Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni"

Transcript

1 Un sistema europeo comune di asilo Affari interni

2 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*): (*) Le informazioni sono fornite gratuitamente e le chiamate sono nella maggior parte dei casi gratuite (con alcuni operatori e in alcuni alberghi e cabine telefoniche il servizio potrebbe essere a pagamento). Numerose altre informazioni sull Unione europea sono disponibili su Internet consultando il portale Europa (http://europa.eu). Una scheda catalografica figura alla fine del volume. Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni dell Unione europea, 2014 ISBN doi: /71439 Unione europea, 2014 Riproduzione autorizzata con citazione della fonte. Printed in Belgium STAMPATO SU CARTA SBIANCATA SENZA CLORO ELEMENTARE (ECF)

3 Un sistema europeo comune di asilo L asilo e l Unione europea Direttiva relativa alle procedure di asilo Direttiva sulle condizioni di accoglienza Direttiva relativa alla qualifica di rifugiato Regolamento Dublino Eurodac Uno spazio di protezione e solidarietà a favore delle persone più vulnerabili Fin dal primo giorno del mio mandato ho fatto del sistema europeo comune di asilo (CEAS) la mia principale priorità e mi sono impegnata nei negoziati per realizzarlo. L istituzione del CEAS è una conquista storica, il conseguimento di un obiettivo verso cui tendevano gli Stati membri dell UE e il Parlamento europeo sin dal Il sistema europeo comune di asilo agevolerà l accesso alla procedura di asilo per coloro che necessitano protezione, permetterà di prendere decisioni più giuste, più rapide e di migliore qualità in materia di asilo, garantirà che le persone che temono persecuzioni non verranno costrette a tornare in situazioni di pericolo e offrirà condizioni dignitose e adeguate sia ai richiedenti asilo che a coloro a cui è concessa la protezione internazionale all interno dell Unione europea. Il cammino verso questo risultato è stato arduo, ma non abbiamo ancora raggiunto la nostra destinazione finale. Ora occorre dare il massimo per attuare la normativa e garantire che il sistema comune funzioni correttamente e in maniera uniforme. Solo allora avremo uno spazio di protezione e solidarietà degno di questo nome e potremo andare fieri del nostro successo. Cecilia Malmström, commissaria UE per gli Affari interni 1

4 SISTEMA EUROPEO COMUNE DI ASILO (CEAS) L ASILO è concesso a coloro che fuggono da persecuzioni o danni gravi. Attualmente la procedura per la domanda di asilo è simile in tutta l Unione europea (direttiva procedure). Le impronte digitali di ogni richiedente asilo sono rilevate e inviate alla banca dati Eurodac (regolamento Eurodac). Questi dati sono utilizzati al fine di consentire l identificazione del paese responsabile per la domanda di asilo (regolamento Dublino). I richiedenti asilo beneficiano di condizioni materiali di accoglienza quali l alloggio e il vitto (direttiva accoglienza). Un funzionario incaricato, che ha ricevuto una formazione in diritto dell Unione, assistito da un interprete, svolge un colloquio con il richiedente asilo al fine di determinare se questi abbia i requisiti per ottenere lo status di rifugiato o la protezione sussidiaria (direttiva qualifiche e direttiva procedure). L asilo non viene concesso al richiedente «in primo grado», ma il rigetto della domanda può essere impugnato dinanzi alle autorità giurisdizionali. Il riconoscimento dello status di rifugiato o della protezione sussidiaria conferisce all interessato alcuni diritti, come la possibilità di ottenere un permesso di soggiorno, l accesso al mercato del lavoro e all assistenza sanitaria (direttiva qualifiche). Qualora dette autorità confermino il rigetto della domanda «in primo grado», il richiedente asilo può essere rimpatriato nel proprio paese d origine o nel paese di transito. L autorità giurisdizionale può cassare la decisione di rigetto di «primo grado». 2

5 L ASILO E L UNIONE EUROPEA IL DOVERE DI PROTEGGERE L asilo è concesso a coloro che fuggono da persecuzioni o da danni gravi. L asilo è un diritto fondamentale; la sua concessione è un obbligo internazionale ai sensi della convenzione di Ginevra del 1951, relativa alla protezione dei rifugiati. In uno spazio senza frontiere interne e in cui la circolazione è libera occorre adottare un approccio comune a tutta l Unione europea (UE) nei confronti dell asilo. I flussi di richiedenti asilo non sono costanti, né distribuiti uniformemente in tutta l UE. Ad esempio, da un picco di domande presentate negli Stati membri dell UE-27 nel 2001, si è scesi a nel 2006, ma nel 2012 ne sono state registrate più di L asilo non dev essere una lotteria. Gli Stati membri dell UE condividono la responsabilità di accogliere i richiedenti in modo dignitoso, garantendo loro un trattamento equo e assicurando che il loro caso venga esaminato secondo norme uniformi in modo che, indipendentemente dal luogo in cui il richiedente presenta domanda di asilo, l esito sia equivalente. L UE, UNO SPAZIO DI PROTEZIONE Dal 1999 l Unione europea è impegnata a creare un sistema europeo comune di asilo (CEAS) e a migliorare il quadro legislativo in vigore. La direttiva modificata sulle condizioni di accoglienza prevede che siano garantite ai richiedenti asilo condizioni materiali di accoglienza (come l alloggio) umane in tutta l UE e che siano pienamente rispettati i diritti fondamentali degli interessati. Essa garantisce inoltre che il trattenimento sia applicato soltanto come ultima ratio. La direttiva relativa alla qualifica di rifugiato modificata chiarisce i presupposti per il riconoscimento della protezione internazionale e consentirà quindi di adottare decisioni correttamente motivate in materia di asilo. Migliorerà inoltre l accesso dei beneficiari di protezione internazionale ai diritti e alle misure d integrazione. Il regolamento Dublino modificato rafforza la protezione dei richiedenti asilo durante la fase di determinazione dello Stato responsabile dell esame della domanda e chiarisce le norme che disciplinano i rapporti tra Stati. Crea un sistema per individuare tempestivamente i problemi nei sistemi nazionali di asilo o di accoglienza e per affrontarne le cause all origine, prima che sfocino in vere e proprie crisi. Il regolamento Eurodac modificato consentirà alle autorità di contrasto, in circostanze rigorosamente limitate, di accedere alla banca dati europea delle impronte digitali dei richiedenti asilo allo scopo di prevenire, identificare o indagare i reati più gravi, come l omicidio o il terrorismo. Ora sono state approvate nuove norme a livello dell UE che definiscono standard comuni elevati e potenziano la cooperazione, per assicurare ai richiedenti asilo, dovunque presentino domanda, parità di trattamento in un sistema aperto ed equo. In breve: La direttiva relativa alle procedure di asilo modificata è diretta a garantire decisioni in materia di asilo più eque, rapide e di migliore qualità. I richiedenti asilo che presentano esigenze particolari riceveranno il sostegno necessario per illustrare la loro richiesta, e in particolare aumenterà la protezione dei minori non accompagnati e delle vittime di tortura. 3

6 DIRETTIVA RELATIVA ALLE PROCEDURE DI ASILO Devono essere assicurate garanzie comuni per coloro che fuggono da persecuzioni e necessitano della protezione internazionale; i richiedenti asilo devono avere accesso a procedure di asilo eque ed efficienti. COS È LA DIRETTIVA PROCEDURE? La direttiva procedure ( 1 ) disciplina l intero iter di una domanda di asilo, in particolare: come presentare la domanda, come esaminarla, che tipo di assistenza fornire al richiedente asilo, come presentare ricorso e se il ricorso consenta all interessato di soggiornare sul territorio, cosa fare qualora il richiedente si renda irreperibile o come gestire le domande reiterate. La direttiva precedente costituiva, all epoca della sua adozione, il minimo comun denominatore tra gli Stati membri. Le sue disposizioni si sono spesso rivelate troppo vaghe e le deroghe previste hanno consentito agli Stati membri di mantenere le proprie norme, anche quando erano al di sotto degli standard minimi convenuti. I PROGRESSI PRINCIPALI La nuova direttiva relativa alle procedure di asilo ( 2 ) è molto più precisa: crea un sistema coerente che garantisce che tutte le decisioni in materia siano adottate in modo più efficiente ed equo e che tutti gli Stati membri esaminino le domande in base a norme comuni di elevata qualità. Fissa regole più chiare per la presentazione della domanda di asilo: ad esempio, saranno prese specifiche disposizioni alle frontiere in modo che chiunque intenda chiedere asilo possa farlo in modo rapido ed efficace. Le procedure saranno più celeri ed efficienti: in linea di massima, la durata di una procedura di asilo non sarà superiore a sei mesi. ( 1 ) Direttiva 2005/85/CE del Consiglio, del 1º dicembre 2005, recante norme minime per le procedure applicate negli Stati membri ai fini del riconoscimento e della revoca dello status di rifugiato (GU L 326 del , pag. 13). ( 2 ) Direttiva 2013/32/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 giugno 2013, recante procedure comuni ai fini del riconoscimento e della revoca dello status di protezione internazionale (rifusione) (applicabile dal 21 luglio 2015) (GU L 180 del , pag. 60). 4 Sarà fornita una migliore formazione ai responsabili delle decisioni e un sostegno più tempestivo al richiedente, in modo da poter esaminare rapidamente la domanda completa. Si tratta di investimenti che permetteranno complessivamente un risparmio, dal momento che i richiedenti asilo trascorreranno meno tempo in strutture di accoglienza pubbliche, diminuiranno le decisioni erronee e quindi anche il numero di ricorsi costosi. Le persone che necessitano di un assistenza speciale (ad esempio per motivi di età, disabilità, malattia, orientamento sessuale o esperienze traumatiche) riceveranno un sostegno adeguato, compreso un periodo di tempo sufficiente, per spiegare la loro richiesta. Per i minori non accompagnati le autorità nazionali nomineranno un rappresentante qualificato. I casi presumibilmente infondati potranno essere gestiti mediante procedure speciali («procedura accelerata» e «procedura di frontiera»). Le norme per l applicazione di queste procedure sono chiare, onde evitare che si applichino a casi fondati. I minori non accompagnati richiedenti asilo e le vittime della tortura beneficiano di un trattamento speciale sotto questo aspetto. Le nuove norme sull impugnazione dinanzi a un giudice sono molto più chiare. Attualmente il diritto dell Unione è impreciso e gli ordinamenti nazionali non sempre garantiscono sufficientemente l accesso alla giustizia, con il risultato che molti casi sono portati dinanzi alla Corte europea dei diritti dell uomo a Strasburgo, procedura costosa e fonte di incertezza giuridica. Le nuove norme sono pienamente conformi con i diritti fondamentali e dovrebbero ridurre la pressione sulla Corte di Strasburgo. Gli Stati membri avranno anche strumenti più efficaci per far fronte alle richieste infondate, in particolare quelle reiterate da parte della stessa persona. Chi non necessita di protezione non potrà più evitare indefinitamente il rimpatrio presentando continuamente nuove domande di asilo.

7 DIRETTIVA SULLE CONDIZIONI DI ACCOGLIENZA I richiedenti asilo in attesa di una decisione relativa alla loro domanda devono ricevere il necessario a garantire loro un livello di vita dignitoso. COS È LA DIRETTIVA ACCOGLIENZA? La direttiva accoglienza ( 1 ) riguarda l accesso alle condizioni di accoglienza dei richiedenti asilo in attesa che la loro domanda sia esaminata: garantisce l accesso all alloggio, al vitto, all assistenza sanitaria e all occupazione, nonché a cure mediche e psicologiche. In passato, le pratiche divergenti tra gli Stati membri rendevano inadeguate le condizioni materiali di accoglienza per i richiedenti asilo. PRINCIPALI RISULTATI La nuova direttiva accoglienza ( 2 ) mira a stabilire norme migliori e più armonizzate sulle condizioni di accoglienza in tutta l Unione. introduce specifiche condizioni di accoglienza per i centri di trattenimento, come l accesso a spazi all aria aperta e la comunicazione con gli avvocati, le ONG e i familiari. La nuova direttiva chiarisce altresì l obbligo di effettuare una valutazione individuale al fine di definire le specifiche esigenze di accoglienza delle persone vulnerabili; dedica un attenzione particolare ai minori non accompagnati e alle vittime di tortura e garantisce che i richiedenti asilo vulnerabili possano ricevere anche un sostegno psicologico; disciplina infine le qualifiche dei rappresentanti per i minori non accompagnati. L accesso all occupazione per un richiedente asilo deve ora essere concesso entro un periodo massimo di nove mesi. Per la prima volta sono state adottate norme comuni dettagliate sulla questione del trattenimento dei richiedenti asilo, garantendo che i loro diritti fondamentali siano pienamente rispettati. In particolare, la direttiva: contiene un elenco completo dei presupposti per il trattenimento, contribuendo così ad evitare pratiche arbitrarie, e limita il più possibile il periodo del trattenimento; riduce il trattenimento per le persone vulnerabili, in particolare i minori; istituisce importanti garanzie giuridiche quali l accesso all assistenza legale gratuita e informazioni scritte all atto della presentazione di un ricorso contro un provvedimento di trattenimento; ( 1 ) Direttiva 2003/9/CE del Consiglio, del 27 gennaio 2003, recante norme minime relative all accoglienza dei richiedenti asilo negli Stati membri (GU L 31 del , pag. 18) ( 2 ) Direttiva 2013/33/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 giugno 2013, recante norme relative all accoglienza dei richiedenti protezione internazionale (rifusione) (applicabile dal 21 luglio 2015) (GU L 180 del , pag. 96). 5

8 DIRETTIVA RELATIVA ALLA QUALIFICA DI RIFUGIATO Prima di poter ricevere asilo, è necessario ottenere il riconoscimento dello status di rifugiato o di beneficiario di protezione sussidiaria. COS È LA DIRETTIVA QUALIFICHE? La direttiva qualifiche ( 1 ) stabilisce le condizioni per la concessione della protezione internazionale. Le sue disposizioni istituiscono altresì una serie di diritti relativi alla protezione contro il refoulement (respingimento), ai permessi di soggiorno, ai documenti di viaggio e all accesso all occupazione, all istruzione, all assistenza sociale e sanitaria, all alloggio e alle misure d integrazione, mentre norme specifiche disciplinano la situazione di minori e persone vulnerabili. Una certa imprecisione delle norme minime contenute nella precedente direttiva ha fatto sì che siano rimaste divergenze tra uno Stato membro e l altro per quanto riguarda le normative e le pratiche in materia di asilo. Le possibilità di concessione della protezione internazionale possono variare enormemente a seconda dello Stato membro che tratta la domanda di asilo. prevenzione dalle frodi, e garantendo la coerenza rispetto alla giurisprudenza della Corte di giustizia. La direttiva armonizza in larga misura i diritti concessi a tutti i beneficiari di protezione internazionale (rifugiati riconosciuti e beneficiari della cosiddetta «protezione sussidiaria») in materia di accesso all occupazione e all assistenza sanitaria. Estende altresì la durata della validità dei permessi di soggiorno per i beneficiari di protezione sussidiaria. La direttiva garantisce che si tenga maggiormente conto dell interesse superiore del minore e degli aspetti legati al genere nella valutazione delle domande di asilo, oltre che nell applicazione delle norme sul contenuto della protezione internazionale. La direttiva migliora l accesso dei beneficiari di protezione internazionale ai diritti e alle misure a favore dell integrazione. Tiene maggiormente conto delle specifiche difficoltà pratiche incontrate dai beneficiari di protezione internazionale. I PROGRESSI PRINCIPALI La nuova direttiva qualifiche ( 2 ) contribuirà a migliorare la qualità del processo decisionale e garantirà che coloro che fuggono da persecuzioni, guerre e torture siano trattati in modo equo ovunque nell UE. La direttiva chiarisce le condizioni per la concessione della protezione internazionale e permette di adottare decisioni più circostanziate, migliorando l efficacia della procedura di asilo e la ( 1 ) Direttiva 2004/83/CE del Consiglio, del 29 aprile 2004, recante norme minime sull attribuzione, a cittadini di paesi terzi o apolidi, della qualifica di rifugiato o di persona altrimenti bisognosa di protezione internazionale, nonché norme minime sul contenuto della protezione riconosciuta (GU L 304 del , pag. 2). ( 2 ) Direttiva 2011/95/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, recante norme sull attribuzione, a cittadini di paesi terzi o apolidi, della qualifica di beneficiario di protezione internazionale, su uno status uniforme per i rifugiati o per le persone aventi titolo a beneficiare della protezione sussidiaria, nonché sul contenuto della protezione riconosciuta (rifusione) (applicabile dal 22 dicembre 2013) (GU L 337 del , pag. 9). 6

9 REGOLAMENTO DUBLINO Ogni domanda di asilo presentata nel territorio dell Unione europea deve essere esaminata e ciascuno Stato membro dell UE deve essere in grado di determinare se e in quali casi è responsabile della gestione di una domanda di asilo. COS È IL REGOLAMENTO DUBLINO? Il principio fondamentale del regolamento Dublino ( 1 ) è che la responsabilità dell esame di una domanda incombe principalmente allo Stato membro che ha svolto il ruolo maggiore relativamente all ingresso o al soggiorno del richiedente nell UE. I criteri per stabilire tale responsabilità sono, in ordine gerarchico, considerazioni di natura familiare, il possesso recente di un visto o permesso di soggiorno in uno Stato membro, l ingresso regolare o irregolare del richiedente nell UE. Dall esperienza maturata con il precedente sistema è emersa tuttavia la necessità di affrontare meglio le situazioni di particolare pressione sulle capacità di accoglienza e sui sistemi di asilo degli Stati membri. I PROGRESSI PRINCIPALI Il nuovo regolamento Dublino ( 2 ) istituisce procedure efficaci ai fini della protezione dei richiedenti asilo e migliora l efficienza del sistema grazie ai seguenti elementi: un meccanismo di allerta rapido, di preparazione e di gestione in caso di crisi, al fine di affrontare alla radice le cause delle disfunzioni dei sistemi nazionali d asilo o i problemi derivanti da particolari sollecitazioni; una serie di disposizioni sulla protezione dei richiedenti, come il colloquio personale obbligatorio, le garanzie per i minori (tra cui una descrizione dettagliata dei fattori su cui dovrebbe basarsi la valutazione dell interesse superiore del minore) e maggiori possibilità di ricongiungimento familiare; la possibilità che il ricorso abbia un effetto sospensivo sull esecuzione del trasferimento per il periodo durante il quale il ricorso stesso è giudicato, insieme alla garanzia del diritto di rimanere nel territorio in attesa della decisione di un giudice in merito alla sospensione del trasferimento in pendenza del ricorso; l obbligo di garantire assistenza legale gratuita su richiesta; un unica motivazione per il trattenimento: il rischio di fuga; la stretta limitazione della durata del trattenimento; la possibilità per i richiedenti asilo, che in alcuni casi possono essere considerati migranti irregolari e rimpatriati in applicazione della direttiva «rimpatri», di essere trattati ai sensi della procedura Dublino, che offre loro una protezione maggiore della direttiva «rimpatri»; l obbligo di garantire il diritto di impugnare la decisione di trasferimento; maggiore chiarezza giuridica sulle procedure tra Stati membri (ad esempio, scadenze stabilite in maniera esaustiva e più chiara). L intera procedura Dublino non può durare più di 11 mesi per la presa in carico dell interessato, o non più di 9 mesi per il suo trasferimento (salvo in caso di fuga o di detenzione). ( 1 ) Regolamento (CE) n. 343/2003 del Consiglio, del 18 febbraio 2003, che stabilisce i criteri e i meccanismi di determinazione dello Stato membro competente per l esame di una domanda d asilo presentata in uno degli Stati membri da un cittadino di un paese terzo (GU L 50 del , pag. 1). ( 2 ) Regolamento (UE) n. 604/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 giugno 2013, che stabilisce i criteri e i meccanismi di determinazione dello Stato membro competente per l esame di una domanda di protezione internazionale presentata in uno degli Stati membri da un cittadino di un paese terzo o da un apolide (rifusione) (applicabile dal 1º gennaio 2014) (GU L 180 del , pag. 31). 7

10 EURODAC Il sistema Eurodac aiuta gli Stati membri dell UE a determinare la responsabilità per l esame delle domande di asilo grazie al confronto dei dati relativi alle impronte digitali. CHE COS È L EURODAC? Il regolamento Eurodac ( 1 ) ha istituito una banca dati dell UE per le impronte digitali dei richiedenti asilo. Quando una persona chiede asilo, ovunque si trovi nell UE, le sue impronte digitali vengono trasmesse al sistema centrale dell Eurodac. Operativo dal 2003, l Eurodac si è dimostrato un ottimo strumento informatico. Sono stati tuttavia necessari alcuni aggiornamenti, in particolare per ridurre i ritardi nella trasmissione da parte di alcuni Stati membri, per risolvere questioni legate alla protezione dei dati e per contribuire alla lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata. I PROGRESSI PRINCIPALI Il nuovo regolamento ( 2 ) migliora il regolare funzionamento dell Eurodac. Definisce nuovi termini per la trasmissione delle impronte digitali, riducendo i tempi tra la loro ricezione e il loro invio all unità centrale di Eurodac. Garantisce inoltre la piena compatibilità con la legislazione più recente in materia di asilo e risponde meglio alle esigenze di protezione dei dati. Fino ad oggi la banca dati Eurodac poteva essere utilizzata solo ai fini dell asilo. Il nuovo regolamento permette ora alle forze di polizia nazionali e ad Europol di confrontare le impronte digitali connesse ad indagini penali con quelle contenute nell Eurodac. Tale operazione avrà luogo in circostanze strettamente controllate e solo a fini di prevenzione, accertamento e indagine di reati di terrorismo e di altri reati gravi. Tra le garanzie specifiche rientrano l obbligo di controllare prima tutte le banche dati dei casellari giudiziari e di limitare le ricerche ai soli reati più gravi, quali l omicidio e il terrorismo. Inoltre, prima di procedere a una verifica Eurodac, le autorità di contrasto devono effettuare un confronto delle impronte digitali con i dati contenuti nel sistema di informazione visti (laddove consentito). I controlli da parte delle autorità di contrasto non possono essere effettuati in modo sistematico, ma soltanto in caso di estrema necessità, nel rispetto di tutte le condizioni di accesso. Nessun dato ricevuto dall Eurodac può essere scambiato con paesi terzi. ( 1 ) Regolamento (CE) n. 2725/2000 del Consiglio, dell 11 dicembre 2000, che istituisce l «Eurodac» per il confronto delle impronte digitali per l efficace applicazione della convenzione di Dublino (GU L 316 del , pag. 1). ( 2 ) Regolamento (UE) n. 603/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 giugno 2013, che istituisce l «Eurodac» per il confronto delle impronte digitali per l efficace applicazione del regolamento (UE) n. 604/2013 che stabilisce i criteri e i meccanismi di determinazione dello Stato membro competente per l esame di una domanda di protezione internazionale presentata in uno degli Stati membri da un cittadino di un paese terzo o da un apolide e per le richieste di confronto con i dati Eurodac presentate dalle autorità di contrasto degli Stati membri e da Europol a fini di contrasto, e che modifica il regolamento (UE) n. 1077/2011 che istituisce un agenzia europea per la gestione operativa dei sistemi IT su larga scala nello spazio di libertà, sicurezza e giustizia (rifusione) (applicabile dal 20 luglio 2015) (GU L 180 del , pag. 1). 8

11 COME OTTENERE LE PUBBLICAZIONI DELL UNIONE EUROPEA Pubblicazioni gratuite: una sola copia: tramite EU Bookshop (http://bookshop.europa.eu); più di una copia o poster/carte geografiche: presso le rappresentanze dell Unione europea (http://ec.europa.eu/represent_it.htm), presso le delegazioni dell Unione europea nei paesi terzi (http://eeas.europa.eu/delegations/index_it.htm), contattando uno dei centri Europe Direct (http://europa.eu/europedirect/index_it.htm), chiamando il numero (gratuito in tutta l UE) (*). (*) Le informazioni sono fornite gratuitamente e le chiamate sono nella maggior parte dei casi gratuite (con alcuni operatori e in alcuni alberghi e cabine telefoniche il servizio potrebbe essere a pagamento). Pubblicazioni a pagamento: tramite EU Bookshop (http://bookshop.europa.eu). Abbonamenti: tramite i distributori commerciali dell Ufficio delle pubblicazioni dell Unione europea (http://publications.europa.eu/others/agents/index_it.htm).

12 DR IT-C doi: /71439

LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA

LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA UNO STUDIO INTEGRATO SULL APPLICAZIONE DEI DECRETI DI RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE EUROPEE SULL ACCOGLIENZA, SULLE QUALIFICHE E SULLE PROCEDURE a cura

Dettagli

La procedura per il riconoscimento della protezione internazionale

La procedura per il riconoscimento della protezione internazionale TELEFONO MONDO 800513340 Un servizio di Progetto Integrazione Cooperativa sociale - ONLUS. Ricerche, formazione, mediazione interculturale,interventi sulle problematiche dell'immigrazione. www.telefonomondo.it

Dettagli

DIRETTIVA 2013/32/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2013/32/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 180/60 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.6.2013 DIRETTIVE DIRETTIVA 2013/32/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 giugno 2013 recante procedure comuni ai fini del riconoscimento e

Dettagli

Ho chiesto asilo nell UE Quale paese gestirà. la mia domanda?

Ho chiesto asilo nell UE Quale paese gestirà. la mia domanda? IT Ho chiesto asilo nell UE Quale paese gestirà la mia domanda? A Informazioni sul regolamento Dublino per i richiedenti protezione internazionale, a norma dell articolo 4 del Regolamento (UE) n. 604/2013

Dettagli

L 180/96 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.6.2013

L 180/96 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.6.2013 L 180/96 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.6.2013 DIRETTIVA 2013/33/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 giugno 2013 recante norme relative all accoglienza dei richiedenti protezione

Dettagli

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA INDICAZIONI ALLE DIOCESI ITALIANE CIRCA L ACCOGLIENZA DEI RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI GLOSSARIO

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA INDICAZIONI ALLE DIOCESI ITALIANE CIRCA L ACCOGLIENZA DEI RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI GLOSSARIO CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA INDICAZIONI ALLE DIOCESI ITALIANE CIRCA L ACCOGLIENZA DEI RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI GLOSSARIO GLOSSARIO Convenzione di Ginevra La Convenzione di Ginevra sullo Statuto

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

SISTEMA EUROPEO COMUNE DI ASILO

SISTEMA EUROPEO COMUNE DI ASILO SISTEMA EUROPEO COMUNE DI ASILO IL SISTEMA EUROPEO COMUNE DI ASILO Il concetto di Sistema Europeo Comune di Asilo fu introdotto per la prima volta dal Consiglio europeo di Tampere nel 1999. Prima fase

Dettagli

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali?

Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? Risoluzione 1971 (2014) Rifugiati siriani: come organizzare e sostenere gli aiuti internazionali? 1. L Assemblea parlamentare ha affrontato la situazione dei rifugiati siriani nella sua Risoluzione 1902

Dettagli

ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI

ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI SOMMARIO Presentazione... XIII PARTE PRIMA ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI CAPITOLO 1 L INGRESSO DELLO STRANIERO NEL TERRITORIO DELLO STATO 1. Stranieri e apolidi... 3 2. Le condizioni

Dettagli

( Not There Yet. An NGO Perspective on Challenges to a Fair and Effective Common European Asylum System ) INFORMAZIONI GENERALI

( Not There Yet. An NGO Perspective on Challenges to a Fair and Effective Common European Asylum System ) INFORMAZIONI GENERALI Ancora Non ci Siamo. Il punto di vista delle ONG sulle Sfide per un Sistema Comune di Asilo Equo ed Efficace ( Not There Yet. An NGO Perspective on Challenges to a Fair and Effective Common European Asylum

Dettagli

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009 Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Decreto legislativo 3 ottobre 2008, n. 159 Modifiche ed integrazioni al decreto

Dettagli

NUOVE NORME IN MATERIA DI APPALTI PUBBLICI E CONCESSIONI PIÙ SEMPLICI E FLESSIBILI

NUOVE NORME IN MATERIA DI APPALTI PUBBLICI E CONCESSIONI PIÙ SEMPLICI E FLESSIBILI NUOVE NORME IN MATERIA DI APPALTI PUBBLICI E CONCESSIONI PIÙ SEMPLICI E FLESSIBILI Mercato interno e servizi 1 Europe Direct è un servizio di informazioni sull Unione europea. Numero verde (*): 00 800

Dettagli

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani INNOVARE Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani STUDIARE TIROCINIO LAVORARE PARTECIPARE I TUOI DIRITTI APPRENDERE SPOSTARSI VOLONTARIO CREARE in EUROPA Né la Commissione europea né alcuna persona

Dettagli

Scuola di Alta Formazione

Scuola di Alta Formazione Scuola di Alta Formazione per operatori legali specializzati in Protezione Internazionale Roma Novembre 2015 - Aprile 2016 Descrizione La scuola di alta formazione si propone di sviluppare e rafforzare

Dettagli

LIBERA CIRCOLAZIONE CITTADINI UE E FAMILIARI

LIBERA CIRCOLAZIONE CITTADINI UE E FAMILIARI LIBERA CIRCOLAZIONE CITTADINI UE E FAMILIARI Art. 20 TFUE (ex art. 17 TCE) Art. 21 TFUE (ex art. 18 TCE) Carta dei Diritti fondamentali dell Unione europea (adottata a Nizza il 7 dicembre 2000) riconosce

Dettagli

L immigrazione nell Unione Europea: un cammino difficile

L immigrazione nell Unione Europea: un cammino difficile L immigrazione nell Unione Europea: un cammino difficile di Giuseppe Licastro 1. La cooperazione intergovernativa: gli accordi di Schengen La cooperazione europea in materia di immigrazione si è sviluppata,

Dettagli

3. Diritti delle minoranze, lotta contro le discriminazioni e rispetto dei diritti Umani

3. Diritti delle minoranze, lotta contro le discriminazioni e rispetto dei diritti Umani 1 Per Un Europa dei diritti Umani Manifesto dell AEDH e dei suoi membri in vista delle elezioni del 2014 del Parlamento europeo Bruxelles, l 11 novembre 2013 1. Cittadinanza e democrazia e rispetto dei

Dettagli

COME SI ENTRA COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN COME SI ENTRA IN ITALIA IL VISTO CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO LA FRONTIERA

COME SI ENTRA COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN COME SI ENTRA IN ITALIA IL VISTO CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO LA FRONTIERA COME SI ENTRA 1. COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN 2. COME SI ENTRA IN ITALIA 3. IL VISTO 4. CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO 5. LA FRONTIERA COME SI ENTRA (1) Gli accordi puntano a realizzare uno spazio

Dettagli

Protocollo d intesa in materia di richiedenti asilo e rifugiati

Protocollo d intesa in materia di richiedenti asilo e rifugiati Protocollo d intesa in materia di richiedenti asilo e rifugiati LA REGIONE TOSCANA e gli ENTI LOCALI: Premesso che: Secondo la Convenzione sullo status di rifugiato delle Nazioni Unite di Ginevra ( 1951),

Dettagli

Indice. Presentazione... p. 15. CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella

Indice. Presentazione... p. 15. CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella Indice Presentazione................................................. p. 15 CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella 1.1. Principi comuni del diritto dell immigrazione.....................»

Dettagli

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE NELL UNIONE EUROPEA Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse

Dettagli

E M A N A il seguente regolamento :

E M A N A il seguente regolamento : Visto l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; Visti gli articoli 1-sexies ed 1-septies del decreto-legge 30 dicembre 1989, n.416, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 1990, n.

Dettagli

Tavolo sull Asilo * : Per una futura legge organica in materia di asilo

Tavolo sull Asilo * : Per una futura legge organica in materia di asilo Tavolo sull Asilo * : Per una futura legge organica in materia di asilo La necessità di una legge organica L Italia è l unico Paese dell Unione Europea nel quale una materia così importante come quella

Dettagli

C 355/16 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010

C 355/16 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 C 355/16 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 Parere del Garante europeo della protezione dei dati sulla comunicazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio «Panorama generale

Dettagli

Paolo Bargiacchi Diritto dell Unione europea. Istituzioni, norme, politiche

Paolo Bargiacchi Diritto dell Unione europea. Istituzioni, norme, politiche Paolo Bargiacchi Diritto dell Unione europea Istituzioni, norme, politiche Copyright MMXV Aracne editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Quarto Negroni, 15 00040 Ariccia

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLO STATO COMPETENTE ALL ESAME DELLE DOMANDE DI ASILO

DETERMINAZIONE DELLO STATO COMPETENTE ALL ESAME DELLE DOMANDE DI ASILO DETERMINAZIONE DELLO STATO COMPETENTE ALL ESAME DELLE DOMANDE DI ASILO A cura di Livio Neri e Paolo Bonetti, aggiornata al 19 ottobre 2009 SOMMARIO 1. Regolamento (CE) 343/2003 del Consiglio Europeo e

Dettagli

ALLEGATO. della COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO EUROPEO E AL CONSIGLIO

ALLEGATO. della COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO EUROPEO E AL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.10.2015 COM(2015) 510 final ANNEX 3 ALLEGATO della COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO EUROPEO E AL CONSIGLIO Gestire la crisi dei rifugiati:

Dettagli

28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/375

28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/375 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/375 DIRETTIVA 2014/36/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sulle condizioni di ingresso e di soggiorno dei cittadini di paesi

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA N. 4/2014

OSSERVATORIO SULLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA N. 4/2014 OSSERVATORIO SULLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA N. 4/2014 2. LA CORTE DI GIUSTIZIA PRECISA CHE UN PROLUNGAMENTO DELLO STATO DI TRATTENIMENTO DEI MIGRANTI IN ATTESA DI RIMPATRIO NON PUÒ ESSERE

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI

DISPOSIZIONI GENERALI SOMMARIO Capitolo Primo DISPOSIZIONI GENERALI 1 1.1. L ambito di applicazione della legge 1 1.2. Il quadro generale dei diritti 8 1.3. Diritti espressamente garantiti dalla Costituzione agli stranieri

Dettagli

Principi comuni riguardo all'espulsione di immigrati irregolari e di richiedenti asilo che non hanno ottenuto lo status di rifugiato

Principi comuni riguardo all'espulsione di immigrati irregolari e di richiedenti asilo che non hanno ottenuto lo status di rifugiato EUROPEAN COUNCIL ON REFUGEES AND EXILES federazione delle chiese evangeliche in italia Principi comuni riguardo all'espulsione di immigrati irregolari e di richiedenti asilo che non hanno ottenuto lo status

Dettagli

Progetto Dubliners Sintesi del Rapporto Finale

Progetto Dubliners Sintesi del Rapporto Finale Commissione Europea CIR CONSIGLIO ITALIANO PER I RIFUGIATI Con il supporto del Ministero dell interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Progetto Dubliners Sintesi del Rapporto Finale

Dettagli

Verso una politica comune europea di asilo. Il processo di revisione normativa.

Verso una politica comune europea di asilo. Il processo di revisione normativa. Flavia Zorzi Giustiniani Verso una politica comune europea di asilo. Il processo di revisione normativa. SOMMARIO: 1. L avvio del processo di revisione. - 2. La rifusione del regolamento Dublino II. -

Dettagli

LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE: QUALIFICHE E PROCEDURE. FONTI INTERNAZIONALI E NAZIONALI

LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE: QUALIFICHE E PROCEDURE. FONTI INTERNAZIONALI E NAZIONALI LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE: QUALIFICHE E PROCEDURE. FONTI INTERNAZIONALI E NAZIONALI Il diritto d asilo è uno dei diritti umani fondamentali riconosciuti dall art. 14 della Dichiarazione Universale dei

Dettagli

ROMA, 13 novembre 2015 30 aprile 2016. La scuola mira a formare la figura dell operatore legale specializzato nella tutela

ROMA, 13 novembre 2015 30 aprile 2016. La scuola mira a formare la figura dell operatore legale specializzato nella tutela SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER OPERATORI LEGALI SPECIALIZZATI IN PROTEZIONE INTERNAZIONALE ROMA, 13 novembre 2015 30 aprile 2016 PERCHÉ UNA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE? La scuola mira a formare la figura

Dettagli

Copertina di Elisabetta Cremona Impaginazione Grafica e Stampa Real&Virtual

Copertina di Elisabetta Cremona Impaginazione Grafica e Stampa Real&Virtual Copertina di Elisabetta Cremona Impaginazione Grafica e Stampa Real&Virtual AMNESTY Fondata dall avvocato inglese Peter Benenson nel 1961, Amnesty International è un Organizzazione non governativa indipendente,

Dettagli

Diritti fondamentali negli aeroporti: le verifiche. verifiche di frontiera in cinque aeroporti internazionali. dell Unione europea Sintesi DIGNITÀ

Diritti fondamentali negli aeroporti: le verifiche. verifiche di frontiera in cinque aeroporti internazionali. dell Unione europea Sintesi DIGNITÀ HELPING TO MAKE FUNDAMENTAL RIGHTS A REALITY FOR EVERYONE IN THE EUROPEAN UNION DIGNITÀ Diritti fondamentali negli aeroporti: le verifiche di frontiera in cinque aeroporti internazionali dell Unione europea

Dettagli

Riconoscimento e revoca dello status di rifugiato politico alla luce del d. lgs. 3 ottobre 2008, n. 159 di Angela Allegria **

Riconoscimento e revoca dello status di rifugiato politico alla luce del d. lgs. 3 ottobre 2008, n. 159 di Angela Allegria ** Riconoscimento e revoca dello status di rifugiato politico alla luce del d. lgs. 3 ottobre 2008, n. 159 di Angela Allegria ** La figura del rifugiato, seppur accomunata alle figure di immigrati e profughi

Dettagli

EaSI. Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione e la politica sociale. sociale

EaSI. Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione e la politica sociale. sociale EaSI Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione L Europa sociale EaSI Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione Commissione europea Direzione generale per l Occupazione, gli affari

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO. Piano d'azione sui minori non accompagnati (2010-2014) SEC(2010)534

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO. Piano d'azione sui minori non accompagnati (2010-2014) SEC(2010)534 IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 6.5.2010 COM(2010)213 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Piano d'azione sui minori non accompagnati (2010-2014) SEC(2010)534

Dettagli

Minori non accompagnati.quadro di riferimento normativo e diritto all identità Dott.ssa Nadia Laface

Minori non accompagnati.quadro di riferimento normativo e diritto all identità Dott.ssa Nadia Laface Minori non accompagnati.quadro di riferimento normativo e diritto all identità Dott.ssa Nadia Laface Filodiritto.it I minori che arrivano da soli alle nostre frontiere sono tra le persone più esposte e

Dettagli

FONDO SOCIALE EUROPEO INVESTIRE NELLE PERSONE. Cos è e a cosa serve. Europa sociale

FONDO SOCIALE EUROPEO INVESTIRE NELLE PERSONE. Cos è e a cosa serve. Europa sociale FONDO SOCIALE EUROPEO INVESTIRE NELLE PERSONE Cos è e a cosa serve Europa sociale Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse

Dettagli

OGGETTO: Direttiva sui minori stranieri non accompagnati richiedenti Asilo

OGGETTO: Direttiva sui minori stranieri non accompagnati richiedenti Asilo Ministro dell'interno Ministro della Giustizia Roma, 7 marzo 2007 OGGETTO: Direttiva sui minori stranieri non accompagnati richiedenti Asilo Vista la Convenzione di Ginevra relativa allo statuto dei rifugiati

Dettagli

Questa è una breve GUIDA sui tuoi diritti e doveri in Italia per aiutarti a capire ed a vivere qui.

Questa è una breve GUIDA sui tuoi diritti e doveri in Italia per aiutarti a capire ed a vivere qui. Benvenuto! Noi siamo il CIAC (Centro, Immigrazione, Asilo e Cooperazione). Siamo un associazione che informa ed aiuta i richiedenti ed i titolari di protezione internazionale ed umanitaria. NON siamo un

Dettagli

PROGETTO DI ACCOGLIENZA E ASSISTENZA DEI PROFUGHI PROVENIENTI DALLA LIBIA. Cooperativa 2000onlus s.c.s. a.r.l.

PROGETTO DI ACCOGLIENZA E ASSISTENZA DEI PROFUGHI PROVENIENTI DALLA LIBIA. Cooperativa 2000onlus s.c.s. a.r.l. PROGETTO DI ACCOGLIENZA E ASSISTENZA DEI PROFUGHI PROVENIENTI DALLA LIBIA Cooperativa 2000onlus s.c.s. a.r.l. Soggetti coinvolti nell implementazione del progetto: Soggetto attuatore del progetto di accoglienza

Dettagli

CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014.

CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014. CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014. Colleghi, il ruolo che mi è stato affidato, di coordinatore del Gruppo di lavoro sull immigrazione della Calre, nel 2013, rappresenta un compito molto delicato

Dettagli

Accesso alle informazioni, partecipazione del pubblico e accesso alla giustizia in materia ambientale a livello comunitario Guida pratica

Accesso alle informazioni, partecipazione del pubblico e accesso alla giustizia in materia ambientale a livello comunitario Guida pratica Accesso alle informazioni, partecipazione del pubblico e accesso alla giustizia in materia ambientale a livello comunitario Guida pratica L accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

----------------------------- Tratta e Asilo - Gruppo Abele - 2012 ----------------------------- TRATTA E ASILO VITTIME DI TRATTA E GRAVE SFRUTTAMENTO

----------------------------- Tratta e Asilo - Gruppo Abele - 2012 ----------------------------- TRATTA E ASILO VITTIME DI TRATTA E GRAVE SFRUTTAMENTO TRATTA E ASILO VITTIME DI TRATTA E GRAVE SFRUTTAMENTO Il fenomeno, le politiche attuate, i nodi irrisolti 1. L immaginario con cui molte persone continuano a pensare le vittime di tratta contrasta con

Dettagli

SUMMER SCHOOL LA TUTELA EUROPEA DEI DIRITTI FONDAMENTALI

SUMMER SCHOOL LA TUTELA EUROPEA DEI DIRITTI FONDAMENTALI Con il patrocinio di SUMMER SCHOOL LA TUTELA EUROPEA DEI DIRITTI FONDAMENTALI L esigenza di offrire alla classe forense e agli operatori del settore un occasione di approfondimento sui temi legati alla

Dettagli

LA POLITICA DELL'UNIONE IN MATERIA DI IMMIGRAZIONE E DI ASILO

LA POLITICA DELL'UNIONE IN MATERIA DI IMMIGRAZIONE E DI ASILO LA POLITICA DELL'UNIONE IN MATERIA DI IMMIGRAZIONE E DI ASILO Che cosa si intende quando si parla di immigrazione nell'ordinamento dell'unione? L'UE tratta i problemi legati all'immigrazione nel quadro

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2003R1560 IT 09.02.2014 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1560/2003 DELLA COMMISSIONE del 2 settembre

Dettagli

in materia di immigrazione

in materia di immigrazione in materia di immigrazione Gruppo PPE al Parlamento Europeo in materia di immigrazione in materia di immigrazione 1 Sommario in materia di immigrazione 5 1. Risposta alla crisi del sistema di asilo 7 2.

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 15.4.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 101/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2011/36/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2011 concernente la prevenzione e la repressione

Dettagli

Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI Per minore straniero non accompagnato si intende il minorenne non avente

Dettagli

Sentenza della Corte (Grande Sezione), del 26 febbraio 2013, Stefano Melloni/Ministerio Fiscal, C-399/11

Sentenza della Corte (Grande Sezione), del 26 febbraio 2013, Stefano Melloni/Ministerio Fiscal, C-399/11 Questa Sezione contiene le conclusioni degli Avvocati Generali unitamente alle relative sentenze in materia di cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale nonché di diritti fondamentali dell

Dettagli

Proposta della Commissione europea per il quadro finanziario pluriennale 2014-2020

Proposta della Commissione europea per il quadro finanziario pluriennale 2014-2020 Proposta della Commissione europea per il quadro finanziario pluriennale 2014-2020 COMMISSIONE EUROPEA 1 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi

Dettagli

Dalle Notizie in evidenza

Dalle Notizie in evidenza Dalle Notizie in evidenza Decreto legislativo 13 febbraio 2014 n. 12 Attuazione della direttiva 2011/51/UE che modifica la direttiva 2003/109/CE del Consiglio per estendere l ambito di applicazione ai

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione)

ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione) ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 21 marzo 2013 (*) «Articolo 99 del regolamento di procedura Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Direttiva 2008/115/CE Norme e procedure comuni in materia di rimpatrio

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2008R0767 IT 05.04.2010 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 767/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

Il futuro della politica europea di asilo

Il futuro della politica europea di asilo N. 25 - GIUGNO 2008 Il futuro della politica europea di asilo Bruno Nascimbene * SINTESI Il Paper esamina lo sviluppo delle norme in materia di asilo all interno del diritto comunitario. Viene illustrata

Dettagli

GINEVRA / ROMA (11 luglio 2014) - Il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione

GINEVRA / ROMA (11 luglio 2014) - Il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione I t a l i a / de t enz ione a rb i t r a r i a : "G l i e sper t i de l l e Naz ion i Uni t e ch i edono d i i n t e r ven i r e per por re fne a l sov ra f f o l l amento de l l e ca r ce r i e per pro

Dettagli

Do#.ssa Andrea Laverde. Corso di formazione A,B,C D come diritti. Associazione Avvocato di strada Onlus

Do#.ssa Andrea Laverde. Corso di formazione A,B,C D come diritti. Associazione Avvocato di strada Onlus Do#.ssa Andrea Laverde Corso di formazione A,B,C D come diritti Associazione Avvocato di strada Onlus Che tipo di accoglienza offre l Italia? Sistema SPRAR CARA CIE (L. Bossi-Fini) Privati - Associazionismo

Dettagli

Un impegno di cittadinanza europea responsabile: il diritto dei migranti ad avere diritti e la tutela dei minori non accompagnati

Un impegno di cittadinanza europea responsabile: il diritto dei migranti ad avere diritti e la tutela dei minori non accompagnati Un impegno di cittadinanza europea responsabile: il diritto dei migranti ad avere diritti e la tutela dei minori non accompagnati Suscita orrore la strage che si è consumata nella notte del 3 ottobre di

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.3.2014. su un nuovo approccio al fallimento delle imprese e all insolvenza

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.3.2014. su un nuovo approccio al fallimento delle imprese e all insolvenza COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.3.2014 C(2014) 1500 final RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 12.3.2014 su un nuovo approccio al fallimento delle imprese e all insolvenza (Testo rilevante ai fini del

Dettagli

IL SISTEMA DI ASILO IN EUROPA: BELGIO, SVEZIA, CROAZIA E GERMANIA A CONFRONTO

IL SISTEMA DI ASILO IN EUROPA: BELGIO, SVEZIA, CROAZIA E GERMANIA A CONFRONTO IL SISTEMA DI ASILO IN EUROPA: BELGIO, SVEZIA, CROAZIA E GERMANIA A CONFRONTO INDICE: 1. INTRODUZIONE 2. DOMANDA 3. ACCOGLIENZA 4. AUDIZIONE 5. POSSIBILI OUTCOMES 6. RICORSO 7. DUBLINO 8. DETENZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

Guida alle. Fondo sociale europeo

Guida alle. Fondo sociale europeo Guida alle tabelle standard di costi unitari e agli importi forfettari adottati in conformità dell'articolo 14, paragrafo 1, del regolamento (UE) 1304/2013 Fondo sociale europeo L Europa sociale CLAUSOLA

Dettagli

IL GLOSSARIO DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

IL GLOSSARIO DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE IL GLOSSARIO DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE Asilo a livello internazionale l asilo costituisce la forma di protezione riconosciuta da uno Stato sul proprio territorio, fondata sui diritti del/lla rifugiato/a

Dettagli

Vademecum per richiedenti protezione internazionale

Vademecum per richiedenti protezione internazionale Vademecum per richiedenti protezione internazionale Documento elaborato dalla Commissione nazionale per il diritto di asilo, dal Servizio Centrale del Sistema di Protezione per richiedenti asilo e rifugiati,

Dettagli

(Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA CONSIGLIO

(Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA CONSIGLIO C 182/2 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 IV (Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA CONSIGLIO PIANO D AZIONE PLURIENNALE

Dettagli

IL RESPINGIMENTO DEGLI IMMIGRATI E I RAPPORTI TRA ITALIA E UNIONE EUROPEA

IL RESPINGIMENTO DEGLI IMMIGRATI E I RAPPORTI TRA ITALIA E UNIONE EUROPEA DOCUMENTI IAI IL RESPINGIMENTO DEGLI IMMIGRATI E I RAPPORTI TRA ITALIA E UNIONE EUROPEA di Bruno Nascimbene IL RESPINGIMENTO DEGLI IMMIGRATI E I RAPPORTI TRA ITALIA E UNIONE EUROPEA di Bruno Nascimbene

Dettagli

SUMMER SCHOOL LA TUTELA EUROPEA DEI DIRITTI FONDAMENTALI

SUMMER SCHOOL LA TUTELA EUROPEA DEI DIRITTI FONDAMENTALI Con il patrocinio di SUMMER SCHOOL LA TUTELA EUROPEA DEI DIRITTI FONDAMENTALI L esigenza di offrire alla classe forense e agli operatori del settore un occasione di approfondimento sui temi legati alla

Dettagli

Percorso di aggiornamento giuridico e socio- antropologico su: diritto d asilo, accoglienza e protezione internazionale

Percorso di aggiornamento giuridico e socio- antropologico su: diritto d asilo, accoglienza e protezione internazionale Foto: Umberto Gillio Con il Patrocinio di Percorso di aggiornamento giuridico e socio antropologico su: diritto d asilo, accoglienza e protezione internazionale Il Progetto Mediato, giunto alla sua quarta

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

DALLA SOLIDARIETÀ AL DIRITTO: I RIFUGIATI E L ASILO

DALLA SOLIDARIETÀ AL DIRITTO: I RIFUGIATI E L ASILO Università degli Studi di Milano - Bicocca Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento Giuridico delle Istituzioni Nazionali ed Europee In collaborazione con Amnesty International Sezione Italiana - Associazione

Dettagli

Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione

Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Segreteria di Stato della migrazione SEM Scheda informativa Data: 18.09.2015 Situazione odierna, reinsediamento e ricollocazione 1.1 Situazione in Siria

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/59/CUFS/C3

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/59/CUFS/C3 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/59/CUFS/C3 PROPOSTA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE PER FRONTEGGIARE IL FLUSSO STRAORDINARIO DI CITTADINI EXTRACOMUNITARI, ADULTI, FAMIGLIE E MINORI

Dettagli

I MINORI STRANIERI Introduzione. Divieti di espulsione e di respingimento. Diritto alla salute

I MINORI STRANIERI Introduzione. Divieti di espulsione e di respingimento. Diritto alla salute I MINORI STRANIERI Introduzione. I minori stranieri presenti in territorio italiano possono trovarsi in diverse condizioni giuridiche: alcuni di essi, infatti, sono entrati beneficiando delle disposizioni

Dettagli

Immigrazione [Dir. Ue] Diritto on line - stampa

Immigrazione [Dir. Ue] Diritto on line - stampa Immigrazione [Dir. Ue] Diritto on line - stampa INDICE 1 LE CARATTERISTICHE DELLA COMPETENZA 2 L ACCESSO ALLO SPAZIO EUROPEO: POLITICA DEI VISTI E CONTROLLO DELLE FRONTIERE ESTERNE 3 L ASILO EUROPEO di

Dettagli

Finanziamento della produzione Progetto: xy Numero di riferimento BLS: xy. Data. Dichiarazione d impegno unilaterale

Finanziamento della produzione Progetto: xy Numero di riferimento BLS: xy. Data. Dichiarazione d impegno unilaterale Finanziamento della produzione Progetto: xy Numero di riferimento BLS: xy Data Dichiarazione d impegno unilaterale Il sottoscritto / la sottoscritta, nato il a titolare / legale rappresentante della ditta

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa,

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa, Raccomandazione Rec (2012)5 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sul Codice Europeo di Etica per il personale penitenziario (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 aprile 2012 nel corso della

Dettagli

INDICE. Prefazione...p.

INDICE. Prefazione...p. INDICE Prefazione...p. XV 1 Richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato. Rigetto per sopravvenuto provvedimento di espulsione... 1 Rigetto dell istanza di rinnovo del permesso

Dettagli

LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO

LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO ALLEGATO A LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO 1) I servizi finanziati I beneficiari dei servizi finanziati con il

Dettagli

UNHCR, Raccomandazioni dell UNHCR sugli aspetti rilevanti della protezione dei rifugiati in Italia, luglio 2013. 2

UNHCR, Raccomandazioni dell UNHCR sugli aspetti rilevanti della protezione dei rifugiati in Italia, luglio 2013. 2 Nota UNHCR sul recepimento delle Direttive 2013/32/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 26 giugno 2013, recante procedure comuni ai fini del riconoscimento dello status di protezione internazionale

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1

RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 Raccomandazione 201 RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal

Dettagli

6.4.2.1. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie) (del 15 settembre 2003)

6.4.2.1. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie) (del 15 settembre 2003) 6.4.2.1 Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie) (del 15 settembre 2003) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio

Dettagli

Strumenti operativi e metodologia di lavoro di europasilo

Strumenti operativi e metodologia di lavoro di europasilo CARTA DI INTENTI Considerato che assicurare adeguata protezione a coloro che fuggono da persecuzioni, conflitti e gravi violazioni dei diritti umani costituisce un diritto umano fondamentale riconosciuto

Dettagli

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 luglio 2007, in

Dettagli

Scheda 5 L ACCOGLIENZA DEI MINORI IN FRONTIERA

Scheda 5 L ACCOGLIENZA DEI MINORI IN FRONTIERA Scheda 5 L ACCOGLIENZA DEI MINORI IN FRONTIERA Se si guarda l andamento degli arrivi dei minori nel 2008 (2201 in totale), sia accompagnati che non, per mese, si nota come questi siano passati dai 174

Dettagli

LE PRINCIPALI CRITICITA' DEL SISTEMA ITALIANO RISPETTO ALLA NORMATIVA EUROPEA

LE PRINCIPALI CRITICITA' DEL SISTEMA ITALIANO RISPETTO ALLA NORMATIVA EUROPEA CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/102/CR5/C3-C8 DOCUMENTO PER L AUDIZIONE DELLA CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME IN OCCASIONE DELL INDAGINE CONOSCITIVA DIRITTO D ASILO,

Dettagli

CIRCOLARE N^ 10/2008 Roma, 3 novembre 2008 Protocollo: n. 650/C.3.01/04

CIRCOLARE N^ 10/2008 Roma, 3 novembre 2008 Protocollo: n. 650/C.3.01/04 Ministero dell Interno - Dipartimento per le libertà ' civili e l'immigrazione - Ufficio II - Affari Legislativi e Parlamentari CIRCOLARE N^ 10/2008 Roma, 3 novembre 2008 Protocollo: n. 650/C.3.01/04 Al

Dettagli

LA PROPOSTA DI IV DIRETTIVA ANTIRICICLAGGIO

LA PROPOSTA DI IV DIRETTIVA ANTIRICICLAGGIO LA PROPOSTA DI IV DIRETTIVA ANTIRICICLAGGIO Avv. Claudia Petracca Milano, 7 maggio 2013 CONTESTO DELLA PROPOSTA La proposta di IV Dir. nasce con l obiettivo di: -RAFFORZARE il mercato interno mediante

Dettagli

Bilancio generale dell'unione Europea per l'esercizio 2008. Sintesi in cifre. IT Gennaio 2008 KV-AG-08-001-IT-C COMMISSIONE EUROPEA ISSN 1680-2098

Bilancio generale dell'unione Europea per l'esercizio 2008. Sintesi in cifre. IT Gennaio 2008 KV-AG-08-001-IT-C COMMISSIONE EUROPEA ISSN 1680-2098 ISSN 1680-2098 Europe Direct è un servizio che aiuta a trovare la risposta giusta ai quesiti sull Unione europea Numero verde (*): 00 800 6 7 8 9 10 11 (*) Alcuni operatori di telefonia mobile non consentono

Dettagli

Proposta del Coordinamento Donne di Trento

Proposta del Coordinamento Donne di Trento Proposta del Coordinamento Donne di Trento Disposizioni per la promozione ed il sostegno di Centri per donne in situazioni di violenza Art. 1 Principi 1. La Provincia Autonoma di Trento coerentemente con

Dettagli

SOMMARIO n. 2, 2000. Interventi. Centri di detenzione ed espulsioni (irrazionalità del sistema e alternative possibili), di Livio Pepino

SOMMARIO n. 2, 2000. Interventi. Centri di detenzione ed espulsioni (irrazionalità del sistema e alternative possibili), di Livio Pepino SOMMARIO n. 2, 2000 Presentazione pag. 9 Interventi Centri di detenzione ed espulsioni (irrazionalità del sistema e alternative possibili), di Livio Pepino Avvocati esperti di diritto umanitario: sono

Dettagli

Intervista a Yonous Muhammadi, President of Greek Forum of Refugees

Intervista a Yonous Muhammadi, President of Greek Forum of Refugees Carovana per i diritti dei migranti, per la dignità e la giustizia Lampedusa 22 novembre-torino 6 dicembre 2014 Ci può descrivere qual è la condizione che vivono i richiedenti asilo in Grecia? Intervista

Dettagli

Accesso e diritto alla salute per la popolazione migrante in Italia

Accesso e diritto alla salute per la popolazione migrante in Italia Accesso e diritto alla salute per la popolazione migrante in Italia ALESSANDRA DIODATI Croce Rossa Italiana Direttore Sanitario monitoraggio progetti assistenza migranti COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA

Dettagli