PROFILI E SETTORI PROFESSIONALI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROFILI E SETTORI PROFESSIONALI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO"

Transcript

1 L I G U R I A L I G U R I A Tigullio Golfo Paradiso PROFILI E SETTORI PROFESSIONALI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

2 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO I tre termini, "amministrazione, finanza e controllo" si riferiscono ad una serie di attività collegate all'andamento economico di un'azienda. In generale definiremo: Amministrazione: si occupa della registrazione dei fatti inerenti la gestione di un'organizzazione, dal punto di vista del patrimonio, del reddito e degli investimenti Finanza: si occupa del reperimento e dell'impiego ottimale delle risorse finanziarie Controllo della gestione: si occupa di misurare e valutare l'efficienza nell'impiego delle risorse e l'efficacia gestionale, verificando la realizzazione Amministrazione È un'area trasversale a tutti i settori produttivi, ed è certamente una delle più importanti, dato che riguarda la registrazione e la gestione delle risorse economiche, attività che interessa qualunque organizzazione. Non a caso il vertice stesso delle aziende, siano esse grandi multinazionali o piccole società cooperative, è identificato con una figura di responsabile "legale", l'amministratore delegato, che di fatto raccoglie in sé le più importanti funzioni decisionali. Un'impresa è una realtà complessa e difficile da governare bene. Le esigenze di razionalizzazione, di efficienza, di efficacia, di controllo dei costi, passano necessariamente attraverso la comprensione di come funzionano esattamente le cose all'interno dell'azienda e all'esterno,in modo da essere sicuri di poter restare sul mercato e, ancor meglio, di crescere e svilupparsi. In questo nuovo contesto, ha cambiato di senso il termine stesso di ragioniere, inteso come quella figura professionale, ben nota e descrivibile fino a poco tempo fa, come addetta alla prima nota, al flusso di cassa, alla compilazione del bilancio e alla emissione-ricezione di fatture: è nata per così dire una dimensione scientifica della ragioneria, dovuta alla necessità di innovare tutto il sistema aziendale, pena l'esclusione dal mercato del lavoro. L'Aicpa (American Instituteof Chertered Public Accountants) definisce la ragioneria come un sistema informativo legato alla responsabilità del rendere conto, che ha l'obiettivo di fornire elementi di decisione ai responsabili dell'organizzazione. La definizione tende a cogliere aspetti diversi e complementari della ragioneria: in termini esecutivi (un'arte del rilevare), come produzione di una struttura dei dati (un sistema informativo), e in termini operativi (strumento per la decisione). Per tutti questi usi si concorda generalmente che i termini contabilità e ragioneria possono essere considerati sinonimi ed usati alternativamente. Nessuna delle suddette definizioni, però, coglie il contenuto metodologico della ragioneria, quello che ci aiuta a identificarla come scienza implicata nella corretta gestione delle informazioni. La gestione dei dati è una materia delicata, necessaria a qualsiasi livello di organizzazione e in aziende di ogni dimensione.ne deriva che i modelli contabili sono stati studiati a lungo e, nei primi tempi dell'informatica distribuita, uno dei principali "pacchetti dedicati", venduti dalle aziende di sviluppo di software alle imprese, fu proprio quello di contabilità e gestione ordini, fatturazione ecc, rendendo in breve tempo questa funzione una delle prime ad essere informatizzate e adattate sia alle micro che alle macro realtà. A tutt'oggi esiste infatti una notevole somiglianza tra i modelli di contabilità aziendale e quelli di contabilità nazionale. Il fatto non deve stupire, visto che entrambi riflettono le medesime esigenze: classificare e misurare9. Queste funzioni di classificazione, registrazione, misurazione, rimangono il principale compito dell'amministrazione, seppure ormai vengono svolte attraverso sistemi e tecnologie molto diversi dal passato, e con un'ottica di maggiore coinvolgimento nelle decisioni. Va detto peraltro che questa responsabilità, pur se fortemente coadiuvata dall'informatica nei suoi aspetti operativi, rimane una delle più delicate e importanti funzioni per la corretta gestione di un'impresa, perché ha a che fare con adempimenti legali molto complessi. Finanza di impresa Il secondo comparto dell'area professionale in esame è la finanza. È bene fare subito la distinzione tra il settore finanziario e la finanza di impresa. Il settore finanziario è uno dei tanti settori produttivi, nel quale convergono le banche, le assicurazioni, le Sim (società di intermediazione finanziaria), le Sirg (società di gestione del risparmio), ecc., che si occupano di portafogli di risparmio, fondi di investimento, titoli e azioni, compravendita di valute e così via. È il mondo delle borse, nazionali, europee e internazionali, e dell'andamento delle società "quotate in borsa", come appunto si dice. In questa sede non verrà analizzato lo specifico settore, in quanto già oggetto di un precedente studio di Area, quella dei "Servizi finanziari e assicurativi". La finanza aziendale riguarda trasversalmente tutta l'organizzazione, ed ha un unico grande obiettivo: massimizzare il valore dell'impresa. Ogni decisione che un'impresa prende ha delle implicazioni finanziarie, e ogni decisione che coinvolge la dimensione finanziaria di un'impresa è una decisione di finanza aziendale. In altri termini, tutte le attività svolte da un'impresa rientrano nell'ambito della finanza aziendale. Il termine anglosassone ampiamente usato, corporate finance, potrebbe far credere che questa disciplina riguardi solo le grandi aziende quotate in Borsa (corporation), e non le imprese di minori dimensioni e quelle non quotate.

3 In realtà, i dispositivi caratteristici della finanza di impresa riguardano sia le grandi aziende che le piccole società a conduzione familiare. Tutte le organizzazioni, infatti, devono affrontare il problema di determinare la "giusta" composizione delle fonti di finanziamento, procurarsi i fondi nel modo più coerente con la tipologia e le dimensioni dell'azienda, ed investire con oculatezza le proprie risorse. Innanzitutto, un'azienda di qualunque dimensione nasce sulla base di un capitale iniziale, che è composto dalle risorse umane che ne fanno parte, dal denaro, da beni mobili e immobili, da macchinari, strumentazioni, brevetti e così via. Ogni decisione relativa ai movimenti, in uscita o in entrata, di uno o più "tipi" di capitale comporta conseguenze che vanno attentamente studiate. È evidente che assumere o licenziare personale, acquistare o vendere terreni, stabilimenti, uffici, attrezzature, mettere in produzione o ritirare dal mercato un prodotto o un servizio, sono altrettanti rischi che devono essere calcolati, e solo a seguito di queste elaborazioni è possibile prendere decisioni utili per l'impresa. Controllo di gestione Come abbiamo visto, l'amministrazione registra i dati e li organizza, la finanza pianifica e sovrintende ai movimenti di capitale, ma nelle aziende moderne c'è bisogno di monitorare con molta attenzione i risultati raggiunti rispetto agli obiettivi previsti, verificando con costanza e precisione la reale efficienza ed efficacia dei piani di impresa. Ad esempio, sebbene un piano di investimenti possa essere stato concepito con accortezza, in corso d'opera potrebbero essersi verificati eventi non prevedibili all'inizio (aumento dei prezzi di materie prime, concorrenza, diversi rapporti domanda/offerta di quel prodotto-servizio...), tali da sbilanciare l'equilibrio tra il costo di una certa area di attività produttiva e il relativo reddito a fine operazione. Anche se la redazione del bilancio, obbligatoria in Italia per tutte le società con personalità giuridica, consente di analizzare il reddito d'impresa (in base al quale vengono calcolate le imposte), il solo bilancio non è in grado di fornire un quadro soddisfacente del successo (o insuccesso) delle attività aziendali. Il bilancio è una fotografia dell'esistente, mentre il controllo di gestione è una diagnosi a cui deve seguire una cura. Per qualsiasi imprenditore è facile rendersi conto che a nulla vale conoscere il proprio utile se non è in grado di sapere come questo si è generato e come, quindi, sia possibile intervenire in aree mirate per trovare quel percorso produttivo che aiuti l'azienda a migliorare la propria posizione nei confronti dei concorrenti. Questa considerazione vale anche per chi gestisce aziende noprofit, perché non è infrequente il caso che una parte dell'azienda, ad esempio un reparto che progetta interventi per ottenere finanziamenti pubblici, si trasformi in breve tempo in un'area che rappresenta solo un passivo, se per esempio nessun progetto viene approvato. Quindi il controllo di gestione, lungi dall'essere un fatto accademico o teorico, è un'attività decisamente pratica e molto importante ai fini del buon andamento dell'impresa. FIGURE PROFESSIONALI Le principali figure professionali dell'area Amministrazione, finanza e controllo della gestione (Afc) sono: - Esperto budget e rendicontazione Fondi UE È colui che, lavorando quasi sempre come consulente, per aziende sia pubbliche che private, realizza progetti finanziati dai fondi strutturali dell'unione europea e si occupa della rendicontazione del Fondo sociale europeo (Fse). - Addetto alla contabilità È una figura inserita nel reparto amministrazione delle imprese di ogni dimensione e settore produttivo. Si occupa prevalentemente di seguire, dal punto di vista documentale, la registrazione di ogni movimento contabile. - Responsabile della contabilità generale e industriale Diversamente dagli addetti alla contabilità, ricopre funzioni di supervisione e coordinamento delle varie fasi di lavoro e dei prodotti caratteristici dell'amministrazione. - Responsabile paghe e contributi Ha la responsabilità della gestione di tutte le fasi del rapporto di lavoro tra impresa e individuo, a partire dall'inserimento in organico dei nuovi assunti, fino alle operazioni amministrative, per calcolo della retribuzione del lavoratore, contributi, gestione ferie e permessi ecc.. - Fund raiser È colui che trova finanziamenti, donazioni e sponsorizzazioni per le Organizzazioni no-profit di volontariato e per le Fondazioni culturali. - Responsabile contabilità Erp Attraverso il software Erp (Enterprise Resource Planning), è in grado di gestire le risorse aziendali in modo integrato e uniforme e, per la specifica area Afc, di standardizzare le procedure di contabilità, amministrazione, produzione, cicli commerciali, scadenzari, magazzino, cespiti, ritenuta d'acconto, ecc. (si veda in questo testo il paragrafo specifico

4 - Risk manager Tecnico che all'interno di un'azienda effettua con continuità l'analisi dei rischi, si trova fin dall'inizio ad assumere molte decisioni, connesse alle attività specifiche, al fine di ottimizzare il rapporto tra i costi di copertura dei rischi e i benefici sulle attività aziendali. - Credit manager Recupera i crediti nel più breve tempo possibile, cercando di trovare un punto di accordo con il debitore, per chiudere la pratica nel modo più veloce e soddisfacente possibile per entrambe le parti, ricercando preferibilmente soluzioni extragiudiziali. - Analista Sap (System, Applications and Products in data processing) È una figura professionale che, utilizzando i sistemi software Sap (System, Applications and Products in Data Processing), gestisce moduli di contabilità, logistica e di produzione aziendale. - Responsabile del bilancio Si occupa in qualunque organizzazione di predisporre e presentare il documento ufficiale sull'andamento economico dell'azienda, sia all'interno dell'impresa, sia agli organi esterni preposti al controllo. Controller o responsabile del controllo di gestione Si inserisce nell'area amministrativa di imprese di qualsiasi dimensione, operando essenzialmente nei processi di contabilità analitica, che consente interpretazioni e valutazioni sull'attività aziendale e di reporting di gestione, relazioni, documenti, rapporti periodici che esaminano e informano sullo stato e sull'andamento economico- finanziario dell'impresa. I titoli di studio richiesti Non sorprende che per i gruppi professionali di alta qualificazione la laurea sia considerata un requisito necessario: per i "dirigenti e direttori" è richiesta nell'84,3% dei casi, mentre per il gruppo delle "professioni intellettuali, scientifiche e di elevata specializzazione" la percentuale è del 63,6%. Altrettanto prevedibile è la necessità del diploma di scuola secondaria: sia per il gruppo delle "professioni tecniche" che per quello delle "professioni esecutive relative all'amministrazione e gestione" si richiede nel 75% dei casi. Se per i grandi gruppi professionali più qualificati la richiesta della laurea è naturalmente elevata, va detto che questo titolo di studio viene considerato necessario anche per alcune posizioni di livello intermedio e, a volte, di livello esecutivo. Nelle grandi imprese (oltre 250 dipendenti) si concentra il 53% delle entrate riferite ai titoli universitari, ossia il profilo di ingresso è tanto più alto quanto più grande è la dimensione aziendale. D'altra parte i dati Istat sulla correlazione tra occupazione e livello di istruzione non lasciano dubbi. Che il possesso di una laurea aumenti sensibilmente le possibilità di occupazione, è stato ribadito più volte anche a livello europeo, come emerge dalle conclusioni del Consiglio europeo straordinario di Lisbona 2000, "Una società basata sulla conoscenza", "il rapporto inversamente proporzionale fra livello di studio e tasso di disoccupazione tende a crescere, per cui è necessario che l'europa aumenti il livello d'istruzione cui i cittadini arrivano al momento di lasciare gli studi".è quindi opportuno investire nel percorso di istruzione, possibilmente fino al livello universitario se non oltre: sembra chiaro infatti che l'investimento nella specializzazione "rende" bene, visto che il tasso di inserimento, ad esempio, tra gli allievi dei "Master in controllo di gestione e finanza aziendale" del 2001 è stata del 90% di occupati, dopo soli tre mesi. In realtà la grande diffusione dei master, sia pubblici che privati, dimostra che la necessità di preparazione specifica aumenta continuamente. Vale la pena di informarsi quindi presso le università, sia per i nuovi programmi delle Facoltà di economia, ormai decisamente adeguati ai tempi, sia per le lauree brevi, che stanno riscuotendo un ottimo gradimento tra le aziende. Inoltre le Università pubbliche stanno organizzando alcuni ottimi percorsi gratuiti di specializzazione post-laurea in alternativa ai costosissimi master privati. L'esperienza L'esperienza diretta sul campo non va sottovalutata: a volte neanche i più brillanti "specializzati" post-laurea riescono a risultare appetibili per i direttori del personale, se non hanno mai lavorato prima. Nella quasi totalità dei casi viene richiesta una pregressa esperienza nel settore, anche per il primo inserimento in ruoli esecutivi. Sebbene questa sia una storica e paradossale contraddizione delle ricerche di personale al primo impiego, ossia che chi inizia a lavorare dovrebbe avere - inspiegabilmente - già lavorato, persiste la richiesta dei datori di lavoro di non doversi occupare di formare i nuovi assunti, essendo dispendioso e complesso il processo di formazione interna. Va detto peraltro che la responsabilità della prima nota, della tenuta dei registri contabili, della fatturazione, dell'adempienza agli oneri contributivi, fiscali, di bilancio, ecc., presuppone una grande affidabilità e notevoli doti di precisione, necessarie fin dai primi giorni di lavoro. Salendo poi verso le posizioni direttive si richiede un minimo di trecinque anni di esperienza in funzioni analoghe a quelle della posizione offerta e, nelle ricerche dei cosiddetti Ceo (Chief Executive Officer), ossia i capi di alto livello, il presupposto è che siano nel settore da almeno dieci anni o più. Senza dubbio alcune abilità si acquisiscono solo sul campo e le aziende tendono a preferire personale che abbia già queste caratteristiche.

5 L'inglese Il fenomeno dell'inglesizzazione del linguaggio professionale appare del tutto irreversibile. Nonostante le lamentele dei cultori della nostra lingua, centinaia di termini essenziali nel mondo del lavoro sono anglosassoni e risultano a volte intraducibili oppure non è conveniente usare il corrispondente in italiano. L'inglese è necessario per poter lavorare e per migliorare le proprie competenze, tuttavia, stando ai dati ufficiali, noi italiani non siamo ancora nella zona di eccellenza, come alcuni paesi, come Germania, Danimarca, Olanda, la cui popolazione può essere considerata quasi bilingue. "Secondo il Ministero della pubblica istruzione sette giovani italiani su dieci parlano oggi una o più lingue straniere, mentre tra i venticinque e i cinquanta anni la percentuale scenderebbe al 50%. In pratica, il 90% degli studenti avrebbe oggi una buona conoscenza di almeno una lingua straniera contro il 73% degli imprenditori e il 72% dei funzionari. Dalla comparazione con gli altri paesi europei, perlomeno per quanto riguarda la padronanza delle lingue nel mondo della scuola, nel primo Rapporto sulla qualità dell'istruzione in Europa (Commissione europea, 2000) l'italia risulta però molto al di sotto della media" L'uso della lingua inglese è ormai invasivo: molte nuove figure professionali hanno avuto una denominazione anglosassone fin dalla loro origine, tanto che non viene nemmeno tentata la traduzione in italiano. Inoltre i ruoli tradizionali stanno cambiando titolo sempre più spesso e, nelle ricerche di personale, così come negli organigrammi, occorre conoscere l'inglese anche solo per capire di quali funzioni si tratti. Esiste poi un fenomeno crescente: una percentuale non irrilevante delle richieste di personale in Italia viene pubblicata sui giornali e in Internet direttamente in inglese, per sottolineare che la seconda lingua rappresenta un requisito talmente scontato che non vale neanche la pena di analizzare il profilo in italiano. Va considerato infine che ormai i siti web delle grandi aziende italiane (ma anche di piccole e medie imprese, così come delle società di consulenza dell'area Afc), sono pubblicati anche nella versione anglosassone, se non addirittura soltanto in inglese. Da quanto riportato emerge, in sostanza, che alcune capacità, fino a poco tempo fa ritenute appannaggio di figure professionali specialistiche e di livello internazionale, devono essere considerate allo stato attuale come requisiti di base anche per tutte le figure professionali dell'area Afc. tratti essenziali richiesti a tutti gli addetti all'area: - la partecipazione responsabile alle sorti dell'azienda tende ad essere maggiormente distribuita tra tutti i lavoratori (Erp, Sap, cooperazione, soci, possesso di azioni, ecc.); - la gerarchia decisionale tende a diventare orizzontale, con gruppi di lavoro che condividono collettivamente (ma anche singolarmente) la responsabilità dei risultati; - le tecnologie di rete (intranet e extranet) mettono in grado ogni membro dell'organizzazione di dialogare con i colleghi, con i superiori, con l'esterno e quindi di conoscere processi e risultati a cui precedentemente era molto difficile accedere: questa novità rende più sfumata la linea di demarcazione tra una funzione e l'altra, segnando in qualche modo la fine del vecchio modo di dire: non è di mia competenza, che a volte veniva usato per reale mancanza di informazioni; - la produzione di qualunque bene o servizio tende alla decentralizzazione per la riduzione dei costi e tutti gli adempimenti dell'area Afc diventano correlati all'invio-ricezione telematica di dati dalle sedi decentrate (a volte dislocate in varie parti del mondo); - alcune fasi della produzione, o alcuni servizi trasversali, tendono ad essere affidati ad aziende specialistiche esterne (outsourcing), scelta che comporta una revisione complessiva delle procedure di contabilità generale, industriale, ecc.;

6 i contratti di lavoro si stanno modificando in modo profondo: formazione e lavoro, collaborazione coordinata e continuativa (i cosiddetti co.co.co.), alternanza scuola-lavoro, part time, assunzioni a tempo determinato, lavoro interinale, il "manager in affitto", il telelavoro, i contratti di consulenza e così via. In sostanza è possibile affermare che esistono numerose alternative al tipico posto fisso e che i datori di lavoro le utilizzano in maniera diffusa. Questo fenomeno induce ogni lavoratore a diventare sempre più un imprenditore di se stesso (con tutto ciò che comporta in termini di instabilità economico/ professionale) e sempre meno un impiegato al servizio di un'azienda. Traendo qualche considerazione da queste poche variabili è già possibile comprendere come tutte le figure professionali coinvolte nell'area Afc siano chiamate ad adottare sistemi di apprendimento continuo, dato che devono essere sempre più in grado di: utilizzare gli strumenti informatici e telematici che ormai fanno parte della dotazione strumentale di tutte le imprese, anche delle micro-aziende; se poi la dimensione aziendale cresce, di pari passo aumenta la complessità delle architetture dei sistemi informativi e dei software da dover conoscere (si veda il paragrafo sui moduli Sap); - comprendere i processi decisionali e contribuire, in ragione della specifica funzione, al buon andamento dell'intera organizzazione, in modo attivo e responsabile (Erp, Crm, Knowlwdge Management); considerare la disponibilità al cambiamento e la "precarizzazione" del posto di lavoro come una costante (spesso di non facile sostenibilità soprattutto in termini di diritti) strettamente legata alle possibilità di carriera; - utilizzare correntemente la lingua inglese, per inviare e ricevere informazioni non solo nelle propria lingua; con i colleghi di altre sedi decentrate, con i fornitori, per l'emissione e la registrazione di documenti fiscali, di fatturazione, acquisto, ecc. Il panorama delle possibilità occupazionali nel settore Afc appare dunque direttamente collegato alle capacità dei giovani e meno giovani di trasformare rapidamente le proprie conoscenze e di acquisire una mentalità disponibile a cambiamenti continui. Tutto questo può risultare alquanto singolare in un settore che, fino a non molto tempo fa, veniva considerato come il reparto più "stabile" delle imprese, dove i responsabili e gli addetti all'amministrazione erano "la memoria storica dell'azienda", vista la loro lunga permanenza in organico; venivano dipinti come personaggi di mentalità poco elastica, rigidi controllori dei cordoni della borsa, sempre in contrasto con i "creativi" del settore marketing, vendita, ricerca, con i quali sostenevano perenni discussioni sui progetti da realizzare e gli investimenti possibili. La tendenza attuale, al contrario, dimostra la necessità di professionisti di grande apertura mentale, con capacità tecniche e culturali superiori, chiamati a proporre ed attuare soluzioni innovative, in grado non solo di mantenere l'azienda sul mercato, ma anche di migliorarne costantemente la performance. Inoltre, gli addetti all'area Afc sono chiamati a lavorare sempre più in stretta collaborazione con le altre aree aziendali, devono essere disponibili ad apprendere dalle nuove tecnologie, alle nuove normative. - conoscere i principi economici e giuridici nazionali, europei ed internazionali, che regolano la gestione aziendale nei diversi territori, ed essere in grado di tenersi costantemente aggiornati sulle nuove norme;

IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE G L O S S A R I O JOB PROFILE IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE tratto da www.isfol.it/orientaonline IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE DEFINIZIONE Il Tecnico dell Amministrazione

Dettagli

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo di uscita Il Perito in Amministrazione, finanza e marketing ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico aziendali nazionali

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE

ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE Aggiornato il 6 marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE

Dettagli

Dipartimento Economia e Impresa

Dipartimento Economia e Impresa Dipartimento Economia e Impresa 1 Dipartimento Economia e Impresa Il Dipartimento Economia e Impresa dell Università di Catania articola la propria offerta formativa in corsi di laurea, corsi di laurea

Dettagli

MASTER IN SCADENZA FINO AL 26/11/2012 DAL SITO www.guidamaster.it

MASTER IN SCADENZA FINO AL 26/11/2012 DAL SITO www.guidamaster.it MASTER IN SCADENZA FINO AL 26/11/2012 DAL SITO www.guidamaster.it Master in Bioetica e Formazione Master in Didattica dell'italiano L2 Master in Interior Design - edizione di Torino Il Master ha come obiettivo

Dettagli

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Dott. Ing. Matteo Moi Dott. Ing. Matteo Moi 1 ARGOMENTI CONTENUTI Introduzione ai sistemi di controllo di gestione La Pianificazione strategica Il Bilancio

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA. PIU' COMPETENTI PIU' COMPETITIVE La formazione continua per le aziende venete

SCHEDA INFORMATIVA. PIU' COMPETENTI PIU' COMPETITIVE La formazione continua per le aziende venete SCHEDA INFORMATIVA PIU' COMPETENTI PIU' COMPETITIVE La formazione continua per le aziende venete Titolo Oggetto Codice bando Rif. legislativo Rif. pubblicazione Ente emittente Ente gestore Tematica 1:

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

ORGANIZZATRICE ED ORGANIZZATORE DI EVENTI

ORGANIZZATRICE ED ORGANIZZATORE DI EVENTI ORGANIZZATRICE ED ORGANIZZATORE DI EVENTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 8 È necessario sapere... 8 Conoscenze... 11 Comportamenti

Dettagli

L'ESPERTO DI OUTPLACEMENT

L'ESPERTO DI OUTPLACEMENT G L O S S A R I O JOB PROFILE L'ESPERTO DI OUTPLACEMENT tratto da www.isfol.it/orientaonline L'ESPERTO DI OUTPLACEMENT DEFINIZIONE L Esperto di outplacement è la Figura professionale che, soprattutto nei

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

Direttive Esame professionale per Specialista del personale

Direttive Esame professionale per Specialista del personale Direttive Esame professionale per Specialista del personale Opzioni A Gestione del personale B Consulente del personale secondo il Regolamento 2000, versione 2.0 Organo svizzero responsabile degli esami

Dettagli

Helvartis. Norme di qualità (Helvartis:2014)

Helvartis. Norme di qualità (Helvartis:2014) Helvartis. Norme di qualità (Helvartis:2014) 1. Introduzione 1.1 Generalità Le presenti norme definiscono i requisiti che le aziende di pratica commerciale devono obbligatoriamente soddisfare nel contesto

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO SECURITY MANAGEMENT

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO SECURITY MANAGEMENT REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO SECURITY MANAGEMENT Direttore del corso: Chiara Casadio Commissione del Corso di Master: Gianfranco Bonfante Chiara Casadio Cristiana

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE...

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE... GIURISTA D IMPRESA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Che cosa deve essere in grado di fare... 7 Conoscenze... 8 Abilità...

Dettagli

Credit management: organizzare al meglio il processo di recupero crediti Livello avanzato

Credit management: organizzare al meglio il processo di recupero crediti Livello avanzato Credit management: organizzare al meglio il processo di recupero crediti Livello avanzato TEMATICA: Gestione aziendale Amministrazione Sviluppare un modello decisionale attraverso il coordinamento delle

Dettagli

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti I profondi e rapidi cambiamenti che in questi anni si sono manifestati in

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 2 1 L organo amministrativo o controller L are amministrativa è l area in cui si colloca l organo o ente oggi denominato

Dettagli

Di seguito il dettaglio dei moduli in termini di durata e tematiche affrontate (contenuti): Tematiche

Di seguito il dettaglio dei moduli in termini di durata e tematiche affrontate (contenuti): Tematiche MODULI FORMATIVI L'iniziativa coniugherà una formazione per l'acquisizione di competenze teorico - tecniche, finalizzate alla messa in atto di strategie funzionali e all'integrazione di diverse capacit{

Dettagli

AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING AFM AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING CLASSE TERZA AFM Correlazioni, calcolo e analisi del fabbisogno Fonti di finanziamento nelle diverse forme giuridiche d impresa Teoria e principi di organizzazione

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie... 8 Conoscenze... 12

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO: Assistente Amministrativo-Contabile

PROGRAMMA FORMATIVO: Assistente Amministrativo-Contabile PROGRAMMA FORMATIVO: Assistente Amministrativo-Contabile Settore merceologico di riferimento Edilizia Profilo formativo di riferimento I profili previsti nel C.C.N.L. per: - Impiegati Tecnici di 3 Categoria

Dettagli

INDAGINE SUGLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

INDAGINE SUGLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Servizio Studi INDAGINE SUGLI INVESTIMENTI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Rilevazione sul 2000 INDICAZIONI GENERALI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO - Tutti i campi devono essere compilati. - Se il valore

Dettagli

Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile ORDINAMENTO PROFESSIONALE

Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile ORDINAMENTO PROFESSIONALE Allegato E (DGM) Ministero della Giustizia Dipartimento per la Giustizia Minorile ORDINAMENTO PROFESSIONALE del personale non dirigenziale del Dipartimento per la Giustizia Minorile (SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE)

Dettagli

Master in ERP. Direttore Scientifico del Master Prof. Luigino Filice Facoltà di Ingegneria Università della Calabria

Master in ERP. Direttore Scientifico del Master Prof. Luigino Filice Facoltà di Ingegneria Università della Calabria Master in ERP 2 Direttore Scientifico del Master Prof. Luigino Filice Facoltà di Ingegneria Università della Calabria Motivazioni La globalizzazione dei mercati e la crescente spinta competitiva delle

Dettagli

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Facoltà ECONOMIA (Sede di Rimini) Corso ECONOMIA DELL IMPRESA Classe L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

CORSO GRATUITO CONTABILITA ORDINARIA E DEL PERSONALE SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA

CORSO GRATUITO CONTABILITA ORDINARIA E DEL PERSONALE SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA CORSO GRATUITO SEDI E CONTATTI CONTABILITA ORDINARIA ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA Frequenza infrasettimanale Corso gratuito Corpo docente formato da professionisti provenienti

Dettagli

Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia. Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza*

Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia. Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza* Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza* I Manager didattici hanno il principale obiettivo di facilitare

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO ! Caratteristiche del Master Titolo del Master universitario: Livello: CONSTRUCTION MANAGEMENT (Gestione dei Processi Costruttivi e dei Cantieri) I Anno di attivazione: 2003 Facoltà: VI Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Sede legale : Via G.Pansera, 17 25068 Sarezzo (BS)

Sede legale : Via G.Pansera, 17 25068 Sarezzo (BS) Gestione Strategica** Progettazione Organizzativa** Marketing & Vendite** Sistemi Informativi** Controllo di Gestione** Finanza Aziendale** Sistemi di QualitàTotale** Formazione** Sede legale : Via G.Pansera,

Dettagli

INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI

INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI ISTITUTO DI ISTRUZIONE LA ROSA BIANCA CAVALESE (TN) INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI REDATTO A.S. 2012-2013 PREMESSA Ai sensi

Dettagli

soluzioni per il personale

soluzioni per il personale Foto Rocco Toscani soluzioni per il personale Forgital Group rappresenta da cinque generazioni la forza e l esperienza nella forgiatura dei metalli. Da sempre, a trasformare il metallo in prodotti di alta

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri AREA FUNZIONALE PRIMA ( ex A1 e A1S ) Appartengono a questa Area funzionale i lavoratori che svolgono attività ausiliarie, ovvero lavoratori che svolgono

Dettagli

Master in Regolazione dell attività e dei mercati finanziari

Master in Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Master in Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Organizzazione dei Sistemi Informativi e outsourcing Insieme di strumenti automatici, manuali, procedure, risorse umane, flussi informativi,

Dettagli

La Pianificazione Operativa o Master Budget

La Pianificazione Operativa o Master Budget La Pianificazione Operativa o Master Budget Questo corso è destinato ai vari imprenditori e manager delle piccole e medie imprese, che desiderano conoscere un sistema pratico e semplice per fare il piano

Dettagli

PROMOTRICE e PROMOTORE FINANZIARIO

PROMOTRICE e PROMOTORE FINANZIARIO Aggiornato il 9 luglio 2009 PROMOTRICE e PROMOTORE FINANZIARIO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

TECNICO IN AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO IN AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE TECNICO IN AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Operazione Rif. PA n 2010-521/Pr Approvata con Delibera della Giunta Provinciale n 554 del 12 ottobre 2010 I SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL ATTIVITA

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Il Property Management che crea Valore

Il Property Management che crea Valore Il Property Management che crea Valore Beni Stabili Property Service affianca le aziende offrendo servizi integrati di advisoring immobiliare ad elevato contenuto professionale e tecnologico. Indice Il

Dettagli

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Global Professional System La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Il contesto di riferimento Le organizzazioni si trovano a fronteggiare

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo 6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo L innovazione principale contenuta nel Contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) del personale tecnico-amministrativo sottoscritto il 9 agosto

Dettagli

Business Administration for Arts and Cultural Events

Business Administration for Arts and Cultural Events Master Courses 2012/2013 Business Administration for Arts and Cultural Events Istituto Europeo di Design Business Administration for Arts and Cultural Events OBIETTIVI Il mondo dell arte e i suoi mercati

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

SCHEDA PER LA DESCRIZIONE DELLA POSIZIONE

SCHEDA PER LA DESCRIZIONE DELLA POSIZIONE SCHEDA PER LA DESCRIZIONE DELLA POSIZIONE Questa scheda rappresenta uno strumento utile per descrivere una specifica posizione organizzativa, illustrandone le principali attività, le principali relazioni

Dettagli

PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio

PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio Dove nasce il problema della progettazione organizzativa Man mano che le organizzazioni crescono (p.e. numero

Dettagli

ANTONIO TALONE. a.talone@provincia.roma.it

ANTONIO TALONE. a.talone@provincia.roma.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ANTONIO TALONE Telefono 0667667159 Fax 0667667157 E-mail a.talone@provincia.roma.it Nazionalità ITALIANA Data di nascita 08/01/1967 ESPERIENZA LAVORATIVA Nome

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016 OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016 Obiettivi formativi corsi di laurea, raggruppamenti disciplinari, insegnamenti Economia: banche, aziende e mercati Obiettivi formativi corso di laurea I laureati in Economia:

Dettagli

COME INTEGRARE LE NORME COGENTI E QUELLE VOLONTARIE IN UN UNICO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE

COME INTEGRARE LE NORME COGENTI E QUELLE VOLONTARIE IN UN UNICO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE COME INTEGRARE LE NORME COGENTI E QUELLE VOLONTARIE IN UN UNICO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE A cura di Marco Immordino Sociologo del Lavoro esperto nella progettazione e valutazione di Sistemi

Dettagli

Le tue professioni con un click

Le tue professioni con un click A cura di Pietro Taronna, responsabile del Progetto Isfol Orientaonline, e di Ginevra Benini, responsabile della collana Minlavoro - Isfol Alla scoperta delle professioni Le tue professioni con un click

Dettagli

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice ACCORDO in materia di ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM Stipulato da: ALSTOM, rappresentata da Patrick Dubert, E: la FEM (Federazione Europea Metalmeccanici), rappresentata da Bart

Dettagli

FONDAZIONE MONDO DIGITALE

FONDAZIONE MONDO DIGITALE FONDAZIONE MONDO DIGITALE Roma Avviso pubblico per la formazione di una short list di esperti idonei a prestare consulenza specialistica, assistenza tecnica e formazione professionale per le attività connesse

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

Le relazioni esistenti fra i soggetti dell attività economica. RIF. MODULO CONOSCENZE COMPETENZE Il concetto di azienda e le

Le relazioni esistenti fra i soggetti dell attività economica. RIF. MODULO CONOSCENZE COMPETENZE Il concetto di azienda e le Gruppo di Insegnanti di Economia Aziendale e di Informatica Coordinatore: prof. Pellegrini Claudio Contenuti e obiettivi minimi previsti per il percorso didattico relativo alle discipline di economia a

Dettagli

TRADUTTRICE E TRADUTTORE

TRADUTTRICE E TRADUTTORE Aggiornato il 9 luglio 2009 TRADUTTRICE E TRADUTTORE 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN COMUNICAZIONE IN AMBITO SANITARIO IN COLLABORAZIONE CON L ISTITUTO NAZIONALE TUMORI-FONDAZIONE PASCALE IRCCS 2 a Edizione Anno Accademico 2012/2013 REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

SCHEDA CERTIFICAZIONE FIGURA PROFESSIONALE EGE - ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA

SCHEDA CERTIFICAZIONE FIGURA PROFESSIONALE EGE - ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE DEFINIZIONE Esperto in gestione dell energia (EGE): Soggetto che ha le conoscenze, l'esperienza e la capacità necessarie per gestire l'uso dell'energia in modo efficiente.

Dettagli

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte. CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA Frequenza infrasettimanale Corso gratuito Corpo docente formato

Dettagli

Corso di Formazione professionale autorizzato dalla Regione Campania Esperto in Gestione Risorse Umane

Corso di Formazione professionale autorizzato dalla Regione Campania Esperto in Gestione Risorse Umane Corso di Formazione professionale autorizzato dalla Regione Campania Esperto in Gestione Risorse Umane Corsi Autofinanziati riconosciuti dalla Regione Campania Pform, Scuola di Alta Formazione, ha ottenuto

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome STEFANO BECHI Indirizzo Piazzale della Resistenza 50018 Scandicci (FI) Telefono 055 7591.294 Fax 055 7591.320 E-mail s.bechi@comune.scandicci.fi.it

Dettagli

Geniale!SGR la soluzione contabile e gestionale per fondi immobiliari

Geniale!SGR la soluzione contabile e gestionale per fondi immobiliari Geniale!SGR la soluzione contabile e gestionale per fondi immobiliari Le caratteristiche del settore I fondi immobiliari, sia a sviluppo sia a reddito, sia riservati sia pubblici, sono caratterizzati da

Dettagli

METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI COMUNE DI CUPRAMONTANA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI COMUNE DI CUPRAMONTANA Provincia di Ancona 60034 Via Nazario Sauro n. 1 P.I.

Dettagli

Master ESPERTO IN AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA E CONTROLLO DI GESTIONE

Master ESPERTO IN AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA E CONTROLLO DI GESTIONE Master ESPERTO IN AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA E CONTROLLO DI GESTIONE Durata del Corso 340 ore d attività Aula e 60 ore di Laboratorio progettuale Frequenza - Aula: dall 8/10/2010 al 25/06/2011 (formula

Dettagli

STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA

STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA Page Personnel, agenzia per il lavoro, è specializzata nella selezione di personale qualificato da inserire sia con la somministrazione di lavoro temporaneo sia mediante assunzioni

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 dicembre 2011, n. 235

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 dicembre 2011, n. 235 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 dicembre 2011, n. 235 Regolamento recante la disciplina sull'organizzazione e la dotazione delle risorse umane e strumentali per il funzionamento dell'agenzia

Dettagli

Catalogo Regionale dell'offerta formativa a domanda individuale

Catalogo Regionale dell'offerta formativa a domanda individuale Catalogo Regionale dell'offerta formativa a domanda individuale ANALISI DELLE DECISIONI DI INVESTIMENTO DELL'IMPRESA (12 ore: 8 teoria e 4 pratica) La finalità del seminario è quella di far conoscere le

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MOROTTI GABRIELE VIA DEI SETTE SANTI 11 57127 LIVORNO Telefono 0586 223735 Fax 0586 223743 E-mail

Dettagli

ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* Indice UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE 1. Le caratteristiche generali e strutturali 2 2. L analisi del processo di lavoro e le figure

Dettagli

CONTENUTO DEL PROGETTO

CONTENUTO DEL PROGETTO Progetti di Performance Improvement : migliorare rapidamente un ambito specifico della gestione aziendale. Azienda metalmeccanica controllata da un pool di banche internazionali. Un Interim Manager a capo

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del

Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Sistema di misurazione e valutazione della performance individuale dei dirigenti, degli incaricati di posizione organizzativa e del personale del Comune di Modena Aggiornamento aprile 2013 Indice Introduzione

Dettagli

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI SOGGETTI BENEFICIARI Piccole e medie imprese con unità produttiva ubicata nella Regione Marche PROGETTI AGEVOLABILI 1) Progetti relativi

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Premessa

AVVISO PUBBLICO. Premessa AVVISO PUBBLICO PER L ACQUISIZIONE DI CANDIDATURE DA VALUTARSI PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE PROFESSIONALE ESTERNA A PROGETTO, PER L ATTUAZIONE DI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI, NAZIONALI,

Dettagli

Impianti ERP è il migliore investimento

Impianti ERP è il migliore investimento Impianti ERP è il migliore investimento ITALSOFT, azienda fondata nel 1986, ha distribuito i suoi prodotti con il marchio IBM fino al 1999, anno in cui ha certificato il suo sistema di qualità ISO 9001

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? Esistono diverse prospettive tecnica, organizzativa, della comunicazione e quindi

Dettagli

Analisi dei Fabbisogni Formativi della Regione Toscana

Analisi dei Fabbisogni Formativi della Regione Toscana Analisi dei Fabbisogni Formativi della Regione Toscana Formarsi è lavorare su se stessi crescere motivandosi spingere i desideri fino a realizzare se stessi La ricerca che viene qui proposta si inquadra

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: DURATA: 7 MESI 4/5 lezioni a settimana turni serali o mattutini

PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: DURATA: 7 MESI 4/5 lezioni a settimana turni serali o mattutini PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: TECNICO DELLA GESTIONE DELLA CONTABILITA E FORMULAZIONE DEL BILANCIO AGENZIA FORMATIVA: New Training School S.r.l. Sede: via Peretti 1, scala

Dettagli

PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI DI IMPRESA

PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI DI IMPRESA PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI DI IMPRESA 137 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO (Convenzione stipulata in data )

PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO (Convenzione stipulata in data ) PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO (Convenzione stipulata in data ) NOMINATIVO DEL TIROCINANTE DATA E LUOGO DI NASCITA RESIDENZA TELEFONO CODICE FISCALE ATTUALE CONDIZIONE ( segnare con una x la casella

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2008-2009 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 1 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 Organizzazione e Sistema

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2007-2008 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 1 Organizzazione e Sistema

Dettagli

2012-2014. Indirizzi per la programmazione della formazione di base e trasversale

2012-2014. Indirizzi per la programmazione della formazione di base e trasversale APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE (art. 4 - D.Lgs. n. 167/2011) 2012-2014 Indirizzi per la programmazione della formazione di base e trasversale Provvedimento attuativo dell art.

Dettagli

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA Pagina 1 di 54 Sede direzionale / amministrativa Tel. Fax. E-mail Sito Web NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA C.F. 8 RIFERIMENTI DELL UNITA PRODUTTIVA OGGETTO DELLA VALUTAZIONE NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

Dettagli

Autovalutazione e miglioramento continuo

Autovalutazione e miglioramento continuo Autovalutazione e miglioramento continuo Percorso formativo per i Dirigenti Scolastici della Regione Abruzzo 2^ giornata Relatore: Germano Cipolletta Questo documento è stato ideato per una fruizione a

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Scienze Politiche, indirizzo di Relazioni Industriali. Libera Università Internazionale degli Studi Sociali (L.U.I.S.S.

CURRICULUM VITAE. Scienze Politiche, indirizzo di Relazioni Industriali. Libera Università Internazionale degli Studi Sociali (L.U.I.S.S. CURRICULUM VITAE Dati anagrafici Cognome e nome Data e luogo di nascita CIAMPI PAOLO 26.07.1967 Latina Titoli di studio Diploma di scuola media superiore Maturità Scientifica Voto 60/60 Laurea in Università

Dettagli