Progetto Second Life formazione creativa in ambiente virtuale presso tre scuole trentine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Second Life formazione creativa in ambiente virtuale presso tre scuole trentine"

Transcript

1 Progetto Second Life formazione creativa in ambiente virtuale presso tre scuole trentine Alberto Garniga, Lorenzo Frizzera 1, Fabio Stacchini 2 CFP Centromoda Canossa, via Grazioli 2, Trento 1 Studio associato Mindscape, 2 Istituto d'arte Vittoria, via Zambra 3, Trento Il progetto ha inteso sperimentare - attraverso la costruzione virtuale in Second Life di un Centro per lo Sviluppo del Pensiero Creativo, operata da un team di allievi di scuole trentine - un percorso di innovazione nella relazione docente-discente, nella configurazione di contesti di apprendimento, nel rapporto tra mezzi e contenuti. Ne è risultata una esplorazione didattica inedita per tentare risposte a domande quali: come incorporare la tecnologia a scuola? quali modelli mentali sottostanno alla nostra organizzazione del frame classe? l'insegnamento è al passo con il modo in cui si apprende oggi? come fare scuola nella era della cosiddetta e-generation? 1. Introduzione: perché è stato scelto l'ambiente Second Life Il progetto "Second Life: formazione creativa in ambiente virtuale", è stato realizzato attraverso il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto (www.fondazione.tnrov.it), per la realizzazione di progetti innovativi che coinvolgano docenti, allievi e mondo del lavoro. I partners del progetto sono stati: CFP Centromoda Canossa (www.centromoda.tn.it), l Istituto Artigianelli Arti Grafiche (www.pavoniani.tn.it), l Istituto d Arte Vittoria (www.istitutovittoria.it) e l Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell Autonomia scolastica che ha sede a Firenze (ex INDIRE: Il progetto aveva la finalità di lavorare sul pensiero in modo da potenziarne le attitudini e le capacità creative, intese anzitutto come capacità di risolvere problemi generando alternative. Lo scopo più generale era quello di sperimentare nuove vie per fare scuola attraverso le tecnologie informatiche e i linguaggi digitali non tanto per semplificare ma piuttosto per trovare nuovi canali di motivazione e coinvolgimento per i new learners. A. Andronico, L. Colazzo (Eds.): DIDAMATICA 2009 ISBN

2 DIDAMATICA 2009 Il prodotto finale è stato un Centro per lo Sviluppo della Creatività pensato, progettato e costruito creativamente da dieci studenti, provenienti dalle scuole partner di progetto, all'interno dell ambiente virtuale di Second Life (d ora in poi SL), una comunità virtuale tridimensionale interattiva online creata nel 2003 dalla società americana Linden Lab. Second Life fornisce ai suoi utenti gli strumenti per aggiungere contenuti grafici interattivi (oggetti, fondali, fisionomie dei personaggi, audiovisivi ecc.) e quindi la possibilità di contribuire ad espandere il mondo virtuale condiviso. In altre parole ciò che crea un singolo individuo è partecipato virtualmente dagli altri utenti, attualmente milioni in tutto il pianeta. Costruire su SL consente pertanto di agire in maniera decisamente efficace per il lavoro sulle abilità del pensiero creativo, in quanto oltrepassa alcuni dei vincoli fisici che inevitabilmente intrappolano ed incanalano l'immaginazione: su SL esiste in una dimensione di libertà spazio-temporale e di continue alternative di identità e realtà. Insomma uno spazio del possibile, non però anarchico, poiché va pensato, progettato, costruito, agito in equilibrio dinamico tra sé e gli altri. Il progetto ha avuto a disposizione 30 ore di start-up residenziale e 40 ore durante l anno da gennaio a maggio 2008 per un pomeriggio a settimana in tempo extrascolastico, facendo quindi leva su libera adesione e motivazione dei partecipanti. 2. Le competenze-chiave: creatività, project-management e tecniche di costruzione in Second Life 2.1 Start up del progetto I responsabili degli enti partners hanno selezionato i dieci studenti protagonisti del progetto, sulla base del loro rendimento scolastico e della loro motivazione. La prima fase del progetto è avvenuta, per precisa scelta strategica del team di progetto, in 5 giorni di full-immersion residenziale, presso l edificio della Fondazione San Vigilio di Ossana in Val di Sole (Tn). Le fasi successive del progetto si sono svolte presso le aule del Centromoda Canossa e dell Istituto d Arte Vittoria, anch esse opportunamente attrezzate. Oltre a queste sedi reali, la realizzazione del progetto ha richiesto l acquisto di un terreno virtuale su Second Life: l isola di True Heart. Le giornate di outdoor sono stati indispensabili per costruire ed amalgamare il gruppo, gettare le basi del pensiero divergente (generazione di idee) e di quello convergente (progettazione e pianificazione), e iniziare a familiarizzare con l ambiente SL. 2

3 Progetto Second Life formazione creativa in ambiente virtuale presso tre scuole trentine 2.2 Primo obiettivo: pensare creativamente Le lezioni di pensiero laterale, si sono concentrate sulla generazione di alternative nella percezione di oggetti e di problemi concreti, sull utilizzo di un gioco per lo sviluppo di collegamenti tra idee e sull utilizzo di una piattaforma di e-learning per l effettuazione di alcuni test di verifica sul materiale studiato. I contenuti si sono articolati come segue: La generazione di alternative nella percezione: come la percezione limita la creatività a) definizione di creatività b) pensiero volontario e involontario c) mettere in dubbio i presupposti d) l'atteggiamento creativo Il gioco Qing (gioco da tavolo ideato da Frizzera stesso): le parole come idee a) sviluppo di connessioni tra parole concrete e tra parole astratte b) competizione a squadre sulle connessioni tra concetti La piattaforma Moodle: E-learning al supporto della creatività a) test provocatorio: atteggiamento creativo b) test di verifica: definizione di creatività c) test di verifica: la generazione di alternative 2.3 Secondo obiettivo: saper progettare Il programma delle lezioni di project management si è focalizzato sulle modalità di passaggio da un idea alla sua realizzazione attraverso un percorso che ha mostrato le logiche e i metodi per il monitoraggio e il controllo delle attività che realizzano un progetto. L'articolazione dei contenuti è stata: Dall idea creativa alla meta: quali le finalità, quali gli obiettivi del progetto a) le finalità del progetto e le condizioni perché si realizzino: come impostare la stesura degli obiettivi b) clusterizzare e segmentare: l analisi e la sintesi nella costruzione del sistema degli obiettivi c) impostare il sistema di valutazione all inizio o alla fine? La misurabilità degli obiettivi d) immaginare la strada Da dove parto e dove voglio arrivare: la scelta delle strategie fra vincoli ed opportunità a) il progetto come riduzione degli elementi di gap e di differenza b) uno strumento per capire la realtà: l analisi SWOT c) i vincoli e le preferenze: finestre e filtri Il percorso, la tratta e le tappe: come distribuire tempi e risorse e tenere tutto sotto controllo 3

4 DIDAMATICA 2009 a) cosa devo fare per realizzare quest attività? L elefante a fette e la WBS b) quanto tempo si impiega? Il Gantt c) nuove colonne nel diagramma: responsabilità e risorse d) se può andar male lo farà! Murphy e la risk analisys 2.4 Terzo obiettivo: saper costruire in ambiente SL Le lezioni su Second Life, tenute dal formatore inviato da ANSAS, hanno approfondito le modalità di utilizzo del software ai fini del prodotto finale, ovvero la creazione di un Centro per lo Sviluppo della Creatività. La settimana si è conclusa con una lezione tenuta dall insegnante principale in remoto, a Firenze, coadiuvato da altri due docenti presenti ad Ossana; gli studenti sentivano la voce del docente dall impianto in dolby surround e ne vedevano le sembianze attraverso il suo alter ego nel mondo virtuale. Tale lezione ha rappresentato un test delle lezioni che si sarebbero tenute nel corso dell anno scolastico a Trento. Le fasi di acquisizione delle abilità di base sono state: a) creazione del proprio avatar b) esplorazione del mondo virtuale c) costruzione di oggetti e modellazione virtuale d) assegnazione di movimenti agli oggetti 3. Sviluppo del progetto e risultati Durante l anno scolastico le lezioni sono proseguite settimanalmente attraverso incontri di tre ore, frequentati volontariamente dagli studenti al di fuori del loro orario scolastico. Tali incontri si sono protratti da gennaio a maggio 2008, alternando mensilmente tre lezioni incentrate sul vero e proprio sviluppo su SL ad una di verifica del piano di attuazione del progetto e dei suoi intenti creativi. 3.1 Il processo decisionale, le sessioni creative, il lavoro sul team e sulla leadership Quando si è rivelato necessario, gli studenti hanno integrato il progetto con spunti e intuizioni scaturite da apposite sessioni creative. Tali sessioni si sono svolte attraverso la tecnica del brainwriting con frequente utilizzo delle mindmaps. Ogni studente traeva cosi spunto dalle idee degli altri dando vita ad un circolo virtuoso, in termini di produzione di idee. Queste venivano poi vagliate e discusse dal gruppo e riordinate su mappe cognitive; gli studenti hanno dato poi forma a queste idee nel mondo virtuale (v. video dai link in sitografia). Uno dei lati più significativi dell intero progetto è stata la rivendicazione di una piena libertà intellettuale da parte degli studenti rispetto alla visione 4

5 Progetto Second Life formazione creativa in ambiente virtuale presso tre scuole trentine proposta dai docenti. Questi ultimi, dopo una prima fase nella quale hanno suggerito metodologie e obiettivi, sono passati nelle fasi finali del progetto, al ruolo di tutor, ovvero di consulenti chiamati in causa generalmente per problemi di natura tecnica. In questo modo gli studenti hanno voluto, anche attraverso vivaci discussioni, affermare il loro diritto alla libertà creativa confermando, oltre ogni aspettativa, che le finalità del progetto si erano davvero realizzate. Dopo una consultazione il gruppo ha dato un'altra idea rispetto alla realizzazione del progetto del centro di sviluppo della creatività, curvando la progettazione sul versante più esplicitamente artistico. Dopo aver verificato la sterilità e la lentezza di alcuni processi decisionali, gli studenti si sono organizzati in gruppi e hanno nominato mensilmente un leader, il quale aveva il compito di aggiornare via mail tutta la classe sullo stato dei lavori e doveva assegnare compiti e scadenze ai vari gruppi. Rispetto a specifici problemi di difficile risoluzione si è rivelato necessario l intervento di tre super-specialisti esterni, i quali, a titolo gratuito, hanno interagito con gli studenti direttamente su Second Life mostrando loro le possibili soluzioni. 3.2 Prodotto finale e valore formativo dell'esperienza Il Centro per lo Sviluppo della Creatività, obiettivo del progetto, è stato realizzato ed è visitabile su SL (v. link in sitografia finale). Esso è strutturato sulla base di un dipinto di Fortunato Depero, il Progetto di manifesto per Venus Pencils del 1929, scomposto in tre dimensioni e ingrandito in modo da essere reso abitabile dagli utenti del mondo virtuale. Attorno a questa figura centrale, suddivisa in aree dalle specifiche funzioni, gli studenti hanno costruito altre figure ed ambienti fino a coprire l intero territorio dell isola virtuale. L obiettivo raggiunto dal progetto è stata l ideazione e la costruzione materiale della struttura del Centro per lo Sviluppo della Creatività; l auspicio è che il suo proseguimento porti altri istituti scolastici ad idearne i contenuti e le attività. Per questo l isola di True Heart si presenta ad oggi più come una sorta di museo di arte contemporanea, e quindi come luogo in cui la creatività si manifesta su un piano artistico-estetico, piuttosto che come un vero luogo di aggregazione virtuale mirato allo sviluppo della creatività come forma di pensiero trasversale (tecnico, sociale, politico, economico, emotivo, relazionale, etc.). L esperienza formativa maturata dai ragazzi si può suddividere in due macro-aree. a) Acquisizione di conoscenze e abilità specifiche: il progetto ha comportato la comprensione da parte degli studenti della necessaria 5

6 DIDAMATICA 2009 terminologia inglese legata al software SL e, in generale, al virtual design; la capacità di gestire e modificare oggetti tridimensionali e le relative nozioni di geometria; la gestione dell ambiente virtuale e di tutte le regole, non solo tecniche ma anche e soprattutto relazionali, ad esso connesse; la capacità di interagire durante la lezione con un insegnante situato a qualche centinaio di chilometri di distanza. b) Potenziamento intellettuale personale e di team: la finalità del progetto ha portato gli studenti a sviluppare e a considerare il valore del pensiero cosiddetto divergente attraverso le tecniche di pensiero laterale; a cogliere i limiti che possono ostacolarne lo sviluppo: l ambiente sociale, la paura del giudizio degli altri, il sentirsi diversi, la paura di sognare e di uscire dalle regole, la poca stima di sé ma anche l eccesso di razionalità; l essere legati a dei modelli prestabiliti che fanno pensare sempre allo stesso modo seguendo sempre gli stessi schemi. Hanno quindi riconosciuto come creativo un atteggiamento energico, osservatore, perseverante, originale, ingegnoso, indipendente, appassionato, entusiasta, esigente con sé stesso, curioso, dinamico, audace, acuto, impegnato, elastico, sicuro, lungimirante, meticoloso, pronto, risoluto, instancabile. Hanno riconosciuto il valore della creatività come via per raggiungere un benessere personale e collettivo. In maniera speculare hanno sviluppato il loro pensiero convergente, mirato a raggiungere risultati tangibili, attraverso le lezioni di project management che li hanno portati ad analizzare e suddividere un problema in modo da renderlo affrontabile, a stabilire i tempi e modi di realizzazione, a ripensare e modificare un modello precedentemente riconosciuto come valido, quando nuovo esigenze e problematiche lo rendevano necessario. Gli studenti hanno inoltre appreso quanto sia necessario suddividere il lavoro in gruppi e quanto ogni gruppo sia fondamentale per il corretto svolgimento del lavoro complessivo; hanno quindi sperimentato in prima persona la dialettica tra individuo e collettività sospesa tra ricerca di autonomia e bisogno dell altro. Il confronto degli studenti su tematiche di natura tecnica e creativa, li ha portati a confrontarsi sul piano più ampio della ricerca di un equilibrio tra il proprio ego e le necessità del gruppo. Tale confronto è stato reso tanto più urgente dalla necessità di consegnare il lavoro finito entro la scadenza prevista. Nonostante ciò il clima in aula è sempre stato favorevole al dialogo e, in ultima analisi, molto costruttivo e sereno. Infine hanno reso le loro creazioni accessibili a milioni di persone, vincendo la naturale riluttanza degli adolescenti a proporre le proprie idee al mondo adulto ed entrando in relazione, seppur virtuale, con il mondo extra scolastico. 6

7 Progetto Second Life formazione creativa in ambiente virtuale presso tre scuole trentine 4. Conclusioni 4.1 Creatività e tecnologia Il progetto svolto in maniera pionieristica a Trento sollecita e interroga le intelligenze di dirigenti, docenti, formatori, educatori attorno al binomio creatività-tecnologia, senza ridurre l'una a mera fantasia e l'altra a pura strumentalità. Se da un lato sempre più scuola, economia, vita necessitano di approcci creativi ai problemi, senza perdere però di rigore e consapevolezza, dall'altro lato i curricula scolastici non possono non tener conto che il nostro ecosistema è imprescindibilmente tecnologico. Senza scadere nel fascino del moderno a tutti i costi, consideriamo nocivo trascurare i linguaggi della contemporaneità e che, poiché la tecnologia condiziona i significati, non può esser guardata come fosse estranea alla scuola. Finora troppo spesso la si è considerata sul piano dei meri mezzi, di strumenti-per, per cui il massimo di innovazione significa aggiornare l'ardesia con la lavagna digitale. Ma oggi, in un tempo in cui si parla di e-society, è diventato evidente che la tecnologia, in particolare attraverso le cosiddette ICT, configura un ambiente di apprendimento e determina le modalità del cercare, mappare, dare senso al reale esperito. In che modo questo incide sul fare scuola? In termini di programmazione didattica, la sfida del progetto era proprio quella di agire sugli ambienti di apprendimento e sui linguaggi della contemporaneità, all'insegna del motto il contesto fa l'allievo. In termini di competenze-traguardo, l'ambizione maggiore del progetto era quella di incentivare negli studenti il pensiero creativo o laterale, teorizzato da Edward De Bono, un pensiero che non segue una direzione, ma la genera; un pensiero alla ricerca della ricchezza di idee e non della loro correttezza, un pensiero che non garantisce una soluzione definitiva ad un problema, ma aumenti le possibilità che essa si trovi, un pensiero che ricerca un'occasione per portare un cambiamento nelle proprie idee. Per questo le lezioni di pensiero creativo si sono concentrate sul praticare (e non solo teorizzare) la generazione di alternative nella percezione di oggetti e problemi concreti, anche se collocati in un ambiente virtuale come quello di SL. Il mondo virtuale di SL si è mostrato un ottimo ambiente formativo poiché, se da un lato ha permesso una totale libertà creativa, dovuta all assenza di molti dei limiti che si pongono nel mondo reale - per fare solo qualche esempio, gli abitanti di SL possono volare, usano il tele-trasporto e respirano sotto acqua - dall altro ha richiesto agli studenti una notevole capacità progettuale, la risoluzione di difficoltà di natura tecnico-costruttiva nonché la gestione oculata dei materiali a disposizione, non infiniti. Insomma il mondo era virtuale ma i problemi sono stati reali! 7

8 DIDAMATICA Possibili sviluppi del progetto Le lezioni di costruzione in SL hanno sempre contato contemporaneamente sia sulla presenza di un insegnante in classe a Trento, Fabio Stacchini, che di Andrea Benassi, in remoto a Firenze. Gli studenti hanno interagito con l avatar dell insegnante in remoto, con il quale hanno potuto parlare attraverso l uso di cuffie e microfoni. Questo tipo di lezioni sono state intervallate da altre, a cadenza mensile, nelle quali studenti e docenti si sono incontrati nel mondo reale, al fine di valutare l effettivo contenuto creativo del progetto ed il rispetto delle finalità inizialmente poste. A prescindere da contenuti specificamente dedicati al virtual design, è dunque tecnicamente già possibile dare vita ad un progetto su SL che metta in comunicazione scuole ed aree geografiche molto differenti tra loro. Questa prospettiva assume tali e tanti significati formativi da renderla esaltante. Si pensi ad esempio a studenti provenienti da zone isolate e culturalmente svantaggiate, alla possibilità di creare luoghi di condivisione e di sperimentazione non solo nel campo della creatività ma anche in quello dell impresa, della cultura o del senso civico. Pensiamo ad esempio ad un gruppo di studenti che abbia il compito di convivere su un isola virtuale promulgando e facendo rispettare le proprie leggi, amministrando i propri beni, sperimentando quindi in chiave attiva il funzionamento dei principi democratici. Per non parlare delle applicazioni possibili nella didattica delle lingue. Durante questo 2009 si sta già svolgendo una seconda esperienza progettuale in ambiente SL, denominata Virtual Enterprise, in cui il nuovo gruppo di allievi ha il compito di creare e fare impresa in questo contesto simulatamente reale. Morale: le potenzialità formative di SL sono enormi, limitate però dall intraprendenza e dalla creatività degli operatori scolastici e, ancor prima, dai nostri approcci, dai nostri costrutti, dai nostri frames relativamente al fare scuola. 8

9 Progetto Second Life formazione creativa in ambiente virtuale presso tre scuole trentine Fig.1 Fotogramma dell isola vuota, inizio costruzione 18 gennaio 08 Fig.2 - Fotogramma dell isola costruita, fine progetto 30 maggio 08 9

10 DIDAMATICA Credits di progetto Alberto Garniga, responsabile di progetto, capofila (CFP Centromoda Canossa) Bruno Daves, referente CFP Artigianelli arti grafiche Claudio Dellai, referente Istituto Arte Vittoria Lorenzo Frizzera, coordinatore generale e docente moduli di creatività Marcello Pola, docente Ist. Arte Vittoria, pittura Fabio Stacchini, docente Ist. Arte Vittoria, Virtual Design Andrea Benassi, referente ANSAS, docente tecniche di Second Life Michele Linardi, docente team building e project management Dennis Pozzer, responsabile documentazione Giorgio Bertoldini, tecnico informatico Sitografia Riferimenti specifici al progetto: Per visionare la schermata generale dei video disponibili sul progetto: Per visionare il making of e due esempi agli opposti: l inizio con la lezione dell' 1 feb '08 e la fine con la lezione del 9 giu '08: (visita guidata). Per clip breve su prodotto finale del lavoro dei ragazzi in SL: directlink&id=1. Per video completo della presentazione fatta a Firenze al Festival della Creatività: temid=100 o dai riferimenti ANSAS: Alcuni riferimenti generali sui mondi sintetici e Second Life: SecondLifeBlog.it, SecondLearning.it (la comunità di Second Life Educators)) Alcuni riferimenti alla creatività come tecnica di pensiero e strumenti di progetto: e 10

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine Insegnante Chiara Zanotto Istituto Comprensivo Gianni Rodari di Rossano Veneto Anno scolastico 2014/2015 Disciplina

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

QUANDO. nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC CENTER

QUANDO. nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC CENTER C O N V E G N O N A Z I O N A L E 16_05_2012 Roma Sala della Comunicazione del MIUR Viale Trastevere 76/a QUANDO LO SPAZIO INSEGNA nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli