DOCUMENTO FINALE del CONSIGLIO di CLASSE V Sez. D

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO FINALE del CONSIGLIO di CLASSE V Sez. D"

Transcript

1 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI DOCUMENTO FINALE del CONSIGLIO di CLASSE V Sez. D Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing articolazione Sistemi Informativi Aziendali Redatto il giorno 13 maggio 2015 Materie IL DIRIGENTE SCOLASTICO Religione Italiano e Storia Lingua straniera (Inglese) Matematica Economia aziendale Informatica Diritto e Scienza delle finanze Scienze motorie e sportive Laboratorio di informatica Docenti Prof.ssa Paola Vigoroso Prof. Pasquale PIERRO Prof. Simonetta PAVAN Prof.ssa Elisabetta HABER Prof.ssa Erika BUSSOLETTI Prof.ssa Stefania VIOLO Prof.ssa Antonia Maria LAFACE Prof.ssa Rosa Maria LEMMA Prof. Rosanna ROSATI Prof. Antonello ANTONELLI ~ 1 / 57 ~

2 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Descrizione della scuola: sezione associata A. Ceccherelli La sezione associata «Alberto Ceccherelli» di via di Bravetta n. 383, parte integrante dell I.I.S. «Via Silvestri, 301», è ubicata in una struttura di un certo pregio architettonico, opera degli inizi del secolo dell'architetto Armando Brasini. L'edificio è dotato di uno spazio verde antistante, di terrazze e loggette e di un cortile interno, il Cortile degli Angeli, spazioso e piacevole a vedersi. L'Istituto possiede inoltre le seguenti attrezzature: aule multimediali, laboratorio linguistico, una biblioteca, laboratori di informatica, laboratorio di chimica e di scienze, aule attrezzate per il disegno tecnico, aula di topografia, palestra, campo esterno sportivo polifunzionale ed una sala adibita a teatro. ~ 2 / 57 ~

3 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Obiettivi curricolari PROFILO PROFESSIONALE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Il diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale. Attraverso il percorso generale, è in grado di: rilevare le operazioni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili in linea con i principi nazionali ed internazionali; redigere e interpretare i documenti amministrativi e finanziari aziendali; gestire adempimenti di natura fiscale; collaborare alle trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dell azienda; svolgere attività di marketing; collaborare all organizzazione, alla gestione e al controllo dei processi aziendali; utilizzare tecnologie e software applicativi per la gestione integrata di amministrazione, finanza e marketing. Nell articolazione Sistemi informativi aziendali, il profilo si caratterizza per il riferimento sia all ambito della gestione del sistema informativo aziendale sia alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi. Tali attività sono tese a migliorare l efficienza aziendale attraverso la realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, all organizzazione della comunicazione in rete e alla sicurezza informatica. ~ 3 / 57 ~

4 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI A conclusione del percorso quinquennale, il diplomato nell indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze. COMPETENZE Riconoscere e interpretare: - le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto; - i macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un azienda; - i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche storiche e nella dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culture diverse. Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali. Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese. Riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date. Individuare le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane. Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l'ausilio di programmi di contabilità integrata. Applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del controllo di gestione, analizzandone i risultati. Inquadrare l attività di marketing nel ciclo di vita dell'azienda e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato. Orientarsi nel mercato dei prodotti assicurativo-finanziari, anche per collaborare nella ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose. Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti. ~ 4 / 57 ~

5 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Analizzare e produrre i documenti relativi alla rendicontazione sociale e ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d impresa. Nell articolazione Sistemi informativi aziendali, le competenze di cui sopra sono differentemente sviluppate e opportunamente integrate in coerenza con la peculiarità del profilo di riferimento. Quadro orario Discipline del piano di studi Ore settimanali per corso III IV V Docenti del V anno Religione Prof. Pasquale PIERRO Lettere Storia Prof.ssa Simonetta PAVAN Lingua straniera (Inglese) Prof.ssa Elisabetta HABER Matematica Prof.ssa Erika BUSSOLETTI Scienza delle finanze Diritto Prof.ssa Rosa Maria LEMMA Economia aziendale 1 6 (1) 8 (1) 7 (1) Prof.ssa Stefania VIOLO Informatica 1 5 (2) 4 (2) 5 (2) Prof.ssa Antonia Maria LAFACE Scienze motorie e sportive Prof.ssa Rosanna ROSATI Laboratorio di informatica (3) (3) (3) Prof. Antonello ANTONELLI Totale ore settimanali di lezione Le ore indicate tra parentesi sono di laboratorio. ~ 5 / 57 ~

6 Esame di Stato a.s Istituto di Istruzione Superiore «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Profilo della classe 1 La classe è costituita da quindici elementi, 8 ragazze e 7 ragazzi. La composizione attuale deriva da un gruppo classe iniziale, con un corso di studi nel complesso regolare, con successivi inserimenti, in particolare nel quarto anno di un alunna proveniente da diversa sezione e nel quinto di un altro proveniente da un istituto paritario, che si è ben integrato. Nel corso dell anno la presenza è stata abbastanza costante, ad eccezione di qualcuno che ha effettuato numerose assenze, specialmente nel I quadrimestre. Gli alunni hanno, in generale, stabilito relazioni corrette tra di loro, per cui il livello di socializzazione appare adeguato; il rapporto con i docenti si è caratterizzato per un dialogo aperto e sereno e il comportamento è stato rispettoso dell ambiente scolastico. L interesse verso i contenuti e gli argomenti proposti nelle varie discipline si è differenziato: un esiguo gruppo si è distinto per l impegno costante, l attenzione proficua e lo studio individuale adeguato, che ha permesso di cogliere i nodi metodologici fondamentali. Altri alunni, che avevano invece una preparazione già debole in alcune materie, non si sono sempre dimostrati capaci di lavorare in modo sistematico e consono ad una classe quinta al fine di recuperare le lacune pregresse. Pochi elementi, infine, hanno evidenziato in classe un atteggiamento a volte distratto, modificato solo nel secondo quadrimestre all approssimarsi della fine dell anno scolastico. Varia è stata l offerta formativa ed educativa, indirizzata a proporre una didattica dinamica e ben strutturata con uscite extrascolastiche, per meglio approfondire e sviluppare le tematiche curriculari. Tuttavia, in generale è emerso dalla classe un atteggiamento non sempre ricettivo rispetto agli stimoli offerti, una certa superficialità ed uno studio a volte finalizzato unicamente al superamento delle prove e non ad un costante arricchimento delle conoscenze e delle competenze personali. L attività didattica e di verifica formativa ha dunque portato ad individuare una varietà di livelli relativa alle abilità e alle conoscenze degli studenti, con tre fasce di profitto differenti: un gruppo ristretto si attesta su un livello medio alto; un gruppo più numeroso su un livello mediamente sufficiente; alcuni elementi, infine, su un livello di mediocrità diffusa. Gli alunni hanno avuto modo di sperimentare le prove scritte previste per il superamento dell Esame di Stato attraverso l espletamento di simulazioni ufficiali. Queste hanno riguardato la 1 Per la programmazione delle singole discipline vedi i relativi allegati ~ 6 / 57 ~

7 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI prima (Italiano: tipologia A, B, C, D), la seconda (Economia aziendale) e terza prova (tipologia B: Diritto, Informatica, Inglese, Scienze motorie); di tutte si allega copia al presente documento. I rapporti con le famiglie, improntati alla massima disponibilità, cordialità, rispetto e trasparenza, sono stati curati dai docenti in tutte le occasioni programmate, sia nella prassi antimeridiana mensile, che negli incontri pomeridiani quadrimestrali, nonché nelle occasioni particolari di incontro richieste dalle famiglie stesse. La classe ha partecipato a diverse attività extracurricolari, programmate dal Consiglio di classe all inizio dell anno. In particolare quasi tutti gli alunni hanno aderito a un tirocinio formativo caratterizzante il corso di studi, che per alcuni elementi ha senz altro potenziato la preparazione, nonché rafforzato la motivazione, fornendo un raccordo con il mondo del lavoro. Tipologia dell attività formativa I docenti delle due aree disciplinari, umanistica e tecnica, si sono avvalsi di lezioni frontali, insegnamento individualizzato e utilizzo dei laboratori e dell aula multimediale, nell ottica di una didattica metodologicamente al passo con l utilizzo di tutte le tecnologie oggi in uso nella scuola. ~ 7 / 57 ~

8 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Criteri di valutazione delle verifiche Il Consiglio di classe, soprattutto in considerazione della realtà dei punteggi che caratterizzerà la valutazione delle prove d esame e del curriculum ed anche per non penalizzare gli elementi più capaci e meritevoli ha utilizzato, in sede di valutazione sommativa, l intera scala decimale. Netta, comunque, la tendenza all attribuzione di voti interi, in conformità con i punteggi attribuibili alle prove d esame ed ai crediti pregressi. Il mezzo voto (lo 0,50) è stato conservato nella tabella, ma con uso parsimonioso, essendo previsto a quei livelli in cui esso può avere una sua logica, per differenziare le prestazioni degli allievi in merito ai diversi risultati raggiunti. VALUTAZIONE NUMERICA ESPRESSA IN DECIMI ½ 6 GIUDIZIO DI CORRISPONDENZA 1 LIVELLO GRAVEMENTE INSUFFICIENTE Conoscenze pressoché inesistenti, parziali, frammentarie e tali da rendere scarsamente efficace anche l eventuale supporto di competenze e capacità possedute. 2 LIVELLO INSUFFICIENTE Conoscenze superficiali e/o acquisite solo mnemonicamente ed acriticamente, oppure conoscenze della tipologia del precedente livello, ma, almeno in parte, attenuate, nella loro negatività, da competenze e capacità individuali. 3 LIVELLO SCARSAMENTE SUFFICIENTE / NON DEL TUTTO SUFFICIENTE / QUASI SUFFICIENTE Conoscenze quantitativamente e qualitativamente pressoché accettabili, oppure conoscenze della tipologia del precedente livello, ma con competenze e/o capacità migliorative, sia pure parzialmente, della prestazione. 4 LIVELLO SUFFICIENTE Conoscenze disciplinari accettabili sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo, oppure conoscenze della tipologia del precedente livello, ma con competenze e/o capacità idonee a compensare le incertezze contenutistiche. ~ 8 / 57 ~

9 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Criteri di valutazione delle verifiche (continua) 6½ 7 7½ 8-8½ 9 5 LIVELLO PIÙ CHE SUFFICIENTE Conoscenze disciplinari senz altro accettabili e supportate da qualche requisito positivo concernente competenze o capacità. 6 LIVELLO DISCRETO Conoscenze specifiche quantitativamente adeguate e non superficiali, con qualche limite qualitativo (non grave) oppure conoscenze poco al di là della mera sufficienza, ma arricchite da apprezzabili competenze e/o capacità soggettive. 7 LIVELLO PIÙ CHE DISCRETO Conoscenze piuttosto ampie, rivelatrici del possesso di contenuti quantitativamente adeguati e qualitativamente apprezzabili e di competenze e/o capacità idonee a conferire alla prestazione cifre senz altro positive. 8 LIVELLO BUONO Conoscenze complete e solide, assimilate in modo critico e consapevole, con il supporto di competenze e capacità individuali tali da rendere la prestazione inequivocabilmente convincente. La stessa valutazione può essere attribuita a chi, in possesso di conoscenze specifiche del livello precedente, sia sorretto da competenze e capacità particolarmente rilevanti. 9 LIVELLO MOLTO BUONO / DISTINTO La prestazione richiesta risulta pressoché ineccepibile, caratterizzata da conoscenze sicuramente pertinenti, efficacemente e proficuamente acquisite, supportate da ogni requisito sostanziale e formale e da competenze e capacità di elevata qualità. 9½ LIVELLO OTTIMO / ECCELLENTE Conoscenze disciplinari specifiche perfettamente possedute, elaborate personalmente e supportate da notevoli capacità e competenze organizzative, critiche ed espressive, nonché da attitudine a muoversi in un ottica multidisciplinare (se possibile o richiesta). ~ 9 / 57 ~

10 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Criteri di valutazione delle verifiche (continua) Nel caso di prove pratiche e attività di laboratorio le competenze (in genere il saper fare) e le capacità (in senso lato) possono risultare più importanti del possesso o meno di specifiche conoscenze di base (il sapere, la componente cognitiva sottostà, comunque, spesso alle competenze e capacità, costituendone il presupposto). Ad ogni modo, anche in tali circostanze, la tabella in questione conserva una sua sostanziale validità, con qualche opportuna variazione nella parte descrittiva, in cui possono comparire, ad esempio, voci del tipo: tipologia dell applicazione, precisione, capacità esecutive, capacità progettuali, etc. Le valutazioni espresse in decimi, riportate sui registri individuali, si riferiscono sempre alle singole prove e sono indicatrici dell esito oggettivo delle prove medesime in considerazione anche delle finalità e delle difficoltà di esse. Invece, alle valutazioni, sempre espresse in decimi, riportate sulle pagelle ed attribuite dai Consigli di classe secondo quanto previsto dalla normativa vigente, ovvero a quelle che si ricavano da giudizi individualmente o collegialmente formulati, hanno concorso, con opportuna e motivata indicazione, i seguenti elementi: ü considerazione del livello di partenza a suo tempo opportunamente accertato; ü rapporto tra profitto/preparazione individuale e quelli medi conseguiti dalla classe; ü apprezzamento di particolari qualità specifiche o complessive rivelate; ü frequenza delle lezioni; ü qualità e modalità di impegno, interesse e partecipazione; ü tipologia dei rapporti di relazione stabiliti con il gruppo e l insegnante; ü comportamento dell allievo in occasione di incontri o lavori di gruppo e sua capacità di dare spazio e di rispettare le opinioni altrui; ü conseguimento obiettivi trasversali. La valutazione complessiva non intera, espressa in quindicesimi, attribuita a ciascuna prova oggetto della simulazione dell Esame di Stato si arrotonda: all unità inferiore, se la prima cifra decimale è uguale a 1, 2, 3, 4; all unità superiore, se la prima cifra decimale è uguale a 5, 6, 7, 8, 9. ~ 10 / 57 ~

11 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Griglia di valutazione della prima prova COGNOME:.. NOME.... :.. Indicatori USO DELLA LINGUA (punti 5) Correttezza Proprietà e pertinenza rispetto al tipo di prova CONOSCENZE (punti 6) dell'argomento del contesto di riferimento delle caratteristiche formali del testo CAPACITÀ LOGICO-CRITICHE ED ESPRESSIVE (punti 4) Capacità di analisi e sintesi Organicità e coerenza Pertinenza e fondatezza dei giudizi personali / Originalità e creatività Livelli di valore per l'indicatore Gravemente insufficiente 2,0 Insufficiente 2,5 Mediocre 3,0 Sufficiente 3,5 Discreto 4,0 Buono 4,5 Ottimo 5,0 Gravemente insufficiente 2,0 Insufficiente 2,5 Mediocre 3,0 3,5 Sufficiente 4,0 Discreto 4,5 5,0 Buono 5,5 Ottimo 6,0 Gravemente insufficiente 1,0 Insufficiente 1,5 Mediocre 2,0 Sufficiente 2,5 Discreto 3,0 Buono 3,5 Ottimo 4,0 Punteggio Previsto Attribuito Punteggio complessivo attribuito in 15mi Il punteggio attribuito non può superare 15/15; la sufficienza corrisponde a 10/15. ~ 11 / 57 ~

12 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Griglia di valutazione della seconda prova ECONOMIA AZIENDALE COGNOME:.. NOME.... :.. GRIGLIA DI VALUTAZIONE CON UTILIZZAZIONE DI DESCRITTORI (VALUTAZIONE IN QUINDICESIMI) Indicatori Livelli di valore per l indicatore Previsto Punteggio Attribuito Congruenza con la traccia: contenuti coerenti ed argomentati Traccia svolta: in modo inadeguato 2 parzialmente 3 in modo essenziale 4 in modo approfondito ed esauriente 5 Impostazione generale del problema ed analisi dei dati: conoscenza di regole e principi non sa individuare le entità e le relazioni 2 ne individua solo alcune 3 individua quelle determinanti per lo svolgimento dell elaborato 4 li applica tutti adeguatamente ed efficacemente 5 Soluzione applicativa: correttezza di esecuzione Esecuzione: incompleta in tutte le sue parti 2 parziale 3 essenziale e rappresentativa 4 globalmente completa e significativa 5 Punteggio complessivo attribuito alla prova Il punteggio attribuito non può superare 15/15; la sufficienza corrisponde a 10/15. ~ 12 / 57 ~

13 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Griglia di valutazione della terza prova per singola disciplina (Tipologia B Quesiti a risposta singola n. 4 discipline) COGNOME:.. NOME.... :.. INDICATORI Previsto Punteggio Attribuito Risposte ai quesiti appena accennate / pressoché inesistenti 4 7 Risposte ai quesiti parziali o disorganiche 8 9 Risposte ai quesiti accettabili 10 Risposte ai quesiti discrete ed esaurienti Risposte ai quesiti ottime, approfondite ed elaborate a livello personale Punteggio attribuito alla prova Il punteggio attribuito non può superare 15/15; la sufficienza corrisponde a 10/15. ~ 13 / 57 ~

14 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Documentazione relativa alla simulazione della prima prova scritta: ITALIANO Il giorno 4 maggio 2015 è stata svolta una simulazione di prima prova scritta. Il testo della prova è riportato nell Allegato n. 1. Documentazione relativa alla simulazione della seconda prova scritta: ECONOMIA AZIENDALE Il giorno 12 maggio 2015 è stata svolta una simulazione della seconda prova scritta di Economia Aziendale. Il testo della prova è riportato nell Allegato n. 2. Documentazione relativa alla simulazione della terza prova scritta È stata svolta una simulazione della terza prova integrata con le seguenti modalità: Data svolgimento Tempo assegnato Discipline Tipologia DIRITTO 16/04/ ore INFORMATICA INGLESE SC. MOTORIE E SPORTIVE B - Quesiti a risposta singola È consentito l uso del dizionario di lingua inglese e del Codice Civile. Il testo della prova è riportato nell Allegato n. 3. ~ 14 / 57 ~

15 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Attività curricolari, extracurricolari ed integrative (Area di progetto, viaggi di istruzione, corsi, conferenze, attività di recupero, sostegno, sportello) La classe ha partecipato a diverse attività extracurricolari programmate dal Consiglio di classe all inizio dell anno. ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI ü Adesione al progetto AlmaDiploma per l orientamento post-diploma. ü Partecipazione ad incontri finalizzati alla conoscenza delle facoltà universitarie. ü Visita per orientamento allo IUSM- Foro Italico ü Tirocinio formativo presso studi commerciali ed enti tenuto nella settimana dal 9 al 13 febbraio 2015, al quale ha partecipato quasi tutta la classe. ü Visita alla mostra Istituto Luce. L immaginario degli Italiani presso il Vittoriano. ü Visione del film Corri, ragazzo, corri presso il Cinema Farnese di Roma, in occasione del Giorno della Memoria. ü Visita culturale allo Shelley and Keats Museum, per approfondire tematiche storicoletterarie. ü Visione dello spettacolo teatrale in lingua inglese An ideal husband di O. Wilde presso il Teatro Orione di Roma. ü Partecipazione ad un convegno sulla Costituzione italiana presso l Aula Magna dell Università degli Studi di Roma La Sapienza. ü Partecipazione alla campagna della C.R.I. per la donazione del sangue. ATTIVITÀ DI RECUPERO E SOSTEGNO Tutti i docenti hanno previsto alcune lezioni di ripasso e di ripresa degli argomenti trattati (recupero in itinere). ~ 15 / 57 ~

16 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Materie Firma del docente Religione Lingua e letteratura italiana Storia Lingua inglese Matematica Economia aziendale Informatica Diritto Scienza delle finanze Scienze motorie e sportive Laboratorio di informatica Roma, 13 maggio 2015 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Paola Vigoroso ~ 16 / 57 ~

17 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE RELIGIONE Prof. Pasquale Pierro ~ 17 / 57 ~

18 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI RELIGIONE Obiettivi in termini di conoscenze, competenze e capacità Contenuti disciplinari Contenuti pluridisciplinari Metodi e strumenti (Piano di lavoro) Criteri e strumenti di misurazione (Punteggi e livelli) Tipologia delle prove utilizzate Attività di recupero sostegno e integrazione Specificità del messaggio cristiano nella società laica e pluralista Movimento ecumenico Cogliere la necessità della coerenza tra scelta e vita Precisare alcune caratteristiche teologiche della Chiesa Cristiana La dottrina sociale della Chiesa e il suo sviluppo nel XX secolo Il Concilio Vaticano II e il rinnovamento nel dialogo Il lavoro come espressione della dignità e della creatività umana I cattolici nella vita politica italiana nel XX secolo Tutti i contenuti disciplinari sono strettamente collegati con il programma di storia del XX secolo Spiegazione soprattutto basata sulla discussione Lettura di testi del Nuovo e Vecchio Testamento e del Concilio Vaticano II Partecipazione al dialogo Modo di fare le domande * * * * * * Conoscenze mnemoniche SUFFICIENTE Conoscenze elaborate BUONO / DISTINTO Conoscenze critiche OTTIMO Interrogazioni Nessuna ~ 18 / 57 ~

19 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Simonetta Pavan ~ 19 / 57 ~

20 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Obiettivi in termini di conoscenze, competenze e capacità Saper accedere ai linguaggi specialistici complessi, strutturando opportunamente le conoscenze acquisite Saper comprendere i linguaggi della comunicazione letteraria sviluppando sensibilità, gusto e capacità di analisi e di sintesi Saper produrre relazioni con proprietà di linguaggio e organicità concettuale Possedere un orientamento storico generale, che consenta di collocare ogni movimento, autore e opera, almeno approssimativamente nel suo contesto Saper fruire di un testo letterario, essendo in grado di relazionare, operando gli opportuni collegamenti Completamento del programma del IV anno: contesto culturale della prima metà del XIX secolo con riferimento alle poetiche di Leopardi e Manzoni Contenuti disciplinari Contenuti pluridisciplinari Metodi e strumenti (Piano di lavoro) Criteri e strumenti di misurazione (Punteggi e livelli) Tipologia delle prove utilizzate Attività di recupero sostegno e integrazione Altro (Chiarimenti sullo svolgimento del programma) I modelli culturali della seconda metà dell Ottocento Narrativa e teatro del primo Novecento Simbolo e realtà nella poesia da Pascoli a Montale Il romanzo in Italia tra le due guerre Collegamenti tra movimenti letterari e situazione storica dei vari periodi presi in esame facendo riferimento, ove possibile, agli aspetti artistici, sociali, economici, politici e filosofici Introduzione alla lettura dei testi, per sollecitare l interesse e facilitare l accesso autonomo allo studio e alla interpretazione Commento critico Integrazione e raccordo informativo per quei passaggi che non possono essere costruiti sui testi, per ragioni di tempo o di difficoltà Stimolo a costruire delle sintesi organiche Sono stati seguiti i criteri di valutazione generale del Consiglio di classe, utilizzando una scala oscillante tra il 3 e il 10, alla quale corrispondono dieci livelli (vedi Criteri di valutazione delle verifiche del C.d.C.) Nelle prove scritte sono stati forniti esempi di correzione, seguendo la griglia di valutazione proposta Temi, saggi brevi, articoli di giornale (vedi simulazioni prima prova allegate) Analisi di testi Questionari a risposta aperta Verifiche orali Le attività di recupero, sostegno e integrazione sono state svolte in orario curricolare Sono state curate le opportune connessioni con il programma di storia e si è cercato di attualizzare gli argomenti del passato per renderli, a livello critico, vivi e stimolanti. Il programma previsto ha subito una necessaria riduzione per le numerose interruzioni dell attività didattica nel corrente anno scolastico. ~ 20 / 57 ~

21 «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s Classe Sez. 5 a D Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE STORIA Prof.ssa Simonetta Pavan ~ 21 / 57 ~

22 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA Obiettivi in termini di conoscenze, competenze e capacità Stimolare la consapevolezza che lo studio del passato, oltre che conoscenza di un patrimonio comune, è fondamentale per la compressione del presente e della sua evoluzione Individuare connessioni logiche e linee di sviluppo e percepire la molteplicità degli elementi che determinano la conoscenza storica Cogliere la dimensione sistemica della realtà storica e comprendere le relazioni tra la storia e le altre discipline Completamento del programma del IV anno: dal Risorgimento italiano alla seconda rivoluzione industriale. Contenuti disciplinari Contenuti pluridisciplinari Metodi e strumenti (Piano di lavoro) Criteri e strumenti di misurazione (Punteggi e livelli) Tipologia delle prove utilizzate Attività di recupero sostegno e integrazione Altro (Chiarimenti sullo svolgimento del programma) L età giolittiana e la crisi degli ideali ottocenteschi La I guerra mondiale: sviluppo e conseguenze L Europa tra le due guerre mondiali: l età dei totalitarismi La II guerra mondiale: sviluppo e conseguenze L età della guerra fredda Opportuni collegamenti con i movimenti letterari e con gli aspetti fondamentali del diritto e dell economia Introduzioni critiche alla lettura dei testi, per sollecitare l interesse e facilitare l accesso autonomo allo studio e alla interpretazione Discussioni su problematiche d attualità Stimolo all elaborazione di sintesi, fornendole direttamente, se necessarie per raccordare passaggi che non necessitano di particolari approfondimenti Sono stati seguiti i criteri di valutazione generale del Consiglio di classe, utilizzando una scala oscillante tra il 3 e il 10, alla quale corrispondono dieci livelli (vedi Criteri di valutazione delle verifiche del C.d.C.) Verifiche orali Le attività di recupero, sostegno e integrazione sono state svolte in orario curricolare Gli alunni nel corso del triennio sono certamente maturati nella capacità di partecipazione al dialogo educativo, mostrandosi, in genere, via via più ricettivi ed interessati. Non sono mancate le battute simpatiche, o le occasioni di discussione e di scambi di opinione, a volte anche piuttosto vivaci, ma mai oltre il limite. Purtroppo questa crescita non si è tradotta per tutti anche in una matura consapevolezza dei doveri scolastici di preparazione puntuale e costante, cosicché ad oggi si può dire che solo pochi abbiano raggiunto un livello soddisfacente di conoscenze, abilità e competenze sia per quanto riguarda l Italiano che per la Storia, mentre altri, che sono rimasti più passivi ed hanno rinviato spesso le necessarie verifiche, dimostrano una preparazione a tratti lacunosa, non andando oltre la sufficienza o la mediocrità. Un gruppo, infine, non ha raggiunto gli obiettivi minimi almeno in termini di conoscenze, non avendo presentato il programma al pari degli altri, con una preparazione nel complesso frammentaria e carente di spessore. Per molti, comunque, si rilevano ancora delle difficoltà nella produzione scritta, nonostante abbiano cercato di impegnarsi nel miglioramento. ~ 22 / 57 ~

DOCUMENTO FINALE del CONSIGLIO di CLASSE V Sez. C

DOCUMENTO FINALE del CONSIGLIO di CLASSE V Sez. C «Via Silvestri, 301» Sez. assoc. «ALBERTO CECCHERELLI» Documento finale del Consiglio di Classe Esame di Stato a.s. 2014-2015 Classe Sez. 5 a C Indirizzo. AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING articolazione

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA CLASSE/I Livio Gnucci Italiano V CO OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI COMPETENZE, CONOSCENZE, ABILITÀ PRESENTAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: ITALIANO Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 Docente: DALLA VECCHIA MARIA TERESA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da diciotto alunni, di cui undici femmine e sette

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE 1 di 6 02/01/2014 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA : Italiano Competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI 1 un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING RELAZIONI INTERNAZIONALI per il MARKETING SISTEMI

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2013/2014 CLASSE 1^ SEZ. G Indirizzo Liceo SCIENTIFICO Coordinatore

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BRAGAGLIA Via Casale Ricci, s.n.c. 03100 FROSINONE (FR) Tel. 0775-9100

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2012/2013 CLASSE 2^ SEZ. G Indirizzo LICEO SCIENTIFICO Coordinatore

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE LICEO SCIENTIFICO CLASSICO STATALE ISAAC NEWTON www.liceonewton.gov.it Via Paleologi, 22-10034 CHIVASSO tel. 011/9109663 fax 011/9102732 - E-mail: TOPS190009@istruzione.it C.M. TOPS190009 - C.F. e P.IVA

Dettagli

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2011/2012 CLASSE 2^ SEZ. C Indirizzo Linguistico Coordinatore

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO di Mauro CERNESI Presentiamo una proposta di piano di lavoro di Economia politica per le classi quinte del nuovo ordinamento degli Istituti

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing L OFFERTA FORMATIVA La nostra offerta formativa, alla luce del Regolamento di Riordino dei Cicli approvato dal Consiglio dei Ministri il 4.2.2010, comprende: A. - Settore Economico: Amministrazione, Finanza

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

Istituto tecnico Luigi Sturzo

Istituto tecnico Luigi Sturzo Istituto tecnico Luigi Sturzo Settore Tecnologico Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie Anno Scolastico 2012/ 2013 Programmazione dipartimentale Area scientifica (Matematica, Disegno, Informatica)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s, 2014 2015 DIPARTIMENTO: MATERIE LETTERARIE MATERIA: ITALIANO COORDINATORE: De Benedictis Rosa Maria Classi: Quinte ARGOMENTO I: POSITIVISMO, NATURALISMO, VERISMO.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1 Pag 1 di 6 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V. CROCETTI V. Tel. 085-8001757- Fax 085-8028562 - C.F.91041900670

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

Liceo Fogazzaro a.s. 2014/2015 CLASSE 5 AS. Lingua e Letteratura italiana. Prof. Barbara Battistolli. Relazione finale del docente

Liceo Fogazzaro a.s. 2014/2015 CLASSE 5 AS. Lingua e Letteratura italiana. Prof. Barbara Battistolli. Relazione finale del docente Liceo Fogazzaro a.s. 2014/2015 CLASSE 5 AS Lingua e Letteratura italiana Prof. Barbara Battistolli Relazione finale del docente 1. Premessa Conosco la classe da quattro anni, nel corso dei quali si è dimostrata

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

Istituto Tecnico settore Economico. Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing

Istituto Tecnico settore Economico. Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Istituto Tecnico settore Economico Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Istituto Tecnico settore Economico Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione,

Dettagli

Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo

Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo Anno scolastico 2014/2015 ISIS Pagano - Bernini Classe V G REL INT Programma d Italiano Insegnante M. Pascotto Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo Cap I : La situazione economica

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO 2015-2016

PIANO DI LAVORO 2015-2016 Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (PI) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO 2015-2016

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO FORLIN MARIA NIVES DIRITTO 5 ^ ARI IGEA DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013 1 - LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX.

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX. ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura. it, ed. Bruno

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA)

ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA) ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA) INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO INDIRIZZI: - B1 Amministrazione, finanza e marketing (Ragioniere Perito Commerciale

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo Criteri di valutazione del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Con questo documento il Collegio dei Docenti dell Istituto Comprensivo

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Sistemi Informativi aziendali e Scienze bancarie Finanziarie e Assicurative Nodi concettuali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO CLASSICO - LINGUISTICO Via Montessori n. 2-10023 CHIERI (To) Tel. 011.942.20.04 011.941.48.16 Fax 011.941.31.24 e- mail: TOPS18000P@istruzione.it - TOPS18000P@pec.istruzione.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno LICEO A. MEUCCI - APRILIA (LT) Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno Le linee guida per la programmazione annuale si riferiscono al secondo

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola: Liceo D. Alighieri INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Italiano CLASSE:IV A DOCENTE: Marcella Ferrini Obiettivi

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail uffici: info@iisdenicola.it Anno scolastico: 2013/2014

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli