1 Serie di Taylor di una funzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 Serie di Taylor di una funzione"

Transcript

1 Analisi Matematica 2 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 7 SERIE E POLINOMI DI TAYLOR Serie di Taylor di una funzione. Definizione di serie di Taylor Sia f(x) una funzione definita in un intervallo I e supponiamo che essa sia di classe C (I). Fissiamo un punto x 0 I. In tal caso si puó considerare per ogni n 0 la derivata n-ma della funzione in x 0, f (n) (x 0 ). Si puó dunque considerare la serie di potenze, di punto iniziale x 0, i cui coefficienti sono cioè la serie a n = f (n) (x 0 ), n 0, f (n) (x 0 ) (x x 0 ) n. Questa serie prende il nome di serie di Taylor di punto iniziale x 0 per la funzione f(x). Per quanto dimostrato sulle serie di potenze nel capitolo 6, si osserva che non solo la serie di Taylor di una funzione data f(x) è una serie di potenze, ma ogni serie di potenze è la serie di Taylor della sua somma. Pertanto se, per una funzione assegnata f(x) si conosce una serie di potenze, di punto iniziale x 0, che converge alla funzione data, nel suo intervallo di convergenza, allora la serie è la serie di Taylor, di punto iniziale x 0, per la funzione data. Esempi. Abbiamo provato nel capitolo 6 che. x = + xn, x (, ). 2. +x = + ( )n x n, x (, ). 3. +x 2 = + ( )n x 2n, x (, ). 4. ln( x) = + n= xn n, x [, ). ln( + x) = + n= ( )n xn n, x (, ]. 5. arctan x = + x2n+ ( )n 2n+, x [, ] 6. ( x) 2 = + n= n xn, x (, ). In ogni caso la serie a secondo membro è la serie di Taylor di punto iniziale 0 per la funzione a primo membro.

2 Analisi Matematica Convergenza di una serie di Taylor La serie di Taylor di una funzione è, almeno per il momento, una serie formale, per cui non sappiamo nulla riguardo alla convergenza. Se peró teniamo conto che si tratta di una serie di potenze, di punto iniziale x 0, si puó affermare che la serie di Taylor di una funzione f(x) converge sempre in x 0 ; ha un raggio di convergenza 0 R + ; (se R > 0) converge puntualmente e assolutamente in un intervallo (x 0 R, x 0 + R), simmetrico rispetto al punto iniziale (estremi compresi o no a seconda dei casi); (se R > 0) converge totalmente e uniformemente in ogni intervallo [x 0 K, x 0 + K] (x 0 R, x 0 + R). È peró intuitivamente naturale porsi la seguente domanda Domanda. La somma di una serie di Taylor è proprio la funzione f(x)? Osserviamo anzitutto che non ci si puó aspettare che la convergenza della serie alla funzione sia in tutto il campo di definizione della funzione stessa, in quanto questo insieme potrebbe non essere simmetrico rispetto a x 0. Quindi ci si chiede Domanda 2. Se f(x) è una funzione di classe C (x 0 δ, x 0 + δ), si puó affermare che il raggio di convergenza della sua serie di Taylor sia R = δ? la somma della serie sia f(x) in (x 0 δ, x 0 + δ)? Si puó verificare facilmente che la risposta a entrambe le domande è NO. Puó cioè capitare che sia la serie abbia raggio di convergenza R < δ (anche se la somma della serie è proprio f(x) in (x 0 R, x 0 + R)); il raggio della serie sia R = δ, ma sia S(x) f(x). Esempio. Sia f(x) = + x 2. La funzione è di classe C (R) e si verifica che { f (n) 0, se n = 2k +, (0) = ( ) k, se n = 2k. Pertanto la serie di Taylor di punto iniziale 0 è ( ) n x 2n.

3 Analisi Matematica 2 3 Sappiamo che questa serie ha raggio di convergenza R = e che la somma delle serie è f(x) per ogni x (, ), ma solo in questo intervallo, nonostante che la funzione sia di classe C (R). Esempio 2. Sia f(x) = {e x 2, x 0 0, x = 0. È immediato osservare che la funzione è continua in R e derivabile n volte in ogni x 0, essendo ( ) f (n) (x) = Q 3n e x x 2, se Q 3n (t) è un polinomio di grado 3n nella variabile t. Ne consegue che lim x 0 f (n) (x) = 0, n > 0. Ció assicura che la funzione ha derivata di ordine n, per ogni n > 0, anche in x 0 = 0 e che f (n) (0) = 0, n > 0. Pertanto f(x) è di classe C (R). Si puó scrivere quindi la serie di Taylor di punto iniziale 0 per la funzione ed è 0 xn. Questa serie, avendo nullo ogni coefficiente, converge su tutto R alla funzione g(x) identicamente nulla su R. Pertanto la serie converge su tutto R ma la somma non è la funzione f(x). Quindi ci si chiede Domanda 3. Se f(x) è una funzione di classe C (x 0 δ, x 0 + δ), quali condizioni sulla funzione f(x) assicurano che il raggio di convergenza della sua serie di Taylor sia R = δ? la somma della serie sia f(x) in (x 0 δ, x 0 + δ)? Diciamo che la funzione f(x) è sviluppabile in serie di Taylor di punto iniziale x 0 se esiste un intervallo (x 0 δ, x 0 + δ) in cui la serie converge alla funzione. Teorema (Criterio di sviluppabilitá in serie di Taylor). Sia f(x) una funzione di classe C (x 0 δ, x 0 + δ). Se M > 0 tale che, per ogni n 0, f (n) (x) M δ n, x (x 0 δ, x 0 + δ), allora f(x) è sviluppabile in serie di Taylor di punto iniziale x 0 in (x 0 δ, x 0 + δ) e R = δ. Omettiamo, almeno per il momento, la dimostrazione di questo teorema, che puó essere fatta solo dopo la sezione 5. Dal teorema segue facilmente il seguente corollario

4 Analisi Matematica 2 4 Corollario. (Criterio di sviluppabilitá in serie di Taylor). Sia f(x) una funzione di classe C (x 0 δ, x 0 + δ). Se M > 0 tale che, per ogni n 0, f (n) (x) M, x (x 0 δ, x 0 + δ), allora f(x) è sviluppabile in serie di Taylor di punto iniziale x 0 in (x 0 δ, x 0 + δ) e R = δ. Dimostrazione. Osserviamo che, per ogni n > 0, δ n > 0, lim δ n = +. Allora esiste C > 0 tale che δ n C, per ogni n, cioè tale che C δ n, Da ció segue, per l ipotesi fatta, che, per ogni n 0, n. f (n) (x) M M C Dunque il teorema garantisce la tesi. δ n, x (x 0 δ, x 0 + δ). La condizione di sviluppabilitá espressa dal corollario ha il vantaggio di non dipendere da δ; peró è piú restrittiva di quella fornita dal teorema. È importante sapere che la serie di Taylor di punto iniziale x 0 converge a una funzione data, almeno in un intorno di x 0, perchè ció consente di approssimare la funzione, almeno vicino al punto iniziale, mediante le somme parziali della serie, che sono polinomi. Esempi.. Sia f(x) = e x. Fissiamo x 0 = 0. È banale osservare che, per ogni n > 0, si ha f (n) (x) = e x, e quindi f (n) (0) = 0, n 0. La serie di Taylor della funzione di punto iniziale 0 è allora xn. La serie ha raggio di convergenza R = + ; inoltre essa converge alla funzione, per ogni x reale. Infatti, fissato δ > 0, si ha f (n) (x) = e x e δ, x ( δ, δ) e quindi vale l ipotesi del corollario, se M = e δ.

5 Analisi Matematica Sia f(x) = sin x. Fissiamo x 0 = 0. Si ha e cosí via. Pertanto f(x) = sin x, f (x) = cos x, f (x) = sin x, f (x) = cos x, f(0) = 0, f (0) =, f (0) = 0, f (0) =, e cosí via. La serie di Taylor della funzione di punto iniziale 0 è allora ( ) n (2n + )! x2n+. La serie ha raggio di convergenza R = + ; inoltre essa converge alla funzione, per ogni x reale. Infatti, fissato δ > 0, si ha f (n) (x), x ( δ, δ) e quindi vale l ipotesi del corollario, se M =. 3. Sia f(x) = cos x. Fissiamo x 0 = 0. Si ha e cosí via. Pertanto f(x) = cos x, f (x) = sin x, f (x) = cos x, f (x) = sin x, f(0) =, f (0) = 0, f (0) =, f (0) = 0, e cosí via. La serie di Taylor della funzione di punto iniziale 0 è allora ( ) n (2n)! x2n. La serie ha raggio di convergenza R = + ; inoltre essa converge alla funzione, per ogni x reale. Infatti, fissato δ > 0, si ha f (n) (x), x ( δ, δ) e quindi vale l ipotesi del corollario, se M =.

6 Analisi Matematica 2 6 Osservazione. Per le funzioni x, + x, + x 2, ln( x), ln( + x), arctan x, ( x) 2 si sa che ciascuna è la somma della propria serie di Taylor, nell intervallo di convergenza della serie. Come giá detto nella sezione, ció è conseguenza del fatto che ciascuna di queste funzioni è la somma di una serie di potenze nota, nell intervallo di convergenza dlla serie. Lo stesso si puó dire per ogni funzione che si sa essere la somma di una serie di potenze nel relativo intervallo di convergenza. 2 Sviluppi notevoli Elenchiamo alcune osservazioni utili per determinare la sviluppabilitá in serie di taylor di una funzione nota (con un punto inioziale fissato). Come giá detto, ogni funzione che si sa essere la somma di una serie di potenze nell intervallo di convergenza è sviluppabile nella serie di Taylor in tutto l intervallo di convergenza della serie. Se una funzione f(x) è sviluppabile in serie di Taylor e si sostituisce x con αx k, per α e k fissati, la funzione composta g(x) = f(αx k ) è sviluppabile nella serie di Taylor, che è ottenuta dalla serie di Taylor della funzione f(x) sostituendo x con αx k. L intervallo di convergenza si deduce con la stessa sostituzione. Se una funzione f(x) è sviluppabile in serie di Taylor e si considera una sua derivata e la sua primitiva che vale 0 nel punto iniziale, allora anche la derivata e la primitiva sono sviluppabili nella serie di Taylor, che si ottiene da quella di f(x) derivando e integrando termine a termine rispettivamente. Tenendo conto di queste considerazioni e degli esempi trattati in precedenza elenchiamo i principali sviluppi in serie di Taylor, specificando per quali x essi valgono.. e x = + x n, x R. 2. e ax = + an x n, x R. 3. e ax2 = + an x 2n, x R. 4. sin x = + ( )n (2n+)! x 2n+, x R. 5. sin x x = + ( )n (2n+)! x 2n, x R. In realtá la funzione a primo membro non è definita in 0, ma si puó prolungare per continuitá e la formula segue dalla formula 4, dividendo per x entrambi i membri. Si noti che dall uguaglianza segue, senza fare nessun conto, che la funzione a primo membro è C (R).

7 Analisi Matematica cos x = + ( )n (2n)! x 2n, x R. 7. x = + xn, x (, ). 8. +x = + ( )n x n, x (, ). 9. +x 2 = + ( )n x 2n, x (, ). 0. ln( x) = + xn+ n+, x [, ).. ln( + x) = + xn+ ( )n n+, x (, ]. 2. arctan x = + x2n+ ( )n 2n+, x [, ]. 3. ( x) 2 = + n= n xn, x (, ). 4. ( + x) α = + ( n ) α x n, x (, ), se ( ) { α(α ) (α n+) n = se n, α se n = 0. La serie a secondo membro si chiama serie binomiale. Come casi particolari, per α = /2 e α = /2 si hanno le due formule seguenti x = + ( /2 ) α x n, x (, ), 6. +x = + ( /2 ) α x n, x (, ), 3 Polinomi di Taylor di una funzione Sia f(x)una funzione sviluppabile in serie di Taylor di punto iniziale x 0 in (x 0 δ, x 0 + δ). Per definizione di serie, si ha f(x) = lim n T n (x), x (x 0 δ, x 0 + δ), se T n (x) è la somma parziale n-ma della serie, cioè T n (x) = n k=0 k! f (k) (x 0 ) (x x 0 ) k. Allora T n (x) è un polinomio nella variabile x x 0, di grado T n n, che chiamiamo polinomio di Taylor di punto iniziale x 0 e ordine n per la funzione data.

8 Analisi Matematica 2 8 Pertanto, dire che f(x) è sviluppabile nella sua serie di Taylor di punto iniziale x 0 in (x 0 δ, x 0 +δ) equivale a dire che, in (x 0 δ, x 0 + δ), la funzione è limite per n + dell n-mo polinomio di Taylor (di punto iniziale x 0 ), cioè che puó essere approssimata in tale intervallo mediante un polinomio di Taylor, con un approssimazione tanto migliore quanto piú grande è n. Piú in generale, se f(x) è una funzione di classe C (I) e se x 0 è un punto fissato di I, si puó considerare, per ogni n, il polinomio di Taylor di punto iniziale x 0 e ordine n per la funzione data, con l obiettivo di trovare n (il piú piccolo possibile) in modo tale che il polinomio approssimi la funzione, in un intervallo fissato (x 0 δ, x 0 + δ), o in un punto fissato, con un errore al di sotto di una soglia accettabile. È banale osservare che, piú piccolo è δ o piú vicino a x 0 è il punto fissato, migliore sará l approssimazione, a paritá di n. Infatti, risulta dal momento che lim f(x) T n (x) 0, x x 0 lim f(x) = lim T n (x) = f(x 0 ). x x 0 x x 0 Quindi se, data una funzione f(x) di classe C (I), se ne considerano polinomi di Taylor di punto iniziale x 0, con x 0 fissato in I, un fatto fondamentale è valutare, per n fissato e in un intervallo fissato (x 0 δ, x 0 + δ), o in un punto fissato, l errore n-mo (o resto n-mo) E n (x) = f(x) T n (x). Se siamo in grado di fare, ció saremo in grado di affrontare (e risolvere) i due di approssimazione seguenti:. trovare n (il piú piccolo possibile) in modo tale che il polinomio T n (x) approssimi la funzione, in un intervallo fissato (x 0 δ, x 0 + δ), o in un punto fissato, con un errore (in modulo) al di sotto di una soglia accettabile; 2. trovare δ (il piú grande possibile) in modo tale che il polinomio T n (x) di ordine fissato n approssimi la funzione in (x 0 δ, x 0 + δ), con un errore (in modulo) al di sotto di una soglia accettabile. Per valutare E n (x) sará necessario avere una formula che lo esprima in modo esplicito, o almeno un metodo per maggiorarlo. Prima di affrontare il problema della valutazione dell errore, vediamo quale è il significato dei polinomi di Taylor; cioè rispondiamo alla domanda perché, se vogliamo approssimare una funzione, vicino a un punto x 0, mediante un polinomio (di grado n) nella variabile x x 0, scegliamo proprio il polinomio di Taylor di punto iniziale x 0 e ordine n?

9 Analisi Matematica 2 9 La risposta alla domanda è la seguente: perché il polinomio di Taylor di punto iniziale x 0 e ordine n è, tra tutti i polinomi di grado n nella variabile x x 0, quello che meglio approssima la funzione vicino a x 0. Ma cosa significa l espressione migliore approssimazione? Ci sono due modi possibili di dare un senso all espressione migliore approssimazione.. Il polinomio P (x) di grado n che meglio approssima la funzione f(x) vicino a x 0 è quello che ha un contatto di ordine n con la funzione f(x) in x 0., nel senso che P (k) (x 0 ) = f (k) (x 0 ), k = 0,, n. 2. Il polinomio P (x) di grado n che meglio approssima la funzione f(x) vicino a x 0 è quello che differisce dalla funzione vicino a x 0 per un infinitesimo di ordine superiore a (x x 0 ) n, cioè quello tale che f(x) P (x) = o((x x 0 ) n ) per x x 0 nel senso che lim f(x) P (x) (x x 0 ) n = 0. In effetti si prova che i due criteri precedenti sono equivalenti e caratterizzano entrambi proprio il polinomio di Taylor della funzione di punto iniziale x 0 e ordine n. È quanto afferma il seguente teorema. Teorema. Sia f(x) una funzione f(x) di classe C (I) e sia x 0 I. Sono fatti equivalenti:. P (x) è il polinomio nella variabile x x 0 di grado n che ha un contatto di ordine n con la funzione in x 0 ; 2. P (x) è il polinomio nella variabile x x 0 di grado n tale che f(x) P (x) = o((x x 0 ) n ) per x x 0 ; 3. P (x) è il polinomio di Taylor di punto iniziale x 0 e ordine n per f(x). Dimostrazione. Proviamo che () (2) e che () (3). () (2). Supponiamo che P (k) (x 0 ) = f (k) (x 0 ), per ogni k = 0,, n. f(x) P (x) Proviamo che lim x xo (x x 0 ) = 0. n Per calcolare il limite si usa il teorema di de l Hospital n volte successivamente e si ottiene che lim f(x) P (x) (x x 0 ) n = lim = lim f (x) P (x) n (x x 0 ) n = f (n ) (x) P (n ) (x) (x x 0 ) = lim f (n) (x) P (n) (x) = 0.

10 Analisi Matematica 2 0 Viceversa, se lim x xo ogni k = 0,, n. f(x) P (x) (x x 0 ) n = 0, proviamo per assurdo che P (k) (x 0 ) = f (k) (x 0 ), per A questo scopo supponiamo che esista un k per cui P (k) (x 0 ) f (k) (x 0 ); se k 0 è il piú piccolo di tali k, risulterebbe lim f(x) P (x) (x x 0 ) k 0 = lim = lim f (x) P (x) k 0 (x x 0 ) k 0 = f (k0 ) (x) P (k0 ) (x) k 0! (x x 0 ) = lim f (k0) (x) P (k0) (x) k 0! 0 e ció è assurdo per l ipotesi fatta. () (3). Se P (x) è il polinomio di Taylor di punto iniziale x 0 e ordine n per f(x), allora P (x) ha un contatto di ordine n con la funzione in x 0. Infatti un conto diretto mostra che P (k) (x 0 ) = f (k) (x 0 ), k = 0,, n. D altra parte se P (x) = n k=0 a k (x x 0 ) k è un polinomio nella variabile x x 0 di grado n e ha un contatto di ordine n con la funzione f(x) in x 0, allora per ogni k = 0,, n, k! a k = P (k) (x 0 ) = f (k) (x 0 ) e quindi P (x) è il polinomio di Taylor di punto iniziale x 0 e ordine n per f(x). Il teorema precedente fornisce una descrizione dell errore o resto n-mo E n (x). In effetti il teorema stabilisce che E n (x) = o((x x 0 ) n ) (x x 0 ), cioè f(x) = T n (x) + o((x x 0 ) n ) (x x 0 ). Questa formula è detta formula di Peano per l errore E n (x). Essa non fornisce una misura quantitativa dell errore, peró assicura che vicino a x 0 si puó sostituire la funzione con il polinomio, se si possono trascurare gli infinitesimi di ordine maggiore di n. La formula di Peano puó ad esempio essere utile nel calcolo di limiti di forme indeterminate Formula di Lagrange per l errore n-mo. Sia f(x) una funzione f(x) di classe C (I) e sia x 0 I. Se consideriamo il suo polinomio di Taylor di punto iniziale x 0 e ordine n, e vogliamo dare una valutazione quantitativa dell errore E n (x) in un intervallo (x 0 δ, x 0 + δ), è utile il seguente teorema, che fornisce una formula esplicita per l errore. Teorema. (Formula di Lagrange per il resto n-mo). Sia f(x) una funzione f(x) di classe C (I) e sia x 0 I. Per n 0, si consideri il polinomio di Taylor T n (x) di punto iniziale x 0 e sia E n (x) = f(x) T n (x). Allora

11 Analisi Matematica 2 per ogni x in un intervallo (x 0 δ, x 0 + δ), esiste c compreso tra x 0 e x tale che E n (x) = (n + )! f (n+) (c) (x x 0 ) n+. Dimostrazione. Diamo la dimostrazione per n =. Supponiamo x > x 0 e applichiamo il teorema di Cauchy nell intervallo [x 0, x] alle funzioni r(x) = E (x) = f(x) T (x), g(x) = (x x 0 ) 2. Osservando che r(x 0 ) = g(x 0 ) = 0, il teorema afferma che esiste x [x 0, x], tale che r(x) g(x) = r(x) r(x 0) g(x) g(x 0 ) = r (x ) g (x ). Applichiamo ancora una volta il teorema di Cauchy nell intervallo [x 0, x ] alle funzioni r (x) = f (x) T (x), g (x) = 2 (x x 0 ). Osservando che r (x 0 ) = g (x 0 ) = 0, il teorema afferma che esiste c [x 0, x ], tale che r (x ) g (x ) = r (x ) r (x 0 ) g (x ) g (x 0 ) = r (c) g (c). Poiché r (x) = f (x) T (x) = f (x) e g (x) = 2, si conclude che cioè che che è la formula richiesta. E (x) (x x 0 ) 2 = f (c) 2 E (x) = f (c) 2 (x x 0 ) 2, 5 Appendice. Possiamo ora dare la dimostrazione del Teorema di Sezione.2. Fissiamo x in (x 0 δ, x 0 + δ) e n > 0. La differenza f(x) T n (x) si puó esprimere mediante la formula di Lagrange per il resto n-mo, cioè f(x) T n (x) = (n + )! f (n+) (c n ) (x x 0 ) n+, per un opportuno c n compreso tra x 0 e x. Se facciamo l ipotesi che f (n) (x) M δ n, si ha allora f(x) T n (x) = (n + )! f (n+) (c) x x 0 n+ (n + )! M (n + )! δ n+ x x 0 n+ = M ( ) x x0 n+. δ Se osserviamo che x x 0 δ <, sará ( ) x x0 n+ 0 δ cioè f(x) T n (x) 0.

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI Abbiamo studiato successioni e serie numeriche, ora vogliamo studiare successioni e serie di funzioni. Dato un insieme A R, chiamiamo successione di funzioni

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Una funzione reale di una variabile reale f di dominio A è una legge che ad ogni x A associa un numero reale che denotiamo con f(x). Se A = N, la f è detta successione di numeri reali.

Dettagli

5. La teoria astratta della misura.

5. La teoria astratta della misura. 5. La teoria astratta della misura. 5.1. σ-algebre. 5.1.1. σ-algebre e loro proprietà. Sia Ω un insieme non vuoto. Indichiamo con P(Ω la famiglia di tutti i sottoinsiemi di Ω. Inoltre, per ogni insieme

Dettagli

Successioni di funzioni reali

Successioni di funzioni reali E-school di Arrigo Amadori Analisi I Successioni di funzioni reali 01 Introduzione. In questo capitolo applicheremo i concetti di successione e di serie alle funzioni numeriche reali. Una successione di

Dettagli

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k Capitolo 4 Serie numeriche 4. Serie convergenti, divergenti, indeterminate Data una successione di numeri reali si chiama serie ad essa relativa il simbolo u +... + u +... u, u 2,..., u,..., (4.) oppure

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1.

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1. EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti 1. Determinare la soluzione dell equazione differenziale (x 2 + 1)y + y 2 =. y + x tan y = 2. Risolvere il problema di Cauchy y() = 1 2 π. 3. Risolvere il problema

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla ESERCITAZIONI DI ANALISI FOGLIO FOGLIO FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI Marco Pezzulla gennaio 05 FOGLIO. Determinare il dominio e il segno della funzione ( ) f(x) arccos x x + π/3.

Dettagli

Esercizi svolti su serie di Fourier

Esercizi svolti su serie di Fourier Esercizi svolti su serie di Fourier Esercizio. (Onda quadra. Determinare i coefficienti di Fourier della funzione x [, f(x = x [, prolungata a una funzione -periodica su R (d ora in poi denoteremo con

Dettagli

Docente: Anna Valeria Germinario. Università di Bari. A.V.Germinario (Università di Bari) Analisi Matematica ITPS 1 / 22

Docente: Anna Valeria Germinario. Università di Bari. A.V.Germinario (Università di Bari) Analisi Matematica ITPS 1 / 22 Laurea in Informatica e Tecnologie per la Produzione del Software Corso di Analisi Matematica Calcolo differenziale e approssimazioni, formula di Taylor Docente: Anna Valeria Germinario Università di Bari

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari Serie numeriche Definizioni e proprietà elementari Sia { } una successione, definita per ogni numero naturale n n. Per ogni n n, consideriamo la somma s n degli elementi della successione di posto d s

Dettagli

Successioni e serie di funzioni

Successioni e serie di funzioni Successioni e serie di funzioni A. Albanese, A. Leaci, D. Pallara In questa dispensa generalizzeremo la trattazione delle successioni e delle serie al caso in cui i termini delle stesse siano non numeri

Dettagli

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE Il limite di una funzione è uno dei concetti fondamentali dell'analisi matematica. Tramite questo concetto viene formalizzata la nozione di funzione continua e

Dettagli

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3 CAPITOLO 3 Successioni e serie 3. Successioni Un caso particolare di applicazione da un insieme numerico ad un altro insieme numerico è quello delle successioni, che risultano essere definite nell insieme

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Definizione: Si chiama successione numerica una funzione definita su IN a valori in IR, cioè una legge che associa ad ogni intero n un numero reale a n. Per abuso di linguaggio, si

Dettagli

16. Vari modi di convergenza delle successioni di funzioni reali misurabili.

16. Vari modi di convergenza delle successioni di funzioni reali misurabili. 16. Vari modi di convergenza delle successioni di funzioni reali misurabili. L argomento centrale di questa ultima parte del corso è lo studio in generale della convergenza delle successioni negli spazi

Dettagli

Matematica generale CTF

Matematica generale CTF Successioni numeriche 19 agosto 2015 Definizione di successione Monotonìa e limitatezza Forme indeterminate Successioni infinitesime Comportamento asintotico Criterio del rapporto per le successioni Definizione

Dettagli

Le derivate versione 4

Le derivate versione 4 Le derivate versione 4 Roberto Boggiani 2 luglio 2003 Riciami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo ce dati due punti del piano A(x, y ) e B(x 2, y 2 ) con x x 2 la retta

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

COGNOME... NOME... Matricola... Corso Prof... Esame di ANALISI MATEMATICA I - 11 Febbraio 2011, ore 8.30

COGNOME... NOME... Matricola... Corso Prof... Esame di ANALISI MATEMATICA I - 11 Febbraio 2011, ore 8.30 Esame di ANALISI MATEMATICA I - 11 Febbraio 2011, ore 830 A ESERCIZIO 1 (8 punti) Data la funzione = 1 + sin x 2 2 x (a) determinare lo sviluppo di MacLaurin al terzo ordine della funzione ; (b) determinare

Dettagli

Indice. 1 Introduzione alle Equazioni Differenziali 1 1.1 Esempio introduttivo... 1 1.2 Nomenclatura e Teoremi di Esistenza ed Unicità...

Indice. 1 Introduzione alle Equazioni Differenziali 1 1.1 Esempio introduttivo... 1 1.2 Nomenclatura e Teoremi di Esistenza ed Unicità... Indice 1 Introduzione alle Equazioni Differenziali 1 1.1 Esempio introduttivo............................. 1 1.2 Nomenclatura e Teoremi di Esistenza ed Unicità.............. 5 i Capitolo 1 Introduzione

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica 1 Massimi e minimi delle funzioni di più variabili Indice 1 Massimi e minimi liberi 1 Massimi e minimi vincolati 7 3 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0 LEZIONE 23 231 Diagonalizzazione di matrici Abbiamo visto nella precedente lezione che, in generale, non è immediato che, data una matrice A k n,n con k = R, C, esista sempre una base costituita da suoi

Dettagli

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Esercizio 1 Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Utilizzando gli sviluppi fondamentali, calcolare gli sviluppi di McLaurin con resto di Peano delle funzioni seguenti fino all ordine n indicato: 1. fx ln1

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi (Criterio del rapporto.) Consideriamo la serie a (.) a termini positivi (ossia a > 0, =, 2,...). Supponiamo che esista il seguente ite a +

Dettagli

Alcune note sulle serie di potenze 1

Alcune note sulle serie di potenze 1 Alcune note sulle serie di potenze Contents G. Falqui Preliminari 2 Serie di potenze 3 3 Rappresentazione di funzioni mediante serie di potenze 7 3. Esempi notevoli........................... 9 3.2 Formula

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Corso di Analisi Numerica

Corso di Analisi Numerica Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Analisi Numerica 8 - METODI ITERATIVI PER I SISTEMI LINEARI Lucio Demeio Dipartimento di Scienze Matematiche 1 Norme e distanze 2 3 4 Norme e distanze

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA

Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA 1 1.4 Serie in campo complesso 1.4.1 Serie di potenze Una serie di potenze è una serie del tipo a k (z z 0 ) k. Per le serie di potenze in campo complesso valgono teoremi analoghi

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE. lim a n = 0. (1) s n+1 = s n + a n+1. (2) CRITERI PER LE SERIE A TERMINI NON NEGATIVI

CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE. lim a n = 0. (1) s n+1 = s n + a n+1. (2) CRITERI PER LE SERIE A TERMINI NON NEGATIVI Il criterio più semplice è il seguente. CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE Teorema(condizione necessaria per la convergenza). Sia a 0, a 1, a 2,... una successione di numeri reali. Se la serie a k è convergente,

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

1.1. Spazi metrici completi

1.1. Spazi metrici completi SPAZI METRICI: COMPLETEZZA E COMPATTEZZA Note informali dalle lezioni 1.1. Spazi metrici completi La nozione di convergenza di successioni è centrale nello studio degli spazi metrici. In particolare è

Dettagli

Registro di Analisi Matematica II c.l. IIn a.a. 2006/2007 M. Furi

Registro di Analisi Matematica II c.l. IIn a.a. 2006/2007 M. Furi Registro delle lezioni di Analisi Matematica II (6 CFU) Università di Firenze - Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2006/2007 - Prof. Massimo Furi Testo di riferimento:

Dettagli

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE Sia f:a B una funzione tra due insiemi. Se y appartiene all immagine di f si chiama fibra di f sopra y l insieme f -1 y) ossia l insieme di tutte le controimmagini

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6 EQUAZIONI DIFFERENZIALI.. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x log t (d) x = e t x log x (e) y = y 5y+6 (f) y = ty +t t +y (g) y = y (h) xy = y (i) y y y = 0 (j) x = x (k)

Dettagli

I appello - 24 Marzo 2006

I appello - 24 Marzo 2006 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Energetica e Gestionale A.A.2005/2006 I appello - 24 Marzo 2006 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. I.) Studiare la convergenza puntuale,

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:...

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:... Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8 Cognome:................ Nome:................ Matricola:................ (Dare una dimostrazione esauriente di tutte le

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi con soluzione

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi con soluzione EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi con soluzione. Calcolare l integrale generale delle seguenti equazioni differenziali lineari del primo ordine: (a) y 2y = (b) y + y = e x (c) y 2y = x 2 + x (d) 3y + y

Dettagli

Analisi Matematica 3 appunti

Analisi Matematica 3 appunti Corso di Laurea in Statistica Matematica e trattamento Informatico dei Dati Analisi Matematica 3 appunti Francesca Astengo Università di Genova, A.A. 20/202 Indice Capitolo. Serie numeriche. Brevi richiami

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti I Equazioni e disequazioni algebriche 3 Esercizi su equazioni e polinomi di secondo grado.............. 3 Esercizi sulle equazioni di grado superiore

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Pillole di Analisi. Roberto Paoletti

Pillole di Analisi. Roberto Paoletti Pillole di Analisi Roberto Paoletti 1 Preinari Insiemi numerici. Nel seguito denoteremo con N = {0, 1, 2,...} l insieme dei numeri naturali, con Z = {..., 2, 1, 0, 1, 2,...} l insieme dei numeri interi,

Dettagli

8. Serie numeriche Assegnata la successione di numeri complessi {a 1, a 2, a 3,...} si considera con il nome di serie numerica.

8. Serie numeriche Assegnata la successione di numeri complessi {a 1, a 2, a 3,...} si considera con il nome di serie numerica. 8. Serie numeriche Assegnata la successione di numeri complessi {a 1, a 2, a 3,...} si considera con il nome di serie numerica la nuova successione {s n } definita come s 1 = a 1, s 2 = a 1 + a 2, s 3

Dettagli

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile di funzioni reali di una variabile Corso di Analisi Matematica - capitolo VI Facoltà di Economia, UER Maria Caterina Bramati Université Libre de Bruxelles ECARES 22 Novembre 2006 Intuizione di ite di funzione

Dettagli

Serie di Fourier 1. Serie di Fourier. f(t + T )=f(t) t R.

Serie di Fourier 1. Serie di Fourier. f(t + T )=f(t) t R. Serie di Fourier 1 Serie di Fourier In questo capitolo introduciamo le funzioni periodiche, la serie di Fourier in forma trigonometrica per le funzioni di periodo π, e ne identifichiamo i coefficienti.

Dettagli

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it

Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1. Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Federico Lastaria federico.lastaria@poi.it Primi teoremi di caclolo differenziale Ottobre 2010. Indice 1 Funzioni derivabili su un intervallo 1 1.1

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE Operazioni in un insieme Sia A un insieme non vuoto; una funzione f : A A A si dice operazione binaria (o semplicemente operazione), oppure legge di composizione interna. Per definizione

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

Esercitazioni di Calcolo Numerico 23-30/03/2009, Laboratorio 2

Esercitazioni di Calcolo Numerico 23-30/03/2009, Laboratorio 2 Esercitazioni di Calcolo Numerico 23-30/03/2009, Laboratorio 2 [1] Metodo di Bisezione gli estremi a e b di un intervallo reale trovi uno zero della funzione f(x) nell intervallo [a, b] usando il metodo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 3 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA È assegnata

Dettagli

La Programmazione Lineare

La Programmazione Lineare 4 La Programmazione Lineare 4.1 INTERPRETAZIONE GEOMETRICA DI UN PROBLEMA DI PROGRAMMAZIONE LINEARE Esercizio 4.1.1 Fornire una rappresentazione geometrica e risolvere graficamente i seguenti problemi

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite Questo breve file è dedicato alle questioni di derivabilità di funzioni reali di variabile reale. Particolare attenzione viene posta alla classificazione dei punti di non derivabilità delle funzioni definite

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Serie numeriche

Corso di Analisi Matematica Serie numeriche Corso di Analisi Matematica Serie numeriche Laurea in Informatica e Comunicazione Digitale A.A. 2013/2014 Università di Bari ICD (Bari) Analisi Matematica 1 / 25 1 Definizione e primi esempi 2 Serie a

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Esami d Analisi Matematica 1. Filippo De Mari e Marina Venturino

Esami d Analisi Matematica 1. Filippo De Mari e Marina Venturino Esami d Analisi Matematica 1 Filippo De Mari e Marina Venturino Indice Parte 1. ANNO ACCADEMICO 1999-000 5 1. Corso di Studi in Ingegneria Meccanica 5 Parte. ANNO ACCADEMICO 001-00 15 1. Corso di Studi

Dettagli

Lezione 6 (16/10/2014)

Lezione 6 (16/10/2014) Lezione 6 (16/10/2014) Esercizi svolti a lezione Esercizio 1. La funzione f : R R data da f(x) = 10x 5 x è crescente? Perché? Soluzione Se f fosse crescente avrebbe derivata prima (strettamente) positiva.

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI In matematica, per semplificare la stesura di un testo, si fa ricorso ad un linguaggio specifico. In questo capitolo vengono fornite in maniera sintetica le nozioni

Dettagli

Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale

Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale Roberto Boggiani Versione 4.0 9 dicembre 2003 1 Esempi che inducono al concetto di ite Per introdurre il concetto di ite consideriamo i seguenti

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

L espressione torna invece sempre vera (quindi la soluzione originale) se cambiamo contemporaneamente il verso: 1 < 0.

L espressione torna invece sempre vera (quindi la soluzione originale) se cambiamo contemporaneamente il verso: 1 < 0. EQUAZIONI E DISEQUAZIONI Le uguaglianze fra espressioni numeriche si chiamano equazioni. Cercare le soluzioni dell equazione vuol dire cercare quelle combinazioni delle lettere che vi compaiono che la

Dettagli

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di Esercizi svolti. Si consideri la funzione f() 4. a) Verificare che la funzione F() 4 + arcsin è una primitiva di f() sull intervallo (, ). b) Verificare che la funzione G() 4 + arcsin π è la primitiva

Dettagli

Nel seguito, senza ulteriormente specificarlo, A indicherà un anello commutativo con identità.

Nel seguito, senza ulteriormente specificarlo, A indicherà un anello commutativo con identità. 1 ANELLI Definizione 1.1. Sia A un insieme su cui sono definite due operazioni +,. (A, +, ) si dice Anello se (A, +) è un gruppo abeliano è associativa valgono le leggi distributive, cioè se a, b, c A

Dettagli

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive.

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Lezione 6 Prerequisiti: L'insieme dei numeri interi. Lezione 5. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Questa è la prima lezione dedicata all'anello

Dettagli

Integrali di Riemann e di Cauchy

Integrali di Riemann e di Cauchy Integrali di Riemann e di Cauchy Gianni Gilardi Pavia, 14 novembre 1997 L integrale nell ambito delle teorie di Riemann e di Cauchy, fra loro equivalenti, può essere introdotto in vari modi e queste pagine

Dettagli

Laboratorio teorico-pratico per la preparazione alle gare di matematica

Laboratorio teorico-pratico per la preparazione alle gare di matematica Laboratorio teorico-pratico per la preparazione alle gare di matematica Ercole Suppa Liceo Scientifico A. Einstein, Teramo e-mail: ercolesuppa@gmail.com Teramo, 3 dicembre 2014 USR Abruzzo - PLS 2014-2015,

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Analisi complessa EDOARDO SERNESI

Analisi complessa EDOARDO SERNESI Analisi complessa EDOARDO SERNESI Contents 1 Funzioni analitiche 3 1.1 Funzioni olomorfe...................... 3 1.2 Serie formali......................... 5 1.3 Serie convergenti......................

Dettagli

Anelli a fattorizzazione unica. Domini ad ideali principali. Anelli Euclidei

Anelli a fattorizzazione unica. Domini ad ideali principali. Anelli Euclidei Capitolo 5: Anelli speciali: Introduzione: Gli anelli speciali sono anelli dotati di ulteriori proprietà molto forti che ne rendono agevole lo studio. Anelli euclidei Domini ad ideali principali Anelli

Dettagli

I appello - 26 Gennaio 2007

I appello - 26 Gennaio 2007 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Informatica e delle Telecom. A.A.006/007 I appello - 6 Gennaio 007 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. (N.B. il quesito teorico è obbligatorio)

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Appunti di Complementi di Matematica. Jacobo Pejsachowicz (a cura di Nathan Quadrio)

Appunti di Complementi di Matematica. Jacobo Pejsachowicz (a cura di Nathan Quadrio) Appunti di Complementi di Matematica Jacobo Pejsachowicz (a cura di Nathan Quadrio) 1 Indice 1 Cenni della teoria degli insiemi 4 1.1 Classi ed insiemi........................... 4 1.2 Operazioni fra gli

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

Autovalori e Autovettori

Autovalori e Autovettori Daniela Lera Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Matematica e Informatica A.A. 2008-2009 Autovalori e Autovettori Definizione Siano A C nxn, λ C, e x C n, x 0, tali che Ax = λx. (1) Allora

Dettagli

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana Schemi delle Lezioni di Matematica Generale Pierpaolo Montana A volte i fenomeni economici che ci interessano non variano con continuitá oppure non possono essere osservati con continuitá, ma solo a intervalli

Dettagli

L anello dei polinomi

L anello dei polinomi L anello dei polinomi Sia R un anello commutativo con identità. È possibile costruire un anello commutativo unitario, che si denota con R[x], che contiene R (come sottoanello) e un elemento x non appartenente

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli