REGOLAMENTO D ISTITUTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO D ISTITUTO"

Transcript

1 REGOLAMENTO D ISTITUTO Parte istituzionale Art. 1 OFFERTA FORMATIVA A novembre - dicembre, ogni Scuola programma attraverso la Commissione POF dell istituto, il Piano dell offerta formativa per l a.s. successivo. Approvato a gennaio dal Collegio Docenti Unitario, il piano viene illustrato ai genitori che devono iscrivere i figli al primo anno della scuola dell infanzia, in prima elementare e prima media, a cura delle varie scuole. Art. 2 ORGANIZZAZIONE OMOGENEA TRA I PLESSI DELL ISTITUTO Prima dell inizio delle lezioni del nuovo anno scolastico, il Collegio dei Docenti di ciascun plesso, indica il Fiduciario, il Coordinatore alla Sicurezza, il Responsabile Mensa (nelle scuole in cui è istituita la Commissione mensa comunale). Indica anche i Membri delle Commissioni d istituto: Commissione Sicurezza (un membro per ogni plesso), Commissione POF (un membro per ogni plesso), Commissione Disagio ed Handicap (tutti i docenti di sostegno nell organico d istituto). Individua i locali per il prescuola, gli intervalli e l interscuola; adegua i tempi di ingresso e uscita alle esigenze del trasporto, e stabilisce i tempi dell intervallo. Il dirigente scolastico, mediante delega, provvede alla redazione dell orario scolastico settimanale completo di vigilanze durante l accoglienza e sorveglianze durante gli intervalli e l interscuola. Art. 3 SICUREZZA SCOLASTICA L istituto provvede alla formazione obbligatoria di primo soccorso, antincendio, e di gestione programmata delle emergenze scolastiche: la formazione continua e aggiornata in materia di sicurezza scolastica integra la professionalità dei vari operatori scolastici. La disposizione di banchi e suppellettili nei locali scolastici, deve essere compatibile con il piano di sicurezza. Le scale e gli spazi comuni costituiscono i maggiori punti critici degli edifici scolastici: gli alunni vanno sorvegliati ed educati a comportamenti controllati. A scuola è vietato fumare per motivi di tutela della salute, di tutela ambientale e per dare il

2 buon esempio agli alunni. Le casse delle manichette antincendio non debbono essere aperte o manomesse. Gli estintori e gli interruttori antincendio zonali non possono essere utilizzati dagli alunni. Il procurato allarme doloso mediante interruttore antincendio, verrà sanzionato severamente. Parte regolativa Art. 4 VIGILANZA SCOLASTICA Durante le lezioni, l accoglienza prima delle lezioni, gli intervalli e l interscuola, gli alunni sono sottoposti alla vigilanza della scuola e non possono allontanarsi dall edificio scolastico. Art. 5 INIZIO DELLE LEZIONI Prima campana: segnala l ingresso degli alunni nell edificio e la loro disposizione al proprio posto nell aula; i docenti della prima ora prendono servizio e assumono la sorveglianza delle rispettive classi. Seconda campana: suona 5 minuti dopo la prima e indica l inizio dell attività didattica. Gli alunni che entrano dopo la seconda campana, sono ammessi a scuola previo accompagnamento personale o giustificazione dei genitori: scritta sul diario o telefonica. Art. 6 USCITE ANTICIPATE Uscite anticipate di alunni sono consentite previa richiesta scritta e accompagnamento da parte della famiglia. Nei giorni di rientro pomeridiano, è consentita l uscita autonoma solo agli alunni che non si fermano in mensa. L uscita episodica di alunni che pranzano abitualmente in mensa è consentita solo previa richiesta scritta e accompagnamento in uscita da parte della famiglia. Art. 7 ASSENZE Le assenze devono essere giustificate per iscritto. Se le assenze superano i cinque giorni consecutivi, l alunno deve essere accompagnato al suo rientro a scuola; è tuttavia sufficiente una telefonata a scuola a un docente conosciuto.

3 Per essere ammessi alla classe successiva gli alunni non devono superare 1/3 di assenze giornaliere sul totale dei giorni di lezione stabiliti annualmente dalla Regione. Art. 8 USCITE BREVI DALLE AULE Le uscite brevi durante le lezioni avvengono sotto la responsabilità del docente che ne accerta i motivi, la ripetitività e il contegno dell alunno fuori dall aula. Il docente può chiedere, a tutela della responsabilità propria, che l alunno sia accompagnato e vigilato durante l uscita dal personale ATA in servizio. Art. 9 SPOSTAMENTI DI GRUPPO Gli spostamenti di gruppo durante e alla fine delle lezioni, devono avvenire in fila ordinata e silenziosa. Il docente deve stare davanti alla fila ed è tenuto a fermare e a sanzionare le scolaresche inadempienti. Art. 10 ACCOGLIENZA PRIMA DELLE LEZIONI Il servizio di accoglienza prima delle lezioni, deve essere regolamentato: nei modi, nei tempi, negli spazi utilizzati, nella indicazione degli addetti. A seconda delle scuole, può essere aperto a tutti gli alunni o soltanto a quelli autorizzati. Art. 11 MENSA In mensa gli alunni devono mantenere un contegno educato e civile e collaborare alla gestione del servizio. In caso di contegno inadeguato possono essere sospesi dalla mensa temporaneamente o in modo definitivo. Chi va a pranzare a casa, deve rientrare a scuola nei 5 minuti precedenti l inizio delle lezioni pomeridiane. Fuori dal locale mensa, l interscuola è regolato con le modalità dell intervallo. Art. 12 INTERVALLO Durante l intervallo gli alunni devono stare fuori dalle aule negli spazi prestabiliti. L intervallo è dedicato al ripristino delle energie mentali e fisiche: comportamenti sfrenati devono essere repressi e sanzionati dai docenti di sorveglianza. È consentito portare da casa per la ricreazione, cibi e bevande personali, in contenitori diversi dal vetro. L uso di cibi e bevande personali è tuttavia vietato in mensa per motivi di educazione

4 alimentare. L accesso ai servizi e la decenza dei locali vanno tutelati da parte dei docenti addetti alla sorveglianza. Gli alunni devono andare ai servizi prima della fine dell intervallo. Di norma non è consentito andare ai servizi durante la prima ora di lezione e quella che segue l intervallo. Art. 13 ABBIGLIAMENTO L abbigliamento degli alunni deve essere pulito, decoroso e adeguato al contesto formativo dell ambiente scolastico. Per le attività motorie gli alunni devono indossare scarpe e abbigliamento specifico. Per motivi di igiene, non è consentito tenere nelle aule capi d abbigliamento, che vanno appesi nei corridoi. Art. 14 BENI E AMBIENTI SCOLASTICI Le classi e i singoli alunni sono tenuti all ordine e alla pulizia degli ambienti e dei beni scolastici. Gli alunni devono usare i servizi in modo proprio e nel rispetto del personale addetto alla pulizia. Art. 15 OGGETTI ESTRANEI E CELLULARE È vietato portare a scuola o tenere negli zaini oggetti estranei o pericolosi e non compatibili con la scuola, scuolabus compreso. L istituto scolastico ritiene diseducativo e inutile avere il cellulare a scuola e invita le famiglie degli alunni alla non condiscendenza in materia: i docenti devono sanzionare l accensione con note disciplinari. Una esigenza particolare di portare il cellulare va motivata al fiduciario della scuola e non esime dal rischio disciplinare in caso di accensione. L uso del telefonino è invece autorizzato in particolari contesti comunicati dalla scuola, quali le uscite scolastiche. L uso del telefonino è parimenti vietato durante il servizio scolastico a tutto il personale, docente e non docente. Art. 16 COMUNICAZIONI SCUOLA FAMIGLIA E NOTE DISCIPLINARI

5 Le comunicazioni scuola famiglia relative al profitto e al comportamento dell alunno, devono avvenire per tramite del diario e dei colloqui. Note disciplinari individuali o collettive sul registro di classe dovute ad atti o comportamenti che disturbano le lezioni e la didattica, devono essere comunicate sul diario ai genitori degli alunni ed essere poste all ordine del giorno della prima successiva seduta del Consiglio di classe, per i provvedimenti del caso. Art. 17 SANZIONI DISCIPLINARI Comportamenti e azioni irrispettose e gravi sul piano educativo, o riconducibili ad atteggiamenti individuali o collettivi di prevaricazione e bullismo, sono sanzionati dal dirigente scolastico con la sospensione dalle lezioni nei termini di legge. Alla terza nota disciplinare individuale dell alunno, il consiglio di classe può disporre (anche a maggioranza) nei termini di legge una delle sottostanti sanzioni: - esclusione temporanea dall'intervallo delle lezioni: l'alunno passerà tale tempo in sala insegnanti o altro luogo indicato sotto la sorveglianza di un docente; - lavori di ausilio didattico svolti a espiazione della sanzione; - esclusione dalle gite scolastiche; - esclusione da attività sportive scolastiche inter, para o extrascolastiche; - sospensione dalle lezioni. La sospensione, redatta dal coordinatore di classe, è firmata dal dirigente scolastico. La sospensione dalle lezioni non può prevedere la frequenza. Danni singoli o collettivi all arredo e agli ambienti, oltre che con il risarcimento economico del danno, sono sanzionati dal consiglio di classe o dei docenti del plesso, con lavori di ripristino materiale del danno o, in caso di mancata collaborazione familiare, con la sospensione dalla lezioni. Art. 18 ORGANO DI GARANZIA Avverso la sanzione disciplinare che preveda la sospensione dalle lezioni, il genitore dell alunno può interporre ricorso presso l Organo di Garanzia di legge, mediante istanza scritta (da inoltrare entro il giorno che precede la data di sospensione), indirizzata al Presidente dell O.d.G. medesimo, in cui ricorda i fatti ed espone le proprie considerazioni in merito. Il ricorso sospende i termini esecutivi della sanzione. Il Presidente dell O.d.G. provvede a reperire atti, testimonianze, memorie delle parti coinvolte nella vicenda.

6 L organo si riunisce entro due settimane dalla data della presentazione del ricorso e prende una decisione in merito: può confermare la sospensione, modificarla, aumentarla, revocarla o convertirla in attività di lavoro utile alla comunità scolastica. L Organismo di Garanzia è nominato dal Consiglio d Istituto e la sua durata coincide con la durata del Consiglio d Istituto medesimo. L O.d.G. è composto: - Dal Presidente del Consiglio d Istituto che lo presiede (in caso di assenza presiede il più anziano tra i presenti); - Dal Dirigente scolastico o da un suo Collaboratore delegato; - Da un genitore scelto tra la componente genitori del Consiglio d Istituto; - Dai Fiduciari delle scuole medie dell istituto; - Da un rappresentante della componente ATA del Consiglio d Istituto. Presidente del Consiglio di istituto, genitore e rappresentante ATA in seno all O.d.G. devono essere reintegrati in caso di decadenza o dimissioni. L organo si riunisce in un unica seduta alla quale il ricorrente è ammesso solo nella fase dibattimentale. Per la validità della seduta devono essere presenti la metà più uno degli aventi diritto. L organismo si esprime a maggioranza dei presenti: in caso di parità o di mancata decisione, la sanzione è confermata e il presidente della seduta, ne fissa la esecutività immediata. N.B. La parte regolativa si riferisce in modo particolare alla scuola media: le norme sono tuttavia riferibili anche alle scuole dell infanzia e primaria, mediante adattamenti che il collegio docenti della scuola interessata riterrà di individuare, ma solo in relazione a fatti specifici contingenti, sui quali deve essere sentito il Dirigente Scolastico.

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 7 LATINA

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 7 LATINA Via Bachelet n. 5-04100 LATINA - Tel. 0773/620905 - fax 0773/629059- ltic846006@istruzione.it SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MANCANZE DISCIPLINARI E CORRISPONDENTI SANZIONI Mancanze disciplinari Doveri

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA Entrata 8.10 8.15 Chiusura cancelli: 8.20 Ingresso Gli alunni non possono accedere nei locali scolastici se non 5 minuti prima dell inizio delle lezioni. L ingresso

Dettagli

APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI

APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI DOVERI MANCANZE SANZIONI ORGANI COMPETENTI Ritardo oltre i 5 minuti senza giustificazione Rispetto dell orario

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 1 PREMESSA Il presente regolamento, ai sensi di quanto previsto dal D.P.R. 24 giugno 1998, n. 249 (Statuto delle studentesse e degli studenti)

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA , 20060 (MI) - Segreteria: 029566167 e Fax 029567005 -Fax Fax REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art.1. La scuola in collaborazione con le famiglie, svolge un azione educativa volta a dotare gli alunni

Dettagli

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE ISTITUTO COLLEGIO DIMESSE PADOVA SCUOLE D INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE Premessa. Le scuole dell Istituto sono una comunità educante impegnata a collaborare con le

Dettagli

Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14

Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14 Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14 FONTI NORMATIVE Ogni docente è tenuto a rispettare quanto contenuto nel contratto di lavoro individuale, nel contratto collettivo AGIDAE, nel Progetto Educativo,

Dettagli

Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni

Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni Circolare n. 11 Muravera, 16/09/2015 Ai Docenti Agli ATA Loro Sedi E p.c. Al Dsga Agli Atti Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni La vigilanza è un obbligo che investe tutto

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ART. 1 NORME DI COMPORTAMENTO OGNI ALUNNO È TENUTO AL MASSIMO RISPETTO DELLE PERSONE E DELL AMBIENTE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo di Cellatica Collebeato Viale Risorgimento, 23 25060 Cellatica (BS) Tel: 030.2770188-0302774730 - Fax: 030.2525792 C. F.

Dettagli

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E DEGLI ALUNNI Indice 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA' 4. PROCEDURA 4.1 Rilascio del diario 4.2 Assenze 4.2.1 Assenze

Dettagli

CAPO V ALUNNI. Norme di comportamento

CAPO V ALUNNI. Norme di comportamento CAPO V ALUNNI Art. 8 Norme di comportamento 1. Gli alunni sono tenuti ad avere, nei confronti del Dirigente Scolastico, dei docenti, di tutto il personale e dei compagni, un atteggiamento rispettoso della

Dettagli

REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI

REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI Premessa: nelle situazioni in cui un allievo manca di rispetto ai docenti, al personale e ai compagni, vengono richieste scuse immediate e contemporaneamente viene

Dettagli

1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola.

1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola. REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA 1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola. 1.1 La presenza degli alunni è obbligatoria, oltre che alle lezioni, a

Dettagli

VIGILANZA ALUNNI ORGANIZZAZIONE ENTRATA ED USCITA DEGLI ALUNNI, CAMBIO ORA, INTERVALLO.

VIGILANZA ALUNNI ORGANIZZAZIONE ENTRATA ED USCITA DEGLI ALUNNI, CAMBIO ORA, INTERVALLO. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale A.Moro di SERIATE Corso Roma, 37 24068 SERIATE (BG) Tel. 035.295297 Fax 035.4240539 @-mail: bgic876002@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014 ISTITUTO VIA F. SANTI 65 Allegato Principi generali 1. Nel rispetto della normativa vigente in materia, il presente regolamento intende disciplinare il funzionamento dei servizi scolastici erogati dalle

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DUCA DEGLI ABRUZZI CATANIA Viale Artale Alagona, 99 Tel. 095.6136225 - Fax 095.6136224 REGOLAMENTO D ISTITUTO A.S. 2015/2016 1 Tutti gli studenti dovranno munirsi

Dettagli

ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE

ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Si ricorda che il presente REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ha finalità educative per una condivisione e responsabilizzazione del

Dettagli

VIGILANZA SUGLI ALUNNI

VIGILANZA SUGLI ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO COMO PRESTINO-BRECCIA Via Picchi 6-22100 COMO Tel. 031507192 Fax 031 004738 C.F. 80020220135 coic81300n@istruzione.it VIGILANZA SUGLI ALUNNI REGOLAMENTO concernente la disciplina della

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016

SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 1.ORARIO SCOLASTICO L orario delle lezioni è il seguente: CORZANO LONGHENA Entrata dalle ore 8.05 alle 9.00 Entrata

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA allegato al Regolamento d'istituto approvato dal Consiglio d'istituto con delibera n.10/6.11.2014

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA allegato al Regolamento d'istituto approvato dal Consiglio d'istituto con delibera n.10/6.11.2014 ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO A. DE CAROLIS ACQUAVIVA PICENA e MONSAMPOLO DEL TRONTO TEL 0735/764431 FAX 0735/769252 www.iscdecarolis.gov.it e-mail: apic80800a@istruzione.it posta certificata: apic80800a@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO Via Natta, 11 20151 MILANO C.F. 80122590151 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO Il presente regolamento di Disciplina è stato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA MENSA

REGOLAMENTO DELLA MENSA Ministero dell istruzione, università e ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI NAVE Via Brescia, 20 25075 NAVE (BS)-Tel. 0302537490 Fax 0302534680 C.F. 80051740175 Cod.Mecc.BSIC85300T e-mail icnave@provincia.brescia.it--p.e.c.

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. Cena

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. Cena MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. Cena Via Lepanto 2 04100 Latina 0773 695393 fax 0773 471618 Sito: www.scuolacenalt.eu ltic847002@istruzione.it

Dettagli

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 26 del 25.09.2008 Articolo 1 Oggetto e finalità Il presente Regolamento disciplina il servizio di refezione scolastica che il Comune gestisce nell

Dettagli

REGOLAMENTO di DISCIPLINA

REGOLAMENTO di DISCIPLINA REGOLAMENTO di DISCIPLINA Alunni di Scuola Primaria protocollato atti scuola 369/B19_ 23 settembre 2013 Presidenza - plesso Troisi, via Gianturco 75 TELEFAX - 0815743460 Direzione Amministrativa ed uffici

Dettagli

Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16

Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16 Circolare n. 6/15 Cesena, 12/09/2015 ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16 - Agli studenti e per loro tramite ai genitori E p.c.: ai Docenti dell Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 47 del 30.09.2003 pubblicata in data 06.10.2003 Modificato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 03.11.2004 pubblicata

Dettagli

- La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale;

- La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale; REGOLAMENTO INTERNO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art. 1 Funzionamento della scuola - La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale; - L orario

Dettagli

- La lezione di Scienze Motorie e Sportive si svolge generalmente presso il Palazzetto dello Sport di Città della Pieve.

- La lezione di Scienze Motorie e Sportive si svolge generalmente presso il Palazzetto dello Sport di Città della Pieve. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE I. Calvino Sede legale Liceo Scientifico - Città della Pieve - Via Marconi snc Tel.: 0578 297 054 Fax: 0578 297 207 Sede coord. Ist. Prof. le Statale per i Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro.

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CALUSCO D ADDA 1 REGOLAMENTO INTERNO Entrata Gli alunni sono tenuti a presentarsi a scuola sia al mattino, sia al pomeriggio almeno cinque

Dettagli

il seguente regolamento con il fine di indicare le regole per creare nell'istituto un sereno ed ordinato ambiente di vita scolastica.

il seguente regolamento con il fine di indicare le regole per creare nell'istituto un sereno ed ordinato ambiente di vita scolastica. ISTITUTO VIA F. SANTI 65 IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO l art. 10, comma 3, lettera a) del T.U. 16/4/94, n. 297; VISTI gli artt. 8 e 9 del DPR 8/3/99, n. 275; VISTO il D.I. 01/02/2001, n. 44; VISTO IL POF

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologno al Serio SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A. G. BRAVI

Istituto Comprensivo di Cologno al Serio SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A. G. BRAVI Istituto Comprensivo di Cologno al Serio Via Rosmini, 12 24055 Cologno al Serio (BG) Tel. e Fax 035896031-0354872415 e-mail ministeriale: bgic89900p@istruzione.it http://www.iccolognoalserio.gov.it SCUOLA

Dettagli

R E G O L A M E N T O A S S E N Z E, R I T A R D I E U S C I T E A N T I C I P A T E D E G L I A L U N N I

R E G O L A M E N T O A S S E N Z E, R I T A R D I E U S C I T E A N T I C I P A T E D E G L I A L U N N I ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GONNESA Via Dettori, 10-09010 Gonnesa -CI Tel. e Fax 0781/45018 Codice Fiscale 90016590920- cod. meccanografico CAIC81400E e-mail caic81400e@istruzione.it CAIC81400E@Pec.istruzione.it

Dettagli

Regolamento alunni della Scuola Primaria

Regolamento alunni della Scuola Primaria Regolamento alunni della Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO DI FICARAZZI Cortile Giallombardo - 90010 FICARAZZI La Scuola, come ogni società esistente, richiede il rispetto di regole chiare e precise

Dettagli

DEI DIRITTI E DEI DOVERI

DEI DIRITTI E DEI DOVERI Con l Europa investiamo nel vostro futuro ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI VERNOLE,CASTRI,CAPRARICA Via della Repubblica,s.n.c. 73029 - Tel. 0832892032 Fax 0832269378 email LEIC85600E@istruzione.it LEIC85600E@pec.istruzione.it

Dettagli

MODALITA DI COMUNICAZIONE SCUOLA-GENITORI

MODALITA DI COMUNICAZIONE SCUOLA-GENITORI Pag. 1 di pag. 5 NORME UNI EN ISO 9001 : 2008 MODALITA DI COMUNICAZIONE SCUOLA-GENITORI INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. PROCEDURA 4.1 Obiettivi e tempi della comunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO ALUNNI. I.C. MAZZINI-MODUGNO BAIC847001 Via Suppa, 7 70122 Bari Tel. 0805211367 Fax 0805752537 web http://www.icmazzinimodugnobari.

REGOLAMENTO ALUNNI. I.C. MAZZINI-MODUGNO BAIC847001 Via Suppa, 7 70122 Bari Tel. 0805211367 Fax 0805752537 web http://www.icmazzinimodugnobari. Unione Europea Fondo Sociale Europeo Fondo Europeo Sviluppo Regionale I.C. MAZZINI-MODUGNO BAIC847001 Via Suppa, 7 70122 Bari Tel. 0805211367 Fax 0805752537 web http://www.icmazzinimodugnobari.it/ NORME

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale Questo documento contiene le norme che regolano la vita interna dei Centri di Formazione Professionale di ABF; tutti devono

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO EMANUELE ARTOM

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO EMANUELE ARTOM SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO EMANUELE ARTOM R E G O L A M E N T O anno scolastico 2009/2010 ORARIO SCOLASTICO inizio delle lezioni : lunedì, martedì e giovedì alle ore 8.20 mercoledì e venerdì alle

Dettagli

AI GENITORI DEI BAMBINI E DEGLI ALUNNI DEI DIVERSI ORDINI DI SCUOLA

AI GENITORI DEI BAMBINI E DEGLI ALUNNI DEI DIVERSI ORDINI DI SCUOLA ISTITUTO COMPRENSIVO DI OZZANO DELL EMILIA Scuola dell infanzia, primaria e secondaria di primo grado Viale 2 Giugno, 49 40064 OZZANO DELL'EMILIA (Bologna) tel. 051/799271 fax 051/4695202 sito Internet

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvata con deliberazione C.C. n. 4 del 18.02.1999 integrata con deliberazione C.C. n. 18 del 09.03.1999. ART. 1 FINALITA ART. 2 FUNZIONAMENTO ART. 3 MODALITA

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto

Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto Ai Sigg. Genitori della Scuola Primaria Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto Si portano a conoscenza dei genitori degli alunni iscritti alla Scuola Primaria

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO VITA QUOTIDIANA A SCUOLA Lo Statuto degli Studenti definisce i diritti e i doveri degli studenti per garantire una serena convivenza scolastica. Il presente regolamento elaborato

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE»

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE» MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE» Alla luce del nuovo Statuto delle studentesse e degli studenti promulgato con Decreto del Presidente

Dettagli

ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI

ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI Le lezioni del mattino si svolgono da lunedì a venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30, con un intervallo dalle ore 10.20 alle ore 10.40. Le lezioni pomeridiane si svolgono

Dettagli

Circ. n. 13 Prot. n 4485/A39 Montebello Vic.no, 23.09.2014 IAF/rc

Circ. n. 13 Prot. n 4485/A39 Montebello Vic.no, 23.09.2014 IAF/rc Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MONTEBELLO VICENTINO (VI) 36054 - MONTEBELLO VIC.NO - Via G. Gentile, 7 Tel. 0444/649086 - Fax 0444/649016 - e-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI REVELLO SCUOLA PRIMARIA REVELLO - ENVIE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI REVELLO SCUOLA PRIMARIA REVELLO - ENVIE ISTITUTO COMPRENSIVO DI REVELLO SCUOLA PRIMARIA REVELLO - ENVIE ISCRIZIONI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OFFERTA FORMATIVA Ogni alunno ha diritto ad un intervento educativo e didattico che rispetti la sua

Dettagli

REGOLAMENTO DEL LICEO

REGOLAMENTO DEL LICEO REGOLAMENTO DEL LICEO Indice generale: 0. RIFERIMENTI NORMATIVI 1. PERSONALE DOCENTE 2. PERSONALE A.T.A. 3. ALUNNE E ALUNNI 4. GENITORI DELLE ALUNNE E DEGLI ALUNNI 5. ENTI E ORGANIZZAZIONI ESTERNE 6. CONTRATTAZIONE

Dettagli

Regolamento Convitto annesso

Regolamento Convitto annesso I.P.S.E.O.A. Istituto Professionale per i Servizi dell Enogastronomia e dell Ospitalità Alberghiera C/da Ponticelli s.n.c. 85025 Melfi (PZ) Tel. 0972-21721 - fax 0972-252934 C.F. 93010330764 ( Foto by

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 REGOLAMENTO D ISTITUTO La Costituzione repubblicana, lo Statuto delle studentesse e degli studenti e il Regolamento dell autonomia delle Istituzioni

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Approvato con delibera Consiglio comunale n.36 del 29/09/2009 così come modificato con deliberazione di C.C. n.48 del 29/09/2014 SOMMARIO

Dettagli

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015.

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015. Prot. N 4024/C23 Ariano Irpino 26/08/2015 A tutti i docenti dell IISS Ruggero II Loro sedi Per quanto di competenza alla DSGA Al personale ATA Al sito internet dell Istituto OGGETTO : Comunicato impegni

Dettagli

1.2 L atto d iscrizione comporta piena accettazione dell impostazione educativa dell Istituto (Progetto educativo lasalliano).

1.2 L atto d iscrizione comporta piena accettazione dell impostazione educativa dell Istituto (Progetto educativo lasalliano). SCUOLA PRIMARIA L Istituto Villa Flaminia è una istituzione educativo - scolastica cattolica, fondata e diretta dai Fratelli delle Scuole Cristiane. Sorta nel 1956, come sede distaccata del Collegio S.

Dettagli

lezioni, con la direttiva allegata intendo riportare alla Vostra attenzione alcune indicazioni sul tema

lezioni, con la direttiva allegata intendo riportare alla Vostra attenzione alcune indicazioni sul tema Circolare n.11 Laveno M., 7.9.2015 Ai Docenti Ai Collaboratori Scolastici E p.c. Ai Genitori Sito Web/Albo E p.c. al DSGA SEDI OGGETTO: Direttiva sulla vigilanza all interno dell Istituto Gentili Docenti

Dettagli

Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente. Anno Formativo 2010-2011

Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente. Anno Formativo 2010-2011 Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente Anno Formativo 2010-2011 La famiglia deve comunicare al C.F.P. il suo indirizzo e il suo numero telefonico, e un

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 DISPOSIZIONI ACCOGLIENZA MODELLO ORGANIZZATIVO ADOTTATO DAL DIRIGENTE SCOLASTICO AI SENSI DEL D.LGS N.81-2008 Titolo I - Organi e soggetti tenuti alla regolazione e alla realizzazione della

Dettagli

Regolamento Mensa scolastica

Regolamento Mensa scolastica Regolamento Mensa scolastica Via Umberto I, 89021 - Vallelonga (VV) Cod.Fisc. 03321800793 Cod.Mecc. VVIC83500G E_mail vvic83500g@istruzione.it Sito www.icvallelonga.gov.it ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO PER I BAMBINI CHE ENTRERANNO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA

LIBRETTO INFORMATIVO PER I BAMBINI CHE ENTRERANNO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA LIBRETTO INFORMATIVO PER I BAMBINI CHE ENTRERANNO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA 1 E PER LE LORO FAMIGLIE AI GENITORI QUESTO LIBRETTO NASCE CON L INTENZIONE DI AIUTARVI A CONOSCERE MEGLIO LA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER ISTITUTO TECNICO : Elettrotecnica, Informatica, Meccanica e Meccatronica LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE Via Berchet 2-20900 Monza 039324607 - Fax 039322122

Dettagli

Art.22. Premesse. Art.23. Criteri generali. Art.24. Assegnazione ai plessi

Art.22. Premesse. Art.23. Criteri generali. Art.24. Assegnazione ai plessi Capo 3. Funzionamento delle scuole Art.22. Premesse a) Il processo di realizzazione dell autonomia deve essere inteso come l acquisizione graduale, da parte di tutti i plessi dell Istituto, di responsabilità

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE SALVATORE QUASIMODO Via Volta 25-20013 MAGENTA Tel. 02/9794892 Fax 02/9784834

LICEO CLASSICO STATALE SALVATORE QUASIMODO Via Volta 25-20013 MAGENTA Tel. 02/9794892 Fax 02/9784834 Estratto del Regolamento d Istituto TITOLO VI ALUNNI PREMESSA Lo Statuto degli Studenti, entrato in vigore col DPR 24/06/1998 n.249, introduce importanti garanzie riguardanti la vita all'interno della

Dettagli

Prot. n. 4107 /a32 Catania, 15 settembre 2015

Prot. n. 4107 /a32 Catania, 15 settembre 2015 Prot. n. 4107 /a32 Catania, 15 settembre 2015 Al docente collaboratore vicario Al DSGA Al personale docente Al personale ATA Sede Al RSPP Al RLS All Albo sicurezza Oggetto: Direttiva in materia di sicurezza

Dettagli

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 - 1 - INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINARE ALUNNI

REGOLAMENTO DISCIPLINARE ALUNNI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 -

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 36 DEL

Dettagli

USCITE DIDATTICHE, VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE

USCITE DIDATTICHE, VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE Regolamento relativo a USCITE DIDATTICHE, VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE su proposta del Collegio docenti del 20.5.14 per quanto attiene la parte organizzativo-didattica e delibera n 6del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 18 del 21/07/2010 1/7 TITOLO PRIMO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA.. pag.3 Art. 1 - FINALITA' DEL SERVIZIO

Dettagli

TIPOLOGIA DI VIAGGI I viaggi di istruzione comprendono diverse iniziative che si possono così sintetizzare:

TIPOLOGIA DI VIAGGI I viaggi di istruzione comprendono diverse iniziative che si possono così sintetizzare: Alleg.N.8 - Viaggi d istruzione e visite guidate I viaggi di istruzione e le visite guidate sono iniziative didattico-culturali finalizzate ad integrare la normale attività della scuola sia sul piano della

Dettagli

-ingresso, per la scuola primaria, ore 8.30. -ingresso, per la scuola dell infanzia, è dalle 8.00 alle 9.00.

-ingresso, per la scuola primaria, ore 8.30. -ingresso, per la scuola dell infanzia, è dalle 8.00 alle 9.00. ISTITUTO VIA F. SANTI 65 IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO l art. 10, comma 3, lettera a) del T.U. 16/4/94, n. 297; VISTI gli artt. 8 e 9 del DPR 8/3/99, n. 275; VISTO il D.I. 01/02/2001, n. 44; VISTO IL POF

Dettagli

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Deliberazione di Consiglio Comunale 31 25.09.2002 Approvazione Deliberazione di Consiglio Comunale 14 29.06.2005 Modifica Deliberazione di Consiglio

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "E. SCALFARO" Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438

ISTITUTO TECNICO E. SCALFARO Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438 ISTITUTO TECNICO "E. SCALFARO" Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438 REGOLAMENTO D'ISTITUTO Premessa La Scuola è una comunità organizzata

Dettagli

Regolamento di Disciplina

Regolamento di Disciplina ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO dei Comuni di Anghiari e Monterchi Tel. 0575/749269 e Fax 0575/787954-0575/789102 Via Bozia, 2 52031 ANGHIARI (AR) aree0100n@

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE Via Potenza 85028 Rionero in Vulture (PZ)

DIREZIONE DIDATTICA STATALE Via Potenza 85028 Rionero in Vulture (PZ) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Via Potenza 85028 Rionero in Vulture (PZ) P I C C O L O V A D E M E C U M P E R I G E N I T O R I D E G L I A L U N N I - S C U O L A P R I M A R I A Finalità della Scuola La

Dettagli

Al DSGA. Ai docenti Al personale ATA. Oggetto: Direttiva in materia di sicurezza uscita e vigilanza alunni.

Al DSGA. Ai docenti Al personale ATA. Oggetto: Direttiva in materia di sicurezza uscita e vigilanza alunni. Prot n.. 6540/B10 Al DSGA Ai docenti collaboratori Ai docenti Al personale ATA Oggetto: Direttiva in materia di sicurezza uscita e vigilanza alunni. Si invita il personale in indirizzo all osservanza della

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO E REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera del Consiglio dell Unione N. 21 del 30/04/2013 CAP.

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

REGOLAMENTO MENSA DEL PLESSO DON MILANI

REGOLAMENTO MENSA DEL PLESSO DON MILANI Ministero dell istruzione, università e ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI NAVE Via Brescia, 20 25075 NAVE (BS)-Tel. 0302537490 Fax 0302534680 C.F. 80051740175 Cod.Mecc.BSIC85300T e-mail icnave@provincia.brescia.it--p.e.c.

Dettagli

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto Comprensivo Statale E. Fermi Via E. Fermi 400 21044 Cavaria con Premezzo (Va) Tel: 0331/212640-216284 Fax: 0331/217400 Sedi : scuole dell infanzia, primarie e secondarie 1 grado di Albizzate e

Dettagli

COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 40 del 25.11.2013 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE ED INIZIATIVE CULTURALI.

REGOLAMENTO PER VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE ED INIZIATIVE CULTURALI. REGOLAMENTO PER VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE ED INIZIATIVE CULTURALI. Principali riferimenti normativi in materia di viaggi d istruzione: C.M. n.29del199/d. L n.111/17/3 del 1995 D.I. n.44del2001/nota

Dettagli

REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 18/08/2014 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SACRA FAMIGLIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO

REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 18/08/2014 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SACRA FAMIGLIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO 18/08/2014 REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO PREMESSA Le norme scritte in questo documento mirano a regolare la vita interna della Scuola primaria paritaria

Dettagli

Istituto scolastico comunale REGOLAMENTO DI ISTITUTO

Istituto scolastico comunale REGOLAMENTO DI ISTITUTO Istituto scolastico comunale REGOLAMENTO DI ISTITUTO TITOLO I ORGANIZZAZIONE DELL ISTITUTO CAPITOLO 1: Generalità Art. 1 Denominazione La scuola dell infanzia e la scuola elementare di Giubiasco costituiscono

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO Art. 1 ENTRATA RITARDI USCITE - ACCESSO a) Gli alunni della scuola dell infanzia potranno entrare dalle ore 7,45 su richiesta motivata della famiglia e con permesso firmato dal Dirigente.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale G. Zanella Sandrigo. Regolamento d'istituto

Istituto Comprensivo Statale G. Zanella Sandrigo. Regolamento d'istituto Istituto Comprensivo Statale G. Zanella Sandrigo Regolamento d'istituto Anno Scolastico 2009/2010 1 REGOLAMENTO DI ISTITUTO E NORME COMPORTAMENTALI La scuola è il luogo di formazione e di educazione mediante

Dettagli

COMPORTAMENTI CHE COSTITUISCONO INFRAZIONI DISCIPLINARI SANZIONI ORGANO COMPETENTE

COMPORTAMENTI CHE COSTITUISCONO INFRAZIONI DISCIPLINARI SANZIONI ORGANO COMPETENTE COMPORTAMENTI CHE COSTITUISCONO INFRAZIONI DISCIPLINARI SANZIONI ORGANO COMPETENTE MANCATA GIUSTIFICAZIONE DEL RITARDO (PER ALMENO TRE VOLTE ) MANCATA GIUSTIFICAZIONE DELL ASSENZA (PER ALMENO TRE VOLTE)

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A. G. BRAVI

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A. G. BRAVI Istituto Comprensivo di Cologno al Serio Via Rosmini, 12 24055 COLOGNO AL SERIO Tel. fax 0354872415-035896031 e-mail ministeriale: bgic89900p@istruzione.it http://www.iccolognoalserio.gov.it/ SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato.

Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato. Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato. Regolamento di disciplina Il nostro Regolamento di disciplina è stata elaborata sulla base dello Statuto delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado. P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità

ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado. P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità ISTITUTO COMPRENSIVO S. GIOVANNI ILARIONE Scuola dell infanzia, Primaria, Secondaria di I grado P.E.C. Patto Educativo di Corresponsabilità anno scolastico 2008 2009 IC SAN GIOVANNI IL. P.E.C. pag.1 ISTITUTO

Dettagli

Regolamento di Istituto

Regolamento di Istituto Regolamento di Istituto 1. L iscrizione o la riconferma dell alunno è annuale ed è di competenza della Direzione della Scuola. Il termine per l iscrizione alla Scuola dell Infanzia e alla classe prima

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 4 del 20/12/2012 Premessa Le uscite didattiche,

Dettagli

A.S. 2015/2016 PATTO FORMATIVO SCUOLA ALLIEVI FAMIGLIE PRESENTAZIONE DELL ENTE

A.S. 2015/2016 PATTO FORMATIVO SCUOLA ALLIEVI FAMIGLIE PRESENTAZIONE DELL ENTE ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 PATTO FORMATIVO SCUOLA ALLIEVI FAMIGLIE PRESENTAZIONE DELL ENTE LUNIKLEF pone le sue radici nelle competenze e nell'esperienza

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015 ISTITUTO COMPRENSIVO "MARCO EMILIO LEPIDO" Via Premuda 34 - REGGIO EMILIA Tel. e Fax. 0522/301282-0522/300221 E-mail: segretlep@tin.it (segreteria) - Sito internet: www.iclepido.gov.it Scuola Secondaria

Dettagli

Istituto Comprensivo Adolfo GANDIGLIO Piazzetta Grimaldi, 3-61032 Fano (PU)

Istituto Comprensivo Adolfo GANDIGLIO Piazzetta Grimaldi, 3-61032 Fano (PU) Visto il D.M. n. 5843/A3 del 16 ottobre 2006 Linee di indirizzo sulla cittadinanza democratica e legalità ; Visti i D.P.R. n. 249 del 24/6/1998 e D.P.R. n. 235 del 21/11/2007 Regolamento recante lo Statuto

Dettagli

VADEMECUM DEL DOCENTE

VADEMECUM DEL DOCENTE Istituto di Istruzione Superiore S. Ceccato P.le Collodi, 1 36075 Montecchio Maggiore (VI) VADEMECUM DEL DOCENTE Assemblee di classe: Sono autorizzate dal Dirigente Scolastico compilando l apposita modulistica

Dettagli

REGOLAMENTO. b. Nel tempo tra l entrata a scuola e l inizio delle lezioni non è lecito vociare, correre otenere comportamenti pericolosi

REGOLAMENTO. b. Nel tempo tra l entrata a scuola e l inizio delle lezioni non è lecito vociare, correre otenere comportamenti pericolosi REGOLAMENTO Sul piano pedagogico ed educativo-didattico, la scuola è una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza culturale e sociale, informata ai valori democratici della Costituzione italiana

Dettagli