Programma della Formazione A Distanza (FAD) "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma della Formazione A Distanza (FAD) "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute""

Transcript

1 Formazione A Distanza "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute" del Istituto Superiore di Sanità e verifica dei contenuti equivalenti nel corso OMS/UNICEF 20 ore. A cura di Angela Giusti, Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute, Istituto Superiore di Sanità Elise Chapin, Programma Ospedali&Comunità Amici dei Bambini, Area Volontari e Programmi, Comitato Italiano per l'unicef Roma, 30 giugno 201 Di seguito viene presentata la proposta di equivalenza di alcuni contenuti tra il corso OMS/UNICEF 20 ore in presenza e la FAD. L'equivalenza è stata pensata sulla base dei contenuti teorici proposti e delle pratiche, mantenendo in presenza tutte le attività che richiedono il lavoro di gruppo o l'esercitazione pratica ai fini dell'acquisizione delle competenze necessarie alla protezione, promozione e sostegno dell'allattamento nell'ambito delle strategie "Amiche del Bambino". E' comunque necessario che i formatori definiscano di volta in volta gli argomenti che richiedono maggiore attenzione, sulla base delle esigenze dello specifico contesto e del gruppo di partecipanti. Si ricorda che tutti gli operatori del reparto che vengono a contatto in qualsiasi forma con gestanti, madri, e/o bambini devono inoltre partecipare a un Corso di Orientamento sulla Politica aziendale per l allattamento materno e l alimentazione infantile per capire l impegno aziendale nonché il proprio ruolo nella sua attuazione. Programma della Formazione A Distanza (FAD) "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute" Totale ore: 8, incluse 2 ore di e studio di casi DOSSIER 1. LA PROMOZIONE DELL'ALLATTAMENTO AL SENO NELL'AMBITO DELLA PROMOZIONE DELLA SALUTE 1. La Promozione della Salute Le strategie Guadagnare Salute come strategia per la salute della mamma e del bambino GenitoriPiù I rischi associati al fumo e all alcol 2. Epidemiologia I dati sull allattamento al seno I determinanti dell allattamento al seno e delle pratiche di alimentazione dei lattanti 3. Allattamento al seno e salute I rischi del mancato allattamento al seno e dei sostituti del latte materno L importanza dell allattamento al seno per la coppia mamma-bambino

2 4. Strategie internazionali e nazionali di protezione, promozione e sostegno Le iniziative Oms-Unicef per promuovere l allattamento Le strategie internazionali La normativa italiana Allattamento al seno e lavoro Allattamento al seno in pubblico Il ruolo e la formazione degli operatori La gestione dell alimentazione dei lattanti nelle emergenze Le associazioni per l allattamento al seno DOSSIER 2. ALLATTAMENTO AL SENO: TRA ARTE, SCIENZA E NATURA. 1. Come si produce il latte materno Anatomia della mammella e fisiologia dell allattamento La cura del seno La composizione del latte materno e i suoi benefici Buone pratiche a sostegno dell allattamento materno La durata dell allattamento materno: tra raccomandazioni e rispetto dei tempi dei bambini 2. Perché è importante osservare una poppata Attacco e posizione nei primi giorni di vita e nei mesi successivi Le posizioni per allattare Come valutare la crescita del bambino allattato al seno 3. La comunicazione sull allattamento al seno Le competenze di base del counselling per il sostegno all allattamento I messaggi chiave per il counselling della donna che allatta: cosa, quando e come 4. Come aiutare la mamma a mantenere e aumentare la produzione di latte I segnali di fame del bambino: imparare a riconoscerli Bassa produzione e bassa introduzione di latte La spremitura manuale del latte Il latte donato Somministrazione del latte materno spremuto L alimentazione con tazzina Il latte artificiale. I problemi in corso di allattamento al seno Patologie della mammella I capezzoli invertiti Le ragadi L ingorgo mammario Il dotto ostruito La mastite Le infezioni da Candida albicans 6. La salute della donna che allatta al seno L alimentazione della mamma e gli stili salutari in allattamento Le controindicazioni all allattamento al seno La contraccezione durante l allattamento al seno

3 7. Farmaci e allattamento al seno Le dimensioni del rischio dell assunzione del farmaco in allattamento Controindicazioni assolute e relative, false controindicazioni Uso dei farmaci, gestione dell allattamento e farmacovigilanza Le informazioni alla donna che allatta al seno Siti e telefoni utili STUDIO DI CASI 1. Mamma sana, bimbo sano 2. Farmaci, alcol, fumo 3. Percezione di scarsa produzione di latte 4. Rientro a casa ESERCITAZIONI 1. Problemi del seno 2. Ricostituzione del latte artificiale 3. Valutare la crescita 4. Valutare attacco e posizione Corrispondenze tra FAD allattamento ISS (8 ore complessive) e corso 20 ore UNICEF Sessione corso 20 ore in presenza durata Contenuto FAD durata Sessione di apertura 1 0 Sessione 1: La BFHI: parte della Strategia Globale 0 30 Illustrare lo scopo della Strategia Globale per l Alimentazione dei Neonati e dei Bambini dell OMS/UNICEF. Dossier 1 Delineare gli obiettivi della BFHI. Dossier 1 Spiegare perché la BFHI è importante nelle zone ad alta prevalenza di HIV. Spiegare come questo corso può aiutare questa struttura sanitaria in questo momento. Dossier 1 Dossier 1 Analizzare come questo corso si integra con altre attività. Dossier 1 Sessione 2: Abilità della comunicazione Identificare le abilità della comunicazione per ascoltare, apprendere e infondere fiducia. 30 Usare queste abilità con l aiuto di un foglio di lavoro. 30 Sessione 3: Promuovere l allattamento in gravidanza Passo Avere uno schema delle informazioni da discutere con le donne in gravidanza. Spiegare la preparazione prenatale dei seni per l allattamento al seno, cosa funziona e cosa non funziona. 20

4 Identificare le donne che hanno bisogno di una maggiore attenzione. Avere uno schema delle informazioni da discutere con le donne in gravidanza che sono HIV positive. Esercitarsi con le abilità della comunicazione da usare quando si parla con una donna in gravidanza. 0 Sessione 4: Proteggere l allattamento al seno 40 Discutere gli effetti delle strategie di marketing sull alimentazione infantile. Elencare i punti chiave del Codice Internazionale sulla Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno. Descrivere le azioni che gli operatori sanitari possono intraprendere per proteggere le famiglie dal marketing dei sostituti del latte materno. Indicare l attenzione necessaria con le donazioni di sostituti del latte materno nelle situazioni di emergenza. Dossier 1 Dossier 1 1 Dossier 1 Discutere su come rispondere alle strategie di marketing. 1 Sessione : Pratiche alla nascita e allattamento Passo Descrivere come sostenere l allattamento subito dopo la nascita. 30 Spiegare l importanza del contatto pelle a pelle immediato per la madre ed il neonato. 1 Spiegare come si favorisce l inizio dell allattamento al seno. Elencare i vari modi per sostenere l allattamento dopo un taglio cesareo. Spiegare come si applicano le pratiche BFHI alle donne che non allattano al seno. Sessione 6: Come arriva il latte dal seno al bambino 0 4 Identificare le parti del seno e descrivere le loro funzioni. Considerare com è prodotto il latte ed i meccanismi che ne regolano la produzione. 1 1 Spiegare il ruolo del bambino nel trasferimento del latte. 20 Discutere le cure di cui ha bisogno il seno. Sessione 7: Aiutare ad allattare Passo sezioni Elencare gli elementi chiave per una buona posizione e per un allattamento comodo e ben riuscito. Descrivere come valutare una poppata.

5 Riconoscere i segni di buona posizione e di un buon attacco. 20 Sessione 7: Aiutare ad allattare Passo sezioni Dimostrare come si aiuta una madre ad apprendere la buona posizione ed il buon attacco. Considerare quando è necessario prestare aiuto per l allattamento. Far pratica in piccoli gruppi su come aiutare una madre. 20 Elencare le cause di possibile difficoltà per attaccare un bambino al seno. Sessione 8: Pratiche che aiutano ad allattare Passi 6, 7, 8 e Descrivere il loro ruolo nelle pratiche che favoriscono il roomingin. Descrivere il loro ruolo nelle pratiche che favoriscono l allattamento a richiesta (guidato dal bambino). Suggerire come svegliare un bambino sonnolento e consolare un bambino che piange troppo. Elencare i rischi di aggiunte e supplementi non necessari. Spiegare perché è importante evitare l uso di biberon e tettarelle. Descrivere come rimuovere gli ostacoli all avvio tempestivo dell allattamento. 1 Sessione 9: Produzione e offerta di latte 0 4 Parlare con le madri su preoccupazioni riguardanti il poco latte. Descrivere la crescita normale dei bambini. Descrivere come aumentare la produzione, l offerta e l assunzione di latte materno. Discutere in gruppo un caso di poco latte. 20 Sessione : Bambini con bisogni speciali 4 0 Discutere dell allattamento al seno in bambini prematuri, di basso peso o con bisogni speciali

6 Descrivere come aiutare le madri ad allattare più di un bambino. Delineare la prevenzione e la gestione di situazioni cliniche frequenti in relazione all allattamento: ipoglicemia neonatale, ittero e disidratazione. Fare uno schema delle indicazioni mediche per l uso di alimenti e bevande diversi dal latte materno. Sessione 11: Se il bambino non può prendere il seno Passo 1 4 Descrivere perché la spremitura manuale del seno è utile e come si fa. Assistere una madre ad apprendere la spremitura manuale del seno. 1 1 Spiegare l uso in sicurezza del latte di un altra madre. Illustrare come alimentare un bambino con tazzina. 2 Sessione 12: Problemi del seno e del capezzolo 0 60 Elencare cosa osservare quando si esaminano seni e capezzoli di una madre che allatta. Descrivere le cause, la prevenzione e la gestione dell ingorgo e della mastite. Descrivere le cause, la prevenzione e la gestione del dolore ai capezzoli e delle ragadi. Dimostrare come si assiste una madre con problemi del seno o del capezzolo in un gioco di ruolo. Sessione 13: Problemi di salute della madre 0 4 Analizzare i bisogni nutrizionali di una donna che allatta. Illustrare come l allattamento al seno aiuti a distanziare le nascite. Discutere la gestione dell allattamento quando la madre è ammalata. Passare in rassegna le informazioni essenziali su allattamento e uso di farmaci Sessione 14: Sostegno continuo alle madri Passo 20 Descrivere come preparare una madre per la dimissione. 1 Discutere del follow-up e del sostegno dopo la dimissione. Delineare come proteggere l allattamento se una madre lavora. Discutere di come mantenere l allattamento nel secondo anno e oltre.

7 Considerare il sostegno di gruppo per l allattamento al seno. 30 Sessione 1: Far diventare il tuo ospedale amico del bambino 3 0 Spiegare cosa s intende per pratiche amiche del bambino. 20 Descrivere le procedure di valutazione per la BFHI. Discutere su come integrare la BFHI nei programmi in corso. Riassunto della giornata 1 e domande 1 0 Riassunto della giornata 2 e domande 1 0 Riassunto della giornata 3 e domande 1 0 Chiusura del corso 1 0 Pratica clinica 1: Osservare ed assistere la poppata Pratica clinica 2: Parlare con una donna in gravidanza 60 0 Pratica clinica 3: Spremitura e alimentazione con bicchierino 90 0 Totali 12 h 8 h

POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI

POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI INTRODUZIONE Questa Azienda sostiene e promuove l allattamento al seno in quanto modalità naturale di alimentazione del neonato,

Dettagli

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno Azienda Usl 7 di Siena Azienda Sanitaria delle zone Senese, Alta Val d'elsa, Amiata Val d'orcia e Valdichiana Senese DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Il libretto è stato elaborato dal gruppo di lavoro multidisciplinare

Dettagli

Linee guida per l'allattamento al seno

Linee guida per l'allattamento al seno Politica aziendale relativa all allattamento al seno e all alimentazione dei bambini adottata presso l Ospedale di Lucca Linee guida per l'allattamento al seno Allegato alla deliberazione del Direttore

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI

ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI POLITICA AZIENDALE PER L ALLATTAMENTO AL SENO E L ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI REVISIONE MARZO 2014 INTRODUZIONE Questa Azienda sostiene e promuove l allattamento al seno in quanto modalità naturale di alimentazione

Dettagli

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

Sito UNICEF Italia: www.unicef.it/allattamento

Sito UNICEF Italia: www.unicef.it/allattamento L allattamento al seno esclusivo è il modello di riferimento o normativo rispetto al quale tutti i metodi alternativi di alimentazione devono essere misurati in termini di crescita, salute, sviluppo, e

Dettagli

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione

Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO. 76 16. Rifiuto del seno. Introduzione 76 16. Rifiuto del seno Sessione 16 RIFIUTO DEL SENO Introduzione In alcune comunità il rifiuto del seno da parte del bambino è una delle ragioni più comuni che provocano la sospensione dell allattamento

Dettagli

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno.

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno. Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno. Beatrice Dalla Barba Formatore Azienda Ospedaliera: Ostetrica E.Righetti PERCHE E COSI IMPORTANTE PROMUOVERE L ALLATTAMENTO AL SENO? L AS nei

Dettagli

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno Informazioni per le strutture interessate al riconoscimento Introduzione... p. 2 I. Proposte... p. 2 II. Prospettive.

Dettagli

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Atmosfera in sala travaglio Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Libertà di movimento in travaglio Assunzione cibi e liquidi Monitoraggio continuo o intermittente?

Dettagli

Promuovere, proteggere e facilitare l allattamento nel bambino con labiopalatoschisi

Promuovere, proteggere e facilitare l allattamento nel bambino con labiopalatoschisi Promuovere, proteggere e facilitare l allattamento nel bambino con labiopalatoschisi Allattare quando c è una labiopalatoschisi: quali sono le difficoltà? Dipende dalla posizione e l entità della schisi

Dettagli

Mamma che latte! www.salute.gov.it

Mamma che latte! www.salute.gov.it Consigli alle mamme sull'allattamento al seno Mamma che latte! Mamma che latte! 3 INDICE Allattare al seno il tuo bimbo con amore e facilità pag 4 Allattamento al seno unico e speciale pag 6 Vicino al

Dettagli

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno

Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Lezione 5. Incoraggiare l allattamento al seno Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Identificare donne che possono avere problemi con l allattamento al seno Discutere

Dettagli

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura

PROBLEMI DEL SENO. Ost. Giovo Maura PROBLEMI DEL SENO Ost. Giovo Maura 1 SESSIONE 14 OBIETTIVI DIAGNOSTICARE E TRATTARE CAPEZZOLI PIATTI, INVERTITI E LUNGHI LINFEDEMA DA MONTATA LATTEA INGORGO E STASI DEL LATTE DOTTI GALATTOFORI BLOCCATI

Dettagli

3. Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno

3. Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno 3. Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno L allattamento materno è l espressione di una meravigliosa potenzialità della donna che va oltre l aspetto nutrizionale. È il modo naturale

Dettagli

5. Scenario I. Basso tasso di inizio

5. Scenario I. Basso tasso di inizio 43 44 5. Scenario I. Basso tasso di inizio bassa scolarità materna necessità di riprendere il lavoro precocemente popolazioni con diverse tradizioni culturali Questo scenario è specifico per le realtà

Dettagli

Quadro di riferimento per promuovere la salute e ridurre le inequità

Quadro di riferimento per promuovere la salute e ridurre le inequità Quadro di riferimento per promuovere la salute e ridurre le inequità http://www.euro.who.int/en/health-topics/health-policy/health-2020-the-europeanpolicy-for-health-and-well-being 2 obiettivi strategici

Dettagli

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp.

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp. Al mio bambino fragili ali appena nate, piccola voce che canta, nuovo cuoricino che batte, non temere la tua nascita, né il mondo poichè sei l infinito. Il sole risplende, la terra gira, per darti il benvenuto

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 DGR 2705 del 29 dicembre 2014. Istruzioni per la stesura dei programmi regionali

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 DGR 2705 del 29 dicembre 2014. Istruzioni per la stesura dei programmi regionali PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 DGR 2705 del 29 dicembre 2014 Istruzioni per la stesura dei programmi regionali Il documento rappresenta una guida per la stesura dei programmi da parte dei

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE 7

INDICE INTRODUZIONE 7 INDICE INTRODUZIONE 7 CAPITOLO I. COME FUNZIONA IL SENO 9 A discrezione del consumatore 9 Il seno, cos è e a cosa serve 13 L esterno del seno 14 La parte che non si vede 15 Gli ormoni dell allattamento

Dettagli

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione 106 22. Il pianto Sessione 22 IL PIANTO Introduzione Molte madri cominciano a dare aggiunte inutili perché il loro bambino piange. Tuttavia le aggiunte spesso non fanno piangere di meno un bambino, che

Dettagli

Lezione 8. Problemi del seno ad insorgenza precoce

Lezione 8. Problemi del seno ad insorgenza precoce Lezione 8. Problemi del seno ad insorgenza precoce Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado di: Esaminare il seno ed i capezzoli di una madre Identificare i capezzoli rientranti

Dettagli

Lezione 16. Come rendere la tua comunità amica del bambino

Lezione 16. Come rendere la tua comunità amica del bambino Lezione 16. Come rendere la tua comunità amica del bambino Obiettivi Alla fine di questa lezione i partecipanti saranno in grado: Discutere la politica sanitaria nazionale o locale sull allattamento al

Dettagli

SCELTE PER IL PERCORSO NASCITA

SCELTE PER IL PERCORSO NASCITA SCELTE PER IL PERCORSO NASCITA Il Percorso Nascita individuale è l armonica combinazione tra il programma assistenziale previsto per la gravidanza e le scelte personali della donna. In questa sezione sono

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

Gli standard UNICEF Amici dell allattamento nella formazione universitaria Margherita Locatelli - Ostetrica Tutor IBCLC, Corso di Laurea in

Gli standard UNICEF Amici dell allattamento nella formazione universitaria Margherita Locatelli - Ostetrica Tutor IBCLC, Corso di Laurea in Gli standard UNICEF Amici dell allattamento nella formazione universitaria Margherita Locatelli - Ostetrica Tutor IBCLC, Corso di Laurea in Ostetricia Amico dell Allattamento Materno Dichiarazione di conflitto

Dettagli

qualità uniche, ma è anche molto di più.

qualità uniche, ma è anche molto di più. 1 Care mamme, cari papà, è a voi pr ima di tutto c he è r ivolta questa piccola guida, che accompagnerà la campagna per l allattamento al s e n o promossa dal Ministero della Salute. Lo slogan scelto è:

Dettagli

Dichiarazione congiunta OMS/UNICEF

Dichiarazione congiunta OMS/UNICEF Dichiarazione congiunta OMS/UNICEF L allattamento al seno: protezione, incoraggiamento e sostegno. L importanza del ruolo dei servizi per la maternità. OMS, Ginevra, 1989 I 10 PASSI PER IL SUCCESSO DELL

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA 5, Via Giusctiniani, 35128 PADOVA

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA 5, Via Giusctiniani, 35128 PADOVA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo DALLA BARBA BEATRICE 2, VIA S. ROSA, 35141 PADOVA - ITALIA Telefono 0039 3473432868 Fax 0039 049

Dettagli

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento.

La diagnosi e il trattamento di questi problemi servono sia a curare la madre sia a permettere la prosecuzione dell allattamento. 14. Problemi del seno 59 Sessione 14 PROBLEMI DEL SENO Introduzione Esistono numerosi problemi del seno che a volte rendono difficile l allattamento: Capezzoli piatti o invertiti, capezzoli molto lunghi

Dettagli

INSIEME PER L ALLATTAMENTO MANUALE DEL PARTECIPANTE

INSIEME PER L ALLATTAMENTO MANUALE DEL PARTECIPANTE uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno MANUALE DEL PARTECIPANTE DEL CORSO DI 20 ORE

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

O.N.DA Milano 17 novembre 2014

O.N.DA Milano 17 novembre 2014 O.N.DA Milano 17 novembre 2014 Miriam Guana Presidente Federazione Nazionale Collegi Ostetriche Caterina Masè - Presidente Collegio Ostetriche Trento PREGRAVIDICO COUNSELLING PRECONCENZIONALE STILI DI

Dettagli

Progetto aziendale anni 2010-2011

Progetto aziendale anni 2010-2011 Rev. 11.02.10 Pag. 1 di 12 Indice 1.0 Premessa Pag. 2 2.0 Introduzione Pag. 3 3.0 Obiettivo generale Pag. 5 4.0 Obiettivi specifici Pag. 5 5.0 Destinatari Pag.6 6.0 Azioni Pag. 6 7.0 Responsabilità e tempi

Dettagli

Guida all organizzazione ed alla gestione del corso

Guida all organizzazione ed alla gestione del corso Guida all organizzazione ed alla gestione del corso Perché questo corso? Nel 1990, con la Dichiarazione degli Innocenti, l UNICEF gettava le basi dell Iniziativa Ospedale Amico del Bambino (Baby Friendly

Dettagli

IL LATTE PER IL TUO BAMBINO

IL LATTE PER IL TUO BAMBINO U.O.C. Anestesia e Rianimazione Direttore : Prof. Pietro Tuo IL LATTE PER IL TUO BAMBINO Raccogliere il tuo latte e ` una delle cose piu` importanti che puoi fare se il tuo bambino nasce prematuro o se,

Dettagli

Adeguare le pratiche assistenziali convenzionali alle prove di efficacia scientifiche

Adeguare le pratiche assistenziali convenzionali alle prove di efficacia scientifiche TEMI DEI CORSI OBIETTIVI DEL CORSO A: ASSISTENZA ALLA GRAVIDANZA E AL PARTO-NASCITA Fornire strumenti pratici e teorici per l assistenza alla gravidanza, al parto e al neonato fisiologico attraverso lo

Dettagli

dell ALLATTAMENTO al SENO

dell ALLATTAMENTO al SENO ABC dell ALLATTAMENTO al SENO Ogni Ospedale del Trentino dovrebbe avere come punti di riferimento i 10 passi proposti dall UNICEF per essere un Ospedale Amico del bambino : 1 avere un protocollo scritto

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 163 del 14 Luglio 2008

Gazzetta Ufficiale N. 163 del 14 Luglio 2008 Gazzetta Ufficiale N. 163 del 14 Luglio 2008 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 15 aprile 2008 Istituzione del Comitato nazionale multisettoriale per l'allattamento materno. IL MINISTRO DELLA SALUTE Premesso

Dettagli

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 BANCA DEL LATTE UMANO DONATO di Cesena presso la Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale dell Ospedale M. Bufalini. Per maggiori informazioni contattare il numero: 0547/394362

Dettagli

Un sano sorriso... per il tuo bambino

Un sano sorriso... per il tuo bambino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Direzione per la promozione e l educazione alla salute Dipartimento di Odontostomatologia Un sano sorriso... per il tuo bambino Progetto

Dettagli

Codice Internazionale sulla Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno. con le successive pertinenti Risoluzioni dell AMS

Codice Internazionale sulla Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno. con le successive pertinenti Risoluzioni dell AMS Codice Internazionale sulla Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno con le successive pertinenti Risoluzioni dell AMS Codice Internazionale sulla Commercializzazione dei Sostituti del Latte

Dettagli

INCONTRARSI PER UNA NASCITA ATTIVA

INCONTRARSI PER UNA NASCITA ATTIVA INCONTRARSI PER UNA NASCITA ATTIVA PREPARAZIONE ALLA MATERNITÀ E PATERNITÀ U.O. OSTETRICIA E GINECOLOGIA - OSPEDALE DI VIGEVANO Dal 1987 al 1993 i corsi di preparazione al parto nella nostra struttura

Dettagli

Quarta Commissione Sanità. Indagine conoscitiva Assistenza materno infantile in Toscana

Quarta Commissione Sanità. Indagine conoscitiva Assistenza materno infantile in Toscana Quarta Commissione Sanità Indagine conoscitiva Assistenza materno infantile in Toscana Gennaio 2010 SOMMARIO Presentazione I. L ASSISTENZA DURANTE LA GRAVIDANZA II. IL PARTO a) il parto naturale b) il

Dettagli

GENITORI E I PRIMI 30 GIORNI CON IL BEBE

GENITORI E I PRIMI 30 GIORNI CON IL BEBE GENITORI E I PRIMI 30 GIORNI CON IL BEBE La vita del neonato dalla nascita al primo mese, rassicurazioni e consigli dalla SIN Società Italiana di Neonatologia L arrivo di un bebè è un momento lieto, ma

Dettagli

Percorso nascita. Presentazione. Cosa portare in Ospedale

Percorso nascita. Presentazione. Cosa portare in Ospedale e per concludere! Ricorda che bastano altri pochi gesti per proteggere al meglio il tuo bambino, in particolare noi ti suggeriamo di: Lavarti e lavare sempre le mani al tuo bambino Evitare di fumare L

Dettagli

Alimentazione dei lattanti e dei bambini fino a tre anni: raccomandazioni standard per l Unione Europea

Alimentazione dei lattanti e dei bambini fino a tre anni: raccomandazioni standard per l Unione Europea European Commission Directorate Public Health and Risk Assessment Karolinska Institutet Department of Biosciences at Novum Unit for Preventive Nutrition Huddinge, Sweden Istituto per l Infanzia IRCCS Burlo

Dettagli

L'ABC DELL'ALLATTAMENTO MATERNO

L'ABC DELL'ALLATTAMENTO MATERNO Impa2004.qxd 14/10/2004 13.51 Pagina 1 L'ABC DELL'ALLATTAMENTO MATERNO Cara mamma, vi sono molte ragioni per incoraggiare e sostenere l'allattamento materno. In sintesi si può dire che il latte della sua

Dettagli

SIMONA MAROCCHINI. italiana. Roma, 02/10/1986

SIMONA MAROCCHINI. italiana. Roma, 02/10/1986 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cognome SIMONA MAROCCHINI Nazionalità Luogo e Data di nascita italiana Roma, 02/10/1986 ESPERIENZA LAVORATIVA Da Gennaio 2011 Attività di ostetrica libero-professionista,

Dettagli

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale Il percorso nascita dell'ausl di Rimini U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi Rete Consultoriale Provinciale Risorse e Organizzazione dell U.O. 43 Letti di Ostetricia 12 Letti di Ginecologia 8 Letti DH 6 Sale

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI VIA M. COPPINO 26, 12100 CUNEO AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI VIA M. COPPINO 26, 12100 CUNEO AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Indirizzo istituzionale VIA M. COPPINO 26, 12100 CUNEO Telefono istituzionale 0171/642726 Fax istituzionale 0171/642260 E-mail istituzionale

Dettagli

PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA

PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA FORMAZIONE SULLE EVIDENZE SCIENTIFICHE E SULLE STRATEGIE DI IMPLEMENTAZIONE DELLA CAMPAGNA La Campagna Nazionale Maria Caterina Sateriale Chiara Cuoghi Azienda

Dettagli

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia Lettere ai genitori Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia 1 Indice Imparare a conoscersi e ad amarsi 4 Coccolare e curare 10 Allattamento al seno e/o con il biberon? 14 Succhiare non

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Esperienza professionale. Nome e Cognome. Maggio 2014 ad Oggi. Date. Lavoro o posizione ricoperti Ostetrica

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Esperienza professionale. Nome e Cognome. Maggio 2014 ad Oggi. Date. Lavoro o posizione ricoperti Ostetrica Curriculum Vitae Informazioni personali Nome e Cognome Valentina Zanetti Menani Indirizzo Via F. Baracca n. 30 25128 Brescia Cellulare +39 333 2244826 E-mail vale.menani@gmail.com Data di nascita 27/09/85

Dettagli

NASCERE OGGI NATURALMENTE

NASCERE OGGI NATURALMENTE CAMMINI DI SOBRIETA DOMENICA 23 FEBBRAIO 2014 PERCORSI SULLA SALUTE NASCERE OGGI NATURALMENTE Serena Paris La nascita nel mondo (Safe materhood programme, WHO, 2007) Ogni anno ci sono almeno 3.200.000

Dettagli

Lettera aperta al Presidente della Società Italiana di Neonatologia Prof. Costantino Romagnoli

Lettera aperta al Presidente della Società Italiana di Neonatologia Prof. Costantino Romagnoli Lettera aperta al Presidente della Società Italiana di Neonatologia Prof. Costantino Romagnoli Gent.mo Prof. Romagnoli, Le scriviamo come CIANB, coalizione italiana per l alimentazione del neonato e del

Dettagli

Come allattare al. meglio. senza. stress?

Come allattare al. meglio. senza. stress? meglio Come allattare al senza stress? Allattare al seno è naturale, istintivo, ma c'è molto da imparare. Adottando la "tecnica" giusta fin dagli inizi, ogni poppata sarà un momento prezioso di profonda

Dettagli

STRATEGIA GLOBALE PER L ALIMENTAZIONE DEI NEONATI E DEI BAMBINI

STRATEGIA GLOBALE PER L ALIMENTAZIONE DEI NEONATI E DEI BAMBINI STRATEGIA GLOBALE PER L ALIMENTAZIONE DEI NEONATI E DEI BAMBINI Organizzazione Mondiale della Sanità ii. STRATEGIA GLOBALE PER L ALIMENTAZIONE DEI NEONATI E DEI BAMBINI Organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO

Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO q Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO D A T I P E R S O N A L I Nome e cognome Data e luogo di nascita Residenza Nicoletta Scavino 6 settembre 1959, Alba (CN) C.so Francia 103/a 10098 RIVOLI Tel. 011-9572601

Dettagli

Berçário, le culle dei bambini senza nome - Ospedale Centrale di Beira, Mozambico

Berçário, le culle dei bambini senza nome - Ospedale Centrale di Beira, Mozambico «Penso che il messaggio più forte che ho imparato qua è che non bisogna dare mai niente per scontato. Da noi i neonati sono continuamente monitorati ogni piccola cosa viene corretta Qui invece devono un

Dettagli

Questa formazione a distanza è pensata per i professionisti coinvolti nel sostegno all allattamento

Questa formazione a distanza è pensata per i professionisti coinvolti nel sostegno all allattamento dossier La promozione dell allattamento al seno nell ambito della strategia GUADAGNARE SALUTE INTRODUZIONE Questa formazione a distanza è pensata per i professionisti coinvolti nel sostegno all allattamento

Dettagli

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento La Famiglia P Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento Segnalazione 14/02/2012 Ospedale Pediatrico Meyer La piccola G. (2 mesi e 7 giorni) si trova ricoverata al reparto di Terapia Intensiva

Dettagli

Questa formazione a distanza è pensata per i professionisti coinvolti nel sostegno all allattamento

Questa formazione a distanza è pensata per i professionisti coinvolti nel sostegno all allattamento dossier Allattamento al seno: tra arte, scienza INTRODUZIONE Questa formazione a distanza è pensata per i professionisti coinvolti nel sostegno all allattamento al seno. Si tratta di medici di medicina

Dettagli

Allattamento al seno e uso del latte materno/umano

Allattamento al seno e uso del latte materno/umano Allattamento al seno e uso del latte materno/umano Position Statement 2015 di Società Italiana di Pediatria (SIP), Società Italiana di Neonatologia (SIN), Società Italiana di Cure Primarie Pediatriche

Dettagli

un aiuto per tutte le mamme che desiderano allattare!

un aiuto per tutte le mamme che desiderano allattare! Pediatria e Neonatologia Ospedale di Esine un aiuto per tutte le mamme che desiderano allattare! Cari genitori, benvenuti! Pensando a voi, che state vivendo un momento così felice per la nascita del vostro

Dettagli

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità C l a u d i o P a g a n o t t i LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità Prefazione di Attilio Gastaldi Marco Serra Tarantola Editore SOMMARIO Prefazione...7 Introduzione...9 1. LA NASCITA TRA STORIE

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Nati per Leggere in provincia di Sondrio

Nati per Leggere in provincia di Sondrio Comunicazione al convegno Leggere fin da piccoli. Il contributo delle biblioteche lombarde Gloria Busi Servizio Cultura Provincia di Sondrio Eloisa Del Curto pediatra Consultori ASL / Comunità amiche del

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA. Farmaci e doping: normativa ed effetti collaterali legati all abuso

CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA. Farmaci e doping: normativa ed effetti collaterali legati all abuso Farmaci e doping: normativa ed effetti collaterali legati all abuso Prof.ssa Paola Minghetti - Facoltà di Farmacia, Università degli Studi di Milano Prof.ssa Roberta Pacifici - Osservatorio Fumo Alcol

Dettagli

Attività di Sorveglianza Igienico Sanitaria negli Asili Nido

Attività di Sorveglianza Igienico Sanitaria negli Asili Nido REGIONE LAZIO Direttore Generale Dr. Vittorio Bonavita Dipartimento Materno Infantile Direttore Dott. Massimo Giovannini U.O.C. Procreazione Cosciente e Responsabile Direttore Dott.ssa Patrizia Auriemma

Dettagli

Come crescere tuo figlio secondo natura SCOPRI QUALI INFORMAZIONI POSSIEDONO! EPPURE DEVI SAPERE CHE...

Come crescere tuo figlio secondo natura SCOPRI QUALI INFORMAZIONI POSSIEDONO! EPPURE DEVI SAPERE CHE... Come crescere tuo figlio secondo natura Hai difficoltà nel crescere tuo figlio? Ecco una notizia per te. Ci sono genitori che comprendono i bisogni del proprio figlio e con il quale costruiscono nel tempo

Dettagli

l allattamento materno

l allattamento materno l allattamento materno SUGGERIMENTI PRATICI PER LA MAMMA CHE INIZIA AD ALLATTARE IL SUO BAMBINO Con il patrocinio del Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Azienda USL di Modena Unità Operative di Pediatria

Dettagli

Questa farmacia si impegna a rispettare e divulgare i 14 diritti della Carta Europea dei Diritti del Malato, promossa da Cittadinanzattiva, ed

Questa farmacia si impegna a rispettare e divulgare i 14 diritti della Carta Europea dei Diritti del Malato, promossa da Cittadinanzattiva, ed CARTA DELLA QUALITà DELLA FARMACIA 2 Questa farmacia si impegna a rispettare e divulgare i 14 diritti della Carta Europea dei Diritti del Malato, promossa da Cittadinanzattiva, ed assicura: accessibilità,

Dettagli

LA NASCITA PRESSO L AULSS 21

LA NASCITA PRESSO L AULSS 21 A cura di: U.O.S. TUTELA FAMIGLIA / CONSULTORI FAMILIARI Responsabile: Dott.ssa Alessandra Paganella Con la collaborazione di: U.O.C. OSTETRICIA/GINECOLOGIA Direttore: Dott. Pietro Catapano U.O.C. PEDIATRIA

Dettagli

Master Universitario di I livello in. Formazione di Infermieri Professionali specializzati in Neonatologia, Puericultura e Assistenza Materna

Master Universitario di I livello in. Formazione di Infermieri Professionali specializzati in Neonatologia, Puericultura e Assistenza Materna Master Universitario di I livello in Formazione di Infermieri Professionali specializzati in Neonatologia, Puericultura e Assistenza Materna Premessa Da alcuni anni, il Ministero dell Istruzione dell Università

Dettagli

Efficacia delle mediatrici culturali per migliorare l adesione agli interventi di prevenzione per donne e bambini immigrati

Efficacia delle mediatrici culturali per migliorare l adesione agli interventi di prevenzione per donne e bambini immigrati Efficacia delle mediatrici culturali per migliorare l adesione agli interventi di prevenzione per donne e bambini immigrati Adriano Cattaneo, Tea Burmaz, Michela Villani Unità per la Ricerca sui Servizi

Dettagli

Titolo del progetto (2) L organizzazione degli interventi di una equipe multidisciplinare nel follow-up del neonato pretermine.

Titolo del progetto (2) L organizzazione degli interventi di una equipe multidisciplinare nel follow-up del neonato pretermine. Lazio Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (Roma) (1) Educazione e Formazione delle neo mamme di neonati nati prematuramente e trasferiti presso OPBG per complicanze nel periodo neonatale con insorgenza di

Dettagli

PROCEDURA CONSEGNA PER L'ALLATTAMENTO NEONATO/MAMMA PRIMA POPPATA E POPPATE SUCCESSIVE

PROCEDURA CONSEGNA PER L'ALLATTAMENTO NEONATO/MAMMA PRIMA POPPATA E POPPATE SUCCESSIVE AOU Sassari U.O. Neonatologia e TIN NIDO POCEDUA CONSEGNA NEONATO /MAMMA PE L'ALLATTAMENTO Produzione Qualità isk Mangement POCEDUA CONSEGNA NEONATO/MAMMA PE L'ALLATTAMENTO PIMA POPPATA E POPPATE SUCCESSIVE

Dettagli

INDICE Introduzione Materiali e Metodi Risultati e discussione Conclusioni Bibliografia Allegato 1 Allegato 2 Allegato 3

INDICE Introduzione Materiali e Metodi Risultati e discussione Conclusioni Bibliografia Allegato 1 Allegato 2 Allegato 3 INDICE Introduzione... Materiali e Metodi... Risultati e discussione... 5 Dati socio-demografici... 7 Gravidanza... 9 Parto... 5 Allattamento al seno... Cure al neonato... 8 Contraccezione in puerperio...

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 3 Project Cycle Management DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 Perché il Project Cycle Management? Esperienze pregresse -Quadro

Dettagli

PUGLIA. Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II

PUGLIA. Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II Via F. S. Hahneman, 10 Bari Tel. 0805555111 Prenotazioni 800290848 www.oncologico.bari.it Direttore Generale Dott. Nicola Pansini Direttore Sanitario Dott. Giuseppe

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 2 DEL 14 GENNAIO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 2 DEL 14 GENNAIO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 23 novembre 2007 - Deliberazione N. 2041 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria - Linee guida alle Azienda Sanitarie e Ospedaliere

Dettagli

L.R. 11 aprile 1990, n. 35 (1). Norme per la tutela della salute e del benessere psicofisico della donna partoriente e del neonato.

L.R. 11 aprile 1990, n. 35 (1). Norme per la tutela della salute e del benessere psicofisico della donna partoriente e del neonato. L.R. 11 aprile 1990, n. 35 (1). Norme per la tutela della salute e del benessere psicofisico della donna partoriente e del neonato. (1) Pubblicata nel B.U. 5 giugno 1990, n. 14. Art. 1 La Regione Abruzzo

Dettagli

Stefania Bazzo. Le sfide della promozione della salute: dalla sorveglianza agli interventi sul territorio Venezia, 21 giugno 2012. www.ulss.tv.

Stefania Bazzo. Le sfide della promozione della salute: dalla sorveglianza agli interventi sul territorio Venezia, 21 giugno 2012. www.ulss.tv. Un percorso di ricerca e formazione dei professionisti sanitari per la prevenzione del consumo di alcol in gravidanza e allattamento: l esperienza dell AULSS 9 di Treviso Stefania Bazzo Le sfide della

Dettagli

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme Nascere all Ospedale San Giuseppe Guida pratica per future mamme Indice Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme La storia Pag. 2 Benvenuta Pag. 3 L accoglienza Pag. 4 L assistenza

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Via Novellina, 129 - Varese Telefono 0332/281856 Fax 0332/299423 E-mail C.F. massimo.agosti@ospedale.varese.it

Dettagli

Progetto Sperimentazione di un modello di assistenza post - partum alle donne straniere

Progetto Sperimentazione di un modello di assistenza post - partum alle donne straniere Convegno Il Percorso Nascita nella prospettiva del Progetto Obiettivo Materno Infantile - POMI Roma, 28 aprile 2010 Progetto Sperimentazione di un modello di assistenza post - partum alle donne straniere

Dettagli

Allattare al seno il tuo bambino

Allattare al seno il tuo bambino Allattare al seno il tuo bambino Informazioni importanti per le neo mamme versione italiana di Breastfeeding Your Baby a cura di UK Baby Friendly Initiative Introduzione Questo opuscolo è rivolto alle

Dettagli

International MotherBaby Childbirth Initiative (IMBCI)

International MotherBaby Childbirth Initiative (IMBCI) International MotherBaby Childbirth Initiative (IMBCI) 10 passi per l assistenza ottimale all Unità MadreBambino* nei servizi alla maternità Un iniziativa di International MotherBaby Childbirth Organization

Dettagli

Occhio al Codice! Introduzione. Rispetto del Codice e promozione dell allattamento nelle strutture sanitarie. n. 4 - Gennaio 2011

Occhio al Codice! Introduzione. Rispetto del Codice e promozione dell allattamento nelle strutture sanitarie. n. 4 - Gennaio 2011 Occhio al Codice! n. 4 - Gennaio 2011 Introduzione Abbiamo deciso di dedicare il primo numero del 2011 di Occhio al Codice al rispetto del Codice Internazionale sulla Commercializzazione dei Sostituti

Dettagli

l'aids in Italia è una malattia infettiva a notifica obbligatoria. DM n.288 del 28/11/86 Patologia infettiva di Classe III (DM del 15/12/90), ovvero

l'aids in Italia è una malattia infettiva a notifica obbligatoria. DM n.288 del 28/11/86 Patologia infettiva di Classe III (DM del 15/12/90), ovvero l'aids in Italia è una malattia infettiva a notifica obbligatoria. DM n.288 del 28/11/86 Patologia infettiva di Classe III (DM del 15/12/90), ovvero sottoposta a notifica speciale. Il Centro Operativo

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERE A IL IL NEONATO

IMPARIAMO A CONOSCERE A IL IL NEONATO IMPARIAMO A CONOSCERE A IL IL NEONATO (piccola (piccola guida guida rivolta rivolta ai genitori, ai genitori, per agevolare per agevolare degenza la degenza al Nido al Nido e e per orientare per orientare

Dettagli

AGGIORNAMENTI DI PEDIATRIA PER IL FARMACISTA

AGGIORNAMENTI DI PEDIATRIA PER IL FARMACISTA AGGIORNAMENTI DI PEDIATRIA PER IL FARMACISTA 33 CREDITI ECM ID: 1585 115109 OBIETTIVO FORMATIVO NAZIONALE N. 18 Contenuti tecnico professionali (conoscenze e competenze) specifici di ciascuna professione,

Dettagli

Posizione Organizzativa - Ostretricia. Titolo di studio Diploma di ostetrica con la votazione di 50/50 Altri titoli di studio e professionali

Posizione Organizzativa - Ostretricia. Titolo di studio Diploma di ostetrica con la votazione di 50/50 Altri titoli di studio e professionali INFORMAZIONI PERSONALI Nome CATALDI PATRIZIA Data di nascita 30/09/1962 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio POSIZIONE ORGANIZZATIVA ASL DI SPEZZINO Posizione Organizzativa

Dettagli

il primo giorno il bambino riesce a sentire il battito del suo cuore temperatura superficiale, battito cardiaco e pressione del sangue più stabili

il primo giorno il bambino riesce a sentire il battito del suo cuore temperatura superficiale, battito cardiaco e pressione del sangue più stabili il primo giorno Il momento che segue la nascita di un bambino è molto eccitante, ma altrettanto faticoso. Se si hanno delle informazioni sull allattamento al seno è più semplice affrontare il primo giorno.

Dettagli

PRESENTAZIONE. Il Direttore Generale Prof. Paolo Menduni

PRESENTAZIONE. Il Direttore Generale Prof. Paolo Menduni PRESENTAZIONE L ASL Caserta ha predisposto questa Guida al Percorso Nascita come strumento di tutela della salute della madre e del bambino e di promozione della genitorialità. La Guida fornisce tutte

Dettagli

L allattamento. al seno. CONSIGLI PRATICI PER I GENITORI. Cari genitori, il modo migliore per aiutarvi nella non facile

L allattamento. al seno. CONSIGLI PRATICI PER I GENITORI. Cari genitori, il modo migliore per aiutarvi nella non facile L allattamento al seno. CONSIGLI PRATICI PER I GENITORI Cari genitori, il modo migliore per aiutarvi nella non facile impresa della crescita dei figli è accompagnarvi passo passo lungo le tappe della loro

Dettagli

Consultori familiari

Consultori familiari Consultori familiari Le prestazioni del consultorio corsi di accompagnamento alla nascita rivolti ad entrambi i genitori assistenza a domicilio a mamma e neonato dopo il parto (Servizio di Dimissione protetta):

Dettagli

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO Benvenuti in maternità DIPARTIMENTO PER LA SALUTE DELLA DONNA, DEL BAMBINO E DEL NEONATO U.O. DI NEONATOLOGIA E TERAPIA INTENSIVA NEONATALE 1 Con

Dettagli

Protezione, promozione e sostegno dell allattamento al seno in Europa: un programma d azione (versione riveduta 2008)

Protezione, promozione e sostegno dell allattamento al seno in Europa: un programma d azione (versione riveduta 2008) Commissione Europea Salute Pubblica e Valutazione del Rischio IRCCS Burlo Garofolo Trieste Ricerca sui Servizi Sanitari, Epidemiologia e Salute Internazionale Centro Collaboratore dell OMS per la Salute

Dettagli