L industria delle assicurazioni ed il mondo della sanità che cambia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L industria delle assicurazioni ed il mondo della sanità che cambia"

Transcript

1 9 Convegno R.I.B. L industria delle assicurazioni ed il mondo della sanità che cambia The insurance industry and the changing health care system St. Jean Cap Ferrat - 8/9/10 Novembre 2002

2 9 Convegno R.I.B. L industria delle assicurazioni ed il mondo della sanità che cambia The insurance industry and the changing health care system St. Jean Cap Ferrat - 8/9/10 Novembre 2002

3

4 Sommario R.I.B. Reinsurance International Brokers S.p.A., Milano Sig. Franco Curioni Introduzione R.I.B. Reinsurance International Brokers S.p.A., Milano Sig. Carlo Faina L industria delle assicurazioni di fronte alla sanità che cambia Assicurazioni Generali S.p.A., Mogliano Veneto Rag. Adrian Bruno Trevisan Condizioni e modalità di sviluppo delle forme sanitarie volontarie in Italia Münchener Rück Italia S.p.A., Milano Dott. Fabio Malerba Il concetto di servizio nella riassicurazione ramo malattia Europ Assistance Service S.p.A., Milano Dott. Gianluca Da Pozzo Servizi innovativi dell area salute per il settore assicurativo Studio Legale Ferlini, Bologna Avv. Maurizio Ferlini Sanità, assistenza e assicurazioni: dalla crisi alle opportunità Victoria Krankenversicherung AG, Düsseldorf Mr. Rainer Tögel Il sistema sanitario Tedesco e la situazione del mercato delle assicurazioni private nel ramo malattia Scor Italia S.p.A., Milano Dott.ssa Alessandra Zorza Una possibile soluzione assicurativa al problema della non autosufficienza degli anziani - L esperienza Francese Istituti Clinici di Perfezionamento, Milano Dott. Eugenio Vignati La nuova alleanza: ospedale-assicuratore Studio Legale Mantovani, Milano Avv. Renato Mantovani La colpa medica, responsabilità professionale per malpractice medica - Cosa cambierà nel previsto passaggio tra sanità pubblica e privata Rappresentante del Parlamento Italiano On. Gianantonio Arnoldi L industria delle assicurazioni ed il mondo della sanità che cambia ANIA Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici, Milano Dott. Roberto Gussoni Le nuove frontiere del sistema socio-sanitario Cincotti Group S.r.l, Milano Ing. Marco Cincotti/Dott. Francesco Cincotti Una proposta di gestione efficiente dei sinistri di massa R.I.B. Reinsurance International Brokers S.p.A., Milano Sig. Franco Curioni Chiusura dei lavori 9 Convegno R.I.B. - 3

5

6 L industria delle assicurazioni ed il mondo della sanità che cambia Introduzione Sig. Franco Curioni - R.I.B. Reinsurance International Brokers S.p.A. - Milano Il Presidente della RIB, Franco Curioni, porge un caloroso benvenuto a tutti i partecipanti ed esprime l auspicio che dall incontro di lavoro possano emergere importanti spunti di riflessione ed orientamenti di pensiero utili per affrontare con sempre maggiore professionalità le sfide, anche culturali, che provengono da una società in continua evoluzione. Invita altresì al podio il vicepresidente della R.I.B., Osvaldo Rosa, che unisce a quelli del Presidente i suoi saluti ed i voti augurali di una felice riuscita dei lavori congressuali. A questo punto Curioni cede la parola al Chairman dell incontro, Fausto Panzeri, passando a lui il testimone per la conduzione del convegno. 9 Convegno R.I.B. - 5

7

8 L industria delle assicurazioni di fronte alla Sanità che cambia Sig. Carlo Faina - R.I.B. Reinsurance International Brokers S.p.A. - Milano Un tema di pressante urgenza RIB ha avviato gli appuntamenti di Cap Ferrat, giunti ormai alla nona edizione, con l obiettivo di coagulare l attenzione, non solo dei colleghi assicuratori, ma anche dei protagonisti della vita politica, sui vari temi caldi del momento. Sempre monografici, alcuni incontri si sono incentrati su argomenti da pochi intimi, come il Project Financing o l ART, vale a dire il trasferimento alternativo dei rischi. Altri abbiamo voluto dedicarli a tematiche di più esteso consumo. Per esempio il confronto sullo stato dell arte di come gli assicuratori possono affiancare lo Stato nel contribuire a rendere meno oneroso l impatto con le catastrofi naturali. Un argomento che è di sempre più pressante urgenza e peso sui conti dello Stato, come stiamo verificando in questi anni recenti, e purtroppo in questi ultimissimi giorni. Ma di altrettanta, se non più incalzante, importanza è la Sanità che cambia. Il fabbisogno del Piano Sanitario Nazionale Il Piano Sanitario Nazionale nelle mani del ministro Sirchia, ha dieci obiettivi prioritari. Tra questi la creazione di una rete integrata di servizi sanitari per l Assistenza ai malati cronici, agli anziani e ai disabili. Le stime circa il fabbisogno di risorse economiche per poter affrontare l Assistenza ai malati cronici e ai soggetti non autosufficienti indicano una cifra intorno ai 17mila milioni di Euro. Il ministro della Salute non ha avuto remore - durante una seduta della Commissione Affari Sociali della Camera - nel dichiarare che le risorse attualmente disponibili nelle casse statali per questa voce di spesa non superano i 7mila milioni. Con l occasione, ritengo opportuno ricordare l importanza del decreto legislativo (datato 14 febbraio 2001) recante il titolo Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni sociosanitarie che identifica le prestazioni da erogare. E precisa la divisione fra prestazioni sanitarie a rilevanza sociale, quelle a rilevanza sanitaria e quelle sociosanitarie ad elevata integrazione sanitaria. Il Piano Sanitario Nazionale tende a realizzare un sistema integrato di Assistenza e Sanità, coordinato fra Regioni ed enti locali. Obiettivo: realizzare il progetto nazionale per le persone anziane non autosufficienti. Una tutela per i cittadini più fragili Ho voluto toccare il tema della tutela della non autosufficienza perché in un Paese come l Italia, orientato a polverizzare tutti i record in materia di speranza di vita, sarà uno snodo centrale del nostro futuro. Tale da indurre a ridisegnare il sistema del welfare nazionale, con la preoccupazione di tutelare al meglio i cittadini in condizione di maggiore fragilità. Stimolando i sensi di un accresciuta solidarietà nei confronti dei non autosufficienti, inducendo comportamenti lungimiranti di autotutela nei soggetti nelle condizioni di provvedere per tempo alla predisposizione di strumenti tali da ridurre al minimo le conseguenze di probabili impatti con la non autosufficienza nella terza e quarta età. E questa della tutela della non autosufficenza - come ho appena detto - non è che una sezione del complesso capitolo della Sanità. Secondo le previsioni divulgate dalla Ragioneria Generale dello Stato, nell arco dei prossimi cinquant anni il rapporto tra spesa sanitaria pubblica e Prodotto Interno Lordo crescerà del 30 per cento, passando dal 5,50 per cento dell anno 2000 al 7,20 del La componente demografica, rappresentata dall invecchiamento della popolazione, è l elemento di spinta del rapporto fra spesa sanitaria e Prodotto Interno Lordo. Fenomeno solo parzialmente contrastato dall effetto di contenimento generato dall aumento del tasso di occupazione e dal criterio di politica economica adottato ai fini dell evoluzione del consumo pro capite. 9 Convegno R.I.B. - 7

9 L industria delle assicurazioni di fronte alla Sanità che cambia Il fenomeno della Long Term Care Il rapporto steso dalla Ragioneria dello Stato evidenzia anche l aggravarsi di un altro fenomeno: le spese per i casi di Long Term Care. Che crescono ad una velocità certamente superiore - e di gran lunga - alle erogazioni destinate ai casi di Acute Care. Fatto che si spiega per le già accennate ragioni di tipo demografico e con la considerazione che il ricorso alla Long Term Care è tipico delle persone in età avanzata. Il differenziale di crescita fa salire dall 11 al 14 per cento la spesa dedicata alla Long Term Care. Sempre nell arco del cinquantennio L Ania ha, sul tema delle Long Term Care, due proposte. La prima, mutuata dall esperienza tedesca - per la quale avremo a breve l opportunità di sentire l esposizione di autorevoli ed esperti relatori - comporta un prelievo sui salari e sulle pensioni dell 1,40 per cento. Su un reddito medio di 17 mila euro (33 milioni di lire, circa) significa un esborso di 233 euro (pari, in vecchie lire, a 450mila lire). Supponendo che a tale importo concorra il datore di lavoro in misura del 50 per cento, significherebbe l esborso della non impossibile cifra mensile di 10 euro. Un altra proposta dell Associazione fra le Imprese Assicuratrici punta ad includere obbligatoriamente il rischio di non autosufficienza tra le coperture assicurative offerte dai Fondi pensione a contribuzione definita. Posso aggiungere, tra i molti altri suggerimenti in merito, quello del ministro della Salute, Girolamo Sirchia, secondo il quale si deve attivare un fondo assicurativo personale, in rapporto al reddito. Il patto fra Stato e Regioni sulla Sanità Pubblica La stabilità iniziale della spesa sanitaria per i prossimi anni è connessa e dipende dal patto sancito con l accordo Stato-Regioni dell 8 agosto Con il quale si fissano le risorse da destinare al finanziamento del Servzio Sanitario Nazionale. Nei termini delle cifre che seguono: milioni di Euro di spesa per il milioni di Euro per il milioni di Euro per il milioni di Euro per il Gli eventuali disavanzi - lo ha disposto la legge n. 401,datata 16 novembre dovranno essere coperti dalle Regioni, con modalità che prevedono (a scelta degli amministratori regionali): misure di compartecipazione alla spesa sanitaria; variazioni dell aliquota dell addizionale regionale IRPEF o altre misure fiscali; altre misure, funzionali a contenere le spese sanitarie. Sappiamo anche come la legge imponga, comunque, alle Regioni dei ferrei vincoli, mirati ad evitare disavanzi. In che modo? Prescrivendo alla rete ospedaliera l adozione di standard che contengono la dotazione media di cinque posti letto ogni mille abitanti. Si noti - dopo le informazioni che avete avuto circa il fenomeno della non autosufficienza - che, di tali posti, l 1 per cento deve essere riservato alla riabilitazione o alla lunga degenza. C è anche un tetto ben preciso, da non oltrepassare, del 13 per cento per quanto riguarda la spesa farmaceutica. Aggiungerei - meglio abbondare che rischiare di essere reticenti - che Governo e Regioni hanno definito quali debbano essere i cosiddetti Livelli Essenziali di Assistenza, sintetizzabili nelle stringate e burocratiche definizioni: Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro: Assistenza distrettuale Assistenza ospedaliera Ma non basta. Per fare in modo che le Regioni non si permettano di uscire dai binari di una metodologia omogenea, il Ministero della Salute ha definito gli elenchi di prestazioni escluse, di quelle di cui possono essere beneficiari solamente una fascia limitata di utenti e di quelle prestazioni che esigono modalità più puntuali di erogazione. Il ridimensionamento dell intervento pubblico Il quadro dell impegno dello Stato ad assicurare i livelli essenziali di Assistenza con il proprio sistema sanitario è significativamente contenuto. Non è un eufemismo. Il segnale - ed è qualcosa di più di un segnale - pare inequivocabile e gli italiani sono chiamati a prenderne atto. 8-9 Convegno R.I.B.

10 Si è parlato, a più riprese, del ruolo sociale dell assicurazione. Se lo Stato ha predisposto precisi e non superabili impegni nell erogazione delle prestazioni del Servizio Sanitario Nazionale, l industria assicurativa ha l opportunità di fare davvero un salto epocale. Parlo, in primis, di un uscita dalle strettoie di un consumo che oggi risulta davvero limitatissimo, quasi elitario. Con i presupposti accennati sarà possibile trasformare il ramo salute in qualcosa di effettivamente vicino al largo consumo. Se non consumo di massa. Il Sistema Sanitario Nazionale italiano sta seguendo una evoluzione la cui dinamica generale risulta del tutto assimilabile - nonostante le varie e comprensibili differenze di impostazione sul piano della strategia, della politica e della cultura che possono ragionevolmente sussistere, in corrispondenza delle diverse evoluzioni storiche e realtà - a quella che si è affermata in altri Paesi dell Unione Europea. E, in senso più lato e generale, nei Paesi più evoluti nel contesto dell economia mondiale. In termini certamente riduttivi, direi che quando si parla di Sanità, il problema di fondo da risolvere si incentra sulle ovvie necessità di mantenere un equilibrio tra una partecipazione dello Stato a tutela della vita dei suoi cittadini, il necessario rispetto di alcuni fondamentali fattori di limitazione alla spesa economica e al rapporto tra tale spesa e i risultati. Obiettivi che vengono attualmente visti e valutati come inderogabili, rafforzati da una considerazione: di questi tempi, ormai, le visioni cosiddette liberiste si confondono e si intersecano con i classici concetti dirigistici e statalisti. Agli inizi del Terzo Millennio non troviamo più ostinati - perché di stampo conservatore - fautori del libero mercato tout court. Né hanno diritto di cittadinanza i propugnatori, a senso unico, dell applicazione delle teorie keynesiane, perché di area progressista. Si propende semmai verso un liberismo mitigato, libero mercato, ma mica tanto. O, in alternativa, si afferma un interventismo statale che tiene conto della necessità del confronto con un sistema economico plurimo, a più vie. Il fatto è che - per quanto riguarda il nostro Bel Paese - non si è riusciti a capire come sia possibile andare avanti a gestire un Sistema Sanitario Nazionale che pare un pozzo senza fondo. Dopo anni e anni di sprechi biblici, cui nessun governo è riuscito a porre un freno, si permane nell incertezza persino su dove operare tagli di spesa. Se un modello risolutivo e virtuoso è ancora da verificare, è possibile - tuttavia - delineare in qualche modo una linea di tendenza che mira a spostare l asse dal pubblico al privato. Con questo coinvolgendo, praticamente, capitali privati, forme di finanziamento e forme di gestione manageriale del tutto assimilabili a quelli delle aziende private. Un impegno collettivo degli assicuratori Risulta intuitivo comprendere come la combinazione di un quadro generale di tal fatta - che esprime la necessità di perfezionare tanto il collegamento di strutture di tipo privato con la popolazione dei cittadini, quanto la copertura del relativo impatto economico (a carico sempre dei cittadini), con un aumento generalizzato che è facile prevedere per la spesa sanitaria, connesso all aumento della popolazione assistita e alle nuove e più costose tecnologie mediche - risulti di straordinario interesse per l industria assicurativa. Tutti gli assicuratori, ritengo, si dovranno impegnare. Ricordo un indagine condotta dalla Arthur Andersen, utilizzando il metodo Delphi, agli inizi degli anni Novanta. Intervistato un rilevante campione di manager assicurativi europei. Chi va a rileggere i risultati, scopre che non era alta la percentuale di chi pensava che il cuore dello sviluppo del decennio sarebbero stati i rami vita legati alla bancassicurazione. Come abbiamo visto tutti. No. Gli amministratori delegati e i direttori generali delle compagnie europee intervistate dalla force de frappe della Arthur Andersen indicavano nell area Salute (tanto per abbandonare la sfavorevole dizione Malattie, tipica del gergo assicurativo e che proporrei di cancellare per sempre ) il grande business del sistema assicurativo per gli anni Novanta. Gli assicuratori italiani la pensavano pure a quel modo. Ma evidentemente i tempi non erano maturi. Lo si è visto. Gli anni Novanta hanno avuto - per quanto riguarda l Italia - l evoluzione che sappiamo. Vorrà dire che saranno gli anni di avvio del Terzo 9 Convegno R.I.B. - 9

11 L industria delle assicurazioni di fronte alla Sanità che cambia Millennio a verificare se si possano realizzare - in un contesto che deve tener conto della nuova politica del Sistema Sanitario Nazionale - obiettivi raggiungibili. Gli assicuratori e i riassicuratori sono chiamati, oltre a dotarsi di strategie finalizzate a cogliere le opportunità che si prospettano, a trasformarle in occasioni di business e profitto. Ovviamente passando attraverso la concreta dimostrazione di poter garantire agli assicurati un servizio integrativo di prestazioni sanitarie di qualità. Che consenta - oltre all uscita dal tunnel della RC Auto come asserzione di un sistema non all altezza - di vincere la sfida diabolica del rilancio dell immagine dell assicurazione. Dite che è poco? Sappiamo come tale immagine sia oggi non certamente ai primi gradini nella scala affettiva della comunità nazionale. E mi astengo qui dall addentrarmi nelle valutazioni del pubblico italiano circa il singolare universo delle polizze RC Auto. Stando ai dati disponibili relativamente ai risultati del lavoro assicurativo nel particolare ramo Malattie (ma perché ci ostiniamo a nominarlo con una terminologia negativa? Gli anglosassoni lo chiamano Health, Salute. Non è peccato copiare un termine che contiene positività ), consideriamo che la raccolta premi delle 100 compagnie operanti in Italia in tale ramo ha raggiunto i milioni di Euro. Con una crescita del 6,90 per cento rispetto ai risultati dell esercizio Il ramo rappresenta il 4,50 per cento dei premi raccolti dall intero mercato assicurativo italiano. E da considerare - se le cose permangono allo stato attuale - un ramo quasi residuale. Che comunque ha inflitto perdite alle compagnie. La Combined Ratio è stata di 102,10, le spese di gestione hanno inciso per il 25,70 e il rapporto sinistri a premi è stato del 76,40. Il saldo tecnico è risultato negativo per 60 milioni di Euro (con lieve progresso rispetto all anno 2000, che aveva chiuso con 62 milioni, sempre in negativo). Considerati gli utili degli investimenti, il risultato del conto tecnico del lavoro diretto è stato negativo per 27 milioni di Euro. Tenendo conto del saldo della riassicurazione, il risultato complessivo risulta in rosso per 22 milioni di Euro, con una incidenza sui premi dell 1,80 per cento. Il linguaggio delle cifre è sufficientemente esplicito e non ha quasi bisogno di commenti. Peggio di così. Semmai vale la pena di addentrasi in considerazioni quanto mai opportune circa la necessità, da parte dei sistemi sanitari, di adeguarsi ai cambiamenti che sono in corso. Adeguati all evolversi dei bisogni effettivi, rispondenti alla attuale e futura configurazione socio-demografica del Paese. Senza entrare nello stretto dettaglio, si può dire che il processo di invecchiamento progressivo della popolazione italiana, che si distingue per i livelli record quanto a speranza di vita, presenta problematiche specifiche da risolvere. Alle quali sono legate altrettante opportunità. Basti pensare alla più volte richiesta necessità di costituire fondi assicurativi legati ai ripetutamente accennati rischi della non autosufficienza. In uno scenario del genere, risulta di enorme importanza riuscire a trovare soluzioni intelligenti e coerenti. Mi riferisco alla urgenza, da parte degli assicuratori, di saper proporre nuovi prodotti, non necessariamente legati agli antichi stereotipi di polizza sanitaria quale ci siamo abituati a vedere circolare nel corso degli ultimi decenni. Colgo, per esempio, un suggerimento di Assinews che in una recente pubblicazione propone di considerare la Long Term Care non solo come polizza Vita o abbinata a polizza Vita, ma come polizza Danni, senza la pretesa erronea di offrire una copertura al 100 per cento delle spese conseguenti allo stato di non autosufficienza. Assinews chiede di riscoprire la Temporanea da Malattia che già si offriva cinquant anni fa. E ribassare l inverosimile elevata franchigia prevista per l Invalidità Permanente da Malattia, con correlato aumento dei tassi. Sono convinto che uno scatto di creatività e di coraggio contribuirà a far cogliere frutti rilevanti per gli assicuratori che vorranno proporre prodotti efficaci ed efficienti. Posso accennare, per esempio, ai possibili sviluppi dei più validi ed innovativi concetti del Managed Care, su cui costruire gli utili e i necessari volumi di affari. Non disgiungibili dall efficienza, dalla capacità di innovazione e dalla professionalità con cui dovranno muoversi le reti di vendita Convegno R.I.B.

12 Non mi riservo, in chiusura, che un sintetico commento riguardante la riassicurazione. Nonostante stiamo attraversando una congiuntura molto difficile e tesa, visto che il 2001 può essere archiviato come l annus horribilis del mercato riassicurativo planetario, da più palesi segni possiamo arguire che il sistema riassicurativo abbia saputo trovare energie nuove ed offrire addirittura spunti di rilancio nei vari settori di attività. Se questa capacità di reagire può indurre a meraviglia chi non è addentro allo specifico settore, posso confermare - come addetto ai lavori riassicurativi - che il sistema ha mostrato una straordinaria capacità di attrarre l afflusso di notevoli capitali e - al tempo stesso - prospettare agli investitori la possibilità di ottenere margini indubbiamente interessanti. Confutando - con una risposta di tale portata - i facili profeti di sventura che prospettavano una situazione di crisi non reversibile. Ritengo quindi che il mercato, considerato nella sua interezza e fatte salve le dovute eccezioni e particolarità, non porrà tempo di mezzo per rispondere in termini adeguati e apportare il suo fondamentale supporto, individuando i sottoscrittori di rischi dai quali - sulla base dei concetti appena accennati - potranno attendersi risultati di successo. Lo conferma anche la nostra iniziativa di questi tre giorni, nei quali intendiamo affrontare - insieme a una pattuglia di autorevoli relatori - tutte le possibili prospettive dell argomento Sanità, proposte in un contesto ambientale che tutto vuol sentirsi dire tranne che di affrontare i certamente non trascurabili problemi che riguardano la terza e la quarta età. Un contesto che è percorso da quello che sembra essere un finora insopprimibile lapsus freudiano: ci riempie di spot e di sollecitazioni verso il giovanilismo a tutti i costi, di paradossi del fitness, del jogging, del climbing e degli sport estremi, rivolgendosi, da quello che dicono i dati, ad una maggioranza di pur aitanti ultrasessantenni. 9 Convegno R.I.B. - 11

13

14 Condizioni e modalità di sviluppo delle forme sanitarie volontarie in Italia Rag. Adrian Bruno Trevisan Direttore Centrale delle Assicurazioni Generali S.p.A. - Mogliano Veneto Spesa sanitaria pubblica e privata Come dato di partenza, vorrei richiamare la vostra attenzione sui risultati emersi da un recente sondaggio realizzato dal Censis, condotto su un target di potenziali clienti e avente come argomento proprio le polizze sanitarie. Esso ha evidenziato come la metà degli intervistati, precisamente il 49%, non sia interessato all acquisto di questo tipo di prodotti. Partendo da questo dato, si rende necessario sviluppare una riflessione a 360 gradi sul tema, procedendo innanzitutto, attraverso una verifica del mercato assicurativo. Essa assume notevole importanza anche alla luce di un progressivo alleggerimento dell intervento pubblico nell assistenza sanitaria cui fa riscontro, invece, una crescita costante della spesa complessiva e, quindi, della spesa privata (tra le cui componenti dobbiamo includere i costi per l assicurazione sanitaria personale). È bene avere consapevolezza delle dimensioni economiche del contesto in discussione. La spesa sanitaria complessiva italiana è stata nel 2001 pari a circa 95 miliardi di Euro, dei quali, oltre il 25% è rappresentata dalla spesa privata, tendenzialmente in continua crescita. I premi complessivamente incassati nel Ramo Malattie dalle compagnie di Assicurazione in Italia sono stati nello stesso anno pari a 1,30 miliardi di Euro, intercettando quindi appena il 5% della spesa privata, costituita quasi per intero da spesa diretta personale, e addirittura solo l 1,5% della spesa complessiva. Anche nel contesto delle Assicurazioni Danni i premi Malattie costituiscono solo il 4,5% dell intero loro ammontare, percentuale pressoché costante nell ultimo triennio. Le Compagnie operanti sul mercato sono 104: le prime 10 incassano da sole quasi i due terzi dei premi complessivi e addirittura le prime 4, si dividono oltre il 40% del mercato. I sinistri pagati sono pari all incirca al 76% dei premi mentre le spese, suddivise tra spese di acquisizione, di amministrazione e provvigioni, pesano per circa il 25/26%, determinando un Combined Ratio intorno al 102%. Caratteristiche del business assicurativo Dimensioni contenute del business, elevata concentrazione su poche Compagnie e carenza di profitti sono, quindi, le caratteristiche principali del mercato assicurativo italiano malattie alle quali va aggiunto il fatto che la durata delle polizze sia individuali che di gruppo è definita. In tale mercato ha ancora prevalenza un portafoglio polizze costituito dai prodotti indirizzati all individuo ed alla famiglia, che, se da un lato mantengono nella sostanza le caratteristiche di pura copertura di rischio garantendo essenzialmente il rimborso delle spese di ricovero ospedaliero con poco spazio a garanzie di manutenzione come le visite specialistiche e le cure dentarie, per contro sono condizionate dai noti problemi di moral hazard e antiselezione del rischio nonché da un costo medio del sinistro di ospedalizzazione privata ancora largamente sottratto a concrete ed efficaci possibilità di controllo da parte dell assicuratore. La principale conseguenza è un livello di premi assicurativi elevati e condizioni contrattuali, quali il questionario anamnestico, periodi di carenza, limiti di rimborso ed esclusioni che ne frenano la diffusione e rendono spesso problematico il rapporto con l assicurato. Al tempo stesso, vengono comunque attribuiti interessanti margini di crescita al mercato, sia, per il progressivo contenimento dell intervento pubblico, sia per l affermarsi di una domanda sempre più vivace di assicurazioni collettive rappresentate dall insieme dei lavoratori dipendenti di aziende ed iscritti ad associazioni professionali, sia infine per l emergere di nuovi bisogni collegati all allungamento della vita media. In particolare, lo sviluppo della vendita delle polizze collettive (che rappresentano il secondo pilastro nell organizzazione del Welfare) hanno posto gli assicuratori nella condizione di dover riconsiderare con una diversa prospettiva la dinamica del costo dei sinistri, sia in termini di frequenza che di danno medio, allo scopo di attivare meccanismi di controllo sempre più efficienti e di incidere sulla gestione del sinistro per contenerne la spesa. 9 Convegno R.I.B. - 13

15 Condizioni e modalità di sviluppo delle forme sanitarie volontarie in Italia Ci troviamo ad attraversare una fase, quindi, in cui le compagnie stanno passando da una rilevazione direi passiva della sinistralità, il cui riscontro oggettivo serviva essenzialmente per modificare la portata della garanzia o variare il premio, ad un approccio partecipativo attraverso il quale avviare una migliore conoscenza dei meccanismi formativi della spesa ed una politica di negoziazione con gli erogatori della stessa. Le polizze collettive, infatti, non hanno il problema dell antiselezione del rischio benché includano prestazioni di garanzie di consumo pressoché certe come le visite specialistiche indipendenti dal ricovero e le cure odontoiatriche, in aggiunta alle tradizionali spese di ospedalizzazione e ciò a fronte di un premio assicurativo molto più contenuto di quello previsto per le polizze individuali. Poiché tale premio è scarsamente negoziabile essendo vincolato ad accordi sindacali o limiti di spesa, diventa determinante essere competitivi nell ampiezza delle garanzie e, quindi, nella capacità di controllarne la dinamica di costo. E questo, per le Compagnie italiane e più in generale per l intero sistema sanitario, il problema sicuramente più delicato sul tappeto, e cioè saper coniugare la crescita costante del consumo di sanità con una disponibilità economica sempre meno espandibile, ricercando quindi, il migliore utilizzo della capacità gestionale. Il Managed Care in Italia Tale necessità di essere una componente di partecipazione attiva al processo di formazione del costo sanitario è il principio base dei piani di Managed Care che, per la verità, è stato colto dal nostro mercato solo in tempi recenti. Le prime esperienze di accordo con gli erogatori di spesa privati attuate tramite la forma del convenzionamento che prevedesse, cioè, il pagamento diretto da parte della Compagnia alle cliniche ed ai professionisti, avevano come obiettivo principale il miglioramento del sevizio al cliente e, quindi, un ottica più rivolta all approccio commerciale piuttosto che a quello tecnico economico. Solo ultimamente invece, si è sviluppata un attenzione diversa focalizzata sul suo possibile risvolto economico in termini di impatto sui costi. Si è, quindi, cominciato a considerare il convenzionamento con le strutture sanitarie e la relativa gestione anche sotto l aspetto di un attività di Managed Care che avesse come caratteristiche: maggior controllo e contenimento dei costi, e cioè un abbattimento dei costi medi del sinistro ottenuti tramite l utilizzo di una rete di fornitori sulla quale attivare un monitoraggio continuo della composizione dei fattori di spesa e della loro frequenza per ridurre il ricorso a cure non appropriate e scoraggiare gli abusi o le frodi; riduzione delle spese di amministrazione; aumento dell efficienza del processo complessivo; garanzia della qualità del servizio aumentando la customer-satisfaction miglioramento ed allargamento delle rilevazioni statistiche sia per quanto concerne i sinistri che il comportamento della rete utilizzata. Siamo consapevoli, tuttavia, che il Managed Care in termini industriali presupporrebbe una massa di informazioni statistiche molto ampia avvalendosi molto dell analisi storica dei dati e sugli scostamenti da protocolli diagnostici-terapeutici predefiniti; inoltre, solo una grande quantità di soggetti gestiti può consentire un efficace attività di prevenzione tale da conseguire la riduzione del ricorso a prestazioni sanitarie e, quindi, la riduzione dei costi. Si è già accennato alle ridotte dimensioni del mercato assicurativo malattie in Italia ed alle sue peculiarità; se a ciò si aggiungono l assenza di orientamenti terapeuticidiagnostici ufficiali e condivisi e la presenza nel settore privato di fenomeni speculativi si capisce come una vera attività di Managed-Care sia ancora oggi una prospettiva più che una effettiva opportunità. Tuttavia, aver preso coscienza di tale prospettiva ha già consentito alcuni passi avanti nella gestione delle polizze malattie perché ha introdotto una maggiore attenzione ai costi dell ospedalizzazione e delle prestazioni professionali e ha imposto l analisi sistematica di alcuni importanti indicatori quali la durata media delle degenze, il ricorso al day-hospital o al day-surgery, attivando quella gestione partecipativa che permette, oggi, maggiore consapevolezza dei possibili costi nella trattazione dei nuovi contratti e nel rinnovo di quelli esistenti. Non va dimenticato che il nostro mercato risulta tuttora costituito quasi esclusivamente da compagnie Multiramo, che gestiscono il rapporto con il cliente in un ottica complessiva. Tanto nel caso di polizze individuali quanto nelle polizze collettive il contraente è spesso titolare di altri contratti assicurativi in rami verosimilmente più redditizi e, quindi, non è pensabile una trattazione del rischio malat Convegno R.I.B.

16 tie completamente avulso dal contesto complessivo e basata su una attività di Managed Care mirata al solo contenimento del costo della sinistralità. Anche in relazione a ciò, gli indubbi vantaggi in termini generali collegati a tale pratica possono essere ancor più valorizzati nella trattazione di tutte quelle situazioni che oggi, grazie alla durata definita delle polizze, vengono risolte prevalentemente con l interruzione del rapporto assicurativo e che potrebbero, invece, avere accettabili alternative: è il caso per esempio della trattazione dei rischi aggravati e delle cronicità. I rischi aggravati E questo, infatti, un altro aspetto chiave dell attività assicurativa nel ramo malattia, tema fra i più complessi e di difficile inquadramento da sempre oggetto di discussioni critiche anche tra gli addetti ai lavori. Il motivo della delicatezza dell argomento è semplice: la gestione del rischio per l assicuratore è condizionata dall obiettivo aziendale di garantire il risultato economico dello specifico settore di attività, correlandolo all esigenza commerciale di rispondere alle aspettative degli assicurati. Il rischio aggravato, essendo oggettivamente anomalo per l elevata probabilità di un costo tecnico aggiuntivo spesso difficilmente quantificabile, può facilmente introdurre significativi elementi di squilibrio tecnico del portafoglio. Le riflessioni delle compagnie sull argomento si sono accentuate negli ultimi tempi in concomitanza con la Riforma Sanitaria, che ha introdotto i Fondi Sanitari Integrativi - peraltro non ancora operativi - che escludono il ricorso a politiche di selezione dei rischi e che quindi precluderebbero la possibilità di gestire i rischi aggravati e, ancor più recentemente, in conseguenza delle sollecitazioni dell ISVAP, a riconsiderare il recesso dalle polizze malattia. Noi assicuratori veniamo sovente accusati di rammaricarci a parola dello storno o disdetta a contratto riguardante un rischio aggravato, ma di fare poco o nulla per modificare in maniera sistematica una gestione del rischio come quella oggi prevalentemente adottata. La realtà è un po più articolata perché rinunciare ad un cliente è pur sempre un atto estremo, e proprio a testimonianza dell impegno degli assicuratori ad affrontare le tematiche dei rischi aggravati senza preconcetti e con intenti propositivi nell ambito della sezione tecnica Vita Infortuni e Malattie dell ANIA è stato costituito da un paio d anni un apposito gruppo di lavoro. La Presidenza della sezione tecnica ha dato a questo gruppo di lavoro un compito ben preciso, individuare possibili alternative alla attuale prevalente prassi operativa delle compagnie che, come già accennato consiste in caso di rischio aggravato nell escludere dall assicurazione la patologia o meglio l assicurato stesso. Va ripetuto per meglio inquadrare il contesto di riferimento, e ne ho già fatto cenno a proposito del Managed Care, che dal punto di vista assuntivo e della selezione del rischio l attività assicurativa malattie riguarda due tipologie di contratto: individuale, sottoscritto dal diretto interessato per sé ed eventualmente per i suoi familiari e collettivo, riguardante la totalità di un insieme omogeneo di assicurati. Nel contratto collettivo totalitario le problematiche poste dai rischi aggravati sono superate in quanto il rischio in assenza di anti-selezione viene valutato nel suo insieme, indipendentemente dallo stato di salute dei singoli assicurati, tant è che non si fa luogo a questionari anamnestici. Di norma sono coperte anche le patologie preesistenti alla decorrenza della garanzia e gli eventuali interventi di riequilibrio economico del rapporto complessivo operano sempre nei confronti di tutti gli assicurati e mai a livello individuale. Il problema dei rischi aggravati si pone invece per i contratti individuali, per i quali nonostante il ricorso al questionario anamnestico in fase assuntiva e la presenza nelle condizioni di polizza di previsioni contrattuali cautelative quali esclusione delle patologie pregresse conosciute e periodi di carenza ecc. il rischio dell anti-selezione è comunque presente. Da ciò ne conseguono la probabilità di recesso entro un periodo iniziale prestabilito - di norma 2 anni - nonché la fissazione di una scadenza del rapporto contrattuale anni - che determina, ove ci sia stata rilevazione di patologie recidivanti o ingravescenti la possibilità per l assicuratore di richiedere interventi correttivi o, nei casi più gravi, di rifiutare la prosecuzione del contratto di assicurazione. Trovare alternative economicamente e commercialmente accettabili a questa prassi operativa costituisce un tentativo irto di difficoltà, ma con il quale prima o poi ci si deve confrontare in termini risolutivi, perché se è vero che l assicuratore non può venire meno all obbligo di sana gestione dell attività assicurativa, a tutela degli impegni assunti con tutti i propri assicurati, anche sacrificando nel rispetto delle disposizioni contrattuali pattuite l interesse del singolo, è fuori discussione la perdita di immagine nei confronti dell assicurato e quindi del mercato, che si sente tradito proprio nel momento in cui ritiene di aver maggior bisogno della copertura. 9 Convegno R.I.B. - 15

17 Condizioni e modalità di sviluppo delle forme sanitarie volontarie in Italia Tema complesso quindi, delicato e che presenta oggettive difficoltà da affrontare già nella fase di inquadramento e che sono, per restare nelle più rilevanti, di natura medica, statistico-attuariale, commerciale e di ruolo delle compagnie nel settore sanitario. In breve, difficoltà di natura medica per l estrema articolazione che la stessa patologia può assumere in soggetti diversi per età, sesso, condizioni fisiche, precedenti sanitari, patologie coesistenti, ecc. da cui deriva la complessità di una schematizzazione di riferimento. La medicina poi non è statica, definita, ma al contrario in costante ricerca di sempre maggiori certezze di risultato e perciò per sua stessa natura talvolta imprevedibile. Difficoltà di ordine statistico-attuariale per la scarsità di dati razionalizzati in un ottica di tariffazione malattie; proprio l attuale prassi prevalente di non assicurare tali rischi fa si che non esistano dati di esperienza, con la conseguente problematicità nel determinare il corretto aggravio di costo rispetto ad un rischio standard. Difficoltà di natura commerciale perché a fronte di un evento pressochè certo l assicuratore non può che gestirne il presunto costo nel contesto del rapporto contrattuale che va a pattuire con il cliente, con la prospettiva di dover chiedere premi di gran lunga superiori a quelli normali. Difficoltà nel definire il ruolo che le compagnie intendono svolgere nel contesto di una riforma sanitaria tuttora in fase evolutiva: se vogliamo uno spazio maggiore per espandere l assicurazione privata, dobbiamo sicuramente risolvere il problema del trattamento dei rischi cattivi perché è arduo puntare allo sviluppo ritenendo di poter gestire solo i rischi migliori e lasciare al resto del mercato quelli considerati peggiori. Ho voluto accennare alle difficoltà di più immediato rilievo per sottolineare le problematicità del contesto di riferimento in cui ha operato il gruppo di lavoro. Voglio solo riepilogare in rapida sintesi i passi percorsi fino ad oggi. La prima fase è consistita in un analisi delle tecniche di valutazione dei rischi aggravati in uso dei principali paesi europei effettuata tramite incontri, approfondimenti, dibattiti con alcune importanti compagnie di riassicurazione quali la Munich Re per la Germania, la Scor per la Francia e la Frankona per l Inghilterra. Questa prima fase ha messo in evidenza come detti modelli esteri si siano sviluppati principalmente per l assicurazione vita, per l invalidità permanente o la LTC (Long Term Care Insurance) piuttosto che con l ottica del rimborso spese mediche, che rimane la tipica prestazione delle polizze malattia. Tuttavia è stato possibile approfondire l esperienza sinistri delle principali compagnie estere e dei relativi medici fiduciari, nonché valutare l attività di supporto sia in termini di manualistica che di software interattivi, atta a reperire agevolmente le informazioni sulle patologie e fornire al sottoscrittore una situazione complessiva utile alla decisione. Nella seconda fase l attività è entrata più direttamente nel tema con la ricerca di alcune soluzioni alternative adottabili in luogo dell espulsione dall assicurazione, coinvolgendo medici ed assuntori delle compagnie italiane. E stata definita una metodologia di analisi condivisa ed è stata effettuata una ricognizione delle patologie più gravi e frequentemente trattate in fase assuntiva, ipotizzando una pluralità di soluzioni tecniche in grado di circoscrivere o ridurre il rischio e predisponendo per circa una trentina di casi delle schede riassuntive utilizzabili quali guide con contenuto esclusivamente di orientamento per l assuntore. La terza fase, da poco attivata, prevede la realizzazione di un progetto di ricerca, sviluppata dal Gruppo di Lavoro ANIA in collaborazione con il Dipartimento di Epidemiologia ASL Roma E e il Dipartimento di Igiene dell Università di Torino. L obiettivo del lavoro è quello di arrivare ad un disegno dettagliato dei profili di rischio della popolazione per talune patologie di interesse, individuando le soluzioni assistenziali che ottimizzino il complesso rapporto tra copertura dei rischi, efficacia dell assistenza erogata ed entità delle risorse impiegate. L impostazione del lavoro prevede: la revisione della letteratura attraverso la selezione ed estrazione di dati da varie fonti; la messa a punto di una metodologia standardizzata che preveda: l arruolamento di coorti di casi incidenti di una patologia; la quantificazione del rischio di eventi avversi nelle coorti arruolate; la descrizione del relativo consumo di risorse e degli esiti delle cure ed infine la valutazione dell efficacia del trattamento ricevuto; la valutazione degli esiti delle cure in termini di salute quali la sopravvivenza o l occorrenza di nuovi episodi della stessa patologia o di altre collegate; la valutazione dei costi sostenuti anche rispetto ai costi associati a trattamenti c.d. appropriati. Il lavoro di ricerca si avvarrà della possibilità di accesso a numerose ed importanti banche dati a livello nazionale 16-9 Convegno R.I.B.

18 e regionale ed è inoltre prevista la facoltà di estendere l ambito di applicazione del progetto ad ulteriori aspetti di interesse. Vorrei, quindi, concludere questo mio breve intervento riepilogando alcune caratteristiche che paiono indispensabili per lo sviluppo profittevole del ramo malattie nel nostro particolare mercato : qualificato know-how medico e tecnico, tale da assicurare perfetta interazione e sinergia; procedure di gestione e liquidazione dei sinistri efficienti, per valorizzare al meglio l efficacia della trattazione virtuosa del costo del sinistro; flessibilità del modello, consentendo comunque più alternative (pagamento diretto o rimborso) per non imporre all assicurato scelte obbligate; credibilità verso i clienti, per coniugare, in ultima analisi, il perseguimento della redditività con un servizio che deve necessariamente mantenere l orientamento al Cliente. 9 Convegno R.I.B. - 17

19

20 Il concetto di servizio nella riassicurazione ramo malattia Dott. Fabio Malerba - Münchener Rück Italia S.p.A. - Milano Indubbiamente il concetto di servizio nella riassicurazione desta curiosità. Poiché il riassicuratore viene identificato normalmente in colui che finanzia, come prenditore ultimo dei rischi e dei costi di un determinato ramo o sottoramo, l idea che un riassicuratore si immetta in un mercato dei servizi legato alle coperture assicurative può senz altro lasciare incuriositi. D altro canto questo, come abbiamo già sentito oggi, è un ramo molto particolare, nel quale bisogna sicuramente cercare di essere innovativi per innescare il tanto atteso sviluppo, annunciato e ritardato da diversi anni a questa parte. Come si posiziona il ramo malattia? Malattia è più prossimo come comportamento al ramo RC Auto che al ramo Altri danni ai beni. Questo vuol dire che è un ramo maturo tanto da un punto di vista riassicurativo quanto da un punto di vista, per forza di cose, assicurativo diretto. Un ramo con dei costi abbastanza certi in termini di loss ratio e con una bassa necessità di cessione in termini riassicurativi. Data una frequenza e dati dei costi medi sufficientemente noti, non si rileva una necessità per le compagnie di diretto a cedere al mercato riassicurativo se non in determinati casi: un aumento della capacità per le compagnie piccole oppure una vera incertezza sul risultato finale per programmi di sottoscrizione di nuovi prodotti. Per iniziare il nostro excursus nel tema del riassicuratore come prestatore di servizi direi che bisogna partire da molto lontano. RAMI PREMI PREMI CESSIONI/ DIRETTI CEDUTI PREMI DANNI ,9% VITA ,5% Malattia (7) 131 (10) 10,4% (14) RC Auto (1) 700 (1) 4,9% (18) Altri danni ai beni (5) 463 (3) 26,6% (2) Fonte - Assinews.it Noi tutti vediamo esattamente qual è l ambiente in cui ci muoviamo. La tabella riporta i dati Assinews di settore. Questi mostrano premi diretti per 27 miliardi di Euro nei danni, per 39 miliardi nel vita, i premi ceduti e l incidenza delle cessioni sui premi diretti. Ovviamente, la RC auto fa da padrona tanto nei premi diretti quanto nei premi ceduti, ma si posiziona all ultimo posto per rapporto tra cessioni e premi. Questo grafico mostra la posizione strategica di sviluppo del mercato riassicurativo Italiano in un ottica di modello. Come si può individuare la posizione strategica nel mercato riassicurativo? Presi come esempio di mercato riassicurativo quelli di Cina, Sudafrica, Brasile, Francia e Stati Uniti, dal meno evoluto al più evoluto, si vede come l Italia si posizioni in un cluster caratterizzato da riassicurazione proporzionale con molto meno appeal rispetto a quello della riassicurazione non proporzionale. Il Mercato Italiano si evolve verso una forma di mercato tipo Francia e Germania, inizialmente, e successivamente Stati Uniti, dove l assicurazione proporzionale addirittura sarà meno interessante di quella non proporzionale e svilupperà dei volumi minori. 9 Convegno R.I.B. - 19

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli