I vantaggi dell efficienza energetica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I vantaggi dell efficienza energetica"

Transcript

1 Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori economici: trasporti, edilizia residenziale, industria); nazionale (con ricadute positive sul piano macroeconomico e sui bilanci nazionali); internazionale (in termini di bene pubblico sul piano internazionale). L OCSE e l Agenzia Internazionale per l Energia hanno esaminato questi aspetti in modo approfondito in uno studio recente, come sintetizzato nel seguente grafico: LIVELLO INDIVIDUALE Impatto sulla salute e sul benessere Riduzione della povertà: accesso materiale ed economico all energia Maggior reddito disponibile LIVELLO NAZIONALE Creazione di posti di lavoro Riduzione della spesa pubblica relativa all energia Sicurezza dell approvvigionamento energetico Effetti di natura macroeconomica LIVELLO SETTORIALE Produttività e competitività settoriale Vantaggi in termini di infrastrutture/fornitori energetici Incremento dei valori patrimoniali LIVELLO INTERNAZIONALE Minori emissioni di gas a effetto serra Moderazione delle tariffe energetiche Gestione delle risorse naturali Obiettivi di sviluppo Perché è importante l efficienza energetica? La presente scheda fornisce informazioni sintetiche sui vantaggi dell efficienza energetica nell Unione europea, ed è destinata ai responsabili decisionali di istituzioni pubbliche e private, della società civile e, in modo particolare, degli enti pubblici che realizzano progetti di efficienza energetica. L efficienza energetica è il concetto cardine della transizione dell UE verso un economia basata sull impiego efficiente delle risorse nonché della strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. Tale strategia prevede il raggiungimento, entro il 2020, di tre obiettivi fondamentali e complementari in materia di energia e di clima: ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 20% rispetto al 1990, produrre il 20% dell energia primaria da fonti di rinno-

2 vabili e realizzare un risparmio di energia primaria del 20% rispetto alle previsioni del 2007 per il Ruolo del settore pubblico nel campo dell efficienza energetica Il Piano di Efficienza Energetica 2011 della Commissione europea, adottato a marzo 2011, delinea un ruolo più importante per il settore pubblico nel promuovere misure di efficienza energetica. Il Piano evidenzia le possibilità di potenziamento dell efficienza energetica negli appalti pubblici, nella ristrutturazione di edifici pubblici e nelle città e comunità. Orientare la spesa pubblica verso prodotti, modalità di trasporto, edifici, opere e servizi efficienti sotto il profilo energetico contribuisce a ridurre le spese energetiche delle amministrazioni pubbliche, migliorando il rapporto costi/benefici. Quest azione di stimolo della domanda può velocizzare lo sviluppo e la distribuzione di prodotti e servizi efficienti sotto il profilo energetico e accelerare l innovazione nell intero settore dell efficienza energetica. Risparmi ottenuti con l efficienza energetica L efficienza energetica è tra le misure meno costose di abbattimento delle emissioni di carbonio e può consentire ai consumatori dell UE un risparmio annuo stimato in 78 miliardi di euro entro il L UE dispone di una considerevole capacità di produzione di energia elettrica alimentata con combustibili fossili e le infrastrutture di produzione, trasmissione e distribuzione, in costanza di consumi energetici, dovranno essere sostituite entro i prossimi anni. Ridurre i consumi di energia servirà quindi a rendere meno urgente la necessità di sostituire le infrastrutture in rapida obsolescenza. Vantaggi economici dell efficienza energetica Il conseguimento dell obiettivo di riduzione del 20% dell impiego di energia primaria permette di ottenere vantaggi economici significativi. Gli investimenti in misure di efficienza energetica possono stimolare la crescita economica creando ampie opportunità imprenditoriali e in termini di occupazione attraverso i canali indicati qui di seguito.

3 Creazione di posti di lavoro L attuazione di misure di efficienza energetica è di norma un attività a impiego intensivo di manodopera a livello locale che non può essere facilmente trasferita o esternalizzata. Gli investimenti creano la domanda di competenze specializzate e sviluppano knowhow per l attuazione di nuove tecnologie. La domanda di misure di efficienza energetica richiede una maggior impiego di risorse nel settore edile, che a sua volta può generare domanda di attività intermedie in tutti i settori economici, contribuendo all aumento della richiesta di manodopera. Produzione di gettito fiscale Gli investimenti in efficienza energetica in generale, e quelli relativi alle ristrutturazioni in particolare, possono verosimilmente generare nel breve periodo nuove entrate fiscali tramite vari canali quali l imposta sul valore aggiunto dei prodotti, le imposte sulle società, sugli immobili e sul reddito, i contributi previdenziali e le spese evitate per sussidi di disoccupazione. Tali entrate possono compensare il minor gettito derivante dalle imposte sui consumi di energia a medio-lungo termine. Impulso alla ricerca e all innovazione In molti settori, le soluzioni tecnologiche per l efficienza energetica sono ancora agli albori. Ne consegue che le opportunità di ulteriori innovazioni sono enormi. Promuovendo misure di efficienza energetica, le amministrazioni pubbliche possono stimolare il settore privato a proporre nuove tecnologie che potranno essere utilizzate per futuri progetti. 36% delle emissioni di CO 2 dell Unione Europea. L uso di tecnologie ad alto rendimento energetico negli edifici avrebbe considerevoli effetti positivi sul risparmio di energia e sulle emissioni di carbonio. La direttiva sulla prestazione energetica nell edilizia (EPBD) impone agli Stati membri di fissare i livelli minimi di prestazione energetica degli edifici di nuova costruzione e di quelli oggetto di ristrutturazioni di grande portata. Adeguamento al cambiamento climatico Le misure di efficienza energetica svolgono una funzione protettiva contro eventi atmosferici avversi o estremi e, pertanto, contribuiscono alla lotta generale al cambiamento climatico. Maggior sicurezza dell approvvigionamento energetico L Europa è il maggiore importatore di energia al mondo, in un periodo in cui i prezzi del petrolio e del gas naturale sono volatili e in rialzo. L UE importa attualmente il 50% circa del suo fabbisogno energetico. In assenza di nuovi provvedimenti, tale percentuale potrebbe salire al 70% entro il È indispensabile ridurre i consumi di energia primaria attraverso il risparmio energetico, in modo da ridurre le importazioni di energia, accrescere la sicurezza degli approvvigionamenti e limitare gli effetti delle impennate dei prezzi dell energia. Riduzione della povertà energetica Si definisce povertà energetica la difficoltà o impossibilità di garantire l adeguato riscaldamento dell abitazione o di accedere ad altri Incremento della competitività La riduzione dei costi energetici e la minor esposizione ai rischi di volatilità dei prezzi dell energia consentiranno alle imprese di realizzare profitti e di gestire in modo più efficiente la propria attività. Miglioramento dell immagine aziendale Posizionandosi tra le avanguardie dello sviluppo della «green economy» in Europa, le società che operano nel comparto dell efficienza energetica possono ottenere notevoli benefici immateriali legati alla percezione positiva del loro marchio. Altri vantaggi dell efficienza energetica Oltre ai suddetti vantaggi di ordine economico e finanziario, esistono anche altre ricadute positive che pur non direttamente imputabili all efficientamento energetico degli edifici sono di norma collegate alle misure di efficientamento energetico del patrimonio edilizio abitativo o particolarmente evidenti nelle stesse. Seguono alcuni esempi. Edifici più efficienti Il consumo di energia degli immobili residenziali e commerciali rappresenta circa il 40% dell utilizzo finale complessivo di energia ed è responsabile del

4 servizi energetici essenziali a prezzi ragionevoli. Le famiglie europee a basso reddito abitano verosimilmente in edifici vecchi e meno efficienti, più costosi da riscaldare o raffreddare, con un impatto notevole sullo scarso reddito familiare. La povertà energetica rappresenta un notevole problema in tutta Europa, destinato ad aggravarsi con l aumento dei prezzi dell energia e delle bollette. Gli interventi di efficienza energetica nell edilizia abitativa sociale, e il conseguente abbattimento dei costi del combustibile, possono attenuare molti dei problemi legati alla disparità e all esclusione sociale. Miglioramento qualitativo del patrimonio edilizio e incremento di valore degli immobili L efficientamento energetico del patrimonio edilizio esistente può avere altre ricadute positive, in termini di qualità dell edificio, migliore isolamento acustico e termico e riduzione dei costi di manutenzione, che in ultima analisi accrescono il valore degli immobili. Miglioramento della salute e del benessere Gli interventi di EE sugli edifici possono inoltre migliorare la qualità dell aria negli ambienti, con un conseguente beneficio per la salute, soprattutto in caso di problemi di asma. Tali vantaggi sono stati messi in luce da uno studio britannico su un progetto di ristrutturazione di alloggi sociali. Oltre ad accrescere il benessere dei residenti, le misure in questione riducono la spesa pubblica per la sanità. Per informazioni: Segretariato EPEC 3 (+352) (+352) U Disclaimer: Le informazioni contenute nel presente documento sono state redatte dall EPEC (www.eib.org/epec). Tuttavia i singoli membri dell EPEC, comprese la BEI e la Commissione europea, declinano ogni responsabilità circa l esattezza delle informazioni fornite nella presente pubblicazione o riguardo a eventuali conseguenze dell uso che potrebbe esserne fatto. Il ricorso alle informazioni contenute in questa pubblicazione è quindi a esclusivo rischio degli utilizzatori. BEI 11/2013 IT EIB GraphicTeam

FARE DI PIÙ CON MENO

FARE DI PIÙ CON MENO FARE DI PIÙ CON MENO Libro verde sull efficienza energetica Direzione generale dell'energia e dei trasporti COMMISSIONE EUROPEA Fotografie: per gentile concessione di Comunità europee e Wärtsilä FARE DI

Dettagli

Verso una crescita verde. Una sintesi per i responsabili politici Maggio 2011

Verso una crescita verde. Una sintesi per i responsabili politici Maggio 2011 Verso una crescita verde Una sintesi per i responsabili politici Maggio 2011 Nel giugno del 2009, i Ministri di 34 Paesi hanno firmato la Green Growth Declaration, nella quale dichiaravano il proprio impegno

Dettagli

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile Più intelligenti e più ecologici Consumare e produrre in maniera sostenibile 1 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 26.6.2002 COM(2002) 321 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Relazione finale sul Libro verde "Verso una strategia

Dettagli

AZIONE per UN TURISMO EUROPEO PIÚ SOSTENIBILE

AZIONE per UN TURISMO EUROPEO PIÚ SOSTENIBILE Si ringrazia il governo italiano (Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo) per avere fornito la versione italiana di questo rapporto. AZIONE

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

per una nuova e migliore occupazione Federico Pontoni, Niccolò Cusumano

per una nuova e migliore occupazione Federico Pontoni, Niccolò Cusumano % %Green Economy: per una nuova e migliore occupazione Federico Pontoni, Niccolò Cusumano Giugno 2013 II Premessa La crescita, secondo le teorie economiche, è frutto dell accumulo del capitale e dell

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 13.1.2015 COM(2015) 10 final 2015/0009 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo al Fondo europeo per gli investimenti strategici e che

Dettagli

EDUCAZIONE ALL ENERGIA

EDUCAZIONE ALL ENERGIA EDUCAZIONE ALL ENERGIA Insegnare ai futuri consumatori di energia Direzione generale dell Energia e dei trasporti COMMISSIONE EUROPEA Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee,

Dettagli

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 DIRETTIVA 2006/32/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 concernente l'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.6.2011 COM(2011) 500 definitivo PARTE II COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE

Dettagli

Pompe di calore per la climatizzazione

Pompe di calore per la climatizzazione SPECIALE TECNICO Pompe di calore per la climatizzazione CO.AER CO.AER - Associazione Costruttori di Apparecchiature ed Impianti per la climatizzazione e le pompe di calore SPONSOR www.carel.com www.robur.it

Dettagli

PRIMO RAPPORTO SULLO STATO DELL INNOVAZIONE NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

PRIMO RAPPORTO SULLO STATO DELL INNOVAZIONE NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI PRIMO RAPPORTO SULLO STATO DELL INNOVAZIONE NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI con il sostegno di Un ringraziamento a tutti i soci di Federcostruzioni che hanno contributo alla redazione del Primo rapporto

Dettagli

Breve guida agli aiuti di Stato

Breve guida agli aiuti di Stato Breve guida agli aiuti di Stato Indice Lazioeuropa Temi e approfondimenti Breve guida agli aiuti di Stato Introduzione 3 1. Definizione di aiuto di Stato 5 1.1 Il principio dell investitore privato 8 2.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Bruxelles, 21.5.2003 COM(2003) 270 definitivo LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE (Presentato dalla Commissione) INDICE Introduzione... 3 1. Contesto... 6

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

IL RICORSO AL FINANZIAMENTO TRAMITE TERZI

IL RICORSO AL FINANZIAMENTO TRAMITE TERZI ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE L'ENERGIA E L'AMBIENTE IL RICORSO AL FINANZIAMENTO TRAMITE TERZI Giampaolo Valentini Dipartimento Energia Divisione promozione degli usi efficienti dell energia e delle energie

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0 Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive Premessa Il 2010 deve segnare un nuovo inizio. Voglio che l Europa esca rafforzata dalla crisi

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve

Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Roma, 23 gennaio 2013 Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Roma, 23 gennaio 2013 SOMMARIO 05 LE PRIORITÀ 07

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 18.7.2001 COM(2001) 366 definitivo LIBRO VERDE Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese (presentato dalla Commissione) INDICE

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

Competitività e occupazione: le leve strategiche per lo sviluppo e il rilancio del sistema produttivo Ciclo di audizioni

Competitività e occupazione: le leve strategiche per lo sviluppo e il rilancio del sistema produttivo Ciclo di audizioni Competitività e occupazione: le leve strategiche per lo sviluppo e il rilancio del sistema produttivo Ciclo di audizioni COMMISSIONE ISTRUTTORIA PER LE POLITICHE DEL LAVORO E DEI SISTEMI PRODUTTIVI (II)

Dettagli

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI A cura di: G. Messina, M.P. Valentini, G. Pede INDICE 1. QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO E NAZIONALE 5 Normativa e indirizzi politici 5 Analisi energetica del settore 5

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico AUDIZIONE DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO FEDERICA GUIDI PRESSO LA COMMISSIONE INDUSTRIA DEL SENATO SULLE POLITICHE DEL SUO DICASTERO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO

Dettagli