Sintesi del Programma Operativo F. S. E

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sintesi del Programma Operativo F. S. E. 2007-2013"

Transcript

1 Sintesi del Progrmm Opertivo F. S. E REGIONE BASILICATA Diprtimento Formzione, Lvoro, Cultur, Sport

2 p_fuccell Sintesi del Progrmm Opertivo Bsilict F. S. E INDICE 1. L strtegi generle del PO Bsilict FSE Assi prioritri e obiettivi specifici 3. Modlità di ttuzione 4. Disposizioni Finnzirie

3 1. L strtegi generle del PO Bsilict FSE 2007/2013 Il Progrmm Opertivo Bsilict FSE disegn un strtegi regionle tes coniugre in mnier sinergic le politiche per il lvoro e l formzione con le politiche per lo sviluppo e l coesione socile. In coerenz con l strtegi di Lisbon, sull qule si bs l inter progrmmzione , l obiettivo generle del PO Bsilict FSE: promuovere lo sviluppo, l pien occupzione e l qulità del lvoro, ttrverso il migliormento degli investimenti in cpitle umno e nell ricerc, l dttbilità dei lvortori e delle imprese pubbliche e privte, il sostegno ll integrzione socile e lle pri opportunità. Questo obiettivo globle si rticol in 4 obiettivi generli: 1. Attivre e sostenere i processi di sviluppo e competitività medinte politiche del lvoro e per il cpitle umno mirte l rinnovmento del sistem produttivo, per sostenere i processi di crescit delle risorse umne, sviluppre le competenze chive per il sistem lucno e nuove opportunità occupzionli e imprenditorili, indirizzre i sistemi produttivi e il mercto del lvoro locli verso l economi dell conoscenz, estendere le relzioni tr gli ttori locli in sintoni con le strtegie di sviluppo regionli. 2. Fvorire l incontro tr domnd ed offert di lvoro, per rfforzre i segmenti deboli dell offert di lvoro, ssicurre pri opportunità 4 di ccesso l mercto del lvoro e promuovere un migliore qulità e quntità dell domnd di lvoro Combttere i crescenti squilibri e rispondere lle nuove domnde socili, per ridurre i rischi di esclusione socile e di degrdo urbno, fvorire l inserimento lvortivo dei soggetti più deboli, limitre l emigrzione dei giovni e fvorire il rientro di quelli emigrti, integrre degutmente gli immigrti, ridurre l mrginlità e il deficit di servizi per le popolzioni delle ree interne. 4. Fvorire l crescit delle cpcità istituzionli e degli ttori locli, per migliorre l governnce complessiv dei processi di sviluppo, ssicurre l prtecipzione dei diversi ttori ll decisione e ll relizzzione delle politiche, rfforzre in prticolre i sistemi scolstici, formtivi e universitri fondmento dell vlorizzzione del cpitle umno. Le priorità strtegiche sopr elencte si riconducono ll interno di sette ssi di intervento, che trducono le priorità individute dll rt. 3 del Reg. (Ce) n. 1081/2006: Asse I - Adttbilità; Asse II - Occupbilità; Asse III - Inclusione Socile; Asse IV - Cpitle Umno; Asse V - Trnsnzionlità ed Interregionlità; Asse VI - Assistenz Tecnic; Asse VII - Cpcità Istituzionle. Assi prioritri e obiettivi specifici

4 2. Assi prioritri e obiettivi specifici Sviluppre sistemi di formzione continu e sostenere l dttbilità dei lvortori Aumentre l efficienz, l efficci, l qulità e l inclusività delle istituzioni del mercto del lvoro Asse I Adttbilità b c Fvorire l innovzione e l produttività ttrverso un migliore orgnizzzione e qulità del lvoro Sviluppre politiche e servizi per l nticipzione e l gestione dei cmbimenti, promuovere competitività e imprenditorilità Asse II Occupbilità b c Atture politiche del lvoro ttive e preventive, con prticolre ttenzione ll integrzione dei migrnti nel mercto del lvoro, ll invecchimento ttivo, l lvoro utonomo e ll vvio di imprese. Migliorre l ccesso delle donne ll occupzione e ridurre le disprità di genere Azioni: Azioni: formzione continu, qulificzione e riqulificzione dei dipendenti promozione e sostegno del lvoro per i giovni, incentivzione dell ccesso di imprese ed enti pubblici, di lvortori utonomi, di imprenditori, di femminile l MdL ed umento delle opportunità di impiego per professionisti di tutti i settori con priorità di intervento per le donne, in i disbili in grdo di lvorre o per gli immigrti; prticolre over 45 e ultr cinquntenni, di lvortori tempornei e con riduzione dell precrietà del lvoro; contrtti pr subordinti, llo scopo di stbilizzre l occupzione; contrsto e prevenzione dell disoccupzione di lung durt, con formzione specilistic per qudri, mnger ed imprenditori, con prticolre prticolre riferimento i lvortori espulsi di processi produttivi e ttenzione ll imprenditori femminile; quelli delle fsce più lto rischio; percorsi di riqulificzione e riconversione delle competenze dei lvortori iuti lle imprese per l ssunzione di unità lvortive; delle ziende che hnno subito crisi strutturli e di settore; sostegno llo sviluppo di un nuov imprenditorilità e ll diffusione sostegno l rfforzmento e ll diffusione di processi di innovzione dell cultur imprenditorile, ll crezione di nuovi servizi e di lvoro orgnizztiv e tecnologic nei contesti produttivi; utonomo femminile nonchè ll stbilizzzione per lvortori tipici; 6 voucher formtivi che prevedno il coinvolgimento delle imprese; promozione e sostegno ll invecchimento ttivo e l prolungmento 7 rfforzmento delle cpcità di nlisi dei fbbisogni di competenze; Lifelong lerning per lvortori con bsse qulifiche e nzini; promozione e sviluppo di PFL Ptti Formtivi Locli; progettzione di interventi di ricolloczione, contrsto e prevenzione ll situzione di crisi settorili e ziendli; sensibilizzzione e sostegno ll ppliczione dell ICT nelle PMI; ccompgnmento delle zioni di spin-off per giovni lureti, dottorndi, dottorti e msterizzti; zioni volte rfforzre l cpcità di permnenz nel mercto del lvoro delle persone disbili e di ltri soggetti in condizioni di mrginlità socile; zioni per l tutel dell sicurezz e per l slute dei lvortori; promozione e sostegno lle inizitive di ricmbio generzionle nell micro-impres con ssistenz formtiv d prte dei lvortori nzini. imprese; orgnismi formtivi; imprenditori; lvortori dipendenti, utonomi e liberi professionisti; LSU; LPU; lvortori in CIGO e con contrtti di lvoro tipici. dell vit lvortiv; rfforzmento del sistem degli strumenti per l ccesso i servizi di ssistenz ll infnzi e di cur delle persone non utosufficienti e/o nzine; ttività di orientmento soprttutto per i giovni prtire dll età scolre; migliormento ed estensione dei servizi per l impiego; promozione di forme di sviluppo locle e prtenrito tr istituzioni; sostegno lle zioni di monitorggio ed nlisi delle dinmiche occupzionli, medinte osservtori e studi d hoc; sostegno ll emersione del lvoro sommerso; ttività di work experience presso soggetti pubblici e privti. disoccupti, inoccupti e inttivi, lvortori in CIGS e mobilità, immigrti, servizi pubblici e privti per l impiego, giovni che devono ssolvere l diritto-dovere per l istruzione e l formzione.

5 Elborre e introdurre riforme dei sistemi di istruzione, formzione e lvoro per migliorrne l integrzione e sviluppre l occupbilità con prticolre ttenzione ll orientmento Asse IV Cpitle Umno b 1) Aumentre l prtecipzione ll pprendimento permnente, nche ttrverso provvedimenti intesi ridurre l bbndono scolstico e le disprità di genere rispetto lle mterie. 2) Aumentre l ccesso ll istruzione e ll formzione inizile, professionle e universitri, migliorndone l qulità c Crere reti tr università, centri tecnologici di ricerc, mondo produttivo e istituzionle con prticolre ttenzione ll promozione dell ricerc e dell innovzione Azioni: migliormento del sistem scolstico; formzione e ricerc, diffusione e/o consolidmento di percorsi di lt formzione di post qulific, post diplom e post lure ed in prticolre IFTS, borse di formzione, voucher formtivi per mster, dottorti e formzione on the job; Asse III Sviluppre percorsi di integrzione e migliorre il potenzimento dell presenz femminile nell R&S e nelle discipline di (re)inserimento lvortivo dei soggetti svntggiti per Inclusione Socile crttere scientifico-tecnologico; combttere ogni form di discriminzione nel mercto del lvoro rfforzmento dell rete tr istituzioni, centri di eccellenz, poli industrili e PMI; ttività di sostegno e di orientmento per ridurre l dispersione scolstic 8 e l inclusione socile per le minornze etniche; 9 Azioni: sostegno ll inserimento e reinserimento lvortivo dei soggetti svntggiti mggiore rischio di esclusione socile e in situzioni di mrginlità (immigrti, detenuti e persone con disbilità); iuti lle imprese per l ssunzione di soggetti svntggiti, supporto ll stbilizzzione dei rpporti di lvoro; zioni formtive per lo sviluppo del terzo settore; sostegno ll uto-imprenditorilità; ttività di formzione per figure professionli in cmpo socio-snitrio; formzione degli opertori che si occupno dell inclusione socile, riconoscimento e certificzione delle competenze; inizitive di institutionl cpcity nel settore dell slute; ttivzione di reti territorili per lo sviluppo di percorsi di integrzione socile, medinte il coinvolgimento di scuole, servizi per l impiego, ssocizioni di volontrito; inizitive di sensibilizzzione sull cultur dell inclusione socile; sviluppo di interventi di mtching per l incontro domnd offert di lvoro ttrverso i CpI; sostegno llo sviluppo di esperienze di lvoro e di tirocini formtivi presso imprese con ssistenz tutorile. individui in condizioni di svntggio, individui con disbilità, opertori del terzo settore e dell ssistenz socile. workshop, cicli di conferenze ed ltre inizitive finlizzte ll informzione, ll divulgzione scientific e ll sensibilizzzione verso l cultur dell innovzione; indgini mirte sull domnd di innovzione delle imprese e dei servizi pubblici e privti, studi di ricognizione sull produzione scientific internzionle e trsferimenti; promozione di stge conoscitivi e professionlizznti rivolti gli studenti universitri in sedi di produzione e socilizzzione del spere scientifico e tecnologico, lternnz ricerc ed lt formzione; borse di ricerc, per lo sviluppo di progetti presso Università ed Istituti di Ricerc pubblici e privti e progetti di trsferimento; ttività di ricerc, come sviluppo sperimentle, ttrverso work experience nei settori dei Beni Culturli e Antropologici, dell mbiente, dell educzione, delle problemtiche socili, nei settori economici, dell sicurezz, ecc.; formzione ed iuti per lo spin-off; promozione delle reti di conoscenz scientific; lt formzione per profili professionli specilistici in cmpo mbientle, energetico, etc. studenti di scuole ed istituti superiori, universitri e post universitri, ricerctori, imprese, centri di ricerche, orgnismi formtivi, opertori del sistem formtivo.

6 Asse VI Assistenz Tecnic Migliorre l efficci e l efficienz del Progrmm Opertivo ttrverso zioni e strumenti di supporto Asse V Trsnzionlità e Interregionlità Promuovere l relizzzione e lo sviluppo di inizitive e di reti su bse interregionle e trnsnzionle, con prticolre riferimento lle buone prtiche. Attività: ssistenz per l predisposizione dei documenti progrmmtori e di supporto ll progrmmzione, per l preprzione e il funzionmento dei Comitti di Sorveglinz; supporto lle fsi di progrmmzione, vlutzione, gestione, udit, controllo, ispezione e rendicontzione delle zioni previste nel PO, nonché ssistenz tecnic i tvoli di rccordo e confronto tr le utorità designte nei PO FSE; rfforzmento delle dotzioni di personle coinvolto nell ttuzione del PO FSE; rfforzmento del sistem di governnce delle politiche di pri opportunità previsto livello regionle e vvito nel precedente periodo di progrmmzione; supporto per l vlutzione degli interventi relizzti nell mbito del PO rispetto lle priorità comunitrie e nzionli; predisposizione, definizione ed ttuzione del Pino di comuniczione del PO FSE; supporto lle ttività prtenrili locli (prtenrito istituzionle, economico e socile) e internzionli (cooperzione trnsnzionle). Autorità di gestione, Autorità di Certificzione, Autorità di Audit, Orgnismi Intermedi, prtenrito economico e socile: titolo solo indictivo e in coerenz 10 Azioni: con qunto indicto nel Regolmento (CE) n.1081/2006 e con le Ctegorie di spes, stbilite dl Regolmento (CE) n.1083/ sostegno di zioni trnszionli e interregionli; sviluppo di best prctice tese sviluppre servizi pubblici per il migliormento delle politiche formtive e per fvorire lo sviluppo di best prctice per l ccesso l lvoro in contesti imprenditorili e socili; ttività di sostegno i processi di internzionlizzzione delle imprese medinte il rfforzmento delle loro competenze e relzioni su mercti internzionli; vlorizzzione e rfforzmento di interventi di cooperzione trnsnzionle e di scmbio di buone prtiche nell re dell lt formzione, dell R&S, dell mobilità lvortiv, dell vlorizzzione dei beni nturli e culturli, del prestito di professionlità specifiche; sostegno i percorsi di mobilità individule per gli opertori del sistem di formzione e istruzione; esperienze di prtenrito nell ottic dell Lifelong lerning; sostegno l lvoro utonomo e ll vvio di imprese in un ottic di prtenrito e scmbio; cooperzione interistituzionle tr governi regionli e locli e tr i Pesi dell UE. Enti Pubblici e Privti dei Pesi dell Itli e dell Europ, del Mediterrneo, imprese e imprenditori, ricerctori, opertori dell scuol, università, lvortori utonomi. Asse VII Cpcità Istituzionle Attività: b Migliorre le politiche, l progrmmzione, il monitorggio e l vlutzione livello nzionle, regionle e locle, per umentre l governnce del territorio. Rfforzre l cpcità istituzionle e dei sistemi nell implementzione delle politiche e dei progrmmi. studi, sttistiche e consulenze di esperti, sostegno l coordinmento interdiprtimentle e dilogo fr gli orgni pubblici e privti responsbili; migliormento dei processi di decisione, pinificzione e gestione degli interventi dell Regione e delle Province, e in generle dell P.A.; formzione continu dei dirigenti e del personle sostegno per l promozione ed il rfforzmento dell prtecipzione lle decisioni di soggetti socioeconomici, comprese le prti socili e i prtner mbientli, le orgnizzzioni non governtive interesste e le orgnizzzioni professionli rppresenttive; individuzione di buone prtiche con ltre regioni itline e ttivzione di scmbi; definizione di modelli di governnce deguti lle nuove politiche. Personle dell PA, degli enti locli, e degli orgnismi formtivi.

7 3. Modlità di ttuzione: Modlità di ttuzione AUTORITÀ Autorità di Gestione L Autorità di Gestione è responsbile dell gestione e ttuzione del Progrmm Opertivo conformemente l principio di buon e sn gestione mministrtiv e finnziri. L funzione di Autorità di Gestione del Progrmm Opertivo FSE è svolt dl Dirigente Generle pro-tempore del Diprtimento Formzione, Lvoro, Cultur e Sport. e-mil: L Autorità di Gestione è tenut : ) grntire che le operzioni destinte beneficire di un finnzimento sino selezionte in conformità i criteri pplicbili l Progrmm opertivo e rispettino l vigente normtiv comunitri e nzionle per l intero periodo di ttuzione; b) informre il Comitto di Sorveglinz sui risultti dell verific di conformità delle operzioni; c) ccertrsi dell effettiv fornitur dei prodotti e dei servizi cofinnziti, dell esecuzione delle spese dichirte di beneficiri, dell conformità delle stesse lle norme comunitrie e nzionli; d) grntire l esistenz di un sistem informtizzto di registrzione e conservzione dei dti contbili reltivi ciscun operzione ttut nell mbito del Progrmm Opertivo, ssicurre l rccolt dei dti reltivi ll ttuzione necessri per l gestione finnziri, l sorveglinz, le verifiche, gli udit e l vlutzione; e) grntire che i beneficiri e gli ltri orgnismi coinvolti nell ttuzione delle operzioni dottino un sistem di contbilità seprt o un codificzione contbile degut per tutte le trnszioni reltive ll operzione, ferme restndo le norme contbili nzionli; f ) grntire che le vlutzioni del Progrmm Opertivo sino svolte conformemente ll rt. 47 del Regolmento (CE) del Consiglio n. 1083/2006; g) stbilire procedure tli che tutti i documenti reltivi lle spese e gli udit necessri per grntire un pist di controllo degut sino conservti, sotto form di originli o di copie utenticte, secondo qunto disposto dll rt. 90, per i tre nni successivi ll chiusur del progrmm opertivo o, qulor si trtti di operzioni soggette chiusur przile, per i tre nni successivi ll nno in cui h vuto luogo l chiusur przile; h) grntire che l Autorità di Certificzione ricev tutte le informzioni necessrie in merito lle procedure e verifiche eseguite in relzione lle spese i fini dell certificzione; i) guidre i lvori del Comitto di Sorveglinz e trsmettere llo stesso i documenti per consentire un sorveglinz qulittiv dell ttuzione del Progrmm Opertivo; j) elborre e presentre ll Commissione, previ pprovzione del Comitto di Sorveglinz, i Rpporti nnuli e finle di esecuzione, nei termini previsti e in ccordo con le richieste dell Commissione; k) grntire il rispetto degli obblighi in mteri di informzione e pubblicità previsti ll rticolo 69 del Regolmento (CE) del Consiglio n. 1083/2006; l) fornire informzioni per sse sul ricorso ll complementrietà tr i Fondi strutturli; 13

8 Autorità di Certificzione Autorità di Audit L Autorità di Certificzione è responsbile dell corrett certificzione delle spese erogte vlere sui fondi comunitri/sttli per l ttuzione del progrmm opertivo. L funzione di Autorità di Certificzione del Progrmm Opertivo FSE è svolt dl dirigente pro-tempore dell Ufficio Risorse Finnzirie, Bilncio e Fisclità Regionle, incrdint presso il Diprtimento Presidenz dell Giunt. e-mil: L Autorità di Certificzione è incrict di: ) elborre e trsmettere ll Commissione, per il trmite dell Orgnismo di cui l pr , le dichirzioni certificte delle spese e le domnde di pgmento; b) certificre che: f ) i) l dichirzione delle spese è corrett, proviene d sistemi di contbilità ffidbili ed è bst su documenti giustifictivi verificbili; ii) le spese dichirte sono conformi lle norme comunitrie e nzionli pplicbili e sono stte sostenute in rpporto lle operzioni selezionte per il finnzimento conformemente i criteri pplicbili l progrmm e lle norme comunitrie e nzionli; tenere un contbilità degli importi recuperbili e degli importi ritirti seguito dell soppressione totle o przile dell prtecipzione un operzione. Gli importi recuperti sono restituiti l bilncio generle dell Unione europe prim dell chiusur del Progrmm Opertivo detrendoli dll dichirzione di spes successiv. L funzione di Autorità di Audit del Progrmm Opertivo FSE è svolt dl dirigente pro-tempore dell Ufficio Controllo Fondi Europei, incrdint presso l Presidenz dell Giunt Regionle. e-mil: L Autorità di Audit è incrict dei compiti seguenti: ) grntire che le ttività di udit sino svolte per ccertre l efficce funzionmento del sistem di gestione e di controllo del progrmm opertivo; b) grntire che le ttività di udit sino svolte su un cmpione di operzioni deguto per l verific delle spese dichirte; c) presentre ll Commissione, entro nove mesi dll pprovzione del progrmm opertivo, un strtegi di udit rigurdnte gli orgnismi preposti lle ttività di udit di cui lle lettere ) e b), l metodologi utilizzt, il metodo di cmpionmento per le ttività di udit sulle operzioni e l pinificzione indictiv delle ttività di udit l fine di grntire che i principli orgnismi sino soggetti d udit e che tli ttività sino riprtite uniformemente sull intero periodo di progrmmzione; d) entro il 31 dicembre di ogni nno, dl 2008 l 2015: i) presentre ll Commissione un rpporto nnule di controllo che evidenzi le risultnze delle ttività di udit effettute nel corso del periodo c) grntire di ver ricevuto dll Autorità di Gestione informzioni degute in merito lle procedure seguite e lle verifiche effettute in relzione lle precedente di 12 mesi che termin il 30 giugno dell nno in questione spese figurnti nelle dichirzioni di spes; conformemente ll strtegi di udit del Progrmm Opertivo e le crenze d) operre conseguentemente i risultti di tutte le ttività di udit svolte dll utorità riscontrte nei sistemi di gestione e di controllo del Progrmm; di udit o sotto l su responsbilità; ii) formulre un prere, in bse i controlli ed lle ttività di udit effettuti 14 e) mntenere un contbilità informtizzt delle spese dichirte ll Commissione; sotto l propri responsbilità, in merito ll efficce funzionmento 15 del sistem di gestione e di controllo, indicndo se questo fornisce rgionevoli grnzie circ l correttezz delle dichirzioni di spes presentte ll Commissione e circ l legittimità e regolrità delle trnszioni soggicenti; iii) presentre, nei csi previsti dll rticolo 88 del Regolmento (CE) del Consiglio n. 1083/2006, un dichirzione di chiusur przile in cui si ttesti l legittimità e l regolrità dell spes in questione; e) presentre ll Commissione, entro il 31 mrzo 2017, un dichirzione di chiusur che ttesti l vlidità dell domnd di pgmento del sldo finle e l legittimità e l regolrità delle trnszioni soggicenti coperte dll dichirzione finle delle spese, ccompgnt d un rpporto di controllo finle.

9 ORGANISMI 16 Comitto di sorveglinz (CdS) Il Comitto di sorveglinz h l funzione di ccertre l efficci e l qulità dell ttuzione del Progrmm Opertivo. A tl fine: - esmin e pprov, entro 6 mesi dll pprovzione del Progrmm Opertivo, i criteri di selezione delle operzioni finnzite ed pprov ogni revisione di tli criteri, secondo le necessità di progrmmzione; - viene informto sui risultti dell verific di conformità i criteri di selezione effettut dll Autorità di Gestione sulle operzioni vvite prim dell pprovzione di detti criteri; - vlut periodicmente i progressi compiuti nel conseguimento degli obiettivi specifici del Progrmm Opertivo, sull bse dei documenti presentti dll Autorità di Gestione; - esmin i risultti dell esecuzione, in prticolre il conseguimento degli obiettivi fissti per ogni sse prioritrio, nonché le vlutzioni di cui ll rticolo 48.3 del Regolmento (CE) del Consiglio n. 1083/2006; - esmin ed pprov i Rpporti nnuli e finli di esecuzione prim dell loro trsmissione ll Commissione europe; - è informto in merito l Rpporto nnule di controllo e lle eventuli osservzioni espresse rigurdo dll Commissione europe in seguito ll esme del Rpporto; - può proporre ll Autorità di Gestione qulsisi revisione o esme del progrmm opertivo di ntur tle d permettere il conseguimento degli obiettivi dei Fondi o di migliorrne l gestione, compres quell finnziri; - esmin ed pprov qulsisi propost di modific inerente l contenuto dell decisione dell Commissione reltiv ll prtecipzione dei Fondi. - è informto del pino e delle ttività di informzione, di comuniczione e di pubblicità, secondo le modlità ttutive definite i sensi del Regolmento (CE) dell Commissione n. 1828/2006. Orgnismi intermedi L Regione Bsilict può individure un orgnismo intermedio, quli Enti pubblici territorili, Amministrzioni Centrli dello Stto, orgnismi pubblici o privti, per svolgere un prte o l totlità dei compiti dell Autorità di Gestione o dell Autorità di Certificzione, sotto l responsbilità di dett Autorità, o per svolgere mnsioni per conto di dett Autorità nei confronti dei beneficiri che ttuno le operzioni. L ffidmento viene effettuto medinte un tto che stbilisce i contenuti dell deleg, le funzioni reciproche, le informzioni d trsmettere ll Autorità di Gestione/Certificzione e l reltiv periodicità, gli obblighi e le modlità di presentzione delle spese conseguite, le modlità di svolgimento delle ttività di gestione e di controllo, l descrizione dei flussi finnziri, le modlità, l conservzione dei documenti, gli eventuli compensi e le snzioni per ritrdi, negligenze o indempienze. In prticolre, l Autorità di Gestione/Certificzione si ccert che gli orgnismi intermedi sino correttmente informti delle condizioni di mmissibilità delle spese e che sino verificte le loro cpcità di ssolvere gli impegni di loro competenz. Gli orgnismi intermedi devono disporre di un sistem di contbilità, sorveglinz e informtiv finnziri seprti e informtizzti. Disposizioni finnzirie Per il PO BASILICATA FSE gli orgnismi intermedi designti sono le Province di Potenz e Mter.

10 4. Disposizioni Finnzirie Il PO FSE Bsilict è stto pprovto dll Commissione Europe con decisione n. C(2007) 6724 del 18 dicembre Gode di un dotzione finnziri complessiv di 322,4 Milioni di Euro di cui 128,9 Milioni di euro provenienti dl Fondo Socile Europeo, 154,7 Milioni di euro qule quot di cofinnzimento sttle e 38,7 Milioni di euro crico del bilncio regionle, distribuit tr gli ssi e le nnulità come riportto nelle tbelle seguenti: Tb. 1 Pino finnzirio del Progrmm Opertivo per sse prioritrio ASSI TOTALE COSTO ELEGGI- BILE Totle costo pubblico CONTRIBUTO PUBBLICO Prtecipzione comunitri (FSE) Prtecipzione pubblic nzionle Totle Centrle Regionle Tsso di cofinnzimento FSE 18 Asse I Adttbilità Asse II Occupbilità Asse III Inclusione socile Asse IV Cpitle Umno Asse V Trnsnzionlità e Interregionlità Asse VI Assistenz tecnic Asse VII Cpcità istituzionle % % % % % % % TOTALE % Tb. 2 Pino Finnzirio del Progrmm Opertivo per Annulità CONTRIBUTO PUBBLICO Annulità Totle Costo Eleggibile Totle Costo Pubblico Prtecipzione Comunitri Prtecipzione Pubblic Nzionle Totle Centrle Regionle % , , , , , , ,03 Totle ,00

11 Sintesi del Progrmm Opertivo F. S. E

ALLEGATO A) Disciplinare del Fondo per la Progettazione degli Interventi Strategici

ALLEGATO A) Disciplinare del Fondo per la Progettazione degli Interventi Strategici ALLEGATO A) Disciplinre del Fondo per l Progettzione degli Interventi Strtegici 1. Finlità del fondo Al fine di rzionlizzre e ccelerre l spes per investimenti pubblici, con prticolre rigurdo ll relizzzione

Dettagli

Catalogo dettagliato delle prestazioni 2015 (cfr. art. 14 del regolamento del fondo)

Catalogo dettagliato delle prestazioni 2015 (cfr. art. 14 del regolamento del fondo) Ctlogo ettglito elle prestzioni 2015 (cfr. rt. 14 el regolmento el fono) Prestzioni e gli OML reg. e cnt. (Slute e) Socile : Sviluppo e mntenimento i un sistem completo i formzione professionle i bse e

Dettagli

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8)

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8) COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionle 18 febbrio 2010, n. 8) N Prot. VARIAZIONE...del (d compilrsi cur dell ufficio competente) Al Comune di.. Il/L sottoscritto/: Cognome Nome Dt

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico Corso di Lure in Chimic Regolmento Didttico Art.. Il Corso di Lure in Chimic h come finlità l formzione di lureti con competenze nei diversi settori dell chimic per qunto rigurd si gli spetti teorici che

Dettagli

Protocollo di intesa tra :

Protocollo di intesa tra : Protocollo di intes tr : o Comune di Correggio Servizio Socile Integrto AUSL di Reggio Emili Distretfo di Correggio Movimento per l Vit (ssocizione di Volontrito) Crits Croce Ross per lo sviluppo di un

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015 BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015 Art. 1 - FINALITA E OGGETTO Il presente ndo disciplin le modlità per l'ssegnzione

Dettagli

- Ufficio Unico PIT2 - Progetto Integrato Territoriale NORD BARESE

- Ufficio Unico PIT2 - Progetto Integrato Territoriale NORD BARESE - Ufficio Unico PIT2 - Progetto Integrto Territorile NORD BARESE Andri Brlett Bisceglie Bitonto Cnos di Pugli Corto Giovinzzo Mrgherit di Svoi Molfett Ruvo di Pugli Sn Ferdinndo di Pugli Terlizzi Trni

Dettagli

ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA D'APPALTO PER SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELL' ANNO SCOLASTICO 2015-2016. Il sottoscritto/a.

ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA D'APPALTO PER SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELL' ANNO SCOLASTICO 2015-2016. Il sottoscritto/a. Al Comune di Cursi Pizz Pio XII, snc 73020 CURSI (LE) ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA D'APPALTO PER SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELL' ANNO SCOLASTICO 2015-2016. Il sottoscritto/ nto/ il residente

Dettagli

Prot. n. 7993/PON Francavilla Fontana, lì, 30 novembre 2013

Prot. n. 7993/PON Francavilla Fontana, lì, 30 novembre 2013 1 Istituto Comprensivo A. MORO P. VIRGILIO MARONE Frncvill Fontn (BR) Vi Ortorio dell Morte, -4 C.M. BRIC83100D C.F. 9107130074 tel. 0831/84187 fx 0831/09901 Scuol Secondri di 1 grdo d INDIRIZZO MUSICALE

Dettagli

Quadro di sintesi dei principali obblighi di pubblicità, trasparenza e comunicazione connessi all affidamento di appalti pubblici di lavori, servizi

Quadro di sintesi dei principali obblighi di pubblicità, trasparenza e comunicazione connessi all affidamento di appalti pubblici di lavori, servizi Qudro di sintesi dei principli obblighi di pubblicità, trsprenz e comuniczione connessi ll ffidmento di pplti pubblici di lvori, servizi e forniture per le Istituzioni Scolstiche Febbrio 2014 prot. AOODGAI

Dettagli

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2.

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2. Cp. 49 - Debiti verso bnche 49 DEBITI VERSO BANCHE Pssivo SP D.4 Prssi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 1 PREMESSA I debiti verso bnche ricomprendono tutti quei debiti in cui l controprte è un

Dettagli

Borse di studio per i figli studenti e provvidenze a favore dei Dipendenti studenti. Ambito: Tutti

Borse di studio per i figli studenti e provvidenze a favore dei Dipendenti studenti. Ambito: Tutti Circolre n. 36 del 16 settembre 2014 Oggetto: Borse di studio per i figli studenti e provvidenze fvore dei Dipendenti studenti Serie: PERSONALE Argomento: Società interesste: Ambito: CONDIZIONI CONTRATTUALI

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

Il quadro di riferimento. Modalità, criteri e aspetti fiscali per la stipula dei contratti di ricerca e borse di studio

Il quadro di riferimento. Modalità, criteri e aspetti fiscali per la stipula dei contratti di ricerca e borse di studio Il qudro riferimento Modlità, criteri e spetti fiscli stipu dei contrtti ricerc e borse stuo Teres Cltbino Are del Ricerc Ctni, 9 cembre 2010 Incremento ttrzione fon esterni: essenzile il finnzimento delle

Dettagli

DBGTXPA. struttura tecnica di supporto del CISIS CPSG. 18 Conferenza Nazionale ASITA Sessione speciale del CISIS. Firenze 16 ottobre 2014

DBGTXPA. struttura tecnica di supporto del CISIS CPSG. 18 Conferenza Nazionale ASITA Sessione speciale del CISIS. Firenze 16 ottobre 2014 DBGTXPA Presentzione del seminrio di formzione: Produzione, gestione ed utilizzzione dei Dtbse Geotopogrfici conformi lle regole tecniche del DM 10 novembre 2011 struttur tecnic di supporto del CISIS CPSG

Dettagli

Da 9.500,01 a 15.000,00 > 15.000,01 9.500,00 COSTO PASTO 1,15 2,30 3,45 4,60

Da 9.500,01 a 15.000,00 > 15.000,01 9.500,00 COSTO PASTO 1,15 2,30 3,45 4,60 Per l Anno Scolstico 2015/2016 l Deliber di Giunt Comunle n.25 del 16.04.2015 d oggetto: Determinzione dei criteri e ppliczione delle triffe dei servizi comunli introitti dl Comune nno 2015. Ricognizione

Dettagli

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario 58 Modulo 6 L rccolt bncri e il rpporto di conto corrente I destintri del Modulo sono gli studenti del quinto nno che, dopo ver nlizzto e ppreso le crtteristiche fondmentli dell ttività delle ziende di

Dettagli

L accertamento di un entrata corrente di natura patrimoniale

L accertamento di un entrata corrente di natura patrimoniale ........ Rilevzioni contbili: vecchi e nuov contbilità confronto. L ccertmento di un entrt corrente di ntur ptrimonile curdimurobellesi Dirigente Comune di Vicenz - Publicist... Premess Il cso L rubric

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO LEGGERE IL TERRITORIO, ABITARE I TEMPI

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO LEGGERE IL TERRITORIO, ABITARE I TEMPI ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO LEGGERE IL TERRITORIO, ABITARE I TEMPI ENTE PROPONENTE: CENTRO DI CULTURA SOCIALE E DI RICERCHE ARCHEOLOGICHE, STORICHE E AMBIENTALI ONLUS TITOLO DEL PROGETTO:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER Foglio Informtivo n. 4_01/08/2014 ICCREA BANCA S.p.A. - Istituto Centrle del Credito Coopertivo Sede legle e mministrtiv:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER Foglio Informtivo 2_27/06/2013 ICCREA BANCA S.p.A. - Istituto Centrle del Credito Coopertivo Sede legle e mministrtiv:

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Prm Temi specili di bilncio Le imposte (3) Il consolidto fiscle nzionle RIFERIMENTI Normtiv Artt. 117 129 del TUIR Art. 96 del TUIR Prssi contbile Documento OIC n. 25 Documento

Dettagli

REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali

REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. Troccoli SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Ministero dell Istruzione dell Università e dell Ricerc Vi Felicizz n. 22-870 Frz. Luropoli di CASSANO ALL

Dettagli

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 MODULO A LEZIONE N. 10 LE SCRITTURE CONTABILI Il lesing IL CONTRATTO DI LEASING Il lesing è un contrtto tipico (non previsto dl Codice Civile) per mezzo del qule l ziend

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO STRADI MARANELLO Via Boito, n 27 41053 Maranello Tel. 0536/941110 - fax 0536/945162. Anno Scolastico 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO STRADI MARANELLO Via Boito, n 27 41053 Maranello Tel. 0536/941110 - fax 0536/945162. Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO STRADI MARANELLO Vi Boito, n 27 41053 Mrnello Tel. 0536/941110 - fx 0536/945162 Anno Scolstico 2014/2015 Scuole dell Infnzi Sorelle Agzzi e C.Cssini L Scuol dell Infnzi, sttle

Dettagli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli Università degli studi di Pvi Fcoltà di Economi.. 2010-20112011 Sezione 26 Anlisi dell trsprenz Giovnni Andre Toselli 1 Sezione 26 Trnszioni l di fuori dell normle gestione Operzioni sull struttur finnziri

Dettagli

PROBLEMATICHE LEGATE ALL ENERGIA

PROBLEMATICHE LEGATE ALL ENERGIA Fcoltà di Architettur Ing. Luc Srto Le regole per l efficienz l energetic livello nzionle e l più recente disciplin dell Regione Lombrdi. L certificzione energetic degli edifici: stto dell rte e prospettive

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 14 del 30/11/2012 ARGOMENTO: IMPOSTA SOSTITUIVA TFR 2013 Scde il prossimo 16 dicembre il termine per pgre l impost sostitutiv sul TFR. Tle impost rppresent l nticipo di tsse dovute

Dettagli

UDA N 2 Scienze e Tecnologie Applicate: Indirizzo INFORMATICA

UDA N 2 Scienze e Tecnologie Applicate: Indirizzo INFORMATICA Sch ed di pro gettzion e d elle Un ità d i App rend imento nu mero 1 UDA N 1 Scienze e Tecnologie Applicte: Indirizzo INFORMATICA UdA N 1 Disciplin Riferimento Titolo The incredibile mchine! informtic

Dettagli

CARTA DEGLI STUDENTI

CARTA DEGLI STUDENTI Regolmento ggiornto fino lle ultime modifiche ( ottobre 22) CARTA DEGLI STUDENTI Liceo G. Ferrris - Trnto. RICONOSCIMENTO DEI CREDITI FORMATIVI E ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO SEZIONE I ATTRIBUZIONE

Dettagli

Lo diceva Douglas Adams ;) adesso è tempo di sofware libero

Lo diceva Douglas Adams ;) adesso è tempo di sofware libero Lo dicev Dougls Adms ;) desso è tempo di sofwre libero fvi (dot) mrzno (t) gmil (dot) com htps://ilnuovomondodiglte.fles.wordpress.com/2009/03/clessidr.jpg?w=461 L nostr btgli? Direi di no htps://encrypted-tbn0.gsttc.com/imges?q=tbn:and9gcr_ix0vzdxuon79_kcwvjbuvfidnritewyimyd56ppaloe6lsh4

Dettagli

www.forzearmate.org PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE

www.forzearmate.org PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE www.forzearmte.org SIDEWEB è un società di servizi nt dll entusismo e dll esperienz pluriennle di coloro che hnno operto per nni nelle orgnizzzioni di tutel individule e collettiv, contribuendo con l propri

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER Foglio Informtivo n. 3_18/12/2013 ICCREA BANCA S.p.A. - Istituto Centrle del Credito Coopertivo Sede legle e mministrtiv:

Dettagli

o d M k m J B \< 2 i 0

o d M k m J B \< 2 i 0 Dt P ro i n, j G e g m o o d M k m J B \< 2 i 0 Lo scostm ento tr li preventivo sse st to e 1! consuntivo pri 73,0 min di minori u scite è dovuto : 1. m ggiori uscite per sp e se di funzionm ento reltive

Dettagli

Ordinanza concernente la legge sul credito al consumo

Ordinanza concernente la legge sul credito al consumo Ordinnz concernente l legge sul credito l consumo (OLCC) 221.214.11 del 6 novemre 2002 (Stto 1 mrzo 2006) Il Consiglio federle svizzero, visti gli rticoli 14, 23 cpoverso 3 e 40 cpoverso 3 dell legge federle

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Testo coordinto D.Lgs. 192/2005 DECRETO LEGISLATIVO 19 gosto 2005, n. 192: "Attuzione dell direttiv 2002/91/CE reltiv l rendimento energetico nell edilizi" Coordinto con il Decreto Legisltivo 29 dicembre

Dettagli

Il sistema italiano dei confidi: tra storia ed evoluzione

Il sistema italiano dei confidi: tra storia ed evoluzione Il sistem itlino dei confidi: tr stori ed evoluzione Corso di investment bnking nd rel estte finnce Università degli Studi di Prm Prm, lì 25 febbrio 2014 I punti di nlisi L stori dei confidi: gli interventi

Dettagli

Piano Regionale Agricolo Forestale (PRAF) 2012-2015 ISTRUZIONI PER L USO

Piano Regionale Agricolo Forestale (PRAF) 2012-2015 ISTRUZIONI PER L USO Pino Regionle Agricolo Forestle (PRAF) 2012-2015 ISTRUZIONI PER L USO Il PRAF è stto pprovto con Deliber di Consiglio Regionle 24 gennio 2012, n. 3 ed è stto pubblicto sul Bollettino Ufficile dell Regione

Dettagli

TITOLO I Principi generali. Art. 1 (Finalità)

TITOLO I Principi generali. Art. 1 (Finalità) Decreto legisltivo 19 gosto 2005, n. 192, Attuzione dell direttiv 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizi integrto con il Decreto legisltivo 29 dicembre 2006, n. 311, Disposizioni correttive ed

Dettagli

Data. Da inviare tramite raccomandata a/r o via pec a: Io sottoscritto / a

Data. Da inviare tramite raccomandata a/r o via  pec a: Io sottoscritto / a D invire trmite rccomndt /r o vi e-mil pec : prestzioni@pec.cssrgionieri.it Io sottoscritto / All Associzione Css Nzionle di Previdenz ed Assistenz fvore dei Rgionieri e Periti commercili Vi Pincin, 35-00198

Dettagli

tt,rs H# H,È+a see in#ffilp'.r pffiàin,mmr.ofèiitl*nà"#g $$=.rts

tt,rs H# H,È+a see in#ffilp'.r pffiàin,mmr.ofèiitl*nà#g $$=.rts uceù scr {înco 9tr4LÉ tt,rs H# H,È+ see in#ffilp'.r pffiàin,mmr.ofèiitl*nà"#g $$=.rts R-fidfihàni D i stretto S co I sti co n" 43 LICEO SCIENTIFICO STATALE..ELIO VITTORINI'' www.el iovittori n i n pol

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA Il Comitto centrle decret il regolmento seguente conformemente ll rt. 57 e ll rt. 9, cpv. 4 lett. i degli sttuti dell ASI del 5 novemre 00 Tutte

Dettagli

1. Evoluzione del quadro normativo dei servizi pubblici e attività svolta dall'agenzia: un quadro d'insieme

1. Evoluzione del quadro normativo dei servizi pubblici e attività svolta dall'agenzia: un quadro d'insieme 1. Evoluzione del qudro normtivo dei servizi pubblici e ttività svolt dll'agenzi: un qudro d'insieme 1.1 Principli novità del contesto normtivo e istituzionle reltivo i servizi pubblici locli L disciplin

Dettagli

Questionario customer satisfaction Career Day 2014

Questionario customer satisfaction Career Day 2014 Questionrio customer stisfction Creer Dy 2014 INTRODUZIONE Attrverso il softwre Survey System è stto sottoposto un questionrio gli/lle studenti/studentesse e lureti/e dell'università di Mcert che hnno

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Cm er dei D eputti 81 Sen to dell R epubblic XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE PAGINA BIANCA Cm er dei D eputti - 83 - S en to dell R epubblic

Dettagli

Testo coordinato del D.Lgs. n. 192/05. con tutte le modifiche legislative fino al Decreto rinnovabili (decreto 3.3.2011, n. 28)

Testo coordinato del D.Lgs. n. 192/05. con tutte le modifiche legislative fino al Decreto rinnovabili (decreto 3.3.2011, n. 28) Testo coordinto del D.Lgs. n. 192/05 con tutte le modifiche legisltive fino l Decreto rinnovbili (decreto 3.3.2011, n. 28) Copyright EDILCLIMA S.r.l. 2012 Vi Vivldi 7 28021 Borgomnero (NO) Tel. 0322.835816

Dettagli

SAP Business One Top 10

SAP Business One Top 10 SAP Business One Top 10 Dieci motivi per cui le PMI scelgono SAP Business One 1 6 Affidbilità Le PMI riconoscono in SAP un leder su cui poter fre ffidmento. Personlizzzione SAP fornisce soluzioni personlizzte

Dettagli

All'Inpdap - sede di. Prov. UN PRESTITO PLURIENNALE GARANTITO. Importo richiesto:

All'Inpdap - sede di. Prov. UN PRESTITO PLURIENNALE GARANTITO. Importo richiesto: io chiedo PROTOCOLLO INPDAP All'Inpdp - sede di Io sottoscritto/ Cod. 02020101 Acquisizione di ftti o stti del richiedente ttrverso l esibizione del suo documento di riconoscimento. (Art.45 del Testo Unico

Dettagli

DESCRIZIONE PROGETTO. Free Software e Didattica

DESCRIZIONE PROGETTO. Free Software e Didattica Vi Lmrmor, 35 00010 Villnov di, Rom, 1. Tipologi progetto : Didttic curriculre Didttic extr-curriculre Accoglienz, orientmento, stge Formzione del personle Altro.. 2. Denominzione progetto Indicre Codice

Dettagli

All'Inpdap sede di. Prov. CHIEDO LA PENSIONE DI VECCHIAIA DA COMPILARE SE IL RICHIEDENTE OPTA PER LA LIQUIDAZIONE IN FORMA CONTRIBUTIVA

All'Inpdap sede di. Prov. CHIEDO LA PENSIONE DI VECCHIAIA DA COMPILARE SE IL RICHIEDENTE OPTA PER LA LIQUIDAZIONE IN FORMA CONTRIBUTIVA io chiedo l pensione di vecchii P R O T O C O L L O I N P D A P All'Inpdp sede di 0 1 0 1 0 1 0 1 Acquisizione di ftti o stti del richiedente ttrverso l esibizione del suo documento di riconoscimento.

Dettagli

PROGRAMMA SOCIO EDUCATIVO DI ANIMAZIONE 2014/2015

PROGRAMMA SOCIO EDUCATIVO DI ANIMAZIONE 2014/2015 PROGRMM SOCIO EDUCTIVO DI NIMZIONE 2014/2015 PRESENTZIONE DELLE TTIVIT' EDUCTIVE INTEGRTE ORDINRIE MENSILI - SETTIMNLI ED EXTR ORDINRIE DI NIMZIONE. Relazione e comunicazione : interventi educativi individuali

Dettagli

E-LEARNING SU MOODLE PIATTAFORMA

E-LEARNING SU MOODLE PIATTAFORMA P 6 FORMAZIONE N 74 Denominzione progetto E-LEARNING SU MOODLE PIATTAFORMA Responsbile progetto e-mil rmndo.ruggeri@lcero.it PROF. RUGGERI ARMANDO Formzione di bse per l'uso l pittform moodle per l relizzzione

Dettagli

nelle aziende del Gruppo Comune di Roma 10. Pari opportunità di genere 10.1 Obiettivi dell analisi

nelle aziende del Gruppo Comune di Roma 10. Pari opportunità di genere 10.1 Obiettivi dell analisi 10. Pri opportunità di genere nelle ziende del Gruppo Comune di Rom 10.1 Obiettivi dell nlisi Il 2007 è stto proclmto d prte dell Unione Europe, con decisione n. 771/2006/CE, nno per le pri opportunità

Dettagli

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP NORMATIVA ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP A cur di Libero Tssell d Scuol&Scuol del 21/10/2003 Riferimenti normtivi: rt. 21 e 33 5.2.1992 n. 104 e successive modifiche ed integrzioni, Dlgs.

Dettagli

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti prot. Istituto di Previdenz e Assistenz RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti SpzIo RISeRVTo ll Ip Cndidto punteggio esito Il sottoscritto (iscritto ll Ip) nto/ il residente in

Dettagli

Allegato alla D.G. n. 20 del 20 febbraio 2012 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA C.C.I.A.A. DI ASCOLI PICENO TRIENNIO 2012-2014

Allegato alla D.G. n. 20 del 20 febbraio 2012 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA C.C.I.A.A. DI ASCOLI PICENO TRIENNIO 2012-2014 Allegto ll D.G. n. 20 del 20 febbrio 2012 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA C.C.I.A.A. DI ASCOLI PICENO TRIENNIO 2012-2014 1 Sommrio 1. Dti d pubblicre... 3 2. Modlità di pubbliczione

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA ll ASSUNZIONE e ll CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornt l 30 settembre 2014 PROGRAMMA POT Pinificzione Territorile Opertiv PROGRAMMA POT Pinificzione

Dettagli

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti prot. Istituto di Previdenz e Assistenz RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti SpzIo RISeRVTo ll Ip Cndidto punteggio esito Il sottoscritto (iscritto ll Ip) residente in vi /pizz

Dettagli

Il Dirigente scolastico

Il Dirigente scolastico ISITUTO COMPRENSIVO STATALE TORELLI FIORITTI Pizz dell Repubblic n.33-71011 APRICENA (FG) Tel. e Fx 0882 / 641311 Indirizzo di post elettronic: fgic86800@istruzione.it - C.F.: 93061260712 Post certifict:

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME PIANO SOCIO ASSISTENZIALE 2012

COMUNE DI VALLIO TERME PIANO SOCIO ASSISTENZIALE 2012 COMUNE DI VALLIO TERME PIANO SOCIO ASSISTENZIALE 2012 -Pino socio ssistenzile 2012 L Assessorto i Servizi Socili in nome dell Amministrzione Comunle present il Pino Socio Assistenzile 2012, documento ttrverso

Dettagli

Più in alto voli, più lontano vedi. GCERTI ITALY ENTE DI CERTIFICAZIONE ACCREDITATO ACCREDIA

Più in alto voli, più lontano vedi. GCERTI ITALY ENTE DI CERTIFICAZIONE ACCREDITATO ACCREDIA Più in lto voli, più lontno vedi. GCERTI ITALY ENTE DI CERTIFICAZIONE ACCREDITATO ACCREDIA Certi ctions for high performnce Presentzione Aziendle / Compny Profile GCERTI ITALY è un ente di certificzione

Dettagli

Il TFR nel Bilancio 2007 * Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle **

Il TFR nel Bilancio 2007 * Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle ** I temi MAP (Liber consultzione) Il TFR nel Bilncio 2007 * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Il TFR è stto riformto con il D.Lgs. 05/12/2005, n. 252, concernente l disciplin

Dettagli

d.bisogno c. mi ss io ne iso gni Valorizzare la Villa reale 1 Rendere nuovamente la Villa Reale polo di attrazione e di promozione della città

d.bisogno c. mi ss io ne iso gni Valorizzare la Villa reale 1 Rendere nuovamente la Villa Reale polo di attrazione e di promozione della città nome politio deleghe od. ontesto polit i. d.sse finlità C. sse iso gni d.isogno. mi ss io ne d.missioni.p ro gr m m d.progrmm inditori Dirigente ssegntri o Progrmm.Pr d.progetto oget to resp. Progetto

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA ll ASSUNZIONE e ll CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornt l 31 gennio 2015 PROGRAMMA POT Pinificzione Territorile Opertiv PROGRAMMA POT Pinificzione

Dettagli

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 514 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 268 NUMERAZIONE GENERALE N. 10/07/2015.

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 514 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 268 NUMERAZIONE GENERALE N. 10/07/2015. COMUNE DI SUELLI SETTORE : Responsbile: Settore Tecnico NUMERAZIONE GENERALE N. 514 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 68 in dt 10/07/015 OGGETTO: CIG: ZD514AB0B - AFFIDAMENTO SERVIZIO DI RIPARAZIONE AUTOVETTURA

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL PROGRAMMA ANNUALE E.F. 2014

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL PROGRAMMA ANNUALE E.F. 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE «ANNA FRANK» P.ZZA MARTIRI N. 1-61020 MONTECALVO IN FOGLIA (PU) Tel. 0722 58288 Fx. 0722 58317 C.F. 82010660411 COD.MEC. PSIC80500E RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

SICU FORMULARIO PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI PROSPETTO RIEPILOGATIVO

SICU FORMULARIO PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI PROSPETTO RIEPILOGATIVO D restituire 60 giorni prim dell inizio dell evento PREVENZIONE INCENDI REZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI DATI DA COMPILARE OBBLIGATORIAMENTE A CURA DEL PARTECIPANTE:

Dettagli

io chiedo la pensione di vecchiaia

io chiedo la pensione di vecchiaia io chiedo l pensione di vecchii PROTOCOLLO INPDAP All'Inpdp sede di 01010101 Acquisizione di ftti o stti del richiedente ttrverso l esibizione del suo documento di riconoscimento. (Art.45 del Testo Unico

Dettagli

* codice c.py. CATEGORIA SERVIZ : 25 CPV:85312400-3 servizi di assistenza sociale ai sensi della d irettiva 20OqI4 CEE INVITA

* codice c.py. CATEGORIA SERVIZ : 25 CPV:85312400-3 servizi di assistenza sociale ai sensi della d irettiva 20OqI4 CEE INVITA ENTO DET servizio DI ASSISTENZA OGGETTO: AWISO Dl MANIFES socrale AREA AN zta$t ED ADv:L\ii DtFFtcoLrA' ' Periodo 01/01/2016 ' 31fi2/2016 IL RESPONSABIIE DEI SERVIZI SOCIALI E SOCIO ASSISTENZIALI RENDE

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA ll ASSUNZIONE e ll CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornt l 30 giugno 2014 PROGRAMMA POT Pinificzione Territorile Opertiv PROGRAMMA POT Pinificzione

Dettagli

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi 11. Attività svolt dll Agenzi, risorse e spetti orgnizztivi 11.1 Attività istituzionle svolt i sensi dell Deliberzione istitutiv In un vlutzione complessiv delle ttività svolte dll Agenzi i sensi dell

Dettagli

DICHIARO: Di voler riscuotere il prestito: in contanti presso l Istituto di Credito che effettua il servizio di Cassa per conto dell INPDAP

DICHIARO: Di voler riscuotere il prestito: in contanti presso l Istituto di Credito che effettua il servizio di Cassa per conto dell INPDAP io chiedo PROTOCOLLO INPDAP All'Inpdp - sede di Cod. 02010101 Io sottoscritto/ Acquisizione di ftti o stti del richiedente ttrverso l esibizione del suo documento di riconoscimento. (Art.45 del Testo Unico

Dettagli

. Elementicostitutividell,azienda o Classificazione delle aziende o I rapporti con l'ambiente r Globalizzazione dei mercati.

. Elementicostitutividell,azienda o Classificazione delle aziende o I rapporti con l'ambiente r Globalizzazione dei mercati. progrmm di Economi Aziendle Svolto nell clsse 3.M dell,l.l.s.s. Rmcc_plgoni Dl prof. Crmelo Origlio nell,/s 2OLS 16 L'ziend come sistem di trsformzione finlizzto:. Elementicostitutividell,ziend o Clssificzione

Dettagli

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE ISTITUZIONE SERVIZI EDUCATIVI SCOLASTICI CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CORREGGIO Vile dell Repubblic, 8 - Correggio (RE) 42015 tel. 0522/73.20.64-fx 0522/63.14.06 P.I. / C.F. n. 00341180354 PROVVEDIMENTO

Dettagli

-37 t+ -6MA62015 DELIBERAZIONE N. del Atti n. -/-

-37 t+ -6MA62015 DELIBERAZIONE N. del Atti n. -/- VIosPEoALE S^n.(GBr\R,,r,,1,,:r, ;,;;,; rr, r'-'-rr, "r,-^no -37 t+ -6MA62015 DELIBERAZIONE N. del Atti n. -/- KR/p Foglio n. 1 di 4 OGGETTO: decreto 19 mrzo 2015 - ggiornmento dell regol tecnic di prevenzione

Dettagli

Sistema di di Gestione della Sicurezza delle Informazioni a norma ISO ISO 27001. Relatore Gianluca Visentini

Sistema di di Gestione della Sicurezza delle Informazioni a norma ISO ISO 27001. Relatore Gianluca Visentini Sistem dell norm Reltore Ginluc Visentini Sistem Sistem dell dell norm norm Informzione: il risultto dell rccolt e dell elborzione dti elementri, significtivi e utili l processo decisionle. Le informzioni

Dettagli

ALLEGATO 6 DEL CUCIND DEL 18 MAGGIO

ALLEGATO 6 DEL CUCIND DEL 18 MAGGIO ALLEGATO DEL CUCIND DEL 18 MAGGIO 2012 POLITECNICO DI BARI CLASSE LM-33 INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA MECHANICAL ENGINEERING (2 ND DEGREE

Dettagli

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Al termine di ciscun periodo d impost, dopo ver effettuto le scritture di ssestmento e rettific,

Dettagli

ROAD TO MATCHING SHARE&GROW Vademecum per avvicinarsi a Matching Live

ROAD TO MATCHING SHARE&GROW Vademecum per avvicinarsi a Matching Live ROAD TO MATCHING SHARE&GROW Vdemecum per vvicinrsi Mtching Live Un evento promosso d Powered by Medi Prtner Seguici e condividi VADEMECUM IN SEMPLICI STEP PER PARTECIPARE A MATCHING L presenz Mtching Shre&Grow

Dettagli

[Preambolo] Livellamento remunerativo Italia-Europa

[Preambolo] Livellamento remunerativo Italia-Europa Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 Gzzett Ufficile 6 luglio 2011, n. 155 Disposizioni urgenti per l stbilizzzione finnziri. Convertito in legge, con modificzioni, dll'rt.1 L. 15.07.2011, n.111 con decorrenz

Dettagli

Desk CSS-KPMG Innovare la PA. Presentazione del progetto di ricerca Organization Review. Luciano Hinna

Desk CSS-KPMG Innovare la PA. Presentazione del progetto di ricerca Organization Review. Luciano Hinna Desk CSS-KPMG Innovre l PA Presentzione del progetto di ricerc Orgniztion Review Lucino Hinn Obiettivo del progetto Mettere punto un nuov metodologi, intes come strumento d consegnre lle pubbliche mministrzioni

Dettagli

All'Inpdap - sede di. Prov.

All'Inpdap - sede di. Prov. io chiedo PROTOCOLLO INPDAP All'Inpdp - sede di Cod. 02010101 Io sottoscritto/ Acquisizione di ftti o stti del richiedente ttrverso l esibizione del suo documento di riconoscimento. (Art.45 del Testo Unico

Dettagli

Verifica finale del modulo su programmazione e budget nelle imprese industriali e bancarie

Verifica finale del modulo su programmazione e budget nelle imprese industriali e bancarie di Mrgherit Amici supervisore Ssis Lzio Strumenti 35 APRILE/MAGGIO 2005 Verific finle del modulo su progrmmzione e budget nelle imprese industrili e bncrie Acompletmento dell rticolo pubblicto sul n. 34

Dettagli

Il Database Topografico Regionale

Il Database Topografico Regionale Il Dtbse Topogrfico Regionle Stefno Olivucci Stefno Bonretti Servizio Sttistic ed Informzione Geogrfic Il Dtbse Topogrfico Regionle Rppresent il nucleo portnte dell infrstruttur regionle reltiv i dti territorili

Dettagli

D.A.M.S. Legge sulla privacy D.Lgs 196/2003 e Codice della Privacy in merito alle misure di sicurezza per la protezione dei dati personali

D.A.M.S. Legge sulla privacy D.Lgs 196/2003 e Codice della Privacy in merito alle misure di sicurezza per la protezione dei dati personali D.A.M.S. Legge sull privcy D.Lgs 196/2003 e Codice dell Privcy in merito lle misure di sicurezz per l protezione dei dti personli Il presente documento intende fornire un prim vlutzione sui criteri tecnici

Dettagli

Guida alle agevolazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica. - Luglio 2009 -

Guida alle agevolazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica. - Luglio 2009 - Guid lle gevolzioni fiscli per gli interventi di riqulificzione energetic - Appendice Guid lle gevolzioni fiscli per gli interventi di riqulificzione energetic - Luglio 2009 - APPENDICE Normtiv di legge,

Dettagli

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione Serie dei Trttti Europei - n 47 Convenzione sull'unificzione di tluni elementi del diritto dei revetti d'invenzione Strsurgo, 27 novemre 1963 Trduzione ufficile dell Cncelleri federle dell Svizzer Gli

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA AREA R'SORSE UMANE E ORGANIZAZONE S ERVIZI O ORG AN IZZAZI O N E E I N N OVAZI ON E Plzzo del Mino - Vi Mentn,4-27100 Pvi Telefono 0382 984966-4969- 4979 - fx 0382 984970 Responsbile: Dott.ss llen POMICI

Dettagli

CENTRO DI RESPONSABILITA' "A"

CENTRO DI RESPONSABILITA' A PREENTIO FINANZIARIO GESTIONALE PLURIENNALE ES. 2015 2016 2017 CONSORZIO DI BONIFICA 4 CALTANISSETTA Residui ttivi presunti ll fine dell'nno in dell'nno in per l'nno 2015 Previsioni di css per l'nno 2015

Dettagli

io chiedo All'Inpdap - sede di Prov.

io chiedo All'Inpdap - sede di Prov. io chiedo PROTOCOLLO INPDAP All'Inpdp - sede di Cod. 02010101 Io sottoscritto/ Acquisizione di ftti o stti del richiedente ttrverso l esibizione del suo documento di riconoscimento. (Art.45 del Testo Unico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M LE FONTI DI FINANZIAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Le fonti di finnzimento in un società comprendono: ) il cpitle socile b) il cpitle di credito c) l utofinnzimento

Dettagli

LANGUAGYM è la prima palestra linguistica del distretto ceramico.

LANGUAGYM è la prima palestra linguistica del distretto ceramico. LANGUAGYM è l prim plestr linguistic del stretto cermico. Corsi moderni e ttività fuori ul per fvorire l uso delle lingue nell vit quotin e nel lvoro. CHI SIAMO CERFORM è l Associzione Riconosciut per

Dettagli

CARTA ACQUISTI CHE COSA È E COSA FARE PER OTTENERLA Beneficiario con 65 anni o più

CARTA ACQUISTI CHE COSA È E COSA FARE PER OTTENERLA Beneficiario con 65 anni o più CARTA ACQUISTI CHE COSA È E COSA FARE PER OTTENERLA Beneficirio con 65 nni o più L Crt Acquisti è un normle crt di pgmento elettronico, ugule quelle che sono già in circolzione e mpimente diffuse nel nostro

Dettagli

io chiedo All'Inpdap - sede di Prov.

io chiedo All'Inpdap - sede di Prov. io chiedo PROTOCOLLO INPDAP All'Inpdp - sede di Cod. 02010101 Io sottoscritto/ Acquisizione di ftti o stti del richiedente ttrverso l esibizione del suo documento di riconoscimento. (Art.45 del Testo Unico

Dettagli

FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE

FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE (disposizioni di trsprenz i sensi dell rt. 2 comm 5 D.L. 29.11.2008 n. 185) Per tutte le condizioni

Dettagli

INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65%

INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65% INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65% IN COSA CONSISTE? L gevolzione consiste nel riconoscimento di detrzioni dll impost IRPEF / IRES,

Dettagli

Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 6 luglio 2011, n. 155. [Preambolo]

Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 6 luglio 2011, n. 155. [Preambolo] www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 Gzzett Ufficile Repubblic Itlin 6 luglio 2011, n. 155 Disposizioni urgenti per l stbilizzzione finnziri. [Mnovr d'estte 2011] Convertito

Dettagli

formato EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

formato EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE formato EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PAOLA GAZZOLO E-mil Nzionlità Dt di nscit Itlin 11/08/1966 Dte (d -) Tio di imiego D gennio 201O WORKOPP SPA- Strdone Frnese, 3- Picenz

Dettagli

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Anno accademico 2012-2013. Consiglio del 22/02/2013 Indice

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Anno accademico 2012-2013. Consiglio del 22/02/2013 Indice Anno ccdemico 212-213 Consiglio del 22/2/213 Indice 1.1 - Approvzione verble dell sedut del 3/1/213... 5 2.1 - Comuniczioni... 5 3.1 - Rtific provvedimento d urgenz n. 4 del 12/2/213: rinnovo ssegno di

Dettagli

1. Indicare se le seguenti affermazioni sono VERE o FALSE VERO FALSO

1. Indicare se le seguenti affermazioni sono VERE o FALSE VERO FALSO 1. Indicre se le seguenti ffermzioni sono VERE o FALSE VERO FALSO Nel codice civile non sono presenti principi contbili. Per correttezz tecnic come clusol generle di formzione del bilncio si intende conoscenz

Dettagli