PARTE I DEL PROSPETTO Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE I DEL PROSPETTO Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione"

Transcript

1 PARTE I DEL PROSPETTO Caratteristiche dei Fondi e modalità di partecipazione Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di Investimento Mobiliare aperti di diritto italiano rientranti nell ambito di applicazione della Direttiva 2009/65/CE appartenenti al Sistema Mediolanum Fondi Italia gestiti da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Data di deposito in Consob della Parte I: 30 luglio Data di validità della Parte I: dal 31 luglio Società di Gestione del Risparmio Collocatore Unico

2 retro di copertina

3 2/48 INDICE A) INFORMAZIONI GENERALI... Pag La Società di gestione... Pag Il Depositario... Pag La Società di Revisione... Pag Gli intermediari Distributori... Pag Il Fondo... Pag Modifiche della strategia e della politica di investimento.... Pag Informazioni sulla normativa applicabile... Pag Rischi generali connessi alla partecipazione ai Fondi... Pag Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari... Pag Best Execution... Pag Incentivi... Pag Reclami... Pag. 14 B) INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO... Pag Classi di quote.... Pag. 33 C) INFORMAZIONI ECONOMICHE (COSTI, AGEVOLAZIONI, REGIME FISCALE)... Pag Oneri a carico del Sottoscrittore e oneri a carico dei Fondi... Pag Oneri direttamente a carico del Sottoscrittore Pag Oneri a carico dei Fondi... Pag Oneri di gestione... Pag Altri Oneri... Pag Agevolazioni finanziarie... Pag Servizi aggiuntivi e/o prodotti aggiuntivi abbinati alla sottoscrizione dei Fondi... Pag Programma Consolida i rendimenti... Pag Pic Programmato... Pag Regime fiscale... Pag. 40 D) INFORMAZIONI SULLE MODALITÀ DI SOTTOSCRIZIONE/RIMBORSO... Pag Modalità di sottoscrizione delle Quote.... Pag Modalità di rimborso delle Quote... Pag Modalità di effettuazione delle operazioni successive alla prima sottoscrizione.... Pag. 43 E) INFORMAZIONI AGGIUNTIVE.... Pag Procedure di sottoscrizione, rimborso e conversione (c.d. Switch).... Pag Sottoscrizione e rimborso mediante tecniche di comunicazione a distanza... Pag Valorizzazione dell investimento... Pag Informativa ai partecipanti.... Pag Ulteriore informativa disponibile... Pag. 44 DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ.... Pag. 44 APPENDICE Glossario dei termini tecnici utilizzati nel Prospetto... Pag. 45

4 3/48 A) INFORMAZIONI GENERALI 1. La Società di gestione Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a., appartenente al Gruppo Bancario Mediolanum, con sede legale e amministrativa in Basiglio - Milano 3 (MI) - Palazzo Meucci - Via Francesco Sforza, recapito telefonico , sito web: è la Società di Gestione del Risparmio (di seguito SGR), di nazionalità italiana, cui è affidata la gestione del patrimonio dei Fondi e l amministrazione dei rapporti con i partecipanti. La Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. è stata costituita in Milano il 28/7/1982 con atto di repertorio n. 3314/256 del notaio Dott.ssa Silvia Zardi con la denominazione CIPIFIN S.r.l.. Con delibera del 19/6/1996 l assemblea ha deliberato la fusione per incorporazione nella Società della Gestioni Internazionali S.p.A. e la modifica della denominazione sociale in quella attuale. La Società è iscritta al n. 6 della Sezione Gestori di OICVM nonché al n. 4 della Sezione Gestori di FIA dell albo delle Società di Gestione del Risparmio tenuto dalla Banca d Italia ai sensi dell Art. 35 comma 1, del D. Lgs 24/2/1998, n. 58 (di seguito TUF ) e appartiene al Gruppo Bancario Mediolanum iscritto all albo Gruppi Bancari tenuto dalla Banca d Italia con il codice identificativo n La durata della Società è fissata dall atto costitutivo fino al 31/12/2050, salvo proroga, e l esercizio sociale chiude il 31 dicembre di ogni anno. Il capitale sociale è di interamente sottoscritto e versato, suddiviso in azioni tutte senza indicazione del valore nominale. Alla data del presente Prospetto, in base alle risultanze del libro soci (delle comunicazioni ricevute e/o di altre informazioni a disposizione della Società), il capitale sociale è posseduto al 51% da Banca Mediolanum S.p.A. ed al 49% da Mediolanum S.p.A.. Banca Mediolanum S.p.A. è posseduta al 100% da Mediolanum S.p.A.. La Mediolanum S.p.A., Società con azioni quotate in Borsa, è controllata pariteticamente, per il tramite del patto di sindacato rinnovato il 14/09/2013 da Fininvest S.p.A. e da Fin.Prog. Italia S.A.p.A. di Ennio Doris & C.. Alla data del presente Prospetto, la SGR è controllata da Banca Mediolanum S.p.A., con una frazione di capitale che dà diritto al voto al 51%. La Società effettua, oltre alla gestione collettiva del risparmio, anche l attività di gestione di fondi pensione aperti. L Organo Amministrativo della SGR è il Consiglio di Amministrazione. Lo Statuto della SGR prevede che il Consiglio di Amministrazione sia composto di un numero di membri compreso tra 3 e 9 che durano in carica fino a 3 anni e sono rieleggibili. Alla data del presente Prospetto, il Consiglio in carica fino all approvazione del bilancio al 31/12/2015, è così composto: Walter Ottolenghi, nato a Milano il 12/9/ Presidente. Laurea in giurisprudenza. Già Amministratore di Centrale Fondi S.p.A., di Banca Mediolanum S.p.A., di Mediolanum International Funds Ltd., Presidente di Fondamenta SGR p.a. e Amministratore Delegato di Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. e di Nordest SICAV. È Consigliere Direttivo e Membro del Comitato Esecutivo di Assogestioni (Associazione del Risparmio Gestito) e Consigliere Direttivo di FEBAF (Federazione Banche Assicurazioni Finanza). Vittorio Gaudio, nato a Vercelli il 23/12/ Amministratore Delegato. Laurea in Discipline Economiche e Sociali. Già Amministratore Delegato di Duemme SGR (Gruppo Banca Esperia), e di Euromobiliare Asset Management SGR p.a., è Consigliere di Amministrazione di Mediolanum Vita S.p.A. e Director di Mediolanum International Funds Ltd. e Mediolanum Asset Management Ltd.. Cinzia Alfonsi, nata a Cittadella (PD) il 7/5/ Amministratore. Laurea in Economia Aziendale. MBA in international finance presso la Richmond University (Londra). Già Head of Business Unit Finance di Merryll Lynch Capital Markets Bank. Non ricopre in altre Società cariche significative in relazione all attività della Società di Gestione del Risparmio. Ettore Parlato Spadafora, nato a Portogruaro (VE) il 24/6/ Amministratore. Laurea in giurisprudenza, Avvocato. Già Consigliere di Amministrazione della Camera di Commercio di Milano e della Camera Arbitrale Nazionale e Internazionale di Milano, attualmente, nell ambito del Gruppo Mediolanum, ricopre la carica di Consigliere di Amministrazione di PI Servizi S.p.A.. Sono inoltre Amministratori Indipendenti, in ossequio al Protocollo di Autonomia adottato dalla Società secondo lo schema di Assogestioni, i seguenti amministratori: Angelo Ferrari, nato a Milano il 14/2/ (Laurea in economia e commercio). Non ricopre in altre Società cariche significative in relazione all attività della Società di Gestione del Risparmio. Maurizio Serafini, nato a Milano il 18/9/1947 (Laurea in Scienze economiche, Commercialista e Revisore Legale dei conti). Non ricopre in altre Società cariche significative in relazione all attività della Società di Gestione del Risparmio. Mario Masini, nato a Nibionno il 12/3/ (Laurea in economia e commercio). Professore

5 4/48 Ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari presso l Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Economia. Distinguished Faculty Member, SDA. Non ricopre in altre società cariche significative in relazione all attività della Società di Gestione del Risparmio. Michele Pozzi, nato a Cantello (VA) il 16/09/ Revisore Ufficiale dei Conti. Non ricopre in altre società cariche significative in relazione all attività della Società di Gestione del Risparmio. Valentina Montanari, nata a Milano il 20/03/ Amministratore. Laurea in economia e commercio - Commercialista e Revisore Legale dei conti. Attualmente ricopre il ruolo di Chief Financial Officer di Il Sole 24 Ore S.p.A.. Non ricopre in altre Società cariche significative in relazione all attività della Società di Gestione del Risparmio. Organo di controllo L organo di controllo della SGR è il Collegio Sindacale. L attuale collegio è in carica per un triennio fino all approvazione del bilancio al 31/12/2015 ed è così composto: Gianluca Orrù, nato a Nuoro il 31/1/ Presidente. Dottore Commercialista - Revisore Legale dei conti. Attualmente nell ambito del Gruppo Mediolanum ricopre le cariche di Presidente del Collegio Sindacale di Mediolanum Comunicazione S.p.A., e di Presidente del Collegio Sindacale di Pi Servizi S.p.A.. Francesca Meneghel, nata a Treviso il 2/12/ Sindaco Effettivo. Attualmente, nell ambito del Gruppo Mediolanum, ricopre le cariche di Sindaco effettivo di Mediolanum Fiduciaria S.p.A. e di Mediolanum Comunicazione S.p.A. e di Sindaco Supplente di Banca Mediolanum S.p.A.. Marco Giuliani, nato a Napoli il 18/6/ Sindaco Effettivo. Laureato in Economia presso l Università L. Bocconi, iscritto all albo dei Dottori Commercialisti. Già Membro della Camera di Commercio Stati Uniti/Italia, Co-managing Partner di Deloitte. Attualmente ricopre le cariche di Sindaco Effettivo di Banca Esperia S.p.A., Banca Mediolanum S.p.A., Mediolanum Fiduciaria S.p.A., Marsh S.p.A. e Rothschild Italia S.p.A.. Giuliano Sollima, nato a Milano il 1/5/ Sindaco Supplente. Attualmente non ricopre cariche significative in relazione all attività della Società di Gestione del Risparmio. Alessandro Leonetti, nato a Milano il 28/3/ Sindaco Supplente. Laureato in economia e commercio, Dottore Commercialista e Revisore Contabile. Attualmente, nell ambito del Gruppo Mediolanum, ricopre la carica di Liquidatore di Partner Time S.p.A. in Liquidazione. Funzioni aziendali affidate a terzi in outsourcing Alla data del presente Prospetto, la SGR ha concluso convenzioni in outsourcing, conformi alla normativa di vigilanza in vigore con: - Banca Mediolanum S.p.A., con sede legale e amministrativa in Basiglio - Milano 3 (MI), in Palazzo Meucci - Via Francesco Sforza, per lo svolgimento delle seguenti attività: Revisione Interna; Compliance; Organizzazione; Amministrazione e Bilancio; Amministrazione Generale di Gruppo; Affari Legali, adempimenti di antiriciclaggio e privacy; Affari Fiscali; Sistemi informativi; Acquisti e Corporate Services; Gestione, sviluppo e amministrazione delle risorse umane; Gestione e amministrazione della contabilità fornitori; Organizational Environment; Relazione con i Media; Pianificazione e controllo, Reclami. Banca Mediolanum svolge, inoltre, i seguenti servizi: - aggiornamento del sito internet della Società, conformemente alle indicazioni ricevute dalla SGR; - attività di preistruttoria societaria e relativo censimento anagrafico in caso di acquisizione diretta da parte della SGR di nuovi Clienti Istituzionali. - Mediolanum S.p.A., con sede legale e amministrativa in Basiglio - Milano 3 (MI), in Palazzo Meucci - Via Francesco Sforza, per lo svolgimento delle funzioni aziendali degli Affari Societari e Investor Relation. - State Street Bank GmbH Succursale Italia con sede legale in Milano, Via Ferrante Aporti n. 10, per lo svolgimento dell attività di Back Office dei fondi. Funzioni direttive Alla data del presente Prospetto, le funzioni direttive sono svolte dall Amministratore Delegato, Vittorio Gaudio. È statutariamente prevista la carica di Direttore Generale, attualmente non conferita. Soggetti preposti alle effettive scelte di investimento La gestione dei Fondi è effettuata da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. che, in attuazione degli obiettivi e delle politiche di investimento dei singoli Fondi e, nel caso di Mediolanum Risparmio Dinamico, tenendo conto del benchmark senza necessità di replicarlo, assume le direttrici generali di investimento. Nel rispetto dell attribuzione in via generale delle responsabilità gestorie al Consiglio di Amministrazione, le scelte di investimento dei Fondi sono effettuate dal dott. Lucio De Gasperis, nato a Sora (FR) il 10 maggio Laureato con lode in Scienze Economiche

6 5/48 e Bancarie presso l Università degli Studi di Siena, ha conseguito il diploma internazionale di analista finanziario CIIA (Certified International Investment Analyst). Già responsabile azionario in UBS (Italia) e membro dell Equity Market Team del Portfolio Management di UBS AG in Zurigo, dal 2001 è head of equity di HSBC Italia e membro dell International Investment Committee di HSBC Republic in Ginevra e dal 2006 è responsabile delle gestioni patrimoniali in Fortis Bank. Dal luglio 2008 è responsabile degli investimenti mobiliari di Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.. Altri fondi istituiti dalla SGR La SGR gestisce, oltre ai Fondi riportati nel presente Prospetto, anche il Fondo pensione aperto a contribuzione definita Previgest Fund Mediolanum, per il quale è stata pubblicata apposita Nota Informativa, il Fondo immobiliare chiuso Mediolanum Real Estate, per il quale è stato pubblicato apposito Prospetto, ed il Fondo immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati Mediolanum Property. Avvertenza: Il Gestore provvede allo svolgimento della gestione del fondo comune in conformità al mandato gestorio conferito dagli investitori. Per maggiori dettagli in merito ai doveri del Gestore ed ai diritti degli investitori si rinvia alle norme contenute nel Regolamento di gestione del fondo. Avvertenza: Il Gestore assicura la parità di trattamento tra gli investitori e non adotta trattamenti preferenziali nei confronti degli stessi. 2. Il Depositario State Street Bank GmbH Succursale Italia, con sede legale in Milano, Via Ferrante Aporti, 10 è il depositario. Le funzioni di emissione dei certificati di partecipazione ai Fondi nonché quelle di rimborso delle Quote sono svolte da State Street Bank GmbH Succursale Italia per il tramite del Servizio Depo Bank & Outsourcing control dislocato presso la sede di Via Nizza, 262/57 Palazzo Lingotto Torino. Le funzioni di consegna e ritiro dei certificati singoli rappresentativi delle Quote sono svolte da State Street Bank GmbH Succursale Italia per il tramite di Intesa Sanpaolo S.p.A. presso la Filiale di Milano, Corso di Porta Nuova 7. Il Depositario adempie agli obblighi di custodia degli strumenti finanziari ad esso affidati e alla verifica della proprietà nonché alla tenuta delle registrazioni degli altri beni. Il Depositario detiene altresì le disponibilità liquide del Fondo e, nell esercizio delle proprie funzioni: accerta la legittimità delle operazioni di vendita, emissione, riacquisto, rimborso e annullamento delle quote dei Fondi, nonché la destinazione dei redditi degli stessi; provvede al calcolo del valore unitario della quota dei Fondi; accerta che nelle operazioni relative ai Fondi la controprestazione sia rimessa nei termini d uso; esegue le istruzioni del Gestore se non sono contrarie alla legge, al Regolamento o alle prescrizioni degli Organi di Vigilanza. Il Depositario è responsabile nei confronti del Gestore e dei partecipanti ai Fondi per ogni pregiudizio da essi subito in conseguenza dell inadempimento dei propri obblighi. In caso di perdita di strumenti finanziari detenuti in custodia, il Depositario, se non prova che l inadempimento è stato determinato da caso fortuito o forza maggiore, è tenuto a restituire senza indebito ritardo strumenti finanziari della stessa specie o una somma di importo corrispondente, salva la responsabilità per ogni altra perdita subita dai Fondi o dagli investitori in conseguenza del mancato rispetto, intenzionale o dovuto a negligenza, dei propri obblighi. In caso di inadempimento da parte del Depositario dei propri obblighi, i partecipanti al Fondo hanno a disposizione gli ordinari mezzi di tutela previsti dall ordinamento italiano. 3. La Società di Revisione Deloitte & Touche S.p.A, con sede legale in Milano, Via Tortona 25, è la Società di Revisione della SGR e dei Fondi. Alla società di revisione è affidata la revisione legale dei conti della SGR. La società di revisione provvede altresì, con apposita relazione di revisione, a rilasciare un giudizio sul rendiconto del Fondo. Il revisore legale è indipendente dalla società per cui effettua la revisione legale dei conti (nel caso di specie, la SGR) e non è in alcun modo coinvolto nel processo decisionale di quest ultima. I revisori legali e le società di revisione legale rispondono in solido tra loro e con gli amministratori nei confronti della società che ha conferito l incarico di revisione legale, dei suoi soci e dei terzi per i danni derivanti dall inadempimento ai loro doveri. Nei rapporti interni tra i debitori solidali, essi sono responsabili nei limiti del contributo effettivo al danno cagionato. Il responsabile della revisione ed i dipendenti che hanno collaborato all attività di revisione contabile sono responsabili, in solido tra loro, e con la società di revisione legale, per i danni conseguenti da propri inadempimenti o da fatti illeciti nei confronti della società che ha conferito l incarico e nei confronti dei terzi danneggiati. Essi sono responsabili entro i limiti del proprio contributo effettivo al danno cagionato. In caso di inadempimento

7 6/48 da parte della Società di Revisione dei propri obblighi, i partecipanti al Fondo hanno a disposizione gli ordinari mezzi di tutela previsti dall ordinamento italiano. 4. Gli intermediari Distributori Il collocamento delle quote dei Fondi avviene, oltre che da parte della SGR che opera esclusivamente presso la propria sede sociale, anche per il tramite di Banca Mediolanum S.p.A. che si avvale, per lo svolgimento della propria attività, dell opera dei propri promotori finanziari e di tecniche di collocamento a distanza (Internet e banca telefonica). L indirizzo del sito è: 5. Il Fondo Il fondo comune di investimento è un patrimonio collettivo costituito dalle somme versate da una pluralità di partecipanti ed investite in strumenti finanziari. Ciascun partecipante detiene un numero di Quote, tutte di uguale valore e con uguali diritti, proporzionale all importo che ha versato a titolo di sottoscrizione. Il patrimonio del Fondo costituisce un patrimonio autonomo e separato da quello della SGR e dal patrimonio dei singoli partecipanti, nonché da quello di ogni altro patrimonio gestito dalla medesima SGR. Il Fondo è mobiliare poiché il suo patrimonio è investito esclusivamente in strumenti finanziari. È aperto in quanto il risparmiatore può ad ogni data di valorizzazione della quota sottoscrivere Quote del Fondo oppure richiedere il rimborso parziale o totale di quelle già sottoscritte. Caratteristiche dei Fondi La SGR ha istituito nelle date di seguito specificate i Fondi descritti nel presente Prospetto e gli stessi, salvo proroga, avranno durata sino al 31/12/2050. I relativi Regolamenti sono stati approvati dalla Banca d Italia nelle sottoindicate date. DENOMINAZIONE DEL FONDO DATA ASSEMBLEA DATA APPROVAZIONE DATA INIZIO OPERATIVITÀ Mediolanum Risparmio Dinamico Classe L 10/02/ /06-24/11/ /01/1996 Mediolanum Risparmio Dinamico Classe LA 23/10/ /10/ /11/2014 Mediolanum Risparmio Dinamico Classe I 11/12/ /12/ /01/2014 Mediolanum Flessibile Obbligazionario Globale Classe L Mediolanum Flessibile Obbligazionario Globale Classe LA Mediolanum Flessibile Obbligazionario Globale Classe I 13/06/ /07/ /10/ /10/ /10/ /11/ /12/ /12/ /01/2014 Mediolanum Flessibile Strategico Classe L 10/07/ /03/ /06/1990 Mediolanum Flessibile Strategico Classe LA 23/10/ /10/ /11/2014 Mediolanum Flessibile Strategico Classe I 11/12/ /12/ /01/2014 Mediolanum Flessibile Globale Classe LA 28/01/ /05/ /07/1985 Mediolanum Flessibile Globale Classe I 11/12/ /12/ /01/2014 Mediolanum Flessibile Italia Classe LA 22/07/ /10/ /01/1994 Mediolanum Flessibile Italia Classe I 11/12/ /12/ /01/2014 Mediolanum Flessibile Valore Attivo Classe L 22/04/ /04/ /11/2013 Mediolanum Flessibile Valore Attivo Classe LA 23/10/ /10/ /11/2014 Mediolanum Flessibile Valore Attivo Classe I 11/12/ /12/ /01/2014 Mediolanum Flessibile Sviluppo Italia Classe L 18/09/ /09/ /11/2013 Mediolanum Flessibile Sviluppo Italia Classe LA 23/10/ /10/ /11/2014 Mediolanum Flessibile Sviluppo Italia Classe I 11/12/ /12/ /01/2014

8 7/48 Variazione della politica di investimento dei fondi dal 24/1/2014 PER TUTTI I FONDI - è stata introdotta la possibilità di investire in quote di fondi chiusi; - è stato ampliata la tipologia di strumenti finanziari, a disposizione della SGR, in cui poter investire il patrimonio dei fondi quali i REITS (Real Estate Investment Trust) e gli SPACS (Special Purpose Acquisition Company); - è stata introdotta la possibilità di utilizzare tecniche di gestione efficiente del portafoglio (quali ad esempio operazioni di pronti contro termine, riporti, prestito titoli ed altre operazioni assimilabili). In aggiunta a quanto precede, per MEDIOLANUM RISPARMIO DINAMICO È stato eliminato il riferimento agli emittenti societari per consentire l investimento in obbligazioni con adeguata qualità creditizia. MEDIOLANUM FLESSIBILE OBBLIGAZIONARIO GLOBALE e MEDIOLANUM RISPARMIO DINAMICO Sono state introdotte le previsioni in tema di utilizzo dei rating nelle scelte di investimento del gestore, in ottemperanza alle raccomandazioni emanate dalla Banca d Italia nella Comunicazione del 22/07/13. MEDIOLANUM FLESSIBILE STRATEGICO È stata eliminata la possibilità, per la componente obbligazionaria e monetaria del Fondo, di esposizione in misura principale verso titoli investment grade e in misura residuale verso titoli non investment grade. Variazione della politica di investimento dei fondi dal 14/5/2015 MEDIOLANUM FLESSIBILE OBBLIGAZIONARIO GLOBALE È stata variata la percentuale di possibile esposizione al rischio valutario, che passa da contenuta a significativa. Il vigente Regolamento di gestione è quello che risulta a seguito delle modifiche deliberate dal Consiglio di Amministrazione del 17/03/2015. Il Consiglio di Amministrazione della SGR, nella riunione del 22 luglio 2015, ha deliberato la sostituzione del Depositario State Street Bank S.p.A. con State Street Bank GmbH - Succursale Italia, apportando al testo del Regolamento di gestione le modifiche inerenti e conseguenti tale sostituzione. Le modifiche apportate non sono state sottoposte all approvazione specifica della Banca d Italia in quanto rientrano nei casi in cui l approvazione si intende rilasciata in via generale. Delega di gestione La SGR, ai sensi dell Art. 33 comma II del D. Lgs n. 58/98 TUF, ha conferito in via non esclusiva relativamente al fondo Mediolanum Flessibile Sviluppo Italia, appartenente al Sistema Mediolanum Fondi Italia, la gestione di una parte del patrimonio del Fondo a Muzinich & Co. Ltd. società di diritto inglese con sede legale nel Regno Unito 15 Portland Place, Londra. 6. Modifiche della strategia e della politica di investimento Eventuali modifiche alla strategia o alla politica di investimento del Fondo sono approvate dal Consiglio di Amministrazione della SGR. Per le procedure in base alle quali i Fondi possono cambiare la propria politica di investimento si rinvia alla parte C), art. C.7) del Regolamento Unico di gestione Semplificato dei Fondi. 7. Informazioni sulla normativa applicabile I Fondi comuni di investimento e la SGR sono regolati da un complesso di norme, sovranazionali (quali Regolamenti UE, direttamente applicabili) nonché nazionali, di rango primario (D. Lgs.n. 58 del 1998) e secondario (regolamenti ministeriali, della CONSOB e della Banca d Italia). La SGR agisce in modo indipendente e nell interesse dei partecipanti ai Fondi, assumendo verso questi ultimi gli obblighi e le responsabilità del mandatario. Ciascun Fondo comune di investimento costituisce patrimonio autonomo, distinto a tutti gli effetti dal patrimonio della SGR e da quello di ciascun partecipante, nonché da ogni altro patrimonio gestito dalla medesima società; delle obbligazioni contratte per conto di ciascun Fondo, la SGR risponde esclusivamente con il patrimonio del Fondo medesimo. Su tale patrimonio non sono ammesse azioni dei creditori della SGR o nell interesse della stessa, né quelle dei creditori del Depositario o del sub Depositario o nell interesse degli stessi. Le azioni dei creditori dei singoli investitori sono ammesse soltanto sulle quote di partecipazione dei medesimi. La SGR non può in alcun caso utilizzare, nell interesse proprio o di terzi, i beni di pertinenza dei Fondi gestiti. Il rapporto contrattuale tra i partecipanti e la SGR è disciplinato dal Regolamento di gestione dei Fondi, assoggettato alla normativa italiana. Le controversie tra i partecipanti e la SGR saranno giudicate secondo il diritto italiano. Per ogni controversia è competente in via esclusiva il Foro di Milano ad eccezione dei casi in cui il partecipante rivesta la qualifica di consumatore, ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a), del D.lgs. n. 206/2005, per i quali sarà competente il Foro nella cui circoscrizione si trova la residenza o il domicilio elettivo del partecipante. 8. Rischi generali connessi alla partecipazione ai Fondi La partecipazione ad un Fondo comporta dei rischi

9 8/48 connessi alle possibili variazioni del valore delle quote. L andamento del valore della quota dei Fondi può variare in relazione alla tipologia di strumenti finanziari e ai settori dell investimento, nonché ai relativi mercati di riferimento. La presenza di tali rischi può determinare la possibilità di non ottenere, al momento del rimborso, la restituzione dell investimento finanziario. In particolare, per apprezzare il rischio derivante dall investimento del patrimonio del Fondo in strumenti finanziari occorre considerare i seguenti elementi: a) rischio connesso alla variazione del prezzo: il prezzo di ciascuno strumento finanziario dipende dalle caratteristiche peculiari della società emittente, dall andamento dei mercati di riferimento e dei settori di investimento, e può variare in modo più o meno accentuato a seconda della sua natura. In linea generale, la variazione del prezzo delle azioni è connessa alle prospettive reddituali delle società emittenti e può essere tale da comportare la riduzione o addirittura la perdita del capitale investito, mentre il valore delle obbligazioni è influenzato dall andamento dei tassi di interesse di mercato e dalle valutazioni della capacità del soggetto emittente di far fronte al pagamento degli interessi dovuti e al rimborso del capitale di debito a scadenza; b) rischio connesso alla liquidità: la liquidità degli strumenti finanziari, ossia la loro attitudine a trasformarsi prontamente in moneta senza perdita di valore, dipende dalle caratteristiche del mercato in cui gli stessi sono trattati. In generale i titoli trattati su mercati regolamentati sono più liquidi e, quindi, meno rischiosi, in quanto più facilmente smobilizzabili dei titoli non trattati su detti mercati. L assenza di una quotazione ufficiale rende inoltre complesso l apprezzamento del valore effettivo del titolo, la cui determinazione può essere rimessa a valutazioni discrezionali; c) rischio connesso alla valuta di denominazione: per l investimento in strumenti finanziari denominati in una valuta diversa da quella in cui è denominato il Fondo, occorre tenere presente la variabilità del rapporto di cambio tra la valuta di riferimento del Fondo e la valuta estera in cui sono denominati gli investimenti; d) rischio connesso all utilizzo di strumenti derivati: l utilizzo di strumenti derivati consente di assumere posizioni di rischio su strumenti finanziari superiori agli esborsi inizialmente sostenuti per aprire tali posizioni (effetto leva). Di conseguenza, una variazione dei prezzi di mercato relativamente piccolo ha un impatto amplificato in termini di guadagno o di perdita sul portafoglio gestito rispetto al caso in cui non si faccia uso della leva. e) rischio di controparte: si genera nel momento in cui, a seguito di posizioni in derivati con controparti istituzionali, il fondo potrebbe presentare una posizione creditoria. Nel caso in cui la controparte sia inadempiente ai suoi obblighi e di conseguenza il Fondo eserciti in ritardo o non sia in grado di esercitare i propri diritti relativamente agli investimenti facenti parte del suo portafoglio, il Fondo stesso potrebbe subire una diminuzione di valore, perdere reddito e incorrere in costi per far valere i propri diritti. f) rischio legato ai titoli di debito: gli strumenti obbligazionari sono soggetti al rischio che un emittente non sia in grado di far fronte ai propri obblighi relativi al pagamento di capitale e interessi (rischio di credito) e potrebbero anche essere soggetti alla volatilità dei prezzi a causa di fattori come la sensibilità ai tassi di interesse (rischio sui tassi di interesse), la percezione del mercato e dell affidabilità creditizia dell emittente e la liquidità generale del mercato (rischio di mercato). I titoli con un più basso merito di credito probabilmente sono più sensibili agli sviluppi che influiscono sul rischio di mercato e sul rischio di credito rispetto ai titoli con un più alto rating, i quali reagiscono principalmente alle variazioni nei livelli generali dei tassi di interesse. g) altri fattori di rischio: le operazioni sui mercati emergenti potrebbero esporre l investitore a rischi aggiuntivi connessi al fatto che tali mercati potrebbero essere regolati in modo da offrire ridotti livelli di garanzia e protezione agli investitori. Sono poi da considerarsi i rischi connessi alla situazione politico-finanziaria del Paese di appartenenza degli enti emittenti. L esame della politica di investimento propria di ciascun Fondo consente l individuazione specifica dei rischi connessi alla partecipazione al Fondo stesso. La gestione del rischio di liquidità del Fondo si articola nell attività di presidio e monitoraggio del processo di valorizzazione degli strumenti finanziari e nella valutazione del rischio di liquidabilità del portafoglio dello stesso Fondo. I diritti di rimborso in circostanze normali e in circostanze eccezionali (richieste di rimborso di importo rilevante ovvero ravvicinate rispetto alla data di sottoscrizione) sono descritti in dettaglio all art. C.6) Rimborso delle quote del Regolamento di gestione dei Fondi. 9. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari La SGR s impegna ad esercitare in modo ragionevole e responsabile i diritti inerenti gli strumenti finanziari, di pertinenza dei patrimoni gestiti, con particolare riferimento a quelli di natura azionaria, nella consapevolezza che un uso attivo di tali diritti sia vantaggioso per i mercati finanziari e per la corporate

10 9/48 governance delle società emittenti. A tal riguardo, Mediolanum Gestione Fondi ha sviluppato un insieme di regole volte a definire, nel concreto, come è esercitato il diritto di intervento e di voto in assemblea degli azionisti. In particolare la SGR esercita i diritti di intervento e di voto avendo a riferimento la totalità degli strumenti finanziari di natura azionaria detenuti dagli OICR gestiti in titolarità, mentre rimane in capo al soggetto delegante l esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni ricevuti in delega di gestione. In linea di principio, Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. esercita il diritto di intervento e di voto nei confronti degli emittenti quotati di cui detiene, complessivamente, almeno: - lo 0,5% della capitalizzazione di borsa delle aziende large cap ovvero le aziende con una capitalizzazione di mercato superiore a 5 miliardi di euro. - il 2% della capitalizzazione di borsa delle aziende small/medium cap. La SGR si riserva, tuttavia, di non esercitare il diritto di intervento e di voto nei casi in cui tale esercizio potrebbe non tradursi, a tutti gli effetti, in un vantaggio per i propri clienti, come, ad esempio, nel caso in cui: - l ammontare effettivamente detenuto sui singoli prodotti gestiti sia esiguo rispetto al relativo NAV (inferiore al 2%); - il superamento di tale soglia abbia carattere temporaneo, rientrando in una strategia di investimento volta a beneficiare, nel brevissimo periodo (ovvero su un orizzonte temporale non superiore a tre mesi), di particolari dinamiche sul titolo; - si renda necessario bloccare gli strumenti finanziari per un periodo di tempo prolungato, che potrebbe impedire di approfittare di eventuali opportunità di mercato; - i costi amministrativi associati a tale processo siano proibitivi, anche in relazione agli ammontari effettivamente detenuti sui diversi prodotti gestiti ed alla concreta possibilità di influenzare il voto assembleare; - l ordine del giorno dell assemblea non preveda la trattazione di argomenti significativi, quali a titolo esemplificativo e non esaustivo: - decisioni di corporate governance, - l approvazione del bilancio, - utili e dividendi. Non è, comunque, esclusa la possibilità di esercitare il diritto di intervento e di voto anche in caso di partecipazioni inferiori alla soglia sopraindicata o in società non quotate, laddove tale esercizio possa apparire opportuno o strettamente necessario in relazione alla tutela degli interessi dei propri clienti. Il voto non è esercitato sui titoli oggetto di cessione temporanea a prestito. È, in ogni caso, prevista la possibilità di richiamare, in qualsiasi momento, i titoli dati a prestito. La SGR non può vincolarsi a sindacati di voto o di blocco. Tutti coloro che nella società di gestione hanno deleghe di gestione di portafogli non possono far parte dei Consigli di Amministrazione delle società le cui azioni siano presenti nei patrimoni in gestione. Tali soggetti che, nell esercizio della funzione di gestione assumessero, anche in relazione a determinate scelte di investimento, un interesse personale in potenziale conflitto con l interesse dei patrimoni gestiti, devono darne notizia alla Società, comunicandolo al titolare della funzione di controllo interno, secondo quanto previsto dal Codice di Autodisciplina adottato dal Consiglio di Amministrazione. Particolare attenzione è prestata all esercizio dei diritti inerenti a strumenti finanziari in relazione ai quali potrebbe sorgere un conflitto d interessi potenzialmente pregiudizievole per i sottoscrittori. A tal proposito la SGR si astiene dal partecipare alle assemblee e dall esercitare i diritti di voto di strumenti finanziari emessi da società direttamente o indirettamente controllanti, salvo qualora ciò sia ritenuto necessario al fine di tutelare gli interessi dei partecipanti e previa individuazione e adozione di opportune misure di gestione dei conflitti di interessi, in conformità a quanto stabilito dal Protocollo di Autonomia di Assogestioni, al quale la società ha aderito. Nel caso in cui l esercizio del diritto di intervento e di voto sia correlato alla detenzione di una partecipazione qualificata, Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. motiva adeguatamente la propria decisione di intervenire e votare, nonché il voto espresso. Per quanto riguarda le modalità di esercizio del diritto di voto la Direzione degli Investimenti Mobiliari istruisce le proposte sull esercizio dei diritti di intervento e di voto, sentiti i singoli gestori, in funzione delle rispettive responsabilità e specializzazioni per area geografica e/o per singolo emittente. Nello specifico, i singoli gestori intrattengono rapporti con le società emittenti gli strumenti finanziari di natura azionaria presenti nei portafogli degli OICR mobiliari, al fine di mantenere un costante ed efficace flusso informativo in relazione alle convocazioni assembleari. Tali convocazioni sono primariamente valutate avendo a riferimento le informazioni direttamente fornite dalle società interessate, la politica di intervento e di voto ed altri dati e/o notizie eventualmente disponibili. Tali valutazioni vengono portate all attenzione del Responsabile della Direzione degli Investimenti Mobiliari. Le proposte istruite dalla Direzione degli Investimenti Mobiliari si applicano in modo uniforme all insieme delle posizioni detenute e sono rese esplicite e formalizzate in occasione dei Comitati Investimenti Mobiliari. In particolare, in sede di Comitato Investimenti

11 10/48 Mobiliari si provvede preliminarmente a: - esaminare i diversi punti all ordine del giorno assembleare valutando i comportamenti da tenere, anche alla luce delle linee guida adottate, provvedendo ad integrarle, se necessario, in relazione alla specificità degli argomenti affrontati; - formulare le proposte di intervento e di voto sui diversi punti all ordine del giorno da sottoporre, per il tramite del Direttore Investimenti Mobiliari, all Amministratore Delegato, individuando altresì i possibili soggetti cui demandare l esercizio effettivo del diritto di voto. Qualora si decidesse di procedere con l esercizio dei diritti di intervento e di voto, il Responsabile della Direzione Investimenti Mobiliari, richiesta all Amministratore Delegato l autorizzazione a partecipare, provvede a richiedere lo stacco del biglietto assembleare alla funzione di Operations. Inoltre, sempre in sede di Comitato Investimenti Mobiliari, si provvede ex post a: - monitorare che l esercizio del diritto di intervento e di voto sia avvenuto in piena coerenza con le indicazioni fornite dall Amministratore Delegato; - predisporre apposita informativa, per il Consiglio di Amministrazione, sulle modalità di esercizio del diritto di intervento e di voto. In relazione alla loro rilevanza, Mediolanum Gestione Fondi si impegna ad assicurare la massima trasparenza dei voti espressi e dei comportamenti tenuti nell esercizio dei diritti di intervento e di voto, almeno attraverso apposita disclosure all interno dei Rendiconti annuali dei fondi. La partecipazione alle assemblee può essere effettuata, oltre che dai legali rappresentanti della Società in virtù dei poteri conferiti dal Consiglio di Amministrazione: - direttamente da un Responsabile o da un Gestore di una delle strutture di gestione di Mediolanum Gestione Fondi o da un altro dipendente appositamente individuato, in virtù di specifica delega rilasciata dall Amministratore Delegato della SGR; - attraverso le modalità del voto per corrispondenza o del voto elettronico, da parte di un Responsabile o di un Gestore di una delle strutture di gestione di Mediolanum Gestione Fondi o di un altro dipendente appositamente individuato, in virtù di specifica delega rilasciata dall Amministratore Delegato della SGR; - delegando un altra società di gestione o un idoneo rappresentante, mediante apposita delega per iscritto rilasciata dall Amministratore Delegato. Allorché la SGR deleghi ad un terzo l esercizio dei diritti di intervento e di voto inerenti agli strumenti finanziari di pertinenza degli OICR gestiti, provvede sempre ad impartire esplicite istruzioni per l esercizio di tali diritti, nel pieno rispetto dell esclusivo interesse dei propri clienti. Mediolanum Gestione Fondi richiede altresì apposita rendicontazione in merito all avvenuto esercizio dei diritti delegati. Mediolanum Gestione Fondi non può delegare l esercizio dei diritti di intervento e di voto ad essa spettanti ad altre società del Gruppo, salvo che si tratti di altre Società di Gestione del Risparmio. Mediolanum Gestione Fondi esercita il proprio diritto di voto in totale autonomia ed indipendenza rispetto alle altre società del Gruppo di appartenenza. La versione aggiornata della suddetta strategia è disponibile sul sito Internet della SGR. 10. Best Execution La Società di Gestione adotta tutte le misure ragionevoli ed i meccanismi efficaci per ottenere il miglior risultato possibile nell esecuzione degli ordini su strumenti finanziari per conto degli OICR gestiti. Per l attività di trasmissione di ordini a terzi e la loro esecuzione, Mediolanum Gestione Fondi si avvale di primari intermediari negoziatori, selezionati attraverso un apposita procedura approvata dal Consiglio di Amministrazione della società e rivista periodicamente. La selezione degli intermediari con cui operare è effettuata principalmente in base ai seguenti fattori: 1. solidità finanziaria e merito creditizio; 2. reputazione; 3. classificazione di Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. quale Cliente Professionale (solo per intermediari residenti in Paesi UE assoggettati agli obblighi previsti dalla Direttiva MiFID, con particolare riferimento a quelli in tema di best execution); 4. adozione, da parte di tali soggetti, di una strategia di esecuzione compatibile con l ordine di importanza dei fattori definiti da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. nella sua politica di trasmissione ed esecuzione degli ordini; 5. formale accettazione della politica di trasmissione ed esecuzione degli ordini della SGR (solo per gli intermediari residenti in Paesi extra UE non assoggettabili agli obblighi previsti dalla Direttiva MiFID); 6. condizioni economiche applicate; 7. verifica che l intermediario sia o no soggetto a vigilanza costante da parte di un autorità pubblica; 8. adeguatezza della struttura organizzativa e delle risorse impiegate nell esecuzione del servizio. Al fine di assicurare maggiore efficacia all ottenimento del miglior risultato possibile la Società di Gestione ha scelto di adottare un modello operativo che prevede l utilizzo di più negoziatori. Ai fini della scelta dei Negoziatori a cui gli ordini vengono trasmessi per la loro esecuzione, la Società di Gestione prende in considerazione i seguenti fattori allo scopo di ottenere il miglior risultato possibile:

12 11/48 il prezzo; i costi (ai sensi dell Art. 45, co. 5, lett. a del Regolamento Intermediari, per costi si intendono tutte le spese sostenute dal cliente e direttamente collegate all esecuzione degli ordini, comprese le competenze della sede di esecuzione, di compensazione nonché qualsiasi altra competenza pagata a terzi); la probabilità e rapidità di esecuzione; la natura e la dimensione degli ordini; qualsiasi altra considerazione pertinente ai fini della loro esecuzione. La Società di Gestione attribuisce un ordine di importanza ai fattori di cui sopra, tenendo conto dei seguenti criteri: gli obiettivi la politica di investimento ed i rischi specifici dell OICR, come indicati nel prospetto informativo, le caratteristiche dell ordine, le caratteristiche degli strumenti finanziari oggetto dell ordine e delle condizioni di liquidabilità dei medesimi e le caratteristiche delle sedi di esecuzione alle quali l ordine può essere diretto. Fra i criteri scelti dalla società per l ottenimento del miglior risultato possibile si indicano: Ordini aventi ad oggetto azioni eseguiti su mercati regolamentati: Esecuzione in modalità Program Si tratta di una modalità di esecuzione che privilegia l ottenimento di un prezzo rappresentativo della giornata di negoziazione (ad esempio il prezzo medio ponderato o il prezzo di chiusura o altri ancora) accompagnato da un elevata probabilità di esecuzione degli ordini e dalla minimizzazione dei relativi costi. Tale strategia può essere utilizzata anche per finalità allocative e di ribilanciamento del portafoglio. Per tali ordini, la SGR ritiene che il miglior interesse dei patrimoni gestiti si realizzi attraverso un esecuzione che non mira a ricercare il miglior prezzo in assoluto, ma considera preferibile un prezzo che evitando i minimi o i massimi del mercato sia rappresentativo della giornata di esecuzione (o di una parte di essa). Tale modalità di esecuzione può prevede, di norma, l invio di tutti gli ordini generati in uno stesso momento ad uno stesso intermediario al fine di minimizzare il costo ed avere la certezza dell esecuzione di tutti gli ordini. Esecuzione in modalità Curando Si tratta di una strategia di esecuzione nella quale assume particolare rilevanza il fattore prezzo ed in alcuni casi può risultare determinante la probabilità e rapidità di esecuzione. Si tratta frequentemente di ordini di dimensione rilevanti in relazione ai volumi di mercato o al patrimonio gestito. Per tali ordini, la SGR ritiene che il miglior interesse dei patrimoni gestiti si raggiunga attraverso un esecuzione curata, che eviti un impatto negativo sui corsi di mercato, scelga con attenzione il momento di esecuzione e assicuri riservatezza sulla provenienza dell ordine ed un costante contatto tra il Negoziatore e le strutture della SGR. Per gli ordini in questione, infatti, la SGR mantiene la possibilità di revocare l ordine o di impartire ulteriori istruzioni all intermediario Negoziatore ed eventualmente di chiedere la garanzia di esecuzione indipendentemente dalle condizioni di mercato (c.d. capital committment). A tal fine la SGR trasmette gli ordini a intermediari selezionati tra quelli in grado di assicurare in modo duraturo la più elevata qualità di esecuzione, nei termini sopra indicati, preferendo a parità di qualità quelli che applicano i costi più bassi. Ordini aventi ad oggetto azioni eseguiti fuori mercato Le operazioni su strumenti azionari quotati eseguite fuori mercato si caratterizzano per l elevato volume intermediato rispetto alla media giornaliera del mercato di riferimento. Si specifica inoltre che tali operazioni riguardano generalmente società a bassa e media capitalizzazione oggetto dell attività gestionale. In tale contesto la quotazione ufficiale ed il prezzo con cui viene eseguita la transazione possono divergere in conseguenza della rilevanza del volume scambiato. Pertanto la SGR ritiene che il miglior risultato possibile si possa conseguire, solo attraverso scambi conclusi fuori mercato avvalendosi dei medesimi intermediari selezionati. Ordini aventi ad oggetto strumenti obbligazionari In considerazione delle caratteristiche del mercato obbligazionario, costituito da intermediari che operano di norma in conto proprio e non applicano conseguentemente commissioni esplicite, la SGR ritiene che il migliore interesse dei patrimoni gestiti si raggiunga eseguendo gli ordini al miglior prezzo possibile compatibile con la necessità di eseguire l intero ordine (dimensione) in un lasso di tempo ragionevole (probabilità di esecuzione). Per quanto attiene alle transazioni relative a titoli di Stato, sia italiani che esteri, di rilevante ammontare, ed operazioni in obbligazioni la Società di Gestione può eseguire gli ordini relativi a tale tipologia di strumenti finanziari su mercati regolamentati e sistemi multilaterali di negoziazione, anche avvalendosi di Intermediari per l esecuzione su mercati o sistemi ai quali essa non ha accesso diretto. Tuttavia tenuto conto delle modalità di negoziazione di tali strumenti e della particolare importanza che possono assumere i fattori collegati alla rapidità di esecuzione e alle dimensioni dell ordine, l esecuzione su un mercato regolamentato, a differenza dei titoli

13 12/48 azionari, non è ritenuta dalla SGR in grado di garantire l ottenimento della best execution. Occorre sottolineare, inoltre, che non tutte le obbligazioni oggetto di investimento sono quotate su mercati regolamentati o sistemi di negoziazione. La SGR, pertanto, può eseguire gli ordini in contropartita diretta con market makers terzi, internalizzatori sistematici o altri negoziatori in conto proprio. A tal fine la SGR può avvalersi di piattaforme elettroniche di trading (quali ad esempio, Tradeweb, Bondvision ecc.) il cui funzionamento è basato su un sistema di asta competitiva tra più market makers in grado di fornire simultaneamente più quotazioni sul singolo strumento finanziario trattato. In ogni caso, qualora la SGR esegua un ordine in contropartita diretta con un internalizzatore o un negoziatore in conto proprio, la best execution è ottenuta mediante la richiesta di quotazione dello strumento trattato a più controparti. Strumenti di natura obbligazionaria caratterizzati da scarsa liquidità La SGR cerca ove possibile di seguire la medesima policy prevista per i titoli obbligazionari ma in caso di assenza di una pluralità di intermediari disposti a negoziare può rivolgersi ad una sola controparte, dando quindi priorità alla probabilità di esecuzione dell ordine, al fine di operare nel miglior interesse dei patrimoni gestiti. Gli intermediari cui vengono inviate richieste di quotazione o con cui sono eseguite le operazioni sono selezionati secondo gli stessi criteri indicati con riferimento alle operazioni su titoli liquidi. Ordini aventi ad oggetto Divise estere In considerazione delle caratteristiche di liquidità del mercato delle divise estere, la SGR ritiene di fare il miglior interesse dei patrimoni gestiti eseguendo gli ordini al miglior prezzo possibile tenendo presente la probabilità di regolamento e/o il minor costo applicato all operazione. A tal fine la SGR provvede a chiedere una quotazione per il singolo ordine ad un intermediario verificando la proposta ricevuta con le quotazioni riportate sui circuiti telematici. Gli intermediari cui vengono inviate le richieste di quotazione sono selezionati in funzione della loro capacità di assicurare in modo duraturo l esecuzione alle migliori condizioni, tenendo conto delle strutture operative, dei tempi di risposta, dei prezzi proposti e dell affidabilità dell intermediario stesso. Ordini aventi ad oggetto Strumenti derivati quotati La SGR ritiene che il miglior interesse dei patrimoni stessi si raggiunga attraverso modalità di esecuzione che consentano di ottenere il miglior prezzo complessivo. A seconda delle condizioni di mercato e del tipo di strumento derivato la SGR trasmette gli ordini scegliendo il momento di esecuzione oppure affida la cura dell esecuzione all intermediario negoziatore ove ritiene che la cura dell ordine possa dare un miglior risultato dell operazione. A tal fine la SGR trasmette gli ordini a intermediari, caratterizzati da elevato standing, selezionati tra quelli in grado di assicurare in modo duraturo la più elevata qualità di esecuzione, nei termini sopra indicati, preferendo a parità di qualità quelli che applicano le minori commissioni di esecuzione e regolamento e sono dotate di una struttura amministrativa in grado di gestire un contatto rapido ed efficiente con la SGR in tutte le fasi dell operazione ed un costante e completo flusso informativo. Ordini aventi ad oggetto Strumenti derivati non quotati L operatività negli strumenti in oggetto si caratterizza per l assenza di standardizzazione e per il maggior rischio di controparte connesso. La SGR ritiene di perseguire il miglior interesse dei patrimoni gestiti ottenendo il derivato con le caratteristiche indicate dal gestore alle migliori condizioni possibili, compatibilmente con l esigenza di evitare rischi nell esecuzione o nel regolamento dell operazione. A tal fine la SGR seleziona le controparti con cui eseguire gli ordini tra quelle di elevato standing, che garantiscono in modo duraturo elevate probabilità di esecuzione e regolamento e sono dotate di una struttura amministrativa in grado di gestire un contatto rapido ed efficiente con la SGR in tutte le fasi dell operazione ed un costante e completo flusso informativo. OICR quotati (ETF) In considerazione delle caratteristiche del mercato degli ETF, la SGR esegue gli ordini relativi a tali strumenti finanziari con l obiettivo di dare precedenza alla natura e alla dimensione degli ordini, quindi al prezzo dello strumento finanziario. Il mercato degli ETF non è spesso infatti in grado di soddisfare le quantità proposte in acquisto o in vendita dagli operatori istituzionali, che trovano normalmente esecuzione fuori mercato. La SGR ritiene pertanto che il miglior risultato possibile si possa conseguire anche attraverso scambi conclusi fuori mercato avvalendosi dei medesimi intermediari selezionati. Diversamente l esecuzione delle scelte gestionali potrebbe aver luogo in più sedute di negoziazione con una significativa incidenza sulla iniziale volontà operativa del gestore, in grado anche di annullare l obiettivo reddituale perseguito. La dimensione dell ordine potrà infine comportare che il prezzo di esecuzione non sia ricompreso tra i prezzi in denaro e in lettera rilevabili sul mercato regolamentato di riferimento per il gestore durante la fase di acquisto.

14 13/48 OICR aperti non quotati Per gli OICR non quotati gli ordini di sottoscrizione o rimborso vengono eseguiti sulla base del valore unitario della quota calcolato dalla società di gestione. La SGR trasmette, conseguentemente, tali ordini per l esecuzione alla Fund House pertinente. La Società di Gestione sottopone a monitoraggio l efficacia delle misure e delle strategie di esecuzione e di trasmissione degli ordini, verificando, in tale ultimo caso, la qualità dell esecuzione da parte dei negoziatori. Se del caso, la Società di Gestione, a seguito delle verifiche effettuate, corregge eventuali carenze delle strategie ed, in ogni caso, riesamina le misure e le strategie stesse con periodicità almeno annuale e, comunque, quando si verificano circostanze rilevanti tali da influire sulla capacità di ottenere in modo duraturo il miglior risultato possibile per i clienti. Per gli OICR affidati in delega di gestione il soggetto delegato si attiene ai principi generali sopra illustrati. La versione aggiornata della suddetta strategia è disponibile sul sito Internet della SGR. 11. Incentivi A fronte dell attività di promozione e collocamento nonché dell attività di assistenza fornita in via continuativa nei confronti dei partecipanti ai Fondi nelle operazioni successive alla prima sottoscrizione, la SGR riconosce al proprio Collocatore la totalità delle commissioni di sottoscrizione, qualora previste, nonché una quota parte delle commissioni di gestione, secondo quanto indicato nell incarico di collocamento in vigore. Si tratta di compensi di natura monetaria il cui importo è specificato nella tabella che segue: Tipologia Prodotti Intermediario Collocatore Provvigione di acquisto/ sottoscrizione Provvigioni di gestione Fondi Comuni Mobiliari di diritto italiano Banca Mediolanum S.p.A. È previsto il riconoscimento di provvigioni pari al 100% dei costi di sottoscrizione previsti dal contratto, ad esclusione dei diritti fissi È prevista una provvigione annua pari al 50% delle commissioni di gestione previste per i fondi sottoscritti La SGR potrebbe ricevere da OICR terzi oggetto di investimento dei fondi gestiti retrocessioni commissionali di importo variabile. Ove esistenti, dette retrocessioni commissionali sono integralmente riconosciute al patrimonio dei fondi stessi. Si segnala inoltre che la SGR, nell ambito dell attività di gestione, si può avvalere in aggiunta a quella curata direttamente dalla medesima - della ricerca in materia di investimenti, prodotta o fornita sia direttamente dal negoziatore sia da soggetti terzi, al fine di ottenere un incremento della qualità del servizio di gestione reso agli OICR e per servire al meglio gli interessi dei partecipanti. L oggetto di tali ricerche può consistere: nell individuazione di nuove opportunità di investimento, mediante analisi specifiche riguardo singole imprese; nella formulazione di previsioni relative ad un settore di riferimento o ad una particolare industria; nella formulazione di previsioni per aree geografiche; nell analisi per specifici settori, delle asset allocation e delle stategie di investimento; nell analisi di supporto all individuazione del corretto momento in cui acquistare o vendere un particolare strumento finanziario. Tale prestazione non monetaria si inquadra nella fattispecie della soft commission 1, risultando inglobata nelle commissioni corrisposte agli intermediari negoziatori per l attività di esecuzione degli ordini impartiti per conto degli OICR gestiti. L apprezzamento della ricerca viene effettuato dalla Società di Gestione in base ai criteri di ragionevolezza, oggettività ed attendibilità della ricerca. La ricerca fornita da soggetti terzi potrà essere anche formalizzata nell ambito di accordi (cd. Commission Sharing Agreement). La Società di Gestione si impegna comunque ad assicurare il rispetto dei principi di best execution, verificando tra l altro, che l oggetto della ricerca ricevuta sia coerente con la specifica competenza operativa dell intermediario negoziatore che esegue gli ordini per conto degli OICR. 1 Per soft commission si intende una prestazione non monetaria fornita da un terzo (rif. Art. 52 comma 1 lett. b del Regolamento Intermediari del 29 ottobre 2007 e Comunicazione Consob n. DIN/ del 14/1/2009).

15 12. Reclami Eventuali reclami potranno essere inoltrati dal partecipante, oltre che per il tramite del collocatore, anche direttamente alla SGR, al seguente indirizzo: Mediolanum Gestione Fondi - Comunicazione e Marketing clienti - Ufficio Reclami - Via F. Sforza, Basiglio (MI) o al numero di fax indirizzo Posta Elettronica Certificata (PEC) mediolanum.it. Il processo di gestione dei reclami prevede di esaurirsi nel tempo massimo di 90 giorni dal ricevimento del reclamo. La SGR prevede un processo, disciplinato internamente, al quale partecipano una pluralità di strutture, in modo da garantire un esame esaustivo della problematica emergente dal reclamo. 14/48

16 15/48 B) INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La politica di investimento del Fondo di seguito descritta è da intendersi come indicativa delle strategie gestionali del Fondo stesso, posti i limiti definiti nel Regolamento di gestione. Denominazione del Fondo Data di istituzione ISIN al portatore Tipologia di gestione del Fondo Valuta di denominazione Parametro di riferimento (c.d. benchmark*) Periodo minimo raccomandato MEDIOLANUM RISPARMIO DINAMICO Il Fondo è di diritto italiano, armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE. 10/02/1995 Classe L 23/10/2014 Classe LA 11/12/2013 Classe I IT Classe L IT Classe LA IT Classe I TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO Market Fund Euro 70% JP Morgan EMU 1-3 years denominato in euro (1) 30% MTS BOT Capitalizzazione Lorda denominato in euro (2) (1) Il paniere dell indice include solo titoli governativi dei Paesi aderenti all Unione Monetaria Europea (ad esclusione del Lussemburgo) con vita residua 1-3 anni. Le informazioni e i dati sull indice sono reperibili sul sito di J.P. Morgan (www.morganmarkets.com), sugli Information System Providers Bloomberg, Reuters e sulla banca dati Datastream (Codice Bloomberg JNEU1R3). (2) Il paniere dell indice include tutte le emissioni BOT scambiate nel mercato MTS. Le informazioni e i dati sull indice sono reperibili sul sito Internet di MTS Indices (www.mtsindices.com), sugli Information System Providers Bloomberg, Reuters e sulla banca dati Datastream (Codice Bloomberg ITGCBOTG). (*) Per un corretto raffronto tra il rendimento del benchmark e il rendimento del Fondo occorre considerare che sul Fondo gravano le commissioni indicate alla successiva Sezione C), par Per i benchmark composti da più indici, i pesi di ciascun indice sono mantenuti costanti tramite ribilanciamento su base giornaliera. Breve - Medio (orizzonte temporale di investimento del Fondo) Raccomandazione: questo Fondo potrebbe non essere indicato per gli investitori che prevedono di ritirare il proprio capitale prima di tale periodo.

17 16/48 PROFILO DI RISCHIO-RENDIMENTO DEL FONDO Rischio più basso Rischio più elevato Rendimento potenzialmente più basso Rendimento potenzialmente più elevato Grado di rischio connesso all investimento nel Fondo Scostamento dal benchmark Categoria Principali tipologie degli strumenti finanziari e valuta di denominazione Aree geografiche/ Mercati di riferimento Categorie Emittenti L indicatore sintetico classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base della volatilità storica annua dello stesso in un periodo di 5 anni. La scala, in ordine ascendente da sinistra a destra, rappresenta i livelli di rischio e rendimento potenziale dal più basso al più elevato. La classificazione del Fondo nella categoria 3 è determinata sulla base dei risultati passati del Fondo e del suo benchmark in termini di variabilità dei rendimenti degli ultimi 5 anni. I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il futuro profilo di rischio del Fondo. La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata e quindi la classificazione del Fondo potrebbe cambiare nel tempo. L appartenenza alla categoria più bassa non garantisce un investimento esente da rischi. Significativo POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO Obbligazionario euro governativo breve termine (Categoria Assogestioni) Strumenti finanziari di natura monetaria e obbligazionaria denominati in euro. La SGR può investire in OICR, anche di società collegate, in misura contenuta. Il Fondo può investire in depositi bancari in misura residuale. La SGR si riserva di poter investire in misura superiore al 35% del patrimonio in strumenti finanziari emessi o garantiti dagli Stati dei seguenti Paesi: Italia, Germania, Francia, Olanda e Spagna. Gli investimenti del Fondo sono orientati principalmente verso Paesi appartenenti all Unione Monetaria Europea e possono essere orientati in misura contenuta o residuale in altri Paesi. È escluso l investimento nei Paesi Emergenti. Il Fondo investe principalmente in strumenti finanziari di emittenti sovrani, sovranazionali o da loro garantiti ed in misura contenuta di emittenti di tipo societario.

18 17/48 Specifici fattori di rischio Operazioni in strumenti derivati Tecnica di gestione Duration La composizione del portafoglio è caratterizzato da una duration (durata media finanziaria) non superiore ai 2 anni. Rating Il Fondo presenta investimenti in strumenti finanziari di natura obbligazionaria e monetaria emessi o garantiti da emittenti sovrani e sovranazionali classificati di adeguata qualità creditizia (c.d. investment grade) sulla base del sistema interno di valutazione del merito di credito adottato dalla SGR. Tale sistema può prendere in considerazione, tra gli altri elementi di carattere qualitativo e quantitativo, i giudizi espressi da una o più delle principali agenzie di rating del credito stabilite nell Unione Europea e registrate in conformità alla regolamentazione europea in materia di agenzie di rating del credito, senza tuttavia fare meccanicamente affidamento su di essi. Le posizioni di portafoglio non rilevanti possono essere classificate di adeguata qualità creditizia se hanno ricevuto l assegnazione di un rating pari ad investment grade da parte di almeno una delle citate agenzie di rating. Una componente contenuta del Fondo può essere investita in strumenti finanziari di natura obbligazionaria e monetaria emessi da società purché classificati di adeguata qualità creditizia. Titoli strutturati Il Fondo può investire in titoli strutturati in misura residuale. L utilizzo degli strumenti derivati è finalizzato: - alla copertura del rischio di mercato; - ad una più efficiente gestione del portafoglio; - all attività di arbitraggio; - all investimento. La SGR ha facoltà di utilizzare strumenti finanziari derivati per assumere posizioni corte nette. L utilizzo dei derivati è coerente con il profilo rischio/rendimento del fondo. La SGR utilizza il metodo degli impegni per il calcolo dell esposizione complessiva. Per i contratti di compravendita a termine di valuta non è previsto lo scambio di garanzie. La selezione degli investimenti del Fondo viene effettuata sulla base delle analisi macroeconomiche e delle tendenze di politica monetaria tese ad individuare le migliori prospettive di rendimento dei titoli sul segmento a breve termine delle curve dei tassi dei Paesi considerati. Nella selezione dei titoli corporate vengono effettuate valutazioni del rischio di credito sui singoli emittenti.

19 18/48 Destinazione dei proventi I l Fondo prevede quote di Classe L a distribuzione dei proventi e quote di Classe I e di Classe LA ad accumulazione dei proventi. I proventi delle quote di Classe L sono distribuiti ai partecipanti per il tramite del Depositario in proporzione al numero delle Quote possedute da ciascun partecipante. Qualora l importo da distribuire sia superiore al risultato effettivo della gestione del Fondo, la distribuzione rappresenterà un rimborso parziale del valore delle quote. I proventi sono calcolati e liquidati semestralmente (con riferimento al 30 giugno ed al 31 dicembre). La data stabilita per il pagamento del provento non può essere posteriore al 30 giorno successivo alla data di approvazione di ciascun rendiconto di gestione. Nel caso in cui gli importi spettanti ai singoli partecipanti risultino inferiori all importo del diritto fisso, non si procederà alla distribuzione e gli importi rimarranno acquisiti a favore del Fondo. Per le modalità di distribuzione dei proventi si rinvia alla parte B), Art. B.2) del Regolamento Unico di gestione Semplificato del Fondo. I proventi delle quote di Classe LA e di Classe I realizzati, non vengono distribuiti ai partecipanti a tali Classi, ma restano compresi nel patrimonio del Fondo afferente alla relativa Classe. Denominazione del Fondo Data di istituzione ISIN al portatore Tipologia di gestione del Fondo Valuta di denominazione Misura di volatilità Periodo minimo raccomandato MEDIOLANUM FLESSIBILE OBBLIGAZIONARIO GLOBALE Il Fondo è di diritto italiano, armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE. 13/06/1988 Classe L 23/10/2014 Classe LA 11/12/2013 Classe I IT Classe L IT Classe LA IT Classe I TIPOLOGIA DI GESTIONE DEL FONDO Absolute Return Fund Euro In relazione allo stile di gestione adottato (stile flessibile) non è possibile individuare un benchmark rappresentativo della politica di gestione adottata, ma è possibile individuare una misura di rischio che identifica la massima perdita potenziale, riferita ad un determinato orizzonte temporale e ad un dato livello di probabilità. Misura di rischio Value at Risk VaR - orizzonte temporale un mese - livello di confidenza 99% Valore ex ante*: 6,0% * Tale valore rappresenta la Misura probabilistica di rischio ex ante del Fondo. Pertanto, tale indicatore non rappresenta in alcun modo la perdita massima del Fondo. Medio - Lungo (orizzonte temporale di investimento del Fondo) Raccomandazione: questo Fondo potrebbe non essere indicato per gli investitori che prevedono di ritirare il proprio capitale prima di tale periodo.

20 19/48 PROFILO DI RISCHIO - RENDIMENTO DEL FONDO Rischio più basso Rischio più elevato Rendimento potenzialmente più basso Rendimento potenzialmente più elevato Grado di rischio connesso all investimento nel Fondo Categoria Principali tipologie degli strumenti finanziari e valuta di denominazione Aree geografiche/ Mercati di riferimento Categorie Emittenti Specifici fattori di rischio L indicatore sintetico classifica il Fondo su una scala da 1 a 7 sulla base della volatilità storica annua dello stesso in un periodo di 5 anni. La scala, in ordine ascendente da sinistra a destra, rappresenta i livelli di rischio e rendimento potenziale dal più basso al più elevato. La classificazione del Fondo nella categoria 4 è determinata dalla variabilità dei rendimenti implicita nel dato di VaR (Value at Risk) sopra indicato. I dati storici utilizzati per calcolare l indicatore sintetico potrebbero non costituire un indicazione affidabile circa il futuro profilo di rischio del Fondo. La categoria di rischio/rendimento indicata potrebbe non rimanere invariata e la classificazione del Fondo potrebbe cambiare nel tempo. L appartenenza alla categoria più bassa non garantisce un investimento esente da rischi. POLITICA DI INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI DEL FONDO Obbligazionario Flessibile (Categoria Assogestioni) Il Fondo investe principalmente in strumenti finanziari di natura monetaria e obbligazionaria. Il Fondo può anche detenere, in misura residuale, strumenti finanziari rappresentativi del capitale di rischio, obbligazioni convertibili e/o cum warrant. La SGR può investire in OICR nel rispetto della normativa vigente. Il Fondo può investire in OICR di società collegate in misura contenuta. Il Fondo può investire in depositi bancari in misura residuale. Il Fondo può investire in fondi chiusi nei limiti di legge. Gli investimenti possono essere denominati in euro e/o in altre valute. La SGR si riserva di poter investire in misura superiore al 35% del patrimonio in strumenti finanziari emessi o garantiti dagli Stati dei seguenti Paesi: USA, UK, Giappone, Australia, Svizzera, Germania, Olanda, Francia e Italia. Gli investimenti del Fondo sono orientati sia verso Paesi Industrializzati sia verso Paesi Emergenti. Il Fondo investe in strumenti finanziari di emittenti sovrani, sovranazionali e da loro garantiti e di tipo societario. Duration La componente obbligazionaria del Fondo non presenta limiti di duration. Rischio di Cambio L esposizione al rischio di cambio potrà essere anche significativa. Paesi Emergenti Gli investimenti del Fondo possono essere orientati verso i Paesi Emergenti. Titoli Strutturati Il Fondo può investire in titoli strutturati in misura contenuta.

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO Aggiornamento n. 13 di Aprile 2015 MMM00589 04/2015 Pag. 1 di 34 INDICE: PREMESSA... 3 INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA...

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE Il presente modulo è l unico valido ai fini della sottoscrizione in Italia delle classi di azioni dei comparti dell OICVM Dexia Quant, Società d investimento a capitale variabile di diritto Lussemburghese

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015 CONDIZIONI GENERALI CHE REGOLANO IL CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI PER CONTO DEI CLIENTI

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli