REGOLAMENTO PER LA PREVENZIONE E L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER LA PREVENZIONE E L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER LA PREVENZIONE E L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA Articolo 1 Principi a) Nel territorio della Riserva Naturale Pian di Spagna e Lago di Mezzola l indennizzo per i danni arrecati dalla fauna selvatica alle colture agrarie, al bestiame domestico, alle tipologie d allevamento caratteristiche della zona viene effettuato dal Consorzio Riserva Naturale Pian di Spagna e Lago di Mezzola (di seguito Consorzio) b) Il presente regolamento, ai sensi dell art. 33 bis della L.R. 86/83, così come modificata dall art. 3 comma 8 della L.R. 6/05, disciplina le modalità per la richiesta, l accertamento, la valutazione e la liquidazione dell indennizzo dei danni provocati dalla fauna selvatica protetta all interno del territorio della Riserva naturale, nonché le modalità per la prevenzione degli stessi. Articolo 2- Campo di applicazione L erogazione di somme per la prevenzione e gli indennizzi riconosciuti dal Consorzio riguardano: a) Danni da pastura e calpestio alle colture erbacee ed arboree presenti all interno della Riserva (prati, prati-pascoli, pascoli, altre foraggere, colture cerealicole, frutteti, vigneti, coltivazione di piccoli frutti e coltivazione di ortaggi). b) Danni da predazione su animali allevati, anche temporaneamente, nel territorio della Riserva, quali bovini, ovini, caprini, equini e avicunicoli. c) Danni alle opere agricole dissuasive approntate nei campi coltivati, nei pascoli e nei terreni in uso. d) Danni alla rete irrigua di pertinenza aziendale, normalmente utilizzata per l irrigazione, solo nel caso in cui sia dimostrabile che il mancato ripristino della funzionalità irrigua provochi danno alle colture. Sono tassativamente esclusi gli indennizzi per colture realizzate in zone o con modalità non consentite dal Piano della Riserva.

2 Articolo 3 Casi di esclusione dall indennizzo Non rientrano nel campo di applicazione del presente regolamento i danni arrecati dalla fauna selvatica a: - boschi; - orti privati; - giardini, sia pubblici sia privati; - appezzamenti agricoli abbandonati; - animali da cortile; - ittiofauna presente nei corsi d acqua, nei laghi naturali ed artificiali, negli allevamenti ittiogeni e nei laghetti dove si pratica la pescasportiva. Articolo 4 Soggetti ammessi a richiedere l indennizzo Gli indennizzi possono essere richiesti da coltivatori diretti iscritti all I.N.P.S., I.A.P. (Imprenditori Agricoli Professionali) o iscritti al registro imprese della C.C.I.A.A. sezione speciale delle imprese agricole operanti nella Riserva Naturale del Pian di Spagna e Lago di Mezzola, ovvero da coltivatori diretti privati cittadini che si dedicano alla normale coltivazione dei fondi o all'allevamento del bestiame attraverso il proprio lavoro e/o quello della propria famiglia, che abbiano subito direttamente il danno. Articolo 5 Indennizzi a) L accertamento e la valutazione del danno, e del conseguente indennizzo, sono determinati sulla base di principi equitativi e devono attenere a criteri uniformi per tutto il territorio della Riserva Naturale. b) Il Consorzio provvede ad accertare le cause del danno, a valutarne l entità e a liquidare l indennizzo per mezzo del proprio personale tecnico e/o con l ausilio di professionisti esterni competenti. c) L indennizzo non può essere erogato qualora il soggetto richiedente usufruisca di altri indennizzi e/o risarcimenti, anche parziali, da parte di Enti o di altri soggetti. d) Il Consorzio si riserva la facoltà di disporre dei resti animali, delle coltivazioni e dei prodotti danneggiati. Articolo 6 - Misure di prevenzione Il Consorzio finanzia, con modalità e importi da definire annualmente, le spese per la realizzazione di azioni e misure di prevenzione, al fine di eliminare o ridurre il rischio di danneggiamento alle colture e al patrimonio zootecnico; la loro realizzazione è obbligatoria per l interessato ad avvenuta approvazione del progetto di prevenzione e determinazione del contributo accordato.

3 Articolo 7 Denuncia del danno a) La denuncia del danno deve essere trasmessa dall interessato/danneggiato all Ufficio del Consorzio, entro 7 giorni nel caso di danni alle coltivazioni, alle opere agricole dissuasive e alla rete irrigua aziendale ed entro le 24 ore successive nel caso di danni al bestiame. I danni non segnalati entro i termini suddetti non saranno risarciti. b) La denuncia deve essere effettuata utilizzando gli appositi modelli messi a disposizione dalla Riserva e deve in ogni caso contenere, pena l esclusione dall indennizzo i seguenti dati: - dati anagrafici e di residenza del richiedente (nome, cognome, indirizzo, telefono, etc.) - dati dell azienda agricola: codice fiscale e/o partita IVA; - analisi, distinta per appezzamento, dello stadio vegetativo della coltura danneggiata, della percentuale di danno subito, etc.; - la denuncia deve essere sottoscritta dall interessato e deve altresì contenere l autocertificazione che il danneggiato non ha avanzato richiesta di indennizzo ad altro Ente e/o soggetto. c) La denuncia può essere effettuata anche attraverso l invio del modulo tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, posta elettronica o fax. d) Nel caso si verifichi la necessità di interventi di stima urgenti (es. danni su bestiame, danni a colture con raccolto da effettuare nei 7 giorni successivi) la denuncia può essere anticipata a mezzo telegramma. In tal caso il danneggiato deve partecipare alla visita di sopralluogo per sottoscrivere il modulo di denuncia completo di tutti i dati. e) In caso di danni alle colture, il danneggiato deve astenersi dal procedere a qualsiasi operazione di tipo agronomico per il periodo necessario all accertamento del danno. f) Non verranno valutati e dunque indennizzati i danni in caso di mancato rispetto delle procedure di cui sopra. Articolo 8 Accertamento del danno a) L accertamento del danno viene disposto dal Consorzio e definito mediante sopralluoghi del personale preposto all accertamento. b) La data del sopralluogo viene tempestivamente comunicata al richiedente, che può parteciparvi anche supportato da un tecnico di sua fiducia. Non sono prese in considerazione perizie di parte, che non siano state presentate

4 contestualmente alla richiesta di indennizzo o che si riferiscano a data successiva a quella dell eseguito sopralluogo. c) Al personale preposto all accertamento è affidato il compito di raccogliere le denunce, redigere il verbale di accertamento durante il sopralluogo, certificare la/e causa/e dell evento dannoso, procedere alla valutazione del danno. d) L accertamento sarà effettuato entro 15 giorni lavorativi dalla denuncia. e) Il personale addetto all accertamento, redige un verbale contenente i dati della denuncia, l accertamento del danno, la valutazione e la quantificazione del danno stesso, con altre eventuali informazioni ed indicazioni utili a diminuire la vulnerabilità dell attività danneggiata. f) L accertamento deve avvenire in presenza ed in contraddittorio con il richiedente. Qualora il danneggiato sottoscriva per accettazione il verbale, ricevendone copia, questo costituisce approvazione formale e motivata della quantificazione del danno. g) Il Consorzio può acquisire ulteriori notizie e documentazioni in ordine ai dati esposti nella domanda con richiesta da inviare con raccomandata a/r al danneggiato, il quale deve ottemperare entro 20 giorni dalla data di ricevimento della stessa. In caso di inottemperanza la domanda s intende decaduta. h) Alla medesima procedura si fa riferimento anche per le domande sottoscritte dal danneggiato in occasione del sopralluogo, che richiedono acquisizione di documenti o notizie. Il verbale stilato in tale sede definisce la data dalla quale si deve ottemperare agli obblighi contenuti. Articolo 9 Misure di indennizzo a) L indennizzo per danni alle colture agricole sarà calcolato sulla base delle quantificazioni effettuate attraverso la stima e sulla base dei prezzi dei prodotti vigenti al momento del raccolto, con riferimento ai listini delle CCIAA. I prezzi così ricavati, saranno ridotti qualora il mancato raccolto comporti delle mancate spese, facendo riferimento alle tariffe in vigore al momento del raccolto. b) Qualora i danni alle colture agricole comportino l effettuazione di lavori supplementari (esempio risemine) l indennizzo sarà calcolato sulla base delle tariffe dei contoterzisti. Nel caso di danni ripetitivi sullo stesso appezzamento, ad esempio nel caso di risemine, l indennizzo per unità di superficie non potrà mai essere superiore al mancato raccolto. c) L indennizzo per i danni su allevamento potrà essere erogato solo se, al momento della stima, sia possibile prendere visione dei capi morti. L indennizzo sarà calcolato sulla base del prezzo medio di mercato dell animale vivo. Tale indennizzo potrà essere diminuito del 30% qualora gli

5 animali risultino totalmente incustoditi e non siano state messe in atto idonee misure di protezione. L indennizzo non compete per il bestiame pascolante abusivamente o comunque non in osservanza della normativa vigente o comunque non provvisto delle necessarie autorizzazioni delle Autorità competenti. Sono esclusi dall indennizzo i casi in cui i resti degli animali rinvenuti morti siano insufficienti ad accertare le reali cause del decesso. d) Non verranno indennizzati i danni alle produzioni agricole di particolare pregio a carattere intensivo (ad esempio colture orticole, piccoli frutti, tappeti erbosi, colture vivaistiche, ecc.) per le quali non siano stati resi operative adeguate misure di protezione realizzate conformemente a quanto previsto dal Piano della Riserva e del Programma di Sviluppo Agronomico. e) La soglia minima al di sotto della quale il danno viene considerato naturale e non indennizzabile è pari a euro 100,00. Articolo 10- Liquidazione a) La stima definitiva, ai fini dell indennizzo, sarà sottoscritta dal Responsabile dei procedimenti di indennizzo, che dovrà predisporre inoltre gli atti affinché si possa procedere alla liquidazione di quanto dovuto. a) Il Consorzio provvede alla liquidazione dei danni, sulla base delle somme assegnate dalla regione Lombardia ai sensi del comma 4 dell articolo 33 bis della L.R. 86/83 così come modificato dall art. 3 comma 8 della L.R. 6/05. b) La liquidazione sarà effettuata entro il primo semestre dell anno successivo a quello in cui il danno si è manifestato, a condizione che la Regione Lombardia abbia trasferito il contributo dovuto. Articolo 11 Controversie In caso di mancato accordo sulla stima del danno, l impresa agricola potrà far effettuare, a proprie spese, una perizia da parte di un professionista abilitato. La controversia sarà poi sottoposta alla Camera Arbitrale presso la CCIAA competente per territorio. ****************************************************

6 Al Consorzio Riserva Naturale Pian di Spagna e Lago di Mezzola Via della Torre 1/a SORICO Oggetto: Denuncia dei danni arrecati dalla fauna selvatica. Il sottoscritto nato a il, residente a via, n. telefono, cellulare C.F./P.IVA in qualità di: Coltivatore diretto iscritto all INPS Imprenditore Agricolo professionale (IAP) Iscritto al Registro Imprese della CCIAA di Coltivatore diretto privato cittadino DENUNCIA DI AVERE SUBITO DANNI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE PRATICATE NEI SEGUENTI TERRENI (elencare solo i terreni effettivamente danneggiati): Comune fg Mapp superficie mq. coltura in atto tipo di conduzione n. di piante danneggiate Selvatico che ha causato il danno

7 DI AVERE SUBITO DANNI DALLA FAUNA SELVATICA PER PREDAZIONE SU ANIMALI ALLEVATI: Specie allevata Numero età Selvatico che ha causato il danno DI AVERE SUBITO DANNI ALLE OPERE AGRICOLE DISSUASIVE APPRONTATE NEI CAMPI COLTIVATI, NEI PASCOLI E NEI TERRENI IN USO. Comune censuario Fg. Mapp. tipo di opera dissuasiva in atto e danno causato tipo di conduzione Selvatico che ha causato il danno DI AVER SUBITO DANNI ALLA RETE IRRIGUA DI PERTINENZA AZIENDALE, NORMALMENTE UTILIZZATA PER L IRRIGAZIONE. Comune censuario fg Mapp. tipo di opera irrigua e tipo di danno causato tipo di conduzione Selvatico che ha causato il danno che il danneggiamento è stato rilevato il giorno che esistono le condizioni di urgenza poiché la raccolta/operazione colturale necessaria avverrà il giorno

8 breve descrizione degli eventuali accorgimenti adottati per prevenire o limitare i danni Dichiara di essere informato, ai sensi e per gli effetti di cui all articolo 10 del D.Lgs. n 196/2003, che i dati personali raccolti saranno trattati anche con strumentazioni informatiche, esclusivamente nell ambito del procedimento per il quale la presente dichiarazione viene resa. Dichiara inoltre di non avere usufruito,per il danno oggetto della presente richiesta, di altri indennizzi e/o risarcimenti, anche parziali, da parte di Enti o di altri soggetti., li IL DENUNCIANTE

REGOLAMENTO 1. Art. 5 - Danni ammessi ad indennizzo per le opere approntate sui terreni

REGOLAMENTO 1. Art. 5 - Danni ammessi ad indennizzo per le opere approntate sui terreni All. alla del. N 12/2012 TESTO COORDINATO REGOLAMENTO 1 Regolamento per le procedure relative all indennizzo dei danni da fauna selvatica alle colture agro-forestali ed al patrimonio zootecniche ricadenti

Dettagli

ENTE REGIONALE RISERVA NATURALE LAGHI LUNGO E RIPASOTTILE

ENTE REGIONALE RISERVA NATURALE LAGHI LUNGO E RIPASOTTILE ENTE REGIONALE RISERVA NATURALE LAGHI LUNGO E RIPASOTTILE OGGETTO: REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA E RINSELVATICHITA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE. Art. 1 All interno del

Dettagli

http://servizi-uffici.provincia.fc.it/en/web/flora-e-fauna/danni-invio-web

http://servizi-uffici.provincia.fc.it/en/web/flora-e-fauna/danni-invio-web A.T.C. FO-5 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE MODALITA DI FUNZIONAMENTO DEI FONDI DESTINATI AI CONTRIBUTI PER L INDENNIZZO DEI DANNI PRODOTTI DALLA FAUNA SELVATICA E ALL ACQUISTO DEI MEZZI DI PREVENZIONE DA DARE

Dettagli

TITOLO 1 - NORME GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione

TITOLO 1 - NORME GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione DISCIPLINARE PER L INDENNIZZO DEI DANNI PROVOCATI DALLA FAUNA SELVATICA NEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI Approvato con DCD 49/02 e s.m.i. (ultima modifica con D.C.D. n. 37 del 03/07/2015) TITOLO

Dettagli

(Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive modificazioni)

(Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive modificazioni) AMBITO TERRITORIALE CACCIA ANCONA 2 REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI ARRECATI ALLA PRODUZIONE AGRICOLA DALLA FAUNA SELVATICA (Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C. PROVINCIA DI FOGGIA

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C. PROVINCIA DI FOGGIA AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C. PROVINCIA DI FOGGIA (Approvato con deliberazione del Comitato di Gestione n. 66/12 del 22 giugno 2012 e successive modiche ed integrazioni effettuate in data 30/01/2014

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE E FORESTALI ED AL PATRIMONIO ZOOTECNICO NEL TERRITORIO

REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE E FORESTALI ED AL PATRIMONIO ZOOTECNICO NEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE E FORESTALI ED AL PATRIMONIO ZOOTECNICO NEL TERRITORIO DEL PARCO INDICE Art. 1 Oggetto pag. 1 Art. 2 Ambito

Dettagli

Premessa. Titolo I. Modalità per l accertamento, la stima e l indennizzo dei danni da fauna selvatica. Art. 1 Ambito di applicazione

Premessa. Titolo I. Modalità per l accertamento, la stima e l indennizzo dei danni da fauna selvatica. Art. 1 Ambito di applicazione Regolamento per l'indennizzo e la prevenzionedei danni causati alle produzioni agricole e al patrimonio zootecnico dalla fauna selvatica nel territorio del Parco. Regolamento per l indennizzo e la prevenzione

Dettagli

CAPITOLO I Principi generali. Art.1

CAPITOLO I Principi generali. Art.1 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA PREVENZIONE, L ACCERTAMENTO ED IL RISARCIMENTO DEI DANNI CAUSATI ALLE OPERE ED ALLE COLTURE AGRICOLE E FORESTALI DALLA FAUNA SELVATICA E DALL ATTIVITÀ VENATORIA CAPITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO per il risarcimento dei danni arrecati dalla fauna selvatica e dall attività venatoria alle produzioni agricole

REGOLAMENTO per il risarcimento dei danni arrecati dalla fauna selvatica e dall attività venatoria alle produzioni agricole AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FIRENZE N. 5 REGOLAMENTO per il risarcimento dei danni arrecati dalla fauna selvatica e dall attività venatoria alle produzioni agricole A.T.C. FIRENZE 5 VIA CITTADELLA, 25/A

Dettagli

OGGETTO: Richiesta risarcimento danni arrecati alle produzioni agrarie (vegetali e animali) da fauna selvatica ricadenti nel Comune di.

OGGETTO: Richiesta risarcimento danni arrecati alle produzioni agrarie (vegetali e animali) da fauna selvatica ricadenti nel Comune di. PROVINCIA DI FROSINONE SETTORE AGRICOLTURA CACCIA E PESCA Piazza Gramsci, 13 03100 FROSINONE OGGETTO: Richiesta risarcimento danni arrecati alle produzioni agrarie (vegetali e animali) da fauna selvatica

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA VV1 A.T.C.VV1 Vibo Valentia

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA VV1 A.T.C.VV1 Vibo Valentia AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA VV1 A.T.C.VV1 Vibo Valentia Regolamento per l accertamento, la stima e il risarcimento dei danni, provocati dalla fauna selvatica, alle produzioni agricole all interno del

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA RI/1

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA RI/1 AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA RI/1 REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE RELATIVO ALL ACCERTAMENTO, VALUTAZIONE E LIQUIDAZIONE DEI DANNI CAUSATI ALL AGRICOLTURA DA FAUNA SELVATICA E DALL ATTIVITA VENATORIA. ART. 1

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 20-08-1996 REGIONE UMBRIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 20-08-1996 REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 20-08-1996 REGIONE UMBRIA Norme per l' attuazione del Fondo regionale per la prevenzione ed il risarcimento dei danni arrecati alla produzione agricola dalla fauna selvatica ed

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'INDENNIZZO DEI DANNI PROVOCATI DA FAUNA SELVATICA NELLA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA

REGOLAMENTO PER L'INDENNIZZO DEI DANNI PROVOCATI DA FAUNA SELVATICA NELLA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA REGOLAMENTO PER L'INDENNIZZO DEI DANNI PROVOCATI DA FAUNA SELVATICA NELLA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA Premesse: l'art. 15 comma comma 3 della L. 394/1991 attribuisce alle aree protette il compito

Dettagli

Oggetto: Domanda di contributo per l indennizzo dei danni arrecati dalla fauna selvatica alle produzioni agricole DICHIARA

Oggetto: Domanda di contributo per l indennizzo dei danni arrecati dalla fauna selvatica alle produzioni agricole DICHIARA Oggetto: Domanda di contributo per l indennizzo dei danni arrecati dalla fauna selvatica alle produzioni agricole IL SOTTOSCRITTO NATO A IL RESIDENTE A IN TELEFONO CELLULARE CODICE FISCALE PARTITA IVA

Dettagli

MODELLO DOMANDA D INDENNIZZO PER DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRO-FORESTALI, AL PATRIMONIO ZOOTECNICO E/O ALLE OPERE 1

MODELLO DOMANDA D INDENNIZZO PER DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRO-FORESTALI, AL PATRIMONIO ZOOTECNICO E/O ALLE OPERE 1 MODELLO DOMANDA D INDENNIZZO PER DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRO-FORESTALI, AL PATRIMONIO ZOOTECNICO E/O ALLE OPERE 1 Al Parco Naturale Regionale delle Serre Via Santa Rosellina

Dettagli

RILEVAMENTO DANNI DA FAUNA SELVATICA PRONTUARIO TECNICO

RILEVAMENTO DANNI DA FAUNA SELVATICA PRONTUARIO TECNICO RILEVAMENTO DANNI DA FAUNA SELVATICA PRONTUARIO TECNICO APPROVATO CON D.C.D. N. 6 del 13.01.2016 La problematica dei danni da fauna selvatica e le procedure per la quantificazione e stima possono differenziarsi

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO N. 30 DEL 4 SETTEMBRE 2002

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO N. 30 DEL 4 SETTEMBRE 2002 DISCIPLINARE PER L'INDENNIZZO DEI DANNI PROVOCATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE E ALLE OPERE APPRONTATE SUI TERRENI, ALL'INTERNO DELLE AREE PROTETTE GESTITE DALL'ENTE REGIONALE ROMANATURA

Dettagli

1 *( Reg.Ce 1750/99 rececepito con D.M.19.04.99 / Indicazioni della Dir. Reg. Agricoltura PSR ABRUZZO 2000-2006 Misure E e F)

1 *( Reg.Ce 1750/99 rececepito con D.M.19.04.99 / Indicazioni della Dir. Reg. Agricoltura PSR ABRUZZO 2000-2006 Misure E e F) REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI RICONDUCIBILI A FAUNA SELVATICA CINGHIALE (Sus scrofa L.); CAPRIOLO (Capreolus capreolus L);CERVO (Cervus elaphus L). ARRECATI AL PATRIMONIO AGRICOLO NEL TERRITORIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DANNI PRODOTTI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRARIE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DANNI PRODOTTI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRARIE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DANNI PRODOTTI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRARIE (Delibera del CdG n. 176 del 11.04.2006, n. 67 del 06.03.2009, n. 78 del 20.03.2009, n. 267 del 14.03.2011, n.

Dettagli

DATI ANAGRAFICI DELL IMPRENDITORE AGRICOLO DATA DI NASCITA IN PROPRIO O IN QUALITA DI LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA SOCIETA INDIRIZZO/VIA... COMUNE..

DATI ANAGRAFICI DELL IMPRENDITORE AGRICOLO DATA DI NASCITA IN PROPRIO O IN QUALITA DI LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA SOCIETA INDIRIZZO/VIA... COMUNE.. RICHIESTA RISARCIMENTO DANNI ALLE COLTURE AGRICOLE E/O ALLE OPERE FUNZIONALI ALL ATTIVITA AGRICOLA CAUSATI DA FAUNA SELVATICA (da presentare entro 48 ore dalla constatazione del danno) Spett.le ATC GR8

Dettagli

(Licenziato nella seduta de 05/07/2011 con delibera n 20)

(Licenziato nella seduta de 05/07/2011 con delibera n 20) REGOLAMENTO DELL AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA RC2 PER LA DETERMINAZIONE ED EROGAZIONE DEL RISARCIMENTO DANNI PROVOCATI DALLA FAUNA SELVATICA, ALLE PRODUZIONI AGRICOLE ALL'INTERNO DEL TERRITORIO DI PERTINENZA

Dettagli

Allegati AL SINDACO DEL COMUNE DI

Allegati AL SINDACO DEL COMUNE DI AL SINDACO DEL COMUNE DI OGGETTO: -Legge Regionale n. 65 del 10.11.2014 Territorio Rurale - Titolo IV Capo III - Disposizioni sul territorio rurale -ex-regolamento di attuazione n. 5/R-2007 della ex-lr

Dettagli

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal...

N. posizione INPS (ex SCAU)... Data Iscrizione... titolo di studio posseduto... attività agricola svolta dal... MODELLO A Al Comune di. OGGETTO: D. Lgs. n. 60/98 - Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di imprenditore agricolo a titolo principale al fine di ottenere una concessione edilizia in area

Dettagli

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche INTRODUZIONE DEFINIZIONI PROCEDURA DI DELIMITAZIONE TIPOLOGIA AIUTI RICHIEDIBILI QUANDO SI PUO RICHIEDERE L AIUTO? ENTITÀDEGLI

Dettagli

AL COMUNE DI. Il sottoscritto nato a il residente nel Comune di via / località n. tel.

AL COMUNE DI. Il sottoscritto nato a il residente nel Comune di via / località n. tel. Bollo nell originale spazio riservato al protocollo AL COMUNE DI OGGETTO: Programma aziendale pluriennale di miglioramento agricolo-ambientale (P.A.P.M.A.A.) art.43 L.R. 3/1/2005 n.1 e art. 9 Regolamento

Dettagli

cognome nome nato a il / / residente a CAP indirizzo n. civico tel. fax. indirizzo di posta elettronica/posta elettronica certificata (PEC)

cognome nome nato a il / / residente a CAP indirizzo n. civico tel. fax. indirizzo di posta elettronica/posta elettronica certificata (PEC) Modulo in carta libera Alla PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Foreste e Fauna Ufficio Faunistico Via G.B. Trener, 3 38121 Trento PEC: serv.foreste@pec.provincia.tn.it DOMANDA DI INDENNIZZO DEI DANNI

Dettagli

12. - CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO PER IL RISARCIMENTO DEI DANNI PRODOTTI DA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE ED ITTICHE

12. - CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO PER IL RISARCIMENTO DEI DANNI PRODOTTI DA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE ED ITTICHE 12. - CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO PER IL RISARCIMENTO DEI DANNI PRODOTTI DA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE ED ITTICHE 12.1 Premesse La legge 157/92, prevede tre distinte tipologie

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI 2 ALLEGATO A) UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma)

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento di attuazione relativo all accertamento, valutazione e liquidazione a risarcimento dei danni causati all agricoltura da fauna selvatica protetta, in

Dettagli

ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI. Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO

ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI. Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO Ai sensi dell art. 125 comma 12 del D. Lgs. n. 163 del 2006 e s.m.i., avente ad oggetto il Codice

Dettagli

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA

AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA COMUNE DI Prot. n. Data di presentazione AL SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO AGRICOLTURA OGGETTO: D. Legislativi n. 99 del 29/3/2004 e n. 101/05 Domanda di accertamento del possesso dei requisiti di Imprenditore

Dettagli

UFFICIO CONTROLLI PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI RIESAME CON SOPRALLUOGO IN CAMPO. 1 di 9

UFFICIO CONTROLLI PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI RIESAME CON SOPRALLUOGO IN CAMPO. 1 di 9 UFFICIO CONTROLLI PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI RIESAME CON SOPRALLUOGO IN CAMPO 1 di 9 Sommario 1. SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 2. AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 3. FASI IN CUI PUÒ ESSERE PRESENTATA

Dettagli

CONVENZIONE DI AFFITTANZA AGRARIA AI SENSI DELL ART. 45 L. 3/5/82 N. 203. (Esente da bollo ai fini della registrazione ai sensi dell art. 25 Tab.

CONVENZIONE DI AFFITTANZA AGRARIA AI SENSI DELL ART. 45 L. 3/5/82 N. 203. (Esente da bollo ai fini della registrazione ai sensi dell art. 25 Tab. Allegato A) CONVENZIONE DI AFFITTANZA AGRARIA AI SENSI DELL ART. 45 L. 3/5/82 N. 203. (Esente da bollo ai fini della registrazione ai sensi dell art. 25 Tab. B del D.P.R. 30/12/82 n. 955 a integrazione

Dettagli

L.R. 53/97 art. 17 D.G.R. N. 16 DEL 02/02/2009 PRESTITO DI CONDUZIONE ANNO 2009 P R O C E D U R E

L.R. 53/97 art. 17 D.G.R. N. 16 DEL 02/02/2009 PRESTITO DI CONDUZIONE ANNO 2009 P R O C E D U R E L.R. 53/97 art. 17 D.G.R. N. 16 DEL 02/02/2009 PRESTITO DI CONDUZIONE ANNO 2009 P R O C E D U R E I prestiti di conduzione saranno assistiti dal concorso regionale sul pagamento degli interessi per un

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO AI SENSI DELLA L.R. N

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO AI SENSI DELLA L.R. N Comuni di: Cappella Maggiore, Cison di Valmarino, Cordignano, Farra di Soligo, Follina, Fregona, Miane, Pieve di Soligo, Refrontolo, Revine Lago, Sarmede, Segusino, Tarzo, Valdobbiadene, Vidor, Vittorio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO GRATUITO E LA GESTIONE DEGLI ORTI SOCIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO GRATUITO E LA GESTIONE DEGLI ORTI SOCIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO GRATUITO E LA GESTIONE DEGLI ORTI SOCIALI Indice Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità Art.3 Requisiti e criteri per la concessione 1 Art. 4 Modalità di concessione

Dettagli

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Approvato dal Consiglio Provinciale con deliberazione n. 117 del 10.12.2002 Modificato con delibera di Consiglio Provinciale n. 19 del 1.4.2004 1 REGOLAMENTO

Dettagli

FONDO DANNI STRUTTURE E IMPIANTI ARBOREI

FONDO DANNI STRUTTURE E IMPIANTI ARBOREI FONDO DANNI STRUTTURE E IMPIANTI ARBOREI PREMESSA L impianto arboreo di un vigneto o frutteto è un investimento importante che comporta dei costi imprenditoriali normalmente ammortizzati durante l intero

Dettagli

AL COMUNE DI ORBETELLO Sportello Unico per le Attività Produttive Via Don Carlo Steeb, 1 58015 Orbetello (Gr) (spazio riservato al Protocollo)

AL COMUNE DI ORBETELLO Sportello Unico per le Attività Produttive Via Don Carlo Steeb, 1 58015 Orbetello (Gr) (spazio riservato al Protocollo) AL COMUNE DI ORBETELLO Sportello Unico per le Attività Produttive Via Don Carlo Steeb, 1 58015 Orbetello (Gr) (spazio riservato al Protocollo) OGGETTO: Programma Aziendale Pluriennale di Miglioramento

Dettagli

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE. (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n.

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE. (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n. PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n. 7/R ) Il sottoscritto, nato il a ( ), residente a Via n. - tel. - nella sua

Dettagli

Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia

Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia DEC. N. 506 /DRPC/98 Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia L ASSESSORE ALLA PROTEZIONE CIVILE VISTA la legge regionale 31 dicembre 1986, n. 64, che disciplina l organizzazione delle strutture ed interventi

Dettagli

OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di ammissione ai benefici di legge.

OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di ammissione ai benefici di legge. Modello n. 4 Spett PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE AGRICOLTURA ED EXPO VIA F.LLI CALVI 10 24100 BERGAMO OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di

Dettagli

REGIONE TOSCANAGIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANAGIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANAGIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE SETTORE POLITICHE AGROAMBIENTALI, ATTIVITA' FAUNISTICA-VENATORIA

Dettagli

DELL ASPROMONTE Via AURORA 89050 GAMBARIE di S. Stefano in Aspromonte Tel 0965/743060 fax 0965/743026 e-mail: enteparcoaspromonte@tin.

DELL ASPROMONTE Via AURORA 89050 GAMBARIE di S. Stefano in Aspromonte Tel 0965/743060 fax 0965/743026 e-mail: enteparcoaspromonte@tin. ENTE PARCO NAZIONALE DELL ASPROMONTE Via AURORA 89050 GAMBARIE di S. Stefano in Aspromonte Tel 0965/743060 fax 0965/743026 e-mail: enteparcoaspromonte@tin.it REGOLAMENTO PROVVISORIO PER IL RISARCIMENTO

Dettagli

E N T E P AR C O REGION AL E G AL L I P OLI COGNATO - PICCOLE DOLOMITI LUCANE CONDIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA FIDA PASCOLO

E N T E P AR C O REGION AL E G AL L I P OLI COGNATO - PICCOLE DOLOMITI LUCANE CONDIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA FIDA PASCOLO E N T E P AR C O REGION AL E G AL L I P OLI COGNATO - PICCOLE DOLOMITI LUCANE CONDIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA FIDA PASCOLO Allegato alla D.C.D. 47 del 19/5/2010 CONDIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA FIDA PASCOLO

Dettagli

Settore 3 Servizi al Cittadino

Settore 3 Servizi al Cittadino Settore 3 Servizi al Cittadino Deliberazione della G.R. n.104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie,

Dettagli

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura Struttura di supporto giuridico e contabile Manuale Procedimentale per i Centri di servizio convenzionati Piano Zootecnico Regionale Misura 4

Dettagli

COMUNI DI: _l_ sottoscritt. nat_ a il / /, residente in n. civico (via, fraz., loc.) (c.a.p.) (comune) (prov.) CHIEDE

COMUNI DI: _l_ sottoscritt. nat_ a il / /, residente in n. civico (via, fraz., loc.) (c.a.p.) (comune) (prov.) CHIEDE Alla Provincia di Lecco Servizio Agricoltura Piazza L. Lombarda 4 23900 Lecco PEC provincia.lecco@lc.legalmail.camcom.it All Istituto di Credito Filiale di OGGETTO: D. Lgs 29 marzo 2004, n. 102 Interventi

Dettagli

Art. 3 Art. 4 Art. 5

Art. 3 Art. 4 Art. 5 Regolamento disciplinante i requisiti, i criteri e le modalità per l ottenimento della qualifica di Fattoria didattica e/o sociale in attuazione dell articolo 23 della legge regionale 4 giugno 2004, n.

Dettagli

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania)

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMEN- TO DANNI DERIVANTI DA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 17/03/2014) Sommario

Dettagli

Il/Ia sottoscritto/a nato/a. il, residente a. in via/loc. e/o allevamento zootecnico sito in agro del Comune di

Il/Ia sottoscritto/a nato/a. il, residente a. in via/loc. e/o allevamento zootecnico sito in agro del Comune di Allegato A Alla Provincia di Bari Servizio Agricoltura, Caccia, Pesca, Risorse Via Amendola 189/b 70100 Bari DOMANDA DI CONTRIBUTO PER DANNI ARRECATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE, ALLE

Dettagli

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 29.12.2015 1 INDICE

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE Allegato A alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. 513 del 19.12.2002 PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA

Dettagli

Regione Umbria. DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 1

Regione Umbria. DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 1 DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 1 D.P.C.M. 23 marzo 2013 Ordinanza del Commissario delegato n. 10 del 24 giugno 2013. Criteri, procedure

Dettagli

L.R. 18/2004, art. 23, c. 4 B.U.R. 18/3/2015, n. 11. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 marzo 2015, n. 047/Pres.

L.R. 18/2004, art. 23, c. 4 B.U.R. 18/3/2015, n. 11. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 marzo 2015, n. 047/Pres. L.R. 18/2004, art. 23, c. 4 B.U.R. 18/3/2015, n. 11 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 marzo 2015, n. 047/Pres. Regolamento recante requisiti e modalità per il riconoscimento della qualifica di fattoria

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DELLE AREE VERDI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI PALAU

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DELLE AREE VERDI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI PALAU REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DELLE AREE VERDI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI PALAU (approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 22.07.2014) Comune di Palau Pagina 1 Indice ARTICOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE COMUNE DI MONTESPERTOLI (PROVINCIA DI FIRENZE) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO Approvato con deliberazione C.C. n. 36 del 21.05.2012 Pagina 1 di 8 PREMESSA Il presente

Dettagli

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura U.D.Revisione contabile e conservazione dei provvedimenti di autorizzazione Manuale Procedimentale per i Centri di servizio convenzionati Piano

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. (UE) n. 1305/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e che abroga

Dettagli

ALLEGATO A : SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIENDA

ALLEGATO A : SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIENDA ALLEGATO A : SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIENDA A.1 Dati identificativi* A.1.1 Azienda Agricola A.1.2 Partita I.V.A. A.1.3 Recapito (Indirizzo, località, N telefono) A.1.4 Rappresentante legale A.2 Dati informativi

Dettagli

(approvato con deliberazione n. 49 del 7 dicembre 2010)

(approvato con deliberazione n. 49 del 7 dicembre 2010) Sede legale e amministrativa ex Convento delle Benedettine Via A. Manzoni n. 1 85052 Marsico Nuovo (PZ) Tel. 0975/344222 Fax. 0975/344203 e-mail: info@parcoappenninolucano.it C.F. 91008560764 P.IVA n.

Dettagli

COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI

COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. del 1 Sommario

Dettagli

TITOLO I FINALITA E ASPETTI GENERALI. Art. 1 - Obiettivi

TITOLO I FINALITA E ASPETTI GENERALI. Art. 1 - Obiettivi TITOLO I FINALITA E ASPETTI GENERALI Art. 1 - Obiettivi 1. Il presente Regolamento è finalizzato a definire nel Territorio della Riserva Naturale Statale Gola del Furlo (denominata in seguito Riserva)

Dettagli

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DELLA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA

Dettagli

Fauna ed incidenti stradali: attività di prevenzione nelle aree protette regionali del Lazio.

Fauna ed incidenti stradali: attività di prevenzione nelle aree protette regionali del Lazio. Fauna ed incidenti stradali: attività di prevenzione nelle aree protette regionali del Lazio. Saltari M. C., 1 Puddu G., 2 Monaco A., 3 1) Area Sistemi Naturali 2) Riserva Naturale Regionale Monterano

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 60 del 14.03.2013 Sommario TITOLO I - OGGETTO... 3 Art.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI OFFERTE DI AFFITTANZA AGRARIA DI TERRENI DELL ENTE SPES

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI OFFERTE DI AFFITTANZA AGRARIA DI TERRENI DELL ENTE SPES Prot. 2709 Padova, 30 giugno 2015 AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI OFFERTE DI AFFITTANZA AGRARIA DI TERRENI DELL ENTE SPES L Ipab SPES, Servizi alla Persona Educativi e Sociali, con sede in Padova

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI. in favore di

AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI. in favore di All. A AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI in favore di ASSOCIAZIONI ONLUS CHE HANNO SUBITO DANNI A CAUSA DEGLI ECCEZIONALI EVENTI ATMOSFERICI DEL 5 MARZO 2015 Si rende noto che

Dettagli

100 milioni di euro per i nuovi bandi

100 milioni di euro per i nuovi bandi Seminario - Lamezia Terme - venerdì 28 gennaio 2011 100 milioni di euro per i nuovi bandi Misure 1.2.1 e 1.2.3 Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale BANDI 121-123 ISTRUZIONI

Dettagli

COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI NEL SETTORE DELL AGRICOLTURA

COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI NEL SETTORE DELL AGRICOLTURA COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI NEL SETTORE DELL AGRICOLTURA APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 6 DEL 12.03.2008 1 ART. 1 - ISTITUZIONE DEL

Dettagli

COMUNICATO STAMPA FABBRICATI RURALI: DOMANDE DI VARIAZIONE DELLA CATEGORIA CATASTALE ENTRO IL 30

COMUNICATO STAMPA FABBRICATI RURALI: DOMANDE DI VARIAZIONE DELLA CATEGORIA CATASTALE ENTRO IL 30 COMUNICATO STAMPA FABBRICATI RURALI: DOMANDE DI VARIAZIONE DELLA CATEGORIA CATASTALE ENTRO IL 30 SETTEMBRE 2011 Il decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze 14 settembre 2011, pubblicato in data

Dettagli

proposta di legge n. 238

proposta di legge n. 238 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 238 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 30 marzo 2004 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 27 LUGLIO 1998, N. 24 CONCERNENTE: DISCIPLINA

Dettagli

SCHEDA D Ricognizione dei danni subiti dalle attività agricole e agroindustriali

SCHEDA D Ricognizione dei danni subiti dalle attività agricole e agroindustriali COMUNE DI n. progressivo scheda D: SCHEDA D Ricognizione dei danni subiti dalle attività agricole e agroindustriali REGIONE EVENTI DEL / / SEGNALAZIONE E QUANTIFICAZIONE DEL DANNO (Autocertificazione ai

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, nel quadro delle proprie

Dettagli

Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010

Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010 Comune dii Godega dii Sant Urbano (Proviinciia dii Treviiso) Regolamento comunale per l accesso al servizio di trasporto per l utenza svantaggiata. Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010 Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO DEL FONDO PER INIZIATIVE MUTUALISTICHE

REGOLAMENTO ATTUATIVO DEL FONDO PER INIZIATIVE MUTUALISTICHE REGOLAMENTO ATTUATIVO DEL FONDO PER INIZIATIVE MUTUALISTICHE TITOLO I NATURA - SCOPO DEL FONDO - RISCHI ASSUNTI ART. 1 - NATURA DEL FONDO E costituito un fondo per la difesa della produzioni agricole degli

Dettagli

Beneficiari del finanziamento

Beneficiari del finanziamento CONTRIBUTI PER LA RICOSTRUZIONE (riparazione e ripristino di edifici dichiarati temporaneamente inagibili o parzialmente inagibili - schede aedes con esito b / c (ORDINANZA N.29 DEL 28/08/2012 e n. 32

Dettagli

REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003

REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003 REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003 ARTICOLO 1 Il praticante che intenda iscriversi deve presentare, oltre ai documenti richiesti dall art.

Dettagli

Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica

Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica 1. PREMESSA Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo

Dettagli

Schema di regolamento comunale

Schema di regolamento comunale Schema di regolamento comunale Regolamento per l applicazione della maggiorazione tributaria a copertura dei costi relativi ai servizi indivisibili comunali (art. 14, comma 13, del D.L. 201/2011) SOMMARIO

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI COMUNICAZIONE DI MUTAMENTO DI CONDUZIONE AZIENDA

NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI COMUNICAZIONE DI MUTAMENTO DI CONDUZIONE AZIENDA NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI COMUNICAZIONE DI MUTAMENTO DI CONDUZIONE AZIENDA I produttori contraenti devono compilare il modulo in ogni parte, in stampatello, allegando la relativa

Dettagli

Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI

Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI DECRETO MINISTERIALE 162 del 12/01/2015 Decreto relativo alla SEMPLIFICAZIONE della gestione della

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali IL MINISTRO Prot. 0008809 VISTO il decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102 e successive modifiche, concernente interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole; VISTI i Capi I, III e IV del medesimo

Dettagli

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Allegato 1 al decreto n. ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Modalità e condizioni per la presentazione della domanda di contributo per le assicurazioni nel settore OCM Vitivinicolo Campagna 2010 1 Sommario

Dettagli

MISURA 112. 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori

MISURA 112. 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori MISURA 112 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori 2. Articoli di riferimento Titolo IV, Capo I, sezione 1, Articolo 20 lettera a) punto ii e sottosezione 1, Articolo 22 del Regolamento

Dettagli

CONTRATTO PER LA DEFINIZIONE DEI RAPPORTI GIURIDICI ED ECONOMICI PER

CONTRATTO PER LA DEFINIZIONE DEI RAPPORTI GIURIDICI ED ECONOMICI PER Allegato 1 CONTRATTO PER LA DEFINIZIONE DEI RAPPORTI GIURIDICI ED ECONOMICI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI NUOVE MODALITA DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE TRA l Azienda

Dettagli

KIT SINISTRI Assicuratrice Milanese

KIT SINISTRI Assicuratrice Milanese KIT SINISTRI Assicuratrice Milanese Gestione del rischio scolastico COSA DEVE FARE LA SCUOLA? GESTIONE DEI SINISTRI SE IL SINISTRO AVVIENE A SCUOLA O DURANTE ATTIVITÀ CHE COMPORTANO LA PRESENZA DI PERSONALE

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA RETE VIARIA PROVINCIALE * * * * * * * * *

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA RETE VIARIA PROVINCIALE * * * * * * * * * Allegato B SCHEMA DI CONVENZIONE CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA RETE VIARIA PROVINCIALE S.P.n. Km S.P.n. Km Intersezione: Comune: * * * * * * * * * L anno

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 5 ALLEGATO A Criteri e modalità di istituzione, autorizzazione e gestione delle Zone per l allenamento e l addestramento dei cani e per le gare e le prove cinofile (ZAC) (art. 33, l.r. 7/1995) Principi

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Servizio Alimentazione Ufficio Provinciale Alimentazione di Ufficio Agricolo di Zona di

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Servizio Alimentazione Ufficio Provinciale Alimentazione di Ufficio Agricolo di Zona di REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Servizio Alimentazione Ufficio Provinciale Alimentazione di Ufficio Agricolo di Zona di VERBALE DI CONTROLLO - CONSTATAZIONE sull assegnazione ed utilizzazione

Dettagli

COMUNE DI GROSSETO RELAZIONE AZIENDALE

COMUNE DI GROSSETO RELAZIONE AZIENDALE COMUNE DI GROSSETO Provincia di Grosseto RELAZIONE AZIENDALE ALLEGATO ALLA PRATICA DI EDILIZIA IN TERRITORIO RURALE Art. 73 comma 5 della L.R.T. 10 novembre 2014 n. 65 DITTA IL TECNICO 1 DATI DEL CONDUTTORE

Dettagli

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011)

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) REGOLAMENTO SULLA COOPERAZIONE SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 123 DEL 8 OTTOBRE 2001 (VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITÀ FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO. Su carta intestata dell istituto bancario

ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITÀ FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO. Su carta intestata dell istituto bancario Allegato A ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITÀ FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO Su carta intestata dell istituto bancario OGGETTO : Regione Puglia Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Bando pubblicato

Dettagli

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL RILASCIO DELLE CONCESSIONI PREFERENZIALI

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL RILASCIO DELLE CONCESSIONI PREFERENZIALI Art. 1 Generalità Il presente regolamento disciplina il procedimento amministrativo semplificato della concessione preferenziale in attuazione dell art.4 del T.U. 11.12.1933 n.1775 e dell art.34 della

Dettagli

COMUNE DI PALAIA. Eccezionalmente l uso può essere concesso per manifestazioni che si tengono al di fuori del territorio comunale.

COMUNE DI PALAIA. Eccezionalmente l uso può essere concesso per manifestazioni che si tengono al di fuori del territorio comunale. COMUNE DI PALAIA DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO A TERZI DI ATTREZZATURE COMUNALI (SEDIE E TAVOLI) PER L ORGANIZZAZIONE DI MANIFESTAZIONI E SPETTACOLI INDICE Art. 1 Oggetto. Art. 2 Modalità di concessione

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione SETTORE E FILIERA DELLA NAUTICA (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione INDICE PREMESSA...

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DA RESPONSABILITA CIVILE

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DA RESPONSABILITA CIVILE COMUNE DI FINO MORNASCO Provincia di Como Via Garibaldi n 78 Cap. 22073 codice fiscale/partita IVA 00308110139 tel. 031/ 883811 fax 031/ 8838241 e-mail: info@comune.finomornasco.co.it pec: comune.finomornasco.co@halleycert.it

Dettagli