Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI"

Transcript

1 Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI

2 Presentazione I motivi per cui un cittadino desidera acquistare un arma da fuoco possono essere molteplici e tutti decisamente legittimi. Col presente vademecum, per comodità di consultazione, divideremo le armi in tre grandi categorie, a loro volta suddivise in sottogruppi. Tali categorie comprenderanno, naturalmente, anche le relative munizioni. 1) Armi sportive 1a) Armi lunghe 1b) Armi corte 2) Armi da caccia 3) Armi comuni 3a) Armi lunghe 3b) Armi corte Esiste anche una quarta categoria, che comprende le armi e le munizioni militari, ma non è materia di questa trattazione, a meno che non siano divenute di libera vendita ed opportunamente civilizzate, ricadendo così in una delle categorie citate. Nei seguenti capitoli ci occuperemo pertanto di tutto quanto concerne: 1) Dell acquisto delle armi 2) Del porto d armi 3) Della detenzione delle armi 4) Della movimentazione delle armi 5) Degli organi di controllo e del regime sanzionatorio. Per farlo, utilizzeremo la modulistica del Ministero dell Interno attualmente in uso su scala nazionale relativa alle richieste di autorizzazioni nella presente materia. 1

3 1. L acquisto di un arma (scannerizzazione del modulo ARMI COMUNI Richiesta di autorizzazione per acquisto, porto, trasporto armi sportive, collezione) Cosa succede presentandosi presso una armeria o una casa d armi per cercare di venire in possesso di un fucile e una pistola senza poter vantare un porto d armi specifico? La prima cosa che ci sentiremo rispondere dall armiere è che occorre ottenere un NULLA OSTA PER L ACQUISTO DELL ARMA e che per ottenerlo bisogna inoltrare apposita istanza alla Questura, direttamente o per il tramite dei Commissariati di P.S. o dei Comandi Stazione Carabinieri competenti. L istanza, prodotta sul modulo ministeriale barrando le voci che interessano, è sottoposta all imposta di bollo ( 10,33), allegando altresì altra marca di pari importo da applicare sull autorizzazione. Come si può riscontrare dall esame del modulo, le certificazioni da allegare all istanza possono essere rese sotto forma di dichiarazioni sostitutive, anche se è sempre possibile produrre la relativa documentazione rilasciata dagli organi competenti. E possibile acquistare un fucile da caccia o altra arma ad uso sportivo per corrispondenza? L art. 17 della legge 110/75 vieta, alle persone residenti nello Stato, la compravendita di armi comuni da sparo (e i fucili da caccia e le armi sportive rientrano a pieno titolo in tale definizione, vedi art. 2 della stessa legge) commissionata per corrispondenza a meno che l acquirente sia autorizzato ad esercitare attività industriali o commerciali in materia di armi oppure, se privato, abbia ottenuto apposito nulla osta dal Prefetto della provincia di residenza. 2

4 2. Il porto d armi Diciamo innanzi tutto che i porto d armi veri e propri sono di tre tipi: 1) Porto di pistola per difesa personale: permette di acquistare ogni tipo di arma, ma di portare o trasportare in tutto il territorio nazionale solo quelle per cui si è abilitati; 2) Porto di fucile anche per uso caccia: permette di acquistare ogni tipo di arma, ma di portare o trasportare in tutto il territorio nazionale solo quelle per cui si è abilitati; 3) Porto di fucile per l esercizio dello sport del tiro a volo: permette di acquistare ogni tipo di arma, ma di trasportare in tutto il territorio nazionale e portare solo nell ambito dei campi di tiro quelle per cui si è abilitati. Come si vede, essendo possessori di un porto d armi si possono acquistare armi di ogni genere, ma non tutte possono essere portare. Questo significa ad esempio che chi possiede la licenza di caccia può trasportare una pistola, ma non può portarla, pur potendola acquistare. La distinzione tra i concetti di porto e trasporto di un arma, è basata sulla possibilità o meno di utilizzazione immediata della stessa. Perciò è trasporto unicamente quando l arma è trasferita da un luogo ad un altro, come un oggetto inerte, non suscettibile di uso, mentre il concetto di porto equivale in sostanza a quello di essere armati, anche se non è necessario che l arma sia addosso alla persona, essendo sufficiente, ad esempio che questa sia tenuta nel cruscotto dell automobile, pronta ad essere immediatamente utilizzata. Passiamo ora a considerare i tre tipi di porto di pistola cui abbiamo fatto cenno. Utilizzando il medesimo modulo ministeriale che abbiamo già esaminato per la richiesta di nulla osta all acquisto, è possibile produrre istanza per uno dei tre porti d arma tenendo presente che: - il rilascio del porto d armi per difesa personale è di competenza del Prefetto; 3

5 - il rilascio degli altri due porti d arma lunga (fucile da caccia o per tiro a volo) è di competenza del Questore. Solo per le licenze di porto di fucile per uso caccia è stata prevista la delega al rilascio ed al rinnovo ai Commissariati di P.S. competenti per territorio. Per il solo Commissariato di Fano è prevista la delega anche per il nulla osta all acquisto. Ovviamente anche in questo caso sarà possibile inoltrare la richiesta direttamente agli organi deputati al rilascio o tramite i Comandi Stazione Carabinieri di competenza. 2.a Il porto di pistola per difesa personale Permette di acquistare ogni tipo di arma consentito, di trasportare o portare pistole o rivoltelle sportive o comuni nei modi previsti dalla legge ed infine di trasportare ogni tipo di arma consentito. L arma corta può essere trasportata in macchina o con altro mezzo purché chiusa in custodia e scarica, con le munizioni custodite in un luogo diverso. Se viene usata per difesa deve essere portata addosso dall interessato ed in questo caso può essere carica e pronta all uso. Non è consentito lasciarla incustodita, ad esempio in macchina o in una borsa che non sia fra le mani dell interessato. Sarà ovviamente opportuno fornire valide motivazioni che attestino la effettiva necessità di girare armati, motivazioni che saranno vagliate e riscontrate dal Prefetto, avvalendosi della collaborazione delle Forze di polizia. Il documento è valido sei anni anche se ogni anno dovrà essere sempre richiesto esplicito rinnovo producendo la stessa documentazione e nuovamente motivando il permanere dell effettiva esigenza di andare armati. 2.b Il porto di fucile anche per uso caccia Permette di acquistare qualsiasi tipo di arma comune o sportiva consentita, di trasportare e portare armi da caccia e armi classificate sportive a canna 4

6 liscia o rigata nei termini e nei modi consentiti dalla legge e di trasportare qualsiasi tipo di arma consentito. I termini ed i modi del porto prevedono essenzialmente che la movimentazione del fucile da caccia avvenga con lo stesso conservato in custodia e scarico nel periodo di caccia chiusa, o alla spalla e in sicura (meglio, scarico) durante il periodo di caccia aperta, se si devono attraversare centri abitati o comunque avvicinarsi a meno di 150 metri da un luogo abitato. Carico e pronto all uso durante le battute di caccia. Il porto di fucile ha validità sei anni e per il suo rinnovo occorre produrre quello scaduto, la documentazione prevista e la vecchia licenza. Per i cinque anni seguenti occorre rinnovare tacitamente l autorizzazione mediante il pagamento delle tasse di cc.gg.. 2.c Il porto di fucile per uso tiro al volo Permette di acquistare e trasportare ogni tipo di arma comune o sportiva consentita, di trasportare e portare armi classificate sportive nei modi previsti dalla legge (vedi sopra). Essa consente di portare ed usare armi negli appositi campi di tiro a volo o poligoni, ma obbliga il possessore a trasportarle nelle apposite custodie da casa fino al campo di gara in tutto il territorio nazionale. Per le modalità di richiesta e rinnovo vale quanto detto per il porto di fucile per uso caccia. 5

7 3. La detenzione delle armi e munizioni (scannerizzazione del modulo ARMI COMUNI- denuncia di detenzione di armi e munizioni) La denuncia di detenzione delle armi o munizioni deve essere presentata, ai sensi dell art. 38 del t.u.l.p.s., presso l Autorità di P.S. del luogo ove le stesse sono detenute, ovvero presso i Commissariati di P.S o le competenti Stazioni dell Arma dei Carabinieri. Armi Ai sensi dell art. 10 della Legge 110/75 è possibile la detenzione di: nr. 3 armi comuni da sparo; nr. 6 armi per uso sportivo; numero illimitato di armi da caccia; nr. 8 armi antiche in genere; La licenza di collezione è necessaria, invece, per detenere più di tre armi comuni da sparo o più di sei armi ad uso sportivo. Può essere rilasciata per un solo esemplare per ogni modello del catalogo nazionale delle armi. Chi è munito di questa licenza non può detenere il relativo munizionamento. La licenza deve essere ottenuta prima dell acquisto della prima arma che si intende detenere con tale modalità. Per richiedere il rilascio di tale licenza il modello ministeriale da utilizzare è quello di cui abbiamo parlato nel capitolo precedente. Munizioni Ai sensi dell art. 26 della Legge 110/75 e dell art. 97 del Regolamento del t.u.l.p.s. è possibile la detenzione di: a) detenzione di cartucce caricate a palla, con o senza la detenzione della relativa arma: 1) da 1 a 1500 con denuncia; 2) oltre le 1500 con licenza del prefetto 6

8 b) detenzione di cartucce da caccia caricate a pallini, senza la detenzione della relativa arma: 1) da 1 a 1550 con denuncia; 2) oltre le 1500 con licenza del prefetto. c) detenzione di cartucce da caccia caricate a pallini con la detenzione della relativa arma: 1) fino a 1000 possono essere detenute senza specifica denuncia (è sufficiente quella dell arma); 2) da 1000 a 1500 con denuncia specifica; 3) oltre 1500 con licenza del Prefetto. d) detenzione di cartucce cariche per pistola o rivoltella: 1) da 1 a 200 è sufficiente la denuncia; 2) oltre 200, con licenza del Prefetto. e) è ammessa la ricarica di cartucce per uso personale e la quantità massima di polvere da sparo detenibile, in questo caso, è di Kg. 5. NON E NECESSARIO DENUNCIARE LA DETENZIONE DI BOSSOLI INNESCATI, OGIVE ED INNESCHI. Modalità di custodia delle armi Le armi devono essere detenute assicurando le dovute cautele per impedire che altri, in particolare minori egli anni 18 non autorizzato, persone anche parzialmente incapaci, a tossicodipendenti o a persone inesperte nel maneggio delle stesse (artt. 20 e 20bis della legge 110/75). Non esistono altre disposizioni di legge in relazione alla custodia delle armi, in particolare che impongano ai possessori di munirsi di armadi blindati o simili, anche se se ne consiglia l utilizzo. Altra accortezza è quella di conservare le armi scariche o prive dei congegni di scatto qualora non siano utilizzate per lunghi periodi. Si sottolinea che vige l obbligo di denunciare la detenzione così come la cessione delle armi e, per farlo, è possibile utilizzare il modulo ministeriale allegato. 7

9 In caso di denuncia di detenzione per eredità, sarà necessario allegare alla documentazione richiesta nel modulo anche la dichiarazione di rinuncia all eredità da parte di altri eventuali eredi legittimi. In caso di trasferimento dell arma da un Comune ad un altro occorre ripetere la denuncia di detenzione presso l autorità di P.S. della nuova località (Questura o Commissariati di P.S.) ove la stessa è detenuta o presso la competente Stazione Carabinieri. 4. La movimentazione delle armi (scannerizzazione del modulo ARMI COMUNI Richiesta di autorizzazione per l importazione o per l esportazione) Oltre al trasferimento delle armi, vi sono altre occasioni nelle quali queste necessitano di essere spostate non già all interno del territorio nazionale, bensì fuori di esso, cioè quando le armi devono essere importate dall estero od esportate fuori dall Italia. Raramente il privato cittadino chiede l importazione di un arma: ciò avviene, perlopiù, quando un italiano, già emigrato all estero, decide di rientrare per sempre in Italia. E invece frequentissima la prassi di esportare temporaneamente all estero i propri fucili da caccia in occasione di battute di caccia o gare di tiro oltre confine. Per richiedere la licenza all esportazione temporanea di armi si potrà utilizzare l apposito modulo ministeriale. E possibile esportare temporaneamente non più di tre armi comuni da sparo con il relativo munizionamento, senza superare i limiti di 200 cartucce da caccia e 1000 per quelle per uso sportivo. LA CARTA EUROPEA PER ARMA DA FUOCO E stata istituita con il D. Lgs , nr. 527, in attuazione di direttiva della Comunità Europea, e costituisce una sorta di patente internazionale 8

10 del possessore di armi, il quale viene facilitato in alcune attività, quali il viaggio con l arma o l acquisto di armi all estero. Non è obbligatorio richiederla Essa non sostituisce la licenza di porto di fucile né esenta dal denunciare le armi di cui si è in possesso. Abilita unicamente il titolare ad esportare le armi che in essa si intendono iscrivere (non tutte, quindi) permettendo di non munirsi della licenza di esportazione. In caso di furto, smarrimento o cessione di arma iscritta nella carta europea il titolare deve darne comunicazione senza ritardo e non oltre le 48 ore dal fatto all autorità di p.s. ai fini di provvedere all aggiornamento; se l arma rubata, smarrita o ceduta era l unica iscritta nella carta, questa deve essere riconsegnata all organo che procede. L avviso di trasporto di armi (scannerizzazione del modulo AVVISO DI TRASPORTO ARMI) Il privato che intenda trasportare armi all interno dello Stato è tenuto a darne avviso all Autorità di pubblica sicurezza. Il trasporto deve essere effettuato con mezzi pubblici o imprese di trasporto in possesso dei requisiti prescritti e di soggetti dipendenti delle aziende produttrici o commerciali muniti di specifica autorizzazione questorile; può anche essere effettuato dal titolare dell autorizzazione al trasporto. La durata dell autorizzazione è di 90 giorni dall apposizione del visto sull avviso e le armi dovranno viaggiare scariche ed in custodia. La licenza di trasporto delle armi per uso sportivo. E stata introdotta dalla Legge nr. 85/86 ed abilita al solo trasporto nell ambito del territorio dello Stato di ogni arma classificata di tipo sportivo, ha validità annuale e non permette l acquisto delle armi, per il quale ci si dovrà munire di apposito nulla-osta. E opportuno ricordare che, per la stessa finalità, può essere utilizzata la licenza di porto di fucile per uso sportivo, valida sei anni dal momento del rilascio e che consente anche l acquisto di armi (vedi Cap. 2 sul Porto d armi). 9

11 Per richiedere questa autorizzazione si può utilizzare il modulo ministeriale già descritto al Cap Gli organi di controllo e il regime sanzionatorio 5.a In materia di armi gli organi preposti al controllo possono essere: 1) Ufficiali ed agenti di Polizia Giudiziaria 2) Altre organizzazioni parastatali Appartengono alla prima categoria: Polizia di Stato, Carabinieri, guardia di Finanza, Corpo forestale dello Stato, Polizia Penitenziaria. Essi possono effettuare perquisizioni, sequestri, ed arresti. Alla seconda categoria appartengono: 1) i guardia caccia e gli agenti della vigilanza ittica: questi sono equiparati agli agenti di P.G. solo se dipendono da province o comuni e solo quando sono in servizio nel loro ambito territoriale. 2) Guardie giurate: possono verbalizzare solo una infrazione. 3) Guardie zoofile: possono solo verbalizzare una infrazione nell ambito del territorio di pertinenza. E bene tenere presente che quando un agente di p.g. o un appartenente alle categorie citate, essendo in abiti civili, ferma un cittadino, ha l obbligo di qualificarsi prima di compiere qualsiasi altra azione. Se invece è in divisa ha comunque l obbligo di qualificarsi se il cittadino lo richiede. 5.b Diamo qui un breve sunto delle principali violazioni in materia di armi, nelle quali possono più facilmente incorrere i detentori di armi o i titolari di licenze di porto d armi. 10

12 Art. 697 c.p.: Detenzione abusiva di armi. Incorre in tale violazione colui che detiene armi o munizioni senza averne fatta denuncia all autorità di p.s.; per armi si intendono in questo caso armi comuni non da sparo, cioè le armi bianche (pugnali, spade, sciabole ecc), gli strumenti dei quali è dalla legge vietato il porto in modo assoluto (mazze ferrate, bastoni ferrati, sfollagenti e noccoliere) e i bastoni animati per i quali è previsto il porto previa licenza del prefetto; la pena prevista è quella dell arresto fino a 12 mesi o dell ammenda fino a 373 euro. Art. 2 della Legge 895/67 (in relazione all art. 7 della stessa legge) Detenzione abusiva di armi comuni da sparo. Incorre in tale violazione colui che detiene armi comuni da sparo o parti di essere senza averne fatta denuncia all autorità. Per armi comuni da paro si intendono tutte quelle elencate all art. 2 della Legge 110/75 e la pena prevista è quella della reclusione da otto mesi a tre anni e quattro mesi e la multa da 138 euro a 1032 euro. Art. 4/4 c. della legge 110/75 Divieto di portare armi nelle riunioni pubbliche. Pena prevista: arresto da due a diciotto mesi e ammenda da 103 euro a 412 euro. Art. 20/3 c. della legge 110/75 Omessa denuncia di furto o smarrimento delle armi Pena prevista: ammenda fino a 516 Euro Art. 20/5 c. della legge 110/75 Omessa denuncia di rinvenimento di armi o parti di esse Pena prevista: arresto fino a sei mesi e ammenda fino a 206 euro, fatta salva l applicazione delle sanzioni previste sulla detenzione illegale e porto illegale di armi. Art. 20 bis della legge 110/75 Omessa custodia di armi Come abbiamo già detto nel capitolo sulla detenzione della armi, non esiste alcun obbligo giuridico che imponga di custodirle all interno di 11

13 armadi blindati, bensì quello di assicurarne la custodia con ogni possibile diligenza al fine di prevenire che minori di anni 18 non autorizzati, persone anche parzialmente incapaci, tossicodipendenti o persone inesperte circa il loro utilizzo ne entrino in possesso. Pena prevista: arresto fino a due anni in caso di consegna delle armi ai soggetti precedenti; arresto fino a un anno e multa fino a 1032 euro in caso non sia siano osservate le cautele necessarie per impedire che le stesse persone giungano ad impossessarsene. Per ogni ulteriore informazioni in materia di armi, si rimanda alla consultazione del sito Internet della Polizia di Stato ( presso il quale è possibile scaricare la modulistica presentata, nonché accedere al Catalogo nazionale delle armi. 12

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO''

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO'' PER IL CONTENUTO DI QUESTA SEZIONE SI RINGRAZIA LA RIVISTA ARMI MAGAZINE CHE HA MESSO A DISPOSIZIONE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELL'ARTICOLO ''COMPRARE UN'ARMA'' AGGIORNATO A OTTOBRE 2004 L'ACQUISTO DELLE

Dettagli

QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562)

QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562) QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562) apertura al pubblico : dal lunedì al venerdì dalle ore 09,00 alle ore 12,00

Dettagli

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova ORARIO lunedi 9,00/11,30 15,30/17,30 martedi 9,00/11,30 mercoledi chiuso

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE Marzo 2012 INDICE Art. 1 Disposizioni generali Art. 2 Tipo delle armi in dotazione Art. 3 Numero delel

Dettagli

Armi ed esplosivi. Notizie collegate. Galleria Fotografica. Documenti. Cerca (/) (/) Armi ed esplosivi (/articolo/category/312)

Armi ed esplosivi. Notizie collegate. Galleria Fotografica. Documenti. Cerca (/) (/) Armi ed esplosivi (/articolo/category/312) 1 di 9 17/04/2015 11:52 (/articolo/34118/) (https://twitter.com/agente_lisa) (https://www.youtube.com/user/poliziadistato) Cerca (/) (/) Armi ed esplosivi (/articolo/category/312) Difesa personale /articolo

Dettagli

Edizione 2008. Questura di Trento ARMI

Edizione 2008. Questura di Trento ARMI CARTA CARTA CARTA CARTA dei dei dei dei Servizi Servizi Servizi Servizi Edizione 2008 48 Questura di Trento ARMI INDICE Informazioni generali pag.5 Nulla Osta acquisto armi pag. 7 Denuncia di possesso

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5355 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RUGGERI, POLI Modifica degli articoli 2 e 3 della legge 25 marzo 1986, n. 85, in materia

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE Approvato con deliberazione della Giunta provinciale n. 52 del 02/04/2013 ART. 1 ORGANIZZAZIONE L Ente, nel rispetto dei principi stabiliti

Dettagli

COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 11 NOVEMBRE

COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 11 NOVEMBRE Legislatura 14º - Disegno di legge N. 3650 SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3650 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro dell interno (PISANU) di concerto col Ministro della giustizia (CASTELLI)

Dettagli

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova ORARIO DELL UFFICIO ARMI (in vigore dal 1 giugno 2015) lunedi 9,00/12,00

Dettagli

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova ORARIO lunedi 9,00/11,30 15,30/17,30 martedi 9,00/11,30 mercoledi chiuso

Dettagli

Qui proteggiamo Natura e Cultura 1

Qui proteggiamo Natura e Cultura 1 REGOLAMENTO PER L'INTRODUZIONE E IL TRASPORTO DI ARMI E DI QUALSIASI MEZZO DISTRUTTIVO E/O DI CATTURA DELLA FAUNA NEL TERRITORIO DEL PARCO REGIONALE SIRENTE VELINO Approvato con Delibera di Consiglio Direttivo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO Comune di Casatenovo Provincia di Lecco Comando Polizia Locale REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO approvato con delibera di C.C. n. 72 del 28.11.2008

Dettagli

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata.

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Marte ZANETTE T.S.N. LECCE LA LEGGE E LE ARMI Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Le leggi vigenti - Nozione di arma La legge penale stabilisce che per armi si intendono: quelle da sparo e tutte

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE

CORSO DI FORMAZIONE GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE PROVINCIA DI RIMINI UFFICIO TUTELA FAUNISTICA HYSTRIX S.R.L. CORSO DI FORMAZIONE GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE Le armi e le munizioni da caccia nella legislazione vigente Acquisto, detenzione, trasporto,

Dettagli

INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO

INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO ART. 1) DEFINIZIONE Agli effetti e all applicazione del presente Regolamento

Dettagli

IL MINISTRO DELLE FINANZE. di concerto con IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELLE FINANZE. di concerto con IL MINISTRO DELL'INTERNO D.M. 24 novembre 1978 (1). Modalità per assicurare l'effettiva uscita dal territorio dello Stato delle armi destinate all'esportazione nonché per disciplinare l'esportazione temporanea, da parte di persone

Dettagli

ARMI ED ARMERIA. Titolo I - ARMI

ARMI ED ARMERIA. Titolo I - ARMI ARMI ED ARMERIA Titolo I - ARMI ART. 1 - TIPO DELLE ARMI IN DOTAZIONE 1 - In conformità a quanto previsto dall art. 4 del D.M. 01.03.1987 N 145 l arma da difesa personale, in dotazione agli addetti con

Dettagli

Tel.0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@cert.ruparpiemonte.it REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE DI OSASCO

Tel.0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@cert.ruparpiemonte.it REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE DI OSASCO COMUNE DI OSASCO P R O V I N C I A D I T O R I N O Tel.0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@cert.ruparpiemonte.it REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE DI OSASCO (Approvato con

Dettagli

Traccia 1. 2. Chi conferisce la qualità di agente di pubblica sicurezza a norma della Legge 65/1986?

Traccia 1. 2. Chi conferisce la qualità di agente di pubblica sicurezza a norma della Legge 65/1986? Traccia 1 1. Il Sindaco ha competenza in materia di ordine e sicurezza pubblica? A) No; B) Si, ma solo nei Comuni con meno di 1.000 abitanti; C) Si: 2. Chi conferisce la qualità di agente di pubblica sicurezza

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BELLOTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BELLOTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4323 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BELLOTTI Modifiche al testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto

Dettagli

Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale

Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale Regionale delle Serre 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

I prodotti pirotecnici leciti ed illegali - Petardi, stelle filanti, cipolla, pallone di maradona fabbricazione, vendita, acquisto, scoppio -

I prodotti pirotecnici leciti ed illegali - Petardi, stelle filanti, cipolla, pallone di maradona fabbricazione, vendita, acquisto, scoppio - I prodotti pirotecnici leciti ed illegali - Petardi, stelle filanti, cipolla, pallone di maradona fabbricazione, vendita, acquisto, scoppio - La normativa di riferimento R.D. 773/31 ed s.m. - Tulps; L.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI. art. 1. art.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI. art. 1. art. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI art. 1 Nell ambito del Servizio Programmazione Acquisti del Comune di Trieste

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A C O M U N E DI O P E R A PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO RELATIVO ALLE MODALITA DI RILASCIO ED UTILIZZO DEL CONTRASSEGNO PER LA CIRCOLAZIONE E LA SOSTA DELLE PERSONE CON DIVERSE ABILITA PREMESSE - RIFERIMENTI

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA MUNICIPALE CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento

Dettagli

Armi. Come districarsi nel labirinto di autorizzazioni e licenze di polizia. di Caterina Carannante

Armi. Come districarsi nel labirinto di autorizzazioni e licenze di polizia. di Caterina Carannante Armi Come districarsi nel labirinto di autorizzazioni e licenze di polizia di Caterina Carannante SOMMARIO pag. Introduzione 1. Tipologie 38 2. Attività 42 3. Come richiedere le licenze 48 ARMI Introduzione

Dettagli

C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE (Via A. Romanò n. 14 - C.A.P. 33080 - C.F. 80000950933 - P.I. 00194930939)

C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE (Via A. Romanò n. 14 - C.A.P. 33080 - C.F. 80000950933 - P.I. 00194930939) C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE (Via A. Romanò n. 14 - C.A.P. 33080 - C.F. 80000950933 - P.I. 00194930939) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA

DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA VISTO l art. 163 del D. Lgs. 31.03.1998 n 112 sul trasferimento di funzioni e compiti di Polizia Amministrativa

Dettagli

PORTO D ARMI. Informazioni Generali

PORTO D ARMI. Informazioni Generali PORTO D ARMI Informazioni Generali Nulla Osta all acquisto di armi (art. 35, III Co. T.U.L.P.S.) Denuncia di possesso e detenzione di armi (art. 38 T.U.L.P.S.) Licenza di collezione di armi comuni da sparo

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE

COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione C.C. n. 58/2010 INDICE ART. 1 - ART. 2 - ART. 3 - ART. 4 - ART. 5- ART. 6 - ART.

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE Approvato con delibera C.C. nr. 36 del 11.08.2012 INDICE CAPO I GENERALITÀ - NUMERO E TIPO DI

Dettagli

INDICE CARTA DEI SERVIZI

INDICE CARTA DEI SERVIZI INDICE CARTA DEI SERVIZI UFFICIO RELAZIONI con il PUBBLICO (U.R.P.) ORARIO SERVIZIO TELEFONICO INFORMAZIONI UFFICIO PASSAPORTI ORARI SPORTELLO INFORMAZIONI GENERALI RILASCIO DEL PASSAPORTO CERTIFICATO

Dettagli

Le armi e la legittima difesa. Le armi: acquisto, detenzione e porto.

Le armi e la legittima difesa. Le armi: acquisto, detenzione e porto. Le armi e la legittima difesa. È stato acutamente osservato che una società che ammette la legittima difesa non può negare ai singoli il possesso e il diritto a portare armi, che rappresentano l essenziale

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL CORPO DELLA POLIZIA LOCALE DI GRADO, IN POSSESSO DELLA QUALITA Dl AGENTE Dl PUBBLICA SICUREZZA. Approvato con deliberazione

Dettagli

Armi comuni da caccia Parti di armi

Armi comuni da caccia Parti di armi Armi comuni da caccia: tutte le armi lunghe da fuoco usabili per cacciare in Italia e cioè quelle lunghe, sia a canna liscia (purché il calibro non sia più grande del 12; quindi non sono da caccia i calibri

Dettagli

CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi PREMESSA

CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi PREMESSA CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi OGGETTO: Polizia Giudiziaria e di Sicurezza. Artifici pirotecnici. CIRCOLARE N. 172 PREMESSA Come noto, in determinati periodi

Dettagli

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi ~~~~~~o~~~~~~

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi ~~~~~~o~~~~~~ COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi ~~~~~~o~~~~~~ COPIA Ordinanza del Sindaco n. 3 del 18/12/2015 Oggetto: DIVIETO DI UTILIZZO DI PETARDI, BOTTI E ARTIFICI PIROTECNICI DI OGNI GENERE SU TUTTO

Dettagli

COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE

COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione C.C. n. 45 del 23.12.2010 Pubblicato all Albo Pretorio dal

Dettagli

DIPLOMA MANEGGIO ARMI PRO-MEMORIA Cos è un arma

DIPLOMA MANEGGIO ARMI PRO-MEMORIA Cos è un arma Cos è un arma Un arma è ogni strumento in grado di consentire, all uomo, di aumentare la propria naturale capacità di offesa. Si definiscono armi proprie quelle che la mente umana ha pensato e realizzato

Dettagli

PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA SETTORE III POLITICHE AGRICOLE E MONTANE TUTELA FAUNISTICA E POLIZIA PROVINCIALE CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE tel.: +39 0323 4950255-289; fax: +39 0323 4950271; e-mail:

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

IN ITALIA LE ARMI DILAGANO.

IN ITALIA LE ARMI DILAGANO. ! "" "" # 1 INTRODUZIONE IN ITALIA LE ARMI DILAGANO. PERCHE? IL CITTADINO HA SEMPRE PIU PAURA; IL CITTADINO E PREOCCUPATO SULLA NUOVA DELINQUENZA E NON TROVA UNA CORRISPONDENTE DETENZIONE DI CHI VIENE

Dettagli

VADEMECUM SANZIONI AMMINISTRATIVE. Le sanzioni amministrative per l uso personale: cosa sono e come si combattono

VADEMECUM SANZIONI AMMINISTRATIVE. Le sanzioni amministrative per l uso personale: cosa sono e come si combattono VADEMECUM SANZIONI AMMINISTRATIVE Le sanzioni amministrative per l uso personale: cosa sono e come si combattono INDICE PREFAZIONE 1- Perché esiste la sanzione amministrativa? 2- Quali sono le sanzioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Sondrio Città Alpina dell anno 2007 REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato dal Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio comunale con deliberazione

Dettagli

ARMI E MUNIZIONI Descrizione Violazione Legge e Articoli Violati Sanzioni Sequestro (Art.

ARMI E MUNIZIONI Descrizione Violazione Legge e Articoli Violati Sanzioni Sequestro (Art. ARMI E MUNIZIONI Descrizione Violazione Legge e Articoli Violati Sanzioni Sequestro (Art. Esercizio di caccia con fucile ad anima liscia che può contenere nel serbatoio più di due colpi o con arma a canna

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il servizio di vigilanza venatoria volontaria

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il servizio di vigilanza venatoria volontaria PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il servizio di vigilanza venatoria volontaria Adottato con deliberazione del Consiglio Provinciale: n. 10 del 22/02/2010 Aggiornato con deliberazione del Consiglio Provinciale

Dettagli

Polizia Municipale. Pratiche artigianato

Polizia Municipale. Pratiche artigianato Polizia Municipale L unità operativa Polizia Municipale si occupa di tutte le varie problematiche, inerenti alla vigilanza in materia stradale, edilizia e rurale, circoscritte nell ambito del territorio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 in ata 26 Aprile 2006. La deliberazione ed il regolamento

Dettagli

Armi e prodotti esplodenti

Armi e prodotti esplodenti Armi e prodotti esplodenti Tipologie, legislazione e licenze a cura di Ufficio per l amministrazione generale - Area armi ed esplosivi Primo dirigente della Polizia di Stato Maria Paravati e sostituto

Dettagli

Provincia di Napoli. Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale

Provincia di Napoli. Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale Città di Giugliano incampania Provincia di Napoli Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale Approvato con Delibera del Commissario Straordinario

Dettagli

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina)

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI RISERVATI (Simbolo e contrassegno redatto

Dettagli

Ordinanza del DDPS sull equipaggiamento personale dei militari

Ordinanza del DDPS sull equipaggiamento personale dei militari Ordinanza del DDPS sull equipaggiamento personale dei militari (OEPM-DDPS) 514.101 del 9 dicembre 2003 (Stato 1 gennaio 2010) Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e

Dettagli

Aprile 2016. Acquisto di crediti da parte di imprese di recupero: norme e dubbi pratici

Aprile 2016. Acquisto di crediti da parte di imprese di recupero: norme e dubbi pratici Aprile 2016 Acquisto di crediti da parte di imprese di recupero: norme e dubbi pratici Giuseppe Roddi Premessa Da circa 85 anni il recupero crediti è disciplinato dalla legge e sottoposto al controllo

Dettagli

COMUNE di CASALGRANDE Provincia di REGGIO EMILIA

COMUNE di CASALGRANDE Provincia di REGGIO EMILIA COMUNE di CASALGRANDE Provincia di REGGIO EMILIA Regolamento speciale per la disciplina del porto delle armi in dotazione al Corpo di POLIZIA MUNICIPALE (Rif.D.M. 4 marzo 1987 n. 145) -Art. 1 - Disposizioni

Dettagli

ISTANZA RILASCIO AUTORIZZAZIONE (1)/COMUNICAZIONE INIZIO SERVIZIO (2)/ DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ

ISTANZA RILASCIO AUTORIZZAZIONE (1)/COMUNICAZIONE INIZIO SERVIZIO (2)/ DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Alla Questura/Prefettura 1 di (e-mail: ) Al Comando Generale del corpo delle capitanerie di porto Guardia Costiera 6 Reparto Sicurezza della Navigazione Via dell Arte, 16 00144 ROMA (e-mail: ufficio2.reparto6@mit.gov.it)

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 7 Avvertenza...» 11 Abbreviazioni...» 13 PARTE PRIMA ENCICLOPEDIA DELLE ARMI E DEGLI ESPLOSIVI

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 7 Avvertenza...» 11 Abbreviazioni...» 13 PARTE PRIMA ENCICLOPEDIA DELLE ARMI E DEGLI ESPLOSIVI INDICE SOMMARIO Prefazione............................................ pag. 7 Avvertenza...........................................» 11 Abbreviazioni.........................................» 13 PARTE

Dettagli

STRALCIO CIRCOLARE TELEGRAFICA 557/PAS.21221-XV.H.8 del 04.12.2009

STRALCIO CIRCOLARE TELEGRAFICA 557/PAS.21221-XV.H.8 del 04.12.2009 DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA Ufficio per l Amministrazione Generale Ufficio per gli Affari della Polizia Amministrativa e Sociale STRALCIO CIRCOLARE TELEGRAFICA 557/PAS.21221-XV.H.8 del 04.12.2009

Dettagli

a cura di Paolo Tagini, vicedirettore della rivista ARMI MAGAZINE

a cura di Paolo Tagini, vicedirettore della rivista ARMI MAGAZINE Leggi e circolari Lo scopo di questo prontuario è quello di fornire delle indicazioni il più possibile chiare e semplici a quelle persone che intendono avvicinarsi al mondo delle armi o che già hanno avuto

Dettagli

IL PERMESSO DI SOGGIORNO. a cura di Gianluca Cassuto

IL PERMESSO DI SOGGIORNO. a cura di Gianluca Cassuto IL PERMESSO DI SOGGIORNO CHE COSA È IL PERMESSO DI SOGGIORNO È l autorizzazione a soggiornare in Italia Viene rilasciato dalla Questura (Ministero dell Interno) Si differenziano in base alla durata tra

Dettagli

Edoardo Mori Magistrato di Cassazione. Sintesi del Diritto delle Armi

Edoardo Mori Magistrato di Cassazione. Sintesi del Diritto delle Armi Edoardo Mori Magistrato di Cassazione Sintesi del Diritto delle Armi Bolzano, maggio 2012 1 Questo testo è protetto da copyright, ma può essere utilizzato da chiunque per fini non commerciali e sono lieto

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO

COMUNE DI MARANO SUL PANARO COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA C.A.P. 41054 REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE L'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE AI QUALI SIA CONFERITA LA QUALIFICA DI AGENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO. Comune di CAVEZZO (MO)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO. Comune di CAVEZZO (MO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO Comune di CAVEZZO (MO) INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 1 ART. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Agenzie d affari. Art.115 T.U.L.P.S.

Agenzie d affari. Art.115 T.U.L.P.S. Agenzie d affari Normativa afferente: Art.115 T.U.L.P.S. Art. 120 T.U.L.P.S. Art. 205 Reg. Es. TULPS Art. 219 Reg. Es. TULPS Art.115 T.U.L.P.S. - Non possono aprirsi o condursi agenzie di prestiti su pegno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE COMUNALI AI CIRCHI EQUESTRI, AGLI SPETTACOLI VIAGGIANTI E AI PARCHI DI DIVERTIMENTO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 133 del 20.11.1968, esecutiva

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

COMUNE di ORTELLE. PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE di ORTELLE. PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE di ORTELLE PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 7 del 30.04.2014 Comando Polizia Municipale 1 INDICE TITOLO I -

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LUCCA Regolamento per il rilascio del riconoscimento della qualifica di Guardia Giurata Volontaria

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LUCCA Regolamento per il rilascio del riconoscimento della qualifica di Guardia Giurata Volontaria AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LUCCA Regolamento per il rilascio del riconoscimento della qualifica di Guardia Giurata Volontaria Art. 1 FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente regolamento si

Dettagli

BOZZA REGOLAMENTO DI CACCIA AL CINGHIALE ATC CS3

BOZZA REGOLAMENTO DI CACCIA AL CINGHIALE ATC CS3 BOZZA REGOLAMENTO DI CACCIA AL CINGHIALE ATC CS3 Art. 1 (Caratteri generali) 1. Il presente, disciplina la gestione faunistico-venatoria del cinghiale nella Provincia di Cosenza, nel rispetto della normativa

Dettagli

Armi & Munizioni - Violazioni -

Armi & Munizioni - Violazioni - TIRO A SEGNO NAZIONALE SEZIONE DI LECCE Fonte a cura di Fabrizio TAZZI Armi & Munizioni - Violazioni - Descrizione della violazione Esercizio di caccia con fucile ad anima liscia che può contenere nel

Dettagli

Edoardo Mori Magistrato di Cassazione. Sintesi del Diritto delle Armi

Edoardo Mori Magistrato di Cassazione. Sintesi del Diritto delle Armi Edoardo Mori Magistrato di Cassazione Sintesi del Diritto delle Armi Bolzano, 18 marzo 2013 1 Questo testo è protetto da copyright, ma può essere utilizzato da chiunque per fini non commerciali e sono

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE SERVIZIO ANNONA AGRICOLTURA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n.45742/261 del 23 ottobre 1997, controllata senza rilievi

Dettagli

CARTA EUROPEA D ARMA DA FUOCO

CARTA EUROPEA D ARMA DA FUOCO CARTA EUROPEA D ARMA DA FUOCO ALLA QUESTURA DI ISTANZA per il (1): RILASCIO RINNOVO AGGIORNAMENTO Marca da Bollo (da applicare a cura dell Ufficio accettante ) Spazio riservato alla Fotografia (da applicare

Dettagli

IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELL'INTERNO Decreto ministeriale 4 marzo 1987, n.145, (G.U. 16 aprile 1987, n.89) Modificato dal Decreto ministeriale 341/89 (G.U. 14 ottobre 1989, n.241) "Norme concernenti l'armamento degli appartenenti alla polizia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE C O MUNE DI PAULARO P R O V I N C I A D I U D I N E Approvato con Deliberazione consiliare n. 35 di data 10/11/2008 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n. 20 del 28/05/2009 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

CORPO POLIZIA MUNICIPALE

CORPO POLIZIA MUNICIPALE C I T T À D I P R O V I N C I A D I C A R I N I P A L E R M O CORPO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI COMUNE ALL IONIO ( Provincia di COSENZA ) COMANDO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO DEI PASSI CARRABILI proposta elaborata da : Ten. Pietro Atene : Responsabile del Corpo di P.M. 1 INDICE Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE

REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE REGOLAMENTO COMUNALE n. 32 REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE Allegato sub-b alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 30/6/2003 Art.1 Obblighi per il ritrovatore di cosa

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO LEGISLATIVO 29 settembre 2013, n. 121. Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 26 ottobre 2010, n. 204, concernente l attuazione della direttiva

Dettagli

Sintesi del Diritto delle Armi

Sintesi del Diritto delle Armi Edoardo Mori Magistrato di Cassazione Sintesi del Diritto delle Armi Aggiornato al 15 ottobre 2002 Bolzano Questo testo è protetto da copyright, ma può essere utilizzato da chiunque per fini non commerciali

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso NORME PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 66/1982) Art. 1 OBBLIGHI PER CHI RITROVA

Dettagli

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Approvato dal Consiglio Provinciale con delibera n. 88 del 24.10.2005 In vigore dal 22/11/2005 ART.1

Dettagli

PROVINCIA DI SONDRIO Polizia Provinciale REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA

PROVINCIA DI SONDRIO Polizia Provinciale REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA PROVINCIA DI SONDRIO Polizia Provinciale REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA ART. 1 FINALITA L attività di vigilanza ittico-venatoria e

Dettagli

SINTESI DEL DIRITTO DELLE ARMI

SINTESI DEL DIRITTO DELLE ARMI EDOARDO MORI Magistrato di Cassazione SINTESI DEL DIRITTO DELLE ARMI AGGIORNATO AL 6 FEBBRAIO 2005 Questo testo è protetto da copyright, ma può essere utilizzato da chiunque per fini non commerciali e

Dettagli

ELENCO DEI DOCUMENTI APPENDICE 1... 3 R.D. 18 GIUGNO 1931, N. 773 - TESTO UNICO DELLE LEGGI DI PUBBLICA SICUREZZA... 3

ELENCO DEI DOCUMENTI APPENDICE 1... 3 R.D. 18 GIUGNO 1931, N. 773 - TESTO UNICO DELLE LEGGI DI PUBBLICA SICUREZZA... 3 ELENCO DEI DOCUMENTI APPENDICE 1... 3 R.D. 18 GIUGNO 1931, N. 773 - TESTO UNICO DELLE LEGGI DI PUBBLICA SICUREZZA... 3 APPENDICE 2... 7 LEGGE 18 APRILE 1975, N. 110... 7 NORME INTEGRATIVE DELLA DISCIPLINA

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE ALLEGATO AL VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 10 del

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE Approvato con delibera di C.P. n. 27 del 20.04.2009 ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. La Provincia riconosce l attività delle Guardie giurate volontarie; promuove

Dettagli

Disciplinamento previsto dal P-LArm: Tipo di arma Spiegazioni sul tipo di arma. in vigore:

Disciplinamento previsto dal P-LArm: Tipo di arma Spiegazioni sul tipo di arma. in vigore: Armi antiche Armi da fuoco portatili fabbricate prima del 1890; armi da taglio, da punta e altre armi fabbricate prima del 1900. Armi ad aria compressa/ armi a CO 2 Pugnali Dispositivi che producono un

Dettagli

CITTA DI SAN DONATO MILANESE

CITTA DI SAN DONATO MILANESE CITTA DI SAN DONATO MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI ANAGRAFE CENTRALE

CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI ANAGRAFE CENTRALE PAG. 1 DIVISIONE SERVIZI CIVICI CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI ANAGRAFE CENTRALE 2010 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO L Anagrafe raccoglie le informazioni riguardanti le caratteristiche della popolazione residente

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO ****

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO **** Regolamento comunale **** **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 105 del 23-12-2014 C O M U N E D I SAN CATALDO (Provincia di Caltanissetta)

Dettagli

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo Prot. M_ITPR_CAUTG00225572006-AREA I BIS 22 marzo 2006 AI SIGG. SINDACI DEI COMUNI DELLE PROVINCE MEDIO CAMPIDANO CARBONIA-IGLESIAS AL SIG. PRESIDENTE DELLA CAMERA DI COMMERCIO AL SIG. PRESIDENTE ASSOCIAZIONE

Dettagli

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti Comune di Monteforte Irpino PROVINCIA DI AVELLINO Settore Ambiente Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti ^^^^

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA Da inserire nella Busta n.1 Documentazione Amministrativa

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA Da inserire nella Busta n.1 Documentazione Amministrativa DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA DEL LEGALE RAPPRESENTANTE CHE SOTTOSCRIVE L'OFFERTA resa ai sensi degli art. 38, 46 e 47 del D.P.R. 445 del 28/12/2000, esente dall'imposta

Dettagli

L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI

L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI Legge regionale n. 8/2013 esercizio abusivo dell attività di somministrazione di alimenti e bevande o aut.ne revocata/sopesa o senza requisiti morali: sanzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI COMUNE DI BASTIDA PANCARANA (Provincia di Pavia) C.F. 86001910180 Partita IVA 00488500182 Telefono 0383 85002 fax 0383 895700 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE

Dettagli