MiFID un anno dopo Il recepimento delle nuove regole: l esperienza operativa di un intermediario Private Banker

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MiFID un anno dopo Il recepimento delle nuove regole: l esperienza operativa di un intermediario Private Banker"

Transcript

1 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano Commissione Banche, Intermediari Finanziari e Assicurazioni MiFID un anno dopo Il recepimento delle nuove regole: l esperienza operativa di un intermediario Private Banker Milano, 11 dicembre 2008 Giuseppe Venerus Direttore Generale - Ceresio SIM (Gruppo Banca del Ceresio) 1

2 I N D I C E Introduzione I primi autorevoli commenti Informativa alla clientela Tipologie di questionario per la profilatura della clientela Approriatezza e Adeguatezza: valutazione delle risposte Approriatezza e Adeguatezza sui prodotti finanziari illiquidi Consulenza come raccomandazione Gestione di portafogli e consulenza: differenze Conclusioni 2

3 Introduzione Ad un anno dall entrata in vigore della MiFID gli intermediari traggono i primi risultati che, per una serie di ragioni, non possono essere definiti positivi : I nostri clienti hanno vissuto l impatto (nuova documentazione pre-post contrattuale) come un ulteriore incremento della burocrazia senza trarne sensazione alcuna di una maggiore tutela ; L estensione dell informativa (sulla società, strumenti finanziari, salvaguardia degli strumenti finanziari, trasmission/execution policy, conflitti d interesse, inducements, reclami) ha contribuito a raggiungere le 50 pagine di documentazione contrattuale ovviamente impossibile da leggere (nb: in Svizzera il contratto di gestione di portafogli è tutto in una pagina!!) I questionari per l adeguatezza/appropriatezza sono stati vissuti (anche se sempre firmati) come un indebita intromissione dell intermediario nella privacy (patrimonio e reddito) del cliente (un indagine stima che solo il 35% dei clienti ha collaborato attivamente); per molti argomenti ancora non chiari si stanno ancora aspettando le linee-guida (cd: L3) della Consob che tardano ad essere rese disponibili. Quanto sopra indicato è stato seriamente aggravato dalla situazione dei mercati finanziari e dalla recessione economica (deflazione o depressione??) che hanno ulteriormente reso difficile la relazione tra intermediari e clienti scottati, una volta in più, da investimenti con rendimenti negativi e, per i più sfortunati, con perdite anche in conto capitale derivanti da strumenti complessi ( toxic ). 3

4 I PRIMI AUTOREVOLI COMMENTI Marco Vitale Il Sole24ore Il Sole24ore 2/11/2008 La MiFID è sotto il profilo della trasparenza dei mercati un disastro e ha fatto fare all Italia un salto indietro di 10 anni. I mercati non sono poco regolamentati, sono molto male regolamentati; la MiFID consente di nascondere e occultare le transazioni internalizzandole (come permesso prima degli Anni 90) uccidendo così la trasparenza nella formazione del prezzo. R. Ruozi Economia e Management 2/2008 La MiFID ha reso molto più complicata la gestione degli intermediari e ne ha aggravato i costi, ciò che colpirà in modo più pesante gli intermediari più piccoli, il cui futuro si farà assai incerto. Non ha invece aumentato automaticamente la concorrenza nei mercati né ha automaticamente allargato il campo delle scelte degli investitori. Accenture novembre 2008 Lo sforzo organizzativo delle nuove disposizioni ha comportato per gli intermediari una spesa media di 2mio. Le banche sono state obbligate a trasformare profondamente i loro schemi organizzativi per giungere a quella accurata conoscenza dei clienti richiesti dalla Direttiva. Per effetto della MiFID la competizione sulle azioni quotate nel continente è aperta a 92 mercati regolamentati (vecchie borse), a 65 sistemi multilaterali di negoziazione a 11 internalizzatori sistematici. Antonio Foglia (mio azionista) (mio azionista) Il Sole 24ore - 1/10/2008 Il sistema aveva già un ginepraio di pessime regole scritte da Autorità d emanazione bancaria che si sono dimostrate incapaci di capire le esigenze di una finanza in evoluzione. La pesante ed invasiva regolamentazione degli Intermediari finanziari, che doveva garantire la stabilità e ha spinto verso un gigantismo deleterio, si è rilevata non solo inefficace ma controproducente. L enfasi deve essere posta alla salvaguardia della funzionalità dei mercati regolamentati. Questi mercati funzionano anche se gli intermediari che sbagliano falliscono. 4

