Sono oggi gli infermieri iscritti. ECCE-InFad: crescono gli iscritti ai percorsi formativi a distanza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sono oggi 43.000 gli infermieri iscritti. ECCE-InFad: crescono gli iscritti ai percorsi formativi a distanza"

Transcript

1 Aggiornamenti / ECCE-InFad La proposta di Ecm infermieristica per via telematica, finanziata dall Aifa e sostenuta dalla Federazione Ipasvi ECCE-InFad: crescono gli iscritti ai percorsi formativi a distanza Sono oggi gli infermieri iscritti a ECCE-InFad, per più di percorsi affrontati e infermieri che hanno già superato almeno un percorso. Poter scegliere liberamente il momento da dedicare all aggiornamento, la possibilità di seguire un corso dedicato agli infermieri e basato sulla pratica quotidiana sono solo alcuni degli aspetti più apprezzati dagli infermieri che hanno lasciato in bacheca oltre commenti positivi sull esperienza ECCE-InFad. Una soluzione comoda e veloce per aggiornarsi sui più svariati argomenti, come la tricotomia preintervento, la pulizia delle ferite, l uso della contenzione in casa di riposo o in ospedale, l igiene orale nell'anziano, lo scompenso cardiaco, la prevenzione delle lesioni da decubito. Solo per fare alcuni esempi. IL PERCORSO DI STUDIO E LA VERIFICA DEI RISULTATI Prima di scegliere un percorso, si consiglia Come accedere al progetto ECCE-InFAD Collegarsi al sistema è semplice, basta avere un computer, una linea telefonica (non serve la banda larga o l antenna satellitare), un collegamento a internet e una casella di posta elettronica. La prima volta che si entra nel sito è necessario registrarsi. Cliccando sul tasto Registrati si accede alla scheda di registrazione, completata la quale si ricevono direttamente in posta elettronica le chiavi di accesso (ID e PIN) al sistema. Agli ingressi successivi, digitando ID e PIN si entra direttamente nel Progetto InFad e si possono affrontare i percorsi formativi disponibili. Si può accedere al sistema in qualunque momento della giornata (giorno e notte) e da qualunque computer. di leggere sempre le caratteristiche della storia che si va per affrontare, perché una volta iniziata non si può tornare indietro, ma al massimo sospenderlo per poi riprenderlo nello stesso punto in cui lo si è lasciato. Al termine del percorso, e prima di avere la valutazione finale, si dovrà compilare la scheda del ministero della Salute per la valutazione finale e l assegnazione dei crediti, che saranno raccolti in una scheda consultabile e stampabile del sistema InFad. I percorsi formativi (altrimenti detti casi infermieristici ) seguono il principio di base di voler ricalcare quanto accade nella pratica quotidiana della professione infermieristica. Non si tratta per lo più di casi veri, presi direttamente dalla realtà, ma di casi verosimili, che potrebbero presentarsi all infermiere, anche di tipo organizzativo. Questi casi perciò hanno una valenza paradigmatica, ben coscienti del fatto che quando l infermiere agisce deve tener conto del- 36 L infermiere 6/2006

2 Aggiornamenti / ECCE-InFad Alla fine di ogni fase all infermiere vengono sottoposte una o più domande la persona che ha innanzi. Ciò premesso, il tentativo è quello di essere il più possibile aderenti a quanto accade tutti i giorni, pensando che la formazione sia essa a distanza o residenziale dovrebbe il più possibile far confrontare l infermiere con la propria attività quotidiana, imperniando il processo formativo non sulle nozioni in quanto tali, ma sulla loro applicazione pratica. L aggiornamento avviene attraverso la lettura dei Dossier InFad e di Best Practice relativi al caso trattato. Il percorso si dipana in varie fasi. Al termine di ogni fase all infermiere vengono sottoposte una o più domande, con una o più riposte corrette da scegliere. Prima di rispondere l utente può rileggere il percorso cliccando su rileggi il caso nel menu sullo schermo. In nessun caso, però, è possibile tornare alla domanda una volta che è stata data la risposta ed è stato cliccato il tasto prosegui. A ogni domanda corrisponde un punteggio massimo ripartito tra le risposte corrette. Dopo ogni risposta, corretta o meno, è possibile approfondire l argomento cliccando sull apposito tasto e rileggere le fonti relative al quesito proposto. Terminato il percorso, si deve compilare la scheda di valutazione, che dovrà essere poi inviata cliccando il tasto Invia dati. A quel punto si conoscerà l esito ufficiale del percorso formativo. La soglia di punteggio per il superamento del testo è stabilita dal ministero della Salute all 80% delle risposte corrette, con il conseguimento di 1 o 2 crediti formativi per ogni caso, in base alla lunghezza del percorso stesso e al numero di domande poste. I numeri del progetto Ogni giorno oltre 300 infermieri si iscrivono tanto che ormai sono gli infermieri che hanno deciso di usare questo sistema di formazione a distanza. Sembra perciò vicino l ambizioso traguardo dei iscritti. E l Agenzia Italiana del Farmaco è intenzionata a sostenere il Progetto anche per il 2007 con nuovi casi (uno alla settimana) e nuovi dossier. I dati statistici mostrano una maggiore diffusione del progetto nel Nord del paese, ma si sta cercando di coinvolgere sempre più i Collegi Ipasvi provinciali per ridurre il più possibile questo divario, forse legato a una diversa informatizzazione. Lombardia e Veneto, rispettivamente con più di e oltre utenti registrati, sono le Regioni che in termini assoluti hanno il maggior numero di iscritti. Se si confrontano invece i dati assoluti rispetto al numero di iscritti per ogni Collegio provinciale Ipasvi in testa alla classifica c è la Valle d Aosta seguita da Lombardia e Veneto rispettivamente con il 21,18%, 19,5% e 17,80% dei propri iscritti registrati a ECCE-InFAD. Gli ultimi posti invece spettano a Basilicata, Campania e Molise che hanno rispettivamente il 4,7%, 3,76% e 1,90% degli infermieri registrati. Grazie all attività di promozione dell Ipasvi, in meno di cinque mesi gli utenti hanno affrontato oltre mezzo milione di percorsi formativi, un risultato davvero inatteso che si accompagna a oltre commenti di infermieri soddisfatti dell iniziativa spiega Pietro Dri, responsabile del Progetto ECCE. È davvero unico e di grande soddisfazione l entusiasmo mostrato dagli infermieri che dichiarano di apprezzare la semplicità d uso del sistema, la possibilità di scegliere liberamente il momento più adatto da dedicare all aggiornamento, l attinenza dei casi proposti con la realtà quotidiana e l utilità delle informazioni acquisite che secondo il 97,6% degli utenti saranno molto utili per la pratica quotidiana. L infermiere 6/

3 Gisi Pubblichiamo gli abstract, ovvero i riassunti stringatissimi, di tre articoli apparsi sul numero 3/2006 del Giornale italiano di Scienze infermieristiche, la nuova rivista di aggiornamento professionale ideata dalla Federazione dei Collegi Ipasvi L EFFICACIA DELL ACUTE PAIN SERVICE IN UN OSPEDALE FIORENTINO Di Giuly Magrini, Enrico Lumini, Laura d Addio, Franca Picca Il dolore è un fenomeno ancora sottostimato dal personale sanitario. La soluzione al problema di un inadeguato trattamento del dolore, in particolare di quello postoperatorio, non risiede solo nello sviluppo di nuove tecniche, ma anche o soprattutto nello sviluppo di una organizzazione per meglio utilizzare le tecniche esistenti. Questa ricerca valuta l efficacia dell istituzione di un Servizio per il Dolore Acuto (Acute Pain Service - APS) in un ospedale fiorentino. Dai risultati si deduce che: lo sviluppo dell APS porta a una diminuzione della media di dolore percepito; il rischio di avere dolore >3 si abbassa del 24% dopo lo sviluppo dell APS (RRR=0,24); ogni 11 nuovi pazienti seguiti dall APS, uno in più avrà un livello di dolore definito sopportabile, cioè avrà un VAS minore di 3 (NNT=11). Il modello di APS è a tutt oggi poco diffuso nel nostro Paese, sebbene presenti il vantaggio di essere a basso costo: vi è la necessità di ulteriori studi in Italia che possano convalidare i risultati qui presentati, ma si intravedono comunque gli effetti positivi derivanti da una nuova organizzazione per il dolore incentrata sulla figura dell infermiere. IL CODICE DEONTOLOGICO: BANDIERA PROFESSIONALE O REGOLA DI COMPORTAMENTO? di Cecilia Cortese, Agnese Fedrigotti La deontologia infermieristica sta ponendo importanti interrogativi: gli infermieri si trovano oggi a prendere coscienza degli spazi che sono loro riconosciuti e ad aprire un dibattito sui problemi che riguardano la cura e l assistenza per la salute dei cittadini e per lo sviluppo della professione. In questo contributo si discutono in particolare i dilemmi relativi all ultima fase della vita, con riferimento agli artt e 4.17 del Codice deontologico, argomentando se questi siano in contraddizione. La sfida che la deontologia infermieristica raccoglie è qui imponente: essere strumento di riconoscimento e di coesione professionale, senza tuttavia negare il valore della libertà soggettiva. Le esperienze infermieristiche prese in esame in questa analisi mettono in luce che gli infermieri hanno chiaro il concetto di eutanasia e nutrono un atteggiamento di rifiuto nei confronti di una decisione (porre fine a una vita) che non è in sintonia con il mandato professionale. Circa gli eccessi diagnostici e terapeutici, il Codice mette in luce che il limitarli non equivale a dare la morte, piuttosto riconoscere che la medicina non è onnipotente, che il malato può anche chiedere la sospensione delle cure e attendere, con l aiuto di chi gli sta attorno, l evento della morte. CONTROLLO DELLE INFEZIONI E ASSISTENZA SANITARIA DI QUALITÀ NEL NUOVO MILLENNIO di Didier Pittet Le infezioni associate alle procedure assistenziali rappresentano un problema di rilevante importanza per la sicurezza dei pazienti. Esse, infatti, complicano una quantità notevole di procedure assistenziali al paziente, aggiungono un aggravio all uso delle risorse e contribuiscono a morti inaspettate. I primi pionieri interessati al controllo delle infezioni dimostrarono che adeguati programmi di sorveglianza e prevenzione potevano avere successo, contribuendo così ad impostare le odierne attività di controllo delle infezioni. Tra i parametri che indicano successo vanno inclusi quelli che riconoscono e spiegano le infezioni associate alle procedure assistenziali, quelli che attivano interventi necessari a diminuire l incidenza delle infezioni e quelli che limitano la crescita della resistenza antimicrobica. Oggi i problemi più importanti che riguardano i programmi di controllo delle infezioni sono rivisitati alla luce delle nuove tendenze, che pongono enfasi sui nuovi sistemi di pratica assistenziale, insieme a uno sguardo alle attività future e alle interazioni verso tali cambiamenti. Il benchmarking dei tassi di infezione sarà inevitabile e di conseguenza le iniziative di sorveglianza, adattate ai sistemi di cura in fase di cambiamento, dovrebbero migliorare ed enfatizzare l intervento e la standardizzazione. Le grandi sfide per il futuro includono l uso di antimicrobici e il conseguente controllo delle resistenze, i nuovi materiali, i patogeni emergenti, le problematiche di controllo delle infezioni correlate alla terapia transgenica, la massiccia e completa immunosoppressione nei trapianti e xenotrapianti, le malattie da prione, la totale computerizzazione dell anamnesi del paziente e l elaborazione statistica di dati relativi all epidemiologia, lo sviluppo di protocolli basati sull evidenza per il controllo e la prevenzione delle infezioni, tenendo anche in considerazione i limiti finanziari, le recenti tendenze nei sistemi di cura emergenti e il modificarsi del comportamento dell operatore sanitario. 38 L infermiere 6/2006

4 Studi & Esperienze 1 È alta la percentuale di under 18 che usa con frequenza aspirine e Fans senza effettiva necessità e senza consulenza medica. Uno studio dimostra la necessità di fornire ai giovani un adeguata educazione sanitaria L uso dei farmaci tra i ragazzi di una scuola superiore di Anna Grazia Di Pietro Infermiera Marcello Tresca Educatore Venendo a contatto con i ragazzi del Convitto nazionale di una città abruzzese, l infermiera e l educatore ivi in servizio hanno pensato di verificare quali fossero le conoscenze dei ragazzi sui farmaci in generale, e quali fossero le abitudini più diffuse in merito all assunzione autonoma di medicinali di uso comune. L idea di somministrare un questionario sull uso e le credenze relative ai farmaci in una fascia di utenza così giovane è nata dalla constatazione che, quando avvertivano un lieve malessere, i ragazzi chiedevano immediatamente all infermiera di poter assumere quei medicinali che possono essere acquistati anche senza una prescrizione medica, come ad esempio gli antinfiammatori non steroidei. Ci si è chiesti perciò in che misura fossero consapevoli delle conseguenze relative all assunzione di qualsiasi medicinale. Sappiamo infatti che la parola farmaco deriva etimologicamente dal greco farmacon, che significa veleno, ad indicare che ogni sostanza racchiude in sé la duplicità di effetti non solo curativi, ma anche nocivi e pertanto andrebbe assunta con cautela e in quantità limitate ai casi strettamente necessari. La somministrazione del questionario ai 24 ragazzi di età compresa tra i 14 e i 18 anni (con una prevalenza di quindicenni) ha rilevato come una percentuale alta del campione (il 57%) assuma con frequenza aspirine o altri Fans, piuttosto che aspettare il decorso naturale dei malesseri stagionali (raffreddori, influenza) o rivolgersi al medico di famiglia. RICORDO Pubblichiamo questo lavoro, che apre un interessante prospettiva di ricerca, anche per ricordare la sua autrice Anna Grazia Di Pietro, che ha perso la vita lo scorso anno in un incidente automobilistico L infermiere 6/

5 Aggiornamenti / Studi & Esperienze 1 Il 66% del campione considerato sa cos è l effetto collaterale di un farmaco È da notare che il 75% dei ragazzi non soffre di disturbi ricorrenti, pur avendo assunto con frequenza (nel 68 % dei casi), nei sei mesi antecedenti alla compilazione del questionario, farmaci antinfiammatori. Ciò potrebbe indicare un uso improprio di tali farmaci, assunti probabilmente per sentirsi in forma nonostante l indisposizione temporanea (molti di loro, ad una verifica successiva, hanno detto di avere sempre a portata di mano un Aulin o un aspirina). Nelle loro case sono infatti presenti farmaci di questo tipo (che costituiscono il 48% del totale dei medicinali tenuti in casa), e ciò fa presupporre che l abitudine ad usarli con leggerezza sia estesa anche agli altri membri delle loro famiglie. Il 66% del campione considerato sa cos è l effetto collaterale di un farmaco, tuttavia solo il 37% ritiene che ogni farmaco possa avere effetti indesiderati. Una nota di rilievo merita il desiderio di informazione dei ragazzi: il 72% legge il foglietto illustrativo prima di assumere un medicinale prescritto dal medico. Le risposte complessive date al questionario evidenziano come spesso l uso dei farmaci La proposta del ministro della Salute: Educazione sanitaria nelle scuole L introduzione dell ora di educazione sanitaria nelle scuole, per insegnare la salute agli italiani fin da piccoli è stato il tema al centro di un incontro tra il ministro della Salute Livia Turco, e il titolare del dicastero dell Istruzione Giuseppe Fioroni. Parlare con i ragazzi, magari insieme ai professionisti del settore di prevenzione alimentazione sana, igiene e prevenzione è, infatti, indispensabile ha rilevato Turco. Soprattutto quello delle lezioni di salute è un sistema utile anche per contrastare la cattiva abitudine, diffusa nel nostro Paese, di sprecare farmaci. Stiamo studiando una misura per costruire un educazione corretta al consumo di farmaci - ha affermato il ministro - e disincentivare l accumulo di confezioni di farmaci nelle case. E sono molte le soluzioni da adottare per contrastare il fenomeno, come quella di campagne informative ad hoc, ma la chiave sta proprio nell educazione. La scuola può fare molto- ha aggiunto - mi auguro che l ora di educazione trovi presto accesso. Grafico 1 - Che cos è secondo te un farmaco? Grafico 2 - Tutti i farmaci hanno effetti collaterali? % 41% 40 58% % % 0 0% 0 Sostanza con effetti curativi Sostanza con effetti sia curativi che nocivi Non so Si No Non so 40 L infermiere 6/2006

6 Aggiornamenti / Studi & Esperienze 1 Grafico 3 - Cosa fai di solito quando stai male? (raffreddore, influenza...) Grafico 4 - Quali farmaci sono presenti maggiormente a casa tua? 60 57% % % 19% % 6% 6% 3% 3% 12% 12% Prendi un aspirina o qualcosa di simile Antinfiammatori Analgesici Tutti Ti metti a letto e aspetti che ti passa Antibiotici Fluidificanti Non so o non rispondono Vai dal medico Disinfettanti Contro l asma tenda a diventare un abitudine, sconfinando nell abuso a causa di un atteggiamento inappropriato nei confronti della malattia stessa. La malattia e la salute fanno parte di un continuum in cui non è possibile tracciare linee divisorie assolute e, poiché ogni sostanza curativa è anche apportatrice di effetti secondari indesiderati, è necessario sviluppare un comportamento di maggiore consapevolezza in relazione all uso di farmaci a cui si ricorre in maniera superficiale, a partire già dall età adolescenziale. Un adeguata educazione sanitaria diviene perciò necessaria in un epoca in cui l individuo è posto di fronte ad un offerta multipla di prodotti, e in cui è fondamentale lo sviluppo di senso critico soprattutto nelle menti dei più giovani (e non solo) al fine di evitare la tendenza a far tacere qualsiasi malessere con la pilloletta magica. In una società che esalta l efficienza ed il perfetto funzionamento corporeo, infatti, il più banale raffreddore diviene il male da far sparire immediatamente, senza permettere all organismo di reagire, con i suoi tempi e in maniera naturale, alla temporanea indisposizione. Forse, dietro l uso indiscriminato dei farmaci e delle varie pillolette, si nasconde il tentativo di negare la nostra stessa corporeità e la nostra intrinseca condizione di esseri umani. L infermiere 6/

7 Studi & Esperienze 2 Antibiotici diluiti pronto-uso e soluzioni analgesiche personalizzate preparate in Farmacia Interna: un sistema per diminuire il rischio di errore e per seguire le linee-guida Somministrazione dei farmaci: più efficienza, meno rischi di Emanuela Boschi Farmacia Ospedaliera, Azienda Sanitaria di Firenze, Cinzia Carducci Medicina D., Azienda Sanitaria di Firenze, Elisabetta Santelli Sala Operatoria, Azienda Sanitaria di Firenze, Antonella Agostini Ginecologia, Azienda Sanitaria di Firenze, Sandra Scheggi Chirurgia, Azienda Sanitaria di Firenze, Pier Luca Pacini RTI, Azienda Sanitaria di Firenze, Paolo Zoppi D.A.I. Libero professionista INTRODUZIONE Una priorità nell ambito della qualità dell assistenza è senz altro la sicurezza del paziente e quest obiettivo può essere raggiunto anche riducendo il rischio di errori nella somministrazione della terapia farmacologica; si stima infatti che circa il 25% degli incidenti occorsi a pazienti riguardino la somministrazione di farmaci. Nell attività assistenziale in ospedale gli infermieri rappresentano la categoria che più facilmente può essere coinvolta in errori nella somministrazione di farmaci. Un recente studio identifica questi principali tipi di errore: somministrare la terapia al paziente sbagliato, oppure il farmaco sbagliato al paziente giusto o, ancora, somministrare una dose non corretta oppure all ora sbagliata; infine anche la via di somministrazione può rappresentare un errore, come la via endovenosa invece che orale. Lo stesso studio, inoltre, mette in relazione il rischio di commettere errori con l aumento dei carichi e del ritmo di lavoro degli infermieri. OBIETTIVI In questo lavoro presentiamo l area di intervento che nel nostro ospedale abbiamo individuato per ottenere due risultati: maggiore sicurezza per il paziente e corretta ade- 42 L infermiere 6/2006

8 Aggiornamenti / Studi & Esperienze 2 Grafico 1 - Diagramma per l utilizzo preparati da analgesia Paziente in sala operatoria o in preospedalizzazione Anestetista invia tramite fax, scheda con prescrizione ed orario di somministrazione Scheda richiesta per analgesia sione alle linee-guida aziendali nel campo della antibioticoterapia, della profilassi chirurgica e del trattamento del dolore. Il progetto è stato realizzato grazie alla collaborazione tra i reparti di Medicina Donne, Sala operatoria, Chirurgia, Ginecologia e Farmacia ospedaliera. MATERIALI E METODI In primo luogo sono stati selezionati i campi di intervento sui quali si poteva collaborare positivamente e sono stati identificati per ognuno dei reparti partecipanti alcuni punti critici. Medicina Donne: terapia antibiotica IV (rispetto dei tempi di somministrazione e delle linee-guida aziendali sulla scelta dei farmaci). Chirurgia: profilassi antibiotica chirurgica (rispetto dei protocolli e delle linee-guida aziendali). Ginecologia: profilassi antibiotica chirurgica (rispetto dei protocolli e delle lineeguida aziendali). Sala operatoria: terapia del dolore postoperatorio (preparazioni con dosaggi personalizzati e rispetto dei tempi di somministrazione). LA SITUAZIONE RILEVATA IN AREA MEDICA L analisi dei DRG dei ricoveri nel reparto di Medicina Donne ha evidenziato una prevalenza delle patologie broncopolmonari per le quali le linee-guida aziendali prevedono un primo approccio terapeutico con penicilline protette IV (ampicillina+sulbactam, amoxicillina+ac.clavulanico). Il reparto presenta un elevato afflusso di pazienti e viene riconosciuto come momento critico per la possibilità di errore l intervallo di tempo dalle 8.00 alle In questo intervallo infatti si sovrappongono diverse attività ed impegni (pulizia pazienti, colazione, terapie, esami ecc.), per cui può risultare difficile somministrare la giusta terapia antibiotica ev alla giusta ora. L utilizzo di minibag di antibiotici pronto-uso già diluiti in Farmacia permette al personale infermieristico di risparmiare il tempo per la preparazione della terapia ev, di porre maggiore attenzione alla attività assistenziale e di somministrare a tutti i pazienti la terapia al giusto orario. Risultato Nel 2003 sono state preparate dalla farmacia ed utilizzate dal reparto 841 minibag di ampicillina + sulbactam pronte per l infusione e preparate con tecnica sterile. Nell anno 2004 il numero è di minibag con una tendenza in crescita. LA SITUAZIONE RILEVATA IN AREA CHIRURGICA Nei reparti di Area chirurgica, in ambito della profilassi delle infezioni ospedaliere, una priorità è rappresentata dal utilizzare corretti schemi di antibioticoprofilassi chirurgica sia nella scelta delle molecole, sia dei dosaggi. Le linee-guida aziendali prevedono, per la maggior parte degli interventi eseguiti nel nostro Ospedale, che la profilassi sia eseguita con cefazolina nei dosaggi da 1.000mg o 2.000mg. Risultato La disponibilità di antibiotici già diluiti in minibag da parte della Farmacia ha facilitato la adesione alle linee-guida e la corretta somministrazione dei farmaci prescelti. Dal 10 settembre 2003 al 31 dicembre 2003 sono state preparate 180 minibag per la profilassi chirurgica (reparto di ostetricia + reparto chirurgia); nel 2004 tale numero è stato pari a 989 minibag per la profilassi e minibag per la normale terapia. L infermiere della farmacia prepara il dispositivo per analgesia L infermiere della farmacia esegue il confezionamento L infermiere della farmacia effettua la registrazione del preparato L ausiliario della farmacia provvede al trasporto L infermiere del reparto predispone per la conservazione del preparato Somministrazione Procedura Scheda di registrazione dei preparati LA SITUAZIONE RILEVATA IN SALA OPERATORIA L partecipa al progetto Ospedale senza dolore. Il Gruppo di lavoro multidisciplinare ha individuato l intervallo di tempo in cui il paziente rimane scoperto dalla terapia antidolorifica (uscita dalla Sala operatoria, arrivo in reparto, presa in carico) come principale settore di intervento. Un ulteriore momento critico per la possibilità di errore è la preparazione della soluzione di analgesico a concentrazione personalizzata. Infatti vengono utilizzate minibag contenenti 200ml di bupivacaina al 0.200% o al 0.125%, partendo dal prodotto commerciale a concentrazione 0.50% o 25%. L errore di calcolo nella diluizione è uno degli errori più frequenti. RISULTATO Le minibag vengono richieste via fax in Farmacia prima della fine dell intervento; i calcoli sulla diluizione vengono effettuati e controllati dal farmacista e la minibag, prepara- L infermiere 6/

9 Aggiornamenti / Studi & Esperienze 2 ta dal personale infermieristico di Farmacia con tecnica asettica, viene inviata in Sala operatoria all orario richiesto. Si raggiunge, quindi, l obiettivo di un adeguata analgesia postoperatoria per quanto riguarda la correttezza dei tempi, delle dosi e della sterilità del prodotto. Dall inizio del progetto (maggio 2004) ad Grafico 2 - Diagramma per utilizzo preparati antibiotici Prescrizione L infermiere di reparto compila la scheda per la richiesta su prescrizione medica L infermiere addetto in farmacia esegue la preparazione L infermiere addetto in farmacia esegue il confezionamento L infermiere addetto in farmacia esegue la registrazione L ausiliario della farmacia effettua il trasporto L infermiere di reparto prende in consegna i preparati L infermiere del reparto predispone per la conservazione Somministrazione Scheda richiesta antibiotici Linee guida Procedura Scheda per registrazione Istruzione operativa oggi, sono state preparate 91 minibag da 200 ml e 25 minibag da 100ml per analgesia postoperatoria. RISULTATI Abbiamo misurato la validità dell esperienza di questo periodo utilizzando come indice il parere del personale infermieristico; riteniamo, infatti, che il giudizio dell utilizzatore sia il miglior sistema di valutazione di un eventuale valore aggiunto di una nuova attività e l indicatore che segnala se è utile continuarla, incrementarla o, eventualmente, interromperla. Il giudizio è stato estremamente positivo; abbiamo rilevato che l utilizzo di terapie già miscelate libera il personale del tempo che veniva dedicato alla preparazione delle terapie antibiotiche ev sul carrello della medicazione, e ciò accadeva nel momento di maggiore carico di lavoro del reparto (terapia del mattino). Un altro vantaggio è rappresentato dal fatto che i farmaci già miscelati sono quelli individuati dalle linee-guida aziendali nel campo della terapia e profilassi antibiotica; si ottiene così anche un alta adesione alle linee-guida stesse per il rispetto dell orario. Anche nel trattamento del dolore post-operatorio si è raggiunto il risultato di evitare al personale medico ed infermieristico la preparazione estemporanea di miscele antalgiche e di coprire un vuoto terapeutico che si veniva a creare nel trasferimento del paziente dalla Sala operatoria al reparto. In questo caso si è ottenuto l ulteriore risultato di diminuire il rischio di errore da parte del personale nel calcolo delle dosi e delle diluizioni ed una risposta dei tempi di somministrazione a favore dell efficacia. Il problema degli errori nella somministrazione di farmaci è dibattuto sia dalla stampa pubblica che da quella specializzata e gli infermieri, per la propria professione, rappresentano la categoria più a rischio di commetterli. Gli errori possono originare da fattori come l errore di calcolo, sovra/sottodosaggio, routine lavorativa stressante, mancata o carente comunicazione, mancanza di sistemi per identificarli e prevenirli (6,7). Molti errori sono anche dovuti all utilizzo di unità di misura meno frequenti (UI/ml, %, meq/ml) o con cui si ha meno pratica. Nella nostra realtà abbiamo seguito un metodo che permettesse di identificare un area di possibile rischio e di possibile miglioramento per i reparti partecipanti al progetto con lo scopo di migliorare la sicurezza e quindi l efficacia della terapia. Infatti, il personale infermieristico della Farmacia deve seguire procedure standardizzate e definite tali da evitare errori durante la preparazione; tali errori invece possono più frequentemente verificarsi in reparto, soprattutto in particolari situazioni di routine pressante o di emergenza. Infatti, la possibilità di errore medico legato alla terapia è stato quantificato per il 39% come dovuto alla prescrizione, 11% all atto della trascrizione, 12% durante la dispensazione, ed il 38% alla somministrazione che è l atto propriamente infermieristico (tab.1). Bibliografia disponibile su richiesta Tabella 1 - Dove avviene l errore Prescrizione 39% Trascrizione 11% Dispensazione 12% Somministrazione 38% 44 L infermiere 6/2006

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Sede legale e amministrativa: Via Salvatore Maugeri 4, 27100 Pavia Italy Tel. 0382 592504 Fax 0382 592576 www.fsm.it C.F. e P. IVA 00305700189 Registro Persone Giuridiche Private della Regione Lombardia

Dettagli

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Bergamo, 10 ottobre 2013 Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Dr. Pierangelo Spada Direzione delle Professioni

Dettagli

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA L 80% degli eventi cardiovascolari che insorgono prima dei 75 anni è prevenibile Nel 2011 diminuisce del -3,1% l aderenza alle terapie per l ipertensione: i liguri i meno assidui;

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

INTRODUZIONE MATERIALI E METODI

INTRODUZIONE MATERIALI E METODI INTRODUZIONE Il problema dell errore di terapia in sanità è un problema reale, tuttavia, la frequenza degli errori legati ai farmaci è, secondo alcuni studiosi, sottostimata in Italia (Ledonne, 2009).

Dettagli

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 RIORGANIZZAZIONE DEI CENTRI PER LA SCLEROSI MULTIPLA DELLA REGIONE VENETO SECONDO UN MODELLO HUB & SPOKE PREMESSA La sclerosi multipla

Dettagli

Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri,

Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri, 1. RESPONSABILE 1. CHE COSA È L AUTOMEDICAZIONE RESPONSABILE Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri, come tosse, raffreddore, stitichezza: disturbi che conosciamo bene,

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.S.L. CN-1

REGIONE PIEMONTE A.S.L. CN-1 REGIONE PIEMONTE A.S.L. CN-1 PRONTUARIO TERAPEUTICO AZIENDALE A CURA DELLA COMMISSIONE TERAPEUTICA AZIENDALE (C.T.A.) Edizione Anno 2007/2008 i CONTENUTO PREMESSA CARATTERISTICHE GENERALI DEL P.T.A. CRITERI

Dettagli

4 Attualità. Martedì 5 febbraio 2013. Il dossier dell Aifa. Il dossier dell Aifa

4 Attualità. Martedì 5 febbraio 2013. Il dossier dell Aifa. Il dossier dell Aifa 4 Attualità Martedì 5 febbraio 2013 CAMPOBASSO. Gli italiani hanno acquistato, nei primi nove mesi del 2012, un totale di 1 miliardo e 368 milioni di confezioni di medicinali, per una media - ha calcolato

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

Procedura generale sanitaria Prescrizione e somministrazione della terapia

Procedura generale sanitaria Prescrizione e somministrazione della terapia Pagina di 1/12 ORIGINALE N CONSEGNATO A 1. Scopo... 3 2. Campo di applicazione... 3 3. Diagramma di flusso... 3 4. Responsabilità... 4 5. Descrizione delle attività... 5 5.1. Prescrizione della terapia...

Dettagli

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA)

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo del Medico Prof. F. Tremolada Già Direttore Dipartimento di Medicina ULSS16 e UOC Medicina, Ospedale S. Antonio, Padova L esperienza della Medicina Ospedale

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Che cosa è un epidurale?

Che cosa è un epidurale? CONTROLLO DEL DOLORE POST-OPERATORIO CON L ANALGESIA EPIDURALE Questo foglietto vuole essere un informativa per il paziente e la sua famiglia circa il controllo del dolore postoperatorio attraverso l utilizzo

Dettagli

"RUOLO DELL INFERMIERE NELL ACCERTAMENTO DELLA MORTE CEREBRALE"

RUOLO DELL INFERMIERE NELL ACCERTAMENTO DELLA MORTE CEREBRALE "RUOLO DELL INFERMIERE NELL ACCERTAMENTO DELLA MORTE CEREBRALE" 4 marzo 2000-convegno AIDO Francesco Falli, presidente Collegio professionale infermieri/assistenti/vigilatrici Caposala Pronto Soccorso/Medicina

Dettagli

Cos è la cefalea cronica quotidiana?

Cos è la cefalea cronica quotidiana? Lifting The Burden Campagna mondiale di informazione per la lotta contro la cefalea Cos è la cefalea cronica quotidiana? Cos'è la cefalea cronica quotidiana? "Ho iniziato ad avere mal di testa che comparivano

Dettagli

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO 23 Congresso Nazionale Aniarti Jesolo, 03 05 novembre 2004 Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO (La risposta corretta è

Dettagli

Analisi costo-efficacia (CEA)

Analisi costo-efficacia (CEA) Analisi costo-efficacia (CEA) 37 Analisi costo-efficacia (CEA) ASPETTI FONDAMENTALI È una tecnica di analisi completa che permette di confrontare programmi ed interventi sanitari alternativi, che producono

Dettagli

Congresso Regionale A.N.I.M.O.

Congresso Regionale A.N.I.M.O. Congresso Regionale A.N.I.M.O. Qualità e responsabilità Applicazione in medicina interna IL DOLORE Valutazione e strumenti Inf. Montaniero Roberto U.O. Medicina Interna P.O. S. Maria del Popolo degli Incurabili

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore

Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore Management del dolore post operatorio in Chirurgia Generale e Specialistica Siena 22 24 novembre 2010 Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore A. Annesanti Istituto Italiano di Bioetica

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

Presentazione. della campagna di comunicazione. Antibiotici: soluzione o problema? realizzata da Ausl Parma, Ausl Modena,

Presentazione. della campagna di comunicazione. Antibiotici: soluzione o problema? realizzata da Ausl Parma, Ausl Modena, Conferenza Stampa Presentazione della campagna di comunicazione Antibiotici: soluzione o problema? realizzata da Ausl Parma, Ausl Modena, Agenzia Sanitaria Regionale e Ceveas Mercoledì 26 ottobre 2011

Dettagli

Le buone pratiche di somministrazione e prescrizione. Waldispühl Suter Brigitte Responsabile EOFARM

Le buone pratiche di somministrazione e prescrizione. Waldispühl Suter Brigitte Responsabile EOFARM Le buone pratiche di somministrazione e prescrizione Waldispühl Suter Brigitte Responsabile EOFARM Agenda - Introduzione - Prescrizioni farmacologiche in degenza - Preparazione e somministrazione di farmaci

Dettagli

Manuale di utilizzo applicativo aziendale di Gestione Cartelle Cliniche Infoclin

Manuale di utilizzo applicativo aziendale di Gestione Cartelle Cliniche Infoclin Manuale di utilizzo applicativo aziendale di Gestione Cartelle Cliniche Infoclin EVENTI FORMATIVI 27 giugno 9 e 13 luglio 2012 ore 9,00 13,00 AULA MAGNA DEL PALACONGRESSI Staff della Direzione Strategica

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali 2/5 La Conferenza Stato Regioni il 25 marzo scorso ha approvato la proposta per la realizzazione degli

Dettagli

I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute.

I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute. I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute. Frequentemente siamo costretti ad affidare i nostri cari

Dettagli

Distribuzione dei farmaci in dose unitaria: quale ruolo del farmacista territoriale per migliorare l'assistenza sanitaria Franchin Giulia Servizio

Distribuzione dei farmaci in dose unitaria: quale ruolo del farmacista territoriale per migliorare l'assistenza sanitaria Franchin Giulia Servizio Distribuzione dei farmaci in dose unitaria: quale ruolo del farmacista territoriale per migliorare l'assistenza sanitaria Franchin Giulia Servizio Farmaceutico Territoriale Az. ULSS 9 (TV) Padova, 27/09/2013

Dettagli

Indagine sul rischio movimentazione manuale pazienti ASL Salerno.

Indagine sul rischio movimentazione manuale pazienti ASL Salerno. MEDICINA del LAVORO AZIENDALE Struttura di Staff alla DIREZIONE GENERALE Sede Istituzionale : via Nizza 146 Salerno, via G. Falcone 50 Nocera Inferiore Sede Operativa: D.E.A. III livello - P.O. Umberto

Dettagli

IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL RUOLO DELL INFERMIERE L EDUCAZIONE TERAPEUTICA AL PAZIENTE CON PATOLOGIE CARDIACHE IL RUOLO DELL INFERMIERE Caterina Varaldo Monica Panucci dimensione fortemente individuale colei che è efficiente e in grado di svolgere le

Dettagli

RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl ed altre soluzioni concentrate contenenti Potassio

RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl ed altre soluzioni concentrate contenenti Potassio AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl Preparato da Verificato da Verifica per validazione Approvato da Data

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE Roberto Scotto Medico in formazione specialistica II anno L Italia è al quarto posto in Europa per consumo di antibiotici dopo Francia, Grecia e Cipro.

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE REGGIO EMILIA DISTRIBUZIONE DI FARMACI IN DOSE UNITARIA : UNA REALTA POSSIBILE

REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE REGGIO EMILIA DISTRIBUZIONE DI FARMACI IN DOSE UNITARIA : UNA REALTA POSSIBILE REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE REGGIO EMILIA DISTRIBUZIONE DI FARMACI IN DOSE UNITARIA : UNA REALTA POSSIBILE La metodica di distribuzione di farmaci in dose unitaria

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DELL INFERMIERE PERIODO DI PROVA

SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DELL INFERMIERE PERIODO DI PROVA SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DELL INFERMIERE PERIODO DI PROVA Pagina 2 di 18 DIPARTIMENTO UNITA OPERATIVA..... COGNOME.NOME Periodo di prova dal.. al Valutazione formativa (3 mese) il Valutazione

Dettagli

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI 15 A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI MANUALE DI SICUREZZA IN SALA OPERATORIA RACCOMANDAZIONI

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

P R O G E T TO O S P E D A L E S E N Z A D O L O R E a cura del Comitato Ospedale senza Dolore

P R O G E T TO O S P E D A L E S E N Z A D O L O R E a cura del Comitato Ospedale senza Dolore P R O G E T TO O S P E D A L E S E N Z A D O L O R E a cura del Comitato Ospedale senza Dolore La diffusione di una cultura della terapia del dolore e delle cure palliative può consentire un risultato

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA

LA VALUTAZIONE ECONOMICA LA VALUTAZIONE ECONOMICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Introdurre il concetto di valutazione economica Definire le principali caratteristiche di una corretta analisi economica Acquisire le conoscenze delle

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con Il sottoscritto BERTOLIN ANNALISA ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara X che negli ultimi due anni NON

Dettagli

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING SERVIZIO: PRODUZIONE, QUALITA, RISK MANAGEMENT -AOU DI SASSARI- IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING E ormai consapevolezza diffusa che per governare l alta complessità delle Aziende Sanitarie e le attività

Dettagli

TRATTAMENTO DEL DOLORE POSTOPERATORIO

TRATTAMENTO DEL DOLORE POSTOPERATORIO TRATTAMENTO DEL DOLORE POSTOPERATORIO SITUAZIONE ALGICA MAGGIORE PERIDURALE CONTINUA Analgesia OPPURE PERINERVOSO CONTINUO + AD ORARI FISSI OPPURE ENDOVENOSO CONTINUO * + AD ORARI FISSI * in mancanza di

Dettagli

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO A CURA DEL Centro studi SIC Sanità in Cifre Anno 2013 Nota metodologica Metodologia: Questionario strutturato, somministrato a diverse

Dettagli

IL DOLORE CRONICO IN MEDICINA GENERALE

IL DOLORE CRONICO IN MEDICINA GENERALE APPROCCIO AL DOLORE CRONICO BENIGNO IL DOLORE CRONICO IN MEDICINA GENERALE Luciano Bertolusso MMG - ASL CN2 Alba - Bra CHE COS E IL DOLORE (IASP) una sgradevole esperienza sensoriale ed emotiva associata

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO

Dettagli

Partecipazioni a comitati consigli Convegni e Corsi di aggiornamento. Date Anno 2011

Partecipazioni a comitati consigli Convegni e Corsi di aggiornamento. Date Anno 2011 Partecipazioni a comitati consigli Convegni e Corsi di aggiornamento Date Anno 2011 Partecipazio ne al Corso Aziendale ECM Funzioni e compiti del Coordinatore Infermieristico Partecipazione al Corso Aziendale

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE Esperienza e vissuto dei medici italiani Sintesi dei principali risultati Ottobre 2014 Eures Ricerche Economiche e Sociali IPASVI METODOLOGIA Indagine

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

Servizio di Prevenzione e Protezione Tel. 095/7262177 Tel/Fax 095/7262170

Servizio di Prevenzione e Protezione Tel. 095/7262177 Tel/Fax 095/7262170 1 Introduzione La puntura e il taglio accidentale rappresentano per diffusione, frequenza e rischio di infezione, le modalità di esposizione al rischio biologico più preoccupante e devono essere, conseguentemente,

Dettagli

IL RUOLO DELL'INFERMIERE IN UN OSPEDALE SENZA DOLORE. Suor Antonella Guarini

IL RUOLO DELL'INFERMIERE IN UN OSPEDALE SENZA DOLORE. Suor Antonella Guarini IL RUOLO DELL'INFERMIERE IN UN OSPEDALE SENZA DOLORE Suor Antonella Guarini O.M.S....definisce il dolore : esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole, associata ad un danno tissutale potenziale e reale,

Dettagli

Conclusioni scientifiche

Conclusioni scientifiche Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della revoca o variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio e spiegazione dettagliata delle differenze rispetto alla raccomandazione

Dettagli

L OMS ha promosso dal 1992 azioni volte alla valutazione ed alla gestione del dolore dei pazienti ricoverati in ospedale

L OMS ha promosso dal 1992 azioni volte alla valutazione ed alla gestione del dolore dei pazienti ricoverati in ospedale Dolore acuto postoperatorio: p alleanza fra professionisti Giovanni Vitale Lauretta Bolognesi Da anni si discute sulla necessità di rendere i luoghi di cura ambienti sicuri, ove la persona malata possa

Dettagli

Accreditamento. Rischio clinico. Le implicazioni professionali del coordinatore infermieristico

Accreditamento. Rischio clinico. Le implicazioni professionali del coordinatore infermieristico Accreditamento Rischio clinico Le implicazioni professionali del coordinatore infermieristico Page 1 Il coordinatore : ha la responsabilità di sostenere lo sviluppo di una cultura basata sulla necessità

Dettagli

Dolore oncologico:adozione di uno strumento per la rilevazione e monitoraggio del dolore

Dolore oncologico:adozione di uno strumento per la rilevazione e monitoraggio del dolore Dolore oncologico:adozione di uno strumento per la rilevazione e monitoraggio del dolore A.O. San Camillo-Forlanini U.O.S.D. Formazione Permanente e Aggiornamento Continuo Roma Marzo-Aprile-Maggio 2011

Dettagli

..ecco alcuni dei contenuti del corso ECM in programma l 8 settembre per IPASVI la Spezia: naturalmente, il corso affronta molti altri temi e propone

..ecco alcuni dei contenuti del corso ECM in programma l 8 settembre per IPASVI la Spezia: naturalmente, il corso affronta molti altri temi e propone ANALISI DEGLI ERRORI ASSISTENZIALI DEMO-slides dimostrative di alcuni concetti illustrati nel corso dei lavori 10 CREDITI FORMATIVI ECM Rif. nazionale evento 4751-8005730 Provider :IPASVI LA SPEZIA Note

Dettagli

Effetti di informazione ed educazione nella riduzione dell ansia: aspetti metodologici. gmoretto@units.it

Effetti di informazione ed educazione nella riduzione dell ansia: aspetti metodologici. gmoretto@units.it Effetti di informazione ed educazione nella riduzione dell ansia: aspetti metodologici Gorizia, 24/10/2011 Gloria Moretto gmoretto@units.it Il raggiungimento e il riconoscimento dello statuto scientifico

Dettagli

PAROLE CHIAVE - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV

PAROLE CHIAVE  - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV INTRODUZIONE L interesse verso l argomento che intendo affrontare con questo elaborato, è maturato nel corso di questo triennio di studi, attraverso le conoscenze a me apportate dalle lezioni teoriche

Dettagli

ndagine presso le sezioni di corso di Diploma Universitario per Infermiere (studenti del I anno) Università degli Studi di Milano, novembre 1999

ndagine presso le sezioni di corso di Diploma Universitario per Infermiere (studenti del I anno) Università degli Studi di Milano, novembre 1999 S PAZIO UNIVERSITÀ I 2 Indagine Abacus di Giovanni Muttillo Francesco Fanari Laura Aletto Maurizio Neri ndagine presso le sezioni di corso di Diploma Universitario per Infermiere (studenti del I anno)

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 29-30 Giugno 2012 Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT La normativa La Normativa 38 ha riportato

Dettagli

ABSTRACT DI UNA RICERCA SPERIMENTALE SU: IL METODO FELDENKRAIS NEL TRATTAMENTO DELLA LOMBALGIA E CERVICALGIA

ABSTRACT DI UNA RICERCA SPERIMENTALE SU: IL METODO FELDENKRAIS NEL TRATTAMENTO DELLA LOMBALGIA E CERVICALGIA ABSTRACT DI UNA RICERCA SPERIMENTALE SU: IL METODO FELDENKRAIS NEL TRATTAMENTO DELLA LOMBALGIA E CERVICALGIA Abbiamo sentito l esigenza di sottoporre alla vostra attenzione i risultati di questa ricerca

Dettagli

STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI

STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI Questo strumento è stato creato per facilitare gli operatori sanitari nella valutazione e nell educazione dei pazienti trattati

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

PROGETTO INSIEME ALLA FAMIGLIA

PROGETTO INSIEME ALLA FAMIGLIA Presidio Ospedaliero S. Maria delle Grazie Pozzuoli Unità Operativa Complessa di Medicina (Dir.ff P. Di Bonito) Unità Operativa Dipartimentale di Geriatria (Resp. L. Di Fraia) PROGETTO INEME ALLA FAMIGLIA

Dettagli

I percorsi organizzativi integrati

I percorsi organizzativi integrati Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Trento Dipartimento Anestesia e Rianimazione I percorsi organizzativi integrati XIX Congresso Nazionale SIFO Napoli 12-15 ottobre 2008 Lucia Sabbadin risposta

Dettagli

PROCEDURA STE STE 00. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

PROCEDURA STE STE 00. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 15 Documento Codice documento STE 00 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 15 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

Interventi di Informazione e Formazione per la lotta contro l AIDS 2012

Interventi di Informazione e Formazione per la lotta contro l AIDS 2012 Interventi di Informazione e Formazione per la lotta contro l AIDS 2012 Sintesi degli elementi fondamentali dell analisi di fabbisogno L attività di informazione e formazione nell ambito della lotta contro

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

! "# $% $ A. Gorel i!!!

! # $% $ A. Gorel i!!! !"# $%!! ! " # $ && %!&!%&!%'( &!%&!%'( %&!%&!%'( ) $ * +,-./ ) $ 1 + -./ 0 $ + -../! + -../ -./1+ -../ ' ( 3 ' & 2! )) 2 $ )!!$*!! #!!* 2!%% &)! 2 *!% ) *!!! 2!! ) 2 #$ $*)! +%!$ 2! )) * #!! )*%!!%*)!,#-&)

Dettagli

2 Congresso per Infermieri di Camera Operatoria. La prevenzione delle infezioni del sito chirurgico: l applicazione dei bundle

2 Congresso per Infermieri di Camera Operatoria. La prevenzione delle infezioni del sito chirurgico: l applicazione dei bundle 2 Congresso per Infermieri di Camera Operatoria La prevenzione delle infezioni del sito chirurgico: l applicazione dei bundle Enrica Martini SOD Igiene Ospedaliera Ospedali Riuniti di Ancona Cos è un bundle?

Dettagli

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC OSPEDALE DI COMUNITÀ CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC 1. OSPEDALE DI COMUNITÀ (OdC)... 3 1.1. Premessa... 3 1.2. La struttura residenziale... 3 1.3. Ingresso... 3 1.4. Come avviene il ricovero...

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CÈ

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CÈ Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7398 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CÈ Disposizioni per la semplificazione della normativa relativa all impiego di medicinali

Dettagli

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi 3 per Toscana: la Salute Il controllo e la cura del dolore Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi a questo fondamentale principio etico, il Progetto speciale Il controllo e la cura del

Dettagli

La Regione Toscana contro il dolore. Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino

La Regione Toscana contro il dolore. Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino La Regione Toscana contro il dolore Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino Indice Insieme per curare il dolore inutile Misurare il dolore Controllare il dolore La morfina non è una

Dettagli

TaleteWeb Cartella Infermieristica

TaleteWeb Cartella Infermieristica TaleteWeb Manuale d uso 1 Indice Anagrafiche... 4 Lavoratori... 4 Inserimento di un nuovo lavoratore... 4 Modifica dei dati di un lavoratore... 5 Funzioni... 6 Inserimento di una nuova funzione... 6 Responsabile...

Dettagli

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore Informazioni per i pazienti Breve introduzione generale Sala di risveglio centrale Nel laboratorio di ricerca La clinica universitaria di anestesiologia

Dettagli

Usa bene. i farmaci. Una guida per imparare a utilizzare correttamente i medicinali e conoscere i benefici degli equivalenti

Usa bene. i farmaci. Una guida per imparare a utilizzare correttamente i medicinali e conoscere i benefici degli equivalenti Usa bene i farmaci Farmaci equivalenti, un vantaggio per tutti Una guida per imparare a utilizzare correttamente i medicinali e conoscere i benefici degli equivalenti Oggi circola molta informazione riguardo

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1361 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore POLLEDRI, STIFFONI, LEONI, CALDEROLI, FRANCO Paolo, DIVINA, ALBERTI CASELLATI, BURANI PROCACCINI, BIONDI, REBUZZI,

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY GINECOLOGIA Guida al DAY SURGERY Gentile utente, questa guida contiene le informazioni utili per accedere al Day Surgery. Le indicazioni che troverà nella guida la faciliteranno nel percorso pre e post

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Dott. Francesco Russi Assistente D.E.A. Humanitas gavazzeni Bergamo Cominciamo bene dalla parte del P.S Non e possibile!!!

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante

Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante Introduzione e premesse Sezione 1: Indicazioni per la redazione del foglio

Dettagli

ITIS GALILEO GALILEI AREZZO PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI A SCUOLA

ITIS GALILEO GALILEI AREZZO PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI A SCUOLA ITIS GALILEO GALILEI AREZZO PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI A SCUOLA PROTOCOLLO PER LA DISTRIBUZIONE E LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI IN ORARIO SCOLASTICO PREMESSA Il presente documento

Dettagli

L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001

L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001 IL GOVERNO CLINICO DEI PROCESSI ASSISTENZIALI: DALLA TEORIA ALLA PRATICA IPASVI Brescia, 08 ottobre 2011 L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001

Dettagli

OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO AZIENDA OSPEDALIERA di rilievo nazionale e di alta specializzazione. FarmaSafe@

OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO AZIENDA OSPEDALIERA di rilievo nazionale e di alta specializzazione. FarmaSafe@ OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO AZIENDA OSPEDALIERA di rilievo nazionale e di alta specializzazione FarmaSafe@ Esperienza degli Ospedali Riuniti di Bergamo sulla farmacoterapia informatizzata Forum PA Roma,

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO 08

PROTOCOLLO OPERATIVO 08 PAG.1 DI 10 Rev. Data Redatto ed Elaborato Approvato Firma Dr.Giancarlo Casolo Direttore U.O.C. Cardiologia e Responsabile TAO 0 20/06/2011 Dr. Francesco Vivaldi Responsabile centro TAO Dr.Roberto Diodati

Dettagli

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO SOMMARIO PREMESSA... 2 CLASSIFICAZIONE... 3 CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 CRITERI LOGISTICI

Dettagli

Insegnamento di STATISTICA MEDICA

Insegnamento di STATISTICA MEDICA Università degli Studi di Padova Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea triennale Tecniche della Prevenzione PERCORSO STRAORDINARIO 2007/08 Docente:Dott.ssa Egle Perissinotto 1) Il processo di

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli