ISTITUTO DI ISTRUZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO DI ISTRUZIONE"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE Lorenzo Guetti TIONE DI TRENTO Liceo con indirizzi: Scientifico, Scientifico con opzione scienze applicate, Linguistico, Scienze umane e Scientifico delle professioni del turismo in montagna - Istituto tecnico con indirizzi: Amministrazione, finanza e marketing, Economico turismo, Costruzioni, ambiente e territorio, Costruzioni, ambiente e territorio con opzione legno, Tecnico tecnologico - Corsi serali con indirizzi: Amministrazione, finanza e marketing, Economico turismo, Costruzioni, ambiente e territorio. Anno Scolastico 2014/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V Amministrazione Finanza e Marketing Tione di Trento, 15 maggio Prot. N. 2766/7.5

2 I s t i t u t o d i I s t r u z i o n e L o r e n z o G u e t t i T i o n e d i T r e n t o ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (L. 425/97-DPR 323/98 art. 5.2) Anno Scolastico 2014/2015 Tione di Trento, 15 maggio 2015 Prot. N. 2766/7.5 Documento predisposto dal Consiglio di classe V AFM sez. A INDICE DEL CONTENUTO : A. Composizione del Consiglio di Classe Membri interni della Commissione pag. 2 B. Elenco dei candidati pag. 3 C. Scheda informativa generale sulla scuola pag. 4 D. Scheda informativa generale sulla classe pag. 7 E. Scheda per le valutazioni pag. 8 F. Scheda informativa sulle attività curricolari ed extra-curricolari pag. 11 G. Scheda informativa sulla realizzazione di verifiche multidisciplinari pag. 13 H. Scheda obiettivi didattico-educativi generali pag. 16 I. Schede informative analitiche relative alle materie d esame pag. 17 I1. Italiano pag. 18 I2. Storia pag. 22 I3. Inglese pag. 24 I4. Tedesco pag. 27 I5. Matematica pag. 29 I6. Economia Aziendale pag. 37 I7. Diritto Pubblico pag. 40 I8. Scienza delle Finanze pag. 43 I9. Scienze motorie e sportive pag. 47 I10. Insegnamento della Religione Cattolica pag. 48 Firme dei componenti del consiglio di classe pag. 50 Firme per presa atto studenti pag. 51 1

3 A. COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Dott.ssa Tiziana Gulli Dirigente scolastico COMPONENTE DEI DOCENTI DOCENTE MATERIA NOTE Anna Alamia Tedesco Membro della Commissione Armida Ceranelli Religione Luca Maccabelli Matematica Membro della Commissione Guido Mattina Scienze Motorie e Sportive Matilde Mustaccioli ITP di Economia Aziendale Giuliana Salvaterra Economia Aziendale Spada Nicola Diritto Pubblico Coordinatore di classe Scienza delle Finanze Annalisa Titta Inglese Giuseppina Zanelli Italiano Storia Membro della Commissione Rappresentanti dei genitori Jessica Cimarolli Daniela Quarta Rappresentanti degli studenti 2

4 B. ELENCO DEI CANDIDATI La classe V AFM sez. A è composta dai seguenti diciotto studenti candidati all Esame di Stato conclusivo del corso di studi: ANTOLINI BALLARDINI BAZZANI BERTINI BRENA CHAFOUK CIMAROLLI DADO FANTOMA FRANCHI GRIGORENCO IORI IORI MAESTRI NICOLUSSI QUARTA VALERIO VENDER LARA SONIA GIADA NICOLA FEDERICO OMAR JESSICA ALESSIA ELENA GUIDO ANGELA DANIEL LORIS CHIARA ALESSIA DANIELA LUDOVINA ALBERTO 3

5 C. SCHEDA INFORMATIVA GENERALE SULLA SCUOLA Breve storia dell Istituto L Istituto di Istruzione di Tione nasce come scuola autonoma e dotata di personalità giuridica nel settembre 2000, in seguito all accorpamento dell Istituto Tecnico Luigi Einaudi e del Liceo Primo Levi. I due Istituti, che hanno dato origine all attuale Istituto di Istruzione, dal 1986 hanno condiviso la sede nell edificio di via Durone; vantano peraltro storie distinte e identità specifiche cui è utile accennare. L Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri Luigi Einaudi è nato alla fine degli anni Sessanta come sezione staccata degli Istituti Tecnici Antonio Tambosi e Andrea Pozzo di Trento e ha raggiunto la piena autonomia nel 1976; nel 1994 ha avviato un biennio Tecnico Industriale, nel 1996 ha introdotto per la Ragioneria la programmazione I.G.E.A. (Indirizzo Giuridico Economico Aziendale) e nel 1998 il progetto SIRIO (Corsi serali) per studenti adulti lavoratori, con gli indirizzi Ragioneria e Geometri. Il Liceo Scientifico di Tione ha preso avvio nel 1973 come sezione staccata prima del Liceo Galileo Galilei, poi del Liceo Leonardo da Vinci di Trento. Il Liceo, divenuto autonomo dal primo settembre 1996, accanto a quello Scientifico, ha avviato nel 1988 l indirizzo Linguistico e nel 1996 l indirizzo Sociopsicopedagogico. Il nuovo Istituto di Istruzione nel 2004 ha ulteriormente arricchito l offerta formativa introducendo il Liceo delle Scienze Sociali (corso serale), nel 2005, unico in provincia, il Liceo Scientifico per le Professioni del Turismo di Montagna e nel 2006 i Corsi liberi per adulti. Nel mese di maggio 2006 l Istituto di Istruzione è stato intitolato a Lorenzo Guetti, il sacerdote giudicariese padre fondatore della Cooperazione trentina. Con l anno scolastico l Istituto, a seguito della Riforma nazionale e provinciale della scuola superiore, ha ampliato la sua proposta formativa rinnovando nelle classi prime gli indirizzi già esistenti e introducendo i nuovi percorsi Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate e Indirizzo Tecnico Turismo oltre all indirizzo Amministrazione finanza e marketing. 4

6 Il contesto e gli impegni della nostra Scuola Gli studenti del nostro Istituto provengono dall intero Comprensorio delle Giudicarie, un territorio molto esteso con numerosi piccoli centri distribuiti in quattro aree omogenee corrispondenti alla Busa di Tione, alle Giudicarie Esteriori, alla Val Rendena e alla Valle del Chiese. A Tione si concentrano i servizi e le attività del terziario in genere, la Val Rendena ha una spiccata vocazione turistica, nelle Giudicarie Esteriori sono fiorenti agricoltura e turismo, nella Valle del Chiese prevalgono l industria e l artigianato. Al di là di queste caratterizzazioni particolari, le Giudicarie sono accomunate dall essere terra di montagna sempre più aperta ed esposta agli influssi del mondo e alle trasformazioni sociali e culturali vertiginose degli ultimi decenni. Con gli attuali fenomeni legati alla globalizzazione, che nascondono insidie e ricchezza, questo territorio è chiamato, come gli altri, a fare i conti, interagendo con essi a partire dai suoi presidi forti che sono le famiglie e un tessuto associativo e istituzionale responsabile e capace di grandi sforzi di integrazione. Non è facile tuttavia rispondere a questa sfida che investe specialmente i giovani e di conseguenza la scuola, quella secondaria in particolar modo, che è il luogo di aggregazione e di confronto più ampio e dinamico della nostra comunità e sede di incontro e di sintesi dei suoi sforzi formativi. L istituto Lorenzo Guetti cerca di attivare un offerta culturale all altezza dei suoi compiti istituzionali e delle attese espresse dalla popolazione giudicariese. Ascoltando le esigenze e i progetti delle componenti sociali del territorio e utilizzando le risorse umane, tecniche, finanziarie e organizzative di cui dispone, ha elaborato un Progetto di Istituto orientato al raggiungimento di obiettivi legati ai bisogni e alle aspirazioni di giovani che vivono in un mondo di grandi opportunità e di diffuso benessere, ma nel quale sono sempre maggiori le difficoltà di inserimento e nel quale la concorrenza rende sempre più importante una solida preparazione ed una spiccata capacità di adeguare il proprio comportamento alle trasformazioni che sono continuamente in atto. A questi obiettivi ci si avvicina, come si è detto, con una articolata offerta culturale, prima di tutto attraverso i piani di studi dei diversi indirizzi e quindi attraverso una molteplicità organizzata di progetti di vario genere a partire da quelli più generali e formativi del biennio, fino ad arrivare a quelli più mirati e professionalizzanti del triennio. 5

7 L articolazione e la completezza dell offerta formativa diventa tanto più importante in una zona periferica come la nostra, che risente sicuramente di una certa difficoltà conseguente alla lontananza dai centri maggiori, soprattutto nel permettere e agevolare la prosecuzione degli studi; esistono sicuramente e talvolta diventano pesanti i vincoli derivanti dal pendolarismo, così come da un certo turn over degli insegnanti, che condiziona, almeno in parte, la continuità degli apprendimenti. Pur nella necessità di adeguarsi al mondo che la circonda, la scuola non deve cadere nel rischio legato all omologazione, alla rinuncia a personalizzare e territorializzare in senso positivo i propri percorsi. Il personaggio di cui questa scuola porta il nome - Lorenzo Guetti è un richiamo all unico antidoto ai rischi menzionati: mobilitarsi per raggiungere insieme i traguardi che devono essere raggiunti come singoli e comunità. 6

8 D. SCHEDA INFORMATIVA GENERALE SULLA CLASSE Presentazione della classe Presentazione della classe La classe 5^ sez. A dell indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing è composta da 18 studenti (11 femmine e 7 maschi) ed è, nel nostro Istituto, la prima classe quinta dell indirizzo riformato che affronta l Esame di Stato. Nel corso del quinquennio la sua conformazione della classe ha subito varie trasformazioni, nel primo biennio a causa sia di alcune bocciature che di nuove entrate. Nel terzo anno gli studenti sono stati chiamati a scegliere tra i due indirizzi presenti in Istituto: Amministrazione, Finanza e Marketing e Tecnico Turistico. La classe 3 AFM, era composta da 20 studenti, sette maschie e tredici femmine. A conclusione del terzo e del quarto anno, a causa di studenti non ammessi alla classe successiva e di studenti trasferiti (in entrata ed in uscita), si è arrivati all attuale composizione. La situazione descritta non ha favorito, nel corso del triennio, una forte coesione del gruppo classe, ciò anche a causa di alcune personalità ormai ben caratterizzate. Nonostante ciò nella seconda parte di questo anno scolastico è prevalso l impegno profuso da tutti gli studenti a superare atteggiamenti particolaristici a vantaggio di una visione più aperta e matura verso l altro. Anche le relazioni interpersonali tra gli studenti e i vari docenti hanno evidenziato la tendenza ad una evoluzione positiva durante gli ultimi tre anni scolastici. Nel corso del triennio i risultati scolastici sono stati nel complesso soddisfacenti; la classe si è caratterizzata per la disponibilità al lavoro in aula, mostrandosi interessata alle varie proposte educative. E da segnalare comunque l atteggiamento di alcuni studenti talvolta poco inclini al lavoro autonomo, i quali hanno evidenziato, in alcune circostanze, una partecipazione poco efficace al dialogo educativo. Tuttavia non mancano casi di studentesse e studenti che sono riusciti a conseguire risultati molto positivi e apprezzabili in tutte le discipline. Le proposte didattiche offerte dai docenti, finalizzate all approfondimento disciplinare e all arricchimento culturale, sono sempre state accolte con interesse. Nel corso del triennio la classe si è distinta partecipando ad alcune iniziative concorsuali; quest anno ha conseguito il secondo posto in ambito provinciale partecipando ad una iniziativa sulla tematica del lavoro promossa dal Consiglio Provinciale della PAT. La classe ha anche affrontato per la prima volta il progetto CLIL (20 ore) con DL (Inglese) e DNL (Diritto Pubblico) relativo ai contenuti inerenti le Istituzioni europee. Il percorso didattico e formativo si è sviluppato in modo sostanzialmente conforme alla programmazione definita dal Consiglio di Classe. La classe, pur se non omogenea nel profitto e nell impegno, ha raggiunto un livello di preparazione complessivamente quasi discreto. 7

9 E. SCHEDA PER LE VALUTAZIONI Premessa Un problema particolarmente sentito da parte del Collegio Docenti è stato quello di uniformare i criteri di valutazione, soprattutto per quanto attiene alla corrispondenza tra voti decimali e obiettivi cognitivi e formativi raggiunti. Si ponevano quindi sul tema della valutazione problemi nuovi e complessi, su cui il Collegio Docenti ha dato un orientamento all azione dei Consigli di Classe nel tentativo di uniformarne il comportamento. Si tratta di un operazione certamente non riconducibile a soli calcoli aritmetici ed in cui intervengono obiettivi di diversa natura e complessità. In tal senso è importante sottolineare il fatto che la valutazione di fine periodo, soprattutto quella di fine anno, deve tenere conto: - dei livelli minimi di apprendimento; - del percorso di apprendimento; - del comportamento scolastico. Qui di seguito viene riportata la scheda predisposta dal Collegio dei Docenti per la determinazione dei criteri di corrispondenza tra voti decimali e livelli tassonomici. 8

10 Criteri di corrispondenza fra voti decimali e livelli tassonomici assunti dal Collegio Docenti VOTO CONOSCENZA ABILITA LINGUISTICHE ED ESPRESSIVE / FISICO- MOTORIE* Nessuna o gravemente lacunosa Inadeguata o frammentaria dei contenuti essenziali Molto superficiale e generica Conoscenza dei contenuti essenziali Conoscenza dei contenuti complessivi con un maggiore approfondime nto Conoscenza approfondita dei contenuti della materia 9 Ottima conoscenza dei contenuti con riferimenti culturali transdisciplina ri 10 Non risponde o presenta elaborati in bianco o gravemente scorretti Tecnica esecutiva molto scorretta e scarsa padronanza motoria Estrema povertà lessicale, uso improprio dei termini Tecnica esecutiva scorretta e limitato controllo della padronanza motoria Possiede un bagaglio lessicale limitato e presenta improprietà formali Imprecisione nell esecuzione ed impaccio in azioni motorie semplici Si esprime in forma quasi sempre corretta non utilizzando sempre la terminologia specifica Padroneggia sufficientemente singole azioni e movimenti complessi Possiede un bagaglio lessicale adeguato, si esprime con chiarezza ed utilizza linguaggi specifici La tecnica esecutiva è corretta Manifesta ricchezza nell esposizione e nell uso della terminologia disciplinare Il gesto è sicuro, preciso ed efficace Manifesta notevole ricchezza e fluidità nell esposizione e fa un ottimo uso della terminologia disciplinare Sa effettuare azioni motorie relative a tutte le proposte con la massima velocità, precisione, coordinazione ed espressione * In corsivo le voci specifiche per Educazione Fisica. ELABORAZIONE DEI CONTENUTI AUTONOMIA CRITICA IMPEGNO Nessuna Nessuna Inesistente Non sa applicare le conoscenze, commette gravi errori nella esecuzione di compiti semplici e non riesce a condurre analisi Commette errori non gravi nell applicazione e nell analisi dei contenuti Sa applicare le conoscenze ed è in grado di effettuare analisi parziali con qualche errore Sa applicare le conoscenze ed effettuare analisi Sa effettuare in modo autonomo collegamenti logici interdisciplinari con spunti di originalità Sa effettuare opportuni collegamenti tra le conoscenze acquisite e le sa organizzare in modo ben articolato e originale Non sa sintetizzare né elaborare le conoscenze neppure se orientato Coglie solo parzialmente gli aspetti essenziali e non ha autonomia nella rielaborazione delle conoscenze Sa effettuare sintesi, ma ha rari spunti di autonomia E capace di approfondimenti E capace di approfondimenti personali e dimostra autonomia nella rielaborazione E capace di approfondimenti personali e dimostra autonomia e capacità di elaborare criticamente le conoscenze acquisite Scarsi impegno e partecipazione alle proposte didattiche Impegno e partecipazione discontinui. Non rispetta sempre gli impegni. Si distrae facilmente Partecipa alle lezioni ed assolve agli impegni Partecipa costantement e facendo fronte agli impegni con continuità Dimostra un impegno propositivo ed una partecipazione costruttiva Dimostra un impegno propositivo ed una partecipazione costruttiva I parametri già assunti per il voto nove vengono estesi, a fronte di spiccata originalità, al voto dieci Come il precedente ma con apporti personali 9

11 Valutazione dei crediti scolastici Per l attribuzione del credito scolastico il Consiglio di Classe stabilisce di riservare particolare considerazione all impegno, all assiduità nella frequenza, alla partecipazione e all interesse mostrato dagli alunni nel dialogo educativo. Valutazione dei crediti formativi I docenti concordano di prendere in considerazione, ai fini del credito formativo, le attività previste dalla tabella per il riconoscimento dei crediti formativi approvata nel Collegio dei Docenti del 18 febbraio 2009 e successive integrazioni. Valutazione delle prove multidisciplinari Per proporre agli studenti un tipo di valutazione che ricalchi quella che sarà attribuita alla Terza Prova dell Esame di Stato, il voto è stato assegnato in quindicesimi e poi convertito in decimi secondo la tabella di corrispondenza di seguito riportata e ripresa dal Progetto di Istituto. Quindicesimi Decimi Quindicesimi Decimi Quindicesimi Decimi 1 1,00 6 3, ,80 1,25 1,14 6,25 3,92 11,25 7,00 1,5 1,28 6,5 4,06 11,5 7,20 1,75 1,42 6,75 4,19 11,75 7,40 2 1,56 7 4, ,60 2,25 1,69 7,25 4,47 12,25 7,80 2,5 1,83 7,5 4,61 12,5 8,00 2,75 1,97 7,75 4,75 12,75 8,20 3 2,11 8 4, ,40 3,25 2,25 8,25 5,03 13,25 8,60 3,5 2,39 8,5 5,17 13,5 8,80 3,75 2,53 8,75 5,31 13,75 9,00 4 2,67 9 5, ,20 4,25 2,81 9,25 5,58 14,25 9,40 4,5 2,94 9,5 5,72 14,5 9,60 4,75 3,08 9,75 5,86 14,75 9,80 5 3, , ,00 5,25 3,36 10,25 6,20 5,5 3,50 10,5 6,40 5,75 3,64 10,75 6,60 10

12 F. SCHEDA INFORMATIVA SULLE ATTIVITÀ CURRICOLARI ED EXTRA-CURRICOLARI Il quadro orario durante il corso di studi Tecnico commerciale IGEA è indicato nella tabella sotto riportata. Le lezioni sono state effettuate in momenti della durata di 50 minuti con la seguente scansione settimanale: dal lunedì al venerdì dalle ore 8 05 alle il sabato dalle ore 8 05 alle ORARIO SETTIMANALE DELLE LEZIONI INDIRIZZO TECNICO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO DISCIPLINE 1ª 2ª 3ª 4ª 5ª LINGUA E LETTERATURA ITALIANA STORIA LINGUA TEDESCA LINGUA INGLESE MATEMATICA SCIENZE INTEGRATE (Scienze della Terra e Biologia) SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE/ ATTIVITÀ ALTERNATIVE TOTALE AREA COMUNE A LICEI E TECNICI SCIENZE INTEGRATE (FISICA) SCIENZE INTEGRATE (CHIMICA) GEOGRAFIA INFORMATICA* 2 2 2(1)* 2(1)* - LINGUA TEDESCA ECONOMIA AZIENDALE* 2 2 7(1)* 8(1)* 9(2)* DIRITTO ED ECONOMIA DIRITTO ECONOMIA POLITICA * Triennio lezione in compresenza con l insegnante tecnico pratico TOTALE LEZIONI

13 Attività curricolari, extracurricolari ed integrative svolte nel corso della Classe quinta Argomento/Titolo Progetto Benessere Corso di primo Soccorso Materie coinvolte Scienze Motorie e Sportive Contenuti Assistenza in attesa del medico o dell ambulanza Obiettivi Fornire agli studenti conoscenze di base relative alle operazioni di primo Soccorso Progetto Orientamento triennio università e postdiploma Tutte Incontri con esperti e orientaday Favorire una scelta consapevole in ambito universitario e lavorativo Progetto Orientamento triennio stage formativi Economia Aziendale Incontri con esperti esterni sul funzionamento del mercato dei capitali Avvicinare in modo concreto gli studenti al mondo economico istituzionale Progetto Istituzioni Diritto Italiano Partecipazione concorso promosso dal Consiglio Provinciale sul tema del lavoro. Affrontare argomenti di attualità che trovano collegamento con i contenuti disciplinari dell anno in corso Progetto Apollo Italiano Storia La guerra nei canti popolari tra esaltazione patriottica e protesta. Individuare legami e collegamenti tra musica, storia e letteratura Progetto Astalli I.R.C. 12

14 G. SCHEDA INFORMATIVA SULLA REALIZZAZIONE DI VERIFICHE MULTIDISCIPLINARI Il Consiglio di Classe, il giorno 3 ottobre 2013, si è riunito al fine di programmare prove di verifica sul modello della Terza Prova prevista dal nuovo Esame di Stato. In tale sede, sulla base della normativa vigente, i docenti hanno stabilito le materie oggetto di verifica, la tipologia delle prove e fissato un calendario. Tra le diverse tipologie di Terza Prova proposte dal Ministero, i docenti concordano di adottare il modello B che prevede quesiti a risposta singola. Infatti tale tipo di prova rispecchia l'effettiva pratica didattica mediamente applicata nella classe e pertanto è più familiare agli alunni. Si precisa inoltre che le materie di ciascuna prova sono state cinque e che i quesiti sono stati due per materia. Ogni risposta è stata valutata in quindicesimi. Nella seguente tabella si sintetizzano tipologia, materie, date e tempo concesso durante le prove effettuate: Tipologia Materie Data Tempo B Scienze delle Finanze, Tedesco, 02/12/2014 Inglese, Matematica, Storia. 150 minuti B Inglese, Scienze Motorie, Tedesco, Matematica, Storia. 08/05/ minuti Testi delle domande inserite nelle simulazioni di terza prova svolte nel corrente anno scolastico 2 DICEMBRE 2014 TIPOLOGIA B DISCIPLINE: FINANZA PUBBLICA - INGLESE - MATEMATICA STORIA TEDESCO MATERIA: FINANZA PUBBLICA QUESITO n. 1: Definire e commentare la differenza tra le spese produttive e redistributive. QUESITO n. 2: Definire e commentare la differenza tra Imposte dirette e imposte indirette 13

15 MATERIA: INGLESE QUESITO n. 1: Outline and discuss the elements of a good, effective CV. QUESITO n. 2: Compare and contrast two of the most common methods of payment. MATERIA: MATEMATICA QUESITO n. 1: Data la funzione 3x + 4y 12 x + 3y 6 y 1 x 0 z = 5 x + 15y + 8 con i vincoli determina: a) Il grafico dell area ammissibile b) Il grafico dell area ammissibile con le curve livello c) Eventuali punti di massimo e di minimo QUESITO n. 2: 2 x + 4x y 0 x 1 3 y 2 Data la funzione z = y + 2x con i vincoli determina: a) Il grafico dell area ammissibile b) Il grafico dell area ammissibile con le curve livello c) Eventuali punti di massimo e di minimo MATERIA: STORIA QUESITO n. 1 : Indica quali furono le scelte e le iniziative di politica interna adottate da Giolitti. QUESITO n. 2: Spiega quali motivi e focolai di tensione tra le potenze europee generarono un clima politico e culturale favorevole all esplosione del primo conflitto mondiale. MATERIA: TEDESCO QUESITO n. 1: Scrivi una lettera sviluppando i seguenti punti: a Fai riferimento a... b Descrivi dettagliatamente la merce. c Indica : tempo di consegna, condizioni di consegna, pagamento. d Richiedi conferma dell'ordine. QUESITO n. 2: Die Flüsse und die Kanäle in Deutschland. 14

16 8 maggio 2015 TIPOLOGIA B DISCIPLINE: INGLESE MATEMATICA SCIENZE MOTORIE - STORIA TEDESCO MATERIA: INGLESE QUESITO n. 1: Write a reminder in the form of an including the following information: fai riferimento alla fattura n. 876, scaduta da tre mesi, per l importo di ; fai riferimento a 2 precedenti comunicazioni, del e 20.04, che non hanno ancora avuto risposta; fai presente che, in caso di difficoltà, siete disposti a valutare e discutere un piano di rientro, ad esempio versando il 50% subito via bonifico e il resto in rate mensili/trimestrali; fai presente che se non riceverete risposta entro la fine del mese sarete costretti a passare ad azioni legali; inizia e concludi in modo appropriato. QUESITO n. 2: Outline the functions of free trade areas (trading blocs) and discuss both the positive and negative social and economic consequences they have on international trade. MATERIA: MATEMATICA QUESITO n. 1: Un urna contiene 20 palline rosse, 30 bianche, 40 nere; una seconda urna ne contiene 10 rosse, 15 bianche, 35 nere; una terza 18 rosse, 12 bianche, 20 nere. Si estrae una pallina da un urna scelta a caso e si nota che questa è nera. Applicando il teorema di Bayes, si calcoli a) la probabilità che provenga dalla prima urna; b) la probabilità che non provenga dalla terza urna. QUESITO n. 2: Un urna contiene 15 palline gialle, 20 rosse e 25 blu. Le palline gialle sono numerate da 1 a 15, quelle rosse da 1 a 20, quelle blu da 1 a 25. Si estraggono due palline in blocco. Calcola la probabilità di ottenere: a) due palline blu; b) almeno una pallina dispari; c) due palline rosse dispari; d) due palline gialle o due palline pari; e) una pallina rossa ed una gialla; f) nessuna pallina rossa; g) due palline dello stesso colore. Nb: i risultati devono essere calcolati ed espressi in numeri decimali arrotondati. Esempio: 0,3246 MATERIA: SCIENZE MOTORIE QUESITO n. 1: Elenca, descrivendoli brevemente, i fondamentali individuali della pallavolo. QUESITO n. 2: Vestendo i panni di un soccorritore occasionale appena arrivato sul luogo di un incidente, descrivi " gli interventi " da attuare su un infortunato che necessita di un BLS ( Basic Life Support), in attesa dell arrivo del 118. MATERIA: STORIA QUESITO n. 1 : Spiega che cosa accadde in Italia tra il 24 e il 25 luglio del 1943 e quali furono le conseguenze per il nostro Paese. QUESITO n. 2: Nel corso del secondo conflitto mondiale Mussolini cercò di condurre una sorta di guerra parallela rispetto alle iniziative di Hitler. In quali aree mise in atto questo tentativo e con quali esiti? MATERIA: TEDESCO QUESITO n. 1: Scrivi una lettera sviluppando i seguenti punti: Fai riferimento all ordine del 6 marzo, denuncia il mancato arrivo della merce entro il 6 aprile, sottolinea la necessità della consegna, indica una nuova data, fai riferimento ad eventuali conseguenze. QUESITO n. 2: Scrivi alla Camera di Commercio di.,sviluppando i seguenti punti: dai informazioni sulla tua ditta, motiva l invio della lettera, richiedi indirizzi di ditte. 15

17 H. SCHEDA OBIETTIVI DIDATTICO-EDUCATIVI GENERALI Obiettivi formativi Sono stati adottati gli obiettivi formativi trasversali indicati nel Progetto di Istituto. Obiettivi didattici Facendo riferimento agli assi culturali riconosciuti a livello europeo, il Consiglio di classe ha adottato: per le classi del primo biennio, le competenze di base, riferite alle competenze chiave di cittadinanza da acquisire nell assolvimento dell obbligo di istruzione, definite all interno del Progetto di Istituto; per le classi del secondo biennio e quinto anno, le competenze definite all interno del Progetto di Istituto, da acquisire al termine del percorso formativo. 16

18 I. SCHEDE INFORMATIVE ANALITICHE RELATIVE ALLE DISCIPLINE DELL ESAME DI STATO Premessa Nelle pagine successive sono riportate le schede analitiche relative a tutte le discipline: - Italiano - Storia - Inglese - Tedesco - Matematica - Economia Aziendale - Diritto Pubblico - Scienza delle finanze - Scienze Motorie e Sportive - Religione Per ogni singola materia sono descritte le seguenti voci: - Nome del docente - Libro di testo adottato - Eventuali altri sussidi didattici utilizzati - Programma dettagliato svolto nell anno scolastico - Attività integrative o extrascolastiche eventualmente svolte a supporto della materia - Metodologia didattica usata - Tipologia delle prove di verifica utilizzate per le valutazioni - Obiettivi raggiunti - Eventuali annotazioni 17

19 I1. ITALIANO Docente Zanelli Giuseppina Libro di testo adottato A. Dendi, E. Severina, A. Aretini Moduli di letteratura italiana ed europea volumi 6, 7, 8. Carlo Signorelli Editore. Altri sussidi didattici utilizzati Materiale integrativo in fotocopia. Schede di sintesi generale su correnti e autori. (Decadentismo. Pascoli. Confronto tra romanzo dell Ottocento e del Novecento. Tematiche principali delle opere di Pirandello. La poesia italiana tra le due guerre) Programma svolto L'ETA' DEL REALISMO. Il Positivismo: esaltazione della scienza e fiducia nel progresso. La rappresentazione del reale nella letteratura europea. Il Naturalismo francese. IL VERISMO. Rapporti con il Naturalismo francese: affinità e differenze. Aspetti e limiti. GIOVANNI VERGA Le opere e la poetica. Temi e motivi principali, nuove tecniche narrative. Il mito del progresso e i "vinti". Da Vita dei campi: Rosso Malpelo Fantasticheria Cavalleria rusticana La lupa I Malavoglia: conoscenza generale del contenuto e lettura di alcuni passi dell opera. La famiglia Toscano La visita del consolo L addio di Ntoni Da Novelle rusticane: Liberta' La roba IL DECADENTISMO. Contesto storico e socio-economico. Il rifiuto del Positivismo e il senso della fine di un epoca. 18

20 Poetica e miti. Estetismo e superomismo. Il Simbolismo. Esempi stranieri. Baudelaire: da I fiori del male : Corrispondenze; L albatro. PROTAGONISTI E TENDENZE DEL DECADENTISMO ITALIANO. I Crepuscolari. Guido Gozzano: L amica di nonna Speranza. Le avanguardie. Il Futurismo. Manifesto del Manifesto tecnico della Letteratura futurista. GIOVANNI PASCOLI Vita e opere. Caratteri decadenti, novità tematiche e formali della produzione poetica. La fuga dal mondo e il rifugio nella dimensione privata del nido familiare; il mondo della natura e dei campi; la lettura simbolica del reale. Da Myricae: Lavandare Novembre Il lampo Il tuono L assiuolo Dai Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno Nebbia Passi da Il fanciullino GABRIELE D'ANNUNZIO Vita e fasi della produzione poetica. Estetismo e mito del superuomo; la vita come opera d arte. Da Il Piacere : Andrea Sperelli, figura esemplare di esteta decadente. (In fotocopia) Da Alcyone : La sera fiesolana La pioggia nel pineto Da Le vergini delle rocce : Il manifesto ideologico del Superuomo. (In fotocopia) IL NUOVO ROMANZO DEL NOVECENTO. Confronto con il romanzo dell'ottocento. Novità formali e tematiche. Cenni ad esempi stranieri. ITALO SVEVO 19

21 Tematiche principali dei romanzi. Il superamento della narrativa naturalistica. Il rapporto personaggio-realtà. L'Antieroe o inetto. La coscienza di Zeno : conoscenza generale del contenuto e lettura di alcuni passi dell'opera. Il vizio del fumo Un inatteso fidanzamento Il ritratto di Augusta LUIGI PIRANDELLO Assurdo e tragico nella condizione umana. Relatività del reale. Il tema della maschera e dell incomunicabilità. La gabbia delle convenzioni sociali e la follia. Da Novelle per un anno : Il treno ha fischiato La signora Frola e il signor Ponza, suo genero Il fu Mattia Pascal: conoscenza generale del contenuto dell opera. Uno, nessuno e centomila: conoscenza generale del contenuto dell opera. Le novità del teatro pirandelliano. LA POESIA ITALIANA TRA LE DUE GUERRE. Caratteri generali; tendenze e linee di sviluppo; protagonisti principali. L Ermetismo. GIUSEPPE UNGARETTI La ricerca dell essenzialità della parola e la frantumazione del verso. L esperienza drammatica della guerra. Da L allegria Veglia Soldati San Martino del Carso Fratelli EUGENIO MONTALE Il male di vivere. Negatività dell esistenza e ricerca del varco. Il correlativo oggettivo. Da Ossi di seppia : I limoni Spesso il male di vivere Non chiederci la parola Da Le occasioni : La casa dei doganieri UMBERTO SABA La scelta della diversità rispetto alle avanguardie del primo Novecento. La riscoperta di un linguaggio antico e la poesia della vita quotidiana. 20

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS V ERSA RI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo LICEO TECNICO MATERIA M ATEMATICA APPLICATA ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROF PIZZILEO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 Docente Materia Classe DE CERCE LINA MATEMATICA 5 C I.T.C. 1. Finalità... 2. Obiettivi didattici... 3. Contenuti... 4. Tempi... 5. Metodologia e strumenti...

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: Docente: IV^ D S.I.A. MAA MATEMATICA Prof. Michele PAVEGGIO Situazione di partenza della classe La classe risulta formata da 18 alunni,

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ANNALISA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: ITALIANO Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 Docente: DALLA VECCHIA MARIA TERESA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da diciotto alunni, di cui undici femmine e sette

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE 1 di 6 02/01/2014 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA : Italiano Competenze

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Elisabetta

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1DS Indirizzo di studio Liceo scientifico Docente Paola Carcano Disciplina Monte

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

Documento del Consiglio di classe

Documento del Consiglio di classe Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Documento del Consiglio di classe Anno scolastico 2014-2015 Classe 5 serale Indirizzo: Amministrazione finanza e marketing Approvato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

E S A M E D I S T A T O

E S A M E D I S T A T O 96012 AVOLA (SR) Via Labriola, 1 Tel Fax 0931831970 // Tel Fax 0931832231 C.F. 92021320897 E_mail istituzionale: sris02300a@istruzione.it Posta certificata: sris02300a@pec.istruzione.it E S A M E D I S

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Nodi concettuali

Dettagli

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA CLASSI QUINTE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 FINALITÀ OBIETTIVI E COMPETENZE DELLA DISCIPLINA Il docente di Matematica concorre

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL TRIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL TRIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO La scuola secondaria di primo grado rappresenta la fase in cui si realizza l accesso alle discipline come punti di vista sulla realtà e come modalità di interpretazione, simbolizzazione e rappresentazione

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI ------------------------------------------- Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine) Telefono n. 0432 955214 Fax n. 0432

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO FORLIN MARIA NIVES DIRITTO 5 ^ ARI IGEA DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013 1 - LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

LA VALUTAZIONE SCOLASTICA

LA VALUTAZIONE SCOLASTICA LA VALUTAZIONE SCOLASTICA Si attua sistematicamente durante l anno scolastico e alla fine dei Quadrimestri, attraverso prove di verifica strutturate e/o semi-strutturate, elaborati, osservazioni sistematiche,

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo Criteri di valutazione del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Con questo documento il Collegio dei Docenti dell Istituto Comprensivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014

PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5)

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) Le recenti disposizioni ministeriali sulla valutazione (articolo 13 del D. Lgs. n. 226/2005, e successive modificazioni; articolo 2 del D. L. n. 137/2008, convertito,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA PRIMA PROVA SCRITTA CANDIDATO CLASSE DATA INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Livello espressivo trascurato, con errori e improprietà lessicali Correttezza generale, sia pure con qualche lieve errore 2 CORRETTEZZA

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL INDIRIZZO AUDIOVISIVO MULTIMEDIALE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGETTAZIONE E LABORATORIO MULTIMEDIALE AUDIOVISIVI

DIPARTIMENTO DELL INDIRIZZO AUDIOVISIVO MULTIMEDIALE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGETTAZIONE E LABORATORIO MULTIMEDIALE AUDIOVISIVI DIPARTIMENTO DELL INDIRIZZO AUDIOVISIVO MULTIMEDIALE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 DISCIPLINA: CLASSE PROGETTAZIONE E LABORATORIO MULTIMEDIALE AUDIOVISIVI : 3^ - 4^ - 5^ 1. OBIETTIVI FORMATIVI/EDUCATIVI

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA CLASSI: Terza Quarta Quinta Anno

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 DIURNO 5^ MATERIA: INGLESE CLASSI:? PRIME? TERZE? SECONDE? QUARTE QUINTE INDIRIZZI : FINANZA E MARKETING- SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI Nodi concettuali essenziali della

Dettagli

Programmazione preventiva Italiano

Programmazione preventiva Italiano Programmazione preventiva Italiano Prof. ssa Gabriela Fantato Classe: 1 B- ITE Anno scol. 2014-15 PROGRAMMA PREVENTIVO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L insegnamento della disciplina, tenendo conto della centralità

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio IPIA C. CORRENTI Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio FINALITA DELL INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA Promuovere le facoltà intuitive e logiche Educare ai processi di astrazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Obiettivi del triennio: ; elaborando opportune soluzioni; 3) utilizzare le reti e gli strumenti informatici

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola: Liceo D. Alighieri INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Italiano CLASSE:IV A DOCENTE: Marcella Ferrini Obiettivi

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE III SEZIONE A DISCIPLINA: Lingua e Letteratura Italiana DOCENTE:

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BRAGAGLIA Via Casale Ricci, s.n.c. 03100 FROSINONE (FR) Tel. 0775-9100

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

Didattica per competenze- Introduzione

Didattica per competenze- Introduzione Programmazione biennio Didattica per competenze- Introduzione La didattica delle competenze si fonda sul presupposto che gli studenti apprendono meglio quando costruiscono il loro sapere in modo attivo

Dettagli

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE E VALUTAZIONI QUADRIMESTRALI E DEL COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA: ANNO SCOLASTICO 2012/2013. L introduzione della scala numerica ha fatto sì che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento)

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE P. LEVI PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) LINGUA E CULTURA LATINA / Primo biennio / Secondo biennio / Quinto anno

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE LICEO SCIENTIFICO CLASSICO STATALE ISAAC NEWTON www.liceonewton.gov.it Via Paleologi, 22-10034 CHIVASSO tel. 011/9109663 fax 011/9102732 - E-mail: TOPS190009@istruzione.it C.M. TOPS190009 - C.F. e P.IVA

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli