Progetto sperimentale Ecce per la formazione a distanza del medico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto sperimentale Ecce per la formazione a distanza del medico"

Transcript

1 bollettino d informazione sui farmaci 13 Progetto sperimentale Ecce per la formazione a distanza del medico Dal 1 marzo 2005 è disponibile on line (http://aifa.ecce.minsa.it) per tutti i medici italiani, il progetto di formazione a distanza Ecce (Educazione continua Clinical Evidence) sperimentale e gratuito. Disegnato e proposto dall AIFA, ha ottenuto la possibilità di avvio della sperimentazione dalla Commissione Nazionale ECM nel novembre 2003 e ora, grazie ai fondi messi a disposizione dall Ufficio Formazione continua del Ministero della Salute, è arrivato, dopo sei mesi di preparazione e di valutazione, alla fase operativa. L Editore Zadig e il Centro Cochrane Italiano sono rispettivamente il gestore della sperimentazione e il responsabile scientifico di Ecce, che si avvale del Comitato scientifico di Clinical Evidence. Introduzione Questa iniziativa è nata dall esperienza maturata dalla Direzione Generale della Valutazione dei Medicinali e della Farmacovigilanza (ora Agenzia Italiana del Farmaco - AIFA) con il programma di informazione indipendente sui farmaci che ha visto tra l altro la pubblicazione dell edizione italiana di Clinical Evidence distribuita nel 2003 a medici, dopo che la prima edizione era stata valutata positivamente da un campione di per quanto riguarda l utilità e la rilevanza percepita delle informazioni contenute nel testo rispetto ai quesiti che il medico incontra nella propria pratica assistenziale. I dati rilevati dimostravano infatti l utilità dello strumento informativo per il medico e l utilizzo nella pratica clinica quotidiana 1. L informazione indipendente sul farmaco, ora continuata dall AIFA, ben si sposa con la necessità di una formazione a distanza altrettanto indipendente e autorevole. Per questi motivi è stato elaborato un progetto sperimentale di Educazione Continua in Medicina (ECM) che traesse sostanza dalle informazioni evidence based contenute in Clinical Evidence (box 1) e che rispondesse al quesito sulla trasferibilità delle prove di efficacia nella pratica clinica quotidiana 2. La filosofia del caso clinico Il sistema si rifà alla pratica quotidiana, grazie all uso del caso clinico. Si è pensato cioè che la riproduzione di un caso clinico riconducesse alla pratica quotidiana e fornisse quindi uno strumento di formazione ideale per il medico, come d altra parte indicato in letteratura da esperienze precedenti 3-6 : il medico, una volta registrato, potrà accedere alle fonti di Clinical Evidence (nella sua terza edizione italiana in uscita a maggio 2005) e poi affrontare un caso/percorso che si dipana in varie fasi, al termine di ciascuna delle quali l utente è posto di fronte a una domanda a risposta quintupla, nella maggior parte dei casi di tipo decisionale. In tal modo il medico si forma su dati di fatto (le prove evidence based fornite dalla letteratura analizzata da Clinical Evidence) calati però nella realtà professionale quotidiana. Le malattie o condizioni sono introdotte con brevi casi clinici da cui scaturiscono le domande, che in molti casi implicano scelte di comportamento: il medico deve decidere una strategia, confrontarsi poi con le prove di efficacia per capire se essa sia appropriata, e individuare i fattori da tenere in considerazione per orientarsi a volte tra due opzioni di teorica eguale efficacia ma di diversa appropriatezza date le caratteristiche del caso specifico. Proprio perché non finalizzate a una raccomandazione prescrittiva, le informazioni contenute in Clinical Evidence tengono conto in modo esplicito anche delle zone grigie di conoscenza in cui non si hanno certezze acquisite. D altra parte degli oltre 2000 interventi analizzati in Clinical Evidence solo il 15% è di provata efficacia, il 21% è probabilmente efficace, mentre circa la metà, il 47%, è di efficacia non nota per la mancanza di studi randomizzati o per i risultati contrastanti dei vari studi disponibili 7. Ogni caso è scritto da medici e passa attraverso un rigoroso sistema di referaggio prima della messa on line. I referee che sono i responsabili di sezione di Clinical Evidence devono compilare una scheda di referaggio che oltre all accettazione

2 14 Box1 CLINICAL EVIDENCE COME STRUMENTO PER LA FORMAZIONE A DISTANZA Clinical Evidence, pubblicato semestralmente dal BMJ Publishing Group, che ha concesso i diritti per l Italia all AIFA, raccoglie le prove di efficacia su oltre duemila interventi. L iniziativa italiana, originale e unica nel suo genere, sfrutta quattro caratteristiche di Clinical Evidence essenziali per una buona formazione del medico: 1. Autorevolezza di contenuti: tutte le informazioni del volume nascono da revisioni sistematiche della letteratura scientifica. Le risposte a ogni quesito relativo alla efficacia e al rischio di un intervento si basano su prove derivate da studi di cui è stata valutata a priori la qualità e l affidabilità metodologica. Da questa analisi non si vogliono far emergere linee guida vincolanti o specifiche raccomandazioni di comportamento pratico, ma si forniscono i dati per poter applicare caso per caso al singolo paziente la scelta terapeutica migliore. 2. Aggiornamento continuo: l edizione inglese di Clinical Evidence viene aggiornata ogni 6 mesi, rispondendo con ciò alle esigenze dell ECM, dato il rapido evolversi delle conoscenze in medicina. L educazione in medicina, proprio perché continua, deve, infatti, fornire al medico un flusso costante di informazioni, cambiamenti, aggiornamenti sulla base delle ricerche che vengono effettuate nel campo medico, tenendo però sempre presente la valutazione metodologica degli studi prima di condividerne i risultati. 3. Legame stretto con la clinica: il volume parte da quesiti clinici della pratica quotidiana e fornisce risposte che considerano esiti clinici e psicosociali rilevanti per il malato. Il testo mette in risalto i dati di efficacia di un intervento e la rilevanza clinica degli esiti studiati. Questo consente un tipo di formazione non nozionistica, fondata invece sulle decisioni cliniche, più utile al medico nell esercizio della sua attività assistenziale. 4. Disponibilità delle fonti: Clinical Evidence nell edizione cartacea concisa e nel full text in cd è stato distribuito a medici italiani, quindi rende immediatamente disponibile a tutti gli utilizzatori i testi o il materiale da leggere prima di sottoporsi ai quiz valutativi. A partire da maggio 2005, grazie ai fondi messi a disposizione dall AIFA, per tutti i medici sarà inoltre accessibile on line sul sito la terza edizione italiana di Clinical Evidence, e i medici di medicina generale riceveranno anche direttamente a casa il volume conciso aggiornato. o meno del caso stesso per la pubblicazione prevede la valutazione di tre parametri: verosimiglianza, qualità dei contenuti, aderenza alle informazioni evidence based di Clinical Evidence. Attualmente sono stati sottoposti a referaggio 40 casi, con il seguente esito: 97% accettati per la pubblicazione, 3% con cospicue revisioni; verosimiglianza buona o eccellente nel 78% dei casi, contenuti buoni o eccellenti nel 73% dei casi, coerenza con Clinical Evidence buona o eccellente nel 92% dei casi. Quando il sistema sarà a pieno regime saranno a disposizione 120 casi/percorsi. Attualmente ne sono disponibili 30, che verranno incrementati al ritmo di dieci al mese per i successivi 9 mesi del L obiettivo formativo nazionale fa riferimento all implementazione dell introduzione della medicina basata sulle prove di efficacia nella pratica assistenziale (Gruppo 1, lettera m), alla formazione finalizzata all utilizzo e all implementazione delle linee guida e dei percorsi diagnostico-terapeutici (Gruppo 2, lettera f) e ai percorsi diagnostico-terapeutici nella pratica della medicina generale (Gruppo 2, lettera p). Poiché i temi affrontati nei vari casi/percorsi spaziano tra le più diverse malattie (tabella I), all inizio di ogni singolo caso/percorso è indicato anche l obiettivo specifico per quel caso/percorso medesimo. Il sistema on line Per accedere al progetto Ecce e poter affrontare i casi proposti, basta avere a disposizione un normale computer (PC o Mac indifferentemente), una normale linea telefonica (non serve la banda larga o l antenna satellitare) e un collegamento a Internet. Il sistema è stato pensato infatti proprio per garantire un facile accesso, senza bisogno di tecnologia avanzata, non sempre disponibile. Il progetto Ecce (figura 1), del tutto gratuito, è accessibile on line nel sito internet oppure, grazie a un link diretto, dal sito dell AIFA (www.agenziafarmaco.it) o dal sito del Ministero della salute (www.ministerosalute.it). È aperto a tutti i medici, anche se è pensato con un occhio di riguardo per i medici di medicina generale. È per questo che prima di essere erogato on line è stato sottoposto al giudizio soprattutto ma non solo

3 bollettino d informazione sui farmaci 15 ANNO XII N Tabella I I casi clinici che saranno disponibili. Elenco degli argomenti che saranno oggetto di formazione nell ambito del progetto sperimentale Ecce. A questi vanno aggiunti 4 casi metodologici di primo e di secondo livello: Andrologia Disfunzione erettile Ipertrofia prostatica benigna Prostatite cronica Dermatologia Eczema atopico Herpes labiale Pediculosi del capo Psoriasi cronica a placche Scabbia Verruche non genitali Ematologia Linfoma non Hodgkin Endocrinologia Controllo della glicemia nel diabete Ipotiroidismo primario Obesità Piede diabetico Gastroenterologia Appendicite acuta Infezione da Helicobacter pylori Malattia diverticolare del colon Ragadi anali Reflusso gastro-esofageo Ginecologia Dismenorrea Mastodinia Menorragia Sindrome premestruale Lesioni trofiche delle gambe Piaghe da decubito Ulcere venose e vene varicose Malattie cardiovascolari Angina instabile Arteriopatia periferica Fibrillazione atriale acuta Infarto miocardico acuto Malattie cardiovascolari nel diabete Prevenzione secondaria della cardiopatia ischemica Scompenso cardiaco Tromboembolia Malattie infettive Candidosi vaginale Diarrea Gonorrea Herpes genitale Infezione da HIV Infezione meningococcica Infezioni delle vie respiratorie superiori Infezioni opportunistiche HIV-correlate Influenza Malaria: prevenzione nei viaggiatori Malattia di Lyme Trasmissione materno-fetale di HIV Tubercolosi Varicella Nefrologia Cistite ricorrente Insufficienza renale acuta Neurologia Apnea nel sonno Cefalea cronica di tipo tensivo Demenza Emicrania Epilessia Malattia di Parkinson Nevralgia del trigemino Nevralgia post erpetica Sclerosi multipla Trattamento e prevenzione dell ictus Oculistica Congiuntivite batterica Degenerazione maculare senile Glaucoma Herpes simplex oculare Retinopatia diabetica Odontoiatria Candidosi orofaringea Stomatite aftosa ricorrente Oncologia Cancro del colon-retto Cancro della mammella non metastatico Cancro della mammella metastatico Cancro dell ovaio Cancro del polmone Cancro della prostata non metastatico Cancro della prostata metastatico Cancro dello stomaco Melanoma maligno non metastatico Microcitoma polmonare Ortopedia Cervicalgia Distorsione di caviglia Dolore di spalla Ernia del disco Frattura dell anca Gomito del tennista Lombalgia e sciatalgia acuta Lombalgia e sciatalgia cronica Sindrome del tunnel carpale Ostetricia Nausea e vomito nel primo trimestre Preeclampsia e ipertensione Otorinolaringoiatria Malattia di Meniere Otite media cronica suppurativa Rinite allergica stagionale Sinusite acuta Pediatria Arresto cardiorespiratorio Asma Coliche del lattante Depressione Enuresi notturna Gastroenterite acuta Infezione delle vie urinarie Otite media acuta Stitichezza Pneumologia Asma Bronchite acuta Broncopneumopatia cronica ostruttiva Polmonite acquisita in comunità Psichiatria Anoressia nervosa Bulimia nervosa Disturbo bipolare Disturbi depressivi Disturbo d ansia generalizzato Disturbo di panico Disturbo ossessivo-compulsivo Schizofrenia Reumatologia Artrite reumatoide Artrosi Crampi alle gambe Tossicologia Intossicazione da paracetamolo

4 16 Figura 1 Home page del progetto Ecce. dei medici di medicina generale attraverso focus group e questionari on line (vedi Valutazione da parte dell utente). Il medico, dopo la compilazione di una scheda di registrazione e previa ID e PIN (fondamentali per identificare il singolo utente e tenere conto dei crediti formativi ottenuti dal medesimo), può accedere direttamente al sistema, scegliendo l argomento che vuole affrontare. Prima di accedere a un percorso l utente ne conosce la durata, il numero di crediti erogato (2 crediti per i percorsi lunghi che prevedono circa 2 ore di impegno e 10 quiz a risposta quintupla, 1 credito per i percorsi brevi che prevedono circa un ora di impegno e 5 quiz a risposta quintupla), le caratteristiche, la soglia di superamento (80% delle risposte corrette), le possibilità di sospensione del percorso che può essere ripreso in qualunque momento. Sono inoltre sempre a disposizione le norme generali che spiegano le regole del sistema e che è bene leggere le prime volte che si affronta Ecce. Le malattie/condizioni sono suddivise, per comodità dell utente, in 22 specialità più una sezione di Metodologia, del tutto innovativa, che consente di cimentarsi con casi statistici. Una volta letto il o i capitoli di Clinical Evidence relativi al caso prescelto, il medico si trova davanti un malato, descritto nei suoi dati essenziali e da qui inizia la storia che si dipana in momenti successivi, ponendo via via il medico di fronte a domande a risposta quintupla che sono parte integrante della storia del malato. Non c è quindi il classico questionario di fine corso, ma la parte valutativa è integrata nel sistema di apprendimento. Ogni volta che viene data una risposta viene indicato se è corretta o sbagliata ed è disponibile un approfondimento mirato per comprendere i motivi di una eventuale risposta scorretta. Terminato il percorso l utente sa in tempo reale il risultato della sua prova e acquisisce quindi i crediti relativi a tale caso/percorso, potendo stampare la attestazione dei crediti ottenuti. Una scheda personale, visibile on line solo dall utente, raccoglie tutti i dati del singolo medico che può così in qualunque momento conoscere la propria situazione riguardo all acquisizione dei crediti e ai percorsi superati, sospesi o da ritentare perché non superati con successo. Valutazione da parte dell utente Terminato il singolo percorso, il medico deve compilare il questionario ministeriale di soddisfazione da parte dell utente. Avrà però anche la possibilità di compilare un questionario ad hoc, più

5 bollettino d informazione sui farmaci 17 ANNO XII N centrato sulla qualità e sulla rilevanza delle informazioni percepite e soprattutto sulla loro trasferibilità nella pratica clinica. Oltre alla possibilità di indicare pregi e difetti del sistema. Ciò consentirà di raccogliere in tempo reale i commenti e le critiche e di migliorare in itinere il sistema, come avviene in ogni sperimentazione. In fase preparatoria, la valutazione del sistema è stata condotta nei mesi di novembre e dicembre 2004 e ha consentito di raccogliere oltre 600 questionari on line e di sottoporre il sistema a una trentina di medici divisi in 3 focus group rappresentativi dell Italia del Nord (Milano), del Centro (Modena) e del Sud (Napoli). Nella figura 2 è riportata invece la distribuzione sul territorio nazionale dei medici che hanno risposto all invito di compilare il questionario on line. I dati emersi hanno permesso di migliorare alcuni aspetti di sistema e di capire anche quanto una formazione di questo tipo sia gradita ai medici e sia utilizzabile poi nell attività professionale quotidiana. Figura 2 Distribuzione del campione di medici che ha compilato il questionario di Ecce. Maschi Femmine Rilevanza Figura 3 Risposte al questionario ministeriale. Qualità Efficacia Tempo Ingerenza Tipo di scala utilizzato Rilevanza: da 0 a 4; in grigio 0 e 1; in blu 3 e 4; Qualità: da -2 a +2; in grigio -2 e -1; in blu +1 e +2; Efficacia: da -2 a +2; in grigio -2 e -1; in blu +1 e +2; Tempo: -60; -10; =; +10; +60; in grigio -60 e -10; in blu =, +10 e +60; Ingerenza: no; poco; sì; molto; in grigio sì e molto; in blu poco e no. Difficoltà Figura 4 Risposte al questionario sviluppato ad hoc. Grafica piacevole Grafica chiara Conoscenza Credibilità Uso info Dicotomie utilizzate Difficoltà tecniche: Sì/No; in grigio Sì; in blu No; Grafica Piacevole: Piacevole/Brutta; in grigio Brutta; in blu Piacevole; Grafica Chiara: Chiara/Confusa; in grigio Confusa; in blu Chiara; Modificazione della conoscenza: Sì/No; in grigio No; in blu Sì; Credibilità delle fonti: Molto credibili/poco credibili; in grigio Poco credibili; in blu Molto credibili; Uso informazioni nella pratica clinica: Sì/No; in grigio No; in blu Sì.

6 18 Per quanto concerne il questionario ministeriale, lo strumento Ecce è stato considerato da abbastanza a molto rilevante dal 98% dei rispondenti, di qualità da soddisfacente a eccellente dal 99% dei rispondenti, da abbastanza a molto efficace dal 94% dei rispondenti, mentre non sono state rilevate ingerenze sui contenuti da parte di eventuali sponsor, in questo caso non presenti (figura 3). Il questionario costruito ad hoc indicava invece che nel 73% dei casi erano state acquisite informazioni prima non note, che nel 97% dei casi le informazioni fornite erano ritenute dai medici molto credibili e che nel 97% dei casi si riteneva di poter usare queste informazioni nella pratica clinica quotidiana. Nella figura 4 si vedono i vari parametri indagati e i relativi risultati. Per quanto concerne i focus group, hanno partecipato 27 medici (9 per ogni focus group), di cui 14 medici di medicina generale, 11 specialisti e 2 docenti universitari della Facoltà di Medicina: 18/27 erano maschi, con una età compresa tra i 30 e i 62 anni. I focus group sono stati condotti con metodologia semi-strutturata, partendo da una griglia di intervista che individuava sette aree/domini principali: a) fruibilità tecnica; b) lunghezza; c) comprensibilità; d) logicità; e) rilevanza clinica (verosimiglianza); f) esaustività della problematica attraverso il caso; g) noiosità/interesse. Per ognuna di queste aree l indagine di gruppo ha permesso di individuare fattori positivi e negativi percepiti (promoter/barriere) influenti sull apprendimento dei singoli partecipanti. Sono state recepite le critiche più rilevanti o frequenti e si è provveduto a modificare il sistema di conseguenza. Attività per il 2005 e prospettive future La sperimentazione iniziata il primo marzo con la messa on line del sistema consentirà ai medici che si impegneranno a usare il sistema di acquisire crediti ECM. D altra parte permetterà di condurre una valutazione ampia e approfondita di questo tipo di modalità di formazione basata sul caso clinico e sulla evidence based medicine. Se i risultati fossero confortanti, il progetto proseguirà negli anni successivi, fornendo al medico nuovi casi clinici su cui formarsi ricorrendo sempre allo strumento di Clinical Evidence. L obiettivo è anche di valutare concretamente l efficacia di questo tipo di formazione. Non di limitarsi cioè a ricevere i questionari e vedere se sono state acquisite nuove informazioni, ma se tali nozioni vengano poi trasferite nella pratica clinica quotidiana. In tale prospettiva sono auspicabili accordi con singole ASL che vogliano essere parte di questo progetto. I dati di letteratura dicono a oggi che la formazione a distanza ha eguale efficacia di quella residenziale, ma anche per quest ultima non ci sono molti lavori che ne dimostrino la reale efficacia in termini pratici di modifica di comportamenti 8,9. Va ricordato al riguardo che è in corso una revisione sistematica condotta dal Centro Cochrane Italiano sulle esperienze di formazione a distanza nel mondo e sulla efficacia di questo tipo di processi. L esperienza potrà inoltre essere sfruttata per allargare questo modello di formazione a distanza ad altri operatori sanitari che non siano medici, anzitutto gli infermieri. Il gruppo di lavoro di Ecce Responsabile di progetto Pietro Dri - direttore editoriale Clinical Evidence edizione italiana Direttore scientifico Alessandro Liberati - direttore scientifico Clinical Evidence edizione italiana - Centro Cochrane Italiano, Milano Monitoraggio e valutazione Lorenzo Moja, Ivan Moschetti - Centro Cochrane Italiano, Milano Luciana Ballini - Ce.V.E.A.S., Modena Christian Deligant, Roberto Manfrini, Roberto Satolli - Agenzia Zadig, Milano Comitato scientifico Silvio Garattini (presidente) - direttore Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, Milano Nello Martini - direttore generale Agenzia Italiana del Farmaco, Roma Antonio Addis - Agenzia Italiana del Farmaco, Roma Tiziano Barbui - direttore Divisione di ematologia, Ospedali Riuniti, Bergamo Sebastiano Bianco - direttore Clinica delle malattie dell apparato respiratorio, Università degli Studi, Milano-Bicocca

7 bollettino d informazione sui farmaci 19 ANNO XII N Gian Franco Bottazzo - direttore scientifico Ospedale pediatrico Bambin Gesù, Roma Vittorio Caimi - presidente CSeRMEG, Centro Studi e Ricerche in Medicina Generale Livia Candelise - Dipartimento di scienze neurologiche, Ospedale Maggiore Policlinico, Milano Antonio Carrassi - Dipartimento di medicina, chirurgia e odontoiatria, Università degli Studi, Milano Gianfranco Ciboddo - Unità funzionale di medicina interna, Ospedale San Raffaele, Milano Antonella d Arminio Monforte - Istituto di malattie infettive e tropicali, Università degli Studi, Milano Roberto De Franchis - professore straordinario di Gastroenterologia, Università degli Studi, Milano Paola Di Giulio - professore associato di Infermieristica clinica, Università degli Studi, Torino Leonardo Fabbri - Cattedra di malattie respiratorie, Università degli Studi, Modena e Reggio Emilia Aldo Pietro Maggioni - Centro Studi ANMCO, Firenze Paolo Marandola - Cattedra di urologia, Università degli Studi, Pavia Giuseppe Masera - Clinica pediatrica, Università degli Studi, Milano-Bicocca Maurizio Moroni - Istituto di malattie infettive e tropicali, Università degli Studi, Milano Luigi Naldi - coordinatore Gruppo italiano Studi epidemiologici in dermatologia, Ospedali Riuniti, Bergamo Nicola Orzalesi - direttore Clinica oculistica, Università degli Studi, Milano Emma Pannaciulli - direttore Centro antiveleni Niguarda, Milano Ernesto Pasquini - Unità operativa otorinolaringoiatria, Policlinico S. Orsola Malpighi, Bologna Anna Laura Regalia - Clinica ostetrica ginecologica, Ospedale San Gerardo, Monza Giuseppe Remuzzi - direttore Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, Bergamo Michele Tansella - direttore Dipartimento di medicina e sanità pubblica, Università degli Studi, Verona Massimo Tombesi - CSeRMEG, Centro Studi e Ricerche in Medicina Generale Maurizio Tonato - direttore Struttura complessa di oncologia medica, Ospedale Policlinico, Perugia Giancarlo Traina - direttore Clinica ortopedica, Azienda ospedaliera S. Anna, Ferrara Bibliografia 1. Formoso G, Moja L, Nonino F, Dri P, et al. Clinical Evidence: a useful tool for promoting evidence-based practice? BMC Health Serv Res 2003; 3: Greenhalgh T, Toon P, Russell J, Wong G, Plumb L, Macfarlane F. Transferability of principles of evidence based medicine to improve educational quality: systematic review and case study of an online course in primary health care BMJ 2003; 326: Schuwirth LW, van der Vleuten CP. The use of clinical simulations in assessment. Med Educ 2003; 37s: Horn KD, Sholehvar D, Nine J, et al. Continuing medical education on the World Wide Web (WWW). Interactive pathology case studies on the Internet. Arch Pathol Lab Med 1997; 121: Hawkins R, MacKrell Gaglione M, LaDuca T, et al. Assessment of patient management and clinical skills of practising doctors using computer-based case simulations and standardised patients. Med Educ 2004; 38: Dri P, Manfrini R, Deligant C, Naldi L. Il modello del caso clinico per la formazione a distanza del medico (FAD-ECM): i risultati di una sperimentazione accreditata su 500 medici. Atti del Convegno EXPO e-learning, Ferrara 9-12 ottobre Clinical Evidence. 11 edizione, BMJ Publishing Group, giugno Davis D, O Brien MT, Fremantle N, Wolf F, Mazmanian P, Taylor-Vaisey A. Impact of formal education. Do conference, workshops, rounds and other traditional continuing education activities change physician behavior or health care outcomes? JAMA 1999; 282: Chan D, Leclair K, Kaczorowski J. Problem-based small group learning via the Internet among community family physicians: a randomized controlled trial. MD Computing 1999; 16: 54-8.

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Indirizzo(i) LO CONTE Maurizio Viale Tigli, 20, I, 83031, Ariano Irpino - (AV) Telefono(i) +390825871118 / +390825824605 Mobile +39335415735

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Cardioaritmologia nel Lazio

Cardioaritmologia nel Lazio Cardioaritmologia nel Lazio Regione Lazio Roma, 27-28 marzo 2015 Ergife Palace Hotel PROGRAMMA AVANZATO Con il Patrocinio di ANCE Cardiologia Italiana del Territorio Sezione Regionale Lazio Coordinatori:

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Roberto CARUSO Corso Mazzini, 11-87100 Cosenza, Italia Telefono(i) Tel. + 39 0984681824 Fax+ 39 0984681322 E-mail Cittadinanza

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011 Gruppo di Studio di Ecografia Pediatrica Società Italiana di Pediatria Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica ECOPED 2011 PISTOIA 27-30 Giugno 2011 PROGRAMMA DOCENTI E TUTORS Giuseppe Atti Carlo

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

1 di 2 04/10/2012 10:12

1 di 2 04/10/2012 10:12 http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.vp.a.a.a.a 1 di 2 04/10/2012 10:12 Numero 4 - Novembre 2010 Il potere degli eletti : come lo interpretano alcuni e cosa ne penso io. Uno dei temi che sicuramente

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dr.ssa La Seta Concetta INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Nazionalità Indirizzo Telefono La Seta Concetta 10 Febbraio 1963 Palermo Italiana

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE 8. Disposizioni attuative. Con il decreto ministeriale di cui al precedente punto 3.3. verranno individuate le priorita' cui i progetti strategici dovranno ispirarsi, le modalita' di presentazione degli

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. Natura giuridica. Contatti Via Piero Maroncelli, 40 47014 Meldola, Forlì Cesena. Terapie avanzate nell ambito dell oncologia medica

EMILIA ROMAGNA. Natura giuridica. Contatti Via Piero Maroncelli, 40 47014 Meldola, Forlì Cesena. Terapie avanzate nell ambito dell oncologia medica Altri Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico IRCCS (area di ricerca oncologica) presenti sul territorio nazionale, suddivisi per area geografica Gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

Si terrà il 29. e 30 giugno. incremento. pediatrica. Diabetico. via Salvatore Puglisi, 15

Si terrà il 29. e 30 giugno. incremento. pediatrica. Diabetico. via Salvatore Puglisi, 15 Si terrà il 29 e 30 giugno 2015, presso la Sala Magna di Palazzo Chiaramonte Steri, il convegno dal titolo La Rete diabetologica pediatrica in Sicilia. Novità Organizzative e assistenziali: le nuove lineee

Dettagli