SCHEDA TECNICA N. 1. Porcilaia di gestazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA TECNICA N. 1. Porcilaia di gestazione"

Transcript

1 SCHEDA TECNICA N. 1 relativa al progetto di Porcilaia di gestazione Descrizione generale Stabulazione Principali caratteristiche costruttive Pavimento del box Capienza massima Porcilaia per la fase di gestazione, per scrofe e scrofette dopo l'esito positivo della diagnosi di gravidanza e fino a pochi giorni prima della data prevista per il parto; locale unico con 2 file di box e corsia di servizio centrale In gruppo in box collettivo Fondazioni a plinti, travi di collegamento e fosse liquami in calcestruzzo armato; struttura portante prefabbricata con pilastri, travi e arcarecci in profilati d'acciaio zincato; manto di copertura in fibrocemento senza amianto e isolamento a controsoffitto in lastre di polistirene espanso estruso spessore 50 mm; tamponamenti perimetrali in blocchi cavi di calcestruzzo leggero facciavista spessore 0,25 m Parzialmente fessurato, con parte piena in calcestruzzo termoisolante 160 scrofe Unità produzione calore 53,12 hpu (1) Portata di ventilazione Massima = m 3 /h; minima = m 3 /h Superficie coperta Superficie di stabulazione Alimentazione Abbeverata Illuminazione Ventilazione Riscaldamento 2,79 m 2 /capo 2,34 m 2 /capo Impianto automatico per alimentazione liquida razionata in truogolo lineare; potenza installata totale di 9,8 kw Impianto idrico completo per acqua di lavaggio e per alimentazione abbeveratoi automatici del tipo a imbocco (succhiotto) 38 punti luce del tipo a plafoniera contenente tubo fluorescente da 58 W (illuminamento medio di 125,7 lux); potenza totale installata di 2,2 kw Naturale con sistema automatico di regolazione dell'apertura delle finestre e del cupolino; potenza totale installata di 1,48 kw (4 motori da 0,37 kw ciascuno) Variante: artificiale con impianto automatico in estrazione dall'alto (camini di ventilazione); potenza totale installata di 2,15 kw (5 ventilatori da 0,43 kw ciascuno) Non presente Rimozione effluenti Fosse sotto fessurato per la raccolta temporanea; sistema a tubi in depressione (vacuum system) per lo svuotamento delle fosse (1) hpu = heat producing unit. Un hpu è l insieme di animali che produce W di calore totale alla temperatura dell aria di 20 C. Schede tecniche progetti ricoveri.pdf 1

2 SCHEDA TECNICA N. 2 relativa al progetto di Porcilaia di maternità Descrizione generale Stabulazione Principali caratteristiche costruttive Pavimento del box Capienza massima Unità produzione calore Porcilaia per la fase di maternità, suddivisa in 7 sale identiche, con corridoio di servizio laterale; ogni sala prevede 2 file di box con corsia centrale di servizio In box parto-allattamento del tipo con gabbia della scrofa disposta diagonalmente ed entrata/uscita anteriore Fondazioni a plinti, travi di collegamento e fosse liquami in calcestruzzo armato; struttura portante prefabbricata con pilastri, travi e arcarecci in profilati d'acciaio zincato; manto di copertura in fibrocemento senza amianto e isolamento a controsoffitto in lastre di polistirene espanso estruso spessore 50 mm; tamponamenti perimetrali in blocchi cavi di calcestruzzo leggero facciavista spessore 0,25 m Totalmente grigliato 70 scrofe con nidiata (10 scrofe con nidiata per sala) 4,26 hpu (1) per ogni sala Portata di ventilazione Per ogni sala: massima = m 3 /h; minima = 360 m 3 /h Superficie coperta Superficie di stabulazione Alimentazione Abbeverata Illuminazione 5,88 m 2 /box 3,57 m 2 /box (per lattonzoli) Alimentazione secca manuale Impianto idrico completo per acqua di lavaggio e per alimentazione abbeveratoi automatici del tipo a imbocco (succhiotto) per scrofe e lattonzoli 6 punti luce per sala, del tipo a plafoniera contenente tubo fluorescente da 58 W (illuminamento medio di 138,4 lux); potenza installata di 0,348 kw per sala Ventilazione Riscaldamento Artificiale con impianto automatico in estrazione dall'alto (camini di ventilazione); potenza installata di 0,3 kw per sala (1 ventilatore) Riscaldamento generale delle sale mediante tubi alettati ad acqua calda posti sulle aperture di entrata dell'aria delle singole sale, con potenza del bruciatore parametrata al livello di isolamento del locale. Riscaldamento localizzato del nido mediante lampada a infrarossi ad emissione luminosa; potenza installata di 1,5 kw per sala Rimozione effluenti Fosse sotto grigliato per la raccolta temporanea; sistema a tubi in depressione (vacuum system) per lo svuotamento delle fosse (1) hpu = heat producing unit. Un hpu è l insieme di animali che produce W di calore totale alla temperatura dell aria di 20 C. Schede tecniche progetti ricoveri.pdf 2

3 SCHEDA TECNICA N. 3 relativa al progetto di Porcilaia di svezzamento Descrizione generale Stabulazione Principali caratteristiche costruttive Pavimento del box Capienza massima Unità produzione calore Porcilaia per la fase di post-svezzamento, per suinetti fino ai 20 kg di peso vivo unitario, suddivisa in 7 sale identiche, con corridoio di servizio laterale; ogni sala prevede 2 file di gabbie con corsia centrale di servizio In gruppo in gabbie tipo flat-deck Fondazioni a plinti, travi di collegamento e fosse liquami in calcestruzzo armato; struttura portante prefabbricata con pilastri, travi e arcarecci in profilati d'acciaio zincato; manto di copertura in fibrocemento senza amianto e isolamento a controsoffitto in lastre di polistirene espanso estruso spessore 50 mm; tamponamenti perimetrali in blocchi cavi di calcestruzzo leggero facciavista spessore 0,25 m Totalmente grigliato 770 suinetti (110 suinetti per sala) 6,74 hpu (1) per ogni sala (inizio ciclo, suinetto di 10 kg); 10,57 hpu (1) per ogni sala (fine ciclo, suinetto di 20 kg) Portata di ventilazione Per ogni sala: massima = m 3 /h; minima = 500 m 3 /h Superficie coperta Superficie di stabulazione Alimentazione Abbeverata Illuminazione Ventilazione Riscaldamento 0,38 m 2 /capo 0,2 m 2 /capo Impianto automatico per alimentazione secca ad libitum in mangiatoie a tramoggia; potenza installata totale di 3 kw Impianto idrico completo per acqua di lavaggio e per alimentazione abbeveratoi automatici del tipo a imbocco (succhiotto) 4 punti luce per sala, del tipo a plafoniera contenente tubo fluorescente da 58 W (illuminamento medio di 115,2 lux); potenza installata di 0,232 kw per sala Artificiale con impianto automatico in estrazione dall'alto (camini di ventilazione); potenza installata di 0,43 kw per sala (1 ventilatore) Riscaldamento generale delle sale mediante tubi alettati ad acqua calda posti sulle aperture di entrata dell'aria delle singole sale, con potenza del bruciatore parametrata al livello di isolamento del locale Rimozione effluenti Fosse sotto grigliato per la raccolta temporanea; sistema a tubi in depressione (vacuum system) per lo svuotamento delle fosse (1) hpu = heat producing unit. Un hpu è l insieme di animali che produce W di calore totale alla temperatura dell aria di 20 C. Schede tecniche progetti ricoveri.pdf 3

4 SCHEDA TECNICA N. 4 relativa al progetto di Porcilaia di accrescimento Descrizione generale Stabulazione Principali caratteristiche costruttive Pavimento del box Capienza massima Unità produzione calore Porcilaia per la fase di accrescimento, per suini da 20 a 50 kg di peso vivo unitario, suddivisa in 3 sale identiche; ogni sala prevede 2 file di box con corsia centrale di servizio In gruppo (box collettivo) Fondazioni a plinti, travi di collegamento e fosse liquami in calcestruzzo armato; struttura portante prefabbricata con pilastri, travi e arcarecci in profilati d'acciaio zincato; manto di copertura in fibrocemento senza amianto e isolamento a controsoffitto in lastre di polistirene espanso estruso spessore 50 mm; tamponamenti perimetrali in blocchi cavi di calcestruzzo leggero facciavista spessore 0,25 m Parzialmente fessurato, con parte piena in calcestruzzo termoisolante 720 suini (240 suini per sala) 23,07 hpu (1) per ogni sala (inizio ciclo, suinetto di 20 kg); 40,87 hpu (1) per ogni sala (fine ciclo, suino di 50 kg) Portata di ventilazione Per ogni sala: massima = m 3 /h; minima = m 3 /h Superficie coperta Superficie di stabulazione Alimentazione Abbeverata Illuminazione Ventilazione Riscaldamento 0,62 m 2 /capo 0,57 m 2 /capo Impianto automatico per alimentazione secca ad libitum in mangiatoie a tramoggia; potenza installata totale di 2 kw Impianto idrico completo per acqua di lavaggio e per alimentazione abbeveratoi automatici del tipo a imbocco (succhiotto) 12 punti luce per sala, del tipo a plafoniera contenente tubo fluorescente da 58 W (illuminamento medio di 106,9 lux); potenza installata di 0,58 kw per sala Naturale con sistema automatico di regolazione dell'apertura delle finestre e del cupolino; potenza installata di 1,48 kw per sala (4 motori da 0,37 kw ciascuno) Variante: artificiale con impianto automatico in estrazione dall'alto (camini di ventilazione); potenza installata di 1,29 kw per sala (3 ventilatori da 0,43 kw ciascuno) Riscaldamento generale delle sale mediante aerotermi a ricircolazione di acqua calda posti negli ambienti d'allevamento, con potenza del bruciatore parametrata al livello di isolamento del locale Rimozione effluenti Fosse sotto fessurato per la raccolta temporanea; sistema a tubi in depressione (vacuum system) per lo svuotamento delle fosse (1) hpu = heat producing unit. Un hpu è l insieme di animali che produce W di calore totale alla temperatura dell aria di 20 C. Schede tecniche progetti ricoveri.pdf 4

5 SCHEDA TECNICA N. 5 relativa al progetto di Porcilaia d' ingrasso Descrizione generale Stabulazione Principali caratteristiche costruttive Pavimento del box Capienza massima Unità produzione calore Porcilaia per la fase di ingrasso, per suini da 50 a 160 kg di peso vivo unitario, suddivisa in 2 sale identiche; ogni sala prevede 2 file di box con corsia centrale di servizio In gruppo in box collettivo Fondazioni a plinti, travi di collegamento e fosse liquami in calcestruzzo armato; struttura portante prefabbricata con pilastri, travi e arcarecci in profilati d'acciaio zincato; manto di copertura in fibrocemento senza amianto e isolamento a controsoffitto in lastre di polistirene espanso estruso spessore 50 mm; tamponamenti perimetrali in blocchi cavi di calcestruzzo leggero facciavista spessore 0,25 m Totalmente fessurato 288 suini (144 suini per sala) 24,52 hpu (1) per ogni sala (inizio ciclo, suino di 50 kg); 35 hpu (1) per ogni sala (fine ciclo, suino di 160 kg) Portata di ventilazione Per ogni sala: massima = m 3 /h; minima = m 3 /h Superficie coperta Superficie di stabulazione Alimentazione Abbeverata Illuminazione 1,25 m 2 /capo 1,02 m 2 /capo Impianto automatico per alimentazione liquida razionata in truogolo lineare; potenza installata totale di 9,8 kw Impianto idrico completo per acqua di lavaggio e per alimentazione abbeveratoi automatici del tipo a imbocco (succhiotto) 12 punti luce per sala, del tipo a plafoniera contenente tubo fluorescente da 58 W (illuminamento medio di 91,2 lux); potenza installata di 0,696 kw per sala Ventilazione Riscaldamento Naturale con sistema automatico di regolazione dell'apertura delle finestre e del cupolino; potenza installata di 1,48 kw per sala (4 motori da 0,37 kw ciascuno). Variante: artificiale con impianto automatico in estrazione dall'alto (camini di ventilazione); potenza installata di 1,29 kw per sala (3 ventilatori da 0,43 kw ciascuno) Non presente Rimozione effluenti Fosse sotto fessurato per la raccolta temporanea; sistema a tubi in depressione (vacuum system) per lo svuotamento delle fosse (1) hpu = heat producing unit. Un hpu è l insieme di animali che produce W di calore totale alla temperatura dell aria di 20 C. Schede tecniche progetti ricoveri.pdf 5

6 SCHEDA TECNICA N. 6 relativa al progetto di Stalla per vacche da latte Descrizione generale Stabulazione Principali caratteristiche costruttive Pavimento Capienza massima Stalla per vacche da latte con un corpo principale per stabulazione animali e un corpo laterale per zona di mungitura Libera con zona di riposo a cuccette Fondazioni a plinti e travi di collegamento in calcestruzzo armato; struttura portante prefabbricata con pilastri, travi e arcarecci in profilati d'acciaio zincato; manto di copertura in pannelli isolanti autoportanti tipo sandwich spessore 60 mm; tamponamenti perimetrali in blocchi cavi di calcestruzzo leggero facciavista spessore 0,25 m limitatamente al corpo mungitura e alle testate del corpo stalla Pieno in calcestruzzo rigato nelle corsie di stabulazione 100 vacche da latte (84 in lattazione e 16 in asciutta) Unità produzione calore 118,38 hpu (1) Portata di ventilazione Massima = m 3 /h; minima = m 3 /h Superficie coperta Superficie di stabulazione Alimentazione Abbeverata Illuminazione Ventilazione Riscaldamento Stalla = 12,17 m 2 /capo; mungitura = 2,03 m 2 /capo 8,44 m 2 /capo A piatto unico (unifeed) con carro miscelatore Impianto idrico completo per acqua di lavaggio e per alimentazione abbeveratoi automatici del tipo a vasca a livello costante Corpo stalla: 51 punti luce del tipo a plafoniera contenente 2 tubi fluorescenti da 58 W ciascuno (illuminamento medio di 121,2 lux); potenza totale installata di 5,916 kw Zona di attesa: 8 punti luce del tipo a plafoniera contenente un tubo fluorescente da 58 W (illuminamento medio di 95,6 lux); potenza totale installata di 0,464 kw Sala di mungitura: 12 punti luce del tipo a plafoniera contenente 2 tubi fluorescenti da 58 W ciascuno (illuminamento medio di 310,7 lux); potenza totale installata di 1,392 kw Naturale Non presente Rimozione effluenti Raschiatori meccanici automatici nelle corsie (1) hpu = heat producing unit. Un hpu è l insieme di animali che produce W di calore totale alla temperatura dell aria di 20 C. Schede tecniche progetti ricoveri.pdf 6

7 SCHEDA TECNICA N. 7 relativa al progetto di Pollaio per broilers Descrizione generale Stabulazione Principali caratteristiche costruttive Pavimento del box Capienza massima Unità produzione calore Pollaio per polli da carne leggeri (peso vivo unitario finale di 1,75 kg) A terra su lettiera Fondazioni a plinti e travi di collegamento in calcestruzzo armato; struttura portante prefabbricata con pilastri, travi e arcarecci in profilati d'acciaio zincato; manto di copertura in pannelli isolanti autoportanti tipo sandwich spessore 60 mm; tamponamenti perimetrali in blocchi cavi di calcestruzzo leggero facciavista spessore 0,25 m Pieno in calcestruzzo polli 8,91 hpu (1) (inizio ciclo, pulcino di 50 g); 123,12 hpu (1) (fine ciclo, pollo di 1,75 kg) Portata di ventilazione Massima = m 3 /h; minima = 800 m 3 /h Superficie coperta Superficie di stabulazione Alimentazione Abbeverata Illuminazione Ventilazione Riscaldamento 0,0593 m 2 /capo 0,0593 m 2 /capo Impianto automatico per alimentazione secca in mangiatoie circolari; potenza installata totale di 4 kw Impianto idrico completo per acqua di lavaggio e per alimentazione abbeveratoi automatici del tipo a goccia con vaschetta salvagoccia (pulcini) e del tipo circolare (polli) 27 punti luce del tipo a plafoniera contenente tubo fluorescente da 58 W (illuminamento medio di 76,8 lux); potenza totale installata di 1,566 kw Naturale con sistema automatico di regolazione dell'apertura delle finestre e del cupolino; potenza installata di 1,48 kw per sala (4 motori da 0,37 kw ciascuno). Variante: artificiale con impianto automatico in estrazione trasversale da una parete laterale; potenza totale installata di 4,6 kw (10 ventilatori da 0,46 kw ciascuno) Riscaldamento generale delle sale mediante aerotermi a ricircolazione di acqua calda posti negli ambienti d'allevamento, con potenza del bruciatore parametrata al livello di isolamento del locale. Variante: aggiunta di allevatrici a gas per pulcini da 1 a 35 giorni Rimozione effluenti Rimozione lettiera a fine ciclo mediante mezzi meccanici (1) hpu = heat producing unit. Un hpu è l insieme di animali che produce W di calore totale alla temperatura dell aria di 20 C. Schede tecniche progetti ricoveri.pdf 7

8 SCHEDA TECNICA N. 8 relativa al progetto di Pollaio per galline ovaiole Descrizione generale Stabulazione Principali caratteristiche costruttive Pavimento del box Capienza massima Pollaio per galline ovaiole (peso vivo unitario medio di 2 kg) A terra su lettiera, con zona a grigliato e posatoi e zona nidi Fondazioni a plinti e travi di collegamento in calcestruzzo armato; struttura portante prefabbricata con pilastri, travi e arcarecci in profilati d'acciaio zincato; manto di copertura in pannelli isolanti autoportanti tipo sandwich spessore 60 mm; tamponamenti perimetrali in blocchi cavi di calcestruzzo leggero facciavista spessore 0,25 m Pieno in calcestruzzo ovaiole Unità produzione calore 106,2 hpu (1) Portata di ventilazione Massima = m 3 /h; minima = m 3 /h Superficie coperta Superficie di stabulazione Alimentazione Abbeverata Illuminazione Ventilazione Riscaldamento Raccolta uova 0,1307 m 2 /capo 0,1112 m 2 /capo (esclusi nidi) Impianto automatico per alimentazione secca in mangiatoie circolari; potenza installata totale di 5 kw Impianto idrico completo per acqua di lavaggio e per alimentazione abbeveratoi automatici del tipo a goccia con vaschetta salvagoccia 56 punti luce del tipo a plafoniera contenente tubo fluorescente da 58 W (illuminamento medio di 73,5 lux); potenza totale installata di 3,248 kw Naturale con sistema automatico di regolazione dell'apertura delle finestre e del cupolino; potenza installata di 2,96 kw per sala (8 motori da 0,37 kw ciascuno). Variante: artificiale con impianto automatico in estrazione trasversale da entrambe le pareti laterali; potenza totale installata di 4,2 kw (14 ventilatori da 0,3 kw ciascuno) Non presente Impianto automatico per il convogliamento delle uova deposte nei nidi nel locale specifico di raccolta, mediante nastri trasportatori mossi da motori elettrici; potenza totale installata di 3 kw Rimozione effluenti Rimozione lettiera a fine ciclo mediante mezzi meccanici (1) hpu = heat producing unit. Un hpu è l insieme di animali che produce W di calore totale alla temperatura dell aria di 20 C. Schede tecniche progetti ricoveri.pdf 8

9

10

11

12

13

14

15

16

Efficientamento energetico degli allevamenti zootecnici

Efficientamento energetico degli allevamenti zootecnici VALUTATI DAL CRPA 18 INTERVENTI PER IL COMPARTO SUINO, BOVINO E AVICOLO Efficientamento energetico degli allevamenti zootecnici Nel settore zootecnico sono possibili ampi margini di miglioramento in termini

Dettagli

Città di Fiumicino (Provincia di Roma

Città di Fiumicino (Provincia di Roma COMUNICAZIONE SEMPLIFICATA 1 per aziende con produzione/utilizzazione al campo di azoto da effluenti di allevamento compresa tra 3.001 e 6.000 Kg/anno e per le aziende di cui al D. Lgs. n. 152/2006, art.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PER L UTILIZZO DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI IN AGRICOLTURA A chi deve essere inviata la comunicazione 1. La comunicazione deve essere inviata: a) al Comune

Dettagli

L innovazione tecnologica in suinicoltura. Area Forum Italpig Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona. Paolo Rossi. Workshop

L innovazione tecnologica in suinicoltura. Area Forum Italpig Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona. Paolo Rossi. Workshop L innovazione tecnologica in Workshop Area Forum Italpig Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona Venerdì 30 ottobre 2015 Ore 15:45 Paolo Rossi C.R.P.A. S.p.A. di Reggio Emilia Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

Fabbricati rurali. 18.1 Ricoveri per bovini. Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati. 18.1.1 Bovini da latte. Stabulazione fissa

Fabbricati rurali. 18.1 Ricoveri per bovini. Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati. 18.1.1 Bovini da latte. Stabulazione fissa 18 Fabbricati rurali Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati 18.1 Ricoveri per bovini 18.1.1 Bovini da latte Stabulazione fissa Nella stabulazione fissa gli animali sono legati alla mangiatoia.

Dettagli

PROGETTO DI ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO SUINICOLO

PROGETTO DI ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO SUINICOLO PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI LESEGNO PROGETTO DI ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO SUINICOLO TRE GIGLI Società Agricola di Gilioli Cristina, Luca e Simone s.s. Allevamento di Lesegno (CN) -

Dettagli

Mangiatoie differenziate a seconda delle loro funzioni

Mangiatoie differenziate a seconda delle loro funzioni Mangiatoie differenziate a seconda delle loro funzioni Le modalità di distribuzione del nutrimento influenzano in modo decisivo performance e salute degli animali. Paolo Rossi, del Crpa, illustra un ampio

Dettagli

01 Az. Agr. Le Albare di Maggiolo Matteo 02 Az. Agr. Sulky s.r.l. 03 Marin Felice e Luigino 04 Az. Agr. Bucera s.s. 05a Bovino Carlo 05b Bovino

01 Az. Agr. Le Albare di Maggiolo Matteo 02 Az. Agr. Sulky s.r.l. 03 Marin Felice e Luigino 04 Az. Agr. Bucera s.s. 05a Bovino Carlo 05b Bovino ELENCO ALLEVAMENTI ZOOTECNICI SCHEDATI 01 Az. Agr. Le Albare di Maggiolo Matteo 02 Az. Agr. Sulky s.r.l. 03 Marin Felice e Luigino 04 Az. Agr. Bucera s.s. 05a Bovino Carlo 05b Bovino Giorgio 06 Brolese

Dettagli

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali Seminario Pavimentazioni innovative nelle stalle per vacche da latte Aspetti tecnici, sanitari ed economici e confronto con soluzioni tradizionali e impostazione prove Alessandro Gastaldo, CRPA - Reggio

Dettagli

ANALISI SULLE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ALLEVAMENTO BOVINO

ANALISI SULLE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ALLEVAMENTO BOVINO ANALISI SULLE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ALLEVAMENTO BOVINO Quanto costa costruire le diverse tipologie di stalla I costi di costruzione delle stalle variano da circa 2.000 euro/capo per i bovini da ingrasso

Dettagli

Il biogas negli allevamenti zootecnici

Il biogas negli allevamenti zootecnici Il biogas negli allevamenti zootecnici SEMINARIO Sostenibilità economica ed ambientale del biogas negli allevamenti Nicola Labartino CRPA SpA Martedì 10 giugno 2014 Agriturismo del Papa Pozza di Maranello

Dettagli

Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte

Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte In collaborazione con: Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte Gabriele Mattachini, Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA) Università

Dettagli

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma IN AZIENDE CON VACCHE DA LATTE LOMBARDE STRUTTURE DI STALLA Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma Delle oltre 2.000 aziende esaminate il 4,7% utilizza pavimenti in gomma. Impiegato principalmente

Dettagli

Convegno S.A.T.A. Suini

Convegno S.A.T.A. Suini Convegno S.A.T.A. Suini L autorizzazione Integrata Ambientale : opportunità e difficoltà Un esperienza Pilota SATA Suini: la misura delle emissioni di ammoniaca e metano in alcune realtà operative lombarde

Dettagli

Fondazione CRPA Studi e Ricerche TABELLE. DOC-2012-0193/5.2.9 PAR, ALG ReSole_10.pdf Rev.0 23/02/2012 1 di 5

Fondazione CRPA Studi e Ricerche TABELLE. DOC-2012-0193/5.2.9 PAR, ALG ReSole_10.pdf Rev.0 23/02/2012 1 di 5 TABELLE DOC-2012-0193/5.2.9 PAR, ALG ReSole_10.pdf Rev.0 23/02/2012 1 di 5 Tabella 1 Consumi energetici medi del campione di aziende suinicole dell'indagine analitica per fonte energetica e per tipologia

Dettagli

COSTRUZIONI E IMPIANTI PER L AGRICOLTURA

COSTRUZIONI E IMPIANTI PER L AGRICOLTURA Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari Dati caratteristici del ciclo riproduttivo delle pecore durata ciclo estrale: 17 gg durata

Dettagli

CONTROLLO AMBIENTALE IN SITUAZIONE INVERNALE

CONTROLLO AMBIENTALE IN SITUAZIONE INVERNALE CONTROLLO AMBIENTALE IN SITUAZIONE INVERNALE L isolamento termico in periodo invernale permette di limitare la dispersione del calore verso l esterno e di mantenere le condizioni microclimatiche a livelli

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI ZOOTECNICI

SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI ZOOTECNICI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE P.zza Europa 10 45100 ROVIGO SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI ZOOTECNICI NOTIFICA INIZIO ATTIVITA (ART.48 D.P.R. 303/56) NUOVA COSTRUZIONE CONCESSIONE EDILIZIA PER: AMPLIAMENTO

Dettagli

L allevamento del suino all aperto

L allevamento del suino all aperto L allevamento del suino all aperto Tecniche di allevamento CERATI CARLO 28 giugno 06 Perché scegliere l allevamento all aperto Emanazione di norme sempre più restrittive sul benessere animale e la gestione

Dettagli

Ordinanza del DFE concernente i sistemi di stabulazione particolarmente rispettosi degli animali

Ordinanza del DFE concernente i sistemi di stabulazione particolarmente rispettosi degli animali Ordinanza del DFE concernente i sistemi di stabulazione particolarmente rispettosi degli animali (Ordinanza SSRA) Modifica del 15 dicembre 2004 Il Dipartimento federale dell economia ordina: I L ordinanza

Dettagli

animale, che possono comportare anche un aumento della superficie di allevamento. L insediamento mantiene la qualifica di allevamento esistente.

animale, che possono comportare anche un aumento della superficie di allevamento. L insediamento mantiene la qualifica di allevamento esistente. Punto 5): modalità di realizzazione degli allevamenti zootecnici intensivi e la definizione delle distanze sulla base del tipo e dimensione dell allevamento rispetto alla qualità e quantità di inquinamento

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO EDILIZIO EX CPTA DI VIA NAPOLEONE COLAJANNI IN RAGUSA, DA ADIBIRE A CENTRO POLIFUNZIONALE PER L'INSERIMENTO SOCIALE E LAVORATIVO

Dettagli

PROGETTO NITRANT 2014 VISITA TECNICA ALL AZIENDA AGRICOLA BENNATI SAN CANZIAN D ISONZO (GO) 19 NOVEMBRE 2015

PROGETTO NITRANT 2014 VISITA TECNICA ALL AZIENDA AGRICOLA BENNATI SAN CANZIAN D ISONZO (GO) 19 NOVEMBRE 2015 PROGETTO NITRANT 2014 VISITA TECNICA ALL AZIENDA AGRICOLA BENNATI SAN CANZIAN D ISONZO (GO) 19 NOVEMBRE 2015 FOCUS: LA DIGESTIONE ANAEROBICA A SECCO Pubblicazione realizzata da Veneto Agricoltura, Settore

Dettagli

PROGETTO DI ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO SUINICOLO

PROGETTO DI ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO SUINICOLO PROGETTO DI ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE DI ALLEVAMENTO SUINICOLO TRE GIGLI Società Agricola di Gilioli Cristina, Luca e Simone s.s. Allevamento di Lesegno (CN) - Regione Castelletto n 1 SINTESI NON

Dettagli

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine Descrizione Generale del Sito L allevamento è situato in zona a destinazione agricola (vedere classificazione

Dettagli

Prof. Matteo Barbari Direttore Dipartimento di Ingegneria Agraria e Forestale Università degli Studi di Firenze

Prof. Matteo Barbari Direttore Dipartimento di Ingegneria Agraria e Forestale Università degli Studi di Firenze Prof. Matteo Barbari Direttore Dipartimento di Ingegneria Agraria e Forestale Università degli Studi di Firenze BENESSERE DEI BOVINI Sistema di valutazione e sostegno della Regione Emilia Romagna Reggio

Dettagli

SINTESI NON TECNICA. A.I.A. SOC. AGR. PICCOLO FONDO arl UBICATA NEL COMUNE DI CONCAMARISE

SINTESI NON TECNICA. A.I.A. SOC. AGR. PICCOLO FONDO arl UBICATA NEL COMUNE DI CONCAMARISE SINTESI NON TECNICA A.I.A. SOC. AGR. PICCOLO FONDO arl UBICATA NEL COMUNE DI CONCAMARISE DESCRIZIONE INTERVENTO L allevamento è ubicato nel comune di Concamarise via Fondo 16. I capannoni insistono sui

Dettagli

Questionario informativo per uno studio di fattibilità

Questionario informativo per uno studio di fattibilità Questionario informativo per uno studio di fattibilità 1 Anagrafica Ragione sociale Azienda: Indirizzo: Riferimento: Funzione aziendale: Telefono: Mobile: E-mail: Tipologia di azienda: agricola non agricola

Dettagli

FRESCO E CALDO: LE SCELTE VINCENTI DEGLI ALLEVATORI

FRESCO E CALDO: LE SCELTE VINCENTI DEGLI ALLEVATORI FRESCO E CALDO: LE SCELTE VINCENTI DEGLI ALLEVATORI Alcune soluzioni costruttive di successo adottate da tre allevamenti della cintura suinicola dell area padana. Dalla nebulizzazione alla goccia, dai

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2015/16

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2015/16 PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2015/16 GENIO RURALE Agraria, Agroalimentare e Agroindustria Articolazioni: Produzioni e trasformazioni Gestione dell ambiente e del territorio A072 DOCENTI: Altamura

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA

COMUNE DI DOMUS DE MARIA COMUNE DI DOMUS DE MARIA PROVINCIA DI CAGLIARI APPALTO DEI LAVORI DI BONIFICA DA AMIANTO DEI FABBRICATI UBICATI NELL'AZIENDA DOMUS AGROPASTORALE ALLEGATO 1 RELAZIONE TECNICA E FOTOGRAFICA IL PROGETTISTA

Dettagli

Pavimentazioni delle stalle

Pavimentazioni delle stalle STALLE A CUCCETTA PER VACCHE DA LATTE Istituto Tecnico Agrario Zanelli Reggio Emilia, 30 maggio 2007 Pavimentazioni delle stalle Dott. Agr. Paolo Ferrari Ufficio Edilizia I pavimenti devono fornire un

Dettagli

Classe A < 8 kwh/m 3 a. Nuova Palestra in Via Martiri della Libertà. Comune di Novi di Modena

Classe A < 8 kwh/m 3 a. Nuova Palestra in Via Martiri della Libertà. Comune di Novi di Modena Classe A < 8 kwh/m 3 a Nuova Palestra in Via Martiri della Libertà Comune di Novi di Modena UBICAZIONE: Provincia: Comune: Via: Coordinate (lat. Long.): Altitudine: Modena Novi Martiri della Libertà 44

Dettagli

I costi di costruzione dei ricoveri zootecnici I SUPPLEMENTI DI 32

I costi di costruzione dei ricoveri zootecnici I SUPPLEMENTI DI 32 ASSESSORATO AGRICOLTURA I SUPPLEMENTI DI 32 I costi di costruzione dei ricoveri zootecnici A cura di PAOLO ROSSI e ALESSANDRO GASTALDO Centro Ricerche Produzioni Animali, Reggio Emilia INDICE Introduzione/LE

Dettagli

Volumi di effluenti prodotti a livello aziendale

Volumi di effluenti prodotti a livello aziendale All. 2 al Report 5 Il Ministro delle politiche agricole ALLEGATO I Volumi di effluenti prodotti a livello aziendale I valori riportati nelle seguenti tabelle 1, 2 e 3 corrispondono a quelli riscontrati

Dettagli

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112 MASAJA - MASAJA INOX Le caldaie a legna MASAJA e MASAJA INOX possono essere alimentate con tronchetti di lunghezza massima, a seconda dei modelli, da 500 a 1.060 mm. Corpo caldaia costituito da due elementidi

Dettagli

Tecnologie per l allevamento dei suini. A cura di. e di elena contini - Redazione Agricoltura

Tecnologie per l allevamento dei suini. A cura di. e di elena contini - Redazione Agricoltura DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA, ECONOMIA ITTICA, ATTIVITà FAUNISTICO-VENATORIA I SUPPLEMENTI DI 53 Tecnologie per l allevamento dei suini A cura di MARIA TERESA TURCHI - Agen. Ter. Bologna e di elena contini

Dettagli

Progetto di impianto per la distribuzione automatica di fieno e mangime concentrato alle vacche da latte

Progetto di impianto per la distribuzione automatica di fieno e mangime concentrato alle vacche da latte Progetto di impianto per la distribuzione automatica di fieno e mangime concentrato alle vacche da latte Settori Edilizia e Meccanica del CRPA spa Introduzione L'automazione completa delle operazioni di

Dettagli

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO Per lo stato di salute dell animale Esame generale Auscultazione cuore e intestino Controllando: Esami del sangue Temperatura e peso Bocca

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 PREMESSE

Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 PREMESSE Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 TRATTAMENTO DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO: PERDITE DI AZOTO VOLATILE E CONTENUTO RESIDUO NELLE FRAZIONI PALABILE E NON PALABILE DEI MATERIALI TRATTATI

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO COMMERCIALE. Residenze in LAINATE via Rho. pag. 1

CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO COMMERCIALE. Residenze in LAINATE via Rho. pag. 1 CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO COMMERCIALE Residenze in LAINATE via Rho pag. 1 STRUTTURE - La struttura portante del fabbricato è costituita da un intelaiatura di travi e pilastri in cemento armato gettati

Dettagli

REGISTRO DELLE LEZIONI 2005/2006. Tipologia. Addì 13-10-2005. Tipologia. Addì 25-10-2005. Tipologia. Addì 08-11-2005

REGISTRO DELLE LEZIONI 2005/2006. Tipologia. Addì 13-10-2005. Tipologia. Addì 25-10-2005. Tipologia. Addì 08-11-2005 Introduzione al corso - Importanza dell'alimentazione per le specie di interesse zootecnico - Significato di Alimenti e loro principali caratteristiche - Il valore nutritivo Strategie alimentari e tecniche

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NEL COMPARTO ZOOTECNICO

L EFFICIENZA ENERGETICA NEL COMPARTO ZOOTECNICO L EFFICIENZA ENERGETICA NEL COMPARTO ZOOTECNICO Analisi dei consumi energetici e miglioramento delle performance di efficienza energetica in alcune tipologie di allevamento U. DE CORATO, F.A. CANCELLARA

Dettagli

6.3 GESTIONE DELL ALIMENTAZIONE I principali aspetti di interesse dal punto di vista della sicurezza relativi all alimentazione dell animale sono da

6.3 GESTIONE DELL ALIMENTAZIONE I principali aspetti di interesse dal punto di vista della sicurezza relativi all alimentazione dell animale sono da 6.3 GESTIONE DELL ALIMENTAZIONE I principali aspetti di interesse dal punto di vista della sicurezza relativi all alimentazione dell animale sono da riferirsi essenzialmente alle fasi di: stoccaggio e

Dettagli

COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO

COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO Cod. Mod. PAMRF22C.rtf 06/2003 COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO Art. 5 comma 3 e 5 Allegato D del P.R.R.A, modificato con D.G.R. n. 3733/92

Dettagli

Scrofe artificiali in sala parto

Scrofe artificiali in sala parto Ps_interno_Ps_interno_04-48 14/06/11 15.12 Pagina 4 SERVIZIO AZIENDE IN PRIMA PAGINA di Luca Acerbis ALLEVAMENTO CAULA Scrofe artificiali in sala parto Ottimi risultati e lavori in corso per ampliare il

Dettagli

Recuperatori di calore

Recuperatori di calore Recuperatori di calore URC-EC Air Control Srl via Luigi Biraghi 33-2159 Milano Tel +39 2482147 Fax +39 2482981 P.Iva 48532969 Recuperatori di calore CARATTERISTICHE GENERALI STRUTTURA alluminio e pannelli

Dettagli

COPERTURA MOBILE MOTORIZZATA (Certificata) Versione a taglio termico (pag. 13)

COPERTURA MOBILE MOTORIZZATA (Certificata) Versione a taglio termico (pag. 13) I MOTORIZZATA (Certificata) Versione a taglio termico (pag. 13) 143 DESCRIZIONE TECNICA Le Coperture Mobili SUNROOM sono costruite sempre su misura e sono composte da una struttura modulare in alluminio

Dettagli

Capannoni Prefabbricati

Capannoni Prefabbricati Capannoni Prefabbricati - Componenti impiegati - Attrezzature primarie - Fasi di montaggio - Alcune realizzazioni SKA spa via Agosta, 3-36066 Sandrigo (VI) - Italy - Tel. + 39 0444 659700 - Fax + 39 0444

Dettagli

Agroenergie Bergamasche s.c.a.

Agroenergie Bergamasche s.c.a. Agroenergie Bergamasche s.c.a. Come adeguarsi alla Normativa Nitrati producendo reddito. Dott. Agronomo Emanuele Cattaneo Decreto Interministeriale del 07 aprile 2006. Delibera della Giunta Regionale del

Dettagli

RESIDENZA PARADISO APPARTAMENTO 02 GERRA GAMBAROGNO

RESIDENZA PARADISO APPARTAMENTO 02 GERRA GAMBAROGNO RESIDENZA PARADISO APPARTAMENTO 02 GERRA GAMBAROGNO Via Trevani 1 www.multimmobiliare.ch Tel. 091 826 21 40 6600 Locarno info@multimmobiliare.ch Fax 091 826 12 76 2 UBICAZIONE La (mappali n 144 145) si

Dettagli

Impianti di riscaldamento convenzionali

Impianti di riscaldamento convenzionali Impianti di riscaldamento convenzionali convenzionale Impianti di riscaldamento Schema di un impianto con caldaia Combustibile Generazione regolazione emissione Carichi termici Distribuzione Impianti di

Dettagli

Allegato A5. Tabella A

Allegato A5. Tabella A Tabella A Si riporta nella tabella che segue, in relazione alla specie allevata e alla tipologia di ed in conformità al DM del 7 aprile 2006 e alla DGR della Campania n. 583 del 2.08.2010 per l bufalino:

Dettagli

Indice degli argomenti

Indice degli argomenti Carichi Termici Indice degli argomenti CARICHI TERMICI Scopo del calcolo dei carichi termici Tipologie di carichi Isolanti termici Infiltrazioni 2 Fase progettuale Valutazione di un impianto esistente

Dettagli

Titolo della Misura Benessere animale. Codice misura 215. Articoli di riferimento Art. 40 comma 2 del Regolamento (CE) 1698/2005

Titolo della Misura Benessere animale. Codice misura 215. Articoli di riferimento Art. 40 comma 2 del Regolamento (CE) 1698/2005 Misura 2.1.5 enessere degli animali Titolo della Misura enessere animale Codice misura 215 Articoli di riferimento Art. 40 comma 2 del Regolamento (CE) 1698/2005 Motivazioni dell intervento L analisi territoriale

Dettagli

Allevamento del pollo da carne. Accrescimento. Accrescimento Ingrasso

Allevamento del pollo da carne. Accrescimento. Accrescimento Ingrasso Pollo013-1 Allevamento del pollo da carne Fase calda Accrescimento I pulcini non sono in grado di termoregolarsi fino alla 4 a -5 a settimana fase fredda Accrescimento Ingrasso Condizioni ottimali durante

Dettagli

Le innovazioni di oggi per l azienda da latte del domani

Le innovazioni di oggi per l azienda da latte del domani Convegno Fieragricola, Verona Innovazione e tecnologia: così sarà l azienda da latte nel 2030 I risultati del progetto Innova Latte giovedì 2 febbraio 2012, ore 15 - Sala Puccini di oggi per l azienda

Dettagli

L.R. 40/98 e s.m.i. tipologia progettuale 17 allegato A2 tipologia progettuale 1 allegato B2 INSEDIAMENTI ZOOTECNICI. (Versione 29.07.

L.R. 40/98 e s.m.i. tipologia progettuale 17 allegato A2 tipologia progettuale 1 allegato B2 INSEDIAMENTI ZOOTECNICI. (Versione 29.07. L.R. 40/98 e s.m.i. tipologia progettuale 17 allegato A2 tipologia progettuale 1 allegato B2 INSEDIAMENTI ZOOTECNICI (Versione 29.07.2004) 1 SOMMARIO Premessa pag. 4 1. Definizioni pag. 5 2. Area di insediamento

Dettagli

Migliori Pratiche Nei capannoni da riproduzione. Prevenire le uova a terra

Migliori Pratiche Nei capannoni da riproduzione. Prevenire le uova a terra Migliori Pratiche Nei capannoni da riproduzione Prevenire le uova a terra Migliori Pratiche Nei capannoni da riproduzione Prevenire le uova a terra Perché le uova a terra sono un problema? Le uova deposte

Dettagli

PER IL BENESSERE DELL ANIMALE

PER IL BENESSERE DELL ANIMALE PER IL BENESSERE DELL ANIMALE L allevamento biologico dei suini può avvenire in porcilaia o all aperto qualora si disponga di ampie superfici altrimenti improduttive. Le porcilaie per il biologico sono

Dettagli

Soffitto Dati Tecnici Prodotto CV18 NJ2

Soffitto Dati Tecnici Prodotto CV18 NJ2 Via DELL UNIONE EUROPEA,6 20097 San Donato Milanese (MI) Tel.02518011- Fax 0251801.500 Soffitto Dati Tecnici Prodotto 1 Egregi Signori, Vi inviamo la presentazione tecnica relativa all unità interna convertibile

Dettagli

Direttiva Nitrati. Linee guida Tutto quello che devono fare gli agricoltori lombardi a partire dal mese di settembre 2008

Direttiva Nitrati. Linee guida Tutto quello che devono fare gli agricoltori lombardi a partire dal mese di settembre 2008 Direttiva Nitrati www.tipograf.it Linee guida Tutto quello che devono fare gli agricoltori lombardi a partire dal mese di settembre 2008 www.agricoltura.regione.lombardia.it Sommario Premessa 1 POA e PUA

Dettagli

e unità canalizzabili della serie recuperare il calore dall aria di espulsione La serie Energy prevede

e unità canalizzabili della serie recuperare il calore dall aria di espulsione La serie Energy prevede Energy Recuperatore L e unità canalizzabili della serie Energy sono state studiate per permettere un risparmio energetico negli impianti di ventilazione di locali pubblici e privati quali bar, ristoranti,

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO REHAU VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA

CAPITOLATO D APPALTO REHAU VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CAPITOLATO D APPALTO REHAU VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA REHAU S.p.A. Filiale di Milano Via XXV Aprile 54 Cambiago (MI) Telefono 02 9594.11 Fax 02 95941250 www.rehau.com Sede legale: Via XXV Aprile

Dettagli

TTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2008/120/CE (Dlgs 122/2011) norme minime per la protezione dei suini

TTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2008/120/CE (Dlgs 122/2011) norme minime per la protezione dei suini ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2008/120/CE (Dlgs 122/2011) norme minime per la protezione dei suini Esperienze sul territorio dell Azienda USL di Modena Dott.ssa Giovanna Trambajolo Dott Luca Ferri Dott.ssa

Dettagli

ALLEVAMENTO AVICOLO. Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne

ALLEVAMENTO AVICOLO. Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne ALLEVAMENTI AVICOLI ALLEVAMENTO AVICOLO Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne Possono essere di tipo: -Tradizionale - Intensivo

Dettagli

Impianti ed accessori per la moderna zootecnia

Impianti ed accessori per la moderna zootecnia Settore Zootecnia Impianti ed accessori per la moderna zootecnia Specialisti dal 1955 Progetti su misura Pianificazione Grande esperienza La OMV è un azienda all avanguardia, specializzata nell offrire

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 Reg (CE) n. 1698/2005

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 Reg (CE) n. 1698/2005 Direzione Generale Agricoltura FEASR PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 Reg (CE) n. 1698/2005 ALLEGATO N. 2 alla Misura 215 Pagamenti per il benessere animale BUONA PRATICA ZOOTECNICA E AREE DI VALUTAZIONE

Dettagli

SINTESI NON TECNICA A.I.A. ALLEVAMENTO ZOOTECNICO PO3 ubicato nel comune di Taglio di Po

SINTESI NON TECNICA A.I.A. ALLEVAMENTO ZOOTECNICO PO3 ubicato nel comune di Taglio di Po SINTESI NON TECNICA A.I.A. ALLEVAMENTO ZOOTECNICO PO3 ubicato nel comune di Taglio di Po Oggetto di valutazione è l'ampliamento di un allevamento zootecnico intensivo di avicoli allevati su lettiera permanente.

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO NELL ESPERIENZA OLANDESE

IL RISPARMIO ENERGETICO NELL ESPERIENZA OLANDESE IL RISPARMIO ENERGETICO NELL ESPERIENZA OLANDESE Dall obbligo di installare impianti di filtraggio dell aria è nata una tecnologia innovativa che consente un forte contenimento dei costi generando benessere

Dettagli

LA TUA CASA IN CLASSE A+ QUALITÀ DELL ABITARE ED EFFICIENZA ENERGETICA

LA TUA CASA IN CLASSE A+ QUALITÀ DELL ABITARE ED EFFICIENZA ENERGETICA SOLaria LA TUA CASA IN CLASSE A+ QUALITÀ DELL ABITARE ED EFFICIENZA ENERGETICA EDIFICIO AD ENERGIA QUASI ZERO A partire dal 2021 tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno essere realizzati ad energia

Dettagli

POZZATO Geom. Gabriele POZZATO Geom. Fabio Gavello (RO) Via F. Cavallotti, 19 Partita IVA 01311480295

POZZATO Geom. Gabriele POZZATO Geom. Fabio Gavello (RO) Via F. Cavallotti, 19 Partita IVA 01311480295 STUDIO TECNICO POZZATO PROGETTI POZZATO Geom. Gabriele POZZATO Geom. Fabio Gavello (RO) Via F. Cavallotti, 19 Partita IVA 01311480295 Oggetto: Realizzazione ed ampliamento ai sensi del Piano Casa di capannoni

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA relativa alla realizzazione di un allevamento suinicolo stabulato, a ciclo chiuso, per l ingrasso dei suini nati da 100 scrofe. Giommetti Luca Committenza: Soc.tà Giommetti

Dettagli

PROCEDURA APPLICATIVA DOCUME TAZIO E PRATICHE EDILIZIE I SEDIAME TI ZOOTEC ICI

PROCEDURA APPLICATIVA DOCUME TAZIO E PRATICHE EDILIZIE I SEDIAME TI ZOOTEC ICI PROCEDURA APPLICATIVA DOCUME TAZIO E PRATICHE EDILIZIE I SEDIAME TI ZOOTEC ICI Elaborati grafici in scala 1:2000 1:500 1:100 in duplice copia; Scheda sezione 1 - consistenza/capienza dell allevamento;

Dettagli

AUDIT ENERGETICO EDIFICIO SCOLASTICO

AUDIT ENERGETICO EDIFICIO SCOLASTICO FASE 1a bollette e planimetrie AUDIT ENERGETICO EDIFICIO SCOLASTICO Scheda raccolta dati bollette del gas Inserire nelle caselle della tabella i dati di consumo di m 3 di gas metano per ciascuno dei mesi

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA IN ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DI CUI AL D.lgs. N.267 DEL 29.07.2003

RELAZIONE DESCRITTIVA IN ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DI CUI AL D.lgs. N.267 DEL 29.07.2003 OGGETTO: Adeguamento tecnologico dello stabile adibito ad allevamento avicolo, sito in Comune di Sassocorvaro (PU), Fraz. Caprazzino località Foglia, per conto della Società Agricola AZIENDA AGRICOLA MADONNA

Dettagli

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO Capitolato delle opere Premessa Il complesso e costituito da tre edifici a destinazione residenziale, di 2 piani fuori terra e da un piano interrato adibito

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI Dimensioni edificio - Volume: mc. 35.000 - Superficie: mq. 4.537 Autorimessa - Superficie: mq. 970 - Altezza: mt. 3,70 - Interrata con n 32 posti auto. Hall d ingresso

Dettagli

Recuperatori di calore

Recuperatori di calore Recuperatori di calore URC-DOMO UNITA DI RECUPERO CALORE AD ALTA EFFICIENZA Air Control Srl via Luigi Biraghi 33-20159 Milano Tel +39 0245482147 Fax +39 0245482981 P.Iva 04805320969 Recuperatori di calore

Dettagli

Chiusure verticali. (Chiusure con intercapedine)

Chiusure verticali. (Chiusure con intercapedine) Chiusure verticali (Chiusure con intercapedine) generalità tamponamenti perimetrali infissi esterni attrezzature di completamento Sistemi in grado di regolare il rapporto tra le situazioni ambientali,

Dettagli

Per la gestione dei reflui nelle stalle

Per la gestione dei reflui nelle stalle PECIALE VALUTAZIONE U DIVERE TIPOLOGIE DI TALLA Quanto costa ogni anno la gestione delle deiezioni Il costo totale annuo di esercizio per la gestione dei reflui oscilla tra. euro della stalla a cuccette

Dettagli

FABBRICATI AD USO AGRICOLO Allevamenti zootecnici e stabilimenti di produzione di alimenti di origine animale

FABBRICATI AD USO AGRICOLO Allevamenti zootecnici e stabilimenti di produzione di alimenti di origine animale FABBRICATI AD USO AGRICOLO Allevamenti zootecnici e stabilimenti di produzione di alimenti di origine animale RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI Lavorazioni insalubri Stalle e concimaie Utilizzazione agronomica

Dettagli

Copcal KDS-FW5. essiccatoio per legna da ardere

Copcal KDS-FW5. essiccatoio per legna da ardere Copcal KDS-FW5 essiccatoio per legna da ardere Copcal KDS-FW5 Legna da ardere secca e di alta qualità La legna da ardere è un ottimo combustibile sempre più richiesto per il riscaldamento di abitazioni

Dettagli

Categoria animale e tipologia di stabulazione (kg/capo) (m3/t p.v. / anno) (t/t p.v. / a ) (m3/t p.v. / a) (kg/t p.v. /giorno)

Categoria animale e tipologia di stabulazione (kg/capo) (m3/t p.v. / anno) (t/t p.v. / a ) (m3/t p.v. / a) (kg/t p.v. /giorno) SUINI RIPRODUZIONE Scrofe (160-200 kg) in gestazione in box multiplo senza corsia di defecazione esterna: 180 pavimento pieno, lavaggio ad alta pavimento parzialmente fessurato (almeno 1,5 m di larghezza)

Dettagli

Sostenibilità economica di modelli innovativi di porcilaie da ingrasso

Sostenibilità economica di modelli innovativi di porcilaie da ingrasso Fondazione CRPA Studi Ricerche (FCSR) Viale Timavo 43/2 Reggio Emilia Sito internet. www.crpa.it Opportunità economiche per una suinicoltura innovativa e sostenibile Alessandro Gastaldo a.gastaldo@crpa.it

Dettagli

COMPRESSIONE ELICOIDALE della ditta Chior Meccanica

COMPRESSIONE ELICOIDALE della ditta Chior Meccanica UNIVERSITÀ DEGLI S TUDI DI T ORINO DEIAFA Dipartimento di ECONOMIA E INGEGNERIA AGRARIA, FORESTALE E AMBIENTALE SEZIONE DI MECCANICA Via L. da Vinci, 44-195 Grugliasco - TO Segreteria +39-11-67859 FAX

Dettagli

AUTORIZZAZIONE AMBIENTALE INTEGRATA (art. 29 ter D.Lgs. 152/2006) Allegato n. 3. Sintesi non tecnica. Azienda Agricola F.lli Giacomini e C. S.S.

AUTORIZZAZIONE AMBIENTALE INTEGRATA (art. 29 ter D.Lgs. 152/2006) Allegato n. 3. Sintesi non tecnica. Azienda Agricola F.lli Giacomini e C. S.S. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNI DI BUJA E TREPPO GRANDE AUTORIZZAZIONE AMBIENTALE INTEGRATA (art. 29 ter D.Lgs. 152/2006) Allegato n. 3 Sintesi non tecnica Azienda Agricola

Dettagli

Rilevazioni consumi. L Agenda. SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto SCUOLE

Rilevazioni consumi. L Agenda. SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto SCUOLE L Agenda SCUOLE Rilevazioni SCHEDE DI RILEAVAZIONE Scheda Istituto Scheda aula Come articolare la scheda. Uno schema aperto Ing. Antonio Smaldore ACLI Anni Verdi Regionale schede rilevazioni P.I. Gino

Dettagli

GENERATORI D ARIA GBI/GBO

GENERATORI D ARIA GBI/GBO DESCRIZIONE PER CAPITOLATO I generatori d aria calda GBI e GBO sono costituiti da un telaio in alluminio e da una pannellatura esterna in lamiera preverniciata: i pannelli sono isolati all interno con

Dettagli

Norbert Dalsass. Maso Lampele. Novacella

Norbert Dalsass. Maso Lampele. Novacella Norbert Dalsass Maso Lampele Novacella _1 La corte interna che si viene a creare tra due dei 3 copri di fabbrica grazie alla posizione trasversale degli stessi. Sulla destra, il corpo di fabbrica più a

Dettagli

Vulcan Pro. Le unità di trattamento aria Vulcan Pro sono costruite. Unità di Trattamento Aria

Vulcan Pro. Le unità di trattamento aria Vulcan Pro sono costruite. Unità di Trattamento Aria Vulcan Pro Unità di Trattamento Aria Le unità di trattamento aria Vulcan Pro sono costruite in conformità alle normative e direttive Europee e sono adatte a soddisfare tutte le esigenze progettuali degli

Dettagli

INTRODUZIONE I monoblocchi serie 1001 sono stati progettati per occupare il minor spazio di trasporto possibile, in quanto possono essere abbattuti

INTRODUZIONE I monoblocchi serie 1001 sono stati progettati per occupare il minor spazio di trasporto possibile, in quanto possono essere abbattuti 2 INTRODUZIONE I monoblocchi serie 1001 sono stati progettati per occupare il minor spazio di trasporto possibile, in quanto possono essere abbattuti durante il trasporto in pacchi di altezza massima pari

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA CASA EX-NORBIATO PRESSO LA DISCARICA DI PONTE SAN NICOLO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA CASA EX-NORBIATO PRESSO LA DISCARICA DI PONTE SAN NICOLO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA CASA EX-NORBIATO PRESSO LA DISCARICA DI PONTE SAN NICOLO I lavori indicati in questa relazione riguardano la ristrutturazione di un fabbricato

Dettagli

Multi Heat - Solo Innova

Multi Heat - Solo Innova Multi Heat - Solo Innova Caldaie per biocombustibili ad alta efficienza Indice Caldaie a biocombustibile 3 Multi Heat 4 Solo Innova 6 Dati tecnici 8 Consumi-Aspetti Economici 10 2 Multi Heat - Solo Innova

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEL FARMACO

Dettagli

Azienda... Indirizzo:. comune:... Legale Rappresentante..

Azienda... Indirizzo:. comune:... Legale Rappresentante.. Al Distretto Veterinario ASL di Mantova SCHEDE PER LA VALUTAZIONE, IN FASE DI PARERE SU PROGETTO DI STRUTTURE ZOOTECNICHE, DEI REQUISITI STRUTTURALI E GESTIONALI LEGATI AL BENESSERE SUINO Studio Tecnico..

Dettagli

CONSUMI ENERGETICI NEGLI ALLEVAMENTI

CONSUMI ENERGETICI NEGLI ALLEVAMENTI CONSUMI ENERGETICI NEGLI ALLEVAMENTI Nel comparto agricolo, come negli altri settori produttivi, il tema dell'energia, dei suoi consumi e delle relative fonti di approvvigionamento sta assumendo, con il

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE EDILIZIE

DESCRIZIONE DELLE OPERE EDILIZIE OGGETTO: Adeguamento tecnologico di una porzione dello stabile adibito ad allevamento avicolo, sito in Comune di Sassocorvaro (PU), località Foglia, per conto della Società Agricola MADONNA DEL PIANO di

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

MHD Unità terminali di trattamento aria idroniche canalizzabili

MHD Unità terminali di trattamento aria idroniche canalizzabili Caratteristiche tecniche e costruttive Unità Base - Struttura portante realizzata in lamiera zincata di spessore mm. - Batteria di scambio termico in tubo di rame con alette in alluminio a pacco continuo

Dettagli