L Italia, un paese in declino? Convegno per il quarantennale dell assegnazione delle prime borse di studio Marco Fanno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Italia, un paese in declino? Convegno per il quarantennale dell assegnazione delle prime borse di studio Marco Fanno"

Transcript

1 L Italia, un paese in declino? Convegno per il quarantennale dell assegnazione delle prime borse di studio Marco Fanno Aziende familiari e mercato azionario Stefano Micossi Roma, 11 dicembre 2003

2 1. Nella storia d Italia la borsa ha svolto un ruolo rilevante nell accumulazione industriale solo nell età Giolittiana e poi negli anni Venti, durante la breve fase liberale del fascismo. In quegli anni si assiste a un notevole allargamento del listino, salito a oltre 170 società, che riflette la struttura industriale e rappresenta una quota rilevante nell accumulazione del capitale. Fino alla I guerra mondiale il listino è dominato da società a controllo non familiare e gestione manageriale, soprattutto banche, trasporti e altre utilities (Comit, Credito italiano, Edison, Strade Ferrate Meridionali). Il processo di accompagnamento verso la borsa fu gestito da quattro banche miste, di cui due straniere (Comit e Credito Italiano), che svolsero la funzione, oltre che di finanziatori, di banche d affari. Le società familiari maggiori erano nella metallurgia (cemento e acciaio), nel tessile e nella ceramica (Aleotti). 2. La I guerra mondiale generò enormi disavanzi pubblici e un forte travaso di risorse a favore dell industria di rilevanza bellica, attraverso il Consorzio Sovvenzioni industriali. Alcuni gruppi Ansaldo, Ilva, Breda, Fiat -- realizzarono un rilevante salto dimensionale e si affrancarono dalle banche finanziatrici, tentandone anche la scalata (Fiat-Credito, Ansaldo- Comit), ma uscirono dalla guerra con un enorme eccesso di capacità. Subito dopo, in un clima di forte tensione sociale (occupazione delle fabbriche), Giolitti approvò un pacchetto di misure punitive del capitale privato: avocazione dei sovrapprofitti di guerra, nominatività delle azioni, imposta progressiva sui patrimoni, aumento delle aliquote sulle ricchezza mobile e le successioni. Tali norme furono poi revocate dal governo Mussolini dopo il 1922, aprendo la via a una nuova fase di rialzo dei corsi e di ampliamento del listino. Arrivarono in borsa nel successivo decennio molti titoli che poi hanno dominato la borsa nel dopoguerra: Fiat, Pirelli, Dalmine, Snia Viscosa, Rinascente, Generali, Ras. La rivalutazione della lira (quota novanta) alla fine degli anni Venti e poi negli anni Trenta, l autarchia e l intervento massiccio dello stato nell economia e nel sistema finanziario favorirono la concentrazione delle imprese in un numero limitato di gruppi industriali. Pur se i corsi ancora crescevano, la borsa perse rilievo nell economia, relegata a un ruolo marginale nel finanziamento dell economia. 3. Dopo la seconda guerra mondiale, la borsa registrò un forte sviluppo e contribuì significativamente al finanziamento della ricostruzione. Il ciclo favorevole del dopoguerra fu interrotto dalla nazionalizzazione dell industria elettrica, nel 1962; in seguito la borsa giocò un ruolo modesto nel finanziamento dell economia, concentrato nelle fasi di euforia. Tra il 1962 e il 1978 l indice di borsa ritornò sui valori di fine anni Quaranta. Solo negli anni Ottanta, con la fine dell inflazione e lo smantellamento dei controlli sul credito e i capitali, la borsa riprese un ruolo significativo nell economia italiana, assicurando alle imprese quotate afflussi rilevanti di capitali freschi, con l interruzione della nuova fase deflazionistica prima e dopo la crisi finanziaria dei primi anni Novanta; si registrò anche un allargamento rilevante del listino. Mediamente, dai primi anni Cinquanta il contributo della borsa al finanziamento degli investimenti ha costituto una quota modesta del finanziamento degli investimenti, poco PAG. 2

3 più del 10 per cento del fabbisogno; l autofinanziamento ha coperto la parte prevalente fino agli anni Sessanta e poi dopo la metà degli anni Ottanta, il credito bancario si è espanso a dismisura nel ventennio della programmazione e dell intervento pubblico. 4. Nell insieme, lunghe fasi di contrazione dei corsi sono state interrotte da brevi fasi di euforia (Figura 1). Le fasi espansive hanno sempre avuto dimensione esagerata, rispetto ai fondamentali, con una forte componente speculativa, assecondata dai finanziamenti facili delle banche e da un sistema di regole e controlli per la tutela dei risparmiatori molto lacunosi. La concentrazione eccessiva delle emissioni nelle fasi di euforia contribuisce a spiegare l andamento avverso dei corsi (e le delusioni degli investitori) nelle fasi successive. Le fasi di contrazione, hanno corrisposto a misure governative di forte penalizzazione della borsa e del capitale privato, sono state lunghe e marcate, e sono state segnate da fallimenti, ristrutturazioni finanziarie, incorporazioni e cancellazioni di titoli dal listino molto dannose per gli azionisti diffusi. A partire dagli anni Settanta, le condizioni della finanza pubblica hanno costituito una fonte continua di sorprese negative per gli emittenti e gli investitori in borsa, perpetuando timori di imposte patrimoniali e altre misure penalizzanti sul capitale e i frutti del risparmio. La dimensione media delle imprese è stata sempre inferiore a quella dei paesi con reddito comparabile; le strutture organizzative restano di tipo familiare, con scarso sviluppo delle funzioni gestionali specializzate e di un management qualificato (Rapporto Ref 2003). 5. Negli ultimi cinquant anni, un numero limitato di grandi gruppi pubblici e privati, talora in acuto contrasto tra loro, più sovente in collaborazione, ha rappresentato una quota preponderante della capitalizzazione di borsa. Fino agli anni Novanta, la borsa con la regia di Mediobanca ha svolto principalmente la funzione di garantire gli assetti di controllo di tali gruppi e le reciproche relazioni, disturbate nelle fasi di euforia da scalatori e raider. Il sistema politico ha assecondato, e talora promosso, le operazioni e i riassetti più rilevanti, schierandosi a fianco dei contendenti e interferendo pesantemente negli esiti. 6. Le scelte politiche hanno influenzato gli andamenti di borsa in modo determinante e anomalo nel confronto internazionale. In particolare, vi sono episodi, e in effetti lunghe fasi, nei quali emergono forti pulsioni anticapitalistiche. Spiccano, al riguardo, dopo la prima guerra mondiale i provvedimenti del governo Giolitti, in una fase di acuto scontro sociale, e la svolta autarchica e statalista degli anni Trenta. La crisi bancaria degli anni Trenta fu risolta cancellando la banca mista dall ordinamento e creando, con l IRI e gli enti di credito a lungo termine, un apparato di intervento diretto nell economia destinato a durare sessant anni. Tra la fine degli anni Cinquanta e la fine degli anni Settanta, il conflitto politico e distributivo condusse a un nuovo forte aumento della presenza pubblica nell economia e del debito pubblico, a un regime di controlli sul credito e i movimenti dei capitali con l estero straordinariamente restrittivo, a inflazione crescente e svalutazioni ripetute. Negli anni Settanta i fondi di dotazione resero disponibili risorse ingenti alle società pubbliche per la PAG. 3

4 copertura delle perdite, in forte contrasto con i principi del mercato e dell efficienza (Siciliano, cap. 3). 7. Fino a poco tempo fa, la regolamentazione dei mercati finanziari è rimasta nel complesso arretrata, centrata sul sistema bancario, le esigenze del mercato dei titoli di stato e il finanziamento agevolato degli investimenti. La Consob fu istituita nel 1974, ma ha iniziato ad operare in modo efficace solo negli anni Novanta. La legge istitutiva dei fondi di investimento mobiliare è del 1983 e quella dell intermediazione di borsa (la cd. Legge SIM) del Nel 1992 si ha la normativa sull OPA. Gli interventi pubblici per l economia hanno preso la forma prevalente di sussidi finanziari e trattamento fiscale privilegiato dei debiti e svantaggioso dei dividendi e del capitale di rischio; le misure di sostegno della quotazione e dell investimento azionario hanno avuto carattere episodico. Solo nel 1998, con il dlgs. 58 (il cd. Testo Unico della Finanza), l Italia si è dotata di una normativa adeguata di trasparenza e tutela del risparmio nel mercato di borsa. L arretratezza della normativa sul mercato dei capitali si è combinata con quella della normativa sulla concorrenza, anch essa allineata agli standard internazionali solo negli anni Novanta, nonostante la relazione di complementarietà sulle due normative fosse già riconosciuta dagli anni Cinquanta (Marchetti). 8. Date queste considerazioni, vengo alla presenza in borsa delle aziende familiari e al ruolo svolto dalla borsa per questa tipologia di aziende. Nella Tavola 1 presento qualche dato sul peso delle aziende familiari nella borsa dei principali paesi avanzati nella seconda metà degli anni Novanta. In Italia, come si vede, la percentuale di imprese a prevalente controllo familiare (in cui le famiglie posseggono quote di superiori al 20 per cento del capitale) è intorno al sessanta percento: un po più elevata della media dei paesi europei continentali, ma meno elevata della Germania e della Francia. La percentuale si colloca sotto il 50 percento nei paesi Nordici e in Svizzera, sotto il 25 per cento nei paesi anglo-sassoni. Il peso delle società a proprietà diffusa il 28 per cento è in linea con quello della Francia e del Portogallo. In Germania e Austria è più basso, intorno al 20 per cento. In un terzo gruppo di paesi, le società diffuse rappresentano tra il 35 e il 45 per cento delle imprese quotate (Belgio, Norvegia, Spagna, Svezia e Svizzera), mentre nei paesi anglosassoni le società diffuse sono preponderanti (UK e Irlanda al 70 per cento, USA al 90). Il peso delle imprese italiane dello stato, al 10 percento, resta ancora tra i più elevati. 9. Emerge un primo dato saliente: nella composizione del listino, l Italia non è speciale, ma appare più o meno in linea con altri sistemi economici dell Europa continentale, dove la proprietà appare maggiormente concentrata nelle mani delle famiglie. Interessante appare anche l emergere di un gruppo intermedio di paesi europei nei quali il numero delle società a proprietà diffusa si avvicina o è simile a quello delle società a proprietà concentrata. PAG. 4

5 10. E anche interessante notare che in certi paesi le famiglie mantengono un ruolo rilevante nel controllo della gestione pur avendo perso la maggioranza del capitale (molti esempi sono nel Regno Unito), mentre in altri paesi (Austria, Svezia, Germania) la gestione dell impresa è affidata al management anche in presenza di proprietà concentrata. In questo senso, l Italia assomiglia al Regno Unito, e la Germania agli Stati Uniti. 11. Nell interpretazione delle cause della proprietà concentrata in Europa, La Porta et al. hanno posto l enfasi sulla qualità delle norme di tutela del risparmio, la quale riduce le possibilità di estrazione di benefici privati da parte degli azionisti di maggioranza, o del management, a danno degli azionisti di minoranza. Questa interpretazione appare però smentita dall evidenza storica di sviluppo della proprietà diffusa anche in assenza di norme di tutela del risparmio (cf. Franks et al. e, per l Italia, il recente studio di Aganin-Volpin). Una diversa interpretazione è stata proposta da Roe, il quale concentra l attenzione sul diverso problema di agenzia del controllo del management. Nella sua interpretazione, la concentrazione della proprietà persiste nei paesi in cui gli obiettivi tipici del management stabilità dell investimento e dei dipendenti, lenta innovazione incrementale, ecc. trovano sostegno nel clima politico della società circostante, poco incline a mutamenti radicali e fortemente influenzata dai sindacati. Come appunto accade nelle società europee di orientamento socialdemocratico. Nei paesi del gruppo intermedio, la maggior diffusione della proprietà sarebbe resa possibile o dall orientamento conservatore del governo o dal fatto che il consenso sugli obiettivi sociali sia elevato anche tra gli industriali. 12. La possibile rilevanza per l Italia di questa interpretazione è evidente: le imprese sono riluttanti ad aprire il capitale e ad affidarsi al management, perché temono di vedere indebolito l obiettivo del valore aziendale rispetto ad altri obiettivi, quale la salvaguardia del posto di lavoro. In generale, la diffusione tra i partiti e nell opinione pubblica di visioni anticapitalistiche costituisce un ostacolo generale all apertura dell impresa, e alimenta la riluttanza ad aprire l azienda e fornire informazioni precise sui suoi andamenti. Quando la pressione non può essere respinta, la salvaguardia del valore aziendale può essere perseguita scambiando le tutele al lavoro con protezione dalla concorrenza e sussidi (Barca 1997). La commistione tra industria e potere politico ha trovato anche qui per molto tempo un alimento sistematico. La svolta politica a sinistra dei primi anni sessanta, con la nazionalizzazione delle imprese elettriche, spiega anche la costituzione, in Mediobanca, di un centro unico di coordinamento dei maggiori gruppi e delle maggiori famiglie: i quali vedono in quegli eventi il segno di un possibile sovvertimento dell economia di mercato. Gli indennizzi elettrici, pagati alle imprese e non agli azionisti, alimentano operazioni essenzialmente difensive di ristrutturazione e consolidamento delle fortificazioni. 13. Nella Tavola 2 fornisco alcuni dati sugli strumenti di controllo delle società familiari. La tabella mostra in primo luogo un peso del primo gruppo familiare in termini di PAG. 5

6 capitalizzazione più elevato che negli altri paesi europei, mentre il peso dei primi dieci gruppi appare in linea con la media degli altri mercati (intorno al 20 per cento). Tra gli strumenti di dissociazione tra diritti proprietari e controllo, colpisce soprattutto il rilievo anomalo in Italia delle azioni senza voto (di risparmio), mentre il ricorso a strutture piramidali di controllo, catene multiple e partecipazioni incrociate è in linea con gli altri paesi. Le azioni di risparmio furono introdotte nel nostro ordinamento nel 1974, ma i collocamenti esplosero nel decennio successivo, segnatamente nella fase di euforia del Nella seconda metà degli anni Novanta esse sembrano in via di sparizione, avendo perso gran parte dell attrattiva sia per le imprese (troppo costose) sia per i risparmiatori (poco remunerative). La dimensione dello sconto sulle azioni di risparmio tra i più alti del mondo è indicativa, naturalmente, del connesso timore di esproprio da parte dei sottoscrittori. L ultima riga management indica la percentuale di casi in cui il gruppo (familiare) di controllo esprime anche il management. Essa è intorno al 70 per cento: un ulteriore elemento di conferma che proprio qui sta il problema principale risolto attraverso la concentrazione della proprietà. 14 Due figure illustrano l evoluzione storica della quota di imprese controllate direttamente e di quelle controllate con strutture piramidali nella borsa italiana. La Figura 2 mostra le quote delle imprese a diversa tipologia di controllo piramidali e stand-alone in termini di capitalizzazione, la Figura 3 presenta le stesse quote in termini di numero di imprese. Due fatti emergono chiaramente. Il primo: il ricorso alle piramidi ( scatole cinesi ) riguarda tutte le tipologie di proprietà, incluse cioè le società a proprietà pubblica e diffusa. Il secondo, come ci si potrebbe attendere, esso riguarda in prevalenza le società di maggiori dimensioni, dove il capitale richiesto per il controllo è evidentemente maggiore. Al riguardo, peraltro, la letteratura più recente sottolinea che l anomalia italiana da questo punto di vista è più apparente che reale. In tutti i principali sistemi europei si rilevano scarti rilevanti tra diritti di voto e diritti di proprietà azionaria; ma gli strumenti per realizzarli sono diversi (Becht-Mayer, Franks et al.). Ad esempio, nel Regno Unito e in Olanda prevale il ricorso al collocamento di pacchetti azionari presso fiduciarie e investitori istituzionali, in Germania l uso a sostegno del management dei proxy votes delle azioni nel portafoglio delle banche, nei paesi Nordici l emissione di azioni a voto multiplo. 15. Quanto all andamento del tempo, le piramidi si affermano soprattutto nel secondo dopoguerra: negli anni Sessanta e Settanta, gli anni dell assedio, e negli anni Ottanta, gli anni dell espansione avventurosa. In seguito, si è assistito, come è noto, a una graduale riduzione della loro rilevanza, documentata dalle relazioni della Consob. La Tavola 3 mostra che la dissociazione tra diritti proprietari e diritti di controllo aumenta negli anni Ottanta e scende alla fine degli anni Novanta. In effetti, la riduzione si inverte temporaneamente con le privatizzazioni degli anni Novanta, ma poi riprende. La ragione è semplice: le piramidi e le altre strutture societarie complesse aumentano il costo del capitale e deprimono i rendimenti. Con il progredire dell integrazione dei mercati dei beni, dei servizi e dei capitali, essi PAG. 6

7 diventano un onere crescente. Inoltre, le scatole cinesi non possono più essere quotate, e presto potranno essere escluse dal listino. Infine, la riforma recente dell imposta sulle società ne ha eliminato le condizioni di vantaggio fiscale, e sono state introdotte nuove norme sulla responsabilità diretta degli amministratori delle società controllanti. La pressione ad abbandonare questo strumento di controllo è dunque divenuta intensa. 16. Perché le aziende familiari vanno in borsa? Gli studi esistenti sull Italia indicano tre ragioni prevalenti: il riequilibrio della struttura finanziaria dopo una rapida espansione; la necessità di un metro di valore per la liquidazione di familiari desiderosi di uscire o passaggi generazionali; la disponibilità di un certificato di qualità nei confronti di banche e partner commerciali (Pagano et al. e Franzosi-Pellizzoni). Pagano et al. avevano anche mostrato che le imprese italiane sembrano incontrare una difficoltà ( reputazionale ) maggiore delle imprese in altri paesi a quotarsi: infatti, la dimensione media delle imprese neo-quotate è più elevata e la vita media più lunga. L apertura del capitale a nuovi soci o la raccolta di mezzi freschi per future nuove espansioni non sembrano invece aver giocato un ruolo rilevante nella decisione di quotarsi: come si può vedere, infatti, la quotazione non ha mediamente preluso a una diluizione del controllo, come invece in qualche misura è avvenuto per le società appartenenti a gruppi o quelle a proprietà diffusa. I dati della Tavola 4 relativi a 110 imprese di nuova quotazione nel periodo confermano che le imprese familiari si distinguono per la quota esigua del collocamento sul mercato, per la frazione esigua che di nuovo ricorre al mercato nei tre anni successivi alla quotazione, e per la mancanza di effetti sul controllo a seguito della quotazione. 18. Il numero esiguo delle imprese quotate non sembra comunque collegato alla mancanza di imprese quotabili, quanto piuttosto alla mancanza di motivazione. Spaventa esamina un campione Mediobanca-Unioncamere di imprese eccellenti di medie dimensioni e conclude che la struttura finanziaria equilibrata e gli ampi margini operativi implicano una bassa domanda di finanziamenti esterni, dunque anche di capitale di rischio. Uno studio recente della borsa italiana (Franzosi-Pellizzoni) identifica più di mille aziende quotabili tra quelle censite dalla Centrale dei Bilanci: tra esse, meno di un quarto considera la quotazione una possibilità strategica, e solo una piccola parte considera la quotazione un ipotesi concreta. In generale, sembrano prevale strategia conservative riguardo alla crescita e all innovazione, che si riflettono sia nelle strutture gestionali, povere di capacità manageriali, manageriali, sia nella riluttanza ad aprire il capitale ad apporti significativi di terzi (Rapporto Ref 2003). 19. Per quanto lo consente un evidenza solo episodica e relativa a dati di altri paesi, qualche commento è possibile sulla qualità delle imprese familiari quotate. Due studi americani indicano: (a) che le imprese familiari (in quel paese) hanno una prestazione migliore della media, ma solo fino al passaggio generazionale; dopo, quando la gestione passa a un erede, invece che a management professionale, la prestazione peggiora sensibilmente per PAG. 7

8 numerosi anni (Perez Gonzales); (b) che le imprese familiari hanno un premio al rischio sul debito minore di quelle a proprietà diffusa, che gli autori spiegano con la migliore conoscenza del business, la riduzione dei costi d agenzia del management monitoring e il minor pericolo di default, legato al desiderio di non danneggiare il nome e la reputazione della famiglia (Anderson-Rebb). 20. La proprietà diffusa non è incompatibile con le imprese familiari. In uno studio sull esperienza inglese di 50 società quotate nel ventesimo secolo, Franks et al. trovano che la struttura proprietaria tende a diffondersi abbastanza rapidamente nel primo decennio dopo la quotazione, ma che esponenti della famiglia dei fondatori restano spesso nei consigli di amministrazione, in posizione di influenza, anche dopo la perdita del controllo. Anche Alfred Chandler, nel suo studio sulla dinamica del capitalismo industriale, aveva notato che le imprese inglesi sono dominate dalle famiglie dei fondatori piuttosto che da management professionale. Ciò confermerebbe la presenza di uno speciale valore per l impresa derivante dalle competenze e dalla reputazione accumulata nell ambito di famiglie imprenditoriali. Un secondo aspetto d interesse nei risultati di questo studio riguarda i processi di diffusione della proprietà, che appaiono in prevalenza legati ad acquisizioni pagate con azioni proprie. Dunque, in questo caso le aziende familiari accettano la diluizione del controllo per poter crescere; la dispersione delle azioni non coincide con la dispersione del controllo. 20. Per concludere, è difficile sorprendersi se abbiamo avuto e abbiamo poca borsa e poco capitale di rischio sul mercato nel nostro paese. Nel complesso, abbiamo avuto quel che è servito nel nostro contesto politico, economico e istituzionale. In prospettiva, gli impegni europei sulla libertà di movimento dei capitali e l adozione della moneta comune all euro offrono garanzia istituzionali di stabilità più forti che nel passato. Tuttavia, lo stato dei conti pubblici continua a costituire una minaccia incombente per il risparmio privato e i frutti del capitale. Continuano a ripetersi provvedimenti di prelievo straordinario sugli utili e i dividendi; l ultimo è di questi giorni, realizzato surrettiziamente approfittando della transizione alla nuova imposta sulle imprese. Dal lato delle imprese, i benefici di capacità imprenditoriale e di crescita delle nostre imprese familiari continuano ad apparire significativi, ma mostrano anche evidenti limiti. Infatti, con poche eccezioni, i successi competitivi delle aziende familiari sono confinati a prodotti di nicchia ad elevata redditività, ma con prospettive limitate di espansione verso dimensioni produttive di massa. In queste condizioni, il mercato dei capitali, dunque, serve a poco; i mezzi interni sono sufficienti per le esigenze di crescita di queste imprese. PAG. 8

9 Bibliografia Aleotti A. (1990), Borsa e industria : cento anni di rapporti difficili, Edizioni di Comunità. Amatori F. e Brioschi F. (1997), Le grandi imprese private:famiglie e coalizioni, in F. Barca (a cura di), Storia del capitalismo italiano, cit. Anderson R. e Reeb D. (2003), Who monitors the Family?, mimeo. Aganin A. e Volpin P. (2003), History of corporate ownership in Italy, European Corporate Governance Institute, working Paper n.17. Barca F. (1997), Storia del capitalismo italiano dal dopoguerra ad oggi, Donzelli, Roma. Barca F. e Becht M., (editors) (2001), The control of corporate Europe, Oxford University Press. Becht M. e Mayer C. (2001), The control of corporate Europe: introduction, in Barca-Becht (editors), The control of corporate Europe, cit. Chandler A. D. Jr. (1990), Scale and scope: the dynamics of industrial capitalism, Harvard University Press. Faccio M. e Lang L. (2002), The ultimate ownership of Western European corporations, Journal of Financial Economics, vol.65 n.3. Franzosi A. e Pellizzoni E. (2003), La quotazione in borsa: attitudini e comportamenti delle imprese italiane, BIT Notes n.7. Franks J. Mayer C. e Rossi S. (2003), The origination and evolution of ownership and control, European Corporate Governance Institute, working Paper n.9. La Porta F., Lopez de Silanes F., Schleifer A. e Vishny R. (1997), The legal determinants of external finance, Journal of Finance, 52. Marchetti P. (1997), Diritto societario e disciplina della concorrenza, in Barca (a cura di) Storia del capitalismo italiano, cit. Pagano M,. Panetta F. e Zingales L. (1998), Why do companies go public? An empirical analysis, Journal of Finance, n.53. Perez Gonzalez F. (2002), Inherited Control and Firm Performance, Working Paper, Columbia Business School. Rajan R. e Zingales L. (2000); The great reversal: the politics of financial development in the 20 th century, forthcoming Journal of Financial Economics. Ref (2003), Borsa 2003: Rapporto Ref sul mercato azionario, Il Sole 24 Ore, capitolo 4. Roe M. (2000), Political foundations for separating ownership from corporate control, Working Paper n.155, Columbia Law School. Siciliano G. (2001), Cento anni di Borsa in Italia, Il Mulino, Bologna. Spaventa L. (2003), Le medie imprese in Italia. Perché dovrebbero quotarsi?, Forum del risparmio gestito, Milano. PAG. 9

10 PAG. 10

11 PAG. 11

12 PAG. 12

13 PAG. 13

14 PAG. 14

15 PAG. 15

16 PAG. 16

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana ***

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana *** LA BORSA ITALIANA DAL 1928 Indice annuale dei corsi della Borsa italiana La serie storica dell indice di borsa dal 2 gennaio 1928 al 3 giugno 213 è stata elaborata a puro titolo indicativo. Essa è stata

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

L'evoluzione dell'industria italiana dall'unità agli anni Novanta

L'evoluzione dell'industria italiana dall'unità agli anni Novanta Indice Introduzione 1. L'evoluzione dell'industria italiana dall'unità agli anni Novanta I primi passi e il ruolo dello Stato. Pil 1/3 della Francia, Inghilterra 2000 km ferrovia contro 9000 Francia, 17000

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli