Limiti di Successione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Limiti di Successione"

Transcript

1 Nicola Rossi Limiti di Successione Argomento di Portfolio IX Ciclo SSIS, Classe A049, Indirizzo F.I.M. A.A. 2008/2009

2 2

3 Introduzione Il concetto di limite è senza dubbio uno dei più importanti di tutta l analisi matematica. Su di esso, infatti, si basa la definizione di continuità di una funzione e di derivata di una funzione. Questo argomento potrebbe essere formulato a partire da concetti molto astratti, tuttavia così facendo c è il rischio di smarrirne l idea intuitiva che, invece, ha una valenza didattica soprattutto al livello di scuola secondaria. La definizione di limite è, genericamente, di difficile acquisizione, per tale motivo spesso (ovviamente questo percorso non è obbligatorio) si preferisce introdurlo nel contesto delle successioni. Lo studio delle successioni e dei limiti di successione è importante anche perché ogni procedura effettiva di calcolo approssimato - da una semplice divisione con quoziente periodico o dal calcolo di una radice quadrata fino ai più sofisticati calcoli con un calcolatore - consiste nella generazione successiva di infiniti valori sempre più vicini a quello che dovrebbe essere il risultato esatto. In questo breve lavoro tratteremo i limiti di successione prima da un punto di vista teorico, ragionando cioè sulle relazioni dei concetti ad esso associati, e, successivamente, analizzando l argomento dal punto di vista didattico. 3

4 4

5 Considerazioni Teoriche Analizziamo in questa sezione gli aspetti teorici su cui dobbiamo sviluppare la nostra didattica. Una successione è una funzione il cui dominio, strettamente parlando, è un sottoinsieme dei naturali N. Senza perdita di generalità ci occuperemo di successioni reali, ossia a valori in R. Il concetto di limite di una successione a n ha a che fare con il comportamento del generico elemento a n quando n è molto grande (nel gergo tecnico, per intendere questo concetto si usa la parola definitivamente ). L idea che andremo a sviluppare sarà quella di prevedere a che numero assomiglierà a n indipendentemente dal valore di n. Partiamo dal concetto di successioni convergenti. La matematica esprime rigorosamente questo concetto attraverso la seguente definizione. Definizione 1. Sia a n una successione reale. Diciamo che essa è infinitesima quando ε > 0 m n m a n ε. Se L è un numero reale, diciamo che la successione a n converge ad L quando la successione a n L è infinitesima, cioè quando ε > 0 m n m a n L ε. Diciamo, infine, che la successione a n converge quando esiste un numero reale al quale a n converge. E importante sottolineare il fatto che fissato cmq un ε > 0 soltanto per un numero finito di indici n è verificata la disuguaglianza a n ε. Chiaramente ogni successione nulla è infinitesima e ogni successione costante è convergente. A questa definizione si accompagna un teorema importante che specifica il termine L, di cui l enunciato si può esprimere come segue. Teorema 1 (di unicità del limite). Sia a n una successione reale convergente a un numero complesso L. Allora la successione a n non converge a nessun altro valore reale. L si chiama limite della successione a n ed il tutto si denota col simbolo 5

6 lim n a n = L. Alla nozione di limite si accompagna il concetto di intorno. Definizione 2. Siano x 0 un numero reale e I un sottoinsieme di R. Diciamo che I è un intorno di x 0 (in R) quando esiste un intervallo, di centro x 0 e non ridotto ad un punto, incluso in I. In termini matematici possiamo affermare che il simbolo lim si può interpretare come il simbolo di una funzione definita nell insieme delle successioni a valori reali, che ad ogni successione di questo tipo associa il suo limite. Ovviamente, data una successione, non sempre esiste il suo limite. In questi caso introduciamo il concetto di successione divergente e di successione oscillante. Definizione 2. Sia a n una successione reale. Diciamo che a n è divergente quando M > 0 m n m a n M. e diciamo che a n è oscillante, o indeterminata, quando non è né convergente né divergente. Per le successioni divergenti useremo il simbolo lim n a n =. Le successioni divergenti rimanda al problema di definire l intorno di. Questo può essere fatto attraverso il concetto di retta estesa. Definizione 3. Chiamiamo retta estesa l insieme definito da R = R. Per intorno di intendiamo un qualunque sottoinsieme I di R il cui complementare sia limitato. Il simbolo viene spesso letto come infinito reale senza segno. Ovviamente se volgiamo tener conto delle due distinte situazioni ± dovremmo ricorrere alle nozioni di intorno per i due singoli casi e parlare di complementari superiormente e inferiormente limitati. Analogamente nella Definizione 2 dovremmo togliere il modulo e distinguere i due casi M > 0 e M < 0. La definizione di limite può essere data in termini di intorni così da comprendere tutte le definizioni finora date. 6

7 Definizione 4. Siano a n una successione reale ed L appartenga a R. Allora diciamo che a n tende a L quando è verificata la condizione seguente: per ogni intorno I di L esiste un numero m tale che per ogni numero n m il valore a n appartenga ad I. Riportiamo di seguito altre definizioni e gli enunciati di altri teoremi più importanti riguardanti le successioni, utili soprattutto nel calcolo dei limiti. Teorema 2 (della linearità): Siano a n e b n due successioni convergenti e c un numero reale. Allora sono convergenti anche le successioni {a n + b n } e c a n e valgono le uguaglianze lim (a n + b n ) = lim a n + lim b n, n n n lim n (c a n ) = c lim n a n. Definizione 5. Se a è un numero reale definiamo se a 0 a + = + a = 7 a = a = a = 0, se a 0 a 0 = = e 0 =. Teorema 3. Siano a n e b n due successioni non oscillanti. Se esse non sono entrambe divergenti si ha lim (a n + b n ) = lim a n + lim b n. n n n Se non avviene contemporaneamente che una delle successioni sia divergente e l altra sia infinitesima si ha lim (a nb n ) = lim a n lim b n. n n n Se n b n 0 e se le due successioni non sono entrambe infinitesime, né entrambe divergenti si ha a n lim = n b n lim a n n lim b n n.

8 Teorema 4 (di limitatezza). Sia a n una successione reale convergente. Allora a n è limitata. Proposizione 1. Se a n è limitata e b n diverge allora la successione somma diverge. Proposizione 2. Se a n è limitata e b n è infinitesima allora la successione prodotto è infinitesima. Teorema 5 (della permanenza del segno). Sia a n una successione reale non oscillante e non infinitesima. Allora se se lim a n > 0 allora m n m a n > 0, n lim a n < 0 allora m n m a n < 0, n Teorema 6 (del confronto). oscillanti, tali che Siano a n e b n due successioni reali non a n b n n. Allora si ha che lim a n lim b n. n n Teorema 7 (dei carabinieri). Siano a n, c n e c n tre successioni reali tali che c n a n c n n. Se le successioni c n e c n convergono a uno stesso limite L, allora anche a n converge a L. E, inoltre, interessante mettere in relazione il concetto di successione convergente e divergente con il concetto di successione limitata o illimitata, mettendo in evidenza la forza di questa parte di teoria. A tal fine si possono enunciare i seguenti teoremi Teorema 8 (di Bolzano-Weierstrass). ogni successione estratta da una successione convergente verso il limite L è ancora convergente verso lo stesso limite. 8

9 Si noti come la proposizione inversa sia falsa a meno che la successione estratta da quella data non si sia ottenuta sopprimendo solo un numero finito di termini. Teorema 9. Ogni successione convergente è limitata Si può mostrare che non vale il viceversa: esistono successioni limitate che non convergono (un contro-esempio è dato dalla successione a n = sin n π 2 abbiamo: ). Ed infine Teorema 10. una successione divergente positivamente (negativamente) non è limitata superiormente (inferiormente). Se, infatti, la successione a n è divergente positivamente allora, per un qualunque numero reale K si ha a n > K, quindi la succ a n non è superiormente limitata. È importante sottolineare, come emerge da quanto detto sopra, che una successione a n non limitata superiormente non è necessariamente divergente positivamente, infatti per una tale successione, ogni numero reale K è superato da qualche termine della successione, ma questo non significa che sia definitivamente a n > K. Oltre al concetto di intorno precedentemente discusso abbiamo quello di punto di accumulazione: Definizione 6. Dato un punto x sulla retta reale R ed un sottoinsieme A di questa retta, si dice che x è un punto di accumulazione per A se ogni intorno di x contiene punti di A distinti da x. Tale concetto, così come quello di intorno, sono utili soprattutto quando si passa allo studio di funzioni. 9

10 10

11 Aspetti Didattici Finora abbiamo richiamato gli argomenti più importanti che riguardano il concetto di limite di successioni. Parlare in questi termini ad una scuola secondaria risulta essere molto astratto. Si pensi ad esempio alla definizione di successione convergente (Def.1): al livello logico-matematico è impeccabile, ma dal punto di vista pratico è poco intuitivo. Inoltre, i concetti stessi di limite e di infinito matematico rappresentano senza dubbio degli ostacoli di tipo epistemologico, a tal punto da richiedere l analisi dettagliata degli argomenti da parte dell insegnante al fine di evitare che negli allievi si creino concezioni errate a riguardo (misconcezioni). Riprendiamo i punti più importanti analizzati nella sezione precedente facendo attenzione agli aspetti didattici. L idea è quella di partire da un esempio concreto, ad esempio dalla successione a n = 1/n 1, 1 2, 1 3, 1 4, 1 5,, 1 n, Tale successione ha per limite 0 al crescere di n. E facile infatti far comprendere che il valore della successione diventa sempre più piccolo e si avvicina a 0 al crescere di n. Infatti diciamo che 1 0 per n. n Dopo il decimo termine tutti i termini sono minori di 1/10, dopo un centesimo tutti i termini sono minori di 1/100 e così via. Nessun termine sarà effettivamente nullo ma ci si rende conto che, se si va abbastanza lontano, i termini differiranno da 0 tanto poco quanto si vuole. Occorre chiarire con precisione queste espressioni. Aiutiamoci a tal fine con una rappresentazione geometrica. Fissiamo su una retta un intervallo unitario e ai suoi estremi riportiamo i numeri 0 ed 1. I termini della successione saranno tutti punti che si addenseranno verso lo 0. A questo punto possiamo scegliere un segmento di lunghezza 2ε centrato in 0. Se ε = 1 allora tutti i punti saranno all interno di questo segmento, ma se ε = 1/10 allora solo i punti fino a partire da 1/11 saranno all interno. Analogamente accade se si sceglie ε = 1/100 e così via. In generale diremo che, fissato ε = 1/m, ogni termine della successione n m apparterrà all intervallo di ampiezza 2ε e soltanto un numero finito di 11

12 termini m 1 può cadere all esterno. Quindi prima si può scegliere ε, non importa quanto piccolo, poi si stabilisce quale sia il corrispondente m oltre il quale i termini della successioni differiscono da 0 meno del valore scelto. Da qui segue il significato della relazione di limite (cfr Definizione 1). Si possono fare molti altri esempi di questo tipo, come la successione a n = n n + 1, lim a n = 1. n Ciò che bisogna trasmettere è che non possiamo avere un idea dinamica del limite, perché non siamo in grado di controllare gli infiniti termini della successione, ma bisogna trovare l esistenza di una regola che ci permette di fare la distanza tra il limite e un termine della successione piccolo quanto si vuole. E importate osservare che non necessariamente tutti i termini della successione debbano essere differenti: alcuni, e perfino tutti, potrebbero essere uguali. Ad esempio, potremmo avere, per ogni n potremmo avere a n = L, cioè ogni termine della successione coincide con il valore del limite stesso. A questo punto è necessario insistere su alcuni esempi tipici che lascino comprendere cosa si intende per successione convergente, divergente e oscillate. Ad esempio, si potrebbe proporre, rispettivamente: a n = n 1 + n 2, b n = 1 + n3 1 + n 2, c n = ( 1) n. L errore tipico che si può commette in questa fase è quello di sostituire direttamente n = nel termine della successione. Per esempio, 1/n 0 perché 1/ = 0. Occorre stare attenti, perché non è un numero. Pensare che n = sia l ultimo termine della successione può essere fuorviante, soprattutto quando ci si imbatte in una forma indeterminata. Per tale motivo è necessario presentare esempi scelti su misura, sulla base di quelli visti, che possano costituire per lo studente dei veri e propri incontri cruciali atti a suscitare nello stesso sorprese produttive con i suoi caratteri previsionale, metaforico e formale. Il conseguimento del concetto di limite, per tale ragione, deve avvenire attraverso giuste sollecitazioni che possono contribuire alla formazione di immagini mentali sempre più organiche e complete. 12

13 Di particolare interesse risultano essere le successioni monotone crescenti e decrescenti. Tali successioni tendono al limite avvicinandosi da una sola parte. Si dimostra che una successione monotona superiormente o inferiormente limitata è convergente. Il teorema afferma che il limite esiste e dipende fortemente dall introduzione dei numeri irrazionali, senza i quali non sarebbe sempre vero. Infatti, si dimostra che ogni numero irrazionale è il limite di una successione monotona crescente e limitata di frazioni decimali razionali, ottenute troncando all n-esima cifra un certo numero decimale infinito. Ecco che il concetto di limite risulta fondamentale in matematica proprio per il fatto che molti numeri sono definiti soltanto come limiti. Questo aspetto, molto importante, può contribuire alla comprensione profonda dell insieme numerico degli irrazionali e, più in generale, dei reali. A tale proposito si possono introdurre i numeri e e π come limiti di successioni monotone. Per quanto riguardo e si può pensare ad una legge fisica in cui la variazione istantanea di una quantità osservabile è proporzionale alla quantità stessa, come ad esempio alla scarica di un condensatore, in cui la variazione di carica è ΔQ t ~Q t. Scrivendo ΔQ t = Q t + Δt Q(t) ed iterando si arriva alla definizione del numero di Nepero e = lim n n n. Per quanto riguarda π, esso può essere ottenuto approssimando la circonferenza con poligoni regolari, o tramite il limite delle somme parziali (Eulero) n π = lim ( 1) n 1. n 2n + 1 k=0 Con questo ultimo esempio abbiamo implicitamente introdotto il concetto di serie convergente. Infatti, le serie stesse sono riconducibili a limiti di successioni si somme parziali s n. A tal proposito si può presentare l esempio della serie n=0 1 2 n = 2. 13

14 Il risultato di questa serie, oltre ad essere mostrato come il limite della somma parziale per una serie geometrica, può essere mostrato anche graficamente attraverso un disegno che mostri la somma degli infiniti termini, come nell immagine seguente Se il triangolo più grande misura 1, allora il quadrato misura 2 ed la somma degli infiniti triangoli che rappresentano tutti i termini della suddetta serie. I limiti di successioni sono legati anche agli integrali. A tal riguardo è interessante osservare come, applicando il metodo di esaustione, l integrale della parabola y = x 2 nell intervallo (0,1) sia riconducibile al limite della succesione a n = 1 + n (1 + 2n) 6n 2, Che converge, appunto, a 1/3. Analogamente si può dimostrare che il volume della piramide è un terzo del prodotto tra la superficie di base e l altezza, il tutto immaginando la piramide come il limite di tanti parallelogrammi di superficie decrescente sovrapposti. Esempi di questo tipo, oltre a sviluppare la creatività dell allievo, giocano un ruolo importante per quanto riguarda l affettività verso la matematica, stimolando la curiosità e l interesse verso tale disciplina. Nelle dimostrazioni dei teoremi della sezione precedente occorre evidenziare il cosiddetto albero deduttivo la cui unità di base dallo schema ternario seguente: 14

15 Consideriamo, ad esempio la dimostrazione del teorema 7 della sezione precedente. Dimostrazione (Teorema 7). Dalla definizione di limite di una successione, si ricava che per ogni ε > 0 esistono N, N tali che L ε < a n < L + ε L ε < c n < L + ε n > N n > N Quindi per ogni n maggiore di M = max{n,n } si ottiene che Quindi per ogni ε > 0 esite M tale che L ε < a n b n c n < L + ε L ε < b n < L + ε n > M In altre parole, la successione b n tende ad L. L albero deduttivo di questa dimostrazione è dato dal seguente schema. 15

16 16

17 Di interesse didattico risultano infine essere le successioni per ricorrenza come ad esempio la celeberrima successione di Fibonacci che ha importanza rilevante nella modellizzazione matematica dei processi biologici. Si può ad esempio mostrare come il limite del rapporto a n /a n+1 di tale successione converga ad una costante chiamata sezione aurea. 17

18 Riferimenti Bibliografici [1] Gianni Gilardi, Analisi Uno. McGraw-Hill, Milano [2] Richard Courant e Herbert Robbins, Che cos è la matematica? Universale Bollati Boringhieri, Torino [3] Lorenzo Bencini, Complementi di matematica. Editrice Ferraro, Napoli [4] C.D. Pagani e S. Salsa, Analisi Matematica (Volume 1). Zanichelli, Bologna

Matematica generale CTF

Matematica generale CTF Successioni numeriche 19 agosto 2015 Definizione di successione Monotonìa e limitatezza Forme indeterminate Successioni infinitesime Comportamento asintotico Criterio del rapporto per le successioni Definizione

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE La sequenza costituisce un esempio di SUCCESSIONE. Ecco un altro esempio di successione: Una successione è dunque una sequenza infinita di numeri reali (ma potrebbe

Dettagli

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari Serie numeriche Definizioni e proprietà elementari Sia { } una successione, definita per ogni numero naturale n n. Per ogni n n, consideriamo la somma s n degli elementi della successione di posto d s

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Definizione: Si chiama successione numerica una funzione definita su IN a valori in IR, cioè una legge che associa ad ogni intero n un numero reale a n. Per abuso di linguaggio, si

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Una funzione reale di una variabile reale f di dominio A è una legge che ad ogni x A associa un numero reale che denotiamo con f(x). Se A = N, la f è detta successione di numeri reali.

Dettagli

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE Il limite di una funzione è uno dei concetti fondamentali dell'analisi matematica. Tramite questo concetto viene formalizzata la nozione di funzione continua e

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Serie numeriche

Corso di Analisi Matematica Serie numeriche Corso di Analisi Matematica Serie numeriche Laurea in Informatica e Comunicazione Digitale A.A. 2013/2014 Università di Bari ICD (Bari) Analisi Matematica 1 / 25 1 Definizione e primi esempi 2 Serie a

Dettagli

CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE. lim a n = 0. (1) s n+1 = s n + a n+1. (2) CRITERI PER LE SERIE A TERMINI NON NEGATIVI

CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE. lim a n = 0. (1) s n+1 = s n + a n+1. (2) CRITERI PER LE SERIE A TERMINI NON NEGATIVI Il criterio più semplice è il seguente. CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE Teorema(condizione necessaria per la convergenza). Sia a 0, a 1, a 2,... una successione di numeri reali. Se la serie a k è convergente,

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k Capitolo 4 Serie numeriche 4. Serie convergenti, divergenti, indeterminate Data una successione di numeri reali si chiama serie ad essa relativa il simbolo u +... + u +... u, u 2,..., u,..., (4.) oppure

Dettagli

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3 CAPITOLO 3 Successioni e serie 3. Successioni Un caso particolare di applicazione da un insieme numerico ad un altro insieme numerico è quello delle successioni, che risultano essere definite nell insieme

Dettagli

SERIE NUMERICHE. prof. Antonio Greco 6-11-2013

SERIE NUMERICHE. prof. Antonio Greco 6-11-2013 SERIE NUMERICHE prof. Antonio Greco 6--203 Indice Motivazioni........... 3 Definizione........... 3 Errore tipico........... 3 Un osservazione utile...... 3 Condizione necessaria...... 4 Serie armonica.........

Dettagli

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI Abbiamo studiato successioni e serie numeriche, ora vogliamo studiare successioni e serie di funzioni. Dato un insieme A R, chiamiamo successione di funzioni

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

5. La teoria astratta della misura.

5. La teoria astratta della misura. 5. La teoria astratta della misura. 5.1. σ-algebre. 5.1.1. σ-algebre e loro proprietà. Sia Ω un insieme non vuoto. Indichiamo con P(Ω la famiglia di tutti i sottoinsiemi di Ω. Inoltre, per ogni insieme

Dettagli

I appello - 26 Gennaio 2007

I appello - 26 Gennaio 2007 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Informatica e delle Telecom. A.A.006/007 I appello - 6 Gennaio 007 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. (N.B. il quesito teorico è obbligatorio)

Dettagli

Intorni Fissato un punto sull' asse reale, si definisce intorno del punto, un intervallo aperto contenente e tutto contenuto in

Intorni Fissato un punto sull' asse reale, si definisce intorno del punto, un intervallo aperto contenente e tutto contenuto in Intorni Fissato un punto sull' asse reale, si definisce intorno del punto, un intervallo aperto contenente e tutto contenuto in Solitamente si fa riferimento ad intorni simmetrici =, + + Definizione: dato

Dettagli

Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale

Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale Roberto Boggiani Versione 4.0 9 dicembre 2003 1 Esempi che inducono al concetto di ite Per introdurre il concetto di ite consideriamo i seguenti

Dettagli

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana Schemi delle Lezioni di Matematica Generale Pierpaolo Montana A volte i fenomeni economici che ci interessano non variano con continuitá oppure non possono essere osservati con continuitá, ma solo a intervalli

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi (Criterio del rapporto.) Consideriamo la serie a (.) a termini positivi (ossia a > 0, =, 2,...). Supponiamo che esista il seguente ite a +

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Integrali di Riemann e di Cauchy

Integrali di Riemann e di Cauchy Integrali di Riemann e di Cauchy Gianni Gilardi Pavia, 14 novembre 1997 L integrale nell ambito delle teorie di Riemann e di Cauchy, fra loro equivalenti, può essere introdotto in vari modi e queste pagine

Dettagli

NUMERI E SUCCESSIONI

NUMERI E SUCCESSIONI NUMERI E SUCCESSIONI Giovanni Maria Troianiello 1 Notazioni insiemistiche. Numeri naturali, interi, razionali Notazioni insiemistiche Si sa cosa s intende quando si parla di insieme (o famiglia, o classe)

Dettagli

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:...

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:... Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8 Cognome:................ Nome:................ Matricola:................ (Dare una dimostrazione esauriente di tutte le

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

Quesiti di Analisi Matematica A

Quesiti di Analisi Matematica A Quesiti di Analisi Matematica A Presentiamo una raccolta di quesiti per la preparazione alla prova orale del modulo di Analisi Matematica A. Per una buona preparazione é consigliabile rispondere ad alta

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente: Klaus Engel. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente: Klaus Engel. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12 Appunti di Analisi Matematica Docente: Klaus Engel Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. / http://univaq.it/~engel ( = %7E) (Versione del 4 dicembre ) Note scritte in collaborazione

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 2. Insiemi numerici A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 INSIEMI NUMERICI rappresentano la base su cui la matematica si è sviluppata costituiscono le tappe

Dettagli

Premesse alla statistica

Premesse alla statistica Premesse alla statistica Versione 22.10.08 Premesse alla statistica 1 Insiemi e successioni I dati di origine sperimentale si presentano spesso non come singoli valori, ma come insiemi di valori. Richiamiamo

Dettagli

Alcuni complementi sulle successioni

Alcuni complementi sulle successioni Alcuni complementi sulle successioni 1 (Teorema del confronto) Siano {a n } e {b n } due successioni regolari tali che si abbia a n b n n N. (1) Allora: a n b n. (2) Dim. Sia L = a n ed L = b n. Se L =

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

1. Limite finito di una funzione in un punto

1. Limite finito di una funzione in un punto . Limite finito di una funzione in un punto Consideriamo la funzione: f ( ) = il cui dominio risulta essere R {}, e quindi il valore di f ( ) non è calcolabile in =. Quest affermazione tuttavia non esaurisce

Dettagli

2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive

2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive 2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive Il procedimento costruttivo dato dal teorema di ricorsione suggerisce due fatti importanti. Una buona definizione ricorsiva deve essere tale da garantire

Dettagli

Ancora sugli insiemi. Simbologia

Ancora sugli insiemi. Simbologia ncora sugli insiemi Un insieme può essere specificato in vari modi; il più semplice è fare un elenco dei suoi elementi. d esempio l insieme delle nostre lauree triennali è { EOOM, EON, EOMM, EOMK EOTU}

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

1 Serie di Taylor di una funzione

1 Serie di Taylor di una funzione Analisi Matematica 2 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 7 SERIE E POLINOMI DI TAYLOR Serie di Taylor di una funzione. Definizione di serie di Taylor Sia f(x) una funzione definita

Dettagli

Studio di una funzione ad una variabile

Studio di una funzione ad una variabile Studio di una funzione ad una variabile Lo studio di una funzione ad una variabile ha come scopo ultimo quello di pervenire a un grafico della funzione assegnata. Questo grafico non dovrà essere preciso

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013 Corso di laurea in Ingegneria Industriale Corso di Analisi Matematica I (A-E) (Prof. A.Villani) Elenco delle dimostrazioni che possono essere richieste

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Successioni ricorsive

Successioni ricorsive Capitolo 1 Successioni ricorsive Un modo spesso usato per assegnare una successione è quello ricorsivo che consiste nell assegnare alcuni termini iniziali (il primo, oppure i primi due, oppure i primi...

Dettagli

Programma precorso di matematica

Programma precorso di matematica Programma precorso di matematica a.a. 015/16 Quello che segue è il programma dettagliato del precorso. Si fa riferimento al testo [MPB] E. Acerbi, G. Buttazzo: Matematica Preuniversitaria di Base, Pitagora

Dettagli

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2)

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Algebra e Geometria Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Traccia delle lezioni che saranno svolte nell anno accademico 2012/13 I seguenti appunti

Dettagli

8. Serie numeriche Assegnata la successione di numeri complessi {a 1, a 2, a 3,...} si considera con il nome di serie numerica.

8. Serie numeriche Assegnata la successione di numeri complessi {a 1, a 2, a 3,...} si considera con il nome di serie numerica. 8. Serie numeriche Assegnata la successione di numeri complessi {a 1, a 2, a 3,...} si considera con il nome di serie numerica la nuova successione {s n } definita come s 1 = a 1, s 2 = a 1 + a 2, s 3

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

La misura degli angoli

La misura degli angoli La misura degli angoli In questa dispensa introduciamo la misura degli angoli, sia in gradi che in radianti, e le formule di conversione. Per quanto riguarda l introduzione del radiante, per facilitarne

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

Sui concetti di definizione, teorema e dimostrazione in didattica della matematica

Sui concetti di definizione, teorema e dimostrazione in didattica della matematica Liceo Scientifico Statale P. Paleocapa, Rovigo XX Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica 19 marzo 2010 Sui concetti di definizione, teorema e dimostrazione in didattica della matematica Prof.

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Le derivate versione 4

Le derivate versione 4 Le derivate versione 4 Roberto Boggiani 2 luglio 2003 Riciami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo ce dati due punti del piano A(x, y ) e B(x 2, y 2 ) con x x 2 la retta

Dettagli

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento

Funzione Una relazione fra due insiemi A e B è una funzione se a ogni elemento di A si associa uno e un solo elemento TERIA CAPITL 9. ESPNENZIALI E LGARITMI. LE FUNZINI Non si ha una funzione se anche a un solo elemento di A non è associato un elemento di B, oppure ne sono associati più di uno. DEFINIZINE Funzione Una

Dettagli

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alberto Pinto Corso di Matematica - NUCT 1 Insiemi 1.1 Generalità Diamo la definizione di insieme secondo Georg Cantor, matematico

Dettagli

Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA

Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA 1 1.4 Serie in campo complesso 1.4.1 Serie di potenze Una serie di potenze è una serie del tipo a k (z z 0 ) k. Per le serie di potenze in campo complesso valgono teoremi analoghi

Dettagli

Successioni di funzioni reali

Successioni di funzioni reali E-school di Arrigo Amadori Analisi I Successioni di funzioni reali 01 Introduzione. In questo capitolo applicheremo i concetti di successione e di serie alle funzioni numeriche reali. Una successione di

Dettagli

1. Distribuzioni campionarie

1. Distribuzioni campionarie Università degli Studi di Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale - a.a. 2012/2013 lezioni di statistica del 3 e 6 giugno 2013 - di Massimo Cristallo - 1. Distribuzioni campionarie

Dettagli

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica 1 Massimi e minimi delle funzioni di più variabili Indice 1 Massimi e minimi liberi 1 Massimi e minimi vincolati 7 3 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA ATTIVITÀ DI ANALISI QUESITI INVALSI GRUPPO DI LAVORO DI PARMA Coordinamento prof. P. VIGHI ANALISI QUESITI RELATIVI A: FASCICOLO somministrato nella 2^ classe PRIMARIA a.s. 2013-2014 FASCICOLO somministrato

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 2 Rappresentazione delle informazioni: numeri e caratteri 1 Codice La relazione che associa ad ogni successione ben formata di simboli di

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI

CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI Come abbiamo visto, su ogni unità statistica si rilevano una o più informazioni di interesse (caratteri). Il modo in cui un carattere si manifesta in un unità statistica è

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE MULTIPLE E TEOREMI ASSOCIATI. Dopo aver trattato delle distribuzioni di probabilità di una variabile aleatoria, che

VARIABILI ALEATORIE MULTIPLE E TEOREMI ASSOCIATI. Dopo aver trattato delle distribuzioni di probabilità di una variabile aleatoria, che VARIABILI ALATORI MULTIPL TORMI ASSOCIATI Fonti: Cicchitelli Dall Aglio Mood-Grabill. Moduli 6 9 0 del programma. VARIABILI ALATORI DOPPI Dopo aver trattato delle distribuzioni di probabilità di una variabile

Dettagli

Capitolo 2. Operazione di limite

Capitolo 2. Operazione di limite Capitolo 2 Operazione di ite In questo capitolo vogliamo occuparci dell operazione di ite, strumento indispensabile per scoprire molte proprietà delle funzioni. D ora in avanti riguarderemo i domini A

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello V. M. Abrusci 12 ottobre 2015 0.1 Problemi logici basilari sulle classi Le classi sono uno dei temi della logica. Esponiamo in questa

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

Questionario per casa 6 Febbraio 2012

Questionario per casa 6 Febbraio 2012 1 Il numero 4 2004 + 2 4008 è uguale a a) 4 4012 b) 4 4008 c) 4 2004 d) 2 4009 e) 2 2012 Questionario per casa 6 Febbraio 2012 2 La statura media dei 20 studenti di una certa classe è 163,5 cm. Se ciascuno

Dettagli

1. I limiti delle funzioni.

1. I limiti delle funzioni. 1. I iti delle funzioni. 1.1. Considerazioni introduttive. La nozione di ite di una funzione reale di variabile reale costituisce una naturale generalizzazione della nozione di ite di una successione.

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

E naturale chiedersi alcune cose sulla media campionaria x n

E naturale chiedersi alcune cose sulla media campionaria x n Supponiamo che un fabbricante stia introducendo un nuovo tipo di batteria per un automobile elettrica. La durata osservata x i delle i-esima batteria è la realizzazione (valore assunto) di una variabile

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16)

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16) Diario del corso di Analisi Matematica (a.a. 205/6) 4 settembre 205 ( ora) Presentazione del corso. 6 settembre 205 (2 ore) Numeri naturali, interi, razionali, reali. 2 non è razionale. Introduzione alle

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SERIE DI FOURIER. poi più in generale la somma dei termini da 0 ad n (che chiamerò s n )

INTRODUZIONE ALLE SERIE DI FOURIER. poi più in generale la somma dei termini da 0 ad n (che chiamerò s n ) INTRODUZIONE ALLE SERIE DI FOURIER. Definizione di Serie Data una successione di numeri reali a k posso considerare la somma dei numeri da 0 a 5 (che chiamerò s 5 ): 5 s 5 = a k = a 0 + a + a + a 3 + a

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito I fenomeni energetici connessi al passaggio della corrente in un circuito, possono essere distinti

Dettagli

7 - Esercitazione sulle derivate

7 - Esercitazione sulle derivate 7 - Esercitazione sulle derivate Luigi Starace gennaio 0 Indice Dimostrare il teorema 5.5.3.a................................................b............................................... Dimostrazioni.a

Dettagli

I L R A P P O RT O F R A G R A N D E Z Z E

I L R A P P O RT O F R A G R A N D E Z Z E I L R A P P O RT O F R A G R A N D E Z Z E lorenzo pantieri Giugno 2007 indice 1 Congruenza fra segmenti 1 2 Somma fra lunghezze 1 3 Multiplo e sottomultiplo di una lunghezza 2 4 Relazione di ordine (stretto)

Dettagli

Funzioni. Il concetto di funzione nasce da quello di corrispondenza fra grandezze. Tale corrispondenza può essere data in svariati modi:

Funzioni. Il concetto di funzione nasce da quello di corrispondenza fra grandezze. Tale corrispondenza può essere data in svariati modi: Funzioni Il concetto di funzione nasce da quello di corrispondenza fra grandezze. Tale corrispondenza può essere data in svariati modi: da un rilevamento empirico da una formula (legge) ESEMPI: 1. la temperatura

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Alcune nozioni di base di Logica Matematica

Alcune nozioni di base di Logica Matematica Alcune nozioni di base di Logica Matematica Ad uso del corsi di Programmazione I e II Nicola Galesi Dipartimento di Informatica Sapienza Universitá Roma November 1, 2007 Questa é una breve raccolta di

Dettagli

Corso di Calcolo Numerico

Corso di Calcolo Numerico Corso di Calcolo Numerico Dott.ssa M.C. De Bonis Università degli Studi della Basilicata, Potenza Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Sistemi di Numerazione Sistema decimale La

Dettagli

Capitolo 2. Serie Numeriche

Capitolo 2. Serie Numeriche Capitolo 2 Serie Numeriche Iniziamo ricordando la nozione di successione e le operazioni definibili tra successioni. Questo permetterà di poter definire, con una certa semplicità la nozione di somma infinita

Dettagli