Ricerca sulla trasmissione energetica Reiki di Primo e Secondo Grado

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ricerca sulla trasmissione energetica Reiki di Primo e Secondo Grado"

Transcript

1 Ricerca sulla trasmissione energetica Reiki di Primo e Secondo Grado Premessa: La ricerca che ho condotto, sulle energie sottili che compongono il metodo Reiki, di Mikao Usui e sulla mente umana, non vuole avere la presunzione dell assoluta verità, perché nel campo delle energie vi sono molte variabili, ne vuole essere un tentativo per sminuire ciò che appartiene alle sfere spirituali, attraverso le quali si svolgono le empiriche Reiki, che ritengo essere indivisibili dal suo metodo, che da oltre cento anni viene utilizzato dagli operatori per l'auto cura e quella altrui. Il lavoro svolto vuole essere un contributo scientifico alla verità che fino ad oggi non ha trovato spiegazione, portando alla luce della consapevolezza le potenzialità umane, attraverso la pratica del Reiki, Per tanto non me ne vogliano, gli assidui della spiritualità, i quali non hanno bisogno di trovare spiegazioni. Grazie l ausilio della scienza moderna, oggi come non mai, abbiamo la possibilità di dare spiegazione a tutto ciò che non vediamo, ma che in noi agisce attraverso i campi energetici esterni. Vorrei cominciare con lo spiegare con una breve sintesi cosa è il Reiki: esso è un metodo di canalizzazione di energia cosmica, che agisce su i tre livelli umanistici, di cui è composto l uomo. Il primo aspetto è quello Spirituale, attraverso il quale è possibile connettersi al proprio Io spirituale e all io Divino. Il secondo aspetto è quello energetico sottile, attraverso il quale il corpo organico esprime la sua singolare energia vitale, su vari strati.

2 Il terzo aspetto, è quello fisico, che si modifica e vive grazie agli altri due aspetti appena esposti. L energia Reiki viene canalizzata da un Operatore mediante il settimo centro energetico, detto settimo Chakra o corona dai mille petali, che per essere chiari, è localizzato sul vertice del capo. Questo centro è responsabile della canalizzazione, che attraversa il canale energetico localizzato tra la colonna vertebrale e il corpo fisico, scende al quarto centro energetico sottile Chakra del cuore, e da qui lascia fluire l energia canalizzata attraverso i meridiani delle braccia, per poi farla uscire dal centro della mano Chakra del palmo. Ma di quale energia stiamo parlando? Di energia della Matrice Divina, certamente, ma di cosa è composta quest ultima?. L Energia della Matrice Universale è formata di molecole di luce, la luce bianca che ci viene donata dal nostro sole, essa possiede tutti gli spettri dei colori con le loro frequenze. Il nostro Pianeta, filtra tutte queste gamme di frequenze mediante i vari livelli dell Atmosfera, dando così la possibilità al Pianeta di creare vita sulla sua superficie. L uomo è una delle milioni di forme di vita formatasi in questo contesto, la più intelligente, così evoluta da ricreare l ambiente in cui vive, e di determinare la sopravvivenza di tutte le altre specie di vita. Il Pianeta è ricoperto per la gran parte della sua superficie di acqua salata, chiamato mare; questo mare è fatto di sostanza acquasalinica, e ha la capacità di filtrare i raggi del sole compresi nella luce bianca, quelle degli infrarossi a onde corte e gli ultravioletti, quindi di favorire la riproduzione di vita al suo interno grazie al passaggio di gamme di frequenze molto basse come quella delle gamme degli infrarossi di onde corte, fascio di luce calda e benefica; Queste onde frequenza, favoriscono lo sviluppo delle cellule di ogni forma di vita. L essere umano è anch esso un essere acquasalinico, pertanto è in grado di filtrare le rifrazioni di luce bianca emesse dal sole, lasciando passare sole le onde di frequenza basse, quelle degli infrarossi corti, che generano calore, ed emetterli dalle sue mani, (principio del metodo Reiki di Mikao Usui), da non confondere con il calore emesso dalle mani del Pranoterapeuta, che a differenza dell Operatore Reiki utilizza la propria energia ( Qi ) concentrata e lasciata fluire dalle mani; Reiki alimenta anche le varie forme di energie Qi e le quella delle linfe. La luce bianca come dicevo, è un'insieme di molecole in costante mutamento e movimento, con diverse frequenze, l'insieme di queste frequenze, generano un'unica frequenza vibratoria danno vita al fenomeno dei campi unificati del cosmo, detti anche super stringhe. Questa energia, è la stessa energia che permea ogni corpo, vivente o inanimato, questa energia emette onde elettromagnetiche, dalla lunghezza facilmente calcolabile ("Legge del corpo nero" meglio espresse nel video di Gregg Braden LA MATRIX DIVINA ) questo vale anche per gli esseri umani.

3 Gregg Braden sostiene che noi captiamo ed emettiamo onde di energie elettromagnetiche e onde radio con una frequenza piuttosto potente, che per semplificare la spiegazione di questo concetto chiameremo "frequenze biocompatibili", quelle relative alla luce visibile ed agli infrarossi corti e lunghi, in quanto al di sopra di tali lunghezze d'onda, queste risultano dannose agli esseri viventi, perché possono causare notevoli danni all organismo, agendo proprio sul suo campo elettromagnetico. Braden sostiene che il cervello dell essere umano è in grado di captare queste onde, di elaborarle e di utilizzarle in modo da modificare la propria realtà, attraverso le forme pensiero che si esprimerebbero in onde radio con frequenze variabili, in funzione degli stadi di coscienza. Le emozioni sono degli stati d animo che possiedono una frequenza variabile, con energie molto potenti, agiscono in sincronia con le frequenze del cuore, (organo capace di generare energia elettromagnetica anch'essa molto potente), che mediante la sua capacità elettromagnetica, alimenta energeticamente tutto l'organismo, compreso il cervello erogandogli potenza, nonostante il cervello produca un proprio campo elettrico, il cuore lo sostiene grazie alla funzione per cui è preposto, consentendo così di generare campi elettromagnetici capaci da far veicolare i segnali radio emessi col pensiero. Braden in sostanza dice che l uomo attraverso la sua capacità spirituale, anch essa ricca di energia, sia in grado di sfruttare il campo elettromagnetico cosmico, per far veicolare i segnali in frequenze emessi dal cervello umano, fondendosi in un solo unico campo. Fino qui, pare che quanto spiegato fino ad ora, grazie ai concetti della fisica quantistica, non sia in discussione, basta fare qualche ricerca per avvallare quanto spiegato. L'essere umano ben si canalizzi naturalmente le energie cosmiche, grazie alle quali esso vive, non gli sarebbe sufficiente per permettergli di gestirle in modo consapevole atte allo scopo curativo, ma grazie all'armonizzazione dei centri responsabili della canalizzazione, esso sarebbe in grado di gestire le energie cosmiche a scopo terapeutico, per il ristabilimento Bio-energetico, Psico-emotivo e fisico. Pertanto ritengo che sia accettabile l ipotesi che l Operatore Reiki grazie all Armonizzazione dei suoi centri energetici sia in grado di canalizzare, filtrare le energie cosmiche in modo naturale e e utilizzarle, godendo dei molteplici benefici. Queste energie filtrate, vengono ri-emesse dalle mani dell'operatore, in onde a spettro infrarosso, a onde corte, rendendo un trattamento Reiki curativo e terapeutico. Ma come avviene tutto questo? Ovviamente le energie esistono a prescindere dall'uomo, esso è parte delle energie cosmiche, perché è composto della stessa sostanza. L'uomo possiede un'organo talmente perfetto e così straordinario che non ha eguali sul pianeta, il cervello una macchina cibernetica organica, capace di cose inimmaginabili, questo organo così complesso, si comporterebbe come una radio ricevente e trasmittente, potente e sorprendentemente efficace. Voglio spendere giusto due parole per spiegare in breve qualche cosa sul questo meraviglioso organo, per comprendere meglio i concetti che seguiranno.

4 Il nostro cervello è dotato di miliardi di neuroni capaci di comunicare con tutti i sistemi organici. Possediamo tre cervelli: uno intra-cranico, detto encefalo, uno interico detto intestinale, e uno ne cuore, detto cervello emozionale. I tre cervelli sono collegati tra loro grazie ai miliardi di reti neurali che li collega a tutto l'essere. Il cervello cuore, riceve le informazioni dai campi dell'ambiente esterno in cui il soggetto vive, le trasmette all'encefalo, che organizza le informazioni grazie alle sinapsie scambia queste informazioni con il cervello interico, che le somatizza, dando vita a ciò che definirei manifestazioni Psicosomatiche. Nel cervello interico sono contenute tutte le informazioni che appartengono all'inconscio, o istintive, il cervello cardio, è deputato a ricevere le vibrazioni emotive, derivanti dalle situazioni dell'ambiente esterno, il cervello cuore che possiede un campo elettromagnetico piuttosto potente, funziona come un diapason vibra e risuona con l'esterno, raccogliendo e inviando queste informazioni energo-emozionali al cervello encefalo, che possiede la memoria di tutti i centri neurovegetativi, quest'ultimo elabora le informazioni attivando le memorie elaborandole. Le informazioni elaborate vengono inviate all'organismo come comandi di reazione, determinando le nostre azioni di movimento e pensiero. Queste ultime si distinguono in un per un concetto arcaico, duale, attività di movimento e attività spirituale, il primo determina tutto ciò che è manifestazione fisico-materiale, la seconda in attività elettromagnetica radio trasmittente generata dalle attività cerebrali, rendendo l'essere umano una macchina perfetta, i cui limiti sono i solo che esso si pone. L'uomo nella sua meraviglia genetica è allo stesso tempo un miracolo del genio Divino, Dio ha espresso con il cervello umano, l unica e la più perfetta apparecchiatura bio elettronica radio ricevente e trasmittente creata nella manifestazione dell Universo mentale, per poter comunicare con tutte le infinite dimensioni. Ricerca sulla trasmissione di segnale energetico Reiki a distanza. Dalle mie ricerche sulle risonanze magnetiche è ipotizzabile che sia possibile far veicolare un segnale energetico positivo Reiki, attraverso due polarità opposte della stessa frequenza d'onda. Nel tentativo di dare una spiegazione scientifica alla trasmissione di energia Reiki a distanza, mi sono cimentato nella ricerca elettromagnetica planetaria, più precisamente nella ricerca delle forze elettromagnetiche globali. Basandomi su alcuni concetti utilizzati da Guglielmo Marconi, che gli permisero di inviare il primo segnale radio a lunga distanza. Esso utilizzò i concetti delle risonanze generate tra due magneti per emettere un segnale radio attraverso il campo risonante magnetico tra due polarità opposte, detta appunto risonanza elettromagnetica, questa risonanza, pare generi un'onda abbastanza potente da permettere la veicolazione di segnali radio su diverse frequenze. La mia teoria si riferisce al cervello e più precisamente alle onde ALFA, THETA E DELTA.

5 Le onde Alfa: sono caratterizzate da una frequenza che va dagli 8 ai 13.9 hertz, sono tipiche della veglia ad occhi chiusi e degli istanti precedenti l'addormentamento. Una delle caratteristiche delle onde alfa è la loro configurazione regolare e sincronizzata. Gli esperimenti condotti registrando le onde cerebrali di monaci Zen in meditazione hanno dimostrato che tale pratica dà luogo a un emissione consistente di onde alfa. mentre le onde Theta: vanno dai 4 agli 7.9 hertz, caratterizzano gli stadi 1 e 2 del sonno REM. Queste frequenze sono molto simili a quelle delle pulsazioni del pianeta, 7, 83 Hrtz. Le onde Delta: sono caratterizzate da una frequenza che va da 0,1 a 3.9 hertz. Sono le onde che caratterizzano gli stadi di sonno profondo. Voglio dimostrare come attraverso le frequenze cerebrali sia possibile il fenomeno del Reiki a distanza. Userò diversi concetti e riferimenti di alcuni grandi della telecomunicazione e della scienza moderna, personaggi come Guglielmo Marconi e Gregg Braden. Marconi sfruttò l'elettromagnetismo terrestre per far veicolare il segnale radio a grandi distanze, infatti il globo terrestre possiede due poli di forze contrapposte, che si trovano tra il suolo terrestre e la mesosfera. Tra i due poli elettromagnetici si troverebbe il campo risonante magnetico, ionosfera, dove si veicolano con più facilità le trasmissioni radio. Questo strato si trova a circa 50/55 km dal suolo terrestre. Il cervello umano è in grado di emettere queste frequenze e sono piuttosto potenti, quindi da raggiungere la ionosfera, grazie alle frequenze basse tra i 4 e gli 8 Hz che esso emette e mediante la ionosfera si veicolano nell'etere. Quindi l'operatore di Reiki, grazie alla capacità elettrica del suo cervello e alla emissione in onde radio, può raggiungere il ricevente a diverse distanze, ma ho ancora qualche perplessità e riserva, fino a che distanza esso possa spingersi, al momento, non ho strumenti per dimostrare che il cervello umano sia così potente da emettere un segnale radio a così forte da raggiungere enormi distanze. Ecco quindi ipotizzata la teoria delle forme pensiero, che possiedono una forza propria, che si esprimono in frequenze radio, ( la visualizzazione è una frequenza piuttosto potente ), un Reikista per effettuare un trattamento a distanza, deve necessariamente usare la visualizzazione. Per l'appunto, gli Operatori reikisti usano la Visualizzazione per inviare un trattamento a distanza, questo fattore troverebbe una spiegazione plausibile appunto nei concetti espressi sopra, quindi l'operatore raggiunge il ricevente con una forma pensiero, o visualizzazione che è una onda radio con una sua frequenza. Ma come è possibile dimostrare che l'operatore Reikista, raggiunga il ricevente a distanza anche con le energie da lui canalizzate, Infatti fino ad oggi non è ancora stato dimostrato scientificamente. Il concetto secondo cui un trattamento Reiki di secondo grado funzioni, resta fino ad oggi un mistero, per tanto è stato lasciato ai soli concetti spiritualistici, non è mai stato provato che l'operatore canalizzasse e inviasse l'energia a distanza, il concetto è lasciato alla sola spiritualità delle chiavi energetiche, i simboli.

6 È qui faccio riferimento allo scienziato Gregg Braden, quando spiega dell'esperimento fotonico avvenuto in Svizzera qualche tempo fa, che vede la separazione di due particelle di fotoni lanciati a 14 miglia di distanza l'una dall'altra. L'esperimento scientifico fu quello di agire su uno dei due fotoni, per osservare il comportamento dell'altro a distanza di 14 miglia. Si è osservato che mentre si agiva modificando una delle due particelle, nel medesimo istante anche l'altra veniva modificata. È stato così possibile provare che le particelle sono collegate energicamente l'una all'altra perché sono la stessa particella. Quindi il concetto del Reiki a distanza come lo conosciamo è esatto. Io sostengo la tesi che l'operatore di Reiki di secondo grado, durante un trattamento a distanza non invii nulla, ma interagisca con i campi presenti in loco e nel medesimo istante interagisca con i campi presenti dal ricevente, per il concetto delle congiunzioni fotoniche presenti nella luce bianca. Ho già dimostrato in passato con una mia ricerca, come il Reikista emetta energia a onde ad infrarossi dalle mani, grazie al filtro umano, Che ricordo brevemente, ( la luce bianca contiene tutti gli spettri dei colori espressi in differenti frequenze ), l'operatore canalizza luce bianca, la filtra mediante il suo corpo e lasca passare solo la rifrazione degli spettri ad infrarossi ad onde corte, di frequenza molto bassa, tra 4 e 8 Hz. permettendogli di passare dal Operatore al ricevente, grazie al contatto delle mani. Ma allora se in un trattamento a distanza, non vi è la condizione fisica diretta dell'operatore, cosa arriva al ricevente? E le chiavi energetiche i simboli a cosa servono?. Come ho esposto prima, l'operatore Reiki interagisce con le energie sottili o campi, modificando quello che è canalizzato in origine trasformando luce bianca in infrarossi. Quindi è ipotizzabile che il ricevente riceva non solo luce bianca ma potenziata da infrarossi liberi, perché non vedono la compromissione del corpo canalizzante in origine, il segnale di energia nel ricevente è più pulito e assoluto. Le chiavi energetiche i simboli, sono degli strumenti che appartengono alla sfera spirituale, ed utilizzano le stesse energie delle forme pensiero, che trovano difficile dimostrazione scientifica, ma sicuramente anno la loro valenza. I simboli sono degli ideogrammi esoterici antichissimi, estrapolati in parte dalle antiche scritture sacre induista, le scritture sanscrite e appunto perché sacre sono strumenti spirituali, inserite successivamente da Mikao Usui, attivano l'aspetto energetico cosmico, danno un risultato a livello psico emotivo e fisico, ovvero interagiscono con la psiche, sostengono concretamente a parer mio i segnali frequenza emessi dal cervello per raggiungere il ricevente o qualunque situazione per il quale sono stati invocati, creando il risultato. Sicuramente la simbologia utilizzata nelle Pratiche del Reiki del metodo di Mikao Usui, trasmessi a noi dalla Takata negli anni quaranta non sono gli stessi originali di Usui, probabilmente perché essi inseriti in un contesto occidentale, risultavano di difficile comprensione agli occidentali, ma sono molto simili e si discostano di poco dagli originali, la Takata deve averli semplificati senza togliere loro il significato esoterico.

7 Questo fatto ha provocato la separazione di pensiero, tra la Takata e i maestri del metodo originario, dando vita a una nuova metodologia, non molto discostante dalla prima < metodo Giapponese > rendendo il metodo più confacente alla cultura Occidentale. Come dicevo i simboli Occidentali non discostano molto da quelli originali, ma quello che sicuramente è diverso è il fatto che nel metodo Occidentale, i nomi dei simboli non vengono utilizzati come mantra durante le empiriche Reiki, che se recitati ripetutamente nello stato meditativo durante l'utilizzo, danno un effetto straordinario. Vorrei precisare che simboli e mantra vengono utilizzati in tutte le tradizioni spirituali, per la meditazione, lo sviluppo personale, la guarigione e l'uso dell'energia. Esistono molti simboli che non appartengono alla sfera Reiki, che da sempre sono usati per molteplici scopi, ma in questo contesto resteremo focalizzati solo ai quattro simboli Reiki. Lo scopo di questi simboli, in funzione delle varie situazioni, è generalmente di portare buona sorte o se preferite buone energie nel luoghi dove vengono rivolti, oppure servono se usati in meditazione, a portare il meditante allo sviluppo degli stati di coscienza. Mantra e simboli personali o con funzioni specifiche quando preparati consapevolmente, svolgono dei compiti ben precisi e mirati. Sia a livello personale che di espansione di coscienza, mirata ad ottenere particolari effetti sia a livello energetico per richiamare energie specifiche con particolari proprietà, ad esempio la guarigione o il riequilibrio bio-energetico. Un'altra cosa importante da dire è che anche i simboli universali posso essere utilizzati in modo mirato e specifico. Questo avviene quando persone particolari come gli Operatori Reiki, attraverso pratiche specifiche mentali, lavorino per far si che all'interno di un preciso contesto, tali simboli assumano un effetto e significato specifico. Tuttavia i simboli appartengo si alle sfere spirituali, ma dotati di una loro energia sottile, che si attiva quando incontra l'energia spirituale, che come già detto sostiene e compartecipa con le energie creative della mente, pertanto svolgono un compito fondamentale, indispensabile in un trattamento avanzato di Reiki, ed essendo attivati dalla spiritualità non possono essere separati da essa. Questa è la ragione tale per cui sono necessari per lo svolgimento di un trattamento Reiki a distanza, senza i quali il ricevente non riceverebbe quanto sperato. In questo va considerato il contesto da cui provengono, e dal tipo di comunicazione scritta che viene utilizzata. Il kanji Giapponese, quindi la scrittura attraverso ideogramma può avere sino a sette significati completamente diversi in funzione del contesto in cui vene inserito, motivo probabile per il quale la Signora Takata li ha semplificati. I nostri simboli di Reiki (3 e 4 ) non sono altro che rappresentazioni di questo tipo di comunicazione scritta, che nel contesto del Reiki di Usui, hanno assunto il ruolo e compito al quale noi Operatori di Reiki siamo stati avviati. Il 1 e il 2 simbolo invece, sono rappresentazioni grafiche non provenienti da ideogrammi, sul primo non si conosce esattamente l'origine, ma sicuramente appartiene ad una simbologia universale ben più antica, mentre il secondo è una estrapolazione della scrittura sanscrita, che indica il Buddha Amitaba.

8 La cosa interessante da sapere e che voglio portare alla vostra attenzione, è che anche il nostro cervello funziona per archetipi e quindi per simboli. Infatti tutti i processi di assimilazione provenienti dall'esterno, sotto forma di segnali, vengono trasformati dal nostro cervello in simboli geometrici. Quando invece i segnali sono in frequenze, < onde radio > vengono poi ritrasformati in parole, frasi concetti e pensieri. Nel contesto del Reiki attraverso le iniziazioni i simboli vengono impressi nella nostra struttura energetica e nel nostro inconscio e nelle memorie cellulari. Cosa avviene in noi, e perché questi simboli una volta impressi attraverso le iniziazioni energetiche, si comportano nel modo programmato? Funzionano perché ogni volta che li tracciamo, visualizziamo o recitiamo i mantra, per effetto della legge della risonanza, richiamiamo a noi quel tipo di energia legata all'archetipo rappresentato dal simbolo o dal mantra, il nostro sistema quantico lo riconosce fondendosi in un solo campo energetico. In realtà non facciamo niente di miracoloso o magico, ma, semplicemente stiamo utilizzando una legge naturale che interagisce con gli atomi di cui siamo composti, che sono gli stessi nel cosmo. Per un corretto utilizzo degli archetipi (i simboli), è necessario tracciarli e recitare i mantra a loro associati con consapevolezza, in questo modo saremo in grado di riprodurre esattamente gli effetti legati ad essi. In occidente troppo spesso ci limitiamo a demandare il potere al simbolo come un qualcosa di esterno a noi, che non ci appartiene e paradossalmente abbiamo reso questi simboli troppo misteriosi, ad esempio vietandone la pubblicazione e la possibilità per gli allievi di tenerli disegnati, negandogli la contemplazione. Questo ha portato contribuito a non meditare i simboli da parte degli allievi. Purtroppo come spesso accade ci siamo attaccati principalmente alla forma, anziché alla sostanza. Ovviamente questo non significa che dei simboli si debba fare scempio, come tatuaggi o quadri sulle pareti di casa, ma neanche vietare alle persone di tenersene una copia bene custodita in modo che se si avessero dei dubbi su come tracciarli la si possa consultare. Possiamo dire che i simboli sono un aspetto privato ma non segreto. L'approccio migliore è quello di connettersi interiormente al significato intrinseco del simbolo riproducendone in noi il livello di coscienza, in modo che essi divengano tutt'uno con la nostra coscienza.

9 IL SEGNALE PENSIERO O VISUALIZZAZIONE Il segnale emesso dal pensiero o visualizzazione, è una frequenza molto potente e di energia positiva emessa nell'etere, il ricevente è una forma di energia negativa, esattamente come il pianeta, perché formato di materia, mentre il pensiero è formato di energia; quindi il segnale trova il ricevente, un po' come avviene per i fulmini di una tempesta, che si formano nella troposfera, cariche elettromagnetiche, che al culmine della carica elettrostatica si scaricano a terra, quando incontrano un polo negativo sul suolo terrestre. Questo fenomeno avviene in modo naturale, mentre nel caso del reiki a distanza è pilotato dal livello di coscienza, e lo si induce verso il ricevente mediante le forme di visualizzazione. Per fare un esempio semplice, vi e mai capitato di pensare ad una persona istintivamente con il primo pensiero intuitivo, senza l'uso della razionalità e questa persona pochi istanti dopo vi chiama al telefono? Se si ecco la spiegazione. In sostanza avete emesso una onda radio in frequenza così potente che siete entrati in risonanza magnetica con quella persona, usando le onde delta senza che ve ne siate accorti, è perché in quella parte del cervello dove si generano le onde delta, non sono consentiti gli stati di coscienza, questi segnali vengono emessi inconsciamente, è per questo che sono così potenti, anno una vibrazione altissima e si muovono molto lentamente ma penetrano tutti i livelli di resistenza radio, queste onde si espandono comunque e ad ogni distanza. Io credo che il Reiki a distanza funzioni proprio così, Reiki usa il linguaggio dei campi unificati che è fatto di segnali radio e frequenze in movimento, quel movimento che è generato dalla Matrice divina che crea ogni cosa nel cosmo. Misurazione con Biotensor, Pendolino e rilevatore Telsa Magnitudo Per potere confermare la mia teoria, appena esposta, si rende necessaria una conferma data da prove scientifiche, utilizzando strumenti di misurazione delle energie. Per questa sperimentazione, abbiamo utilizzato un Biotensor e un Pendolino, per la misurazione della quanta variabile di energia, un misuratore micro Telsa per la misurazione della variabilità magnetica presente nella stanza, intorno all Operatore Reiki e al Ricevente, situato in una stanza differente, distante quindici metri dalla stanza dell Operatore. Per quanto sia consapevole che gli strumenti utilizzati, il Biotensor e il pendolino, non siano precisi, per la mancanza di una scala di misurazione, e funzionano grazie alle bioenergie dell utilizzatore, danno comunque un idea concreta sulle bio energie e le energie dei campi esterni presenti in loco e si rendono piuttosto affidabili. La sperimentazione si è svolta osservando un Operatore Reikista di secondo grado e un ricevente. Abbiamo misurato le due stanze prese in esame, senza la presenza dei due soggetti, poi le stanze sono state misurate con la presenza dei due soggetti, per stabilire se la loro presenza alterasse la quantità di energia già presente nelle stanze. Abbiamo successivamente misurato le energie presenti in ogni singolo soggetto, Operatore Reikista e Ricevente, prima del trattamento e dopo il trattamento, per osservare le variabili energetiche, qualora fossero cambiate. Di seguito riporto i dati rilevati dai singoli strumenti, utilizzati sui due soggetti coinvolti nel trattamento a distanza.

10 STRUMENTI E SCALE DI MISURAZIONE UTILIZZATE: IL MISURATORE TELSA Che cos è il Tesla? Si chiama tesla l unità di misura del campo magnetico (T). Deve il suo nome allo scienziato statunitense di origine croata Nikola Tesla che si occupò appunto di elettricità e campi magnetici: il tesla corrisponde al campo magnetico che si origina al centro di una circonferenza formata da un filo elettrico al cui interno scorre una corrente di un milione di ampère, cioè la corrente necessaria a illuminare circa 200 mila lampadine da 100 watt. Il tesla è un unità di misura molto grande che infatti viene utilizzata di rado: sarebbe come dover misurare in tonnellate il peso di una mela. In tutte le applicazioni pratiche si preferisce perciò utilizzare il gauss (G), pari a 1 decimillesimo di tesla. Il campo magnetico terrestre, ad esempio, è compreso tra 0,2 e 0,6 gauss, cioè misura meno di un decimillesimo di tesla! Campi magnetici misurabili in tesla sono quelli originati nelle stelle, pari a centinaia di migliaia di tesla, e quelli usati a scopo scientifico: nei laboratori inglesi del centro di ricerca Jet della Comunità europea, si originano campi magnetici pari a 2,8 T per lo studio della fusione nucleare a confinamento magnetico. IL BIOTENSOR che cos è il Biotensor? É lo strumento radiestesico ideato dal Dr. Oberbach che ha sostituito in chiave moderna il pendolo, amplificandone la sensibilità ed aumentando le precisione e la facilità d interpretazione delle risposte. É costituito da un impugnatura metallica a cui è collegato un filo di acciaio armonico con all estremità un disco metallico ad anello.

11 IL PENDLINO che cos è il Pendolino? Il Pendolino è uno strumento esoterico di facile portata che agisce con le energie sottili dell utilizzatore, viene utilizzato abbinato spesso a delle scale di misurazione che lo rendono più preciso e di chiara interpretazione, vedi il Biotensor. Dati della misurazione: Stanza dell Operatore Reiki: Prima della presenza dell Operatore Reikista Misuratore Micro Telsa: mt 42,3/43,5 magnitudo variabile mt 01,2 Bio Tensor : energia rilevata 70% Pendolino con misurazione in scala %: energia rilevata 70/75% Stanza dell Operatore Reiki: con presenza dell Operatore Reikista non in attività

12 Misuratore Micro Telsa: mt 43,2/44,9 magnitudo variabile mt 01,7 Bio Tensor : energia rilevata 90% Pendolino con misurazione in scala %: energia rilevata 85% Operatore Reiki: Operatore prima delle attività di preparazione (meditazione) Misuratore Micro Telsa: mt 43,5/43,7 magnitudo variabile mt 00,2 Bio Tensor : energia rilevata 100 % Pendolino con misurazione in scala %: energia rilevata 100 % Operatore Reiki: Operatore Reikista durante il processo di preparazione (meditazione) Misuratore Micro Telsa: mt 44,5/46,7 magnitudo variabile mt 02,2 Bio Tensor : energia rilevata 260/265 % Pendolino con misurazione in scala %: energia rilevata a fondo scala % Operatore Reiki: Operatore Reikista durante il trattamento a distanza (visualizzazione) Misuratore Micro Telsa: mt 45,2/46,7 magnitudo variabile mt 01,5 Bio Tensor : energia rilevata 355/360% Pendolino con misurazione in scala %: energia rilevata a fondo scala % Operatore Reiki: Operatore Reikista dopo il trattamento a distanza Misuratore Micro Telsa: mt 42,7/43,1 magnitudo variabile mt 00,4

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

LA VITA è RAPPORTO OGNI COSA COMUNICA CON TUTTO IL RESTO

LA VITA è RAPPORTO OGNI COSA COMUNICA CON TUTTO IL RESTO LA VITA è RAPPORTO OGNI COSA COMUNICA CON TUTTO IL RESTO L Universo non è più quello di un tempo e non è ciò che sembra. La fondamentale unicità del mondo fenomenico è una delle più importanti rivelazioni

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Aggiornamento Planetario dai Regni Interiori

Aggiornamento Planetario dai Regni Interiori Aggiornamento Planetario dai Regni Interiori Pubblicato sul blog di Stephanie South, la Regina Rossa, il 12 febbraio 2014: http://1320frequencyshift.wordpress.com/2014/02/12/planetary-update-fromthe-internal-realms/

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Il Cuore Energetico. Il suo scopo nel destino Umano. scritto da James luglio 2005

Il Cuore Energetico. Il suo scopo nel destino Umano. scritto da James luglio 2005 Il Cuore Energetico Il suo scopo nel destino Umano * scritto da James luglio 2005 INTRODUZIONE 1 La domanda che mi viene rivolta più spesso di ogni altra è in merito a come le persone possono servire e

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo L ENERGIA DAGLI ELETTRONI La struttura dell atomo Ogni materia è formata da particelle elementari dette atomi. Gli atomi sono formati da una parte centrale, il nucleo (composto da due tipi di particelle,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Le seguenti grandezze fisiche sono utilizzate per descrivere l'esposizione ai campi elettromagnetici:

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Alimentatori cinesi, non tutti sanno che

Alimentatori cinesi, non tutti sanno che Alimentatori cinesi, non tutti sanno che di Roberto IS0GRB Ho acquistato di recente 3 alimentatori cinesi da 30A e uno da 50A mi e' stato regalato dal collega Salvatore IS0XGA perche' troppo rumoroso.

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Veniamo al dunque, per prima cosa recuperiamo il materiale necessario:

Veniamo al dunque, per prima cosa recuperiamo il materiale necessario: Probabilmente questo problema è stato già affrontato da altri, ma volevo portare la mia esperienza diretta, riguardo alla realizzazione di un alimentatore per il caricabatterie 12 volt, ottenuto trasformando

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Gli orbitali: modello atomico probabilistico

Gli orbitali: modello atomico probabilistico 1 Approfondimento 2.1 Gli orbitali: modello atomico probabilistico Modello atomico planetario (o a gusci): gli elettroni ruotano intorno al nucleo percorrendo orbite prefissate. Il modello atomico planetario

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

L Acqua alla luce della fisica quantistica. di Emilio Del Giudice

L Acqua alla luce della fisica quantistica. di Emilio Del Giudice L Acqua alla luce della fisica quantistica di Emilio Del Giudice Questo secolo è nato con grandi speranze, e poi ha attraversato vicissitudini turbolente. Le rivoluzioni dell'inizio secolo danno proprio

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN)

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) SUPERCONDUTTIVITÀ A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) Il fenomeno della superconduttività è stato osservato per la prima volta nel 1911 dal fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes dell'università de

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli