Elementi dell etichetta del regolamento CLP

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elementi dell etichetta del regolamento CLP"

Transcript

1 Elementi dell etichetta del regolamento CLP Il regolamento CLP (Classification, Labelling and Packaging of substances and mixtures) introduce nuovi simboli, indicazione e nuove regole di classificazione delle sostanze chimiche.

2 Elementi dell etichetta del regolamento CLP 1 Pericoli fisici 1/2 Esplosivi Esplosivo instabile Divisione 1.1 Divisione 1.2 Divisione 1.3 Divisione 1.4 Divisione 1.5 a avvertenza H200 Esplosivo instabile H201 Esplosivo; pericolo di esplosione di massa H202 Esplosivo; grave pericolo di proiezione H203 Esplosivo; pericolo di incendio, di spostamento d aria o di proiezione H204 di incendio o di proiezione H205 di esplosione di massa in caso di incendio a indicazione di pericolo Liquidi infiammabili Solidi infiammabili Categoria 3 H224 Liquido e vapore altamente infiammabili H225 Liquido e vapore facilmente infiammabili H226 Liquido e vapore infiammabili H228 Solido H228 Solido Gas comburenti Aerosol infiammabili Gas infiammabili H220 Gas altamente H221 Gas H222 Aerosol altamente H223 Aerosol H270 Può provocare o aggravare un incendio; Solidi comburenti Liquidi comburenti Categoria 3 Categoria 3 Divisione 1.6 H271 Può provocare un incendio o un esplosione; molto H272 Può aggravare un incendio: H272 Può aggravare un incendio: H271 Può provocare un incendio o un esplosione: molto H272 Può aggravare un incendio: H272 Può aggravare un incendio: 1. Regolamento CLP: Regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento Europeo e del consiglio del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele nello stato del suo ultimo adeguamento al progresso tecnico e scientifico.

3 Elementi dell etichetta del regolamento CLP 1 Pericoli fisici 2/2 Sostanze e miscele autoreattive Tipo A Tipo B Liquidi piroforici Tipi C e D Tipi E e F Tipo G H241 Rischio di incendio H240 Rischio di esplosione per o di esplosione per H242 Rischio di incendio per H242 Rischio di incendio per H250 Spontaneamente all aria Perossidi organici Tipo A Tipo B H250 Spontaneamente all aria H241 Rischio di incendio H240 Rischio di esplosione per o di esplosione per Sostanze o miscele che, a contatto con l acqua, sviluppano gas infiammabili Tipi E e F H242 Rischio di incendio per H242 Rischio di incendio per Sostanze e miscele autoriscaldanti Categoria 3 H260 A contatto con l acqua libera gas infiammabili che possono infiammarsi spontaneamente H261 A contatto con l acqua libera gas infiammabili H261 A contatto con l acqua libera gas infiammabili H251 Sostanza autoriscaldante: può infiammarsi H252 Sostanza autoriscaldante in grandi quantità: può infiammarsi Sostanze e miscele corrosive per i metalli Gas sotto pressione Gas compresso Gas liquefatto Gas liquefatto refrigerato Gaz disciolto Tipi C e D Solidi piroforici Non vi sono elementi specifici per questa categoria. di pericolo H290 Può essere corrosivo per i metalli H280 Contiene gas sotto pressione: può esplodere se riscaldato H280 Contiene gas sotto pressione: può esplodere se riscaldato H281 Contiene gas refrigerato: può provocare ustioni o lesioni criogeniche H280 Contiene gas sotto pressione: può esplodere se riscaldato Tipo G Non vi sono elementi specifici per questa categoria di pericolo. 1. Regolamento CLP: Regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento Europeo e del consiglio del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele nello stato del suo ultimo adeguamento al progresso tecnico e scientifico.

4 Pericoli per la salute 1/2 Tossicità acuta Categorie 1 e 2 Categoria 3 Categoria 4 Tossicità specifica per organi bersaglio (esposizione singola) Categoria 3 : via orale : via cutanea : inalazione H300 Letale se ingerito H310 Letale a contatto con la pelle H330 Letale se inalato H301 Tossico se ingerito H311 Tossico a contatto con la pelle H331 Tossico se inalato H302 Nocivo se ingerito H312 Nocivo a contatto con la pelle H332 Nocivo se inalato H370 Provoca danni agli organi (o indicare tutti gli organi interessati, se noti) (indicare la via se è accertato che nessun altra via H371 Può provocare danni agli organi (o indicare tutti gli organi interessati, se noti) (indicare la via se è accertato che nessun altra via H335 Può irritare le vie respiratorie o H336 Può provocare sonnolenza o vertigini Corrosione/irritazione della pelle Gravi lesioni oculari/irritazione oculare Categorie 1A, 1B e 1C H314 Provoca gravi ustioni cutanee e gravi lesioni oculari H315 Provoca irritazione cutanea H318 Provoca gravi lesioni oculari H319 Provoca grave irritazione oculare Sensibilizzazione delle vie respiratorie o della pelle Tossicità in caso di aspirazione Sensibilizzazione delle vie respiratorie e sottocategorie 1A e 1B Sensibilizzazione della pelle e sottocategorie 1A e 1B H334 Può provocare sintomi allergici o asmatici o difficoltà respiratorie se inalato H317 Può provocare una reazione allergica della pelle H304 Può essere letale in caso di ingestione e di penetrazione nelle vie respiratorie 1. Regolamento CLP: Regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento Europeo e del consiglio del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele nello stato del suo ultimo adeguamento al progresso tecnico e scientifico.

5 Pericoli per la salute 2/2 Tossicità specifica per organi bersaglio (esposizione ripetuta) Cancerogenicità Categorie 1A e 1B H372 Provoca danni agli organi (o indicare tutti gli organi interessati, se noti) in caso prolungata o ripetuta (indicare la via se è accertato che nessun altra via H373 Può provocare danni agli organi (o indicare tutti gli organi interessati, se noti) in caso di esposizione prolungata o ripetuta (indicare la via se è accertato che nessun altra via H350 Può provocare il cancro (indicare la via se è accertato che nessun altra via H351 Sospettato di provocare il cancro (indicare la via se è accertato che nessun altra via Mutagenicità sulle cellule germinali Categorie 1A e 1B H340 Può provocare alterazioni genetiche (indicare la via se è accertato che nessun altra via H341 Sospettato di provocare alterazioni genetiche (indicare la via se è accertato che nessun altra via Tossicità per la riproduzione Categorie 1A e 1B Effetti sull allattamento o attraverso l allattamento avvertenza H360 Può nuocere alla fertilità o al feto (indicare l effetto specifico, se noto) (indicare la via di esposizione se è accertato che nessun altra via H361 Sospettato di nuocere alla fertilità oal feto (indicare l effetto specifico, se noto) (indicare la via se è accertato che nessun altra via H362 Può essere nocivo per i lattanti allattati al seno 1. Regolamento CLP: Regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento Europeo e del consiglio del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele nello stato del suo ultimo adeguamento al progresso tecnico e scientifico.

6 Pericoli per l ambiente so per l ambiente acquatico TOSSICITÀ ACUTA TOSSICITÀ CRONICA Categoria 3 Categoria 4 a avvertenza H400 Altamente tossico per gli organismi acquatici H410 Molto tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata H411 Tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata a avvertenza H412 Nocivo per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata a avvertenza H413 Può essere nocivo per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata so per lo strato di ozono Catégoria 1 H420 Nuoce alla salute pubblica e all ambiante distruggendo l azono dello strato superiore dell atmosfera O so per lo strato di ozono EUH059 so per lo strato di ozono 1. Regolamento CLP: Regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento Europeo e del consiglio del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele nello stato del suo ultimo adeguamento al progresso tecnico e scientifico.

7 Indicazioni relative a pericoli fisici Codice H200 H201 H202 H203 H204 H205 H220 H221 H222 H223 H224 H225 H226 H228 H240 H241 H242 H250 H251 H252 H260 H261 H270 H271 H272 H280 H281 H290 Esplosivo instabile. Esplosivo; pericolo di esplosione di massa. Esplosivo; grave pericolo di proiezione. Esplosivo; pericolo di incendio, di spostamento d aria o di proiezione. di incendio o di proiezione. di esplosione di massa in caso d incendio. Gas altamente. Gas. Aerosol altamente. Aerosol. Liquido e vapori altamente infiammabili. Liquido e vapori facilmente infiammabili. Liquido e vapori infiammabili. Solido. Rischio di esplosione per. Rischio d incendio o di esplosione per. Rischio d incendio per. Spontaneamente all aria. Autoriscaldante; può infiammarsi. Autoriscaldante in grandi quantità; può infiammarsi. A contatto con l acqua libera gas infiammabili che possono infiammarsi spontaneamente. A contatto con l acqua libera gas infiammabili. Può provocare o aggravare un incendio;. Può provocare un incendio o un esplosione; molto. Può aggravare un incendio;. Contiene gas sotto pressione; può esplodere se riscaldato. Contiene gas refrigerato; può provocare ustioni o lesioni criogeniche. Può essere corrosivo per i metalli. 1. Regolamento CLP: Regolamento (CE) N. 1272/2008 del Parlamento Europeo e del consiglio del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele nello stato del suo ultimo adeguamento al progresso tecnico e scientifico.

8 Indicazioni relative a pericoli per la salute Codice H300 * H301 ** H302 *** H304 H310 * H311 ** H312 *** H314 H315 H317 H318 H319 H330 * H331 ** H332 *** H334 H335 H336 H340 H341 H350 H351 H360 H361 H362 H370 H371 H372 H373 Letale se ingerito. Tossico se ingerito. Nocivo se ingerito. Può essere letale in caso di ingestione e di penetrazione nelle vie respiratorie. Letale per contatto con la pelle. Tossico per contatto con la pelle. Nocivo per contatto con la pelle. Provoca gravi ustioni cutanee e gravi lesioni oculari. Provoca irritazione cutanea. Può provocare una reazione allergica cutanea. Provoca gravi lesioni oculari. Provoca grave irritazione oculare. Letale se inalato. Tossico se inalato. Nocivo se inalato. Può provocare sintomi allergici o asmatici o difficoltà respiratorie se inalato. Può irritare le vie respiratorie. Può provocare sonnolenza o vertigini. Può provocare alterazioni genetiche (indicare la via se è accertato che nessun altra via. Sospettato di provocare alterazioni genetiche (indicare la via se è accertato che nessun altra via. Può provocare il cancro (indicare la via se è accertato che nessun altra via comporta il. Sospettato di provocare il cancro (indicare la via se è accertato che nessun altra via. Può nuocere alla fertilità o al feto (indicare la via se è accertato che nessun altra via. Sospettato di nuocere alla fertilità o al feto (indicare la via se è accertato che nessun altra via. Può essere nocivo per i lattanti allattati al seno. Provoca danni agli organi (o indicare tutti gli organi interessati, se noti) (indicare la via se è accertato che nessun altra via. Può provocare danni agli organi (o indicare tutti gli organi interessati, se noti) (indicare la via se è accertato che nessun altra via. Provoca danni agli organi (o indicare tutti gli organi interessati, se noti) in caso prolungata o ripetuta (indicare la via se è accertato che nessun altra via. Può provocare danni agli organi (o indicare tutti gli organi interessati, se noti) in caso prolungata o ripetuta (indicare la via se è accertato che nessun altra via medesimo pericolo). 1. Regolamento CLP: Regolamento (CE) N. 1272/2008 del Parlamento Europeo e del consiglio del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele nello stato del suo ultimo adeguamento al progresso tecnico e scientifico. * Le seguenti indicazioni di pericolo possono essere combinatè. ** Le seguenti indicazioni di pericolo possono essere combinatè. *** Le seguenti indicazioni di pericolo possono essere combinatè.

9 Indicazioni relative a pericoli per l ambiente Codice H400 H410 H411 H412 H413 H420 Altamente tossico per gli organismi acquatici. Molto tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata. Tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata. Nocivo per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata. Può essere nocivo per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata. Nuoce alla salute pubblica e all ambiante distruggendo l azono dello strato superiore dell atmosfera. Indicazioni supplementari Codice EUH001 EUH006 EUH014 EUH018 EUH019 EUH029 EUH031 EUH032 EUH044 EUH059 EUH066 EUH070 EUH071 EUH201 EUH201A EUH202 EUH203 EUH204 EUH205 EUH206 EUH207 EUH208 EUH209 EUH209A EUH210 EUH401 Esplosivo allo stato secco. Esplosivo a contatto o senza contatto con l aria. Reagisce violentemente con l acqua. Durante l uso può formarsi una miscela vapore-aria esplosiva/. Può formare perossidi esplosivi. A contatto con l acqua libera un gas tossico. A contatto con acidi libera un gas tossico. A contatto con acidi libera un gas altamente tossico. Rischio di esplosione per in ambiente confinato. so per lo strato di ozono. L esposizione ripetuta può causare secchezza e screpolature della pelle. Tossico per contatto oculare. Corrosivo per le vie respiratorie. Contiene piombo. Non utilizzare su oggetti che possono essere masticati o succhiati da bambini.! Contiene piombo. Cianoacrilato.. Incolla la pelle e gli occhi in pochi secondi. Tenere fuori dalla portata dei bambini. Contiene cromo (VI). Può provocare una reazione allergica. Contiene isocianati. Può provocare una reazione allergica. Contiene componenti epossidici. Può provocare una reazione allergica.! Non utilizzare in combinazione con altri prodotti. Possono formarsi gas pericolosi (cloro).! Contiene cadmio. Durante l uso si sviluppano fumi pericolosi. Leggere le informazioni fornite dal fabbricante. Rispettare le disposizioni di sicurezza. Contiene (denominazione della sostanza sensibilizzante). Può provocare una reazione allergica. Può diventare facilmente durante l uso. Può diventare durante l uso. Scheda dati di sicurezza disponibile su richiesta. Per evitare rischi per la salute umana e per l ambiente, seguire le istruzioni per l uso. 1. Regolamento CLP: Regolamento (CE) N. 1272/2008 del Parlamento Europeo e del consiglio del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele nello stato del suo ultimo adeguamento al progresso tecnico e scientifico.

10 PRC Questa unità di servizio è parte dell istituto di chimica del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (CNRS) che sviluppa competenze, informazioni e formazione nel campo della prevenzione dei rischi chimici. L obiettivo è la protezione della salute umana e la sicurezza chimica. Le attività di questa unità soddisfano le esigenze di prevenzione del personale, dei lavoratori, degli enti pubblici e del pubblico in generale. Per ulteriori informazioni: (fr/en) Gif-sur-Yvette cedex France

Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele

Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele Etichettatura delle sostanze chimiche e miscele Il regolamento CLP introduce le modalità di Comunicazione dei pericoli per mezzo dell etichettatura che assieme alla Scheda di dati di sicurezza, così come

Dettagli

del regolamento CLP degli elementi dell etichetta Repertorio

del regolamento CLP degli elementi dell etichetta Repertorio Repertorio degli elementi dell etichetta del regolamento CLP Il regolamento CLP (Classification, Labelling and Packaging of substances and mixtures) introduce nuovi simboli, indicazione di pericolo e nuove

Dettagli

Frasi H informazioni sui rischi

Frasi H informazioni sui rischi 2 Analisi chimica strumentale Frasi H informazioni sui rischi Pericoli fisici H200 Esplosivo instabile. H201 Esplosivo; pericolo di esplosione di massa. H202 Esplosivo; grave pericolo di proiezione. H203

Dettagli

Il metodo di valutazione del rischio da agenti chimici. ChemiRisk. Indice

Il metodo di valutazione del rischio da agenti chimici. ChemiRisk. Indice Il metodo di valutazione del da agenti chimici ChemiRisk Indice 1 La valutazione del da esposizione ad agenti chimici secondo il D.Lgs. 81/2008... 2 2 Il metodo di valutazione di ChemiRisk... 3 2.1 Calcolo

Dettagli

SISTEMA AMBIENTE. Reach: le nuove frasi rischio (H) e precauzione (P)

SISTEMA AMBIENTE. Reach: le nuove frasi rischio (H) e precauzione (P) Reach: le nuove frasi rischio (H) e precauzione (P) Indice Reach: le nuove frasi rischio (H) e precauzione (P)...1 Frasi di rischio per rischi fisici... 1 Frasi di rischio per rischi per la salute... 2

Dettagli

Legenda relativa alle frasi di Rischio e ai Simboli presenti su etichette e schede di sicurezza

Legenda relativa alle frasi di Rischio e ai Simboli presenti su etichette e schede di sicurezza Legenda relativa alle frasi di Rischio e ai Simboli presenti su etichette e schede di sicurezza Normativa di riferimento: Classificazione, imballaggio ed etichettatura di sostanze pericolose - Ministero

Dettagli

Sistemi di sicurezza per l acquisto, la conservazione, il trasporto e l utilizzo dei prodotti fitosanitari

Sistemi di sicurezza per l acquisto, la conservazione, il trasporto e l utilizzo dei prodotti fitosanitari Elenco delle frasi di pericolo (H) e dei consigli di prudenza (P) (come previsto dal Regolamento (CE) n.1272/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2008 e successive modificazioni

Dettagli

Aggiornamento delle etichette e delle schede di sicurezza per i produttori di sostanze e a cascata per tutti gli utilizzatori a valle.

Aggiornamento delle etichette e delle schede di sicurezza per i produttori di sostanze e a cascata per tutti gli utilizzatori a valle. Aggiornamento delle etichette e delle schede di sicurezza per i produttori di sostanze e a cascata per tutti gli utilizzatori a valle. Salve,Dottore/ssa il mese di dicembre vede l entrata in vigore del

Dettagli

Condizioni de pericolosità. (Condizioni precauzionali pagina 5)

Condizioni de pericolosità. (Condizioni precauzionali pagina 5) REACH Compliance GmbH Route des Chevallets 7 CH-1658 Rossinière Schweiz Firmenunterstützung für Chemikaliensicherheit und Arbeitsschutz Tel. 026 924 32 10 Fax 026 924 32 11 info@reach-compliance.ch www.reach-compliance.ch

Dettagli

Indicazioni di Pericolo (Frasi H)

Indicazioni di Pericolo (Frasi H) Indicazioni di Pericolo (Frasi H) Pericoli Fisici H200 Esplosivo instabile. H201 Esplosivo; pericolo di esplosione di massa. H202 Esplosivo; grave pericolo di proiezione. H203 Esplosivo; pericolo di incendio,

Dettagli

Vendita di prodotti chimici Sistema di classificazione e etichettatura GHS

Vendita di prodotti chimici Sistema di classificazione e etichettatura GHS Vendita di prodotti chimici Sistema di classificazione e etichettatura GHS Ripercussione del sistema GHS sulle farmacie mercoledì 17 settembre 2014 Bellinzona Fabrizio Guidotti Repubblica e Cantone Ticino

Dettagli

Allegato I Lista delle indicazioni di pericolo, frasi H (Hazard Statements)

Allegato I Lista delle indicazioni di pericolo, frasi H (Hazard Statements) Scheda A11 pagina 6 di 12 Ver. 5.2-10/2013 Allegato I Lista delle indicazioni di pericolo, frasi H (Hazard Statements) H2xx H3xx H4xx EUHxxx Pericoli fisici Pericoli per la salute Pericoli per l ambiente

Dettagli

Mini guida sul significato dei

Mini guida sul significato dei Mini guida sul significato dei Vediamo spesso questi simboli sulle etichette dei prodotti per la pulizia, ma conosciamo davvero il loro significato? Con questa mini guida Samar ti aiuterà a scoprire il

Dettagli

Comunicazione n. 3 Al Personale Scolastico Loro sedi Sito web

Comunicazione n. 3 Al Personale Scolastico Loro sedi Sito web Comunicazione n. 3 Al Personale Scolastico Loro sedi Sito web Procedura operativa per l acquisto di sostanze e preparati pericolosi La presente procedura operativa viene applicata ogni qual volta si intenda

Dettagli

Procedura operativa per l acquisto di sostanze e preparati pericolosi

Procedura operativa per l acquisto di sostanze e preparati pericolosi Procedura operativa per l acquisto di sostanze e preparati pericolosi La presente procedura operativa viene applicata ogni qual volta si intenda acquistare sostanze e preparati pericolosi per attività

Dettagli

Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura

Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura Eva Pietrantonio Fulvio D Orsi Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura Come cambia la regolamentazione delle sostanze pericolose dalla direttiva 67/548/CEE al Regolamento 1907/2006

Dettagli

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R Le sigle R e S sempre presenti sulle etichette dei prodotti chimici utilizzati in laboratorio rappresentano rispettivamente una definizione dei rischi specifici connessi con l impiego della sostanza chimica

Dettagli

Classificazione ed etichettatura come strumenti di valutazione e comunicazione del pericolo: il Regolamento CLP e prime applicazioni

Classificazione ed etichettatura come strumenti di valutazione e comunicazione del pericolo: il Regolamento CLP e prime applicazioni 12 a GIORNATA della SICUREZZA sul LAVORO VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO ai sensi del D.Lgs. 81/08 Stato dell arte e prospettive Classificazione ed etichettatura come strumenti di valutazione e comunicazione

Dettagli

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S )

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE Frasi di Rischio ( R ) e Consigli di Prudenza ( S ) ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S ) La Legge 29 Maggio 1974, N 0 256 obbliga tutti i fabbricanti di prodotti aventi determinate caratteristiche

Dettagli

APPLICABILE DAL 1 GIUGNO 2015

APPLICABILE DAL 1 GIUGNO 2015 CLASSIFICAZIONE E CARATTERISTICHE DEI RIFIUTI A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 Guida alla classificazione dei rifiuti Se un rifiuto è classificato con codice CER pericoloso assoluto, esso è pericoloso senza

Dettagli

Il regolamento CLP sulla classificazione ed etichettatura delle sostanze pericolose Debora Romoli

Il regolamento CLP sulla classificazione ed etichettatura delle sostanze pericolose Debora Romoli Il regolamento CLP sulla classificazione ed etichettatura delle sostanze pericolose Debora Romoli ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Regolamento CLP Il Parlamento europeo

Dettagli

Cambia l etichetta dei prodotti chimici

Cambia l etichetta dei prodotti chimici Cambia l etichetta dei prodotti chimici Una delle regole più importanti da seguire per lavorare in un laboratorio chimico in sicurezza è conoscere il prodotto chimico che si sta manipolando. L etichettatura

Dettagli

- NUOVA - CLASSIFICAZIONE ETICHETTATURA ED IMBALLAGGIO DELLE SOSTANZE

- NUOVA - CLASSIFICAZIONE ETICHETTATURA ED IMBALLAGGIO DELLE SOSTANZE - NUOVA - CLASSIFICAZIONE ETICHETTATURA ED IMBALLAGGIO DELLE SOSTANZE Per ogni sostanza è presente una duplice classificazione; la prima secondo i criteri della Direttiva 67/548/EEC e la seconda secondo

Dettagli

SOSTANZE CHIMICHE PERICOLOSE: dizionario delle simbologie utile ad una facile traduzione.

SOSTANZE CHIMICHE PERICOLOSE: dizionario delle simbologie utile ad una facile traduzione. SOSTANZE CHIMICHE PERICOLOSE: dizionario delle simbologie utile ad una facile traduzione. Premessa Il rischio chimico dovuto alla manipolazione delle sostanze pericolose è presente in quasi tutti gli ambiti

Dettagli

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 4 «FRIULI CENTRALE»

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 4 «FRIULI CENTRALE» AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 4 «FRIULI CENTRALE» RISCHIO CHIMICO NEI COSMETICI E IN CAMPO ESTETICO FORMAZIONE PER FORMATORI NEI CONFRONTI DELLE AZIENDE end users Cenni al Regolamento (CE) n. 1272/2008

Dettagli

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS)

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Come si legge un etichetta L etichetta di un agrofarmaco deriva dalla valutazione di numerosi studi effettuati sul prodotto inerenti aspetti

Dettagli

17 FORUM MEDICINA VEGETALE Implicazioni tecniche del nuovo quadro normativo europeo nella produzione integrata

17 FORUM MEDICINA VEGETALE Implicazioni tecniche del nuovo quadro normativo europeo nella produzione integrata 17 FORUM MEDICINA VEGEALE Implicazioni tecniche del nuovo quadro normativo europeo nella produzione integrata 17 FORUM MEDICINA VEGEALE Implicazioni tecniche del nuovo quadro normativo europeo nella produzione

Dettagli

Sino ad oggi occorreva basarsi sulle frasi di rischio R desumibili dalle SDS (Schede di sicurezza) a corredo delle sostanze pericolose.

Sino ad oggi occorreva basarsi sulle frasi di rischio R desumibili dalle SDS (Schede di sicurezza) a corredo delle sostanze pericolose. Franco CIOCE Esperto Qualificato di Radioprotezione - II grado n 1275 dell elenco nazionale Consulente ADR/RID/ADN Trasporto Merci pericolose Tecnico Competente in Acustica Ambientale Membership of Via

Dettagli

REACH e CLP PARTE I PREMESSA

REACH e CLP PARTE I PREMESSA REACH e CLP PARTE I PREMESSA CHE COSA È IL CLP? Il Regolamento CLP (acronimo di Classification, Labeling and Packagin) è il nuovo regolamento europeo relativo alla classificazione, all etichettatura e

Dettagli

TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI PERICOLOSI

TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI PERICOLOSI TABELLA DI COMPARAZIONE CRITERI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI SI DESCRIZIONE LIMITI CE DESCRIZIONE LIMITI CE 1 Esplosivo sostanze e preparati che possono esplodere per effetto della fiamma o che sono sensibili

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO FORMAZIONE PERSONALE IISS "Camillo Golgi" SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D. Lgs. 81/2008 1 D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato con il Decreto legislativo n. 106/2009 TESTO UNICO SULLA SALUTE

Dettagli

REACH e CLP: obblighi, prevenzione e sistema dei controlli in materia di sostanze chimiche

REACH e CLP: obblighi, prevenzione e sistema dei controlli in materia di sostanze chimiche Dipartimento di Prevenzione e Servizio Formazione REACH e CLP: obblighi, prevenzione e sistema dei controlli in materia di sostanze chimiche dott. chim. Fabrizio Demattè Obiettivi di questo incontro SDS-cenni

Dettagli

Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P

Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P Le Frasi R Sono chiamate frasi R (frasi di rischio) alcune frasi convenzionali che descrivono i rischi per la salute umana, animale ed ambientale connessi alla manipolazione

Dettagli

Regolamento CLP: nuove norme di classificazione delle sostanze chimiche pericolose

Regolamento CLP: nuove norme di classificazione delle sostanze chimiche pericolose Università degli Studi di Pavia Regolamento CLP: nuove norme di classificazione delle sostanze chimiche pericolose Servizio Sicurezza e Radiazioni Ionizzanti Università degli Studi di Pavia Area Gestione

Dettagli

Classificazione, etichettatura ed imballaggio delle sostanze e dei preparati chimici pericolosi

Classificazione, etichettatura ed imballaggio delle sostanze e dei preparati chimici pericolosi pag. 1/20 File Rev. 00 Elaborazione: Stefania Bertoldo Servizio Prevenzione Protezione Data applicazione 16 maggio 2011 Verifica: Dr Antonio Bressan Responsabile Servizio Prevenzione Protezione Copia CONTROLLATA

Dettagli

Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P

Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P Frasi R, Frasi S, Frasi H e Frasi P Le Frasi R Sono chiamate frasi R (frasi di rischio) alcune frasi convenzionali che descrivono i rischi per la salute umana, animale ed ambientale connessi alla manipolazione

Dettagli

LA SCHEDA DATI DI SICUREZZA SDS. Regolamenti REACH e CLP. Il REACH è strutturato in 15 Titoli e... ... 17 allegati tecnici

LA SCHEDA DATI DI SICUREZZA SDS. Regolamenti REACH e CLP. Il REACH è strutturato in 15 Titoli e... ... 17 allegati tecnici Regolamenti REACH e CLP Dott. Flavio Papi Dott.ssa Michela Balduini Az. USL 4 Prato Unità Funzionale Prevenzione Igiene Sicurezza Luoghi Lavoro Obiettivo di entrambi i Regolamenti (che in quanto tali sono

Dettagli

CLP: le nuove regole per la classificazione, l etichettatura e l imballaggio dei prodotti chimici. Dott. chimico Giuliano Marchetto

CLP: le nuove regole per la classificazione, l etichettatura e l imballaggio dei prodotti chimici. Dott. chimico Giuliano Marchetto CLP: le nuove regole per la classificazione, l etichettatura e l imballaggio dei prodotti chimici Dott. chimico Giuliano Marchetto REGOLAMENTO CLP Perché il ( CLP ) GHS Sostanza X: tossicità acuta orale

Dettagli

FRASI DI RISCHIO E DI SICUREZZA FRASI DI PERICOLO E PRUDENZA

FRASI DI RISCHIO E DI SICUREZZA FRASI DI PERICOLO E PRUDENZA FRASI DI RISCHIO E DI SICUREZZA FRASI DI PERICOLO E PRUDENZA Sono chiamate frasi R (frasi di rischio) alcune frasi convenzionali che descrivono i rischi per la salute umana, animale ed ambientale connessi

Dettagli

! Classificazione delle proprietà pericolose! Schede dei dati di sicurezza! Immagazzinamento! Smaltimento

! Classificazione delle proprietà pericolose! Schede dei dati di sicurezza! Immagazzinamento! Smaltimento Legislazione in materia di protezione dell ambiente, della salute e dei lavoratori Corso di aggiornamento per responsabili di laboratorio di scienze Aprile 2014 Bellinzona Argomenti! Classificazione delle

Dettagli

Il Regolamento CLP e la nuova Scheda di Sicurezza

Il Regolamento CLP e la nuova Scheda di Sicurezza U.O.Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Il Regolamento CLP e la nuova Scheda di Sicurezza Piacenza 01/06/2011 A cura di Anna Bosi IL REGOLAMENTO N. 1272/2008 (CLP) Il Regolamento Europeo per la Classification

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO SICUREZZA. Cause di incidenti in laboratorio. Distrazione. Troppa sicurezza di sè. Insipienza. Incoscienza

LABORATORIO CHIMICO SICUREZZA. Cause di incidenti in laboratorio. Distrazione. Troppa sicurezza di sè. Insipienza. Incoscienza LABORATORIO CHIMICO Attrezzature e sicurezza SICUREZZA l laboratorio di chimica è un luogo potenzialmente pericoloso per la propria incolumità e per quella degli altri. Questo non significa che bisogna

Dettagli

Informazioni sulla sicurezza nel Laboratorio di Chimica

Informazioni sulla sicurezza nel Laboratorio di Chimica Informazioni sulla sicurezza nel Laboratorio di Chimica (traccia gentilmente concessa da ITIS E. Fermi Bassano del Grappa) (Rielaborato da ITIS De Pretto Schio) Lo studente ha il DIRITTO di essere informato

Dettagli

Caratterizzazione GHS

Caratterizzazione GHS Informazioni sulla Legge sui prodotti chimici Servizi cantonali per i prodotti chimici Scheda A11 pagina 1 di 12 Ver. 5.2-10/2013 Caratterizzazione GHS Questa scheda è destinata ai fornitori come pure

Dettagli

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE F A B I O G R A N D A C C I R S P P

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE F A B I O G R A N D A C C I R S P P ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE CON NOZIONI DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE F A B I O G R A N D A C C I R S P P I primi modi di comunicare che conosciamo sono stati i seguenti: Tracciare segni sul

Dettagli

Caratterizzazione dei pericoli di prodotti chimici

Caratterizzazione dei pericoli di prodotti chimici Informazioni sulla Legge sui prodotti chimici Servizi cantonali per i prodotti chimici Scheda A12 pagina 1 di 9 Ver. 5.0-07/2013 Caratterizzazione dei pericoli di prodotti chimici Questa scheda è destinata

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO DEI PRODOTTI CHIMICI DI USO QUOTIDIANO, PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E DELL AMBIENTE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO DEI PRODOTTI CHIMICI DI USO QUOTIDIANO, PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E DELL AMBIENTE INDICAZIONI PER L UTILIZZO DEI PRODOTTI CHIMICI DI USO QUOTIDIANO, PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E DELL AMBIENTE www.leroymerlin.it www.minambiente.it/pagina/reach 1 ACCORDO VOLONTARIO TRA IL MINISTERO

Dettagli

I simboli dei materiali pericolosi

I simboli dei materiali pericolosi I simboli dei materiali pericolosi Prima di utilizzare qualsiasi sostanza o qualsiasi prodotto, in un laboratorio di chimica o tra le mura domestiche, è molto importante leggere con attenzione tutte le

Dettagli

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSERVARE SOTTO CHIAVE - FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI - LONTANO DA LOCALI ABITAZIONE - LONTANO

Dettagli

I prodotti fitosanitari Criteri e strumenti per la programmazione dei controlli Milano, 30 ottobre 2009

I prodotti fitosanitari Criteri e strumenti per la programmazione dei controlli Milano, 30 ottobre 2009 I prodotti fitosanitari Criteri e strumenti per la programmazione dei controlli Milano, 30 ottobre 2009 Evoluzione del quadro normativo delle sostanze chimiche: il Regolamento CLP sulla nuova classificazione,

Dettagli

IL GHS e il CLP (Regolamento CE n. 1272/2008)

IL GHS e il CLP (Regolamento CE n. 1272/2008) IL GHS e il CLP (Regolamento CE n. 1272/2008) Giornata di studio sul REACH Cittadella Universitaria di Monserrato 18 Dicembre 2009 Dr. Mariano PUDDA - ARPA Sardegna 1 Che cosa è il GHS (GLOBALLY HARMONIZED

Dettagli

L evoluzione dei modelli di valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi in ambito nazionale in conformità ai Regolamenti REACH e CLP.

L evoluzione dei modelli di valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi in ambito nazionale in conformità ai Regolamenti REACH e CLP. COORDINAMENTO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE IN SANITA L evoluzione dei modelli di valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi in ambito nazionale in conformità ai Regolamenti REACH e CLP. Celsino

Dettagli

Etichettatura ed imballaggio delle miscele pericolose (prodotti fitosanitari) ai sensi di quanto previsto dal Regolamento CLP

Etichettatura ed imballaggio delle miscele pericolose (prodotti fitosanitari) ai sensi di quanto previsto dal Regolamento CLP Titolo intervento: Etichettatura ed imballaggio delle miscele pericolose (prodotti fitosanitari) ai sensi di quanto previsto dal Regolamento CLP Relatore: Dr. Celsino Govoni Il Regolamento C.L.P. (Classification,

Dettagli

L ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE E DEI PREPARATI PERICOLOSI

L ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE E DEI PREPARATI PERICOLOSI SCHEDA TECNICA N 21 L ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE E DEI PREPARATI PERICOLOSI SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE V I A A L B E R T O N I, 1 5-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 3 7 - FA

Dettagli

Confronto dei criteri di classificazione tra regolamento CLP e ADR 2015

Confronto dei criteri di classificazione tra regolamento CLP e ADR 2015 Confronto dei criteri di classificazione tra regolamento CLP e ADR 2015 Milano, 25 Marzo 2015 ADR : Da Norma internazionale a norma nazionale Accordo Europeo relativo al trasporto internazionale di merci

Dettagli

Le nuove regole di classificazione ed etichettatura secondo il regolamento 1272/2008 - CLP - impatto sulle altre normative

Le nuove regole di classificazione ed etichettatura secondo il regolamento 1272/2008 - CLP - impatto sulle altre normative Le nuove regole di classificazione ed etichettatura secondo il regolamento 1272/2008 - CLP - impatto sulle altre normative Paola Di Prospero Fanghella Centro Sostanze Chimiche Istituto Superiore di Sanità

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle Allegato 2. Glossario A1. Esempi A2.

Dettagli

Prossime scadenze e obblighi: REACH, CLP, esds " Chiara Pozzi Direzione Tecnico Scientifica Federchimica

Prossime scadenze e obblighi: REACH, CLP, esds  Chiara Pozzi Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Prossime scadenze e obblighi: REACH, CLP, esds " Chiara Pozzi Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Milano, 3 maggio 2013 Timing di attuazione del Regolamento REACH Pre-registrazione 2008 2009 2010

Dettagli

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 2 Bassa Friulana-Isontina

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 2 Bassa Friulana-Isontina AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 2 Bassa Friulana-Isontina RISCHIO DA AGENTI CANCEROGENI / AMIANTO E REGOLAMENTI REACH e CLP L evoluzione dell etichettatura con il Regolamento CLP Ospedale San Polo

Dettagli

Cenni sul regolamento (CE) n. 1272/2008 (regolamento CLP)

Cenni sul regolamento (CE) n. 1272/2008 (regolamento CLP) Cenni sul regolamento (CE) n. 1272/2008 (regolamento CLP) (Classificazione, etichettatura, imballaggio delle sostanze e miscele) Dott. Ing. Mauro Malizia Comandante Provinciale COMANDO PROVINCIALE DEI

Dettagli

RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA

RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA Unità didattica 3 CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA DEI LAVORATORI RISCHIO CHIMICO IL RISCHIO ESISTE LADDOVE CI SIA UNA ESPOSIZIONE AD UN QUALUNQUE AGENTE CHIMICO.

Dettagli

NEWSLETTER SICUREZZA E AMBIENTE GIUGNO 2015

NEWSLETTER SICUREZZA E AMBIENTE GIUGNO 2015 NEWSLETTER SICUREZZA E AMBIENTE GIUGNO 2015 LA FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO PRESSO LA VOSTRA CITTÀ L Biella, alla luce dei recenti cambiamenti che hanno coinvolto la formazione in materia di salute

Dettagli

Segnaletica rischio chimico

Segnaletica rischio chimico Segnaletica rischio chimico Introduzione: La manipolazione delle sostanze chimiche, presuppone pericoli che in alcuni casi possono essere anche gravi; ogni sostanza chimica, ha un diverso rischio proveniente

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA

SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA (In accordo alla direttiva 91/155/CE e s.m.i.) P016 Intonaco Cementizio Fibrorinforzato 1/8 1. Identificazione del preparato e del produttore 1.1 Identificazione

Dettagli

Iscriviti gratuitamente all'indirizzo: http://www.amblav.it

Iscriviti gratuitamente all'indirizzo: http://www.amblav.it Elenco delle frasi di rischio R R1 R2 R3 R4 R5 R6 R7 R8 R9 R10 R11 R12 R14 R15 R16 R17 R18 R19 R20 Esplosivo allo stato secco. Rischio di esplosione per urto, sfregamento, fuoco o altre sorgenti d'ignizione.

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA - D.Lgs 81/2008

LAVORARE IN SICUREZZA - D.Lgs 81/2008 AGENTI CHIMICI LAVORARE IN SICUREZZA - D.Lgs 81/2008 informazioni per la tutela della sicurezza e della salute di lavoratori e cittadini aggiornato ai Regolamenti REACH e CLP nell ambito del Progetto nell

Dettagli

NUOVE MODALITA DI DI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

NUOVE MODALITA DI DI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI NUOVE MODALITA DI DI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Regolamento UE 1357/2014 Decisione 2014/955/UE Regolamento UE 1342/2014 www.labanalysis.it/?/servizi/ambiente/rifiuti/ Cosa cambia? Il Reg. UE 1357/2014

Dettagli

REGOLAMENTO CLP. Classification Labelling Packaging

REGOLAMENTO CLP. Classification Labelling Packaging Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Organismo responsabile dell informazione: Veneto Agricoltura Autorità di gestione: Regione del Veneto Dipartimento Agricoltura

Dettagli

PROPOSTA DI VALUTAZIONE SEMPLIFICATA DEL RISCHIO CHIMICO

PROPOSTA DI VALUTAZIONE SEMPLIFICATA DEL RISCHIO CHIMICO PROPOSTA DI VALUTAZIONE SEMPLIFICATA DEL RISCHIO CHIMICO Premessa Al fine di ridurre i rischi per i lavoratori, la legislazione prescrive ai datori di lavoro di effettuare una valutazione dei rischi professionali

Dettagli

La classificazione, l etichettatura e l imballaggio delle sostanze chimiche e delle miscele: gli aspetti applicativi rilevanti del Regolamento CLP

La classificazione, l etichettatura e l imballaggio delle sostanze chimiche e delle miscele: gli aspetti applicativi rilevanti del Regolamento CLP La classificazione, l etichettatura e l imballaggio delle sostanze chimiche e delle miscele: gli aspetti applicativi rilevanti del Regolamento CLP Paola Di Prospero Fanghella Istituto Superiore di Sanità

Dettagli

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo Simboli di pericolo I simboli di pericolo vengono usati per etichettare le sostanze pericolose, come previsto dalle normative vigenti sull argomento. La Ordinance on Hazardous Substances è una regolamentazione

Dettagli

Giornata di informazione sulla sicurezza sul lavoro. Il rischio chimico

Giornata di informazione sulla sicurezza sul lavoro. Il rischio chimico Il rischio chimico Tutte le sostanze sono dei veleni Non vi è nulla che non sia un veleno La giusta dose differenzia un veleno da un rimedio (Paracelso 1500) Rischio chimico Misure generali per la protezione

Dettagli

La Normativa attuale: aggiornamenti ed ambiti di intervento

La Normativa attuale: aggiornamenti ed ambiti di intervento La Normativa attuale: aggiornamenti ed ambiti di intervento 11 dicembre 2015 GERARDO CARICATO Responsabile Registrazioni SOMMARIO Panoramica sulle normative in vigore CLP: cosa è cambiato nelle nostre

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 19.12.2014 L 365/89 REGOLAMENTO (UE) N. 1357/2014 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2014 che sostituisce l'allegato III della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio rela tiva ai rifiuti

Dettagli

Criticità connesse alla nuova classificazione dei rifiuti e prime indicazioni operative 29 ottobre 2015

Criticità connesse alla nuova classificazione dei rifiuti e prime indicazioni operative 29 ottobre 2015 Criticità connesse alla nuova classificazione dei rifiuti e prime indicazioni operative 29 ottobre 2015 CRAB Medicina Ambiente S.r.l. QUADRO NORMATIVO D.Lgs. 152/06 - Parte IV Norme in materia di rifiuti

Dettagli

La La classificazione CLP per le le miscele: scadenze e problematiche

La La classificazione CLP per le le miscele: scadenze e problematiche SEMINARIO DIPARTIMENTO DISANITA PUBBLICA REACH E CLP: LE SCADENZE 2015 SU CLASSIFICAZIONE DELLE MISCELE, AUTORIZZAZIONE E RESTRIZIONE DELLE SOSTANZE La La classificazione CLP per le le miscele: scadenze

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI MARIOTTI CALCESTRUZZI SRL

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI MARIOTTI CALCESTRUZZI SRL Pagina 1 di 9 1. INFORMAZIONI GENERALI: IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DEL PRODOTTO 1.1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO Conglomerato cementizio fresco, prima dell indurimento. In base alla diversa miscelazione

Dettagli

CONFERENZA NAZIONALE SUL REGOLAMENTO REACH Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali-settore salute

CONFERENZA NAZIONALE SUL REGOLAMENTO REACH Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali-settore salute CONFERENZA NAZIONALE SUL REGOLAMENTO REACH Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali-settore salute Il regolamento CLP n. 1272/2008 CE e la connessione con il REACH Paola Di Prospero

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico sprona la sostenibilità d impresa

Il Ministero dello Sviluppo Economico sprona la sostenibilità d impresa AMBIENTE Il Ministero dello Sviluppo Economico sprona la sostenibilità d impresa Aziende che trasportano rifiuti assimilabili ai rifiuti urbani e Albo Gestori Ambientali I residui di potatura possono essere

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA Via Galvani, 14-294 Corsico (MI) - Italy Tel. (+39) 2 4586435 - Fax (+39) 2 4586984 e-mail: info@pandoralloys.com Internet: www.pandoralloys.com 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione Data di stampa

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione Data di stampa SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione Data di stampa 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ / IMPRESA 1.1 Identificatori

Dettagli

Regolamento CE 1272/2008 (CLP)

Regolamento CE 1272/2008 (CLP) Regolamento CE 1272/2008 (CLP) Il nuovo regolamento su etichettatura e classificazione Santa Croce sull Arno, 27 giugno 2011 Il Reg. 1272/2008/CE Scopo Armonizzare il sistema di classificazione ed etichettatura

Dettagli

Linee di indirizzo per l adozione di idonee misure di prevenzione e protezione contro l esposizione ad agenti chimici nelle imprese di pulizia

Linee di indirizzo per l adozione di idonee misure di prevenzione e protezione contro l esposizione ad agenti chimici nelle imprese di pulizia SISTEMA SANITARIO REGIONAL E Linee di indirizzo per l adozione di idonee misure di prevenzione e protezione contro l esposizione ad agenti chimici nelle imprese di pulizia Dipartimento di Prevenzione Direttore:

Dettagli

04/05/2014. qualsiasi attività lavorativa, siano essi prodotti intenzionalmente o no e siano immessi o no sul mercato;

04/05/2014. qualsiasi attività lavorativa, siano essi prodotti intenzionalmente o no e siano immessi o no sul mercato; CORSO DI FORMAZIONE Docente Ing. Livio Della Seta Titolo modulo AGENTI CHIMICI BIOLOGICI, CANCEROGENI 2 Articolo 221 - Campo di applicazione Articolo 222 Definizioni a) agenti chimici: tutti gli elementi

Dettagli

Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140

Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140 SCHEDA DATI DI SICUREZZA redatta in conformità alla direttiva 91/155/CE e successive modifiche e integrazioni Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140 1. Elementi identificativi della sostanza o

Dettagli

: VIAKAL Fresco Profumo - SPRAY

: VIAKAL Fresco Profumo - SPRAY Data di pubblicazione: 19/12/2013 Data di revisione: Versione: 1.0 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Tipo di prodotto chimico

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Edizione riveduta no : 6. Responsab. della distribuzione

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Edizione riveduta no : 6. Responsab. della distribuzione Pagina : 1 êc { C : Corrosivo 8 : Sostanza corrosiva. Pericolo M» Produttore Responsab. della distribuzione Avenue Albert Einstein, 15 Avenue Albert Einstein, 15 1348 Louvain-la-Neuve Belgium 1348 Louvain-la-Neuve

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA PRODOTTO CHIMICO PER USO INDUSTRIALE ACIDO SUCCINICO

SCHEDA DI SICUREZZA PRODOTTO CHIMICO PER USO INDUSTRIALE ACIDO SUCCINICO Versione 4 Data revisione 01.09.2010 SCHEDA DI SICUREZZA PRODOTTO CHIMICO PER USO INDUSTRIALE Conforme al Regolamento CE n. 1907/2006 ACIDO SUCCINICO 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA E DELLA SOCIETÀ NOME

Dettagli

La sicurezza nei laboratori didattici e di ricerca IL RISCHIO CHIMICO

La sicurezza nei laboratori didattici e di ricerca IL RISCHIO CHIMICO La sicurezza nei laboratori didattici e di ricerca IL RISCHIO CHIMICO Dott. Luca Pettini Settore Ambiente e Sicurezza Polo Scientifico di Sesto Fiorentino La sicurezza nei laboratori didattici e di ricerca

Dettagli

GESTIONE DELLE EMERGENZE DERIVANTI DA AGENTI CHIMICI IN LABORATORIO

GESTIONE DELLE EMERGENZE DERIVANTI DA AGENTI CHIMICI IN LABORATORIO GESTIONE DELLE EMERGENZE DERIVANTI DA AGENTI CHIMICI IN LABORATORIO Premessa Durante l impiego, lo stoccaggio e lo smaltimento di agenti chimici possono determinarsi situazioni di pericolo immediato, in

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA pagina 1/5 1. Identificazione della sostanza/miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale: 1.2 Utilizzi rilevanti identificati della sostanza o miscela e utilizzi sconsigliati

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Secondo direttiva 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA. Secondo direttiva 1907/2006/CE Biolife Italiana Srl Pagina: 1 di 8 SCHEDA DI SICUREZZA Secondo direttiva 1907/2006/CE 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O MISCELA E DELLA SOCIETA O IMPRESA 1.1 Identificatori del prodotto Doc. N 25050SAFEC

Dettagli

Il RISCHIO CHIMICO. Trattazione Antonio GULMINI TDP ULSS 18 ROVIGO

Il RISCHIO CHIMICO. Trattazione Antonio GULMINI TDP ULSS 18 ROVIGO Il RISCHIO CHIMICO Trattazione Antonio GULMINI TDP ULSS 18 ROVIGO Rischio Chimico Le sostanze o i preparati possono essere pericolosi per : la salute : malattia professionale per la sicurezza: infortunio

Dettagli

Scheda dei dati di sicurezza

Scheda dei dati di sicurezza Scheda dei dati di sicurezza Edizione 1.0 Revisione 20.11.2015 Data di emissione 23.11.2015 Seite 1 von 6 1. Classificazione della sostanza Identificazione della sostanza Identificazione della Phenol sostanza

Dettagli

Alcool etilico alcool isopropilico

Alcool etilico alcool isopropilico DISINFETTANTI DISINFETTANTI Detergenti: modifica tensione superficiale e rimozione dello sporco Decontaminazione: I presidi riutilizzabili devono, dopo l uso, essere immediatamente immersi in un disinfettante

Dettagli

MODELLO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA AGENTI CHIMICI PERICOLOSI PER LA SALUTE AD USO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. (TITOLO IX Capo I - D.Lgs.

MODELLO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA AGENTI CHIMICI PERICOLOSI PER LA SALUTE AD USO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. (TITOLO IX Capo I - D.Lgs. MODELLO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA AGENTI CHIMICI PERICOLOSI PER LA SALUTE AD USO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (TITOLO IX Capo I - D.Lgs.81/08) Aggiornamento del 4 settembre 2013 Premessa In alternativa

Dettagli

Per la parte generale relativa ai guanti di protezione si rimanda alla scheda 3

Per la parte generale relativa ai guanti di protezione si rimanda alla scheda 3 Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro SCHEDA 4 Guanti Protezione dai rischi Chimici e Biologici V2-28/05/2014 Per la parte generale relativa

Dettagli

NUOVA CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEGLI AGROFARMACI (CLP)

NUOVA CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEGLI AGROFARMACI (CLP) NUOVA CLASSIFICAZIONE CLP NUOVA CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEGLI AGROFARMACI (CLP) Il Regolamento (CE) n 1272/2008 (CLP Classification, Labelling and Packaging) è la nuova normativa europea di riferimento

Dettagli

Fattori di rischio a scuola 2 a parte CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 2.1

Fattori di rischio a scuola 2 a parte CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 2.1 Fattori di rischio a scuola 2 a parte Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 2.1 Rischio nelle attività di pulizia I prodotti chimici Sono da considerare potenzialmente

Dettagli