IL CERTIFICATO DI ABILITAZIONE ALL ACQUISTO E ALL UTILIZZO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CERTIFICATO DI ABILITAZIONE ALL ACQUISTO E ALL UTILIZZO DEI PRODOTTI FITOSANITARI"

Transcript

1 IL CERTIFICATO DI ABILITAZIONE ALL ACQUISTO E ALL UTILIZZO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Francesca Grandis Attività regionali delegate Padova, 16 dicembre 2014

2 Indice Definizioni D.lgs. n. 150 del 14 agosto 2012 Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (art. 6 del D. lgs. 14 agosto 2012, n.150). Dgr. n del 18 novembre 2014 Allegato A alla Dgr. n del 18 novembre 2014 In attesa del rilascio del nuovo applicativo

3 Definizioni UTILIZZATORE PROFESSIONALE: èla persona che utilizza i prodotti fitosanitari nel corso dell attività professionale, compresi gli operatori e i tecnici, gli imprenditori e i lavoratori autonomi, sia nel settore agricolo che in altri settori. DISTRIBUTORE: persona fisica o giuridica in possesso del certificato di abilitazione alla vendita, che immette sul mercato un prodotto fitosanitario, compresi i rivenditori all ingrosso e al dettaglio. CONSULENTE: persona in possesso del certificato di abilitazione alle prestazioni di consulenza in materia di uso sostenibile dei prodotti fitosanitari o sui metodi di difesa alternativi.

4 D.lgs. n. 150 del 14 agosto 2012 Art. 7 Formazione La formazione è finalizzata a garantire che tutti gli utilizzatori professionali, i distributori e i consulenti sull impiego dei prodotti fitosanitari siano in possesso di un adeguata conoscenza, costantemente aggiornata, nelle materie elencate nell allegato I. La formazione comprende la formazione di base e quella di aggiornamento, entrambe obbligatorie per gli utilizzatori professionali, i distributori e i consulenti.

5 D.lgs. n. 150 del 14 agosto 2012 ALLEGATO I Materie di formazione per gli utilizzatori professionali, i distributori e i consulenti 1. Legislazione nazionale e comunitaria relativa ai prodotti fitosanitari, nonché alla lotta obbligatoria contro gli organismi nocivi. 2. Pericoli e rischi associati ai prodotti fitosanitari. 3. Strategie e tecniche di difesa integrata, di produzione integrata e di contenimento biologico delle specie nocive, nonché principi di agricoltura biologica. 4. Valutazione comparativa dei prodotti fitosanitari. 5. Misure per la riduzione dei rischi per le persone, gli organismi non bersaglio e l ambiente. 6. Pratiche di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi vuoti. 7. Corretto uso dei DPI e misure controllo esposizione utilizzatore. 8. Rischi per acque di falda e superficiali. 9. Attrezzature per l applicazione dei prodotti fitosanitari. 10.Aree specifiche ai sensi articoli 14 e Registrazione informazioni su ogni utilizzo dei prodotti fitosanitari.

6 D.lgs. n. 150 del 14 agosto 2012 Art. 8 Certificato di abilitazione alla vendita e certificato di abilitazione all attività di consulente A decorrere dal 26 novembre 2015, chiunque intenda svolgere un attività di vendita di prodotti fitosanitari o di consulenza sull impiego dei prodotti fitosanitari e dei coadiuvanti deve essere in possesso di uno specifico certificato di abilitazione rilasciato ai sensi dell articolo 7, dalle Regione e dalle Province autonome di Treno e di Bolzano, secondo i propri ordinamenti. Il certificato di abilitazione alla vendita viene rilasciato alle persone in possesso di diplomi o lauree in discipline agrarie, forestali, biologiche, ambientali, chimiche, mediche e veterinari,a condizione che abbiano frequentato appositi corsi di formazione ed ottenuto una valutazione positiva sulle materie elencate nell allegato I.

7 D.lgs. n. 150 del 14 agosto 2012 Art. 8 Certificato di abilitazione alla vendita e certificato di abilitazione all attività di consulente Il certificato di abilitazione all attività di consulente viene rilasciato alle persone in possesso di diplomi o lauree in discipline agrarie, forestali a condizione che abbiano un adeguata conoscenza in materia di difesa integrata e sulle materie elencate nell allegato I, comprovata dalla frequenza ad appositi corsi con valutazione finale. I certificati sono validi cinque anni e alla scadenza sono rinnovati,a richiesta del titolare, previa verifica della partecipazione a specifici corsi di aggiornamento. Sono fatte salve, fino alla loro scadenza, con possibilità di rinnovo secondo le prescrizioni del Piano, le abilitazioni alla vendita rilasciate ai sensi del DPR n. 290/2001 e s.m.i.

8 Art. 9 Certificato di abilitazione all acquisto e all utilizzo D.lgs. n. 150 del 14 agosto 2012 A decorrere dal 26 novembre 2015, l utilizzatore professionale che acquista per l impiego diretto, per sé o per conto terzi, prodotti fitosanitari e coadiuvanti deve essere in possesso di specifico certificato di abilitazione all acquisto e all utilizzo rilasciato ai sensi dell articolo 7, dalle Regioni e dalle Province autonome di Trento e di Bolzano, secondo i propri ordinamenti. I prodotti fitosanitari e i coadiuvanti possono essere utilizzati soltanto da coloro che sono muniti di apposito certificato di abilitazione all acquisto e all utilizzo rilasciato ai soggetti che sono in possesso dei seguenti requisiti: a) siano maggiorenni; b) abbiano frequentato appositi corsi di formazione ed ottenuto una valutazione positiva nelle materie elencate nell allegato I.

9 D.lgs. n. 150 del 14 agosto 2012 Art. 9 Certificato di abilitazione all acquisto e all utilizzo Il certificato èvalido per cinque anni ed alla scadenza viene rinnovato, a richiesta del titolare, previa verifica della partecipazione a specifici corsi o iniziative di aggiornamento. Sono fatte salve, fino alla loro scadenza, le abilitazioni all acquisto rilasciate ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 23 aprile 2001, n. 290, e successive modificazioni.

10 Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (art. 6 del D. lgs. 14 agosto 2012, n.150). A.1.1. Il sistema di formazione E istituito un sistema di formazione obbligatoria e certificata per utilizzatori professionali, distributori e consulenti. Il sistema riguarda sia la formazione di base che l aggiornamento periodico. Le regioni e le province autonome provvedono al rilascio dei certificati di abilitazione per gli utilizzatori professionali, i distributori e i consulenti. Salvo quanto previsto ai punti A.1.7 e A.1.8,i certificati di abilitazione sono rilasciati ai soggetti interessati, previa frequenza a specifici corsi di formazione di base e all ottenimento di una valutazione positiva sulle materie elencate nell allegato I del decreto legislativo n. 150/2012. I certificati di abilitazione sono validi per cinque anni e alla scadenza vengono rinnovati, su richiesta del titolare, previa verifica della partecipazione a specifici corsi o iniziative di aggiornamento.

11 Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (art. 6 del D. lgs. 14 agosto 2012, n.150). Il certificato di abilitazione rilasciato dall Autorità competente èpersonale e riporta i dati anagrafici e la foto dell interessato. Allo scopo di poterne accertare la validità, esso riporta, inoltre, la data di rilascio e quella di scadenza. Per gli utilizzatori professionali, le regioni e le province autonome possono prevedere il rilascio anche attraverso un badge oppure attraverso uno strumento di identificazione in rete conforme alle diposizioni in materia. I certificati di abilitazione sono validi su tutto il territorio nazionale.

12 Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (art. 6 del D. lgs. 14 agosto 2012, n.150). Le autorità regionali e provinciale competenti, fino al 26 novembre 2014 possono procedere al rilascio o al rinnovo delle abilitazione alla vendita e delle abilitazione all acquisto e all utilizzo dei prodotti fitosanitari, secondo le modalità regolamentari, adottate dalle stesse regioni o province autonome, previgenti alla data di entrata in vigore del decreto legislativo n. 150/2012. Sono, pertanto fatte salve le abilitazioni alla vendita e le abilitazioni all acquisto rilasciate e rinnovate, prima dell entrata in vigore del sistema di formazione di cui al punto 1, attraverso modalità precedentemente in vigore ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica n. 290, e successive modifiche ed integrazioni. Tali abilitazioni alla scadenza sono rinnovate secondo le modalità previste dal Piano al paragrafo A.1.9, punti 1 e 2 e dalle successive norme attuative di livello regionale e/o provinciale.

13 Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (art. 6 del D. lgs. 14 agosto 2012, n.150). A.1.2. Certificati di abilitazione all acquisto e all utilizzo e certificati di abilitazione alla vendita A decorrere dal 26 novembre 2015, il certificato di abilitazione all acquisto e all utilizzo dei prodotti fitosanitari costituisce requisito obbligatorio per chiunque intenda acquistare e/o utilizzare i prodotti fitosanitari destinati a utilizzatori professionali. A decorrere dal 26 novembre 2015, il certificato di abilitazione alla vendita dei prodotti fitosanitari costituisce requisito obbligatorio per la distribuzione sul mercato (ingrosso e dettaglio). La formazione e la relativa valutazione ai fini del rilascio del certificato di abilitazione alla vendita e alla attività di consulente valgono anche come formazione e relativa valutazione per il rilascio del certificato di abilitazione all acquisto e all utilizzo dei prodotti fitosanitari.

14 Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (art. 6 del D. lgs. 14 agosto 2012, n.150). A.1.3. Certificati di abilitazione alla consulenza A decorrere dal 26 novembre 2015, il certificato di abilitazione alla consulenza costituisce un requisito obbligatorio per svolgere attività di consulente nell ambito della difesa fitosanitaria a basso apporto di prodotti fitosanitari, indirizzata anche alle produzioni integrata e biologica, all impiego sostenibile e sicuro dei prodotti fitosanitari e ai metodi di difesa alternativi. Rappresenta un requisito indispensabile anche per soggetti che forniscono tale attività nell ambito di progetti o di specifiche misure a ciò finalizzati ed incentivati dalle regione e provincie autonome.

15 Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (art. 6 del D. lgs. 14 agosto 2012, n.150). A.1.4 Requisiti di accesso ai corsi di formazione per utilizzatore professionale e distributore I certificati di abilitazione all acquisto e all utilizzo dei prodotti fitosanitari possono essere rilasciati a coloro che hanno compiuto 18 anni.

16 Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (art. 6 del D. lgs. 14 agosto 2012, n.150). A.1.5 Requisiti di accesso ai corsi di formazione per consulente Possono accedere ai corsi di formazione i soggetti in possesso dei requisiti previsti dall art. 8 comma 3 del d. lgs. n. 150/2012.

17 Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (art. 6 del D. lgs. 14 agosto 2012, n.150). A.1.6. Modalità di rilascio dei certificati di abilitazione Per ottenere il rilascio del certificato di abilitazione tutti isoggetti in possesso dei requisiti di accesso possono sono tenuti a partecipare ai rispettivi corsi di formazione e al superamento dell esame di abilitazione. La frequenza dei corsi non deve essere inferiore al 75 % del monte ore complessivo e deve essere comprovata da specifico attestato di frequenza. Il monte ore può essere raggiunto partecipando a moduli formativi nell arco dei dodici mesi precedenti data presentazione domanda. Possono partecipare ai corsi di formazione anche soggetti provenienti da regione o province autonome differenti da quelle che hanno organizzato icorsi. L esame per il rilascio del certificato di abilitazione deve comunque essere sostenuto nella regione/provincia autonoma in cui il soggetto ha seguito il corso di formazione che provvederà al rilascio del certificato.

18 Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (art. 6 del D. lgs. 14 agosto 2012, n.150). A.1.7. Soggetti esentati dall obbligo della frequenza ai corsi di formazione per utilizzatori professionali Sono esentati dall obbligo di frequenza del corso di formazione i soggetti in possesso di diploma di istruzione superiore di durata quinquennale o di laurea, anche triennale, nelle discipline agrarie e forestali, biologiche, naturali, ambientali, chimiche, farmaceutiche,mediche e veterinarie. Sono tenuti a superare l esame di abilitazione. Sono tenuti alla partecipazione ai corsi di aggiornamento, ai fini del rinnovo dell abilitazione.

19 Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (art. 6 del D. lgs. 14 agosto 2012, n.150). A.1.8. Soggetti esentati dall obbligo della frequenza ai corsi di formazione per consulenti Le Regioni e le province autonome possono esonerare dalla frequenza al corso di base e dall esame i seguenti soggetti: Gli ispettori fitosanitari (d. lgs 214/2005). I docenti universitari che operano nell ambito di insegnamenti riguardanti le avversità delle piante e la difesa fitosanitaria. I ricercatori dell università e altre strutture pubbliche di ricerca che operano nel settore delle avversità delle piante e della difesa fitosanitaria. I soggetti che alla data del abbiamo acquisito una documentata esperienza lavorativa di almeno due anni nel settore dell assistenza tecnica o della consulenza nel settore della difesa fitosanitaria. Gli aspiranti consulenti in possesso dei titoli di cui all art. 8 comma 3 d. lgs. 150/2012 che alla data del dimostrino di aver frequentato un corso di formazione con valutazione finale positiva riconosciuto dall autorità competente

20 Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (art. 6 del D. lgs. 14 agosto 2012, n.150). A.1.9. Modalità di rinnovo dei certificati di abilitazione I certificati di abilitazione vengono rinnovati, su richiesta del titolare, previa verifica della partecipazione a specifici corsi o iniziative di aggiornamento. L attività di aggiornamento può essere effettuata sia attraverso specifici corsi, sia attraverso un sistema di crediti formativi da acquisire nell arco del periodo di validità dell abilitazione. Le autorità regionali individuano le iniziative di carattere formativo o seminariale, valide ai fini del raggiungimento dei crediti formativi. Le abilitazioni vengono rinnovate dalle autorità regionali o provinciali competenti previa verifica dei predetti attestati.

21 Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (art. 6 del D. lgs. 14 agosto 2012, n.150). A Caratteristiche dei soggetti che erogano la formazione di base e di aggiornamento La formazione degli utilizzatori professionali, dei distributori e dei consulenti èdi competenza della Regione. La programmazione e la realizzazione dei corsi viene effettuata sulla base dei fabbisogni formativi. Tale attività di programmazione ed organizzazione viene realizzata dalle autorità competenti, oppure attraverso soggetti formatori accreditati. Sulla base di specifici accordi con le autorità competenti, gli ordini ed i collegi professionali del settore agrario possono organizzare, per conto dei propri iscritti, le attività formative propedeutiche al rilascio e/o al rinnovo del certificato di abilitazione all attività di consulente. Tale attività formativa deve essere riconosciuta.

22 Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (art. 6 del D. lgs. 14 agosto 2012, n.150). I soggetti che svolgono le docenze nell ambito dei corsi propedeutici al rilascio od al rinnovo delle abilitazioni, devono possedere adeguate competenze tecnicoprofessionali e non devono avere rapporti di dipendenza o di collaborazione diretta a titolo oneroso con strutture che distribuiscono sul mercato i prodotti fitosanitari o con le società titolari di autorizzazione di prodotti fitosanitari. Per i corsi finalizzati alla formazione dei consulenti, le regioni e le province autonome possono ricorrere a esperti, non altrimenti reperibili, che hanno rapporti di dipendenza o di collaborazione diretta a titolo oneroso con le società titolari di autorizzazione di prodotti fitosanitari. Le regioni e le province autonome concordano a livello territoriale con le università, gli istituti agrari, gli ordini e i collegi professionali di riferimento, gli istituti competenti in materia specifiche attività formative e/o seminariali per favorire la formazione di figure professionali adeguate.

23 Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (art. 6 del D. lgs. 14 agosto 2012, n.150). A Durata minima dei corsi di base e di aggiornamento e modalità di svolgimento I corsi di formazione propedeutici al rilascio delle abilitazioni devono avere una durata minima di 20 ore per gli utilizzatori professionali e di 25 ore per i distributori e i consulenti. I corsi di aggiornamento necessari per rinnovare ogni 5 anni le medesime abilitazioni, devono avere una durata minima di 12 ore. Possono essere individuate due tipologie di utilizzatori professionali: Agricoli (compresi i contoterzisti); Extra agricoli (compresi i contoterzisti).

24 Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (art. 6 del D. lgs. 14 agosto 2012, n.150). A Sospensione e revoca delle abilitazioni Le competenti autorità regionali e proviciali hanno il compito di sospendere o revocare, mediante apposito provvedimento, le diverse abilitazioni. Il periodo di sospensione è stabilito dalle competenti autorità regionali e provinciali in relazione alle inadempienze riscontrate.

25 Dgr. n del 18 novembre 2014 Approva le disposizioni di attuazione del Sistema di formazione obbligatoria e certificata per utilizzatori professionali e per i rivenditori di prodotti fitosanitari, riportate negli allegati A e B,che entrano in vigore dal Stabilisce che i corsi di formazione per il rilascio e rinnovo dell autorizzazione all acquisto e all impiego e dell abilitazioni alla vendita di prodotti fitosanitari, già autorizzati con provvedimenti regionali o di AVEPA, ai sensi del DPR n.290/2001, art , devono essere realizzati e conclusi entro il Fissa per i soggetti che entro il hanno assolto all obbligo formativo, quale termine ultimo per sostenere la prova di valutazione secondo la previgente normativa, il

26 Dgr. n del 18 novembre 2014 Stabilisce che gli aspetti procedurali specifici saranno dettagliati a livello operativo da parte di AVEPA con proprio provvedimento. Incarica la Sezione Agroambiente di adottare con proprio decreto le eventuali disposizioni integrative dell Allegato A. Incarica la Sezione Prevenzione e Sanità pubblica di adottare con proprio decreto le eventuali disposizioni integrative dell Allegato B.

27 Allegato A alla Dgr. n del 18 novembre 2014 Il certificato di abilitazione all acquisto e all utilizzo di prodotti fitosanitari è rilasciato da AVEPA a tutti gli utilizzatori professionali maggiorenni che abbiano: presentato regolare domanda; frequentato un apposito corso di formazione; ottenuto una valutazione finale positiva.

28 Allegato A alla Dgr. n del 18 novembre 2014 I soggetti in possesso di diploma di istruzione superiore di durata quinquennale o di laurea, anche triennale, nelle discipline agrarie e forestali, biologiche, naturali, ambientali, chimiche, farmaceutiche,mediche e veterinarie sono esentati dall obbligo di frequenza. Per i titoli di studio conseguiti all estero ènecessario che il richiedente dimostri che il titolo sia stato equiparato a quelli riportati.

29 Allegato A alla Dgr. n del 18 novembre 2014 I corsi di formazione per il rilascio del Certificato possono essere previsti anche all interno di un azione formativa più ampia (azione integrata) (vedi corsi 150 ore). In via sperimentale, previa autorizzazione di AVEPA possono essere attivati dei corsi di formazione finalizzati al rilascio con durata minima di 22 ore. Le ultime due ore possono essere utilizzate per lo svolgimento della prova di valutazione. Alla conclusione dei corsi di formazione viene rilasciato il Certificato ai partecipanti che hanno superato la prova. L attività di aggiornamento per il rinnovo può essere effettuata anche attraverso un sistema di crediti formativi. Rinvia ad un successivo provvedimento regionale l individuazione dei criteri di riconoscimento dei crediti formativi.

30 Allegato A alla Dgr. n del 18 novembre 2014 L attestato di frequenza viene rilasciato esclusivamente ai soggetti partecipanti che: risultano regolarmente iscritti al corso di formazione; che abbiano frequentato almeno il 75 % delle ore totali di durata del corso di formazione o di aggiornamento (15 ore su 20 per il corso di formazione e 9 ore su 12 per il corso di aggiornamento).

31 Allegato A alla Dgr. n del 18 novembre 2014 RILASCIO DEL CERTIFICATO Domanda di rilascio contestuale alla prenotazione della prova di valutazione Domanda in bollo (o bollo virtuale), presentata ad AVEPA, almeno 15 giorni prima della data prescelta della prova di valutazione, deve riportare gli elementi per la verifica della frequenza al corso di formazione o i dati riguardanti i titoli di studio. Allegati: fotocopia documento identità e due foto formato tessera. Ulteriore marca da bollo da presentare al momento del rilascio del certificato.

32 Allegato A alla Dgr. n del 18 novembre 2014 RILASCIO DEL CERTIFICATO La domanda di rilascio deve essere presentata entro sei mesi dalla data di conclusione del corso. I soggetti che risiedono e operano in Regioni diverse dal Veneto possono presentare domanda per ottenere il rilascio del certificato ad AVEPA solo se hanno frequentato il corso di formazione in Veneto Il procedimento per il rilascio del certificato deve concludersi entro 90 giorni dalla data di ricevimento della domanda cartacea.

33 VALUTAZIONE FINALE Allegato A alla Dgr. n del 18 novembre 2014 Calendario semestrale predisposto due mesi prima dell inizio del semestre. Commissione convocata dal Dirigente dello Sportello. Costituita dallo stesso o suo delegato e secondo componente designato da Azienda sanitaria. Soggetto interessato sceglie la data, non la sessione. Se numero iscritti inferiore a 10, la prova potrà essere annullata e i richiedenti verranno iscritti alla prima data disponibile. Prenotazione presentata almeno 15 giorni prima dalla data prescelta.

34 VALUTAZIONE FINALE Allegato A alla Dgr. n del 18 novembre 2014 I soggetti sono ammessi a sostenere la prova previa verifica partecipazione ai corsi o titolo di studio. L elenco definitivo degli ammessi alla prova per provincia viene pubblicato di Avepa sette giorni prima dello svolgimento della prova. La pubblicazione degli elenchi costituisce notifica di avvio di procedimento ai sensi della legge 241/90 e avviso di convocazione alla prova. L assenza ingiustificata o non debitamente documentata è equiparata a un esito negativo. La comunicazione dell eventuale indisponibilità per la data fissata dovuta a gravi motivi personali, professionali o di salute deve essere comunicata almeno tre giorni prima della data fissata per la prova, assieme alla richiesta di iscrizione ad altra data. Entro cinque giorni dalla data di assenza deve essere presentato giustificativo.

35 Allegato A alla Dgr. n del 18 novembre 2014 SVOLGIMENTO PROVA DI VALUTAZIONE Prova scritta costituita da 30 domanda a risposta multipla. Superata se il candidato risponde correttamente ad almeno l 80 % dei quesiti (24 domande). Tempo svolgimento massimo: 60 minuti. Correzione subito dopo la conclusione e dati in verbale. Due possibilità di prova: al secondo mancato superamento il SUA comunica all interessato il mancato accoglimento della domanda. La modalità di consegna dei certificati sono previste da AVEPA.

36 Allegato A alla Dgr. n del 18 novembre 2014 RINNOVO DEL CERTIFICATO E richiesto dal titolare previa partecipazione a specifici corsi di formazione o acquisizione crediti formativi nell arco di validità dell abilitazione. La domanda va presentata al massimo dopo un anno dalla scadenza del Certificato, oltre sarà necessaria una richiesta di rilascio. Il termine di un anno non va inteso come proroga di validità del certificato scaduto. La domanda di rinnovo non può essere considerata ricevibile se presentata prima di sei mesi dalla data di scadenza del certificato.

37 Allegato A alla Dgr. n del 18 novembre 2014 RINNOVO DEL CERTIFICATO Domanda in bollo (o bollo virtuale), presentata ad AVEPA, deve riportare gli elementi per la verifica della frequenza al corso di formazione o i dati riguardanti i titoli di studio. Allegati: fotocopia documento identità e due foto formato tessera. Ulteriore marca da bollo da presentare al momento del rilascio del certificato Il procedimento per il rilascio del certificato deve concludersi entro 45 giorni dalla data di ricevimento della domanda cartacea.

38 Allegato A alla Dgr. n del 18 novembre 2014 SOSPENSIONE E REVOCA DELLE ABILITAZIONI Qualora vengano riscontrate inadempienze secondo i criteri riportati nell allegato I C del PAN, mediante provvedimento di AVEPA, viene sospesa o revocata l abilitazione rilasciata. CONTROLLO REGIONALE La Regione Veneto potrà a campione prevedere il controllo dell attività riguardante il rilascio e il rinnovo dei certificati. Campione casuale minimo del 0.5 % delle domande di rilascio e di rinnovo del Certificato ricevute positivamente da AVEPA Verifica svolta da Sezione Agroambiente.

39 In attesa del rilascio del nuovo applicativo Utilizzo di Fitos: Un solo modello di domanda, quello per i soggetti non esentati. L altro modello è stato disabilitato. La richiesta di duplicati sarà gestita cartaceamente. Nel caso di rilascio per soggetti con titolo di studio, i richiedenti dovranno selezionare, come corso, uno dei tre codici fittizi corrispondente al titolo di studio che verranno inseriti a livello centrale. Le sessioni di esame fino al potranno essere costituite da soggetti che chiedono il rilascio/rinnovo del vecchio certificato e da soggetti che chiedono il rilascio del nuovo certificato. Al momento effettuati solo esami con vecchi questionari

40 In attesa del rilascio del nuovo applicativo Nel caso di rinnovo, tutti i richiedenti devono scegliere quale data di prova di valutazione una di quelle che riporterà a fianco la dicitura: DATA RISERVATA AL RINNOVO DI CERTIFICATI DOPO IL Sono state inserite due date fittizie ogni mese (corrispondenti al 1 e al 16 di ogni mese) a partire da gennaio 2015 e al posto della sede la dicitura sopra riportata.

41 GRAZIE..! Francesca Grandis Padova, 16 dicembre 2014

Disposizioni inerenti i certificati di abilitazione per utilizzatori professionali e per distributori di prodotti fitosanitari nonché per consulenti

Disposizioni inerenti i certificati di abilitazione per utilizzatori professionali e per distributori di prodotti fitosanitari nonché per consulenti Delibera 25 novembre 2014, n. 1410 Disposizioni concernenti i certificati di abilitazione per utilizzatori professionali e per distributori di prodotti fitosanitari nonchè per consulenti Allegato Disposizioni

Dettagli

Utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari Certificati di Abilitazione

Utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari Certificati di Abilitazione Utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari Certificati di Abilitazione Prodotti fitosanitari, il certificato di abilitazione IL CERTIFICATO DI ABILITAZIONE ALL ACQUISTO E ALL UTILIZZO ALLA VENDITA

Dettagli

Nuove disposizioni in materia di formazione per gli utilizzatori professionali (DGR n. 2136 18/11/2014)

Nuove disposizioni in materia di formazione per gli utilizzatori professionali (DGR n. 2136 18/11/2014) Nuove disposizioni in materia di formazione per gli utilizzatori professionali (DGR n. 2136 18/11/2014) Riccardo De Gobbi Sezione Agroambiente Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per

Dettagli

PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az.

PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az. PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az. USL 3 Pistoia ABSTRACT Ci sono novità per i prodotti fitosanitari, a decorrere

Dettagli

Allegato A. I Unità Formativa comune: Nozioni legislative e amministrative. II Unità formativa comune: Nozioni su rischi e salute

Allegato A. I Unità Formativa comune: Nozioni legislative e amministrative. II Unità formativa comune: Nozioni su rischi e salute Allegato A Indirizzi per la realizzazione delle attività di formazione obbligatoria per gli utilizzatori, i distributori e i consulenti di prodotti fitosanitari (D.lgs. 150/12, Piano d'azione nazionale

Dettagli

FORMAZIONE E PRESCRIZIONI PER GLI UTILIZZATORI, I DISTRIBUTORI E I CONSULENTI (ARTICOLI 7, 8, 9 E 10 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 150/2012).

FORMAZIONE E PRESCRIZIONI PER GLI UTILIZZATORI, I DISTRIBUTORI E I CONSULENTI (ARTICOLI 7, 8, 9 E 10 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 150/2012). FORMAZIONE E PRESCRIZIONI PER GLI UTILIZZATORI, I DISTRIBUTORI E I CONSULENTI (ARTICOLI 7, 8, 9 E 10 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 150/2012). INTRODUZIONE In Italia il sistema di formazione, di base e di

Dettagli

ASSESSORADU DE S AGRICOLTURA E REFORMA AGRO-PASTORALE ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE

ASSESSORADU DE S AGRICOLTURA E REFORMA AGRO-PASTORALE ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE Allegato A del Decreto n. 1027 DecA 18 del 12 maggio 2015 Delibere della Giunta Regionale del 23.12.2014 n. 52/16 e del 27.3.2015 n. 12/35. Ulteriori direttive per l attuazione in Sardegna dell attività

Dettagli

Il Piano d Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (P.A.N.)

Il Piano d Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (P.A.N.) Il Piano d Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (P.A.N.) Inquadramento generale, Formazione ed Informazione REGIONE PIEMONTE SETTORE SERVIZI ALLE IMPRESE PIERO CORDOLA ODAF Alessandria

Dettagli

PAN: stato dell attuazione su sistema di formazione, controlli funzionali e taratura delle irroratrici

PAN: stato dell attuazione su sistema di formazione, controlli funzionali e taratura delle irroratrici REGIONE PUGLIA DIPARTIMENTO Agricoltura, Sviluppo Rurale e Tutela dell Ambiente SEZIONE Agricoltura SERVIZIO Osservatorio Fitosanitario PAN: stato dell attuazione su sistema di formazione, controlli funzionali

Dettagli

ALLEGATO A alla delibera della Giunta regionale n. di data

ALLEGATO A alla delibera della Giunta regionale n. di data ALLEGATO A alla delibera della Giunta regionale n. di data INDICAZIONI OPERATIVE PER L ATTIVITÀ DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO NONCHÉ PER IL RILASCIO E IL RINNOVO DEI CERTIFICATI DI ABILITAZIONE ALLA VENDITA,

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE DEL SISTEMA DI FORMAZIONE OBBLIGATORIA E CERTIFICATA PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI, DISTRIBUTORI E CONSULENTI

DISPOSIZIONI ATTUATIVE DEL SISTEMA DI FORMAZIONE OBBLIGATORIA E CERTIFICATA PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI, DISTRIBUTORI E CONSULENTI Regione Siciliana Dipartimento dell Agricoltura Servizio 5 Fitosanitario Regionale Dipartimento Attività sanitarie ed Osservatorio epidemiologico Servizio 4 Sicurezza alimentare ALLEGATO AL DDG N. 6402

Dettagli

Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un

Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un quadro per l azione comunitaria ai fini dell utilizzo sostenibile dei pesticidi. La direttiva assegna agli Stati Membri il compito di garantire

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/16 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/16 DEL 23.12.2014 Oggetto: D.Lgs. 14.8.2012, n. 150 e decreto interministeriale 22 gennaio 2014. Piano d'azione nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari. Direttive per l'attuazione nella Regione Sardegna

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA E RISORSE AGROALIMENTARI SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA E RISORSE AGROALIMENTARI SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE Allegato A REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA E RISORSE AGROALIMENTARI SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE DECRETO INTERMINISTERIALE 22 GENNAIO 2014 ADOZIONE DEL PIANO D AZIONE NAZIONALE (PAN) PER

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi Allegato I Parte A Obiettivi formativi Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012, si riportano di seguito i contenuti comuni degli specifici corsi

Dettagli

A relazione degli Assessori Ferrero, Saitta:

A relazione degli Assessori Ferrero, Saitta: REGIONE PIEMONTE BU51S2 18/12/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 24 novembre 2014, n. 44-645 Applicazione in Piemonte del D.M. 22 gennaio 2014. "Adozione del Piano d'azione Nazionale (PAN) per l'uso

Dettagli

Regolamento per il rilascio e rinnovo del Patentino

Regolamento per il rilascio e rinnovo del Patentino REGOLAMENTO PER IL RILASCIO ED IL RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'ACQUISTO E ALL'IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI E LORO COADIUVANTI CLASSIFICATI MOLTO TOSSICI, TOSSICI O NOCIVI L'acquisto e l'impiego

Dettagli

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PRESENTAZIONE PAN

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PRESENTAZIONE PAN Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PRESENTAZIONE PAN QUADRO NORMATIVO DIRETTIVA 2009/128/CE Quadro per l azione comunitaria ai fini dell utilizzo sostenibile dei pesticidi Direttiva

Dettagli

REGIONE MARCHE. Piano d'azione Nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (PAN-fitofarmaci) formazione professionale

REGIONE MARCHE. Piano d'azione Nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (PAN-fitofarmaci) formazione professionale REGIONE MARCHE Piano d'azione Nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (PAN-fitofarmaci) formazione professionale P.F. Competitività e Sviluppo dell impresa Agricola, Struttura Decentrata

Dettagli

Documento tecnico ( Allegato )

Documento tecnico ( Allegato ) Documento tecnico ( Allegato ) INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE ALL'ATTIVITA' DI VIGILANZA E CONTROLLO IN MATERIA DI ACQUISTO, UTILIZZO E VENDITA DI PRODOTTI FITOSANITARI Gruppo Lavoro: Mauro Bellettini,

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio REGIONE LIGURIA Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell Occupazione Ufficio Sicurezza e Qualità del lavoro Prime disposizioni in materia di formazione delle figure professionali di Responsabile

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE NAZIONALE E SUA ATTUAZIONE IN LOMBARDIA

IL PIANO DI AZIONE NAZIONALE E SUA ATTUAZIONE IN LOMBARDIA IL PIANO DI AZIONE NAZIONALE E SUA ATTUAZIONE IN LOMBARDIA Milano 29 Maggio 2014 Beniamino Cavagna Direttiva 2009/128/CE Del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21 ottobre 2009 che istituisce un quadro

Dettagli

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI Allegato B PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI 1. FINALITA Il presente documento definisce, ai sensi degli articoli 8 bis e 8 quater, del decreto legislativo

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO OPERATORE FORESTALE RESPONSABILE

PERCORSO FORMATIVO OPERATORE FORESTALE RESPONSABILE Allegato B) PERCORSO FORMATIVO OPERATORE FORESTALE RESPONSABILE 1. SOGGETTI ATTUATORI DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE Sono soggetti attuatori delle iniziative di formazione di cui al presente decreto i

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI, DISTRIBUTORI E CONSULENTI DI VENDITA DI PRODOTTI FITOSANITARI

CORSI DI FORMAZIONE PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI, DISTRIBUTORI E CONSULENTI DI VENDITA DI PRODOTTI FITOSANITARI CORSI DI FORMAZIONE PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI, DISTRIBUTORI E CONSULENTI DI VENDITA DI PRODOTTI FITOSANITARI I corsi di formazioni sono suddivisi in Unità formative di 4 ore ciascuna e si distinguono

Dettagli

TESTO COORDINATO. Indice

TESTO COORDINATO. Indice TESTO COORDINATO DIRETTIVE TECNICHE PER L ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI FORMATORI CHE GESTISCONO I CORSI DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DIRETTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Disciplina della figura del maestro artigiano, del commercio o delle professioni

Disciplina della figura del maestro artigiano, del commercio o delle professioni Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 44/34 del 23.10.2013 Disciplina della figura del maestro artigiano, del commercio o delle professioni INDICE 1. Finalità...2 2. Requisiti soggettivi...2 2.1 Requisiti di

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 marzo 2015, n. 627

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 marzo 2015, n. 627 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 marzo 2015, n. 627 Piano di Azione Nazionale (PAN) D.M. 22/01/2014: Disciplina per il rilascio ed il rinnovo dei certificati di abilitazione alla vendita, all acquisto

Dettagli

Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali

Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali Div. XII decreto n. 1986/05 Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali VISTA la legge 06 febbraio 2004, n. 36 concernente il nuovo ordinamento del Corpo Forestale dello Stato; VISTI i decreti in

Dettagli

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nel PAN, nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012,

Dettagli

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA 1.1

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE AL CORSO

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE AL CORSO Modello ISTANZA DI PARTECIPAZIONE AL CORSO Conseguimento dell autorizzazione per l acquisto, la conservazione e l utilizzo dei prodotti fitosanitari (conseguimento patentino) di Il sottoscritto Nato a

Dettagli

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 Primi indirizzi per la realizzazione dei percorsi di formazione per tecnici abilitati alla certificazione

Dettagli

SEZIONE I. Denominazione corso Ore Contenuti Attestato di idoneità Corso per l accesso e l esercizio

SEZIONE I. Denominazione corso Ore Contenuti Attestato di idoneità Corso per l accesso e l esercizio SEZIONE I 1.1 DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1 Competenze COMPETENZE REGIONALI (art.5 L.R. 38/2006 e s.m.i. art. 17 L.R. 28/1999 e s.m.i. - art. 8 L.R. 63/1995 e s.m.i). La Regione Piemonte stabilisce i requisiti

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1722/2014 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 27 del mese di ottobre dell' anno 2014 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE INDICE REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI UNIVERSITARI A CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Pag. 3 Art. 1 Ambito di applicazione Pag. 3 Art. 2 Finanziamento Pag. 3 Art. 3 Disciplina del rapporto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI SEZIONE I Disposizioni generali Art.1 Finalità La società Terme di Recoaro SpA

Dettagli

2015 NOTIZIARIO. del 2012 ed ha approvato, con decreto interministeriale. (PAN) per l uso sostenibile degli agrofarmaci.

2015 NOTIZIARIO. del 2012 ed ha approvato, con decreto interministeriale. (PAN) per l uso sostenibile degli agrofarmaci. 10 2015 NOTIZIARIO 3 Il nuovo sistema di formazione, rilascio e rinnovo delle abilitazioni in materia di prodotti fitosanitari Simone Saro, Gianluca Gori Servizio fitosanitario e chimico, ricerca, sperimentazione

Dettagli

PIANO DI AZIONE NAZIONALE PER L USO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. (Art. 6 del decreto legislativo 14 agosto 2012, n. 150)

PIANO DI AZIONE NAZIONALE PER L USO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. (Art. 6 del decreto legislativo 14 agosto 2012, n. 150) PIANO DI AZIONE NAZIONALE PER L USO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI (Art. 6 del decreto legislativo 14 agosto 2012, n. 150) Indice Premessa Obiettivi A - Azioni A.1 - Formazione e prescrizioni per

Dettagli

Agenzia regionale per lo sviluppo rurale ERSA

Agenzia regionale per lo sviluppo rurale ERSA Agenzia regionale per lo sviluppo rurale ERSA DIREZIONE GENERALE DECRETO N. 134 /DIR/SC OGGETTO: approvazione del Regolamento recante disposizioni per le attività di controllo funzionale delle macchine

Dettagli

GUIDA PER L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO DEGLI ARCHITETTI ISCRITTI ALL ALBO PROFESSIONALE ART. 7 D.P.R. N.

GUIDA PER L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO DEGLI ARCHITETTI ISCRITTI ALL ALBO PROFESSIONALE ART. 7 D.P.R. N. GUIDA PER L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO DEGLI ARCHITETTI ISCRITTI ALL ALBO PROFESSIONALE ART. 7 D.P.R. N. 137/2012 1. ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

Ambiente per gli adempimenti di competenza.

Ambiente per gli adempimenti di competenza. 8790 N. 36 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 1-9-2015 Parte I biente e Territorio, Infrastrutture, Opere Pubbliche e Trasporti dovrà provvedere alla redazione del provvedimento amministrativo

Dettagli

OGGETTO ATTESTATO DI FORMAZIONE MANAGERIALE QUALE REQUISITO per il conferimento di un incarico di struttura complessa

OGGETTO ATTESTATO DI FORMAZIONE MANAGERIALE QUALE REQUISITO per il conferimento di un incarico di struttura complessa 1 OGGETTO ATTESTATO DI FORMAZIONE MANAGERIALE QUALE REQUISITO per il conferimento di un incarico di struttura complessa QUESITO (quesito posto in data 4 gennaio 2010) Sto predisponendo la domanda per partecipare

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI, DISTRIBUTORI E CONSULENTI DI VENDITA DI PRODOTTI FITOSANITARI

CORSI DI FORMAZIONE PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI, DISTRIBUTORI E CONSULENTI DI VENDITA DI PRODOTTI FITOSANITARI CORSI DI FORMAZIONE PER UTILIZZATORI PROFESSIONALI, DISTRIBUTORI E CONSULENTI DI VENDITA DI PRODOTTI FITOSANITARI I corsi di formazioni sono suddivisi in Unità formative di 4 ore ciascuna e si distinguono

Dettagli

istruttore di autoscuola

istruttore di autoscuola Standard formativo relativo alla formazione iniziale propedeutica per il conseguimento dell abilitazione e formazione periodica istruttore di autoscuola ai sensi Decreto ministeriale 26 gennaio 2011, n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

Gestione integrata degli insetti nocivi della FRAGOLA: tripide e moscerino dei piccoli frutti. Aggiornamenti tecnici e normativi

Gestione integrata degli insetti nocivi della FRAGOLA: tripide e moscerino dei piccoli frutti. Aggiornamenti tecnici e normativi Gestione integrata degli insetti nocivi della FRAGOLA: tripide e moscerino dei piccoli frutti. Aggiornamenti tecnici e normativi SOSTENIBILITA FORMAZIONE PROFESSIONALE PAN 26 novembre 2015 gli utilizzatori

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. n. 53 il decreto legislativo n. 297 del 16 aprile 1994, con il quale è stato approvato il testo unico delle disposizioni legislative in

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

Pag. 1 di 10. Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore

Pag. 1 di 10. Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore Pag. 1 di 10 Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore DCRUO Relazioni Industriali Settembre 2005 Pag. 2 di 10 INDICE Scopo e campo di applicazione pag. 3 Principi generali pag. 3 Riferimenti

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Art. 34 - Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi

D.Lgs. 81/08 Art. 34 - Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi LA FORMAZIONE PER DATORI DI LAVORO ACCORDO CONFERENZA STATO - REGIONI D.Lgs. 81/08 Art. 34 - Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi 2. Il datore

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU26 02/07/2015

REGIONE PIEMONTE BU26 02/07/2015 REGIONE PIEMONTE BU26 02/07/2015 Codice A15030 D.D. 24 aprile 2015, n. 276 D.g.r. n. 1-157 del 14/06/2010. Aggiornamento dello standard formativo e della relativa disciplina dei corsi per "Conduttore impianti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA Facoltà di Scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA Facoltà di Scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA Facoltà di Scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Per l A.A. 2006/2007 è bandito il concorso per l ammissione al Corso di Laurea

Dettagli

Società ROCCA di MONSELICE S.r.l Monselice (PD) codice fiscale: 02482640287

Società ROCCA di MONSELICE S.r.l Monselice (PD) codice fiscale: 02482640287 REGOLAMENTO per il reclutamento del personale dipendente e per il conferimento di incarichi professionali e collaborazioni (adottato ai sensi della Direttiva C-II DGR n. 258 del 05/03/2013 e successive

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos.: UPTA Decreto n. 128 AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER TECNICO-INFORMATICO ESPERTO IN DATABASE

Dettagli

Art.1 Generalità e fonti normative 1. ( 2. 3. Art. 2 Requisiti per l abilitazione di insegnante di teoria e di istruttore di guida 1. 2.

Art.1 Generalità e fonti normative 1.  ( 2. 3. Art. 2 Requisiti per l abilitazione di insegnante di teoria e di istruttore di guida 1. 2. Art.1 Generalità e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di svolgimento degli esami per l abilitazione di insegnanti ed istruttori di autoscuola in attuazione dell art. 105,

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 22 gennaio 2014. Adozione del Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti tosanitari, ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 14 agosto 2012, n. 150 recante: «Attuazione

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI O DI VIAGGIATORI (D. Lgs. n. 395/2000 e successive

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA Settore Reti, Cultura, Polizia Provinciale e Trasporti Via della Lirica, 21- Ravenna tel. 0544/258527 - fax 0544/258526

PROVINCIA DI RAVENNA Settore Reti, Cultura, Polizia Provinciale e Trasporti Via della Lirica, 21- Ravenna tel. 0544/258527 - fax 0544/258526 PROVINCIA DI RAVENNA Settore Reti, Cultura, Polizia Provinciale e Trasporti Via della Lirica, 21- Ravenna tel. 0544/258527 - fax 0544/258526 AVVISO PUBBLICO DI ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITÀ

Dettagli

REGIONE MARCHE Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 BANDO DI ATTUAZIONE

REGIONE MARCHE Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 BANDO DI ATTUAZIONE REGIONE MARCHE Programma di Sviluppo Rurale 2007 203 BANDO DI ATTUAZIONE Misura... Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Sottomisura a) Attività formative per imprenditori

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE SERVIZIO PREVENZIONE

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE SERVIZIO PREVENZIONE Direttiva sulle procedure di attuazione ed approvazione della modulistica per i percorsi di formazione dei Responsabili ed Addetti dei servizi di prevenzione e protezione (RSPP e ASPP) di cui all Accordo

Dettagli

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11:

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11: q) Legge provinciale 26 gennaio 2015, n. 1 1) Modifiche di leggi provinciali in materia di istruzione, di stato giuridico del personale insegnante e di apprendistato 1) Pubblicato nel supplemento n. 1,

Dettagli

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016 Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale Anno accademico 2015/2016 Delibera Senato Accademico n. 122 del 24 giugno 2015 Procedure e termini relativi

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO. Regolamento della pratica forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO. Regolamento della pratica forense Allegato alla Delibera CdO n.52/2008 del 25/3/2008 ARTICOLO 1 ( Domanda) CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO Regolamento della pratica forense Il praticante che intenda iscriversi deve presentare,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4. REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.2015) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le procedure

Dettagli

Indice. Oggetto e natura giuridica della frequenza volontaria... pag.3. Art. 2 Requisiti per l ammissione alla frequenza volontaria... pag.

Indice. Oggetto e natura giuridica della frequenza volontaria... pag.3. Art. 2 Requisiti per l ammissione alla frequenza volontaria... pag. frequenze volontarie presso le strutture aziendali Revisione n. 3 1 Indice Art. 1 Oggetto e natura giuridica della frequenza volontaria.... pag.3 Art. 2 Requisiti per l ammissione alla frequenza volontaria....

Dettagli

Anno accademico 2013/2014

Anno accademico 2013/2014 Anno accademico 2013/2014 Procedure e termini per iscrizioni, immatricolazioni, passaggi, trasferimenti e ricongiunzioni delle carriere di studenti dei corsi di laurea e laurea magistrale (Delibera del

Dettagli

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso

- 172 ore, Percorso 1, Sezione Agente immobiliare - Agente munito di mandato a titolo oneroso REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 31-4234 Nuove modalita' di svolgimento del corso di formazione professionale rivolto all'agente di affari in mediazione.

Dettagli

N. 331 in data 03-02-2016

N. 331 in data 03-02-2016 ASSESSORATO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, RISORSE NATURALI E CORPO FORESTALE PRODUZIONI VEGETALI, SISTEMI DI QUALITA' E SERVIZI FITOSANITARI PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE N. 331

Dettagli

Seminario tecnico Quale formazione per la sicurezza. Perugia, 28 settembre 2012. Hotel Giò Jazz Via Ruggero D'Andreotto, 19 (PG)

Seminario tecnico Quale formazione per la sicurezza. Perugia, 28 settembre 2012. Hotel Giò Jazz Via Ruggero D'Andreotto, 19 (PG) Seminario tecnico Quale formazione per la sicurezza Perugia, 28 settembre 2012 Hotel Giò Jazz Via Ruggero D'Andreotto, 19 (PG) La formazione per il Datore di Lavoro Responsabile del Servizio Prevenzione

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA ALLEGATO A CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA 1. Premessa Il Reg. (CE) n. 1782/2003 ha stabilito, in via obbligatoria, l istituzione da parte degli

Dettagli

C A S S A I T A L I A N A DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI G E O M E T R I LIBERI PROFESSIONISTI

C A S S A I T A L I A N A DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI G E O M E T R I LIBERI PROFESSIONISTI C A S S A I T A L I A N A DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI G E O M E T R I LIBERI PROFESSIONISTI - LUNGOTEVERE A. DA BRESCIA, 4 TEL. 06326861 00196 ROMA www.cassageometri.it OGGETTO: Interventi a sostegno

Dettagli

Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine

Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine VADEMECUM per la Formazione Continua Obbligatoria degli iscritti all Albo dei Consulenti del Lavoro dei Consulenti del Lavoro Premessa La formazione professionale continua è obbligo giuridico posto a carico

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Modifiche all art. 5 della L.R. 1/1998

Art. 1 Finalità. Art. 2 Modifiche all art. 5 della L.R. 1/1998 LEGGE REGIONALE 12 DICEMBRE 2003, n. 24 Modifiche ed integrazioni alla L.R. 12 gennaio 1998, n. 1 recante: Nuova normativa sulla disciplina delle agenzie di viaggi e turismo e della professione di direttore

Dettagli

ART: 1 - Definizione del tirocinio

ART: 1 - Definizione del tirocinio Regolamento tirocinio professionalizzante in Psicologia, previsto per i laureati delle classi L-24 ed LM-51, ex L- 34 ed ex 58/S ai fini dell ammissione all esame di stato per l abilitazione all esercizio

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it OGGETTO CORSI DI FORMAZIONE MANAGERIALE QUESITO (posto in data 25 agosto 2011) Sono un Dirigente Medico presso una ASL di Roma e sono interessato a frequentare un corso di formazione manageriale valido

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 10043 06/10/2009 Identificativo Atto n. 1155 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO ATTIVAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO ABILITANTE PER L ESERCIZIO DELL ARTE AUSILIARIA DI MASSAGGIATORE E DI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE. della Regione Puglia. ANNO XLVI BARI, 22 APRILE 2015 n. 56. Deliberazioni del Consiglio e della Giunta

REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE. della Regione Puglia. ANNO XLVI BARI, 22 APRILE 2015 n. 56. Deliberazioni del Consiglio e della Giunta REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Puglia ANNO XLVI BARI, 22 APRILE 2015 n. 56 Deliberazioni del Consiglio e della Giunta 14512 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 del 22

Dettagli

Prot. n. 27950 Pieve di Soligo, 24 agosto 2015

Prot. n. 27950 Pieve di Soligo, 24 agosto 2015 REGIONE DEL VENETO Az. U.L.S.S. n. 7 di PIEVE DI SOLIGO (TV) Prot. n. 27950 Pieve di Soligo, 24 agosto 2015 OGGETTO: Avviso pubblico, per titoli e colloquio, per conferimento n. 2 incarichi libero professionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE OBBLIGATORIA PER IL TRIENNIO 2011/2013 (aggiornato nell'adunanza del 14 febbraio 2013)

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE OBBLIGATORIA PER IL TRIENNIO 2011/2013 (aggiornato nell'adunanza del 14 febbraio 2013) REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE OBBLIGATORIA PER IL TRIENNIO 2011/2013 (aggiornato nell'adunanza del 14 febbraio 2013) ART. 1 1. Il presente Regolamento disciplina la realizzazione della

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 37 DEL 2 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 37 DEL 2 LUGLIO 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 18 maggio 2007 - Deliberazione N. 853 - Area Generale di Coordinamento N. 17 - Istruzione - Educazione - Formazione Professionale - Politica Giovanile e

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE DEL VENETO E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE

ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE DEL VENETO E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE ALLEGATO 1 ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE DEL VENETO E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE per la realizzazione di un offerta sussidiaria di percorsi di istruzione e formazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MARCHIONI, FRONER

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MARCHIONI, FRONER Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3759 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MARCHIONI, FRONER Disciplina delle attività professionali di estetista e di operatore di

Dettagli

Gestione certificati di abilitazione all'utilizzo di prodotti fitosanitari

Gestione certificati di abilitazione all'utilizzo di prodotti fitosanitari Gestione certificati di abilitazione all'utilizzo di prodotti fitosanitari Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale per le Politiche Agricole e Forestali (52/06) Regione Campania

Dettagli

PROVINCIA DI TERAMO Settore B8 - Lavoro e Formazione -

PROVINCIA DI TERAMO Settore B8 - Lavoro e Formazione - PROVINCIA DI TERAMO Settore B8 - Lavoro e Formazione - AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI ALLIEVI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER ESTETISTA INDICE Articolo 1 Riferimenti normativi pag. 2

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. 48 IL MINISTRO VISTA la legge del 3 agosto 2009, n. 115 concernente Riconoscimento della personalità giuridica alla Scuola per l Europa di Parma, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 187 del 13

Dettagli

IL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA (BOZZA)

IL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA (BOZZA) IL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA (BOZZA) Articolo 1 (Obbligo di formazione professionale continua) 1. In attuazione delle disposizioni di cui

Dettagli

All.4. Altri Atenei. 1- Pavia, Bologna, Pisa, Sapienza, Torino, Sassari, Parma, Napoli, San Raffaele, Roma 3 idem

All.4. Altri Atenei. 1- Pavia, Bologna, Pisa, Sapienza, Torino, Sassari, Parma, Napoli, San Raffaele, Roma 3 idem REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PROCEDIMENTO DI CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO DI PRIMA E SECONDA FASCIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI AI SENSI DELLE DISPOSIZIONI DELLA LEGGE N. 240/2010

Dettagli

I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO

I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO Istituto Regionale di Ricerca Sperimentazione e Aggiornamento Educativi per il Lazio Prot. n. 4298/P Roma, 12 aprile 1999 LA PRESIDENTE VISTA la L. 6 luglio 1940, n. 1038, concernente

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 30/ 35 del 2.8.2007 Disposizioni per la formazione dei responsabili e addetti del servizio di prevenzione e protezione (RSPPe ASPP), di cui all Accordo Stato - Regioni su D.Lgs.

Dettagli

REGIONE MARCHE Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 BANDO DI ATTUAZIONE

REGIONE MARCHE Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 BANDO DI ATTUAZIONE REGIONE MARCHE Programma di Sviluppo Rurale 2007 203 BANDO DI ATTUAZIONE Misura... Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Sottomisura a) Attività formative per imprenditori

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP

CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP Ultimo accordo raggiunto nell incontro tecnico del 29/9/2005 tra i rappresentanti delle Amministrazioni centrali interessate e delle Regioni e Province autonome per l attuazione

Dettagli