Aprire una struttura ricettiva in provincia di Prato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aprire una struttura ricettiva in provincia di Prato"

Transcript

1 Aprire una struttura ricettiva in provincia di Prato

2 Normativa di riferimento NORMATIVA SULL'ATTIVITA' TURISTICA Legge regionale 23 marzo 2000, n. 42 "Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo(testo coordinato delle leggi regionali n. 42/2000, n. 14/2005, n. 65/2010, n. 74/2012) Regolamento 23 aprile 2001, n. 18/R di attuazione del Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo (LR 23 marzo 2000, n. 42): testo coordinato dei regolamenti regionali n.18/r del 23 Aprile 2001 e n. 46/r del 7 agosto La normativa è visibile su:

3 Strutture ricettive riconosciute Alberghi residenze turistico - alberghiere campeggi villaggi turistici aree di sosta parchi di vacanza case per ferie ostelli per la gioventù rifugi alpini bivacchi fissi rifugi escursionistici esercizi di affittacamere case e appartamenti per vacanze residenze d epoca residence

4 Strutture ricettive in provincia di Prato - Consistenza agosto Tipologia N. Esercizi N. Camere N. Letti N. Bagni gg. Letto Alberghi Extralberghiero Totale Tipologia N. Esercizi N. Camere N. Letti N. Bagni gg. Letto Affittacamere non professionali Totale generale

5 Principali adempimenti Legge regionale 23 marzo 2000, n. 42 e ss.mm A)Presentare una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), allo Sportello Unico Attività Produttive del comune di competenza con riferimento all'ubicazione della struttura per iniziare un'attività ricettiva compresa nel Testo Unico del Turismo Informazioni Comune e modulistica: Responsabile Recapiti e modulistica CANTAGALLO Stefania Tendi Tel CARMIGNANO Deanna Mascherini Arianna Suzzi (addetto SUAP) Tel Tel MONTEMURLO Giacomo Dardi Tel POGGIO A CAIANO Luca Themel Tel PRATO Massimo Lago Tel numero verde VAIANO Stefania Tendi Tel VERNIO Stefania Tendi Tel

6 Classificazione Nell'ambito della presentazione della SCIA il titolare della struttura ricettiva (albergo, RTA, campeggi, parchi vacanza, villaggi turistici, aree di sosta, residence) dichiara di possedere i requisiti minimi obbligatori previsti dal Regolamento 23 aprile 2001, n. 18/R e ss.mm. (v. Tabelle allegati C, D, E, F, G e H). Le attrezzature, gli arredi e i locali in cui si svolge l'attività devono essere mantenuti in buono stato di conservazione, tale da assicurarne la funzionalità e la fruibilità da parte dell'utenza. Gli alberghi e le loro dipendenze sono classificati con un numero di stelle variabile da uno a cinque; i campeggi e i parchi di vacanza con un numero di stelle variabile da uno a quattro; le residenze turistico-alberghiere, le loro dipendenze e i villaggi turistici con un numero di stelle variabile da due a quattro; i residence sono classificati con un numero di chiavi variabili da due a quattro.

7 Principali adempimenti (pagina 2) B) Presentare la Comunicazione Attrezzature e Prezzi alla Provincia di Prato, entro la data di inizio attività su apposita modulistica, con le seguenti modalità: con consegna a mano all Ufficio Protocollo della Provincia di Prato, via Ricasoli, 35 Prato, in orario 9,00-13,00 dal lunedì al venerdì e 15,00-17,00 nei giorni di lunedì e giovedì per posta raccomandata a: Provincia di Prato Servizio Turismo via Ricasoli Prato per posta elettronica certificata (PEC). In tal caso la comunicazione dei prezzi, compilata e firmata digitalmente, deve essere inviata in formato elettronico, all'indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) della Provincia: La Comunicazione dei prezzi è un autocertificazione, con la quale il titolare e/o gestore è responsabile della veridicità dei dati indicati e di conseguenza ne risponde penalmente in base all art. 76 del DPR 445/2000. Pertanto, la comunicazione dei prezzi deve essere firmata davanti al funzionario addetto oppure, se inviata per posta, occorre allegare fotocopia di un documento di identità valido del firmatario responsabile. C) Esporre la tabella dei prezzi nella zona di ricevimento degli ospiti, in maniera perfettamente visibile al cliente (le pagine dovranno essere perfettamente esposte e non sovrammesse, per consentire la perfetta visibilità richiesta dalla normativa). La tabella deve contenere l'indicazione dell'anno in corso (per cui deve essere annualmente sostituita anche in caso di non variazione dei prezzi), deve essere firmata dal titolare o gestore e deve contenere l indicazione delle tariffe massime applicate e dei servizi ed attrezzature presenti in ciascuna camera/suite/unità abitativa, conformemente ai dati comunicati alla Provincia.

8 Principali adempimenti (pagina 3) C) Esporre il cartellino prezzi in luogo ben visibile all interno di ciascuna camera, suite o unità abitativa. Il cartellino deve essere firmato dal titolare o gestore e deve contenere l indicazione dell'anno in corso (per cui deve essere annualmente sostituita anche in caso di non variazione dei prezzi), dei prezzi massimi e dei servizi ed attrezzature corrispondenti alla camera/suite/unità abitativa di riferimento, conformi ai dati comunicati alla Provincia e riscontrabili sulla tabella prezzi. Il prezzo del letto aggiunto, come comunicato alla Provincia, può essere scritto solo sui cartellini delle camere a ciò autorizzate, in quanto i letti aggiunti fanno parte del numero complessivo dei posti letto e devono risultare dalla DIA/SCIA o dalla Autorizzazione amministrativa. Tuttavia, in ogni camera è consentita la sistemazione provvisoria di un letto supplementare per bambini di età non superiore ai 12 anni, il cui prezzo deve essere indicato nel riquadro corrispondente, conformemente alla comunicazione dei prezzi presentata alla Provincia. Informazioni e modulistica: Ufficio di riferimento e orario di apertura al pubblico Provincia di Prato Servizio Turismo Via Ricasoli 25, Prato Lunedì e mercoledì 9-13 Giovedì 9-13/15-17 Recapiti Lucilla Righi Tel Responsabile: Annalisa Logli Tel Modulistica Sezione Turismo Pubblicità dei prezzi e servizi delle strutture ricettive e delle aziende agrituristiche

9 Principali adempimenti (pagina 4) E) Trasmettere i dati su arrivi e presenze dei clienti della struttura a fini statistici entro il 5 di ogni mese alla Provincia di Prato con le seguenti modalità: Invio del mod. C59 compilato tramite fax dedicato numero Invio del mod. C59 compilato tramite raccomandata postale, con indicazione sulla busta Non aprire Statistica a tutela del segreto statistico Invio dei dati mediante accesso alla procedura informatizzata denominata TURIWEB. Per chiedere l'attivazione del servizio occorre collegarsi al sito oppure inviare una di interesse all'indirizzo Informazioni e modulistica: Ufficio di riferimento e orario di apertura al pubblico Provincia di Prato Servizio Turismo Via Ricasoli 25, Prato Lunedì e mercoledì 9-13 Giovedì 9-13/15-17 Recapiti Gianna Ugolini Tel Responsabile: Annalisa Logli Tel Modulistica Sezione Turismo Raccolta dei dati statistici riguardanti i flussi turistici

10 Principali adempimenti (pagina 5) F) Notificare le generalità delle persone alloggiate nella struttura all'autorità di Pubblica Sicurezza entro le 24 ore successive al loro arrivo( e comunque all arrivo stesso per soggiorni inferiori alle 24 ore) così come previsto dalla normativa esclusivamente attraverso l'invio telematico delle cosiddette Schedine Alloggiati. La procedura di trasmissione telematica delle schedine è obbligatoria a seguito dell'entrata in vigore del Decreto del Ministero dell'interno 7 gennaio 2013 (in G.U. n. 14 del 17/1/2013). A tal fine il Dipartimento della Pubblica Sicurezza ha realizzato un portale attraverso cui trasmettere telematicamente le generalità delle persone alloggiate. Per l abilitazione al servizio, completamente gratuito, è necessario richiedere le credenziali alla Questura di Prato; dopodichè, i gestori dovranno collegarsi al sito Internet https://alloggiatiweb.poliziadistato.it, insere la Userid e la Password ricevute ed installare il certificato digitale. Una volta installato il certificato digitale il gestore della struttura ricettiva può inviare le schedine alloggiati secondo due modalità: 1) Inserimento On Line di una singola schedina per volta (relativa ad ospite singolo, ovvero ad un capo famiglia o ad un capo gruppo più i relativi ospiti) 2) Invio di un file in formato testo (estensione txt) precompilato secondo una struttura record riportata sul sito Internet https://alloggiatiweb.poliziadistato.it, e contenente i dati relativi a più schedine. Il file può essere costruito a partire dagli applicativi già utilizzati dalla Struttura per registrare gli alloggiati. Informazioni Ufficio di riferimento Recapiti Orario di apertura al pubblico Questura di Prato Divisione Anticrimine Via Migliore di Cino, 10/12, Prato tel dal lunedì al venerdì orario 8:30 13:30.

Aprire un agriturismo in provincia di Prato

Aprire un agriturismo in provincia di Prato Aprire un agriturismo in provincia di Prato Normativa di riferimento NORMATIVA SULL'ATTIVITA' AGRITURISTICA Legge Regionale 23 giugno 2003, n. 30 Disciplina dell'agriturismo in Toscana. Testo coordinato

Dettagli

Le strutture extralberghiere definito dall art.2 del Regolamento Regionale n.16/2008 sono le seguenti:

Le strutture extralberghiere definito dall art.2 del Regolamento Regionale n.16/2008 sono le seguenti: PROMEMORIA PER L UTENTE Il Regolamento Regione Lazio n.16/2008 e ss.mm.ii con gli allegati A1 e A2, è il regolamento che disciplina le strutture ricettive extralberghiere in materia di classificazione.

Dettagli

4. Quali sono le tipologie di attività ricettive?

4. Quali sono le tipologie di attività ricettive? ROMA CAPITALE - INFORMAZIONI VARIE STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE FAQ 1. Cosa bisogna fare per avviare un'attività ricettiva? Per avviare un attività ricettiva si deve trasmettere, esclusivamente

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE 1) Cosa è un attività Turistica Ricettiva? DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE Si definisce attività Ricettiva Turistica quella diretta alla produzione ed all offerta al pubblico di

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ ATTIVITA RICETTIVA EXTRALBERGHIERA Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda e rappresentate legale,

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione on-line alle Questure, dei nominativi degli ospiti nelle strutture alberghiere

OGGETTO: Comunicazione on-line alle Questure, dei nominativi degli ospiti nelle strutture alberghiere OGGETTO: Comunicazione on-line alle Questure, dei nominativi degli ospiti nelle strutture alberghiere Il servizio Allogiatiweb Il Ministero dell Interno, ha attivato un servizio web gratuito, che consente

Dettagli

PROMEMORIA PER GLI UTENTI aggiornato al 25/9/2015

PROMEMORIA PER GLI UTENTI aggiornato al 25/9/2015 1 PROMEMORIA PER GLI UTENTI aggiornato al 25/9/2015 Il Regolamento Regionale n.8/2015 Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere, che abroga il precedente regolamento n.16/2008 è, entrato

Dettagli

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011).

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011). ALLEGATO A (costituito da n. 8 pagine complessive) Linee guida concernenti modalità e termini di comunicazione, per via telematica - tramite il Portale del Turismo e del Made in Lazio www.ilmiolazio.it

Dettagli

CITTA' di TERMINI IMERESE

CITTA' di TERMINI IMERESE CITTA' di TERMINI IMERESE Secondo Settore: Territorio, Ambiente e Attività Produttive S.U.A.P. CARTA DELLA QUALITA DEI SERVIZI Sportello unificato per la ricettivita turistica: ESERCIZI DI AFFITTACAMERE

Dettagli

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia 20 21 22 23 febbraio 2012 Istituto Moreschi via San Michele del Carso, 25 - Milano 1 2 3 INDICE 1. Riferimenti normativi 2. Funzioni

Dettagli

VADEMECUM. PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000

VADEMECUM. PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000 VADEMECUM PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000 Dopo il vademecum sulle attività commerciali e di somministrazione il Comune di Arezzo intende mettere a disposizione

Dettagli

ALLEGATO 2 PARTE INTEGRANTE DELLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42 DEL 19/03/2012 REGOLAMENTO DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO

ALLEGATO 2 PARTE INTEGRANTE DELLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42 DEL 19/03/2012 REGOLAMENTO DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI LIVORNO ALLEGATO 2 PARTE INTEGRANTE DELLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42 DEL 19/03/2012 REGOLAMENTO DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO Indice Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Presupposto dell'imposta

Dettagli

BOLLO COME DA NORMATIVA VIGENTE

BOLLO COME DA NORMATIVA VIGENTE QUADRO A L.R. n. 33/2002. Richiesta di classificazione di esercizio di casa per ferie. l sottoscritt in qualità di dell ente / associazione / soc. coop. / società proprietario / locatario della struttura

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA - ALLOGGI PRIVATI LOCATI PER FINI TURISTICI

NOTA ESPLICATIVA - ALLOGGI PRIVATI LOCATI PER FINI TURISTICI NOTA ESPLICATIVA - ALLOGGI PRIVATI LOCATI PER FINI TURISTICI Le strutture ricettive extralberghiere sono disciplinate dal Regolamento Regione Lazio n.8/2015 il quale stabilisce i vari livelli di classificazione

Dettagli

per una delle seguenti attività:

per una delle seguenti attività: STRUTTURA RICETTIVA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA - SCIA n. 4 copie in carta semplice AFFITTACAMERE PROFESSIONALE AFFITTACAMERE NON PROFESSIONALE CASA E APPARTAMENTI VACANZE RESIDENZE D EPOCA

Dettagli

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Alberghi, motels e villaggi albergo Gli alberghi sono esercizi ricettivi aperti al pubblico, a gestione unitaria, che forniscono alloggio, eventualmente vitto ed

Dettagli

PRO MEMORIA. Linee guida per apertura strutture ricettive extra-alberghiere Roma e Provincia

PRO MEMORIA. Linee guida per apertura strutture ricettive extra-alberghiere Roma e Provincia PRO MEMORIA Linee guida per apertura strutture ricettive extra-alberghiere Roma e Provincia Per ogni ulteriore informazione scrivere a : info@prontogeometra.it PROMEMORIA PER L UTENTE Il Regolamento Regione

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

GUIDA ALL'IMPOSTA PROVINCIALE DI SOGGIORNO

GUIDA ALL'IMPOSTA PROVINCIALE DI SOGGIORNO Sede legale: Via Romagnosi 11 A 38122 TRENTO www.trentinoriscossionispa.it info@trentinoriscossionispa.it trentinoriscossionispa@pec.provincia.tn.it 0461/495532 0461/495510 GUIDA ALL'IMPOSTA PROVINCIALE

Dettagli

Istruzioni per presentare le pratiche on-line (versione aggiornata al 23/08/2013)

Istruzioni per presentare le pratiche on-line (versione aggiornata al 23/08/2013) Istruzioni per presentare le pratiche on-line (versione aggiornata al 23/08/2013) a) Pratica on-line 1. Si informa che per le scia/comunicazioni riportate nell elenco sotto indicato il sistema sarà operativo

Dettagli

Sintesi statistiche sul turismo

Sintesi statistiche sul turismo Sintesi statistiche sul turismo Estratto di Sardegna in cifre 2014 Sommario Le fonti dei dati e degli indicatori... 3 Capacità degli esercizi ricettivi... 3 Movimento dei clienti negli esercizi ricettivi...

Dettagli

Progetto ALLOGGIATI -Normativa-

Progetto ALLOGGIATI -Normativa- -Normativa- L art.109 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza ( cd. T.U.L.P.S. ) stabilisce che: i gestori di esercizi alberghieri e di altre strutture ricettive sono tenuti a comunicare all

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia.

PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia. Pagina 1 di 6 TUSR16 PROVINCIA DI PISTOIA UFFICIO TURISMO Piazza San Leone, 1, 51100 Pistoia - Tel. 0573 3741- Fax. 0573 374401 Sito internet: www.provincia.pistoia.it Sportello Unico Attività Produttive

Dettagli

Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F. Luogo di nascita: Stato Provincia Comune Residenza: Provincia Comune Via o... n. C.A.P.

Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F. Luogo di nascita: Stato Provincia Comune Residenza: Provincia Comune Via o... n. C.A.P. STRUTTURE TURISTICHE RICETTIVE EXTRA ALBERGHIERO CLASSIFICATO (affittacamere, attività ricettiva in esercizio di ristorazione, country house, residence, ostello per la gioventù, casa per ferie/centro vacanze,

Dettagli

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza?

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza? 1 2 Chi rilascia l'autorizzazione per l'apertura di una struttura ricettiva extra alberghiera classificata? Quali documenti sono necessari per la classifica di un affittacamere? La Provincia provvede a

Dettagli

UFFICIO DI GABINETTO. Cat. H1/20/2013/GAB Novara, 03 giugno 2013 SIGG. SINDACI DELLA PROVINCIA DI NOVARA PROVINCIA DI NOVARA ASSESSORATO AL TURISMO

UFFICIO DI GABINETTO. Cat. H1/20/2013/GAB Novara, 03 giugno 2013 SIGG. SINDACI DELLA PROVINCIA DI NOVARA PROVINCIA DI NOVARA ASSESSORATO AL TURISMO Questura di Novara UFFICIO DI GABINETTO Cat. H1/20/2013/GAB Novara, 03 giugno 2013 OGGETTO: Servizio alloggiati Web. D.M. 17 gennaio 2013.- SIGG. SINDACI DELLA PROVINCIA DI PROVINCIA DI ASSESSORATO AL

Dettagli

COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO (Art. 4, D. Lgs. 14 marzo 2011, n. 23) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 25/03/2013 INDICE Articolo 1

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina)

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) GUIDA ALL IMPOSTA COMUNALE DI SOGGIORNO Con la deliberazione di Consiglio Comunale n.32 del 05 luglio 2012 è stata istituita l imposta comunale di soggiorno con decorrenza

Dettagli

Alberghi e altre attività ricettive Attività turistiche extralberghiere

Alberghi e altre attività ricettive Attività turistiche extralberghiere Alberghi e altre attività ricettive Attività turistiche extralberghiere Descrizione Riguarda le attività contemplate dai R.R. n. 16/2008 e 8/2015 affittacamere, ostelli per la gioventù, case ed appartamenti

Dettagli

L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres.

L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres. L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres. Regolamento concernente le modalità di rilascio e i requisiti del provvedimento di classificazione

Dettagli

C.F. con sede in Via n. iscritta al registro delle Imprese presso la CCIAA di al n. dal tel. Cell. Fax

C.F. con sede in Via n. iscritta al registro delle Imprese presso la CCIAA di al n. dal tel. Cell. Fax SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI SUBINGRESSO REINTESTAZIONE VARIAZIONI SOCIETARIE STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE Il presente modello può essere presentato con le seguenti modalità:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI SAINT-VINCENT REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REPUBBLICA ITALIANA COMMUNE DE SAINT-VINCENT REGION AUTONOME VALLEE D AOSTE REPUBLIQUE ITALIENNE REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) I AFFITTACAMERE Il presente modello può essere presentato con le seguenti modalità: tramite PEC all indirizzo comune.bastiaumbra@postacert.umbra.it a

Dettagli

Il sottoscritto: Cognome Nome C.F. Sesso M _ F _

Il sottoscritto: Cognome Nome C.F. Sesso M _ F _ SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI VARIAZIONI NELL ATTIVITA DI AFFITTACAMERE (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione) Il presente modello può essere presentato con le seguenti

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI AFFITTACAMERE Il presente modello può essere presentato con le seguenti modalità: tramite PEC all indirizzo suape@pec.comune.perugia.it, a mezzo posta

Dettagli

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati 1. Login Fig.1.1: Maschera di Login Per accedere all applicativo inserire correttamente nome utente e password poi fare clic sul pulsante Accedi,

Dettagli

L applicazione dell imposta di Soggiorno

L applicazione dell imposta di Soggiorno C I T T À D I U G E N T O PROVINCIA DI LECCE Cos'è e dove si applica L applicazione dell imposta di Soggiorno L'imposta di soggiorno, adottata dal Comune di Ugento (in base alle disposizioni previste dall'art.

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ CASE E APPARTAMENTI PER VACANZE Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda e rappresentante legale,

Dettagli

AFFITTACAMERE - TABELLA PREZZI -ANNO 20

AFFITTACAMERE - TABELLA PREZZI -ANNO 20 REGIONE TOSCANA MOD. TAB/AFR 1/2 PROVINCIA DI... AFFITTACAMERE - TABELLA PREZZI -ANNO 20 Denominazione completa dell'esercizio (scrivere a macchina o in stampatello) Gestore Indirizzo completo Via Località

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 419 del 31 marzo 2015 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n. 419 del 31 marzo 2015 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 419 del 31 marzo 2015 pag. 1/7 DISPOSIZIONI ATTUATIVE GENERALI E COMUNI A ALLOGGI TURISTICI, CASE PER VACANZE, UNITÀ ABITATIVE AMMOBILIATE AD USO TURISTICO,

Dettagli

Servizio Tributi REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO

Servizio Tributi REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO Servizio Tributi REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 63 DEL 27.10.2014 1 Sommario Articolo 1 - Oggetto del Regolamento... 3 Articolo 2 - Istituzione

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) I BE AN BREAKFAST Il presente modello può essere presentato con le seguenti modalità: tramite PEC all indirizzo comune.bastiaumbra@postacert.umbra.it

Dettagli

STRUTTURA RICETTIVA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA. n. 3 copie in carta semplice CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE

STRUTTURA RICETTIVA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA. n. 3 copie in carta semplice CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE STRUTTURA RICETTIVA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA n. 3 copie in carta semplice CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE Sportello Unico Attività Produttive Comune di Il sottoscritto: Cognome Nome CONSAPEVOLE CHE

Dettagli

REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive

REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive logo Comune REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA SCIA STRUTTURE TURISTICO - RICETTIVE allegato alla

Dettagli

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 104 del 22.10.2007

Dettagli

GUIDA ALL UTENTE PER LA PRESENTAZIONE ON LINE DELLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A.

GUIDA ALL UTENTE PER LA PRESENTAZIONE ON LINE DELLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. GUIDA ALL UTENTE PER LA PRESENTAZIONE ON LINE DELLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. INDICE 1) REGISTRAZIONE AL PORTALE REGISTRAZIONE AL PORTALE DELLE PERSONE GIURIDICHE REGISTRAZIONE

Dettagli

Guida all Imposta di Soggiorno

Guida all Imposta di Soggiorno Comune di Rimini Direzione Risorse Finanziarie U.O. Tributi sugli Immobili e Federalismo Municipale Ufficio Imposta di Soggiorno Via Ducale, 7 47921 RIMINI tel. 0541.704631 - fax: 0541.704710 web: www.comune.rimini.it

Dettagli

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia 6 7 8 12 novembre 2012 Istituto Moreschi via San Michele del Carso, 25 Milano 0 1 INDICE 1. Riferimenti normativi 2. Funzioni

Dettagli

STRUTTURE RICETTIVE EXTRA-ALBERGHIERE AFFITTACAMERE - B&B - C.A.V - RESIDENZE D EPOCA L.R. 42/2000 modificata L.R. 14/2005

STRUTTURE RICETTIVE EXTRA-ALBERGHIERE AFFITTACAMERE - B&B - C.A.V - RESIDENZE D EPOCA L.R. 42/2000 modificata L.R. 14/2005 COORDINAMENTO PROVINCIALE STRUTTURE RICETTIVE EXTRA-ALBERGHIERE AFFITTACAMERE - B&B - C.A.V - RESIDENZE D EPOCA L.R. 42/2000 modificata L.R. 14/2005 Elaborazione dati A.B. AVVIO VARIAZIONI - SUBINGRESSO

Dettagli

NELLA CITTA DI MILANO. Articolo 1 OGGETTO

NELLA CITTA DI MILANO. Articolo 1 OGGETTO REGOLAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE DI SOGGIORNO NELLA CITTA DI MILANO Articolo OGGETTO. Il presente regolamento è adottato ai sensi dell art. 52 del decreto legislativo n. 446 del 5.2.997 e disciplina l

Dettagli

a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast

a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast Cos è il Bed end Breakfast? Con la denominazione Bed & Breakfast

Dettagli

PROGETTO INSERIMENTO TELEMATICO COMUNICAZIONE PREZZI E SERVIZI STRUTTURE RICETTIVE

PROGETTO INSERIMENTO TELEMATICO COMUNICAZIONE PREZZI E SERVIZI STRUTTURE RICETTIVE PROGETTO INSERIMENTO TELEMATICO COMUNICAZIONE PREZZI E SERVIZI STRUTTURE RICETTIVE Francesca Biandronni Responsabile P.O. Turismo e Cultura turismo@.fc.it Forlì, 16 febbraio 2011 PROCEDURE INTERESSATE

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO ALBERGHIERA. Il sottoscritto: Cognome: Nome: Data di nascita / / Cittadinanza Sesso M F

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO ALBERGHIERA. Il sottoscritto: Cognome: Nome: Data di nascita / / Cittadinanza Sesso M F Allo Sportello Unico del Comune di POSITANO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO ALBERGHIERA 1. Dati impresa Il sottoscritto: Cognome: Nome: Codice Fiscale: Data di nascita / / Cittadinanza

Dettagli

ALBERGO RESIDENZA TURISTICO-ALBERGHIERA (RTA) DIPENDENZA/E in albergo o RTA 3 (codice 4 )

ALBERGO RESIDENZA TURISTICO-ALBERGHIERA (RTA) DIPENDENZA/E in albergo o RTA 3 (codice 4 ) ALLEGATO A Codice 1 mod. 2 COMALB/RTA ALLA PROVINCIA DI ALBERGO RESIDENZA TURISTICO-ALBERGHIERA (RTA) DIPENDENZA/E in albergo o RTA 3 (codice 4 ) Comunicazione dei prezzi e delle caratteristiche della

Dettagli

S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del Comune di SCANZOROSCIATE (BG)

S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del Comune di SCANZOROSCIATE (BG) S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del di SCANZOROSCIATE (BG) 1.Dati impresa SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO

Dettagli

REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO

REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO Città di Chioggia Provincia di Venezia REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO (In vigore dal 1 gennaio 2015) Deliberazione del Consiglio Comunale n. 52 del 27/04/2015 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Dal sito https://alloggiatiweb.poliziadistato.it accedere al link Accedi al Servizio (figura 1) ed effettuare l operazione preliminare

Dettagli

IMPOSTA DI SOGGIORNO

IMPOSTA DI SOGGIORNO IMPOSTA DI SOGGIORNO TARIFFE in vigore dal 01.10.2014 Le tariffe dell imposta di soggiorno sono articolate in di - Venezia principalmente alla (ad es. San Clemente) zona di ubicazione della struttura -

Dettagli

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere.

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. GR482652 Roma 10/09/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale

Dettagli

Imposta di soggiorno

Imposta di soggiorno Cos'è e dove si applica Presupposto dell imposta Soggetto passivo Tariffe Esenzioni Obblighi dei gestori Modalità di versamento dell'imposta Modalità di accreditamento al sistema Sanzioni Versamenti in

Dettagli

Regione Puglia. SPOT Sistema Puglia per l Osservatorio Turistico

Regione Puglia. SPOT Sistema Puglia per l Osservatorio Turistico Regione Puglia Assessorato al Mediterraneo, Cultura, Turismo - Cultura e Spettacolo, Mediterraneo, Turismo ARET Pugliapromozione Società in-house della Regione SPOT Sistema Puglia per l Osservatorio Turistico

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST VARIAZIONE DELL ATTIVITA (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST VARIAZIONE DELL ATTIVITA (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione) SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST VARIAZIONE DELL ATTIVITA (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione) AL COMUNE DI FOSSATO DI VICO UFFICIO ATTIVITA PRODUTTIVE

Dettagli

Questura di Roma Alloggiati WEB

Questura di Roma Alloggiati WEB Questura di Roma Alloggiati WEB Di seguito sono state raccolte le F.A.Q. (domande frequenti), sulla base dei quesiti pervenuti, riguardanti le problematiche riscontrate nell'utilizzo del portale "alloggiati

Dettagli

LEGGE REGIONALE 23 MARZO 2000, N. 42 - TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO

LEGGE REGIONALE 23 MARZO 2000, N. 42 - TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO LEGGE REGIONALE 23 MARZO 2000, N. 42 - TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO Testo comparato con le modifiche apportate dalla l.r. n. 25/2016 Riordino delle funzioni provinciali in materia

Dettagli

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce COMUNE DI Progetto per la semplificazione amministrativa C O N V E N Z I O N E T R A - la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive

REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive logo Comune REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA SCIA STRUTTURE TURISTICO - RICETTIVE allegato alla

Dettagli

Manuale di utilizzo webstat

Manuale di utilizzo webstat Manuale di utilizzo webstat Comunicazione telematica del movimento negli esercizi ricettivi e delle schedine alloggiati Assessorato al Turismo Responsabile progetto: Dott.ssa Marina Flamigni t. 0543 714.224

Dettagli

NOTE COMPILAZIONE MOD. 21 ALLEGATO D.P.R. 194/1996. Conto della gestione dell agente contabile esercizio finanziario 2014

NOTE COMPILAZIONE MOD. 21 ALLEGATO D.P.R. 194/1996. Conto della gestione dell agente contabile esercizio finanziario 2014 NOTE COMPILAZIONE MOD. 21 ALLEGATO D.P.R. 194/1996 Conto della gestione dell agente contabile esercizio finanziario 2014 Note introduttive pag. 2 Prospetto di sintesi adempimento pag. 3 Specifiche di compilazione

Dettagli

ATTIVITÀ AGRITURISTICA

ATTIVITÀ AGRITURISTICA ATTIVITÀ AGRITURISTICA CAPAG14C - (06/2012) S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività ALLA FEDERAZIONE CAMPOSAMPIERESE COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _...l... sottoscritt...: Cognome Nome

Dettagli

STRUTTURE TURISTICHE RICETTIVE STRUTTURE ALBERGHIERE Art. 22 L.R. 33/2002

STRUTTURE TURISTICHE RICETTIVE STRUTTURE ALBERGHIERE Art. 22 L.R. 33/2002 STRUTTURE TURISTICHE RICETTIVE STRUTTURE ALBERGHIERE Art. 22 L.R. 33/2002 S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attività ai sensi dell art. 34 del D.L. n. 201/2011 come modificato dalla legge di

Dettagli

C A S E P E R F E R I E

C A S E P E R F E R I E ASSESSORATO ATTIVITA' PRODUTTIVE E TURISMO SETTORE TURISMO COMUNICAZIONE DEI PREZZI E DELLE ATTREZZATURE ANNO 2 0 1 1 1 SEMESTRE _X_ 2 SEMESTRE PRIMA Comunicazione (solo in caso di nuova apertura) C A

Dettagli

COMUNE DI LAMPORECCHIO Piazza Berni, 1 51035 LAMPORECCHIO (PT) C.F. 00300620473

COMUNE DI LAMPORECCHIO Piazza Berni, 1 51035 LAMPORECCHIO (PT) C.F. 00300620473 COMUNE DI LAMPORECCHIO Piazza Berni, 1 51035 LAMPORECCHIO (PT) C.F. 00300620473 MODULO A4 SERVIZI FINANZIARI UFFICIO TRIBUTI Piazza Berni,1 51035 Lamporecchio (PT) - Tel. 0573/800626-800646 800631 Fax

Dettagli

Allegato. Scheda relativa al funzionamento dello sportello unico per le attività produttive

Allegato. Scheda relativa al funzionamento dello sportello unico per le attività produttive Scheda relativa al funzionamento dello sportello unico per le attività produttive Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO Allegato SCHEDA RELATIVA AL

Dettagli

REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO

REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 63 del 21 dicembre 2011. Modificato ed integrato con deliberazioni del

Dettagli

Procedimenti amministrativi 1

Procedimenti amministrativi 1 Scheda di rilevazione dei procedimenti amministrativi (art. 35, comma 1, del d.lgs. 33/2013) Com/AETP.01 A1) Breve descrizione del procedimento ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE E BARBIERE - APERTURA A2) Indicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NEL COMUNE DI SAN VITO LO CAPO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NEL COMUNE DI SAN VITO LO CAPO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NEL COMUNE DI SAN VITO LO CAPO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. N 22 DEL 29.06.2011 MODIFICATO ED INTEGRATO CON: DELIBERAZIONE DEL C.C. N 32

Dettagli

Statistica, classificazione e prezzi.

Statistica, classificazione e prezzi. REGIONE ABRUZZO Direzione Sviluppo Economico e del Turismo Servizio Informazione e Accoglienza Turistica Ufficio Progetti Speciali, Osservatorio e Statistica Turistica Statistica, classificazione e prezzi.

Dettagli

Regione Lazio Regolamento regionale 7 agosto 2015, n. 8 (BUR 10 Settembre 2015, n. 73) Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere

Regione Lazio Regolamento regionale 7 agosto 2015, n. 8 (BUR 10 Settembre 2015, n. 73) Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Regione Lazio Regolamento regionale 7 agosto 2015, n. 8 (BUR 10 Settembre 2015, n. 73) Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Capo I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e ambito di

Dettagli

Domanda di autorizzazione

Domanda di autorizzazione Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di Domanda di autorizzazione COMPLESSO TURISTICO-RICETTIVO ALL ARIA APERTA L.R. n. 28 dell 11 luglio 1986 Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda

Dettagli

1. Dati generali dell intervento 1.1 - Ubicazione intervento (Riportare contenuto del quadro 3 del MURAD)

1. Dati generali dell intervento 1.1 - Ubicazione intervento (Riportare contenuto del quadro 3 del MURAD) SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA ALLEGATO B-33 Attività Ricettive EXTRALBERGHIERE Ultimo Aggiornamento: 29/09/2015 D.Lgs n.59/2010 ART.83 - L.R. Lazio n.13/2007 Regolamento Regionale n. 8/2015 1. Dati generali

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2794 del 07/10/2008 pag. 1/28

ALLEGATO A Dgr n. 2794 del 07/10/2008 pag. 1/28 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2794 del 07/10/2008 pag. 1/28 DISPOSIZIONI OPERATIVE E DI GESTIONE DEL NUOVO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE TURISTICO - SIRT - Legge regionale 4 novembre

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE -

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE - Parte I N. 24 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-6-2008 4375 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE - Legge Regionale 4 giugno 2008, n. 6. DISCIPLINA DELLA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Le modifiche proposte sono state evidenziate in colore rosso Articolo 1. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Le modifiche proposte sono state evidenziate in colore rosso Articolo 1. Articolo 1 Oggetto del Regolamento Testo in vigore Testo modificato in vigore dal.2016 Le modifiche proposte sono state evidenziate in colore rosso Articolo 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento

Dettagli

CAPO I STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE, CAMPEGGI E VILLAGGI TURISTICI

CAPO I STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE, CAMPEGGI E VILLAGGI TURISTICI LEGGE REGIONALE 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. 3.4.2000 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 15 omissis TITOLO II IMPRESE TURISTICHE CAPO I STRUTTURE

Dettagli

Residenze d epoca Articolo 44 l.r. 18/2006 Segnalazione certificata di inizio attività

Residenze d epoca Articolo 44 l.r. 18/2006 Segnalazione certificata di inizio attività spazio per la protocollazione Allo Sportello Unico delle Attività Produttive del COMUNE di Residenze d epoca Articolo 44 l.r. 18/2006 Segnalazione certificata di inizio attività Il/La sottoscritto/a cognome

Dettagli

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati . Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati 1. Login Fig.1.1: Maschera di Login Per accedere all applicativo inserire correttamente nome utente e password poi fare clic sul pulsante Accedi,

Dettagli

Requisiti e standard strutturali per l esercizio delle strutture ricettive alberghiere e delle relative specificazioni tipologiche aggiuntive

Requisiti e standard strutturali per l esercizio delle strutture ricettive alberghiere e delle relative specificazioni tipologiche aggiuntive Parte seconda - N. 135 Euro 2,46 Anno 40 6 novembre 2009 N. 188 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 luglio 2009, n. 1017 Requisiti e standard strutturali per l esercizio delle strutture ricettive alberghiere

Dettagli

REGIONE LAZIO BANDO PUBBLICO

REGIONE LAZIO BANDO PUBBLICO Allegato A REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO DIREZIONE TURISMO Piano Turistico Regionale 2011-2013 Deliberazione del Consiglio Regionale n. 2 del 17 novembre 2010 Linee di Azione II.2.1.B

Dettagli

REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive

REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive logo Comune REGIONE ABRUZZO Comune di XXXXXXXX Servizio S.U.A.P. Sportello Unico per le Attività Produttive SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA SCIA STRUTTURE TURISTICO - RICETTIVE allegato alla

Dettagli

2h Turismo l.r. 42/2000 1

2h Turismo l.r. 42/2000 1 2h Turismo l.r. 42/2000 1 Legge Regionale 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. (Bollettino Ufficiale n. 15, parte prima, del 03.04.2000 ) Titolo I - IL SISTEMA

Dettagli

CONSUMATORI TURISTI. Diritti del consumatore turista. by CODACONS. by CODACONS

CONSUMATORI TURISTI. Diritti del consumatore turista. by CODACONS. by CODACONS CONSUMATORI TURISTI DIRITTI DEL CONSUMATORE TURISTA E LE CONSEGUENZE LEGATE AL MANCATO RISPETTO DELLA NORMATIVA SULLA SANITÀ ED IGIENE NELLE STRUTTURE RICETTIVE I VIAGGI Eventi e Situazioni: NEGATO IMBARCO

Dettagli

STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE CENTRO SOGGIORNO STUDI

STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE CENTRO SOGGIORNO STUDI STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE CENTRO SOGGIORNO STUDI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (art. 34 L.R. 27 dicembre 2006,n. 18 Legislazione turistica regionale modificata con L.R. 16 febbraio

Dettagli

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE INDICE TITOLO I Pag. 1 Art. 1 Pag.

Dettagli

particolari che verranno trattate in Regolamenti ad hoc.

particolari che verranno trattate in Regolamenti ad hoc. Relazione a Regolamento Regionale: degli standard qualitativi e delle dotazioni minime obbligatorie degli ostelli per la gioventù, delle case e appartamenti per vacanze, delle foresterie lombarde, delle

Dettagli

Proposta di legge Modifiche alla legge regionale 23 marzo 2000, n. 42 (Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo) Relazione illustrativa

Proposta di legge Modifiche alla legge regionale 23 marzo 2000, n. 42 (Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo) Relazione illustrativa Proposta di legge Modifiche alla legge regionale 23 marzo 2000, n. 42 (Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo) ALLEGATO B Relazione illustrativa La presente proposta di legge interviene

Dettagli

Q U E S T U R A di V A R E S E Ufficio di Gabinetto

Q U E S T U R A di V A R E S E Ufficio di Gabinetto Q U E S T U R A di V A R E S E Ufficio di Gabinetto Manuale per la gestione del servizio di invio telematico delle schedine alloggiati Servizio di Invio Telematico Schedine Alloggiati Indice Inserimento

Dettagli

REGOLAMENTO DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NELLA CITTA DI MONZA. (approvato con delibera consiglio comunale n.1 del 9/1/2014)

REGOLAMENTO DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NELLA CITTA DI MONZA. (approvato con delibera consiglio comunale n.1 del 9/1/2014) REGOLAMENTO DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NELLA CITTA DI MONZA (approvato con delibera consiglio comunale n.1 del 9/1/2014) INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento...pag. 1 Art. 2 Istituzione e presupposto dell

Dettagli

COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina. Regolamento Imposta di Soggiorno

COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina. Regolamento Imposta di Soggiorno COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina Regolamento Imposta di Soggiorno (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 80 del 06/11/2012) Art.1 Presupposto dell'imposta Presupposto dell'imposta di soggiorno

Dettagli

Strutture ricettive alberghiere, campeggi e villaggi turistici

Strutture ricettive alberghiere, campeggi e villaggi turistici LEGGE REGIONALE 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. 3.4.2000 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 15 (Testo coordinato con la L.R. 17 gennaio 2005 n.

Dettagli

Attività ricettive non alberghiere

Attività ricettive non alberghiere Attività ricettive non alberghiere Le attività: ESERCIZI DI AFFITTACAMERE; CASE E APPARTAMENTI PER VACANZE; BED & BREAKFAST sono classificate come "attività ricettive non alberghiere", ai sensi della vigente

Dettagli