CONFERENZA DI PRESENTAZIONE DELLE 23 NUOVE LAUREE MAGISTRALI DELLA FACOLTA DI ECONOMIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONFERENZA DI PRESENTAZIONE DELLE 23 NUOVE LAUREE MAGISTRALI DELLA FACOLTA DI ECONOMIA"

Transcript

1 CONFERENZA DI PRESENTAZIONE DELLE 23 NUOVE LAUREE MAGISTRALI DELLA FACOLTA DI ECONOMIA I rappresentanti degli Studenti e la commissione didattica paritetica

2 Contatti dei Docenti Presidenti dei Corsi di Laurea Magistrale Economia Brugiavini- Economia degli Scambi Internazionali Corò Amministrazione, Finanza e Controllo Bertinetti Economia e Gestione delle Aziende Micelli Marketing e Comunicazione Vescovi Economia e Finanza Billio Statistica per l impresa Pastore EGART Bernardi

3 Preside della Facoltà Prof.Dino Rizzi Obiettivi generali della Riforma Mussi Limitare il Numero di Esami a 12 Aumentare la mobilità fra Atenei Accesso Libero Netta separazione degli insegnamenti impartiti alle Magistrali Opzione (trasferimento dai corsi del vecchio ordinamento)

4 Domande Generali 1)Quale spazio per la formazione di competenze relazionali e di leadership? 2)Quale verifica di compatibilità ed interesse con il mondo del lavoro? 3)Quale spazio per testimonianze aziendali e confronti con il management e/o con i professionisti? 4)Quale differenza/similitudine con percorsi simili di altre Università? C è qualche modello di riferimento?

5 Domande specifiche 1) Quali competenze vengono acquisite frequentando questo corso di laurea? 2) Quali sono gli obiettivi formativi e gli sbocchi professionali? 3) Quali sono i requisiti di accesso e gli insegnamenti dati per noti? 4) Quanto pensa sarà difficile integrarsi per laureati che provengono da lauree triennali di diversa natura? 5) Quali sono state le modifiche rispetto ai precedenti percorsi e perchè?

6 Requisiti di Accesso Comuni* - voto di laurea: minimo 88/110 (75/110 solo per l'a.a ) - possesso di almeno 15 crediti in ciascuno dei seguenti ambiti disciplinari: Aziendale SECS-P/07 - Economia aziendale, SECS-P/08 - Economia e gestione delle imprese SECS-P/09 - Finanza aziendale SECS-P/10 - Organizzazione aziendale SECS-P/11 - Economia degli intermediari finanziari Economico SECS-P/01 - Economia politica SECS-P/02 - Politica economica SECS-P/03 - Scienza delle finanze SECS-P/04 - Storia del pensiero economico SECS-P/05 Econometria SECS-P/06 - Economia applicata SECS-P/12 - Storia economica Giuridico IUS/01 Diritto privato IUS/04 Diritto commerciale IUS/05 Diritto dell'economia IUS/07 Diritto del lavoro IUS/09 Istituzioni di diritto pubblico IUS/10 Diritto amministrativo IUS/12 Diritto tributario IUS/13 Diritto internazionale IUS/14 Diritto dell'unione europea Statistico - Matematico SECS-S/01 Statistica SECS-S/03 - Statistica economica SECS-S/06 - Metodi matematici dell'economia e delle scienze attuariali e finanziarie MAT/02 Algebra MAT/03 - Geometria MAT/05 - Analisi matematica MAT/06 - Probabilità e statistica matematica MAT/08 - Analisi numerica MAT/09 - Ricerca operativa Sono inoltre richiesti 3 crediti di lingua inglese (settore L-LIN/12 Lingua e traduzione lingua inglese)* I requisiti di accesso del corso in Statistica per l impresa sono diversi **Per il corso di laurea magistrale in Economia degli scambi internazionali sono richiesti anche 3 crediti di una seconda lingua straniera

7 Economia LM56 Scienze dell Economia 1) Quali competenze vengono acquisite frequentando questo corso di laurea? Il corso di laurea permetterà di acquisire le competenze necessarie per applicare con successo le conoscenze nella realtà economica. Il laureato in Economia sarà in grado di interpretare e rappresentare in modo sintetico i principali fenomeni economici relativi al funzionamento dei mercati e delle imprese, anche applicando strumentazioni matematico statistiche e utilizzando conoscenze giuridiche di base. Il laureato in Economia sarà in grado di valutare autonomamente il grado di efficienza dei mercati e delle scelte allocative all'interno di organizzazioni pubbliche e private, nonchè le implicazioni delle scelte pubbliche e private sul benessere collettivo. Il laureato in Economia sarà in grado di acquisire e comunicare informazioni relative al proprio campo di studi sia nei confronti di interlocutori specialisti sia nei confronti altri attori nelle organizzazioni economiche. Data la preparazione interdisciplinare e la solida base culturale fornita, il laureato in Economia sarà in grado di adeguarsi in modo flessibile a contesti istituzionali diversi e avrà sviluppato le capacità necessarie per proseguire con successo gli studi nel campo economico ed aziendale.

8 Economia LM56 Scienze dell Economia 2) Quali sono gli obiettivi formativi e gli sbocchi professionali? Il corso di laurea si propone di formare laureati che siano in grado di analizzare e interpretare i fenomeni economici a vari livelli (macroeconomico, di mercato, di impresa). L obiettivo perseguito è quello di fornire agli studenti una formazione flessibile e polivalente fondata su una visione generale delle problematiche economiche, matematico-statistiche, aziendali e giuridiche. In particolare saranno trattati i fenomeni economici relativi al funzionamento e alla regolamentazione dei mercati, al commercio e alle relazioni internazionali e alla politica economica. Il laureato in Economia e commercio disporrà delle conoscenze necessarie per proseguire gli studi al livello di laurea magistrale o di master, sia di tipo economico che aziendale. Quanto agli sbocchi professionali. Il laureato in Economia sarà in grado di svolgere autonomamente attività professionali di alto livello nel settore economico privato, in quello pubblico e in centri di ricerca. Lo sbocco professionale principale è quello di Economista. Il curriculum Economics and Management - impartito in inglese - offre la possibilità di lavorare in centri e organismi nazionali e internazionali e in aziende che operano sui mercati internazionali, offre la preparazione per l accesso a un dottorato di ricerca e la preparazione per svolgere ruoli dirigenziali all'interno delle imprese e delle pubbliche amministrazioni e autorità di vigilanza o valutazione.. Il curriculum Economia dell Ambiente offre la possibilità di lavorare in centri e organismi nazionali e internazionali che si occupano di questioni ambientali, offre la preparazione per svolgere ruoli dirigenziali all'interno delle imprese e delle pubbliche amministrazioni. Il curriculum Regolazione dei Mercati offre la possibilità di svolgere ruoli dirigenziali in aziende e istituzioni che operano anche sui mercati internazionali, di svolgere ruoli dirigenziali all'interno delle pubbliche amministrazioni. Il curriculum Economia Regionale offre la possibilità di lavorare in centri e organismi nazionali e internazionali e in aziende che si occupano di sistemi locali, offre la preparazione per svolgere ruoli dirigenziali all'interno delle imprese e delle pubbliche amministrazioni particolarmente nel management urbano. Il curriculum Economia dei sistemi turistici offre la possibilità di lavorare in centri e organismi nazionali e internazionali e in aziende che si occupano di sistemi turistici. Offre la preparazione per svolgere ruoli dirigenziali all'interno delle imprese turistiche Per tutti i curricula il laureato potrà anche proporsi come esperto nella progettazione e nell'uso degli strumenti tipici della programmazione economica e nella promozione dello sviluppo in ambito nazionale e comunitario

9 Economia LM56 Scienze dell Economia 3) Quali sono i requisiti di accesso e gli insegnamenti dati per noti? Come per gli altri corsi di laurea magistrale i requisiti di accesso sono: possesso della laurea o del diploma universitario di durata triennale, ovvero di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo voto di laurea: minimo 88/110 (75/110 solo per l'a.a ) possesso di almeno 15 crediti in ciascuno dei seguenti ambiti disciplinari: economico, aziendale, quantitativo e giuridico e 3 crediti di lingua inglese Il curriculum Economics and Management impartito in inglese richiede una padronanza della lingua inglese. Non si prevede l'ammissione con carenze formative. Il laureato in Economia e commercio deve aver acquisito conoscenze di base nelle principali aree disciplinari della classe (economica, matematicostatistica, giuridica, aziendale). In particolare deve: - conoscere e comprendere il funzionamento dei mercati, - conoscere i processi decisionali di base delle organizzazioni economiche, - conoscere il contesto normativo in cui operano gli agenti economici.

10 Economia LM56 Scienze dell Economia 4) Quanto pensa sarà difficile integrarsi per laureati che provengono da lauree triennali di diversa natura? Per i laureati che provengono da lauree triennali di diversa natura l integrazione non sarà difficoltosa in quanto le nozioni date per acquisite saranno quelle di base. Inoltre la diversificazione in sei curricula permette allo studente di scegliere il percorso più vicino ai suoi interessi e alla propria preparazione. Ovviamente il curriculum Economics and Management impartito in inglese richiede una padronanza della lingua inglese. 5) Quali sono state le modifiche rispetto ai precedenti percorsi e perchè? La nuova laurea magistrale in ECONOMIA si articola in sei curricula: Economics and Management Economia dell Ambiente Regolazione dei Mercati Economia Regionale Economia dei Sistemi Turistici Erasmus Mundus Seppur caratterizzati da un ampia base comune di insegnamenti, relativa ai fondamenti dell economia, tali curricula garantiscono la possibilità di specializzarsi rispetto a cinque percorsi, Un percorso che si focalizza sull analisi economica e delle imprese a livello internazionale (in inglese), un percorso che prepara a esperti dell ambiente, un percorso che sviluppa aspetti giuridico-istituzionali, un percorso che privilegia gli aspetti economici regionali, un percorso che prepara esperti di sistemi turistici e un percorso dedicato a studenti di paesi terzi (Erasmus Mundus) Per il curriculum che prepara alla consulenza contabile e giuridica è previsto di riservare un congruo numero di CFU al tirocinio. Inoltre, il regolamento didattico prevederà che lo studente possa utilizzare anche interamente i 12 crediti a libera scelta per svolgere tirocini presso imprese e enti pubblici.

11 Economia LM56 Scienze dell Economia Curriculum Economics and Management (in inglese) Area Settore Insegnamento Crediti Economica SECS-P/01 Advanced Microecoenomics 12 SECS-P/02 Advanced Macroeconomics 12 SECS-P/01 Advanced Industrial Economics 6 SECS-P/03 Advanced Public Economics 6 SECS-P/05 Econometrics 6 Aziendale SECS-P/07 Controls and Governance in Modern Institutions 12 Matematico-statistica SECS-S/03 Advanced Data Analysis 6 SECS-S/06 Mathematics for Economics 6 Giuridica IUS/13 International Business Law 6 Altro 2 insegnamenti da 6 crediti a scelta tra: 12 SECS-P/10 Organization of the firm AGR/01 Agricultural markets and firms SECS-P/12 Economic History A libera scelta 12 Altre conoscenze utili per l'inserimento nel mondo del lavoro 1 Prova finale 23 Totale crediti 120

12 Curriculum Economia dell'ambiente Economia LM56 Scienze dell Economia Area Settore Insegnamento Crediti Economica SECS-P/01 Microeconomia avanzato 6 SECS-P/02 Macroeconomia avanzato 6 SECS-P/01 Economia e gestione dei cambiamenti climatici 6 SECS-P/03 Economia e politica dell'ambiente 12 SECS-P/05 Econometria 6 SECS-P/12 Storia ambientale 6 Aziendale SECS-P/07 Contabilità ambientale e responsabilità sociale di impresa 6 SECS-P/08 Gestione dell'impresa 12 Matematico-statistica SECS-S/01 Statistica ambientale 6 Giuridica IUS/10 Diritto dell'ambiente 6 Altro AGR/02 Modellistica e valutazione integrata dei sistemi ecologici 12 A libera scelta 12 Altre conoscenze utili per l'inserimento nel mondo del lavoro 1 Prova finale 23 Totale crediti 120

13 Curriculum Regolazione dei mercati Economia LM56 Scienze dell Economia Area Settore Insegnamento Crediti Economica SECS-P/01 Microeconomia avanzato 6 SECS-P/02 Macroeconomia avanzato 6 SECS-P/03 Economia Pubblica 12 SECS-P/05 Econometria 6 Aziendale SECS-P/08 Gestione dell'impresa 12 Matematico-statistica SECS-S/03 Statistica economica 6 Giuridica IUS/10 Diritto della regolazione dei mercati 12 IUS/13 Diritto internazionale dell'economia 6 IUS/02 Diritto comparato 6 IUS/14 Diritto dell'unione Europea 6 Altro AGR/01 Politica agricola comunitaria 6 A libera scelta 12 Altre conoscenze utili per l'inserimento nel mondo del lavoro 1 Prova finale 23 Totale crediti 120

14 Curriculum Economia regionale Economia LM56 Scienze dell Economia Area Settore Insegnamento Crediti Economica SECS-P/01 Microeconomia avanzato 6 SECS-P/02 Macroeconomia avanzato 6 SECS-P/05 Econometria 6 SECS-P/06 Economia dei sistemi locali 12 SECS-P/06 Management urbano 6 SECS-P/06 Economia urbana e regionale 12 Aziendale SECS-P/08 Gestione dell'impresa 12 Matematico-statistica SECS-S/03 Statistica economica per dati spaziali 6 Giuridica IUS/13 Diritto internazionale dell'economia 6 Altro AGR/01 Economia e politica dei sistemi agroalimentari 6 1 insegnamento da 6 crediti a scelta tra: 6 MGGR/01 Sistemi informativi geografici SECS-P/12 Storia economica regionale AGR/01 Economia dello sviluppo rurale A libera scelta 12 Altre conoscenze utili per l'inserimento nel mondo del lavoro 1 Prova finale 23 Totale crediti 120

15 Economia LM56 Scienze dell Economia Curriculum Economia dei sistemi turistici Area Settore Insegnamento Crediti Economica SECS-P/01 Microeconomia avanzato 6 SECS-P/02 Macroeconomia avanzato 6 SECS-P/05 Econometria 6 SECS-P/06 Economia e politica del turismo avanzato 12 SECS-P/06 Economia e politica dei sistemi turistici 12 Aziendale SECS-P/08 Gestione dell'impresa 12 SECS-P/08 Destination Management 6 Matematico-statistica SECS-S/03 Statistica della customer satisfaction 6 SECS-S/06 Metodi decisionali quant. settore turistico 6 Giuridica IUS/10 Legislazione del turismo avanzato 6 Altro AGR/01 Economia e gestione del territorio rurale 6 A libera scelta 12 Altre conoscenze utili per l'inserimento nel mondo del lavoro 1 Prova finale 23 Totale crediti 120

16 ECONOMIA DEGLI SCAMBI INTERNAZIONALI TV- LM-56 Scienze dell'economia 1) Quali competenze vengono acquisite frequentando questo corso di laurea? Il corso fornisce contenuti approfonditi e strumenti analitici avanzati nell ambito dell economia e finanza internazionale, dell organizzazione multinazionale delle imprese e dei sistemi produttivi. In particolare i laureati che completeranno questo CdLM saranno in grado di: - utilizzare gli strumenti economici e giuridici necessari ad analizzare gli scenari economici internazionali, sia dal punto di vista industriale che finanziario; - interpretare, attraverso l impiego di strumenti avanzati di analisi quantitativa, l evoluzione dei processi di internazionalizzazione, per supportare l attività decisionale all interno delle imprese multinazionali e di organismi ed istituzioni internazionali; - analizzare i potenziali di sviluppo e innovazione negli scambi internazionali, imparando a gestire progetti di cooperazione internazionale all interno di organismi, istituzioni ed imprese internazionali; - valutare gli scenari competitivi internazionali, in particolare quelli connessi all organizzazione di catene globali del valore, operando sulle funzioni di produzione, ricerca, marketing, logistica e finanza. Il CdLM si distingue in due curricula: - Il percorso economico-istituzionale fornisce conoscenze approfondite sul funzionamento delle organizzazioni multilaterali e della cooperazione internazionale, e consente di acquisire gli elementi utili per analizzare la politica macroeconomica in un quadro di interdipendenze internazionali; - Il percorso economico-industriale fornisce conoscenze sui processi di innovazione e sull organizzazione logistica della produzione nelle reti trans-nazionali, nonché sui modelli di gestione finanziaria e contrattuale delle imprese multinazionali. Il corso di laurea permette allo studente di approfondire la conoscenza delle lingue inglese, francese, tedesco e spagnolo, nella prospettiva specifica del linguaggio economico e per affari. Lo studente può inoltre acquisire competenze di mediazione culturale e di introduzione alla lingua rumena e cinese.

17 ECONOMIA DEGLI SCAMBI INTERNAZIONALI TV- LM-56 Scienze dell'economia 2) Quali sono gli obiettivi formativi e gli sbocchi professionali? Il laureato che esce da questo CdLM sarà una figura in grado di comprendere il funzionamento e i problemi di regolazione dei mercati in economie aperte, di costruire analisi degli scenari economici e finanziari internazionali, di valutare le opportunità di business e sviluppare strategie aziendali nel mercato globale. Gli sbocchi occupazionali e le attività professionali riguardano le funzioni di elevata responsabilità nelle imprese multinazionali e negli istituti di credito, ma anche in ambiti istituzionali, quali organismi internazionali, centri di ricerca presso enti territoriali, nazionali ed internazionali, amministrazioni pubbliche, organismi sindacali e professionali. Fra gli sbocchi occupazionali sono da considerare anche la libera professione nell'area dei servizi e dell organizzazione economica internazionale. In particolare, considerando i due diversi curricula: - nell ambito degli organismi e delle istituzioni internazionali i laureati saranno economisti in grado competere con i loro colleghi di altri paesi nell occupare posizioni dirigenziali, ove siano richieste conoscenze specialistiche di economia e finanza internazionale, nonché di politica economica internazionale e del diritto internazionale. Il laureato sarà inoltre in grado di svolgere attività libero professionale nell ambito della stesura e gestione dei progetti internazionali. - nell ambito delle imprese internazionali, l attività professionale del laureato sarà principalmente orientata all analisi e all organizzazione della produzione a scala globale, all'implementazione delle strategie di vendita delle imprese sui mercati esteri, alla creazione di reti distributive, commerciali e logistiche, al monitoraggio delle vendite e del gradimento sul mercato dei beni e dei servizi commercializzati. Presso le società di consulenza, l attività professionale del laureato magistrale potrà svilupparsi principalmente nelle aree commerciali e organizzative, di pianificazione strategica, di gestione di fusioni ed acquisizioni e nelle attività di supporto al controllo d impresa e alla sua governance, sia sul piano organizzativo internazionale che su quello giuridico, nonché alle scelte di struttura finanziaria.

18 ECONOMIA DEGLI SCAMBI INTERNAZIONALI TV- LM-56 Scienze dell'economia 3) Quali sono i requisiti di accesso e gli insegnamenti dati per noti? I requisiti richiesti sono: - possesso di almeno 15 crediti per ciascuno dei seguenti ambiti disciplinari: economico, aziendale, quantitativo e giuridico. - conoscenza della lingua inglese e di una seconda lingua straniera a livello B1. Non si prevede l'ammissione con carenze formative. Viene data per acquisita una adeguata conoscenza (a livello di primo ciclo di insegnamento universitario) delle seguenti discipline: - microeconomia e macroeconomia, - economia aziendale, - matematica e matematica finanziaria, - statistica descrittiva e inferenza, - diritto pubblico e privato. 4) Quanto pensa sarà difficile integrarsi per laureati che provengono da lauree triennali di diversa natura? Questo CdLM è pensato sia come completamento del CdL triennale in Commercio estero, ma anche come percorso di specializzazione per laureati in discipline economico-aziendali e di scienze politiche e diplomatiche con indirizzo economico. In questo secondo caso, fatti salvi i requisiti di accesso, è consigliato integrare la preparazione con lo studio dei principali modelli dell economia internazionale. Per facilitare l inserimento dei laureati provenienti da CdL diversi da Commercio estero è prevista l organizzazione di uno specifico servizio di tutorato. 5) Quali sono state le modifiche rispetto ai precedenti percorsi e perché? Il nuovo corso di laurea magistrale corregge sostanzialmente il corso preesistente, con una razionalizzazione degli insegnamenti all interno di due distinti percorsi formativi, ed una forte impronta internazionale in tutte le discipline. In particolare, viene dato più spazio alla Finanza internazionale, all Economia industriale internazionale e dell innovazione, all analisi dell interazione strategica e delle problematiche geopolitiche e istituzionali a scala globale. Anche negli insegnamenti delle discipline aziendali, sono stati eliminati i corsi generali per sostituirli con esami specialistici in materia internazionale, spostando ogni insegnamento di base o generalista nella laurea triennale in Commercio Estero. Inoltre è stata ampliata l offerta formativa linguistica con l inserimento di due prove libere sulla lingua rumena e sulla mediazione culturale con la Cina.

19 ECONOMIA DEGLI SCAMBI INTERNAZIONALI TV- LM-56 Scienze dell'economia Comuni a tutti i curricula (78crediti) Area Settore Insegnamento Crediti Economica SECS-P/05 Economia ed Econometria della Finanza Internazionale 12 Aziendale SECS-P/07 Ragioneria Internazionale avanzato 6 SECS-P/11 Istituzioni e Mercati finanziari internazionali 6 Matematico- statistica SECS-S/03 Analisi statistica dei mercati 6 SECS-S/06 Metodi e Modelli Quantitativi per le scelte finanziarie 6 Giuridica IUS/13 Diritto del commercio internazionale 6 Altro A libera scelta 12 Altre conoscenze utili per l'inserimento nel mondo del lavoro 1 Prova finale 23

20 ECONOMIA DEGLI SCAMBI INTERNAZIONALI -TV- LM-56 Scienze dell'economia Curriculum Economia delle istituzioni e del commercio internazionale (42 c) Area Settore Insegnamento Crediti Economica SECS-P/01 Economia internazionale 6 SECS-P/02 Politica economica internazionale e dell'integrazione europea 12 SECS-P/02 Economia della crescita e della globalizzazione 12 Altro 2 insegnamenti da 6 crediti a scelta tra: 12 IUS/02 Diritto commerciale comparato e comunitario IUS/14 Diritto comunitario e internazionale degli investimenti SPS/07 Sociologia della cooperazione internazionale M-GGR/02 Geografia dello sviluppo economico SECS-P/04 Storia del pensiero economico SECS-P/12 Storia del commercio internazionale

21 ECONOMIA DEGLI SCAMBI INTERNAZIONALI -TV- LM-56 Scienze dell'economia Curriculum Economia industriale internazionale (42 c) Area Settore Insegnamento Crediti Economica SECS-P/01 Economia industriale internazionale 12 SECS-P/06 Economia dell'innovazione e dei sistemi logistici 12 Aziendale SECS-P/09 Gestione aziendale dei rischi finanziari 6 SECS-P/10 Organizzazione delle aziende internazionali avanzato 6 Giuridica IUS/12 Diritto Tributario Internazionale 6

22 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO LM-77 Scienze economico-aziendali 1) Quali competenze vengono acquisite frequentando questo corso di laurea? Il corso di laurea permetterà di acquisire le competenze necessarie per operare con successo all interno della funzione AFC, funzione di rilevanza fondamentale in ogni tipo di azienda: industriale; commerciale; di servizi; finanziaria; non profit. Il percorso formativo prevede un approfondimento delle modalità di rappresentazione contabile delle aziende e delle loro aggregazioni, dei sistemi di controllo di gestione e delle politiche finanziarie aziendali. Nella parte comune sono previsti anche insegnamenti di economia dei mercati valutarie finanziari, di scienza delle finanze e di strumenti di matematica finanziaria per le imprese. Attraverso l'articolazione in specifici curricula, il percorso formativo permette di focalizzare l attenzione su specifici punti di vista, quali, ad esempio: le conoscenze utili alla consulenza in campo contabile e giuridico; la direzione amministrativa delle aziende, sia di piccola/media che di grande dimensione; l accesso al mercato dei capitali e le problematiche di comunicazione finanziaria legate sia alla quotazione nei mercati regolamentati internazionali sia ai rapporti con gli intermediari finanziari.

23 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO LM-77 Scienze economico-aziendali 2) Quali sono gli obiettivi formativi e gli sbocchi professionali? Il corso di laurea magistrale in Amministrazione Finanza e Controllo si propone di formare laureati in grado di: padroneggiare le problematiche della rappresentazione contabile e comunicazione dell attività delle aziende e delle loro aggregazioni, secondo standard nazionali e internazionali; impostare i parametri di progettazione dei sistemi di controllo di gestione, riferiti sia ai processi operativi che a quelli finanziari; governare la predisposizione della strumentazione tecnico-contabile e degli altri strumenti informativi necessari a supportare l attività decisionale; supportare i gestori operativi nell utilizzazione dell informazione economica; individuare le forme di finanziamento e gli strumenti di raccolta più appropriati e sviluppare relazioni significative tra l impresa e i mercati finanziari; supportare l impostazione delle strategie finanziarie dell azienda; progettare strutture tecniche e processi per il controllo dei rischi aziendali e supportare le azioni conseguenti; valutare le fondamentali implicazioni giuridiche delle decisioni e dei comportamenti aziendali, con riferimento sia all organizzazione interna che ai rapporti con i terzi. Quanto agli sbocchi professionali. Il laureato magistrale in Amministrazione Finanza e Controllo è in grado di svolgere, all interno delle aziende, attività di responsabile amministrativo, di responsabile finanziario e di responsabile del controllo di gestione (controller). È inoltre in grado di svolgere attività libero professionale come consulente nell area Amministrazione, finanza e controllo. Dopo il sostenimento dell apposito esame di stato potrà iscriversi all'albo dei Dottori commercialisti.

24 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO LM-77 Scienze economico-aziendali 3) Quali sono i requisiti di accesso e gli insegnamenti dati per noti? Come per gli altri corsi di laurea magistrale i requisiti di accesso sono: possesso della laurea o del diploma universitario di durata triennale, ovvero di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo voto di laurea: minimo 88/110 (75/110 solo per l'a.a ) possesso di almeno 15 crediti in ciascuno dei seguenti ambiti disciplinari: economico, aziendale, quantitativo e giuridico e 3 crediti di lingua inglese Non si prevede quindi l'ammissione con carenze formative. Viene data per acquisita una adeguata conoscenza (a livello di primo ciclo di insegnamento universitario) delle seguenti discipline: ragioneria (rilevazione contabile e bilancio d esercizio, analisi di bilancio); analisi e contabilità dei costi (classificazione dei costi, utilizzo dei costi nelle decisioni aziendali, il budget); diritto commerciale (l imprenditore, l azienda, i diversi tipi di società); finanza aziendale (dinamica finanziaria aziendale, costo del capitale, valutazione degli investimenti). 4) Quanto pensa sarà difficile integrarsi per laureati che provengono da lauree triennali di diversa natura? Per i laureati che provengono da lauree triennali di diversa natura l integrazione non sarà difficoltosa in quanto le nozioni date per acquisite saranno limitate e di base, non essendoci una laurea triennale in Amministrazione Finanza e Controllo a cui fare riferimento. Ovviamente chi dovesse provenire dal curriculum in AFC previsto dalla nuova triennale di Ca Foscari potrà muovere da una base già consolidata. 5) Quali sono state le modifiche rispetto ai precedenti percorsi e perchè? Nella nuova laurea magistrale in Amministrazione Finanza e Controllo si articola in tre curricula: Consulenza amministrativa; Amministrazione aziendale; Corporate finance. Seppur caratterizzati da un ampia base comune di insegnamenti, relativa ai fondamenti della gestione amministrativa e finanziaria delle aziende, tali curricula garantiscono la possibilità di specializzarsi rispetto a tre principali ottiche, quella del consulente esterno (Dottore Commercialista); quella del responsabile interno dell amministrazione e/ del controllo di gestione; quella del responsabile finanziario. Per il curriculum che prepara alla consulenza contabile e giuridica è previsto di riservare un congruo numero di CFU al tirocinio. Inoltre, il regolamento didattico prevederà che lo studente possa utilizzare anche interamente i 12 crediti a libera scelta per svolgere tirocini presso imprese e enti pubblici.

25 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO LM-77 Scienze economico-aziendali Curriculum Consulenza amministrativa Area Settore Insegnamento Crediti Aziendale SECS-P/07 Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 12 SECS-P/07 Programmazione e controllo 6 SECS-P/09 Politiche finanziarie aziendali 6 Economica SECS-P/01 Economia dei mercati valutari e finanziari 6 SECS-P/03 Scienza delle finanze avanzato 6 Matematico-statistica SECS-S/06 Problemi di matematica finanziaria per le imprese 6 Giuridica IUS/07 Diritto del lavoro e della previdenza sociale 6 IUS/12 Diritto tributario avanzato A 6 IUS/12 Diritto tributario avanzato B 6 IUS/17 Diritto penale dell'economia 6 IUS/15 Diritto fallimentare 6 Altro A libera scelta 12 Tirocinio 12 Altre conoscenze utili per l inserimento nel mondo del lavoro 1 Prova finale 23 Totale crediti 120

26 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO LM-77 Scienze economico-aziendali Curriculum Amministrazione aziendale Area Settore Insegnamento Crediti Aziendale SECS-P/07 Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 12 SECS-P/07 Strategia aziendale e sistemi di programmazione e controllo 12 SECS-P/07 Misurazione della performance aziendale 6 SECS-P/09 Politiche finanziarie e strategie di investimento 12 Economica SECS-P/01 Economia dei mercati valutari e finanziari 6 SECS-P/03 Scienza delle finanze avanzato 6 Matematico-statistica SECS-S/06 Problemi di matematica finanziaria per le imprese 6 INF/01 Sistemi di elaborazione delle informazioni 12 Giuridica IUS/07 Relazioni industriali 6 IUS/15 Diritto fallimentare 6 Altro A libera scelta 12 Altre conoscenze utili per l inserimento nel mondo del lavoro 1 Prova finale 23 Totale crediti 120

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI

CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI 2011/2012 2012/2013 2013/2014 Iscritti I anno I volta Iscritti totali

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

Corso di Studio in (Classe L-18) (Classe LM-77) Guida dello studente A.A. 2014/2015. Agli Studenti del Dipartimento di Economia Aziendale

Corso di Studio in (Classe L-18) (Classe LM-77) Guida dello studente A.A. 2014/2015. Agli Studenti del Dipartimento di Economia Aziendale Guida dello studente A.A. 2014/2015 Agli Studenti del Dipartimento di Economia Aziendale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO CHIETI-PESCARA GUIDA DELLO STUDENTEE OFFERTA FORMATIVAA e PROGRAMMI di INSEGNAMENTO

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore L art. 32 del D. Lgs. 81/08 disciplina i requisiti per lo svolgimento delle funzioni di RSPP e ASPP. Tali requisiti

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

I laureati magistrali in Scienze Statistiche

I laureati magistrali in Scienze Statistiche http://www.safs.unifi.it I laureati magistrali in Scienze Statistiche I nostri testimonial Nota: la Laurea Magistrale in Statistica, Scienze Attuariali e Finanziarie è stata attivata nell a.a. 2012/2013

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari Lista dei Settri Cncrsuali cn i relativi settri scientific disciplinari 01/A1 - LOGICA MATEMATICA E MATEMATICHE COMPLEMENTARI MAT/01 MAT/04 01/A2 - GEOMETRIA E ALGEBRA MAT/02 MAT/03 01/A3 - ANALISI MATEMATICA,

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento Emanuela Stefani - Fondazione CRUI f Vincenzo Zara - Università del Salento LA RIFORMA UNIVERSITARIA LA NORMATIVA NAZIONALE La normativa nazionale Riferimenti normativi Corsi di Laurea Corsi di Laurea

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f.

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f. AG RO AM BI EN TA LE ANI CA CC ME ELETT ROTEC NICA ELETT RONIC A LE IENDA Z A O MIC ECONO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO UFFICIO SCOLASTICO

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli