Bilancio unico di previsione e.f Relazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio unico di previsione e.f. 2015 Relazione"

Transcript

1 ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA INDICE CA 17/12/2014 ALL. 7 Pagg. 97 (parte integrante) Bilancio unico di previsione e.f Relazione Pag. 1 di 97

2 PREMESSACRITERI DI ELABORAZIONE 5 CONSIDERAZIONI GENERALI 8 CRITERI DI PREDISPOSIZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE PRINCIPALI STRUMENTI PER LA FORMULAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE CRITERI DI FORMULAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE SCUOLE 13 DIPARTIMENTI E STRUTTURE ASSIMILATE 14 CAMPUS 15 ASSEGNAZIONI A STRUTTURE ESTERNE 16 STRUTTURA DEL BILANCIO 17 ENTRATE 18 ANALISI GENERALE 18 TRASFERIMENTI 19 A) FINANZIAMENTI STATALI 19 a.1)... Fondo di finanziamento ordinario 19 a.2)... Fondo per la programmazione delle Università 20 a.3)... Fondi per contratti di formazione specialistica per scuole di specializzazione mediche CEE (D.lgs. n. 368/1999) 21 a.4)... Fondi per la ricerca 21 a.5)... Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire la mobilità degli studenti (D.M. n. 198/2003) 21 a.6)... Fondi per i Comitati Sportivi Universitari 21 a.7)... Fondi per borse di studio per Scuole di Specializzazione non mediche (Legge n. 398/1989) 22 B) FINANZIAMENTI DA ALTRI ENTI PUBBLICI E DA PRIVATI 22 ENTRATE PROPRIE 22 A) ENTRATE CONTRIBUTIVE 23 a.1)... Iscrizioni ai corsi di studio 23 Pag. 2 di 97

3 a.2)... Formazione post lauream 27 a.3)... Altre contribuzioni 27 B) ATTIVITA CONVENZIONATE 28 C) ENTRATE DA ATTIVITA COMMERCIALE 29 D) ENTRATE PATRIMONIALI 29 ALIENAZIONE DI BENI PATRIMONIALI 30 ACCENSIONE DI PRESTITI 30 ALTRE ENTRATE 30 DISAVANZO 2015 COPERTO CON AVANZO PRESUNTO ANALISI GENERALE 31 SPESE ATTIVITA E SERVIZI 31 RICERCA 38 A) Sostegno alla ricerca scientifica: budget integrato di dipartimento 38 B) Formazione scientifica: dottorato di ricerca 39 C) Servizi di supporto alla ricerca 39 FORMAZIONE 43 INTERNAZIONALIZZAZIONE 43 SERVIZI AGLI STUDENTI 46 PERSONALE 49 ORGANIZZAZIONE 55 A) SISTEMI INFORMATIVI 61 B) SERVIZI BIBLIOTECARI 64 C) CULTURA E COMUNICAZIONE 73 D) EDILIZIA 73 E) GESTIONE DEGLI SPAZI 79 Pag. 3 di 97

4 F) SPESE LEGALI E PER ATTIVITA ISTITUZIONALI 82 G) CONTRATTI PLURIENNALI 82 VINCOLI DI FINANZA PUBBLICA 90 ELENCO TABELLE 97 Pag. 4 di 97

5 PREMESSA CRITERI DI ELABORAZIONE I principali documenti di programmazione finanziaria nazionale a cui si è fatto riferimento per l elaborazione del bilancio di previsione 2015 sono: - D.L. 78/2010 Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica convertito in Legge 30 luglio 2010 n. 122/2010; - L. 147/2013 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato - Legge di stabilità 2014; - D.Lgs. 49/2012 Disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli Atenei, in attuazione della delega prevista dall articolo 5, comma 1, della legge 30 dicembre 2010, n. 240 e per il raggiungimento degli obiettivi previsti dal comma 1, lettere b) e c), secondo i principi normativi e i criteri direttivi stabiliti al comma 4, lettere b), c), d), e) ed f) e al comma 5 ; - D.L. 95/2012 Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini convertito in Legge 7 agosto 2012 n. 135/2012; - D.L. 69/2013 Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia convertito con modificazioni dalla L. 9 agosto 2013, n. 98 c.d. Decreto del fare ; - D.L. 66/2014 Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale, convertito con modificazioni dalla L. 23 giugno 2014, n. 89 (in G.U. 23/06/2014, n. 143); - Disegno di legge di stabilità per il 2015, in discussione al momento della formulazione del bilancio preventivo; - Deliberazioni assunte dagli Organi Accademici in merito alla gestione finanziaria dell AteneoAteneo, di seguito elencate: - Piano Strategico (Senato Accademico del 21/01/2014, Pratica ARAG 10/01); - Programmazione pluriennale del personale (Consiglio di Amministrazione del 25/09/2012, Pratica ARAG 8/01); - Programma triennale ed Elenco annuale dei lavori edilizi (Consiglio di Amministrazione del 28/10/2014, Pratica AUTC 12/01); - Linee di indirizzo per la programmazione didattica dell anno accademico 2015/2016 (Senato Accademico del 21/10/2014, Pratica APOS 06/01); Pag. 5 di 97

6 - Regole generali per la copertura finanziaria dei contratti pluriennali per le esigenze delle Strutture di Ateneo (Consiglio di Amministrazione del 24/06/2014, Pratica ARAG 10/03); - Consolidamento dotazioni finanziarie destinate a interventi aventi carattere di stabilità nel tempo (Consiglio di Amministrazione del 30/09/2014, Pratica SSRD 10/08); - Decreto Rettorale n del 28/11/2014 Prot sulla ripartizione delle dotazioni per l esercizio Piano Strategico La legge 43/2005 art.1-ter prevede che a decorrere dall'anno 2006 le Università, anche al fine di perseguire obiettivi di efficacia e qualità dei servizi offerti, entro il 30 giugno di ogni anno, adottino programmi triennali coerenti con le linee generali di indirizzo definite con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università' e della Ricerca,. Le linee generali d indirizzo per il triennio sono state definite dal decreto ministeriale pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10/01/2014. Il Piano Strategico dell Ateneo, redatto in ottemperanza all art. 1-ter della Legge 43/2005, copre un orizzonte temporale coerente con quello previsto dalle Linee generali di indirizzo del MIUR ( ). Partendo dell esperienza pregressa e dallo studio delle misure di efficacia ed efficienza del sistema universitario adottate dai principali valutatori nazionali e internazionali, o già utilizzate nei processi valutativi interni, si è arrivati alla definizione di nuovi obiettivi e di relativi indicatori. L Ateneo, in continuità con le scelte precedenti, ha deciso di sviluppare una Mappa Strategica articolata nelle aree Ricerca e Formazione da cui discendono gli obiettivi strategici, gli obiettivi di base e relativi indicatori quantitativi di monitoraggio. Programmazione del personale L attuale contesto legislativo conferma una limitazione delle assunzioni nelle università, con una percentuale di turn-over consentito assestata al 50% sia per il 2014 che per il Ai fini delle determinazione dell assegnazione di punti organico ad oggi restano confermati i due indicatori definiti dal D.lgs. 49/12: spese di indebitamento e spese di personale, nonché il meccanismo previsto dal D.lgs. 95/2012, che premia la distanza dell indicatore spese di personale rispetto al target fissato dal MIUR, pari all 80% delle entrate complessive; siamo infatti ancora in attesa di recepire un nuovo meccanismo preannunciato per settembre 2014 con comunicazione alla CRUI del Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, datata luglio Pag. 6 di 97

7 Alla data di stesura della presente relazione il MIUR non ha ancora comunicato l esito delle verifiche sul 2013, per cui non possono essere forniti l indicatore delle spese e l indicatore dell indebitamento, né ha ancora comunicato il contingente assunzionale per l anno Programma triennale ed elenco annuale dei lavori edilizi vengono redatti dall Ateneo in applicazione dell articolo 128 Programmazione dei lavori pubblici del Codice dei Contratti Pubblici di lavori, servizi, forniture (Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163). Il programma triennale identifica e quantifica i lavori di singolo importo superiore a 100 mila euro, individuando un ordine di priorità; contiene un indicazione dei lavori strumentali necessari per soddisfarli, indicandone le caratteristiche funzionali, tecniche, gestionali ed economico-finanziarie ed esplicitando l'analisi dello stato di fatto di ogni intervento nelle componenti storico-artistiche, architettoniche, paesaggistiche, di sostenibilità ambientale, socio-economiche, amministrative e tecniche. Sono prioritari i lavori di manutenzione, di recupero del patrimonio esistente, di completamento dei lavori già iniziati, i progetti esecutivi approvati, nonché gli interventi per i quali ricorra la possibilità di finanziamento con capitale privato maggioritario. Il Consiglio di Amministrazione ha adottato l elenco annuale dei lavori edilizi ed il programma triennale nella seduta del 28/10/2014, pratica AUTC 12/01. L approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione avverrà decorsi 60 giorni dalla data di pubblicazione sull Albo Ufficiale di Ateneo, come previsto dalla normativa vigente. Linee di indirizzo per la programmazione didattica dell anno accademico 2015/2016 Sulla base delle linee d indirizzo per la programmazione didattica dell a a. 2014/2015, approvate dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente nelle sedute del 17/09/2013 e del 24/09/2013, il Senato Accademico del 21/10/2014 Pratica APOS 6/01 - ha definito le linee d indirizzo per la programmazione didattica dell anno accademico 2015/2016. Esse modificano e integrano quelle approvate per l anno accademico precedente, nell ottica di fornire alle strutture didattiche un quadro di riferimento per le attività di programmazione, coerentemente alla normativa nazionale vigente e ai regolamenti d Ateneo. Così come per l anno accademico precedente sono specificati in particolare i compiti didattici dei docenti e ricercatori, il ruolo delle strutture didattiche previste dal nuovo assetto istituzionale e dei rispettivi responsabili, i presupposti e i limiti per l affidamento e la retribuzione degli incarichi didattici e della stipula dei contratti. La copertura finanziaria di tali obblighi è individuata nel Budget didattica/servizi agli studenti Scuole. Pag. 7 di 97

8 Legge di stabilità 2015 disegno di legge attualmente in approvazione La quantificazione degli stanziamenti di spesa potrebbe essere rivista a seguito dell approvazione della Legge di stabilità, in discussione al Parlamento al momento della predisposizione del bilancio di previsione Qualora fossero confermate le ipotesi di stanziamento incrementale a favore del Fondo di Finanziamento Ordinario per il Sistema Universitario, pari a 125/150 milioni di euro, la maggiore assegnazione che ne deriverebbe per l Università di Bologna costituirebbe oggetto di assestamento di bilancio nel corso dell esercizio CONSIDERAZIONI GENERALI Il bilancio di previsione 2015 è stato predisposto con riferimento ad un contesto normativo e finanziario incerto con riferimento ai finanziamenti statali a favore del sistema universitario nazionale. I principali elementi di criticità rimandano ai seguenti aspetti: alla data di predisposizione del bilancio di previsione, non è ancora pervenuta comunicazione dal MIUR in merito alle assegnazioni complessive FFO 2014 a Unibo; non sono pertanto noti gli effetti determinati dai nuovi criteri di riparto FFO: Quota base: 75% del FFO complessivo, di cui il 20% attribuito in proporzione al costo standard per studente in corso e l 80% attribuito in proporzione a alla quota base FFO 2013; Quota Premiale: 18% del FFO complessivo, di cui: 4/5 attribuiti in relazione ai risultati della VQR e delle politiche reclutamento; 1/5 attribuito in relazione ai risultati della didattica; Intervento perequativo: 1,5% del FFO complessivo; non è stata ancora approvata la Legge di stabilità 2015, che dovrebbe prevedere una assegnazione integrativa al sistema universitario pari a 125/150 milioni di euro; è pervenuta comunicazione in merito all assegnazione della quota Unibo dell incentivo previsto dall art 6 del DM 700/2013 relativo al reclutamento di un numero di ricercatori di cui all art. 24 comma 3 lettera b) della legge 240/2010 maggiore rispetto a quello dei professori ordinari; la somma corrisponde ai 2/12 di competenza 2013, per un ammontare pari a circa 900 mila euro. E attesa pertanto l assegnazione dei restanti 10/12, a valere sui fondi FFO 2014, pari ad un ammontare stimato di 4,5 milioni di euro, che dovrebbe costituire una maggiore entrata nell esercizio finanziario In questo scenario incerto, la programmazione finanziaria proposta dall Ateneo ha inteso perseguire le seguenti finalità: Pag. 8 di 97

9 garantire il turnover del personale nella misura massima dei punti organico assegnati dal Miur, con riferimento alla programmazione del personale 2013 e 2014; confermare le assegnazioni ordinarie per le strutture didattiche e di ricerca al fine di garantire continuità alle attività istituzionali di ricerca e didattica. Nel 2015 le dotazioni (Funzionamento e Budget Didattica/servizi agli studenti) sono integrate di 150 mila euro per effetto dell introduzione dei limiti di variazione nei criteri di riparto; garantire i servizi a favore degli studenti, nonostante l Ateneo non abbia aumentato le contribuzioni studentesche, al netto dell adeguamento del 1,5% già previsto per la tassa ministeriale; Incrementare le risorse per l internazionalizzazione con riferimento a: - Programma di borse di studio per studenti internazionali UNIBO Azione 2 per un importo pari a 260 mila euro. Tale stanziamento consente di reintegrare i fondi assegnati a tale progetto che nel 2013 ammontavano complessivamente a 1,48 milioni di euro e ridotti nel 2014 a 860 mila euro. Le risorse consentono di garantire 30 rinnovi e 30 nuove borse. - Integrazioni delle borse Erasmus per un importo pari a 150 mila euro. Il contributo comunitario mensile per singola borsa nel 2014 era pari a 230 euro, cui corrispondeva un contributo mensile UNIBO di 140 euro. In relazione alle nuove regole di contribuzione fissate per il 2015, la richiesta integrativa di stanziamento consente di mantenere il contributo mensile Unibo invariato. Senza tale integrazione la quota a carico Unibo sarebbe di 120 euro; garantire l apporto finanziario incrementale che l Ateneo garantisce per effetto dell aumento degli esoneri, pari a 500 mila euro; contenere le spese per il funzionamento della struttura organizzativa e le attività di supporto organizzativo, i cui stanziamenti sono generalmente confermati rispetto alle assegnazioni dell esercizio precedente. Sono state incrementate solo alcune voci di spesa, che saranno successivamente richiamate: - reclutamento personale tecnico amministrativo a tempo determinato (Area persone e Organizzazione): 1,2 milioni di euro; - Fondo Trattamento accessorio (Area persone e Organizzazione): 470 mila euro; - aggiudicazione gara per Servizio di tesoreria (Area Finanza e Controllo di Gestione): 360 mila euro; - rimborso spese ad Azienda Ospedaliera per accordi e convenzioni (Area Sanità): 104 mila euro; - contratti per utenze di Ateneo telefonia, gas, acqua, energia elettrica e riscaldamento (Area Edilizia e Logistica e Area Sistemi Informativi): 780 mila euro; Pag. 9 di 97

10 finanziare le Grandi Opere edilizie, i cui stanziamenti risultano in complessivo incremento rispetto al 2014 di 8,4 mln di euro. In corrispondenza di interventi specifici sul Navile, è proposta l accensione di un automutuo come strumento di autofinanziamento pari a 5,3 mln di euro. In sintesi, la programmazione finanziaria 2015 si propone di garantire il sostegno economico delle missioni istituzionali di didattica e ricerca, dei numerosi interventi rivolti agli studenti e degli investimenti per l edilizia. Pag. 10 di 97

11 CRITERI DI PREDISPOSIZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Come per l esercizio passato, il passaggio al bilancio unico e l adozione del nuovo modello di gestione contabile, coerente con l articolazione complessiva delle Strutture prevista dalle norme statutarie vigenti e con i modelli di autonomia gestionale deliberati dagli Organi Accademici (Consigli di Amministrazione del 28/05/ Pratica ARAG 10/04, del 25/06/ Pratica ARAG 10/02 e del 9/10/ Pratica ARAG 10/01) ha richiesto un adeguamento delle disposizioni per la predisposizione delle previsioni di bilancio. Il Consiglio di Amministrazione - rappresentando l Ateneo un unico centro di gestione delle risorse economiche, finanziarie e patrimoniali - assume il ruolo fondamentale di indirizzo e vigilanza sulla sostenibilità finanziaria delle attività dell Ateneo e sul rispetto delle norme di contabilità e finanza pubblica. I modelli gestionali in bilancio unico hanno confermato la responsabilità nella formulazione della proposta di budget ai Dipartimenti e alle Strutture assimilate, alle Scuole, ai Campus e alle Aree Dirigenziali. Per le previsioni 2015, vista la perdurante mancanza di comunicazioni da parte del MIUR in merito sia alla quantificazione del FFO 2014 sia alla attribuzione dei punti organico 2014, si è ritenuto opportuno che i responsabili gestionali di alcune Strutture 1 sospendessero le procedure di definizione dei budget per il 2015 per evitare successive operazioni di correzione che avrebbero imposto un doppio sforzo programmatorio. Le implicazioni sono state le seguenti: - alle sole Aree Dirigenziali dell Amministrazione centrale è stata preventivamente riconosciuta un assegnazione di Ateneo (sulla base degli stanziamenti per l esercizio finanziario 2014) che ha permesso loro di formulare una propria proposta di budget da sottoporre all approvazione del Consiglio di Amministrazione di Ateneo; - a tutte le rimanenti Strutture è stata richiesta una proposta di programmazione finanziaria da sottoporre ai rispettivi Organi deliberanti entro la fine dell esercizio 2014, una volta conosciuto l importo delle rispettive assegnazioni; i rispettivi budget sono quindi interamente allocati nell unica voce Assegnazioni di Ateneo (articolo F.S ). Principali strumenti per la formulazione del bilancio di previsione 2015 I principali strumenti cui si è fatto riferimento per la formulazione delle previsioni 2015, dal punto di vista normativo, gestionale ed operativo - sono i seguenti: - Regolamento di Amministrazione Finanza e Contabilità (di seguito RAFC); 1 Dipartimenti e Strutture Assimilate, Scuole, Campus e altre Strutture non confluite nelle Aree dell Amministrazione centrale Pag. 11 di 97

12 - Piano dei conti finanziario unico di Ateneo, in base al quale sono state registrate le previsioni di entrata e di spesa Sinteticamente, la struttura del piano dei conti presenta una classificazione in TITOLI, CATEGORIE, CAPITOLI per la parte entrate e TITOLI, INTERVENTI, CAPITOLI per la parte spese. Il capitolo (III livello) costituisce il livello autorizzatorio; quale dettaglio del capitolo, è previsto un ulteriore livello gestionale, denominato articolo, in corrispondenza del quale vengono formulate le previsioni; - articolazione dei centri di responsabilità (Cdr) dotati di autonomia gestionale e la struttura contabile che supporta le operazioni di previsione Criteri di formulazione del bilancio di previsione 2015 Il RAFC all art. 2 comma 1 prevede che il bilancio di previsione sia formulato in termini finanziari di competenza; il comma 3 dello stesso articolo definisce che per ciascun capitolo di entrata e di spesa è necessario indicare l'ammontare delle entrate che si prevede di accertare e delle spese che potranno essere impegnate nell'esercizio cui il bilancio si riferisce; il comma 4 stabilisce che gli stanziamenti di spesa sono iscritti in bilancio in relazione ai programmi definiti ed alle concrete capacità operative dell università nel periodo di riferimento. Il Consiglio di Amministrazione, nella seduta del 24/06/2014 Pratica SSRD 10/12, ha deliberato che sia rinviata all anno 2015 l adozione del sistema contabile U-GOV del CINECA per la gestione a regime della contabilità economico patrimoniale, con una migrazione delle grandezze finanziarie a partire dall autunno dello stesso anno e un entrata in produzione dell applicativo al 01/01/2016. A seguito dell avvio della sperimentazione della contabilità economico-patrimoniale, al bilancio unico di previsione 2015, redatto in termini finanziari di competenza, si allega uno schema di budget economico e budget degli investimenti, oltre ad una riclassificazione della spesa di Ateneo per missioni e programmi, così come previsto dal Decreto MIUR n. 21 del 16/01/2014. Aree dirigenziali dell Amministrazione centrale Le Aree dirigenziali dell Amministrazione centrale hanno previsto le entrate e le spese secondo i criteri e le modalità consuete, prestando particolare attenzione alla previsione di spese finalizzate a specifiche entrate. Ad esse sono state riconosciute assegnazioni di Ateneo basate sugli stanziamenti per l esercizio 2014, fatte salve riduzioni di spesa indicate dal Direttore Generale per alcuni budget. Alle seguenti Aree sono stati inoltre riconosciuti stanziamenti per le esigenze delle Strutture afferenti: - Segreteria Rettore e Direttore Generale per l Istituto di Studi Superiore euro; Pag. 12 di 97

13 - Area Persone e Organizzazione per il Servizio di Medicina del Lavoro, di Prevenzione e Protezione e di Fisica Sanitaria euro; - Area Didattica e Servizi agli Studenti per le esigenze del Consiglio Studentesco euro. Strutture con autonomia di budget diverse dalle Aree dirigenziali Per tutte le altre Strutture con autonomia di budget diverse dalle Aree dirigenziali dell Amministrazione centrale che, come premesso, non sottopongono la propria programmazione finanziaria all approvazione del Consiglio di Amministrazione di Ateneo, si evidenzia il dettaglio delle assegnazioni che nel bilancio unico di previsione per il 2015 sono quindi interamente allocate sul capitolo Assegnazioni di Ateneo. Le assegnazioni distinte per singola struttura (Dipartimenti, Scuole, Campus e Altre strutture) sono state comunicate il 28 novembre 2014, al fine di consentire la programmazione finanziaria Gli stanziamenti complessivi saranno oggetto di deliberazione del Consiglio di Amministrazione nella seduta di approvazione del bilancio di previsione 2015, prevista per il 17 dicembre Scuole Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato in merito alle assegnazioni alle Scuole nelle sedute del 29/01/2013 (pratica ARAG -7.6) e del 23 luglio 2013 (pratica ARAG 10.3). Nella tabella si riportano gli importi delle assegnazioni 2015 alle Scuole, distinti per budget per la Didattica e Servizi agli Studenti, Programmazione Didattica e budget per il Funzionamento: SCUOLE 2015 Budget Didattica e Servizi agli studenti - Scuole ,00 Programmazione didattica + quota garanzia ,00 Funzionamento Scuole ,00 Totale Scuole ,00 Tabella 1 Scuole - Assegnazioni 2015 Successivamente alle delibere dei propri Consigli, i responsabili gestionali delle Strutture provvederanno ad una riparto interno delle risorse, destinandole alle attività previste. 2 Per il 2015 le dotazioni (funzionamento, budget didattica/servizi agli studenti e budget integrato per la ricerca) sono integrate di 150 mila euro per effetto dell introduzione dei limiti alle variazioni negative. Pag. 13 di 97

14 Ad integrazione delle quote assegnate alle Scuole, rilevano l assegnazione attribuita alla Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali E. Redenti, articolazione contabile della Scuola di Giurisprudenza, per , euro e quella attribuita alla Scuola Superiore di Studi Umanistici, articolazione contabile della Scuola di Lettere e Beni Culturali, per euro (Consiglio di Amministrazione del 30/09/2014 Pratica SSRD 10/08). Per il 2015 sono inoltre previsti un contributo per le attività di Scienze Motorie della Scuola di Farmacia, Biotecnologie e Scienze Motorie pari a euro e un contributo per la Scuola Superiore di Giornalismo per euro, a titolo di investimento, anche in termini di attrezzature, per consentire l accreditamento del master di giornalismo presso l ordine nazionale giornalisti. Anche questi trasferimenti sono interamente allocati sul capitolo Assegnazioni di Ateneo. Dipartimenti e Strutture Assimilate Nella tabella che segue si riportano gli importi delle assegnazioni 2015 ai Dipartimenti, distinti per Budget Integrato per la Ricerca, budget per la Didattica e Servizi agli Studenti e budget per il Funzionamento (nell assegnazione per il funzionamento è inclusa la quota relativa all acquisizione delle risorse elettroniche, la cui previsione 2015 è stata effettuata dall Area Sistemi Dipartimentali e Documentali, nell ambito delle attività svolte a favore del Sistema Bibliotecario di Ateneo): DIPARTIMENTI 2015 Budget Didattica e Servizi agli studenti Dipartimenti ,00 Funzionamento Dipartimenti ,00 Budget Integrato Ricerca ,00 Totale Dipartimenti ,00 Tabella 2 - Assegnazioni a Dipartimenti 2015 Per alcuni Dipartimenti il Consiglio di Amministrazione del 30/09/2014 Pratica SSRD 10/08 - ha consolidato la previsione di un assegnazione ulteriore dovuta a particolari esigenze e destinata ad interventi aventi carattere di costanza e stabilità nel tempo: - Dipartimento di Farmacia e Biotecnologie per le attività dell ex Centro Interdipartimentale di Ricerche Biotecnologiche CIRB euro; - Dipartimento delle Arti per le attività del Centro di Promozione e Produzione delle Arti performative La Soffitta (ex Cimes e La Soffitta) e dei Laboratori delle Arti ex Azzo Gardino euro; Pag. 14 di 97

15 - Dipartimento di Chimica Industriale "Toso Montanari" per il Centro Servizi ex CSB euro; - Dipartimento di Storia Culture Civiltà per lo svolgimento e il mantenimento degli scavi archeologici euro. Per l esercizio 2015 sono state inoltre confermate assegnazioni ai seguenti Dipartimenti: - Dipartimento di Storia Culture Civiltà per il funzionamento dell Archivio Storico euro; - Dipartimento di Fisica e Astronomia per la convenzione di ricerca finalizzata al funzionamento del Radiotelescopio Croce del Nord euro; - Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie per il Comitato per il benessere degli animali, che ha assorbito le funzioni del Servizio Veterinario Centralizzato SEVE euro. Successivamente alle delibere dei propri Consigli, i responsabili gestionali delle Strutture provvederanno ad un riparto interno delle risorse, destinandole alle attività previste. Per l esercizio 2015 sono state inoltre attribuite assegnazioni per il proprio funzionamento alle seguenti Strutture di cui al titolo V capo I del RAFC:: - Azienda Agraria euro; - Sistema Museale di Ateneo SMA (comprensivo dei Musei di Palazzo Poggi) euro; - Biblioteca Universitaria di Bologna BUB euro. Per quanto concerne le attività della Scuola di Specializzazione in Studi sull Amministrazione Pubblica SPISA (articolazione contabile del Centro di Ricerca e Formazione sul Settore Pubblico CRIFSP) il Consiglio di Amministrazione del 30/09/2014 Pratica SSRD 10/08 ha previsto un assegnazione a carattere di costanza e stabilità nel tempo di euro. Campus Nella tabella si riportano gli importi 2015 per singolo Campus, a titolo di budget di funzionamento e budget Didattica e Servizi agli studenti: Pag. 15 di 97

16 CAMPUS 2015 Budget Campus ,00 di cui Quota indivisa Totale Campus ,00 Tabella 3 Assegnazioni Campus 2015 E stata prevista la spesa per la quota indivisa, per un importo pari a 54 mila euro, relativa a spese disposte a beneficio di tutti i Campus secondo le indicazioni del Prorettore alle sedi di Cesena, Forlì, Ravenna e Rimini e dei Dirigenti preposti. Lo stanziamento è stato registrato dall Amministrazione Generale e sarà oggetto di variazioni di bilancio di rimodulazione nel corso dell esercizio Assegnazioni a Strutture esterne Per completare il quadro delle attribuzioni di Ateneo, si riporta una tabella riepilogativa delle principali assegnazioni che l Ateneo eroga a Strutture sovvenzionate, distribuite a titolo di contributo di funzionamento o in virtù di specifici accordi: Strutture esterne diff 2015 vs 2014 Johns Hopkins , , ,92 Osservatorio Magna Charta , , ,28 Fondazione Federico Zeri , , ,00 Fondazione Alma Mater (*) , ,00 - CEUB , ,00 - Accademia delle Scienze , ,00 - Fondazione Bologna University Business School (**) , , ,00 Collegium Musicum , ,00 - Centro di Poesia 4.470, ,00 530,00 Centro di Studi d'arte Estremo Orientale (***) , ,00 Totale , , ,80 - Tabella 4 - Assegnazioni a Strutture sovvenzionate dall Ateneo (*) Con riferimento alla Fondazione Alma Mater, si precisa che l entità del contributo è pari al contributo ordinario 2014, determinato nella seduta del Consiglio di Amministrazione del 29/07/2014 Pratica ARAG 10/09. (**) E previsto per il 2015 un contributo unico ordinario per tutte le attività svolte in favore dell Ateneo, sulla base di determinazioni operative definite dall Ateneo che saranno deliberate dal Consiglio di Amministrazione nel corso del (***) L effettiva assegnazione attribuita per il 2014 al Centro Studi d Arte Estremo Orientale è stata pari a euro, in relazione alla stipula del contratto di erogazione liberale datato 29/05/2014 che vede come parti l Ateneo, il Centro e la Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. Pag. 16 di 97

17 STRUTTURA DEL BILANCIO La struttura contabile predisposta fa riferimento ad una struttura contabile di bilancio standard e omogenea definita per agevolare le operazioni di programmazione, gestione, analisi e controllo delle operazioni contabili nonché rendere agevole la lettura del bilancio per i soggetti portatori di interesse. I criteri seguiti per la definizione della struttura contabile idonea a supportare le previsioni di bilancio, sono i seguenti: sono stati configurati specifici CdR riferiti alle principali attività che le Strutture di Ateneo svolgono sia in ambito istituzionale sia in ambito commerciale: Formazione, Ricerca, Funzionamento e Servizi e prestazioni a pagamento ; i CdR sono stati ulteriormente articolati in specifici progetti al fine di identificare la previsione (e la successiva gestione) delle assegnazioni di Ateneo soggette a rendicontazione: Budget Didattica e Servizi agli studenti, Budget integrato Ricerca, Funzionamento; con riferimento alle Strutture la cui programmazione finanziaria non concorre alla predisposizione del bilancio unico di Ateneo 2015 portato all approvazione del Consiglio di Amministrazione (Dipartimenti e Strutture Assimilate, Scuole, Campus e altre Strutture non confluite nelle Aree dell Amministrazione centrale) tale articolazione contabile verrà utilizzata e valorizzata quando le Strutture effettueranno le variazioni di bilancio ad inizio esercizio Pag. 17 di 97

18 ENTRATE ANALISI GENERALE Il bilancio di previsione 2015 considera un ammontare complessivo di entrate, al netto delle partite di giro e dell avanzo di amministrazione presunto dell esercizio 2014, pari a 578,18 milioni di euro. Il confronto rispetto all esercizio precedente richiede le seguenti precisazioni: le entrate oggetto di analisi si riferiscono alle entrate registrate dall Amministrazione Generale e dalle Aree Dirigenziali di Bologna; non sono comprese le entrate proprie degli altri centri gestionali di Ateneo in quanto, come precedentemente indicato, le strutture non hanno provveduto alla programmazione finanziaria Tali entrate verranno contabilizzate in corso d esercizio con opportune variazioni di bilancio, nel rispetto delle Linee guida per la previsione delle entrate proprie per i centri di responsabilità dotati di autonomia di budget (CA del 20/12/ /03/ /11/2014). Nell esercizio 2015 l ammontare delle entrate, al netto delle partite di giro e dell avanzo di amministrazione presunto dell esercizio 2014, risulta pari a 578,18 mln di euro. Rispetto all esercizio 2014, che evidenziava entrate pari a 580,66 mln di euro, si evidenzia quindi una riduzione pari a 2,49 mln di euro (- 0,43%). La tabella e il grafico sintetizzano le principali voci di entrata nei singoli esercizi e misura l incidenza percentuale di ognuna sul totale complessivo nel I totali riportati non includono le partite di giro (pari a 159,42 mln di euro sia in entrata che in spesa) e l avanzo presunto dell esercizio precedente utilizzato per il pareggio. Titoli Previsioni iniziali Previsioni iniziali Differenza % vs 2014 Entrate proprie , ,92-4,68% Trasferimenti esterni , ,37 0,10% Alienazione beni patrimoniali ,00 100,00% Accensione di prestiti - 0,00% Altre entrate , ,77-1,31% Totale (al netto di avanzo e partite di giro) , ,06-0,43% Avanzo presunto esercizio precedente , ,00 Pag. 18 di 97

19 Tabella 5 Grafico 1 Entrate Confronto previsioni iniziali e composizione percentuale 2015 TRASFERIMENTI La previsione complessiva pari a 403,89 mln di euro (403,49 mln di euro nel 2014) del titolo Trasferimenti, in leggero incremento del 0,10%, risulta totalmente composta da Trasferimenti da esterni che includono i finanziamenti dello Stato e di altri soggetti per spese correnti o per investimenti. A) FINANZIAMENTI STATALI I trasferimenti dello Stato rappresentano la principale forma di sostegno finanziario. Le assegnazioni finanziano spese di carattere corrente (Fondo di Finanziamento Ordinario, fondi per i contratti di formazione medica e per borse di specializzazione non medica) ed interventi per la ricerca. Il peso percentuale dei finanziamenti statali previsto per il 2015 sul totale entrate al netto di partite di giro e avanzo si è assestato attorno al 70,46%, in leggero incremento rispetto al precedente esercizio finanziario (69,45%) (403,66 milioni di euro rispetto a 403,25 milioni di euro nel 2014). a.1) Fondo di finanziamento ordinario La fonte di entrata prevalente da parte dello Stato è costituita dal Fondo di Finanziamento Ordinario (FFO). La stima dell assegnazione FFO 2015 complessiva all Ateneo ammonta a 380,87 milioni di euro, di cui 370,86 a favore dell Ateneo (compresi i finanziamenti stimati corrispondenti al Pag. 19 di 97

20 Piano Straordinario Associati) e 10,01 milioni di euro quali assegnazioni stimate per interventi specifici, compresi i finanziamenti relativi al sostegno dei giovani e per favorire la mobilità degli studenti e le borse di studio universitarie post laurea, confluite nel FFO dal 2014,come disposto dal D.L.69/2013 art.60 comma 1 ( Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia convertito con modificazioni dalla L. 9 agosto 2013, n. 98 c.d. Decreto del fare. Come già evidenziato nelle considerazioni generali introduttive, la stima del Fondo di finanziamento ordinario 2015 è stato formulata in un contesto finanziario incerto con riferimento ai finanziamenti statali a favore del sistema universitario nazionale. Alla luce di tali considerazioni introduttive, per stimare l assegnazione 2015 è stato necessario procedere ad una stima dell assegnazione Assegnazione FFO 2014 a favore del bilancio La stima delle assegnazioni 2014, compreso il finanziamento corrispondente al reclutamento dei professori associati (PSA) è pari a 380 milioni di euro, e stata calcolata applicando un incremento del 2% all assegnazione complessiva 2013, relativa alle medesime quote. L assegnazione 2013 è infatti risultata pari a 372,42 milioni di euro, al netto della riduzione della quota a salvaguardia degli atenei sotto finanziati (4,5 mln di euro). Attualmente il bilancio 2014 evidenzia uno stanziamento a favore del bilancio pari a 376 milioni di euro. Assegnazione FFO 2015 a favore del bilancio La stima del FFO 2015 è stata effettuata assumendo una assegnazione 2014 pari a 380 milioni, cui è stata applicata la riduzione percentuale nazionale attualmente desumibile dalle tabelle del bilancio dello stato in rete, consultabili dal sito della Ragioneria Generale dello Stato. Lo stanziamento nazionale FFO 2015 evidenzia una riduzione del 2,4% rispetto allo stanziamento assestato 2014, pertanto l assegnazione 2015 ad Unibo è quantificata pari a 370,86 milioni di euro. a.2) Fondo per la programmazione delle Università Il D.L.69/2013 ha disposto che le risorse attribuite per il sostegno dell attuazione dei programmi e per la realizzazione dei risultati previsti nei programmi triennali adottati dagli Atenei, confluiscano dall esercizio 2014 nel FFO. Precedentemente a tale intervento di razionalizzazione, tali risorse erano trasferite da uno specifico capitolo di spesa del Ministero capitolo A questa disposizione si è aggiunta la pubblicazione del decreto ministeriale avente per oggetto le modalità di riparto ed assegnazione di detti fondi L Ateneo ha aderito presentando progetti per i Pag. 20 di 97

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 SUA-RD Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 Finalità della presentazione Questa presentazione ha lo scopo di esaminare le modalità di compilazione della

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE PER GLI STUDENTI Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE VALIDE PER I CORSI ATTIVATI AI SENSI DEL D.M. 270/04 Immatricolazione

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Indice 1. Le basi normative e aspetti generali 2. Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 302 del 31 dicembre 2014), coordinato con la legge di conversione 27 febbraio

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

STATUTO DELL AUTONOMIA

STATUTO DELL AUTONOMIA Atti della Commissione statutaria 1 Università degli Studi di Sassari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI STATUTO DELL AUTONOMIA SOMMARIO PREAMBOLO Definizioni TITOLO I - PRINCIPI Capo I - Principi generali

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

ALLEGATO 1/A. Relazione PARTE I

ALLEGATO 1/A. Relazione PARTE I ALLEGATO 1/A UNIIVERSIITA DII PIISA AREA FIINANZA E FIISCALE UFFIICIIO FIINANZA E CONTABIILIITA CONTO CONSUNTIVO ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 Relazione PARTE I INDICE Relazione Parte I RELAZIONE DEI PROGRAMMI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO Documento approvato dal Consiglio Direttivo dell ANVUR il 09 gennaio 2013 FINALITA DEL DOCUMENTO Questo documento riassume

Dettagli

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10)

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) Roma, aprile 2011 DENTRO IL LABIRINTO La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) di Emanuela Stefani e Vincenzo Zara DENTRO IL LABIRINTO. LA SOSTENIBILITA'

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

RIUNIONE DEL 15.12.2004 ore 16.00 Sala delle adunanze dell Ateneo

RIUNIONE DEL 15.12.2004 ore 16.00 Sala delle adunanze dell Ateneo RIUNIONE DEL 15.12.2004 ore 16.00 Sala delle adunanze dell Ateneo VERBALE N. 282 COMPONENTI IL CONSIGLIO p g a FERDINANDO DI ORIO RETTORE, PRESIDENTE X ROBERTO VOLPE PRO-RETTORE X FILIPPO DEL VECCHIO DIRETTORE

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli