Tellco fondazione d investimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tellco fondazione d investimento"

Transcript

1 Regolamento della Tellco fondazione d investimento valevoli dal Tellco fondazione d investimento Bahnhofstrasse 4 Casella postale 713 CH-6431 Svitto t f tellco.ch

2 Indice Art. 1 Investitori 3 Art. 2 Ripartizione dell investimento patrimoniale 3 Art. 3 Valutazione e valore dei diritti 4 Art. 4 Emissione di diritti 5 Art. 5 Riscatto di diritti 6 Art. 6 Diritti degli investitori 7 Art. 7 Assemblea degli investitori 8 Art. 8 Consiglio di fondazione 8 Art. 9 Direzione aziendale 9 Art. 10 Gestione patrimoniale 9 Art. 11 Costi amministrativi 9 Art. 12 Esercizio del diritto di voto 10 Art. 13 Contabilizzazione e resoconto annuale 10 Art. 14 Lacune del regolamento 11 TA_05_503_01_i 2

3 In base all art. 11 degli Statuti della Tellco fondazione d investimento (in seguito denominata fondazione d investimento) il Consiglio di fondazione ha emesso il seguente regolamento: Art. 1 Investitori a) La cerchia degli investitori affiliati viene precisata nell art. 6 degli Statuti. L ammissione è subordinata alla compilazione di una domanda di adesione, al consenso del Consiglio di fondazione e alla sottoscrizione di almeno una quota. Con la presentazione della domanda di adesione l investitore accetta le disposizioni degli Statuti, di tutti i regolamenti e le disposizioni per l investimento. b) Il Consiglio di fondazione può fissare un minimo di sottoscrizione dei diritti o quote per ogni categoria d investimento. c) Dopo il rimborso di tutte le quote si perdono tutti i diritti conferiti all investitore. d) Il Consiglio di fondazione decide se tutte le condizioni per l adesione sono adempite. Esso può rifiutare l ammissione senza indicarne i motivi. L affiliazione viene normalmente effettuata tramite una convenzione scritta e diventa valida giuridicamente dopo la sottoscrizione e la liberazione dei diritti. Art. 2 Ripartizione dell investimento patrimoniale a) L investimento patrimoniale della fondazione viene ripartito in categorie d investimento che sono indipendenti tra di loro. b) Le singole categorie d investimento sono costituite da diritti uguali, senza valore nominale e senza scadenza, conferiti agli investitori. I diritti non sono valori mobiliari, sono registrati contabilmente e possono essere suddivisi in frazioni. I diritti si riferiscono sempre a una determinata categoria d investimento. c) Il Consiglio di fondazione può creare categorie supplementari d investimento o estinguerle. Esso provvede all elaborazione dei relativi prospetti. d) Le singole categorie d investimento vengono gestite e amministrate autonomamente per tutto quanto concerne gli investimento, i redditi, i costi e l amministrazione contabile. 3

4 Art. 3 Valutazione e valore dei diritti a) Il valore di ogni singola quota consiste nel diritto dell investitore a una rispettiva frazione del patrimonio netto della corrispondente categorie d investimento. b) Il Consiglio di fondazione stabilisce il prezzo dei diritti alla prima emissione. c) Dopo l emissione il valore d inventario di ogni diritto viene calcolato, al giorno del calcolo, dividendo il patrimonio netto della rispettiva categoria d investimento per il numero dei diritti già emessi per questa categoria d investimento. d) Il patrimonio netto delle categorie d investimento corrisponde al valore di mercato degli investimenti con l aggiunta degli altri valori patrimoniali, inclusi gli interessi, diminuito degli eventuali debiti come pure per gli investimenti immobiliari delle eventuali imposte che si dovranno probabilmente pagare in caso di liquidazione degli immobili. Per la determinazione del valore di mercato delle singole categorie d investimento sono determinanti le seguenti disposizioni: per le categorie investite principalmente in titoli (azioni, obbligazioni, diritti di altre categorie, investimenti del mercato finanziario ecc.): il corso registrato dai titoli nel giorno del calcolo; per le categorie investite soprattutto in immobili: il valore presumibile calcolato periodicamente, ma almeno una volta all anno, da un esperto con buona esperienza. In caso di necessità il Consiglio di fondazione può ordinare delle perizie intermedie sul valore degli immobili; per tutti gli altri casi: è determinate il prezzo che si potrebbe ottenere con una vendita prudente. e) Il calcolo del patrimonio netto delle categorie d investimento viene effettuato regolarmente, ma almeno una volta al mese e ad ogni data di emissione e di riscatto. f) Il reddito annuale delle categorie d investimento viene integrato nel capitale della rispettiva categoria. g) Il Consiglio di fondazione può decidere l integrazione o la suddivisione dei diritti nell ambito di una categoria d investimento. 4

5 Art. 4 Emissione di diritti a) Normalmente l emissione di diritti a favore degli investitori non è limitata. Tuttavia, in considerazione delle possibilità d investimento, il Consiglio di fondazione può limitare o sospendere completamente l emissione di diritti, Il Consiglio di fondazione sceglie le date di emissione. b) La procedura per la determinazione del prezzo (backward- risp. forward pricing) viene fissata dal Consiglio di fondazione che stabilisce anche la data entro la quale si possono ricevere gli incarichi per l acquisto di diritti. c) Il prezzo d acquisto dei diritti corrisponde al valore d inventario del singolo diritto al momento dell emissione. A questo valore si possono aggiungere le spese e gli oneri causati in media dall emissione. L eventuale differenza tra il valore d inventario e il prezzo di emissione viene accreditata alla rispettiva categoria d investimento. d) Normalmente, il controvalore del prezzo di emissione deve essere versato in contanti. In casi eccezionali e solo con il consenso del Consiglio di fondazione può essere saldato con un conferimento di valori. e) L acquisto di diritti viene effettuato esclusivamente tramite l emissione di nuovi diritti d investimento da parte della fondazione o tramite un piazzamento diretto dei diritti che sono stati restituiti dagli investitori. Non è permesso il libero scambio di diritti. f) I diritti non possono essere pignorati o ceduti in pegno. 5

6 Art. 5 Riscatto di diritti a) Gli investitori possono chiedere per la data fissata per i riscatti, il rimborso di tutti o di una parte dei loro diritti. La data per il riscatto viene fissata dal Consiglio di fondazione. b) In caso di situazioni straordinarie (p. es. se il mercato è chiuso o se le trattative di mercato sono limitate o sospese, o in caso di emergenze economiche, politiche, militari, monetarie o di altro genere o, infine, in caso di grandi limitazioni della liquidità) il Consiglio di fondazione può differire il riscatto dei diritti o di singole categorie d investimento. In questi casi il Consiglio di fondazione avvisa gli investitori. Il differimento non può essere superiore a un anno. Se il Consiglio di fondazione ritiene che sia necessario il prolungamento del differimento oltre un anno, deve convocare tempestivamente un assemblea straordinaria degli investitori che può decidere sull ulteriore procedura da seguire. Il valore di riscatto corrisponde a quello valevole per tutti i diritti rimanenti alla fine del periodo di differimento. c) La procedura per la determinazione del prezzo (prezzo backward risp. forward) viene stabilita dal Consiglio di fondazione che sceglie anche la data entro la quale possono essere accettati gli ordini per il riscatto dei diritti. d) Il prezzo di riscatto del diritto corrisponde al suo valore d inventario. Le spese e gli oneri risultanti dalla vendita dei diritti in seguito al riscatto possono essere dedotti dal valore di riscatto. L eventuale differenza tra il valore d inventario e il prezzo di emissione viene accreditata alla rispettiva categoria d investimento. e) La restituzione dei diritti viene effettuata esclusivamente tramite il riscatto da parte della fondazione. Non è permesso il libero scambio dei diritti. 6

7 Art. 6 Diritti degli investitori a) Gli investitori dispongono, in particolare, dei diritti stabiliti negli art. 8, 12 e 13 degli Statuti e negli art. 4, 5, e 6 di questo regolamento. b) Gli investitori hanno diritto a informazioni periodiche sul patrimonio netto delle categorie d investimento, sui prezzi d emissione e di riscatto e sui dati più importanti dello sviluppo delle categorie d investimento. c) Gli investitori hanno il diritto di consultare i documenti contabili, ad eccezione della documentazione che rappresenta un segreto d ufficio degli investitori o quando si tratta di dati riservati. d) Su richiesta dell investitore si deve calcolare il valore d inventario per ogni categoria d investimento. Il valore d inventario della categoria d investimento Immobili Svizzera è suddiviso in: terreni da costruzione, incl. gli immobili da demolire gli edifici in corso di costruzione gli edifici già costruiti, incluso il terreno circostante, suddivisi in appartamenti, edifici commerciali e terreni utilizzati per motivi professionali. Inoltre, su richiesta dell investitore, si devono notificare separatamente e per ogni parcella di costruzione i seguenti dati: Indirizzo Costi di acquisizione Valore assicurativo Valore di mercato Redditi lordi conseguibili e) Inoltre, su richiesta dell investitore, la Fondazione deve informare sugli acquisti, le vendite e gli altri affari. In caso di acquisto o di vendita di immobili, l investitore può chiedere informazioni sul prezzo convenuto per l operazione. 7

8 Art. 7 Assemblea degli investitori a) L assemblea ordinaria degli investitori viene convocata con un invito scritto del presidente del Consiglio di fondazione, al più tardi entro sei mesi dalla chiusura dell anno d esercizio. L invito deve essere spedito con un preavviso di almeno venti giorni per la data dell assemblea. Può partecipare chi, al momento della spedizione dell invito all assemblea, è un investitore. Se nel periodo di tempo che intercorre tra la spedizione dell invito e la data dell assemblea vengono acquistate o riscattate delle quote, i diritti di voto aumentano o si riducono in modo corrispondente. Tuttavia il Consiglio di fondazione fissa la data alla quale il registro degli aventi diritto al voto viene chiuso. b) Con un autorizzazione scritta, ogni investitore può farsi rappresentare da un altro investitore. c) L assemblea che è stata convocata secondo le apposite disposizioni è in grado di deliberare indipendentemente dal numero dei voti rappresentati. d) L assemblea decide con la maggioranza semplice dei voti rappresentati. Fanno eccezione le decisioni ai sensi degli art. 12 e 13 degli Statuti che necessitano di una maggioranza qualificata. In caso di parità dei voti, decide quello del presidente. Le votazioni e le elezioni sono pubbliche se almeno un quinto dei presenti non chieda una procedura segreta. e) Il presidente del Consiglio di fondazione presiede l assemblea degli investitori e sceglie il redattore del verbale oltre agli addetti al conteggio dei voti. Art. 8 Consiglio di fondazione a) Il Consiglio di fondazione si costituisce da sé. b) Il Consiglio di fondazione si riunisce in caso di necessità, ma almeno due volte all anno. Il presidente deve invitare tutti i membri a partecipare alla riunione. Il Consiglio di fondazione viene convocato anche su richiesta di un terzo dei suoi membri o, almeno, su richiesta di due membri. c) Il Consiglio di fondazione può deliberare se alla riunione è presente più della metà dei suoi membri. d) Il Consiglio di fondazione decide a maggioranta semplice. In caso di parità dei voti decide quello del presidente. e) Le decisioni possono essere adottate tramite lettera circolare se nessun membro chiede l esame della trattanda con una riunione. 8

9 Art. 9 Direzione aziendale Il Consiglio di fondazione sceglie una direzione aziendale precisandone i compiti e le competenze in un regolamento organizzativo e in un contratto di direzione. La direzione aziendale risponde del suo operato all approvazione del Consiglio di fondazione. Art. 10 Gestione patrimoniale Nell ambito dell amministrazione degli investimenti patrimoniali, la fondazione d investimento consiglia solo persone e istituzioni che sono in grado e sono sono organizzazati in modo da offrire tutte le garanzie di rispetto delle prescrizioni degli art. 48 f e 48 g (OPP2) e della prassi dell autorità di vigilanza. Il Consiglio di fondazione impartisce i mandati di amministrazione patrimoniale solo a banche e / o a commissionari di borsa sottoposti alla vigilanza della FINMA. I mandati devono essere impartiti solo con una forma scritta. I compiti della gestione patrimoniale sono: a) l applicazione delle disposizioni per l investimento; b) l esecuzione dei compiti che le sono stati assegnati nell ambito del regolamento di organizzazione; c) il rapporto, da presentare almeno mensilmente, all attenzione del Consiglio di fondazione. Nei casi di urgenza il Consiglio di fondazione deve essere informato immediatamente; d) l elaborazione, all attenzione del Consiglio di fondazione,della documentazione determinante per i settori che le sono stati assegnati nell ambito del regolamento di organizzazione; e) applicazione delle decisioni del Consiglio di fondazione per i settori che le sono stati assegnati nell ambito del regolamento di organizzazione. Art. 11 Costi amministrativi I costi per l amministrazione, per la direzione aziendale, per il management del portafoglio, per le transazioni di acquisto e di vendita e e quelli per la distribuzione vengono inclusi, per ogni categoria d investimento, nel calcolo del valore dei diritti e addebitati periodicamente alle singole categorie. 9

10 Art. 12 Esercizio del diritto di voto a) Il diritto di voto deve poter essere esercitato regolarmente. b) In occasione dell esercizio del diritto di voto degli investitori, la fondazione d investimento agisce esclusivamente nel loro interesse e si comporta in modo neutrale. c) Se non esistono motivi speciali, il diritto di voto dovrebbe essere esercitato secondo le raccomandazioni del Consiglio di amministrazione, a meno che il Consiglio di fondazione non consigli diversamente. d) In caso di situazioni straordinarie (in particolare in caso di fusioni, di unificazioni, di importanti mutazioni personali nel Consiglio di amministrazione o nella direzione aziendale, di opposizione alle proposte del Consiglio di amministrazione) il Consiglio di fondazione deve essere informato immediatamente. Art. 13 Contabilizzazione e resoconto annuale a) Per ogni categoria d investimento e per il patrimonio di base viene tenuta una contabilità separata. b) L anno d esercizio della fondazione d investimento termina il 31 dicembre di ogni anno. c) Entro sei mesi dalla chiusura dell anno d esercizio deve essere redatto, all attenzione degli investitori, un resoconto annuale secondo le disposizioni dell autorità di vigilanza, che deve indicare almeno: gli organi della fondazione d investimento; l ufficio di revisione; i periti per la valutazione dei valori; il resoconto d esercizio per tutte le categorie d investimento e per il patrimonio di base. Gli investimenti devono essere valutati in base al corso di Borsa e gli immobili in base a una stima indipendente, registrati alla fine dell anno; il numero dei diritti emessi e riscattati nel corso dell anno nelle diverse categorie, come pure la rimanenza finale; la destinazione del risultato d esercizio; lo sviluppo, la composizione e la performance delle categorie d investimento come pure i dati principali sui rischi; le situazioni di particolare importanza delle quali il Consiglio di fondazione si è occupato durante l anno d esercizio e soprattutto delle modifiche delle disposizioni per l investimento. d) Per ogni categoria d investimento viene redatto un elenco dei diritti posseduti dagli investitori. 10

11 Art. 14 Lacune del regolamento Per i casi che non sono regolati esplicitamente in questo regolamento, il Consiglio di fondazione è autorizzato a introdurre le modifiche necessarie in base allo scopo della fondazione d investimento e agli interessi degli investitori. Queste modifiche devono essere presentate, per la loro approvazione, alla successiva assemblea degli azionisti. Questo regolamento è stato approvato in occasione dell Assemblea degli investitori del Esso entra in vigore il e sostituisce la versione del Svitto, Tellco fondazione d investimento Il Consiglio di fondazione Luc Meier Presidente Dott. Dominique Becht Membro In caso di dubbi d interpretazione è determinate il testo in tedesco. 11

Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio

Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio valevoli dal 01.03.2013 Tellco fondazione di libero passaggio Bahnhofstrasse 4 Casella postale 713 CH-6413 Svitto t + 41 41 817

Dettagli

Regolamento della previdenza della Tellco fondazione di libero passaggio

Regolamento della previdenza della Tellco fondazione di libero passaggio Regolamento della previdenza della Tellco fondazione di libero passaggio valevoli dal 06.06.2011 Tellco fondazione di libero passaggio Bahnhofstrasse 4 Casella postale 713 CH-6413 Svitto t + 41 41 817

Dettagli

MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA

MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA Indice I. Ragione sociale, forma giuridica, scopo e sede... 3 II. Capitale

Dettagli

Tellco fondazione d investimento

Tellco fondazione d investimento Direttive d investimento della Tellco fondazione d investimento valevoli dal 09.03.2015 Tellco fondazione d investimento Bahnhofstrasse 4 Postfach 713 CH-6431 Schwyz t + 41 41 819 70 30 f + 41 41 819 70

Dettagli

Statuto e regolamento della fondazione. Fondazione d investimento Swiss Life

Statuto e regolamento della fondazione. Fondazione d investimento Swiss Life Statuto e regolamento della fondazione Fondazione d investimento Swiss Life Fondazione d investimento Swiss Life: statuto e regolamento della fondazione 3 Indice Statuto pagine 4 7 Art. 1 Ragione sociale

Dettagli

Regolamento J. Safra Sarasin Fondazione pilastro 3a

Regolamento J. Safra Sarasin Fondazione pilastro 3a Regolamento J. Safra Sarasin Fondazione pilastro 3a Agosto 2015 Regolamento Regolamento In base dell art. 8 dello statuto della J. Safra Sarasin Fondazione pilastro 3a (qui di seguito chiamata Fondazione),

Dettagli

Statuto e regolamento. Helvetia Fondazione d investimento. Edizione 2013. La Sua Fondazione d investimento svizzera.

Statuto e regolamento. Helvetia Fondazione d investimento. Edizione 2013. La Sua Fondazione d investimento svizzera. Statuto e regolamento Helvetia Fondazione d investimento Edizione 2013 La Sua Fondazione d investimento svizzera. Statuto Art. 1 Nome e sede Con i nomi Helvetia Anlagestiftung Helvetia Fondation de placement

Dettagli

Regolamento per gli investimenti della Tellco Pensinvest

Regolamento per gli investimenti della Tellco Pensinvest Regolamento per gli investimenti della Tellco Pensinvest valevoli dal 09.12.2014 Tellco Pensinvest Bahnhofstrasse 4 Postfach 434 CH-6431 Schwyz t + 41 41 817 70 50 f + 41 41 817 70 55 tellco.ch Indice

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE

REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE REGOLAMENTO DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FP ACTIONS EMERGENTES ********************* TITOLO 1 ATTIVO E QUOTE Articolo 1 QUOTE DI COMPROPRIETA I diritti dei comproprietari sono espressi

Dettagli

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale. (Edizione gennaio 2014)

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale. (Edizione gennaio 2014) Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale (Edizione gennaio 2014) 2 Regolamento d investimento Indice 1. Basi 3 2. Gestione del patrimonio 3 3. Obiettivi

Dettagli

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale. Edizione gennaio 2015

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale. Edizione gennaio 2015 Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale Edizione gennaio 2015 2 Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza

Dettagli

831.403.2. Ordinanza sulle fondazioni d investimento. (OFond) Sezione 1: Cerchia degli investitori e qualità di investitore

831.403.2. Ordinanza sulle fondazioni d investimento. (OFond) Sezione 1: Cerchia degli investitori e qualità di investitore Ordinanza sulle fondazioni d investimento (OFond) 831.403.2 del 10 e 22 giugno 2011 (Stato 1 gennaio 2012) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 53k della legge federale del 25 giugno 1982 1

Dettagli

Statuti della SGfB. I. Disposizioni generali

Statuti della SGfB. I. Disposizioni generali Statuti della SGfB I. Disposizioni generali Art. 1 Nome e sede Con la denominazione di Associazione Svizzera di Consulenza SGfB/Swiss Association for Counselling si è costituita un associazione ai sensi

Dettagli

Statuto di Swiss Life Holding SA

Statuto di Swiss Life Holding SA Statuto di Swiss Life Holding SA (Traduzione dal testo originale in lingua tedesca) I. Ragione sociale, scopo e sede 1. Ragione sociale, forma giuridica Sotto la ditta Swiss Life Holding AG (Swiss Life

Dettagli

FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI

FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI C 95/22 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 21.3.2015 FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STATUTO DEL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI adottato il 14 giugno 1994 e modificato dall assemblea generale

Dettagli

MANDATO D AMMINISTRAZIONE. «Cognome_e_Nome_1» «Tipo» «Cognome_e_Nome_2» ("il Mandante") EXTRAFID SA, Lugano ("il Gestore").

MANDATO D AMMINISTRAZIONE. «Cognome_e_Nome_1» «Tipo» «Cognome_e_Nome_2» (il Mandante) EXTRAFID SA, Lugano (il Gestore). MANDATO D AMMINISTRAZIONE conferito da «Cognome_e_Nome_1» «Tipo» «Cognome_e_Nome_2» ("il Mandante") a EXTRAFID SA, Lugano ("il Gestore"). 1. Con il presente Mandato il Mandante conferisce al Gestore l

Dettagli

Regolamento sull'organizzazione di XY RETE SA ... 2008. 1 Consiglio di amministrazione

Regolamento sull'organizzazione di XY RETE SA ... 2008. 1 Consiglio di amministrazione Page 1 de 5 Regolamento sull'organizzazione di XY RETE SA... 2008 1 Consiglio di amministrazione Art. 1 Compiti e poteri Al Consiglio di amministrazione spettano ai sensi dell art. 15 degli statuti la

Dettagli

STATUTI. del 21 août 1990 (versione del 25 aprile 2015)

STATUTI. del 21 août 1990 (versione del 25 aprile 2015) STATUTI del 21 août 1990 (versione del 25 aprile 2015) Pagina 2 Statuti BAS I. La società... 3 Art. 1 Ragione sociale, sede e durata... 3 Art. 2 Scopo... 3 Art. 3 Capitale azionario... 4 Art. 3a Capitale

Dettagli

Associazione per l applicazione paritetica, l aggiornamento professionale e il fondo sociale per il settore del prestito di personale

Associazione per l applicazione paritetica, l aggiornamento professionale e il fondo sociale per il settore del prestito di personale STATUTO dell Associazione per l applicazione paritetica, l aggiornamento professionale e il fondo sociale per il settore del prestito di personale - - Statuto dell Associazione per l applicazione paritetica,

Dettagli

935.121.41 Statuto della Società svizzera di credito alberghiero (SCA)

935.121.41 Statuto della Società svizzera di credito alberghiero (SCA) Statuto della Società svizzera di credito alberghiero (SCA) (Statuto SCA) del 18 giugno 2015 (Stato 1 agosto 2015) Approvato dal Consiglio federale il 18 febbraio 2015 L assemblea generale della SCA, visto

Dettagli

STATUTO DELLA CAMERA DI E DELL INDUSTRIA ITALIANA IN POLONIA

STATUTO DELLA CAMERA DI E DELL INDUSTRIA ITALIANA IN POLONIA STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO E DELL INDUSTRIA ITALIANA IN POLONIA In vigore dopo le modifiche approvate il 12 marzo 2015 Testo Unico Assemblea di Costituzione, 4 dicembre 1996, Varsavia Art. 1 Nome

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

Ordinanza sulle fondazioni d investimento (OFond)

Ordinanza sulle fondazioni d investimento (OFond) Ordinanza sulle fondazioni d investimento (OFond) del Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 53k della legge federale del 25 giugno 1982 1 sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti

Dettagli

Regolamento di previdenza

Regolamento di previdenza Regolamento di previdenza Liberty 3a Fondazione di previdenza Sommario Art. 1 Scopo Art. 2 Oggetto del regolamento Art. 3 Stipulazione dell accordo di previdenza Art. 4 Contributi Art. 5 Imposte Art. 6

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

STATUTO Art. 1 Art. 2 Art. 3

STATUTO Art. 1 Art. 2 Art. 3 STATUTO Art. 1 La società per azioni denominata Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale S.p.A. (in forma abbreviata BdM - MCC S.p.A. ) è regolata dal presente Statuto. La Società può utilizzare anche

Dettagli

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale (Legge sugli investimenti collettivi, LICol) 951.31 del 23 giugno 2006 (Stato 1 gennaio 2007) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera;

Dettagli

Federsanità Servizi TITOLO I DENOMINAZIONE E SOCI - SEDE OGGETTO DURATA

Federsanità Servizi TITOLO I DENOMINAZIONE E SOCI - SEDE OGGETTO DURATA Federsanità Servizi STATUTO STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE E SOCI - SEDE OGGETTO DURATA Art. 1) Denominazione e Soci 1.1 In base all art. 20 dello statuto della Confederazione Federsanità-ANCI nazionale

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI SU AZIONI (STOCK OPTIONS) APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 7 MAGGIO 2007, REDATTO AI

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI SU AZIONI (STOCK OPTIONS) APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 7 MAGGIO 2007, REDATTO AI DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI SU AZIONI (STOCK OPTIONS) APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 7 MAGGIO 2007, REDATTO AI SENSI DELL ART. 84-BIS DEL REGOLAMENTO N. 11971 APPROVATO

Dettagli

www.vssm.ch ASFMS Statuti

www.vssm.ch ASFMS Statuti www.vssm.ch ASFMS Statuti Gladbachstrasse 80 8044 Zürich Telefon 044 267 81 00 www.vssm.ch ASFMS Statuti 3 L ASFMS svolge compiti interregionali. Sostiene e coordina l attività dei suoi membri. I. Nome,

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998

FONDO PENSIONE APERTO ZED OMNIFUND Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2006 - LINEA GARANTITA ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2006

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2009 - COMPARTO "LINEA CONSERVATIVA" ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2009

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2011 - COMPARTO "LINEA CONSERVATIVA" ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2011

Dettagli

Schema della procedura d esecuzione

Schema della procedura d esecuzione Schema della procedura d esecuzione Soggetto responsabile per la fase Creditore Debitore Ufficio d esecuzione Giudice P I G N O R A M E N T O E S E C U Z I O N E Pagamento Avviso di pignoramento Esecuzione

Dettagli

Istituto di previdenza del Cantone Ticino

Istituto di previdenza del Cantone Ticino Indirizzo tel e-mail url Via Dogana 16 6501 Bellinzona +41 91 814 40 61 ipct@ti.ch www.ti.ch/ipct Istituto di previdenza del Cantone Ticino Statuto dell Istituto di previdenza del Cantone Ticino del 17

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998

FONDO PENSIONE APERTO ZED OMNIFUND Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2009 - COMPARTO AZIONARIA ESERCIZIO IN CORSO

Dettagli

Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015

Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015 13 febbraio 2015 Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015 Laupenstrasse 27, 3003 Berna tel. +41 (0)31 327 91 00, fax

Dettagli

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1 BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 Statuto BSI SA 19 aprile 2012 Indice I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1 II. Capitale azionario, azioni 1 III. Organi della società 2 IV. Conti annuali, riserve

Dettagli

Pontedera, 3 marzo 2009 (con integrazioni a seguito dell assegnazione di nuove Opzioni avvenuta in data 15 gennaio 2009)

Pontedera, 3 marzo 2009 (con integrazioni a seguito dell assegnazione di nuove Opzioni avvenuta in data 15 gennaio 2009) DOCUMENTO INFORMATIVO IN MERITO AL PIANO DI COMPENSI BASATI SU AZIONI (STOCK OPTIONS) APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI DEL 7 MAGGIO 2007, REDATTO AI SENSI DELL ART. 84-BIS DEL REGOLAMENTO N. 11971 APPROVATO

Dettagli

Regolamento d investimento

Regolamento d investimento Regolamento d investimento Liberty Fondazione di libero passaggio Sommario Art. 1 Scopo Art. 2 Principi d investimento degli averi Art. 3 Direttive di gestione degli investimenti patrimoniali Art. 4 Investimenti

Dettagli

REGOLAMENTO FCI TOCQUEVILLE OLYMPE PATRIMOINE

REGOLAMENTO FCI TOCQUEVILLE OLYMPE PATRIMOINE Società di gestione : Tocqueville Finance S.A. Banca Depositaria : CM-CIC Securities REGOLAMENTO FCI TOCQUEVILLE OLYMPE PATRIMOINE ATTIVI E QUOTE Articolo 1 - Quote di comproprietà I diritti dei comproprietari

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2006 - LINEA GARANTITA ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2006 ESERCIZIO PRECEDENTE

Dettagli

GNL Italia - STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO SEDE - DURATA DELLA SOCIETA - CAPITALE - OBBLIGAZIONI ARTICOLO 1

GNL Italia - STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO SEDE - DURATA DELLA SOCIETA - CAPITALE - OBBLIGAZIONI ARTICOLO 1 GNL Italia - STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO SEDE - DURATA DELLA SOCIETA - CAPITALE - OBBLIGAZIONI ARTICOLO 1 1.1 E costituita la Società GNL Italia S.p.A.. La denominazione può essere scritta in qualsiasi

Dettagli

Divergenze: Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24 gennaio 2012 Decisioni del Consiglio nazionale del 7 dicembre 2011

Divergenze: Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24 gennaio 2012 Decisioni del Consiglio nazionale del 7 dicembre 2011 Divergenze: Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24 gennaio 2012 Decisioni del Consiglio nazionale del 7 dicembre 2011 e-parl 01.02.2012 07:16 (Retribuzioni nelle società quotate in

Dettagli

STATUTO DELL I.R.C.A.C. TITOLO I ISTITUZIONE - FINALITA E COMPITI - MEZZI FINANZIARI CAPO I ISTITUZIONE ART. 1

STATUTO DELL I.R.C.A.C. TITOLO I ISTITUZIONE - FINALITA E COMPITI - MEZZI FINANZIARI CAPO I ISTITUZIONE ART. 1 STATUTO DELL I.R.C.A.C. TITOLO I ISTITUZIONE - FINALITA E COMPITI - MEZZI FINANZIARI CAPO I ISTITUZIONE ART. 1 L Istituto Regionale per il Credito alla Cooperazione (I.R.C.A.C.), istituito con la legge

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

Art. 1. Ragione sociale

Art. 1. Ragione sociale Art. 1 Ragione sociale Sotto la ragione sociale SOS Ticino è costituita un associazione ai sensi dell art. 60 e segg. del Codice Civile svizzero con sede sociale a Lugano. Scopo Art. 2 SOS Ticino è un

Dettagli

0.975.229.4 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica di Cuba concernente la promozione e la protezione reciproche degli investimenti

0.975.229.4 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica di Cuba concernente la promozione e la protezione reciproche degli investimenti Traduzione 1 0.975.229.4 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica di Cuba concernente la promozione e la protezione reciproche degli investimenti Concluso il 28 giugno 1996 Entrato in vigore

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa NOTA INFORMATIVA

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa NOTA INFORMATIVA in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

Per lo meno un mese prima della nomina della GS ManCo, gli Azionisti riceveranno ulteriori notificazioni ed informazioni relative a tale nomina.

Per lo meno un mese prima della nomina della GS ManCo, gli Azionisti riceveranno ulteriori notificazioni ed informazioni relative a tale nomina. Il presente documento è importante e richiede la Sua pronta attenzione. In caso di dubbio circa la procedura da seguire, La invitiamo a rivolgersi al Suo esperto degli investimenti, direttore di banca,

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno LVA Euro Index Azionario Previdenza

Regolamento del Fondo Interno LVA Euro Index Azionario Previdenza Regolamento del Fondo Interno LVA Euro Index Azionario Previdenza Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti dell Aderente in base alle Condizioni di Polizza, la

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita (Ordinanza sull assicurazione contro i danni, OADa) Modifica del 26 novembre 2003 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA Costituzione e denominazione dell Associazione art. 1 E costituita una Associazione scientifico-culturale

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

Statuto. La società a responsabilità limitata denominata "Livorno Sport S.r.l.", è retta da questo Statuto.

Statuto. La società a responsabilità limitata denominata Livorno Sport S.r.l., è retta da questo Statuto. Statuto Art.1 La società a responsabilità limitata denominata "Livorno Sport S.r.l.", è retta da questo Statuto. Art 2 La Società ha sede legale in Livorno, presso il complesso sportivo "La Bastia", in

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita (Ordinanza sull assicurazione vita, OAssV) Modifica del 24 marzo 2004 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza sull assicurazione vita del 29

Dettagli

FONDI PENSIONE NEGOZIALI ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2014

FONDI PENSIONE NEGOZIALI ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2014 FONDI PENSIONE NEGOZIALI ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2014 Rispetto all anno precedente, il modulo integrativo per l anno 2014 è stato integrato con una tavola di raccordo

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Alternative Fund 1 Alternative Fund 2 Alternative Fund 3 ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO MEDIOLANUM INTERNATIONAL LIFE LTD., Compagnia di Assicurazioni sulla

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FONDO VALOREAZIONE

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FONDO VALOREAZIONE Generali Italia S.p.A. - Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto.

NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto. NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto. A) IX - Utile (perdita) di esercizio - Premessa Come stabilito dalla Nota operativa

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI STOCK GRANT 2012 PER IL TOP MANAGEMENT DEL GRUPPO FERRAGAMO, REDATTO AI SENSI DELL ART. 114 DEL D. LGS.

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI STOCK GRANT 2012 PER IL TOP MANAGEMENT DEL GRUPPO FERRAGAMO, REDATTO AI SENSI DELL ART. 114 DEL D. LGS. DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AL PIANO DI STOCK GRANT 2012 PER IL TOP MANAGEMENT DEL GRUPPO FERRAGAMO, REDATTO AI SENSI DELL ART. 114 DEL D. LGS. 58/98 E DELL ART. 84- DEL REGOLAMENTO N. 11971 APPROVATO

Dettagli

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE Ambito di applicazione 1. La redazione del bilancio consolidato non rappresenta un obbligo di legge ma costituisce comunque un elemento necessario ai fini di una

Dettagli

Ordinanza sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Ordinanza sulle borse e il commercio di valori mobiliari Ordinanza sulle borse e il commercio di valori mobiliari (Ordinanza sulle borse, OBVM) 954.11 del 2 dicembre 1996 (Stato 1 gennaio 2009) Il Consiglio federale svizzero, vista la legge federale del 24 marzo

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO

IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IL DIRETTORE GENERALE DELLA BANCA CENTRALE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO VISTA la legge 17 novembre 2005, n. 165 (di seguito, per brevità: LISF ) che, tra l altro, attribuisce alla Banca Centrale della

Dettagli

REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS

REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia ha costituito tre Fondi

Dettagli

Statuti Società Svizzera di Psichiatria Forense (SSPF)

Statuti Società Svizzera di Psichiatria Forense (SSPF) 1 Statuti Società Svizzera di Psichiatria Forense (SSPF) I. Nome e sede Nome Art. 1 La Società Svizzera di Psichiatria Forense è un associazione neutrale dal punto di vista politico e confessionale ai

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

STATUTO. E costituito tra Confcommercio Imprese per l Italia Sardegna. e Confesercenti Regionale della Sardegna il Consorzio

STATUTO. E costituito tra Confcommercio Imprese per l Italia Sardegna. e Confesercenti Regionale della Sardegna il Consorzio STATUTO ART. 1 DENOMINAZIONE E costituito tra Confcommercio Imprese per l Italia Sardegna e Confesercenti Regionale della Sardegna il Consorzio denominato SARDEGNA TURISMO SERVIZI più brevemente STS, con

Dettagli

CAPO I Denominazione Sede Durata - Oggetto

CAPO I Denominazione Sede Durata - Oggetto STATUTO APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL 8 NOVEMBRE 2011 VERBALE REDATTO PER ATTO PUBBLICO AL N. 5244/1379 A REPERTORIO NOTAIO DOTT.SSA CLAUDIA GANGITANO, NOTAIO IN MILANO CAPO

Dettagli

LA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

LA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE 17 giugno 1998 (G.U. 14 luglio 1998 n.162 S.O n.122) Il Bilancio dei fondi pensione e altre disposizioni in materia di contabilità (testo integrato con delibera COVIP del 16 gennaio 2002,

Dettagli

Il bilancio delle società di capitali

Il bilancio delle società di capitali Il bilancio delle società di capitali RIMANENZE La voce comprende: - le merci: i prodotti che l impresa acquista per la rivendita; - le materie prime: le materie e le sostanze che sono destinate ad entrare

Dettagli

STATUTI. - l obbligo alla formazione e all aggiornamento delle persone attive in questi settori

STATUTI. - l obbligo alla formazione e all aggiornamento delle persone attive in questi settori 1 ARVAG - Associazione intercantonale per l esecuzione dei decreti federali sugli orari di lavoro e riposo degli automobilisti/camionisti professionali dell OLR 1 e dell OLR 2 STATUTI 1. Nome, sede e scopo

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2007 - LINEA CONSERVATIVA ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2007 ESERCIZIO

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

Statuto del Fondo di Previdenza per i Dirigenti di Aziende Commerciali e di Spedizione e Trasporto Mario Negri

Statuto del Fondo di Previdenza per i Dirigenti di Aziende Commerciali e di Spedizione e Trasporto Mario Negri FONDO DI PREVIDENZA PER I DIRIGENTI COMMERCIALI E DI SPEDIZIONE E TRASPORTO MARIO NEGRI Via Palestro, 32, - 00185 Roma GIURIDICAMENTE RICONOSCIUTO CON D.P.R. 26 LUGLIO 1957 N. 780 ISCR. ALBO n. 1460/99

Dettagli

ASSOCIAZIONE ISTRUTTORI FORESTALI - AIFOR

ASSOCIAZIONE ISTRUTTORI FORESTALI - AIFOR ASSOCIAZIONE ISTRUTTORI FORESTALI - AIFOR TITOLO I - Disposizioni generali Art. 1) - Costituzione E costituita una Associazione denominata Associazione Istruttori Forestali, in sigla AIFOR. L Associazione

Dettagli

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale (Legge sugli investimenti collettivi, LICol) 951.31 del 23 giugno 2006 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera;

Dettagli

Statuto. Edizione 12 marzo 2012 1 / 11

Statuto. Edizione 12 marzo 2012 1 / 11 Statuto Edizione 12 marzo 2012 1 / 11 Indice I. Ragione sociale, sede, durata e scopo della società Art. 1 Ragione sociale e sede - Durata... 3 Art. 2 Scopo... 3 II. Capitale azionario Art. 3 Capitale

Dettagli

Signori Consiglieri, Signori Sindaci,

Signori Consiglieri, Signori Sindaci, MONCLER S.p.A. Sede sociale in Milano, Via Stendhal, n. 47 - capitale sociale euro 50.000.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA 04642290961 - REA n 1763158 Relazione

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO

STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO Articolo 1 La Società Italiana per il Gas per Azioni,

Dettagli

RentaSafe Time Il piano di pagamento con garanzia

RentaSafe Time Il piano di pagamento con garanzia RentaSafe Time Il piano di pagamento con garanzia Informazioni sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2014 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazioni sul prodotto Informazioni sul prodotto

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE «ARMONIA CORDIS»

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE «ARMONIA CORDIS» STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE «ARMONIA CORDIS» COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI 1) Costituzione: E costituita l Associazione Culturale Musicale denominata ARMONIA CORDIS. L Associazione

Dettagli

Fusione: scritture contabili e progetto di fusione (Prova assegnata all Università di Macerata - II Sessione 2014)

Fusione: scritture contabili e progetto di fusione (Prova assegnata all Università di Macerata - II Sessione 2014) Prova pratica n. 18 Fusione: scritture contabili e progetto di fusione (Prova assegnata all Università di Macerata - II Sessione 2014) La fuzione per incorporazione di società partecipata al 100%. Il candidato

Dettagli

Regolamento concernente la promozione della proprietà d abitazioni della cassa pensione pro

Regolamento concernente la promozione della proprietà d abitazioni della cassa pensione pro Regolamento concernente la promozione della proprietà d abitazioni della cassa pensione pro validi dallo 01.01.2011 cassa pensione pro Bahnhofstrasse 4 Casella postale 434 CH-6431 Svitto t + 41 41 817

Dettagli

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V Premessa XV Parte prima - La due diligence 1. L attività di due diligence e le rettifiche ai bilanci 1.1 La due diligence 1.1.1 La due diligence legale 1.1.2 La due diligence fiscale 1.1.3 La due diligence

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente REGOLAMENTO DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO 2009/2013 TF 3,60% 146^ EMISSIONE

Dettagli

- 1 - REGOLAMENTO D ESAME. per l esame professionale superiore di. Esperta finanziaria per PMI Esperto finanziario per PMI

- 1 - REGOLAMENTO D ESAME. per l esame professionale superiore di. Esperta finanziaria per PMI Esperto finanziario per PMI - 1 - REGOLAMENTO D ESAME per l esame professionale superiore di Esperta finanziaria per PMI Esperto finanziario per PMI secondo il sistema modulare con esame finale Valido dal 9 ottobre 2008 - 2 - Visto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI ASSICURATIVI DI INVESTIMENTO DELLE POLIZZE UNINVEST

REGOLAMENTO DEI FONDI ASSICURATIVI DI INVESTIMENTO DELLE POLIZZE UNINVEST Allegato 4 REGOLAMENTO DEI FONDI ASSICURATIVI DI INVESTIMENTO DELLE POLIZZE UNINVEST ARTICOLO 1 - ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEI FONDI La UnipolSai Assicurazioni S.p.A., di seguito denominata Società,

Dettagli

Art. 3 Disposizioni generali Visarte-Ticino riconosce quattro categorie di soci: soci attivi, soci sostenitori, soci promotori e soci onorari.

Art. 3 Disposizioni generali Visarte-Ticino riconosce quattro categorie di soci: soci attivi, soci sostenitori, soci promotori e soci onorari. Statuto di Visarte Ticino Associazione professionale delle arti visive A) Denominazione, sede, scopo Art. 1 Denominazione e sede 1 - Con la denominazione Visarte -Ticino è costituita un associazione ai

Dettagli

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Relazione degli Amministratori sul terzo punto all ordine del giorno Relazione degli Amministratori redatta ai sensi dell art. 73 del Regolamento Emittenti, adottato

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO. Banca del Mugello - Credito Cooperativo - Società Cooperativa.

PROSPETTO SEMPLIFICATO. Banca del Mugello - Credito Cooperativo - Società Cooperativa. PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato in data 17 Aprile 2014 (da consegnare al sottoscrittore che ne faccia

Dettagli

AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A.

AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A. AVVISO AGLI AZIONISTI DI NAVALE ASSICURAZIONI S.p.A. Modalità e termini di esercizio del diritto di recesso ai sensi dell art. 2437 e seguenti del codice civile e di esercizio del diritto di vendita ai

Dettagli

Statuti di UBS Group SA (UBS Group AG) (UBS Group Inc.)

Statuti di UBS Group SA (UBS Group AG) (UBS Group Inc.) Statuti di UBS Group SA (UBS Group AG) (UBS Group Inc.) 8 agosto 05 Il presente testo è una traduzione degli Statuti originali in tedesco («Statuten»). Fa fede solo il testo in tedesco. Nel presente documento

Dettagli

Statuto. Servizio Cure a Domicilio del Luganese

Statuto. Servizio Cure a Domicilio del Luganese Statuto Servizio Cure a Domicilio del Luganese CAPITOLO 1 Scopo, sede e durata Denominazione Art. 1 Con la denominazione Servizio cure a domicilio del Luganese - SCuDo è costituita a Lugano un Associazione

Dettagli

Statuti Associazione Svizzera di Fisioterapia

Statuti Associazione Svizzera di Fisioterapia Statuti Associazione Svizzera di Fisioterapia I. Nome, sede e scopi dell Associazione Art. 1 Nome e sede L Associazione Svizzera di Fisioterapia (di seguito, physioswiss) è l Associazione professionale

Dettagli