A cura di : Basello Mara Ufficio di Gorizia Pallaoro Carla - Ufficio di Pordenone. Guida alla tassazione delle scritture private

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A cura di : Basello Mara Ufficio di Gorizia Pallaoro Carla - Ufficio di Pordenone. Guida alla tassazione delle scritture private"

Transcript

1 A cura di : Basello Mara Ufficio di Gorizia Pallaoro Carla - Ufficio di Pordenone Guida alla tassazione delle scritture private

2 Imposta di registro... Pag. 3 Nozione di atto: atto pubblico, scrittura privata autenticata, scrittura privata non autenticata. Pag. 5 Effetti della : Attribuzione della data certa.... Pag. 7 Conservazione degli atti... Pag. 8 Tipologie di imposta di registro: principale, suppletiva e complementare.... Pag. 8 Atti soggetti alla... Pag. 10 Registrazione in termine fisso e in caso d uso.... Pag. 11 Atti non soggetti a... Pag. 13 Registrazione volontaria... Pag. 13 Ufficio competente... Pag. 14 Interpretazione degli atti.... Pag. 15 Atti che contengono più disposizioni.... Pag. 15 Atti con disposizioni relative a beni soggetti ad aliquote diverse... Pag. 16 Transazione.... Pag. 17 Contratto a prezzo e durata indeterminata. Pag. 18 Irrilevanza della nullità od annullamento dell atto. Pag. 19 Modalità della per le scritture private non autenticate presentate in Ufficio Pag. 19 Sanzione per omessa Pag. 21 Indice schede in base ad articoli della tariffa. Pag. 22 Schede. Pag. 26 Indice analitico-alfabetico.. Pag. 63 Indice 2

3 IMPOSTA DI REGISTRO L imposta di registro, disciplinata dal D.P.R. 131 del (Testo Unico Registro), rientra nella categoria delle imposte indirette in quanto colpisce la manifestazione indiretta di una capacità contributiva come, ad esempio, si può riscontrare in un trasferimento di beni. Si è molto discusso, sulla natura di questo tributo che in determinati casi, sembrerebbe più configurabile come una tassa che come imposta. Partendo dalla considerazione del rapporto tributario, intercorrente a monte, tra Fisco e contribuente potremmo pensare alla veste di tassa ogni qualvolta questo tributo venga applicata in misura fissa ( 168,00) per il servizio che lo Stato rende a fronte dell attribuzione della data certa alle scritture private ed alla loro conservazione. Pur riconoscendo a tali argomentazioni una certa fondatezza, non si può, tuttavia, prescindere dalla natura di imposta propria del Registro in quanto principalmente strumento erariale volto all acquisizione delle entrate tributarie. L imposta di registro è per sua natura un imposta d atto essendo strettamente collegata ad un atto o negozio giuridico ed alla sua conseguente estrinsecazione in un documento cartaceo: proprio dalla presenza di quest ultimo e dalla sua forma deriva l assoggettabilità o meno al tributo. In aggiunta il legislatore ha ritenuto di ricondurre nella sfera impositiva, oltre alcune operazioni relative a società ed enti esteri di cui parleremo in seguito (vd.pag 11) anche talune fattispecie negoziali, stipulate in forma verbale (art 3), ritenendole significative dal punto di vista patrimoniale. Esse sono: - locazione o affitto di beni immobili esistenti nel territorio dello stato e relative cessioni, risoluzioni e proroghe anche tacite; - trasferimento ed affitto di aziende esistenti nel territorio dello Stato e di costituzione o trasferimento di diritti reali di godimento sulle stesse e relative cessioni, risoluzioni e proroghe anche tacite. La particolarità di questo contratti è l assenza del documento scritto. Per ovviare a tale difetto di cartolarità è stata prevista, per i contratti verbali di locazione ed affitto di beni immobili, una apposita denuncia (Mod. 1), da presentare all ufficio per assolvere l adempimento tributario. Tale denuncia, in doppio originale e sottoscritta da almeno una delle parti contraenti, permette di acquisire tutti i dati necessari per la quantificazione dell imposta, oltre a generalità e domicilio delle parti contraenti ed oggetto della convenzione. 3

4 E bene precisare che la Legge 431/98 prevede la forma scritta nell ipotesi di contratti di locazione aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo; pertanto, soltanto poche e residuali tipologie di contratto di locazione possono essere stipulate in forma verbale (ad esempio locazioni di garage, magazzini, box auto). Non si può inoltre prescindere dalla necessità, per le mutate esigenze della società contemporanea, di formalizzare in modo chiaro e concreto qualsiasi tipo di accordo economico. Sporadiche sono inoltre le ipotesi di stipulazione in forma verbale di contratti aventi ad oggetto aziende, tenuto conto che, per le imprese soggette a nell apposito registro C.C.I.A.A., è richiesta una particolare forma scritta a norma dell art C.C. In virtù di quanto disposto dall ultimo comma dell art. 12 del D.P.R. 131/86, la denuncia Mod. 1 assume la qualità di atto. La disposizione ha validità unicamente ai fini fiscali e non è estensibile in altri ambiti: tale denuncia, che può essere firmata anche da una sola delle parti contraenti, non è atta a far acquisire il requisito della forma scritta ad un negozio che è e rimane verbale; analoga è la considerazione anche nel caso di denuncia sottoscritta da tutte le parti contraenti. Essa rappresenta, infatti, solo il mezzo per adempiere all obbligo della prevista per legge, mantenendo inalterata la natura del rapporto sottostante. Ai fini della invece, essendo del tutto equiparata ad un atto, analogamente a quanto previsto per le scritture private, dovrà essere accompagnata dalla presentazione di: - mod. RR - mod mod. F23 attestante il pagamento dell imposta con arrotondamento della stessa all unità di euro, per eccedenza o difetto, e con un importo minimo di 67,00. Analogamente a quanto disposto per le locazioni e gli affitti di beni immobili stipulati per iscritto, tutte le cessioni risoluzioni e proroghe, anche tacite, di un contratto verbale sono escluse dall obbligo di ulteriore denuncia, essendo sufficiente il pagamento della relativa imposta (mod. F23), da versarsi entro 30 giorni dall evento, e la conseguente presentazione dell attestato di versamento, entro 20 giorni dal pagamento, all ufficio competente. 4

5 Sul modello F23, oltre ad essere indicati il codice Ufficio presso il quale è stata eseguita la del contratto e della denuncia e gli estremi di degli stessi, dovranno essere riportati, a seconda del caso, i seguenti codici tributo: 114T a fronte della proroga del contratto; 110T a fronte della cessione del contratto; 113T a fronte della risoluzione del contratto. Per quanto riguarda tutti gli altri contratti verbali non espressamente contemplati dall art. 3 del D.P.R. 131/86, la è solo nel caso in cui si verifichi la loro enunciazione in contratti scritti ed a condizione che siano contestualmente presenti i presupposti di cui all art. 22 del D.P.R. 131/86. In merito si dispone che, per l enunciazione di un contratto verbale, l imposta si rende se - nell atto sottoposto a risultino tutti i dati necessari per la delle disposizioni menzionate, sia cioè chiaramente identificato il loro contenuto; - tali disposizioni siano intercorse tra le stesse parti che hanno stipulato l atto portato alla. L eventuale presenza, nell atto enunciante di ulteriori soggetti rispetto a quelli della disposizione menzionata non esclude la configurabilità dell enunciazione. Analogamente le medesime condizioni si rendono necessarie ogni qualvolta oggetto dell enunciazione sia, anziché un contratto verbale, un negozio stipulato in forma scritta. Infine non è alcuna imposta quando l enunciazione abbia per oggetto un contratto verbale non soggetto a in termine fisso, nel caso in cui gli effetti della medesimo siano già cessati o cessino in virtù dell atto che la contiene. Diversamente, se l atto enunciato, sia esso scritto che verbale, era da registrarsi in termine fisso, si dovrà corrispondere oltre all imposta relativa, la sanzione per l omessa e gli eventuali interessi (art. 22, comma 1 del D.P.R. 131/1986). NOZIONE DI ATTO Nell ambito dell imposta di registro ogni qualvolta viene fatto richiamo al concetto di atto lo stesso deve intendersi nella più ampia accezione del termine volendo indicare, in qualsiasi forma si realizzi, ogni manifestazione di atto/negozio giuridico. L elenco che ne deriva è molto ampio: potranno essere ricompresi, quindi, non solo atti pubblici, scritture private autenticate e non, ma anche le denunce, previste come già visto per la 5

6 di alcune tipologie di contratto in assenza di documento cartaceo, delibere di enti pubblici e societarie, atti unilaterali per i quali il negozio si perfeziona con la dichiarazione di una sola parte, verbali di aggiudicazione aste, decreti di esproprio, provvedimenti, sentenze ed atti dell autorità giudiziaria. ATTO PUBBLICO L atto pubblico è un documento redatto dal notaio o da altro pubblico ufficiale ai sensi e per gli effetti degli artt e 2700 C.C. Tale forma è obbligatoria per determinati atti per espressa disposizione del codice civile: ad esempio è richiesta in presenza di atti di donazione, quando non siano di modico valore e per atti di costituzione di fondo patrimoniale. L atto pubblico fa prova, fino a querela di falso, della provenienza del documento dal pubblico ufficiale che lo ha formato e delle dichiarazioni e dei fatti che questo attesta essere avvenuti in sua presenza o da lui compiuti. Tale efficacia probatoria non si estende al contenuto sostanziale delle dichiarazioni rese dalle parti: il pubblico ufficiale non può accertare o garantire che le stesse abbiano dichiarato il vero. Ai fini dell imposta di registro, l ufficiale rogante risponde in solido con le parti contraenti dell imposta principale per la dell atto (art. 57 comma 1 del D.P.R. 131/1986). SCRITTURA PRIVATA AUTENTICATA La scrittura privata è documento di parte che contiene una dichiarazione scritta proveniente dai soggetti interessati e sottoscritta da quest'ultimi. La sottoscrizione della scrittura privata può essere autenticata da un notaio o da altro pubblico ufficiale a ciò autorizzato (art C.C.); l'autenticazione consiste nell'attestazione da parte del pubblico ufficiale, previo accertamento dell'identità della persona che sottoscrive, che la sottoscrizione è stata apposta in sua presenza. Anche in questa fattispecie, ai fini dell imposta di registro, l ufficiale rogante risponde in solido con le parti contraenti dell imposta principale per la dell atto (art. 57 comma 1 del D.P.R. 131/1986). L atto pubblico e la scrittura privata autenticata costituiscono un titolo idoneo per la trascrizione di diritti immobiliari, garanzie ipotecarie e qualsiasi annotazione, da effettuarsi presso i pubblici registri immobiliari ai sensi dell art e segg. C.C. SCRITTURA PRIVATA NON AUTENTICATA 6

7 La scrittura privata è documento di parte, non proveniente da pubblico ufficiale, che contiene una dichiarazione scritta proveniente dai soggetti interessati e sottoscritta da quest'ultimi. Ai sensi dell art C.C., fa piena prova, fino a querela di falso, della provenienza delle dichiarazioni di chi l ha sottoscritta se colui contro il quale la scrittura è prodotta ne riconosce la sottoscrizione. Tale forma è generalmente usata per i contratti di locazione, di affitto fondi rustici, costituzione di associazioni non riconosciute legalmente, preliminari di compravendita. Ai fini dell imposta di registro, i differenti termini previsti per la del contratto decorrono dalla data di formazione dell atto e ciò ai sensi dell art. 13, comma 1 del D.P.R. 131/1986. Se la scrittura privata non autenticata non contiene l indicazione della sua data, si assume come tale quella dello stesso giorno in cui è eseguita la, così come statuito nell art. 53, comma 2 del D.P.R. 131/1986. Conseguenza di ciò è che non si verifica la decadenza quinquennale, per la richiesta dell imposta su atti non registrati, in quanto la data dell atto viene a coincidere con quella di. Non sono previste specifiche sanzioni per tale omissione. A differenza delle due precedenti tipologie, per le quali l attribuzione della data certa si riconnette alla formazione o all autenticazione dell atto da parte dell ufficiale rogante, per la scrittura privata non autenticata è la che conferisce certezza di data. ATTRIBUZIONE DELLA DATA CERTA EFFETTI DELLA REGISTRAZIONE L art del vigente codice civile stabilisce che la data delle scritture private non autenticate è certa ed opponibile a terzi dal giorno della o dal giorno della morte o della sopravvenuta impossibilità fisica di colui che l ha sottoscritta o dal giorno in cui il contenuto è riprodotto in atti pubblici o si verifichi un altro fatto che stabilisca in modo egualmente certo l anteriorità della formazione del documento. Questa disposizione viene richiamata dal comma 1 dell art. 18 del Testo del Registro con il quale si contempla espressamente la quale istituto che attesta l esistenza degli atti ed attribuisce agli stessi la data certa nei confronti di terzi. E facilmente intuibile l importanza che riveste tale dettato per tutti quelli che sono i conseguenti effetti civilistici: se ciò può sembrare ovvio quando la scrittura deve essere opposta ad un terzo (la scrittura privata fa piena prova infatti solo fra le parti) consideriamo il valore che può altresì assumere proprio in un contenzioso fra le parti stipulanti. Si può ipotizzare, ad esempio, il caso in cui una parte disconosca la data della scrittura pur riconoscendo la propria sottoscrizione sostenendo che l atto è stato retrodatato o che la data è stata posta in un momento seguente a sua insaputa. 7

8 CONSERVAZIONE DEGLI ATTI L Ufficio conserva, per dieci anni, gli originali delle scritture private ai sensi dell art. 16 D.P.R. 131/86, le copie degli atti pubblici e delle scritture private autenticate nonché le denunce di contratto verbale di locazione ed affitto di beni immobili. L Ufficio può, pertanto, rilasciare copia, ai sensi del comma 3 dell art. 18 del D.P.R. 131/1986, delle scritture private in suo possesso, nonché delle note e delle richieste di relative agli atti pubblici o privati, alle parti contraenti, ai loro aventi causa (es. successori a titolo universale: eredi, successori a titolo particolare: acquirenti) o a coloro nel cui interesse la è stata eseguita, a fronte di specifica richiesta. Non può essere rilasciata, al contrario, copia a soggetti diversi salvo espressa autorizzazione dell autorità giudiziaria. Ai sensi dell art. 16, comma 6 del D.P.R. 131/1986, se la è avvenuta in base alla sola richiesta di l Ufficio rilascia copia della richiesta di : ciò può accadere quando non sia stato rinvenuto l atto scritto presso il notaio che lo ha formato o ne ha autenticata la firma, e la cui è avvenuta d ufficio in base ai dati desunti dal repertorio, oppure quando la sia stata eseguita d ufficio per atti non sequestrabili da parte dell Amministrazione Finanziaria e della Guardia di Finanza. TIPOLOGIE DI IMPOSTA DI REGISTRO L art. 42 del D.P.R. 131/1986 distingue fra le seguenti tipologie di imposta di registro: PRINCIPALE - è l imposta applicata al momento della e quella richiesta dall ufficio se diretta a correggere errori ed omissioni effettuati in sede di autoliquidazione nei casi di presentazione della richiesta di per via telematica. SUPPLETIVA è l imposta richiesta successivamente alla per correggere errori ed omissioni dell Ufficio in sede di liquidazione dell imposta principale. COMPLEMENTARE è l imposta per rettifica dei valori dichiarati ed in ogni altro caso. Essendo le tre imposte autonome nella loro disciplina diversi saranno gli obblighi ad esse connessi. IMPOSTA PRINCIPALE Sono responsabili in solido le parti contraenti e l Ufficiale Rogante che ha rogato od autenticato l atto, ai sensi dell art. 57, comma 1 del D.P.R. 131/1986. La misura minima dell imposta non può essere in alcun caso inferiore al minimo previsto dalla legge 8

9 pari ad euro 168,00, e ciò ai sensi dell art. 41, comma 2 del D.P.R. 131/1986, con espressa deroga per le locazioni e gli affitti di beni immobili per i quali il minimo è fissato in euro 67,00. L imposta deve essere corrisposta all atto della richiesta di. IMPOSTA SUPPLETIVA In conseguenza dell art. 57, comma 2 del D.P.R. 131/1986, risultano solidalmente responsabili unicamente le parti contraenti. L imposta può essere liquidata anche in misura inferiore al minimo di legge. L imposta deve essere corrisposta entro 60 giorni dalla notifica del corrispondente avviso di liquidazione; il ricorso sospende la riscossione, ai sensi dell art. 56, comma 1, lettera b) del D.P.R. 131/1986. IMPOSTA COMPLEMENTARE Sono responsabili in solido unicamente le parti contraenti. Se l imposta complementare è determinata da un fatto imputabile ad una sola delle parti contraenti, come può accadere ad esempio nel caso di decadenza di agevolazioni richiesta dal solo acquirente (prima casa piccola proprietà contadina imprenditore agricolo), l imposta è a carico esclusivamente di questa. Può essere liquidata anche in misura inferiore di quello minimo previsto dalla legge e deve essere corrisposta entro 60 giorni dalla notifica dell avviso di liquidazione corrispondente; il ricorso non sospende la riscossione a meno che si tratti di imposta complementare per il maggior valore accertato, così come disposto dall art. 56, comma 1, lettera a) del D.P.R. 131/1986. L art. 1, comma 6 della Legge n. 296 del ha introdotto la lettera d-bis) all art. 10 ed il comma 1bis all art. 57 del D.P.R. 131/1986, pertanto, gli agenti di affari in mediazione iscritti nella sezione degli agenti immobiliari del ruolo di cui all art. 2 della L. 3 febbraio 1989 n. 39, sono solidamente obbligati a chiedere la e solidalmente tenuti al pagamento dell imposta, per tutte le scritture private non autenticate, di natura negoziale, stipulate a seguito della loro attività per la conclusione degli affari. Contrariamente a quanto accade per i pubblici ufficiali, per i quali tale responsabilità si esaurisce nell assolvimento dell imposta principale - in virtù del disposto del comma 2 dell art 57 del D.P.R. 131/86 i mediatori immobiliari non beneficiano di analoga deroga per cui sono obbligati solidamente, con le parti contraenti, per tutte le tipologie di imposta: principale, suppletiva e complementare. I riflessi più significativi si possono riscontare nel caso di contratti di locazione pluriennale in presenza di omesso versamento delle annualità successive alla prima. Il concetto di solidarietà passiva rimanda all art e segg. C.C., che dispone che l obbligazione è solidale quando più debitori sono obbligati tutti per la medesima prestazione, in modo che ciascuno può essere costretto all adempimento per la totalità e l adempimento da parte di uno libera gli altri. 9

10 ATTI SOGGETTI ALLA REGISTRAZIONE Oltre ai contratti verbali già esaminati in precedenza, sono soggetti a : A) gli atti stipulati in forma scritta nel territorio dello Stato ed indicati nella Tariffa allegata al TUR. La Tariffa è divisa in due parti: - Parte prima ricomprende tutti gli atti da registrare in termine fisso; - Parte seconda ricomprende tutti gli atti da registrare in caso d uso. B) gli atti formati all estero, da qualsiasi soggetto (notaio console, ecc.), a condizione che abbiano per oggetto il trasferimento della proprietà ovvero la costituzione ed il trasferimento di altri diritti reali, anche di garanzia, su beni immobili od aziende esistenti nel territorio dello Stato e quelli che comportino locazione od affitto su tali beni. Questa disposizione, come quella riportata alla lettera c) dell art. 2 del D.P.R. 131/86, è in sintonia con quanto disposto, in materia di imposizione indiretta in sede Comunitaria, dal principio per il quale l imposta deve essere assolta nel paese in cui l atto dello scambio produce i suoi effetti economici: trasferendo tale dettato dagli scambi commerciali a quelli privati si produrrà, come naturale conseguenza, che il paese avente diritto a riscuotere l imposta è quello in cui si trova il bene oggetto dello scambio e ciò indipendentemente dallo Stato in cui sia stato formato il relativo atto. Per gli atti formati all estero la deve essere richiesta entro 60 giorni dalla data dell atto, come disposto dall art. 13, comma 1 del D.P.R. 131/1986. Per tutti gli altri atti formati all estero, diversi quindi da quelli espressamente previsti dall art. 2 lettera d), come disposto dall art. 11 della Tariffa Parte Seconda, la avviene solo in caso d uso, con la seguente liquidazione: - in misura fissa ( 168,00) per tutti quegli atti che, se formati in Italia, sarebbero stati soggetti ad IVA ai sensi dell art. 40 del Testo del Registro; - nella stessa misura stabilita per gli atti formati in Italia, in ogni altro caso. 10

11 C) Le operazioni delle società ed enti esteri indicati nell art. 4 del D.P.R. 131/1986. Questo articolo nasce dall esigenza di adeguamento alla normativa comunitaria relativa agli aspetti tributari relativi all imposizione indiretta per la raccolta di capitali. Il fine auspicato, oltre a quello di uniformare le disposizioni fiscali dei paesi dell Unione Europea, è di evitare che una determinata operazione societaria venga sottoposta in più Stati ad imposte della stessa natura. Queste operazioni sono specificatamente elencate nell art. 4 del D.P.R. 131/86 e sono sottoposte ad imposta in misura fissa ai sensi della lettera f) dell art. 4 della Tariffa Parte Prima allegata al D.P.R. 131/1986. Tali operazioni, se non formalizzate in un atto scritto, saranno oggetto di apposita denuncia che dovrà essere sottoscritta dal rappresentante della società od ente estero ovvero da uno dei soggetti che rispondono delle obbligazioni della società (art. 12 comma 2 D.P.R. 131/1986.) Interessate alla disposizione sono le società di capitali e di persone costituite all estero, nonché le associazioni, gli entri pubblici e privati compresi i consorzi e tutte le altre organizzazioni costituite all estero ed aventi per oggetto principale l attività commerciale od agricola. Per gli atti relativi a società ed enti esteri non previsti dall art. 4 si applicano le stesse norme fissate per le società italiane. REGISTRAZIONE IN TERMINE FISSO ED IN CASO D USO Gli atti elencati nella Tariffa Parte Prima allegata al D.P.R. 131/1986, considerato il loro contenuto economico e come tali indicatori, in genere, di una capacità contributiva, sono soggetti a in termine fisso e con l applicazione dell imposta calcolata, nella maggior parte dei casi, in misura proporzionale; tuttavia residuano tipologie negoziali in cui il tributo è previsto in misura fissa (es. comodato beni immobili, diverse operazioni societarie, contratti di associazione in partecipazione). Al contrario gli atti raccolti nella Tariffa Parte Seconda allegata al D.P.R. 131/1986 sono ritenuti meno significativi da un punto di vista patrimoniale: la, il più delle volte, risponde alla necessità di attribuire agli stessi la data certa. La norma dispone che le scritture private non autenticate, ivi rientranti, sono soggette a in caso d uso. Il caso d uso si realizza, come disciplinato dall art. 6 del D.P.R. 131/1986, ogni qualvolta l atto venga depositato, per essere acquisito agli atti, presso le cancellerie giudiziarie nell esplicazione dei attività amministrativa o presso le amministrazioni dello Stato o degli enti pubblici territoriali e i rispettivi organi di controllo. Non si verifica il caso d uso quando il deposito avviene ai fini dell adempimento di un obbligazione delle sopra citate amministrazioni, enti o organi ovvero quando sia obbligatorio per legge o regolamento. 11

12 Si evidenzia che, ai sensi dell art. 39 del D.P.R. 131/1986, per gli atti soggetti a in caso d uso, l imposta è applicata in base alle disposizioni vigenti al momento della richiesta di. Il secondo comma dell art 5 del TUR prevede il caso d uso anche per le scritture private non autenticate in presenza di disposizioni soggette ad IVA: questo al fine di evitare la doppia imposizione fiscale di natura indiretta (IVA Registro) per la medesima vicenda e consentire, nel contempo, la massima snellezza delle operazioni commerciali evitando ulteriori passaggi che, al termine, potrebbero risultare antieconomici. Dall analisi del comma 2 dell art 5 del D.P.R. 131/1986 si evince che: - tutte le operazioni contemplate nella scrittura privata non autenticata devono essere soggette ad IVA. Per questa ragione, in presenza di un atto con più disposizioni delle quali solo alcune sono soggette ad IVA, si renderà l imposta di registro per le altre pattuizioni non soggette ad Iva e tante imposte fisse quante sono le pattuizioni soggette ad IVA tra di loro non connesse. Inoltre, la non sarà più da eseguirsi in caso d uso, bensì in termine fisso. Il principio dell alternatività IVA- Registro, disciplinato dall art. 40 comma 1 del D.P.R. 131/1986, trova applicazione anche quando non è l imposta IVA per la presenza di operazioni non imponibili od esenti, ad eccezione delle operazioni esenti ai sensi dell art. 10, numeri 8 e 8bis del D.P.R. 633/1972. Pertanto: 1) le locazione di fabbricati abitativi (art. 10, numero 8 del D.P.R. 633/1972) sono sempre soggette ad imposta di registro in termine fisso ed in misura proporzionale, con la sola eccezione delle locazioni abitative effettuate da impresa costruttrice o che ne ha effettuato la ristrutturazione a fronte di contratto stipulato entro quattro anni dalla fine dei lavori in attuazione di piani di edilizia abitativa convenzionata e purché tali contratti abbiano durata almeno quadriennale, nel qual caso dovrà essere assoggettata ad IVA. Come evidenziato nelle circolari n. 27 del 4 agosto 2006 e n. 33 del 16 novembre 2006, il fabbricato è da considerarsi ad uso abitativo unicamente in base alla sua classificazione catastale e non al suo effettivo utilizzo: pertanto, rientrano tra i fabbricati abitativi gli immobili classificati o classificabili nella categoria A, con esclusione dei fabbricati di tipo A10. Inoltre, il trattamento IVA o Registro delle locazioni di immobili abitativi si applica anche se unitamente al fabbricato di tipo residenziale (bene principale) sia ceduto in locazione anche il box o la cantina (pertinenza). 12

13 2) diverso è il quadro normativo in presenza di locazione di fabbricati strumentali (art. 10, numero 8 del D.P.R. 633/1972). Sono tali i fabbricati che per loro natura non sono suscettibili di diversa utilizzazione senza radicali trasformazioni e che rientrano nelle categorie catastali B, C, D, E ed A10. In tale ipotesi il contratto deve essere registrato in termine fisso, con l applicazione dell imposta di registro nella misura del 1% indipendentemente dall esenzione IVA criterio generale o dall imponibilità IVA (obbligatoria o per opzione) ai sensi dell art. 5, lettera a-bis) della Tariffa Parte Prima allegata al D.P.R. 131/ ) per quanto riguarda, invece, la cessione di fabbricati deve essere mantenuta la necessaria distinzione tra fabbricati abitativi e fabbricati strumentali. Nella prima ipotesi disciplinata all art. 10, numero 8bis del D.P.R. 633/1972, la cessione di fabbricato abitativo ricadrà nel regime di applicazione dell imposta di registro ai sensi dell art. 1 della Tariffa Parte Prima allegata al D.P.R. 131/1986, con l eccezione dei fabbricati ceduti da impresa costruttrice, che li ha costruiti o ha eseguito i lavori di risanamento o ristrutturazione, entro quattro anni dalla data di ultimazione dei lavori o anche successivamente nel caso in cui entro tale termine i fabbricati siano stati locati per almeno quattro anni in attuazione di programmi di edilizia residenziale convenzionata. In quest ultima ipotesi, essendo tali atti soggetti ad IVA, sarà l imposta di registro in misura fissa. Nella seconda ipotesi disciplinata dall art. 10, numero 8ter del D.P.R. 633/1972, la cessione del fabbricato strumentale sconterà l imposta di registro sempre in misura fissa (Euro 168,00) indipendentemente dal fatto che l operazione sia esente IVA criterio generale o imponibile IVA (obbligatoria o per opzione). ATTI NON SOGGETTI A REGISTRAZIONE (previsti dalla tabella allegata al T.U.) Per gli atti indicati nella tabella allegata al Testo Unico del Registro non c è l obbligo di richiedere la neanche in caso d uso. Per tali atti è sempre possibile la volontaria con l applicazione dell imposta in misura fissa (art 8). Per gli atti indicati negli articoli 4, 5, 11 e 11bis è prevista l esclusione dalla anche se autenticati o redatti in forma pubblica. Si precisa che in merito agli atti di ultima volontà, di cui all art 4 della tabella, la in termine fisso è prevista al momento della pubblicazione dei testamenti. REGISTRAZIONE VOLONTARIA E riconosciuta la facoltà, a chiunque vi abbia interesse, di richiedere volontariamente la dell atto in qualsiasi momento e pagando la relativa imposta, e ciò ai sensi dell art. 8 del D.P.R. 131/

14 La volontaria può, pertanto, avvenire per: -per gli atti ricompresi nella Tabella B allegata al Testo Unico; -per gli atti da registrare in caso d uso quando lo stesso non si sia verificato; -per gli atti da registrare in termine fisso quando sia già intervenuta la decadenza dell azione dell Amministrazione Finanziaria (ai sensi del comma 1 dell art. 76 del D.P.R. 131/1986: 5 anni dal giorno in cui avrebbe dovuto essere richiesta la o si è verificato il fatto che legittima la d ufficio); in tal caso, il richiedente non è dispensato dal pagamento del tributo ai sensi dell art. 76, comma 5 del D.P.R. 131/1986. La volontaria di un atto soggetto a in termine fisso od in caso d uso comporta l applicazione della corrispondente imposta prevista dalla tariffa Parte Prima o Seconda. In tutte le altre ipotesi l imposta è in misura fissa. Non sono applicabili, in alcun caso, sanzioni ed interessi. In deroga al principio della solidarietà tra le parti contraenti, obbligato al pagamento dell imposta è esclusivamente chi ha richiesto la, così come disposto dall art. 57, comma 5 del D.P.R. 131/1986. A eseguita la parte non può richiedere, ad alcun titolo, il rimborso dell imposta fissa versata. UFFICIO COMPETENTE Gli atti pubblici e le scritture private autenticate devono essere registrate presso l Agenzia dell Entrate nella cui circoscrizione risiede il Pubblico Ufficiale obbligato a richiedere la, ai sensi dell art. 9, comma 1 del D.P.R. 131/1986. Le sentenze, i decreti degli atti di organi giurisdizionali vanno registrati presso l Ufficio nella cui circoscrizione risiedono i cancellieri ed i segretari che nelle loro funzioni hanno partecipato alla formazione dei medesimi, ai sensi dell art. 9, comma 1 del D.P.R. 131/1986. Per gli atti diversi dagli atti sopra citati scritture private non autenticate, formate in Italia o all estero - la può essere richiesta a qualsiasi ufficio dell Agenzia dell entrate a nulla rilevando la residenza delle parti od il luogo di ubicazione del bene oggetto della convenzione, ai sensi dell art. 9, comma 2 del D.P.R. 131/1986. Ogni altro evento che comporti un ulteriore liquidazione d imposta deve essere denunciato all Ufficio che ha registrato l atto cui si riferiscono, in ottemperanza a quanto disposto dall art. 19 del D.P.R. 131/

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

IL CONTROLLO DELLE AGEVOLAZIONI NELL IMPOSTA DI REGISTRO. A cura di Elena Galeotti Direzione Regionale Toscana

IL CONTROLLO DELLE AGEVOLAZIONI NELL IMPOSTA DI REGISTRO. A cura di Elena Galeotti Direzione Regionale Toscana IL CONTROLLO DELLE AGEVOLAZIONI NELL IMPOSTA DI REGISTRO A cura di Elena Galeotti Direzione Regionale Toscana Versione febbraio 2010 INDICE 1 PREMESSA...4 2 PRINCIPI GENERALI...4 2.1 Imposta principale,

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Direzione Regionale delle Marche Ufficio Gestione Tributi Ancona, 22 marzo 2013 Ai Comuni della Regione Marche LORO SEDI e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Reg. Uff. n. 7446 - All. n. 1 OGGETTO: Codice

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 marzo 2003 Oggetto: Istanza di interpello D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642 imposta di bollo su atti e documenti connessi con i contratti

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società Registro Imprese - La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società - I trasferimenti di sede da altra provincia Come descrivere l attività Sintetica, chiara e concreta SI

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 CODICE FISCALE/TESSERA SANITARIA/PARTITA IVA CONTRATTI DI LOCAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA SUCCESSIONI RIMBORSI COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITÀ E CARTELLE DI PAGAMENTO GUIDA

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Le procure provenienti dall estero

Le procure provenienti dall estero Le procure provenienti dall estero A cura dell Avv. Emanuella Prascina Riferimenti: - Art. 106 n. 4 L. Not.: Nell'archivio notarile distrettuale sono depositati e conservati: 4. gli originali e le copie

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE ISTRUZIONI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DEGLI ATTI AL REGISTRO DELLE IMPRESE - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MAGGIO 2014 INDICE E SOMMARIO P r e s e n t a z i o n e 9 N O T E G E N E R

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli