PROFILI E SETTORI PROFESSIONALI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROFILI E SETTORI PROFESSIONALI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO"

Transcript

1 L I G U R I A L I G U R I A Tigullio Golfo Paradiso PROFILI E SETTORI PROFESSIONALI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

2 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO I tre termini, "amministrazione, finanza e controllo" si riferiscono ad una serie di attività collegate all'andamento economico di un'azienda. In generale definiremo: Amministrazione: si occupa della registrazione dei fatti inerenti la gestione di un'organizzazione, dal punto di vista del patrimonio, del reddito e degli investimenti Finanza: si occupa del reperimento e dell'impiego ottimale delle risorse finanziarie Controllo della gestione: si occupa di misurare e valutare l'efficienza nell'impiego delle risorse e l'efficacia gestionale, verificando la realizzazione Amministrazione È un'area trasversale a tutti i settori produttivi, ed è certamente una delle più importanti, dato che riguarda la registrazione e la gestione delle risorse economiche, attività che interessa qualunque organizzazione. Non a caso il vertice stesso delle aziende, siano esse grandi multinazionali o piccole società cooperative, è identificato con una figura di responsabile "legale", l'amministratore delegato, che di fatto raccoglie in sé le più importanti funzioni decisionali. Un'impresa è una realtà complessa e difficile da governare bene. Le esigenze di razionalizzazione, di efficienza, di efficacia, di controllo dei costi, passano necessariamente attraverso la comprensione di come funzionano esattamente le cose all'interno dell'azienda e all'esterno,in modo da essere sicuri di poter restare sul mercato e, ancor meglio, di crescere e svilupparsi. In questo nuovo contesto, ha cambiato di senso il termine stesso di ragioniere, inteso come quella figura professionale, ben nota e descrivibile fino a poco tempo fa, come addetta alla prima nota, al flusso di cassa, alla compilazione del bilancio e alla emissione-ricezione di fatture: è nata per così dire una dimensione scientifica della ragioneria, dovuta alla necessità di innovare tutto il sistema aziendale, pena l'esclusione dal mercato del lavoro. L'Aicpa (American Instituteof Chertered Public Accountants) definisce la ragioneria come un sistema informativo legato alla responsabilità del rendere conto, che ha l'obiettivo di fornire elementi di decisione ai responsabili dell'organizzazione. La definizione tende a cogliere aspetti diversi e complementari della ragioneria: in termini esecutivi (un'arte del rilevare), come produzione di una struttura dei dati (un sistema informativo), e in termini operativi (strumento per la decisione). Per tutti questi usi si concorda generalmente che i termini contabilità e ragioneria possono essere considerati sinonimi ed usati alternativamente. Nessuna delle suddette definizioni, però, coglie il contenuto metodologico della ragioneria, quello che ci aiuta a identificarla come scienza implicata nella corretta gestione delle informazioni. La gestione dei dati è una materia delicata, necessaria a qualsiasi livello di organizzazione e in aziende di ogni dimensione.ne deriva che i modelli contabili sono stati studiati a lungo e, nei primi tempi dell'informatica distribuita, uno dei principali "pacchetti dedicati", venduti dalle aziende di sviluppo di software alle imprese, fu proprio quello di contabilità e gestione ordini, fatturazione ecc, rendendo in breve tempo questa funzione una delle prime ad essere informatizzate e adattate sia alle micro che alle macro realtà. A tutt'oggi esiste infatti una notevole somiglianza tra i modelli di contabilità aziendale e quelli di contabilità nazionale. Il fatto non deve stupire, visto che entrambi riflettono le medesime esigenze: classificare e misurare9. Queste funzioni di classificazione, registrazione, misurazione, rimangono il principale compito dell'amministrazione, seppure ormai vengono svolte attraverso sistemi e tecnologie molto diversi dal passato, e con un'ottica di maggiore coinvolgimento nelle decisioni. Va detto peraltro che questa responsabilità, pur se fortemente coadiuvata dall'informatica nei suoi aspetti operativi, rimane una delle più delicate e importanti funzioni per la corretta gestione di un'impresa, perché ha a che fare con adempimenti legali molto complessi. Finanza di impresa Il secondo comparto dell'area professionale in esame è la finanza. È bene fare subito la distinzione tra il settore finanziario e la finanza di impresa. Il settore finanziario è uno dei tanti settori produttivi, nel quale convergono le banche, le assicurazioni, le Sim (società di intermediazione finanziaria), le Sirg (società di gestione del risparmio), ecc., che si occupano di portafogli di risparmio, fondi di investimento, titoli e azioni, compravendita di valute e così via. È il mondo delle borse, nazionali, europee e internazionali, e dell'andamento delle società "quotate in borsa", come appunto si dice. In questa sede non verrà analizzato lo specifico settore, in quanto già oggetto di un precedente studio di Area, quella dei "Servizi finanziari e assicurativi". La finanza aziendale riguarda trasversalmente tutta l'organizzazione, ed ha un unico grande obiettivo: massimizzare il valore dell'impresa. Ogni decisione che un'impresa prende ha delle implicazioni finanziarie, e ogni decisione che coinvolge la dimensione finanziaria di un'impresa è una decisione di finanza aziendale. In altri termini, tutte le attività svolte da un'impresa rientrano nell'ambito della finanza aziendale. Il termine anglosassone ampiamente usato, corporate finance, potrebbe far credere che questa disciplina riguardi solo le grandi aziende quotate in Borsa (corporation), e non le imprese di minori dimensioni e quelle non quotate.

3 In realtà, i dispositivi caratteristici della finanza di impresa riguardano sia le grandi aziende che le piccole società a conduzione familiare. Tutte le organizzazioni, infatti, devono affrontare il problema di determinare la "giusta" composizione delle fonti di finanziamento, procurarsi i fondi nel modo più coerente con la tipologia e le dimensioni dell'azienda, ed investire con oculatezza le proprie risorse. Innanzitutto, un'azienda di qualunque dimensione nasce sulla base di un capitale iniziale, che è composto dalle risorse umane che ne fanno parte, dal denaro, da beni mobili e immobili, da macchinari, strumentazioni, brevetti e così via. Ogni decisione relativa ai movimenti, in uscita o in entrata, di uno o più "tipi" di capitale comporta conseguenze che vanno attentamente studiate. È evidente che assumere o licenziare personale, acquistare o vendere terreni, stabilimenti, uffici, attrezzature, mettere in produzione o ritirare dal mercato un prodotto o un servizio, sono altrettanti rischi che devono essere calcolati, e solo a seguito di queste elaborazioni è possibile prendere decisioni utili per l'impresa. Controllo di gestione Come abbiamo visto, l'amministrazione registra i dati e li organizza, la finanza pianifica e sovrintende ai movimenti di capitale, ma nelle aziende moderne c'è bisogno di monitorare con molta attenzione i risultati raggiunti rispetto agli obiettivi previsti, verificando con costanza e precisione la reale efficienza ed efficacia dei piani di impresa. Ad esempio, sebbene un piano di investimenti possa essere stato concepito con accortezza, in corso d'opera potrebbero essersi verificati eventi non prevedibili all'inizio (aumento dei prezzi di materie prime, concorrenza, diversi rapporti domanda/offerta di quel prodotto-servizio...), tali da sbilanciare l'equilibrio tra il costo di una certa area di attività produttiva e il relativo reddito a fine operazione. Anche se la redazione del bilancio, obbligatoria in Italia per tutte le società con personalità giuridica, consente di analizzare il reddito d'impresa (in base al quale vengono calcolate le imposte), il solo bilancio non è in grado di fornire un quadro soddisfacente del successo (o insuccesso) delle attività aziendali. Il bilancio è una fotografia dell'esistente, mentre il controllo di gestione è una diagnosi a cui deve seguire una cura. Per qualsiasi imprenditore è facile rendersi conto che a nulla vale conoscere il proprio utile se non è in grado di sapere come questo si è generato e come, quindi, sia possibile intervenire in aree mirate per trovare quel percorso produttivo che aiuti l'azienda a migliorare la propria posizione nei confronti dei concorrenti. Questa considerazione vale anche per chi gestisce aziende noprofit, perché non è infrequente il caso che una parte dell'azienda, ad esempio un reparto che progetta interventi per ottenere finanziamenti pubblici, si trasformi in breve tempo in un'area che rappresenta solo un passivo, se per esempio nessun progetto viene approvato. Quindi il controllo di gestione, lungi dall'essere un fatto accademico o teorico, è un'attività decisamente pratica e molto importante ai fini del buon andamento dell'impresa. FIGURE PROFESSIONALI Le principali figure professionali dell'area Amministrazione, finanza e controllo della gestione (Afc) sono: - Esperto budget e rendicontazione Fondi UE È colui che, lavorando quasi sempre come consulente, per aziende sia pubbliche che private, realizza progetti finanziati dai fondi strutturali dell'unione europea e si occupa della rendicontazione del Fondo sociale europeo (Fse). - Addetto alla contabilità È una figura inserita nel reparto amministrazione delle imprese di ogni dimensione e settore produttivo. Si occupa prevalentemente di seguire, dal punto di vista documentale, la registrazione di ogni movimento contabile. - Responsabile della contabilità generale e industriale Diversamente dagli addetti alla contabilità, ricopre funzioni di supervisione e coordinamento delle varie fasi di lavoro e dei prodotti caratteristici dell'amministrazione. - Responsabile paghe e contributi Ha la responsabilità della gestione di tutte le fasi del rapporto di lavoro tra impresa e individuo, a partire dall'inserimento in organico dei nuovi assunti, fino alle operazioni amministrative, per calcolo della retribuzione del lavoratore, contributi, gestione ferie e permessi ecc.. - Fund raiser È colui che trova finanziamenti, donazioni e sponsorizzazioni per le Organizzazioni no-profit di volontariato e per le Fondazioni culturali. - Responsabile contabilità Erp Attraverso il software Erp (Enterprise Resource Planning), è in grado di gestire le risorse aziendali in modo integrato e uniforme e, per la specifica area Afc, di standardizzare le procedure di contabilità, amministrazione, produzione, cicli commerciali, scadenzari, magazzino, cespiti, ritenuta d'acconto, ecc. (si veda in questo testo il paragrafo specifico

4 - Risk manager Tecnico che all'interno di un'azienda effettua con continuità l'analisi dei rischi, si trova fin dall'inizio ad assumere molte decisioni, connesse alle attività specifiche, al fine di ottimizzare il rapporto tra i costi di copertura dei rischi e i benefici sulle attività aziendali. - Credit manager Recupera i crediti nel più breve tempo possibile, cercando di trovare un punto di accordo con il debitore, per chiudere la pratica nel modo più veloce e soddisfacente possibile per entrambe le parti, ricercando preferibilmente soluzioni extragiudiziali. - Analista Sap (System, Applications and Products in data processing) È una figura professionale che, utilizzando i sistemi software Sap (System, Applications and Products in Data Processing), gestisce moduli di contabilità, logistica e di produzione aziendale. - Responsabile del bilancio Si occupa in qualunque organizzazione di predisporre e presentare il documento ufficiale sull'andamento economico dell'azienda, sia all'interno dell'impresa, sia agli organi esterni preposti al controllo. Controller o responsabile del controllo di gestione Si inserisce nell'area amministrativa di imprese di qualsiasi dimensione, operando essenzialmente nei processi di contabilità analitica, che consente interpretazioni e valutazioni sull'attività aziendale e di reporting di gestione, relazioni, documenti, rapporti periodici che esaminano e informano sullo stato e sull'andamento economico- finanziario dell'impresa. I titoli di studio richiesti Non sorprende che per i gruppi professionali di alta qualificazione la laurea sia considerata un requisito necessario: per i "dirigenti e direttori" è richiesta nell'84,3% dei casi, mentre per il gruppo delle "professioni intellettuali, scientifiche e di elevata specializzazione" la percentuale è del 63,6%. Altrettanto prevedibile è la necessità del diploma di scuola secondaria: sia per il gruppo delle "professioni tecniche" che per quello delle "professioni esecutive relative all'amministrazione e gestione" si richiede nel 75% dei casi. Se per i grandi gruppi professionali più qualificati la richiesta della laurea è naturalmente elevata, va detto che questo titolo di studio viene considerato necessario anche per alcune posizioni di livello intermedio e, a volte, di livello esecutivo. Nelle grandi imprese (oltre 250 dipendenti) si concentra il 53% delle entrate riferite ai titoli universitari, ossia il profilo di ingresso è tanto più alto quanto più grande è la dimensione aziendale. D'altra parte i dati Istat sulla correlazione tra occupazione e livello di istruzione non lasciano dubbi. Che il possesso di una laurea aumenti sensibilmente le possibilità di occupazione, è stato ribadito più volte anche a livello europeo, come emerge dalle conclusioni del Consiglio europeo straordinario di Lisbona 2000, "Una società basata sulla conoscenza", "il rapporto inversamente proporzionale fra livello di studio e tasso di disoccupazione tende a crescere, per cui è necessario che l'europa aumenti il livello d'istruzione cui i cittadini arrivano al momento di lasciare gli studi".è quindi opportuno investire nel percorso di istruzione, possibilmente fino al livello universitario se non oltre: sembra chiaro infatti che l'investimento nella specializzazione "rende" bene, visto che il tasso di inserimento, ad esempio, tra gli allievi dei "Master in controllo di gestione e finanza aziendale" del 2001 è stata del 90% di occupati, dopo soli tre mesi. In realtà la grande diffusione dei master, sia pubblici che privati, dimostra che la necessità di preparazione specifica aumenta continuamente. Vale la pena di informarsi quindi presso le università, sia per i nuovi programmi delle Facoltà di economia, ormai decisamente adeguati ai tempi, sia per le lauree brevi, che stanno riscuotendo un ottimo gradimento tra le aziende. Inoltre le Università pubbliche stanno organizzando alcuni ottimi percorsi gratuiti di specializzazione post-laurea in alternativa ai costosissimi master privati. L'esperienza L'esperienza diretta sul campo non va sottovalutata: a volte neanche i più brillanti "specializzati" post-laurea riescono a risultare appetibili per i direttori del personale, se non hanno mai lavorato prima. Nella quasi totalità dei casi viene richiesta una pregressa esperienza nel settore, anche per il primo inserimento in ruoli esecutivi. Sebbene questa sia una storica e paradossale contraddizione delle ricerche di personale al primo impiego, ossia che chi inizia a lavorare dovrebbe avere - inspiegabilmente - già lavorato, persiste la richiesta dei datori di lavoro di non doversi occupare di formare i nuovi assunti, essendo dispendioso e complesso il processo di formazione interna. Va detto peraltro che la responsabilità della prima nota, della tenuta dei registri contabili, della fatturazione, dell'adempienza agli oneri contributivi, fiscali, di bilancio, ecc., presuppone una grande affidabilità e notevoli doti di precisione, necessarie fin dai primi giorni di lavoro. Salendo poi verso le posizioni direttive si richiede un minimo di trecinque anni di esperienza in funzioni analoghe a quelle della posizione offerta e, nelle ricerche dei cosiddetti Ceo (Chief Executive Officer), ossia i capi di alto livello, il presupposto è che siano nel settore da almeno dieci anni o più. Senza dubbio alcune abilità si acquisiscono solo sul campo e le aziende tendono a preferire personale che abbia già queste caratteristiche.

5 L'inglese Il fenomeno dell'inglesizzazione del linguaggio professionale appare del tutto irreversibile. Nonostante le lamentele dei cultori della nostra lingua, centinaia di termini essenziali nel mondo del lavoro sono anglosassoni e risultano a volte intraducibili oppure non è conveniente usare il corrispondente in italiano. L'inglese è necessario per poter lavorare e per migliorare le proprie competenze, tuttavia, stando ai dati ufficiali, noi italiani non siamo ancora nella zona di eccellenza, come alcuni paesi, come Germania, Danimarca, Olanda, la cui popolazione può essere considerata quasi bilingue. "Secondo il Ministero della pubblica istruzione sette giovani italiani su dieci parlano oggi una o più lingue straniere, mentre tra i venticinque e i cinquanta anni la percentuale scenderebbe al 50%. In pratica, il 90% degli studenti avrebbe oggi una buona conoscenza di almeno una lingua straniera contro il 73% degli imprenditori e il 72% dei funzionari. Dalla comparazione con gli altri paesi europei, perlomeno per quanto riguarda la padronanza delle lingue nel mondo della scuola, nel primo Rapporto sulla qualità dell'istruzione in Europa (Commissione europea, 2000) l'italia risulta però molto al di sotto della media" L'uso della lingua inglese è ormai invasivo: molte nuove figure professionali hanno avuto una denominazione anglosassone fin dalla loro origine, tanto che non viene nemmeno tentata la traduzione in italiano. Inoltre i ruoli tradizionali stanno cambiando titolo sempre più spesso e, nelle ricerche di personale, così come negli organigrammi, occorre conoscere l'inglese anche solo per capire di quali funzioni si tratti. Esiste poi un fenomeno crescente: una percentuale non irrilevante delle richieste di personale in Italia viene pubblicata sui giornali e in Internet direttamente in inglese, per sottolineare che la seconda lingua rappresenta un requisito talmente scontato che non vale neanche la pena di analizzare il profilo in italiano. Va considerato infine che ormai i siti web delle grandi aziende italiane (ma anche di piccole e medie imprese, così come delle società di consulenza dell'area Afc), sono pubblicati anche nella versione anglosassone, se non addirittura soltanto in inglese. Da quanto riportato emerge, in sostanza, che alcune capacità, fino a poco tempo fa ritenute appannaggio di figure professionali specialistiche e di livello internazionale, devono essere considerate allo stato attuale come requisiti di base anche per tutte le figure professionali dell'area Afc. tratti essenziali richiesti a tutti gli addetti all'area: - la partecipazione responsabile alle sorti dell'azienda tende ad essere maggiormente distribuita tra tutti i lavoratori (Erp, Sap, cooperazione, soci, possesso di azioni, ecc.); - la gerarchia decisionale tende a diventare orizzontale, con gruppi di lavoro che condividono collettivamente (ma anche singolarmente) la responsabilità dei risultati; - le tecnologie di rete (intranet e extranet) mettono in grado ogni membro dell'organizzazione di dialogare con i colleghi, con i superiori, con l'esterno e quindi di conoscere processi e risultati a cui precedentemente era molto difficile accedere: questa novità rende più sfumata la linea di demarcazione tra una funzione e l'altra, segnando in qualche modo la fine del vecchio modo di dire: non è di mia competenza, che a volte veniva usato per reale mancanza di informazioni; - la produzione di qualunque bene o servizio tende alla decentralizzazione per la riduzione dei costi e tutti gli adempimenti dell'area Afc diventano correlati all'invio-ricezione telematica di dati dalle sedi decentrate (a volte dislocate in varie parti del mondo); - alcune fasi della produzione, o alcuni servizi trasversali, tendono ad essere affidati ad aziende specialistiche esterne (outsourcing), scelta che comporta una revisione complessiva delle procedure di contabilità generale, industriale, ecc.;

6 i contratti di lavoro si stanno modificando in modo profondo: formazione e lavoro, collaborazione coordinata e continuativa (i cosiddetti co.co.co.), alternanza scuola-lavoro, part time, assunzioni a tempo determinato, lavoro interinale, il "manager in affitto", il telelavoro, i contratti di consulenza e così via. In sostanza è possibile affermare che esistono numerose alternative al tipico posto fisso e che i datori di lavoro le utilizzano in maniera diffusa. Questo fenomeno induce ogni lavoratore a diventare sempre più un imprenditore di se stesso (con tutto ciò che comporta in termini di instabilità economico/ professionale) e sempre meno un impiegato al servizio di un'azienda. Traendo qualche considerazione da queste poche variabili è già possibile comprendere come tutte le figure professionali coinvolte nell'area Afc siano chiamate ad adottare sistemi di apprendimento continuo, dato che devono essere sempre più in grado di: utilizzare gli strumenti informatici e telematici che ormai fanno parte della dotazione strumentale di tutte le imprese, anche delle micro-aziende; se poi la dimensione aziendale cresce, di pari passo aumenta la complessità delle architetture dei sistemi informativi e dei software da dover conoscere (si veda il paragrafo sui moduli Sap); - comprendere i processi decisionali e contribuire, in ragione della specifica funzione, al buon andamento dell'intera organizzazione, in modo attivo e responsabile (Erp, Crm, Knowlwdge Management); considerare la disponibilità al cambiamento e la "precarizzazione" del posto di lavoro come una costante (spesso di non facile sostenibilità soprattutto in termini di diritti) strettamente legata alle possibilità di carriera; - utilizzare correntemente la lingua inglese, per inviare e ricevere informazioni non solo nelle propria lingua; con i colleghi di altre sedi decentrate, con i fornitori, per l'emissione e la registrazione di documenti fiscali, di fatturazione, acquisto, ecc. Il panorama delle possibilità occupazionali nel settore Afc appare dunque direttamente collegato alle capacità dei giovani e meno giovani di trasformare rapidamente le proprie conoscenze e di acquisire una mentalità disponibile a cambiamenti continui. Tutto questo può risultare alquanto singolare in un settore che, fino a non molto tempo fa, veniva considerato come il reparto più "stabile" delle imprese, dove i responsabili e gli addetti all'amministrazione erano "la memoria storica dell'azienda", vista la loro lunga permanenza in organico; venivano dipinti come personaggi di mentalità poco elastica, rigidi controllori dei cordoni della borsa, sempre in contrasto con i "creativi" del settore marketing, vendita, ricerca, con i quali sostenevano perenni discussioni sui progetti da realizzare e gli investimenti possibili. La tendenza attuale, al contrario, dimostra la necessità di professionisti di grande apertura mentale, con capacità tecniche e culturali superiori, chiamati a proporre ed attuare soluzioni innovative, in grado non solo di mantenere l'azienda sul mercato, ma anche di migliorarne costantemente la performance. Inoltre, gli addetti all'area Afc sono chiamati a lavorare sempre più in stretta collaborazione con le altre aree aziendali, devono essere disponibili ad apprendere dalle nuove tecnologie, alle nuove normative. - conoscere i principi economici e giuridici nazionali, europei ed internazionali, che regolano la gestione aziendale nei diversi territori, ed essere in grado di tenersi costantemente aggiornati sulle nuove norme;

ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE

ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE Aggiornato il 6 marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE

Dettagli

IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE G L O S S A R I O JOB PROFILE IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE tratto da www.isfol.it/orientaonline IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE DEFINIZIONE Il Tecnico dell Amministrazione

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO IIS Algarotti Venezia Anno Scolastico 2014/2015 Risultati di Apprendimento Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza Strumenti di lavoro

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie?... 6 Conoscenze... 9

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE...

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE... GIURISTA D IMPRESA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Che cosa deve essere in grado di fare... 7 Conoscenze... 8 Abilità...

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale il corso di studi mira a formare diplomati in grado di ricoprire figure professionali polivalenti in cui si possano coniugare in modo equilibrato una

Dettagli

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro Pochi, molto qualificati e con performance occupazionali brillanti: l Indagine AlmaLaurea del 2015 fotografa

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA. PIU' COMPETENTI PIU' COMPETITIVE La formazione continua per le aziende venete

SCHEDA INFORMATIVA. PIU' COMPETENTI PIU' COMPETITIVE La formazione continua per le aziende venete SCHEDA INFORMATIVA PIU' COMPETENTI PIU' COMPETITIVE La formazione continua per le aziende venete Titolo Oggetto Codice bando Rif. legislativo Rif. pubblicazione Ente emittente Ente gestore Tematica 1:

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

Economia aziendale 2 biennio RIM

Economia aziendale 2 biennio RIM Economia aziendale 2 biennio RIM CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA classe terza RIM MODULO DISCPLINARE CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE (come da LINEE GUIDA) METODI di VERIFICA MEZZI

Dettagli

Consulente contabile amministrativo

Consulente contabile amministrativo [ Consulente contabile amministrativo 06/ 2 0 1 5 Rassegna Stampa 2014 Specializzati e Lavora Subito Home» Finanza Personale» Come gestire le fatture Come gestire le fatture Gestire la contabilità aziendale

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo di uscita Il Perito in Amministrazione, finanza e marketing ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico aziendali nazionali

Dettagli

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Facoltà ECONOMIA (Sede di Rimini) Corso ECONOMIA DELL IMPRESA Classe L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione

Dettagli

CAPITOLO 2. L Istituto Tecnico ad indirizzo Economico Giovanni Calò

CAPITOLO 2. L Istituto Tecnico ad indirizzo Economico Giovanni Calò CAPITOLO 2 L Istituto Tecnico ad indirizzo Economico Giovanni Calò Indirizzo : Amministrazione, Finanza e Marketing Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali Indirizzo: Relazioni Internazionali Indirizzo:

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing Regione di Presentazione: ID Corso: Organismo di formazione: Tipo organismo: Data invio telematico:

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE Materia: ECONOMIA AZIENDALE Docenti: BOMBEN MATILDE - BRAVIN DANI Classe: 3^ A - C RIM Libro di testo:

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

CORSO GRATUITO CONTABILITA ORDINARIA E DEL PERSONALE SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA

CORSO GRATUITO CONTABILITA ORDINARIA E DEL PERSONALE SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA CORSO GRATUITO SEDI E CONTATTI CONTABILITA ORDINARIA ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA Frequenza infrasettimanale Corso gratuito Corpo docente formato da professionisti provenienti

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Dipartimento Economia e Impresa

Dipartimento Economia e Impresa Dipartimento Economia e Impresa 1 Dipartimento Economia e Impresa Il Dipartimento Economia e Impresa dell Università di Catania articola la propria offerta formativa in corsi di laurea, corsi di laurea

Dettagli

ANTONIO TALONE. a.talone@provincia.roma.it

ANTONIO TALONE. a.talone@provincia.roma.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ANTONIO TALONE Telefono 0667667159 Fax 0667667157 E-mail a.talone@provincia.roma.it Nazionalità ITALIANA Data di nascita 08/01/1967 ESPERIENZA LAVORATIVA Nome

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015

Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015 Pisa, 18/12/2015 Indagine a cura del Responsabile Analisi Fabbisogni formativi (Dott.ssa Fabrizia Turchi) Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015 Oggetto dell indagine - Situazione neolaureati

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI TURISTICI Processo Servizi di ricettività Sequenza di processo Gestione e coordinamento dei

Dettagli

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri AREA FUNZIONALE PRIMA ( ex A1 e A1S ) Appartengono a questa Area funzionale i lavoratori che svolgono attività ausiliarie, ovvero lavoratori che svolgono

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: DURATA: 7 MESI 4/5 lezioni a settimana turni serali o mattutini

PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: DURATA: 7 MESI 4/5 lezioni a settimana turni serali o mattutini PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: TECNICO DELLA GESTIONE DELLA CONTABILITA E FORMULAZIONE DEL BILANCIO AGENZIA FORMATIVA: New Training School S.r.l. Sede: via Peretti 1, scala

Dettagli

STATISTICA e STATISTICO

STATISTICA e STATISTICO STATISTICA e STATISTICO Aggiornato il 17 dicembre 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Che cosa deve essere in grado di

Dettagli

STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA

STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA Page Personnel, agenzia per il lavoro, è specializzata nella selezione di personale qualificato da inserire sia con la somministrazione di lavoro temporaneo sia mediante assunzioni

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

Corso di Formazione > Amministrazione e Contabilità

Corso di Formazione > Amministrazione e Contabilità Da oltre 30 anni, al vostro fianco per formarvi, supportarvi, aiutarvi a crescere. K Venture Corporate Finance opera nel campo della consulenza di direzione aziendale e supporta le imprese nelle attività

Dettagli

MAESTRI del LAVORO www.mdl-parma.it. Stella al Merito Legge n. 143 del 05/02/1992

MAESTRI del LAVORO www.mdl-parma.it. Stella al Merito Legge n. 143 del 05/02/1992 MAESTRI del LAVORO www.mdl-parma.it Stella al Merito Legge n. 143 del 05/02/1992 Gruppo Scuola-Lavoro del Consolato dei MdL della provincia di Parma DALLA SCUOLA AL LAVORO Versione: 05 Aggiornata il: Feb

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione INDUSTRIA 1 ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 1 Il corso di Economia ed Organizzazione

Dettagli

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali.

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT È stata sviluppata più di 50 anni fa come supporto

Dettagli

Profilo aziendale. Giugno 2008 - Pubblica

Profilo aziendale. Giugno 2008 - Pubblica Profilo aziendale Chi siamo Siamo un gruppo di professionisti esperti di gestione aziendale, che si propone come valido supporto ad imprenditori, dirigenti e manager nel ricercare, sviluppare ed applicare

Dettagli

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa Università degli Studi di Padova Servizio Stage e Mondo del Lavoro Occupazione e professionalità nelle imprese venete di consulenza amministrativa, fiscale, legale e notarile Progetto FSE Ob. 3 Mis. C1

Dettagli

Scritto da Marco Picasso Martedì 06 Settembre 2011 16:31 - Ultimo aggiornamento Martedì 06 Settembre 2011 16:37

Scritto da Marco Picasso Martedì 06 Settembre 2011 16:31 - Ultimo aggiornamento Martedì 06 Settembre 2011 16:37 Una speranza per i giovani, alle prese con disoccupazione e precariato, può venire dagli ITS, Istituti Tecnici Superiori destinati a formare tecnici specializzati in settori nei quali è ora faticoso reperirli.

Dettagli

Analisi Fabbisogni Formativi Aziende ed Utenti

Analisi Fabbisogni Formativi Aziende ed Utenti MASTER FORMAZIONE S.r.l. Sede legale : Via Panaro, 16 0015 MONTEROTONDO (RM) Sede Direzione : Via Petrarca, 5 57023 CECINA (LI) Tel. 0586 632282 - Fax 0586 681865 Cecina, 6 Maggio 2010 Analisi Fabbisogni

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

APPRENDIMENTO DI UN PROGRAMMA GESTIONALE DI CONTABILITA. Introduzione al corso. Il sistema informativo aziendale. Rimini, 2 marzo 2007

APPRENDIMENTO DI UN PROGRAMMA GESTIONALE DI CONTABILITA. Introduzione al corso. Il sistema informativo aziendale. Rimini, 2 marzo 2007 APPRENDIMENTO DI UN PROGRAMMA GESTIONALE DI CONTABILITA Introduzione al corso Il sistema informativo aziendale Rimini, 2 marzo 2007 Alessandro Spada Alessandro Capodaglio Presentazione del corso Preiscrizione

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Errata corrige: Si riporta, che per mero errore materiare, dove era scritto Responsabile Ufficio Relazioni con il pubblico Cat. D leggasi Responsabile Ufficio Relazioni con il pubblico Cat. D/C Nota del

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MATERIA DIRITTO CLASSE 3 INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: STATO E ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI VALUTARE FATTI E ORIENTARE I PROPRI COMPORTAMENTI IN BASE AD UN SISTEMA

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

La Pianificazione Operativa o Master Budget

La Pianificazione Operativa o Master Budget La Pianificazione Operativa o Master Budget Questo corso è destinato ai vari imprenditori e manager delle piccole e medie imprese, che desiderano conoscere un sistema pratico e semplice per fare il piano

Dettagli

executive master www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti.

executive master www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti. executive master COURSE www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti. EXECUTIVE MASTER COURSE General Management PREMESSA Le figure al timone di un azienda hanno

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI ECONOMIA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI 1. Corsi di laurea L offerta formativa della Facoltà di Economia

Dettagli

Master in ERP. Direttore Scientifico del Master Prof. Luigino Filice Facoltà di Ingegneria Università della Calabria

Master in ERP. Direttore Scientifico del Master Prof. Luigino Filice Facoltà di Ingegneria Università della Calabria Master in ERP 2 Direttore Scientifico del Master Prof. Luigino Filice Facoltà di Ingegneria Università della Calabria Motivazioni La globalizzazione dei mercati e la crescente spinta competitiva delle

Dettagli

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI. Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI. Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA Anno Accademico 2014/2015 1 ANNO 2 ANNO Economia e Finanza (Classe LM16 D.M. 270/2004) Attivato Attivato Il corso di laurea

Dettagli

Di seguito il dettaglio dei moduli in termini di durata e tematiche affrontate (contenuti): Tematiche

Di seguito il dettaglio dei moduli in termini di durata e tematiche affrontate (contenuti): Tematiche MODULI FORMATIVI L'iniziativa coniugherà una formazione per l'acquisizione di competenze teorico - tecniche, finalizzate alla messa in atto di strategie funzionali e all'integrazione di diverse capacit{

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. MEDI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. MEDI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. MEDI SAN GIORGIO A CREMANO SEMINARIO CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Gennaro Maddaluno email: gennaromaddaluno@gmail.com San Giorgio a Cremano, 8 Novembre 2013 Panoramica

Dettagli

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi:

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi: Misura Articolo e paragrafo del Regolamento (CE) n. 1698/2005 Codice Giustificazione Servizi di a favore delle aziende agricole Articolo 16 La crescente complessità tecnica delle diverse fasi dell attività

Dettagli

OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI

OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 2 1 L organo amministrativo o controller L are amministrativa è l area in cui si colloca l organo o ente oggi denominato

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, gestito da un consorzio di Comuni che

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016 OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016 Obiettivi formativi corsi di laurea, raggruppamenti disciplinari, insegnamenti Economia: banche, aziende e mercati Obiettivi formativi corso di laurea I laureati in Economia:

Dettagli

Analisi dei Processi presentazione. Z-LAB info@z-lab.it www.z-lab.it 035 4254174

Analisi dei Processi presentazione. Z-LAB info@z-lab.it www.z-lab.it 035 4254174 presentazione Z-LAB info@z-lab.it www.z-lab.it 035 4254174 Cos è L Questo servizio serve ad analizzare i processi aziendali, i sistemi in uso, le funzionalità presenti e quelle desiderate. Quest attività

Dettagli

NOI, A SCUOLA, ABBIAMO INCONTRATO IL LAVORO! E TU?

NOI, A SCUOLA, ABBIAMO INCONTRATO IL LAVORO! E TU? NOI, A SCUOLA, ABBIAMO INCONTRATO IL LAVORO! E TU? Iscriviti all ITS della Spezia. Il collegamento diretto con il mondo del lavoro! 1 ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L INNOVAZIONE DI PROCESSI E PRODOTTI

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina, nel rispetto di quanto disposto dallo Statuto e dal

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno scolastico Materia Classi 2013 / 14 Economia Aziendale 3^- 4^ Lo studio dell'economia Aziendale per il

Dettagli

CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE

CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Art. 1 Istituzione. Presso la Facoltà di Ingegneria sede di

Dettagli

Sede legale : Via G.Pansera, 17 25068 Sarezzo (BS)

Sede legale : Via G.Pansera, 17 25068 Sarezzo (BS) Gestione Strategica** Progettazione Organizzativa** Marketing & Vendite** Sistemi Informativi** Controllo di Gestione** Finanza Aziendale** Sistemi di QualitàTotale** Formazione** Sede legale : Via G.Pansera,

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile ORDINAMENTO PROFESSIONALE del personale non dirigenziale del Dipartimento per la Giustizia Minorile (SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE) CCNI_MG

Dettagli

CLASSE 17/A - DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 17/A - DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 17/A - DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI Programma d'esame CLASSE 17/A - DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 17/A - DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI Programma

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

Consulenza e soluzioni professionali. per le Aziende

Consulenza e soluzioni professionali. per le Aziende Consulenza e soluzioni professionali per le Aziende Via XX Settembre, 98g 00187 Roma Tel +39 064521071 Fax +39 0645210723 Via Francesco dell Anno, 10 00136 Roma - Tel +39 0639749639 Fax +39 0639749637

Dettagli

Principali Corsi di Formazione programmati per l anno 2013

Principali Corsi di Formazione programmati per l anno 2013 Principali Corsi di Formazione programmati per l anno 2013 13 Accounting & Auditing Corso di Alta Formazione in Contabilità, Bilancio e Revisione Sviluppare le competenze necessarie per gestire il bilancio

Dettagli

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di carattere informatico, per poter rilevare i fatti aziendali e quindi

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DI MASTER INDIRIZZATI AI FUNZIONARI E DIRIGENTI PUBBLICI

LA REALIZZAZIONE DI MASTER INDIRIZZATI AI FUNZIONARI E DIRIGENTI PUBBLICI PROTOCOLLI D INTESA PER LA COLLABORAZIONE VOLTA ALL INCREMENTO DELLA FORMAZIONE E DELL AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E LA REALIZZAZIONE DI MASTER INDIRIZZATI

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO

ADDETTA E ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO Aggiornato il 31 gennaio 2009 ADDETTA E ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi I sistemi operazionali complementari Copyright 2011 Pearson Italia Sistemi di supporto primario all ERP Le aree tradizionalmente coperte dai sistemi ERP

Dettagli

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione?

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? Il riordino del sistema d istruzione e formazione Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? di Paolo Gallana Marzo 2010 Dove nasce il riordino La fonte normativa d origine è

Dettagli

AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING CLASSE TERZA AFM Correlazioni, calcolo e analisi del fabbisogno Fonti di finanziamento nelle diverse forme giuridiche d impresa Teoria e principi di organizzazione

Dettagli

COME AUMENTARE GLI UTILI DELLA PROPRIA ATTIVITA'

COME AUMENTARE GLI UTILI DELLA PROPRIA ATTIVITA' COME AUMENTARE GLI UTILI DELLA PROPRIA ATTIVITA' Vademecum per piccole e medie imprese Pag.1 Indice generale PREFAZIONE...3 1. Come funziona un'impresa...4 2. Da dove viene il profitto?...4 3. Analisi

Dettagli

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 )

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. (Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) Contenuto del decreto Art. 1 Con il presente decreto

Dettagli

A2 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

A2 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE A2 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE AZIENDA : Organizzazione di cose e persone che persegue uno scopo economico. (ditte, famiglie, banche, associazioni) IMPRESA : azienda la cui attività produttiva è destinata

Dettagli

Allegato 1 prospetti di bilancio PURICELLI CONTO ECONOMICO 2006

Allegato 1 prospetti di bilancio PURICELLI CONTO ECONOMICO 2006 PURICELLI S.p.A. Al termine di una lunga discussione con i suoi principali collaboratori, il dr. Rossini -amministratore unico della PURICELLI S.p.A. - aveva deciso di acquistare nuovi macchinari e di

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli