15. Consumi energetici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "15. Consumi energetici"

Transcript

1 15. Consumi energetici Nel 2006 i consumi energetici del Comune di Roma hanno registrato un aumento rispetto al 2005 (+2,8%), un dato, questo, in linea con l incremento provinciale (+2,7%), regionale (+2,2%) e nazionale (+2,5%) (tab. 15.1). Nel settore gas, invece, l aumento registrato a livello comunale (+6%) risulta in controtendenza rispetto al decremento rilevato in provincia (-2,2%), nella regione (-7%), e complessiva,mente in Italia (- 2,1%) (tab. 15.6). I consumi elettrici del Comune di Roma sono per il 90% circa imputabili si settori domestico e terziario, a fronte del 49,1% nazionale (fig. 15.1). Il maggior peso delle piccole utenze sul totale dei consumi si riscontra, anche se in maniera minore, anche per il gas (fig. 15.4). Per quanto riguarda il settore domestico, i consumi pro capite di energia elettrica di Roma del 2006 sono risultati superiori del 37% rispetto alla media registrata in alcuni grandi Comuni presi in considerazione (vedi tabella 15.7). Anche la crescita dei consumi elettrici del settore domestico è la più sostenuta tra le città prese in considerazione, come mostrato dalla figura Viceversa, i consumi pro capite di gas per uso domestico sono stati inferiori del 23% rispetto alla media delle città considerate (tab 15.8), con una crescita dei consumi nella media. Sommando i consumi elettrici e di gas, i consumi energetici pro capite del Comune di Roma risultano inferiori del 10% rispetto alla media dei Comuni presi in considerazione (vedi tabella 15.9), mentre l aumento rispetto al 2000 è leggermente superiore alla media. I confronti sopra citati non tengono conto dei fattori climatici specifici di ogni città e dei differenti anni. La tabella mostra gli impianti di energia a fonte rinnovabile di recente installazione, presenti sul territorio del Comune di Roma (impianti qualificati IAFR). Il totale della potenza degli impianti è di 22,6 MW (39,7% del totale provinciale), per una producibilità annua di 120,7 GWh (68,9% del totale provinciale). Sempre con riferimento alla generazione elettrica da fonte rinnovabile, la tabella mostra i dati relativi all andamento del conto energia nel territorio comunale. A marzo 2008 hanno beneficiato dell incentivo 103 impianti fotovoltaici per un totale di circa 600 kw. Il 54% di questi impianti si riferisce al primo conto energia (DM ) e costituisce il 74% della potenza relativa agli impianti fotovoltaici installati. Gli impianti che hanno beneficiato del nuovo conto energia (DM ) hanno una potenza inferiore rispetto al vecchio conto energia, un dato, questo, facilmente riconducibile alla mutata struttura degli incentivi. Gli interventi del nuovo conto energia sono quasi tutti relativi ad abitazioni private. Infine, per quanto riguarda il risparmio energetico, nella tabella 15.12a e b sono riportati i dati relativi alle agevolazioni fiscali per interventi di riqualificazione energetica degli edifici previsti dalla finanziaria Nel Comune di Roma, in termini assoluti e tra le città prese in considerazione, si sono concentrati il maggior numero di interventi (1890) e di investimenti (25,6 M ), seguito dal Comune di Milano con 1065 interventi per un investimento complessivo di 18,7 M. Normalizzando il dato rispetto al numero di abitazioni (tab b), Roma si posiziona al settimo posto tra le dieci città considerate sia per quanto riguarda il valore degli interventi realizzati, sia per il risparmio medio annuo di energia conseguito normalizzato rispetto al numero di abitazioni (in termini assoluti Roma è seconda con 11,5 GWh/anno di risparmi previsti, preceduta da Milano con 44,7 GWh/anno).

2 Indice delle figure e delle tabelle 15.1 I consumi energetici Tab Consumi di energia elettrica, anni ( in milioni di kwh e var. %) Fig Incidenza dei settori sul totale dei consumi elettrici, anno 2006 (%) Tab I consumi di energia elettrica. Settori* in maggior crescita e maggior decremento tra il 2005 e il 2006, Provincia di Roma, Lazio, Italia (%) Tab Consumi di energia elettrica nella Provincia di Roma. Valori assoluti in milioni di kwh e variazioni percentuali, anni Tab Consumi di energia elettrica nel Lazio. Valori assoluti in milioni di kwh e variazioni percentuali, anni Tab Consumi di energia elettrica in Italia. Valori assoluti in milioni di kwh e variazioni percentuali, anni Fig gas distribuito nel Comune di Roma (milioni di m 3 ) Fig ripartizione dei consumi di gas per fascia di consumo (anno termico ) Tab Consumi gas naturale, anni ( in milioni di m 3 e var. %) Fig Incidenza dei settori sul totale dei consumi di gas, anno 2006 (%) 15.2 Consumi di energia nel settore domestico Tab Indicatori ambientali urbani relativi al consumo di energia elettrica per uso domestico per alcuni grandi comuni (a). Anni (kwh per abitante e variazioni %) Fig variazione dei consumi pro capite di energia elettrica per il settore domestico per alcuni grandi comuni (anno 2000=100) Tab Indicatori ambientali urbani relativi al consumo di gas metano per uso domestico e per riscaldamento per alcuni grandi comuni (a). Anni (m 3 per abitante e variazioni %) Fig Variazione dei consumi pro capite di gas metano per il settore domestico per alcuni grandi comuni (anno 2000=100) Tab Indicatori ambientali urbani relativi al consumo di energia (elettricità e gas) per uso domestico per alcuni grandi comuni (a). Anni (Tep per abitante e variazioni %) Fig variazione dei consumi pro capite di energia (elettricità e gas) per il settore domestico per alcuni grandi comuni (anno 2000=100) 15.3 Energia elettrica da fonti rinnovabili Tab Impianti qualificati IAFR in esercizio nel Comune di Roma Tab Impianti Fotovoltaici in esercizio al 19 marzo 2008 nel comune di Roma ammessi all'incentivazione del conto energia (DM e DM ) per tipologia del sito e area di istallazione 15.4 Il risparmio energetico Fig Ripartizione percentuale degli interventi relativi alla riqualificazione energetica degli edifici ammessi alle agevolazioni previste dalla Finanziaria 2007 nel Comune di Roma al 2 aprile 2008 (percentuale sul totale degli interventi ammessi al finanziamento). Tab a Principali dati relativi alle domande di ammissione alle agevolazioni previste dalla Finanziaria 2007 per la riqualificazione energetica degli edifici per alcuni grandi Comuni (dati al 2 aprile 2008). Tab b principali dati relativi alle domande di ammissione alle agevolazioni previste dalla Finanziaria 2007 per la riqualificazione energetica degli edifici per alcuni grandi Comuni (dati al 2 aprile 2008).

3 15.1 I consumi energetici Tab Consumi di energia elettrica, anni ( in milioni di kwh e var. %) Comune di Roma Provincia di Roma Lazio Italia Peso del Comune di Roma [%] Anno Var[.%] var.[%] var.[%] var.[%] nella Provincia nel Lazio in Italia ,20 3, ,00 2, ,00 2, ,00 2, ,30 2, ,20 2, ,00 4, ,20 3, ,60 4, ,30 1, ,60 1, ,90 2, , ,60 2, ,90 1, ,60 1,9 69,9 46,5 3, ,23 6, ,80 5, ,20 4, , ,2 47,3 3, ,76 2, ,90 3, ,10 2, ,70 1,6 69,3 46,9 3, ,30 3, ,40 3, ,50 2, ,80 1,7 69,3 47,1 3, ,52 2, ,20 2, ,00 2, ,20 2,5 69,4 47,4 3,4 N.B. Per ciascun anno sono evidenziati i territori che hanno mostrato le maggiori variazioni percentuali annue Fonte: elaborazione su dati TERNA (2007) e ACEA Fig Incidenza dei settori sul totale dei consumi elettrici, anno 2006 (%) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 0,3% 0,8% 1,4% 1,7% 5,9% 13,5% 23,7% 49,2% 58,5% 51,7% 44,5% 27,8% 20% 10% 35,3% 34,1% 30,4% 21,3% 0% Roma (Comune) Roma (Provincia) Lazio Italia Fonte: elaborazione su dati TERNA (2007) e ACEA Domestico Terziario Industria Agricoltura

4 Tab I consumi di energia elettrica. Settori* in maggior crescita e maggior decremento tra il 2005 e il 2006, Provincia di Roma, Lazio, Italia (%) Provincia di Roma Lazio Italia Var.% Var.% Var.% Rango Settore di attività 2005/2006 Settore di attività 2005/2006 Settore di attività 2005/ Elettricità e Gas 62 Elettricita' e Gas 68,8 Comunicazioni 8,4 2 Costruzioni 24,6 Costruzioni 21,1 Altri Servizi Vendibili 6,9 3 Pubblica amministrazione 21,8 Siderurgica 20,5 Pubblica amministrazione 6,7 4 Altri Servizi non Vendibili 17,3 Pubblica amministrazione 18,4 Siderurgica 6,3 5 Servizi non vendibili 16,2 Altri Servizi non Vendibili 15,7 Altri Servizi non Vendibili 6 TOTALE 2,7 TOTALE 2,2 TOTALE 2,5 28 Raffinazione e Cokerie -3,1 Acquedotti -3 Cartaria -0,6 29 Manifatturiera non di base -3,5 Meccanica -3,1 Chimica -0,9 30 Altre Manifatturiere -7 Manifatturiera non di base -3,3 Alimentare -1,2 31 Mezzi di Trasporto -9 Mezzi di Trasporto -3,7 Tessile, abbigl. e calzature Lavoraz. Plastica e Gomma -11,1 Tessile, abbigl. e calzature -21,6 Raffinazione e Cokerie -3,3 *Ad esclusione del settore domestico Fonte: elaborazione su dati Terna, 2007

5 Tab Consumi di energia elettrica nella Provincia di Roma. Valori assoluti in milioni di kwh e variazioni percentuali, anni Tipi di attività 2003 var.% 2004 var.% 2005 var.% /03 03/04 04/05 var.% 05/06 1. Agricoltura 113,1 12,5 112,8-0,3 115,2 2,1 123,5 7,2 2. Industria 1.938,30 4, ,00 5, ,40 1, ,30 1,7 3. Manifatturiera di base 945,8 3, ,50 8, ,80-0, ,00 2,6 4. Siderurgica 11,2 6,7 12,3 10,2 12,2-0,8 12,4 1,6 5. Metalli non Ferrosi 2,6-7,1 3,2 23,1 3,2 0 3,4 6,3 6. Chimica 232,9 4,7 240,7 3,3 250,2 3,9 257, Materiali da costruzione 445,1 1,7 483,7 8, ,7 483,7 3,8 15. Cartaria 254 4,8 284,7 12,1 284,3-0,1 284,8 0,2 17. Manifatturiera non di base 584,2 2,6 582,9-0,2 609,6 4,6 588,3-3,5 18. Alimentare 242,1 12,9 236,9-2,1 257,2 8,6 249,9-2,8 19. Tessile, abbigl. e calzature 31,5 1,9 34,4 9,4 33,6-2,3 33,5-0,3 24. Meccanica 175,2-7, ,8 174,6 1,5 171,7-1,7 26. Mezzi di Trasporto 24,8-2,4 27,6 11,3 26,7-3,3 24, Lavoraz. Plastica e Gomma 63,5 3,1 63,5 0 67,4 6,1 59,9-11,1 30. Legno e Mobilio 29,7-1,3 30,4 2,3 31,6 3,9 31,7 0,3 31. Altre Manifatturiere 17,4-2,8 18,1 3,8 18,5 2,2 17, Costruzioni 61,3 13,7 65,1 6,2 67 2,9 83,5 24,6 33. Energia ed acqua 347,1 9,7 373,5 7, ,9 391,4 3,8 34. Estrazione Combustibili 8,8 4,8 8,3-5,4 8,3 0 9,5 14,5 35. Raffinazione e Cokerie 131, ,3 0,9 143,6 8,5 139,1-3,1 36. Elettricità e Gas 38 11,4 44, ,9-48,4 37, Acquedotti 169,3 13,6 188,5 11,4 202,3 7,3 205,8 1,7 38. Terziario 7.079,60 7, ,70 3, ,30 0, ,50 9,8 39. Servizi vendibili 5.558,30 6, ,80 4, ,00 1, ,80 8,2 40. Trasporti 687,9 4,9 660, ,6-5,1 688,2 9,8 41. Comunicazioni 651,8 8, ,7 648, ,9 8,5 42. Commercio 1.372,80 10, ,00 8, ,80 2, ,00 9,1 43. Alberghi, Ristoranti e Bar 799,8 6,9 847,3 5,9 871,9 2,9 934,5 7,2 44. Credito ed assicurazioni 291,1 3,5 296,1 1,7 294,1-0,7 289,7-1,5 45. Altri Servizi Vendibili 1.754,90 4, ,30 4, ,00 4, ,50 8,9 46. Servizi non vendibili 1.521,30 9, ,80 1, ,30-4, ,80 16,2 47. Pubblica amministrazione 524,3 7,7 536,9 2,4 497,5-7,3 605,9 21,8 48. Illuminazione pubblica 271,1 4,6 266,7-1,6 285,7 7,1 296,2 3,7 49. Altri Servizi non Vendibili 725, ,3 2,4 698,1-6,1 818,7 17,3 50. Domestico 5.167,70 3, ,40 1, , ,90-6,3 52. Totale ,80 5, ,90 3, ,40 3, ,20 2,7 Fonte: elaborazione su dati Terna, 2007

6 Tab Consumi di energia elettrica nel Lazio. Valori assoluti in milioni di kwh e variazioni percentuali, anni Tipi di attività 2003 var.% 02/ var.% 03/ var.% 04/ var.% 05/06 1. Agricoltura 300,1 15,4 306,8 2,2 313,6 2,2 315,5 0,6 2. Industria 5.289,30 1, , ,50 0, ,80 0,6 3. Manifatturiera di base 2.528,30 1, ,20 4, ,20 0, ,20 2,8 4. Siderurgica 56,6 6,8 61 7,7 57,6-5,6 69,4 20,5 5. Metalli non Ferrosi 101,2 5,2 104,6 3,4 115,2 10,1 126,9 10,2 6. Chimica 902 3,4 880,2-2,4 913,4 3,8 921,6 0,9 8. Materiali da costruzione 766,2 2,1 826,3 7,8 820,1-0,8 858,1 4,6 15. Cartaria 702,2-1,5 776,2 10,5 763,9-1,6 770,2 0,8 17. Manifatturiera non di base 1.950,90-0, ,30-1, ,40-1, ,50-3,3 18. Alimentare 561,8 5,7 555,2-1,2 581,6 4, ,8 19. Tessile, abbigl. e calzature 158,8-4,7 161,8 1, ,5 109,7-21,6 24. Meccanica 602,8-4,9 607,2 0,7 553,4-8,9 536,5-3,1 26. Mezzi di Trasporto 213,3-1, ,4 215, ,4-3,7 28. Lavoraz. Plastica e Gomma 298,7-0,1 283,4-5,1 273,1-3,6 275,6 0,9 30. Legno e Mobilio 61,7 1,8 64,5 4,6 66,8 3,6 69,9 4,6 31. Altre Manifatturiere 53,8-7,4 57,2 6,4 57,1-0,2 55,5-2,8 32. Costruzioni 76,2 10,9 83,8 9,9 89,5 6,8 108,4 21,1 33. Energia ed acqua 733, ,5 1,4 758,3 1,9 758,7 0,1 34. Estrazione Combustibili 9,4 5,6 8,8-6,5 9 2,3 10,3 14,4 35. Raffinazione e Cokerie 147,6 4, ,9 7,3 155,3-2,9 36. Elettricita' e Gas 64,1 15,5 55, ,8-45,9 50,3 68,8 37. Acquedotti 512,8 6,7 531,6 3,7 559,6 5,3 542, Terziario 8.947,60 6, ,50 3, ,40 1, ,40 8,2 39. Servizi vendibili 7.071,10 6, ,40 4, ,50 2, ,80 6,9 40. Trasporti 1.275,70 3, ,50-2, , ,40 2,8 41. Comunicazioni 710,3 8,5 735,2 3,5 708,8-3,6 771,9 8,9 42. Commercio 1.796,50 9, ,00 8, ,80 4, ,90 8,2 43. Alberghi, Ristoranti e Bar 1.022,90 6, ,10 5, ,50 3, ,00 6,3 44. Credito ed assicurazioni 321,5 3, ,4 324,2-0,6 320, Altri Servizi Vendibili 1.944,20 4, ,60 4, ,30 5, ,90 8,7 46. Servizi non vendibili 1.876,60 7, ,10 1, ,90-2, ,50 13,6 47. Pubblica amministrazione 624,7 6,1 632,1 1,2 595,3-5, ,4 48. Illuminazione pubblica 424,9 3,5 423,9-0,2 449,7 6,1 464,6 3,3 49. Altri Servizi non Vendibili ,9 848,2 2, ,9 933,9 15,7 50. Domestico 6.695,00 3, ,00 2, ,00 6, ,30-4,4 52. Totale ,20 4, ,10 2, ,50 2, ,00 2,2 Fonte: elaborazione su dati TERNA, 2007

7 Tab Consumi di energia elettrica in Italia. Valori assoluti in milioni di kwh e variazioni percentuali, anni Tipi di attività 2003 var.% 02/ var.% 03/ var.% 04/ var.% 05/06 1. Agricoltura 5.162,20 5, ,80 0, ,40 3, ,50 2,6 2. Industria ,90 0, ,30 0, ,80 0, ,60 1,6 3. Manifatturiera di base ,00 0, ,70-0, ,80 0, , Siderurgica ,30-0, ,30 0, ,70 1, ,70 6,3 5. Metalli non Ferrosi 5.463,90-2, ,00 1, ,90 1, ,30 2,1 6. Chimica ,40-0, ,50-3, ,40-2, ,10-0,9 8. Materiali da costruzione ,80 1, ,40 0, ,60 0, ,00 1,8 15. Cartaria ,50 2, ,50 0, ,20 1, ,90-0,6 17. Manifatturiera non di base , ,10 0, ,40 0, ,90 1,5 18. Alimentare ,90 1, ,10 1, ,50 2, ,50-1,2 19. Tessile, abbigl. e calzature ,50-4, ,70-7, ,70-6, , Meccanica ,60 3, ,20 3, ,00 2, ,60 2,2 26. Mezzi di Trasporto 4.408,30-0, ,30-3, , ,10 4,5 28. Lavoraz. Plastica e Gomma 9.627,20 2, ,60-0, ,00-1, ,60 4,6 30. Legno e Mobilio 4.249,90-0, ,60 1, ,90 0, ,60 2,7 31. Altre Manifatturiere 1.102,10 7, ,60 7, ,00 8, ,60 5,6 32. Costruzioni 1.509,00 13, ,00 6, ,80 6, ,60 2,7 33. Energia ed acqua ,40 2, ,50 3, ,80 1, ,00-0,5 34. Estrazione Combustibili 264,7-5,6 404, ,1-8,1 391,6 5,2 35. Raffinazione e Cokerie 5.628,60 0, , ,30 1, ,00-3,3 36. Elettricita' e Gas 2.457,70 6, ,00 2, ,20-1, ,70 0,3 37. Acquedotti 6.220,30 4, ,50-0, ,30 2, ,70 1,6 38. Terziario ,70 7, ,40 3, ,00 5, ,50 5,4 39. Servizi vendibili ,30 7, ,30 3, ,30 6, ,80 5,3 40. Trasporti 9.463,20 5, ,60 1, ,00 3, , Comunicazioni 3.582,90 9, ,70 2, ,00 0, ,70 8,4 42. Commercio ,00 8, ,30 6, ,80 6, ,30 5,5 43. Alberghi, Ristoranti e Bar , ,40 2, ,00 6, ,60 3,3 44. Credito ed assicurazioni 2.571,50 4, ,90 0, ,50-2, ,40 5,6 45. Altri Servizi Vendibili ,60 7, ,50 4, , ,50 6,9 46. Servizi non vendibili ,30 5, ,10 2, ,70 1, ,70 5,6 47. Pubblica amministrazione 3.897,80 8, ,70 1, ,50 1, ,50 6,7 48. Illuminazione pubblica 5.790,80 1, ,70 2, ,50 3, ,60 4,4 49. Altri Servizi non Vendibili 7.831,80 8, ,70 2, ,70 0, , Domestico ,80 3, ,20 2, ,50 0, , Totale , ,70 1, ,80 1, ,20 2,5 Fonte: elaborazione su dati TERNA, 2007

8 Fig gas distribuito nel Comune di Roma (milioni di m 3 ) M m anno termico Fonte: elaborazione su dati ENI Fig ripartizione dei consumi di gas per fascia di consumo (anno termico ) 13% 23% 27% fascia 1-5 fascia 6-10 fascia fascia % fasce di consumo: 1-5 => 1 m m 3 ; 6-10 => m m 3 ; => m m 3 ; => m m 3

9 Tab Consumi gas naturale, anni ( in milioni di m 3 e var. %) Comune di Roma Provincia di Roma Lazio Italia Peso del Comune di Roma [%] Anno Var[.%] var.[%] var.[%] var.[%] nella Provincia nel Lazio in Italia , , ,4 1, ,3 9, , , ,9-15, ,4 3,7 57,6 24,1 1, , ,6 48, ,1 20, ,9 7,0 38,5 19,9 1, , ,4-2, ,4-7, ,1-2,1 41,7 22,7 1,7 Fonte: elaborazione su dati Ministero Sviluppo Economico ed ENI Fig Incidenza dei settori sul totale dei consumi di gas, anno 2006 (%)5 100% 6,3% 2,9% 90% 19,2% 80% 70% 60% 38,1% 60,2% 43,8% 50% 40% 30% 20% 42,7% 33,6% 53,3% 10% 0% Italia Lazio Provincia di Roma Fonte: elaborazione su dati Ministero Sviluppo Economico (2008) rete distribuzione termoelettrico industria

10 15.2 Consumi di energia nel settore domestico Tab Indicatori ambientali urbani relativi al consumo di energia elettrica per uso domestico per alcuni grandi comuni (a). Anni (kwh per abitante e variazioni %) Comuni kwh per abitante variazioni [%] variazioni [%] Roma 1.352, , , , , , ,2-2,4 11,1 Torino 1.191, , , , , , ,2 3,5 4,3 Milano 1.128, , , , , , ,0-3,3 0,2 Venezia 1.093, , , , , , ,5-4,9 0,8 Genova 1.080, , , , , ,4 939,5-16,6-13,1 Bologna 1.276, , , , , , ,0-14,5-10,9 Firenze 1.236, , , , , , ,0-9,3-8,0 Napoli 1.044, , , , , ,4 960,8-11,2-8,0 Bari 1.132, , , , , , ,7-10,6-6,7 Palermo 1.177, , , , , , ,3-8,1-0,9 Fonte: Istat - Indicatori, Osservatorio ambientale sulle città (a) alcuni valori dell'indicatore relativo a tale comune sono stati stimati Fig variazione dei consumi pro capite di energia elettrica per il settore domestico per alcuni grandi comuni (anno 2000=100) 115,0 consumi domestici elettricità pro capite (anno 2000 =100) 110,0 105,0 100,0 95,0 90,0 85, anno RM TO MI NA PA

11 Tab Indicatori ambientali urbani relativi al consumo di gas metano per uso domestico e per riscaldamento per alcuni grandi comuni (a). Anni (m 3 per abitante e variazioni %) Comuni m 3 per abitante variazioni [%] variazioni [%] Roma 315,6 328,6 322,3 348,9 350,2 352,4 332,6-5,6 5,4 Torino 485,6 513,5 514,1 527,3 527,9 544,5 514,3-5,5 5,9 Milano 516,6 513,9 504,2 480,2 442,4 425,8 402,1-5,6-22,2 Venezia 618,5 667,1 667,8 684,9 704,0 691,1 684,2-1,0 10,6 Genova 454,3 451,9 434,2 490,4 607,4 614,0 570,4-7,1 25,6 Bologna 649,2 694,4 664,2 706,1 704,2 726,5 686,1-5,6 5,7 Firenze 493,9 479,9 469,7 563,1 523,4 552,2 521,3-5,6 5,5 Napoli 159,0 163,3 152,1 170,6 175,8 176,3 168,4-4,5 5,9 Bari 196,8 209,1 210,2 225,8 256,4 238,2 245,1 2,9 24,5 Palermo 60,4 59,2 59,9 78,7 75,5 91,3 84,8-7,1 40,4 Fonte: Istat - Indicatori, Osservatorio ambientale sulle città (a) alcuni valori dell'indicatore relativo a tale comune sono stati stimati Fig variazione dei consumi pro capite di gas metano per il settore domestico per alcuni grandi comuni (anno 2000=100) 155,00 consumi domestici gas pro capite (anno 2000 =100) 145,00 135,00 125,00 115,00 105,00 95,00 85,00 75, anno RM TO MI NA PA

12 Tab Indicatori ambientali urbani relativi al consumo di energia (elettricità e gas) per uso domestico per alcuni grandi comuni (a). Anni (Tep per abitante e variazioni %) Comuni tep per abitante variazioni [%] variazioni [%] Roma 0,3751 0,3862 0,3875 0,4151 0,4159 0,4214 0,4020-4,6 6,7 Torino 0,5007 0,5256 0,5268 0,5394 0,5361 0,5498 0,5286-3,9 5,3 Milano 0,5206 0,5206 0,5137 0,4958 0,4651 0,4497 0,4270-5,1-21,9 Venezia 0,6012 0,6431 0,6444 0,6628 0,6796 0,6664 0,6559-1,6 8,3 Genova 0,4655 0,4654 0,4541 0,5014 0,5989 0,6004 0,5485-8,6 15,1 Bologna 0,6421 0,6814 0,6579 0,6973 0,6955 0,7101 0,6604-7,0 2,8 Firenze 0,5113 0,4937 0,4960 0,5744 0,5398 0,5606 0,5253-6,3 2,7 Napoli 0,2202 0,2224 0,2139 0,2296 0,2362 0,2377 0,2207-7,1 0,2 Bari 0,2588 0,2596 0,2754 0,2890 0,3135 0,2970 0,2919-1,7 11,3 Palermo 0,1508 0,1462 0,1516 0,1681 0,1693 0,1841 0,1699-7,7 11,2 Fonte: elaborazione su dati Istat - Indicatori, Osservatorio ambientale sulle città (a) alcuni valori dell'indicatore relativo a tale comune sono stati stimati Fig variazione dei consumi pro capite di energia (elettricità e gas) per il settore domestico per alcuni grandi comuni (anno 2000=100) consumi pro capite [anno 2000 =100] anno RM TO MI NA PA

13 15.3 Energia elettrica da fonti rinnovabili Tab Impianti qualificati IAFR in esercizio nel Comune di Roma Categoria di intervento Fonte Data entrata in esercizio Potenza [MW] Producibilità [MWh] Nuova Costruzione Biogas da discarica 28/08/2000 5, Nuova Costruzione RSU/RSAU 18/03/2003 3, Nuova Costruzione Biogas da discarica 01/01/2005 3, Nuova Costruzione Biogas da discarica 20/06/2007 5, Nuova Costruzione Biogas da discarica 01/10/2007 5, Tab Impianti Fotovoltaici in esercizio al 19 marzo 2008 nel comune di Roma ammessi all'incentivazione del conto energia (DM e DM ) per tipologia del sito e area di istallazione DM DM numero Potenza impianto (kwp) Tipologia sito numero Potenza impianto (kwp) Tipologia sito area centrale: I, II, III, IX e XVII 2 3,87 abitazione privata 2 3,84 abitazione privata 1 1,23 condominio 2 23,50 infrastruttura ricettiva 1 6,08 istituto di istruzione 1 49,21 manufatto industriale 7 83,89 2 3,84 area semicentrale e periferica: IV, V, VI, VII, VIII, X, XI, XII, XIII, XV, XVI, XVIII, XIX e XX ,87 abitazione privata ,60 abitazione privata 3 62,64 altro 1 19,80 manufatto industriale 1 5,10 edificio pubblico 3 41,15 istituto di istruzione 5 94,88 manufatto industriale 1 4,95 uffici , ,40 Totale 7+49=56 447,48 Totale 2+45=47 155,24 Fonte: elaborazione su dati GSE - Gestore Servizi Elettrici S.p.A.

14 15.4 Il risparmio energetico Fig ripartizione percentuale degli interventi relativi alla riqualificazione energetica degli edifici ammessi alle agevolazioni previste dalla Finanziaria 2007 nel Comune di Roma al 2 aprile 2008 (percentuale sul totale degli interventi ammessi al finanziamento). Pareti verticali 7% 19% 9% 5% 60% Pavimenti e coperture Finestre Solare termico totale interventi: Impianto termico Fonte: ENEA Tab a principali dati relativi alle domande di ammissione alle agevolazioni previste dalla Finanziaria 2007 per la riqualificazione energetica degli edifici per alcuni grandi Comuni (dati al 2 aprile 2008). risparmio energia spesa per spesa media per n. domande risparmio medio per intervento [MWh] primaria [MWh/anno] intervento [ ] intervento [ ] Roma , ,36 6, Torino , ,20 10, Milano , ,91 41, Venezia , ,30 6, Genova , ,49 8, Bologna , ,79 6, Firenze , ,23 5, Napoli , ,41 2, Bari , ,08 2, Palermo , ,26 4, Fonte: elaborazione su dati ENEA Tab b principali dati relativi alle domande di ammissione alle agevolazioni previste dalla Finanziaria 2007 per la riqualificazione energetica degli edifici per alcuni grandi Comuni (dati al 2 aprile 2008). risparmio annuo / n. abitazioni Numero di abitazioni (*) [kwh] Spesa interventi/ n. abitazioni [ ] Roma ,3 25,2 Torino ,3 33,4 Milano ,6 32,1 Venezia ,2 56,5 Genova ,6 35,9 Bologna ,9 Firenze ,2 37,7 Napoli ,8 8,1 Bari ,8 14 Palermo ,7 9,4 (*) totale abitazioni occupate da persone residenti in edifici ad uso abitativo (Fonte: Censimento 2001) Fonte: elaborazione su dati ENEA

13. Consumi di energia elettrica

13. Consumi di energia elettrica 13. Consumi di energia elettrica Nel corso del 2005 è proseguita la crescita sostenuta dei consumi di energia elettrica a Roma, a cui si contrappone una certa stabilità nella congiuntura economica provinciale

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh).

PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh). PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh). AGRICOLTURA 16,3 17,4 17,0 17,5 18,2 20,2 20,8 22,9 23,2 22,8 23,4

Dettagli

13. Consumi di energia elettrica

13. Consumi di energia elettrica 13. Consumi di energia elettrica Nell ambito dei Paesi industrializzati, e della loro tendenza a promuovere stili di sempre più orientati a comportamenti di consumo energivori, l Italia e ovviamente Roma

Dettagli

3.7 Consumi energetici

3.7 Consumi energetici 3.7 Consumi energetici L impiego principale dell energia da parte dei cittadini nel territorio provinciale avviene: 1) per usi domestici e produttivi (agricoltura, industria, terziario) - Energia elettrica

Dettagli

Tavola 21.1 - Situazione impianti di produzione energia elettrica in Puglia al 31 dicembre 2003

Tavola 21.1 - Situazione impianti di produzione energia elettrica in Puglia al 31 dicembre 2003 Tavola 21.1 - Situazione impianti di produzione energia elettrica in Puglia al 31 dicembre 2003 Idroelettrici Termoelettrici Impianti lorda (MW) netta (MW) Producibilità media annua (GWh) Impianti Sezioni

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

CONSUMI URBANI DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS METANO PER USO DOMESTICO E PER RISCALDAMENTO NEGLI ANNI 2000-2006 NELLE PRINCIPALI CITTÀ ITALIANE

CONSUMI URBANI DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS METANO PER USO DOMESTICO E PER RISCALDAMENTO NEGLI ANNI 2000-2006 NELLE PRINCIPALI CITTÀ ITALIANE CONSUMI URBANI DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS METANO PER USO DOMESTICO E PER RISCALDAMENTO NEGLI ANNI 2000-2006 NELLE PRINCIPALI CITTÀ ITALIANE D.SANTONICO APAT Dipartimento Stato dell Ambiente e Metrologia

Dettagli

8. Mercato immobiliare

8. Mercato immobiliare 8. Mercato immobiliare Indice delle tabelle 8.1 Andamento dei prezzi medi di vendita del mercato residenziale a Roma e Milano. Serie storica dal 1986 al 2002. 8.2 Andamento dei prezzi medi di vendita del

Dettagli

TAB 3.1 Consumo di gas metano per uso domestico e per riscaldamento per i capoluoghi di provincia

TAB 3.1 Consumo di gas metano per uso domestico e per riscaldamento per i capoluoghi di provincia TAB 3.1 Consumo di gas metano per uso domestico e per riscaldamento per i capoluoghi di provincia Anni 2000 2006 (Mc per abitante) COMUNI 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 L'Aquila 463,3 558,6 511,9 583,7

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Convenzione tra. Provincia di Napoli e A.R.P.A.C. Data

REGIONE CAMPANIA. Convenzione tra. Provincia di Napoli e A.R.P.A.C. Data REGIONE CAMPANIA Convenzione tra Data Provincia di Napoli e A.R.P.A.C. Realizzazione della Banca dati Energetica propredeutica al piano energetico della Provincia di Napoli Relazione Finale Consulenza

Dettagli

Il progetto Trend: i risultati tecnici e le prime riflessioni sull'efficacia dell'iniziativa

Il progetto Trend: i risultati tecnici e le prime riflessioni sull'efficacia dell'iniziativa Gestire l'energia per creare nuova competitività: i risultati del progetto Trend nel panorama nazionale degli strumenti per l'efficienza energetica Milano 28 ottobre 2014 Il progetto Trend: i risultati

Dettagli

4. ENERGIA. Introduzione. Fonte e Metodo d Indagine

4. ENERGIA. Introduzione. Fonte e Metodo d Indagine 4. ENERGIA Introduzione Limitatamente al sistema energetico, il XX secolo è stato caratterizzato da una tendenza di fondo sostanzialmente costante, cioè la fortissima crescita dei consumi energetici, e

Dettagli

13. Consumi di energia elettrica

13. Consumi di energia elettrica 13. Consumi di energia elettrica Il processo di sviluppo dei cosiddetti Paesi industrializzati tende a promuovere in misura sempre maggiore comportamenti di consumo energivori; in un tale contesto, l Italia

Dettagli

2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI

2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI 2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI 2.7.1 INDICATORE 1: Consumo procapite di combustibili nel settore civile Settore: Usi civili. Indicatore: Consumo procapite di combustibili normalizzato sui gradi giorno nel

Dettagli

Negli ultimi 12 mesi, la sua famiglia ha effettuato interventi di ristrutturazione dell'abitazione principale? 20,7

Negli ultimi 12 mesi, la sua famiglia ha effettuato interventi di ristrutturazione dell'abitazione principale? 20,7 % Dalla riqualificazione (anche energetica) degli edifici nuova linfa al settore immobiliare Nomisma e Saie fotografano il trend e le prospettive della ri-qualificazione energetica e del ri-uso urbano

Dettagli

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa Il progetto Trend: prime analisi sull efficacia dello strumento e sul patrimonio di dati acquisito Stefania Ghidorzi Cestec

Dettagli

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio In collaborazione con Comune di Villa di Serio Comune di Nembro Comune di Pradalunga INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio -: i consumi energetici e le emissioni a NEMBRO Domenico Leo

Dettagli

Energia, ambiente ed efficienza

Energia, ambiente ed efficienza Energia, ambiente ed efficienza Collegio Gregorianum, Padova 21 maggio 2008 Arturo Lorenzoni Introduzione Il settore energetico ha un incidenza di primaria importanza sull economia nazionale. È il primo

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2014 fanno registrare una riduzione

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

PIANO ENERGETICO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO

PIANO ENERGETICO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO PIANO ENERGETICO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Inquadramento del sistema energetico provinciale (1^ bozza) INDICE 1. IL BILANCIO ENERGETICO PROVINCIALE...2 1.1 I CONSUMI ENERGETICI NEGLI USI FINALI... 3 1.1.1

Dettagli

La sfida dell efficienza e del risparmio energetico come opportunità per le PMI della provincia di Brindisi MARCO DAMIANO, DINTEC SCRL

La sfida dell efficienza e del risparmio energetico come opportunità per le PMI della provincia di Brindisi MARCO DAMIANO, DINTEC SCRL WORKSHOP Efficienza energetica e sostenibilità per un posizionamento turistico competitivo La sfida dell efficienza e del risparmio energetico come opportunità per le PMI della provincia di Brindisi MARCO

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL

FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL 1 - Presentazione FAREFFICIENZA SRL - Titoli di efficienza energetica - Tipologia di interventi ammissibili - Esempi economici

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI

RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE: ESPERIENZE E OPPORTUNITÀ PER I COMUNI Forlì, 15 giugno 2009 Premessa Nel 1800 meno del 3% della popolazione mondiale viveva nelle città. Nel 1900 erano 150 milioni le persone

Dettagli

Il leader nell efficienza energetica e ambientale

Il leader nell efficienza energetica e ambientale Il leader nell efficienza energetica e ambientale GDF SUEZ offre soluzioni energetiche innovative a privati, comunità e imprese, avvalendosi di: un portafoglio di approvvigionamento diversificato un parco

Dettagli

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali Università di Bologna ONLUS Luce&Vita energia Noi nel nostro piccolo Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Leonardo Setti Polo di Rimini

Dettagli

QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE

QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE ANNO 2007 1 CONSUMI FINALI PER SETTORE DI UTILIZZO trasporti 29,2% CONSUMI FINALI PER SETTORE agricoltura e pesca 2,1% industria 34,6% civile

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO ENERGETICO

Dettagli

Workshop Industria. Maurizio Russo ANIE Energia e ANIE Assoautomazione

Workshop Industria. Maurizio Russo ANIE Energia e ANIE Assoautomazione Workshop Industria Motori ad alta efficienza ed azionamenti a velocità variabile nell'industria e nel terziario. Analisi di casi reali e benefici energetici Maurizio Russo ANIE Energia e ANIE Assoautomazione

Dettagli

Ing. Michele Lauritano

Ing. Michele Lauritano Ing. Michele Lauritano Prima Conto Capitale Programma Tetti fotovoltaici (2001) Oggi Conto Energia Vecchio Conto Energia (DM 28/07/2005 e integrazione con DM 6/02/2006) Nuovo Conto Energia (DM 19/02/2007)

Dettagli

Ministero dello sviluppo economico

Ministero dello sviluppo economico Incentivi per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e per interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni Ministero dello sviluppo economico Dipartimento Energia - DGENRE - Div.

Dettagli

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI 1.1 Energia La dinamica dei consumi energetici è strettamente connessa all andamento della produzione e dei consumi del sistema regionale. Dalla metà degli anni 90 il consumo di energia da parte della

Dettagli

Ristrutturazione edilizia e riqualificazione energetica

Ristrutturazione edilizia e riqualificazione energetica Ristrutturazione edilizia e riqualificazione energetica Ristrutturazione edilizia Ristrutturazione edilizia Ristrutturazione edilizia Ristrutturazione edilizia Ristrutturazione edilizia Ristrutturazione

Dettagli

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico In questa sezione si analizzano gli aspetti economici, ambientali ed occupazionali collegati alla sviluppo del fotovoltaico. Aspetti economici Per quanto

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Comuni di Airuno, Brivio Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Brivio, 25 giugno 2015 Sportello Energia Dal mese di maggio 2015 è aperto lo sportello energia : lo Sportello Energia

Dettagli

Impianti a biomasse in Emilia-Romagna: aspetti autorizzativi e di controllo

Impianti a biomasse in Emilia-Romagna: aspetti autorizzativi e di controllo Impianti a biomasse in Emilia-Romagna: aspetti autorizzativi e di controllo Il quadro degli impianti in Emilia-Romagna Franco Zinoni Bologna 1 2 ottobre 2013 La crescita delle biomasse: 2009 Fonte: Arpa

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Introduzione 1. Premessa Terna Rete Elettrica Nazionale (Terna) cura la raccolta dei dati statistici del settore elettrico nazionale, essendo il suo

Dettagli

2.1 ENERGIA. Roberto Primerano

2.1 ENERGIA. Roberto Primerano 2.1 ENERGIA Roberto Primerano 45 Introduzione Gli indicatori proposti sono ripresi dal rapporto Energy and Environment in the European Union redatto dall Agenzia Europea dell Ambiente con la finalità di

Dettagli

GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE

GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE LA COGENERAZIONE FINO A 10 MW Microturbine Piccoli cogeneratori (< 100 kw) Applicazioni nel settore civile e terziario Motori endotermici 1500

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Con la presente si analizzano i chiarimenti recentemente forniti dall Agenzia delle Entrate con la Risoluzione

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare Continua la rivalutazione del settore immobiliare romano iniziata nel 1999 e proseguita, con velocità diverse ma sempre crescenti, fino ad oggi. Tornando indietro nel tempo, sino

Dettagli

AMIANTO Contributi a supporto degli interventi di bonifica

AMIANTO Contributi a supporto degli interventi di bonifica San Giovanni in Persiceto, 11 febbraio 2015 AMIANTO Contributi a supporto degli interventi di bonifica RIMOZIONE AMIANTO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Incontro tematico per le aziende di

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2014. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008

FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008 FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008 INCENTIVI PREVISTI DALLA FINANZIARIA 2007 Riqualificazione edifici con miglioramento del 20% Infissi con finestre, parti opache Caldaie a condensazione Solare Termico Fotovoltaico

Dettagli

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 La risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 dell Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti interpretativi sull applicabilità della detrazione alle spese

Dettagli

Strategia energetico-ambientale regionale 2014-2020: documento preliminare. Le fonti energetiche rinnovabili in Umbria

Strategia energetico-ambientale regionale 2014-2020: documento preliminare. Le fonti energetiche rinnovabili in Umbria Strategia energetico-ambientale regionale 2014-2020: documento preliminare Le fonti energetiche rinnovabili in Umbria Energia solare ed idroelettrica SEAR 2014-2020 Servizio Energia qualità dell ambiente

Dettagli

Giampiero Colli Anima/Coaer. Logo associazione nello schema

Giampiero Colli Anima/Coaer. Logo associazione nello schema Work shop tecnico: Edifici Impianti a pompa di calore per la climatizzazione annuale e la produzione di acqua calda sanitaria: soluzioni per edifici polifunzionali, residenziali, uffici. Giampiero Colli

Dettagli

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Mauro Fasano U.O. Energia e Reti Tecnologiche Dino De Simone Direzione Energia Finlombarda IL PEAR

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO

Dettagli

L audit energetico: uno strumento importante per l individuazione di potenziali risparmi

L audit energetico: uno strumento importante per l individuazione di potenziali risparmi ing. Matteo Manica Polo Tecnologico per l Energia l srl (Trento) L audit energetico: uno strumento importante per l individuazione di potenziali risparmi INTRODUZIONE Andamento storico delle emissioni

Dettagli

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE)

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO POMPE DI CALORE clima / comfort / risparmio Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) tel. 085 9771404 cell. 334 7205 930 MAIL energie@icaro-srl.eu WEB www.icaro-srl.eu

Dettagli

AUDIT ENERGETICO SOSTENIBILE Tecniche e procedure per la valorizzazione ambientale del patrimonio edilizio esistente

AUDIT ENERGETICO SOSTENIBILE Tecniche e procedure per la valorizzazione ambientale del patrimonio edilizio esistente KYOTO CLUB AUDIT ENERGETICO SOSTENIBILE Tecniche e procedure per la valorizzazione ambientale del patrimonio edilizio esistente UTEE UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA La qualità energetica del patrimonio

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare Il trend cittadino delle abitazioni. Continua la rivalutazione degli acquisti nel settore immobiliare romano i- niziata nel 1999 e proseguita, con velocità diverse ma sempre crescenti,

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Tutti gli incentivi per i cittadini come da:

Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) - Certificati Verdi e le nuove incentivazioni per la produzione di energia elettrica

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 (e modifiche del Gennaio 2009) - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) Indice: pagina 3: le diverse possibilità di intervento

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO RISOLUZIONE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 aprile 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica. Applicabilità della detrazione fiscale del 36 per cento, prevista dall art. 16-bis del TUIR, alle spese

Dettagli

Polo Territoriale di Cremona Il supporto offerto all azienda dal fotovoltaico

Polo Territoriale di Cremona Il supporto offerto all azienda dal fotovoltaico Polo Territoriale di Cremona Il supporto offerto all azienda dal fotovoltaico Quarto e Quinto Conto Energia 2 Il Quarto Conto Energia, istituito dal DM 5 maggio 2011, introduce un tetto di spesa per il

Dettagli

Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi

Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi Conto Energia per il fotovoltaico: Il ruolo del GSE e modalità per l accesso agli incentivi Francesco Trezza GSE - Direzione Operativa - Unità Ingegneria Seminario Assolombarda Milano, 20-02- 2007 www.gsel.it

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

Analisi ed interventi di risparmio L'esperienza dell'area di Ricerca di Firenze del CNR sul monitoraggio e l'ottimizzazione dei consumi energetici

Analisi ed interventi di risparmio L'esperienza dell'area di Ricerca di Firenze del CNR sul monitoraggio e l'ottimizzazione dei consumi energetici Analisi ed interventi di risparmio L'esperienza dell'area di Ricerca di Firenze del CNR sul monitoraggio e l'ottimizzazione dei consumi energetici Francesco Grazzi Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto

Dettagli

STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR

STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR Fiera Milano 9 maggio 2014 Il ruolo della Cogenerazione ad Alto Rendimento Gabriele Susanna - Direzione

Dettagli

Audit energetico e disaggregazione dei consumi delle stazioni di rifornimento. Obiettivi generali e scelta degli interventi

Audit energetico e disaggregazione dei consumi delle stazioni di rifornimento. Obiettivi generali e scelta degli interventi RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELLE STAZIONI DI RIFORNIMENTO CARBURANTE Prof. Giovanni Vincenzo Fracastoro giovanni.fracastoro@polito.it Dipartimento Energia Ing. Laura Rietto laura.rietto@polito.it Sommario

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

un Privato o un Condominio

un Privato o un Condominio Scegli le agevolazioni e gli incentivi più vantaggiosi per Te. Sei : 1 2 3 un Privato o un Condominio un azienda, un industria, un albergo, un negozio, etc. una Pubblica Amministrazione 1 un Privato o

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 30 giugno 2015. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA l energia migliore è quella che puoi risparmiare EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA L efficienza energetica è la capacità di utilizzare l energia in modo razionale, di ridurre i consumi e, conseguentemente,

Dettagli

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati Le iniziative del PAES Francesco Tutino - Comune di Bologna Settore Ambiente ed Energia -Ufficio Energia

Dettagli

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia 6 Emissioni di CO 2 6 rapporto sull energia 99 6. Emissioni di CO 2 Sulla base degli usi finali di energia è possibile calcolare il bilancio delle emissioni di CO 21 e monitorarne l andamento dal 1990,

Dettagli

BILANCIO Incidenza produzione/consumi

BILANCIO Incidenza produzione/consumi CAPITOLO 4 QUADRO ENERGETICO DEL COMUNE DI CESENA 4.1 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE 4.1.1 Bilancio energetico complessivo Tabella 4.1 : bilancio energetico comunale [tep] 2008 [tep] 1 Consumo energia elettrica

Dettagli

RUOLO DEL COMUNE NEL CAMPO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA

RUOLO DEL COMUNE NEL CAMPO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Comune di Brusaporto Provincia di Bergamo RUOLO DEL COMUNE NEL CAMPO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Brusaporto, Ing. Roberto Menga Assessore Urbanistica, Territorio e Protezione Civile Indice Il

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Risparmio energetico ed efficienza energetica perché l'energia più economica è quella che non si consuma L importanza dell Efficienza Energetica e del Risparmio Energetico Importazioni energetiche 2012

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

Forse leggermente? CONVEGNO ASSOCARBONI Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri 28 Marzo 2014

Forse leggermente? CONVEGNO ASSOCARBONI Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri 28 Marzo 2014 Forse leggermente? CONVEGNO ASSOCARBONI Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri 28 Marzo 2014 In Italia crediamo che Rinnovabili prevenzione Con le rinnovabili che hanno prodotto il 100%

Dettagli

I punti cardine del risparmio energetico

I punti cardine del risparmio energetico IL RISPARMIO COME FONTE DI ENERGIA Tezze sul Brenta, mercoledì 21 gennaio 2009 Ing. Luca Cuccarollo I punti cardine del risparmio energetico La gestione accurata dei sistemi energetici come mezzo per ridurre

Dettagli

RELAZIONE DI SINTESI

RELAZIONE DI SINTESI Progetto Sergan INTERREG III A SARDEGNA / CORSICA / TOSCANA Progetto SERGAN Reti locali del gas RELAZIONE DI SINTESI Studio sulle reti locali del gas Domanda prevedibile di gas nei prossimi dieci anni

Dettagli

I risultati dello studio di Confindustria sull efficienza energetica. Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Economia Sistemi Elettrici CESI RICERCA

I risultati dello studio di Confindustria sull efficienza energetica. Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Economia Sistemi Elettrici CESI RICERCA I risultati dello studio di Confindustria sull efficienza energetica Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Economia Sistemi Elettrici CESI RICERCA Analisi degli usi finali di energia e stima dei risparmi

Dettagli

La struttura economica romana

La struttura economica romana Capitolo 1 La struttura economica romana 15 LA STRUTTURA ECONOMICA ROMANA Il sistema produttivo 1 La struttura del sistema produttivo romano 1.1 La situazione nel 2001 In Italia secondo i dati dell archivio

Dettagli

Quadro dei consumi energetici

Quadro dei consumi energetici Quadro dei consumi energetici La situazione nazionale Il quadro dei consumi energetici nazionali degli ultimi anni delinea una sostanziale stazionarietà per quanto riguarda il settore industriale e una

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA COMMISSIONE ENERGIA CORSO: TEE CASE STUDY DATA: 08 LUGLIO 2015 DOCENTI: ING. BELOTTI GIORGIO ING. BERARDI MARA ING. GAGLIOTTI GIOVANNA CORSO TEE - TITOLI

Dettagli

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini Ing. Emanuela Peruzzi Roma - Smart Energy Expo, 8 luglio 2015 Agenda La Strategia Energetica Nazionale: il ruolo del Conto Termico

Dettagli

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Corso di Formazione ESTATE La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli Studi di

Dettagli

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 12. Energia

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 12. Energia P A R T E S E C O N D A Capitolo 12 Energia 12. ENERGIA 12.1 Caratteri generali Nella trattazione degli argomenti riportati nel presente capitolo si è posta particolare enfasi sui consumi elettrici e di

Dettagli

Gli indicatori analizzati

Gli indicatori analizzati Gli indicatori analizzati - Consumi finali per fonte energetica e per settore (P) - Consumi elettrici (P) - Intensità energetica (consumi finali/valore aggiunto) (P) - Contributo all effetto serra - emissioni

Dettagli

Solare Termico e Fotovoltaico per cittadini e agricoltori

Solare Termico e Fotovoltaico per cittadini e agricoltori Solare Termico e Fotovoltaico per cittadini e agricoltori DEFINIZIONI Solare Termico: utilizzo della radiazione solare per produrre acqua calda Solare Fotovoltaico: utilizzo della radiazione solare per

Dettagli

La gestione dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)

La gestione dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE) La gestione dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE) CAMPAGNA COMUNE EFFICIENTE www.carolloimpianti.it/teecomune Molte domande, una sola risposta: Energy Service Company noi siamo ESCo La società F.lli

Dettagli

L'efficienza energetica nell'industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese

L'efficienza energetica nell'industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Assolombarda e Fondazione EnergyLab L'efficienza energetica nell'industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Il piano energetico ambientale regionale Mauro Fasano Regione Lombardia, DG

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012 FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI 14 marzo 2012 I settori d azione previsti dal Patto dei Sindaci Le Linee Guida del Joint

Dettagli

Metodologia. 5 rapporto sull energia

Metodologia. 5 rapporto sull energia 2 Metodologia 5 rapporto sull energia 23 2.1 Usi finali e consumi finali Per l aggiornamento del bilancio energetico provinciale al 2005 si è adottata la stessa metodologia utilizzata per il Quarto Rapporto

Dettagli

Efficienza Energetica: Jessica Sicilia per gli enti pubblici. Catania, 3 maggio 2012 Mauro Conti -Daniele Ziveri

Efficienza Energetica: Jessica Sicilia per gli enti pubblici. Catania, 3 maggio 2012 Mauro Conti -Daniele Ziveri Efficienza Energetica: Jessica Sicilia per gli enti pubblici Catania, 3 maggio 2012 Mauro Conti -Daniele Ziveri BIT Servizi per l investimento l Al fianco delle BCC e dei loro clienti per fornire un supporto

Dettagli

Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI

Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI 1 Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo del Sistema Elettrico Workshop Fondazione idi Milano, 11 Novembre 2010 www.gsel.it1

Dettagli