CLASSE 5^ B AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLASSE 5^ B AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE PRIMO LEVI QUARTU SANT ELENA ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (L. 425/97-DPR 323/98 ART. 5.2) CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^ B AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO 2014/15 DOCUMENTO PREDISPOSTO DAL CONSIGLIO DELLA CLASSE QUINTA B

2 CONTENUTO 1.Premessa 2.L Indirizzo: Amministrazione Finanza e Marketing 3.Elenco dei candidati interni 4.Composizione del Consiglio di Classe 5.Profilo della classe in relazione alla situazione di ingresso 6.Presentazione della situazione di profitto e comportamento della classe 7.Sintesi del percorso formativo dell ultimo anno (alla data di stesura del Documento) 8.Criteri comuni per la corrispondenza tra voti e livelli di conoscenza e abilità 9.Attività programmate nel periodo compreso tra la stesura del Documento finale e l inizio dell esame 10. Iniziative integrative 11 Schede informative sulla simulazione di Terza prova 12.Griglia di correzione 13.Criteri della valutazione finale e criteri assegnazione crediti 14.Piani di lavoro individuali Quartu S.Elena 15Maggio 2015 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Enrico Frau

3 1.Premessa Il Consiglio della classe V sez. B, nella seduta dell 11 maggio 2015 sulla base della programmazione didattico-educativa annuale coordinata, redatta in attuazione degli obiettivi culturali e formativi specifici d'indirizzo e delle finalità generali contenute nel Piano dell'offerta formativa approvato dal Collegio dei docenti, elabora il presente documento destinato alla Commissione d'esame. Ai sensi delle vigenti disposizioni normative sugli Esami di Stato conclusivi del corso di studi, il documento esplicita i contenuti disciplinari, i metodi, i mezzi, gli spazi, i tempi del percorso formativo, nonché i criteri e gli strumenti di valutazione adottati, gli obiettivi raggiunti dagli alunni al termine del corrente anno scolastico (in termini di conoscenze, competenze e capacità all'interno delle singole discipline e nelle aree disciplinari interrelate), ed ogni altro elemento significativo, utile ai fini dello svolgimento degli esami di Stato. 2.L indirizzo. Amministrazione Finanza e Marketing L'indirizzo forma esperti in problemi di economia aziendale in grado di partecipare al lavoro organizzato individuale o di gruppo in qualunque tipologia di azienda, in linea con le indicazioni provenienti dal mondo scientifico e dal sistema produttivo. Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing, oltre a una buona cultura generale di carattere storico-letterario unita alla conoscenza di due lingue comunitarie a livello comunicativo e commerciale/economico, ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale. I diplomati possono pertanto lavorare, come dipendenti e/o consulenti, sia in aziende private (aziende commerciali e di produzione, banche e agenzie finanziarie, assicurazioni ecc) che pubbliche, oppure possono proseguire gli studi in tutte le facoltà universitarie con preferenza per quelle dell'area giuridicoeconomica. 3. ELENCO DEI CANDIDATI INTERNI Cognome Nome Classe di provenienza Sez/Corso 1.Biddiri Andrea QUARTA B 2.Brundu Alessia QUARTA B 3.Casula Edoardo QUARTA B 4.Conti Carla QUARTA B 5.Falqui Michele QUARTA B 6.Frigau Debora QUARTA B 7.Ghironi Erika QUARTA B 8.Matta Stefano QUARTA B 9.Melis Miriam QUARTA B 10.Orrù Alberto QUARTA B 11.Pilleri Maria Rita QUARTA B 12.Puddu Laura QUARTA B 13. Salis Ylenia QUARTA B 14.Serra Francesca Maria QUARTA B 15.Siddi Erika QUARTA B 16.Spano Philippe Mark QUARTA B 17.Zanata Alessia QUARTA B

4 4.Composizione del Consiglio di classe DISCIPLINA DOCENTE FIRMA ITALIANO E STORIA 2 Lingua straniera SPAGNOLO INGLESE ECONOMIA AZIENDALE ECONOMIA POLITICA,SCIENZA DELLE FINANZE TRIBUTARIO Rita Loi Anna Murru Carlo Mauri Enrico Pani Lucio Frau DIRITTO MATEMATICA EDUCAZIONE FISICA RELIGIONE Lucio Frau Pierandrea Lippi Giuliana Martinez Sergio Tuveri Coordinatrice del CONSIGLIO DI CLASSE Professoressa Rita Loi

5 Commissari interni per l Esame di Stato Docente Materia Prof. Pierandrea Lippi Matematica Prof. Anna Murru Prof.ssa Rita Loi 2 Lingua straniera Spagnolo Italiano e Storia 5. PROFILO DELLA CLASSE IN RELAZIONE ALLA SITUAZIONE INIZIALE Analisi iniziale della classe Composizione: 17 iscritti di cui maschi n 6 e femmine n 11 Provenienza degli allievi: 17 dalla 4^ B Amministrazione Finanza e Marketing Al momento della stesura del Documento gli alunni frequentanti sono 17 - Per l individuazione delle fasce di livello il Consiglio di Classe ritiene opportuno attenersi alla media aritmetica dei voti conseguiti dagli alunni attualmente frequentanti in sede di scrutinio finale nell anno scolastico 2013 /2014 Situazione relativa allo scrutinio finale NOME E COGNOME MEDIA SCRUTINIO Biddiri Andrea 7,00 no Sospensione del giudizio Recuperato MEDIA SCRUTINIO Brundu Alessia 7,00 no Casula Edoardo 7,00 no Conti Carla 7,00 no Falqui Michele 7,00 no Frigau Debora si 6,73

6 Ghironi Erika si 6,91 Matta Stefano si 6,64 Melis Miriam 6,73 no Orrù Alberto si 6,27 Pilleri Maria Rita 7,00 no Puddu Laura 7,64 no Salis Ylenia si 6,73 Serra Francesca Maria 7,55 no Siddi Erika 7,00 no Spano Philippe Mark si 6,27 Zanata Alessia 7,00 no 6. PRESENTAZIONE DELLA SITUAZIONE DI PROFITTO E COMPORTAMENTO DELLA CLASSE La classe V B risulta formata da 17 alunni effettivamente frequentanti, di cui maschi 6 e 11 femmine. Tutti i ragazzi provengono dalla classe IV B formatasi, nell anno scolastico precedente, dall unione delle sezioni B e A secondo il criterio delle lingue straniere studiate, ovvero Inglese e Spagnolo. La formazione e la provenienza socio culturale degli allievi è abbastanza omogenea e tutti hanno evidenziato correttezza nei rapporti interpersonali. Si è pertanto potuto instaurare un rapporto di cordiale e reciproco rispetto, condizione essenziale per lo svolgimento dell attività didattica. La frequenza alle lezioni è stata, nel complesso, regolare. Alcuni alunni, hanno però, fatto registrare numerose assenze. In occasione dei rapporti scuola famiglia, positivi sono stati i colloqui che il Consiglio di classe ha avuto con i genitori degli studenti, sebbene vada sottolineato che in alcuni casi la partecipazione delle famiglie sia stata nulla e che nella classe sia mancata la rappresentanza della componente genitori. La classe nel triennio ha potuto beneficiare della continuità didattica per diverse discipline,fatta eccezione per Economia Aziendale e Spagnolo. Allo scopo di promuovere lo sviluppo delle competenze specifiche di Indirizzo, il Consiglio di classe, ha perseguito come obiettivo formativo la valorizzazione del lavoro come metodo di conoscenza della cultura e della realtà produttiva del territorio, così gli studenti, ad iniziare dalla classe terza, hanno partecipato ad esperienze di Alternanza Scuola-Lavoro che si sono volte sia nel periodo scolastico che in quello estivo. L esperienza di stage è stata arricchita, a partire dalla classe quarta, da attività realizzate in collaborazione con esperti del Centro per l impiego del Ministero del Lavoro ( Progetto FIXO), grazie alle quali gli studenti hanno appreso i metodi e gli strumenti propri della Ricerca attiva del lavoro che contribuiranno ad accrescere le capacità di orientamento nella scelta dei futuri percorsi di studio e di lavoro.

7 Al fine di consentire a ciascuno degli alunni di poter scegliere con maggior consapevolezza l attività di lavoro o la facoltà ove proseguire gli studi, coerentemente con le proprie capacità ed attitudini, la classe ha partecipato a tutte le attività di orientamento organizzate dall Istituto. Il Consiglio di classe ha svolto nel triennio, sulla base della programmazione educativo-didattica, una costante azione di formazione, al fine di incidere sia sul grado di preparazione che sulla a formazione della personalità e sulla crescita umana e morale degli alunni Così anche nell anno scolastico in corso, l attività didattica è stata finalizzata a suscitare negli alunni la consapevolezza delle proprie responsabilità come discenti, all acquisizione di una piena autonomia nell organizzazione ed esecuzione del lavoro assegnato e alla maturazione graduale di un autonomia di giudizio. Per quanto attiene all aspetto propriamente didattico la classe appare piuttosto disomogenea e il profitto, cui pervengono i singoli studenti alla fine di questo anno, risulta differenziato ed è evidentemente da rapportare al possesso dei prerequisiti, alla capacità di rielaborazione ed all autonomia di lavoro e al diverso grado di partecipazione al dialogo educativo Si individua un gruppo molto ristretto di allievi che nel corso del triennio si è sempre distinto per studio costante e costruttivo, spirito di collaborazione e adeguato metodo di lavoro. Questi studenti hanno conseguito una preparazione buona in molte le discipline e ottima in altre ancora. Anche il resto della classe si è mostrato generalmente partecipe e durante le lezioni frontali non ha esplicitato particolari difficoltà nella comprensione di quanto proposto alla riflessione, ma le problematiche sono emerse nella fase di verifica dell autonoma rielaborazione personale dei contenuti appresi e nel collegamento fra argomenti anche interdisciplinari. Sicuramente, hanno concorso un metodo di lavoro non del tutto autonomo, modesto senso organizzativo, studio solo mnemonico per bisogno di sicurezza, lacune pregresse nella preparazione di base,ma soprattutto l impegno di questi alunni è stato spesso finalizzato solo alle prove di verifica e ha portato ad una preparazione piuttosto scolastica e/o superficiale in alcune discipline. Per colmare le carenze sopra evidenziate i docenti hanno privilegiato le attività finalizzate all acquisizione di abilità piuttosto che quella dei contenuti e si è sempre lavorato per favorire il raggiungimento delle competenze elaborative, delle capacità espressive e del metodo di studio. Quanto ai risultati, sicuramente il maggior impegno profuso nell ultima parte dell anno scolastico, da buona parte degli allievi di cui si sono evidenziate le carenze, è stato e sarà determinante per il conseguimento degli obiettivi minimi, sebbene permangono, talvolta, nelle loro produzioni scritte e orali, alcuni limiti nelle competenze espositive e di rielaborazione personale ed uno studio prevalentemente mnemonico. Va sottolineato, comunque, che alcuni alunni, per volontà e impegno altalenanti, studio episodico e talvolta, limitato solo ad alcune discipline, stentano ancora a raggiungere gli obiettivi minimi. Il recupero in itinere degli alunni con profitto deficitario, la partecipazione della Classe ad attività integrative proposte dalla Scuola e dal Consiglio di classe e la lunga sospensione dell attività didattica nel mese di aprile per festività varie hanno un po rallentato l'attività didattica programmata dai singoli insegnanti e ciò non ha permesso, per talune discipline, di svolgere tutti i contenuti programmati all'inizio dell'anno scolastico. Tuttavia, i programmi, almeno per linee essenziali, sono stati svolti, per le singole discipline. I docenti ritengono, comunque, che quanto svolto, nella totalità delle materie, costituisca un livello di conoscenza accettabile e consenta agli alunni di svolgere in maniera positiva l Esame di Stato. La preparazione della classe è nel complesso sufficiente

8 Attività Interdisciplinari. Per la classe quinta è previsto l insegnamento in lingua straniera di almeno un modulo di apprendimento di una disciplina non linguistica(clil) compresa nell area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti. Nel corso dell anno i docenti di lingua Inglese e di Economia Aziendale hanno attuato un modulo in ambito Clil, avente per oggetto Il Marketing. Il modulo è stato sviluppato in inglese dal docente di Economia Aziendale coadiuvato dal docente di lingua.. Attività di recupero: Durante l'anno scolastico sono stati effettuati, nello svolgimento dell attività curriculare, interventi di recupero da parte di tutti i docenti al fine di consolidare le conoscenze degli alunni e di rimuovere le lacune pregresse. Attività di potenziamento I Docenti di Italiano e di Economia Aziendale nel mese di maggio e giugno svolgeranno, in orario extracurricolare, attività di potenziamento rivolte a tutta la classe al fine di favorire la crescita delle competenze in vista della prove scritte previste dall Esame di Stato. Il presente Documento è condiviso in tutte le sue parti dai docenti del Consiglio di Classe. 7.Sintesi del percorso formativo dell ultimo anno (alla data di stesura del Documento) OBIETTIVI PROGRAMMATI Conoscenze: OBIETTIVI PROGRAMMATI Accettabile cultura generale accompagnata da capacità linguistico-espressive e logico interpretative. Accettabili conoscenze dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo e contabile. Conoscenza dei rapporti tra azienda e l ambiente in cui opera per proporre soluzioni a problemi specifici. Competenze: Utilizzare metodi, strumenti, tecniche contabili per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali; Leggere, redigere ed interpretare un bilancio; Elaborare dati e rappresentarli in modo efficace per favorire i diversi processi decisionali. Cogliere gli aspetti organizzativi delle varie funzioni aziendali anche per adeguarvisi, controllarli o suggerire modifiche.

9 Capacità: Comunicare efficacemente utilizzando linguaggi appropriati; Documentare adeguatamente il proprio lavoro: Effettuare scelte e prendere decisioni ricercando ed assumendo le informa METODI DI INSEGNAMENTO: tipo di attività (frequenza media: 1=nessuno o quasi,, 5=tutti o quasi) Lezione frontale X Lavoro individuale Lavoro in gruppo X x Discussione Verifiche X X MATERIALI E STRUMENTI UTILIZZATI (frequenza media: 1=nessuno o quasi,, 5=tutti o quasi) Libri di testo X Altri libri Dispense X X Laboratori X LIM X Visite guidate X Incontri con esperti X

10 VERIFICA E VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO STRUMENTI PER LA VERIFICA FORMATIVA (controllo in itinere del processo di apprendimento) (frequenza media: 1=nessuno o quasi,, 5=tutti o quasi) X Libri di testo (5) Altri libri (4) Fotocopie (4) TIPOLOGIA VERIFICHE FORMATIVE Interrogazione breve (5) Test (5) Esercizi (5) (frequenza media: 1=nessuno o quasi,, 5=tutti o quasi) X

11 STRUMENTI PER LA VERIFICA SOMMATIVA (controllo del profitto scolastico ai fini della valutazione) Disciplina Tipologia Interrogazione (frequenza media: 1=nessuno o quasi,, 5=tutti o quasi) Rel. It St Sp Ingl Mat Ge o Ec.az Fin Dir Ed. f. X X X X X X X X X Lunga Interrogazione X X X X X X X Corta Tema X X X X o breve saggio Questionario X X X X X X X Relazione Esercizi X X X X X X X X Prove oggettive X X X X X X X X X X (questionari, test a risposta chiusa, a completamento, a scelta multipla Prove pratiche (soluzione casi aziendali) Elaborazione di schede PROVE SCRITTE (aperte, strutturate/semistrutt urate X X X X X X X X X X X X X Discussione X X X X X X X X X X X

12 FATTORI UTILIZZATI PER LA VALUTAZIONE PERIODICA E FINALE (con riferimento alla situazione personale, alla classe, ) E stata fatta distinzione tra misurazione del profitto e valutazione complessiva SI NO Se SI, la valutazione complessiva terrà in considerazione : X Il metodo di studio La partecipazione all attività didattica L impegno Il progresso Le conoscenze acquisite Le abilità raggiunte Frequenza Obiettivi effettivamente conseguiti dagli studenti in relazione al profilo di indirizzo CONOSCENZE Possiedono una sufficiente cultura generale, attraverso l acquisizione dei principali contenuti delle singole discipline Conoscono in modo sufficiente i processi caratterizzanti la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo e contabile N.B. A fianco ad ogni disciplina è inserito il giudizio sintetico sul livello di acquisizione della conoscenza, competenza o capacità (nullo, scarso, insufficiente, mediocre, sufficiente, discreto, buono, ottimo, eccellente COMPETENZE Essere in grado di inquadrare gli autori in un dato momento storico ed individuarne la specificità sufficiente CAPACITA Possedere capacità linguistico espressive Quasi sufficiente Individuare connessioni logiche e linee di sviluppo tra accadimenti storici sufficiente

13 Sostenere semplici conversazioni adeguate ai contesti e alle situazioni di comunicazione commerciale in lingua straniera Spagnolo Sufficiente Inglese Sufficiente Rappresentare semplici modelli matematici Mediamente mediocre. Analizzare e rappresentare funzioni di una variabile dal punto di vista quantitativo Sufficiente Analizzare funzioni di due variabili Mediamente mediocre Sapersi orientare nella dimensione giuridica utilizzando strumenti testuali sufficiente Saper incrementare la capacità di argomentare, collegando le varie realtà tra di loro, su delle questioni economiche e finanziarie di diversa complessità quasi sufficiente Redigere ed interpretare documenti aziendali sufficiente Utilizzare gli strumenti contabili quasi sufficiente sufficiente Tenere comportamenti corretti nel campo della pratica sportiva Discreto Individuare alcuni tr i valori essenzialmente religiosi dell esperienza individuale e sociale Buono Per l attribuzione dei voti sono stati utilizzati i parametri di valutazione definiti a livello di Istituto 8.CRITERI COMUNI PER LA CORRISPONDENZA TRA VOTI E LIVELLI DI CONOSCENZA E ABILITA DESCRITTORI INDICATORI Nessuna o scarsa conoscenza dei contenuti. Mancato svolgimento dei compito assegnati. 4 Rendimento insufficiente. Conoscenze lacunose e frammentarie rispetto allo standard minimo

14 5 -. Conoscenza superficiale (e/o non approfondita) dei contenuti, competenze quasi accettabili. 6 STANDARD MINIMO: conoscenza degli elementi fondamentali dei moduli didattici che compongono i programmi. Competenze operative accettabili e capacità di comprensione dei temi proposti. 7 Adeguato possesso dei mezzi espressivi, dei contenuti e delle competenze. 8 Conoscenza completa dei contenuti, buona capacità rielaborativai ed espositiva per chiarezza e proprietà di linguaggio Conoscenza completa ed approfondita, elevate capacità di analisi, di sintesi e di elaborazione critica. Esposizione brillante. 9.ATTIVITA PROGRAMMATE NEL PERIODO COMPRESO TRA LA STESURA DEL DOCUMENTO FINALE E L INIZIO DELL ESAME. Nel periodo compreso tra la stesura del documento finale e l'inizio dell'esame il Consiglio di Classe intende, consolidare, approfondire e in alcuni casi completare, gli argomenti qualificanti trattati durante il corso dell Anno Scolastico secondo la programmazione. Eventuali simulazioni di prove d esame Verifiche Per i contenuti disciplinari e pluridisciplinari si rinvia ai piani di lavoro individuali. I programmi dettagliati e i progetti realizzati durante l anno scolastico saranno depositati in Vice- Presidenza.

15 10.INIZIATIVE INTEGRATIVE Conferenze in Aula Magna Tutta la classe Orientamento universitario Giornata della Memoria. Incontro Anna Foa Laboratorio sulla Shoah tenuto dalla prof.ssa Paola Lupini Convegno la violenza domestica,stalking e maltrattamenti contro le donne. Laboratorio di lettura sulle opere Per sempre lasciami di Michela Capone e Io, sola di Maria Mantega. tenuto dalla prof.ssa Lupini Paola Conferenze tematiche tenute da ADMO/ FFAA/ROTARY Attività extracurricolare Tutta classe la Conferenze tematiche tenute dalle Forze armate. Convegno La primavera della legalita Visita Guidata presso Il Tribunale per i minorenni di Cagliari (Progetto FIXO)Visita guidata ad una struttura produttiva e ad una struttura culturale a Sant Antioco. Spettacolo teatrale Ora pro Nobis presso il teatro Massimo di Cagliari Film: il giovane favoloso presso il cinema Odissea di Cagliari. Festival della Letteratura Mediterranea. Attività Interdisciplinari. Per la classe quinta è previsto l insegnamento in lingua straniera di almeno un modulo di apprendimento di una disciplina non linguistica(clil) compresa nell area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti. Nel corso dell anno i docenti di lingua Inglese e di Economia Aziendale hanno attuato un modulo in ambito Clil, avente per oggetto Il Marketing. Il modulo è stato sviluppato in inglese dal docente di Economia Aziendale coadiuvato dal docente di lingua. Attività di recupero e potenziamento realizzate nel corso dell anno scolastico. INSEGNANTI MODALITA DI RECUPERO E DI POTENZIAMENTO DISCIPLINA TUTTI IN ITINERE TUTTE PANI ENRICO EXTRACURRICOLARE ECONOMIA AZIENDALE RITA LOI EXTRACURRICOLARE ITALIANO

16 10.SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLE SIMULAZIONI DI TERZA PROVA SVOLTE DURANTE L ANNO Coerentemente con quanto indicato dalla normativa, sono state svolte all interno della classe 2 simulazioni di Terza prova con le seguenti modalità: DATA SVOLGIMENTO 23 Febbraio 2015 TEMPO ASSEGNATO 2 ore (120 minuti dal momento della consegna della traccia) MATERIE COINVOLTE NELLA PROVA Inglese Diritto Matematica Storia TIPOLOGIA (A) Trattazione sintetica di un argomento DATA SVOLGIMENTO 31 marzo 2015 TEMPO ASSEGNATO 2 ore (120 minuti dal momento della consegna della traccia MATERIE COINVOLTE NELLA PROVA Inglese Matematica Spagnolo TIPOLOGIA (A) Trattazione sintetica di un argomento

17 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE TECNICO COMMERCIALE E INDUSTRIALE P R I M O L E V I via Pitz e Serra Quartu Sant Elena (CA) c.f c.m. CAIS01600A Prima Simulazione Terza prova Esame di Stato a.s. 2014/2015 Classe 5B indirizzo A.F.M Tipologia A Trattazione sintetica di argomenti( Max. 20 righe) Tempo a disposizione: 120 minuti Materie: Inglese Diritto Matematica Storia E consentito l uso dei dizionari di italiano e di inglese, del codice civile e della calcolatrice non programmabile. Non è consentito l uso della matita e del correttore. Canditato 23 febbraio 2015 Inglese (Max 20 righe) The great depression of 1929 in the United States Diritto(Max 20 righe) Argomenti: Parli il candidato del potere legislativo e in particolare dell iter di approvazione ordinario

18 Matematica(max 20 righe) La funzione obiettivo Ricavi di una azienda è R(q) = 25q Con un secondo processo produttivo l azienda ha una seconda funzione obiettivo lineare alternativa, che rappresenterai a piacere. L azienda ha un vincolo di produzione q Introduci il concetto generale del problema. Commenta e descrivi in maniera esauriente in tutti i suoi aspetti generali il problema di scelta proposto e, nello specifico, come gestisci la ricerca delle diverse risposte si ottengono dal problema di scelta in esame. Fare una generica ma ben definita rappresentazione grafica del problema. Storia( max 20 righe) Il candidato prenda in esame le caratteristiche del processo di Decolonizzazione

19 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE TECNICO COMMERCIALE E INDUSTRIALE P R I M O L E V I via Pitz e Serra Quartu Sant Elena (CA) c.f c.m. CAIS01600A Seconda Simulazione Terza prova Esame di Stato a.s. 2014/2015 Classe 5B indirizzo A.F.M Tipologia A Trattazione sintetica di argomenti( Max. 20 righe) Tempo a disposizione: 120 minuti Materie: Spagnolo Matematica Inglese Economia Politica,Scienza delle Finanze, E consentito l uso dei dizionari di italiano e di inglese, del codice civile e della calcolatrice non programmabile. Non è consentito l uso della matita e del correttore. Canditato data 31 marzo 2015 Argomenti: Spagnolo(Max 20 righe) DEFINE LA EMPRESA, SU FORMA JURIDICA Y SUS FINALIDADES ECONOMICAS Y SOCIALES Matematica.

20 Di un certo prodotto scrivi la funzione domanda d(p) e la funzione offerta h(p). Dopo averne parlato e aver quindi definito ciò che caratterizza l una e l altra funzione, fanne una generica rappresentazione nel piano cartesiano, mostrando e descrivendo le relazioni che si creano tra le due. Nel commento ti puoi aiutare con opportuni e semplici valori numerici. Inglese( Max 20 righe) The aesthetic movement in Britain Economia Politica,Scienza delle Finanze E Diritto Tributario (Max 20 righe) Parli il Candidato del Bilancio dello Stato e delle novità contenute nel rinnovato art.81 della Costituzione Italiana.

21 10. GRIGLIA UTILIZZATA PER LA PRIMA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA ANNO SCOLASTICO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE P. LEVI QUARTU SANT ELENA GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA 5^B AMMINISTRAZIONE-FINANZA-MARKETING Alunno Classe Data INDICATORI PUNTEGGI LIVELLI DI VALUTAZIONE MATERIE STORIA MATEMATICA DIRITTO CONOSCENZA DELL ARGOMENTO Non conosce gli argomenti. È stata esaminata una minima parte e la trattazione risulta molto carente. Trattazione parziale: non sono stati esaminati tutti gli aspetti richiesti. La conoscenza è adeguata, ma nessun aspetto è stato approfondito. Tutti gli aspetti sono stati trattati ed esaminati ma solo alcuni approfonditi. Tutti gli aspetti sono stati sviluppati e approfonditi in ogni loro parte. COMPETENZA (uso di linguaggio tecnico specifico 1 2,5 Gravissimi errori formali, inadeguatezza lessicale. La comunicazione presenta gravi errori formali con l uso lessicale

22 appropriato) improprio. CAPACITÀ DI COLLEGARE GLI ARGOMENTI ED ELABORARLI ,5 2,5 3 3,5 4 Espressione accettabile, alcuni errori formali non gravi. Espressione chiara e ordinata, con qualche imperfezione formale. Comunicazione molto efficace e scorrevole, lessico ricco e appropriato Non sa individuare i concetti chiave e non sa collegarli. Sa individuare i concetti chiave ma li collega con difficoltà e con poca coerenza. Sa analizzare alcuni aspetti significativi, individuare i concetti fondamentali e stabilire semplici collegamenti. Sa individuare ed analizzare i concetti e stabilire collegamenti; rielabora le conoscenze. Analizza gli argomenti proposti in maniera approfondita e appropriata, li rielabora in modo autonomo. VALUTAZIONE PER MATERIA /15 /15 /15 VALUTAZIONE PER MATERIA( media approssimata all intero) INDICATORI PUNTEGGI LIVELLI DI VALUTAZIONE MATERIA INGLESE CONOSCENZA DELL ARGOMENTO Non conosce gli argomenti. Errata, gravi lacune. Frammentaria e confusa. Parziale. Adeguata ma non approfondita. Sicura e pertinente. Approfondita ed esauriente.. COMPETENZA 1 Gravissimi errori formali, inadeguatezza lessicale.

23 LINGUISTICA Linguaggio confuso e scorretto. Espressione accettabile, alcuni errori formali non gravi. Espressione chiara e ordinata, con qualche imperfezione formale. Comunicazione molto efficace e scorrevole, lessico ricco e appropriato CAPACITÀ DI COLLEGARE GLI ARGOMENTI ED ELABORARL Limitata non sufficiente. Esposizione scorrevole e fluente. Valida, sicura evidenzia buone conoscenze. VALUTAZIONE PROVA /15 VALUTAZIONE PROVA (media approssimata all intero) /15 RIEPILOGO VALUTAZIONI VALUTAZIONE PER MATERIA MATERIE STORIA MATEMATICA DIRITTO INGLESE /15 /15 /15 /15 VALUTAZIONE COMPLESSIVA PROVA (media approssimata all intero) /15

24 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE TECNICO COMMERCIALE E INDUSTRIALE P. LEVI QUARTU SANT ELENA GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA 5^B AMMINISTRAZIONE-FINANZA- MARKETING Scolastico 2014/2015 ( Seconda Simulazione di Terza Prova) CANDIDATO DATA 31 marzo 2015 CLASSE INDICATORI PUNTEGGI LIVELLI DI VALUTAZIONE MATERIA MATEMATICA MATERIA Economia PoliticaSCIENZA DELLE FINANZE CONOSCENZA DELL ARGOMENTO Non conosce gli argomenti. È stata esaminata una minima parte e la trattazione risulta molto carente. Trattazione parziale: non sono stati esaminati tutti gli aspetti richiesti. La conoscenza è adeguata, ma nessun aspetto è stato approfondito.

25 COMPETENZA (uso di linguaggio tecnico specifico appropriato) , Tutti gli aspetti sono stati trattati ed esaminati ma solo alcuni approfonditi. Tutti gli aspetti sono stati sviluppati e approfonditi in ogni loro parte. Gravissimi errori formali, inadeguatezza lessicale. La comunicazione presenta gravi errori formali con l uso lessicale improprio. Espressione accettabile, alcuni errori formali non gravi. Espressione chiara e ordinata, con qualche imperfezione formale. Comunicazione molto efficace e scorrevole, lessico ricco e appropriato CAPACITÀ DI COLLEGARE GLI ARGOMENTI ED ELABORARLI 1,5 2,5 3 Non sa individuare i concetti chiave e non sa collegarli. Sa individuare i concetti chiave ma li collega con difficoltà e con poca coerenza. Sa analizzare alcuni aspetti significativi,

26 3,5 4 individuare i concetti fondamentali e stabilire semplici collegamenti. Sa individuare ed analizzare i concetti e stabilire collegamenti; rielabora le conoscenze. Analizza gli argomenti proposti in maniera approfondita e appropriata, li rielabora in modo autonomo. VALUTAZIONE PER MATERIA VALUTAZIONE PER MATERIA( media approssimata all intero) INDICATORI PUNTEGGI LIVELLI DI VALUTAZIONE MATERIA MATERIA INGLESE SPAGNOLO CONOSCENZA DELL ARGOMENTO Non conosce gli argomenti. Errata, gravi lacune. Frammentaria e confusa. Parziale. Adeguata ma non approfondita. Sicura e pertinente. Approfondita ed esauriente..

27 COMPETENZA LINGUISTICA CAPACITÀ DI COLLEGARE GLI ARGOMENTI ED ELABORARL Gravissimi errori formali, inadeguatezza lessicale. Linguaggio confuso e scorretto. Espressione accettabile, alcuni errori formali non gravi. Espressione chiara e ordinata, con qualche imperfezione formale. Comunicazione molto efficace e scorrevole, lessico ricco e appropriato Limitata non sufficiente. Esposizione scorrevole e fluente. Valida, sicura evidenzia buone conoscenze. VALUTAZIONE PROVA /15 /15 VALUTAZIONE PROVA (media approssimata all intero) /15 /15 RIEPILOGO VALUTAZIONI MATEMATICA E.Politica SCIENZA DELLE FINANZE MATERIE INGLESE SPAGNOLO VALUTAZIONE PER MATERIA /15 /15 /15 /15 VALUTAZIONE COMPLESSIVA PROVA (media approssimata all intero) /15

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli