Organigramma della Società. Job description delle posizioni organizzative aziendali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Organigramma della Società. Job description delle posizioni organizzative aziendali"

Transcript

1 Job description delle posizioni organizzative aziendali BOLOGNA, Marzo 2014

2

3 INDICE PRESENTAZIONE... 5 MODELLO ORGANIZZATIVO... 7 JOB DESCRIPTION PRESIDENTE DIRETTORE OPERATIVO Infrastrutture e Sistemi Informativi Comunicazione Sicurezza Procedure, atti e controllo progetti Pool di segreteria e Servizi generali Analisi economica e statistica AREA OPERATIVA Responsabili di Unità Coordinatori di progetto con ruolo organizzativo Coordinatori di progetto Esperti AREA AMMINISTRAZIONE FINANZA E CONTROLLO Controllo di Gestione e Rendicontazione Amministrazione, Finanza, Personale Pag. 3 / 61

4

5 Presentazione Il presente documento riporta il modello organizzativo e di funzionamento, l organigramma e le job description delle posizioni organizzative della Società approvato dal Consiglio di Amministrazione del 31 marzo Il documento contiene a) Il modello organizzativo b) Le job description c) La matrice ruoli e responsabilità per il 2014 d) L assegnazione dei progetti a seguito dell adozione del nuovo modello organizzativo Il modello organizzativo descrive le modalità operative di Ervet e l organigramma della società. Le job description sono i processi che devono essere presidiati dai diversi dipendenti ERVET. La matrice ruoli e responsabilità definisce la relazione fra organigramma e personale della società. L assegnazione dei progetti alle aree si è resa necessaria a seguito dell adozione del nuovo modello organizzativo e consiste nell assegnazione dei progetti alle unità ed ai loro responsabili, nonché il loro coordinamento ai coordinatori di progetto. Il presente documento è aggiornato alla data del 31 marzo Pag. 5 / 61

6

7 Modello organizzativo Ervet opera attraverso l esecuzione di progetti finanziati dai propri soci tramite Convenzioni e Programmi annuali con riferimento alle aree strategiche individuate dalla mission della Società nella propria legge istitutiva. Questa modalità operativa viene tradotta nel modello organizzativo identificando un area operativa, che presidia l esecuzione dei progetti finanziati, e aree o funzioni di staff che si occupano delle attività trasversali e di supporto alla realizzazione dei progetti. Nei due schemi che seguono si evidenzia come l azione delle Unità dell area operativa avvenga per progetti, la cui responsabilità è assegnata ai coordinatori di progetto. Pag. 7 / 61

8 La struttura organizzativa della società prevede: Un Consiglio di Amministrazione Un Presidente con funzioni di amministratore delegato Una direzione operativa Responsabili d Area, Responsabili di Unità, Responsabili di funzione, Coordinatori di progetto e esperti. Ad alcuni coordinatori vengono assegnati particolari ruoli organizzativi, secondo quanto presentato nello schema 1. Pag. 8 / 61

9 Per quanto riguarda l area operativa, i progetti vengono assegnati ad un coordinatore di progetto a inizio anno; conseguentemente, il coordinatore di progetto dipende dal Responsabile di Unità di riferimento per l esecuzione di quello specifico progetto. Un coordinatore di progetto può quindi dipendere da uno o più responsabili di unità in ragione dei progetti che gli vengono assegnati da coordinare. L unità è il livello superiore di coordinamento dell area operativa e viene identificata come area tematica complessa di intervento della società. La società può identificare livelli di coordinamento di livello inferiore con riferimento ad aree tematiche specialistiche che potranno essere coperte da coordinatori di progetto ruolo organizzativo. Per quanto riguarda le attività trasversali, viene identificata un area Amministrazione Finanza e Controllo, delle funzioni specialistiche (controllo e rendicontazione, sistemi informativi e infrastrutturali, comunicazione, amministrazione finanza e controllo), un Pool di segreteria e servizi generali. Pag. 9 / 61

10 Job Description Pag. 10 / 61

11 Presidente Il Presidente, nonché Amministratore delegato, oltre alle funzioni di rappresentanza legale della Società, assume le funzioni di responsabile degli affari legislativi ed istituzionali della società. Il Presidente ha il compito di: 1. Definire gli orientamenti strategici operativi della società in accordo con gli azionisti 2. Gestire i rapporti con le istituzioni, i soci e tutti gli altri stakeholders aziendali e di seguire gli aspetti contrattuali in generale ed i temi di natura societaria e giuridica. 3. Coordinare tutte le azioni di difesa della società e di garantire l effettivo utilizzo ed attuazione degli strumenti/procedure di governance aziendale. 4. Convocare le assemblee ed i consigli di amministrazione della società. 5. Stipulare le convenzioni con la Regione Emilia-Romagna o altri soggetti ed i contratti con i fornitori. Il Presidente con riferimento alla gestione delle Risorse Umane, 1. Ha il compito di autorizzare l avvio delle fasi procedurali connesse al reperimento di personale e di collaboratori esterni, fino all assunzione o alla stipula di contratti. 2. Definisce, insieme al Direttore Operativo, le politiche inerenti agli stipendi, al sistema di incentivazione e valutazione del personale e controlla la perequazione degli stipendi in riferimento agli aumenti annuali. 3. Gestisce, eventualmente con il supporto del consulente del lavoro, i rapporti con le rappresentanze sindacali territoriali. 4. Autorizza il programma per la formazione professionale del personale delegandone la gestione. Il presidente, con riferimento alle politiche per la comunicazione, a) Sulla base di piani presentati dal Responsabile, autorizza le politiche per la comunicazione della società Per gli aspetti gestionali di cui alle attività sopra elencate, il Presidente si avvale del Direttore operativo e del Responsabile dell area Amministrazione, Finanza e Controllo. Pag. 11 / 61

12

13 Direttore Operativo Rivisto da Approvato da Presidente Consiglio di Amministrazione Data ultima approvazione 31/3/2014 Pag. 13 / 61

14 Funzione Posizione Superiore Gerarchico Direttore operativo Direttore operativo Elisa Valeriani Titolo Presidente Generale Il direttore operativo contribuisce alla definizione degli orientamenti strategici della Società a supporto della Presidenza e del Consiglio di Amministrazione. Il direttore operativo supporta il Presidente nella definizione delle procedure di responsabilità dello stesso; presidia e supporta il presidente nelle relazioni con il cliente; ricopre un ruolo di collegamento tra la Presidenza e l Area operativa. Il direttore operativo garantisce il raggiungimento degli impegni assunti dalla Società nella realizzazione delle attività progettuali commissionate dai Clienti e nella predisposizione delle linee di azione previste dai programmi e dalle convenzioni. A tale scopo il Direttore operativo provvede a coordinare l Area operativa in modo da accrescere il livello di efficienza ed efficacia atteso nella gestione dei progetti e a monitorare l andamento tecnico ed economico dei suddetti progetti, al fine di informare la Presidenza in merito ad eventuali rischi aziendali o al mancato raggiungimento di obiettivi strategici. Nell ambito della Convenzione con RER tiene i contatti operativi con il referente regionale, coadiuvato dal Responsabile dell Area Amministrazione Finanza e Controllo per gli aspetti di natura finanziaria e gestionale. Il Direttore operativo, pur non assumendo la responsabilità di tutti i progetti, ricopre un ruolo di promotore di sinergie fra i progetti e le risorse assegnate. Compito del direttore operativo è quello di sovrintendere all organizzazione delle fasi operative di progetto (pianificazione, esecuzione e rendicontazione) secondo quanto previsto dalle procedure aziendali e di intervenire per quanto riguarda lo sviluppo di nuove progettualità e la gestione della soddisfazione dei clienti. Il direttore operativo presidia le funzioni strategiche orizzontali previste dal modello organizzativo. Pag. 14 / 61

15 Presentazione convenzione triennale e programma annuale Coordinamento Area operativa Pianificazione progettuale 1. Supporta il presidente ed il Cda nella predisposizione dei documenti utili all approvazione della Convenzione e del Programma annuale. 2. Monitora l avanzamento del programma e le procedure conseguenti 3. Risponde del mancato raggiungimento e degli scostamenti dei risultati raggiunti rispetto agli obiettivi assegnati e delle irregolarità che si dovessero riscontrare nelle attività demandate 4. Promuove incontri periodici con il Presidente, i Responsabili di unità e gli esperti di progetto al fine di relazionare in merito allo stato di avanzamento dei progetti assegnati alle funzioni operative 5. Mantiene e migliora la motivazione e la professionalità dei collaboratori, assegnando obiettivi e compiti, divulgando aggiornamenti normativi delle politiche e procedure aziendali 6. Può svolgere direttamente la funzione di Responsabile di progetto per progetti di competenza o per attività complesse che coinvolgono varie funzioni 7. Propone al Presidente le funzioni operative incaricate di gestire i progetti aziendali previsti 8. Assegna i progetti aziendali alle funzioni operative e si interfaccia con i responsabili per la nomina di Coordinatori di progetto incaricati della gestione operativa dei progetti Esecuzione e rendicontazione dei progetti Sviluppo nuove progettualità 9. Collabora con i Responsabili di unità ed i Coordinatori di progetto nella redazione del budget economico del progetto e nell individuazione delle risorse con le competenze richieste 10. Raccoglie le proposte definitive dei budget di progetto predisposte dai Responsabili di unità ed i Coordinatori di progetto, al fine di ottenere l autorizzazione del Presidente 11. Definisce insieme ai Responsabili di unità ed i Coordinatori di progetto le procedure mediante le quali gestire l esecuzione dei progetti e verificare l avanzamento delle attività rispetto agli obiettivi attesi 12. Verifica con la collaborazione dei Responsabili di unità, l avanzamento dei progetti aziendali e comunica al Presidente l andamento dei progetti strategicamente più rilevanti, individuando eventuali criticità 13. Interviene su richiesta del Presidente, nel caso di nuove iniziative progettuali, al fine di esprimere un giudizio di merito sulla fattibilità tecnica del progetto e per individuare preventivamente possibili criticità o minacce Recruiting 14. Collabora con il Presidente nella ricerca e selezione delle figure professionali da inserire nei progetti aziendali, secondo quanto Pag. 15 / 61

16 Sistemi informativi Servizi generali ed organizzativi Sistema di qualità previsto nelle procedure AC02 e RU Svolge funzioni di presidio della funzione Sistemi Informativi e Infrastrutturali, interagendo quotidianamente con il responsabile, risolvendo problematiche di particolare rilievo e intervenendo sulle irregolarità che si dovessero riscontrare 16. Supporta il Presidente nella valutazione, proposizione ed attuazione di nuovi assetti organizzativi della società 17. Supporta il Presidente nella gestione delle comunicazioni interne rivolte verso il personale dipendente 18. Verifica l efficienza dei servizi di supporto di propria competenza 19. È responsabile della manutenzione e ed implementazione delle procedure aziendali secondo gli standard qualitativi richiesti e coerentemente alle innovazioni legislative, anche tramite supporti esterni. 20. Programma l attività dell Ufficio procedure, atti e controllo progetti ed il Pool di segreteria e ne verifica l operatività Pag. 16 / 61

17 Infrastrutture e Sistemi Informativi Rivisto da Approvato da Direttore operativo Consiglio di Amministrazione Data ultima approvazione 31/3/2014 Pag. 17 / 61

18 Funzione Posizione Superiore Gerarchico Infrastrutture e sistemi informativi Responsabile di funzione Roberto Righetti Titolo Direttore operativo Generale Il responsabile della funzione assicura l efficiente sviluppo e gestione delle infrastrutture tecnologiche (informatiche e telematiche) e dei beni mobili e immobili della società. Con riferimento al primo ambito di attività, garantisce l adeguato supporto tecnico al personale della società nel risolvere eventuali problemi rilevati nell utilizzo degli strumenti informatici; può essere impiegato in attività a carattere progettuale, rispondendo in prima persona al responsabile d unità o al coordinatore di progetto Con riferimento al secondo ambito, il responsabile di funzione predispone, anche in accordo con l RSPP per quanto di competenza, un piano per gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria dei beni mobili e immobili della società. Il piano, approvato dal Presidente successivamente alla validazione del responsabile A&F e del direttore operativo, rappresenta il riferimento per gli interventi da effettuarsi sulle strutture. Il responsabile della funzione ha il compito di coordinare le risorse di supporto alla sua funzione, distribuendo obiettivi e compiti e mantenendone motivazioni e professionalità, di dare organizzare i processi di acquisto, di valutare gli effetti degli interventi realizzati. Coordinamento della funzione Gestione delle infrastrutture IT 1. Coordina le risorse assegnate alla propria funzione, distribuendo obiettivi e compiti e mantenendone le motivazioni e le professionalità 2. Apporta la necessaria competenza nel proprio campo di attività 3. Assicura la funzionalità, la qualità e la tempestività delle elaborazioni, la sicurezza fisica e logica dei dati e l adeguato dimensionamento delle risorse informatiche 4. Risponde del mancato funzionamento del servizio ad esso assegnato e del mancato raggiungimento degli obiettivi previsti 5. Elabora e propone piani di sviluppo informatico atti a soddisfare le esigenze interne aziendali 6. Provvede ad ottimizzare l utilizzo dei sistemi informatici affinché corrispondano ai fini informativi aziendali e a controllare il funzionamento dei sistemi installati 7. Propone e realizza scelte HW e SW adeguate alle esigenze aziendali nel rispetto degli investimenti economici pianificati e Pag. 18 / 61

19 concordati con il responsabile di area 8. Cura e mantiene i rapporti con le funzioni aziendali, realizzando il servizio di help desk e collaborando alla definizione e razionalizzazione delle esigenze tecniche di natura informatica 9. Verifica costantemente il mercato del settore EDP per identificare opportunità ed alternative tecniche ed operative 10. Coordina le attività di gestione del sito e della INTRANET aziendale, in coordinamento con il Presidente e con i referenti per la comunicazione Supporto area operativa Gestione degli acquisti Gestione delle infrastrutture non ict Gestione degli acquisti 11. Propone soluzioni informatiche previste dalla realizzazione di singoli progetti e su richiesta dei Responsabili di unità 12. Realizza l esecuzione delle attività previste tramite risorse interne o la supervisione di risorse esterne; 13. Supporta il Direttore Operativo ed il Responsabile dell Area Amministrazione Finanza e Controllo nel processo di acquisto di materiale informatico e telematico predisponendo tutto quanto necessario riguardo i propri ambiti di competenza 14. Elabora e propone il Piano per la manutenzione ordinaria e straordinaria dei beni mobili e immobili della società 15. Cura e mantiene i rapporti con le funzioni aziendali sui temi infrastrutturali 16. Gestisce, conseguentemente al piano approvato, il processo di acquisto dei beni e servizi necessari per la corretta manutenzione delle strutture della società predisponendo tutto quanto necessario riguardo i propri ambiti di competenza Pag. 19 / 61

20 Comunicazione Rivisto da Approvato da Direttore operativo Consiglio di Amministrazione Data ultima approvazione 31/3/2014 Pag. 20 / 61

21 Funzione Posizione Superiore Gerarchico Comunicazione Responsabile di funzione Roberto Righetti Titolo Direttore operativo Generale Il responsabile della comunicazione supporta Il Presidente ed il Direttore Operativo nella valutazione, predisposizione e attuazione delle politiche di comunicazione della società. Inoltre gestisce le risorse tecniche necessarie per lo svolgimento delle attività di comunicazione Infine, valuta i risultati dell attività di comunicazione, unitamente al Presidente ed al Direttore Operativo Servizi di comunicazione 1. Supporta Il Presidente ed il Direttore Operativo nella progettazione e pianificazione delle attività di comunicazione 2. Definisce, sentito il Presidente e il Direttore Operativo, il budget operativo delle attività di comunicazione 3. Identifica le risorse tecniche necessarie per lo svolgimento delle attività di comunicazione e gestisce le risorse esterne necessarie 4. Attua le politiche di comunicazione progettate 5. Valuta i risultati delle attività di comunicazione, unitamente al Presidente e Direttore Operativo Pag. 21 / 61

22 Sicurezza Rivisto da Approvato da Direttore operativo Consiglio di Amministrazione Data ultima approvazione 31/3/2014 Pag. 22 / 61

23 Funzione Posizione Superiore Gerarchico Sicurezza Responsabile Sicurezza Protezione e Prevenzione Roberto Righetti Titolo Direttore operativo Generale Il Responsabile Sicurezza Protezione e Prevenzione è nominato dalla società ai sensi del D.Lgs. n. 81/2008. Egli svolge tutti i compiti e le attività previste da tale Decreto Legislativo. Servizi di sicurezza 1. Svolge tutti i compiti e le attività che il D.Lgs. 81/2008 attribuisce al Responsabile Sicurezza Protezione e Prevenzione Pag. 23 / 61

24 Procedure, atti e controllo progetti Rivisto da Approvato da Direttore operativo Consiglio di Amministrazione Data ultima approvazione 31/3/2014 Pag. 24 / 61

25 Funzione Posizione Superiore Gerarchico Procedure, atti e controllo progetti Responsabile di Ufficio Roberto Righetti Titolo Direttore operativo Generale Il responsabile dell Ufficio svolge quanto di propria competenza in merito alle procedure aziendali, curando in particolare la corretta applicazione delle procedure stesse anche monitorando quanto di competenza di altre figure. Presidia, con supporti tecnici esterni, l evoluzione della normativa a tale proposito. Supporta il Presidente e il Direttore operativo nella stesura degli atti di propria competenza (ad es. L.231; Privacy; Sicurezza; Trasparenza valutazione e merito, Organizzazione, ecc.) Supporta il Presidente nell attuazione degli atti previsti dalla LR istitutiva di ERVET e dalle convenzioni relative (Programma annuale, Piano di attività, stati di avanzamento). Supporta il direttore operativo nel controllo sullo stato di avanzamento dei progetti. Il responsabile di ufficio è anche Segretario del Consiglio di Amministrazione. Assistenza alla gestione delle procedure 1. Provvede alla corretta applicazione delle procedure aziendali 2. Provvede al costante aggiornamento dell Albo prestatori d opera della Società, attraverso l archiviazione informativa dei CV inviati alla Società 3. Supporta i Responsabili di Unità nella fase di avvio delle procedure di propria competenza 4. Supporta il Direttore operativo nella valutazione e approvazione degli iter procedurali richiesti per quanto concerne la corretta gestione procedurale Segreteria CdA 5. Partecipa ai CDA e ne redige i verbali Predisposizione atti 6. Supporta il direttore operativo, il Presidente ed il Cda nella stesura degli atti di propria competenza Controllo progetti 7. Gestisce il sistema di analisi dello stato di avanzamento progetti 8. Predispone reportistiche sullo stato di avanzamento progetti a beneficio della direzione operativa, dell area finanza e controllo, del Responsabile funzione controllo e rendicontazione. 9. Verifica le revisioni di budget conseguenti alle analisi condotte Pag. 25 / 61

26 Pool di segreteria e Servizi generali Rivisto da Approvato da Direttore operativo Consiglio di Amministrazione Data ultima approvazione 31/3/2014 Pag. 26 / 61

27 Funzione Posizione Superiore Gerarchico Pool di segreteria e servizi generali Assistente di Segreteria di Presidenza e Direzione operativa Roberto Righetti Titolo Direttore operativo Generale L assistente di segreteria ha il compito di supportare il Presidente e la Direzione operativa nella gestione dei loro impegni istituzionali e statutari oltre a quello di gestire tutte le normali attività di segreteria, anche a supporto del Consiglio d Amministrazione. A tale scopo, la Segretaria di Presidenza e Direzione operativa si preoccupa, da un lato, di curare i rapporti del Presidente e della Direzione operativa con gli organi interni e con tutti gli enti esterni, utilizzando un attenta gestione dell agenda, delle telefonate e della comunicazione sia nei confronti dei clienti che del personale aziendale, dall altro, di organizzare il complesso di attività facenti capo ai vertici societari. Fornisce supporto al Presidente, al Direttore operativo ed ai Responsabili di Unità nella predisposizione dei contenuti dei contratti dei collaboratori esterni. Fornisce supporto al Presidente, al Direttore operativo le attività delle funzioni di staff e per le esigenze di comunicazione generale della società. Fornisce supporto al Responsabile dell Area Amministrazione Finanza e Controllo per la predisposizione della corrispondenza in uscita. Partecipa alla turnazione del centralino per la giornata del venerdì pomeriggio come da accordo del 1 dicembre Assistenza alla Presidenza e alla Direzione 1. Gestisce l agenda ed i contatti del Presidente e fissa o annulla gli appuntamenti sulla base delle sue disponibilità 2. Gestisce l agenda ed i contatti del Direttore operativo, fissandone o annullandone gli appuntamenti sulla base delle sue disponibilità 3. È responsabile dello smistamento delle telefonate e della comunicazione dell'avvenuta telefonata al Presidente nel caso di sua assenza e dell invio e ricezione della sua corrispondenza 4. È responsabile dello smistamento delle telefonate e della comunicazione dell'avvenuta telefonata al Direttore operativo nel caso di sua assenza e dell invio e ricezione della sua corrispondenza 5. È responsabile delle prenotazioni di alberghi o biglietti sia per il Presidente che per il Direttore operativo, eventualmente per Pag. 27 / 61

28 ospiti istituzionali e internazionali Assistenza alle funzioni di Servizio 6. Provvede alla segreteria del CdA e all organizzazione ed editing dei materiali per esso predisposti 7. Provvede all aggiornamento della mailing list aziendale e più in generale al supporto segretariale delle attività di Comunicazione aziendale 8. Provvede a redigere i contratti di collaborazione esterna da sottoporre alla firma esecutiva del Presidente 9. Supporta il Responsabile dell Area Amministrazione, Finanza e Controllo nella predisposizione della corrispondenza in uscita Segreteria CdA 10. Convoca su indicazione del Presidente le adunanze del CdA Servizi generali 11. Partecipa alla turnazione del centralino nella giornata del venerdì pomeriggio Pag. 28 / 61

29 Funzione Posizione Superiore Gerarchico Pool di segreteria e Servizi Generali Assistente di Segreteria operativa e Servizi generali Roberto Righetti Titolo Direttore operativo Generale L assistente di segreteria operativa ha il compito di assistere i responsabili di unità nella gestione dei loro impegni, oltre a quello di occuparsi della archiviazione della documentazione prodotta dalle varie funzioni. Supporta, in caso di urgenza, i Servizi generali nella gestione dei servizi di propria competenza (ad esempio nelle attività del Centralino, ecc.) e gestisce le attività inerenti le missioni ed i viaggi dei responsabili di unità e delle risorse esterne. Supporta il Responsabile della funzione Sistemi informativi e infrastrutturali nella predisposizione degli ordini di materiale informatico nonché nella formazione interna. Fornisce supporto segretariale all Area Amministrazione Finanza e Controllo; in particolare nel processo degli acquisti, sia nella fase di gestione dei fornitori che in quella di emissione degli ordini d acquisto, e nella gestione dei servizi generali. Fornisce supporto ai responsabili per quanto riguarda gli aspetti collegati alla manutenzione ordinaria della struttura aziendale. Svolge attività di editing generale ed archivio dei documenti dell Area operativa realizzati verso l esterno. Gestisce il protocollo in entrata e in uscita della società. L assistente si occupa di gestire l agenda dei responsabili di unità, di smistare le telefonate e della comunicazione verso gli interlocutori esterni. Partecipa alla turnazione del centralino per la giornata del venerdì pomeriggio come da accordo del 1 dicembre Segreteria operativa 1. Definisce insieme ai responsabili di unità ed alla direzione aziendale i formati standard della documentazione ufficiale della società 2. Gestisce l agenda dei Responsabili di unità 3. Supporta i Responsabili di Unità per l organizzazione di iniziative esterne (convegni, seminari, ecc.) 4. Provvede a realizzare le attività di editing di tutti i documenti prodotti dalle unità operative Pag. 29 / 61

30 Acquisti 5. Risponde alle telefonate, smistandole ai colleghi delle funzioni operative o prendendo nota di messaggi da lasciare in caso di loro assenza 6. È responsabile della prenotazione di alberghi, treni, aerei, ecc. del personale assegnato alle funzioni operative 7. Supporta la funzione Amministrazione e Finanza nella gestione della scelta dei fornitori, formalizzando le richieste, raccogliendo le offerte e producendo documenti di sintesi per l analisi comparativa delle proposte 8. Provvede all emissione ed archiviazione degli ordini di acquisto da trasmettere ai fornitori Servizi Generali 9. Supporta la funzione Amministrazione e Finanza nel seguire gli interventi interni di manutenzione ordinaria e straordinaria 10. È responsabile del protocollo in entrata e in uscita. 11. È responsabile della realizzazione delle attività di editing finale di tutti i documenti prodotti dalla società con distribuzione verso l esterno 12. Partecipa alla turnazione del centralino nella giornata del venerdì pomeriggio Pag. 30 / 61

31 Funzione Posizione Superiore Gerarchico Pool di segreteria e Servizi generali Assistente Servizi generali Roberto Righetti Titolo Direttore operativo Generale La risorsa si occupa in autonomia della gestione della library aziendale e collabora con il responsabile di unità nella gestione generale dei servizi aziendali. In accordo con la segreteria di direzione e con l area operativa ha il compito di raccogliere e gestire l archivio generale dei documenti di lavoro prodotti da ERVET. Partecipa alla turnazione del centralino per la giornata del venerdì pomeriggio come da accordo del 1 dicembre Gestione della library 1. Archivia e cataloga tutte le pubblicazioni e i documenti di lavoro realizzati dalla società sia a livello cartaceo che informatico sulla Intranet aziendale 2. Gestisce Secondo le indicazioni ricevute il servizio di biblioteca aziendale 3. Supporta I responsabili di unità nella produzione e nella stampa dei documenti operativi dei progetti aziendali 4. Provvede alla ricerca e reperimento di materiale e documentazione di supporto per le funzioni operative e si organizza per informare i responsabili della disponibilità della documentazione pervenuta Servizi generali 5. Partecipa alla turnazione del centralino nella giornata del venerdì pomeriggio Pag. 31 / 61

32 Funzione Posizione Superiore Gerarchico Pool di segreteria e Servizi generali Accoglienza e servizi di centralino Roberto Righetti Titolo Direttore operativo Generale Esegue attività operative di sostegno alla struttura aziendale, occupandosi del servizio di centralino, accoglienza visitatori e della posta. Registra l ingresso e l uscita degli ospiti esterni ai fini della sicurezza Servizi generali 1. Smista le telefonate con tempestività e cortesia diramandole ai colleghi competenti in merito alle esigenze degli interlocutori 2. Annota e riporta ai colleghi le chiamate inevase in caso di loro assenza 3. Gestisce le visite, accogliendo i visitatori e cercando gli interlocutori internamente 4. Smista tempestivamente la corrispondenza in arrivo e partenza 5. Effettua chiamate in rappresentanza di interlocutori della società 6. Registra gli ospiti esterni in entrata e uscita ai fini della sicurezza Pag. 32 / 61

33 Analisi economica e statistica Rivisto da Approvato da Direttore operativo Consiglio di Amministrazione Data ultima approvazione 31/3/2014 Pag. 33 / 61

34 Funzione Posizione Superiore Gerarchico Analisi economica e statistica Coordinatore di progetto con ruolo organizzativo Roberto Righetti Titolo Direttore operativo Generale Il coordinatore di progetto ha il compito di gestire operativamente tutte le attività previste da un progetto finanziato con la finalità di rispettare il budget e raggiungere gli obiettivi attesi. Il coordinatore di progetto può anche gestire attività specifiche di progettazioni complesse. Il coordinatore di Progetto provvede a coordinare ed eseguire le attività, confrontandosi con il Direttore operativo o con i Responsabili di Unità in relazione agli stati di avanzamento e ad eventuali criticità emerse in corso d opera. Il coordinatore di progetto può partecipare in qualità di esperto all interno di progetti coordinati da diversi Responsabili di Unità. Il coordinatore di progetto si fa parte attiva nella gestione delle procedure aziendale collegate all esecuzione degli stessi. Infine, con il Presidente ed il Direttore Operativo svolge attività di sviluppo di progetti innovativi, attraverso l elaborazione di idee progettuali nuovi nella propria area di competenza Pianificazione progettuale Esecuzione e rendicontazione dei progetti 1. Propone al Direttore operativo ed al responsabile di unità il budget tecnico-economico dei progetti di propria competenza, provvedendo a compilare l eventuale modulistica richiesta (per esempio: scheda tecnica di progetto, gantt delle attività, ecc.) 2. Gestisce l esecuzione delle attività di progetto pianificate e concordate con i clienti, rispettando le modalità di esecuzione ed i tempi previsti; le procedure aziendali relative alle attività progettuali. 3. Coordina il lavoro delle risorse esterne assegnate al team di lavoro 4. Interagisce con il referente del cliente al fine di misurare il livello di gradimento raggiunto in relazione alle attività svolte 5. Controlla l avanzamento di progetto al fine di evidenziare eventuali disallineamenti rispetto alle attività pianificate 6. Produce la reportistica di progetto richiesta Direttore operativo e dal responsabile di unità, finalizzata a verificare lo stato avanzamento tecnico ed economico dei progetti Pag. 34 / 61

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

PIANI PROGRAMMA 2008

PIANI PROGRAMMA 2008 PIANI PROGRAMMA 2008 ASSEMBLEA LEGISLATIVA E.R. 2 DIREZIONE GENERALE... 9 PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DEI RISULTATI...11 Scheda S698 Bilancio annuale di previsione, variazioni di bilancio

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Software di gestione delle partecipate per l ente l

Software di gestione delle partecipate per l ente l Software di gestione delle partecipate per l ente l locale Obiettivo Governance Le necessità di governo del sistema delle partecipate comportano l esigenza di dotarsi di un software adeguato, che permetta

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale Documento n. 20 Verbali e procedure del collegio sindacale Giugno 2013 VERBALI E PROCEDURE DEL COLLEGIO SINDACALE Si ringraziano per il loro contributo Niccolò Abriani, Cristina Bauco, Luciano Berzè, Marcellino

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito Pagina 1 di 13 - MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito SOMMARIO MZ GROUP pag. 3 MZ CONGRESSI S.RL. pag. 4 PIANIFICAZIONE 1. Scelta della sede congressuale pag. 5 2. Gestione pratica ECM (Educazione

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli