Classe 5AB Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING OPZIONE RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING 1. LA CLASSE. 1.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Classe 5AB Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING OPZIONE RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING 1. LA CLASSE. 1."

Transcript

1 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE MARIE CURIE GARDA BUSSOLENGO Sede di Garda: Via Berto Barbarani, Garda (Vr) tel fax Sede di Bussolengo: Via C.A. Dalla Chiesa, Bussolengo (Vr) tel. e fax Classe 5AB Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING OPZIONE RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING 1. LA CLASSE 1.1 La storia La classe attualmente è composta da 15 alunne e un alunno. Nel corso del triennio il numero degli alunni ha subito alcune variazioni: classe terza : formata da 20 alunni, 18 sono stati ammessi alla classe successiva e due non sono stati ammessi. classe quarta: formata da 18 alunni, 16 sono stati ammessi alla classe successiva, un alunna si è ritirata nel corso dell anno e un altra non è stata ammessa alla classe successiva. Durante l attività didattica quasi tutti gli alunni sono stati interessati, attenti ed impegnati, dimostrando di aver acquisito gradualmente una metodologia di studio sempre più autonoma ed approfondita. Nei confronti dei docenti, del personale non docente e dell ambiente che li ospita tutti hanno confermato nel tempo correttezza, rispetto e molta collaborazione. Da sottolineare, inoltre, l entusiasmo con il quale la classe ha aderito alle molte iniziative extracurricolari proposte dall Istituto, come riportato nel paragrafo dedicato alle attività integrative ed ai progetti. 1.2 La situazione attuale La classe ha affrontato il quinto anno con impegno e serietà. Il clima, durante l anno scolastico, è sempre stato sereno e gli alunni si sono dimostrati, nel complesso, attenti, partecipi alle lezioni e disponibili al dialogo educativo maturando consapevolezza critica rispetto alle loro potenzialità. L attenzione e la partecipazione hanno confermato un discreto grado di maturità in quanto gli alunni si sono dimostrati collaborativi, attenti e rispettosi degli impegni assunti sia a livello individuale che di gruppo. Al termine del primo trimestre gli studenti hanno evidenziato una preparazione complessivamente discreta sia nell ambito umanistico-linguistico che in quello tecnicoeconomico e professionalizzante. Per quanto riguarda la progressione degli apprendimenti, nel corso del triennio, alcune alunne hanno confermato di mantenere un grado di preparazione molto buono, fino a raggiungere punte di eccellenza. La maggioranza degli alunni è comunque sempre stata diligente e puntuale nello svolgimento delle consegne e ha dimostrato continuità nello studio ottenendo risultati più che discreti, attualmente un esiguo numero di studenti manifesta difficoltà nel raggiungimento della piena sufficienza in alcune discipline. 1

2 2. OBIETTIVI DIDATTICI E FORMATIVI RAGGIUNTI Il diplomato in Amministrazione, finanza e marketing, nell articolazione "relazioni internazionali" ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali e degli strumenti di marketing, oltre alle competenze linguistiche che derivano dallo studio di tre lingue comunitarie. Nell ambito delle COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e traendo spunto dalle Competenze sociali e civiche, sia intese come Competenze di cittadinanza che come Competenze comuni,sono stati formalizzati i seguenti obiettivi : FORMATIVI: 1. Collocare l esperienza personale in un sistema di regole e di valori coerenti con i principi della Costituzione e con le carte internazionali dei diritti umani 2. Collaborare e partecipare in modo costruttivo 3. Agire in modo autonomo e responsabile 4. Analizzare il valore, i limiti e i rischi delle varie soluzioni tecniche per la vita sociale e culturale con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, alla tutela della persona, dell ambiente e del territorio COGNITIVI: 1. Utilizzare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nei vari contesti: sociali, culturali, scientifici, economici, tecnologici. 2. Stabilire collegamenti tra i sistemi culturali locali, nazionali ed internazionali, sia in una prospettiva interculturale sia ai fini della mobilità di studio e di lavoro. 3. Utilizzare gli strumenti culturali, metodologici e tecnologici per porsi progressivamente con atteggiamento razionale, critico e creativo nei confronti della realtà, dei suoi fenomeni e dei suoi problemi, anche ai fini dell apprendimento permanente. 4. Riconoscere gli aspetti geografici, connessi alle strutture demografiche, economiche, sociali, culturali e alle trasformazioni intervenute nel corso del tempo. 5. Utilizzare e produrre strumenti di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento alle strategie espressive e agli strumenti tecnici della comunicazione in rete. 6. Padroneggiare la lingua inglese al livello B2 del QCER, saper utilizzare per scopi comunicativi le altre due lingue comunitarie e utilizzare, laddove previsto, i linguaggi settoriali relativi ai percorsi di studio, per interagire in diversi ambiti e contesti professionali. 7. Riconoscere gli aspetti comunicativi, culturali e relazionali dell espressività corporea e l importanza che riveste la pratica dell attività motoria-sportiva per il benessere individuale e collettivo. 8. Utilizzare il linguaggio e i metodi propri della matematica e le strategie del pensiero razionale per affrontare situazioni problematiche, elaborando opportune soluzioni e per investigare fenomeni sociali ed economici. 9. Utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare. 10. Redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali. 11. Conoscere i contenuti generali relativi ai macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, alla normativa civilistica e fiscale dei sistemi e dei processi aziendali. 2

3 3. METODOLOGIA Ciascun docente, tenuto conto delle caratteristiche degli alunni e della tipologia della materia, si è orientato verso le seguenti metodologie per proporre i contenuti disciplinari: Lezione frontale Lezione dialogata Cooperative learning Prova pratica Prova tecnica Role plays 3.1 Considerazioni generali All interno di questo Consiglio di classe ogni docente ha naturalmente sviluppato ed applicato il proprio metodo didattico. Vi sono altresì delle linee comuni che gli insegnanti hanno seguito: trovare le modalità più efficaci per presentare i contenuti del programma e per stimolare in modo continuo e produttivo le capacità di analisi e di riflessione autonoma dei singoli alunni, incoraggiando la partecipazione in particolare di chi incontra qualche difficoltà nel proporsi. 3.2 Preparazione alla prima prova scritta Fin dalla classe terza gli allievi sono stati abituati a svolgere alcune delle tipologie scritte durante le prove di Italiano, non solo con temi su argomenti di attualità e storia ma anche con esercitazioni di analisi e commento di un testo letterario, corredato da indicazioni che orientino nella comprensione, nell interpretazione del testo e nella sua contestualizzazione. Per quanto riguarda la stesura del saggio breve e dell articolo di giornale, si è iniziato a lavorare fin dalla classe quarta, per il tema storico dalla quinta abituando gli alunni ad una scelta ragionata dei diversi ambiti. Nel corso del presente anno scolastico sono state proposte due simulazioni della prima prova scritta d esame (una in febbraio e una in maggio), utilizzando per la valutazione le griglie qui di seguito allegate. 3.3 Preparazione alla seconda prova scritta Gli alunni sono stati preparati allo svolgimento della seconda prova d esame gradualmente nel corso dell anno con esercitazioni di analisi di casi aziendali, di sintesi di argomenti studiati e di svolgimento di esercitazioni anche con dati a scelta. Sono state previste due simulazioni di seconda prova ( febbraio e maggio) attingendo a contenuti tratti anche da testi proposti dal Ministero per indirizzi similari, oltre a proposte di simulazione specifiche per l indirizzo, di recente pubblicazione. E stata, inoltre, svolta in classe la traccia di simulazione proposta dal MIUR. Gli alunni hanno potuto consultare il codice civile non commentato con allegate le leggi tributarie. Per la valutazione sono state utilizzate le griglie allegate al presente documento. 3.4 Preparazione alla terza prova scritta Alcuni docenti hanno abituato gli alunni ad affrontare, nell ambito della propria disciplina, test formulati secondo le tipologie A e B previste per la terza prova d esame. Sono state somministrate due simulazioni di terza prova: la prima di tipologia A e la seconda di tipologia B. Gli alunni hanno potuto consultare il dizionario monolingue per la prima e la seconda lingua, bilingue per la terza e il codice civile con allegate le leggi tributarie ( seconda e terza prova). Per la valutazione sono state utilizzate le griglie allegate al presente documento. 3

4 3.5 Preparazione al colloquio d esame La classe si è avvicinata progressivamente all esperienza del colloquio d esame tramite innanzitutto le varie prove di verifica orale effettuate nel triennio ed in particolare in questo anno scolastico. Gli insegnanti hanno riferito esperienze relative alla conduzione del colloquio, analizzato possibili articolazioni e sviluppi, dando nel contempo consigli e suggerimenti. Già nel primo trimestre gli studenti sono stati invitati a pensare e a sviluppare un proprio percorso per strutturare una mappa concettuale. Ai ragazzi che hanno chiesto consigli sono state date ulteriori indicazioni, ma si è comunque lasciata libertà alla ricerca ed al lavoro personali. 4. VALUTAZIONE 4.1 Criteri generali di valutazione I criteri di valutazione, le griglie tassonomiche e la modalità di applicazione di entrambi sono stati stabiliti per ciascuna materia in sede di dipartimento nelle riunioni effettuate ad inizio dell anno scolastico. Le modalità di valutazione sono il frutto dell insieme di considerazioni assunte dai vari indirizzi presenti nel nostro Istituto e sono riferite a: standard d obbligo determinati in funzione del valore legale del titolo di studio livelli medi raggiunti dalle classi punti di partenza e di arrivo dell iter formativo dell allievo, tenendo conto non solo dei risultati delle verifiche scritte ed orali ma anche del suo ritmo di apprendimento, del suo impegno, dell interesse mostrato durante le lezioni, del suo livello di partecipazione alle varie attività. Tra gli strumenti utilizzati per le verifiche formative e sommative vi sono: interrogazioni brevi, interrogazioni lunghe, questionari, relazioni, esercizi, svolgimento di temi. La valutazione degli apprendimenti viene effettuata in base alla seguente griglia approvata dal Collegio Docenti del 4 novembre 2010: ECCELLENTE: VOTO 10 a.conoscenza completa e profonda; b.rielaborazione critica e personale con significativi spunti di originalità; c.esposizione brillante, ricca di efficacia espressiva. OTTIMO: VOTO 9 a.conoscenza organica ed esauriente; b.spiccate capacità di interpretazione e giudizio; efficacia nei collegamenti; c.esposizione fluida e ricca. BUONO: VOTO 8 a.conoscenza ampia e sicura; b.rielaborazione precisa dei contenuti, con particolare interesse per alcuni argomenti; c.esposizione sciolta e sicura DISCRETO: VOTO 7 a.conoscenza abbastanza articolata dei contenuti; 4

5 b.rielaborazione con spunti personali su alcuni argomenti; c.esposizione abbastanza appropriata. SUFFICIENTE: VOTO 6 a.conoscenza degli elementi fondamentali della disciplina; b.comprensione / considerazione semplice dei contenuti, senza particolare elaborazione personale; c.esposizione semplice ma sostanzialmente corretta. INSUFFICIENTE: VOTO 5 a.conoscenza incompleta o imprecisa / superficiale degli argomenti trattati; b.limitata autonomia nella elaborazione, valutazione e correlazione dei contenuti; c.esposizione incerta / imprecisa e poco lineare. SENSIBILMENTE INSUFFICIENTE: VOTO 4 a.limiti quantitativi e qualitativi nell apprendimento e nella comprensione / elaborazione; b.conoscenza frammentaria e poco corretta dei contenuti fondamentali; c.esposizione scorretta e stentata. GRAVEMENTE INSUFFICIENTE: VOTO 3 a.preparazione inconsistente e scorretta, con carenze / lacune fondamentali e / o pregresse; b.notevoli difficoltà nell acquisizione dei contenuti; c.esposizione gravemente scorretta e confusa. TOTALMENTE INSUFFICIENTE: VOTO 1-2. a.preparazione nulla, sino al rifiuto di sottoporsi alle prove di verifica; b.incomprensione dei contenuti e del linguaggio. 4.2 Criteri di valutazione delle prove d esame Considerazioni generali Come già indicato, le prove sono state valutate con le griglie allegate che sono state approvate in sede di Dipartimento per materia. 5

6 4.2.2 Griglie di valutazione della prima prova scritta nelle varie tipologie GRIGLIE ESAME DI STATO PRIMA PROVA GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI DEL TESTO TIPOLOGIA A INDICATORI DESCRITTORI PUNTI ADEGUATEZZA Il testo risponde alla richiesta ovvero: Tutti gli spunti di riflessione presenti nella traccia sono sviluppati nella trattazione - le citazioni del testo sono compiute correttamente CONTENUTO Il testo ha un contenuto pertinente, coerente e significativo, ovvero: - l analisi è ampia, corretta e precisa - non ci sono parti fuori tema - ogni affermazione è fondata su riferimenti al testo - il contenuto è arricchito da osservazioni ulteriori rispetto a quelle richieste dalla traccia ORGANIZZAZONE Il testo è ben organizzato: - ha un articolazione chiara ed ordinata - c è equilibrio tra le parti - c è continuità tra le parti - Sa organizzare il testo in paragrafi STILE Le scelte lessicali e sintattiche sono appropriate ed efficaci, ovvero il testo è dotato di: - proprietà e ricchezza del lessico anche specifico - sintassi scorrevole e chiara - registro adeguato alla situazione comunicativa - aderenza alla convenzioni testuali del genere CORRETTEZZA OSSERVAZIONI Il testo è corretto ovvero presenta: - correttezza ortografica - correttezza morfosintattica - punteggiatura appropriata TOTALE Legenda del punteggio : gravemente insufficiente; : insufficiente; 2: sufficiente; : buono; 2.7-3: distinto-ottimo. 6

7 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL SAGGIO BREVE E DELL ARTICOLO DI GIORNALE TIPOLOGIA B INDICATORI DESCRITTORI PUNTI ADEGUATEZZA CONTENTUTO Il testo ha un contenuto pertinente, coerente e significativo, ovvero: non contiene parti fuori tema ha un idea centrale generale riconoscibile e le idee presenti nel testo sono coerenti con l idea centrale - le informazioni sono ampie, corrette e precise; il contenuto non è limitato alla sintesi dei documenti ma è arricchito da riferimenti ad altre conoscenze ed esperienze ORGANIZZAZONE Il testo è ben organizzato: - Ha un articolazione chiara ed ordinata - c è equilibrio tra le parti - c è continuità tra le parti - è suddiviso in paragrafi STILE CORRETTEZZA OSSERVAZIONI Le scelte lessicali e sintattiche sono appropriate ed efficaci, ovvero il testo è 1.2- dotato di: proprietà e ricchezza del lessico anche specifico - sintassi scorrevole e chiara - registro adeguato alla situazione comunicativa - aderenza alla convenzioni testuali del genere Il testo è corretto ovvero presenta: - correttezza ortografica - correttezza morfosintattica - punteggiatura appropriata Il testo risponde alla richiesta ovvero: Sono stati usati documenti forniti, le citazioni e le note bibliografiche sono 1.6 state scritte correttamente (le fonti sono riconoscibili) - Il testo ha la lunghezza richiesta - Il testo è argomentativo (per il saggio breve), espositivo o argomentativo (per l articolo di giornale) - Viene indicata la destinazione editoriale - è presente un titolo adeguato TOTALE Legenda del punteggio : gravemente insufficiente; : insufficiente; 2: sufficiente; : buono; 2.7-3: distinto-ottimo

8 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER IL TESTO DI TIPOLOGIA C INDICATORI DESCRITTORI PUNTI ADEGUATEZZA CONTENUTO Il testo risponde alla richiesta ovvero: - Il testo è completo e aderente alle richieste della traccia - Il testo è espositivo ed argomentativo Il testo ha un contenuto pertinente, coerente e significativo, ovvero: Contiene conoscenze relative all argomento Contiene i nessi causali, una rielaborazione ed interpretazione personale adatta allo sviluppo critico dell argomento proposto - le informazioni sono ampie, corrette e precise ORGANIZZAZONE Il testo è ben organizzato: - ha un articolazione chiara ed ordinata - c è equilibrio tra le parti - c è continuità tra le parti - è suddiviso in paragrafi STILE CORRETTEZZA OSSERVAZIONI Le scelte lessicali e sintattiche sono appropriate ed efficaci, ovvero il testo 1.2- è dotato di: proprietà e ricchezza del lessico anche specifico - sintassi scorrevole e chiara - registro adeguato alla situazione comunicativa - aderenza alla convenzioni testuali del genere Il testo è corretto ovvero presenta: - correttezza ortografica - correttezza morfosintattica - punteggiatura appropriata TOTALE Legenda del punteggio : gravemente insufficiente; : insufficiente; 2: sufficiente; : buono; 2.7-3: distinto-ottimo

9 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA TIPOLOGIA D INDICATORI DESCRITTORI PUNTI ADEGUATEZZA Il testo risponde alla richiesta ovvero: Il testo è completo e aderente alle richieste della traccia - Il testo è argomentativo CONTENUTO Il testo ha un contenuto pertinente, coerente e significativo, ovvero: - non contiene parti fuori tema - contiene una rielaborazione ed una interpretazione personale - le informazioni sono ampie, corrette e precise ORGANIZZAZONE Il testo è ben organizzato: - ha un articolazione chiara ed ordinata - c è equilibrio tra le parti - c è continuità tra le parti - è suddiviso in paragrafi STILE Le scelte lessicali e sintattiche sono appropriate ed efficaci, ovvero il testo è dotato di: - proprietà e ricchezza del lessico anche specifico - sintassi scorrevole e chiara - registro adeguato alla situazione comunicativa - aderenza alla convenzioni testuali del genere CORRETTEZZA OSSERVAZIONI Il testo è corretto ovvero presenta: - correttezza ortografica - correttezza morfosintattica - punteggiatura appropriata Legenda del punteggio : gravemente insufficiente; : insufficiente; 2: sufficiente; : buono; 2.7-3: distinto-ottimo. 9

10 4.2.3 Griglie di valutazione della seconda prova scritta ESAME DI STATO 2014/15 GRIGLIA DI VALUTAZIONE - SECONDA PROVA - CANDIDATO..SEZIONE.. OBIETTIVI DESCRITTORI GIUDIZIO PUNTI MAX corretta, completa, approfondita, rielaborata ottimo Conoscenze: contenuti disciplinari Competenze: si intendono le specifiche competenze di base disciplinare Abilità: capacità di applicare conoscenze e risolvere problemi complete non puntualmente approfondite buono complete, non del tutto approfondite/rielaborate, con lievi imprecisioni, qualche errore non grave sostanzialmente completa e chiara ma non sempre rielaborata, qualche errore superficiale, frammentaria, imprecisa, non sempre completa, diversi errori gravi scorretta, diversi errori gravi, molto lacunosa anche nel linguaggio tecnico-economico specifico scarsa, scorretta, confusa presentazione organica, precisa, autonoma, articolata e curata con linguaggio specifico adeguatamente appropriato presentazione chiara, corretta, ampiamente argomentata, qualche imperfezione terminologica presentazione chiara, sufficientemente argomentata, con qualche imprecisione, qualche errore non grave sostanzialmente corretta con qualche errore non grave nelle competenze specifiche, semplice ed essenziale parziale, e poco organica, meccanica, imprecisa e/o incompleta, errori gravi nelle competenze specifiche disorganica, scorretta con numerosi e gravi errori nelle competenze tecnico-economiche e terminologiche specifiche difficoltosa e confusa, con numerosi e gravissimi errori nelle competenze tecnico-economiche e terminologiche specifiche presentazione organica e complessa, svolgimento approfondito e autonomo, analisi dettagliata, ricca di collegamenti articolazione ampia, corretta, scorrevole, strutturata e puntuale, lessico abbastanza vario quasi sempre appropriato adeguata, coerente nei punti essenziali, qualche collegamento con qualche incertezza sostanzialmente corretta, essenziale, semplice e schematica, pochi collegamenti parziale, superficiale, imprecisa, scarno e ripetitivo, analisi non sempre adeguata svolgimento scarno e confuso, spesso incomprensibile, mancanza di analisi e rielaborazione, non sa individuare i concetti chiave ed inserirli in un quadro logico difficoltosa, scorretta, assente, incomprensibile discreto sufficiente 10 insufficiente 9-7 gravemente 4 6,5 insufficiente assolutamente 1-3 insufficiente ottimo buono discreto sufficiente 10 insufficiente 9-7 gravemente insufficiente assolutamente insufficiente ,5 ottimo buono discreto sufficiente 10 insufficiente 9-7 gravemente insufficiente assolutamente insufficiente 4 6,5 1-3 PUNTEGGIO REALIZZATO Il Presidente 10 PUNTI TOTALE 45 VOTO FINALE 45/3 I Commissari

11 4.2.4 Griglie di valutazione della terza prova scritta I.I.S. Marie Curie Anno Scolastico Classe 5^_A_ Diritto e relazioni internazionali_ Griglia di valutazione terza prova scritta Candidata/o Data ADERENZA ALLE CONSEGNE CONOSCENZE DEI CONTENUTI SPECIFICI 1-5 gravemente insufficiente 6-9 insufficiente 10 sufficiente discreto buono 15 ottimo Non aderisce, se Aderisce solo Aderisce alla Aderisce alla Ha capito la Ha capito in non in misura parzialmente alla consegna nelle consegna nei consegna e profondità la minima, alla consegna linee essenziali termini sviluppa la consegna e sviluppa consegna strettamente richiesti risposta rispettando pienamente la risposta anche in modo personale le richieste Non conosce Conosce minimamente i concetti concetti fondamentali fondamentali modo frammentario parziale i Conosce contenuti in essenziali o i Conosce contenuti modo abbastanza ampio i Possiede Possiede in conoscenze precise conoscenze e sicure rigorose approfondite Non evidenzia Presenta carenze Applica in modo Applica le Applica procedure Applica procedure CAPACITA DI capacità di di rilievo nella semplice le conoscenze in e concetti richiesti e concetti richiesti UTILIZZARE E applicazione applicazione conoscenze modo adeguato in modo puntuale e in modo puntuale e COLLEGARE seguendo schemi e nelle loro corretto corretto, elaborando LE standard linee essenziali strategie risolutive CONOSCENZE efficaci CAPACITA ESPOSITIVE CAPACITA LOGICHE Non conosce i Non utilizza un Espone in modo Espone in Espone in modo Padroneggia il termini specifici linguaggio complessivamente modo corretto e corretto e fluido ed linguaggio ed espone in specifico ed corretto ed usa ha una ha una buona specifico, espone in modo confuso e espone in modo adeguatamente i conoscenza conoscenza del modo corretto, scorretto frammentario ed termini chiave sicura del linguaggio fluido e personale incerto linguaggio specifico specifico Organizza le Organizza la Organizza la Sviluppa con Organizza la Organizza la risposte in modo risoluzione e risoluzione con ordine i risoluzione e risoluzione e contraddittorio e sostiene adeguato controllo contenuti, sostiene sostiene disordinato l argomentazione dello svolgimento giustificando le l argomentazione l argomentazione in incorrendo spesso e sostiene applicazioni in modo ordinato modo ordinato sotto in contraddizioni l argomentazione con commenti; sotto il profilo il profilo logico in modo propone logico sviluppa i sviluppa i contenuti sostanzialmente conclusioni contenuti in modo in modo organico e coerente alle coerenti organico e approfondito, è richieste abbastanza approfondito, sempre coerente ed efficace nell analisi giustifica sempre e nella sintesi le affermazioni portando elementi probanti e Punti 11

12 GRIGLIA DI VALUTAZIONE III PROVA LINGUE STRANIERE Voto / Giudizio A Contenuti // Pertinenza 1 3 Nulli / non corretti // assolutamente insufficiente Non pertinenti 4 6 gravemente insufficiente 7 9 insufficiente 10 sufficiente discreto buono 15 ottimo Non corretti / molto lacunosi // poco pertinenti Non sempre corretti / lacunosi // Parzialmente pertinenti B C Forma // Lessico // Rielaborazione Correttezza dei testi grammaticale e sintattica Incomprensibile Numerosi gravissimi errori Confusa / molto scarna / spesso Numerosi gravi errori incomprensibile //Lessico errato / molto scarno // interamente ripreso dai testi Non sempre chiara / scarna // Lessico Errori diffusi, alcuni poco appropriato / ripetitivo // gravi, sintassi poco spesso ripreso dai testi adeguata Quasi sempre corretti / essenziali Elementare, comprensibile // Alcuni errori, qualche // abbastanza pertinenti Lessico comune e non sempre errore grave appropriato // riprende in parte i testi Complessivamente corretti ed Chiara,abbastanza scorrevole // Complessivamente adeguati, con qualche Qualche errore / imprecisione corretto con qualche collegamento personale // pertinenti lessicale // rielabora con qualche errore interferenza dai testi Corretti, esaustivi, completi, con Chiara, scorrevole, strutturata // Complessivamente collegamenti personali // Lessico abbastanza vario e quasi corretto pertinenti sempre appropriato // rare interferenze coi testi Corretti, ampi, con approfonditi Chiara, efficace // lessico vario e Corretto e adeguato collegamenti personali // appropriato // apprezzabile pertinenti rielaborazione dei testi 12

13 4.2.5 Griglie di valutazione della prova di colloquio Griglia di valutazione del colloquio, classe V^A Prima parte del colloquio, riservata allo studente 1-10 gravemente insufficiente L argomento è trattato in maniera disorganica e non approfondita, il linguaggio non è pertinente insufficiente L argomento presentato è trattato superficialmente e con diverse incertezze anche linguistiche e specifiche 20 sufficiente L argomento presentato è completo ed organico, con competenze accettabili linguistiche e specifiche Più che sufficiente L argomento presentato è completo e organico pur senza particolari approfondimenti, con accettabili competenze linguistiche e specifiche discreto L argomento presentato risulta discretamente completo e organico, con competenze linguistiche e specifiche Seconda parte del colloquio, riservata alla commissione buono L argomento presentato è completo, organico e generalmente approfondito, con buone competenze linguistiche e specifiche ottimo L argomento presentato è completo, organico e generalmente approfondito, con ottime competenze linguistiche e specifiche 30 eccellente L argomento presentato è eccellente sia dal punto di vista dell organicità, della completezza e dell approfondimento e con corrispondenti competenze linguistiche e specifiche 1-10 gravemente insufficiente Il candidato non sa collegare in maniera autonoma le conoscenze in risposta alle proposte della commissione con gravi errori anche nelle competenze linguistiche e specifiche insufficiente Il candidato non sa collegare in maniera autonoma le conoscenze in risposta alle proposte della commissione con errori anche nelle competenze linguistiche e specifiche Discussione degli elaborati 20 sufficiente Il candidato sa collegare, pur con qualche incertezza, le conoscenze in risposta alle proposte della commissione, con competenze accettabili linguistiche e specifiche Più che sufficiente Il candidato sa collegare, pur senza particolari approfondimenti, le conoscenze in risposta alle proposte della commissione, con competenze accettabili linguistiche e specifiche discreto Il candidato sa collegare con discrete capacità le conoscenze in risposta alle proposte della commissione, con competenze linguistiche e specifiche buono Il candidato sa collegare con buone capacità le conoscenze in risposta alle proposte della commissione, con buone competenze linguistiche e specifiche ottimo Il candidato sa collegare autonomamente, con sicurezza e chiarezza le conoscenze in risposta alle proposte della commissione, con ottime competenze linguistiche e specifiche 30 eccellente Il candidato sa collegare autonomamente, con sicurezza, chiarezza e ricchezza le conoscenze in risposta alle proposte della commissione, con eccellenti competenze linguistiche e specifiche 1-10 gravemente insufficiente Il candidato non comprende le osservazioni della commissione e non corregge gli errori insufficiente Il candidato dimostra incertezze nel comprendere le osservazioni della commissione anche se guidato 20 sufficiente Il candidato riesce a comprendere le osservazioni della commissione pur senza aggiungere alcunché di significativo Più che sufficiente Il candidato riesce autonomamente a comprendere le osservazioni della commissione senza aggiungere alcunché di significativo discreto Il candidato riesce autonomamente a comprendere le osservazioni della commissione e riesce in parte ad aggiungere elementi significativi buono Il candidato riesce autonomamente a comprendere le osservazioni della commissione e chiarisce ulteriormente il lavoro ottimo Il candidato riesce a comprendere autonomamente le osservazioni della commissione e arricchisce ulteriormente il compito 30 eccellente Il candidato riesce a comprendere autonomamente le osservazioni della commissione e arricchisce con originali osservazioni il contenuto del compito 13

14 5. CRITERI DI ATTRIBUZIONE DEI CREDITI FORMATIVI Il credito scolastico comprende eventuali CREDITI FORMATIVI che, a norma della Legge istitutiva del nuovo esame di stato (L. 425/97, art. 15 comma 4), del Regolamento attuativo (D.P.R. 323 /98, art. 12) e dei DD.MM. n 38/99 e n 49/2000, per essere valutati come tali devono rispondere a precisi requisiti che si possono in sintesi configurare come esperienze esterne alla scuola, qualificate e coerenti con il corso di studi. La valutazione dei crediti formativi spetta ai singoli Consigli di classe che tuttavia, per garantire omogeneità di giudizio, prendono in considerazione le attività di seguito riportate. Attività culturali, artistiche e ricreative: corsi completi di lingua italiana o straniera presso scuole italiane o estere certificazioni nelle lingue straniere adesione e partecipazione a progetti europei iscrizione e frequenza a corsi di musica o canto presso il Conservatorio o Scuole di musica istituzionalmente riconosciute. iscrizione e frequenza a corsi di educazione artistica presso le Accademie. iscrizione e frequenza a corsi di danza presso scuole qualificate partecipazione a conferenze e incontri culturali che richiedono una frequenza continuativa e che siano organizzati da enti riconosciuti partecipazione al progetto Tandem. conseguimento certificazione ECDL (Patentino Informatico) Attività di formazione professionale: stages corsi di formazione professionale organizzate da istituzioni pubbliche o private progetto Itinera Attività rivolte alla collaborazione, alla solidarietà, al volontariato, all assistenza, alla tutela ambientale, archeologica ed artistica presso associazioni riconosciute che prevedono un impegno effettivo e svolto in modo continuativo (pertanto non è sufficiente la semplice iscrizione ad un ente o ad un associazione). Attività sportive: attività agonistica che prevede un impegno continuativo nell ambito di enti di promozione sportiva riconosciuti (CONI, CSI, UISP). Va precisato che (D.M. n 49/2000, art. 1 comma 2) la partecipazione ad iniziative complementari ed integrative non dà luogo all acquisizione di crediti formativi, ma rientra tra le esperienze acquisite all interno della scuola di appartenenza, che concorrono alla definizione del credito scolastico È doveroso infine sottolineare che alla determinazione del credito scolastico concorrono oltre ai già citati crediti formativi ed alle iniziative complementari e integrative organizzate nella scuola come per esempio la disponibilità all accoglienza di studenti e famiglie durante le giornate di SCUOLA APERTA nell ambito nell ambito dell Orientamento in entrata.si sono anche considerate la frequenza scolastica, l interesse, l impegno e la partecipazione al dialogo educativo. 6. ATTIVITA INTEGRATIVE Tutti gli alunni hanno arricchito il proprio percorso scolastico individuale e la propria formazione aderendo alle molteplici proposte extracurricolari che contraddistinguono la nostra Scuola. Tra le varie attività hanno riscontrato molto successo i viaggi studio all estero, effettuati nel mese di settembre di ogni anno scolastico, a partire dalla seconda classe con meta il Regno Unito, la Spagna e la Germania. Quasi tutti gli alunni hanno conseguito, inoltre, le certificazioni linguistiche B1 e B2 in lingua inglese; alcuni di essi hanno aderito allo scambio culturale con una scuola danese, hanno partecipato al progetto "Move for the future" e, per completare il percorso CLIL, tutti hanno assistito a due lezioni conferenza in inglese sul contratto d agenzia, di distribuzione, trasporto e spedizione e relativi adempimenti doganali. 14

15 La classe è stata coinvolta nel progetto "Educazione alla legalità economica" organizzato dalla Guardia di Finanza di Verona. Hanno assistito alla presentazione dell offerta formativa dell Istituto Tecnico Superiore dei Trasporti e dell Intermodalità in relazione alle figure professionali che rispondono alla domanda proveniente dal mondo del lavoro del settore dei trasporti e del settore logistico. Inoltre hanno partecipato a una lezione sul marketing tenuta da un docente universitario. Alcuni sosterranno il test per conseguire la certificazione in lingua spagnola (B2). Per quanto riguarda le competenze informatiche tutti gli alunni hanno conseguito la certificazione ECDL CORE e alcuni anche l ECDL ADVANCED. A partire dalla classe terza alcuni studenti hanno aderito al progetto di Alternanza Scuola Lavoro, che prevede una formazione extracurricolare sulle norme relative a sicurezza e privacy e uno stage di due o tre settimane presso aziende pubbliche o private della provincia di Verona di diversi settori produttivi. Inoltre nel corso dell anno scolastico e all interno del triennio la classe ha partecipato ad altre attività: incontri sull orientamento in uscita organizzati dal nostro Istituto in collaborazione con il COSP. master in vari ambiti: vendite e marketing, internazionalizzazione, banca e finanza, gestione delle risorse umane. Viaggio di istruzione in Slovenia e Dalmazia. uscite didattiche al Job Orienta, al Vittoriale di Gardone Riviera, EXPO, prevista per il 26 Maggio. 7. AREA DI PROGETTO Per questo tipo di corso di studi non è prevista l area di progetto. 8. Nome e cognome dei docenti della classe CONSIGLIO DI CLASSE DIRIGENTE SCOLASTICO LUIGI GIUSEPPE PIZZIGHELLA LINGUA E LETTE ITALIANA FRANCESCA FERRO ( dalla terza) STORIA FRANCESCA FERRO ( dalla terza) INGLESE 1^ LINGUA STRANIERA ANTONELLA MANTOVANI ( dalla terza) TEDESCO 2^LINGUA STRANIERA ANTONELLA DAL FORNO ( dalla quinta ) SPAGNOLO 3^ LINGUA STRANIERA DONATO GIRI ( dalla quarta) MATEMATICA ZANATTA MARINA ( dalla terza) DIRITTO BOTTARO GIULIANO ( dalla terza) RELAZIONI INTERNAZIONALI BOTTARO GIULIANO ( dalla terza) ECONOMIA AZIEN E GEO TONINI ADRIANA ( dalla terza) EDUCAZIONE FISICA BERTOLAZZI VITTORIO ( dalla terza) RELIGIONE BONATO LORENZO ( dalla quarta) RAPPRESENTANTI STUDENTI KONI ARMELA PERETTI MARTINA 15

16 Relazione finale docente classi quinte Classe: 5AB Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING OPZIONE RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Materia: diritto ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Docente: BOTTARO GIULIANO 1. PROFILO SINTETICO DELLA CLASSE Conosco e seguo la classe con continuità didattica dal primo anno. Gli studenti hanno evidenziato durante tutto il quinquennio, ma specialmente nell ultimo anno, un discreto grado di partecipazione all attività didattica, spirito collaborativo, puntualità e correttezza in tutte le attività curriculari ed extra curriculari, sviluppando un metodo di studio adeguato e acquisendo il linguaggio tecnico della materia. I risultati raggiunti si possono ritenere positivi per tutti gli studenti.non sono mancate le difficoltà, vista la complessità della materia, ma impegno e interesse non sono mai venuti meno.un gruppo di studentesse ha conseguito, in termini di conoscenze e competenze, dei risultati ottimi. Gli studenti hanno affrontato in inglese ( CLIL ) alcuni specifici argomenti :trasporto e spedizione con le relative operazioni doganali e le barriere legate alla internazionalizzazione delle imprese. 2. IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE CURRICOLARI SONO STATI CONSEGUITI I SEGUENTI OBIETTIVI Gli studenti hanno raggiunto, ognuno per livelli specifici, gli obiettivi, in ternini di conoscenze, competenze e abilità di seguito indicati analiticamente. Nel complesso gli studenti hanno partecipato attivamente alle lezioni,dimostrato un discreto senso di responsabilità nei confronti degli impegni scolastici e del lavoro domestico, adeguata partecipazione alle sollecitazioni proposte nell ambito dell attività didattica, affinato un metodo di studio pertinente e sviluppato capacità di analisi e di sintesi, unitamente al un linguaggio tecnico specifico, relativo ai contenuti proposti. 2.1 Conoscenze Dimensione internazionale e sovranazionale e disciplina mondiale del commercio. Normativa a tutela dei consumatori. Ruolo della Corte internazionale di giustizia nella risoluzione di controversie in ambito contrattuale. Arbitrato commerciale internazionale. 2.2 Competenze e capacita 16

17 Utilizzare e applicare la normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con specifico riferimento ai contratti delle imprese commerciali. Comprendere e individuare la normativa applicabile per la risoluzione di controversie commerciali caratterizzate da elementi di internazionalità. Reperire ed interpretare le norme nazionali ed internazionali utili alla tutela del consumatore. esaminare sentenze emesse dalla Corte Internazionale di giustizia. Individuare gli stumenti e le possibili soluzioni alle controversie internazionali in ambito commerciale. 3. CONTENUTI DISCIPLINARI ESPRESSI PER UNITA DIDATTICHE, MODULI, PERCORSI O ARGOMENTI TRATTATI CON I RISPETTIVI TEMPI DI REALIZZAZIONE(PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO E TEMPI DI ATTUAZIONE) Il diritto commerciale internazionale: i soggetti e le fonti; settembre/ottobre. I contratti commerciali internazionali:i contratti di collaborazione interaziendale, la compravendita internazionale; trasporto e spedizione, agenzia, distibuzione( CLIL ); franchising, join venture; novembre/dicembre/gennaio. Le controversie internazionali: i tribunali internazionali, la Corte Internazionale di Giustizia, La Corte Europea di Giustizia, l arbitrato commerciale internazionale; febbraio. La normativa a tutela dei consumatori: i diritti dei consumatori, i contratti del consumatore (credito al consumo, contratti a distanza, fuori dei locali commerciali, il commercio elettronico, i contratti turistici) la tutela del consumatore; marzo/aprile. Ripasso del programma; aprile/maggio. 4. METODOLOGIE E EVENTUALI MODALITA DI SUPPORTO ALLE SITUAZIONI DI DIFFICOLTA Le metodologie di insegnamento utilizzate hanno avuto come riferimento: la lezione frontale; la lezione dialogata; il lavoro cooperativo e di gruppo; il metodo del problem solving; la ricerca guidata. Nel corso dell anno scolastico si sono svolte attività curriculari di sostegno e recupero agli alunni in difficoltà. 5. MATERIALI DIDATTICI Libro di testo:edizioni Tramontana-Capiluppi/D Amelio/Nazzaro-Diritto Azienda Mondo 3, Corso di diritto per l articolazione Relazioni internazionali per il marketing. 6. TIPOLOGIE DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Verifiche orali; Verifiche scritte; Relazioni scritte; Prove strutturate; Simulazioni terza prova (tipologia B). 17

18 7. EVENTUALI ALTRI ASPETTI RELATIVI ALLA DISCIPLINA CHE SI RITIENE UTILE COMUNICARE AL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE D ESAME 18

19 Relazione finale docente classi quinte Classe: 5AB Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING OPZIONE RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Materia: relazioni internazionali Docente: BOTTARO GIULIANO ANNO SCOLASTICO 2014/ PROFILO SINTETICO DELLA CLASSE Conosco e seguo la classe con continuità didattica dal primo anno. Gli studenti hanno evidenziato durante tutto il quinquennio, ma specialmente nell ultimo anno, un discreto grado di partecipazione all attività didattica, spirito collaborativo, puntualità e correttezza in tutte le attività curriculari ed extra curriculari, sviluppando un metodo di studio adeguato e acquisendo il linguaggio tecnico della materia. I risultati raggiunti si possono ritenere positivi per tutti gli studenti.non sono mancate le difficoltà, vista la complessità della materia, ma impegno e interesse non sono mai venuti meno.un gruppo di studentesse ha conseguito, in termini di conoscenze e competenze, dei risultati ottimi. 2. IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE CURRICOLARI SONO STATI CONSEGUITI I SEGUENTI OBIETTIVI Gli studenti hanno raggiunto, ognuno per livelli specifici, gli obiettivi, in ternini di conoscenze, competenze e abilità di seguito indicati analiticamente. Nel complesso gli studenti hanno partecipato attivamente alle lezioni,dimostrato un discreto senso di responsabilità nei confronti degli impegni scolastici e del lavoro domestico, adeguata partecipazione alle sollecitazioni proposte nell ambito dell attività didattica, affinato un metodo di studio pertinente e sviluppato capacità di analisi e di sintesi, unitamente al un linguaggio tecnico specifico, relativo ai contenuti proposti. 2.1 Conoscenze Strumenti e funzioni di politica economica. Fattori chiave per la definizione della struttura economica nazionale/internazionale. Politica finanziaria e tributaria. 2.2 Competenze e capacita Riconoscere e interpretare il ruolo del soggetto pubblico nel sistema economico. Cogliere gli effetti della politica fiscale distinguendo i vari tipi di spesa e i vari tipi di entrata con i loro effetti. 19

20 Distinguere i diversi tipi di imposte con i loro effetti. Sapere interpretare i principali documenti della manovre finanziaria. Riconoscere ed interpretare il sistema tributario italiano: le principali imposte dirette ed indirette. Orientarsi tra i principali tributi locali. 3. CONTENUTI DISCIPLINARI ESPRESSI PER UNITA DIDATTICHE, MODULI, PERCORSI O ARGOMENTI TRATTATI CON I RISPETTIVI TEMPI DI REALIZZAZIONE(PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO E TEMPI DI ATTUAZIONE) L attività economica pubblica: il soggetto economico pubblico e le specifiche funzioni; settembre/ottobre/novembre. La regolamentazione del mercato,in particolare i beni pubblici e le imprese pubbliche; la politica economica, obiettivi e tipi, la politica economica internazionale; dicembre. La politica fiscale: spesa pubblica, spesa sociale, le entrate pubbliche e in particolare le imposte,la politica del bilancio; gennaio/febbraio/marzo. Il sistema tributario italiano: irpef-ires e tassazione del reddito d impresa-imposte indirette ed iva-le imposte locali; aprile/maggio. 4. METODOLOGIE E EVENTUALI MODALITA DI SUPPORTO ALLE SITUAZIONI DI DIFFICOLTA Le metodologie di insegnamento utilizzate hanno avuto come riferimento: la lezione frontale; la lezione dialogata; il lavoro cooperativo e di gruppo; il metodo del problem solving; la ricerca guidata. Nel corso dell anno scolastico si sono svolte attività curriculari di sostegno e recupero agli alunni in difficoltà. 5. MATERIALI DIDATTICI Libro di testo:edizioni Tramontana-Crocetti, Cernesi- Economia Mondo 2, Corso di relazioni internazionali 6. TIPOLOGIE DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Verifiche orali; Verifiche scritte; Relazioni scritte; Prove strutturate; Simulazioni terza prova (tipologia B). 7. EVENTUALI ALTRI ASPETTI RELATIVI ALLA DISCIPLINA CHE SI RITIENE UTILE COMUNICARE AL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE D ESAME 20

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli