Paolo Rapinesi RESPONSABILE AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE ATB MOBILITA S.p.A.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Paolo Rapinesi RESPONSABILE AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE ATB MOBILITA S.p.A."

Transcript

1 Paolo Rapinesi RESPONSABILE AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE ATB MOBILITA S.p.A.

2 Inquadramento Territoriale PROVINCIA DI BG o NUMERO COMUNI: 244 o POPOLAZIONE RESIDENTE(ab.): AREA URBANA ATB o NUMERO COMUNI: 30 o POPOLAZIONE RESIDENTE (ab.): AREA URBANA Popolazione residente- fonte: comune di Bergamo Superficie Territoriale- fonte:

3 Evoluzione dei flussi di traffico Negli ultimi 15 anni nelle fasce orarie di punta ( e ) si è registrato un fenomeno di progressivo alleggerimento dei flussi veicolari diretti e provenienti dal centro città ed un contestuale incremento della pressione del traffico sulle arterie radiali esterne e sull asse interurbano(+39%). Fonte: Piano Urbano della Mobilità (fasce orarie e )

4 I numeri del traffico diretto a Bergamo (fascia oraria ) Nella punta mattinale ( ), le ultime rilevazioni del flussi diretti a Bergamo, individuano un volume di traffico generato dalle radiali esterne pari a circa veicoli di cui circa il 90% proveniente dal territorio provinciale e il 9% dal resto della Lombardia. DIRETTRICE VAL BREMBANA DIRETTRICE VAL SERIANA 13,1% 13,9% ALTRE PROVINCE LOMBARDE DIRETTRICE BRIANTEA DIRETTRICE SERIATE 9,1% 12,6% 22,8% ITALIA/ESTERO FLUSSI PREVALENTI 1,1% DIRETTRICE SUD DIRETTRICE CREMA 17,3% 10,1% Fonte: Piano Urbano della Mobilità (fasce orarie )

5 Sinergie tra pianificazione dei trasporti e strumenti tecnologici Gli indirizzi strategici per Bergamo mirano a proporre forti sinergie tra pianificazione dei trasporti e politiche di sviluppo della città, con l obiettivo di connettere alla rete portante del trasporto pubblico non solo la città di Bergamo ma tutti i Comuni raggiunti dagli assi forti del TPL. Obiettivo di ATB è di mettere a disposizione del territorio le competenze e gli strumenti tecnologici a supporto delle politiche di pianificazione del trasporto e della mobilità al fine di garantire la massima estensione della maglia di copertura dei propri servizi di infomobilità. Fonte: Piano Urbano della Mobilità

6 La Mission FUNICOLARI BUS RETE FUNICOLARI PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEL TRASPORTO E INTEGRAZIONE TARIFFARIA TRAM GESTIONE DELLA SOSTA SEDE MISSION ATB S.p.A. TARIFFE ZTL GESTIONE E MANUTENZIONE DELLE INFRASTRUTTURE STRUMENTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ IMPIANTO DI COMPRESSIONE E DISTRIBUZIONE GAS METANO TECNOLOGIE E INFOMOBILITÀ SUPPORTO ALLA PIANIFICAZIONE E ALLA REGOLAZIONE DELLA MOBILITÀ PORTALE WEB ANALISI SULLA MOBILITÀ BIKE SHARING GESTIONE E MANUTENZIONE DELLA SEGNALETICA AVM REDAZIONE DI PIANI ESTRUMENTI PROGRAMMATICI CENTRALIZZAZIONE SEMAFORICA PALINE A MESSAGGIO VARIABILE

7 Il progetto della Centrale della Mobilità di Bergamo La centrale della mobilità di Bergamo ha l obiettivo di implementare tutte le infrastrutture tecnologiche e gli apparati funzionali alla regolazione ottimale del traffico ed alla raccolta e diffusione delle informazioni con lo scopo principale di: favorire l utilizzo dei mezzi di trasporto pubblico e razionalizzare le scelte modali controllare e contenere i livelli di congestione da traffico migliorare le condizioni di sicurezza sulla rete viaria migliorare il livello di informazione ai viaggiatori monitorare e governare le emissioni inquinanti in atmosfera

8 Approccio al progetto Principi base Centrale della mobilità non solo transit point e dispatcher di informazioni ma centro di competenza Supporto alla pianificazione ed alla gestione della mobilità attraverso misure oggettive del traffico e delle caratteristiche degli spostamenti Standard metodologici e tecnologici basati su logiche di cooperazione applicativa per favorire il riuso delle soluzioni sviluppate e l ottimizzazione degli investimenti sulle infrastrutture Modelli gestionali e tecnologici aperti per favorire la massima interoperabilità tra i sistemi Scalabilità territoriale ASPETTI CARDINE PER IL SUCCESSO DEL PROGETTO CONDIVISIONE DELLE BEST PRACTICE NAZIONALI ED INTERNAZIONALI E STRETTO COORDINAMENTO CON IL TERRITORIO

9 Le ZTL Il programma di attivazione progressiva del sistema prevede una prima fase nella quale saranno messi in funzione 13 dei 32 varchi previsti a regime. 1. Osmano(Mura) 2. Via S. Giacomo 3. Mura S. Grata (Arena) 4. P. Cittadella (Colle Aperto) 5. Boccola (Fara) 6. S. Lorenzo (Fara) 7. Prato della Fara IL BORGO STORICO CITTÀ ALTA San Bernardino (Greppi) 2. XX Settembre (S. Orsola) 3. Pontida 4. S. Alessandro (Garibaldi) 5. Matteotti Ovest (Roma) 6. Matteotti (Uffici Comunali) 3 1 IL POLO COMMERCIALE CITTÀ BASSA 2

10 Le ZTL: Tecnologia adottata KAPSCH-BUSI INSEGUIMENTO VEICOLI(VEHICLE TRACKING) RILEVAMENTO VEICOLI(VEHICLE HANDLING) Il sistema installato a Bergamo è in grado di rilevare il transito dei veicoli unicamente attraverso l acquisizione delle immagini dall unità VDR senza nessun altro sensore esterno. Tutti i numeri di targa dei veicoli in transito nei varchi ZTL vengono inseguiti ed identificati attraverso diversi fotogrammi per tutto il tempo in cui il veicolo risulta nel campo visivo della telecamera. La funzione di tracciamento veicoli può seguire contemporaneamente più targhe, rilevando le infrazioni anche in condizioni di flusso libero a più corsie nelle due direzioni di marcia MLFF(Multilane Free Flow) IDENTIFICAZIONE VEICOLI (VEHICLE DETECTION) I veicoli vengono identificati attraverso diversi fotogrammi, ogni fotogramma acquisito contribuisce per affinamenti successivi alla visualizzazione definitiva della targa di ciascun mezzo minimizzando l incertezza della lettura.

11 Il Sistema Trambus: Centralizzazione Semaforica MIZAR-GEG-AESYS In ambito urbano, per favorire le direttrici di forza del traffico cittadino, lungo l asse viario che da via Broseta si estende fino a Via Corridoni, è attivo un sistema di governo centralizzato delle fasi semaforiche IMPIANTI SEMAFORICI GIÀ CENTRALIZZATI PROGRAMMA DICENTRALIZZAZIONE SEMAFORICA DEL SISTEMA TRAMBUS IMPIANTI SEMAFORICI PARZIALMENTE ATTREZZATI PER LA CENTRALIZZAZIONE IMPIANTI SEMAFORICI NON ANCORA CENTRALIZZATI RIENTRANTI NEL PROGRAMMA DI CENTRALIZZAZIONE PERCORSI DI SINCRONIZZAZIONE

12 Il Sistema Trambus: AVM ATB ha il controllo in tempo reale (intertempo max 20 sec) della flotta autobus (110 mezzi su 144), in particolare il sistema permette di: avereunavisioneglobaledellapuntualitàdeimezziinserviziosututtelelinee generare delle informazioni per gli utenti sui tempi reali di attesa visualizzabili sui display delle 10 pensiline già presenti in città (entro il mese di settembre si prevede di installarne ulteriori 10). generare richieste di preferenziazione ai semafori per i bus in ritardo su uno dei corridoi viabilistici portanti della città SCHEMA DI FUNZIONALE SISTEMA TRAMBUS IL COMPUTER DI BORDO DISPLAY PALINE ELETTRONICHE COMPUTER CONTROLLORI ORA SINCRONIZZATA VIA GPS INSERIMENTO MATRICOLA AUTISTA, GESTIONE CARTELLI, CHIAMATE RADIO E GESTIONE EMERGENZA CENTRALE CONTROLLO SEMAFORI SERVER RADIO SEDE ATB STATO ANTICIPO/RITARDO SERVER CONTROLLO BUS COMPUTER DI BORDO

13 Interventi di Upgrade dei Servizi Web (attuali e prospettici) PORTALE ATB Riorganizzazione logica e funzionale dei contenuti e della struttura del sito per favorire accessibilità ed usabilità Servizidipagamentoviaweb Coordinamento e sincronizzazione con i servizi sviluppati nella centrale della mobilità per la diffusione delle informazioni rivolte alla popolazione in movimento (floating-car data) TRAVEL PLANNER Generazione delle alternative di viaggio nell ambito dei servizi di TPL svolti da ATB BIKE SHARING Monitoraggio in tempo reale della disponibilità di biciclette nei singoli cicloposteggi distribuiti in città

14 Il Bike Sharing Il servizio di Bike Sharing a Bergamo ( La BiGi ), attivato nel maggio 2009, si articola su 15 ciclo stazioni (172 ciclo posteggi) posizionate nell area del centro città. Le biciclette messe a disposizione degli abbonati sono 120.

15 Monitoraggio degli stalli

16 Scenari di sviluppo CITY LOGISTICS Attivazione progressiva di un sistema selettivo di tracciamento degli itinerari utilizzati dai veicoli commerciali adibiti al trasporto e alla distribuzione delle merci in area urbana attraverso piattaforme aperte di raccolta delle informazioni trasmesse dalle OBU(on-board-unit) installate a bordo dei veicoli. PRINCIPALI OBIETTIVI: Mitigare gli impatti ambientali legati alla circolazione delle flotte commerciali Favorire interventi di regolazione della distribuzione delle merci in città Migliorare la gestione delle aree di carico e scarico merce

17 Scenari di sviluppo INDIRIZZAMENTO AI PARCHEGGI Implementazione ed attivazione di sistemi di diffusione di informazioni relative alla disponibilità di sosta nei parcheggi a raso e in struttura della città. PRINCIPALI OBIETTIVI: Ridurre fenomeni di ricerca reiterata del posto auto e dei conseguenti impatti sulla congestione e sull ambiente Coordinare e ottimizzare l apertura dei varchi elettronici delle ZTL in base alla disponibilità di sosta con particolare riferimento a città Alta.

18 Scenari di sviluppo FLOATING CAR DATA Nella logica di ottimizzare i costi di investimento, di gestione e di manutenzione delle infrastrutture tecnologiche, oltre all installazione di dispositivi fissi di rilevazione e conteggio dei flussi veicolari in corrispondenza degli assi stradali afferenti alla città di Bergamo, verrà approfondita la possibilità di attivare servizi telematici di monitoraggio del traffico già esistenti e consolidati basati su apparati di localizzazione veicolare installati sui mezzi ad opera delle compagnie assicurative (es. OCTOtelematics, Viasat, Movitrack, etc.) PRINCIPALI OBIETTIVI: Monitorare in tempo reale le condizioni di congestione da traffico sulla rete viabilistica divulgando le informazioni alla popolazione via web Costruire banche dati oggettive sul comportamento del traffico privato Analizzare i comportamenti di guida per intervenire con efficacia sulle politiche di regolazione del traffico e sulla segnaletica al fine di migliorare la sicurezza stradale.

19 Scenari di sviluppo ANALISI PER LO SVILUPPO DI SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DI INFORMAZIONI SULTPLESULTRAFFICOPRIVATO Come possibile evoluzione delle implementazioni dei sistemi e degli apparati di rilevazione del posizionamento delle flotte di TPL e del traffico privato, verrà inoltre approfondita la possibilità di creare una piattaforma multicanale di integrazione delle informazioni relative ai mezzi di trasporto pubblico (compreso ad esempio il bike sharing) e ai mezzi privati, utilizzando sistemi open source facilmente integrabili con i telefoni cellulari. Le valutazioni tecniche saranno rivolte soprattutto alla possibile implementazione dei servizi forniti dai navigatori satellitari (con indicazione della palina e della linea di trasporto più vicina per raggiungere la destinazione) e dal travel planner relativo al servizio di TPL (attualmente in fase di implementazione nella versione standard).

20 Implementazione delle Centrali della Mobilità LA VERA SFIDA MANTENERE I SISTEMI TECNOLOGICI APERTI E INTEROPERABILI NEL TEMPO SU SCALA TERRITORIALE

L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE

L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE CONTESTO TERRITORIALE E INDIRIZZI STRATEGICI IL TERRITORIO PROVINCIA DI BG

Dettagli

Fare clic per modificare lo stile del titolo

Fare clic per modificare lo stile del titolo DALLA SMART MOBILITY ALLA MOBILITY ALLA SMART CITY SMART CITY MODELLO EUROPEO LA SMART GRID NELLA VISIONE ATB Interoperabilità ed Interconnessione diffusa TRAMBUS: CENTRALIZZAZIONE SEMAFORICA In ambito

Dettagli

L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO. Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.)

L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO. Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.) L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.) INQUADRAMENTO DEL CONTESTO IL TERRITORIO PROVINCIA DI BG o NUMERO COMUNI: 244 o

Dettagli

Progetto G.i.M. Gestione informata della Mobilità

Progetto G.i.M. Gestione informata della Mobilità Progetto G.i.M. Gestione informata della Mobilità 2 Avviso Programma ELISA Enti Locali Innovazione di SistemA 14 ottobre 2010 Provincia di Milano Settore Gestione Rete Stradale e Mobilità Ciclabile Servizio

Dettagli

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Antonello Pellegrino Direttore del Servizio della pianificazione e programmazione dei sistemi di trasporto Cagliari, 26.06.2013 Riferimenti

Dettagli

City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma

City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma Reorganisation of the distribution of goods within the urban territory of Parma Presentation By Valeria Battaglia

Dettagli

Forum PA - Roma, 17/20 Maggio 2010. Direzione Generale dei Trasporti. Servizio delle infrastrutture e della logistica di trasporto

Forum PA - Roma, 17/20 Maggio 2010. Direzione Generale dei Trasporti. Servizio delle infrastrutture e della logistica di trasporto Progetto di Integrazione e Sviluppo Tecnologico dei sistemi di controllo della mobilità nell Area Vasta di Cagliari POR Sardegna 2000-2003 Asse VI Reti e Nodi di Servizio Misura 6.2 Accessibilità e governo

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes»

Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes» Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes» Dalla distribuzione urbana alla smart logistics Fulvio Lino Di Blasio

Dettagli

Città di Torino. Una mobilità intelligente e sostenibile per l'area metropolitana

Città di Torino. Una mobilità intelligente e sostenibile per l'area metropolitana Città di Torino Una mobilità intelligente e sostenibile per l'area metropolitana Ottobre 2015 I numeri chiave Circa 900.000 abitanti 130 Km2 di superficie Area metropolitana 1,5 milioni di persone con

Dettagli

5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino

5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino 5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino Piero Boccardo Presidente Chi siamo 5T è una società a responsabilità limitata a totale partecipazione pubblica che progetta, realizza

Dettagli

Il Centro di controllo del traffico. Fabio Cartolano Comune di Bologna

Il Centro di controllo del traffico. Fabio Cartolano Comune di Bologna Il Centro di controllo del traffico di Bologna Fabio Cartolano Comune di Bologna Veicoli equipaggiati con GPS/GPRS Centro di controllo flotta autobus Telecamere ITS a Bologna Insieme di strumenti per la

Dettagli

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto Olga Landolfi TTS Italia I Trasporti in Italia Dati Nazionali 2004 (CNT 2004) Traffico passeggeri interno: 947.205 milioni di passeggeri km all

Dettagli

Best Practice on User Information

Best Practice on User Information Best Practice on User Information Senigallia Italy 16/07/2013 MARCHE REGION Speaker: Gabriele Frigio Marche Region ELETTRONICA E TELEMATICA NELL ORGANIZZAZIONE DEL TPL SU GOMMA Al fine di incentivare l

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Centrale della Mobilità

Roma servizi per la mobilità Centrale della Mobilità Roma servizi per la mobilità Centrale della Mobilità La Centrale della Mobilità Sistemi Tecnologici La Centrale della Mobilità - evoluzione Centrale del Traffico Centrale della Mobilità 2000 STA spa mobilità

Dettagli

Progetto Arezzo Smart: i servizi integrati di mobilità per la città di Arezzo

Progetto Arezzo Smart: i servizi integrati di mobilità per la città di Arezzo Progetto Arezzo Smart: i servizi integrati di mobilità per la città di Arezzo S. Gini, MemEx F. Falsini, M. Farini, ATAM R. Bernardini, Comune Arezzo Mobility Governance,, Firenze 1 Il contesto di riferimento

Dettagli

1. Introduzione. 2. Il Progetto

1. Introduzione. 2. Il Progetto 1. Introduzione Con l espressione trasporto pubblico locale intelligente si intende l uso di tecnologie a supporto della mobilità e degli spostamenti di persone. Grazie allo sviluppo di dispositivi e strumenti

Dettagli

AVM TRAM-BUS E INFOMOBILITÀ

AVM TRAM-BUS E INFOMOBILITÀ Organizzato da: AVM TRAM-BUS E INFOMOBILITÀ DI PADOVA Amedeo Levorato Amministratore Delegato ne-t by Telerete Nordest srl ne-t by Telerete Nordest Servizi per le telecomunicazioni, l information technology

Dettagli

L ESPERIENZA ECOPASS

L ESPERIENZA ECOPASS L ESPERIENZA ECOPASS Monza, 16 Febbraio 2011 Ing. Stefano Riazzola Direttore Comune di Milano Milano e l area urbana Abitanti Milano: ~ 1.3M Abitanti Area Metropolitana : ~ 3.3M Abitanti Regione Lombardia:

Dettagli

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011

La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech. Torino 16/11/2011 La piattaforma I-BUS Autostrade//Tech Torino 16/11/2011 Agenda Presentazione Autostrade // Tech Autostrade // Tech: Il ruolo nella mobilità I Bus turistici e la mobilità urbana Prospettive a livello nazionale

Dettagli

La Città di Milano: La rete intelligente di strumenti a sostegno del trasporto pubblico

La Città di Milano: La rete intelligente di strumenti a sostegno del trasporto pubblico La Città di Milano: La rete intelligente di strumenti a sostegno del trasporto pubblico Le piattaforme tecnologiche per la Mobilità I NUMERI DELLA MOBILITA 800.000 veicoli/giorno in ingresso 680 Mln passeggeri

Dettagli

Torino, 11 luglio 2011. Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino

Torino, 11 luglio 2011. Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino Torino, 11 luglio 2011 5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino Missione 5T progetta, realizza e gestisce sistemi ITS e di infomobilità, nel campo della mobilità pubblica e privata

Dettagli

Metano e trasporti per il governo della mobilità

Metano e trasporti per il governo della mobilità Parma, 16 marzo 2010 Metano e trasporti per il governo della mobilità Lo stato dell arte delle più recenti azioni di mobilità sostenibile promosse dal Ministero dell ambiente Arch. Giovanna Rossi Ministero

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

Informazioni sullo stato dei sinistri e per la valutazione dei rischi. della società

Informazioni sullo stato dei sinistri e per la valutazione dei rischi. della società Informazioni sullo stato dei sinistri e per la valutazione dei rischi della società 1 1. Informazioni sullo stato dei sinistri Rischio: ALL-RISK danni al patrimonio Periodo di osservazione: 2012 al 2015

Dettagli

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Reti Infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità

Dettagli

Il progetto Mi Muovo Elettrico e le Politiche regionali sulla Mobilità Sostenibile

Il progetto Mi Muovo Elettrico e le Politiche regionali sulla Mobilità Sostenibile Il progetto Mi Muovo Elettrico e le Politiche regionali sulla Mobilità Sostenibile Fabio Formentin Responsabile Servizio mobilità urbana e trasporto locale Regione Emilia-Romagna Interventi di pianificazione,

Dettagli

ITS Intelligent Transport Systems

ITS Intelligent Transport Systems corso di Teoria e Tecnica della Circolazione + Trasporti e Territorio a.a. 2013-2014 ITS Intelligent Transport Systems TRAFFIC ENFORCEMENT SYSTEMS (sistemi di accertamento automatico delle infrazioni)

Dettagli

Nuove soluzioni per la mobilitàurbana

Nuove soluzioni per la mobilitàurbana Nuove soluzioni per la mobilitàurbana I-BUS : Piattaforma di gestione flotte BUS Turistici Firenze 20/04/2012 Agenda Presentazione Autostrade Tech Autostrade Tech: Il ruolo nella mobilità I Bus turistici

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Informata della Mobilità

Informata della Mobilità Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità Il progetto GIM Gestione Informata della Mobilità Fabio Formentin Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi

Dettagli

ITS Intelligent Transportation Systems

ITS Intelligent Transportation Systems L azienda Elsag Datamat è la nuova azienda Finmeccanica, frutto dell unione delle due grandi realtá italiane Elsag e Datamat, nata per essere il Centro di Eccellenza nella progettazione, realizzazione

Dettagli

Smart city & Utilities

Smart city & Utilities Smart city & Utilities Presentazione del progetto Firenze, 20 novembre 2014 Firenze ha avviato da tempo la «Strategia Smart» Il Comune di Firenze ha aderito al Patto dei Sindaci, ha costituito l ufficio

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

FORUM PA 2012. Eco-City: ispirazioni per una città sostenibile. Roma, 17 Maggio 2012

FORUM PA 2012. Eco-City: ispirazioni per una città sostenibile. Roma, 17 Maggio 2012 FORUM PA 2012 Eco-City: ispirazioni per una città sostenibile Roma, 17 Maggio 2012 Indice: Obiettivi Piattaforma integrata di gestione del traffico Supervisore del Traffico e sottosistemi Piattaforma di

Dettagli

con Torino, 30 Settembre 2011 Amedeo Levorato Amministratore Delegato Federico Filira Responsabile R&S

con Torino, 30 Settembre 2011 Amedeo Levorato Amministratore Delegato Federico Filira Responsabile R&S con Torino, 30 Settembre 2011 Amedeo Levorato Amministratore Delegato Federico Filira Responsabile R&S ne-t by Telerete Nordest NE-T: società di servizi per le telecomunicazioni, l information technology

Dettagli

WP2. del traffico e delle merci nei corridoi di trasporto europei e nelle conurbazioni. TPZ, Mizar, ASPI, UniSalento

WP2. del traffico e delle merci nei corridoi di trasporto europei e nelle conurbazioni. TPZ, Mizar, ASPI, UniSalento WP2 Continuità dei servizi ITS per la gestione del traffico e delle merci nei corridoi di trasporto europei e nelle conurbazioni TPZ, Mizar, ASPI, UniSalento Indice Stato dei lavori Metodologia Contenuti

Dettagli

1. Il contesto territoriale e delle infrastrutture di mobilità. 2. I lavori di riqualificazione della linea suburbana Ferrara-Codigoro

1. Il contesto territoriale e delle infrastrutture di mobilità. 2. I lavori di riqualificazione della linea suburbana Ferrara-Codigoro Un ramo secco rifiorisce? Ferrara Il collegamento tram-treno tra città e nuovo Ospedale Ing. Alberto Croce Dirigente area tecnica AMI - Agenzia Mobilità e Impianti di Ferrara La presentazione 1. Il contesto

Dettagli

2015-2016 IL NUOVO PIANO DELLA SOSTA E DELLA MOBILITÀ IN CENTRO STORICO

2015-2016 IL NUOVO PIANO DELLA SOSTA E DELLA MOBILITÀ IN CENTRO STORICO 2015-2016 IL NUOVO PIANO IN CENTRO STORICO Una scelta, una nuova vivibilità Obiettivi maggiore vivibilità del centro storico, recuperare e riorganizzare gli spazi del centro, rigenerazione urbana e ampliamento

Dettagli

Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico

Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico XVII CONVEGNO TECNICO ACI LA STRADA PER KYOTO Roma, 16-17 febbraio 2006 SESSIONE C Le strategie di intervento: gli attori del successo Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico Ing.

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SOSTA SU STRADA A BOLOGNA. 28 Febbraio 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna

LA GESTIONE DELLA SOSTA SU STRADA A BOLOGNA. 28 Febbraio 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna LA GESTIONE DELLA SOSTA SU STRADA A BOLOGNA 28 Febbraio 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna GLI APPROCCI A ROAD & PARK PRICING Strumenti di reperimento di risorse Strumenti di

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato Descrizione tecnico economica del sistema Indice INDICE... 2 1. OBIETTIVI... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI... 5 2.1.

Dettagli

Distribuzione delle Merci : dalle Regole ai Sistemi

Distribuzione delle Merci : dalle Regole ai Sistemi Piano Urbano del Traffico Urbano di Roma Capitale Distribuzione delle Merci : dalle Regole ai Sistemi Alessandro Fuschiotto Citytech, Roma 11 giugno 2014 La ZTL merci di Roma ha un estensione di 6 Km 2

Dettagli

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 PARTNER DEL PROGETTO Provincia di Lucca Provincia di Pisa Provincia di Livorno Comune di Genova Ufficio

Dettagli

Linee Guida per lo sviluppo di Servizi di Infomobilità nella Regione Sardegna

Linee Guida per lo sviluppo di Servizi di Infomobilità nella Regione Sardegna Linee Guida per lo sviluppo di Servizi di Infomobilità nella Regione Sardegna Allegato al Decreto dell Assessore dei Trasporti n.1 del 28.01.2008 Gennaio 2008 1. PREMESSA... 2 2. QUADRO NORMATIVO E PROGRAMMATICO

Dettagli

Sistemi di monitoraggio Sistemi di monitoraggio

Sistemi di monitoraggio Sistemi di monitoraggio PTA DESTINATION PERCORSI TRANSFRONTALIERI CONDIVISI Convegno di chiusura Milano, 26 ottobre 2015 Sistemi di monitoraggio Sistemi di monitoraggio Matteo Vischi 1 FESR Conoscere i TMP identificare eventuali

Dettagli

LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE )

LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE ) MOBILITY CONFERENCE 2014 LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE ) Maria Berrini AU di AMAT, Agenzia Mobilità Ambiente Territorio, Comune di Milano Accessibilità EXPO Domanda e Ripartizione

Dettagli

IL Piano Regionale Integrato delle Infrastrutture e della Mobilita - obiettivi e strategie

IL Piano Regionale Integrato delle Infrastrutture e della Mobilita - obiettivi e strategie Piano Regionale ex LR 49/99 Definizione del Cronoprogramma FASE Ott. 2011 Nov. 2011 Dic. 2011 Gen. 2012 Nov. 2012 Dic. 2012 Gen. 2013 Feb. 2013 A Esame CTD informativa + Preliminare VAS Esame GR e invio

Dettagli

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU (redatto il 4 dicembre 2014) 1 SINTESI... 1 2 IL PGTU... 1 2.1 IL PGTU IN BREVE... 2 2.2 LE 6 AREE DI ROMA...

Dettagli

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara.

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. 12/1/2010 Francesco Capuano 1 Articolazione strutturale dei Servizi

Dettagli

La gestione della sosta per la smartcity

La gestione della sosta per la smartcity La gestione della sosta per la smartcity L analisi delle performance dei gestori della sosta toscani e i modelli organizzativi nella prospettiva delle «smart cities» Pisa, 12 ottobre 2015 Il quadro dei

Dettagli

PTA Azione 6 PTA Azione 6 Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità

PTA Azione 6 PTA Azione 6 Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità PTA Azione 6 PTA Azione 6 Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità Luca Grimaldi e Mauro Prevostini Ente Regionale per i Servizi all Agricoltura e alle Foreste Dipartimento

Dettagli

E-Ticketing : le nuove forme di pagamento elettronico per la mobilità ed il parcheggio

E-Ticketing : le nuove forme di pagamento elettronico per la mobilità ed il parcheggio E-Ticketing : le nuove forme di pagamento elettronico per la mobilità ed il parcheggio L esperienza di Brescia Mobilità nei sistemi di E-Ticketing e Mobile Payment Ing S. Pace Brescia Mobilità SPA Brescia

Dettagli

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella città di Palermo Progetti di mobilità sostenibile 1 Inventario Base delle Emissioni CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Autori: Ing. Pierluigi Coppola, Ing. Gian Piero Di Muro Dipartimento Ingegneria Civile - Università di Roma Tor Vergata. Ing. Olga Landolfi TTS Italia

Autori: Ing. Pierluigi Coppola, Ing. Gian Piero Di Muro Dipartimento Ingegneria Civile - Università di Roma Tor Vergata. Ing. Olga Landolfi TTS Italia Osserrvattorriio delllla Tellemattiica perr ii Trrasporrttii Diiparrttiimentto d Ingegnerriia Ciiviille Uniiverrsiittà degllii Sttudii dii Roma Torr Verrgatta Indagine sui Sistemi ITS nelle Aziende di

Dettagli

Progetto Wimove. Servizi di infomobilità ai cittadini e per la gestione della mobilità su rete WI-Fi

Progetto Wimove. Servizi di infomobilità ai cittadini e per la gestione della mobilità su rete WI-Fi Progetto Wimove Servizi di infomobilità ai cittadini e per la gestione della mobilità su rete WI-Fi 29 Settembre 2010 ATAC SpA ATAC Patrimonio srl Gestione operativa del servizio del trasporto pubblico

Dettagli

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Marco D Onofrio Direttore Divisione 3 della Direzione Generale TPL, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Coordinato

Dettagli

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Intervento Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Sala Falck Assolombarda 29 gennaio 2007 Convegno MUOVERE PERSONE E MERCI: LE POLITICHE E I PROGETTI PER LA COSTRUZIONE DELLA CITY LOGISTICS

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing

I.C.S. Iniziativa Car Sharing I.C.S. Iniziativa Car Sharing Il car sharing in Italia, l esperienza di ICS Genova, 27 ottobre 2010 Cosa è il Car Sharing Servizio di mobilità alternativa che produce benefici economici per l automobilista

Dettagli

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.)

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.) LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PROGRAMMI INTEGRATI PER LA MOBILITA AI SENSI DELLA L.R. N. 25/2008 1 Premessa La legge regionale n. 25 del 25.07.08 persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

Comune di Treviso Assessorato alla Mobilità Servizio Mobilità

Comune di Treviso Assessorato alla Mobilità Servizio Mobilità Comune di Treviso Assessorato alla Mobilità Servizio Mobilità LE CITTA CINTATE AL TEMPO DELLE SMART CITY: MODELLI, STRUMENTI E PROPOSTE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE La mobilità intelligente per la ricongiunzione

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti LA RETE PROVINCIALE DEI MOBILITY MANAGER E LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO Bergamo, 9 febbraio

Dettagli

Paolo Ferrecchi Regione Emilia-Romagna DG Reti infrastrutturali, logistica, sistemi di mobilità

Paolo Ferrecchi Regione Emilia-Romagna DG Reti infrastrutturali, logistica, sistemi di mobilità Paolo Ferrecchi Regione Emilia-Romagna DG Reti infrastrutturali, logistica, sistemi di mobilità Dati Monitoraggio Giugno 2014 Lo sviluppo della governance del sistema autofiloviario Situazione attuale

Dettagli

L approccio Elsag Datamat

L approccio Elsag Datamat Le tecnologie innovative per la sicurezza partecipata L approccio Elsag Datamat Carlo Gualdaroni Amministratore Delegato Elsag Datamat Elsag Datamat Elsag Datamat è il centro di eccellenza Finmeccanica

Dettagli

Sviluppo del sistema di rilevamento merci pericolose a Genova Lucca, 25 settembre 2015

Sviluppo del sistema di rilevamento merci pericolose a Genova Lucca, 25 settembre 2015 Sviluppo del sistema di rilevamento merci pericolose a Genova Lucca, 25 settembre 2015 Obiettivi di progetto (1/2) Il Comune di Genova nell ambito del progetto LO.SE, ha perseguito l obiettivo legato all

Dettagli

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA PROPOSTE DI RIQUALIFICAZIONE VIABILISTICA rapporto finale luglio 2009 Ing. Ivan Genovese ig@mobiliter.it CONTENUTI A. INQUADRAMENTO

Dettagli

Deliverable 2.2.1. Report on Park & Ride actions in Bologna. Report sugli interventi Park & Ride a Bologna

Deliverable 2.2.1. Report on Park & Ride actions in Bologna. Report sugli interventi Park & Ride a Bologna Deliverable 2.2.1 Report on Park & Ride actions in Bologna Report sugli interventi Park & Ride a Bologna INTRODUZIONE Le politiche locali di gestione della mobilità hanno fra i principali obiettivi l incentivazione

Dettagli

COMUNE DI GENOVA DIREZIONE MOBILITÀ

COMUNE DI GENOVA DIREZIONE MOBILITÀ COMUNE DI GENOVA DIREZIONE MOBILITÀ AFFIDAMENTO DIRETTO IN HOUSE A GENOVA PARCHEGGI SPA DEI SERVIZI DI GESTIONE DELLA SOSTA SU SUOLO PUBBLICO, CAR SHARING, BIKE SHARING ED ATTIVITA CORRELATE SUL TERRITORIO

Dettagli

TORINO 28 marzo 2012 Convegno Presentazione e stato di avanzamento del progetto DESTINATION

TORINO 28 marzo 2012 Convegno Presentazione e stato di avanzamento del progetto DESTINATION TORINO 28 marzo 2012 Convegno Presentazione e stato di avanzamento del progetto DESTINATION Monitoraggio dei veicoli ADR: architettura e funzionamento delle On Board Unit Fabio Borghetti Stefano Gatti

Dettagli

Una politica integrata dei trasporti e della mobilità per uno sviluppo ecocompatibile

Una politica integrata dei trasporti e della mobilità per uno sviluppo ecocompatibile Comune di Genova Assessorato al Traffico e alla Mobilità Urbana Una politica integrata dei trasporti e della mobilità per uno sviluppo ecocompatibile CENTRO CONTROLLO TRAFFICO GENOVA FORUM P.A. Maggio

Dettagli

Progetto Wimove. Servizi di infomobilità ai cittadini e per la gestione della mobilità su rete WI-Fi. 12 Dicembre 2011

Progetto Wimove. Servizi di infomobilità ai cittadini e per la gestione della mobilità su rete WI-Fi. 12 Dicembre 2011 Progetto Wimove Servizi di infomobilità ai cittadini e per la gestione della mobilità su rete WI-Fi 12 Dicembre 2011 Il progetto WIMOVE in Italia Il progetto WI MOVE ha l'obiettivo di creare servizi d'infomobilità,

Dettagli

IL SISTEMA S.I.MON. (Sistema Integrato di MONitoraggio)

IL SISTEMA S.I.MON. (Sistema Integrato di MONitoraggio) SISTEMA SISTEMAS.I.MON. S.I.MON. IL (Sistema Integrato di MONitoraggio) BUS STOP BUS STOP novembre 2010 La struttura del sistema Veicoli Depositi Rete GPRS Semafori Sistemi di Telecomunicazione (rete dedicata)

Dettagli

La mobilità negli strumenti di programmazione del territorio genovese. 27 ottobre 2010

La mobilità negli strumenti di programmazione del territorio genovese. 27 ottobre 2010 La mobilità negli strumenti di programmazione del territorio genovese 27 ottobre 2010 Il contesto Definizione della linea verde e della linea blu Adesione, da parte del Comune di Genova, nel febbraio del

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

MyTicketStore.it Trasporto Pubblico Locale

MyTicketStore.it Trasporto Pubblico Locale MyTicketStore.it Trasporto Pubblico Locale 1 di 9 Premessa Il presente documento, descrive una soluzione software per la bigliettazione elettronica di tipo web based e interoperabile con altre aziende

Dettagli

Analisi modellistiche SIMULAZIONE DELLO STATO ATTUALE

Analisi modellistiche SIMULAZIONE DELLO STATO ATTUALE Analisi modellistiche SIMULAZIONE DELLO STATO ATTUALE Assetto attuale della circolazione Configurazione della rete stradale allo stato di fatto (dettaglio Via Martiri della Resistenza) Configurazione della

Dettagli

LINEA D INDIRIZZO 6.: GOVERNARE LA MOBILITÀ ATTRAVERSO TECNOLOGIE INNOVATIVE AZIONI MISURE INDICATORI DI RIFERIMENTO

LINEA D INDIRIZZO 6.: GOVERNARE LA MOBILITÀ ATTRAVERSO TECNOLOGIE INNOVATIVE AZIONI MISURE INDICATORI DI RIFERIMENTO 172 AZIONI MISURE INDICATORI DI RIFERIMENTO 6.1. Estendere la gestione telematica del traffico 6.2. Estendere la gestione telematica del trasporto pubblico 6.3. Favorire la mobilità dell utenza debole

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

Applicazioni ITS nel TRASPORTO

Applicazioni ITS nel TRASPORTO Applicazioni ITS nel TRASPORTO Comune di Genova Ing. Daniele Villani Direzione Mobilità Uff. Progetti Speciali - Territorio 240 km 2 ; 630.000 abitanti - Area centrale 276.000 abitanti e 28 km 2 di area

Dettagli

LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO DEI PADRONCINI

LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO DEI PADRONCINI LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO DEI PADRONCINI Esigenza Numerose aziende che operano nel settore della logistica e dei trasporti in conto terzi, nonché le aziende di produzione, che hanno la necessità di

Dettagli

Divisione Infrastrutture e Mobilità

Divisione Infrastrutture e Mobilità Divisione Infrastrutture e Mobilità Piano Urbano del Traffico e della mobilità delle persone (PUT 2001) Programma Urbano dei Parcheggi (PUP 2001) (Approvato con Del. C.C. 00155/006 del 19/06/2002) Il Piano

Dettagli

Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing

Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing Enrico Musso Università di Genova Il Car Sharing per l utente: l interesse, immagine, gradimento Roma, 7 aprile 2009 Auditorium dell Ara Pacis 1. Caratteristiche

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

4. PROGETTO DI MASSIMA Intervento singolo 1.2.c Istituzione ZTL e centralizzazione semaforica

4. PROGETTO DI MASSIMA Intervento singolo 1.2.c Istituzione ZTL e centralizzazione semaforica IL PROGRAMMA INTEGRATO TERRITORIALE PROGRAMMA OPERATIVO 2007 2013 ASSE 3 SVILUPPO URBANO Progetto Integrato: Centro città 4. PROGETTO DI MASSIMA Intervento singolo 1.2.c Istituzione ZTL e centralizzazione

Dettagli

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI MOBILITA CICLISTICA A MILANO MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI BICICLETTA elaborato: presentazione codifica: 120100013_00 data: 17/05/2012 redatto: Veronica Gaiani verificato:

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive MOBILITY MANAGEMENT Piacenza, 7 luglio 2008 Decreto Ronchi Decreto Ronchi del 27 marzo 1998 sulla "Mobilità sostenibile nelle aree urbane" Tutte le Aziende e gli Enti Pubblici con più di 300 dipendenti

Dettagli

La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti.

La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti. La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti. Gabriella Messina Servizio Mobilità sostenibile Roma, 14 maggio 2015 Consumi del settore

Dettagli

Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità

Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità PTA Azione 6 Sistema di precisione open source per il rilevamento flussi di mobilità Luca Grimaldi Ente Regionale per i Servizi all Agricoltura e alle Foreste Struttura azioni integrate montagna e ricerca

Dettagli

Misure di Logistica Urbana

Misure di Logistica Urbana Corso di LOGISTICA TERRITORIALE http://didattica.uniroma2.it marzo 2013 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Misure di Logistica Urbana Misure di logistica urbana Strategie Riduzione del numero di veicoli

Dettagli

Sistema di video conteggio automatico per la rilevazione dei flussi di persone e veicoli. un sistema by 1. 2. 3. Veicoli. Visitatori.

Sistema di video conteggio automatico per la rilevazione dei flussi di persone e veicoli. un sistema by 1. 2. 3. Veicoli. Visitatori. Sistema di video conteggio automatico per la rilevazione dei flussi di persone e veicoli un sistema by 1. 2. 3. Veicoli Visitatori Passeggeri AViCS Artificial Vision Counting System Il sistema di conteggio

Dettagli

ADF006-0814-EP rev. 1. Analisi dei dati di sosta per la Città di Faenza Periodo 22/07/2013 21/07/2014 (primo rendiconto annuale)

ADF006-0814-EP rev. 1. Analisi dei dati di sosta per la Città di Faenza Periodo 22/07/2013 21/07/2014 (primo rendiconto annuale) ADF006-0814-EP rev. 1 Analisi dei dati di sosta per la Città di Faenza Periodo 22/07/2013 21/07/2014 (primo rendiconto annuale) Riepilogo delle attività e degli elementi di contratto Dicembre 2012: il

Dettagli

ALLEGATO 9 RAPPORTO ANNUALE SUI SERVIZI - MODALITA PER LA REALIZZAZIONE DEL MONITORAGGIO

ALLEGATO 9 RAPPORTO ANNUALE SUI SERVIZI - MODALITA PER LA REALIZZAZIONE DEL MONITORAGGIO ALLEGATO 9 RAPPORTO ANNUALE SUI SERVIZI - MODALITA PER LA REALIZZAZIONE DEL MONITORAGGIO Il presente allegato individua i contenuti che dovrà avere il Rapporto sui servizi, articolato in 2 parti principali:

Dettagli

Progetto Pilota ALOT Energy in motion. Autore: ALOT scarl

Progetto Pilota ALOT Energy in motion. Autore: ALOT scarl Progetto Pilota ALOT Energy in motion Autore: ALOT scarl 1 E-moving A2A 38 9 Private & public companies (24..) Project creator and coordinator 47 EVs for more than 9 months test each 220 Charging Points:

Dettagli

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE Dare continuità al processo di Agenda 21 locale CRITICITA' C1: attraversamento del centro storico incoraggiato per mancanza della chiusura dell anello di tangenziale - C2: mancanza di spazi - C3: impedimenti

Dettagli

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA»

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» «VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» SISTEMI DI INFORMAZIONE I sistemi di informazione sono apparati costituiti da strumentazione connessa

Dettagli

Un nuovo futuro per Desio

Un nuovo futuro per Desio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA del PGT e del PGTU del Comune di Desio Mobilità sostenibile: ciclabilità paolo.pileri@polimi.it luca.tomolo@gmail.com Paolo Pileri Diana Giudici Luca Tomasini dianagiudici@gmail.com

Dettagli

Lo sviluppo delle centrali della mobilità in Italia: esperienze di riferimento ed aree di eccellenza

Lo sviluppo delle centrali della mobilità in Italia: esperienze di riferimento ed aree di eccellenza Workshop - Tecnologie e sistemi a servizio della mobilità sostenibile nella città Lo sviluppo delle centrali della mobilità in Italia: esperienze di riferimento ed aree di eccellenza L ESPERIENZA DI UN

Dettagli