Bilancio unico di previsione e.f Relazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio unico di previsione e.f. 2015 Relazione"

Transcript

1 ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA INDICE CA 17/12/2014 ALL. 7 Pagg. 97 (parte integrante) Bilancio unico di previsione e.f Relazione Pag. 1 di 97

2 PREMESSACRITERI DI ELABORAZIONE 5 CONSIDERAZIONI GENERALI 8 CRITERI DI PREDISPOSIZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE PRINCIPALI STRUMENTI PER LA FORMULAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE CRITERI DI FORMULAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE SCUOLE 13 DIPARTIMENTI E STRUTTURE ASSIMILATE 14 CAMPUS 15 ASSEGNAZIONI A STRUTTURE ESTERNE 16 STRUTTURA DEL BILANCIO 17 ENTRATE 18 ANALISI GENERALE 18 TRASFERIMENTI 19 A) FINANZIAMENTI STATALI 19 a.1)... Fondo di finanziamento ordinario 19 a.2)... Fondo per la programmazione delle Università 20 a.3)... Fondi per contratti di formazione specialistica per scuole di specializzazione mediche CEE (D.lgs. n. 368/1999) 21 a.4)... Fondi per la ricerca 21 a.5)... Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire la mobilità degli studenti (D.M. n. 198/2003) 21 a.6)... Fondi per i Comitati Sportivi Universitari 21 a.7)... Fondi per borse di studio per Scuole di Specializzazione non mediche (Legge n. 398/1989) 22 B) FINANZIAMENTI DA ALTRI ENTI PUBBLICI E DA PRIVATI 22 ENTRATE PROPRIE 22 A) ENTRATE CONTRIBUTIVE 23 a.1)... Iscrizioni ai corsi di studio 23 Pag. 2 di 97

3 a.2)... Formazione post lauream 27 a.3)... Altre contribuzioni 27 B) ATTIVITA CONVENZIONATE 28 C) ENTRATE DA ATTIVITA COMMERCIALE 29 D) ENTRATE PATRIMONIALI 29 ALIENAZIONE DI BENI PATRIMONIALI 30 ACCENSIONE DI PRESTITI 30 ALTRE ENTRATE 30 DISAVANZO 2015 COPERTO CON AVANZO PRESUNTO ANALISI GENERALE 31 SPESE ATTIVITA E SERVIZI 31 RICERCA 38 A) Sostegno alla ricerca scientifica: budget integrato di dipartimento 38 B) Formazione scientifica: dottorato di ricerca 39 C) Servizi di supporto alla ricerca 39 FORMAZIONE 43 INTERNAZIONALIZZAZIONE 43 SERVIZI AGLI STUDENTI 46 PERSONALE 49 ORGANIZZAZIONE 55 A) SISTEMI INFORMATIVI 61 B) SERVIZI BIBLIOTECARI 64 C) CULTURA E COMUNICAZIONE 73 D) EDILIZIA 73 E) GESTIONE DEGLI SPAZI 79 Pag. 3 di 97

4 F) SPESE LEGALI E PER ATTIVITA ISTITUZIONALI 82 G) CONTRATTI PLURIENNALI 82 VINCOLI DI FINANZA PUBBLICA 90 ELENCO TABELLE 97 Pag. 4 di 97

5 PREMESSA CRITERI DI ELABORAZIONE I principali documenti di programmazione finanziaria nazionale a cui si è fatto riferimento per l elaborazione del bilancio di previsione 2015 sono: - D.L. 78/2010 Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica convertito in Legge 30 luglio 2010 n. 122/2010; - L. 147/2013 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato - Legge di stabilità 2014; - D.Lgs. 49/2012 Disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli Atenei, in attuazione della delega prevista dall articolo 5, comma 1, della legge 30 dicembre 2010, n. 240 e per il raggiungimento degli obiettivi previsti dal comma 1, lettere b) e c), secondo i principi normativi e i criteri direttivi stabiliti al comma 4, lettere b), c), d), e) ed f) e al comma 5 ; - D.L. 95/2012 Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini convertito in Legge 7 agosto 2012 n. 135/2012; - D.L. 69/2013 Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia convertito con modificazioni dalla L. 9 agosto 2013, n. 98 c.d. Decreto del fare ; - D.L. 66/2014 Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale, convertito con modificazioni dalla L. 23 giugno 2014, n. 89 (in G.U. 23/06/2014, n. 143); - Disegno di legge di stabilità per il 2015, in discussione al momento della formulazione del bilancio preventivo; - Deliberazioni assunte dagli Organi Accademici in merito alla gestione finanziaria dell AteneoAteneo, di seguito elencate: - Piano Strategico (Senato Accademico del 21/01/2014, Pratica ARAG 10/01); - Programmazione pluriennale del personale (Consiglio di Amministrazione del 25/09/2012, Pratica ARAG 8/01); - Programma triennale ed Elenco annuale dei lavori edilizi (Consiglio di Amministrazione del 28/10/2014, Pratica AUTC 12/01); - Linee di indirizzo per la programmazione didattica dell anno accademico 2015/2016 (Senato Accademico del 21/10/2014, Pratica APOS 06/01); Pag. 5 di 97

6 - Regole generali per la copertura finanziaria dei contratti pluriennali per le esigenze delle Strutture di Ateneo (Consiglio di Amministrazione del 24/06/2014, Pratica ARAG 10/03); - Consolidamento dotazioni finanziarie destinate a interventi aventi carattere di stabilità nel tempo (Consiglio di Amministrazione del 30/09/2014, Pratica SSRD 10/08); - Decreto Rettorale n del 28/11/2014 Prot sulla ripartizione delle dotazioni per l esercizio Piano Strategico La legge 43/2005 art.1-ter prevede che a decorrere dall'anno 2006 le Università, anche al fine di perseguire obiettivi di efficacia e qualità dei servizi offerti, entro il 30 giugno di ogni anno, adottino programmi triennali coerenti con le linee generali di indirizzo definite con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università' e della Ricerca,. Le linee generali d indirizzo per il triennio sono state definite dal decreto ministeriale pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10/01/2014. Il Piano Strategico dell Ateneo, redatto in ottemperanza all art. 1-ter della Legge 43/2005, copre un orizzonte temporale coerente con quello previsto dalle Linee generali di indirizzo del MIUR ( ). Partendo dell esperienza pregressa e dallo studio delle misure di efficacia ed efficienza del sistema universitario adottate dai principali valutatori nazionali e internazionali, o già utilizzate nei processi valutativi interni, si è arrivati alla definizione di nuovi obiettivi e di relativi indicatori. L Ateneo, in continuità con le scelte precedenti, ha deciso di sviluppare una Mappa Strategica articolata nelle aree Ricerca e Formazione da cui discendono gli obiettivi strategici, gli obiettivi di base e relativi indicatori quantitativi di monitoraggio. Programmazione del personale L attuale contesto legislativo conferma una limitazione delle assunzioni nelle università, con una percentuale di turn-over consentito assestata al 50% sia per il 2014 che per il Ai fini delle determinazione dell assegnazione di punti organico ad oggi restano confermati i due indicatori definiti dal D.lgs. 49/12: spese di indebitamento e spese di personale, nonché il meccanismo previsto dal D.lgs. 95/2012, che premia la distanza dell indicatore spese di personale rispetto al target fissato dal MIUR, pari all 80% delle entrate complessive; siamo infatti ancora in attesa di recepire un nuovo meccanismo preannunciato per settembre 2014 con comunicazione alla CRUI del Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, datata luglio Pag. 6 di 97

7 Alla data di stesura della presente relazione il MIUR non ha ancora comunicato l esito delle verifiche sul 2013, per cui non possono essere forniti l indicatore delle spese e l indicatore dell indebitamento, né ha ancora comunicato il contingente assunzionale per l anno Programma triennale ed elenco annuale dei lavori edilizi vengono redatti dall Ateneo in applicazione dell articolo 128 Programmazione dei lavori pubblici del Codice dei Contratti Pubblici di lavori, servizi, forniture (Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163). Il programma triennale identifica e quantifica i lavori di singolo importo superiore a 100 mila euro, individuando un ordine di priorità; contiene un indicazione dei lavori strumentali necessari per soddisfarli, indicandone le caratteristiche funzionali, tecniche, gestionali ed economico-finanziarie ed esplicitando l'analisi dello stato di fatto di ogni intervento nelle componenti storico-artistiche, architettoniche, paesaggistiche, di sostenibilità ambientale, socio-economiche, amministrative e tecniche. Sono prioritari i lavori di manutenzione, di recupero del patrimonio esistente, di completamento dei lavori già iniziati, i progetti esecutivi approvati, nonché gli interventi per i quali ricorra la possibilità di finanziamento con capitale privato maggioritario. Il Consiglio di Amministrazione ha adottato l elenco annuale dei lavori edilizi ed il programma triennale nella seduta del 28/10/2014, pratica AUTC 12/01. L approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione avverrà decorsi 60 giorni dalla data di pubblicazione sull Albo Ufficiale di Ateneo, come previsto dalla normativa vigente. Linee di indirizzo per la programmazione didattica dell anno accademico 2015/2016 Sulla base delle linee d indirizzo per la programmazione didattica dell a a. 2014/2015, approvate dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente nelle sedute del 17/09/2013 e del 24/09/2013, il Senato Accademico del 21/10/2014 Pratica APOS 6/01 - ha definito le linee d indirizzo per la programmazione didattica dell anno accademico 2015/2016. Esse modificano e integrano quelle approvate per l anno accademico precedente, nell ottica di fornire alle strutture didattiche un quadro di riferimento per le attività di programmazione, coerentemente alla normativa nazionale vigente e ai regolamenti d Ateneo. Così come per l anno accademico precedente sono specificati in particolare i compiti didattici dei docenti e ricercatori, il ruolo delle strutture didattiche previste dal nuovo assetto istituzionale e dei rispettivi responsabili, i presupposti e i limiti per l affidamento e la retribuzione degli incarichi didattici e della stipula dei contratti. La copertura finanziaria di tali obblighi è individuata nel Budget didattica/servizi agli studenti Scuole. Pag. 7 di 97

8 Legge di stabilità 2015 disegno di legge attualmente in approvazione La quantificazione degli stanziamenti di spesa potrebbe essere rivista a seguito dell approvazione della Legge di stabilità, in discussione al Parlamento al momento della predisposizione del bilancio di previsione Qualora fossero confermate le ipotesi di stanziamento incrementale a favore del Fondo di Finanziamento Ordinario per il Sistema Universitario, pari a 125/150 milioni di euro, la maggiore assegnazione che ne deriverebbe per l Università di Bologna costituirebbe oggetto di assestamento di bilancio nel corso dell esercizio CONSIDERAZIONI GENERALI Il bilancio di previsione 2015 è stato predisposto con riferimento ad un contesto normativo e finanziario incerto con riferimento ai finanziamenti statali a favore del sistema universitario nazionale. I principali elementi di criticità rimandano ai seguenti aspetti: alla data di predisposizione del bilancio di previsione, non è ancora pervenuta comunicazione dal MIUR in merito alle assegnazioni complessive FFO 2014 a Unibo; non sono pertanto noti gli effetti determinati dai nuovi criteri di riparto FFO: Quota base: 75% del FFO complessivo, di cui il 20% attribuito in proporzione al costo standard per studente in corso e l 80% attribuito in proporzione a alla quota base FFO 2013; Quota Premiale: 18% del FFO complessivo, di cui: 4/5 attribuiti in relazione ai risultati della VQR e delle politiche reclutamento; 1/5 attribuito in relazione ai risultati della didattica; Intervento perequativo: 1,5% del FFO complessivo; non è stata ancora approvata la Legge di stabilità 2015, che dovrebbe prevedere una assegnazione integrativa al sistema universitario pari a 125/150 milioni di euro; è pervenuta comunicazione in merito all assegnazione della quota Unibo dell incentivo previsto dall art 6 del DM 700/2013 relativo al reclutamento di un numero di ricercatori di cui all art. 24 comma 3 lettera b) della legge 240/2010 maggiore rispetto a quello dei professori ordinari; la somma corrisponde ai 2/12 di competenza 2013, per un ammontare pari a circa 900 mila euro. E attesa pertanto l assegnazione dei restanti 10/12, a valere sui fondi FFO 2014, pari ad un ammontare stimato di 4,5 milioni di euro, che dovrebbe costituire una maggiore entrata nell esercizio finanziario In questo scenario incerto, la programmazione finanziaria proposta dall Ateneo ha inteso perseguire le seguenti finalità: Pag. 8 di 97

9 garantire il turnover del personale nella misura massima dei punti organico assegnati dal Miur, con riferimento alla programmazione del personale 2013 e 2014; confermare le assegnazioni ordinarie per le strutture didattiche e di ricerca al fine di garantire continuità alle attività istituzionali di ricerca e didattica. Nel 2015 le dotazioni (Funzionamento e Budget Didattica/servizi agli studenti) sono integrate di 150 mila euro per effetto dell introduzione dei limiti di variazione nei criteri di riparto; garantire i servizi a favore degli studenti, nonostante l Ateneo non abbia aumentato le contribuzioni studentesche, al netto dell adeguamento del 1,5% già previsto per la tassa ministeriale; Incrementare le risorse per l internazionalizzazione con riferimento a: - Programma di borse di studio per studenti internazionali UNIBO Azione 2 per un importo pari a 260 mila euro. Tale stanziamento consente di reintegrare i fondi assegnati a tale progetto che nel 2013 ammontavano complessivamente a 1,48 milioni di euro e ridotti nel 2014 a 860 mila euro. Le risorse consentono di garantire 30 rinnovi e 30 nuove borse. - Integrazioni delle borse Erasmus per un importo pari a 150 mila euro. Il contributo comunitario mensile per singola borsa nel 2014 era pari a 230 euro, cui corrispondeva un contributo mensile UNIBO di 140 euro. In relazione alle nuove regole di contribuzione fissate per il 2015, la richiesta integrativa di stanziamento consente di mantenere il contributo mensile Unibo invariato. Senza tale integrazione la quota a carico Unibo sarebbe di 120 euro; garantire l apporto finanziario incrementale che l Ateneo garantisce per effetto dell aumento degli esoneri, pari a 500 mila euro; contenere le spese per il funzionamento della struttura organizzativa e le attività di supporto organizzativo, i cui stanziamenti sono generalmente confermati rispetto alle assegnazioni dell esercizio precedente. Sono state incrementate solo alcune voci di spesa, che saranno successivamente richiamate: - reclutamento personale tecnico amministrativo a tempo determinato (Area persone e Organizzazione): 1,2 milioni di euro; - Fondo Trattamento accessorio (Area persone e Organizzazione): 470 mila euro; - aggiudicazione gara per Servizio di tesoreria (Area Finanza e Controllo di Gestione): 360 mila euro; - rimborso spese ad Azienda Ospedaliera per accordi e convenzioni (Area Sanità): 104 mila euro; - contratti per utenze di Ateneo telefonia, gas, acqua, energia elettrica e riscaldamento (Area Edilizia e Logistica e Area Sistemi Informativi): 780 mila euro; Pag. 9 di 97

10 finanziare le Grandi Opere edilizie, i cui stanziamenti risultano in complessivo incremento rispetto al 2014 di 8,4 mln di euro. In corrispondenza di interventi specifici sul Navile, è proposta l accensione di un automutuo come strumento di autofinanziamento pari a 5,3 mln di euro. In sintesi, la programmazione finanziaria 2015 si propone di garantire il sostegno economico delle missioni istituzionali di didattica e ricerca, dei numerosi interventi rivolti agli studenti e degli investimenti per l edilizia. Pag. 10 di 97

11 CRITERI DI PREDISPOSIZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Come per l esercizio passato, il passaggio al bilancio unico e l adozione del nuovo modello di gestione contabile, coerente con l articolazione complessiva delle Strutture prevista dalle norme statutarie vigenti e con i modelli di autonomia gestionale deliberati dagli Organi Accademici (Consigli di Amministrazione del 28/05/ Pratica ARAG 10/04, del 25/06/ Pratica ARAG 10/02 e del 9/10/ Pratica ARAG 10/01) ha richiesto un adeguamento delle disposizioni per la predisposizione delle previsioni di bilancio. Il Consiglio di Amministrazione - rappresentando l Ateneo un unico centro di gestione delle risorse economiche, finanziarie e patrimoniali - assume il ruolo fondamentale di indirizzo e vigilanza sulla sostenibilità finanziaria delle attività dell Ateneo e sul rispetto delle norme di contabilità e finanza pubblica. I modelli gestionali in bilancio unico hanno confermato la responsabilità nella formulazione della proposta di budget ai Dipartimenti e alle Strutture assimilate, alle Scuole, ai Campus e alle Aree Dirigenziali. Per le previsioni 2015, vista la perdurante mancanza di comunicazioni da parte del MIUR in merito sia alla quantificazione del FFO 2014 sia alla attribuzione dei punti organico 2014, si è ritenuto opportuno che i responsabili gestionali di alcune Strutture 1 sospendessero le procedure di definizione dei budget per il 2015 per evitare successive operazioni di correzione che avrebbero imposto un doppio sforzo programmatorio. Le implicazioni sono state le seguenti: - alle sole Aree Dirigenziali dell Amministrazione centrale è stata preventivamente riconosciuta un assegnazione di Ateneo (sulla base degli stanziamenti per l esercizio finanziario 2014) che ha permesso loro di formulare una propria proposta di budget da sottoporre all approvazione del Consiglio di Amministrazione di Ateneo; - a tutte le rimanenti Strutture è stata richiesta una proposta di programmazione finanziaria da sottoporre ai rispettivi Organi deliberanti entro la fine dell esercizio 2014, una volta conosciuto l importo delle rispettive assegnazioni; i rispettivi budget sono quindi interamente allocati nell unica voce Assegnazioni di Ateneo (articolo F.S ). Principali strumenti per la formulazione del bilancio di previsione 2015 I principali strumenti cui si è fatto riferimento per la formulazione delle previsioni 2015, dal punto di vista normativo, gestionale ed operativo - sono i seguenti: - Regolamento di Amministrazione Finanza e Contabilità (di seguito RAFC); 1 Dipartimenti e Strutture Assimilate, Scuole, Campus e altre Strutture non confluite nelle Aree dell Amministrazione centrale Pag. 11 di 97

12 - Piano dei conti finanziario unico di Ateneo, in base al quale sono state registrate le previsioni di entrata e di spesa Sinteticamente, la struttura del piano dei conti presenta una classificazione in TITOLI, CATEGORIE, CAPITOLI per la parte entrate e TITOLI, INTERVENTI, CAPITOLI per la parte spese. Il capitolo (III livello) costituisce il livello autorizzatorio; quale dettaglio del capitolo, è previsto un ulteriore livello gestionale, denominato articolo, in corrispondenza del quale vengono formulate le previsioni; - articolazione dei centri di responsabilità (Cdr) dotati di autonomia gestionale e la struttura contabile che supporta le operazioni di previsione Criteri di formulazione del bilancio di previsione 2015 Il RAFC all art. 2 comma 1 prevede che il bilancio di previsione sia formulato in termini finanziari di competenza; il comma 3 dello stesso articolo definisce che per ciascun capitolo di entrata e di spesa è necessario indicare l'ammontare delle entrate che si prevede di accertare e delle spese che potranno essere impegnate nell'esercizio cui il bilancio si riferisce; il comma 4 stabilisce che gli stanziamenti di spesa sono iscritti in bilancio in relazione ai programmi definiti ed alle concrete capacità operative dell università nel periodo di riferimento. Il Consiglio di Amministrazione, nella seduta del 24/06/2014 Pratica SSRD 10/12, ha deliberato che sia rinviata all anno 2015 l adozione del sistema contabile U-GOV del CINECA per la gestione a regime della contabilità economico patrimoniale, con una migrazione delle grandezze finanziarie a partire dall autunno dello stesso anno e un entrata in produzione dell applicativo al 01/01/2016. A seguito dell avvio della sperimentazione della contabilità economico-patrimoniale, al bilancio unico di previsione 2015, redatto in termini finanziari di competenza, si allega uno schema di budget economico e budget degli investimenti, oltre ad una riclassificazione della spesa di Ateneo per missioni e programmi, così come previsto dal Decreto MIUR n. 21 del 16/01/2014. Aree dirigenziali dell Amministrazione centrale Le Aree dirigenziali dell Amministrazione centrale hanno previsto le entrate e le spese secondo i criteri e le modalità consuete, prestando particolare attenzione alla previsione di spese finalizzate a specifiche entrate. Ad esse sono state riconosciute assegnazioni di Ateneo basate sugli stanziamenti per l esercizio 2014, fatte salve riduzioni di spesa indicate dal Direttore Generale per alcuni budget. Alle seguenti Aree sono stati inoltre riconosciuti stanziamenti per le esigenze delle Strutture afferenti: - Segreteria Rettore e Direttore Generale per l Istituto di Studi Superiore euro; Pag. 12 di 97

13 - Area Persone e Organizzazione per il Servizio di Medicina del Lavoro, di Prevenzione e Protezione e di Fisica Sanitaria euro; - Area Didattica e Servizi agli Studenti per le esigenze del Consiglio Studentesco euro. Strutture con autonomia di budget diverse dalle Aree dirigenziali Per tutte le altre Strutture con autonomia di budget diverse dalle Aree dirigenziali dell Amministrazione centrale che, come premesso, non sottopongono la propria programmazione finanziaria all approvazione del Consiglio di Amministrazione di Ateneo, si evidenzia il dettaglio delle assegnazioni che nel bilancio unico di previsione per il 2015 sono quindi interamente allocate sul capitolo Assegnazioni di Ateneo. Le assegnazioni distinte per singola struttura (Dipartimenti, Scuole, Campus e Altre strutture) sono state comunicate il 28 novembre 2014, al fine di consentire la programmazione finanziaria Gli stanziamenti complessivi saranno oggetto di deliberazione del Consiglio di Amministrazione nella seduta di approvazione del bilancio di previsione 2015, prevista per il 17 dicembre Scuole Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato in merito alle assegnazioni alle Scuole nelle sedute del 29/01/2013 (pratica ARAG -7.6) e del 23 luglio 2013 (pratica ARAG 10.3). Nella tabella si riportano gli importi delle assegnazioni 2015 alle Scuole, distinti per budget per la Didattica e Servizi agli Studenti, Programmazione Didattica e budget per il Funzionamento: SCUOLE 2015 Budget Didattica e Servizi agli studenti - Scuole ,00 Programmazione didattica + quota garanzia ,00 Funzionamento Scuole ,00 Totale Scuole ,00 Tabella 1 Scuole - Assegnazioni 2015 Successivamente alle delibere dei propri Consigli, i responsabili gestionali delle Strutture provvederanno ad una riparto interno delle risorse, destinandole alle attività previste. 2 Per il 2015 le dotazioni (funzionamento, budget didattica/servizi agli studenti e budget integrato per la ricerca) sono integrate di 150 mila euro per effetto dell introduzione dei limiti alle variazioni negative. Pag. 13 di 97

14 Ad integrazione delle quote assegnate alle Scuole, rilevano l assegnazione attribuita alla Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali E. Redenti, articolazione contabile della Scuola di Giurisprudenza, per , euro e quella attribuita alla Scuola Superiore di Studi Umanistici, articolazione contabile della Scuola di Lettere e Beni Culturali, per euro (Consiglio di Amministrazione del 30/09/2014 Pratica SSRD 10/08). Per il 2015 sono inoltre previsti un contributo per le attività di Scienze Motorie della Scuola di Farmacia, Biotecnologie e Scienze Motorie pari a euro e un contributo per la Scuola Superiore di Giornalismo per euro, a titolo di investimento, anche in termini di attrezzature, per consentire l accreditamento del master di giornalismo presso l ordine nazionale giornalisti. Anche questi trasferimenti sono interamente allocati sul capitolo Assegnazioni di Ateneo. Dipartimenti e Strutture Assimilate Nella tabella che segue si riportano gli importi delle assegnazioni 2015 ai Dipartimenti, distinti per Budget Integrato per la Ricerca, budget per la Didattica e Servizi agli Studenti e budget per il Funzionamento (nell assegnazione per il funzionamento è inclusa la quota relativa all acquisizione delle risorse elettroniche, la cui previsione 2015 è stata effettuata dall Area Sistemi Dipartimentali e Documentali, nell ambito delle attività svolte a favore del Sistema Bibliotecario di Ateneo): DIPARTIMENTI 2015 Budget Didattica e Servizi agli studenti Dipartimenti ,00 Funzionamento Dipartimenti ,00 Budget Integrato Ricerca ,00 Totale Dipartimenti ,00 Tabella 2 - Assegnazioni a Dipartimenti 2015 Per alcuni Dipartimenti il Consiglio di Amministrazione del 30/09/2014 Pratica SSRD 10/08 - ha consolidato la previsione di un assegnazione ulteriore dovuta a particolari esigenze e destinata ad interventi aventi carattere di costanza e stabilità nel tempo: - Dipartimento di Farmacia e Biotecnologie per le attività dell ex Centro Interdipartimentale di Ricerche Biotecnologiche CIRB euro; - Dipartimento delle Arti per le attività del Centro di Promozione e Produzione delle Arti performative La Soffitta (ex Cimes e La Soffitta) e dei Laboratori delle Arti ex Azzo Gardino euro; Pag. 14 di 97

15 - Dipartimento di Chimica Industriale "Toso Montanari" per il Centro Servizi ex CSB euro; - Dipartimento di Storia Culture Civiltà per lo svolgimento e il mantenimento degli scavi archeologici euro. Per l esercizio 2015 sono state inoltre confermate assegnazioni ai seguenti Dipartimenti: - Dipartimento di Storia Culture Civiltà per il funzionamento dell Archivio Storico euro; - Dipartimento di Fisica e Astronomia per la convenzione di ricerca finalizzata al funzionamento del Radiotelescopio Croce del Nord euro; - Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie per il Comitato per il benessere degli animali, che ha assorbito le funzioni del Servizio Veterinario Centralizzato SEVE euro. Successivamente alle delibere dei propri Consigli, i responsabili gestionali delle Strutture provvederanno ad un riparto interno delle risorse, destinandole alle attività previste. Per l esercizio 2015 sono state inoltre attribuite assegnazioni per il proprio funzionamento alle seguenti Strutture di cui al titolo V capo I del RAFC:: - Azienda Agraria euro; - Sistema Museale di Ateneo SMA (comprensivo dei Musei di Palazzo Poggi) euro; - Biblioteca Universitaria di Bologna BUB euro. Per quanto concerne le attività della Scuola di Specializzazione in Studi sull Amministrazione Pubblica SPISA (articolazione contabile del Centro di Ricerca e Formazione sul Settore Pubblico CRIFSP) il Consiglio di Amministrazione del 30/09/2014 Pratica SSRD 10/08 ha previsto un assegnazione a carattere di costanza e stabilità nel tempo di euro. Campus Nella tabella si riportano gli importi 2015 per singolo Campus, a titolo di budget di funzionamento e budget Didattica e Servizi agli studenti: Pag. 15 di 97

16 CAMPUS 2015 Budget Campus ,00 di cui Quota indivisa Totale Campus ,00 Tabella 3 Assegnazioni Campus 2015 E stata prevista la spesa per la quota indivisa, per un importo pari a 54 mila euro, relativa a spese disposte a beneficio di tutti i Campus secondo le indicazioni del Prorettore alle sedi di Cesena, Forlì, Ravenna e Rimini e dei Dirigenti preposti. Lo stanziamento è stato registrato dall Amministrazione Generale e sarà oggetto di variazioni di bilancio di rimodulazione nel corso dell esercizio Assegnazioni a Strutture esterne Per completare il quadro delle attribuzioni di Ateneo, si riporta una tabella riepilogativa delle principali assegnazioni che l Ateneo eroga a Strutture sovvenzionate, distribuite a titolo di contributo di funzionamento o in virtù di specifici accordi: Strutture esterne diff 2015 vs 2014 Johns Hopkins , , ,92 Osservatorio Magna Charta , , ,28 Fondazione Federico Zeri , , ,00 Fondazione Alma Mater (*) , ,00 - CEUB , ,00 - Accademia delle Scienze , ,00 - Fondazione Bologna University Business School (**) , , ,00 Collegium Musicum , ,00 - Centro di Poesia 4.470, ,00 530,00 Centro di Studi d'arte Estremo Orientale (***) , ,00 Totale , , ,80 - Tabella 4 - Assegnazioni a Strutture sovvenzionate dall Ateneo (*) Con riferimento alla Fondazione Alma Mater, si precisa che l entità del contributo è pari al contributo ordinario 2014, determinato nella seduta del Consiglio di Amministrazione del 29/07/2014 Pratica ARAG 10/09. (**) E previsto per il 2015 un contributo unico ordinario per tutte le attività svolte in favore dell Ateneo, sulla base di determinazioni operative definite dall Ateneo che saranno deliberate dal Consiglio di Amministrazione nel corso del (***) L effettiva assegnazione attribuita per il 2014 al Centro Studi d Arte Estremo Orientale è stata pari a euro, in relazione alla stipula del contratto di erogazione liberale datato 29/05/2014 che vede come parti l Ateneo, il Centro e la Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. Pag. 16 di 97

17 STRUTTURA DEL BILANCIO La struttura contabile predisposta fa riferimento ad una struttura contabile di bilancio standard e omogenea definita per agevolare le operazioni di programmazione, gestione, analisi e controllo delle operazioni contabili nonché rendere agevole la lettura del bilancio per i soggetti portatori di interesse. I criteri seguiti per la definizione della struttura contabile idonea a supportare le previsioni di bilancio, sono i seguenti: sono stati configurati specifici CdR riferiti alle principali attività che le Strutture di Ateneo svolgono sia in ambito istituzionale sia in ambito commerciale: Formazione, Ricerca, Funzionamento e Servizi e prestazioni a pagamento ; i CdR sono stati ulteriormente articolati in specifici progetti al fine di identificare la previsione (e la successiva gestione) delle assegnazioni di Ateneo soggette a rendicontazione: Budget Didattica e Servizi agli studenti, Budget integrato Ricerca, Funzionamento; con riferimento alle Strutture la cui programmazione finanziaria non concorre alla predisposizione del bilancio unico di Ateneo 2015 portato all approvazione del Consiglio di Amministrazione (Dipartimenti e Strutture Assimilate, Scuole, Campus e altre Strutture non confluite nelle Aree dell Amministrazione centrale) tale articolazione contabile verrà utilizzata e valorizzata quando le Strutture effettueranno le variazioni di bilancio ad inizio esercizio Pag. 17 di 97

18 ENTRATE ANALISI GENERALE Il bilancio di previsione 2015 considera un ammontare complessivo di entrate, al netto delle partite di giro e dell avanzo di amministrazione presunto dell esercizio 2014, pari a 578,18 milioni di euro. Il confronto rispetto all esercizio precedente richiede le seguenti precisazioni: le entrate oggetto di analisi si riferiscono alle entrate registrate dall Amministrazione Generale e dalle Aree Dirigenziali di Bologna; non sono comprese le entrate proprie degli altri centri gestionali di Ateneo in quanto, come precedentemente indicato, le strutture non hanno provveduto alla programmazione finanziaria Tali entrate verranno contabilizzate in corso d esercizio con opportune variazioni di bilancio, nel rispetto delle Linee guida per la previsione delle entrate proprie per i centri di responsabilità dotati di autonomia di budget (CA del 20/12/ /03/ /11/2014). Nell esercizio 2015 l ammontare delle entrate, al netto delle partite di giro e dell avanzo di amministrazione presunto dell esercizio 2014, risulta pari a 578,18 mln di euro. Rispetto all esercizio 2014, che evidenziava entrate pari a 580,66 mln di euro, si evidenzia quindi una riduzione pari a 2,49 mln di euro (- 0,43%). La tabella e il grafico sintetizzano le principali voci di entrata nei singoli esercizi e misura l incidenza percentuale di ognuna sul totale complessivo nel I totali riportati non includono le partite di giro (pari a 159,42 mln di euro sia in entrata che in spesa) e l avanzo presunto dell esercizio precedente utilizzato per il pareggio. Titoli Previsioni iniziali Previsioni iniziali Differenza % vs 2014 Entrate proprie , ,92-4,68% Trasferimenti esterni , ,37 0,10% Alienazione beni patrimoniali ,00 100,00% Accensione di prestiti - 0,00% Altre entrate , ,77-1,31% Totale (al netto di avanzo e partite di giro) , ,06-0,43% Avanzo presunto esercizio precedente , ,00 Pag. 18 di 97

19 Tabella 5 Grafico 1 Entrate Confronto previsioni iniziali e composizione percentuale 2015 TRASFERIMENTI La previsione complessiva pari a 403,89 mln di euro (403,49 mln di euro nel 2014) del titolo Trasferimenti, in leggero incremento del 0,10%, risulta totalmente composta da Trasferimenti da esterni che includono i finanziamenti dello Stato e di altri soggetti per spese correnti o per investimenti. A) FINANZIAMENTI STATALI I trasferimenti dello Stato rappresentano la principale forma di sostegno finanziario. Le assegnazioni finanziano spese di carattere corrente (Fondo di Finanziamento Ordinario, fondi per i contratti di formazione medica e per borse di specializzazione non medica) ed interventi per la ricerca. Il peso percentuale dei finanziamenti statali previsto per il 2015 sul totale entrate al netto di partite di giro e avanzo si è assestato attorno al 70,46%, in leggero incremento rispetto al precedente esercizio finanziario (69,45%) (403,66 milioni di euro rispetto a 403,25 milioni di euro nel 2014). a.1) Fondo di finanziamento ordinario La fonte di entrata prevalente da parte dello Stato è costituita dal Fondo di Finanziamento Ordinario (FFO). La stima dell assegnazione FFO 2015 complessiva all Ateneo ammonta a 380,87 milioni di euro, di cui 370,86 a favore dell Ateneo (compresi i finanziamenti stimati corrispondenti al Pag. 19 di 97

20 Piano Straordinario Associati) e 10,01 milioni di euro quali assegnazioni stimate per interventi specifici, compresi i finanziamenti relativi al sostegno dei giovani e per favorire la mobilità degli studenti e le borse di studio universitarie post laurea, confluite nel FFO dal 2014,come disposto dal D.L.69/2013 art.60 comma 1 ( Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia convertito con modificazioni dalla L. 9 agosto 2013, n. 98 c.d. Decreto del fare. Come già evidenziato nelle considerazioni generali introduttive, la stima del Fondo di finanziamento ordinario 2015 è stato formulata in un contesto finanziario incerto con riferimento ai finanziamenti statali a favore del sistema universitario nazionale. Alla luce di tali considerazioni introduttive, per stimare l assegnazione 2015 è stato necessario procedere ad una stima dell assegnazione Assegnazione FFO 2014 a favore del bilancio La stima delle assegnazioni 2014, compreso il finanziamento corrispondente al reclutamento dei professori associati (PSA) è pari a 380 milioni di euro, e stata calcolata applicando un incremento del 2% all assegnazione complessiva 2013, relativa alle medesime quote. L assegnazione 2013 è infatti risultata pari a 372,42 milioni di euro, al netto della riduzione della quota a salvaguardia degli atenei sotto finanziati (4,5 mln di euro). Attualmente il bilancio 2014 evidenzia uno stanziamento a favore del bilancio pari a 376 milioni di euro. Assegnazione FFO 2015 a favore del bilancio La stima del FFO 2015 è stata effettuata assumendo una assegnazione 2014 pari a 380 milioni, cui è stata applicata la riduzione percentuale nazionale attualmente desumibile dalle tabelle del bilancio dello stato in rete, consultabili dal sito della Ragioneria Generale dello Stato. Lo stanziamento nazionale FFO 2015 evidenzia una riduzione del 2,4% rispetto allo stanziamento assestato 2014, pertanto l assegnazione 2015 ad Unibo è quantificata pari a 370,86 milioni di euro. a.2) Fondo per la programmazione delle Università Il D.L.69/2013 ha disposto che le risorse attribuite per il sostegno dell attuazione dei programmi e per la realizzazione dei risultati previsti nei programmi triennali adottati dagli Atenei, confluiscano dall esercizio 2014 nel FFO. Precedentemente a tale intervento di razionalizzazione, tali risorse erano trasferite da uno specifico capitolo di spesa del Ministero capitolo A questa disposizione si è aggiunta la pubblicazione del decreto ministeriale avente per oggetto le modalità di riparto ed assegnazione di detti fondi L Ateneo ha aderito presentando progetti per i Pag. 20 di 97

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA DELIBERA N. 218, ESTRATTO DAL VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 26/11/2013 OMISSIS

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA DELIBERA N. 218, ESTRATTO DAL VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 26/11/2013 OMISSIS ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA DELIBERA N. 218, ESTRATTO DAL VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 26/11/2013 OMISSIS OGGETTO: BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 N. o.d.g.:

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute Via Solaroli, 17 28100 Novara

Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute Via Solaroli, 17 28100 Novara RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 La Facoltà di Medicina adotta un bilancio annuale di previsione per l anno finanziario 2010 redatto in conformità a quanto previsto dal Regolamento di Ateneo

Dettagli

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Lo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio 2015 è stato predisposto ai

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a:

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a: Allegato 1 Riclassificazione della spesa per missioni e programmi Con l entrata in vigore del decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 18 Introduzione della contabilità economico-patrimoniale, della contabilità

Dettagli

Bilancio di previsione e.f. 2013 Relazione

Bilancio di previsione e.f. 2013 Relazione Bilancio di previsione e.f. 2013 Relazione Versione 0.1 Pag. 1 di 85 INDICE PREMESSA LINEE GUIDA E CRITERI DI ELABORAZIONE ATTIVITÀ PROPEDEUTICHE ALL ELABORAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 ENTRATE

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n. 121 e, in particolare, l art. 1, commi 1 e 5, con il quale è stato, rispettivamente, istituito il

Dettagli

Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca. Le nuove Scuole di Dottorato

Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca. Le nuove Scuole di Dottorato Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca Le nuove Scuole di Dottorato L Università degli Studi di Sassari nell a.a. 2007-2008 giunge al definitivo passaggio dal sistema dei Dottorati

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Nota tecnica 2 a) i corsi di studio da istituire e attivare nel rispetto dei requisiti minimi essenziali in termini di risorse strutturali ed umane, nonché quelli da sopprimere a.1 Proporzione di corsi

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

Commissione Bilancio e Patrimonio del CIV INAIL. Parere in merito alla Variazione al Bilancio di previsione 2015 Provvedimento n.

Commissione Bilancio e Patrimonio del CIV INAIL. Parere in merito alla Variazione al Bilancio di previsione 2015 Provvedimento n. Commissione Bilancio e Patrimonio del CIV INAIL Parere in merito alla Variazione al Bilancio di previsione Provvedimento n. 2-0 Premessa Al fine di fornire al Consiglio di Indirizzo e Vigilanza i necessari

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Classificazione della spesa delle università per missioni e programmi VISTI gli articoli

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Regolamento per il conferimento di Borse e Premi di studio nel campo della formazione con esclusione dei progetti comunitari o di internazionalizzazione Senato Accademico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA BILANCIO: A.85 - DIPARTIMENTO DI MATEMATICA PREVENTIVO FINANZIARIO ANNO 2011 Chiave iniziali F.E ENTRATE F.E.0 AVANZO 823.279,82 823.279,82 F.E.1 ENTRATE PROPRIE

Dettagli

=numerosità di riferimento degli studenti in corso nella classe j esima; Stud j

=numerosità di riferimento degli studenti in corso nella classe j esima; Stud j ALLEGATO I Calcolo del costo standard ai fini del riparto FFO 2014 (DI 893/2014 e relative tabelle e note tecniche allegate) Ai fini del DI 893/2014 il concetto di studente in corso è riferito alla condizione

Dettagli

ELENCO DEI DOCUMENTI ESTERNI

ELENCO DEI DOCUMENTI ESTERNI Pagina 1 di 19 Testo Unico Regio Decreto 31 agosto 1933, n. 1592 Approvazione del testo unico delle leggi sull istruzione superiore D.P.R., n. 382 Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia

Dettagli

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA.

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario Il Consiglio regionale ha approvato La seguente legge Art. 1 (Oggetto) IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA Promulga

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO MINISTERIALE 15 OTTOBRE 2013, N.827 LINEE GENERALI DI INDIRIZZO DELLA PROGRAMMAZIONE DELLE UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2013-2015 VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

Il Ministro dell'istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell'istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO MINISTERIALE 23 dicembre 2013, n. 1059 AUTOVALUTAZIONE, ACCREDITAMENTO INIZIALE E PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO E VALUTAZIONE PERIODICA ADEGUAMENTI E INTEGRAZIONI al DM 30 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Emanato con decreto rettorale n. 9 del 12 novembre 2013 N.B. - Sostituisce

Dettagli

Università degli Studi di Pavia

Università degli Studi di Pavia Università degli Studi di Pavia SERVIZIO SEGRETERIE STUDENTI CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA A.A. 2012/2013 RIFERIMENTI NORMATIVI! REGOLAMENTO NORME SULLA CONTRIBUZIONE EMANATO CON DECRETO RETTORALE N. 1147/2010

Dettagli

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione)

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

ENTRATE. Amministrazione Centrale - Bilancio di Previsione Es. Fin. 2012. Università Politecnica delle Marche

ENTRATE. Amministrazione Centrale - Bilancio di Previsione Es. Fin. 2012. Università Politecnica delle Marche Amministrazione Centrale - Bilancio di Previsione Es. Fin. al Bilancio di Previsione Es. Fin. ES.FIN. : NATURA 2 3 4 (6+7) 5 (4-3) % -6 - -7-00 AVANZO 00 Avanzo 35.302.622 30.000.000-5.302.622-5,02 0 0

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE RISORSE, L ORGANIZZAZIONE E IL BILANCIO SOTTOSCRIZIONE DEFINITIVA ACCORDO UTILIZZO DEL FONDO UNICO DI AMMINISTRAZIONE ANNO 2014 La delegazione di parte pubblica del Ministero

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche RELAZIONE AL BILANCIO 2014 Allegato 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA 1. INTRODUZIONE L Università Politecnica delle Marche in attuazione del D.Lgs. 18 del 27/1/2012 adotta a decorrere dal 1.1.2014 il sistema di

Dettagli

Raffronto esercizi 2000-2001 della gestione finanziaria centralizzata

Raffronto esercizi 2000-2001 della gestione finanziaria centralizzata Raffronto esercizi 2000-2001 della gestione finanziaria centralizzata Livelli ENTRATE Gestione finanziaria centralizzata Accertamenti Riscossioni 0 0 0 0 AVANZO 44.066 23.736-46,1% 1 0 0 0 ENTRATE PROPRIE

Dettagli

COORDINAMENTO GENERALE SEGRETERIE STUDENTI 2.5) DETERMINAZIONE DELLE TASSE E DEI CONTRIBUTI UNIVERSITARI PER L ANNO ACCADEMICO 2015/2016 INVITA

COORDINAMENTO GENERALE SEGRETERIE STUDENTI 2.5) DETERMINAZIONE DELLE TASSE E DEI CONTRIBUTI UNIVERSITARI PER L ANNO ACCADEMICO 2015/2016 INVITA COORDINAMENTO GENERALE SEGRETERIE STUDENTI 2.5) DETERMINAZIONE DELLE TASSE E DEI CONTRIBUTI UNIVERSITARI PER L ANNO ACCADEMICO 2015/2016.OMISSIS. INVITA il Rettore e l Amministrazione a verificare la possibilità

Dettagli

qualifica Cognome e nome Presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P

qualifica Cognome e nome Presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Oggetto: Budget Dipartimenti per attività didattiche e budget per il finanziamento delle lauree internazionali a.a. 2014/2015 N. o.d.g.: 06.3 C.d.A. 28.2.2014 Verbale n. 2/2014 UOR: Area per la didattica,

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE - ANNO FINANZIARIO 2015 E N T R A T E

BILANCIO DI PREVISIONE - ANNO FINANZIARIO 2015 E N T R A T E Ufficio parlamentare di bilancio BILANCIO DI PREVISIONE - ANNO FINANZIARIO 2015 COD. CAP. E N T R A T E DESCRIZIONE RESIDUI PRESUNTI ALLA FINE DELL'ANNO PREC PREVISIONI DI COMPETENZA PER L'ANNO IN CORSO

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULLA GESTIONE DELL'ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 Il rendiconto

Dettagli

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico.

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico. Pag. 142-143 Decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, pubblicato nel supplemento ordinario n. 152/L alla Gazzetta Ufficiale n. 147 del 25 giugno 2008. Testo del decreto-legge Testo del decreto-legge comprendente

Dettagli

Relazione conto consuntivo esercizio finanziario 2012 Amministrazione Generale

Relazione conto consuntivo esercizio finanziario 2012 Amministrazione Generale CA_30.04.2013 Pratica 10.1 ALL. 6 Pagg. 164 (parte integrante) Relazione conto consuntivo esercizio finanziario Amministrazione Generale Versione 0.1 Pag. 1 di 164 INTRODUZIONE ANALISI FINANZIARIA INDICE

Dettagli

Università degli Studi di Pavia

Università degli Studi di Pavia Università degli Studi di Pavia SERVIZIO SEGRETERIE STUDENTI CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA A.A. 2011/2012 PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA LA CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA E COSTITUITA DA UNA PARTE

Dettagli

La composizione delle poste di bilancio... pag. 26

La composizione delle poste di bilancio... pag. 26 Il bilancio di previsione 2013 e il bilancio triennale 2013-2015 Relazione descrittiva delle poste di bilancio Consiglio di Amministrazione del 21 dicembre 2012 INDICE Il Bilancio Unico di Ateneo 2013-2015.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015 RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015 Signori Consiglieri, il presente bilancio preventivo 2015 è redatto ai sensi dell art. 16 del Decreto legislativo del 31 maggio 2011, n.

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11.

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11. Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 2235 Prot. n. 25405 Data 05 agosto 2013 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 09.05.1989, n. 168 Istituzione del Ministero dell'università e della ricerca scientifica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO TITOLO I Principi e disposizioni generali Articolo 1 Principi e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento ha come obiettivo la

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ACCORDO DECENTRATO DI ENTE SU: Deroga ai vincoli di durata dei contratti a tempo determinato stipulati dal CNR Sottoscritto il 1 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ACCORDO

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE AUTORIZZATORIO ANNO 2014 RICAVI

BILANCIO DI PREVISIONE AUTORIZZATORIO ANNO 2014 RICAVI BILANCIO DI PREVISIONE AUTORIZZATORIO ANNO RICAVI CA.R.A.01.01 Proventi per la didattica 25.328.240,00 CA.R.A.01.01.01.01 Tasse e contributi Corsi di laurea di I e II livello 22.900.000,00 CA.R.A.01.01.02.01

Dettagli

GESTIONE DI COMPETENZA CHIAVE DENOMINAZIONE TOTALE ACCERTAMENTI

GESTIONE DI COMPETENZA CHIAVE DENOMINAZIONE TOTALE ACCERTAMENTI UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA A.ACEN - AMMINISTRAZIONE CENTRALE DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA - RENDICONTO FINANZIARIO ESERCIZIO 2012 - ENTRATE CAPITOLO GESTIONE DI COMPETENZA CHIAVE DENOMINAZIONE

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014 A. PROVENTI OPERATIVI Sede Amministrativa Dipartimenti Totali Ateneo CA.PO.10 PROVENTI PROPRI EER RICAVI ES 22.159.400,00 1.374.400,00 23.533.800,00

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

DECRETO 16 gennaio 2014. (GU n.24 del 30-1-2014) *** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

DECRETO 16 gennaio 2014. (GU n.24 del 30-1-2014) *** ATTO COMPLETO *** http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario 1 di 5 05/02/2014 08:22 DECRETO 16 gennaio 2014 Classificazione della spesa delle universita' per missioni e programmi. (Decreto n. 21). (14A00436) (GU n.24 del 30-1-2014) IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE,

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017 (PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO art. 9.3 lettera m) La nota integrativa è un documento allegato al Bilancio di Previsione

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' DELLA RICERCA. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' DELLA RICERCA. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 9 dicembre 2014 Determinazione del costo standard unitario di formazione per studenti in corso, ai sensi dell'art. 8 del decreto legislativo

Dettagli

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444 Emendamenti 26 novembre 2015 BILANCIO AUTORIZZATORIO SOLO ANNUALE 2016 UTILIZZO AVANZO LIBERO E DESTINATO ARTICOLO 1, COMMA 389 Dopo il comma 389 è inserito

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3592 del 21/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3592 del 21/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo DR/2015/3592 del 21/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo U.S.R. IL RETTORE VISTO l'art. 9 del D.P.R. 3/8/1990, n. 319; VISTO il D.Lgs. 30/3/2001 n. 165; VISTO il vigente CCNL relativo al personale del Comparto

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE ORGANIZZAZIONE AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Il Dirigente Responsabile: GALEOTTI UGO Decreto

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

Università degli Studi di Pavia

Università degli Studi di Pavia Università degli Studi di Pavia SERVIZIO SEGRETERIE STUDENTI CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA A.A. 201/2014 RIFERIMENTI NORMATIVI REGOLAMENTO NORME SULLA CONTRIBUZIONE EMANATO CON DECRETO RETTORALE N. 1147/2010

Dettagli

Da ultimo si sottolinea che la relazione al conto annuale recepisce la disciplina di cui alla Legge n. 1/09.

Da ultimo si sottolinea che la relazione al conto annuale recepisce la disciplina di cui alla Legge n. 1/09. Al Ministero dell Economia e Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE PER GLI ORDINAMENTI DEL PERSONALE E L ANALISI DEI COSTI DEL LAVORO PUBBLICO - UFFICI III, IV,

Dettagli

AMMINISTRAZIONE AREA AFFARI GENERALI SETTORE STRUTTURE ISTITUZIONALI

AMMINISTRAZIONE AREA AFFARI GENERALI SETTORE STRUTTURE ISTITUZIONALI ALLEGATO N. 1 al DR n. 344/19026 del 30/04/2013 Regolamento di funzionamento della Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria PARTE I ELEMENTI GENERALI Art. 1 (Oggetto del Regolamento, denominazione, sedi)

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione del Tribunale di Locri Relazione del Tesoriere CONSUNTIVO ANNO 2009 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA VISTO il decreto del Ministro dell Istruzione dell Università e della Ricerca 11 aprile 2006, n. 217; VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233, istitutivo

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 417 del 24 marzo 2015) INDICE Pag. Art. 1 Oggetto 2 Art. 2 Caratteristiche dei corsi 2 Art. 3 Istituzione - attivazione - rinnovo 2 Art.

Dettagli

3.2 Analisi del contesto interno. L organizzazione di Roma Capitale

3.2 Analisi del contesto interno. L organizzazione di Roma Capitale 3.2 Analisi del contesto interno L organizzazione di Roma Capitale L assetto organizzativo di Roma Capitale, determinato in linea con le funzioni di cui l Ente è titolare e con i programmi e progetti dell

Dettagli

Le entrate e le spese

Le entrate e le spese 1. Introduzione Nella presente sezione vengono sviluppate alcune considerazioni collegate alla composizione delle entrate e delle spese dell Ateneo Genovese così come rappresentate nel Conto Consuntivo

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI _MOLINO DEI TORTI Provincia di _Alessandria PARERE DEL REVISORE DEI CONTI SULLA PROPOSTA DI: riapprovazione BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI Espresso il _07/07/2014 Richiesta

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ DI RICERCA, DI FORMAZIONE E DI TRASFERIMENTO TECNOLOGICO (L. 1/2009 * ) - ANNO 2014 - * Ex art.3 quater D.L. n. 180/2008 convertito con legge 1/2009. Disposizioni urgenti per il

Dettagli

F.S SPESE F.S.00 Disavanzo 0,00 F.S.01 ORGANI UNIVERSITARI E ATTIVITA' ISTITUZIONALI 0,00 F.S.01.01 GETTONI DI PRESENZA AI COMPONENTI DEGLI ORGANI

F.S SPESE F.S.00 Disavanzo 0,00 F.S.01 ORGANI UNIVERSITARI E ATTIVITA' ISTITUZIONALI 0,00 F.S.01.01 GETTONI DI PRESENZA AI COMPONENTI DEGLI ORGANI Chiave Descrizione Previsione iniziale 2010 Previsione assestata 2010 variazione + rispetto alla previsione assestata variazione - rispetto alla previsione assestata PREVISIONE 2011 F.S SPESE F.S.00 Disavanzo

Dettagli

BILANCIO UNICO DI PREVISIONE SCUOLA SUPERIORE DI STUDI UNIVERSITARI E DI PERFEZIONAMENTO SANT ANNA

BILANCIO UNICO DI PREVISIONE SCUOLA SUPERIORE DI STUDI UNIVERSITARI E DI PERFEZIONAMENTO SANT ANNA BILANCIO UNICO DI PREVISIONE SCUOLA SUPERIORE DI STUDI UNIVERSITARI E DI PERFEZIONAMENTO SANT ANNA 2013 INDICE Relazione introduttiva al bilancio unico di previsione 2013 pag. 3 Il Bilancio in sintesi

Dettagli

Classificazione della spesa 2015 per missioni e programmi

Classificazione della spesa 2015 per missioni e programmi Classificazione della spesa 2015 per missioni e programmi Il Dirigente dell'area risorse e bilancio ricorda che il Consiglio di Amministrazione, nella seduta del 17.12.2014 ha approvato il Bilancio unico

Dettagli

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO ARMONIZZATO Il Comune di Sesto San Giovanni ha aderito, con deliberazione di Giunta n. 291 del 24 settembre 2013, ai sensi dell art.36 del D.Lgs.n.118/2011, come modificato

Dettagli

Qualifica Nome e Cognome Presenze 1 Rettore Luigi Lacchè P 2 Direttore Dip.to Scienze della formazione, dei beni culturali e del Michele Corsi P

Qualifica Nome e Cognome Presenze 1 Rettore Luigi Lacchè P 2 Direttore Dip.to Scienze della formazione, dei beni culturali e del Michele Corsi P Oggetto: Budget Dipartimenti per attività didattiche e budget per il finanziamento delle lauree internazionali a.a. 2014/2015 N. o.d.g.: 06.2 S.A. 25/02/2014 Verbale n. 2/2014 UOR: Area per la Didattica,

Dettagli

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009 Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento Prof. Giuseppe Catalano, Politecnico di Milano Settembre 2009 Agenda 1.La spesa pubblica per il sistema universitario italiano fino

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO UNICO DI ATENEO ESERCIZIO 2014 DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO UNICO DI ATENEO ESERCIZIO 2014 DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO UNICO DI ATENEO ESERCIZIO 2014 DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Il bilancio in esame è unico per tutto l Ateneo di Brescia (n. di studenti stimato

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

1979 Laurea in Economia e Commercio - Università degli Studi di Messina 1979

1979 Laurea in Economia e Commercio - Università degli Studi di Messina 1979 Curriculum Vitae Informazioni personali Nome / Cognome Mariangela Mazzaglia Indirizzo (residenza) Via Flarer, n. 25 27100 Pavia Telefono 06 97727075 (MIUR) Fax 06 97727391 (MIUR) E-mail mariangela.mazzaglia@miur.it

Dettagli

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO ANNO 2014 RELAZIONE DELL ORGANO ESECUTIVO AL RENDICONTO DI GESTIONE 2014 Articolo 231

Dettagli

MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4)

MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4) 1. Progetti ammissibili e durata dei progetti MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4) Per la realizzazione delle azioni previste

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 Comune di Livorno D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 1 Il nuovo Ciclo di Programmazione Programma di governo (locale) Finalità Politiche Programmi/Progetti Obiettivi di gestione Indirizzi di finanza

Dettagli

------------- -- -----------------

------------- -- ----------------- Acqui Terme, 29/01/2015 OGGETTO: relazione illustrativa al programma finanziario 2015 L art. 1, comma 601, della legge 27/12/2006, nr. 296 (legge finanziaria 2007) ha introdotto modifiche nella gestione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA DISCIPLINA DELLE INIZIATIVE E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE NELL AMBITO DI PROGRAMMI E PROGETTI FINALIZZATI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento definisce e disciplina

Dettagli

VERIFICA DEGLI EQUILIBRI

VERIFICA DEGLI EQUILIBRI VERIFICA DEGLI EQUILIBRI A. BILANCIO DI PREVISIONE 2005 1.Verifica pareggio finanziario ed equivalenza dei servizi per c/terzi Il bilancio rispetta, come risulta dal seguente quadro generale riassuntivo

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

****************************** **************** ******************************

****************************** **************** ****************************** Pagina 1 di 122 / Descrizione Riscosse Somme accertate riscuotere (10-8) Totali accertamenti ( 8 Conto Bilancio Entrate Gestione residui attivi Riscossi Rimasti da Totali (14 riscuotere (16-14) Riscossioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

2013/2014. Bando per la concessione di: Modena e Reggio Emilia SEDE TERRITORIALE DI

2013/2014. Bando per la concessione di: Modena e Reggio Emilia SEDE TERRITORIALE DI SEDE TERRITORIALE DI Modena e Reggio Emilia 2013/2014 Bando per la concessione di: Bando di concorso per esonero totale e/o parziale tasse e contributi universitari Università degli Studi di Modena e reggio

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016/2018

BILANCIO DI PREVISIONE 2016/2018 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA X LEGISLATURA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 23 DICEMBRE, N. 15 BILANCIO DI PREVISIONE 2016/2018 pdl 24

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Allegato PR PROVINCIA DI SAVONA BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Dott.ssa Patrizia Gozzi A cura del Servizio Bilancio e Programmazione Finanziaria Il Dirigente

Dettagli

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2014

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2014 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO FERRARIS VIA SORRISOLE N 6 21100 VARESE (VA) Codice Fiscale: 80016880124

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO Emanato con D.R. n. 11632 del 05/12/2005 e successive modificazioni ed integrazioni

Dettagli

Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011)

Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011) Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011) Panel di discussione - Roma, 26 luglio 2011 Sala della Maggioranza, Ministero dell economia e delle finanze Il percorso La

Dettagli