September 2015 artus CMV QS-RGQ Kit: Performance characteristics

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "September 2015 artus CMV QS-RGQ Kit: Performance characteristics"

Transcript

1 September 2015 artus CMV QS-RGQ Kit: Performance characteristics artus CMV QS-RGQ Kit, Version Check availability of new electronic labeling revisions at before test execution. The current revision status is indicated by the issue date (format: month/year). Sample to Insight

2 Sensibilità analitica plasma Il limite di rilevazione analitica, tenendo conto della purificazione (limite di sensibilità), è stato determinato per il kit artus CMV QS-RGQ utilizzando campioni clinici CMV-positivi in combinazione con l estrazione sul QIAsymphony SP. Per il plasma, la sensibilità analitica del kit artus CMV QS-RGQ (tenendo conto della purificazione) è stata determinata utilizzando una serie di diluizioni del virus CMV da 1000 copie al valore nominale di 0,316 copie di CMV/ml, aggiunte ai campioni clinici di plasma. I campioni sono stati poi sottoposti ad estrazione del DNA con il kit QIAsymphony DSP Virus/Pathogen Midi in combinazione con il protocollo Cellfree1000 DSP (volume di estrazione: 1 ml, volume di eluizione: 60 µl). Ciascuna delle 10 diluizioni è stata analizzata con il kit artus CMV QS-RGQ in 4 giorni diversi nell ambito di 4 sedute con 8 replicati ciascuna. I risultati sono stati determinati mediante un analisi probit. La Figura 1 illustra graficamente l analisi probit. Il limite di rilevazione analitica del kit artus CMV QS-RGQ (tenendo conto della purificazione) in combinazione con il Rotor-Gene Q è pari a 42,5 copie/ml (p = 0,05). Ciò significa che esiste una probabilità del 95% che vengano rilevati 42,5 copie/ml % Proportions Proporzioni ~ 42.5 ~ 42.5 copies/ml (95%) (95%) ( copies/ml) Log log (dose) Figura 1. Analisi probit: plasma, CMV (Rotor-Gene Q). Sensibilità analitica, tenendo conto della purificazione, (plasma, utilizzando il kit QIAsymphony DSP Virus/Pathogen Midi) del kit artus CMV QS-RGQ sul Rotor-Gene Q. Specificità plasma La specificità del kit artus CMV QS-RGQ è garantita in primo luogo dalla selezione dei primer e delle sonde, nonché dalla selezione di condizioni di reazione stringenti. I primer e le sonde sono stati controllati Kit artus CMV QS-RGQ: Prestazioni caratteristiche 09/2015 2

3 per accertare eventuali omologie con tutte le sequenze pubblicate nelle banche genetiche mediante analisi comparativa delle sequenze. La rilevabilità di tutti i genotipi importanti è stata così assicurata. Inoltre, la specificità è stata convalidata con 100 diversi campioni di plasma CMV-negativi. Questi campioni non hanno generato segnali con i primer e le sonde di CMV inclusi nell CMV RG/TM Master. Una potenziale cross--reattività del kit artus CMV QS-RGQ è stata rilevata con il gruppo di controllo elencato nella Tabella 1 (sotto riportata). Nessuno dei patogeni testati è risultato reattivo. Non sono state osservate incidenze di cross-reattività con infezioni miste. Tabella 1. Analisi della specificità del kit con patogeni potenzialmente cross-reattivi Gruppo di controllo CMV (Cycling Green) Controllo interno (Cycling Yellow) Herpes virus umano tipo 1 (virus Herpes simplex tipo 1) + Herpes virus umano tipo 2 (virus Herpes Simplex virus 2) + Herpes virus umano tipo 3 (virus Varicella-Zoster) + Herpes virus umano tipo 4 (virus di Epstein-Barr) + Herpes virus umano tipo 6A + Herpes virus umano tipo 6B + Herpes virus umano tipo 7 + Herpes virus umano 8 (herpes virus associato al sarcoma di Kaposi) + Virus dell epatite A + Virus dell epatite B + Virus dell epatite C + Virus dell immunodeficienza umana 1 + Virus umano della leucemia a cellule T tipo 1 + Virus umano della leucemia a cellule T tipo 2 + Virus del Nilo occidentale + Enterovirus + Parvovirus B19 + Range lineare plasma Il range lineare del kit artus CMV QS-RGQ (tenendo conto della purificazione) è stato determinato analizzando una serie di diluizioni del materiale CMV in un intervallo da 1,00 x 10 8 copie/ml a 3,16 x 10 1 copie/ml nel plasma. La purificazione è stata eseguita in replicati (n = 4 per concentrazioni 1,00 x 10 7 copie/ml; n = 8 per concentrazioni <1,00 x 10 7 copie/ml) utilizzando il kit QIAsymphony DSP Virus/Pathogen Midi in combinazione con il protocollo Cellfree1000 DSP (volume di estrazione: 1 ml, volume di eluizione: 60 µl). Ogni campione è stato analizzato con il kit artus CMV QS-RGQ. Il range Kit artus CMV QS-RGQ: Prestazioni caratteristiche 09/2015 3

4 lineare del kit artus CMV QS-RGQ (tenendo conto della purificazione) è stato determinato per coprire le concentrazioni da 7,94 x 10 1 copie/ml a 1,00 x 10 8 copie/ml per il plasma (Figura 2). 10 log10 della concentrazione stimata (copie/ml) log 10 estimated concentration (copies/ml) 8 6 y = x y = x R = R 2 = log log10 nominal della concentrazione concentration stimata (copies/ml) (copie/ml) Figura 2. Range lineare del kit artus CMV QS-RGQ (plasma). Calcolo del range lineare. La linea retta è stata determinata mediante una regressione lineare del log10 delle concentrazioni calcolate con il log10 delle concentrazioni nominali. La figura mostra l equazione della linea di regressione. Robustezza plasma La verifica della robustezza consente la determinazione del tasso globale d errore del kit artus CMV QS- RGQ. Per verificare la robustezza, 100 campioni di plasma CMV-negativi sono stati arricchiti con 130 copie/ml di CMV (concentrazione pari all incirca tre volte il limite di sensibilità analitica). In seguito ad estrazione con il kit QIAsymphony DSP Virus/Pathogen Midi in combinazione con il protocollo Cellfree1000_DSP per il plasma (volume di estrazione: 1 ml, volume di eluizione: 60 µl), i campioni sono stati analizzati con il kit artus CMV QS-RGQ. Inoltre, la robustezza del controllo interno è stata valutata mediante purificazione e analisi dei 100 campioni di plasma arricchiti. Non sono state osservate inibizioni. La robustezza del kit artus CMV QS-RGQ è risultata 99%. Valutazione clinica - plasma Le prestazioni cliniche del kit artus CMV QS-RGQ sono state valutate utilizzando campioni clinici e analizzando i relativi riscontri rispetto ai risultati ottenuti applicando un metodo confrontabile. Con il kit artus CMV QS-RGQ e il metodo confrontabile, presso un centro esterno sono stati analizzati in totale 174 campioni di plasma prelevati in EDTA da pazienti affetti da infezione da CMV o preparati artificialmente utilizzando il primo standard OMS per CMV, nonché prelevati da controlli negativi. La concordanza qualitativa di entrambi i kit è stata pari al 100%. È stata condotta un analisi di regressione di Deming e Kit artus CMV QS-RGQ: Prestazioni caratteristiche 09/2015 4

5 Passing-Bablok con il risultato del test condotto con il kit QIAGEN sull asse Y e con il risultato del test di confronto sull asse X (vedere Figura 3). La differenza stimata in log10 (IU/mL) nel punto di decisione clinica (1000 IU/mL) tra il kit QIAGEN e il kit di confronto era di 0,074 log10 IU/ml, calcolata in base a regressione di Deming. Log10 IU/ml: Kit artus CMV QS-RGQ Intercetta secondo Deming: 0,253, Pendenza: 0,940 Intercetta secondo Passing-Bablok: 0,291, Pendenza: 0,929 Log10 IU/ml: Kit di confronto Figura 3. Grafico della regressione con rette di Passing-Bablok e Deming (plasma). Nell analisi sono stati inclusi campioni compresi tra il limite inferiore di quantificazione (LLOQ) e il limite superiore di quantificazione (ULOQ) per entrambi i kit. È stato tracciato un grafico Bland-Altman per osservare la differenza nel log10(iu/ml) calcolato. La differenza media di log10 (IU/ml) e il suo corrispondente intervallo al 95% sono stati inoltre calcolati e sovrapposti sul grafico (vedere Figura 4). Kit artus CMV QS-RGQ: Prestazioni caratteristiche 09/2015 5

6 Log10 IU/ml: Kit artus CMV QS-RGQ e log10 IU/ml: kit di confronto Log10 IU/ml: Kit artus CMV QS-RGQ e log10 IU/ml: Kit di confronto Figura 4. Grafico di Bland-Altman (plasma). Le rette orizzontali di riferimento sono in 0,00, 0,57 e 0,58 e denotano la differenza media (log 10 IU/ml: kit artus CMV QS-RGQ log 10 IU/ml: kit di confronto) e il corrispondente intervallo di predizione al 95%. Nell analisi sono stati inclusi campioni compresi tra il limite inferiore e il limite superiore di quantificazione per entrambi i kit. Sensibilità analitica sangue intero Il limite di rilevazione analitica, tenendo conto della purificazione (limite di sensibilità), è stato determinato per il kit artus CMV QS-RGQ utilizzando campioni clinici CMV-positivi in combinazione con l estrazione sul QIAsymphony SP. Per il sangue intero, la sensibilità analitica (tenendo conto della purificazione) del kit artus CMV QS- RGQ è stata determinata utilizzando una serie di diluizioni del virus CMV da 1000 copie al valore nominale di 3,16 CMV/ml, aggiunte ai campioni di sangue intero umano. I campioni sono stati poi sottoposti ad estrazione del DNA con il kit QIAsymphony DNA Mini in combinazione con il protocollo VirusBlood200 DSP (volume di estrazione: 200 µl, volume di eluizione: 60 µl). Ciascuna delle 8 diluizioni è stata analizzata con il kit artus CMV QS-RGQ in 3 giorni diversi nell ambito di 6 sedute con 11 replicati ciascuna. I risultati sono stati determinati mediante un analisi probit. La Figura 5 illustra graficamente l analisi probit. Il limite di rilevazione analitica del kit artus CMV QS-RGQ (tenendo conto della purificazione) in combinazione con il Rotor-Gene Q è pari a 164,55 copie/ml (p = 0,05). Ciò significa che esiste una probabilità del 95% che vengano rilevati 164,55 copie/ml. Kit artus CMV QS-RGQ: Prestazioni caratteristiche 09/2015 6

7 1.0 95% Proportions Proporzioni ~ ~ copies/ml copies/ml (95%) (95%) ( copies/ml) copies/ml) log Log (dose) Figura 5. Analisi probit: sangue intero, CMV (Rotor-Gene Q). Sensibilità analitica, tenendo conto della purificazione, (sangue intero, utilizzando il kit QIAsymphony DNA Mini) del kit artus CMV QS-RGQ sul Rotor-Gene Q. Specificità sangue intero La specificità del kit artus CMV QS-RGQ è garantita in primo luogo dalla selezione dei primer e delle sonde, nonché dalla selezione di condizioni di reazione stringenti. I primer e le sonde sono stati controllati per accertare eventuali omologie con tutte le sequenze pubblicate nelle banche genetiche mediante analisi comparativa delle sequenze. La rilevabilità di tutti i genotipi importanti è stata così assicurata. Inoltre, la specificità è stata convalidata con 100 diversi campioni di sangue intero CMV-negativi. Questi campioni non hanno generato segnali con i primer e le sonde di CMV inclusi nell CMV RG/TM Master. Una potenziale cross-reattività del kit artus CMV QS-RGQ è stata rilevata con il gruppo di controllo elencato nella Tabella 1 (pag. 3). Nessuno dei patogeni testati è risultato reattivo. Non sono state osservate incidenze di cross-reattività con infezioni miste. Range lineare sangue intero Il range lineare del kit artus CMV QS-RGQ (tenendo conto della purificazione) è stato determinato analizzando una serie di diluizioni del virus CMV da 5,00 x 10 7 a 1,00 x 10 2 nel sangue intero. La purificazione è stata eseguita in replicati (n = 4 per concentrazioni 1,00 x 10 7 copie/ml; n = 8 per concentrazioni <1,00 x 10 7 copie/ml) utilizzando il kit QIAsymphony DNA Mini in combinazione con il protocollo VirusBlood200 DSP (volume di estrazione: 200 µl, volume di eluizione: 60 µl). Ogni campione è stato analizzato con il kit artus CMV QS-RGQ. Il range lineare del kit artus CMV QS-RGQ (tenendo Kit artus CMV QS-RGQ: Prestazioni caratteristiche 09/2015 7

8 conto della purificazione) è stato determinato per coprire le concentrazioni da 1,00 x ,00 x 10 7 copie/ml per il sangue intero (Figura 6). copie/ml a log10 della concentrazione stimata (copie/ml) log 10 estimated concentration (copies/ml) Figura 6. Range lineare del kit artus CMV QS-RGQ (sangue intero). Calcolo del range lineare. La linea retta è stata determinata mediante una regressione lineare del log10 delle concentrazioni calcolate con il log10 delle concentrazioni nominali. La figura mostra l equazione della linea di regressione. Robustezza plasma y = x x R R 2 = = log10 nominal della concentrazione concentration nominale (copies/ml) (copie/ml) La verifica della robustezza consente la determinazione del tasso globale d errore del kit artus CMV QS- RGQ. Per verificare la robustezza, 100 campioni di sangue intero CMV-negativi sono stati arricchiti con 500 copie/ml di CMV (concentrazione pari all incirca a tre volte il limite di sensibilità analitica). In seguito ad estrazione con il kit QIAsymphony DNA Mini in combinazione con il protocollo VirusBlood200 per il sangue intero, questi campioni sono stati analizzati con il kit artus CMV QS-RGQ. Inoltre, la robustezza del controllo interno è stata valutata mediante purificazione e analisi dei 100 campioni di sangue intero arricchiti. Non sono state osservate inibizioni. La robustezza del kit artus CMV QS-RGQ è risultata 99%. Kit artus CMV QS-RGQ: Prestazioni caratteristiche 09/2015 8

9 Valutazione clinica - sangue intero Le prestazioni cliniche del kit artus CMV QS-RGQ sono state valutate utilizzando campioni clinici e analizzando i relativi riscontri rispetto ai risultati ottenuti applicando un metodo confrontabile. Con il kit artus CMV QS-RGQ e il metodo confrontabile, presso un centro esterno sono stati analizzati in totale 115 campioni di sangue intero prelevati da pazienti affetti da infezione da CMV e da controlli negativi. È stata condotta un analisi di regressione di Deming e Passing-Bablok con il risultato del test condotto con il kit QIAGEN sull asse Y e con il risultato del test di confronto sull asse X (vedere Figura 7). Intercetta secondo Deming: -0,791, Pendenza: 1,141 Intercetta secondo Passing-Bablok: -0,554, Pendenza: 1,113 Log10 IU/ml: Kit artus CMV QS-RGQ Log10 IU/ml: Kit di confronto Figura 7. Grafico della regressione con rette di Passing-Bablok e Deming (sangue intero). Solo campioni clinici inclusi nell analisi. Nell analisi sono stati inclusi campioni compresi tra il limite inferiore di quantificazione (LLOQ) e il limite superiore di quantificazione (ULOQ) per entrambi i kit. È stato tracciato un grafico Bland-Altman per osservare la differenza nel log10(iu/ml) calcolato. La differenza media di log10(iu/ml) e il suo corrispondente intervallo al 95% sono stati inoltre calcolati e sovrapposti sul grafico (vedere Figura 8). La differenza media in log10 (IU/mL) tra il kit QIAGEN e il kit di confronto è stata di 0,18 log10 IU/ml. La concordanza qualitativa di entrambi i kit è stata pari al 100%. Kit artus CMV QS-RGQ: Prestazioni caratteristiche 09/2015 9

10 Log10 IU/ml: artus CMV QS-RGQ Kit and log10 IU/ml: comparator kit Log10 IU/ml: artus CMV QS-RGQ Kit and log10 IU/ml: Comparator kit Figura 8. Grafico di Bland-Altman (sangue intero). Le rette orizzontali di riferimento sono in -0,18, -0,86 e 0,51 e denotano la differenza media (log 10 IU/ml: kit artus CMV QS-RGQ Lo10 IU/ml: kit di confronto) e il relativo corrispondente intervallo di predizione al 95%. Nell analisi sono stati inclusi solo campioni clinici. Nell analisi sono stati inclusi campioni compresi tra il limite inferiore e il limite superiore di quantificazione per entrambi i kit. Precisione I dati sulla precisione del kit the artus CMV QS-RGQ consentono la determinazione della varianza totale del test. La varianza totale è costituita dalla variabilità intra-assay (variabilità di risultati multipli di campioni con la stessa concentrazione all interno di uno stesso esperimento), dalla variabiltà inter-assay (variabilità di risultati multipli del test ottenuti su diversi strumenti dello stesso tipo da diversi operatori all interno dello stesso laboratorio) e dalla variabilità inter-lotto (variabilità di risultati multipli del test utilizzando diversi lotti). I dati ottenuti sono stati utilizzati per determinare la deviazione standard, la varianza e il coefficiente di variazione per il patogeno specifico e il controllo interno di PCR. I dati di precisione analitica del kit artus CMV QS-RGQ (senza tenere conto della purificazione) sono stati raccolti utilizzando la quantità standard della concentrazione più bassa (QS 4; 10 copie/µl). L analisi è stata eseguita con 8 replicati. I dati di precisione sono stati calcolati sulla base dei valori CT delle curve di amplificazione (CT: ciclo soglia, vedi Tabella 2, pag. 8). Inoltre, i dati di precisione relativi ai risultati quantitativi in copie/µl sono stati determinati utilizzando i corrispondenti valori CT (Tabella 3, pag. 9). Sulla base di questi risultati, lo scarto statistico di un dato campione con la concentrazione menzionata è Kit artus CMV QS-RGQ: Prestazioni caratteristiche 09/

11 pari a 1,21% (CT) o 14,38% (concentrazione), e a 1,93% (CT) per la rilevazione del controllo interno. Questi valori si basano sulla totalità dei singoli valori delle variabilità stabilite. Tabella 2. Dati di precisione sulla base dei valori C T Variabilità intra-assay: Variabilità intra-assay: controllo interno Variabilità inter-assay: Variabilità inter-assay: controllo interno Variabilità inter-lotto: Variabilità inter-lotto: controllo interno Varianza totale: Varianza totale: controllo interno Deviazione standard Varianza Coefficiente di variazione (%) Tabella 3. Dati di precisione sulla base dei risultati quantitativi (in copie/µl) Variabilità intra-assay: Variabilità inter-assay: Variabilità inter-lotto: Varianza totale: Deviazione standard Varianza Coefficiente di variazione (%) Riproducibilità I dati di riproducibilità consentono una regolare valutazione delle prestazioni del kit artus CMV QS-RGQ, nonché un confronto di efficacia con altri prodotti. Questi dati sono ottenuti dalla partecipazione a programmi di performance consolidati. Cross-contaminazione L assenza di cross-contaminazione fra i campioni per l intero flusso di lavoro è stata dimostrata dalla corretta rilevazione di tutti i campioni positivi e negativi in posizioni alternate (modello a scacchiera) per Kit artus CMV QS-RGQ: Prestazioni caratteristiche 09/

12 un sistema artus QS-RGQ rappresentativo. I prodotti correlati e le informazioni per l ordine sono elencati nel manuale del kit artus CMV QS-RGQ Per le informazioni di licenza aggiornate e i disclaimer specifici dei prodotti consultare il manuale specifico del kit QIAGEN. I manuali dei kit QIAGEN sono disponibili nel sito oppure possono essere richiesti al servizio di assistenza tecnica QIAGEN o al proprio distributore locale. Marchi commerciali: QIAGEN, QIAsymphony, artus, Rotor-Gene (QIAGEN Group); ATCC (American Type Culture Collection); Acrometrix (Life Technologies). I marchi, i nomi registrati ecc. utilizzati nel presente documento, anche se non contrassegnati specificamente come tali, vanno considerati protetti dalla legge. 09/2015 HB-0356-D QIAGEN, tutti i diritti riservati. Ordering Technical Support support.qiagen.com Website Kit artus CMV QS-RGQ: Prestazioni caratteristiche 09/

artus EBV QS-RGQ Kit Prestazioni caratteristiche Maggio 2012 Sample & Assay Technologies Sensibilità analitica plasma

artus EBV QS-RGQ Kit Prestazioni caratteristiche Maggio 2012 Sample & Assay Technologies Sensibilità analitica plasma artus EBV QS-RGQ Kit Prestazioni caratteristiche artus EBV QS-RGQ Kit, Version 1, 4501363 Check availability of new electronic labeling revisions at www.qiagen.com/products/artusebvpcrkitce.aspx before

Dettagli

QS-RGQ: Caratteristiche delle prestazioni

QS-RGQ: Caratteristiche delle prestazioni Settembre 2015 Kit artus HSV-1/2 QS-RGQ: Caratteristiche delle prestazioni Kit artus HSV-1/2 QS-RGQ, versione 1 4500363 Prima di eseguire il test verificare la disponibilità di nuove revisioni delle etichette

Dettagli

RGQ: Caratteristiche delle prestazioni

RGQ: Caratteristiche delle prestazioni Ottobre 2015 Kit artus VZV QS- RGQ: Caratteristiche delle prestazioni artus VZV QS-RGQ Kit, versione 1 4502363 Prima di eseguire il test verificare la disponibilità di nuove revisioni delle etichette elettroniche

Dettagli

Organizzazione e ottimizzazione dell attività nel laboratorio di virologia: l esempio del CMV a Torino

Organizzazione e ottimizzazione dell attività nel laboratorio di virologia: l esempio del CMV a Torino Organizzazione e ottimizzazione dell attività nel laboratorio di virologia: l esempio del CMV a Torino CRISTINA COSTA SC Microbiologia e Virologia U Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza

Dettagli

Infezione da Citomegalovirus umano. L importanza di un test automatizzato e standardizzato per il monitoraggio della carica virale

Infezione da Citomegalovirus umano. L importanza di un test automatizzato e standardizzato per il monitoraggio della carica virale 2-3anteCAPCTM 12/07/11 11.07 Pagina 3 Infezione da Citomegalovirus umano L importanza di un test automatizzato e standardizzato per il monitoraggio della carica virale 2-3anteCAPCTM 12/07/11 11.07 Pagina

Dettagli

Manuale del kit artus CMV QS-RGQ

Manuale del kit artus CMV QS-RGQ Dicembre 2010 Manuale del kit artus CMV QS-RGQ 24 Versione 1 Diagnostica quantitativa in vitro Da utilizzare con gli strumenti QIAsymphony SP/AS e Rotor-Gene Q 4503363 1060926IT QIAGEN GmbH, QIAGEN Strasse

Dettagli

DEL CIRCUITO INTER-LABORATORIO BLUETONGUE-RT-PCR

DEL CIRCUITO INTER-LABORATORIO BLUETONGUE-RT-PCR Istituto G. Caporale Teramo Campo Boario 6 Teramo ITALY Telefono +9-86- Fax +9-86-5 R E P O R T F I N A L E DEL CIRCUITO INTER-LABORATORIO BLUETONGUE-RT-PCR Distribuzione / . INTRODUZIONE.... CAMPIONI.....

Dettagli

METODI ALTERNATIVI. PCR digitale per la rilevazione e quantificazione. assoluta del DNA

METODI ALTERNATIVI. PCR digitale per la rilevazione e quantificazione. assoluta del DNA METODI ALTERNATIVI PCR digitale per la rilevazione e quantificazione assoluta del DNA Roma, 25 settembre 2013 Giuseppina Buonincontro IZS PLV- S.S. Controllo Alimenti La prima generazione di PCR consente

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013. HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV

VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013. HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013 HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV Firenze 21 ottobre 2014 Maria Grazia Colao VEQ 2013 2 7 54 4 1 1 2 17 5 3 2 4 1 2 4 3 112 partecipanti Metodi utilizzati Gruppi

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE. LOTTO 1 Applicazioni di biologia molecolare per la diagnostica della Sepsi.

SPECIFICHE TECNICHE. LOTTO 1 Applicazioni di biologia molecolare per la diagnostica della Sepsi. 1 ALLEGATO A) SPECIFICHE TECNICHE LOTTO 1 Applicazioni di biologia molecolare per la diagnostica della Sepsi. Il sistema deve essere costituito da idonea strumentazione nuova di fabbrica, gruppo di continuità

Dettagli

VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI

VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI Le metodiche sperimentali e le analisi statistiche che vengono applicate

Dettagli

HPV & Cervico-carcinoma

HPV & Cervico-carcinoma Infezione HPV & Cervico-carcinoma Infezione HPV HPV ad alto rischio Età all infezione 80% 20% Fattori mmunologici Transitoria Infezione persistente Infezione da C. trachomatis Displasia basso grado CIN

Dettagli

artus CT/NG QS-RGQ Kit

artus CT/NG QS-RGQ Kit artus CT/NG QS-RGQ Kit Caratteristiche delle prestazioni artus CT/NG QS-RGQ Kit, versione 1, 4569365 Gestione della versione Il presente documento riguarda le Caratteristiche delle Prestazioni del kit

Dettagli

Quantificazione di. legionella pneumophila. mediante metodo biomolecolare

Quantificazione di. legionella pneumophila. mediante metodo biomolecolare Quantificazione di legionella pneumophila mediante metodo biomolecolare Laboratorio di Epidemiologia Genetica e Genomica di Sanità Pubblica Istituto di Igiene LABORATORIO DI EPIDEMIOLOGIA GENETICA: ATTIVITA

Dettagli

VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI

VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI Le metodiche sperimentali e le analisi statistiche che vengono applicate

Dettagli

Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura

Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura Conversione del risultato in informazione utile È necessario fare alcune considerazioni sul

Dettagli

3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011

3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011 Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana 3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011 ILARIA CIABATTI Verification of analytical methods

Dettagli

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici "Focus su sicurezza d'uso e nutrizionale degli alimenti" 21-22 Novembre 2005 Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici Simona

Dettagli

Prestazioni di accuratezza e precisione del sistema Accu-Chek Aviva. Introduzione. I. ACCURATEZZA Metodo

Prestazioni di accuratezza e precisione del sistema Accu-Chek Aviva. Introduzione. I. ACCURATEZZA Metodo Prestazioni di accuratezza e precisione del sistema Accu-Chek Aviva Introduzione L accuratezza del sistema è stata valutata in base allo standard ISO 15197:2003. Il sangue capillare di soggetti a cui è

Dettagli

1 Finalità d uso. 4 Contenuti. 2 Principio del test. 5 Stabilità e modalità di conservazione

1 Finalità d uso. 4 Contenuti. 2 Principio del test. 5 Stabilità e modalità di conservazione HERPLX v.2 1 Finalità d uso RealCycler HERPLX è un kit di reagenti che permette la rilevazione qualitativa per Real-time PCR del DNA di Herpesvirus tipo 1 (HSV1), Herpesvirus tipo 2 (HSV2), virus Varicella-Zoster

Dettagli

cobas MPX Un test, 3 risultati

cobas MPX Un test, 3 risultati cobas MPX Un test, 3 risultati Il test cobas MPX, da usare con i sistemi cobas 6800/8800, è un test multiplex in Real-time, multy dye, per HIV, HCV e HBV L immediata rilevazione e identificazione in Real-time

Dettagli

ALLEGATO A. Cadenza consegna: da concordare con il capotecnico del Laboratorio

ALLEGATO A. Cadenza consegna: da concordare con il capotecnico del Laboratorio ALLEGATO A Durata della fornitura: un (1) anno. Quantità: kit necessari ad analizzare circa 300/350 campioni l anno Importo a base d asta: 20.000,00 s/iva Scadenza reattivi: almeno sei mesi Cadenza consegna:

Dettagli

Manuale del test digene HPV Genotyping LQ, kit di amplificazione

Manuale del test digene HPV Genotyping LQ, kit di amplificazione Aprile 2010 Manuale del test digene HPV Genotyping LQ, kit di amplificazione 96 Versione 1 Per l amplificazione dei genotipi di papilloma virus umano (HPV) ad alto rischio 613215 1057457IT QIAGEN GmbH,

Dettagli

VEQ IN BIOLOGIA MOLECOLARE CICLO 2014

VEQ IN BIOLOGIA MOLECOLARE CICLO 2014 VEQ IN BIOLOGIA MOLECOLARE CICLO 2014 Firenze 14 settembre 2015 Maria Grazia Colao VEQ 2014 HBV DNA HCV RNA HIV RNA HCV genotipo 106 laboratori partecipanti VEQ 2014 1 invio 3 campioni monoparametrici

Dettagli

Confronto di metodi di PCR Real Time per il rilevamento e la quantificazione di Zea Mays. Francesco Gatto

Confronto di metodi di PCR Real Time per il rilevamento e la quantificazione di Zea Mays. Francesco Gatto Confronto di metodi di PCR Real Time per il rilevamento e la quantificazione di Zea Mays Francesco Gatto Centro di Referenza Nazionale per la Ricerca di OGM IZS di Lazio e Toscana Roma 31 Ottobre 2007

Dettagli

Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). Foggia, 15 febbraio 2012 1

Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). Foggia, 15 febbraio 2012 1 Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). 1 : misura in cui i dati prodotti da un processo di misurazione consentono a un utente di prendere tecnicamente ed amministrativamente

Dettagli

T V A. Il processo analitico è costituito da tre fasi distinte: a) Estrazione - arricchimento b) Retrotrascrizione c) Amplificazione Real Time TM

T V A. Il processo analitico è costituito da tre fasi distinte: a) Estrazione - arricchimento b) Retrotrascrizione c) Amplificazione Real Time TM genedia DIVISIONE BIOMOLECOLARE DETERMINAZIONE QUANTITATIVA DI RNA HCV MEDIANTE HPA (HIGH PERFORMANCE AMPLIFICATION) T V A L HPA è un protocollo d amplificazione che coniuga le conoscenze acquisite con

Dettagli

Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi basati sulla ricerca del DNA e delle proteine

Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi basati sulla ricerca del DNA e delle proteine Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN LEGISLAZIONE ALIMENTARE Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi

Dettagli

CEDIA Mycophenolic Acid Application Ortho Clinical Diagnostics VITROS 5600 Integrated System, \VITROS 5,1 FS e 4600 Chemistry Systems

CEDIA Mycophenolic Acid Application Ortho Clinical Diagnostics VITROS 5600 Integrated System, \VITROS 5,1 FS e 4600 Chemistry Systems Microgenics Corporation Part of Thermo Fisher Scientific CEDIA Mycophenolic Acid Application Ortho Clinical Diagnostics VITROS 5600 Integrated System, \VITROS 5,1 FS e 4600 Chemistry Systems Codice 100276

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO. Art. n. 1 Oggetto e quantità della fornitura

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO. Art. n. 1 Oggetto e quantità della fornitura ALLEGATO A GARA PER LA FORNITURA IN SERVICE DI SISTEMI PER LA PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI E PER L ALLESTIMENTO DI REAZIONI DI PRE-PCR E POST-PCR SU PIATTAFORMA ROBOTIZZATA Azienda Ospedaliera di Padova

Dettagli

ProDect CHIP HPV TYPING

ProDect CHIP HPV TYPING bcs Biotech SpA Your partner in biotechnology www.biocs.it ProDect CHIP HPV TYPING Il test per RIVELARE e TIPIZZARE in maniera rapida ed accurata il PAPILLOMA VIRUS UMANO A lifi i Amplificazione e rivelazione

Dettagli

STATISTICA (I MODULO INFERENZA STATISTICA) Esercitazione I 27/4/2007

STATISTICA (I MODULO INFERENZA STATISTICA) Esercitazione I 27/4/2007 Esercitazione I 7/4/007 In una scatola contenente 0 pezzi di un articolo elettronico risultano essere difettosi. Si estraggono a caso due pezzi, uno alla volta senza reimmissione. Quale è la probabilità

Dettagli

Dott. Stefano De Martin ARPA Friuli Venezia Giulia RGQ Dipartimento di Pordenone L accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare

Dott. Stefano De Martin ARPA Friuli Venezia Giulia RGQ Dipartimento di Pordenone L accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare Valutazione dell incertezza di misura: esperienza di un laboratorio accreditato per gli OGM ARPA Friuli Venezia Giulia RGQ Dipartimento di Pordenone L accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare

Dettagli

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI MATERIALI E METODI 62 1. Pazienti con IBS Per eseguire l analisi del polimorfismo 5HTTLPR è stato necessario ottenere campioni di sangue intero o saliva dai quali estrarre il DNA genomico. A tal fine è

Dettagli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica Pier Sandro Cocconcelli Istituto di Microbiologia Centro Ricerche Biotecnologiche Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza-Cremona

Dettagli

Abbreviazioni Denominazione Presidi: Ospedale SS. Trinità Ospedale Businco Ospedale Binaghi Ospedale Microcitemico

Abbreviazioni Denominazione Presidi: Ospedale SS. Trinità Ospedale Businco Ospedale Binaghi Ospedale Microcitemico ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DELLA FORNITURA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA IN PIU LOTTI, IN MODALITA SERVICE, DI SISTEMI ANALITICI DI BIOLOGIA MOLECOLARE PER I LABORATORI ANALISI DELL AZIENDA ASL N. 8 DI

Dettagli

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Il crescente interesse nella biologia molecolare applicata alla diagnostica è il risultato dei profondi progressi ottenuti nelle conoscenze scientifiche

Dettagli

LOTTO 2 (indivisibile)

LOTTO 2 (indivisibile) LOTTO 2 (indivisibile) SISTEMA MACCHINA REATTIVI PER LA RICERCA QUANTITATIVA DEGLI ACIDI NUCLEICI DI VIRUS EPATITE B, EPATITE C e VIRUS HIV IN PCR REAL TIME 1. Obiettivi organizzativi del laboratorio:

Dettagli

"Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple"

Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple VIII Incontro-Convegno A.C.A.R 2006-2016: DIECI ANNI DI A.C.A.R. Montecatini Terme (PT), 16 Aprile 2016 A.C.A.R "Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple"

Dettagli

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 12 POS VIR 011 INT rev. 2 del 19/06/2009 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MAIS EVENTO DAS1507

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 12 POS VIR 011 INT rev. 2 del 19/06/2009 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MAIS EVENTO DAS1507 BIOTECNOLOGIE pag 1 di 12 Redatto: F.Gatto Verificato Responsabile Struttura Semplice: I.Ciabatti Verificato RQ: M.Guarducci Approvato Responsabile di Struttura Complessa: D.Amaddeo BIOTECNOLOGIE pag 2

Dettagli

ABI-7700 User Bulletin #5

ABI-7700 User Bulletin #5 ABI-7700 User Bulletin #5 1. halogen tungsten lamp 2b. emission filters 3. intensifier 5. ccd detector 350,000 pixels 2a. excitation filters 4. sample plate www.biorad.com 3 Real-time qpcr - La fluorescenza

Dettagli

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica EPIDEMIOLOGIA Ha come oggetto lo studio della distribuzione delle malattie in un popolazione e dei fattori che la influenzano

Dettagli

LA PREVISIONE DELLA DOMANDA. Corso di Gestione della Produzione prof. De Toni, ing. Fornasier 1

LA PREVISIONE DELLA DOMANDA. Corso di Gestione della Produzione prof. De Toni, ing. Fornasier 1 LA PREVISIONE DELLA DOMANDA Corso di Gestione della Produzione prof. De Toni, ing. Fornasier 1 MANUFACTURING PLANNING & CONTROL SYSTEM Resource planning Production planning Demand management Master production

Dettagli

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4 Determinazione di HAV e Norovirus in molluschi bivalvi mediante Real time PCR Elisabetta Suffredini Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Ancona

Dettagli

1 Finalità d uso. 5 Stabilità e modalità di conservazione. 2 Principio del test. 6 Materiali e strumenti addizionali richiesti e non forniti

1 Finalità d uso. 5 Stabilità e modalità di conservazione. 2 Principio del test. 6 Materiali e strumenti addizionali richiesti e non forniti MYCHLE v.3 1 Finalità d uso RealCycler MYCHLE è un kit di reagenti che permette la rilevazione qualitativa per Real-time PCR del DNA di Mycoplasma pneumoniae, Chlamydophila pneumoniae spp. in campioni

Dettagli

CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 8

CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 8 CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 8 Dott.ssa Antonella Costanzo a.costanzo@unicas.it Esercizio 1. Test delle ipotesi sulla varianza In un azienda che produce componenti meccaniche, è stato

Dettagli

Riassunto 24 Parole chiave 24 Commenti e curiosità 25 Esercizi 27 Appendice

Riassunto 24 Parole chiave 24 Commenti e curiosità 25 Esercizi 27 Appendice cap 0 Romane - def_layout 1 12/06/12 07.51 Pagina V Prefazione xiii Capitolo 1 Nozioni introduttive 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Cenni storici sullo sviluppo della Statistica 2 1.3 La Statistica nelle scienze

Dettagli

Analisi di polimorfismi usati per la caratterizzazione di profili genetici in campioni di. DNA umano. 22-26 giugno 2009

Analisi di polimorfismi usati per la caratterizzazione di profili genetici in campioni di. DNA umano. 22-26 giugno 2009 Analisi di polimorfismi usati per la caratterizzazione di profili genetici in campioni di 22-26 giugno 2009 DNA umano 1 GENETICA FORENSE La genetica forense applica tecniche di biologia molecolare al fine

Dettagli

Elaborazione dati in Analisi Sensoriale

Elaborazione dati in Analisi Sensoriale Elaborazione dati in Analisi Sensoriale Si è parlato di interpretazione corretta dei risultati ottenuti; a questo concorrono due fattori: affidabilità e validità. Se i test fossero stati ripetuti con lo

Dettagli

Chlamydia MIF IgM. Caratteristiche prestazionali. Codice prodotto IF1250M Rev. I. Distribuzione esclusiva al di fuori degli Stati Uniti

Chlamydia MIF IgM. Caratteristiche prestazionali. Codice prodotto IF1250M Rev. I. Distribuzione esclusiva al di fuori degli Stati Uniti Codice prodotto IF1250M Rev. I Caratteristiche prestazionali Distribuzione esclusiva al di fuori degli Stati Uniti VALORI ATTESI Popolazione con polmonite acquisita in comunità Due sperimentatori esterni

Dettagli

Scheda del protocollo QIAsymphony SP

Scheda del protocollo QIAsymphony SP Scheda del protocollo QIAsymphony SP Protocollo DNA_Blood_400_V6_DSP Informazioni generali Per uso diagnostico in vitro. Questo protocollo è previsto per la purificazione del DNA genomico totale e mitocondriale

Dettagli

ELENCO ESAMI DI BIOLOGIA MOLECOLARE VIROLOGIA MOLECOLARE. Ricerca qualitativa mediante PCR. Urine, liquido amniotico, siero, sangue in EDTA

ELENCO ESAMI DI BIOLOGIA MOLECOLARE VIROLOGIA MOLECOLARE. Ricerca qualitativa mediante PCR. Urine, liquido amniotico, siero, sangue in EDTA ELENCO ESAMI DI BIOLOGIA MOLECOLARE VIROLOGIA MOLECOLARE CMV QUALITATIVO Citomegalovirus Urine, liquido amniotico, siero, sangue in EDTA CMV QUANTITATIVO Citomegalovirus Ricerca quantitativa mediante Real-Time

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEL SISTEMA. Marcatura CE dell'intero sistema diagnostico. Scheda riepilogativa caratteristiche tecniche

CARATTERISTICHE GENERALI DEL SISTEMA. Marcatura CE dell'intero sistema diagnostico. Scheda riepilogativa caratteristiche tecniche Lista Caratteristiche Tecniche Istituto Nazionale per le Malattie Infettive "Lazzaro Spallanzani" I.R.C.C.S. Scheda riepilogativa caratteristiche tecniche Allegato B FORNITURA CHIAVI IN MANO DI UN SISTEMA

Dettagli

Test per il rilevamento o la quantificazione tramite PCR in real-time di Legionella spp. e Legionella pneumophila nei campioni di acqua

Test per il rilevamento o la quantificazione tramite PCR in real-time di Legionella spp. e Legionella pneumophila nei campioni di acqua iq-check Screen Legionella spp. Kit Codice #: 357-8104 iq-check Quanti Legionella spp. Kit Codice #: 357-8102 iq-check Screen L. pneumophila Kit Codice #: 357-8105 iq-check Quanti L. pneumophila Kit Codice

Dettagli

FluoroSpheres Codice n. K0110

FluoroSpheres Codice n. K0110 FluoroSpheres Codice n. K0110 Quinta edizione Sfere di calibrazione per il monitoraggio giornaliero della citometria a flusso. Il kit contiene i reagenti per 40 calibrazioni. (105800-003) K0110/IT/TJU/2010.11.03

Dettagli

CAPITOLO 8 LA VERIFICA D IPOTESI. I FONDAMENTI

CAPITOLO 8 LA VERIFICA D IPOTESI. I FONDAMENTI VERO FALSO CAPITOLO 8 LA VERIFICA D IPOTESI. I FONDAMENTI 1. V F Un ipotesi statistica è un assunzione sulle caratteristiche di una o più variabili in una o più popolazioni 2. V F L ipotesi nulla unita

Dettagli

La farmacogeneticanella gestione del paziente con tumore colorettale, l esperienza traslazionaleal CRO di Aviano

La farmacogeneticanella gestione del paziente con tumore colorettale, l esperienza traslazionaleal CRO di Aviano SOC di Farmacologia Sperimentale e Clinica VI CONGRESSO NAZIONALE FITeLab Slow Medicine Laboratory: IT s the Future 1-2-3 Ottobre 2015 Ospedale Borgo Roma (Verona) La farmacogeneticanella gestione del

Dettagli

Lineamenti di econometria 2

Lineamenti di econometria 2 Lineamenti di econometria 2 Camilla Mastromarco Università di Lecce Master II Livello "Analisi dei Mercati e Sviluppo Locale" (PIT 9.4) Aspetti Statistici della Regressione Aspetti Statistici della Regressione

Dettagli

Statistica per l azienda 19.06.2014 (1)

Statistica per l azienda 19.06.2014 (1) Statistica per l azienda 19.06.2014 (1) COGNOME NOME Matr. Firma Modulo: singolo con Informatica con StatII & PDRM con Mat. & PDRM altro (specificare) Attenzione: Il presente foglio deve essere compilato

Dettagli

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte PCR Prof.ssa Flavia Frabetti PCR o reazione di polimerizzazione a catena Fine anni 80 Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte Permette di estrarre

Dettagli

Lineamenti di econometria 2

Lineamenti di econometria 2 Lineamenti di econometria 2 Camilla Mastromarco Università di Lecce Master II Livello "Analisi dei Mercati e Sviluppo Locale" (PIT 9.4) Regressione con Variabili Dummy Regressione con Variabili Dummy La

Dettagli

Novara Giugno 2012 Facoltà di Farmacia Uni. Piemonte Orientale Autoanalisi del sangue e Farmacia dei servizi Pierluigi Daffra

Novara Giugno 2012 Facoltà di Farmacia Uni. Piemonte Orientale Autoanalisi del sangue e Farmacia dei servizi Pierluigi Daffra Novara Giugno 2012 Facoltà di Farmacia Uni. Piemonte Orientale Autoanalisi del sangue e Farmacia dei servizi Pierluigi Daffra Obiettivi del corso La Diagnostica di Laboratorio: I Cinesi e gli Indiani

Dettagli

Metodo per la determinazione di Ibuprofene in acque superficiali, sotterranee e di scarico.

Metodo per la determinazione di Ibuprofene in acque superficiali, sotterranee e di scarico. COPIA AD USO ESCLUSIVO DI. Progetto EMAS di Distretto finalizzato all Attestato APO (Ambiti Produttivi Omogenei) e al supporto delle singole organizzazioni dei comparti chimico farmaceutico operanti nel

Dettagli

QuantiFERON -CMV Foglietto illustrativo 2 x 96

QuantiFERON -CMV Foglietto illustrativo 2 x 96 QuantiFERON -CMV Foglietto illustrativo 2 x 96 Test dell interferone gamma nel sangue intero per la misurazione delle risposte agli antigeni peptidici del citomegalovirus umano 0350-0201 Cellestis, società

Dettagli

Scale Logaritmiche SCALA LOGARITMICA:

Scale Logaritmiche SCALA LOGARITMICA: Scale Logaritmiche SCALA LOGARITMICA: sull asse prescelto (ad es. asse x) si rappresenta il punto di ascissa 1 = 10 0 nella direzione positiva si rappresentano, a distanze uguali fra di loro, i punti di

Dettagli

Prof. Nelson MARMIROLI Dipartimento di Scienze Ambientali Università degli Studi di Parma

Prof. Nelson MARMIROLI Dipartimento di Scienze Ambientali Università degli Studi di Parma Metodi avanzati di tracciabilità a supporto delle normative Europee sulla etichettatura dei prodotti contenenti o derivati da OGM. Dai centri di ricerca ai laboratori di analisi Prof. Nelson MARMIROLI

Dettagli

Università degli Studi di Torino Dipartimento di Anatomia, Farmacologia e Medicina Legale Laboratorio di Scienze Criminalistiche.

Università degli Studi di Torino Dipartimento di Anatomia, Farmacologia e Medicina Legale Laboratorio di Scienze Criminalistiche. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Anatomia, Farmacologia e Medicina Legale Laboratorio di Scienze Criminalistiche Genetica Forense Sarah Gino SAL (STATO AVANZAMENTO LAVORI) Informazioni

Dettagli

Pellet cellulare. Vortexare per 10-30 sec. Riscaldare il campione in un termoblocco per 10 min a 100 C

Pellet cellulare. Vortexare per 10-30 sec. Riscaldare il campione in un termoblocco per 10 min a 100 C PrepMan Ultra Sample Preparation Reagent Guida Rapida Per informazioni sulla sicurezza far riferimento alla sezione Safety del PrepMan Ultra Sample Preparation Reagent Protocol (PN 4367554). Per tutti

Dettagli

Il controllo analitico degli OGM

Il controllo analitico degli OGM Il controllo analitico degli OGM Problematiche analitico metodologiche nella tracciabilità degli OGM INDIVIDUAZIONE: l obiettivo è di determinare se un prodotto contiene OGM o no (non da notizie sul tipo

Dettagli

Controllo ufficiale degli OGM nel settore agroalimentare

Controllo ufficiale degli OGM nel settore agroalimentare Controllo ufficiale degli OGM nel settore agroalimentare Ugo Marchesi Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana Centro di Referenza Nazionale per la ricerca di OGM ugo.marchesi@izslt.it ORGANISMI

Dettagli

Fisiologia dell emostasi

Fisiologia dell emostasi 1 STRATEGIE DIAGNOSTICHE PER L EMOFILIA A DEL CANE Marco Caldin DVM, PhD, ECVCP Diplomate 2 Fisiologia dell emostasi 1 3 Fisiologia dell emostasi 4 Attivazione emostatica 2 5 Emostasi primaria 6 Emostasi

Dettagli

Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo

Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo EPATITE B: DIAGNOSI. Il Laboratorio GA Niro, A Andriulli Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo La descrizione del meccanismo replicativo del virus

Dettagli

REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI. ( PCR =Polymerase Chain Reaction)

REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI. ( PCR =Polymerase Chain Reaction) REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI ( PCR =Polymerase Chain Reaction) Verso la metà degli anni 80, il biochimico Kary Mullis mise a punto un metodo estremamente rapido e semplice per produrre una quantità

Dettagli

S. Morabito - A. Benassi. Laboratori di prova per la sicurezza alimentare: esperienze, criticità e prospettive per l'accreditamento.

S. Morabito - A. Benassi. Laboratori di prova per la sicurezza alimentare: esperienze, criticità e prospettive per l'accreditamento. ISO 7218:2007 Microbiology of food and animal feeding stuffs-general requirements and guidance for microbiological examinations. Implicazioni per il laboratorio e per la conduzione degli audit S. Morabito

Dettagli

POS. 1 - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI GLUTINE NEGLI ALIMENTI

POS. 1 - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI GLUTINE NEGLI ALIMENTI POS. 1 - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI GLUTINE NEGLI ALIMENTI - La curva standard deve avere un range che va da ad almeno (± ) ppb (gliadina) ed avere un minimo di punti. La curva standard deve possedere

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Introduzione e Statistica descrittiva Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Introduzione

Dettagli

APPLICAZIONE QMS EVEROLIMUS Beckman Coulter AU680 /AU5800

APPLICAZIONE QMS EVEROLIMUS Beckman Coulter AU680 /AU5800 APPLICAZIONE QMS EVEROLIMUS Beckman Coulter AU680 /AU5800 Reagente Beckman Coulter REF A53729 (USA) Il dosaggio QMS per l'everolimus è concepito per la determinazione quantitativa di everolimus nel sangue

Dettagli

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011 Regressione Esempio Un azienda manifatturiera vuole analizzare il legame che intercorre tra il volume produttivo X per uno dei propri stabilimenti e il corrispondente costo mensile Y di produzione. Volume

Dettagli

Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi

Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi Metodi di laboratorio nel controllo microbiologico degli alimenti: classici ed innovativi Torino, 10-11 Giugno 2013 S.S. Laboratorio Controllo Alimenti fabio.zuccon@izsto.it 1 Aspetti normativi Cosa tratteremo

Dettagli

Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare

Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare Mission Il Policlinico Tor Vergata ha iniziato, dal 10 gennaio 2001, a costruire insieme con tutti i suoi professionisti l ospedale umano aperto

Dettagli

Manuale del kit artus WNV LC RT-PCR

Manuale del kit artus WNV LC RT-PCR Manuale del kit artus WNV LC RT-PCR 24 Diagnostica quantitativa in vitro Per l uso con lo strumento LightCycler Dicembre 2014 Versione 1 4509063, 4509065 1046924IT QIAGEN GmbH, QIAGEN Strasse 1, 40724

Dettagli

BIO-FLASH VEDI CAMBI RISALTATI

BIO-FLASH VEDI CAMBI RISALTATI BIO-FLASH CMV IgM 3000-8566 50 tests BIO-FLASH CMV IgM è un immunotest a chemiluminescenza a due step totalmente automatizzato per la determinazione qualititativa degli anticorpi IgM anti-citomegalovirus

Dettagli

I ESERCITAZIONE. Gruppo I 100 individui. Trattamento I Nuovo Farmaco. Osservazione degli effetti sul raffreddore. Assegnazione casuale

I ESERCITAZIONE. Gruppo I 100 individui. Trattamento I Nuovo Farmaco. Osservazione degli effetti sul raffreddore. Assegnazione casuale I ESERCITAZIONE ESERCIZIO 1 Si vuole testare un nuovo farmaco contro il raffreddore. Allo studio partecipano 200 soggetti sani della stessa età e dello stesso sesso e con caratteristiche simili. i) Che

Dettagli

Risolvi le seguenti equazioni e disequazioni fra [ 0 ; 2 π ]

Risolvi le seguenti equazioni e disequazioni fra [ 0 ; 2 π ] IV A GAT PRIMA VERIFICA DI MATEMATICA 3 ottobre 0 Risolvi le seguenti equazioni e disequazioni fra [ 0 ; π ].. 3... 6. 7. 8. Risultati:. = π/6 e = 7π/6. =π/ ; =π/6 ; =π/6 3. =π/3 ; =π/3. =π/3 ; =π/3. π/

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO SQ UNI EN ISO 9001:2000 - Certificato CSQ 9122 ASLB. LABORATORIO DI SANITÀ PUBBLICA Pagina 1 di 25

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO SQ UNI EN ISO 9001:2000 - Certificato CSQ 9122 ASLB. LABORATORIO DI SANITÀ PUBBLICA Pagina 1 di 25 LABORATORIO DI SANITÀ PUBBLICA Pagina di 5 INDICE. SCOPO pag.. CAMPO DI APPLICAZIONE pag. 3. DEFINIZIONI pag. 4. RESPONSABILITÀ pag. 5 5. MODALITÀ OPERATIVE pag. 6 5. Validazione primaria pag. 7 5. Validazione

Dettagli

About DiaMex. Controlli IvD

About DiaMex. Controlli IvD About DiaMex Controlli IvD Contenuto Controlli per Centri trasfusionali Optitrol A 5 Controlli per Infettivologia Optitrol ToRCH M Plus 6 Optitrol ToRCH G Plus 7 Optitrol MaPaMuVa M 8 Optitrol Syphilis

Dettagli

Verità ed esperienza: come la natura genera le osservazioni sperimentali

Verità ed esperienza: come la natura genera le osservazioni sperimentali Verità ed esperienza: come la natura genera le osservazioni sperimentali Andrea Onofri Dipartimento di Scienze Agrarie ed Ambientali Universitá degli Studi di Perugia 10 gennaio 2012 Indice 1 Presupposti

Dettagli

Analisi dei dati MLPA con il nuovo Coffalyser.NET. MRC-Holland

Analisi dei dati MLPA con il nuovo Coffalyser.NET. MRC-Holland Analisi dei dati MLPA con il nuovo Coffalyser.NET MRC-Holland Contenuti Che cos è il Coffalyser.NET Analisi dei frammenti e del Copy number Interpretazione dei dati Che cos è il Cofffalyser.NET Software

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %.

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %. Scheda Tecnica 0123 Technical File No.: 46 Prodotto: Categoria di prodotto secondo la classificazione CE: Anti-Xga coombsreactive Policlonale, umano IgG Allegato III Autocertificazione del produttore Struttura

Dettagli

PRINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PCR. PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a)

PRINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PCR. PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a) EAZIONE A CATENA DELLA POLIMEASI (PC) PINCIPALI APPLICAZIONI DELLA PC UPPE primer LOWE primer GENE X 1. Identificazione di agenti patogeni nell uomo, negli animali o negli alimenti (batteri e virus) 2.

Dettagli

HI-TECH IN SANITA'. MINI-INVASIVITA' 2.0: nuove tecnologie al servizio dell'appropriatezza e della bioetica professionale

HI-TECH IN SANITA'. MINI-INVASIVITA' 2.0: nuove tecnologie al servizio dell'appropriatezza e della bioetica professionale HI-TECH IN SANITA'. MINI-INVASIVITA' 2.0: nuove tecnologie al servizio dell'appropriatezza e della bioetica professionale L evoluzione della professione tecnica tra robotica, automazione e nuove tecnologie

Dettagli

APPLICAZIONE QMS TACROLIMUS Beckman Coulter AU480 /AU680 /AU5800

APPLICAZIONE QMS TACROLIMUS Beckman Coulter AU480 /AU680 /AU5800 APPLICAZIONE QMS TACROLIMUS Beckman Coulter AU480 /AU680 /AU5800 Reagente Beckman Coulter REF A53727 L'immunodosaggio QMS per il tacrolimus è concepito per la determinazione quantitativa di tacrolimus

Dettagli

Caratteristiche di un controllo di qualità esterno (VEQ) ed interno per test HPV primario di screening: presentazione documento aggiornato

Caratteristiche di un controllo di qualità esterno (VEQ) ed interno per test HPV primario di screening: presentazione documento aggiornato Convegno Nazionale GISCi 2015 Finalborgo (SV), 21-22 maggio 2015 Caratteristiche di un controllo di qualità esterno (VEQ) ed interno per test HPV primario di screening: presentazione documento aggiornato

Dettagli

CONSIDERAZIONI TECNICHE SULLA PERIZIA RELATIVA AL PP 11/13 CORTE DI ASSISE DI FIRENZE

CONSIDERAZIONI TECNICHE SULLA PERIZIA RELATIVA AL PP 11/13 CORTE DI ASSISE DI FIRENZE CONSIDERAZIONI TECNICHE SULLA PERIZIA RELATIVA AL PP 11/13 CORTE DI ASSISE DI FIRENZE Dr.ssa FRANCESCA TORRICELLI Direttore SOD Diagnostica Genetica Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze mail:

Dettagli

centrale (CNS) causata dall infezione litica degli oligodendrociti da parte del Polyomavirus JC (JCPyV). Ad

centrale (CNS) causata dall infezione litica degli oligodendrociti da parte del Polyomavirus JC (JCPyV). Ad RESOCONTO ATTIVITÀ DI RICERCA ANNO 2013 Studio dell espressione di fattori virali e cellulari implicati nella replicazione del Polyomavirus umano JC Responsabile scientifico: Dr. Simone Giannecchini, Dipartimento

Dettagli

XII Congresso Nazionale S.I.Di.L.V.

XII Congresso Nazionale S.I.Di.L.V. SOCIETÀ ITALIANA DI DIAGNOSTICA DI LABORATORIO VETERINARIA XII Congresso Nazionale S.I.Di.L.V. Genova Magazzini del Cotone 27-29 Ottobre 2010 VOLUME DEGLI ATTI 1 SCHEMA DI ACCREDITAMENTO FLESSIBILE APPLICATO

Dettagli

SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR

SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR METODO NAZIONALE STANDARD SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR VSOP 26 Emesso da Standards Unit, Evaluations and Standards Laboratory Centre for Infections Revisione no.3 Data di revisione 05.03.08 Emesso

Dettagli

SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo

SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo C.R.A. Consiglio per la Ricerca in Agricoltura Centro di ricerca per la genomica Fiorenzuola d Arda (Piacenza) SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo Tutor: Dott. Gianni TACCONI Studente:

Dettagli