SCP - Trino Smantellamento Circuito Primario e sistemi ausiliari. RT - Relazioni TR RC /07/2012 ETQ TR - Sito di Trino

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCP - Trino Smantellamento Circuito Primario e sistemi ausiliari. RT - Relazioni TR RC 00055 24/07/2012 ETQ-00020382. TR - Sito di Trino"

Transcript

1 ETQ RT - Relazioni SCP - Trino Smantellamento Circuito Primario e sistemi ausiliari 24/07/2012 TR - Sito di Trino sistemi ausiliari dell impianto di Trino delle attività per bando di gara Prima Emissione Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 1 di 20 ICW/ING Caterino S. Mancini G. DNO/TRI Mattioda F. Autorizzato ICW/WMA Ravera S. ICW/ING Caterino S. ICW Mancini G.

2 INDICE Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 2 di 20 1 Scopo del documento 3 2 Acronimi 4 3 Area interessata dalle attivita : edificio reattore ed edificio ausiliari 5 4 Descrizione dei componenti e sistemi da smantellare Grandi componenti 9 5 Descrizione delle attività Predisposizione delle aree di cantiere nell Edificio Reattore Costruzione delle opere propedeutiche all attività di smantellamento Segmentazione e riduzione di volume Allontanamento dei materiali Vincoli temporali 20 2 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata

3 1 SCOPO DEL DOCUMENTO Il presente documento riporta una descrizione sintetica delle attività relative al bando di gara per: Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 3 di 20 progettazione esecutiva costruzione delle opere propedeutiche allo smantellamento, attività di rimozione e segmentazione, l allontanamento dei materiali per i componenti e sistemi appartenenti al circuito primario dell impianto di Trino, ubicati nelle aree interne all edificio reattore ed esterne allo schermo biologico. La descrizione delle attività riportate nel presente documento è indicativa è può essere suscettibile di variazioni anche in funzione del processo autorizzativo. In fase di richiesta di offerta saranno resi disponibili i documenti progettuali definitivi. 3 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata

4 2 ACRONIMI Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 4 di 20 CCS: component cooling system DHR: decay heat removal system ECCS: emergency core cooling system ER: edificio reattore GV: generatore di vapore PRZ: pressurizzatore SGM: stazione di gestione dei materiali SMF: stazione monitoraggio finale 4 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata

5 3 AREA INTERESSATA DALLE ATTIVITA : EDIFICIO REATTORE ED EDIFICIO AUSILIARI I componenti e sistemi oggetto dell attività di smantellamento sono collocati all interno del contenitore dell edificio reattore nella parte di spazio esterna allo schermo biologico. Il contenitore consiste in una costruzione cilindrica in acciaio con duomo emisferico e fondo ellissoidale del diametro di 30,5 m ed altezza di 58 m. Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 5 di 20 L edificio reattore è collegato sulla parte est all edificio degli Ausiliari: l ingresso è costituito dal SAS, a quota 153,75 m, che costituisce il passaggio dei materiali e del personale. In Figura 1 viene riportata una sezione dell edificio reattore e dell edificio ausiliari di reattore in corrispondenza della posizione del pressurizzatore. In Figura 2 viene riportata una sezione dell ER in corrispondenza della posizione di un generatore di vapore. In Figura 3, Figura 4 e Figura 5 vengono riportate rispettivamente le planimetrie a quota 128,14 m (piano base del contenitore), 134,35 m (piano delle pompe primarie) e 152,68 m (piano di governo). Figura 1 - Sezione Edificio Reattore ed Ausiliari 152,68 m Figura 2 - Posizionamento del GV 134,35 m 128,14 m 5 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata

6 Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 6 di 20 Figura 3 Planimetria a quota 128,14 m Figura 4 - Planimetria a quota 134,35 m 6 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata

7 Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 7 di 20 Figura 5 Planimetria a quota 152,68 m 4 DESCRIZIONE DEI COMPONENTI E SISTEMI DA SMANTELLARE L attività di smantellamento coinvolge i componenti appartenenti ai seguenti sistemi:! E1 (sistema primario) composto da: 4 generatori di vapore; 4 casse delle pompe primarie; 5 motori e giranti delle pompe primarie 1 ; 4 gruppi di tubazioni dei loop; 8 valvole da 24 ; 4 valvole da 5 ; 8 stopper impiegati nelle attività di decontaminazione in linea; altre tubazioni, strumentazione e valvole! E2 (sistema di regolazione della pressione) composto da: 1 pressurizzatore; tubazioni di collegamento, strumentazione e valvole! E3 (sistema di sfioro della pressione) composto da: 1 serbatoi di scarico degli sfiori (PRDT) tubazioni di collegamento, strumentazione e valvole 1 4 motori sono installati nel circuito, 1 motore di riserva è stato già rimosso dal circuito 7 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata

8 ! E4 (sistema di caricamento e controllo del volume) composto da: 1 scambiatore rigenerativo; tubazioni di collegamento, strumentazione e valvole! E5 (sistema di rimozione del calore residuo: DHR) composto da: tubazioni di collegamento, strumentazione e valvole! E5 (sistema di raffreddamento delle apparecchiature: CCS) composto da: tubazioni di collegamento, strumentazione e valvole Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 8 di 20! E6 (sistema dei drenaggi e scarichi gassosi) composto da: 1 serbatoio di raccolta; 1 scambiatore dei drenaggi ad alta pressione; 2 pompe di trasferimento drenaggi. tubazioni di collegamento, strumentazione e valvole! E9 (sistema di campionamento) composto da: 1 scambiatore dei campionamenti in fase liquida; 1 scambiatore dei campionamenti in fase vapore; tubazioni di collegamento, strumentazione e valvole! E19 (sistema di raffreddamento di emergenza del nocciolo: ECCS) composto da: tubazioni di collegamento, strumentazione e valvole. L inventario complessivo delle masse da smantellare viene riportato in Tabella 1. Sistema Descrizione Massa [kg] E1 4 generatori di vapore; casse delle pompe primarie motori e giranti delle pompe primarie gruppi di tubazioni dei loop (fino allo schermo biologico) valvole da valvole da stopper impiegati nelle attività di decontaminazione in linea 56 E2 1 pressurizzatore E3 1 serbatoi di scarico degli sfiori 5595 E4 1 scambiatore rigenerativo 2293 E6 1 serbatoio di raccolta scambiatore dei drenaggi ad alta pressione 2347 Componenti minori Tubazioni minori e strumentazioni 230 TOTALE 72 Tabella 1 - Masse dei principali componenti e sistemi 8 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata

9 Inoltre sono oggetto delle attività di smantellamento anche le strutture di supporto di tutti i componenti e sistemi che saranno rimossi: il dettaglio delle masse viene riportato nella Tabella 2. Strutture di supporto Massa [kg] Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 9 di GRANDI COMPONENTI Sistemi ausiliari 66 4 Pompe primarie (motore) 36 4 Pompe primarie (cassa) GV 880 Pressurizzatore 3 Tabella 2 - Masse delle strutture di supporto Nelle seguenti schede vengono forniti i dati principali relativi ai grandi componenti quali: pompe primarie di circolazione, pressurizzatore e generatori di vapore. Pompe di circolazione primaria Caratteristica Quantità Unità Quantità 4 N. Altezza totale 3,785 m Diametro flangia 1,320 m Diametro max 2,070 m ingombro cassa Massa totale kg Massa parte kg rimovibile Massa cassa (con 83 kg check-valve) Attività totale (contaminazione) 1,13E+08 (01/01/2012) Tabella 3 - Dati caratteristici delle pompe primarie di circolazione 9 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata Bq

10 Pressurizzatore Caratteristica Quantità Unità Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 10 di 20 Quantità 1 N. Altezza totale 11,757 m Diametro massimo 1,746 m Larghezza massima 2,368 m (posizione dei riscaldatori) Massa totale kg Attività totale (contaminazione) 1,96E+09 (01/01/2012) Bq Tabella 4 - Dati caratteristici del pressurizzatore 10 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata

11 Generatore di vapore Caratteristica Quantità Unità Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 11 di 20 Quantità 4 Altezza totale 13,556 m Diametro massimo 3,092 m Diametro esterno 2,457 m (piastra tubiera) Diametro esterno 2,273 m (mantello) Larghezza tra i trunnion 4,299 m superiori Massa totale kg Attività totale GV A 3,52E+09 Bq (contaminazione) (01/01/2012) Attività totale GV B 1,80E+10 Bq (contaminazione) (01/01/2012) Attività totale GV C 1,05E+09 Bq (contaminazione) Attività totale GV D (contaminazione) Tabella 5 - Dati caratteristici dei generatori di vapore (01/01/2012) 4,06E+08 (01/01/2012) 11 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata Bq

12 5 DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il complesso di attività si articola nelle seguenti fasi principali:! Progettazione esecutiva! Predisposizione delle aree di cantiere al piano di governo e al piano base dell edificio reattore; Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 12 di 20! Costruzione di opere propedeutiche allo smantellamento di componenti e sistemi: Impianto di stoccaggio e distribuzione dei gas tecnici a disposizione delle aree di taglio Stazione di taglio per i materiali non contaminati Stazione di taglio per i materiali contaminati Installazione dei sistemi ausiliari comuni! Rimozione e trasferimento dei componenti e sistemi, interi o parzialmente segmentati, alle stazioni di taglio;! Segmentazione, riduzione di volume e trasferimento del materiale in contenitori;! Allontanamento dei materiali: Trasferimento dei materiali rilasciabili dalla stazione di taglio dei materiali non contaminati verso l edificio ausiliari per successivo instradamento verso la Stazione di Gestione dei Materiali (SGM) e successivamente verso la Stazione di Monitoraggio Finale (SMF); Trasferimento dei materiali destinati ad un operatore esterno, per decontaminazione dopo processo di fusione, dalla stazione di taglio dei materiali contaminati (o dalla posizione di smontaggio per i componenti trasportabili senza ulteriore segmentazione) all edificio ausiliari per caricamento in container ISO 20 IP-2. Trasferimento dei materiali non rilasciabili 2 dalla stazione di taglio dei materiali contaminati all edificio ausiliari per successivo condizionamento nella stazione di cementazione. Una schematizzazione del flusso dei materiali viene presentata in Figura 6. 2 Materiali che per caratteristiche geometriche e radiologiche non possono essere accettati da un operatore esterno per attività di riciclo mediante processo di fusione: tali materiali sono da considerare rifiuto e vengono pertanto instradati al condizionamento sul sito. 12 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata

13 EDIFICIO REATTORE EDIFICIO AUSILIARI DESTINAZIONE SMANTELLAMENTO COMPONENTI E SISTEMI Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 13 di 20 In Figura 7 viene invece riportata la suddivisione in categorie dei materiali derivanti dallo smantellamento e la tipologia dei contenitori 3 da utilizzare. Vengono inoltre indicati i limiti delle attività oggetto del bando di gara. I materiali smantellati a piè d opera saranno invece trasferiti nell edificio ausiliari interi o in contenitori navetta da 1m 3 e 2 m 3 e resi disponibili per i successivi trattamenti. 3 I contenitori da 1m 3 e 2m 3 saranno utilizzati come contenitori navetta per il trasporto dei materiali all interno del sito. Il contenitore CP 5.2 viene utilizzato per i rifiuti. Il contenitore ISO 20 IP-2 verrà utilizzato per il trasporto dei materiali all operatore esterno. GENERATORI DI VAPORE PRESSURIZZATORE POMPE DI CIRCOLAZIONE TUBAZIONI E VALVOLE DA 24 TUBAZIONI MINORI ALTRI COMPONENTI E VALVOLE STAZIONE DI GESTIONE MATERIALI NON CONTAMINATI STAZIONE DI GESTIONE MATERIALI CONTAMINATI Contenitore 1m3 Contenitore CP5.2 Container ISO 20 IP-2 RILASCIO CONDIZIONAMENTO IN SITO OPERATORE STERNO: DECONTAMINAZIONE MEDIANTE FUSIONE Figura 6 - Trattamento dei materiali all'interno dell'er ed allontanamento verso l'edificio ausiliari 13 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata

14 Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 14 di 20 OGGETTO DELLE ATTIVITA ESCLUSO ALLONTANAMENTO DEL MATERIALE SMANTELLATO 5.1 PREDISPOSIZIONE DELLE AREE DI CANTIERE NELL EDIFICIO REATTORE La predisposizione delle aree di cantiere comprende le attività di allontanamento dei materiali ancora presenti nelle aree interessate dagli interventi, la costruzione dell impianto elettrico di cantiere, dell illuminazione normale e di emergenza, la manutenzione del sistema di drenaggio, l identificazione e la passivazione dei circuiti da smantellare, fornitura ed installazione del sistema di monitoraggio radiologico, la fornitura di tutte le attrezzature necessarie per le lavorazioni in campo. 5.2 COSTRUZIONE DELLE OPERE PROPEDEUTICHE ALL ATTIVITÀ DI SMANTELLAMENTO Le opere 4 propedeutiche allo smantellamento dei sistemi sono di seguito elencate: 4 Tutte le opere saranno realizzate rispettando l integrità delle strutture civili esistenti. Contenitore 2m 3 Componente intero Container ISO 20 IP-2 Materiale destinato ad operatore esterno per decontaminazione dopo processo di fusione: viene caricato in container ISO 20 IP-2 e reso disponibile per il successivo trasporto presso un operatore esterno dove verrà effettuato il riciclo mediante processo di fusione Trasporto e trattamento presso operatore esterno mediante processo di fusione; rimpatrio delle sorgenti. Smantellamento dei componenti e sistemi all interno dell edificio Reattore Contenitore 1m 3 Contenitore 1m 3 Materiale rilasciabile sul sito: viene trasportato fuori dall ER nell edificio ausiliari in contenitori da 1m 3 e reso disponibile per essere trasportato nella SGM dove vengono effettuate le misure prima del trasferimento alla SMF Trasferimento ad SGM per misure e decontaminazione in caso di eventuale presenza di contaminazione. Trasferimento a SMF. Contenitore CP5.2 Contenitore CP5.2 Materiale non decontaminabile: il materiale viene caricato direttamente in contenitori CP 5.2 nell ER e reso disponibile per i successivi trattamenti di condizionamento nella stazione di cementazione. Condizionamento del rifiuto nella stazione di cementazione Figura 7 - Trattamento dei materiali all'interno dell'er ed allontanamento verso l'edificio ausiliari 14 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata EDIFICIO REATTORE EDIFICIO AUSILIARI

15 ! Piattaforma di base alla stazione dei segmentazione dei materiali contaminati, da posizionare nella cavità reattore a quota 144,68 m realizzato in carpenteria metallica;! Struttura di confinamento per il taglio dei materiali contaminati, posizionata in cavità reattore, realizzata in carpenteria metallica con pannelli in lamiera, con copertura a moduli rimovibili, completa di : Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 15 di 20 Sistema di ventilazione; Sistema di movimentazione da 10 t completo di vie di corsa, sistema di comando e sistemi di aggancio; N. 2 bracci remotizzati per taglio componenti completi di sistema di rotazione angolare, sega circolare, cesoia idraulica, utensili per taglio a fiamma, pinza per raccolta del materiale segmentato, software di programmazione e gestione e sistema di comando remoto; Impianto di rivelazione ed allarme incendio; Impianto FM, illuminazione normale e di emergenza, illuminazione delle vie di fuga; Impianto di video sorveglianza a circuito chiuso TVCC; Finestre schermate per visione della zona di lavoro; Sega a nastro completa di ricambi a vita intera; Selle di appoggio e ribaltamento per GV e PRZ; vassoio di raccolta materiale segmentato! Struttura di confinamento per il taglio dei materiali non contaminati, posizionata al piano di governo, realizzata in carpenteria metallica con pannelli in lamiera completa di: Sistema di ventilazione Struttura di posizionamento dei componenti da tagliare, supporti componenti ed accessori, impalcato mobile per accesso del componente all operatore durante le fasi di taglio; Sistema di movimentazione da 5 t completo di vie di corsa, sistema di comando e sistemi di aggancio; Sistema di movimentazione mobile da 2 t; Saldatrici carrellate! Stazione di stoccaggio esterna all edificio reattore e rete di distribuzione dei gas tecnici;! Sistema di monitoraggio radiologico! Gruppo chiller per condizionamento dell aria del contenitore 5.3 SEGMENTAZIONE E RIDUZIONE DI VOLUME L attività di segmentazione è finalizzata al trattamento di materiali contaminati e non contaminati al fine di ridurli a dimensioni tali da poter essere trasferiti in opportuni contenitori. 15 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata

16 Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 16 di 20 La stazione di taglio dei materiali non contaminati sarà posizionata al piano di governo nella posizione che, durante le operazioni di ricarica del combustibile, veniva utilizzata per appoggiare la testa del vessel. La posizione della stazione viene indicata in Figura 8. Questa stazione è destinata al taglio dei materiali puliti: la tecnica di taglio utilizzata è quella del taglio termico. La funzione principale del contenimento è quella di confinare i fumi prodotti durante il taglio e garantire la loro rimozione mediante il sistema di ventilazione. La stazione è dimensionata per poter accogliere il duomo e la sezione conica del generatore di vapore. I materiali derivanti dallo smantellamento saranno trasferiti mediante contenitori navetta da 1 m3 verso la SGM dove verranno effettuate le misure per la verifica di presenza di hot spot ed eventuale decontaminazione prima di essere avviati verso la SMF. La stazione di taglio dei materiali contaminati verrà invece installata nella cavità reattore dopo aver costruito la piattaforma di base nella posizione attualmente occupata dalla macchina di caricamento del combustibile. La posizione della stazione viene indicata in Figura 8. Questa stazione è destinata alla segmentazione dei materiali contaminati per funzione: la stazione è dimensionata per i grandi componenti quali pressurizzatore e generatore di vapore (senza duomo). Le tecniche di taglio utilizzate saranno selezionate sulla base delle caratteristiche di contaminazione delle superfici e del relativo spessore: saranno utilizzate tecniche di taglio termico per materiali non contaminati (es. mantello esterno dei GV) e tecniche di taglio meccanico per i materiali contaminati per contenere lo spargimento della contaminazione (es. tubi ad U dei GV). Il confinamento statico è completato dal confinamento dinamico costituito dal sistema di ventilazione: i due sistemi permettono di minimizzare l area soggetta a contaminazione durante le fasi di taglio intercettando la contaminazione rilasciata. Da questa stazione saranno prodotti materiali segmentati potenzialmente non contaminati destinati alla SGM in contenitori da 1 m 3 (es. mantello esterno dei GV), materiali da destinare a contenitori CP 5.2 perché contaminati non decontaminabili (es. fascio tubiero del GV) ed infine materiali da destinare a contenitori ISO 20 IP-2 in quanto materiali contaminati ma decontaminabili mediante processo di fusione (es. casse d acqua del GV). In Figura 9 vengono riportate le configurazioni del generatore di vapore durante le fasi di segmentazione. In Figura 10 e Figura 11 vengono riportate rispettivamente le configurazioni di taglio per la piastra tubiera e le casse d acqua del GV. 16 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata

17 Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 17 di 20 Posizione della stazione di segmentazione dei materiali non contaminati Posizione della stazione di segmentazione dei materiali non contaminati Figura 8 - Posizionamento delle stazioni di taglio per materiali non contaminati e contaminati Figura 9 - Configurazione del GV durante le fasi di taglio 17 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata

18 Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 18 di 20 Figura 10 - Configurazioni dell'area di taglio dei materiali contaminati per la piastra tubiera del GV Figura 11 - Configurazioni dell'area di taglio dei materiali contaminati per le casse d'acqua del GV 18 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata

19 5.4 ALLONTANAMENTO DEI MATERIALI Per i grandi componenti, segmentati all interno delle aree di taglio dei materiali contaminati e non contaminati, l allontanamento comprende il trasporto dalle aree di taglio fino all edificio ausiliari dove saranno resi disponibili per i successivi trattamenti. Nel caso dei sistemi ausiliari ed in generale di tutti i componenti che vengono segmentati o smantellati a piè d opera per allontanamento si intende il loro trasporto dalla posizione di installazione fino alla zona di caricamento dell edificio ausiliari per i successivi trattamenti. Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 19 di 20 L attività di rimozione e segmentazione del circuito primario termina quando i materiali sono messi a disposizione delle successive attività elencate in Tabella 6. Destinazione Quantitativo 5 Rilascio in sito: il materiale da destinare al rilascio transita prima attraverso la SGM. In presenza di eventuale contaminazione il materiale viene decontaminato meccanicamente e successivamente destinato alternativamente alla SMF o alla stazione di cementazione (frazione non decontaminabile) Decontaminazione mediante fusione, rilascio dei materiali decontaminati e rimpatrio dei materiali non rilasciabili Condizionamento, eseguita da stazione di cementazione Tabella 6 - Destinazione dei materiali smantellati ~ 250 t ~320 t ~140 t Sulla base dell inventario fisico e radiologico attualmente disponibile i materiali oggetto dell attività di smantellamento saranno quantitativamente ripartiti secondo le 3 destinazioni precedentemente indicate. 5 I quantitativi riportati potranno subire variazioni sulla base dei risultati successivi di caratterizzazione dell impianto. 19 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata

20 5.5 VINCOLI TEMPORALI Il complesso di attività descritte dovrà essere sviluppato sulla base dei vincoli temporali di seguito indicati:! Tempo massimo per la realizzazione delle attività: 12 giorni solari e consecutivi (ad esclusione dei tempi di approvazione da parte di Sogin del progetto esecutivo) Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/07/2012 Pag. 20 di 20! Tempo richiesto da Sogin per l approvazione del progetto esecutivo: 90 giorni solari e consecutivi 20 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento Livello di Classificazione: Pubblico,, Riservato riproduzione vietata, Uso Ristretto riproduzione vietata

ST - Specifiche Tecniche. Adeguamento Ex-Compattatore - Specifica dati di interfaccia

ST - Specifiche Tecniche. Adeguamento Ex-Compattatore - Specifica dati di interfaccia Elaborato Livello Tipo / S tipo GR AD 00103 ST - Specifiche Tecniche ETQ-00028056 - Sistema / Edificio / Argomento EMR - Edificio immagazzinamento rifiuti solidi radioattivi Rev. 01 Data 27/02/2014 Centrale

Dettagli

ST - Specifiche Tecniche

ST - Specifiche Tecniche Elaborato Livello Tipo / S tipo ST - Specifiche Tecniche ETQ-00027550 D Sistema / Edificio / Argomento CFS - Attività di Chimica e Fisica Sanitaria Rev. 01 Data 24/06/2014 Centrale / Impianto: LT - Sito

Dettagli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012. Sessa Aurunca

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012. Sessa Aurunca Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012 Sessa Aurunca Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata della bonifica ambientale dei siti nucleari e della gestione in sicurezza dei

Dettagli

NOTA TECNICA. I reflui liquidi potenzialmente contaminati che saranno inviati al nuovo impianto sono quelli derivanti dalle seguenti attività:

NOTA TECNICA. I reflui liquidi potenzialmente contaminati che saranno inviati al nuovo impianto sono quelli derivanti dalle seguenti attività: NOTA TECNICA L Impianto di Trattamento Effluenti Attivi (ITEA) sarà l impianto deputato a trattare tutti gli effluenti liquidi attivi prodotti dalla Centrale Nucleare di Latina e destinati ad essere scaricati

Dettagli

Timbri e firme per responsabilità di legge

Timbri e firme per responsabilità di legge Elaborato Livello Tipo ST - Specifiche Tecniche ETQ-00045564 A Sistema / Edificio / Argomento CAR - Caratterizzazione radiologica Data 17/07/2015 Centrale / Impianto: CS - CASACCIA Titolo Elaborato: Sogin

Dettagli

Mantello unico di colore bianco. Cruscotto con pulsanti a vista e idrometro analogico.

Mantello unico di colore bianco. Cruscotto con pulsanti a vista e idrometro analogico. Segmento Medio Segmento Top Mantello unico di colore bianco. Cruscotto con pulsanti a vista e idrometro analogico. Mantello unico di colore bianco. Cruscotto con pulsanti a vista e idrometro digitale.

Dettagli

Sistema / Edificio / Argomento. Elaborato Livello Tipo / S tipo. Data 19/02/2015. Centrale / Impianto: Titolo Elaborato: A - Altro GE FM 00006

Sistema / Edificio / Argomento. Elaborato Livello Tipo / S tipo. Data 19/02/2015. Centrale / Impianto: Titolo Elaborato: A - Altro GE FM 00006 Elaborato Livello Tipo / S tipo GE FM 00006 A - Altro ETQ-00040735 A Sistema / Edificio / Argomento RFR - Rifiuti radioattivi Rev. 00 Data 19/02/2015 Centrale / Impianto: GE - Impianto: Generale Titolo

Dettagli

COMUNE DI GAVARDO (BS)

COMUNE DI GAVARDO (BS) COMUNE DI GAVARDO (BS) Progetto Definitivo IMPIANTO DI COGENERAZIONE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA DA BIOMASSE LEGNOSE doc. N 006_2014 H02 00 DESCRIZIONE FUNZIONALE SETTEMBRE 2014 IL

Dettagli

SICOM FOR NATURAL GAS FILLING STATIONS TECNOLOGIA CNG

SICOM FOR NATURAL GAS FILLING STATIONS TECNOLOGIA CNG TECNOLOGIA CNG COMPRESSORI ALTERNATIVI SERIE W220 Il modello W220, progettato per portate inferiori a 150 Sm 3 /h e per valori di pressione di aspirazione del gas compresi tra 2 e 16 bar, è il più piccolo

Dettagli

I N D I C E. INDICE Pagina 2. CONCETTO & TECNOLOGIA Pagina 3. CONCETTO & TECNOLOGIA INCENTIVAZIONE Pagina 4. SISTEMAZIONE & SPAZIO Pagina 5

I N D I C E. INDICE Pagina 2. CONCETTO & TECNOLOGIA Pagina 3. CONCETTO & TECNOLOGIA INCENTIVAZIONE Pagina 4. SISTEMAZIONE & SPAZIO Pagina 5 Motore a vapore I N D I C E INDICE Pagina 2 CONCETTO & TECNOLOGIA Pagina 3 CONCETTO & TECNOLOGIA INCENTIVAZIONE Pagina 4 SISTEMAZIONE & SPAZIO Pagina 5 SCHEDA TECNICA Pagina 6-9 CONTATTO Pagina 10 CONCETTO

Dettagli

Tavolo della Trasparenza

Tavolo della Trasparenza 1 Tavolo della Trasparenza Regione Piemonte Torino, 14 gennaio 2010 2 Indice Attività in Piemonte Impianto Fabbricazioni nucleari - Bosco Marengo Centrale E. Fermi - Trino Impianto EUREX - Saluggia Sicurezza

Dettagli

Tabella 1.1 : Milestones 2008. Centrale o impianto

Tabella 1.1 : Milestones 2008. Centrale o impianto Tabella 1.1 : Milestones 2008 Centrale o impianto Milestones 2008 Modalità di rilevamento Peso Caorso Ultimazione demolizione edificio Torri RHR Verbale di ultimazione lavori 2,5 Caorso Ultimazione attività

Dettagli

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112 MASAJA - MASAJA INOX Le caldaie a legna MASAJA e MASAJA INOX possono essere alimentate con tronchetti di lunghezza massima, a seconda dei modelli, da 500 a 1.060 mm. Corpo caldaia costituito da due elementidi

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Voci di capitolato. Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22

Voci di capitolato. Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22 Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22 Classificazione apparecchio: Pompa di calore monoblocco aria/acqua per installazione da esterno con integrato generatore termico a gas metano.

Dettagli

REX REX KAPPA REX DUAL. Caldaie ad Alto Rendimento

REX REX KAPPA REX DUAL. Caldaie ad Alto Rendimento L i n e a A c c i a i o KAPPA DUAL Caldaie ad Alto Rendimento Generatori di acqua calda ad alto rendimento, con focolare ad inversione di fiaa. Funzionamento con combustibili sia liquidi che gassosi. a

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

e unità canalizzabili della serie recuperare il calore dall aria di espulsione La serie Energy prevede

e unità canalizzabili della serie recuperare il calore dall aria di espulsione La serie Energy prevede Energy Recuperatore L e unità canalizzabili della serie Energy sono state studiate per permettere un risparmio energetico negli impianti di ventilazione di locali pubblici e privati quali bar, ristoranti,

Dettagli

ST - Specifiche Tecniche

ST - Specifiche Tecniche Elaborato Livello Tipo / S tipo GR AD 00119 ST - Specifiche Tecniche ETQ-00028210 - Sistema / Edificio / Argomento EMR - Edificio immagazzinamento rifiuti solidi radioattivi Rev. 01 Data 22/01/2014 Centrale

Dettagli

ixincondens 25T/IT (M) (cod. 00916350)

ixincondens 25T/IT (M) (cod. 00916350) ixincondens 25T/IT (M) (cod. 00916350) Caldaie a condensazione, a camera stagna ad altissimo rendimento adatte per il riscaldamento (mod. T - C) e la produzione di acqua calda sanitaria (mod. C). Funzionamento

Dettagli

CALDAIE A CONDENSAZIONE

CALDAIE A CONDENSAZIONE 60 CALDAIE A CONDENSAZIONE 04/2009 Mono RENDIMENTO CLASSE NOx 5 Modulo a condensazione idoneo all installazione esterna in conformità a quanto prescritto dal titolo II del D.M. 12 aprile 1996 Mono: un

Dettagli

VITODENS 100-E Caldaia murale a gas a condensazione per installazione ad incasso o a balcone da 7.9 a 26.0 kw

VITODENS 100-E Caldaia murale a gas a condensazione per installazione ad incasso o a balcone da 7.9 a 26.0 kw VITODENS 100-E Caldaia murale a gas a condensazione per installazione ad incasso o a balcone da 7.9 a 6.0 kw VITODENS 100-E Tipo AB1B Caldaia murale a gas a condensazione versione per installazione ad

Dettagli

LA REFRIGERAZIONE PFANNENBERG. Soluzioni complete per il raffreddamento dei fluidi di processo in tutte le applicazioni industriali

LA REFRIGERAZIONE PFANNENBERG. Soluzioni complete per il raffreddamento dei fluidi di processo in tutte le applicazioni industriali LA REFRIGERAZIONE PFANNENBERG Soluzioni complete per il raffreddamento dei fluidi di processo in tutte le applicazioni industriali SEI SERIE PER OGNI APPLICAZIONE Garantiscono l erogazione e il raffreddamento

Dettagli

Gamma Caldaie Murali

Gamma Caldaie Murali Gamma Caldaie Murali Caldaia a condensazione Ultra compatta Rapporto di modulazione 1:9 Interfaccia utente con LCD Regolazione della temperatura ambiente da caldaia con sonda esterna Relè supplementare

Dettagli

Funzione Commessa Tipo Rev. 00 Numero Progressivo

Funzione Commessa Tipo Rev. 00 Numero Progressivo Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/06/2015 Pag. 1 di 11

Dettagli

Bruciatori a Pellet di legno

Bruciatori a Pellet di legno Next-generation Biomass Technology Bruciatori a Pellet di legno Linea domestica, di media potenza e per grandi impianti Da 25 a 1000 kw Pellet di legno SPL25 SPL50 Bruciatori a pellet da 25 a 1000 kw Bruciatori

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA STAZIONE DI POMPAGGIO ANTINCENDIO

RELAZIONE SPECIALISTICA STAZIONE DI POMPAGGIO ANTINCENDIO PROGETTO GESTIONE ORDINARIA EDIFICI SCOLASTICI II Codice Edificio: 2008 RELAZIONE SPECIALISTICA STAZIONE DI POMPAGGIO ANTINCENDIO OGGETTO: L.S. BRUNO, TORINO - INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Definizione di norma tecnica Le norme sono documenti prodotti mediante

Dettagli

VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 9.0 a 35 kw

VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 9.0 a 35 kw VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 9.0 a 35 kw VITODENS 100-W Tipo WB1B Caldaia murale a gas a condensazione da 9.0 a 35.0 kw Per gas metano e gas liquido VTP 100-W WB1B 06/008 VTD

Dettagli

ST - Specifiche Tecniche

ST - Specifiche Tecniche Elaborato Livello Tipo / S tipo ST - Specifiche Tecniche ETQ-033260 A Sistema / Edificio / Argomento VAR - Varie Rev. Data 30/04/2014 Centrale / Impianto: GR - Sito di Garigliano Titolo Elaborato: Specifica

Dettagli

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA CONDUZIONE E DELLA MANUTENZIONE DEL MAXXI - MUSEO NAZIONALE DELLE ARTI DEL XXI SECOLO ALLEGATO - C Generatore di acqua

Dettagli

PK - Piani di sicurezza e coordinamento

PK - Piani di sicurezza e coordinamento Elaborato Livello Tipo / S tipo ETQ-043091 E PK - Piani di sicurezza e coordinamento Sistema / Edificio / Argomento DEC - Attività Generale di Decommissioning Rev. Data 07/05/2015 Centrale / Impianto:

Dettagli

Impianti di riscaldamento convenzionali

Impianti di riscaldamento convenzionali Impianti di riscaldamento convenzionali convenzionale Impianti di riscaldamento Schema di un impianto con caldaia Combustibile Generazione regolazione emissione Carichi termici Distribuzione Impianti di

Dettagli

Accessori a richiesta

Accessori a richiesta HOME COMPANY PROFILE SERVICE INFORMANDO ACCESSORI CATALOGO RICAMBI PARTNERS NEWS FIERE EXPORT CONTATTACI NEWSLETTER IXCONDENS C ''ISTANTANEA'' Catalogo ricambi Elenco libretti Elenco certificati CE Elenco

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

Schede Attività Programmate

Schede Attività Programmate Servizi di manutenzione integrata edifici-impianti degli immobili istituzionali della Scuola Normale Superiore Schede Attività Programmate Pisa, lì 13 gennaio 2014. Piazza dei Cavalieri, 7 56126 Pisa-Italy

Dettagli

Apparecchiature, applicazioni e sistemi per circuiti vapore e condense

Apparecchiature, applicazioni e sistemi per circuiti vapore e condense Apparecchiature, applicazioni e sistemi per circuiti vapore e condense F i r s t f o r S t e a m S o l u t i o n s E X P E R T I S E S O L U T I O N S S U S T A I N A B I L I T Y La spirax sarco e la produzione

Dettagli

Modulo Control. modulo control: tanta energia in poco spazio. www.ygnis.it

Modulo Control. modulo control: tanta energia in poco spazio. www.ygnis.it modulo control: tanta energia in poco spazio Luis Perito termotecnico Modulo Control Caldaia a condensazione in acciaio inox a gas con bruciatore modulante da 116 kw a 450 kw www.ygnis.it L evoluzione

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 230:1997 31/10/1997 Bruciatori monoblocco di olio combustibile a polverizzazione. Dispositivi di sicurezza, di comando e di regolazione. Tempi di sicurezza. UNI EN 247:2001 31/05/2001 Scambiatori

Dettagli

ixcondens 35C/IT (M) (cod. 00916340)

ixcondens 35C/IT (M) (cod. 00916340) ixcondens 35C/IT (M) (cod. 00916340) Caldaie a condensazione, a camera stagna ad altissimo rendimento adatte per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria. Corpo caldaia lamellare in alluminio

Dettagli

Informazioni Prodotto

Informazioni Prodotto Energia. Calore. Innovazione. Informazioni Prodotto www.a-tron.de Informazioni generali Il VARMECO NOVA-TRON basato sul principio tecnico della cogenerazione, viene utilizzato per sistemi che necessitano

Dettagli

2. DESCRIZIONE IMPIANTO

2. DESCRIZIONE IMPIANTO INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Impianto di condizionamento... 2.2 Regolazione... 3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL IMPIANTO PROPOSTO 3.1 Tecnologia ad inverter... 3.2 Carica automatica del

Dettagli

ixtech condens 28/IT (M) (cod. 00914671)

ixtech condens 28/IT (M) (cod. 00914671) ixtech condens 28/IT (M) (cod. 00914671) Caldaia a condensazione, a camera stagna ad altissimo rendimento adatta per il riscaldamento e per la produzione di acqua calda sanitaria. Funzionamento in luoghi

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11 1 Meteo BOX Guida al capitolato Meteo MIX C.S.I.

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Elaborato Tipo / S tipo Sistema / Edificio / Argomento. Deposito D2 e Nuova Cabina Elettrica (NCE) Descrizione opere per bando

RELAZIONE TECNICA. Elaborato Tipo / S tipo Sistema / Edificio / Argomento. Deposito D2 e Nuova Cabina Elettrica (NCE) Descrizione opere per bando RELAZIONE TECNICA Elaborato Tipo / S tipo Sistema / Edificio / Argomento RT RFR Centrale / Impianto Rev. Titolo elaborato Sito di Saluggia (NCE) Descrizione opere per bando Descrizione delle revisioni

Dettagli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 09 luglio 2013. Napoli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 09 luglio 2013. Napoli Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 09 luglio 2013 Napoli Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata della bonifica ambientale dei siti nucleari e della gestione in sicurezza dei rifiuti

Dettagli

Riempimento volumetrico in PET di prodotti gassati e piatti. Selecta

Riempimento volumetrico in PET di prodotti gassati e piatti. Selecta Riempimento volumetrico in PET di prodotti gassati e piatti Selecta Specificamente dedicata al riempimento di bottiglie in PET, la riempitrice Selecta è caratterizzata da un sistema meccanico/idraulico

Dettagli

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Display I deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza della serie sono stati progettati per garantire la deumidificazione

Dettagli

-65% WZH WZH. Detrazione fiscale per riqualificazione energetica. Pompe di calore acqua/acqua per geotermia ALTRE VERSIONI ACCESSORI

-65% WZH WZH. Detrazione fiscale per riqualificazione energetica. Pompe di calore acqua/acqua per geotermia ALTRE VERSIONI ACCESSORI Pompe di calore acqua/acqua per geotermia Detrazione fiscale per riqualificazione energetica 2014-10 C +60 C -65% C.O.P. 5,1 HP La lista completa delle unità che rientrano nella detrazione fiscale è pubblicata

Dettagli

Allegato INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Allegato INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE Allegato INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE 1 ART. 1 SCOPO DEL DOCUMENTO Il Capitolato Speciale d appalto di cui questo Allegato è parte integrante prevede l esecuzione di alcuni interventi di riqualificazione

Dettagli

FUTURIA FLC B 70 (cod. 00922620)

FUTURIA FLC B 70 (cod. 00922620) FUTURIA FLC B 70 (cod. 00922620) Generatore termico in acciaio a condensazione, funzionante anche in batteria (cascata certificata INAIL). Corpo caldaia in acciaio a sviluppo verticale a basso carico termico,

Dettagli

FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170)

FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170) FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170) Caldaia a condensazione, a camera stagna ad altissimo rendimento adatta per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria in abbinamento ad un sistema

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO DELLA CENTRALE TERMICA E DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO "ALESSANDRO MANZONI" - PLESSO A. MANZONI ANALISI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA VV.F

RELAZIONE TECNICA VV.F VAR. MET.: DERIVAZ. PER MARATEA DN 250 (10 ) - 75 bar L = 508 m RELAZIONE TECNICA VV.F 3 Nov. 12 Emissione per permessi con inserita P.E. Faragasso Lupinacci Barci 2 Giu. 12 Variato tracciato Inserita

Dettagli

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP Caldaie in acciaio per la produzione di acqua calda ad inversione di fumi, funzionanti a scarti di legno, trucioli, pelet, segatura, cippati, bricchetti, gasolio,

Dettagli

PTT di 3.500 Kg e pertanto conducibile con Patente B. Pagina 1

PTT di 3.500 Kg e pertanto conducibile con Patente B. Pagina 1 SPAZZATRICE ASPIRANTE VELOCE mod. MINOR m 3 2 La Spazzatrice Aspirante Scarab Minor è una delle più potenti spazzatrici compatte per aree urbane. E allestita con motore Diesel VM sovralimentato (conforme

Dettagli

Funzione Commessa Tipo Rev. 01 Numero Progressivo

Funzione Commessa Tipo Rev. 01 Numero Progressivo Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 21/09/2015 Pag. 1 di 37

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Gli impianti per la climatizzazione

Gli impianti per la climatizzazione Università IUAV di Venezia Gli impianti per la climatizzazione 1 Tipologie secondo il fluido termovettore Componenti elementi costruttivi Produzione del calore/ frigorifera Dimensioni dei canali d aria

Dettagli

Domanda di collaudo di impianto distributore di carburanti. D.Lgs. 11.2.1998 nr. 32, art. 1, comma 5 e L.R. nr. 33/88, art. 17.

Domanda di collaudo di impianto distributore di carburanti. D.Lgs. 11.2.1998 nr. 32, art. 1, comma 5 e L.R. nr. 33/88, art. 17. Cod. modello 3.1.2.03 domanda collaudo.doc Da presentare in unica copia in bollo Prima di consegnare il presente modulo, munirsi di una fotocopia da far timbrare per ricevuta dall ufficio comunale competente

Dettagli

Motori commerciali Tra le varie applicazioni del motore Stirling, esistono anche motori commerciali, realizzati e testati in laboratorio. Tra questi possiamo illustrarne alcuni: Stirling Power System V160

Dettagli

Uscita liquido di raffreddamento per riscaldamento esterno

Uscita liquido di raffreddamento per riscaldamento esterno Il liquido di raffreddamento del motore può essere usato per riscaldare gli elementi esterni. Questi possono essere ad esempio cassoni, cabine gru e cassette portaoggetti. Il calore viene prelevato dal

Dettagli

15. INVESTIMENTO PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/6. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numero del documento

15. INVESTIMENTO PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/6. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numero del documento Page : 1/6 15. INVESTIMENTO Page : 2/6 15.1 Descrizione del prezzo di investimento Il prezzo di investimento comprende gli elementi seguenti : - L ingegneria e project managemenent - Le forniture elettromeccaniche

Dettagli

Efficienza energetica di produzione propria Calore ed elettricità con i cogeneratori Wolf Il marchio competente per i sistemi a risparmio energetico

Efficienza energetica di produzione propria Calore ed elettricità con i cogeneratori Wolf Il marchio competente per i sistemi a risparmio energetico Risparmio energetico e tutela ambientale di serie Efficienza energetica di produzione propria Calore ed elettricità con i cogeneratori Wolf Il marchio competente per i sistemi a risparmio energetico Cogeneratori

Dettagli

Aggiornamento N 8 Fukushima Avanzamento delle attività per il ripristino degli impianti nucleari di Fukushima Daiichi (Roadmap)

Aggiornamento N 8 Fukushima Avanzamento delle attività per il ripristino degli impianti nucleari di Fukushima Daiichi (Roadmap) Aggiornamento N 8 Fukushima Avanzamento delle attività per il ripristino degli impianti nucleari di Fukushima Daiichi (Roadmap) Aggiornamento al 13 settembre 2011 ROADMAP: stato di avanzamento TEPCO ha

Dettagli

FUTURIA LE 28 PLUS/IT (M) (cod. 00918250)

FUTURIA LE 28 PLUS/IT (M) (cod. 00918250) FUTURIA LE 28 PLUS/IT (M) (cod. 00918250) Caldaia a condensazione a basamento, a camera stagna ad altissimo rendimento adatta per il riscaldamento e per la produzione di acqua calda sanitaria. Funzionamento

Dettagli

Impianti di propulsione navale

Impianti di propulsione navale Il circuito combustibile del motore comprende in realtà tre circuiti, precisamente: Circuito imbarco e travaso che provvede: All imbarco da terra o da bettoline del combustibile e a smistarlo nelle casse

Dettagli

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori Impianto elettrico Cabine elettriche Quadri elettrici media e bassa tensione e c.c Interruttori media e bassa tensione Trasformatori Batteria di rifasamento Impianto di Protezione contro le scariche atmosferiche

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13 1 Paros HM Guida al capitolato Paros HM C.S.I. caldaia

Dettagli

La caldaia. Anche il design delle raffinate maniglie, in ceramica di Deruta, è frutto di un accurato studio estetico e funzionale.

La caldaia. Anche il design delle raffinate maniglie, in ceramica di Deruta, è frutto di un accurato studio estetico e funzionale. La nostra società, nata nel 1979, opera da sempre nella costruzione di macchine per l automazione industriale. Abbiamo clienti affezionati che, ogni giorno, apprezzano la nostra professionalità e competenza

Dettagli

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il presente documento riguarda il progetto esecutivo per la sostituzione della centrale termica a servizio della Villa Andrea facente parte del complesso Ville Ponti in Varese. E inoltre compresa l installazione

Dettagli

Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT):

Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): Referenziazioni della Figura nazionale di riferimento Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e agricoltori. 6.1.3.7 Elettricisti nelle costruzioni civili ed

Dettagli

GENERATORI DI VAPORE A INVERSIONE DI FIAMMA serie PVR EU

GENERATORI DI VAPORE A INVERSIONE DI FIAMMA serie PVR EU Attrezzature a pressione A INVERSIONE DI FIAMMA CARATTERISTICHE TECNICHE PVR 3 EU PVR 5 EU PVR 7 EU PVR 10 EU PVR 15 EU PVR 20 EU PVR 30 EU PVR 40 EU PVR 50 EU PRODUZIONE NOMINALE DI VAPORE POTENZIALITÀ

Dettagli

PELLET 30 FD+ COMBI AUTOMATIC PLUS. CALDAIA A PELLET AUTOMATICA 30 kw CALDAIA COMBINATA A PELLET E LEGNA. 20 kw

PELLET 30 FD+ COMBI AUTOMATIC PLUS. CALDAIA A PELLET AUTOMATICA 30 kw CALDAIA COMBINATA A PELLET E LEGNA. 20 kw PELLET 30 AUTOMATIC PLUS CALDAIA A PELLET AUTOMATICA 30 kw FD+ COMBI CALDAIA COMBINATA A PELLET E LEGNA 20 kw PELLET 30 Automatic Plus Benvenuti nel mondo del riscaldamento a pellet La caldaia Pellet 30

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12 1 Mynute Special Guida al capitolato Mynute Special

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via San Zeno PROGETTO ESECUTIVO SOSTITUZIONE GENERATORE TERMICO

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via San Zeno PROGETTO ESECUTIVO SOSTITUZIONE GENERATORE TERMICO Ing. Paolo Silveri Via Valle Bresciana, 10 25127 Brescia Tel. 347.9932215 silveri.progea@gmail.com COMUNE di ODOLO Provincia di Brescia RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via

Dettagli

MCH MCH-A SPECIFICHE TECNICHE. Minichiller Solo Freddo e Pompa di Calore. Sistemi di climatizzazione. Accessori. Particolarità

MCH MCH-A SPECIFICHE TECNICHE. Minichiller Solo Freddo e Pompa di Calore. Sistemi di climatizzazione. Accessori. Particolarità MCH-A Minichiller Solo Freddo e Pompa di Calore Accessori CONTROLLO REMOTO FILTRO ACQUA SEZIONATORE GENERALE Particolarità Refrigerante R22, R407C Ventilatore elicolidale Compressore scroll Controllo a

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA A LLEGATO B PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA FUNZIONE 1: MECCANICA NAVALE A LIVELLO DIRETTIVO Gestisce il funzionamento dell

Dettagli

VIESMANN. Foglio dati tecnici. VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 6.5 a 35 kw. VITODENS 100-W modello WB1C

VIESMANN. Foglio dati tecnici. VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 6.5 a 35 kw. VITODENS 100-W modello WB1C VIESMANN VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 6.5 a 35 kw Foglio dati tecnici Articoli e prezzi: vedi listino prezzi VITODENS 100-W modello WB1C Caldaia murale a gas a condensazione con

Dettagli

ixquadra HP Accessori a richiesta Kit antivibranti - Cod. 20Z03440 1/6

ixquadra HP Accessori a richiesta Kit antivibranti - Cod. 20Z03440 1/6 ixquadra HP Pompa di calore per installazione splittata di tipo aria/acqua Inverter per il riscaldamento ed il raffrescamento di ambienti di piccole e medie dimensioni. Ideali per impianti con ventilconvettori

Dettagli

DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD

DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD 1 Indice 1. Descrizione del prodotto 3 1.1 Funzionamento con aria neutra 3 1.2 Funzionamento in integrazione 4 2. Descrizione componenti principali 5 2.1 Predisposizione e ingombri

Dettagli

PRIME NEW. Caldaie murali a gas a condensazione ideali per la sostituzione di caldaie convenzionali

PRIME NEW. Caldaie murali a gas a condensazione ideali per la sostituzione di caldaie convenzionali PRIME NEW Caldaie murali a gas a condensazione ideali per la sostituzione di caldaie convenzionali Ideale per la sostituzione di caldaie convenzionali La nuova gamma a condensazione Prime si articola in

Dettagli

ALLEGATO V. Parte I. 1. Disposizioni generali

ALLEGATO V. Parte I. 1. Disposizioni generali ALLEGATO V Parte I Emissioni di polveri provenienti da attività di produzione, manipolazione, trasporto, carico, scarico o stoccaggio di materiali polverulenti. 1. Disposizioni generali 1.1. Nei casi in

Dettagli

T-CONTROL T-CONTROL Pompa di calore Geotermica

T-CONTROL T-CONTROL Pompa di calore Geotermica Pompe di Calore Herz - Scheda Tecnica EnergyCenter SW WW Rev.713 T-CONTROL T-CONTROL Pompa di calore Geotermica Salamoia/Acqua SW 3~ (3x4 VAC) 1~ (1x23 VAC) Commotherm SW,7 kw 4,8 kw Commotherm 7 SW 7,3

Dettagli

Prefazione...III. 2.2.6 Impianto idrico con o senza serbatoio di compenso...18 2.2.7 Macchine e attrezzature produttive di riserva...

Prefazione...III. 2.2.6 Impianto idrico con o senza serbatoio di compenso...18 2.2.7 Macchine e attrezzature produttive di riserva... Indice Prefazione...III CAPITOLO 1 GENERALITÀ SUGLI IMPIANTI MECCANICI DI SERVIZIO PER L INDUSTRIA 1.1 Contenuti e finalità...2 1.2 Definizione e classificazione degli impianti industriali...2 1.3 Definizione

Dettagli

ESSO Italiana s.r.l.

ESSO Italiana s.r.l. ESSO Italiana s.r.l. Generalità Ragione sociale ESSO ITALIANA Deposito costiero idrocarburi liquidi Indirizzo Via Nuova delle Brecce, 127 Comune Napoli Gestore Ing. Mirko Ranieri Recapiti del Gestore Domicilio:

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO MULTIBLUE

CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO MULTIBLUE CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO MULTIBLUE 15 SISTEMI DI CALDAIE IN CASCATA MODULI MULTIBLUE La semplicità della modularità 1 2 14 11 10 3 14 17 6 9 15 4 13 8 5 16 12 7 COMPONENTI PRINCIPALI 1. Kit collettore

Dettagli

Caldaie murali a condensazione.

Caldaie murali a condensazione. CALDAIE Caldaie murali a condensazione. Sgorgano nuove idee. Nova Florida, oltre ai radiatori in alluminio di cui è oggi primo produttore al mondo, offre ai propri clienti gamme complete di caldaie murali,

Dettagli

93-0514. Heat Pumps ready! HYBRID SYSTEM. sistema ibrido da incasso interno/esterno

93-0514. Heat Pumps ready! HYBRID SYSTEM. sistema ibrido da incasso interno/esterno 93-0514 Heat Pumps ready! HYBRID SYSTEM sistema ibrido da incasso interno/esterno ambiente efficienza energetica energia rinnovabile Hybrid System è l innovativa soluzione Sile per i moderni impianti di

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO DELLA CENTRALE TERMICA E DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO "ALESSANDRO MANZONI" - PLESSO A. MANZONI FASCICOLO

Dettagli

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL centopercento Made in Italy 1 Dati Tecnici Installazione, uso e manutenzione della caldaia combinata nella quale è possibile bruciare gasolio, gas

Dettagli

Riparazione e Manutenzione

Riparazione e Manutenzione Riparazione e Manutenzione Ampia selezione in una singola marca. Esclusivi design duraturi. Prestazioni rapide e affidabili. Descrizione Versioni Pagina Pompe prova impianti 2 9.2 Congelatubi 2 9.3 Pompe

Dettagli

Unità di ventilazione meccanica controllata con recupero di calore per edifici residenziali ALTAIR SM 100. Scheda tecnica

Unità di ventilazione meccanica controllata con recupero di calore per edifici residenziali ALTAIR SM 100. Scheda tecnica Unità di ventilazione meccanica controllata con recupero di calore per edifici residenziali ALTAIR SM 100 Scheda tecnica Le presenti istruzioni sono rivolte sia all installatore che all utente finale,

Dettagli