0,2, d 2 =000 G=00 T=00 M d /P=f Y-f 2 i per f =0,5, f 2 =000 M s /P=20 a) Ricavate le equazioni delle curve IS e LM, e calcolate i valori d equilibrio di reddito e tasso d interesse e rappresentate graficamente. 38

39 i 7,5% 90 LM IS Y Usando le espressioni: c d IS: i = ( c0 + G ct ) Y d2 d2 s f M LM: i = Y f2 f2 P E sostituendo i dati forniti dall esercizio, otteniamo: Y 20 = ( *00) Y da cui Y=90 e sostituendo tale risultato nell espressione della curva LM, otteniamo i=0,075. b) Si spieghi in dettaglio cosa accade al tasso d interesse e al reddito in seguito alla vendita di titoli sul mercato aperto da parte della banca centrale. La vendita di titoli sul mercato aperto drena moneta dal mercato. Di conseguenza si crea uno scompenso tra domanda e offerta di moneta (eccesso di domanda di moneta) e uno speculare scompenso tra domanda e offerta di titoli (eccesso di offerta di titoli). Il prezzo dei titoli scende e il tasso d interesse aumenta. Gli investimenti reagiscono negativamente all aumento 39

40 2) TRATTO DALLA PRIMA PROVA PARZIALE

41 3) L economia di Cioccolandia può essere rappresentata dal seguente modello IS-LM. C = Y T = 00 G = 00 I = 300 L = fy f 2i f = 0.5 f = M P s = 00 d a) Scrivete le equazioni del modello IS-LM, sostituendo i valori dati. Calcolate analiticamente il tasso di interesse ed il reddito di equilibrio. Riportate il grafico con le curve del modello IS-LM e l equilibrio trovato. b) Mostrate gli effetti sul livello del reddito e sul tasso di interesse, nel caso di una variazione dell offerta di moneta di 200. a) SOLUZIONE Curva IS: Y=C+I+G Y= (Y-00) Y= Y-20 Y(-0.2)=880 Y*= 880 = Curva LM: P M s = fy f2i 00=0.5Y-2000i 4

42 0.5Y= i Sostituisco Y*= = i i*=0.225 IS LM LM i* A LM Y* Y b) Dato che la curva IS non dipende dal tasso di interesse, il reddito di equilibrio non si modifica con un aumento dell offerta di moneta. Si modificherà, invece, il tasso di interesse, la curva LM diventa: 300=0.5Y-2000i Sostituisco Y*= = i i*=0.25 Un aumento dell offerta di moneta provoca una riduzione del tasso di interesse. 42

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA

PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA Questa esercitazione si compone di quattro parti, ciascuna riguardante gli argomenti svolti in aula a lezione. Per ciascun argomento, trovate un esercizio che sarà svolto

Dettagli

Le ipotesi del modello

Le ipotesi del modello Modello IS-LM Le ipotesi del modello I prezzi sono dati gli aggiustamenti passano attraverso variazioni delle quantità prodotte e del tasso di interesse L investimento non è più esogeno (come nel modello

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Assunzione da rimuovere Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500.

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500. Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro, sede di Brindisi Corso di Laurea in Economia aziendale Macroeconomia 2014 Esercizi 1.Suppponete che un economia

Dettagli

Le componenti della domanda aggregata

Le componenti della domanda aggregata Le componenti della domanda aggregata Lezione 3 Lezione 3 Economia Politica - Macroeconomia 1 Le componenti della domanda aggregata Ricordiamole: Consumo (C) Investimento (I) Spesa Pubblica (G) Ricordiamo

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 27 Il modello IS LM

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 27 Il modello IS LM UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 27 Il modello IS LM Prof. Gianmaria Martini La funzione di investimento In via preliminare abbiamo ipotizzato che gli

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Lezione 7 (BAG cap. 5)

Lezione 7 (BAG cap. 5) Lezione 7 (BAG cap. 5) I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia 1. Il mercato dei beni e la curva IS L equilibrio sul mercato

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA In questa appendice analizziamo le relazioni tra il modello DD-AA presentato nel corso del capitolo e un altro modello frequentemente usato per rispondere a

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo. acroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 oneta/1 Sapendo che il PIL reale nel 2008 è pari a 50.000 euro e nel 2009 a 60.000 euro, che dal 2008 al

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 24 Il mercato dei beni Prof. Gianmaria Martini Domanda ed offerta Uno degli schemi logici fondamentali dell analisi economica

Dettagli

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili Economia Applicata all'ingegneria 1 Il modello Mundell - Fleming E un'estensione del modello IS-LM per un sistema aperto, quando le transazioni

Dettagli

Il modello IS-LM. Determiniamo le condizioni per cui il mercato dei beni è in equilibrio.

Il modello IS-LM. Determiniamo le condizioni per cui il mercato dei beni è in equilibrio. Il modello IS-LM In questa lezione: Definiamo l equilibrio economico generale. Determiniamo le condizioni per cui il mercato dei beni è in equilibrio. Costruiamo la curva IS e la curva LM e ne determiniamo

Dettagli

LEZIONE 6. Il modello keynesiano

LEZIONE 6. Il modello keynesiano LEZIONE 6 IL MODELLO REDDITO SPESA Il modello keynesiano La GD segna l origine della teoria macroeconomica moderna Il modello classico e i relativi precetti di politica economica si dimostrano incapaci

Dettagli

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica (Gli esercizi sono suddivisi in base ai capitoli del testo di De Vincenti) CAPITOLO 3. IL MERCATO DEI BENI NEL MODELLO REDDITO-SPESA Esercizio.

Dettagli

4. Si consideri un economia chiusa in cui: Y = C + I + G, C = 90 + 0,8YD, G = 1000, T= 0,5Y, I = 900 500r, P=1,

4. Si consideri un economia chiusa in cui: Y = C + I + G, C = 90 + 0,8YD, G = 1000, T= 0,5Y, I = 900 500r, P=1, Esercitazione 8 Domande 1. Si consideri un economia per cui il coefficiente di liquidità sia pari a Cl = 5%, mentre il coefficiente di riserva è Cr = 3%. a) Si calcoli il moltiplicatore monetario. b) Se

Dettagli

Il mercato dei beni in economia aperta

Il mercato dei beni in economia aperta Il mercato dei beni in economia aperta La differenza tra economia aperta e chiusa In una economia chiusa tutta la produzione viene venduta entro i confini nazionali, la domanda nazionale di beni (la spesa

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 26 I mercati finanziari

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 26 I mercati finanziari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 26 I mercati finanziari Prof. Gianmaria Martini Moneta e titoli Nei paesi industrializzati esistono varie tipologie di

Dettagli

Lezione 23 Legge di Walras

Lezione 23 Legge di Walras Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 23 Legge di Walras Funzione del Consumo Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Perché la macroeconomia I problem illustrati nelle lezione precedente

Dettagli

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio?

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio? Sergio Vergalli Corso di Economia Politica A-G Università di Brescia Esercizio 2 L economia del principato di Andorra è descritta dalle seguenti equazioni: Md = 6Y -120 i Ms = 5400 T = 400 G = 400 dove,

Dettagli

b. Che cosa succede alla frazione di reddito nazionale che viene risparmiata?

b. Che cosa succede alla frazione di reddito nazionale che viene risparmiata? Esercitazione 7 Domande 1. L investimento programmato è pari a 100. Le famiglie decidono di risparmiare una frazione maggiore del proprio reddito e la funzione del consumo passa da C = 0,8Y a C = 0,5Y.

Dettagli

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste:

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Inflazione e Produzione In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Da cosa è determinata l Inflazione? Perché le autorità monetarie tendono a combatterla? Attraverso quali canali

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale.

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale. Esercizi di Macroeconomia PARTE I: ECONOMIA CHIUSA SENZA DEBITO Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico

Dettagli

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Il PIL è la somma dei valori monetari del consumo (C), dell investimento lordo, della spesa pubblica per beni e servizi (G) e delle

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

Assunzione da rimuovere. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Investimenti, I

Assunzione da rimuovere. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Investimenti, I Assunzione da rimuovere I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

questa somma infinita rappresenta una progressione geometrica di ragione 1/(1+i) il cui valore è:

questa somma infinita rappresenta una progressione geometrica di ragione 1/(1+i) il cui valore è: ' Mercato della moneta ' 1) Il prezzo dei titoli: A) non è influenzato dalle operazioni di mercato aperto della banca centrale *B) si riduce quando aumenta i C) sono vere sia A che B D) aumenta quando

Dettagli

PIL : produzione e reddito

PIL : produzione e reddito PIL : produzione e reddito La misura della produzione aggregata nella contabilità nazionale è il prodotto interno lordo o PIL. Dal lato della produzione : oppure 1) Il PIL è il valore dei beni e dei servizi

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Investimenti lordi = 2.000 Investimenti netti = 800

Investimenti lordi = 2.000 Investimenti netti = 800 Macroeconomia, Esercitazione 1. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 PIL/1 Si consideri un sistema economico che produce solo pane. Questo è costituito da tre imprese: una agricola,

Dettagli

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Daria Vigani Maggio 204. In ciascuna delle seguenti situazioni calcolate risparmio nazionale,

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Economia Applicata ai sistemi produttivi 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Schema della lezione di oggi Argomento della lezione: il comportamento del consumatore. Gli economisti assumono che il

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2.

Macroeconomia, Esercitazione 2. Macroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@studio.unibo.it) 1.1 Domanda e Offerta aggregate/1 In un sistema economico privo di settore pubblico,

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia 1 Interazione tra produzione, reddito e domanda Variazione della domanda di beni Variazione della

Dettagli

Aspettative, Produzione e Politica Economica

Aspettative, Produzione e Politica Economica Aspettative, Produzione e Politica Economica In questa lezione: Studiamo gli effetti delle aspettative sui livelli di spesa e produzione. Riformuliamo il modello IS-LM in un contesto con aspettative. Determiniamo

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10)

Dettagli

Macroeconomia Luca Deidda e-mail: deidda@uniss.it. Lezione 16: Microfondazioni: 1) Investimenti; 2) Domanda e Offerta di moneta; 3) Consumo

Macroeconomia Luca Deidda e-mail: deidda@uniss.it. Lezione 16: Microfondazioni: 1) Investimenti; 2) Domanda e Offerta di moneta; 3) Consumo Macroeconomia Luca Deidda e-mail: deidda@uniss.it Lezione 16: Microfondazioni: 1) Investimenti; 2) Domanda e Offerta di moneta; 3) Consumo 0 Obbiettivi Analisi dei fondamenti microeconomici di Funzione

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

Il modello macroeconomico, politica fiscale e monetaria

Il modello macroeconomico, politica fiscale e monetaria Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il modello macroeconomico, politica fiscale e monetaria Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Gli

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 4 20 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 4 20 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 200-20 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 4 20 Aprile 20 Riassunto della puntata precedente Abbiamo costruito un modello per spiegare

Dettagli

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta Capitolo VI. Il modello IS-LM in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni

Dettagli

Capitolo 6. Il modello IS - LM

Capitolo 6. Il modello IS - LM Capitolo 6 187 Il modello IS - LM Fino ad ora abbiamo considerato separatamente il mercato delle merci e il mercato della moneta, a questo punto dobbiamo prendere in considerazione i collegamenti esistenti

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO 1 PRODUZION, TASSO DI INTRSS TASSO DI CAMBIO L QUILIBRIO DL MRCATO DI BNI L equilibrio nel mercato dei beni sarà dato dalla seguente equazione: Y C Y T I Y r G IM Y X Y ( ) (, ) (, ) (, ) ( ) (, ) (, )/

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 158 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Il modello Mundell-Fleming

Il modello Mundell-Fleming Il modello Mundell-Fleming Il modello di Mundell-Fleming inserisce nel modello IS LM l economia Aperta. Ipotizza che vi sia perfetta mobilità dei capitali Che il paese in esame sia rappresentato da una

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Nuovo Orario Riassunto lezione precedente Definizione e misurazione: PIL

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

Lezione 5: Gli investimenti e la scheda IS

Lezione 5: Gli investimenti e la scheda IS Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 5: Gli investimenti e la scheda IS Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Comovimento di C e Y -Italia

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 167 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

Quesiti a risposta breve

Quesiti a risposta breve Quesiti a risposta breve Le domande proposte in questo elenco sono una raccolta dei quesiti a risposta breve contenuti nella domanda 1 degli esami di Istituzioni di Economia Politica II degli ultimi anni.

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Lezione 6: La moneta e la scheda LM

Lezione 6: La moneta e la scheda LM Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 6: La moneta e la scheda LM Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Moneta DEFINIZIONE. In macroeconomia

Dettagli

MERCATO DEI BENI IN ECONOMIA APERTA

MERCATO DEI BENI IN ECONOMIA APERTA MERCATO DEI BENI IN ECONOMIA APERTA 1 LA CURVA IS IN ECONOMIA APERTA In economia chiusa la domanda di beni nazionali coincideva con la domanda nazionale di beni: ( ) Z C + I + In economia aperta, invece,

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Prezzi dei beni dal 1999 al 2002 Anno Sacchi di Borse per Bottiglie di Cotone Motorini

Prezzi dei beni dal 1999 al 2002 Anno Sacchi di Borse per Bottiglie di Cotone Motorini LEZIONE 12 CONTABILITA NAZIONALE Esercizio 1 DEFINIZIONI E CALCOLO DEL PIL Il PIL di un economia può essere calcolato in tre diversi modi: 1) Valore dei beni e servizi finali prodotti da un economia in

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 30 Il mercato dei beni in un economia aperta

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 30 Il mercato dei beni in un economia aperta UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 30 Il mercato dei beni in un economia aperta Prof. Gianmaria Martini La domanda aggregata In un economia aperta la domanda

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Lezione 27: L offerta di moneta e la LM

Lezione 27: L offerta di moneta e la LM Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 27: L offerta di moneta e la LM Facoltà di Economia Università di Roma Sapienza Offerta di moneta Offerta di moneta. È la quantità di mezzi di pagamento

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010 Esercizi su domanda e offerta 24 novembre 2010 Domande Domanda 1* Cosa si intende per spesa totale di un consumatore per un dato bene? Descrivete come essa varia quando il prezzo del bene considerato aumenta

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 2 Il prodotto nazionale e la spesa aggregata Obbiettivo della macroeconomia Uno degli obbiettivi più importanti della macroeconomia è quello di spiegare come si determina il PIL e quali sono le cause

Dettagli

Equilibrio macroeconomico neoclassico

Equilibrio macroeconomico neoclassico Equilibrio macroeconomico neoclassico La teoria neoclassica (TN) Rappresentò il paradigma teorico di riferimento fino alla crisi del 1929 e prima di Keynes Ancora oggi alcune scuole di pensiero più recenti

Dettagli

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS Per dubbi, domande e/o chiarimenti contattare: gaetano.lisi@unicas.it Il modello AD-AS è un modello di equilibrio economico generale (a differenza del modello

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Simulazione 1 Esonero

Simulazione 1 Esonero Simulazione 1 Esonero esonero a.a. 2011-2012 Economia applicata all'ingegneria - Prof.ssa Costa ESERCIZIO 1 (7 punti) Un sistema economico operante in un regime di cambi fissi e perfetta mobilità dei capitali,

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 3. Rimini, 1 ottobre 2015. L IPC sovrastima l inflazione?

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 3. Rimini, 1 ottobre 2015. L IPC sovrastima l inflazione? Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 3 Rimini, 1 ottobre 2015 Macroeconomia 86 L IPC sovrastima l inflazione? L IPC è la misura più comunemente utilizzata

Dettagli

IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114

IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114 IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114 IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA IL TASSO

Dettagli

FAC simile della prova intermedia di apprendimento (8/11/2006) Macroeconomia CLEA

FAC simile della prova intermedia di apprendimento (8/11/2006) Macroeconomia CLEA FAC simile della prova intermedia di apprendimento (8/11/2006) Macroeconomia CLEA Nome e cognome: Matricola: Anno di corso: Parte I: Domande a scelta multipla (1 punto a domanda, 12 punti disponibili)

Dettagli