PROFILI E SETTORI PROFESSIONALI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROFILI E SETTORI PROFESSIONALI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO"

Transcript

1 L I G U R I A L I G U R I A Tigullio Golfo Paradiso PROFILI E SETTORI PROFESSIONALI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

2 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO I tre termini, "amministrazione, finanza e controllo" si riferiscono ad una serie di attività collegate all'andamento economico di un'azienda. In generale definiremo: Amministrazione: si occupa della registrazione dei fatti inerenti la gestione di un'organizzazione, dal punto di vista del patrimonio, del reddito e degli investimenti Finanza: si occupa del reperimento e dell'impiego ottimale delle risorse finanziarie Controllo della gestione: si occupa di misurare e valutare l'efficienza nell'impiego delle risorse e l'efficacia gestionale, verificando la realizzazione Amministrazione È un'area trasversale a tutti i settori produttivi, ed è certamente una delle più importanti, dato che riguarda la registrazione e la gestione delle risorse economiche, attività che interessa qualunque organizzazione. Non a caso il vertice stesso delle aziende, siano esse grandi multinazionali o piccole società cooperative, è identificato con una figura di responsabile "legale", l'amministratore delegato, che di fatto raccoglie in sé le più importanti funzioni decisionali. Un'impresa è una realtà complessa e difficile da governare bene. Le esigenze di razionalizzazione, di efficienza, di efficacia, di controllo dei costi, passano necessariamente attraverso la comprensione di come funzionano esattamente le cose all'interno dell'azienda e all'esterno,in modo da essere sicuri di poter restare sul mercato e, ancor meglio, di crescere e svilupparsi. In questo nuovo contesto, ha cambiato di senso il termine stesso di ragioniere, inteso come quella figura professionale, ben nota e descrivibile fino a poco tempo fa, come addetta alla prima nota, al flusso di cassa, alla compilazione del bilancio e alla emissione-ricezione di fatture: è nata per così dire una dimensione scientifica della ragioneria, dovuta alla necessità di innovare tutto il sistema aziendale, pena l'esclusione dal mercato del lavoro. L'Aicpa (American Instituteof Chertered Public Accountants) definisce la ragioneria come un sistema informativo legato alla responsabilità del rendere conto, che ha l'obiettivo di fornire elementi di decisione ai responsabili dell'organizzazione. La definizione tende a cogliere aspetti diversi e complementari della ragioneria: in termini esecutivi (un'arte del rilevare), come produzione di una struttura dei dati (un sistema informativo), e in termini operativi (strumento per la decisione). Per tutti questi usi si concorda generalmente che i termini contabilità e ragioneria possono essere considerati sinonimi ed usati alternativamente. Nessuna delle suddette definizioni, però, coglie il contenuto metodologico della ragioneria, quello che ci aiuta a identificarla come scienza implicata nella corretta gestione delle informazioni. La gestione dei dati è una materia delicata, necessaria a qualsiasi livello di organizzazione e in aziende di ogni dimensione.ne deriva che i modelli contabili sono stati studiati a lungo e, nei primi tempi dell'informatica distribuita, uno dei principali "pacchetti dedicati", venduti dalle aziende di sviluppo di software alle imprese, fu proprio quello di contabilità e gestione ordini, fatturazione ecc, rendendo in breve tempo questa funzione una delle prime ad essere informatizzate e adattate sia alle micro che alle macro realtà. A tutt'oggi esiste infatti una notevole somiglianza tra i modelli di contabilità aziendale e quelli di contabilità nazionale. Il fatto non deve stupire, visto che entrambi riflettono le medesime esigenze: classificare e misurare9. Queste funzioni di classificazione, registrazione, misurazione, rimangono il principale compito dell'amministrazione, seppure ormai vengono svolte attraverso sistemi e tecnologie molto diversi dal passato, e con un'ottica di maggiore coinvolgimento nelle decisioni. Va detto peraltro che questa responsabilità, pur se fortemente coadiuvata dall'informatica nei suoi aspetti operativi, rimane una delle più delicate e importanti funzioni per la corretta gestione di un'impresa, perché ha a che fare con adempimenti legali molto complessi. Finanza di impresa Il secondo comparto dell'area professionale in esame è la finanza. È bene fare subito la distinzione tra il settore finanziario e la finanza di impresa. Il settore finanziario è uno dei tanti settori produttivi, nel quale convergono le banche, le assicurazioni, le Sim (società di intermediazione finanziaria), le Sirg (società di gestione del risparmio), ecc., che si occupano di portafogli di risparmio, fondi di investimento, titoli e azioni, compravendita di valute e così via. È il mondo delle borse, nazionali, europee e internazionali, e dell'andamento delle società "quotate in borsa", come appunto si dice. In questa sede non verrà analizzato lo specifico settore, in quanto già oggetto di un precedente studio di Area, quella dei "Servizi finanziari e assicurativi". La finanza aziendale riguarda trasversalmente tutta l'organizzazione, ed ha un unico grande obiettivo: massimizzare il valore dell'impresa. Ogni decisione che un'impresa prende ha delle implicazioni finanziarie, e ogni decisione che coinvolge la dimensione finanziaria di un'impresa è una decisione di finanza aziendale. In altri termini, tutte le attività svolte da un'impresa rientrano nell'ambito della finanza aziendale. Il termine anglosassone ampiamente usato, corporate finance, potrebbe far credere che questa disciplina riguardi solo le grandi aziende quotate in Borsa (corporation), e non le imprese di minori dimensioni e quelle non quotate.

3 In realtà, i dispositivi caratteristici della finanza di impresa riguardano sia le grandi aziende che le piccole società a conduzione familiare. Tutte le organizzazioni, infatti, devono affrontare il problema di determinare la "giusta" composizione delle fonti di finanziamento, procurarsi i fondi nel modo più coerente con la tipologia e le dimensioni dell'azienda, ed investire con oculatezza le proprie risorse. Innanzitutto, un'azienda di qualunque dimensione nasce sulla base di un capitale iniziale, che è composto dalle risorse umane che ne fanno parte, dal denaro, da beni mobili e immobili, da macchinari, strumentazioni, brevetti e così via. Ogni decisione relativa ai movimenti, in uscita o in entrata, di uno o più "tipi" di capitale comporta conseguenze che vanno attentamente studiate. È evidente che assumere o licenziare personale, acquistare o vendere terreni, stabilimenti, uffici, attrezzature, mettere in produzione o ritirare dal mercato un prodotto o un servizio, sono altrettanti rischi che devono essere calcolati, e solo a seguito di queste elaborazioni è possibile prendere decisioni utili per l'impresa. Controllo di gestione Come abbiamo visto, l'amministrazione registra i dati e li organizza, la finanza pianifica e sovrintende ai movimenti di capitale, ma nelle aziende moderne c'è bisogno di monitorare con molta attenzione i risultati raggiunti rispetto agli obiettivi previsti, verificando con costanza e precisione la reale efficienza ed efficacia dei piani di impresa. Ad esempio, sebbene un piano di investimenti possa essere stato concepito con accortezza, in corso d'opera potrebbero essersi verificati eventi non prevedibili all'inizio (aumento dei prezzi di materie prime, concorrenza, diversi rapporti domanda/offerta di quel prodotto-servizio...), tali da sbilanciare l'equilibrio tra il costo di una certa area di attività produttiva e il relativo reddito a fine operazione. Anche se la redazione del bilancio, obbligatoria in Italia per tutte le società con personalità giuridica, consente di analizzare il reddito d'impresa (in base al quale vengono calcolate le imposte), il solo bilancio non è in grado di fornire un quadro soddisfacente del successo (o insuccesso) delle attività aziendali. Il bilancio è una fotografia dell'esistente, mentre il controllo di gestione è una diagnosi a cui deve seguire una cura. Per qualsiasi imprenditore è facile rendersi conto che a nulla vale conoscere il proprio utile se non è in grado di sapere come questo si è generato e come, quindi, sia possibile intervenire in aree mirate per trovare quel percorso produttivo che aiuti l'azienda a migliorare la propria posizione nei confronti dei concorrenti. Questa considerazione vale anche per chi gestisce aziende noprofit, perché non è infrequente il caso che una parte dell'azienda, ad esempio un reparto che progetta interventi per ottenere finanziamenti pubblici, si trasformi in breve tempo in un'area che rappresenta solo un passivo, se per esempio nessun progetto viene approvato. Quindi il controllo di gestione, lungi dall'essere un fatto accademico o teorico, è un'attività decisamente pratica e molto importante ai fini del buon andamento dell'impresa. FIGURE PROFESSIONALI Le principali figure professionali dell'area Amministrazione, finanza e controllo della gestione (Afc) sono: - Esperto budget e rendicontazione Fondi UE È colui che, lavorando quasi sempre come consulente, per aziende sia pubbliche che private, realizza progetti finanziati dai fondi strutturali dell'unione europea e si occupa della rendicontazione del Fondo sociale europeo (Fse). - Addetto alla contabilità È una figura inserita nel reparto amministrazione delle imprese di ogni dimensione e settore produttivo. Si occupa prevalentemente di seguire, dal punto di vista documentale, la registrazione di ogni movimento contabile. - Responsabile della contabilità generale e industriale Diversamente dagli addetti alla contabilità, ricopre funzioni di supervisione e coordinamento delle varie fasi di lavoro e dei prodotti caratteristici dell'amministrazione. - Responsabile paghe e contributi Ha la responsabilità della gestione di tutte le fasi del rapporto di lavoro tra impresa e individuo, a partire dall'inserimento in organico dei nuovi assunti, fino alle operazioni amministrative, per calcolo della retribuzione del lavoratore, contributi, gestione ferie e permessi ecc.. - Fund raiser È colui che trova finanziamenti, donazioni e sponsorizzazioni per le Organizzazioni no-profit di volontariato e per le Fondazioni culturali. - Responsabile contabilità Erp Attraverso il software Erp (Enterprise Resource Planning), è in grado di gestire le risorse aziendali in modo integrato e uniforme e, per la specifica area Afc, di standardizzare le procedure di contabilità, amministrazione, produzione, cicli commerciali, scadenzari, magazzino, cespiti, ritenuta d'acconto, ecc. (si veda in questo testo il paragrafo specifico

4 - Risk manager Tecnico che all'interno di un'azienda effettua con continuità l'analisi dei rischi, si trova fin dall'inizio ad assumere molte decisioni, connesse alle attività specifiche, al fine di ottimizzare il rapporto tra i costi di copertura dei rischi e i benefici sulle attività aziendali. - Credit manager Recupera i crediti nel più breve tempo possibile, cercando di trovare un punto di accordo con il debitore, per chiudere la pratica nel modo più veloce e soddisfacente possibile per entrambe le parti, ricercando preferibilmente soluzioni extragiudiziali. - Analista Sap (System, Applications and Products in data processing) È una figura professionale che, utilizzando i sistemi software Sap (System, Applications and Products in Data Processing), gestisce moduli di contabilità, logistica e di produzione aziendale. - Responsabile del bilancio Si occupa in qualunque organizzazione di predisporre e presentare il documento ufficiale sull'andamento economico dell'azienda, sia all'interno dell'impresa, sia agli organi esterni preposti al controllo. Controller o responsabile del controllo di gestione Si inserisce nell'area amministrativa di imprese di qualsiasi dimensione, operando essenzialmente nei processi di contabilità analitica, che consente interpretazioni e valutazioni sull'attività aziendale e di reporting di gestione, relazioni, documenti, rapporti periodici che esaminano e informano sullo stato e sull'andamento economico- finanziario dell'impresa. I titoli di studio richiesti Non sorprende che per i gruppi professionali di alta qualificazione la laurea sia considerata un requisito necessario: per i "dirigenti e direttori" è richiesta nell'84,3% dei casi, mentre per il gruppo delle "professioni intellettuali, scientifiche e di elevata specializzazione" la percentuale è del 63,6%. Altrettanto prevedibile è la necessità del diploma di scuola secondaria: sia per il gruppo delle "professioni tecniche" che per quello delle "professioni esecutive relative all'amministrazione e gestione" si richiede nel 75% dei casi. Se per i grandi gruppi professionali più qualificati la richiesta della laurea è naturalmente elevata, va detto che questo titolo di studio viene considerato necessario anche per alcune posizioni di livello intermedio e, a volte, di livello esecutivo. Nelle grandi imprese (oltre 250 dipendenti) si concentra il 53% delle entrate riferite ai titoli universitari, ossia il profilo di ingresso è tanto più alto quanto più grande è la dimensione aziendale. D'altra parte i dati Istat sulla correlazione tra occupazione e livello di istruzione non lasciano dubbi. Che il possesso di una laurea aumenti sensibilmente le possibilità di occupazione, è stato ribadito più volte anche a livello europeo, come emerge dalle conclusioni del Consiglio europeo straordinario di Lisbona 2000, "Una società basata sulla conoscenza", "il rapporto inversamente proporzionale fra livello di studio e tasso di disoccupazione tende a crescere, per cui è necessario che l'europa aumenti il livello d'istruzione cui i cittadini arrivano al momento di lasciare gli studi".è quindi opportuno investire nel percorso di istruzione, possibilmente fino al livello universitario se non oltre: sembra chiaro infatti che l'investimento nella specializzazione "rende" bene, visto che il tasso di inserimento, ad esempio, tra gli allievi dei "Master in controllo di gestione e finanza aziendale" del 2001 è stata del 90% di occupati, dopo soli tre mesi. In realtà la grande diffusione dei master, sia pubblici che privati, dimostra che la necessità di preparazione specifica aumenta continuamente. Vale la pena di informarsi quindi presso le università, sia per i nuovi programmi delle Facoltà di economia, ormai decisamente adeguati ai tempi, sia per le lauree brevi, che stanno riscuotendo un ottimo gradimento tra le aziende. Inoltre le Università pubbliche stanno organizzando alcuni ottimi percorsi gratuiti di specializzazione post-laurea in alternativa ai costosissimi master privati. L'esperienza L'esperienza diretta sul campo non va sottovalutata: a volte neanche i più brillanti "specializzati" post-laurea riescono a risultare appetibili per i direttori del personale, se non hanno mai lavorato prima. Nella quasi totalità dei casi viene richiesta una pregressa esperienza nel settore, anche per il primo inserimento in ruoli esecutivi. Sebbene questa sia una storica e paradossale contraddizione delle ricerche di personale al primo impiego, ossia che chi inizia a lavorare dovrebbe avere - inspiegabilmente - già lavorato, persiste la richiesta dei datori di lavoro di non doversi occupare di formare i nuovi assunti, essendo dispendioso e complesso il processo di formazione interna. Va detto peraltro che la responsabilità della prima nota, della tenuta dei registri contabili, della fatturazione, dell'adempienza agli oneri contributivi, fiscali, di bilancio, ecc., presuppone una grande affidabilità e notevoli doti di precisione, necessarie fin dai primi giorni di lavoro. Salendo poi verso le posizioni direttive si richiede un minimo di trecinque anni di esperienza in funzioni analoghe a quelle della posizione offerta e, nelle ricerche dei cosiddetti Ceo (Chief Executive Officer), ossia i capi di alto livello, il presupposto è che siano nel settore da almeno dieci anni o più. Senza dubbio alcune abilità si acquisiscono solo sul campo e le aziende tendono a preferire personale che abbia già queste caratteristiche.

5 L'inglese Il fenomeno dell'inglesizzazione del linguaggio professionale appare del tutto irreversibile. Nonostante le lamentele dei cultori della nostra lingua, centinaia di termini essenziali nel mondo del lavoro sono anglosassoni e risultano a volte intraducibili oppure non è conveniente usare il corrispondente in italiano. L'inglese è necessario per poter lavorare e per migliorare le proprie competenze, tuttavia, stando ai dati ufficiali, noi italiani non siamo ancora nella zona di eccellenza, come alcuni paesi, come Germania, Danimarca, Olanda, la cui popolazione può essere considerata quasi bilingue. "Secondo il Ministero della pubblica istruzione sette giovani italiani su dieci parlano oggi una o più lingue straniere, mentre tra i venticinque e i cinquanta anni la percentuale scenderebbe al 50%. In pratica, il 90% degli studenti avrebbe oggi una buona conoscenza di almeno una lingua straniera contro il 73% degli imprenditori e il 72% dei funzionari. Dalla comparazione con gli altri paesi europei, perlomeno per quanto riguarda la padronanza delle lingue nel mondo della scuola, nel primo Rapporto sulla qualità dell'istruzione in Europa (Commissione europea, 2000) l'italia risulta però molto al di sotto della media" L'uso della lingua inglese è ormai invasivo: molte nuove figure professionali hanno avuto una denominazione anglosassone fin dalla loro origine, tanto che non viene nemmeno tentata la traduzione in italiano. Inoltre i ruoli tradizionali stanno cambiando titolo sempre più spesso e, nelle ricerche di personale, così come negli organigrammi, occorre conoscere l'inglese anche solo per capire di quali funzioni si tratti. Esiste poi un fenomeno crescente: una percentuale non irrilevante delle richieste di personale in Italia viene pubblicata sui giornali e in Internet direttamente in inglese, per sottolineare che la seconda lingua rappresenta un requisito talmente scontato che non vale neanche la pena di analizzare il profilo in italiano. Va considerato infine che ormai i siti web delle grandi aziende italiane (ma anche di piccole e medie imprese, così come delle società di consulenza dell'area Afc), sono pubblicati anche nella versione anglosassone, se non addirittura soltanto in inglese. Da quanto riportato emerge, in sostanza, che alcune capacità, fino a poco tempo fa ritenute appannaggio di figure professionali specialistiche e di livello internazionale, devono essere considerate allo stato attuale come requisiti di base anche per tutte le figure professionali dell'area Afc. tratti essenziali richiesti a tutti gli addetti all'area: - la partecipazione responsabile alle sorti dell'azienda tende ad essere maggiormente distribuita tra tutti i lavoratori (Erp, Sap, cooperazione, soci, possesso di azioni, ecc.); - la gerarchia decisionale tende a diventare orizzontale, con gruppi di lavoro che condividono collettivamente (ma anche singolarmente) la responsabilità dei risultati; - le tecnologie di rete (intranet e extranet) mettono in grado ogni membro dell'organizzazione di dialogare con i colleghi, con i superiori, con l'esterno e quindi di conoscere processi e risultati a cui precedentemente era molto difficile accedere: questa novità rende più sfumata la linea di demarcazione tra una funzione e l'altra, segnando in qualche modo la fine del vecchio modo di dire: non è di mia competenza, che a volte veniva usato per reale mancanza di informazioni; - la produzione di qualunque bene o servizio tende alla decentralizzazione per la riduzione dei costi e tutti gli adempimenti dell'area Afc diventano correlati all'invio-ricezione telematica di dati dalle sedi decentrate (a volte dislocate in varie parti del mondo); - alcune fasi della produzione, o alcuni servizi trasversali, tendono ad essere affidati ad aziende specialistiche esterne (outsourcing), scelta che comporta una revisione complessiva delle procedure di contabilità generale, industriale, ecc.;

6 i contratti di lavoro si stanno modificando in modo profondo: formazione e lavoro, collaborazione coordinata e continuativa (i cosiddetti co.co.co.), alternanza scuola-lavoro, part time, assunzioni a tempo determinato, lavoro interinale, il "manager in affitto", il telelavoro, i contratti di consulenza e così via. In sostanza è possibile affermare che esistono numerose alternative al tipico posto fisso e che i datori di lavoro le utilizzano in maniera diffusa. Questo fenomeno induce ogni lavoratore a diventare sempre più un imprenditore di se stesso (con tutto ciò che comporta in termini di instabilità economico/ professionale) e sempre meno un impiegato al servizio di un'azienda. Traendo qualche considerazione da queste poche variabili è già possibile comprendere come tutte le figure professionali coinvolte nell'area Afc siano chiamate ad adottare sistemi di apprendimento continuo, dato che devono essere sempre più in grado di: utilizzare gli strumenti informatici e telematici che ormai fanno parte della dotazione strumentale di tutte le imprese, anche delle micro-aziende; se poi la dimensione aziendale cresce, di pari passo aumenta la complessità delle architetture dei sistemi informativi e dei software da dover conoscere (si veda il paragrafo sui moduli Sap); - comprendere i processi decisionali e contribuire, in ragione della specifica funzione, al buon andamento dell'intera organizzazione, in modo attivo e responsabile (Erp, Crm, Knowlwdge Management); considerare la disponibilità al cambiamento e la "precarizzazione" del posto di lavoro come una costante (spesso di non facile sostenibilità soprattutto in termini di diritti) strettamente legata alle possibilità di carriera; - utilizzare correntemente la lingua inglese, per inviare e ricevere informazioni non solo nelle propria lingua; con i colleghi di altre sedi decentrate, con i fornitori, per l'emissione e la registrazione di documenti fiscali, di fatturazione, acquisto, ecc. Il panorama delle possibilità occupazionali nel settore Afc appare dunque direttamente collegato alle capacità dei giovani e meno giovani di trasformare rapidamente le proprie conoscenze e di acquisire una mentalità disponibile a cambiamenti continui. Tutto questo può risultare alquanto singolare in un settore che, fino a non molto tempo fa, veniva considerato come il reparto più "stabile" delle imprese, dove i responsabili e gli addetti all'amministrazione erano "la memoria storica dell'azienda", vista la loro lunga permanenza in organico; venivano dipinti come personaggi di mentalità poco elastica, rigidi controllori dei cordoni della borsa, sempre in contrasto con i "creativi" del settore marketing, vendita, ricerca, con i quali sostenevano perenni discussioni sui progetti da realizzare e gli investimenti possibili. La tendenza attuale, al contrario, dimostra la necessità di professionisti di grande apertura mentale, con capacità tecniche e culturali superiori, chiamati a proporre ed attuare soluzioni innovative, in grado non solo di mantenere l'azienda sul mercato, ma anche di migliorarne costantemente la performance. Inoltre, gli addetti all'area Afc sono chiamati a lavorare sempre più in stretta collaborazione con le altre aree aziendali, devono essere disponibili ad apprendere dalle nuove tecnologie, alle nuove normative. - conoscere i principi economici e giuridici nazionali, europei ed internazionali, che regolano la gestione aziendale nei diversi territori, ed essere in grado di tenersi costantemente aggiornati sulle nuove norme;

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI

LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI Stefano Linares, Linares Associates PLLC - questo testo è inteso esclusivamente

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 15 17.01.2014 La valutazione degli intangibili Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Diversi sono i motivi per i quali un azienda può avere

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f.

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f. AG RO AM BI EN TA LE ANI CA CC ME ELETT ROTEC NICA ELETT RONIC A LE IENDA Z A O MIC ECONO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO UFFICIO SCOLASTICO

Dettagli