Due viaggiatori stranieri raccontano l'ardia a distanza di quasi un secolo l'uno dall' altro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Due viaggiatori stranieri raccontano l'ardia a distanza di quasi un secolo l'uno dall' altro"

Transcript

1 Due viaggiatori stranieri raccontano l'ardia a distanza di quasi un secolo l'uno dall' altro Nei due testi che vi proponiamo ci è sembrato interessante mettere a confronto il racconto di due viaggiatori stranieri che, a distanza di quasi un secolo, hanno visitato Sedilo in occasione dell'ardia di San Costantino. Il primo è tratto dal libro "Sardegna Sensazioni di un viaggio" del viaggiatore e scrittore inglese J. E. Crawford Flitch, dal quale abbiamo estrapolato solo alcuni passaggi di un più lungo capitolo riguardante l'ardia di Sedilo. Il secondo è dell'americano Kenneth Brown, studioso di Antropologia che visitò Sedilo nel Salvatore Salaris "Sardegna Sensazioni di un viaggio" di J. E. Crawford Flitch... Ad ogni modo quando scendemmo alla stazione di Abbasanta, la mattina del 5 Luglio, era evidente che stava per accadere qualcosa di insolito. La piattaforma era completamente occupata da una variopinta folla di contadini in subbuglio. La maggior parte di essi era ingombra di fagotti di cibo e utensili per la casa, come se fosse in fuga. Una simile folla era ammassata in treno, o meglio, appena entrammo fumando ad Abbasanta, quasi fuori dai finestrini. La massa di gente sulla piattaforma diede il benvenuto alla folla sul treno con un grido di acclamazione e cominciò ad agitarsi maggiormente per farle posto. Vi fu un fuggi fuggi generale verso le uscite. Nella strada fuori della stazione si trovavano fermi circa sessanta o settanta lunghi carri a due ruote, coperti da tendoni come dei tunnel, alcuni trainati da giovani tori, altri da cavalli. Le briglie dei cavalli erano assai vivaci, con dei fiocchi di lana rossa e blu, luccicanti grazie a dei piccoli specchi e rumorose per le campanelle. La folla urlava, rideva, litigava e lottava man mano che procedeva verso i carri. A poco a poco venne inghiottita dagli scuri tendoni a tunnel e infine la popolosa città sulle ruote si mise in movimento. In un vortice di polvere e in mezzo ad una tempesta di grida, i carri percorsero le sei miglia di strada in pendenza fino alla piana del Siddu, attraversarono il fiume, e arrancarono stancamente sul fianco opposto fino al piccolo paese di Sedilo. Sedilo non ha l'aspetto compatto di un paese di montagna. La sua fila di casette ad un piano si estende su mezzo miglio o più di strada. Non possedendo alcuna bellezza di cui far mostra o prodotti da vendere, non ha alberghi. In quel momento era però chiamata improvvisamente ad ospitare un incremento di popolazione di sei o settemila anime. La maggior parte di esse, in effetti, era ben contenta di dormire sotto le travi stellate del cielo, ma alcuni - benestanti borghesi di Sassari, Sennori ed Oristano - avevano dimenticato i costumi degli antenati e acquisito la timidezza della città. Io naturalmente ero fra questi, non conoscendo nessuno in questa folla a cui chiedere il riparo di un carro o l'angolo di una coperta.

2 Seguii un gmppo di contadini verso una casa che sembrava più stabile delle altre, alla ricerca di una stanza per dormire. In piedi sulla porta si trovava una spieiata megera, con una gonna corta, gambe nude e braccia sui fianchi, sul cui viso una profonda bellezza doveva aver combattuto una guerra civile contro le numerose avversità della vita, avendo tristemente la peggio. Fece strada fino ad una spaziosa stanza, buia e spoglia, che avrebbe potuto essere una stalla. Il pavimento era di terra e disseminate su di esso si trovavano le forme addormentate di ventiquattro uomini e donne, senza contare cani e bambini. Lungo uno stretto passaggio fra i corpi distesi, i cavalli trovarono la strada fino all'angolo estremo della stalla. La donna lanciò uno sguardo di disprezzo verso le figure simili a cadaveri, come stesse osservando una carneficina per opera delle sue stesse mani, e esclamò improvvisamente : " Repubblicani di Sennori". Una contadina intenta ad allattare un bambino sembrò risentirsi delle parole infamanti e disse: " No, non siamo repubblicani, siamo buoni cattolici". Immediatamente dopo cominciò una accesa discussione politico-teologica sul fatto se fosse possibile o meno essere allo stesso tempo repubblicani e buoni cattolici, che divenne così accesa da rischiare di svegliare le ventiquattro insonnolite persone di Sennori. Interruppi la disputa per domandare se fosse possibile fare spazio ad un ulteriore uomo assonnato. Sembrava possibile, a patto che si pagassero cinque lire. La sistemazione giustificava a malapena la tariffa. Mi lamentai, e mi venne detto che se la sistemazione non era di mio gradimento potevo dormire in un canale e rischiare di prendermi la malaria. Non essendo allettato dall'alternativa, mi sottomisi alla prima e ultima estorsione che mi capitò in Sardegna e conclusi l'affare. La tariffa era solo per dormire. Quando feci notare l'indispensabilità del cibo, la virago replicò di non esserne in possesso, ma anche se ne avesse avuto non avrebbe potuto servirlo poiché non vi era spazio sufficiente neppure a poggiare i piedi. Ci vuole mezz'ora di cammino su un sentiero ripido e sassoso per recarsi da Sedilo alla chiesa di San Costantino, intorno a cui si tiene la festa. Questo breve tratto offrì uno spettacolo di sofferenza umana tanto lacerante, quanto potrebbe offrirne un girone dell'inferno di Dante. Lungo i lati del sentiero vi erano radunati tutti i reietti della Sardegna - uomini e donne - che facevano mostra delle loro deformità e deficienze. Coloro che possedevano ginocchia, vi si poggiavano; coloro che avevano mani le allungavano fastidiosamente, con un rosario avvolto alle dita; tutti erano in Ardia '53. (Foto S. Manca)

3 possesso della lingua e intonavano un'incessante litania di dolore < caridad e compasion, buona gente, caridad e compasion >.Esigevano l'elemosina, più che domandarla. Nel loro comportamento importuno vi era una nota di sfida e di comando. Sembravano attribuire a tè personalmente la responsabilità dell'ingiustizia del mondo e della natura e ti si rivolgevano invocando San Costantino e tutta la gerarchla del Paradiso per porvi rimedio. Ti fermavano per il polso o per la caviglia. Ti costringevano con gli occhi a prestare attenzione al racconto delle loro sofferenze, come il Vecchio Marinaio costringeva l'invitato Nuziale. Non accennavano a migliorare i loro modi fino a che non venivano brutalmente percossi, e a quel punto, con comprensione, ti auguravano buona festa - una sottile frecciata di rimprovero che vibrava nelle tenere parti della coscienza più dolorosamente di un'imprecazione. La chiesa di San Costantino è situata sulle ripide pendici di una collina. Sul lato in cui il terreno digrada verso la pianura, essa è difesa da un doppio muro, come una fortezza. La prima cinta di mura, che presenta due entrate ad arco, è uno spiazzo di parecchi acri di pianura; da esso si sale, attraverso un sentiero scosceso, alla piccola piattaforma di fronte alla chiesa. Stando su questa terrazza, si può ammirare, come dalle mura di un castello, l'enorme spazio sottostante dell'ampia valle del tirso, con le spire argentee del fiume, che come quelle di un serpente, luccicano in mezzo ad una distesa di verde e marrone cupo. Lo spazio intomo alla cinta di mura più bassa era diventato per l'occasione metà campo e metà mercato; ad una estremità vi erano lunghe file di carri di legno, in mezzo ai quali si potevano trovare cavalli, cani, bambini, fuochi, utensili da cucina e tutto ciò che può servire per la vita da campeggio. Tra l'entrata ad arco e il pendio che portava alla chiesa vi erano piccole stradine formate da bancarelle. Là potevi comprare vestiti, stivaloni, merletti, campanacci di pecora, gilè di pelle, bottiglie d'acqua, vino, arance, torroni, piccole caffettiere, carne, coltelli, falci - esattamente tutto ciò di cui i contadini sardi avevano sempre sentito parlare e sognato. Vi si trovavano le succulente arance e la squisita vernaccia di Oristano; i vini dell'ogliastra e di Oliena; i pesci affumicati di Bosa; grandi blocchi di torroni di Tonara che si scioglievano al sole; aranciata, una caramella fatta con la buccia dell'arancia; garapigna, una varietà di gelato dolce e odoroso, nonché fini e larghi pezzi di pane conosciuti con il nome di carta da musica. Era tutto lì anche il divertimento della fiera. Lì potevi trovare i bari che ti tentavano con una moneta da Ardia antica. (Foto della Biblioteca comunale di Sedilo).

4 cinque lire di dubbio aspetto per "trovare la donna"; lì vi era un rudimentale tavolo da roulette al quale giocavi d'azzardo per centesimi alla svantaggiosa condizione di trenta contro uno; e vi era un altro tavolo rotante sul quale potevi gettare cinque centesimi e lasciare che fosse il fato a decidere se il premio dovesse essere un organo a bocca, o un set di spille di vetro colorato. Quando i primi colori della sera apparvero nel cielo, la festa si risvegliò con un sussulto: il grande spettacolo della giornata era imminente. Le bancarelle vennero coperte; i carri furono sistemati da un lato; la vasta zona recintata durante tutto il giorno affollata di gente, venne fatta sgomberare dai carabinieri. Tutti si arrampicarono sull'anfiteatro naturale offerto dalle colline, che dominavano il panorama della chiesa e dell'intera cinta di mura. Sulla cima di una collina, a mezzo miglio di distanza, si trovava un gruppo di circa duecento cavalieri. I fucili e gli stendardi davano loro l'aspetto di un esercito schierato in assetto di guerra. La loro guida, su un cavallo roano, trasportava un pennone giallo. Venne sparato un colpo e immediatamente l'intero corteo a cavallo partì al galoppo. Con grida selvagge invase il terreno roccioso che portava alla chiesa. Sulla stretta piattaforma di fronte ad essa vi era spazio a malapena per i duecento frenetici animali; spingevano e lottavano per conquistare un precario punto d'appoggio per le zampe, rischiando in ogni momento di scivolare giù dalla ripida discesa sulle bancarelle sottostanti. Ad un segnale cominciarono ad andare al galoppo disordinatamente, sette volte intorno all'edificio. Subito dopo, ad una nuova scarica di fucili, i cavalieri si precipitarono per il ripido sentiero che conduceva alla recinzione situata più in basso. Al centro dell'area circondata dalle bancarelle si trovava un pilastro di pietra su cui era collocata una croce di ferro. Le dimensioni del pilastro diminuivano ogni anno; infatti, ritenuta in possesso della miracolosa proprietà di curare febbri e altre malattie, ogni prudente casalinga grattava via una piccola quantità di polvere sacra e la caricava nella bertola prima di montare in sella e lasciare la festa. I cavalieri girarono intomo al pilastro, in un movimento a ventaglio, tré volte da ovest ad est, e tre volte da est ad ovest. Un'enorme quantità di polvere per alcuni momenti oscurò la luce del sole. Nell'oscurità indistinta si intravedevano gli stendardi e le canne dei fucili, la frenesia dei volti pallidi, le lunghe zampe dei cavalli, i loro occhi di fuoco e le bocche piene di schiuma. Alla fine del sesto giro i cavalli ruotarono verso sinistra, scalpitarono per il ripido sentiero che portava alla chiesa e si dispersero come un'onda infranta sulla collina. Il regno dell'acetilene era ormai tramontato. Candele e torce mosse dal vento agitavano le ombre da una parte all'altra. Basse nuvole in movimento oscuravano la luna e spegnevano le stelle; un vento freddo saliva dalla valle, preannunziando una tempesta. Tutto il giorno alla festa gli scrosci di risate, i mercanteggiamenti e le rimostranze, avevano zittito le calme, deboli voci della regione selvaggia in mezzo alla quale eravamo accampati. Ora però la natura invadeva il nostro spazio; prendemmo per la prima volta coscienza del fatto che ci trovavamo nel grembo delle colline circostanti; il baccano degli uomini cessò spaventato e la notte ci circondò di silenzio. I corridoi tra le file di bancarelle erano deserti. Nelle piccole capanne di vimini gli uomini si accovacciavano insieme, intorno ad una debole

5 Ardia contemporanea. (Foto di P. Caria) luce. Il vino passava di bocca in bocca, in un cerchio senza fine, e un uomo improvvisava in tono basso gli etemi temi dell'amore, dell'odio e delle sofferenze della vita. Gli ascoltatori erano costretti a chinarsi per cogliere le Parole del cantante, poiché a quell'ora le parole cominciavano ad essere articolate con difficoltà. La luce dava una aspetto così strano ai loro volti, da farli sembrare una congregazione di quelli grotteschi idoli sardi che si possono ammirare nel museo di Cagliari, improvvisamente tornati in vita dopo duemila anni di immobilità. L'aria vibrava del cigolio delle fisarmoniche. Nell'ampio spazio intorno al pilastro sacro, uomini e donne erano presi per mano e ballavano il ballo tondo. Era una danza seria, silenziosa. Ad una prima occhiata i danzatori sembravano quasi fermi. Poi osservai che il piede sinistro dei danzatori scivolava avanti e indietro, mentre quello destro veniva incrociato sopra di esso e batteva il terreno due o tré volte. L'intero cerchio ruotava molto lentamente. Nessuno parlava, ne sorrideva. Nel circondare le rigida figura al centro, la cui fisarmonica segnava il tempo che i loro piedi dovevano seguire, i danzatori facevano pensare ai fedeli. La danza tornava alla sua origine rituale. Forse da questa riserva subliminale, inesplorata dalla coscienza vigile, lo spirito di un'antica religione emergeva e costringeva il corpo all'adempimento di riti, il cui significato l'intelligenza aveva a lungo dimenticato. La danza mistica di mezzanotte ebbe un'influenza magnetica. Non sono in grado di dire per quanto tempo stetti a guardarla, ma quando in un improvviso bagliore della luna guardai l'orologio, vidi che era l'una e mezza. Il sentiero che portava a Sedilo era stranamente silenzioso, ma nelle mie orecchie risuonava ancora il ritornello minaccioso, Caridad e compasion, buona gente. Trovai la casa in cui dovevo dormire con qualche difficoltà, dal momento che tutte le case del paese erano nascoste da file di carri. Nell'entrare in cucina, sentii tutto intorno a me il suono dei respiri pesanti. La luce di un fiammifero mostrò il pavimento ancora ricoperto dai corpi dei ventiquattro uomini addormentati. La porta che conduceva al recinto della stalla era aperta. Un uomo, piegato su un sacco di fagioli, si era addormentato in posizione di preghiera. Sagome di cavalli bianchi come fantasmi si delineavano vagamente nelle ombre del recinto. Procedetti a tentoni fra le persone che dormivano, finché trovai uno spazio vuoto di terra sul quale sdraiarmi.

6 Alcune riflessioni sull'ardia di San Costantino a Sedilo di Kenneth Brown (Presentazione e traduzione di Umberto Cocco) L'autore dell'articolo è un antropologo americano di 62 anni, docente in molte università degli Stati Uniti, poi in Inghilterra, in Marocco, in Francia, dove ora abita. Dirige la rivista «Mediterraneans/ Méditerranéennes», in inglese e francese, edita a Parigi e con uscite bimestrali di numeri monografici. Gli ultimi sono stati dedicati a Istanbul, al Marocco, alla Corsica, a Marsiglia, con contributi di alcuni dei più grandi intellettuali e scrittori (Susan Sontag, John Berger, Juan Goytisolo, Naguib Mahfouz, Ismail Kadarè, Clifford Geerz). Collabora a molti altri giornali e riviste, da «Le Monde Diplomatique» a «ilmanifesto», ha scritto per giornali arabi, ed è conteso dalle università occidentali come esperto di cultura islamica e dei paesi arabi, dopo lunghi periodi trascorsi nel Medio Oriente e nell'africa del Nord. Era a Sedilo l'anno scorso all'ardia, in Sardegna per la seconda volta, raccoglieva materiali per un numero della rivista dedicato all'isola. (u.c.) Insieme processione religiosa e spettacolare prova di abilità, sacra rappresentazione e corsa di cavalli, l'ardia in onore del santo guerriero Costantino è un dramma di grande intensità. In senso lato è anche una celebrazione della gioventù e della virilità dei pastori a cavallo, che danno prova della loro abilità e del loro ardimento. La virilità, la temerarietà, l'impazienza prendono la scena. Ma il potenziale di caos che può essere scatenato dai giovani pastori deve essere tenuto sotto controllo da coloro che rappresentano il potere, la religione e il governo. Il raduno di un centinaio di questi uomini a cavallo, il fiore della gioventù, al centro del paese, vestiti di pantaloni neri e camicie bianche, da inizio alla rappresentazione. Potrebbe sembrare la scena di un film di Fellini. L'alfiere principale tiene la bandiera gialla del santo arrotolata, due suoi aggiunti gli sono al fianco, e dietro le loro guardie responsabili dell'ordine. Come la processione si forma, i rappresentanti della chiesa e dello stato, il prete e il sindaco, e le loro guardie, prendono la testa. Uomini adulti con i fucili in mano, marciano a piedi e sparano in aria con cartucce caricate a salve, per eccitare i cavalli, i cavalieri, la folla crescente di pellegrini e spettatori. Non è una processione ordinaria. Dietro lo spettacolo, la tensione e l'attesa crescono. Tutti aspettano la frenetica violenza della corsa, che prenderà il sopravvento, il drammatico momento della corsa, della quale la devozione al santo guerriero è l'occasione. La processione, lenta, sotto controllo, esce dal paese. Tutt'attorno, lungo la strada, c'è un'immensa folla che incita i cavalieri, e nella campagna tende di venditori di cibo, bevande, souvenir; poi su un'altura nei dintorni del paese la chiesa del santo e un anfiteatro pieno di gente. La processione si ferma per pregare a una croce lungo la strada, quindi continua sino a un colle che domina un'arena, e all'altro capo del percorso, la chiesa. Il prete benedice i cavalieri e con il sindaco comincia a passo d'uomo la discesa del colle, attraverso un arco sino dentro all'arena. I pastori a cavallo riescono a fatica a controllare la loro impazienza. Ecco che il primo alfiere da il segnale che la corsa può cominciare. L'avvio al galoppo dei cavalli lanciati in questa discesa mozza il fiato. Ci sono solo alcune centinaia di metri al passaggio sotto l'arco, l'arco di Costantino; la velocità è incredibile. Gli uomini a cavallo provano a superare gli alfieri mentre le guardie si battono per tenerli dietro. Il rischio di caduta è grandissimo, e infatti nel pomeriggio del primo giorno un giovane uomo muore mentre il suo cavallo cerca di attraversare l'arco di pietra. I cavalieri si radunano ancora sotto il controllo degli alfieri, e la processione riprende lenta attorno alla chiesa. Religione e stato riaffermano la loro autorità. I cavalieri scendono ancora nell'arena altre volte, una volta ad alta velocità e sempre con rischio di ferimenti e anche della morte per loro e la folla che li guarda. Un giovane uomo cade dal suo cavallo sotto i miei occhi. Fortunatamente non è ferito, rincorre il suo cavallo, rimonta, riprende a correre. La folla è incantata da questi giovani e continuamente li sostiene. Più tardi offrono a loro dolci e bevande, parlano con loro, accarezzano i cavalli. Le ragazze li guardano con ammirazione e desiderio. Come altre feste religiose e sagre celebrate in altri luoghi, per esempio in Marocco e in Senegal, questi sono eventi e rappresentazioni sociali e religiose. Sono spettacoli e riaffermazioni di valori di bellezza e spiritualità. Il pericolo e la violenza accrescono queste esperienze.

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Ogni mattina si parte alla scoperta di qualcosa di nuovo. Dopo una lauta colazione,

Ogni mattina si parte alla scoperta di qualcosa di nuovo. Dopo una lauta colazione, ANNA E VITTORIO, PELLEGRINI IRRIDUCIBILI Ha colto nel segno Simone quando ci ha definiti pellegrini "irriducibili"... Siamo partiti da Milano con la speranza di riuscire a percorrere tutte le 16 tappe,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

QUATTRO TOPI NEL FAR WEST!

QUATTRO TOPI NEL FAR WEST! QUATTRO TOPI NEL FAR WEST! GERONIMO STILTON Testi di Geronimo Stilton. Coordinamento editoriale di Piccolo Tao. Editing di Certosina Kashmir e Topatty Paciccia. Coordinamento artistico di Gògo Gó in collaborazione

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige)

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Un roseto Il gazebo adiacente la casa sfrutta l estensione fra di un glicine centenario le nuvole e offre ombra e riparo nelle

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Scacchi ed enigmistica

Scacchi ed enigmistica Scacchi ed enigmistica Di Adolivio Capece Sciopero della fame in massa Visto che con un capo avean da fare col qual non si potea più ragionare nessuno, ad un tratto, s'è più fatto avanti e han smesso di

Dettagli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Traduzione di Marco Zappella Nota dell Editore: Il 22 agosto 1998 la Congregazione per la Dottrina della Fede ha emanato una Notificazione, qui pubblicata

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Story of Hann. I racconti della serie incubo

Story of Hann. I racconti della serie incubo Story of Hann I racconti della serie incubo Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Robert Donovan Carro STORY OF HANN I

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede Scuola di Preghiera Venerdì 11 dicembre 2010 intervento di don Fabio Soldan La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede alla luce il suo

Dettagli