CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA"

Transcript

1 CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA ESTRATTO del Processo verbale dell adunanza del 29 ottobre 2009 Seduta pubblica Sessione III ordinaria Intervenuti Consiglieri N. 25 Presidente Giacomo Ronzitti Consigliere Segretario Minella Mosca O.d.g. n. 445 Deliberazione n. 27 OGGETTO: INDIRIZZI E CRITERI DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE ED URBANISTICA IN MATERIA DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI STRADALI ED AUTOSTRADALI. LEGGE REGIONALE 2 GENNAIO 2007, N. 1 (TESTO UNICO IN MATERIA DI COMMERCIO) E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI. IL CONSIGLIO REGIONALE Vista la legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione) ed in particolare gli articoli 117 e seguenti, i quali hanno ricompreso la materia del commercio, nell ambito della quale è ricompresa la distribuzione dei carburanti stradale e autostradale, tra quelle di competenza esclusiva regionale, in quanto materia rientrante tra quelle cosiddette residuali; Vista la legge regionale 2 gennaio 2007, n. 1 (Testo unico in materia di commercio) e successive modifiche ed integrazioni con la quale è stata disciplinata tutta la materia del commercio articolata nelle seguenti materie: a) il commercio al dettaglio e all ingrosso in sede fissa; b) il commercio su aree pubbliche; c) la vendita della stampa quotidiana e periodica; d) la somministrazione di alimenti e bevande; e) la distribuzione dei carburanti; f) le forme speciali di commercio al dettaglio; g) i centri di telefonia in sede fissa; ed, in particolare: \\Dintranet\originali\Regione Liguria\Lavori da fare\091119_modifiche tu commercio\dcr27_09.rtf 1

2 l articolo 3 il quale prevede che la Regione definisca gli indirizzi generali e i criteri di programmazione commerciale e urbanistica per l'insediamento delle seguenti attività commerciali: - il commercio al dettaglio e all ingrosso in sede fissa; - la vendita della stampa quotidiana e periodica; - la somministrazione di alimenti e bevande; - la distribuzione dei carburanti; il Capo IX Distribuzione carburanti stradali e autostradali ; Atteso che il sopracitato articolo 3 stabilisce che la Giunta regionale, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge, propone al Consiglio l approvazione della programmazione commerciale ed urbanistica, eventualmente anche con atti separati per ogni singola tipologia di attività commerciale, che avrà una durata quadriennale a decorrere dalla data della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione; Richiamata la propria deliberazione dell 8 maggio 2007, n. 18, pubblicata sul B.U.R.L. n. 20 S.O. del 16 maggio 2007, con la quale sono stati approvati gli indirizzi e criteri di programmazione commerciale ed urbanistica del commercio al dettaglio in sede fissa in attuazione del Testo Unico in materia di commercio l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni che costituisce il primo provvedimento di programmazione di cui al richiamato articolo 3 della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni, come più sopraprecisato; Richiamata altresì la propria deliberazione del 27 febbraio 2008, n. 5 pubblicata sul B.U.R.L. n. 13 Parte II del 26 marzo 2008, con la quale sono stati approvati gli indirizzi e criteri per la somministrazione di alimenti e bevande, in attuazione della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni che costituisce il secondo provvedimento di programmazione di cui al richiamato articolo 3 della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni, come più sopraprecisato; Preso atto che nelle succitate proprie deliberazioni n. 18/2007 e n. 5/2008, veniva stabilito che si sarebbe proceduto, successivamente, all approvazione degli altri atti di programmazione territoriale relativi alle altre tipologie di attività commerciali soprarichiamate disciplinate dal Testo Unico in materia di commercio; Dato atto che la precedente programmazione commerciale ed urbanistica in materia di distribuzione carburanti stradali era stata emanata nell anno 2004, con deliberazione della Giunta regionale 109/2004 e che, pertanto, risulta ormai non più rispondente alle attuali caratteristiche della rete distributiva carburanti ligure ed alle esigenze del moderno cittadino consumatore nonché degli stessi operatori commerciali; Preso atto, inoltre, che la Commissione dell Unione Europea ha avviato una Procedura di infrazione, la 2004/4365, ex articolo 226 del Trattato CE, e, successivamente, ha deferito l Italia alla Corte di Giustizia europea, rilevando che la normativa, sia statale che regionale, in materia di distribuzione carburanti risulta essere in contrasto con gli articoli 43 e seguenti del Trattato CE i quali prevedono la libertà di stabilimento all interno dell unione Europea; Rilevato che la Commissione europea ha evidenziato che le norme imposte a livello statale e regionale in questione impongono una serie di restrizioni che rendono estremamente difficile l ingresso sul mercato italiano di nuovi operatori anche provenienti da altri Stati membri dell UE; \\Dintranet\originali\Regione Liguria\Lavori da fare\091119_modifiche tu commercio\dcr27_09.rtf 2

3 Vista, altresì, la legge 6 agosto 2008, n. 133 (Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 giugno 2008, n.112, recante Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria ), ed in particolare, l articolo 83 bis, commi dal 17 al 22 compresi, contenenti le disposizioni in materia di liberalizzazione della rete distributiva dei carburanti; Preso atto che l articolo 83 bis ha previsto la soppressione dei vincoli con finalità commerciali sancendo che. l installazione e l esercizio di un impianto di distribuzione di carburanti non possono essere subordinati alla chiusura di impianti esistenti né al rispetto di vincoli, con finalità commerciali, relativi a contingentamenti numerici, distanze minime tra impianti e tra impianti ed esercizi o superfici minime commerciali o che pongono restrizioni o obblighi circa la possibilità di offrire, nel medesimo impianto o nella stessa area, attività e servizi integrativi. ; Atteso che, come precisato al comma 18 dell articolo 83 bis della l. 133/2008, tale potere viene esercitato dallo Stato in ambito di propria competenza esclusiva in materia di tutela della concorrenza nonché nella determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, ai sensi di quanto stabilito dal novellato articolo 117 della Costituzione, comma 2, lettere e) e m); Considerato, conseguentemente, che le suddette disposizioni statali sono prevalenti sulle norme regionali, nonché sui conseguenti provvedimenti degli enti locali, contenenti vincoli e restrizioni all accesso e all esercizio dell attività di distribuzione di carburanti e quindi in contrasto con i principi comunitari di cui al richiamato articolo 43 del Trattato CE nonché con le norme statali sopramenzionate; Preso atto che la Commissione Europea, con nota del 23 ottobre 2008 ad oggetto: Procedimento di infrazione 2004/4365, restrizione allo stabilimento di impianti di distribuzione di carburanti, nella quale afferma che con l adozione da parte del Parlamento Italiano della l. 133/2008 (articolo 83-bis, commi da 17 a 21) sia stato compiuto un passo decisivo in vista dell archiviazione del procedimento. Ma ha altresì affermato che tuttavia, considerata la presenza nello stesso parere motivato di ostacoli di identica natura anche in sede di legislazione regionale, desidera ricevere da parte delle competenti autorità italiane la conferma che questi stessi profili di incompatibilità con il diritto comunitario debbano essere considerati definitivamente e univocamente eliminati anche a livello regionale. Tale chiarimento consentirebbe alla direzione generale di proporre l archiviazione formale del procedimento in oggetto da parte della Commissione, ferma restando beninteso la possibilità di ulteriori azioni in sede comunitaria ove mai degli ostacoli allo stabilimento di impianti di distribuzione di carburanti dovessero essere individuati in futuro a livello regionale. ; Visto inoltre il Documento di indirizzi comuni delle Regioni in risposta al parere motivato della Commissione dell Unione Europea sulla gestione degli impianti di distribuzione di carburanti procedura di infrazione 2004/4365 ex articolo 226 del Trattato CE che vengono tenuti in considerazione come riferimento per la disciplina normativa e programmatoria regionale; Rilevato che è, pertanto, necessario procedere alla predisposizione di una nuova programmazione commerciale ed urbanistica in materia di distribuzione carburanti stradale e autostradale, così come previsto dall articolo 3 della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni, attraverso la formulazione di indirizzi e criteri atti a regolare gli interventi di adeguamento e sviluppo della rete distributiva, in modo mirato e rispettoso dell autonomia regionale e delle caratteristiche tipiche che presenta il mercato ligure; \\Dintranet\originali\Regione Liguria\Lavori da fare\091119_modifiche tu commercio\dcr27_09.rtf 3

4 Atteso che, sulla base di quanto sopra, si deve, altresì, procedere contemporaneamente alla modifica di quelle disposizioni relative alla distribuzione carburanti stradale e autostradale della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni necessarie per l adeguamento ai principi comunitari soprarichiamati nonché alla novellata normativa statale; Preso atto che, sempre sulla base di quanto previsto dal surrichiamato articolo 3 della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni, al fine della predisposizione degli atti di programmazione commerciale ed urbanistica in materia di distribuzione carburanti stradale e autostradale, attuativi della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni, devono essere approntate forme di consultazione e di confronto con le rappresentanze degli enti locali, delle organizzazioni maggiormente rappresentative a livello regionale delle imprese del commercio, dei consumatori e delle Organizzazioni sindacali; Rilevato che, si è proceduto, anche in fase di stesura delle presenti programmazioni commerciale ed urbanistica relativa alla distribuzione dei carburanti stradale e autostradale, alle consultazioni di tutti gli operatori, sia pubblici che privati, in merito ai contenuti della programmazione medesima, ancorché tali soggetti debbano essere comunque auditi in sede di sedute delle competenti Commissioni consiliari, così come previsto dalla legge regionale sopracitata; Ritenuto pertanto, per le motivazioni espresse, meritevoli di approvazione gli indirizzi e criteri di programmazione commerciale ed urbanistica in materia di distribuzione carburanti, contenuti, rispettivamente, nell Allegato A, la parte relativa alla distribuzione carburanti stradali e nell Allegato B, la parte relativa alla distribuzione carburanti autostradali, parti integranti e sostanziali della presente deliberazione; Vista la proposta di deliberazione della Giunta regionale n. 23 del 19 giugno 2009 preventivamente esaminata dalla IV Commissione consiliare, competente per materia, ai sensi degli articoli 26 dello Statuto e 83, primo comma del Regolamento interno, nella seduta del 19 ottobre 2009; Ritenuto di accogliere gli emendamenti proposti dalla suddetta Commissione; D E L I B E R A di approvare, per i motivi in premessa specificati che si intendono integralmente richiamati: - gli indirizzi e criteri di programmazione commerciale ed urbanistica in materia di distribuzione carburanti stradali, contenuti nell Allegato A, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; - gli indirizzi e criteri di programmazione commerciale ed urbanistica in materia di distribuzione carburanti autostradali, contenuti nell Allegato B, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione. TCB \\Dintranet\originali\Regione Liguria\Lavori da fare\091119_modifiche tu commercio\dcr27_09.rtf 4

5 Nessun Consigliere chiedendo la parola, il Presidente pone in votazione il provvedimento di cui trattasi. Procedutosi a regolare votazione palese nominale, ai sensi dell articolo 105, secondo comma del Regolamento interno, fatta con l ausilio del sistema elettronico e l'assistenza del Segretario, il Consiglio approva all'unanimità (come da elenco agli atti) e il Presidente ne proclama il risultato. IL PRESIDENTE (Giacomo Ronzitti) IL CONSIGLIERE SEGRETARIO (Minella Mosca) MM/TCB \\Dintranet\originali\Regione Liguria\Lavori da fare\091119_modifiche tu commercio\dcr27_09.rtf 5

6 CARBURANTI STRADALI ALLEGATO A) INDIRIZZI E CRITERI DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE ED URBANISTICA IN MATERIA DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 3 DELLA LEGGE REGIONALE 2 GENNAIO 2007, N.1 (TESTO UNICO IN MATERIA DI COMMERCIO) e successive modifiche ed integrazioni PARTI RELATIVE ALLA DISTRIBUZIONE CARBURANTI STRADALI CAPO IX, SEZIONI I-II- III-IV \\Dintranet\originali\Regione Liguria\Lavori da fare\091119_modifiche tu commercio\dcr27_09.rtf 6

7 1 Oggetto Il presente atto contiene gli indirizzi e criteri di programmazione commerciale ed urbanistica di cui all articolo 3, comma1, lettera d) in materia di distribuzione carburanti stradale. 2 Aree carenti di servizio, territorialmente svantaggiate in cui possono essere installati impianti senza la presenza del gestore di cui all articolo 77, comma 1, lettera f) Si definiscono aree carenti di servizio e territorialmente svantaggiate le aree montane di cui alla legge regionale 4 luglio 2008, n. 24 (Disciplina di riordino delle Comunità montane, disposizioni per lo sviluppo della cooperazione intercomunale e norme a favore dei piccoli Comuni). Nelle aree di cui sopra possono essere installati, oltre agli altri, anche nuovi impianti dotati esclusivamente di apparecchiature self service pre pagamento (funzionanti senza la presenza del gestore) a condizione che sia garantita l adeguata sorveglianza con le modalità disposte dal Comune, ai sensi di quanto previsto dall articolo 80, comma 3, della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni. Gli impianti esistenti funzionanti con la presenza del gestore localizzati in tali aree possono essere trasformati in impianti dotati esclusivamente di apparecchiature selfservice pre pagamento (funzionanti senza la presenza del gestore), previa comunicazione al Comune, sempre che sia garantita l adeguata sorveglianza con le modalità disposte dal Comune medesimo. 1. Al fine di salvaguardare il servizio pubblico in tali aree : 1. il Sindaco può autorizzare la prosecuzione dell attività di un impianto anche in presenza delle fattispecie di incompatibilità di cui ai successivo punto 7, qualora tale impianto sia l unico del territorio comunale e sia distante oltre 7 Km da altro impianto; tale deroga è consentita fino a quando non venga installato un nuovo impianto conforme alla normativa vigente; 2. il Comune può continuare in proprio l attività di un impianto. 3 Indici di edificabilità Tali parametri sono di competenza dei Comuni. I Comuni devono prevedere indici di edificabilità più elevati per gli impianti che: Prevedano l erogazione di carburanti ecocompatibili (metano e GPL); Si dotino di sistemi di autosufficienza energetica e/o utilizzino fonti energetiche alternative rinnovabili quali: fotovoltaico, conversione etc.. 4 Attività integrative negli impianti 7

8 I nuovi impianti possono essere dotati, oltre che di autonomi servizi all auto e all automobilista, di autonome attività commerciali o somministrazione di alimenti e bevande o di punti vendita non esclusivi di stampa quotidiana e periodica nel rispetto degli indirizzi e criteri contenuti nella programmazione urbanistico-commerciale di cui all articolo 3 della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni, la cui titolarità spetta al gestore dell impianto ai sensi di quanto previsto dall articolo 80, comma 2, della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni. Nel caso di attività commerciali queste devono avere una superficie netta di vendita non superiore a 150 mq. nei Comuni con popolazione inferiore a residenti o a 250 mq. nei Comuni con popolazione superiore a residenti prevista per gli esercizi di vicinato, ai sensi di quanto previsto dall articolo 15 della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni. Devono comunque rispettare gli indirizzi e criteri contenuti nella programmazione urbanistico-commerciale di cui all articolo 3 della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni. Qualora l autonoma attività integrativa riguardi la somministrazione di alimenti e bevande o i punti vendita non esclusivi di stampa quotidiana e periodica, questi potranno essere installati in deroga ai criteri di natura commerciale ed urbanistica regionali e comunali con il rilascio dell autorizzazione da parte del Comune competente per territorio. Il Comune, in tali casi, rilascia l autorizzazione, la cui titolarità spetta al gestore dell impianto ai sensi dell articolo 80, comma 2, della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni, salvo sua rinuncia a favore del titolare dell autorizzazione, indicando che la stessa è strettamente connessa all impianto di carburante e non può essere ceduta a terzi autonomamente o trasferita in altra sede. Qualora l impianto di cui sopra in cui è stata autorizzata l installazione di somministrazione di alimenti e bevande (bar o ristorante) o di un punto vendita non esclusivo di stampa quotidiana o periodica in deroga ai relativi criteri regionali e comunali chiuda per qualunque motivo, l autorizzazione rilasciata per una delle due tipologie si intende decaduta. 5 Trasferimento della titolarità degli impianti stradali In caso di trasferimento della titolarità di un impianto, le parti interessate ne danno comunicazione al Comune in cui è localizzato l impianto, alla Regione e al competente Ufficio Tecnico di Finanza o Agenzia delle Dogane entro 30 giorni. 6 Comunicazioni alla Regione Ai sensi di quanto previsto dall articolo 124 della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni, il Comune deve comunicare alla Regione: il rilascio delle autorizzazioni per nuove installazioni; le modifiche intervenute sugli impianti; le chiusure e/o gli smantellamenti di impianti nonché le sospensioni (obbligatorie) 8

9 dell attività; le decadenze e le sanzioni intervenute sugli impianti; ogni altra informazione che la Regione richiede con apposita nota. Il titolare dell autorizzazione deve comunicare alla Regione: le attività integrative presenti sugli impianti il cambio di bandiera degli impianti; il cambio di gestione degli impianti; ogni altra informazione che la Regione richiede con apposita nota. Il gestore deve comunicare alla Regione: i dati di cui sopra e ogni altra informazione che la Regione richiede con apposita nota. 7 CRITERI DI INCOMPATIBILITA Verifiche comunali. Incompatibilità degli impianti esistenti Allo scopo di perseguire l obiettivo dell ammodernamento del sistema distributivo anche attraverso la riduzione del numero degli impianti i Comuni provvedono a sottoporre a verifica gli impianti esistenti. I Comuni effettuano le verifiche degli impianti esistenti al fine dell accertamento delle incompatibilità sulla base delle sottoriportate fattispecie, entro e non oltre sei mesi dall entrata in vigore del presente provvedimento e trasmettono, entro i 60 giorni successivi, il relativo elenco alla competente Struttura regionale. Sono fatte salve le verifiche effettuate ai sensi dell articolo 1, comma 5 del decreto legislativo n. 32, dell 11 febbraio 1998 (Razionalizzazione del sistema di distribuzione dei carburanti, a norma dell articolo 4, comma 4, lettera c), della legge 15 marzo 1997, n. 59) così come modificato dall articolo 3, comma 1, del d.lgs. 346/1999. Coloro che intendono sottoporre i propri impianti alle modifiche di cui all articolo 81 della l.r. 1/2007 e s.m., possono procedere solo nell ipotesi in cui sia stata effettuata la verifica o, in mancanza, abbiano presentato al Comune un autocertificazione attestante di non ricadere in alcuna delle fattispecie di incompatibilità di cui ai successivi punti. Le fattispecie d incompatibilità, si distinguono in incompatibilità incompatibilità relative. assolute e 7.1 Incompatibilità assolute Ricadono nelle fattispecie di incompatibilità assoluta : gli impianti situati in zone pedonali e quelli situati in zone a traffico limitato in modo 9

10 permanente, all interno dei centri abitati; gli impianti ricadenti in corrispondenza di biforcazioni di strade di uso pubblico e ubicati sulla cuspide degli stessi con accessi su più strade pubbliche, al di fuori dei centri abitati; gli impianti ricadenti all interno di curve aventi raggio minore od uguale a 100 metri, salvo si tratti di unico impianto in comuni montani, al di fuori dei centri abitati. Gli impianti che ricadono nelle fattispecie di cui sopra non sono suscettibili di adeguamento e la relativa autorizzazione decade ai sensi dell articolo 148 della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni. 7.2 Incompatibilità relative Ricadono nelle fattispecie di incompatibilità relative: a) gli impianti privi di sede propria per i quali il rifornimento avviene sulla sede stradale, all interno dei centri abitati; b) gli impianti privi di sede propria, per i quali il rifornimento avviene sulla sede stradale, fuori dai centri abitati; c) gli impianti che, secondo le definizioni di cui al Codice della strada, ricadono a distanza non regolamentare da incroci o accessi di rilevante importanza per i quali non sia possibile l adeguamento ai fini viabili a causa di costruzioni esistenti o impedimenti naturali. Il Comune, verificata l esistenza di una delle fattispecie di incompatibilità relativa, ne da comunicazione al titolare dell impianto, alla Regione, al competente U.T.F. o Agenzia delle Dogane e al Comando Prov.le VV.F. Gli impianti che ricadono nella fattispecie di incompatibilità di cui alla lettera c) del comma precedente possono continuare a permanere nel sito originario purchè sussista una delle seguenti condizioni : l impianto sia localizzato in strade a senso unico di marcia; l impianto sia localizzato in strade non a scorrimento veloce. Gli impianti che ricadono nelle altre fattispecie di incompatibilità, qualora siano suscettibili di adeguamento, permangono nel sito qualora ottemperino agli adeguamenti entro i termini stabiliti dai Comuni; in caso contrario la relativa autorizzazione decade ai sensi dell articolo 148 della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni. 8 ORARI Principi generali I Comuni della regione determinano gli orari di apertura e chiusura degli impianti stradali di distribuzione carburanti per uso di autotrazione. Al fine di garantire la regolarità e la continuità del servizio di distribuzione carburanti, i soggetti interessati sono tenuti ad assicurare il rifornimento dei prodotti, specie agli impianti che effettuano l'apertura turnata nei giorni domenicali, festivi ed 10

11 infrasettimanali o il servizio notturno. I Comuni, in collaborazione con le categorie interessate, devono curare la predisposizione di cartelli indicatori dell'orario di servizio degli impianti e delle aperture turnate nei giorni domenicali, festivi ed infrasettimanali, con l'obbligo di esporli in modo visibile all'utenza ai sensi dell articolo 120 della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni. 8.1 Orari di apertura e chiusura degli impianti Per l'espletamento dell attività di distribuzione carburanti per uso di autotrazione l'orario settimanale minimo di apertura degli impianti stradali è di cinquantadue ore che può essere incrementato fino ad un massimo del 25% per i primi due anni di applicazione della presente programmazione, sulla base di accordi tra il Comune e le categorie interessate. I Comuni, nel rispetto del citato orario settimanale minimo determinano gli orari di apertura e chiusura degli impianti di distribuzione carburanti. Il gestore comunica l orario di apertura e chiusura dell impianto nei termini e con le modalità stabiliti dal Comune. L orario comunicato resta valido fino a diversa comunicazione da parte del gestore. L Amministrazione comunale ha facoltà di modificare l orario individuato qualora ravvisi nella richiesta motivi di incompatibilità con le esigenze di servizio pubblico, sentite le categorie interessate. E consentito lo scarico delle autocisterne per il rifornimento degli impianti di distribuzione carburanti anche nelle ore in cui gli stessi sono chiusi al pubblico e comunque in accordo con il gestore. 8.2 Esenzioni o deroghe Gli impianti di metano e di gas petrolio liquefatto sono esonerati dal rispetto dell orario, dei turni di riposo e delle chiusure domenicali, festive, infrasettimanali. anche se collocati all'interno di un complesso di distribuzione di altri carburanti, purché vengano realizzati accorgimenti finalizzati a separare temporaneamente le attività di erogazione dei diversi prodotti. Le colonnine di impianti dotate di apparecchiature self-service pre-pagamento, in assenza del gestore, svolgono servizio esclusivamente nelle ore di chiusura dell impianto. Il servizio, durante l'orario di chiusura degli impianti, deve essere svolto senza la presenza del gestore. Gli impianti dotati esclusivamente di apparecchiature self service pre pagamento (funzionanti senza la presenza del gestore) ai sensi del paragrafo 2 sono esonerati dal rispetto dell orario, dei turni di riposo e delle chiusure domenicali, festive, infrasettimanali. A tali impianti non si applicano le disposizioni di cui al comma precedente. 11

12 Gli impianti provvisti di apparecchiature self-service post-pagamento devono osservare gli orari ed i turni fissati dal precedente punto 8.1. Le attività integrative di cui ai punti precedenti non sono assoggettabili al rispetto degli orari di apertura e chiusura degli impianti di distribuzione carburanti per autotrazione ma seguono le disposizioni regionali previste per le rispettive tipologie. Il Comune, di propria iniziativa o su istanza del gestore, può consentire l adozione di orari e turni in deroga alle limitazioni di cui al precedente punto 8.1, fermo restando l orario settimanale minimo, nei seguenti casi: qualora vi siano esigenze legate a manifestazioni di particolare interesse, in caso di eventi imprevisti, nonché per esigenze di carattere stagionale; nel caso di Comune in cui sia presente un unico impianto. 8.3 Turni di riposo Nelle domeniche e nei giorni festivi e di riposo infrasettimanale deve essere determinata un'apertura di impianti almeno nella misura del 25 per cento di quelli esistenti e funzionanti nel territorio comunale. Nei comuni ove sono esistenti e funzionanti due o tre impianti, la percentuale può essere elevata, di concerto con i gestori, rispettivamente al 50 per cento o al 33 per cento oppure, comprendendo anche i Comuni con un solo impianto, può essere effettuata una turnazione a livello sovracomunale con i Comuni confinanti. Tali percentuali possono essere garantite anche mediante l utilizzo di carburante con apparecchiature self-service pre-pagamento. Gli impianti che effettuano il turno domenicale con la presenza del gestore possono sospendere l attività nel primo giorno feriale successivo. Nessun recupero è dovuto per l esercizio dell attività durante le festività infrasettimanali. Nella determinazione dei turni di riposo i Comuni tengono conto della esigenza di assicurare il servizio di distribuzione nel modo più capillare possibile, specie nei centri urbani e lungo le principali direttrici viarie di interesse nazionale, provinciale o locale maggiormente percorse dall'utenza. 8.4 Servizio notturno 1. Il servizio notturno è svolto dalle ore e fino all inizio dell orario di apertura giornaliera, nel rispetto dei turni domenicali e festivi. 2. Per lo svolgimento del servizio notturno occorre una specifica autorizzazione rilasciata dal Comune competente per territorio. 3. Ai fini del rilascio dell'autorizzazione al servizio notturno i Comuni assicurano il servizio di distribuzione in località opportunamente dislocate nei quartieri urbani, sulle vie di accesso ai centri abitati e sulle vie di grande comunicazione, e la qualità 12

13 dell'organizzazione di vendita offerta al pubblico, privilegiando le stazioni di servizio o di rifornimento che offrono una vasta gamma di prodotti petroliferi, assistenza ai mezzi e alle persone, nonché condizioni di sicurezza agli operatori addetti al servizio. Particolare valutazione devono quindi avere anche le correnti di traffico e le consuetudini di afflusso, specie dei mezzi destinati a coprire lunghe distanze, in relazione anche alle possibilità di ristoro offerte dal punto di vendita. 4. Gli impianti autorizzati a svolgere il servizio notturno devono rispettare per intero l'orario di apertura. 8.5 Ferie 1. La sospensione dell attività per ferie per ogni anno solare, fruibili in qualsiasi periodo, è autorizzata dai Comuni su domanda dei gestori, d intesa con i titolari degli impianti. 2. Le sospensioni per ferie sono determinate in modo da assicurare il servizio all utenza. 9 PUBBLICITA DEI PREZZI Ai sensi di quanto stabilito dall articolo 114, comma 5, della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni, i prezzi dei prodotti petroliferi per uso di autotrazione, esposti e pubblicizzati presso gli impianti automatici di distribuzione dei carburanti stradali, autostradali e su raccordi autostradali, devono essere esclusivamente quelli effettivamente praticati ai consumatori. E fatto obbligo di esporre in modo visibile dalla carreggiata stradale i prezzi praticati al consumo. Tale disposizione in attuazione dell articolo 15 del d.lgs. 206/ SANZIONI In caso di violazione delle disposizioni in materia di orari e di esposizione dei prezzi, si applicano le sanzioni di cui all articolo 139 della l.r. 1/

14 ALLEGATO B) CARBURANTI AUTOSTRADALI INDIRIZZI E CRITERI DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE ED URBANISTICA IN MATERIA DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 3 DELLA LEGGE REGIONALE 2 GENNAIO 2007, N.1 (TESTO UNICO IN MATERIA DI COMMERCIO) e successive modifiche ed integrazioni PARTI RELATIVE ALLA DISTRIBUZIONE CARBURANTI AUTOSTRADALI CAPO IX, SEZIONE V 14

15 Al fine di assicurare una maggiore diffusione dei carburanti a basso impatto ambientale e di integrare l offerta, tutti i NUOVI IMPIANTI devono essere dotati dei prodotti benzine, gasoli e di almeno un prodotto a scelta tra metano e GPL, idrogeno o relative miscele. Per la realizzazione di un NUOVO impianto autostradale di distribuzione carburanti o in occasione della prima gara ad evidenza pubblica indetta dal concessionario o ente proprietario della strada per l affidamento dell area lungo le autostrade e i raccordi autostradali, è necessario, inoltre, dotare l impianto di alcuni servizi accessori, di natura qualitativa finalizzati a fornire un servizio di natura polifunzionale al cittadino consumatore. Devono essere presenti tutti i servizi obbligatori e almeno cinque a scelta tra quelli facoltativi che si ritengono di interesse per la collettività. Nel caso di autorizzazioni per le RISTRUTTURAZIONI degli impianti ai sensi dell articolo 96 della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni, al fine di assicurare una maggiore diffusione dei carburanti a basso impatto ambientale e di integrare l offerta, oltre ad essere presenti i prodotti benzine, gasoli, deve essere anche presente almeno un prodotto a scelta tra metano e GPL, idrogeno o relative miscele; devono, inoltre, essere presenti tutti i servizi obbligatori e almeno uno a scelta tra quelli facoltativi che si ritengono di interesse per la collettività. SERVIZI OBBLIGATORI 1. Parcheggi riservati alle persone portatrici di handicap. 2. Bagni per utenti anche in condizioni di disabilità. 3. Punto telefonico. SERVIZI FACOLTATIVI 1. Area di sosta per automezzi pesanti attrezzate per lunghe soste conseguenti a fenomeni metereologici importanti, e improvvisi al fine di evitare il blocco del traffico sulla rete autostradale. Dotata di: celle frigorifero per i materiali deperibili, area lavaggio, area deposito materiali pericolosi, servizio di sorveglianza, ostello con posti letto. 2. Servizi doccia per camionisti ed utenti. 3. Presidio medico attraverso il posizionamento di un ambulanza in grado di fornire i primi soccorsi in caso di emergenza. 4. Palestra: in particolare può rivelarsi utile nelle aree di lunga sosta e come servizio per i motociclisti che effettuano lunghi viaggi. 5. Area parcheggio moto e servizi mirati per i motociclisti. 6. Servizio di lavanderia a gettoni. 7. Aree attrezzate per i camper. 8. Recinto per cani custodito. 9. Pannelli fotovoltaici. 10. Sistema di videosorveglianza. 11. Strutture riservate ai bambini: fasciatoi, attrezzature per i pasti (seggioloni, seggiolini e scaldabiberon) e area gioco esterna. 12. Servizio di informazioni sul traffico che aggiorni costantemente l utenza sulla situazione di percorribilità dei tratti autostradali e sulla situazione metereologica. 13. Servizio di prelievo automatico di denaro (bancomat o postamat). 15

16 14. Internet point e servizio di posta elettronica (area wireless connection): sia per gli aggiornamenti sia per la possibilità di scaricare la propria casella di posta elettronica sia di inviare messaggi. 15. Officina. PUBBLICITA DEI PREZZI Ai sensi di quanto stabilito dall articolo 114, comma 5, della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni, i prezzi dei prodotti petroliferi per uso di autotrazione, esposti e pubblicizzati presso gli impianti automatici di distribuzione dei carburanti stradali, autostradali e su raccordi autostradali, devono essere esclusivamente quelli effettivamente praticati ai consumatori. E fatto obbligo di esporre in modo visibile dalla carreggiata stradale i prezzi praticati al consumo. Tale disposizione in attuazione dell articolo 15 del d.lgs. 206/2005. SANZIONI In caso di violazione delle disposizioni in materia di orari e di esposizione dei prezzi, si applicano le sanzioni di cui all articolo 140 della l.r. 1/2007 e successive modifiche ed integrazioni. 16

SOMMARIO. Preambolo. PREAMBOLO Visto l articolo 117, comma quarto della Costituzione;

SOMMARIO. Preambolo. PREAMBOLO Visto l articolo 117, comma quarto della Costituzione; Modifiche alla legge regionale 7 febbraio 2005 n. 28 (Codice del commercio.testo unico in materia di commercio in sede fissa, su aree pubbliche, somministrazione alimenti e bevande, vendita di stampa quotidiana

Dettagli

Prot. n. 76424 RI/04/8405 Novara lì 24 OTTOBRE 2008

Prot. n. 76424 RI/04/8405 Novara lì 24 OTTOBRE 2008 COMUNE DI NOVARA Via F.lli Rosselli n. 1 Prot. n. 76424 RI/04/8405 Novara lì 24 OTTOBRE 2008 Oggetto: Disciplina degli orari di apertura e chiusura degli impianti stradali di distribuzione dei carburanti

Dettagli

COMUNE DI Provincia di Treviso

COMUNE DI Provincia di Treviso Cod. modello 2.8.3 ordinanza fissazione orari.doc COMUNE DI Provincia di Treviso ORDINANZA Nr. DEL OGGETTO: Fissazione degli orari e dei turni di apertura e chiusura degli impianti stradali di distribuzione

Dettagli

CITTA DI PARABITA Provincia di Lecce

CITTA DI PARABITA Provincia di Lecce CITTA DI PARABITA Provincia di Lecce ORDINANZA N. 41 Reg. n. 84 del 3 dicembre 2014 Oggetto : Orari, turni festivi e ferie impianti distribuzione carburanti per l anno 2015. IL SINDACO VISTA la legge regionale

Dettagli

24.7.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26

24.7.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 24.7.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 5 della Regione. E fatto obbligo a chiunque spetti di Art. 13 - Sostituzione dell articolo 56 della l.r. 28/2005 osservarla e farla osservare

Dettagli

Distributori di carburanti

Distributori di carburanti Segnalazioni Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio marzo 2015 Distributori di carburanti Criteri semplificati per la caratterizzazione, messa in sicurezza e bonifica dei suoli e delle acque

Dettagli

Ordinanza Nr. 4 Serravalle Pistoiese, lì 04/02/2005

Ordinanza Nr. 4 Serravalle Pistoiese, lì 04/02/2005 COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) C.F. - P.I. 00185430477 Via Garibaldi 50 Serravalle Pistoiese Tel. 0573 9170 Fax. 0573 51064 e-mail: amministrazione@comune.serravalle-pistoiese.pt.it

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 10 NOVEMBRE 2009 N. 53

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 10 NOVEMBRE 2009 N. 53 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 10 NOVEMBRE 2009 N. 53 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 2 GENNAIO 2007, N. 1 (TESTO UNICO IN MATERIA DI COMMERCIO) E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI (BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

COMUNE DI TORRITA DI SIENA PROVINCIA DI SIENA ORDINANZA

COMUNE DI TORRITA DI SIENA PROVINCIA DI SIENA ORDINANZA Ordinanza num. 7 emessa in data 27/01/2014 COMUNE DI TORRITA DI SIENA PROVINCIA DI SIENA ORDINANZA Oggetto: Sistema distributivo dei carburanti - Determinazione dei criteri per l'articolazione degli orari

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE Vista la legge regionale 3 gennaio 2007, n. 1 e le successive modifiche ed integrazioni di cui alla L.R. 16 novembre 2009, n. 53 con le quali è stata disciplinata, tra l altro, la

Dettagli

COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive e Programmazione Sportello Unico per le Attività Produttive

COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive e Programmazione Sportello Unico per le Attività Produttive COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive e Programmazione Sportello Unico per le Attività Produttive PROTOCOLLO S.G. n 35314 del 29 giugno 2009 Ordinanza n. 112/09 DISCIPLINA DEI TURNI DI CHIUSURA SETTIMANALE

Dettagli

Legge Regionale 29 gennaio 2010, n.5

Legge Regionale 29 gennaio 2010, n.5 Legge Regionale 29 gennaio 2010, n.5 Nuove norme di indirizzo programmatico regionale per la razionalizzazione ed ammodernamento della rete distributiva carburanti ed attuazione delle norme di liberalizzazione

Dettagli

Comune di Rescaldina Provincia di Milano. Regolamentazione degli orari e dei turni dei distributori di carburanti sul territorio di Rescaldina.

Comune di Rescaldina Provincia di Milano. Regolamentazione degli orari e dei turni dei distributori di carburanti sul territorio di Rescaldina. Comune di Rescaldina Provincia di Milano Regolamentazione degli orari e dei turni dei distributori di carburanti sul territorio di Rescaldina. Delibera Consiglio Comunale n. 43 del 29/06/2007; Entrato

Dettagli

COMUNE DI MERGO Provincia di Ancona

COMUNE DI MERGO Provincia di Ancona COMUNE DI MERGO Provincia di Ancona ORIGINALE Registro Generale n. 12 ORDINANZA DEL SETTORE ORDINANZE SINDACALI N. 12 DEL 24-11-2011 Ufficio: UFFICIO GIURIDICO-GESTIONALE SUAP Oggetto: DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 2 GENNAIO 2007 N. 1 e ss.mm.ii. TESTO UNICO IN MATERIA DI COMMERCIO - Estratto parti relative alla distribuzione carburanti stradali

LEGGE REGIONALE 2 GENNAIO 2007 N. 1 e ss.mm.ii. TESTO UNICO IN MATERIA DI COMMERCIO - Estratto parti relative alla distribuzione carburanti stradali LEGGE REGIONALE 2 GENNAIO 2007 N. 1 e ss.mm.ii. TESTO UNICO IN MATERIA DI COMMERCIO - Estratto parti relative alla distribuzione carburanti stradali (Omissis) CAPO IX DISTRIBUZIONE CARBURANTI STRADALI

Dettagli

COMUNE DI MARRUBIU (PROVINCIA DI ORISTANO)

COMUNE DI MARRUBIU (PROVINCIA DI ORISTANO) COMUNE DI MARRUBIU (PROVINCIA DI ORISTANO) - UFFICIO TECNICO COMUNALE - PIANO COMUNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE E L AMMODERNAMENTO DELLA RETE DISTRIBUTIVA CARBURANTI VARIANTE AL PIANO URBANISTICO COMUNALE

Dettagli

Comune di Quartu Sant Elena PROVINCIA DI CAGLIARI

Comune di Quartu Sant Elena PROVINCIA DI CAGLIARI - 1 - Piano di razionalizzazione ed ammodernamento della rete distributiva comunale Comune di Quartu Sant Elena PROVINCIA DI CAGLIARI Area Economica e dello Sviluppo Settore Attività Produttive Piano di

Dettagli

TESTO COORDINATO della DCR 355/2002 con le modifiche introdotte dalla Deliberazione dell'assemblea legislativa 208/2009

TESTO COORDINATO della DCR 355/2002 con le modifiche introdotte dalla Deliberazione dell'assemblea legislativa 208/2009 TESTO COORDINATO della DCR 355/2002 con le modifiche introdotte dalla Deliberazione dell'assemblea legislativa 208/2009 NORME REGIONALI DI INDIRIZZO PROGRAMMATICO PER LA RAZIONALIZZAZIONE E L'AMMODERNAMENTO

Dettagli

Campania. Del. G.R. 3813 del 9 luglio 1999

Campania. Del. G.R. 3813 del 9 luglio 1999 Campania Del. G.R. 3813 del 9 luglio 1999 Attuazione decreto legislativo 30 marzo 1999, n. 96 Disciplina degli impianti autostradali di distribuzione carburanti per autotrazione Direttive ai Comuni. omissis

Dettagli

Campania. Del. G.R. 952 del 26 marzo 1999. Disciplina degli impianti autostradali di distribuzione di carburanti per autotrazione.

Campania. Del. G.R. 952 del 26 marzo 1999. Disciplina degli impianti autostradali di distribuzione di carburanti per autotrazione. Campania Del. G.R. 952 del 26 marzo 1999 Disciplina degli impianti autostradali di distribuzione di carburanti per autotrazione. omissis PREMESSO che l art. 105 lett. f del D.Lgs.vo del 31/3/98 n. 112

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 LUGLIO 2008, N.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 LUGLIO 2008, N. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 LUGLIO 2008, N. 35 9132 Pubblicata sul supplemento n. 29 del Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte del 17 luglio 2008 Legge regionale 31 maggio 2004, n. 14

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 marzo 2003 n. 05

LEGGE REGIONALE 12 marzo 2003 n. 05 LEGGE REGIONALE 12 marzo 2003 n. 05 BOLLETTINO UFFICIALE REGIONALE 19/03/2003 n. 05 LEGGE N.05 del 2003 - Razionalizzazione ed ammodernamento della rete distributiva dei carburanti. Il Consiglio regionale

Dettagli

IX LEGISLATURA Atti 5462/2011 IV COMMISSIONE PDL N. 120. di iniziativa del Presidente della Giunta Regionale

IX LEGISLATURA Atti 5462/2011 IV COMMISSIONE PDL N. 120. di iniziativa del Presidente della Giunta Regionale IX LEGISLATURA Atti 5462/2011 IV COMMISSIONE PDL N. 120 di iniziativa del Presidente della Giunta Regionale MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 2 FEBBRAIO 2010, N. 6 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA

Dettagli

Richiesta di autorizzazione per IMPIANTO DISTRIBUZIONE CARBURANTI NUOVO IMPIANTO TRASFERIMENTO - MODIFICHE SOSTANZIALI (L.R. 24 marzo 2004 n.

Richiesta di autorizzazione per IMPIANTO DISTRIBUZIONE CARBURANTI NUOVO IMPIANTO TRASFERIMENTO - MODIFICHE SOSTANZIALI (L.R. 24 marzo 2004 n. Richiesta di autorizzazione per IMPIANTO DISTRIBUZIONE CARBURANTI NUOVO IMPIANTO TRASFERIMENTO - MODIFICHE SOSTANZIALI (L.R. 24 marzo 2004 n.19) Al Responsabile SUAP Del Comune di Calcinaia Il/la sottoscritto/a

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 7644 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 38 del 14-03-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 Procedimenti amministrativi in materia di commercio: Attuazione della direttiva 2006/123/CE

Dettagli

LEGGE REGIONALE PIEMONTE 23-04-1999, N. 8

LEGGE REGIONALE PIEMONTE 23-04-1999, N. 8 LEGGE REGIONALE PIEMONTE 23-04-1999, N. 8 Norme di indirizzo programmatico per la razionalizzazione della rete distributiva dei carburanti per autotrazione (B.U.R. 28-04-1999, n. 17) Preambolo Art. 1 -

Dettagli

Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE)

Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE) REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE) (Seduta del 28 aprile 2009) Relatore

Dettagli

Iter autorizzatorio Impianto di distribuzione carburanti

Iter autorizzatorio Impianto di distribuzione carburanti Categoria: Commercio Descrizione: Per impianto di distribuzione carburanti si intende un unico complesso commerciale costituito da uno o più apparecchi di erogazione per uso di autotrazione con le annesse

Dettagli

PARTE PRIMA. c. a chiamata: quando all esterno della farmacia il farmacista indica il recapito telefonico dove può essere prontamente reperito.

PARTE PRIMA. c. a chiamata: quando all esterno della farmacia il farmacista indica il recapito telefonico dove può essere prontamente reperito. 7208 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 5 Disciplina dei turni e degli orari del Servizio pubblico farmaceutico territoriale IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

Dettagli

Bollettino Ufficiale Regione Piemonte Parte I e II Supplemento al n. 29 17 luglio 2008

Bollettino Ufficiale Regione Piemonte Parte I e II Supplemento al n. 29 17 luglio 2008 Deliberazione della Giunta Regionale 7 luglio 2008, n.35-9132 Legge regionale 31 maggio 2004, n. 14, ("Norme di indirizzo programmatico regionale per la razionalizzazione e l'ammodernamento della rete

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XL Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 26 venerdì, 24 luglio 2009 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 13-12-2001 REGIONE LAZIO. Norme in materia di attività di estetista.

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 13-12-2001 REGIONE LAZIO. Norme in materia di attività di estetista. Pagina 1 di 6 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 13-12-2001 REGIONE LAZIO Norme in materia di attività di estetista. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO N. 36 del 29 dicembre 2001 SUPPLEMENTO ORDINARIO

Dettagli

Allegato 1. omissis. in B.U.R.M. n. 13 del 18-02-2011 sommario. Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) DELIBERA. DGR(11) 125_11 Pag: 1

Allegato 1. omissis. in B.U.R.M. n. 13 del 18-02-2011 sommario. Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) DELIBERA. DGR(11) 125_11 Pag: 1 DGR(11) 125_11 Pag: 1 Deliberazione Regione Marche n. 125 del 07/02/2011. Regolamento regionale di competenza della Giunta regionale concernente: Disciplina della distribuzione dei carburanti per autotrazione,

Dettagli

REQUISITI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI BEVANDE (art 42 bis L.R. 07.02.2005, n. 28)

REQUISITI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI BEVANDE (art 42 bis L.R. 07.02.2005, n. 28) COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA REQUISITI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI BEVANDE (art 42 bis L.R. 07.02.2005, n. 28) Approvati con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

Regolamento Comunale Per la disciplina dell attività dei

Regolamento Comunale Per la disciplina dell attività dei Regolamento Comunale Per la disciplina dell attività dei Centri di Telefonia Internazionale Approvato con deliberazione consiliare n. 17 del 30/06/2006 ART. 1 Oggetto e finalità Il presente regolamento

Dettagli

schema MiSE norma rete carburanti - 12 novembre 2013 Art. Misure per la razionalizzazione della rete di distribuzione carburanti

schema MiSE norma rete carburanti - 12 novembre 2013 Art. Misure per la razionalizzazione della rete di distribuzione carburanti Art. Misure per la razionalizzazione della rete di distribuzione carburanti 10. Ai fini di incrementare la concorrenzialità del mercato dei carburanti e la diffusione al consumatore delle relative informazioni,

Dettagli

Altre attività di vendita Carburanti

Altre attività di vendita Carburanti Altre attività di vendita Carburanti Descrizione Per impianto di distribuzione dei carburanti si intende quel complesso unitario costituito da uno o più distributori e dai serbatoi dei carburanti erogabili,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 16 del 18.02.2004 Art. 1 NASTRO ORARIO Il nastro orario giornaliero, nell ambito

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE INDICE ARTICOLO 1 definizione ARTICOLO 2 - zone ed aree commerciali ARTICOLO 3 distanze

Dettagli

PROVVEDIMENTI ESECUTIVI

PROVVEDIMENTI ESECUTIVI OBIETTIVI distanza da luoghi sensibili programma contrasto sgravi fiscali corsi formazione esercenti PROVVEDIMENTI ESECUTIVI dgr 24 gennaio 2014 n. X/1274 dgr 30 gennaio 2014 n. X/1314 dgr 14 febbraio

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 27 GIUGNO 2011 DISPOSIZIONI NORMATIVE CONCERNENTI LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DELLE FARMACIE DELLA REGIONE CAMPANIA

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 27 GIUGNO 2011 DISPOSIZIONI NORMATIVE CONCERNENTI LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DELLE FARMACIE DELLA REGIONE CAMPANIA LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 27 GIUGNO 2011 DISPOSIZIONI NORMATIVE CONCERNENTI LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DELLE FARMACIE DELLA REGIONE CAMPANIA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA

Dettagli

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia

dei Ministri dello sviluppo economico e per i rapporti con le regioni, sentita la Conferenza unificata e su parere dell Autorità per l energia Il Ministro dello Sviluppo Economico e il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante norme comuni per il mercato interno del gas, ed in particolare

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APERTURA E L ESERCIZIO DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI O CONGEGNI DA TRATTENIMENTO Approvato con delibera consiliare n. 4 del

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO S.U.A.P. ED ATTIVITA ECONOMICHE

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO S.U.A.P. ED ATTIVITA ECONOMICHE ID 99 2219512 COMUNE DI RAVENNA Prot. gen. N. 176251/2015 ORDINANZA N. TL. 1839 / 2015 Ravenna, 24.12.2015 I L S I N D A C O - Visto il D.Lgs. 11.2.1998 n. 32, Razionalizzazione del sistema di distribuzione

Dettagli

Provincia di Roma SUSSIDIARIO allo SPORTELLO UNICO

Provincia di Roma SUSSIDIARIO allo SPORTELLO UNICO CITTA DI C A V E Provincia di Roma SUSSIDIARIO allo SPORTELLO UNICO Approvato Con deliberazione di Consiglio Comunale n 57 del 22/12/2005 e adeguato alle norme successivamente intervenute con delibera

Dettagli

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI E DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER PUNTI VENDITA

Dettagli

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 104 del 22.10.2007

Dettagli

Legge regionale n. 8 del 2-04-2001 e successive modificazioni nuove norme in materia di impianti di distribuzione di carburanti

Legge regionale n. 8 del 2-04-2001 e successive modificazioni nuove norme in materia di impianti di distribuzione di carburanti Legge regionale n. 8 del 2-04-2001 e successive modificazioni nuove norme in materia di impianti di distribuzione di carburanti CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità della legge) 1. La presente

Dettagli

attività commerciali impianti di distribuzione dei carburanti modello 2_14_04

attività commerciali impianti di distribuzione dei carburanti modello 2_14_04 AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

Procedimenti autorizzativi in materia di impianti di distribuzione di carburanti

Procedimenti autorizzativi in materia di impianti di distribuzione di carburanti Procedimenti autorizzativi in materia di impianti di distribuzione di carburanti Marco Marchini Elenco dei principali procedimenti autorizzativi in essere in materia di rete distributiva dei carburanti,

Dettagli

Comunicazione di VARIAZIONI NON SOSTANZIALI a IMPIANTO DISTRIBUTORE CARBURANTI (L.R. 24 marzo 2004 n.19)

Comunicazione di VARIAZIONI NON SOSTANZIALI a IMPIANTO DISTRIBUTORE CARBURANTI (L.R. 24 marzo 2004 n.19) Comunicazione di VARIAZIONI NON SOSTANZIALI a IMPIANTO DISTRIBUTORE CARBURANTI (L.R. 24 marzo 2004 n.19) Al Sindaco del Comune di Pontedera Sportello unico Attività Produttive Il/la sottoscritto/a Cognome

Dettagli

Art. 2 Articolazione dell intervento regionale. LEGGE REGIONALE 13 dicembre 2004, n. 23

Art. 2 Articolazione dell intervento regionale. LEGGE REGIONALE 13 dicembre 2004, n. 23 10 LEGGE REGIONALE 13 dicembre 2004, n. 23 Razionalizzazione e ammodernamento della rete distributiva dei carburanti (1). (Testo coordinato con le modifiche apportate con le leggi regionali 4 dicembre

Dettagli

Legge Regione Lombardia. 5 ottobre 2004, n. 24 Disciplina per la razionalizzazione e l ammodernamento della rete distributiva dei carburanti.

Legge Regione Lombardia. 5 ottobre 2004, n. 24 Disciplina per la razionalizzazione e l ammodernamento della rete distributiva dei carburanti. LR(3) 24_04 A2 C Pag: 1 Legge Regione Lombardia. 5 ottobre 2004, n. 24 Disciplina per la razionalizzazione e l ammodernamento della rete distributiva dei carburanti. Testo coordinato con le modifiche e

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia (come modificata dalla LR 23 novembre 2009, n. 71 e s.m.i.) Capo IV Razionalizzazione della produzione e dei consumi, risparmio

Dettagli

Cassa Conguaglio GPL. Annualità 2013. A. Descrizione del contesto di riferimento

Cassa Conguaglio GPL. Annualità 2013. A. Descrizione del contesto di riferimento Cassa Conguaglio GPL Annualità 2013 A. Descrizione del contesto di riferimento La Cassa Conguaglio GPL, originariamente denominata Cassa conguaglio per i trasporti di gas di petrolio liquefatto, ente pubblico

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER

REGOLAMENTO COMUNALE PER COMUNE DI SAN MARTINO DI VENEZZE PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI D.Lgs. 114/98 e L.R. n. 37/99 Aggiornato al 5 dicembre 2001 Allegato alla deliberazione

Dettagli

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3006 Seduta del 09/01/2015

DELIBERAZIONE N X / 3006 Seduta del 09/01/2015 DELIBERAZIONE N X / 3006 Seduta del 09/01/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Comune di Padova NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47 dell'8 ottobre 2012 In vigore dal

Dettagli

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI PIANO DI PROGRAMMAZIONE COMUNALE CONCERNENTE I CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ED I CRITERI DI PROGRAMMAZIONE ALL APERTURA, AL TRASFERIMENTO DI SEDE E ALL AMPLIAMENTO DI SUPERFICIE DELLE MEDIE

Dettagli

Comune di Gaeta. Criteri per il rilascio di autorizzazioni per la somministrazioni di alimenti e bevande

Comune di Gaeta. Criteri per il rilascio di autorizzazioni per la somministrazioni di alimenti e bevande Comune di Gaeta * * * * * Criteri per il rilascio di autorizzazioni per la somministrazioni di alimenti e bevande * * * * * (Approvati con deliberazione consiliare n 51 del 04/11/2011) 1 Art.1 - Oggetto

Dettagli

Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n.

Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n. Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n. 20del 23 marzo 1984 sulla disciplina dell orario dei turni e

Dettagli

Autorità d Ambito Territoriale Ottimale LAGUNA DI VENEZIA

Autorità d Ambito Territoriale Ottimale LAGUNA DI VENEZIA Autorità d Ambito Territoriale Ottimale LAGUNA DI VENEZIA Prot. n. 244/1 di verbale del 02.03.2011 Oggetto: Revoca della delibera del Comitato Istituzionale prot. n. 1343/22 di verbale del 20.12.2010 avente

Dettagli

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005.

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005. LEGGE REGIONALE 20 novembre 2007, n. 17 Disciplina dell'attività di acconciatore e di estetista (B.U. 29 novembre 2007, n. 104) INDICE DELLA LEGGE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Competenze della Regione, delle

Dettagli

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale.

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Norme per l esercizio delle attività di vendita al dettaglio in sede fissa. Decreto legislativo 31 marzo

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 Allegato A Indirizzi applicativi in materia di valutazione di incidenza di piani, progetti e interventi 1. Definizioni Procedimento di valutazione di

Dettagli

Capo IV Distributori di carburante

Capo IV Distributori di carburante Testo vigente dal 15 gennaio 2013 LEGGE PROVINCIALE SUL COMMERCIO 2010 Legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17 Disciplina dell'attività commerciale (b.u. 3 agosto 2010, n. 31, suppl. n. 1) Capo IV Distributori

Dettagli

DGR n. 125 del 07/02/2011 BUR n. 13 del 18/02/2011 In vigore dal 19/02/2011

DGR n. 125 del 07/02/2011 BUR n. 13 del 18/02/2011 In vigore dal 19/02/2011 DGR n. 125 del 07/02/2011 BUR n. 13 del 18/02/2011 In vigore dal 19/02/2011 Regolamento regionale di competenza della Giunta regionale concernente: Disciplina della distribuzione dei carburanti per autotrazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. 192/05, D.LGS. 311/06) Approvato con delibera di C.C. n.

Dettagli

E possibile una rete in Italia che punti su efficienza energetica e servizi integrati?

E possibile una rete in Italia che punti su efficienza energetica e servizi integrati? E possibile una rete in Italia che punti su efficienza energetica e servizi integrati? EnergyMed Napoli, Mostra d Oltremare 12 aprile 2013 Massimiliano Giannocco COSA SI DICE DELLA RETE DEI CARBURANTI

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3.

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3. REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3.2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

Deliberazione 15 giugno 2000

Deliberazione 15 giugno 2000 Deliberazione 15 giugno 2000 Adozione del regolamento di cui all articolo 3 della deliberazione dell Autorità per l'energia elettrica e il gas 18 febbraio 1999, n. 13/99, e integrazione della medesima

Dettagli

REGOLAMENTO SALA GIOCHI

REGOLAMENTO SALA GIOCHI REGOLAMENTO SALA GIOCHI APPROVATO CON D.C. N. 1 DEL 31.1.2011 Art. 1 DEFINIZIONE Art. 2 CARATTERISTICHE DEI LOCALI Art. 3 CARATTERISTICHE E NUMERO DEI GIOCHI Art. 4 ESERCIZI AUTORIZZABILI Art. 5 REQUISITI

Dettagli

attività commerciali impianti di distribuzione dei carburanti modello 2_14_01

attività commerciali impianti di distribuzione dei carburanti modello 2_14_01 N. identificativo marca da bollo La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale dal soggetto interessato AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive -

Dettagli

Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 (BUR n. 50/2011) - Testo storico

Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 (BUR n. 50/2011) - Testo storico MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L'UTILIZZO DELL'EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO 2007,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 13 OTTOBRE 2014, N. 1577

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 13 OTTOBRE 2014, N. 1577 Regione Emilia-Romagna DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 13 OTTOBRE 2014, N. 1577 Modifiche alle disposizioni in materia di prestazione energetica degli edifici di cui agli Allegati 1, 2 e 3 della delibera

Dettagli

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica Commissione Finanze della Camera dei deputati Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti l'imposizione tributaria sui veicoli (AC 2397) Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Dettagli

COMUNE DI LOMBRIASCO

COMUNE DI LOMBRIASCO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LOMBRIASCO CRITERI PER L INSEDIAMENTO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 31 MARZO 1998 N. 114, DELLA LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 1999 N.

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE 21 maggio 2001, n. 308 "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale

Dettagli

adesione da parte di Federmetano e Assogasmetano, con il quale ci si impegna rispettivamente: DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 febbraio

adesione da parte di Federmetano e Assogasmetano, con il quale ci si impegna rispettivamente: DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 febbraio 9526 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 35 del 12 03 2014 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 febbraio 2014, n. 209 Sviluppo della rete di distribuzione del metano per autotrazione sulla

Dettagli

05.05.2014 QUESITO. Somministrazione in circolo privato - Autorizzazioni

05.05.2014 QUESITO. Somministrazione in circolo privato - Autorizzazioni 05.05.2014 QUESITO Somministrazione in circolo privato - Autorizzazioni Premesso che l associazione che vorrei costituire sarà associata a una riconosciuta dal ministero dell interno, con sede una villetta

Dettagli

DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI DISCIPLINARE PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione di G.M. n. 122 dell 1/6/2012 INDICE GENERALE CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Definizioni Art. 2 Ambito

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA POSA DI IMPIANTI SOLARI E FOTOVOLTAICI (da 1 a 5 Kwp) (approvato con deliberazione c.c. numero 21 del 30.06.2011) Pagina 1 di 5

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. ART. 1 Oggetto e finalità

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. ART. 1 Oggetto e finalità SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE DEL CAPO IV DISTRIBUTORI DI CARBURANTE DELLA LEGGE PROVINCIALE 30 LUGLIO 2010, N. 17 DISCIPLINA DELL ATTIVITA COMMERCIALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA **********

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 162 del 19.11.2014

Dettagli

Comune di CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO

Comune di CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO 1 Articolo 1 Oggetto 11 Il presente Regolamento, in attuazione dell articolo 3, comma 2 della Legge Regionale 5 ottobre 2004 n 24, disciplina le procedure amministrative relative a: - installazione e modifiche

Dettagli

Disciplina degli orari di attività dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande IL SINDACO

Disciplina degli orari di attività dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande IL SINDACO COMUNE DI TRESCORE CREMASCO Provincia di Cremona Ufficio Segreteria Via Carioni 13-26017 Trescore Cremasco Tel. 0373 272246 Fax 0373 272232 e.mail segreteria@trescorecremasco.net Prot. n. 4399 Trescore

Dettagli

COMUNE DI GANGI REGOLAMENTO

COMUNE DI GANGI REGOLAMENTO COMUNE DI GANGI (Provincia di Palermo) Part. I.V.A. 004759084 SETTORE TECNICO URBANISTICA - COMMERCIO ED ARTIGIANATO (Politiche di Gestione - Sviluppo del Territorio, dell Ambiente e dello Sviluppo Economico)

Dettagli

Circolare N.70 del 11 Maggio 2012. Avvio delle attività e snellimento degli adempimenti

Circolare N.70 del 11 Maggio 2012. Avvio delle attività e snellimento degli adempimenti Circolare N.70 del 11 Maggio 2012 Avvio delle attività e snellimento degli adempimenti Avvio delle attività e snellimento degli adempimenti: le novità per baristi, estetiste, autoriparatori, benzinai,

Dettagli

SENTENZA N. 27 ANNO 2013

SENTENZA N. 27 ANNO 2013 Sentenza 27/2013 Giudizio GIUDIZIO DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE IN VIA PRINCIPALE Presidente GALLO - Redattore NAPOLITANO Udienza Pubblica del 15/01/2013 Decisione del 13/02/2013 Deposito del 22/02/2013

Dettagli

Comune di Trevignano Romano

Comune di Trevignano Romano Comune di Trevignano Romano (Prov. di Roma) REGOLAMENTO IN MATERIA DI FUNZIONAMENTO E RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER SALE GIOCHI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 51 del 13.10.2009 INDICE

Dettagli

Direzione Regionale per la Lombardia

Direzione Regionale per la Lombardia Direzione Regionale per la Lombardia Direzione Regionale per la Lombardia Cogenerazione ad alto rendimento: novità e prospettive di sviluppo Aspetti fiscali legati alla cogenerazione ANGELINI GIUSEPPE

Dettagli

CITTA DI PISTICCI COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CRITERI PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI COMMERCIALI INERENTI MEDIE STRUTTURE DI VENDITA

CITTA DI PISTICCI COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CRITERI PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI COMMERCIALI INERENTI MEDIE STRUTTURE DI VENDITA CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CRITERI PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI COMMERCIALI INERENTI MEDIE STRUTTURE DI VENDITA (Art. 8 D.Lgs. n. 114/98 ed art. 19

Dettagli

Regolamento in materia di videosorveglianza

Regolamento in materia di videosorveglianza Regolamento in materia di videosorveglianza 1 Art. 1 Finalità L Azienda Ospedaliera di Desenzano del Garda (di seguito denominata Azienda) attua un sistema di videosorveglianza esclusivamente per lo svolgimento

Dettagli

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione Delibera n. 88/07 Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione dell 11 aprile 2007 Visti: il

Dettagli