ISTITUTO DI ISTRUZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO DI ISTRUZIONE"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE Lorenzo Guetti TIONE DI TRENTO Liceo con indirizzi: Scientifico, Scientifico con opzione scienze applicate, Linguistico, Scienze umane e Scientifico delle professioni del turismo in montagna - Istituto tecnico con indirizzi: Amministrazione, finanza e marketing, Economico turismo, Costruzioni, ambiente e territorio, Costruzioni, ambiente e territorio con opzione legno, Tecnico tecnologico - Corsi serali con indirizzi: Amministrazione, finanza e marketing, Economico turismo, Costruzioni, ambiente e territorio. Anno Scolastico 2014/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V Amministrazione Finanza e Marketing Tione di Trento, 15 maggio Prot. N. 2766/7.5

2 I s t i t u t o d i I s t r u z i o n e L o r e n z o G u e t t i T i o n e d i T r e n t o ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (L. 425/97-DPR 323/98 art. 5.2) Anno Scolastico 2014/2015 Tione di Trento, 15 maggio 2015 Prot. N. 2766/7.5 Documento predisposto dal Consiglio di classe V AFM sez. A INDICE DEL CONTENUTO : A. Composizione del Consiglio di Classe Membri interni della Commissione pag. 2 B. Elenco dei candidati pag. 3 C. Scheda informativa generale sulla scuola pag. 4 D. Scheda informativa generale sulla classe pag. 7 E. Scheda per le valutazioni pag. 8 F. Scheda informativa sulle attività curricolari ed extra-curricolari pag. 11 G. Scheda informativa sulla realizzazione di verifiche multidisciplinari pag. 13 H. Scheda obiettivi didattico-educativi generali pag. 16 I. Schede informative analitiche relative alle materie d esame pag. 17 I1. Italiano pag. 18 I2. Storia pag. 22 I3. Inglese pag. 24 I4. Tedesco pag. 27 I5. Matematica pag. 29 I6. Economia Aziendale pag. 37 I7. Diritto Pubblico pag. 40 I8. Scienza delle Finanze pag. 43 I9. Scienze motorie e sportive pag. 47 I10. Insegnamento della Religione Cattolica pag. 48 Firme dei componenti del consiglio di classe pag. 50 Firme per presa atto studenti pag. 51 1

3 A. COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Dott.ssa Tiziana Gulli Dirigente scolastico COMPONENTE DEI DOCENTI DOCENTE MATERIA NOTE Anna Alamia Tedesco Membro della Commissione Armida Ceranelli Religione Luca Maccabelli Matematica Membro della Commissione Guido Mattina Scienze Motorie e Sportive Matilde Mustaccioli ITP di Economia Aziendale Giuliana Salvaterra Economia Aziendale Spada Nicola Diritto Pubblico Coordinatore di classe Scienza delle Finanze Annalisa Titta Inglese Giuseppina Zanelli Italiano Storia Membro della Commissione Rappresentanti dei genitori Jessica Cimarolli Daniela Quarta Rappresentanti degli studenti 2

4 B. ELENCO DEI CANDIDATI La classe V AFM sez. A è composta dai seguenti diciotto studenti candidati all Esame di Stato conclusivo del corso di studi: ANTOLINI BALLARDINI BAZZANI BERTINI BRENA CHAFOUK CIMAROLLI DADO FANTOMA FRANCHI GRIGORENCO IORI IORI MAESTRI NICOLUSSI QUARTA VALERIO VENDER LARA SONIA GIADA NICOLA FEDERICO OMAR JESSICA ALESSIA ELENA GUIDO ANGELA DANIEL LORIS CHIARA ALESSIA DANIELA LUDOVINA ALBERTO 3

5 C. SCHEDA INFORMATIVA GENERALE SULLA SCUOLA Breve storia dell Istituto L Istituto di Istruzione di Tione nasce come scuola autonoma e dotata di personalità giuridica nel settembre 2000, in seguito all accorpamento dell Istituto Tecnico Luigi Einaudi e del Liceo Primo Levi. I due Istituti, che hanno dato origine all attuale Istituto di Istruzione, dal 1986 hanno condiviso la sede nell edificio di via Durone; vantano peraltro storie distinte e identità specifiche cui è utile accennare. L Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri Luigi Einaudi è nato alla fine degli anni Sessanta come sezione staccata degli Istituti Tecnici Antonio Tambosi e Andrea Pozzo di Trento e ha raggiunto la piena autonomia nel 1976; nel 1994 ha avviato un biennio Tecnico Industriale, nel 1996 ha introdotto per la Ragioneria la programmazione I.G.E.A. (Indirizzo Giuridico Economico Aziendale) e nel 1998 il progetto SIRIO (Corsi serali) per studenti adulti lavoratori, con gli indirizzi Ragioneria e Geometri. Il Liceo Scientifico di Tione ha preso avvio nel 1973 come sezione staccata prima del Liceo Galileo Galilei, poi del Liceo Leonardo da Vinci di Trento. Il Liceo, divenuto autonomo dal primo settembre 1996, accanto a quello Scientifico, ha avviato nel 1988 l indirizzo Linguistico e nel 1996 l indirizzo Sociopsicopedagogico. Il nuovo Istituto di Istruzione nel 2004 ha ulteriormente arricchito l offerta formativa introducendo il Liceo delle Scienze Sociali (corso serale), nel 2005, unico in provincia, il Liceo Scientifico per le Professioni del Turismo di Montagna e nel 2006 i Corsi liberi per adulti. Nel mese di maggio 2006 l Istituto di Istruzione è stato intitolato a Lorenzo Guetti, il sacerdote giudicariese padre fondatore della Cooperazione trentina. Con l anno scolastico l Istituto, a seguito della Riforma nazionale e provinciale della scuola superiore, ha ampliato la sua proposta formativa rinnovando nelle classi prime gli indirizzi già esistenti e introducendo i nuovi percorsi Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate e Indirizzo Tecnico Turismo oltre all indirizzo Amministrazione finanza e marketing. 4

6 Il contesto e gli impegni della nostra Scuola Gli studenti del nostro Istituto provengono dall intero Comprensorio delle Giudicarie, un territorio molto esteso con numerosi piccoli centri distribuiti in quattro aree omogenee corrispondenti alla Busa di Tione, alle Giudicarie Esteriori, alla Val Rendena e alla Valle del Chiese. A Tione si concentrano i servizi e le attività del terziario in genere, la Val Rendena ha una spiccata vocazione turistica, nelle Giudicarie Esteriori sono fiorenti agricoltura e turismo, nella Valle del Chiese prevalgono l industria e l artigianato. Al di là di queste caratterizzazioni particolari, le Giudicarie sono accomunate dall essere terra di montagna sempre più aperta ed esposta agli influssi del mondo e alle trasformazioni sociali e culturali vertiginose degli ultimi decenni. Con gli attuali fenomeni legati alla globalizzazione, che nascondono insidie e ricchezza, questo territorio è chiamato, come gli altri, a fare i conti, interagendo con essi a partire dai suoi presidi forti che sono le famiglie e un tessuto associativo e istituzionale responsabile e capace di grandi sforzi di integrazione. Non è facile tuttavia rispondere a questa sfida che investe specialmente i giovani e di conseguenza la scuola, quella secondaria in particolar modo, che è il luogo di aggregazione e di confronto più ampio e dinamico della nostra comunità e sede di incontro e di sintesi dei suoi sforzi formativi. L istituto Lorenzo Guetti cerca di attivare un offerta culturale all altezza dei suoi compiti istituzionali e delle attese espresse dalla popolazione giudicariese. Ascoltando le esigenze e i progetti delle componenti sociali del territorio e utilizzando le risorse umane, tecniche, finanziarie e organizzative di cui dispone, ha elaborato un Progetto di Istituto orientato al raggiungimento di obiettivi legati ai bisogni e alle aspirazioni di giovani che vivono in un mondo di grandi opportunità e di diffuso benessere, ma nel quale sono sempre maggiori le difficoltà di inserimento e nel quale la concorrenza rende sempre più importante una solida preparazione ed una spiccata capacità di adeguare il proprio comportamento alle trasformazioni che sono continuamente in atto. A questi obiettivi ci si avvicina, come si è detto, con una articolata offerta culturale, prima di tutto attraverso i piani di studi dei diversi indirizzi e quindi attraverso una molteplicità organizzata di progetti di vario genere a partire da quelli più generali e formativi del biennio, fino ad arrivare a quelli più mirati e professionalizzanti del triennio. 5

7 L articolazione e la completezza dell offerta formativa diventa tanto più importante in una zona periferica come la nostra, che risente sicuramente di una certa difficoltà conseguente alla lontananza dai centri maggiori, soprattutto nel permettere e agevolare la prosecuzione degli studi; esistono sicuramente e talvolta diventano pesanti i vincoli derivanti dal pendolarismo, così come da un certo turn over degli insegnanti, che condiziona, almeno in parte, la continuità degli apprendimenti. Pur nella necessità di adeguarsi al mondo che la circonda, la scuola non deve cadere nel rischio legato all omologazione, alla rinuncia a personalizzare e territorializzare in senso positivo i propri percorsi. Il personaggio di cui questa scuola porta il nome - Lorenzo Guetti è un richiamo all unico antidoto ai rischi menzionati: mobilitarsi per raggiungere insieme i traguardi che devono essere raggiunti come singoli e comunità. 6

8 D. SCHEDA INFORMATIVA GENERALE SULLA CLASSE Presentazione della classe Presentazione della classe La classe 5^ sez. A dell indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing è composta da 18 studenti (11 femmine e 7 maschi) ed è, nel nostro Istituto, la prima classe quinta dell indirizzo riformato che affronta l Esame di Stato. Nel corso del quinquennio la sua conformazione della classe ha subito varie trasformazioni, nel primo biennio a causa sia di alcune bocciature che di nuove entrate. Nel terzo anno gli studenti sono stati chiamati a scegliere tra i due indirizzi presenti in Istituto: Amministrazione, Finanza e Marketing e Tecnico Turistico. La classe 3 AFM, era composta da 20 studenti, sette maschie e tredici femmine. A conclusione del terzo e del quarto anno, a causa di studenti non ammessi alla classe successiva e di studenti trasferiti (in entrata ed in uscita), si è arrivati all attuale composizione. La situazione descritta non ha favorito, nel corso del triennio, una forte coesione del gruppo classe, ciò anche a causa di alcune personalità ormai ben caratterizzate. Nonostante ciò nella seconda parte di questo anno scolastico è prevalso l impegno profuso da tutti gli studenti a superare atteggiamenti particolaristici a vantaggio di una visione più aperta e matura verso l altro. Anche le relazioni interpersonali tra gli studenti e i vari docenti hanno evidenziato la tendenza ad una evoluzione positiva durante gli ultimi tre anni scolastici. Nel corso del triennio i risultati scolastici sono stati nel complesso soddisfacenti; la classe si è caratterizzata per la disponibilità al lavoro in aula, mostrandosi interessata alle varie proposte educative. E da segnalare comunque l atteggiamento di alcuni studenti talvolta poco inclini al lavoro autonomo, i quali hanno evidenziato, in alcune circostanze, una partecipazione poco efficace al dialogo educativo. Tuttavia non mancano casi di studentesse e studenti che sono riusciti a conseguire risultati molto positivi e apprezzabili in tutte le discipline. Le proposte didattiche offerte dai docenti, finalizzate all approfondimento disciplinare e all arricchimento culturale, sono sempre state accolte con interesse. Nel corso del triennio la classe si è distinta partecipando ad alcune iniziative concorsuali; quest anno ha conseguito il secondo posto in ambito provinciale partecipando ad una iniziativa sulla tematica del lavoro promossa dal Consiglio Provinciale della PAT. La classe ha anche affrontato per la prima volta il progetto CLIL (20 ore) con DL (Inglese) e DNL (Diritto Pubblico) relativo ai contenuti inerenti le Istituzioni europee. Il percorso didattico e formativo si è sviluppato in modo sostanzialmente conforme alla programmazione definita dal Consiglio di Classe. La classe, pur se non omogenea nel profitto e nell impegno, ha raggiunto un livello di preparazione complessivamente quasi discreto. 7

9 E. SCHEDA PER LE VALUTAZIONI Premessa Un problema particolarmente sentito da parte del Collegio Docenti è stato quello di uniformare i criteri di valutazione, soprattutto per quanto attiene alla corrispondenza tra voti decimali e obiettivi cognitivi e formativi raggiunti. Si ponevano quindi sul tema della valutazione problemi nuovi e complessi, su cui il Collegio Docenti ha dato un orientamento all azione dei Consigli di Classe nel tentativo di uniformarne il comportamento. Si tratta di un operazione certamente non riconducibile a soli calcoli aritmetici ed in cui intervengono obiettivi di diversa natura e complessità. In tal senso è importante sottolineare il fatto che la valutazione di fine periodo, soprattutto quella di fine anno, deve tenere conto: - dei livelli minimi di apprendimento; - del percorso di apprendimento; - del comportamento scolastico. Qui di seguito viene riportata la scheda predisposta dal Collegio dei Docenti per la determinazione dei criteri di corrispondenza tra voti decimali e livelli tassonomici. 8

10 Criteri di corrispondenza fra voti decimali e livelli tassonomici assunti dal Collegio Docenti VOTO CONOSCENZA ABILITA LINGUISTICHE ED ESPRESSIVE / FISICO- MOTORIE* Nessuna o gravemente lacunosa Inadeguata o frammentaria dei contenuti essenziali Molto superficiale e generica Conoscenza dei contenuti essenziali Conoscenza dei contenuti complessivi con un maggiore approfondime nto Conoscenza approfondita dei contenuti della materia 9 Ottima conoscenza dei contenuti con riferimenti culturali transdisciplina ri 10 Non risponde o presenta elaborati in bianco o gravemente scorretti Tecnica esecutiva molto scorretta e scarsa padronanza motoria Estrema povertà lessicale, uso improprio dei termini Tecnica esecutiva scorretta e limitato controllo della padronanza motoria Possiede un bagaglio lessicale limitato e presenta improprietà formali Imprecisione nell esecuzione ed impaccio in azioni motorie semplici Si esprime in forma quasi sempre corretta non utilizzando sempre la terminologia specifica Padroneggia sufficientemente singole azioni e movimenti complessi Possiede un bagaglio lessicale adeguato, si esprime con chiarezza ed utilizza linguaggi specifici La tecnica esecutiva è corretta Manifesta ricchezza nell esposizione e nell uso della terminologia disciplinare Il gesto è sicuro, preciso ed efficace Manifesta notevole ricchezza e fluidità nell esposizione e fa un ottimo uso della terminologia disciplinare Sa effettuare azioni motorie relative a tutte le proposte con la massima velocità, precisione, coordinazione ed espressione * In corsivo le voci specifiche per Educazione Fisica. ELABORAZIONE DEI CONTENUTI AUTONOMIA CRITICA IMPEGNO Nessuna Nessuna Inesistente Non sa applicare le conoscenze, commette gravi errori nella esecuzione di compiti semplici e non riesce a condurre analisi Commette errori non gravi nell applicazione e nell analisi dei contenuti Sa applicare le conoscenze ed è in grado di effettuare analisi parziali con qualche errore Sa applicare le conoscenze ed effettuare analisi Sa effettuare in modo autonomo collegamenti logici interdisciplinari con spunti di originalità Sa effettuare opportuni collegamenti tra le conoscenze acquisite e le sa organizzare in modo ben articolato e originale Non sa sintetizzare né elaborare le conoscenze neppure se orientato Coglie solo parzialmente gli aspetti essenziali e non ha autonomia nella rielaborazione delle conoscenze Sa effettuare sintesi, ma ha rari spunti di autonomia E capace di approfondimenti E capace di approfondimenti personali e dimostra autonomia nella rielaborazione E capace di approfondimenti personali e dimostra autonomia e capacità di elaborare criticamente le conoscenze acquisite Scarsi impegno e partecipazione alle proposte didattiche Impegno e partecipazione discontinui. Non rispetta sempre gli impegni. Si distrae facilmente Partecipa alle lezioni ed assolve agli impegni Partecipa costantement e facendo fronte agli impegni con continuità Dimostra un impegno propositivo ed una partecipazione costruttiva Dimostra un impegno propositivo ed una partecipazione costruttiva I parametri già assunti per il voto nove vengono estesi, a fronte di spiccata originalità, al voto dieci Come il precedente ma con apporti personali 9

11 Valutazione dei crediti scolastici Per l attribuzione del credito scolastico il Consiglio di Classe stabilisce di riservare particolare considerazione all impegno, all assiduità nella frequenza, alla partecipazione e all interesse mostrato dagli alunni nel dialogo educativo. Valutazione dei crediti formativi I docenti concordano di prendere in considerazione, ai fini del credito formativo, le attività previste dalla tabella per il riconoscimento dei crediti formativi approvata nel Collegio dei Docenti del 18 febbraio 2009 e successive integrazioni. Valutazione delle prove multidisciplinari Per proporre agli studenti un tipo di valutazione che ricalchi quella che sarà attribuita alla Terza Prova dell Esame di Stato, il voto è stato assegnato in quindicesimi e poi convertito in decimi secondo la tabella di corrispondenza di seguito riportata e ripresa dal Progetto di Istituto. Quindicesimi Decimi Quindicesimi Decimi Quindicesimi Decimi 1 1,00 6 3, ,80 1,25 1,14 6,25 3,92 11,25 7,00 1,5 1,28 6,5 4,06 11,5 7,20 1,75 1,42 6,75 4,19 11,75 7,40 2 1,56 7 4, ,60 2,25 1,69 7,25 4,47 12,25 7,80 2,5 1,83 7,5 4,61 12,5 8,00 2,75 1,97 7,75 4,75 12,75 8,20 3 2,11 8 4, ,40 3,25 2,25 8,25 5,03 13,25 8,60 3,5 2,39 8,5 5,17 13,5 8,80 3,75 2,53 8,75 5,31 13,75 9,00 4 2,67 9 5, ,20 4,25 2,81 9,25 5,58 14,25 9,40 4,5 2,94 9,5 5,72 14,5 9,60 4,75 3,08 9,75 5,86 14,75 9,80 5 3, , ,00 5,25 3,36 10,25 6,20 5,5 3,50 10,5 6,40 5,75 3,64 10,75 6,60 10

12 F. SCHEDA INFORMATIVA SULLE ATTIVITÀ CURRICOLARI ED EXTRA-CURRICOLARI Il quadro orario durante il corso di studi Tecnico commerciale IGEA è indicato nella tabella sotto riportata. Le lezioni sono state effettuate in momenti della durata di 50 minuti con la seguente scansione settimanale: dal lunedì al venerdì dalle ore 8 05 alle il sabato dalle ore 8 05 alle ORARIO SETTIMANALE DELLE LEZIONI INDIRIZZO TECNICO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO DISCIPLINE 1ª 2ª 3ª 4ª 5ª LINGUA E LETTERATURA ITALIANA STORIA LINGUA TEDESCA LINGUA INGLESE MATEMATICA SCIENZE INTEGRATE (Scienze della Terra e Biologia) SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE/ ATTIVITÀ ALTERNATIVE TOTALE AREA COMUNE A LICEI E TECNICI SCIENZE INTEGRATE (FISICA) SCIENZE INTEGRATE (CHIMICA) GEOGRAFIA INFORMATICA* 2 2 2(1)* 2(1)* - LINGUA TEDESCA ECONOMIA AZIENDALE* 2 2 7(1)* 8(1)* 9(2)* DIRITTO ED ECONOMIA DIRITTO ECONOMIA POLITICA * Triennio lezione in compresenza con l insegnante tecnico pratico TOTALE LEZIONI

13 Attività curricolari, extracurricolari ed integrative svolte nel corso della Classe quinta Argomento/Titolo Progetto Benessere Corso di primo Soccorso Materie coinvolte Scienze Motorie e Sportive Contenuti Assistenza in attesa del medico o dell ambulanza Obiettivi Fornire agli studenti conoscenze di base relative alle operazioni di primo Soccorso Progetto Orientamento triennio università e postdiploma Tutte Incontri con esperti e orientaday Favorire una scelta consapevole in ambito universitario e lavorativo Progetto Orientamento triennio stage formativi Economia Aziendale Incontri con esperti esterni sul funzionamento del mercato dei capitali Avvicinare in modo concreto gli studenti al mondo economico istituzionale Progetto Istituzioni Diritto Italiano Partecipazione concorso promosso dal Consiglio Provinciale sul tema del lavoro. Affrontare argomenti di attualità che trovano collegamento con i contenuti disciplinari dell anno in corso Progetto Apollo Italiano Storia La guerra nei canti popolari tra esaltazione patriottica e protesta. Individuare legami e collegamenti tra musica, storia e letteratura Progetto Astalli I.R.C. 12

14 G. SCHEDA INFORMATIVA SULLA REALIZZAZIONE DI VERIFICHE MULTIDISCIPLINARI Il Consiglio di Classe, il giorno 3 ottobre 2013, si è riunito al fine di programmare prove di verifica sul modello della Terza Prova prevista dal nuovo Esame di Stato. In tale sede, sulla base della normativa vigente, i docenti hanno stabilito le materie oggetto di verifica, la tipologia delle prove e fissato un calendario. Tra le diverse tipologie di Terza Prova proposte dal Ministero, i docenti concordano di adottare il modello B che prevede quesiti a risposta singola. Infatti tale tipo di prova rispecchia l'effettiva pratica didattica mediamente applicata nella classe e pertanto è più familiare agli alunni. Si precisa inoltre che le materie di ciascuna prova sono state cinque e che i quesiti sono stati due per materia. Ogni risposta è stata valutata in quindicesimi. Nella seguente tabella si sintetizzano tipologia, materie, date e tempo concesso durante le prove effettuate: Tipologia Materie Data Tempo B Scienze delle Finanze, Tedesco, 02/12/2014 Inglese, Matematica, Storia. 150 minuti B Inglese, Scienze Motorie, Tedesco, Matematica, Storia. 08/05/ minuti Testi delle domande inserite nelle simulazioni di terza prova svolte nel corrente anno scolastico 2 DICEMBRE 2014 TIPOLOGIA B DISCIPLINE: FINANZA PUBBLICA - INGLESE - MATEMATICA STORIA TEDESCO MATERIA: FINANZA PUBBLICA QUESITO n. 1: Definire e commentare la differenza tra le spese produttive e redistributive. QUESITO n. 2: Definire e commentare la differenza tra Imposte dirette e imposte indirette 13

15 MATERIA: INGLESE QUESITO n. 1: Outline and discuss the elements of a good, effective CV. QUESITO n. 2: Compare and contrast two of the most common methods of payment. MATERIA: MATEMATICA QUESITO n. 1: Data la funzione 3x + 4y 12 x + 3y 6 y 1 x 0 z = 5 x + 15y + 8 con i vincoli determina: a) Il grafico dell area ammissibile b) Il grafico dell area ammissibile con le curve livello c) Eventuali punti di massimo e di minimo QUESITO n. 2: 2 x + 4x y 0 x 1 3 y 2 Data la funzione z = y + 2x con i vincoli determina: a) Il grafico dell area ammissibile b) Il grafico dell area ammissibile con le curve livello c) Eventuali punti di massimo e di minimo MATERIA: STORIA QUESITO n. 1 : Indica quali furono le scelte e le iniziative di politica interna adottate da Giolitti. QUESITO n. 2: Spiega quali motivi e focolai di tensione tra le potenze europee generarono un clima politico e culturale favorevole all esplosione del primo conflitto mondiale. MATERIA: TEDESCO QUESITO n. 1: Scrivi una lettera sviluppando i seguenti punti: a Fai riferimento a... b Descrivi dettagliatamente la merce. c Indica : tempo di consegna, condizioni di consegna, pagamento. d Richiedi conferma dell'ordine. QUESITO n. 2: Die Flüsse und die Kanäle in Deutschland. 14

16 8 maggio 2015 TIPOLOGIA B DISCIPLINE: INGLESE MATEMATICA SCIENZE MOTORIE - STORIA TEDESCO MATERIA: INGLESE QUESITO n. 1: Write a reminder in the form of an including the following information: fai riferimento alla fattura n. 876, scaduta da tre mesi, per l importo di ; fai riferimento a 2 precedenti comunicazioni, del e 20.04, che non hanno ancora avuto risposta; fai presente che, in caso di difficoltà, siete disposti a valutare e discutere un piano di rientro, ad esempio versando il 50% subito via bonifico e il resto in rate mensili/trimestrali; fai presente che se non riceverete risposta entro la fine del mese sarete costretti a passare ad azioni legali; inizia e concludi in modo appropriato. QUESITO n. 2: Outline the functions of free trade areas (trading blocs) and discuss both the positive and negative social and economic consequences they have on international trade. MATERIA: MATEMATICA QUESITO n. 1: Un urna contiene 20 palline rosse, 30 bianche, 40 nere; una seconda urna ne contiene 10 rosse, 15 bianche, 35 nere; una terza 18 rosse, 12 bianche, 20 nere. Si estrae una pallina da un urna scelta a caso e si nota che questa è nera. Applicando il teorema di Bayes, si calcoli a) la probabilità che provenga dalla prima urna; b) la probabilità che non provenga dalla terza urna. QUESITO n. 2: Un urna contiene 15 palline gialle, 20 rosse e 25 blu. Le palline gialle sono numerate da 1 a 15, quelle rosse da 1 a 20, quelle blu da 1 a 25. Si estraggono due palline in blocco. Calcola la probabilità di ottenere: a) due palline blu; b) almeno una pallina dispari; c) due palline rosse dispari; d) due palline gialle o due palline pari; e) una pallina rossa ed una gialla; f) nessuna pallina rossa; g) due palline dello stesso colore. Nb: i risultati devono essere calcolati ed espressi in numeri decimali arrotondati. Esempio: 0,3246 MATERIA: SCIENZE MOTORIE QUESITO n. 1: Elenca, descrivendoli brevemente, i fondamentali individuali della pallavolo. QUESITO n. 2: Vestendo i panni di un soccorritore occasionale appena arrivato sul luogo di un incidente, descrivi " gli interventi " da attuare su un infortunato che necessita di un BLS ( Basic Life Support), in attesa dell arrivo del 118. MATERIA: STORIA QUESITO n. 1 : Spiega che cosa accadde in Italia tra il 24 e il 25 luglio del 1943 e quali furono le conseguenze per il nostro Paese. QUESITO n. 2: Nel corso del secondo conflitto mondiale Mussolini cercò di condurre una sorta di guerra parallela rispetto alle iniziative di Hitler. In quali aree mise in atto questo tentativo e con quali esiti? MATERIA: TEDESCO QUESITO n. 1: Scrivi una lettera sviluppando i seguenti punti: Fai riferimento all ordine del 6 marzo, denuncia il mancato arrivo della merce entro il 6 aprile, sottolinea la necessità della consegna, indica una nuova data, fai riferimento ad eventuali conseguenze. QUESITO n. 2: Scrivi alla Camera di Commercio di.,sviluppando i seguenti punti: dai informazioni sulla tua ditta, motiva l invio della lettera, richiedi indirizzi di ditte. 15

17 H. SCHEDA OBIETTIVI DIDATTICO-EDUCATIVI GENERALI Obiettivi formativi Sono stati adottati gli obiettivi formativi trasversali indicati nel Progetto di Istituto. Obiettivi didattici Facendo riferimento agli assi culturali riconosciuti a livello europeo, il Consiglio di classe ha adottato: per le classi del primo biennio, le competenze di base, riferite alle competenze chiave di cittadinanza da acquisire nell assolvimento dell obbligo di istruzione, definite all interno del Progetto di Istituto; per le classi del secondo biennio e quinto anno, le competenze definite all interno del Progetto di Istituto, da acquisire al termine del percorso formativo. 16

18 I. SCHEDE INFORMATIVE ANALITICHE RELATIVE ALLE DISCIPLINE DELL ESAME DI STATO Premessa Nelle pagine successive sono riportate le schede analitiche relative a tutte le discipline: - Italiano - Storia - Inglese - Tedesco - Matematica - Economia Aziendale - Diritto Pubblico - Scienza delle finanze - Scienze Motorie e Sportive - Religione Per ogni singola materia sono descritte le seguenti voci: - Nome del docente - Libro di testo adottato - Eventuali altri sussidi didattici utilizzati - Programma dettagliato svolto nell anno scolastico - Attività integrative o extrascolastiche eventualmente svolte a supporto della materia - Metodologia didattica usata - Tipologia delle prove di verifica utilizzate per le valutazioni - Obiettivi raggiunti - Eventuali annotazioni 17

19 I1. ITALIANO Docente Zanelli Giuseppina Libro di testo adottato A. Dendi, E. Severina, A. Aretini Moduli di letteratura italiana ed europea volumi 6, 7, 8. Carlo Signorelli Editore. Altri sussidi didattici utilizzati Materiale integrativo in fotocopia. Schede di sintesi generale su correnti e autori. (Decadentismo. Pascoli. Confronto tra romanzo dell Ottocento e del Novecento. Tematiche principali delle opere di Pirandello. La poesia italiana tra le due guerre) Programma svolto L'ETA' DEL REALISMO. Il Positivismo: esaltazione della scienza e fiducia nel progresso. La rappresentazione del reale nella letteratura europea. Il Naturalismo francese. IL VERISMO. Rapporti con il Naturalismo francese: affinità e differenze. Aspetti e limiti. GIOVANNI VERGA Le opere e la poetica. Temi e motivi principali, nuove tecniche narrative. Il mito del progresso e i "vinti". Da Vita dei campi: Rosso Malpelo Fantasticheria Cavalleria rusticana La lupa I Malavoglia: conoscenza generale del contenuto e lettura di alcuni passi dell opera. La famiglia Toscano La visita del consolo L addio di Ntoni Da Novelle rusticane: Liberta' La roba IL DECADENTISMO. Contesto storico e socio-economico. Il rifiuto del Positivismo e il senso della fine di un epoca. 18

20 Poetica e miti. Estetismo e superomismo. Il Simbolismo. Esempi stranieri. Baudelaire: da I fiori del male : Corrispondenze; L albatro. PROTAGONISTI E TENDENZE DEL DECADENTISMO ITALIANO. I Crepuscolari. Guido Gozzano: L amica di nonna Speranza. Le avanguardie. Il Futurismo. Manifesto del Manifesto tecnico della Letteratura futurista. GIOVANNI PASCOLI Vita e opere. Caratteri decadenti, novità tematiche e formali della produzione poetica. La fuga dal mondo e il rifugio nella dimensione privata del nido familiare; il mondo della natura e dei campi; la lettura simbolica del reale. Da Myricae: Lavandare Novembre Il lampo Il tuono L assiuolo Dai Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno Nebbia Passi da Il fanciullino GABRIELE D'ANNUNZIO Vita e fasi della produzione poetica. Estetismo e mito del superuomo; la vita come opera d arte. Da Il Piacere : Andrea Sperelli, figura esemplare di esteta decadente. (In fotocopia) Da Alcyone : La sera fiesolana La pioggia nel pineto Da Le vergini delle rocce : Il manifesto ideologico del Superuomo. (In fotocopia) IL NUOVO ROMANZO DEL NOVECENTO. Confronto con il romanzo dell'ottocento. Novità formali e tematiche. Cenni ad esempi stranieri. ITALO SVEVO 19

21 Tematiche principali dei romanzi. Il superamento della narrativa naturalistica. Il rapporto personaggio-realtà. L'Antieroe o inetto. La coscienza di Zeno : conoscenza generale del contenuto e lettura di alcuni passi dell'opera. Il vizio del fumo Un inatteso fidanzamento Il ritratto di Augusta LUIGI PIRANDELLO Assurdo e tragico nella condizione umana. Relatività del reale. Il tema della maschera e dell incomunicabilità. La gabbia delle convenzioni sociali e la follia. Da Novelle per un anno : Il treno ha fischiato La signora Frola e il signor Ponza, suo genero Il fu Mattia Pascal: conoscenza generale del contenuto dell opera. Uno, nessuno e centomila: conoscenza generale del contenuto dell opera. Le novità del teatro pirandelliano. LA POESIA ITALIANA TRA LE DUE GUERRE. Caratteri generali; tendenze e linee di sviluppo; protagonisti principali. L Ermetismo. GIUSEPPE UNGARETTI La ricerca dell essenzialità della parola e la frantumazione del verso. L esperienza drammatica della guerra. Da L allegria Veglia Soldati San Martino del Carso Fratelli EUGENIO MONTALE Il male di vivere. Negatività dell esistenza e ricerca del varco. Il correlativo oggettivo. Da Ossi di seppia : I limoni Spesso il male di vivere Non chiederci la parola Da Le occasioni : La casa dei doganieri UMBERTO SABA La scelta della diversità rispetto alle avanguardie del primo Novecento. La riscoperta di un linguaggio antico e la poesia della vita quotidiana. 20

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La ricerca operativa

La ricerca operativa S.S.I.S. PUGLIA Anno Accademico 2003/2004 Laboratorio di didattica della matematica per l economia e la finanza La ricerca operativa Prof. Palmira Ronchi (palmira.ronchi@ssis.uniba.it) Gli esercizi presenti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli