PROGRESSIONI ARITMETCHE E GEOMETRICHE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRESSIONI ARITMETCHE E GEOMETRICHE"

Transcript

1 PROGRESSIONI ARITMETCHE E GEOMETRICHE Prof. Domenico RUGGIERO In questa trattazione, esponiamo i pricipali concetti ed applicazioni di particolari successioni meglio note come progressioni (aritmetiche e geometriche). Pertanto il lettore non può esimersi dall'aver già noti i concetti seguenti legati alle successione numeriche: denizione di successione numerica, proprietà delle successioni, limite di una successione, carattere di una successione, successioni denite per ricorrenza (tra cui rientrano le progressioni). Oltre a denire le progressioni, contiamo di dare i principali risultati ad esse legati nonché le principali applicazioni. Approttando dell'applicazione della somma dei termini di una progressione geometrica, che conduce alla serie geometrica, diamo anche la denizione di serie numerica quale una particolare successione. 1

2 Indice 1 Le progressioni aritmetiche 3 Le progressioni geometriche 8 3 Una particolare successione: la serie 1 4 La serie geometrica 13 5 Esempi, problemi, applicazioni ed esercizi riepilogativi Frazione generatrice di un numero periodico I paradossi di Zenone La sezione aurea Esercizi e problemi di riepilogo

3 1 Le progressioni aritmetiche Consideriamo la successione {a n } i cui primi termini sono i seguenti:, 5, 8, 11, 14, 17, 0, 3, 6,... Si nota subito che ciascun termine è ottenuto dal precedente aggiungendovi 3 ovvero che due termini consecutivi dieriscono proprio di 3. Volendo calcolare il successivo di 6, si ha che esso è = 9 e così via. La successione, appena esaminata, è una progressione aritmetica di ragione 3 nel senso della seguente denizione. DEFINIZIONE 1.1 Si denisce progressione aritmetica una successione numerica {a n } in cui è costante la dierenza tra un elemento e il suo predecessore; in simboli La costante d è detta ragione. a n a n 1 = d n N (n > 1) Osservazione 1.1 Supponiamo nel seguito che sia d 0 in quanto il caso d = 0 è poco signicativo poiché porta a considerare una successione costante. Inoltre, dalla denizione, si evince che una progressione aritmetica è una successione denita per ricorrenza nel modo seguente: a n = a n 1 + d ssati l'elemento iniziale a 1 (o a 0 ) e la ragione d. Per indicare che i numeri a 1, a,..., a n,... sono in progressione aritmetica ovvero che la successione {a n } è una progressione aritmetica, utilizziamo una delle notazioni seguenti a 1, a,..., a n,...; {a n }. Per semplicità, indichiamo il primo termine di una progressione {a n } con a 1 (anche nel seguito nel trattare le progressioni geometriche). 3

4 Esempio 1.1 La successione 4, 0, 4, 8, 1, 16,... è una progressione aritmetica di ragione d = 4 come si calcola eseguendo la dierenza tra due elementi consecutivi. Consideriamo una progressione {a n } di ragione d in cui il primo elemento è a 1. Risulta: a = a 1 + d a 3 = a + d = (a 1 + d) + d = a 1 + d a 4 = a 3 + d = (a 1 + d) + d = a 1 + 3d.. a n = a n 1 + d =...(shiftando all'indietro di n posizioni)... = = (a 1 + d) + (n )d = a 1 + (n 1)d Abbiamo, pertanto, provato il seguente risultato. PROPOSIZIONE 1.1 Data una progressione aritmetica {a n } di ragione d, si ha: a n = a 1 + (n 1)d (1.1) Osservazione 1. Se l'indice n parte da 0 ovvero se il primo elemento della progressione è a 0, la (1.1) si scrive come a n = a 0 + nd Inoltre, se non si conosce a 1 ma si conoscono a r ed a s elementi di {a n } (s > r), sostituendo nella (1.1) r in luogo di 1 ed (s r + 1) in luogo di n, si prova che a s = a r + (s r)d (1.) Gli esempi seguenti chiariscono meglio i concetti esposti. 4

5 Esempi Si consideri progressione aritmetica, di ragione d = 3, il cui primo termine è a 1 = 5. Calcolare a 1. Risulta, applicando la (1.1), a 1 = = = 5. Della progressione aritmetica {a n }, di ragione d =, è noto l'elemento a 5 = 4. Calcolare a 11. Applicando la (1.), si ha: a 11 = 4 + (11 5)( ) = 4 1 = 8 Somma dei primi n termini di una progressione aritmetica. Proponiamoci, adesso, di calcolare la somma dei primi n termini di una progressione aritmetica {a n }. Indicata con S n tale somma, risulta Notiamo che S n = a 1 + a +...a n 1 + a n e, in generale, a 1 + a n = a 1 + (n 1)d = a + a n 1 = a 3 + a n a 1 + a n = a 1 + (n 1)d = a k + a n k+1 (1 < k < n) ovvero la somma di due termini equidistanti dagli estremi è uguale alla somma di questi ultimi. Dunque, per ottenere S n bisogna sommare la quantità a 1 + a n in numero n/ di addendi ottenendo S n = (a 1 + a n ) n Abbiamo, pertanto, provato il risultato seguente. 5

6 PROPOSIZIONE 1. Data una progressione aritmetica {a n }, la somma S n dei primi n termini è data da S n = n(a 1 + a n ) (1.3) La formula (1.3) ricorda l'area di un trapezio. Infatti, con riferimento alla gura seguente (gura 1), possiamo dire che la somma S n è il numero di pallini neri contenuti nel trapezio rettangolo di basi a 1 ed a n e di altezza n (la gura fa riferimento all'esempio di una progressione aritmetica di ragione d =, a 1 = 3, n = 5). Figura 1: rappresentezione della somma dei primi n termini di una progressione aritmetica. Esempi Calcolare la somma dei primi n numeri naturali. Indicata con S n tale somma, risulta, applicando la (1.3), essendo a 1 = 1, a n = n. S n = n(n + 1) 6

7 . Calcolare la somma S n dei primi n numeri dispari. In questo caso, a 1 = 1, a n = 1 + (n 1) in quanto la progressione aritmetica ha ragione. Applicando la (1.3), si ha: S n = n( n ) = n = n 3. Calcolare la somma S n dei primi n numeri pari. In questo caso, a 1 = 0, a n = 0 + (n 1) = (n 1) in quanto la progressione aritmetica ha ragione. Applicando la (1.3), si ha: S n = n (n 1) = n(n 1) 4. Calcolare la soma S 10 dei termini della progressione aritmetica, di ragione d = 4, successivi all'elemento. Posto a 1 =, risulta a 10 = a 1 + (10 1)d = + 36 = 38 cosicché, applicando ancora la (1.3), si ha: S 10 = 10( + 38) = 00 Inserimento di k medi in progressione aritmetica tra due elementi. Considerati due numeri reali α, β (α < β), vogliamo inserire, tra questi, k elementi x 1, x,..., x k in progressione aritmetica. Ciò che vogliamo fare è scrivere gli elementi a 1 = α, a = x 1, a 3 = x 3, a k+1 = x k, a k+ = β della successione {a n }. Per la (1.1), si ha: a k+ = a 1 + (k + 1)d ovvero β = α + (k + 1)d da cui si ottiene la ragione d data da d = β α k + 1 Ne segue, x 1 = α + d, x = x 1 + d = α + d,..., x k = x k 1 + d = α + kd 7 (1.4)

8 Osservazione 1.3 Si noti che, per k = 1, si ottiene l'inserimento del medio x tra i numeri α e β che rappresenta proprio la loro media aritmetica. Esempio 1.4 Inserire 4 elementi in progressione aritmetica tra i numeri e 1. Per la (1.4), si ha: cosicché, i numeri cercati, sono: d = = 3 5 x 1 = + d = 7 4 x = x 1 + d = = 3 0 x 3 = x + d = = 11 0 x 4 = x 3 + d = = 1 0 Le progressioni geometriche Consideriamo la successione {a n },, 10, 50, 50, 150, 650,... in cui il rapporto tra un elemento e il suo predecessore è costante avendosi a n a n 1 = 5. Una successione di questo tipo è detta progressione geometrica di ragione ρ = 5 nel senso della seguente denizione. DEFINIZIONE.1 Si denisce progressione geometrica una successione numerica {a n } in cui è costante il rapporto tra un elemento e il suo predecessore; in simboli a n = ρ n N (n > 1) a n 1 La costante ρ è detta ragione. 8

9 Osservazione.1 Supponiamo nel seguito che sia d 0 d 1 in quanto i casi d = 0 e d = 1 sono poco signicativi poiché portano a considerare una successione di elementi quasi tutti nulli o una successione costante. Inoltre, dalla denizione, si evince che una progressione geometrica è una successione denita per ricorrenza nel modo seguente: a n = a n 1 ρ ssati l'elemento iniziale a 1 (o a 0 ) e la ragione ρ. Per indicare che i numeri a 1, a,..., a n,... sono in progressione geometrica ovvero che la successione {a n } è una progressione geometrica, utiliizziamo una delle notazioni seguenti: a 1, a,..., a n,...; {a n }. Esempio.1 La successione 1/, 1/4, 1/8, 1/16, 1/3, 1/64,... è una progressione geometrica di ragione ρ = 1/ come si calcola eseguendo il rapporto tra un elemento e il suo predecessore. Consideriamo una progressione {a n } di ragione ρ in cui il primo elemento è a 1. Risulta: a = a 1 ρ a 3 = (a ρ)ρ = a 1 ρ a 4 = a 3 ρ = (a 1 ρ ) = a 1 ρ 3 d.. a n = a n 1 ρ =...(shiftando all'indietro di n posizioni)... = = (a 1 d)ρ n = a 1 ρ n 1 Abbiamo, pertanto, provato il seguente risultato. PROPOSIZIONE.1 Data una progressione geometrica {a n } di ragione ρ, si ha: a n = a 1 ρ n 1 (.1) 9

10 Osservazioni. Se l'indice n parte da 0 ovvero se il primo elemento della progressione è a 0, la (.1) si scrive come a n = a 0 ρ n Inoltre, se in una progressione geometrica non si conosce a 1 ma si conoscono a r ed a s elementi di {a n } (s > r), sostituendo nella (.1) r in luogo di 1 ed (s r + 1) in luogo di n, si dimostra che a s = a r ρ s r (.) Esempi. 1. Si consideri progressione geometrica, di ragione ρ =, il cui primo termine è a 1 = 1. Calcolare a 11. Risulta, applicando la (.1), a 11 = ( 1)( ) 10 = 10 = 104. Della progressione geometrica {a n }, di ragione ρ =, è noto l'elemento a 5 = 4. Calcolare a 10. Applicando la (.), si ha: a 10 = 4() 10 5 = 4() 5 = 7 = 18 Prodotto dei primi n termini di una progressione geometrica. Proponiamoci, adesso, di calcolare il prodotto dei primi n termini di una progressione geometrica {a n }. Per una progressione geometrica, di ragione ρ > 1, si può determinare una formula per il calcolo del prodotto dei primi n termini. Indicato con P n tale prodotto, risulta P n = a 1 a a 3...a n 3 a n 1 a n da cui, invertendo completamente l'ordine dei fattori, P n = a n a n 1 a n...a 3 a a 1 10

11 Moltiplicando le ultime due relazioni, si ha: P n = (a 1 a n )(a a n 1 )(a 3 a n )...(a n 3 a 3 )(a n 1 a )(a n a 1 ) Il prodotto (a 1 a n )(a n a 1 ) = (a 1 a n ) degli estremi al secondo membro dell'ultima relazione scritta è uguale al prodotto di ogni coppia di fattori equidistanti dagli estremi avendosi (a 1 a n ) = a 1(a 1 q n 1 ) = (a k a n k+1 ) per cui P n è il prodotto, n volte, degli estremi appunto ovvero P n = (a 1 a n ) n da cui P n = (a 1 a n ) n Abbiamo, pertanto, provato il risultato seguente. PROPOSIZIONE. Data una progressione geometrica {a n }, il prodotto P n, dei primi n termini, è dato da P n = (a 1 a n ) n (.3) Inserimento di k medi geometrici tra due estremi. Considerati due numeri reali α, β (α < β), vogliamo inserire, tra questi, k elementi x 1, x,..., x k in progressione geometrica. Ciò che vogliamo fare è scrivere gli elementi a 1 = α, a = x 1, a 3 = x 3, a k+1 = x k, a k+ = β della successione {a n }. Per la (.1), si ha: a k+ = a 1 ρ k+ 1 ovvero β = αρ k+1 da cui si ottiene la ragione ρ: data da ρ = k+1 β α (.4) Ne segue, x 1 = αρ, x = x 1 ρ = αρ,..., x k = x k 1 ρ = αρ k Si noti che, nel caso di k =, l'elemento inserito è proprio la media geometrica di α e β. 11

12 3 Una particolare successione: la serie Sia {a n } una sucessione numerica (n = 0, 1,, 3, 4,...) e costruiamo una successione S n di cui ogni elemento è ottenuto sommando i primi n termini di {a n }: S 0 = a 0, s 1 = a 0 + a 1 = s 0 + a 1, s n = a 0 + a a n = n a k = s n 1 + a n Il carattere della successione delle somme {S n }), si ottiene come per qualsiasi successione ovvero calcolando e si indica anche come lim S n = lim n n Formalizziamo la denizione di serie. a k k=0 DEFINIZIONE 3.1 Si denisce serie numerica o, semplicemente, serie la coppia di successioni ({a n }, {S n }) che si indica col simbolo n=0 dove a n è detto termine generico della serie mentre le S n si chiamano somme parziali o ridotte della serie. Il carattere della serie dipende, dunque, dal limite delle ridotte e si ha: lim S n = S < = serie convergente che ha S come somma n a n n k=0 a k lim S n = ± = serie divergente n k=0 lim S n non esiste = serie oscillante o indeterminata n 1

13 4 La serie geometrica Sia {a n } una progressione geometrica di ragione ρ e di primo elemento a 0 (gli elementi della progressione, sono, pertanto, a 0, a 0 ρ, a 0 ρ,..., a 0 ρ n,...). Calcoliamo la somma S n dei termini a 0, a 1,..., a n della progressione: S n = a 0 + a 0 ρ + a 0 ρ a 0 ρ n (4.1) da cui, moltiplicando ambo i membri per ρ, si ha: ρs n = ρa 0 + a 0 ρ + a 0 ρ a 0 ρ n + a 0 ρ n+1 (4.) Sottreanedo dalla (4.1) la (4.), si ha: S n ρs n = a 0 a 0 ρ n+1 da cui, mettendo in evidenza S n al primo membro, a 0 al secondo membro e dividendo ambo i membri per 1 ρ, S n = a 0 1 ρ n+1 1 ρ (4.3) che rappresenta la somma dei primi n + 1 (n se si fa partire l'indice da 1) termini nonché la ridotta n-esima della serie La serie a 0 ρ k = a 0 k=0 k=0 ρ k k=0 ρ k (4.4) è detta serie geometrica di ragione ρ. Studiamo, al variare di ρ, il carattere della serie geometrica. Se ρ = 1, la somma di inniti 1 non può che divergere mentre, se ρ = 1, il carattere risulta indeterminato avendosi S n = 1 per n pari ed S n = 0 per n dispari cosicché non esiste il limite delle somme parziali. Per ρ > 1, passando al limite nella (4.3) con a 0 = 1, si ha: lim n 1 ρ n+1 1 ρ = lim n ρ n = + cosicché la serie risulta divergente ed, analogamente, se ρ < 1. 13

14 Se, invece, ρ < 1, poiché ρ n+1 0, risulta (ancora passando al limite nella (4.3) con a 0 = 1) lim S n = 1 1 ρ cosicché la serie converge ed ha come somma 1/(1 ρ). Riepilogando, la serie geometrica converge a 1/(1 ρ) se ρ < 1; diverge se ρ > 1 ρ = 1; ha carattere indeterminato se ρ = 1. Osservazione 4.1 Se l'indice di sommazione della serie geometrica non parte da 0 ma da α > 1, i criteri per stabilire la convergenza restanno gli stessi mentre, per quanto riguarda la somma, bisogna tener conto della formula ρ n = n=α α 1 ρ n da cui, indicata con S la somma della serie al primo membro, risulta: S = 1 1 ρ (1 + ρ + ρ ρ α 1 ) Esempi La serie geometrica n=0 n=0 n=0 ( ) n 3 ha ragione ρ = /3 (0, 1) e, pertanto, converge ed ha per somma S = 1/(1 /3) = 3.. La serie geometrica è esprimibile come n= n= ( ) n 1 5 ( ) n 1 3 ed è convergente avendo una frazione propria come ragione. La sua somma, tenendo conto dell'osservazione 4.1, è S = ( 1 1 1/ ) = 14 ρ n ( ) = 0 = 1 10

15 5 Esempi, problemi, applicazioni ed esercizi riepilogativi 5.1 Frazione generatrice di un numero periodico Facciamo un'applicazione della serie geometrica che permette di esprimere i numeri peridici mediante frazioni (frazione generatrice di un numero periodico). Consideriamo, ad esempio, il numero 0, 34 (numero periodico semplice). Risulta ovvero 0, 34 = n ( ) n 1 0, 34 = n=1 Per le considerazioni svolte nella sezione 4 (in particolare per l'osservazione 4.1), si ha: ( 0, 34 = /100 1 ) ( ) 100 = da cui 0, 34 = Consideriamo, adesso, il numero, 015 (numero periodico composto). Essendo solo il 5 periodico dalla terza cifra decimale, si ha: ovvero, 015 = n +..., 015 = Procedendo come nel caso precedente, si ha:, 015 = + 1 ( da cui Notiamo che n= ) , 015 = = ( ) n 1 10 = 01 ( ) = =

16 Gli esempi proposti mostrano come sia possibile rappresentare un numero decimale periodico sotto forma di frazione ovvero di ricavare la formula secondo cui la frazione generatrice di un numero decimale periodico si ottiene mettendo al numeratore il numero privato della virgola meno il numero formato dalla parte intera e dall'antiperiodo (se c'è) e al denominatore tanti 9 quante sono le cifre del periodo e tanti zeri quante sono le cifre dell'antiperiodo. 5. I paradossi di Zenone Si racconta che nel V secolo a.c. il losofo greco Zenone di Elea inventò alcuni paradossi che poi diventarono famosi. Fra questi sicuramente primeggiano il paradosso della dicotomia e di Achille e la tartaruga. Il paradosso della dicotomia. In una gara campestre, Achille deve percorrere la distanza di 1 Km. Zenone, attraverso un ragionamento sottile, conclude che Achille non raggiungerà mai la ne della corsa. Achille, prima di percorrere il chilometro che lo separa dal traguardo, deve percorrere mezzo chilometro. Dopo che ha percorso il mezzo chilometro, prima di arrivare in fondo, deve percorrere 1/4 di Km, dopo di questo 1/8 di Km, poi 1/16 di Km e così via. Siccome per ogni tratto che percorre ci mette un tempo nito (perché ciascun tratto per quanto piccolo è sempre nito) e dato che i tratti sono in numero innito il tempo totale è innito ed Achille non raggiungerà mai la ne. Il paradosso sta nel fatto che, ovviamente, Achille taglierà il traguardo in un tempo dato da s/v dove s =1 Km e v la sua velocità (costante) lungo la gara. Allora dove sta l'errore? Alla luce di quanto detto è facile dare la risposta. Achille, del chilometro che lo separa dalla meta, percorre i tratti: 1/, 1/4, 1/8, 1/16, 1/3,... che sono una serie geometrica di termine iniziale 1/ e di ragione 1/. Se, per semplicità, ammettiamo che la sua velocità sia di 1 Km/minuto, Achille impiega proprio mezzo minuto per il primo tratto, 1/4 di minuto per il secondo, ecc. La somma di questa serie non è innita, come sosteneva Zenone, pur essendo costituita da un numero innito di termini tutti niti. Essa può essere, infatti, scritta come n=1 che è convergente ed ha per somma S = ( ) n / 1 = 1 = 1 16

17 cosicché fornisce come risultato risultato 1 (minuto)! E' questa la grande scoperta dei greci: scrivere 1 come la somma innita di potenze di 1/. Il paradosso di Achille e la tartaruga. Il secondo e più noto paradosso di tutta l'antichità è una variante del primo. Achille sda una tartaruga in una gara di velocità lungo un percorso di 1 km. La tartaruga parte con 100 m. di vantaggio rispetto ad Achille che, come è noto, era il più veloce di tutti gli Achei. Nella realtà Achille raggiunge e supera con facilità la lenta tartaruga ma Zenone, con un ragionamento simile a quello precedente, dimostra che ciò non può accadere. Infatti, quando Achille raggiunge il punto s 0 da cui è partita la tartaruga, essa si sarà spostata nel punto s 1, quando Achille avrà raggiunto il punto s 1, la tartaruga si sarà spostata nel punto s e così via (quando Achille raggiunge il punto s k, la tartruga si è già spostata nel punto s k+1 ). In questo modo, anche se Achille si avvicinerà sempre più alla tartaruga, non la raggiungerà mai! Ancora una volta c'è il tranello delle somme innite che intuitivamente fanno pensare ad un risultato innito. Supponiamo, ancora per semplicità, che Achille viaggi ad una velocità di 1 m/s e che sia 10 volte maggiore di quella della tartaruga. Dopo 100 secondi Achille sarà nella posizione s 0 = 100 m mentre la tartaruga si sarà spostata nella posizione s 1 = ( ) m = 110 m avendo percorso 1/10 di Km. Dopo altri 10 s, Achille avrà percorso 10 m raggiungendo la posizione s 1 ma la tartaruga si sarà spostata nella posizione s 1 = ( ) = 111 m. In 1 solo secondo Achille colmerà questo metro ma la tartaruga si sarà spostata di altri 1/10 di m che Achille percorrerà in 1/10 sec. ma la tartaruga si sarà spostata di altri 1/100 di m. che Achille percorrerà in 1/100 di sec. ma la tartaruga si sarà spostata di altri 1/1000 di m. che Achille percorrerà in 1/1000 di sec. e così via. E' chiaro che, la serie dei tempi di percorrenza di Achille con cui abbiamo a che fare, è: = n=0 ( ) n 1 10 e la serie numerica che interviene è una geometrica di ragione ρ = 1/10. 17

18 Ne segue n=0 ( ) n 1 = ρ = = = cosicché dopo /9 = 111, 1 sec. dalla partenza Achille raggiunge la tartaruga e, all'istante successivo, la supera. 5.3 La sezione aurea Un'applicazione delle progressioni geometriche ed, in paricolare, dei medi geometrici consiste nella determinazione della sezione aurea di un segmento. La sezione aurea è la parte x di un segmento, lungo l, che sia medio proporzionale fra il tutto e la parte rimanente. Dunque, x è la media geometrica fra la lunghezza l e la parte rimanente del segmento data da l x. Questo problema classico permette di trovare la cosiddetta sezione aurea di un segmento. Dai dati del problema, si ha: da cui l : x = x : (l x) x = l lx ovvero x + lx l = 0 che è una equazione di secondo grado la cui soluzione positiva (quella che ci interessa trattandosi di lunghezze) è x = l da cui, dividendo ambo i membri per l, x l = , Questo numero (numero aureo) è di straordinaria importanza soprattutto nell'arte (architettura, scultura, pittura, musica) perché esprime in sé una proporzione armonica fra le parti. Esso era già ben noto ai popoli antichi dagli egiziani ai greci no a tutto il medioevo e al rinascimento. 18

19 Notiamo, adesso, come la sezione aurea di un segmento possa essere determinata calcolando il limite: x n 1 lim n x n della successione di Fibonacci denita da x n = x n 1 + x n (n ), x 0 = 1, x 1 = I primi termini di questa successione sono: e si ha: 1,, 3, 5, 8, 13, 1, 34, 55, 89, 144,... x 9 = 89 x in cui 4 cifre decimali già sono stabili. = 0, Esercizi e problemi di riepilogo 1. Date le seguenti progressioni, stabilire se sono aritmetiche o geometriche e determinarne la ragione: (a) 1, 4, 16, 64, 56,...; (b) 1, 10, 1, 3, 43,...; (c) 9, 7, 45, 63, 81, 99, 117,...; (d), 4, 8, 16, 3, 64,... Passiamo alla risoluzione. (a) La progressione è geometrica di termine iniziale 1 e ragione ρ = = 4 e può essere anche scritta come 1, ρ, ρ, ρ 3,..., ρ n 1,... = 1, 4, 4, 4 3,..., 4 n 1,... (b) La progressione è aritmetica di termine iniziale 1 e ragione e può essere anche scritta come d = 43 ( 3) = 11 1, 1 + d, 1 + d, 1 + 3d,..., 1 + (n 1)d,... (d = 11) 19

20 (c) 9, 7, 45, 63, 81, 99, 117,...; La progressione è aritmetica di termine iniziale 9 e ragione d = = 18 e può essere anche scritta come 9, 9 + d, 9 + d, 9 + 3d,..., 9 + (n 1)d,... (d = 18) (d) La progressione è geometrica di termine iniziale e ragione negativa come ci suggerisce l'alternanza dei segni: ρ = 64 3 = e può essere anche scritta come, ρ, ρ, ρ 3,..., ρ n 1,... (ρ = ). Consideriamo i seguenti problemi. (a) Un muratore intonaca 1, 5 m di parete al minuto. Sapendo che egli riceve aiuti in modo da raddoppiare la supercie intonacata ad ogni minuto, quanto intonaca al quinto minuto e qual è la supercie totale intonacata dopo 5 minuti? (b) Determinare il numero n dei termini, la cui somma è 0, di una progressione aritmetica di ragione ed ultimo termine 16. Passiamo alla risoluzione. (a) Il problema è risolvibile considerando la situazione rappreresentabile mediante una serie geometrica di ragione ρ = e di termine iniziale a 1 = 1, 5. Così facendo ed applicando la (.1), si ha che la supercie intonacata al quinto minuto è a 5 = a 1 ρ 4 = 3 4 = 3 3 e, in denitiva, a 5 = 4 m La supercie totale, intonacata dopo 5 minuti, è la somma S 5 dei primi cinque termini della progressione: 1 ρ n S 5 = a 1 1 ρ = = 3 31 = 63 0

21 ovvero 31, 5 m avendo utilizzato la (4.3) con i dati del problema. (b) Indicata con S n la somma dei primi termini e tenuto conto che, per la (1.1), deve risultare a n = a 1 + (n 1)d, si ha, nel nostro caso, a 1 + (n 1) = 16 S n = 0 Essendo S n = n(a ) per la (1.3), si ha: a 1 + (n 1) = 16 n(a ) = 0 che è un sistema di secondo grado nelle incognite n, a 1. Dalla prima equazione, si ricava a 1 = 16 (n 1) che, sostituita nella seconda, conduce a da cui n(16 (n 1) + 16) n(17 n) = 0 = 0 che ha per soluzioni n = 0 n = 17 ed è accettabile solo n = Consideriamo i seguenti esercizi puramente di analisi matematica. (a) Calcolare il seguente limite lim n S n n + 1 essendo S n la soma dei primi n numeri naturali. (b) Stabilire, per quali valori reali di x, converge la serie geometrica (x 7 1) n n=0 e, per tali valori, calcolare la somma S(x). 1

22 Passiamo alla risoluzione. (a) Risulta S n = n(n+1) cosicché lim n S n n + 1 = lim n(n + 1) n n + = lim n n + n n + = lim n n n = 1 (b) La serie geometrica ha ragione ρ = ρ(x) = x 7 1 e converge se e solo se ρ < 1 da cui x 7 1 < 1 od anche 1 < x 7 1 < 1 che è risolta da 0 < x < 7 Per tali x, si ha: S(x) = 1 1 ρ(x) = 1 1 (x 7 1) = 1 x. 7

Matematica generale CTF

Matematica generale CTF Successioni numeriche 19 agosto 2015 Definizione di successione Monotonìa e limitatezza Forme indeterminate Successioni infinitesime Comportamento asintotico Criterio del rapporto per le successioni Definizione

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Serie numeriche

Corso di Analisi Matematica Serie numeriche Corso di Analisi Matematica Serie numeriche Laurea in Informatica e Comunicazione Digitale A.A. 2013/2014 Università di Bari ICD (Bari) Analisi Matematica 1 / 25 1 Definizione e primi esempi 2 Serie a

Dettagli

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3 CAPITOLO 3 Successioni e serie 3. Successioni Un caso particolare di applicazione da un insieme numerico ad un altro insieme numerico è quello delle successioni, che risultano essere definite nell insieme

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

SERIE NUMERICHE. prof. Antonio Greco 6-11-2013

SERIE NUMERICHE. prof. Antonio Greco 6-11-2013 SERIE NUMERICHE prof. Antonio Greco 6--203 Indice Motivazioni........... 3 Definizione........... 3 Errore tipico........... 3 Un osservazione utile...... 3 Condizione necessaria...... 4 Serie armonica.........

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari Serie numeriche Definizioni e proprietà elementari Sia { } una successione, definita per ogni numero naturale n n. Per ogni n n, consideriamo la somma s n degli elementi della successione di posto d s

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE. lim a n = 0. (1) s n+1 = s n + a n+1. (2) CRITERI PER LE SERIE A TERMINI NON NEGATIVI

CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE. lim a n = 0. (1) s n+1 = s n + a n+1. (2) CRITERI PER LE SERIE A TERMINI NON NEGATIVI Il criterio più semplice è il seguente. CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE Teorema(condizione necessaria per la convergenza). Sia a 0, a 1, a 2,... una successione di numeri reali. Se la serie a k è convergente,

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Definizione: Si chiama successione numerica una funzione definita su IN a valori in IR, cioè una legge che associa ad ogni intero n un numero reale a n. Per abuso di linguaggio, si

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SERIE DI FOURIER. poi più in generale la somma dei termini da 0 ad n (che chiamerò s n )

INTRODUZIONE ALLE SERIE DI FOURIER. poi più in generale la somma dei termini da 0 ad n (che chiamerò s n ) INTRODUZIONE ALLE SERIE DI FOURIER. Definizione di Serie Data una successione di numeri reali a k posso considerare la somma dei numeri da 0 a 5 (che chiamerò s 5 ): 5 s 5 = a k = a 0 + a + a + a 3 + a

Dettagli

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE La sequenza costituisce un esempio di SUCCESSIONE. Ecco un altro esempio di successione: Una successione è dunque una sequenza infinita di numeri reali (ma potrebbe

Dettagli

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k Capitolo 4 Serie numeriche 4. Serie convergenti, divergenti, indeterminate Data una successione di numeri reali si chiama serie ad essa relativa il simbolo u +... + u +... u, u 2,..., u,..., (4.) oppure

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Una funzione reale di una variabile reale f di dominio A è una legge che ad ogni x A associa un numero reale che denotiamo con f(x). Se A = N, la f è detta successione di numeri reali.

Dettagli

Il calcolo letterale per risolvere problemi e per dimostrare

Il calcolo letterale per risolvere problemi e per dimostrare Il calcolo letterale per risolvere problemi e per dimostrare (si prevedono circa 25 ore di lavoro in classe) Nome e cognome dei componenti del gruppo che svolge le attività di gruppo di questa lezione

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Successioni ricorsive

Successioni ricorsive Capitolo 1 Successioni ricorsive Un modo spesso usato per assegnare una successione è quello ricorsivo che consiste nell assegnare alcuni termini iniziali (il primo, oppure i primi due, oppure i primi...

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

La trigonometria prima della trigonometria. Maurizio Berni

La trigonometria prima della trigonometria. Maurizio Berni La trigonometria prima della trigonometria Maurizio Berni 9 maggio 2010 Negli istituti tecnici agrari la trigonometria viene affrontata: nella seconda classe in Disegno e Topografia (risoluzione di triangoli

Dettagli

Parte I. Relazioni di ricorrenza

Parte I. Relazioni di ricorrenza Parte I Relazioni di ricorrenza 1 Capitolo 1 Relazioni di ricorrenza 1.1 Modelli Nel seguente capitolo studieremo le relazioni di ricorrenza. Ad esempio sono relazioni di ricorrenza a n = a n 1 + n, a

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI Abbiamo studiato successioni e serie numeriche, ora vogliamo studiare successioni e serie di funzioni. Dato un insieme A R, chiamiamo successione di funzioni

Dettagli

L espressione torna invece sempre vera (quindi la soluzione originale) se cambiamo contemporaneamente il verso: 1 < 0.

L espressione torna invece sempre vera (quindi la soluzione originale) se cambiamo contemporaneamente il verso: 1 < 0. EQUAZIONI E DISEQUAZIONI Le uguaglianze fra espressioni numeriche si chiamano equazioni. Cercare le soluzioni dell equazione vuol dire cercare quelle combinazioni delle lettere che vi compaiono che la

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

Test n. 7 Problemi matematici

Test n. 7 Problemi matematici Test n. 7 Problemi matematici ) Determinare il numero il cui doppio, aumentato di 0, è uguale a 44. A) 6 C) 7 B) 5 D) 8 ) Determinare due numeri tenendo presente che la loro somma è uguale a 8 e la loro

Dettagli

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi (Criterio del rapporto.) Consideriamo la serie a (.) a termini positivi (ossia a > 0, =, 2,...). Supponiamo che esista il seguente ite a +

Dettagli

Guardiamo ora però la cosa da un altro punto di vista analizzando il seguente grafico a forma di torta. La torta in 5 parti

Guardiamo ora però la cosa da un altro punto di vista analizzando il seguente grafico a forma di torta. La torta in 5 parti L EQUIVALENZA FRA I NUMERI RAZIONALI (cioè le frazioni), I NUMERI DECIMALI (quelli spesso con la virgola) ED I NUMERI PERCENTUALI (quelli col simbolo %). Ora vedremo che ogni frazione (sia propria, che

Dettagli

1 Serie di Taylor di una funzione

1 Serie di Taylor di una funzione Analisi Matematica 2 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 7 SERIE E POLINOMI DI TAYLOR Serie di Taylor di una funzione. Definizione di serie di Taylor Sia f(x) una funzione definita

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete.

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Le equazioni Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Definizione e caratteristiche Chiamiamo equazione l uguaglianza tra due espressioni algebriche,

Dettagli

Progressioni numeriche Successione di Fibonacci e sezione aurea

Progressioni numeriche Successione di Fibonacci e sezione aurea Progressioni numeriche Successione di Fibonacci e sezione aurea Progetto Matematica e Statistica - Progetto Lauree Scientifiche Loredana Caso 1 Successioni numeriche 2 Una successione numerica è una sequenza

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

1. Completa la seguente tabella: Espressione Dominio Identità Eq. determinata Eq. indeterminata Eq. impossibile 2 =1 Z

1. Completa la seguente tabella: Espressione Dominio Identità Eq. determinata Eq. indeterminata Eq. impossibile 2 =1 Z Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Prova di Matematica : Equazioni e problemi di I grado Alunno: Classe: 1 C 30.03.2012 prof. Mimmo Corrado 1. Completa la seguente tabella:

Dettagli

I appello - 26 Gennaio 2007

I appello - 26 Gennaio 2007 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Informatica e delle Telecom. A.A.006/007 I appello - 6 Gennaio 007 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. (N.B. il quesito teorico è obbligatorio)

Dettagli

4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI

4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI 119 4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI Indice degli Argomenti: TEMA N. 1 : INSIEMI NUMERICI E CALCOLO

Dettagli

Pitagora e la scoperta delle grandezze incommensurabili

Pitagora e la scoperta delle grandezze incommensurabili Pitagora e la scoperta delle grandezze incommensurabili Periodo della scoperta: V sec. a.c. Autore della scoperta: Pitagora? Pitagora iniziò la trattazione delle grandezze irrazionali (Proclo). Ippaso

Dettagli

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana Schemi delle Lezioni di Matematica Generale Pierpaolo Montana A volte i fenomeni economici che ci interessano non variano con continuitá oppure non possono essere osservati con continuitá, ma solo a intervalli

Dettagli

Corso di Calcolo Numerico

Corso di Calcolo Numerico Corso di Calcolo Numerico Dott.ssa M.C. De Bonis Università degli Studi della Basilicata, Potenza Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Sistemi di Numerazione Sistema decimale La

Dettagli

IGiochidiArchimede-SoluzioniBiennio 22 novembre 2006

IGiochidiArchimede-SoluzioniBiennio 22 novembre 2006 PROGETTO OLIMPII I MTEMTI U.M.I. UNIONE MTEMTI ITLIN SUOL NORMLE SUPERIORE IGiochidirchimede-Soluzioniiennio novembre 006 Griglia delle risposte corrette Problema Risposta corretta E 4 5 6 7 8 9 E 0 Problema

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE Le equazioni di primo grado Le disequazioni di primo grado I sistemi di primo grado ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le equazioni di primo grado 3 1.1 Le uguaglianze.......................................

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI

TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI Liceo Scientifico G. Salvemini Corso di preparazione per la gara provinciale delle OLIMPIADI DELLA MATEMATICA INTRO TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI NUMERI INTERI QUESITO Un quesito (facile) sulle cifre:

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE Prof Lonzi Marco Dispense per il Corso di ANALISI MATEMATICA SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE AA 2015/16 1 SUCCESSIONI Dicesi Successione a valori reali ogni funzione 0À Ä, avente cioè per dominio l'insieme

Dettagli

Slide Cerbara parte1 5. Le distribuzioni teoriche

Slide Cerbara parte1 5. Le distribuzioni teoriche Slide Cerbara parte1 5 Le distribuzioni teoriche I fenomeni biologici, demografici, sociali ed economici, che sono il principale oggetto della statistica, non sono retti da leggi matematiche. Però dalle

Dettagli

Teoria delle code. Sistemi stazionari: M/M/1 M/M/1/K M/M/S

Teoria delle code. Sistemi stazionari: M/M/1 M/M/1/K M/M/S Teoria delle code Sistemi stazionari: M/M/1 M/M/1/K M/M/S Fabio Giammarinaro 04/03/2008 Sommario INTRODUZIONE... 3 Formule generali di e... 3 Leggi di Little... 3 Cosa cerchiamo... 3 Legame tra N e le

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

Successioni ricorsive. Unità 60

Successioni ricorsive. Unità 60 Prerequisiti: - Operare con i numeri reali - Rappresentare punti e curve elementari in un piano cartesiano L unità è rivolta al 2 biennio del Liceo Scientifico, compresa l opzione Scienze applicate. OBIETTIVI

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 2. Insiemi numerici A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 INSIEMI NUMERICI rappresentano la base su cui la matematica si è sviluppata costituiscono le tappe

Dettagli

Liceo scientifico - Liceo linguistico Tecnico: - Indirizzo Giuridico Economico Aziendale - Amministrazione,Finanza e Marketing - Turismo

Liceo scientifico - Liceo linguistico Tecnico: - Indirizzo Giuridico Economico Aziendale - Amministrazione,Finanza e Marketing - Turismo Liceo scientifico - Liceo linguistico Tecnico: - Indirizzo Giuridico Economico Aziendale - Amministrazione,Finanza e Marketing - Turismo Professionale: - Indirizzo enogastronomico ed ospitalità alberghiera

Dettagli

Definizione 8.1. Si dice successione una qualsiasi funzione a: N R. Spesso per indicare una successione si usa la sequenza delle immagini:

Definizione 8.1. Si dice successione una qualsiasi funzione a: N R. Spesso per indicare una successione si usa la sequenza delle immagini: Appendice 1 Le successioni Definizione 8.1. Si dice successione una qualsiasi funzione a: N R. Spesso per indicare una successione si usa la sequenza delle immagini: a 0 = a(0), a 1 = a(1),..., a n = a(n),....

Dettagli

B. Vogliamo determinare l equazione della retta

B. Vogliamo determinare l equazione della retta Risoluzione quesiti ordinamento Quesito N.1 Indicata con α la misura dell angolo CAB, si ha che: 1 Area ( ABC ) = AC AB sinα = 3 sinα π 3 sinα = 3 sinα = 1 α = Il triangolo è quindi retto in A. La misura

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Esercizi di Analisi Matematica CAPITOLO 1 LE FUNZIONI Exercise 1.0.1. Risolvere le seguenti disuguaglianze: (1) x 1 < 3 () x + 1 > (3) x + 1 < 1 (4) x 1 < x + 1 x 1 < 3 x + 1 < 3 x < 4 Caso: (a): x 1

Dettagli

La Programmazione Lineare

La Programmazione Lineare 4 La Programmazione Lineare 4.1 INTERPRETAZIONE GEOMETRICA DI UN PROBLEMA DI PROGRAMMAZIONE LINEARE Esercizio 4.1.1 Fornire una rappresentazione geometrica e risolvere graficamente i seguenti problemi

Dettagli

f(x) = x3 2x 2x 2 4x x 2 x 3 2x 2x 2 4x =, lim lim 2x 2 4x = +. lim Per ricavare gli asintoti obliqui, essendo lim

f(x) = x3 2x 2x 2 4x x 2 x 3 2x 2x 2 4x =, lim lim 2x 2 4x = +. lim Per ricavare gli asintoti obliqui, essendo lim Esercizi 0//04 - Analisi I - Ingegneria Edile Architettura Esercizio. Studiare la seguente funzione e disegnarne il graco. Soluzione: f(x) = x3 x x 4x La funzione è denita dove il denominatore risulta

Dettagli

5. La teoria astratta della misura.

5. La teoria astratta della misura. 5. La teoria astratta della misura. 5.1. σ-algebre. 5.1.1. σ-algebre e loro proprietà. Sia Ω un insieme non vuoto. Indichiamo con P(Ω la famiglia di tutti i sottoinsiemi di Ω. Inoltre, per ogni insieme

Dettagli

ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA. A. Concetti e proprietà di base del sistema dei numeri della matematica ( ) + 64 7 10 :5

ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA. A. Concetti e proprietà di base del sistema dei numeri della matematica ( ) + 64 7 10 :5 ESERCITAZIONI PROPEDEUTICHE DI MATEMATICA PER IL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Ana Millán Gasca Luigi Regoliosi La lettura e lo studio del libro Pensare in matematica da parte degli

Dettagli

Terza Edizione Giochi di Achille (13-12-07) - Olimpiadi di Matematica Soluzioni Categoria E4 (Alunni di quarta elementare)

Terza Edizione Giochi di Achille (13-12-07) - Olimpiadi di Matematica Soluzioni Categoria E4 (Alunni di quarta elementare) Il Responsabile coordinatore dei giochi: Prof. Agostino Zappacosta Chieti tel. 0871 6584 (cell.: 40 47 47 952) e-mail:agostino_zappacosta@libero.it Terza Edizione Giochi di Achille (1-12-07) - Olimpiadi

Dettagli

I Giochi di Archimede-- Soluzioni triennio

I Giochi di Archimede-- Soluzioni triennio PROGETTO OLIMPIADI DI MATEMATICA U.M.I. UNIONE MATEMATICA ITALIANA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SCUOLA NORMALE SUPERIORE I Giochi di Archimede-- Soluzioni triennio 17 novembre 2010 Griglia delle

Dettagli

Capitolo 2. Operazione di limite

Capitolo 2. Operazione di limite Capitolo 2 Operazione di ite In questo capitolo vogliamo occuparci dell operazione di ite, strumento indispensabile per scoprire molte proprietà delle funzioni. D ora in avanti riguarderemo i domini A

Dettagli

Tavola riepilogativa degli insiemi numerici

Tavola riepilogativa degli insiemi numerici N : insieme dei numeri naturali Z : insieme dei numeri interi Q : insieme dei numeri razionali I : insieme dei numeri irrazionali R : insieme dei numeri reali Tavola riepilogativa degli insiemi numerici

Dettagli

NUMERI E SUCCESSIONI

NUMERI E SUCCESSIONI NUMERI E SUCCESSIONI Giovanni Maria Troianiello 1 Notazioni insiemistiche. Numeri naturali, interi, razionali Notazioni insiemistiche Si sa cosa s intende quando si parla di insieme (o famiglia, o classe)

Dettagli

Ogni primino sa che...

Ogni primino sa che... Ogni primino sa che... A cura della équipe di matematica 25 giugno 2015 Competenze in ingresso Tradizionalmente, nei primi giorni di scuola, gli studenti delle classi prime del Pascal sostengono una prova

Dettagli

Appunti sulla Macchina di Turing. Macchina di Turing

Appunti sulla Macchina di Turing. Macchina di Turing Macchina di Turing Una macchina di Turing è costituita dai seguenti elementi (vedi fig. 1): a) una unità di memoria, detta memoria esterna, consistente in un nastro illimitato in entrambi i sensi e suddiviso

Dettagli

N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi

N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi Tra i molteplici interessi scientifici di Leonardo non dobbiamo dimenticare la matematica.

Dettagli

*UDQGH]]HUDSSRUWLPLVXUH

*UDQGH]]HUDSSRUWLPLVXUH $OHVVDQGUR&RUGHOOL *UDQGH]]HJHRPHWULFKH I concetti di grandezza e di misura appartengono all esperienza quotidiana. Detto in termini molto semplici, misurare una grandezza significa andare a vedere quante

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI CORTE FRANCA MATEMATICA CLASSE QUINTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L ALUNNO SVILUPPA UN ATTEGGIAMENTO POSITIVO RISPETTO ALLA MATEMATICA,

Dettagli

I Giochi di Archimede -- Soluzioni triennio 21 novembre 2007

I Giochi di Archimede -- Soluzioni triennio 21 novembre 2007 PROGETTO OLIMPIDI DI MTEMTI U.M.I. UNIONE MTEMTI ITLIN MINISTERO DELL PULI ISTRUZIONE SUOL NORMLE SUPERIORE I Giochi di rchimede -- Soluzioni triennio 1 novembre 007 Griglia delle risposte corrette Problema

Dettagli

Test d ingresso di Matematica per la secondaria di secondo grado Test d ingresso di matematica per la secondaria di 2 grado

Test d ingresso di Matematica per la secondaria di secondo grado Test d ingresso di matematica per la secondaria di 2 grado Test d ingresso di matematica per la secondaria di 2 grado Cognome e nome: Classe Data. Tra i numeri naturali da a 20, quali sono quelli pari e multipli di tre? A.2, 4, 6, 8, 0, 2, 4, 6, 8, 20, 3, 6, 9,

Dettagli

Alla ricerca del rettangolo più bello

Alla ricerca del rettangolo più bello Alla ricerca del rettangolo più bello Livello scolare: biennio Abilità interessate Individuare nel mondo reale situazioni riconducibili alla similitudine e descrivere le figure con la terminologia specifica.

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI LOGARITMICHE Esercizi risolti Classi quarte

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI LOGARITMICHE Esercizi risolti Classi quarte EQUAZIONI E DISEQUAZIONI LOGARITMICHE Esercizi risolti Classi quarte La presente dispensa riporta la risoluzione di alcuni esercizi inerenti equazioni e disequazioni logaritmiche. N.B. In questa dispensa,

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Kangourou della Matematica 2014 finale nazionale italiana Mirabilandia, 12 maggio 2014

Kangourou della Matematica 2014 finale nazionale italiana Mirabilandia, 12 maggio 2014 Kangourou della Matematica 2014 finale nazionale italiana Mirabilandia, 12 maggio 2014 LIVELLO STUDENT K,M N CD BC A S1. (5 punti ) In figura si vede una circonferenza della quale i segmenti AB, BC e CD

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive

2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive 2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive Il procedimento costruttivo dato dal teorema di ricorsione suggerisce due fatti importanti. Una buona definizione ricorsiva deve essere tale da garantire

Dettagli

Funzioni. Parte prima. Daniele Serra

Funzioni. Parte prima. Daniele Serra Funzioni Parte prima Daniele Serra Nota: questi appunti non sostituiscono in alcun modo le lezioni del prof. Favilli, né alcun libro di testo. Sono piuttosto da intendersi a integrazione di entrambi. 1

Dettagli

Soluzioni del giornalino n. 16

Soluzioni del giornalino n. 16 Soluzioni del giornalino n. 16 Gruppo Tutor Soluzione del Problema 1 Soluzioni corrette ci sono pervenute da : Gianmarco Chinello, Andrea Conti, Simone Costa, Marco Di Liberto, Simone Di Marino, Valerio

Dettagli

Prove d'esame a.a. 20082009

Prove d'esame a.a. 20082009 Prove d'esame aa 008009 Andrea Corli settembre 0 Sono qui raccolti i testi delle prove d'esame assegnati nell'aa 00809, relativi al Corso di Analisi Matematica I (trimestrale, 6 crediti), Laurea in Ingegneria

Dettagli

Le Frazioni Prof. Marco La Fata

Le Frazioni Prof. Marco La Fata Le Frazioni Prof. Marco La Fata Spesso ci troviamo di fronte a dover dividere una certa grandezza, ad esempio una pizza, una tavoletta di cioccolata, un segmento, ecc.., in TANTE PARTI UGUALI. Supponiamo,

Dettagli

Limiti di Successione

Limiti di Successione Nicola Rossi Limiti di Successione Argomento di Portfolio IX Ciclo SSIS, Classe A049, Indirizzo F.I.M. A.A. 2008/2009 2 Introduzione Il concetto di limite è senza dubbio uno dei più importanti di tutta

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

La misura degli angoli

La misura degli angoli La misura degli angoli In questa dispensa introduciamo la misura degli angoli, sia in gradi che in radianti, e le formule di conversione. Per quanto riguarda l introduzione del radiante, per facilitarne

Dettagli

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione:

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione: 1 Lastoriadiun impresa Il Signor Isacco, che ormai conosciamo per il suo consumo di caviale, decide di intraprendere l attività di produttore di caviale! (Vuole essere sicuro della qualità del caviale

Dettagli

GIOCHI A SQUADRE. 30 marzo 2012

GIOCHI A SQUADRE. 30 marzo 2012 Centro Pristem Università Bocconi GIOCHI A SQUADRE 30 marzo 2012 1. La campestre Carla, Milena, Anna, Fausta e Debora hanno partecipato alla corsa campestre della loro classe. Carla e Anna non hanno vinto.

Dettagli

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1 MATEMATICA COMPETENZE Dimostra conoscenze matematiche che gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l'attendibilità delle analisi quantitative e statistiche proposte da altri.

Dettagli

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico 2002 2003 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore.

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico 2002 2003 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore. Gruppo di lavoro per la predisposizione degli indirizzi per l attuazione delle disposizioni concernenti la valutazione del servizio scolastico Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana Anno Scolastico

Dettagli

I PROBLEMI ALGEBRICI

I PROBLEMI ALGEBRICI I PROBLEMI ALGEBRICI La risoluzione di problemi è una delle attività fondamentali della matematica. Una grande quantità di problemi è risolubile mediante un modello algebrico costituito da equazioni e

Dettagli