5 Informativa alla clientela Le informazioni che gli intermediari MiFID sono tenuti a fornire ai potenziali clienti devono essere chiare, corrette e non fuorvianti per consentire la comprensione della natura del servizio di investimento, degli strumenti finanziari nonché dei rischi connessi al fine di assumere decisioni in materia di investimento consapevoli : Informazioni generali sull intermediario e sui servizi da questo prestati Informazioni concernenti la salvaguardia degli strumenti finanziari e delle somme di denaro della clientela Informazioni sugli strumenti finanziari Informazioni sui costi ed oneri Prima di procedere alla prestazione del servizio richiesto gli intermediario devono procedere alla profilatura della clientela valutandone: ADEGUATEZZA Gestione di portafogli Consulenza in materia di investimenti APPROPRIATEZZA per tutti gli altri servizi 5

6 Tipologie di questionario per la profilatura della clientela La profilatura (Kwow Your Customer) del cliente prevede, in maniera obbligatoria, la raccolta delle seguenti informazioni minime: Esperienza e Conoscenza Tipi di servizi, operazioni e strumenti finanziari con i quali il cliente ha dimestichezza Natura, volume e frequenza delle operazioni realizzate dal cliente e relativo periodo Livello di istruzione, professione e, se rilevante, professione precedente Situazione Finanziaria Fonte e consistenza del reddito del cliente Patrimonio complessivo del cliente Impegni finanziari del cliente Obiettivi di investimento Periodo di tempo per il quale il cliente intenda conservare l investimento Preferenze in materia di rischio Profilo di rischio del cliente Finalità dell investimento La normativa (Delibera Consob 16190/2007 artt ) non prevede delle modalità specifiche di comportamento che gli intermediari sono tenuti ad osservare e neanche le linee guida (es. Assogestioni) sono vincolanti; queste definiscono uno score in relazione al tipo di prodotto sulla base del quale poi assegnare la classificazione, ad esempio una profilatura per grado di rischio dei prodotti/asset class da basso ad alto. 6

7 Appropriatezza e Adeguatezza valutazioni delle risposte Le linee-guida sottoposte alla Consob riguardano anche il sistema di tutela dei clienti e dunque i questionari da utilizzare e le modalità per stabilire la coerenza del loro profilo con i prodotti o i servizi d investimento. Una delle peggiori conseguenze sarebbe un omogeneizzazione dei sistemi di valutazione dell adeguatezza in quanto è materialmente impossibile interpretare i bisogni della clientela in particolare nell ambito degli investimenti. I principali sistemi informatici utilizzati dagli intermediari evidenziano macroscopiche genericità, debolezze e contraddizioni in quanto: Un questionario con 16 domande e 3 risposte ha >43milioni di possibili profili; Non sempre una combinazione che produce un certo punteggio descrive adeguatamente il cliente (si rischia di attribuire adeguatezza a prodotti che possono non esserlo); Non si riesce a valutare l effettiva capacità di rischio del cliente poiché i sistemi informatici utilizzati non trovano riscontro in nessuna teoria oggettiva di misurazione del rischio (sono molto soggettivi derivanti da lo dico io dei consulenti/software house); L output dei questionari può produrre esiti in bianco e nero senza tenere in debito conto le modalità di diversificazione efficiente; Potrebbero negare al cliente la diversificazione delle proprie risorse su una pluralità di esigenze. Il vero Private Banking,, ed in particolare gli operatori di nicchia, dovrebbe garantire al cliente un effettiva personalizzazione dei suitability test e appropriateness test. 7

8 Appropriatezza e Adeguatezza sui prodotti finanziari «illiquidi» Il documento di consultazione della Consob (26/5/08) fa riferimento a prodotti finanziari per i quali non sono disponibili, anche per intrinseche connotazioni di diritto o di fatto, mercati di scambio caratterizzati da adeguati livelli di liquidità e di trasparenza che possano fornire pronti ed oggettivi parametri di riferimento per lo svolgimento delle transazioni. Dalla metà di settembre, in ottobre e novembre un numero elevato di obbligazioni bancarie, corporate,etc. (occasionalmente anche titoli di stato italiani) normalmente trattate su mercati organizzati non riuscivano a fare prezzo, e quindi scambi, se non accettando degli spread normalmente ritenuti inammissibili. Dovrebbero quindi essere considerati tutti illiquidi?? Sembrerebbe irreale ma coerente con le prescrizioni indicate nel documento di consultazione : Tutte le principali associazioni/consulenti si domandano se sono escluse le obbligazioni bancarie quotate sui mercati regolamentati; L applicazione di una valutazione della clientela non in grado di comprendere realmente il profilo di rischio sottesi ai prodotti in esame quindi un ulteriore modello diverso dalla Mifid per clienti che comprendono realmente i prodotti?? Concetto di adeguatezza rispetto alle reali necessità del cliente con l intermediario che si sostituisce al cliente nell individuazione di suoi bisogni/obiettivi d investimento. Inappropriatezza verso la clientela che avesse dichiarato un orizzonte temporale dell investimento inferiore alla durata anagrafica del prodotto Il vero Private Banking ha una sola arma : conoscere perfettamente il proprio CLIENTE. 8

9 Consulenza in materia di investimenti La consulenza in materia di investimenti, in attuazione a quanto previsto nella Direttiva MiFID, è inclusa tra i servizi di investimento il cui esercizio é riservato alle Banche, SIM, SGR, imprese di investimento. La consulenza in investimenti é altresì consentita alle persone fisiche in possesso dei requisiti di onorabilità, professionalità indipendenza e patrimoniali stabiliti dalla vigente normativa di settore (ed iscritte in apposito Albo). Il D.L. che deve istituire la nuova categoria è stato da pochi giorni prorogato per la 3^volta al 30/06/2009 determinando evidenti sperequazioni tra i soggetti Mifid Compliant e gli altri. Inoltre il D.L. n 113 del 30/6/08, prevede la possibilità, per le società che già svolgevano il servizio di consulenza in materia di investimenti al 31/10/2007, di continuare a svolgerlo, anche senza autorizzazione, entro e non oltre il 30/12/2008. Per CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI si intende la prestazione di raccomandazioni personalizzate a un cliente, dietro sua richiesta o per Iniziativa del prestatore del servizio, riguardo a una o più operazioni relative ad un determinato strumento finanziario. 9

10 Consulenza come raccomandazione La raccomandazione è personalizzata quando è presentata come adatta per il CLIENTE o è basata sulla considerazione delle caratteristiche del Cliente (conoscenza approfondita del profilo finanziario dell investitore e sue necessità). Una raccomandazione NON è personalizzata se viene diffusa al pubblico mediante canali di distribuzione (es. giornali, televisione, radio, internet, etc.) L operazione oggetto delle raccomandazione deve rientrare tra le sue operazioni: comprare, vendere, sottoscrivere, scambiare, riscattare, detenere un determinato strumento finanziario o assumere garanzie nei confronti dell emittente rispetto a a tale strumento esercitare o non esercitare qualsiasi diritto conferito da un determinato strumento 10

11 Gestione di portafogli & Consulenza : differenza Nel servizio di Gestione di Portafogli ( Gestione ) l investitore affida il proprio patrimonio finanziario ad un intermediario GESTORE il quale secondo criteri discrezionali, contrattualmente definiti, compie operazioni su strumenti finanziari per valorizzare il patrimonio gestito. Il GESTORE è quindi titolare di un potere dispositivo che gli consente di tradurre operativamente i consigli di investimento. Cassazione n 12479/2007: la GESTIONE si compone di un mandato conferito dal cliente all intermediario e dalla discrezionalità con cui quest ultimo opera (elementi assenti nella consulenza in materia di investimenti in strumenti finanziari) La differenza tra la gestione di portafogli e la consulenza in materia d investimenti é rappresentata dal potere di scelta del cliente GESTIONE : Autonomia dall intermediario nei limiti del mandato conferito CONSULENZA: l intermediario fornisce raccomandazioni personalizzate che non vincolano, in maniera alcuna, il Cliente. 11

12 Conclusioni MiFID un anno dopo : I clienti al dettaglio, almeno quelli HWNI, hanno recepito solo gli aspetti di ulteriore appesantimento documentale senza cogliere la maggior tutela voluta dal legislatore; Le valutazioni di adeguatezza e appropriatezza della clientela sono state orientate all assolvimento degli obblighi normativi piuttosto che come ulteriore mezzo per approfondire, in maniera sostanziale, la Know Your Customer ; Per quanto riguarda la gestione dei conflitti di interessi, naturalmente insiti nell attività degli intermediari, si sono risolti con l incremento degli allegati contrattuali senza una sostanziale riduzione ; Gli aspetti relativi agli inducements stanno determinando ridefinizioni dei business plan degli intermediari (sono state praticamente cancellate le GPF) oltre, probabilmente, a contribuire all estinzione dei servizi italiani della gestione collettiva del risparmio (dal 1/1/07 emessi riscatti di OICR/Sicav per 177bn, -30%) ; Sul sistema dei controlli interni (Compliance, Internal Audit, Risk Management a cui si aggiungono L. 626/94 L. 675/94, L. 231/01, L. 231/07, etc.) la stessa Banca d Italia si è espressa sulla necessità di una riorganizzazione delle normative ; Concentrazione degli scambi e Best Ecexution : equity : di fatto le principali borse hanno continuato ad attrarre tutti gli scambi e solo recentemente sono stati avviati alcuni MTF; bonds : le banche hanno continuato ad essere le vere controparti della clientela determinando, da settembre, una sostanziale assenza di scambi/prezzi significativi con una recovery significativa sui Government Bonds (soprattutto esteri). Lo scenario finanziario ed economico mondiale è entrato nella peggiore crisi dal 1929 vedendo come principali vittime (es. Lehman, Islanda, etc.) la clientela privata, anche HWNI, che, molto probabilmente, poco avrà da avvantaggiarsi con la MiFID. 12

13 Gruppo Banca del Ceresio Banca del Ceresio è una banca svizzera che fa capo alla famiglia Foglia, specializzata nell offerta di servizi di gestione patrimoniale e consulenza finanziaria per la clientela privata high net worth e clientela istituzionale. L inizio dell attività nel settore risale al Nel 2008 la Banca del Ceresio ha festeggiato il 50 esercizio dalla fondazione. Fin dagli anni 60 la Banca del Ceresio si è concentrata sulla ricerca e selezione globale di gestori di patrimoni di particolare talento. L obiettivo della Banca è di trovare i migliori gestori indipendenti a cui affidare la componente rischiosa dei portafogli della proprietà e della clientela. Il Gruppo ha una delle esperienze più lunghe a livello mondiale nella ricerca di gestori esterni e possiede uno dei migliori e più lunghi track record del mondo nel settore dei Multimanager Hedge Funds. Ciò ha permesso un continuo miglioramento del processo di selezione e la creazione di importanti alleanze strategiche internazionali. Il Gruppo è stato tra gli investitori iniziali nel Quantum Fund di George Soros, è azionista e co-manager da oltre 20 anni del fondo Hausmann Holding e del fondo di fondi Leverage Capital Holding (il più vecchio FOFH al mondo, 1969). La filosofia di ricerca e selezione di talenti gestionali è applicata anche al mondo della gestione tradizionale ( Long Only ) attraverso la costituzione di Vitruvius, una Sicav Lussemburghese multi-comparto e multi-advisor armonizzata, gestita dalla Belgrave Capital Management, con sede a Londra. In Italia il Gruppo è operativo con la Ceresio SIM, gestione e amministrazione di portafogli, la Global Selection SGR, società che gestisce 2 fondi di fondi hedge, e la Eurofinleading Fiduciaria, che svolge servizi fiduciari tra cui la custodia, amministrazione di titoli e valori, intestazione fiduciaria di partecipazioni, etc. al 30/9/2008 i principali dati del Gruppo Banca del Ceresio : Asset gestiti 6.4mld (di cui 2,5bn in MMFH e Vitruvius Sicav) Mezzi propri 190mio Tier 1 48% Risultato lordo 22mio 13

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 SOMMARIO Introduzione... 1 CAPITOLO 1 I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO 1. L elenco dei servizi (e delle attività) di investimento... 9 2. Gli strumenti finanziari... 10 3. La nozione di prodotto

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

consulenza finanziaria per gli investitori istituzionali: a che punto siamo? giuseppe patriossi 4 ottobre 2011 itinerari previdenziali

consulenza finanziaria per gli investitori istituzionali: a che punto siamo? giuseppe patriossi 4 ottobre 2011 itinerari previdenziali 4 ottobre 2011 consulenza finanziaria per gli investitori istituzionali: itinerari previdenziali le esigenze degli investitori istituzionali e le proposte del mercato: un connubio possibile? a che punto

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

"MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012

MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012 "MIFID EMIFID REVIEW: LA POSIZIONE DELL'AUTORITÀ DI VIGILANZA ITALIANA" Flavio Bongiovanni CONSOB Divisione Intermediari Sorrento, 14-15 giugno 2012 LaMIFID1: Indice degli argomenti Evoluzione del quadro

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale

Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale Impatto della MiFID sul sistema organizzativo interno degli intermediari. La consulenza e l impatto nell operatività dei promotori finanziari Milano,

Dettagli

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A.

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PAG. 1 SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PER LA DETERMINAZIONE DEL GRADO DI LIQUIDITA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DISTRIBUITI ALLA CLIENTELA AL VERSIONE N. 1/12 DEL 30/08/2012

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 1. Le società di intermediazione

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 I SERVIZI E LE ATTIVITA DI INVESTIMENTO NELLA DISCIPLINA MiFID Linee dell intervento A. Classificazione della clientela

Dettagli

O:\TesoreriaFinanza\MIFID\per sito internet\approfondimento Mifid.doc

O:\TesoreriaFinanza\MIFID\per sito internet\approfondimento Mifid.doc La nascita della MIFID. Il 21 aprile 2004 è stata approvata dal Parlamento europeo la direttiva 2004/39/CE Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Dettagli

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza. CONVEGNO ASCOSIM Palazzo delle Stelline 1 FORUM NAZIONALE SULLA CONSULENZA FINANZIARIA La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

Dettagli

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO I SERVIZI DI INVESTIMENTO Tali investimenti danno origine alla raccolta bancaria indiretta, termine con il quale si identificano alcuni

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA DELLE BANCHE QUALI INTERMEDIARI FINANZIARI: GLI OBBLIGHI INFORMATIVI E DI PROFILATURA DELLA CLIENTELA DOPO LA MIFID CASTELLANZA 11 MARZO 2010 ROBERTO LENZI

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento [Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento Procedimento: 6109/13 Destinatario: 427932 Spett.le SERVIZI EMITTENTI QUOTATI S.R.L. Via Privata Maria Teresa, 11 20123 MILANO

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID)

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) Roma, 15 settembre 2007 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione pubblicata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

La consulenza finanziaria nel private banking

La consulenza finanziaria nel private banking La consulenza finanziaria nel private banking Paolo Magnani Vice Direttore Generale Milano, 10.2.2011 Premessa 2 Il mondo è cambiato ma ancora noi non vogliamo accorgercene... Perchè il private banker

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DISTRIBUZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI TRAMITE UNA SEDE DI NEGOZIAZIONE MULTILATERALE 9 MAGGIO 2016

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DISTRIBUZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI TRAMITE UNA SEDE DI NEGOZIAZIONE MULTILATERALE 9 MAGGIO 2016 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DISTRIBUZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI TRAMITE UNA SEDE DI NEGOZIAZIONE MULTILATERALE 9 MAGGIO 2016 Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire

Dettagli

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014 inviata alla società OGGETTO: Richiesta di chiarimenti in merito alle attività esercitabili da parte di una SIM autorizzata a svolgere esclusivamente il servizio

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

ODCEC NAPOLI - CNDCEC DOTT. GIANFRANCO TORTORANO. I Dottori Commercialisti e l attività di consulenza finanziaria

ODCEC NAPOLI - CNDCEC DOTT. GIANFRANCO TORTORANO. I Dottori Commercialisti e l attività di consulenza finanziaria ODCEC NAPOLI - CNDCEC DOTT. GIANFRANCO TORTORANO I Dottori Commercialisti e l attività di consulenza finanziaria 5 novembre 2014 Come è cambiata la professione del Dottore Commercialista Approfondire il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy)

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) La banca per un mondo che cambia Disposizioni generali La Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. ( BNL ), capitale sociale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 Tel: 0287186784 Fax: 0287161185 info@conformisinfinance.it pec@pec.conformisinfinance.it www.conformisinfinance.it Obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI Approvato dall Organo di indirizzo in data 17 dicembre 2015 2 SOMMARIO TITOLO I - PREMESSE Art. 1 (Ambito di applicazione)

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR che permette di definire personalmente, pur nel rispetto dei limiti e criteri indicati nel Contratto, la composizione del

Dettagli

Relatori: Fausto Fasciani

Relatori: Fausto Fasciani Relatori: Fausto Fasciani GLI ALBORI DELLA PROMOZIONE E DELLA CONSULENZA FINANZIARIA Alla fine degli anni 60 nascono i cosiddetti fondi atipici ed i Lussemburghesi storici Attività svolta da consulenti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti

MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti Alessandro Pagani Head of Compliance & Operational Risks Milano,

Dettagli

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Data documento 19/11/2012 Pagina 1/13 POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione con Servizio Compliance e Antiriciclaggio

Dettagli

PROTEGGERE IL PATRIMONIO DELL ENTE, OTTENERE STABILITÀ DI RITORNI SUL MEDIO- LUNGO PERIODO, POTER CONTARE SU PARTNER FINANZIARI ESPERTI E AFFIDABILI

PROTEGGERE IL PATRIMONIO DELL ENTE, OTTENERE STABILITÀ DI RITORNI SUL MEDIO- LUNGO PERIODO, POTER CONTARE SU PARTNER FINANZIARI ESPERTI E AFFIDABILI PROTEGGERE IL PATRIMONIO DELL ENTE, OTTENERE STABILITÀ DI RITORNI SUL MEDIO- LUNGO PERIODO, POTER CONTARE SU PARTNER FINANZIARI ESPERTI E AFFIDABILI SONO LE ESIGENZE CENTRALI DI UN ATTIVITÀ DI INSTITUTIONAL

Dettagli

Le linee guida ABI sull adeguatezza

Le linee guida ABI sull adeguatezza Le linee guida ABI sull adeguatezza La profilatura della clientela ai fini MiFID è il tema centrale delle Linee Guida ABI recentemente validate dalla Consob sull implementazione degli Orientamenti Esma

Dettagli

La normativa regolamentare della consulenza finanziaria

La normativa regolamentare della consulenza finanziaria LA CONSULENZA FINANZIARIA La normativa regolamentare della consulenza finanziaria Edoardo Guffanti - Nunzia Melaccio Commissione Banche e Intermediari Finanziari ODEC Milano 22 marzo 2012 - Milano S.A.F.

Dettagli

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Tipo: Regolamento Redazione: Ufficio Organizzazione Approvazione: CdA Data rilascio: 27/04/2015 Revisione Data 1 2 3 27/04/2015

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE TITOLO I- DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 - Oggetto

Dettagli

MIFID Markets in Financial Instruments Directive

MIFID Markets in Financial Instruments Directive MIFID Markets in Financial Instruments Directive Il 1 1 Novembre 2007 è stata recepita anche in Italia, attraverso il Decreto Legislativo del 17 Settembre 2007 n.164n.164,, la Direttiva Comunitaria denominata

Dettagli

La Mission di UBI Pramerica

La Mission di UBI Pramerica La Mission di UBI Pramerica è quella di creare valore, integrando le competenze locali con un esperienza globale, per proteggere e incrementare la ricchezza dei propri clienti. Chi è UBI Pramerica Presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

L evoluzione della disciplina dell intermediazione finanziaria: la prestazione dei servizi di investimento

L evoluzione della disciplina dell intermediazione finanziaria: la prestazione dei servizi di investimento L evoluzione della disciplina dell intermediazione finanziaria: la prestazione dei servizi di investimento Pierluigi Angelini Responsabile Settore Finanza - ABI 5 Maggio 2006 8 Maggio 2006 Milano, Palazzo

Dettagli

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA IL NOSTRO LAVORO SI BASA SULLA FIDUCIA DEI CLIENTI. PER QUESTO FONDAMENTALE È IL RISPETTO DELLE NORME E LA TOTALE TRASPARENZA NELLO SVOLGIMENTO DELLA NOSTRA ATTIVITÀ. CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI

Dettagli

GLI OBBLIGHI DI VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA E APPROPRIATEZZA DELLE SGR LINEE GUIDA

GLI OBBLIGHI DI VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA E APPROPRIATEZZA DELLE SGR LINEE GUIDA GLI OLIGHI DI VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA E APPROPRIATEZZA DELLE SGR LINEE GUIDA INDICE INTRODUZIONE...4 Titolo I Ambito di applicazione...7 Linea Guida n. 1 Principi generali... 7 Titolo II Le informazioni

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI Il presente documento descrive le misure per l esecuzione e la trasmissione degli ordini alle condizioni più favorevoli per il cliente (art. 45 e 48 del Regolamento Consob in materia di Intermediari) e

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

NOVITÀ IN ARRIVO, COSA CAMBIA CON LA MIFID E COME APPROFITTARNE

NOVITÀ IN ARRIVO, COSA CAMBIA CON LA MIFID E COME APPROFITTARNE INVESTIMENTI NOVITÀ IN ARRIVO, COSA CAMBIA CON LA MIFID E COME APPROFITTARNE 2 Caro cliente, che tu abbia investito in obbligazioni, azioni, titoli di stato o fondi comuni, che tu sia un esperto trader

Dettagli

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Chi siamo Consulenza di Investimento ADB Analisi Dati Borsa mette a disposizione dei suoi Clienti il know-how

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

Fondi Pensione Aperti

Fondi Pensione Aperti Fondi Pensione Aperti Massimo Nicoletti Milano 07 novembre, 2014 2 Cenni sulla Previdenza Fonte 3 Cenni sulla Previdenza Fonte Insurance Companies 4 FPA: elementi identificativi e modalità di costituzione

Dettagli

Record storico del Gruppo raggiunto in soli 6 mesi. Pietro Giuliani: prevedo un Utile netto consolidato a fine anno tra 220 300 milioni

Record storico del Gruppo raggiunto in soli 6 mesi. Pietro Giuliani: prevedo un Utile netto consolidato a fine anno tra 220 300 milioni Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2015 COMUNICATO STAMPA Record storico del Gruppo raggiunto in soli 6 mesi. Pietro Giuliani: prevedo un Utile netto consolidato a fine anno tra 220 300 milioni Nel

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID

L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID http://www.sinedi.com ARTICOLO 20 FEBBRAIO 2008 L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID La Markets on Financial Instruments Directive, di seguito MiFID, è la direttiva europea, approvata nel 2004 ed entrata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO APPROVATO DAL CONSIGLIO GENERALE NELL ADUNANZA DEL 28/06/2013 Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI

Dettagli

Regolamento per la gestione del patrimonio

Regolamento per la gestione del patrimonio Regolamento per la gestione del patrimonio Approvato dall Organo di indirizzo nella seduta del 19 aprile 2013 Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'art. 6 dello

Dettagli

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio I soggetti che operano nel mercato finanziario Francesca Mattassoglio Art. 18 TUF 1. L'esercizio professionale nei confronti del pubblico dei servizi e delle attività di investimento è riservato alle imprese

Dettagli

PER UN INVESTITORE PRIVATO O PER UN ISTITUZIONE, LA SCELTA DEL PARTNER CUI AFFIDARE LA GESTIONE DEL PROPRIO PATRIMONIO È UNA DECISIONE DELICATA E

PER UN INVESTITORE PRIVATO O PER UN ISTITUZIONE, LA SCELTA DEL PARTNER CUI AFFIDARE LA GESTIONE DEL PROPRIO PATRIMONIO È UNA DECISIONE DELICATA E PER UN INVESTITORE PRIVATO O PER UN ISTITUZIONE, LA SCELTA DEL PARTNER CUI AFFIDARE LA GESTIONE DEL PROPRIO PATRIMONIO È UNA DECISIONE DELICATA E CRUCIALE. A SWISS BANK È LA DEFINIZIONE CHE TRADIZIONALMENTE

Dettagli

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO regolazione LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Luigi Rizzi * Le Società di Investimento a Capitale Fisso (SICAF) rappresentano una delle principali novità della direttiva AIFM.

Dettagli

Private Banking e Fondi Immobiliari

Private Banking e Fondi Immobiliari 0 Private Banking e Fondi Immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari nel mondo e in Europa Nel 2005 il portafoglio dei gestori professionali ha superato gli 800 mld di

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. PREMESSA...3 2. PRINCIPI GUIDA...3 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI...4

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEL PROMOTORE FINANZIARIO

LA RESPONSABILITA DEL PROMOTORE FINANZIARIO . LA RESPONSABILITA DEL PROMOTORE FINANZIARIO Gorizia, 21 novembre 2014 Monica Damian mdamian@bancafideuram.it Albo PF n. 375088 1 QUADRO NORMATIVO DIRETTIVA MIFID 2004/39/CE D.lgs. 24-2-1998 n.58 Testo

Dettagli

Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati

Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati Milano, 12 aprile 2008 1 Uno sguardo sul mondo 2 L evoluzione

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

La gestione della raccolta bancaria (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011

La gestione della raccolta bancaria (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 La gestione della raccolta bancaria (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 La raccolta indiretta Banca Soggetti economici (famiglie, imprese) Diversa

Dettagli

GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI

GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI ASPETTI GENERALI E IL CASO DEI FONDI COMUNI Lezione 17, CAPITOLO 19 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Supponete di avere deciso d iniziare a risparmiare per la pensione,

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 2 agosto 2011 Data di entrata in vigore: 8 agosto 2011 Aggiornamento del

Dettagli

Fondo Progetto MiniBond Italia

Fondo Progetto MiniBond Italia Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Giovanni Scrofani Responsabile Fondo Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Zenit SGR - Promotore e gestore Zenit SGR è una Società di Gestione

Dettagli

GLI OBBLIGHI DI VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA E APPROPRIATEZZA DELLE SGR LINEE GUIDA

GLI OBBLIGHI DI VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA E APPROPRIATEZZA DELLE SGR LINEE GUIDA GLI OBBLIGHI DI VALUTAZIONE DI ADEGUATEZZA E APPROPRIATEZZA DELLE SGR LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida sono state validate dalla CONSOB in data 24 marzo 2009 in esito alla procedura pubblicata

Dettagli

selezione degli investimenti: il valore aggiunto di una Sim di consulenza

selezione degli investimenti: il valore aggiunto di una Sim di consulenza Istanbul 30 settembre 2012 selezione degli investimenti: il valore aggiunto di una Sim di consulenza Davide Squarzoni Direttore Generale riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale,

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO Roma, 30 gennaio 2008 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione

Dettagli

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Policy è a disposizione

Dettagli

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da BCC BARLASSINA (ai sensi delle Linee-Guida interassociative ABI-Assosim-Federcasse per l applicazione delle misure di attuazione della Direttiva

Dettagli

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Versione settembre 2012 La Comunicazione Consob 9019104 del 2 marzo 2009 ha imposto la necessità per le banche di definire un approccio che consenta di individuare

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI PREMESSE La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento Europeo

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE per il programma di emissione prestiti obbligazionari

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE per il programma di emissione prestiti obbligazionari CASSA RURALE DI TRENTO - Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa con sede legale in Trento, via Belenzani 6. Iscritta all albo delle banche tenuto dalla Banca d'italia al n. 2987.6; al Registro

Dettagli

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive AL VOSTRO SERVIZO Forte di oltre 50 anni di esperienza, PKB ha acquisito una profonda conoscenza delle esigenze di privati e famiglie, imprenditori, liberi professionisti e dirigenti. È quindi in grado

Dettagli

Tu scegli la meta. Noi costruiamo la squadra per raggiungerla

Tu scegli la meta. Noi costruiamo la squadra per raggiungerla Tu scegli la meta Noi costruiamo la squadra per raggiungerla Cos è la gestione patrimoniale gp Top Selection È una gestione patrimoniale contraddistinta dalla possibilità di creare linee di investimento

Dettagli

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007 La Direttiva Mifid Principali novità e procedure di adeguamento Milano, 17 aprile 2007 1 Linea dell intervento A. La Direttiva MIFID B. Regole di condotta e categorie di clientela C. Valutazione di adeguatezza

Dettagli

Regole interne per la negoziazione delle obbligazioni di Banca Agricola Popolare di Ragusa S.c.p.a.

Regole interne per la negoziazione delle obbligazioni di Banca Agricola Popolare di Ragusa S.c.p.a. Regole interne per la negoziazione delle obbligazioni di Banca Agricola Popolare di Ragusa S.c.p.a. Approvata dal Consiglio di Amministrazione 31 maggio 2013 Revisionata: 27 maggio 2014 Bozza per discussione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 Aggiornata nel CdA del 23/09/2015 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA...

Dettagli

La società, le competenze, i numeri.

La società, le competenze, i numeri. La società, le competenze, i numeri. Eurizon Capital Architettura multi societaria Eurizon Capital SGR Eurizon Capital appartiene al Gruppo Intesa Sanpaolo. È specializzata nella gestione degli investimenti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MY ADVISORY INFORMAZIONI SULLA BANCA

FOGLIO INFORMATIVO MY ADVISORY INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: Banca di Bologna Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede legale e amministrativa: Piazza Galvani, 4 40124 Bologna Indirizzo telematico: www.bancadibologna.it

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA... 2 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED

Dettagli