Una meta-analisi sui rapporti fra investimenti esteri diretti e crescita di un economia regionale*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una meta-analisi sui rapporti fra investimenti esteri diretti e crescita di un economia regionale*"

Transcript

1 Studi e Note di Economia, Anno XIV, n , pagg GruppoMontepaschi Una meta-analisi sui rapporti fra investimenti esteri diretti e crescita di un economia regionale* FRANCO PRAUSSELLO** Inquiry into the links between Foreign Direct Investment (FDI) and growth at a regional level focusing on recent developments of a new paradigm, which explains in terms of productivity heterogeneity of firms servicing foreign markets the different forms that internationalisation of production processes can take, ranging from exports to setting up of foreign affiliates. The paper analyses the main determinants of FDI, the substitution and complementary relationships between trade and financial flows, together with causality links between FDI and growth within a regional economy. The main result of the paper is that in general terms between trade and financial flows in form of FDI complex two-sided causality links exist but that in a large number of cases FDI and exports are shown to be complement. FDI can often help expand sales abroad, thus being a powerful growth engine for the local economy, acting through the channel of the foreign trade multiplier. (J.E.L.: F21, F23, F43, O40) 1. Introduzione L internazionalizzazione può assumere una pluralità di forme, che variano lungo un continuum esteso dalle esportazioni, agli accordi fra imprese non basati o legati alle partecipazioni azionarie (non equity o equity agreements), sino agli investimenti diretti esteri (IDE). Gran parte delle riflessioni teoriche e degli studi empirici sui diversi modi di partecipazione ai processi di internazionalizzazione si riferiscono tuttavia alle due modalità polari, ovvero alle esportazioni e agli IDE, modalità che di recente sono state spiegate in base a un nuovo modello interpretativo fondato sulla capacità delle imprese di sostenere i costi fissi associati alle diverse forme di partecipazione ai mercati internazionali. Quest interpretazione, che formerà oggetto di una parte specifica di questa nota, è di certo innovativa, ma non rinnega alcune acquisizioni tradizionali della teoria della produzione internazionale, secondo la quale l accesso * Articolo approvato nell agosto Fatto salvo l usuale disclaimer, ringrazio Luca Beltrametti e un anonimo referee per i consigli forniti circa l impostazione e la revisione della ricerca. Di alcune osservazioni di quest ultimo sono particolarmente debitore nella parte conclusiva del lavoro. ** DISEFIN, Università di Genova.

2 86 Studi e Note di Economia, Anno XIV, n ai mercati esteri attraverso gli IDE si fonda sull esistenza di un vantaggio proprietario tendenzialmente esclusivo, che consente di far fronte alla concorrenza internazionale, sopportando i costi connessi con l apertura di unità produttive sui mercati esteri. Al di là della disponibilità di risorse finanziarie spesso rilevanti, si tratta del possesso di risorse critiche ai fini dell innovazione e della capacità di concorrenza, che riguardano in particolare beni intangibili quali informazioni tecniche, conoscenze, know how, elevati livelli di capitale umano, ovvero tecnologie sofisticate che si trovano al margine della frontiera tecnologica. Ed è appunto la necessità di proteggere il vantaggio proprietario, evitando per quanto possibile o comunque rallentando il processo di imitazione a favore dei concorrenti, che spiega perché in molti casi il trasferimento di tecnologia associato agli IDE riguardi processi caratterizzati da un ritardo più o meno ampio rispetto a quelli di frontiera. Nonostante le protezioni garantite dal diritto di proprietà intellettuale, la stessa natura di bene sostanzialmente pubblico della conoscenza, con le usuali caratteristiche di non rivalità e di non escludibilità, dà luogo presto o tardi a fughe di informazioni, che possono essere sfruttate dalle imprese concorrenti. D altro canto, nei modelli di taglio neoschumpeteriano in senso lato, in cui i profitti di monopolio sono legati all innovazione, la rendita di cui godono le imprese è per sua natura di carattere temporaneo. Il trasferimento incompleto delle tecnologie più innovative è un fenomeno tuttavia che si verifica soprattutto nei confronti dei Paesi in via di sviluppo, per quanto non sia neppure del tutto assente nei rapporti fra Paesi industrializzati (Praussello 2006). Nonostante questi possibili limiti e in attesa di approfondire l argomento nel paragrafo dedicato specificamente a valutare l apporto fornito dagli investimenti produttivi esteri e in generale dai processi di internazionalizzazione alla capacità di crescita di un economia locale, la posizione teorica più diffusa considera gli investimenti esteri come un importante motore della crescita a livello macro e a livello micro. In effetti gli IDE, secondo la letteratura prevalente, svolgono una funzione di rilievo nei processi di crescita delle economie locali attraverso molteplici canali, al di là del loro aspetto puramente finanziario che si traduce in un aumento del capitale disponibile. Il primo di questi riguarda, come s è già osservato, la funzione degli IDE come veicolo per il trasferimento delle tecnologie e delle conoscenze tecniche in senso lato. In dipendenza del grado di sviluppo dell economia ricevente rispetto a quello dell economia di origine, gli IDE in entrata possono generare effetti esterni che si trasmettono alle imprese locali sotto forma di miglioramenti della produttività e concorrere a rafforzare in modo più o meno accentuato la base produttiva locale, innalzandone la capacità di crescita. In secondo luogo, gli IDE possono influenzare il commercio estero, dando luogo a rapporti di complementarità o di sostituzione fra gli investimenti e i flussi commerciali, e in particolare le correnti di esportazione. Nella misura in cui concorrono a svi-

3 F. Praussello - Una metaanalisi sui rapporti fra investimenti esteri diretti e crescita luppare le esportazioni, non ultimo mediante l accesso a nuovi mercati e aumentando il capitale umano dell economia locale, gli IDE possono fornire un apporto non trascurabile all aumento del prodotto e dell occupazione dell economia ricevente. Anche gli investimenti in uscita possono influenzare positivamente le esportazioni, rafforzando la posizione competitiva delle multinazionali che li effettuano, migliorando la conoscenza dei mercati e alzando i livelli di produttività e la qualificazione della forza lavoro a vantaggio dell economia di origine. Molti di questi effetti positivi degli IDE ai fini del rafforzamento della base produttiva locale possono essere fatti risalire all approccio dell accumulazione tecnologica tramite i mercati esteri, secondo il quale fra le varie forme di partecipazione ai processi di internazionalizzazione in generale e le attività di innovazione delle imprese esiste un rapporto biunivoco (Cantwell 2000). Da una parte, infatti, le imprese investono in R&S e in innovazioni allo scopo di rafforzare le loro capacità competitive e di avere accesso ai mercati internazionali; dall altra il contatto con i mercati internazionali, attraverso le esportazioni ma soprattutto gli IDE, consente di acquisire nuove conoscenze che risultano complementari ai vantaggi proprietari già posseduti, aumentandone l efficacia ai fini della concorrenza internazionale (Dunning e Narula 1995). Con l avvertenza che, data la natura a volte tacita della conoscenza tecnica, questa viene acquisita tanto più facilmente quanto più efficace è la collaborazione tecnologica all interno del gruppo (Caniëls e Romijn 2002). Sulla base di questa premessa, la presente nota si propone di fare il punto sulle principali conoscenze oggi disponibili in ordine all influenza degli investimenti esteri sui processi di crescita di un economia locale sviluppata pienamente inserita nei traffici e nei trasferimenti finanziari della globalizzazione. La struttura della ricerca è articolata nel modo che segue. Nel secondo paragrafo passeremo in rassegna gli sviluppi più recenti degli studi in materia di determinanti degli IDE, allo scopo di valutare i differenti fattori che sono all origine dei flussi degli investimenti esteri a livello internazionale. Nel terzo paragrafo ci occuperemo dei legami fra flussi finanziari e flussi commerciali, approfondendo l analisi dei rapporti di complementarità e di sostituzione fra IDE e commercio estero, mentre nel successivo quarto paragrafo illustreremo il nuovo paradigma della eterogeneità delle imprese sviluppato negli ultimi anni per spiegare la genesi delle principali forme di internazionalizzazione, gli IDE e le esportazioni. Nel paragrafo quinto affronteremo uno degli argomenti centrali dell analisi, studiando in modo dettagliato il rapporto fra gli IDE e i processi di crescita di un economia locale. Il paragrafo sesto fornirà alcuni dati riassuntivi circa lo stato degli investimenti esteri in entrata e in uscita dal nostro Paese, mentre il paragrafo settimo riguarderà i rapporti fra gli IDE e l internazionalizzazione di una economia regionale, indagando sui legami di causalità fra IDE e commercio estero. L ultimo paragrafo concluderà la nota con alcune brevi considerazioni finali.

4 88 Studi e Note di Economia, Anno XIV, n Sviluppi recenti della teoria delle determinanti degli IDE L evoluzione della riflessione analitica relativa agli IDE mette in luce il superamento dell approccio della teoria dell organizzazione industriale e del ciclo di vita del prodotto, come si è sviluppato nel periodo compreso fra gli anni Sessanta e Ottanta del secolo scorso, a partire dai lavori di Vernon (1966), Kindleberger (1969), Johnson (1970), Aliber (1970), Caves (1971) e Hymer (1976), fra gli altri. In questa prima fase venivano infatti analizzati più i prerequisiti degli IDE, che non le loro determinanti (Onida 2003), anche se non mancano le prime riflessioni sugli effetti delle diverse tipologie di IDE sulle economie dei Paesi di provenienza e riceventi (Acocella 1975). Tali requisiti iniziali, individuati con particolare riferimento al contesto economico degli Stati Uniti (Rullani 1973), venivano messi in relazione ai vantaggi riassunti dall acronimo OLI: ownership, location, internalisation, nel senso che gli IDE venivano effettuati quando risultava conveniente mettere a frutto vantaggi proprietari di tipo organizzativo e tecnologico (ownership), mediante transazioni non di mercato ma interne all impresa (internalisation), e con l ausilio di vantaggi di localizzazione nei Paesi esteri (location) (Dunning 1977; 2001). Solo in un secondo tempo, con il fiorire della nuova teoria del commercio internazionale dovuta a Krugman e associati, l analisi si propone di individuare propriamente le determinanti degli IDE e i rapporti che i flussi di investimento intrattengono con gli scambi commerciali. Successivamente, nei primi anni 2000 prende corpo un nuovo paradigma interpretativo, il quale collega l eterogeneità delle imprese alle forme di partecipazione ai mercati internazionali tramite le esportazioni oppure la produzione sui mercati esteri per mezzo degli IDE. Secondo un impostazione divenuta ormai tradizionale, le ragioni generali che possono spingere un impresa multinazionale a essere presente attraverso gli IDE in un Paese estero hanno a che vedere con la possibilità di avere accesso a mercati di sbocco (imprese market seekers) o a mercati in cui è possibile ottenere come input fattori della produzione in condizioni di maggior vantaggio rispetto a quelli disponibili sul mercato interno (resources seekers) o situati alla frontiera dello sviluppo tecnologico (strategic sekeers). Inoltre, vi è la possibilità che le imprese siano spinte a ottenere vantaggi di efficienza attraverso la gestione accentrata di attività disperse sotto il profilo spaziale in presenza di economie di scala e di scopo (efficiency seekers) (Barba Navaretti e Venables 2006). Semplificando l analisi, le determinanti fondamentali degli IDE possono essere ridotte a due, considerando i due estremi del processo produttivo delle imprese multinazionali: da una parte i mercati di fornitura degli input e dall altra i mercati di sbocco dell output, ovvero con maggiore precisione i vantaggi di costo e di qualità dei fattori della produzione, su di un fronte, unitamente all accesso al mercato dei prodotti e dei servizi, in presenza di costi di trasporto e di altri tipi di ostacoli al commercio, sull altro fronte.

5 F. Praussello - Una metaanalisi sui rapporti fra investimenti esteri diretti e crescita Alla seconda motivazione sono ascrivibili gli IDE orizzontali o market oriented, i quali si traducono nella creazione di strutture di vendita in mercati sempre più distanti da quello di origine dell impresa multinazionale. Gli IDE verticali o cost saving riguardano invece l altra determinante e danno vita a forme di decentramento produttivo più o meno esteso, che possono anche riguardare mercati in cui vengono attuati processi di inseguimento tecnologico nei confronti di un Paese leader, nell ipotesi delle imprese interessate alla ricerca dell eccellenza produttiva. È questo ad esempio il caso degli IDE di origine europea diretti verso i distretti industriali ad alta concentrazione di tecnologia degli Stati Uniti. Va tuttavia aggiunto che con i più recenti sviluppi delle strategie delle imprese multinazionali in fatto di outsourcing e di integrazione della produzione, la distinzione fra IDE orizzontali e verticali tende a diventare in pratica poco significativa. Come osserva Helpman (2006), l investimento delle grandi multinazionali nei Paesi a basso costo allo scopo di creare piattaforme di esportazione per il resto del mondo, unitamente ai forti volumi di IDE scambiati fra i Paesi avanzati, difficilmente possono essere classificati come IDE orizzontali. Al di sotto di queste categorie di carattere del tutto generale, è poi possibile identificare delle motivazioni specifiche che fungono da fattori determinanti degli IDE, e che possono riguardare sia i Paesi di origine, sia quelli di destinazione, o i loro rapporti reciproci. La letteratura ne ha da tempo individuato una lunga serie, che si estende dall ampiezza del mercato e dei fattori di rischio e dai rapporti commerciali e di tasso di cambio tra i Paesi di origine e quelli di destinazione, ai differenziali di costo del lavoro e del credito, ai fattori istituzionali indice di corruzione compreso nonché all imposizione fiscale e ai fattori di agglomerazione, come misura del capitale umano e delle dotazioni infrastrutturali dei Paesi riceventi. Ulteriori fattori sono rappresentati dai costi di trasporto e dall ambiente più o meno favorevole agli investimenti (business climate), e da altri ancora. Con l avvertenza che il ruolo di tali fattori può risultare più o meno determinante, a seconda del tipo di investimento considerato. Così, ad esempio, ai fini della capacità di attirare IDE destinati a dar vita a piattaforme di esportazione, la disponibilità di infrastrutture fisiche quali porti e collegamenti aerei e ferroviari può rivelarsi fondamentale (Kumar 2001). Rassegne aggiornate dei principali risultati (a volte poco conclusivi) ottenuti dalla letteratura empirica in materia sono contenute, fra gli altri, in Kimino et al. (2007) e in Blonigen (2005). Gli sviluppi più recenti di questi studi investono anche argomenti che riguardano le condizioni di crescita delle economie locali in Europa, che risulta opportuno citare espressamente. Fra questi, segnaliamo in primo luogo un paio di lavori che stimano l influenza della costituzione della zona euro sui flussi di IDE intra-europei. Come c era da attendersi anche con riferimento a verifiche empiriche precedenti sugli effetti positivi esercitati sugli

6 90 Studi e Note di Economia, Anno XIV, n IDE dagli accordi di currency board o da esperienze di dollarizzazione completa (Wei e Choi 2002), la riduzione dell incertezza macroeconomica e la diminuzione dei costi di transazione conseguenti all introduzione dell euro esercitano una funzione di stimolo nei confronti degli IDE intra-uem. De Sousa e Lochard (2004; 2006), in due studi successivi, dimostrano che la costituzione dell UEM si è tradotta in un aumento del 20 per cento degli stock di IDE all interno dell unione, con un impatto amplificato sui valori di flusso. Inoltre, non si trovano tracce di possibili effetti di spiazzamento di investimenti a danno di Paesi europei esterni, quali il Regno Unito, la Svezia e la Danimarca, mentre per contro i Paesi periferici della zona sembrano trarre vantaggio dall incremento degli investimenti diretti, più di quanto non facciano i Paesi centrali. Di grande interesse sono anche i lavori che si propongono di identificare i fattori che determinano l interscambio di IDE fra l Europa e gli Stati Uniti, due economie che registrano circa i tre quarti degli stock di IDE mondiali in uscita e più della metà di quelli in entrata. Slaughter (2003), esaminando i flussi di investimenti fra gli USA e l Europa fra gli anni Ottanta e la metà degli anni Novanta, trova che la loro composizione è alquanto eterogenea sia rispetto ai Paesi interessati, sia rispetto agli anni considerati: in alcuni casi prevalgono gli investimenti orizzontali, in altri quelli verticali, e in altri ancora si hanno IDE che riguardano i settori non manifatturieri. Inoltre, fra i fattori di attrazione che operano in Europa emergono l ampiezza del Paese di destinazione, il suo reddito pro capite, nonché i fattori di policy, quali il tipo di politica fiscale adottata e il far parte o meno dell UE. In uno studio che considera invece il flusso di IDE opposto, fra l Europa e gli USA, nel periodo , De Santi et al. (2004) dimostrano dal canto loro che le determinanti principali degli investimenti europei in uscita sono il tasso di cambio reale, i brevetti dell area europea, come indicatori del vantaggio proprietario, vari parametri della produttività del mercato USA, come misura del vantaggio localizzativo, nonché gli sviluppi delle borse europee, misurati dalla Q di Tobin, ovvero dal maggior valore di mercato delle imprese rispetto ai valori di inventario, che com è noto costituisce una valutazione del loro capitale immateriale e delle loro capacità di crescita. Infine, alcuni lavori riguardano specificamente singoli Paesi europei. Così, in Artige e Nicolini (2005) i risultati di un indagine relativa a tre regioni europee abbastanza simili, il Baden-Wuerttemberg, la Catalogna e la Lombardia, dimostrano che al di là di una relazione statisticamente significativa fra il PIL e gli IDE pro capite, che vale per tutte le regioni, i fattori che determinano la capacità di attrazione degli investimenti sono diversi da una regione all altra. In particolare, nel caso della Lombardia svolgono un ruolo rilevante l ampiezza del mercato e il livello elevato della produttività locale. Uno studio concernente l internazionalizzazione di 4000 imprese italiane nel corso degli anni Novanta mette poi in evidenza il ruolo svolto da determi-

7 F. Praussello - Una metaanalisi sui rapporti fra investimenti esteri diretti e crescita nanti quali il tasso di cambio, l ampiezza delle imprese e i loro rapporti reciproci, la capacità di innovazione, la localizzazione e la tecnologia adottata (Basile et al. 2003). Su un altro versante, gli IDE a destinazione dei Paesi di recente adesione all UE sembrano essere principalmente attirati da fattori istituzionali, da indicatori di effetti di agglomerazione e apertura commerciale, unitamente all ampiezza, ai fattori di rischio e al costo del lavoro delle economie di destinazione (Campos e Kinoshita 2003; Janicki e Wunnavava 2004). 3. Commercio estero e IDE Gli studi più recenti in tema di IDE, che si propongono di chiarire i rapporti che intercorrono tra la loro evoluzione e i flussi del commercio estero, riguardano due argomenti collegati. Da un lato ci si chiede se IDE e commercio estero siano sostitutivi oppure complementari, e dall altro quale delle due variabili influenzi l altra, ovvero se siano i primi a precedere i flussi commerciali, oppure se la relazione di causalità vada dal commercio agli investimenti diretti (Liu et al. 2001). Inoltre, come vedremo nel prossimo paragrafo, un estensione dell analisi relativa al primo degli argomenti citati ha dato luogo a un nuovo filone interpretativo della scelta fra esportazioni e IDE, il quale può essere considerato alla stregua di un nuovo paradigma teorico, peraltro prevalentemente riferito agli investimenti di tipo orizzontale. L indagine in ordine ai rapporti di complementarità o di sostituzione tra flussi finanziari e flussi commerciali è rilevante non solo dal punto di vista analitico, ma anche sotto il profilo sociale. Vi è infatti la possibilità che la costituzione di affiliate estere da parte delle multinazionali si traduca in una perdita di occupazione e di reddito a livello locale qualora gli IDE dovessero spiazzare le esportazioni, diminuendo così la domanda estera. Il punto di partenza dell analisi sui legami fra le due variabili può essere costituito dalla considerazione che i tradizionali modelli neoclassici del commercio internazionale spiegano in modo chiaro come fra mobilità dei fattori e scambi di beni e servizi esista una relazione di sostituzione. In presenza di piena mobilità delle merci e di immobilità dei fattori della produzione, il paradigma Heckscher-Ohlin-Samuelson fornisce la dimostrazione che in seguito allo scambio dei prodotti si livellano i prezzi non solo delle merci e dei servizi, ma anche quelli dei fattori produttivi. Pertanto la mobilità delle merci è un sostituto della mobilità dei fattori, e quindi anche del capitale nella particolare forma che assume negli IDE. Mundell (1957) giunge a un risultato analogo anche lasciando cadere la condizione standard dell immobilità dei fattori a livello internazionale. Se nell ambito del filone neoclassico l ipotesi del rapporto alternativo fra flussi finanziari e flussi commerciali trova ampia conferma, non così accade nel quadro della nuova teoria del commercio internazionale, quella che può

8 92 Studi e Note di Economia, Anno XIV, n essere a ragione considerata come un paradigma alternativo delle interpretazioni teoriche tradizionali, ovvero dell approccio ricardiano e di quello neoclassico. In presenza di forme di mercato imperfettamente concorrenziali e di produzioni che avvengono in condizioni di economie di scala crescenti e di differenziazione del prodotto, accanto a modelli che prevedono l esistenza di rapporti di sostituzione fra IDE e scambi commerciali, alcuni modelli mettono in luce legami di complementarità fra i due tipi di flussi. Tra i primi si possono citare un gruppo di lavori in cui la scelta fra IDE orizzontali e commercio internazionale dipende dal trade-off tra i vantaggi della prossimità e quelli della concentrazione (Markusen 1982, 1984; Horstman e Markusen 1992; Brainard 1993, 1997). Le imprese devono decidere se superare le barriere commerciali esistenti (dazi e costi di trasporto) per dar vita a flussi di IDE che le radichino sul mercato estero, o se concentrare le loro risorse finanziarie negli impianti esistenti, dove operano le economie di scala. Qualora i benefici della prossimità siano superiori a quelli della concentrazione, avranno convenienza ad aumentare gli IDE a scapito del commercio. I rapporti fra i due flussi risulteranno allora di tipo sostitutivo. Per contro, Helpman (1984) e Helpman e Krugman (1985) prevedono un meccanismo in cui gli IDE danno luogo a flussi di scambi complementari. Questo accade quando fra Paesi si hanno differenze importanti in termini di dotazione dei fattori produttivi. In quest ipotesi, il Paese dotato di una relativa abbondanza di capitale tende a esportare servizi di direzione aziendale (headquarters services) nel Paese caratterizzato da un abbondanza relativa del fattore lavoro, in cambio di manufatti. Ne segue che IDE e commercio estero coesistono. Anche Baldwin e Ottaviano (2001) descrivono una situazione in cui i due flussi sono strettamente collegati e legati da un rapporto di complementarità. Ciò si verifica nell ipotesi in cui si considerino IDE incrociati, dovuti alla strategia di collocare le differenti varietà di prodotto nei diversi Paesi, rifornendo successivamente da questi l intero mercato mondiale. I motivi che stanno alla base del legame complementare fra IDE in entrata ed esportazioni vengono spiegati da Stern (1997), con riferimento specifico ai Paesi riceventi. Grazie all apporto fornito dagli IDE in termini di conoscenze tecnologiche e manageriali, questi ultimi sono in grado di accrescere la loro capacità di esportazione, con effetti positivi per l occupazione locale. Per gli IDE in uscita la spiegazione dell aumento dell occupazione nel Paese di origine in dipendenza dell investimento effettuato all estero risiederebbe nel fatto che la nuova occupazione si rende necessaria per fornire servizi di direzione e di supporto alle operazioni di internazionalizzazione. Così, a differenza di quanto accade per le multinazionali USA, per le imprese giapponesi i posti di lavoro creati sul mercato domestico sono più numerosi di quelli persi in seguito al trasferimento delle produzioni ad alta intensità di lavoro

9 F. Praussello - Una metaanalisi sui rapporti fra investimenti esteri diretti e crescita nei Paesi in via di sviluppo (Lipsey et al. 2000). Anche per l Italia sono stati messi in evidenza effetti dello stesso tipo da Federico e Minerva ( ) in uno studio che valuta l impatto degli IDE in uscita sulla crescita dell occupazione locale fra il 1996 e il 2001 in 12 settori manifatturieri. Rispetto alla media nazionale, gli IDE rivolti ai Paesi avanzati risultavano associati a una crescita dell occupazione locale più elevata, mentre quelli effettuati nei Paesi in via di sviluppo denunciavano valori che non si discostavano dalla performance del settore a livello nazionale, con due sole eccezioni. Inoltre, l occupazione nelle imprese di minori dimensioni non veniva influenzata negativamente da alti livelli di IDE, confermando anche per questo aspetto che gli investimenti in uscita non danneggiavano la crescita dei posti di lavoro nell economia locale da cui provenivano. Va ancora aggiunto che nei modelli di Helpman (1984) e di Markusen (1984), nonché in quelli di struttura analoga, la distinzione fra FDI verticali e orizzontali è cruciale, in quanto nel primo caso si avranno rapporti di complementarità fra investimenti diretti e flussi commerciali, mentre nel secondo la relazione sarà di tipo sostitutivo. Infine, non mancano lavori in cui IDE e flussi commerciali possono essere contemporaneamente, a seconda dei casi, sostitutivi o complementari. In Markusen (1995), nonché in Markusen e Venables (1998), Paesi asimmetrici in termini di dotazioni fattoriali possono inizialmente scambiare IDE e merci, nel senso che il Paese più avanzato tenderà a investire in misura crescente nel Paese meno avanzato, a mano a mano che questo si sviluppa. A fronte dei flussi di investimento, quest ultimo cederà beni e servizi. Tuttavia, superata una certa soglia, quando le asimmetrie fra Paesi saranno diminuite e questi saranno sempre più simili, la produzione delle imprese multinazionali ridurrà gli scambi delle merci. Mentre in una prima fase IDE e commercio estero potevano coesistere, ora i primi riducono gli spazi del secondo. Un modello analogo, dovuto a Markusen e Maskus (2001a, b), mette in evidenza come, in presenza di IDE sia verticali sia orizzontali, i flussi di commercio intersettoriale siano una funzione diretta del grado di asimmetria tra Paesi sia per dimensione sia per dotazione dei fattori produttivi, mentre il commercio intrasettoriale e segnatamente il trasferimento di beni e servizi all interno dell impresa (intra-firm trade) siano una funzione diretta della somiglianza dei Paesi. Analogamente, secondo Dunning (1998) il tipo di relazione che intercorre fra i movimenti finanziari e quelli commerciali dipende dalle caratteristiche dei due tipi di flussi, mentre Gray (1998) individua due categorie di imprese partecipate dal capitale estero: quelle maggiormente attente alle occasioni di mercato (market-seeking) diminuiranno gli scambi, mentre quelle rivolte all efficienza (efficiency-seeking) aumenteranno il commercio estero. Anche i modelli basati sulla presenza di capitale immateriale (knowledgecapital models) incorporano combinazioni di IDE verticali e orizzontali,

10 94 Studi e Note di Economia, Anno XIV, n dando luogo a seconda dei casi a rapporti di complementarità e di sostituzione fra investimenti diretti e correnti commerciali (Carr et al. 2001; Markusen e Maskus 2002). Recenti sviluppi, che mettono in discussione l esistenza di rapporti univoci fra IDE e flussi commerciali, riguardano anche l emergere della letteratura sugli investimenti esteri destinati a creare piattaforme di esportazione o di modelli di forme particolarmente complesse di interazioni verticali fra imprese (Blonigen 2005). Nel primo caso l impresa multinazionale effettua un investimento estero in un economia ospite allo scopo di rifornire di esportazioni un gruppo di Paesi limitrofi (Ekholm et al. 2003). Nel secondo troviamo una pluralità di affiliate estere che frammentano il processo di produzione: si scambiano fra loro prodotti intermedi che sottopongono a un ulteriore lavorazione prima di inviare i semilavorati così ottenuti alla casa madre (Baltagi et al. 2004). Se poi si passano a considerare gli studi empirici del settore, il quadro teorico appena tracciato appare in buona misura confermato. Tra gli studi che individuano rapporti di complementarità tra IDE e commercio estero, si possono citare in primo luogo quelli riguardanti gli effetti degli investimenti sui Paesi di origine. Si tratta di un gruppo di studi numeroso, che nell insieme identificano un effetto esclusivo o almeno prevalente di creazione dei traffici da parte degli IDE. In particolare, limitando l analisi ai lavori più recenti, Fontagné (1999) trova che per un insieme di 14 Paesi ogni dollaro di IDE dà luogo in modo diretto o indiretto a un aumento per circa due dollari delle esportazioni del Paese investitore, grazie agli effetti di diffusione dell investimento sui diversi settori industriali. In modo analogo Mori e Rolli (1998), in una ricerca relativa a 5 Paesi investitori e a 12 Paesi riceventi, individuano un legame robusto fra gli IDE in uscita e le esportazioni del Paese di provenienza, mentre Head e Ries (2001), unitamente a Kiyota e Urata (2005), dimostrano l esistenza di un rapporto analogo per le esportazioni giapponesi rispettivamente nei periodi e Anche lo studio di Head e Ries (2001) su 932 imprese giapponesi lungo un arco temporale di 25 anni fornisce risultati dello stesso tipo. In relazione agli IDE giapponesi rivolti agli Stati Uniti, allo scopo di superare i vincoli imposti dalle limitazioni volontarie delle esportazioni (VER: voluntary export restrictions) nel settore automobilistico, Bloningen (2001) individua una forte correlazione fra il numero delle automobili assemblate e prodotte dal Giappone negli USA grazie agli investimenti diretti, e l esportazione di parti e componenti di veicoli verso il mercato americano. Ancora gli investimenti esteri del Giappone formano oggetto di una ricerca di Bayoumi e Lipworth (1997) relativa ai 20 principali partner commerciali del Paese asiatico, con risultati che evidenziano rapporti positivi con i flussi commerciali, con la specificazione che gli IDE in uscita dal Giappone hanno un effetto temporaneo sulle esportazioni ma un impatto permanente sulle importazioni.

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

Multinazionali: effetti nei paesi di destinazione *

Multinazionali: effetti nei paesi di destinazione * PAROLE CHIAVE Multinazionali: effetti nei paesi di destinazione * Giorgio Barba Navaretti ** Università di Milano e Centro Studi Luca d Agliano, Milano Le multinazionali (MNE) svolgono un ruolo fondamentale

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due decenni più tardi, nel 2001, solo lo 0,98 per cento della popolazione del pianeta risiede ancora nel nostro Paese. La perdita

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli